IL SISTEMA DI CONTROLLO DEL COLLEGIO SINDACALE E DELLE SOCIETA' DI REVISIONE Università degli studi di Milano Bicocca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA DI CONTROLLO DEL COLLEGIO SINDACALE E DELLE SOCIETA' DI REVISIONE Università degli studi di Milano Bicocca"

Transcript

1 IL SISTEMA DI CONTROLLO DEL COLLEGIO SINDACALE E DELLE SOCIETA' DI REVISIONE Università degli studi di Milano Bicocca Prof. Daniele Bernardi A.a Vigilanza sui principi di corretta amministrazione: etica della remunerazione Art Codice civile Chi determina i compensi L assemblea ordinaria determina il compenso degli amministratori e sindaci se non stabilito dallo statuto. Art C.c. I compensi ai membri del consiglio di amministrazione I comma e del comitato esecuavo sono stabilia all della nomina o dall assemblea. II comma Essi possono essere cosatuia in o in parte da partecipazioni agli uali o dall del di a prezzo predeterminato azioni di futura emissione. III Comma La remunerazione di amministratori invesaa di paracolari cariche in conformità allo statuto è stabilita dal consiglio di amministrazione senato il parere del collegio sindacale. Se lo statuto lo prevede, l assemblea può determinare un importo complessivo per la remunerazione di tuj gli amministratori, inclusi quelli invesaa di paracolari cariche. 1

2 Art bis Codice civile Chi determina i compensi Nelle società ove è previsto il consiglio di sorveglianza l assemblea ordinaria (1) determina il compenso ad essi se non è stabilito dallo statuto Art terdecies Il consiglio di sorveglianza: C.c. a) Nomina e revoca i componena del consiglio di gesaone; ne determina il compenso salvo che la relaava competenza sia all assemblea; noviesdecis Nel sistema monisaco Richiama l art Tipologia dei compensi e teorie sulla loro determinazione Di determinazione assembleare Fissi Variabili In funzione dei risultaa o degli obiejvi anche forma di partecipazioni agli uali Variabili forma di partecipazione al capitale (Stock OpAon, piani partecipaavi, ecc ) in funzione dei risultaa o degli obiejvi Trasparenza del piano di remunerazione, restano nella sfera di discrezionalità dei soci, gli organi di vigilanza hanno (forse giustamente), scarsa possibilità di influenzare il processo CRITICITA PER VARIABILI: gli obiejvi e i risultaa devono essere di Medio- Lungo termine, trasparena (chiaramente ed oggejvamente individuaa), per evitare l assunzione di eccessivi rischi per l impresa o distorsivi nel breve termine 2

3 Tipologia dei compensi e teorie sulla loro determinazione Di determinazione interna (per speciali cariche) 2389 C.c., terzo comma Fissi Variabili In funzione dei risultaa o degli obiejvi anche forma di partecipazioni agli uali Variabili forma di partecipazione al capitale (Stock OpAon, piani partecipaavi, ecc ) in funzione dei risultaa o degli obiejvi Minore trasparenza del piano di remunerazione, sono al vaglio assembleare in seconda gli organi di vigilanza hanno maggiore possibilità di influenzare il processo CRITICITA PER VARIABILI: gli obiejvi e i risultaa devono essere di Medio- Lungo termine, trasparena (chiaramente ed oggejvamente individuaa e comunicaa), per evitare l assunzione di eccessivi rischi per l impresa o distorsivi nel breve termine Piani di incenavazione, variabili e partecipazioni al capitale: le teorie che influenzano ojmale i principi ObieJvi: di amministrazione (Op0mal contrac0ng 1)Allineamento degli interessi tra chi amministra e la theory) proprietà, 2)Incoraggiare la creazione del valore (nel MLT), e fidelizzare persone altamente qualificate, 4)Favorire l idenaficazione con l azienda. In sintesi perseguimento di Efficienza ed efficacia Rendita (rent- extrac0on theory) Deriva dall esercizio del potere degli amministratori per usufruire di una rendita di posizione ossia di un valore in eccesso alla contra:azione o<male, con di ricchezza a scapito degli azionisa 3

4 Il contesto Italiano ed internazionale: sintesi dei daa raccola. Fonte: A.Melis, S.Carta, S.Gaia, Università di Cagliari, Facoltà di Economia e Roma Tre Board remunera0on in blockholder- dominated firms. Why do italian firms use stock op0ons? Assegnazione di stock option in Italia, imprese quotate non finanziarie rent- extraction theory (115 casi su 163 esaminati), 70,55% Optimal contracting theory (40 casi su 163 esaminati), 24,65% Area grigia di non certa attribuzione Il contesto internazionale (USA): sintesi dei daa raccola. The Wall Street Journal Survey of CEO CompensaIon (EstraKo) The Wall Street Journal CEO CompensaIon Study was conducted by Hay Group, a management- consuling firm. The study analyzes CEO pay from the first 200 U. S. companies with fiscal year 2008 revenue of at least $5 billion that filed their proxy statements between October 2008 and March It will be updated as companies file new proxies. Survey Methodology & Terms DefiniIons Footnotes. Fonte HAY GROUP, 2 aprile 2009 (ripreso da Il sole 24 Ore). DaA di sintesi (rielaborazione dei relatori impora in USD/000): Compenso fisso annuale Compensi variabili (incentivi) Stock Option (grants) Restricted stock grants Totale compensi , , , , ,1 In USD thousand 14,58% 21,32% 44,99% 19,12% 100,00% Le stock Op sono il 64,11% del totale, i variabili il 85,42% ,42% DEL TOTALE COMPENSI ,11% DEL TOTALE COMPENSI- Variabili Stock option 4

5 Il contesto internazionale (USA): sintesi dei daa raccola. The Wall Street Journal Survey of CEO Compensation (Estratto) Dati di sintesi (rielaborazione dei relatori importi in USD/000): Il monte compensi e premi dei chief executive officer (Ceo) di 200 grandi società statunitensi (con ricavi annui superiori ai 5 miliardi di dollari) hanno accusato un calo dell'8,5% a 2,24 milioni di dollari. Tenendo conto di pacchetti di azioni, stock option e altri incentivi a lungo termine i compensi totali sono scesi del 3,4% a una media di 7,56 milioni. E mentre lo stipendio medio è cresciuto del 4,5%, i bonus hanno subito un calo del 10,9% come conseguenza di un decremento dei profitti del 5,8 per cento. Si tratta della prima diminuzione negli ultimi sette anni e del secondo da quando il Wsj ha iniziato a monitorare le buste paga dei Ceo, nel Molto più pesante nel settore più colpito dalla crisi, e che ne è stato anche il fulcro, ovvero banche commerciali e d'investimenti, che un tempo - ricorda il quotidiano finanziario americano - staccavano gli assegni di gran lunga più consistenti. Così i compensi diretti inclusivi di azioni, stock option e incentivi, sono calati del 14,2% a una media di 7,6 milioni. Ben più consistente il crollo dei compensi cash per i Ceo dell'industria finanziaria: -43% a 976 mila dollari. EffeJ distorsivi in Italia (daa 2008) 1. L analisi empirica di 163 assegnazioni di stock opion aveni come beneficiari consiglieri di amministrazione di imprese italiane non finanziarie quotate ha evidenziato come in Italia l uilizzo di tali strumeni non possa essere spiegato sulla base di logiche di contra'azione o,male, ossia di perseguimento di efficienza ed efficacia, 2. La rent- extrac1on theory sembra, invece, fornire una spiegazione che meglio rappresenta la realtà delle imprese esaminate dallo studio citato, tuke carakerizzate dalla presenza di un azionista di riferimento. 3. L distorsivo è marcato: L uso di stock opion quale strumento di incenivazione appare, dallo studio, funzionale al soddisfacimento degli interessi dell azionista di riferimento. L ipotesi formulata nello studio che le assegnazioni spiegabili dalla contra:azione o<male siano state più frequentemente approvate dall assemblea dei soci a quelle spiegabili dalla rent- extrac0on theory non è stata confermata dall analisi. 5

6 EffeJ distorsivi in Italia (daa 2008) 4. Questo perché, nel contesto domesico, il beneficiario dell assegnazione spesso coincide (direkamente o per il tramite di famigliari) con il soggeko economico che controllo l impresa o comunque ha un influenza dominante sull assemblea ( in grado di controllare direkamente e tramite la catena di controllo una frazione di capitale almeno pari al 10% dei dirih di voto) con poche ma significaive eccezioni (Nota *). 5. Ne deriva il pericolo che l azionista di riferimento che ricopre incarichi operaivi e che è assegnatario dei benefici possa esercitare il proprio potere per akribuirsi extra ricchezza a scapito delle minoranze, (Nota*) Geox, BeneKon Group,Prysmian tra i casi di Op1mal contrac1ng theory Principi di amministrazione: il ruolo degli organi di vigilanza e della governance Le assegnazioni di stock opion che soddisfano i requisii della contra'azione o,male si carakerizzano per essere state approvate più di frequente mediante un buon sistema di governance coerente con la presenza dei segueni fakori: presenza di amministratori indipendeni; un presidente privo di deleghe esecuive; amministratori nominai dalle minoranze e meccanismi che diano alle minoranze la possibilità di nominarli (cosiddeko voto di lista); un comitato per la remunerazione adeguato, in quanto La presenza di un adeguato numero di amministratori indipendeni e di un Presidente non esecuivo può limitare il potere del soggeko economico beneficiario del piano che esprime il controllo dell impresa, La presenza di amministratori nominai dalle minoranze permeke una maggiore tutela degli interessi degli azionisi, Il comitato per la remunerazione è considerato adeguato quando in linea con il codice di autodisciplina e i cui membri non sono beneficiari dei variabili. 6

7 I rimedi. Principi di amministrazione: il ruolo degli organi di vigilanza e della governance 1 di 3 Ma è necessario altresì che : a) I piani di incenivazione dovrebbero prevedere un periodo medio lungo durante il quale il diriko di opzione non può essere esercitato e devono essere soddisfake tuke le condizioni necessarie affinché il beneficiario possa, alla scadenza del periodo stesso, esercitare le opzioni ( periodo di ves0ng ), b) I piani di incenivazione dovrebbero prevedere un adeguato periodo durante il quale i beneficiari non possono cedere le azioni derivani dall esercizio delle stock opion ( Periodo di lock- up ), c) I piani di incenivazione dovrebbero limitare la possibilità di concedere significaivi benefici ai soggeh che sono anche espressione del soggeko economico che controlla l impresa o sono a quest ulimo strekamente collegai, d) I parametri economici e gli obiehvi da conseguire per accedere al beneficio dovrebbero essere sempre di medio lungo periodo, I rimedi. Principi di amministrazione: il ruolo degli organi di vigilanza e della governance 2 di 3 e) Al contempo, i sistemi retribuivi non devono essere in contrasto con le poliiche di prudente gesione del rischio e con le sue strategie di lungo periodo. f) In paricolare, le forme di retribuzione incenivante, basate su strumeni finanziari (es. stock op1on) o collegate alla performance aziendale, devono essere parametrate al rischio e strukurate in modo da evitare il prodursi di incenivi in confliko con l interesse della società in un'ohca di lungo periodo. 7

8 I rimedi. Principi di amministrazione: il ruolo degli organi di vigilanza e della governance 3 di 3 g) l assemblea ordinaria, oltre a stabilire i compensi spekani agli organi dalla stessa nominai, approva: (i) le poliiche di remunerazione a favore dei consiglieri di amministrazione e di gesione, (ii) i piani basai su strumeni finanziari (es.stock opion).dall approvazione delle poliiche e dei piani deve risultare la coerenza degli stessi alla prudente gesaone del rischio e alle strategie di lungo periodo, anche prevedendo un bilanciamento tra le componena fisse e quelle variabili della remunerazione e, con riguardo alle seconde, sistemi di ponderazione per il rischio e meccanismi vola ad assicurare il collegamento del compenso con risultaa effejvi e duraturi. All assemblea deve essere assicurata adeguata informaiva sull akuazione delle poliiche di remunerazione. (Nota) Nota :(puna e), f), g), da Banca D Italia, bollejno di vigilanza 3/2008, organizzazione e governo societario delle banche). I rimedi. Principi di amministrazione: E dunque, soko il profilo quanitaivo e dei parametri: 1) ( periodo di ves0ng ) dovrebbe essere superiore ai 36 mesi, 2) ( Periodo di lock- up ) dovrebbe essere sempre presente e sufficientemente lungo, 3)Presenza di un target di perfomance cui legare il beneficio, che idenafichi un rapporto tra saggio di sviluppo, reddiavità e contenimento del rischio. 8

9 Conclusioni 1. I rischi di degenerazione sono limitati da una buona governance, 2. Corretta informativa e trasparenza sono essenziali, 3. I benefici dovrebbero essere sempre di medio lungo periodo come di medio lungo periodo i parametri economici (obiettivi di target) cui sono collegati, 4. Massima attenzione al contenimento del rischio, 5. Gli organi di vigilanza dovrebbero vigilare con particolare attenzione su questi aspetti. Appendici metodologiche 1 di 3 (ANDREA MELIS, SILVIA CARTA E SILVIA GAIA LE STOCK OPTION COME STRUMENTO DI REMUNERAZIONE PER GLI AMMINISTRATORI NELLE IMPRESE NON FINANZIARIE QUOTATE, in corso di pubblicazione nel numero monografico dell'accademia Italiana di Economia aziendale per Il Mulino). Variabili Durata Periodo di vesang Periodo di lock- up Prezzo di esercizio Principali cara:eris0che delle assegnazioni di stock op0on Descrizione Intervallo temporale che comprende il periodo di vesing e il periodo di lock- up. Sono state Considerate, nello studio, assegnazioni di lungo periodo quelle la cui durata fosse uguale o superiore ai tre anni. Periodo durante il quale il diriko di opzione non può essere esercitato e devono essere soddisfake tuke le condizioni necessarie affinché il beneficiario possa, alla scadenza del periodo stesso, esercitare le opzioni. Periodo durante il quale i beneficiari non possono cedere le azioni derivani dall esercizio delle stock opion Prezzo al quale è possibile acquistare azioni della società, esercitando il diriko incorporato nelle stock opion. 9

10 Appendici metodologiche 2 di 3 (ANDREA MELIS, SILVIA CARTA E SILVIA GAIA LE STOCK OPTION COME STRUMENTO DI REMUNERAZIONE PER GLI AMMINISTRATORI NELLE IMPRESE NON FINANZIARIE QUOTATE, in corso di pubblicazione nel numero monografico dell'accademia Italiana di Economia aziendale per Il Mulino). Variabili Target di performance Beneficiari con una relazione forte con il economico Beneficiari con una relazione debole con il economico Principali cara:eris0che delle assegnazioni di stock op0on Descrizione Condizioni cui è subordinato l esercizio del diriko di opzione, quali il raggiungimento di predeterminai target di mercato (ad es. target legai al prezzo delle azioni) o di predeterminai target basai su valori contabili (Roi, Eva, ecc.). Beneficiari che fanno parte del soggeko economico o che hanno una forte legame con quest ulimo, ad esempio legami di streka parentela Beneficiari che non fanno parte del soggeko economico, ma possiedono una quota di capitale votante superiore al 2% e siedono nel CdA nominai dall azionista di riferimento. 10

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell art. 123-ter del D. Lgs. N. 58/98 ( TUF ) e dell Allegato 3A, schemi 7-bis e 7- ter della Delibera Consob 14 maggio 1999, n. 11971 e successive modificazioni

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE E I SUOI STAKEHOLDERS. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio

L ORGANIZZAZIONE E I SUOI STAKEHOLDERS. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio L ORGANIZZAZIONE E I SUOI STAKEHOLDERS Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio Organizzazione e stakeholders Le organizzazioni esistono grazie alla capacità di creare valore e produrre risultati accettabili

Dettagli

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE 2. 2.1 METODOLOGIA Il metodo di selezione delle aziende adottato per Executive Compensation è basato su un modello di campionamento strutturato in funzione di alcune caratteristiche proprie dell azienda.

Dettagli

Pontedera, 3 marzo 2009 (con integrazioni a seguito dell assegnazione di nuove Opzioni avvenuta in data 15 gennaio 2009)

Pontedera, 3 marzo 2009 (con integrazioni a seguito dell assegnazione di nuove Opzioni avvenuta in data 15 gennaio 2009) DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 7 MAGGIO 2007, REDATTO AI SENSI DELL ART. 84-BIS DEL REGOLAMENTO N. 11971 APPROVATO

Dettagli

Introduzione. di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni. Introduzione

Introduzione. di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni. Introduzione di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni Introduzione I compensi dei top manager costituiscono da tempo oggetto di dibattito da parte di addetti ai lavori e opinione pubblica, sia in Europa

Dettagli

* * * 1.1 Organi o soggetti coinvolti nella predisposizione, approvazione e corretta attuazione della politica delle remunerazioni

* * * 1.1 Organi o soggetti coinvolti nella predisposizione, approvazione e corretta attuazione della politica delle remunerazioni Relazione sulla Remunerazione (pubblicata ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. n. 58/1998 e successive modificazioni e redatta in conformità a quanto previsto dall art. 84-quater della delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 7 MAGGIO 2007, REDATTO AI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 7 MAGGIO 2007, REDATTO AI DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 7 MAGGIO 2007, REDATTO AI SENSI DELL ART. 84-BIS DEL REGOLAMENTO N. 11971 APPROVATO

Dettagli

RELAZIONE ALL ASSEMBLEA 26 APRILE 2012 SULLA REMUNERAZIONE DI CAD IT

RELAZIONE ALL ASSEMBLEA 26 APRILE 2012 SULLA REMUNERAZIONE DI CAD IT CAD IT S.p.A. Sede in Verona, Via Torricelli 44/a Capitale sociale di Euro 4.669.000,00 i.v. Partita IVA, Codice Fiscale ed Iscrizione presso il Registro delle Imprese di Verona n. 01992770238 * * * RELAZIONE

Dettagli

Documento Informativo relativo al piano di stock option 2008 a favore di dipendenti di società controllate estere

Documento Informativo relativo al piano di stock option 2008 a favore di dipendenti di società controllate estere Documento Informativo relativo al piano di stock option 2008 a favore di dipendenti di società controllate estere Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

IL 20.06.2014, SULLA

IL 20.06.2014, SULLA RELAZIONE ALL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONVOCATAA IL 19.06.2014 IN PRIMA CONVOCAZIONE ED, OCCORRENDO, IL 20.06.2014, SULLA REMUNERAZIONEE DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIRIGENTI CON RESPONSABILITA STRATEGICHE,

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell articolo 123-ter del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ed in conformità all Allegato 3A, schemi 7-bis e 7-ter, del regolamento CONSOB 14 maggio

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell articolo 123 ter del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ed in conformità all Allegato 3A, schemi 7 bis e 7 ter, del regolamento CONSOB 14 maggio

Dettagli

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno Caleffi S.p.A. Via Belfiore, 24-46019 Viadana (MN) Capitale Sociale Euro 6.500.000 interamente versato Registro Imprese Mantova n. 00154130207 C.F. e P.IVA IT 00154130207 Sito internet www.caleffionline.it

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI Per il quinto anno consecutivo OD&M - società di consulenza appartenente a Gi Group, specializzata nella realizzazione di indagini retributive

Dettagli

ESERCITAZIONE LEZIONE

ESERCITAZIONE LEZIONE Università degli Studi di Foggia Corso di Strategia e Organizzazione degli Intermediari Finanziari ESERCITAZIONE LEZIONE ANALISI DEI PIANI DI INCENTIVAZIONE DELLE BANCHE ITALIANE CORSO SOIF Prof. Stefano

Dettagli

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE 2. 2.1 METODOLOGIA Il metodo di selezione delle aziende adottato per Executive Compensation è basato su un modello di campionamento strutturato in funzione di alcune caratteristiche proprie dell azienda.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO PIQUADRO S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) REDATTO AI SENSI DELL ART. 84-BIS DEL REGOLAMENTO APPROVATO DALLA CONSOB CON DELIBERA N. 11971 DEL 14

Dettagli

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ QUOTATE ITALIANE ABSTRACT SERGIO CARBONARA Scopo e metodologia Lo studio sulle remunerazioni 2012 parte dalla constatazione che la gestione

Dettagli

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010 Altre deliberazioni Assemblea 16-19 aprile 2010 Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie come già detto in altra parte della relazione, l Assemblea ordinaria del 17 aprile 2009

Dettagli

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto dall art. 84-bis

Dettagli

RELAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI (15 APRILE 2015 UNICA CONVOCAZIONE)

RELAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI (15 APRILE 2015 UNICA CONVOCAZIONE) RELAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI (15 APRILE 2015 UNICA CONVOCAZIONE) Relazione sul punto 2 all ordine del giorno Politica in

Dettagli

Milano, luglio 2014 2

Milano, luglio 2014 2 SESA S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI AZIONI ORDINARIE (STOCK GRANT) SESA S.P.A. SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELL ASSEMBLEA DEI SOCI (redatto ai sensi

Dettagli

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Volterra, 19.6.2014 Prof. Roberto Barontini Istituto di Management Scuola Superiore Sant Anna E-mail r.barontini@sssup.it Matematica Statistica Storia

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE redatta ai sensi dell Art. 123-ter del Decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 e dell Art. 84-quater del Regolamento Emittente Approvata

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 7 MAGGIO 2007, REDATTO AI SENSI DELL ART. 84-BIS DEL REGOLAMENTO N. 11971 APPROVATO

Dettagli

Finanza Aziendale. Corporate Governance & Finanza Aziendale

Finanza Aziendale. Corporate Governance & Finanza Aziendale Finanza Aziendale Corporate Governance & Finanza Aziendale BMAS Capitolo 11 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti trattati Introduzione al problema della governance Il processo di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SUL PIANO DI INCENTIVAZIONE PHANTOM STOCK 2012

DOCUMENTO INFORMATIVO SUL PIANO DI INCENTIVAZIONE PHANTOM STOCK 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO SUL PIANO DI INCENTIVAZIONE PHANTOM STOCK 2012 (redatto ai sensi dell art. 84-bis del Regolamento Emittenti Consob approvato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 come successivamente

Dettagli

Davide Campari-Milano S.p.A. Relazione sulla remunerazione ai sensi dell articolo 123-ter TUF

Davide Campari-Milano S.p.A. Relazione sulla remunerazione ai sensi dell articolo 123-ter TUF Davide Campari-Milano S.p.A. Relazione sulla remunerazione ai sensi dell articolo 123-ter TUF Sezione I a) La politica della remunerazione degli Amministratori, direttori generi e tri dirigenti con responsabilità

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

DE LONGHI S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO DE LONGHI S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO SUL PIANO DI COMPENSI BASATO SU AZIONI (PHANTOM STOCK OPTION PLAN) PROPOSTO ALL APPROVAZIONE DELL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 22 APRILE 2008 (redatto ai sensi dell art.

Dettagli

Documento Informativo relativo al Piano di Stock Option

Documento Informativo relativo al Piano di Stock Option Documento Informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 a favore dell Amministratore Delegato della Società e di dipendenti della Società e di società controllate Questo documento (il Documento Informativo

Dettagli

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 Registro delle Imprese e Codice Fiscale 07258710586 R.E.A. di Roma 604174 Sede legale: Via Brenta 11 00198 Roma Sito Internet: www.mondotv.it Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (ai sensi

Dettagli

Documento informativo sul Piano di Incentivazione Monetario Triennale 2013-2015 basato anche su strumenti finanziari di Parmalat Group

Documento informativo sul Piano di Incentivazione Monetario Triennale 2013-2015 basato anche su strumenti finanziari di Parmalat Group Documento informativo sul Piano di Incentivazione Monetario Triennale 2013-2015 basato anche su strumenti finanziari di Parmalat Group (redatto ai sensi dell art. 84-bis del Regolamento Emittenti Consob

Dettagli

Documento informativo in ordine a piani di compensi basati su strumenti finanziari

Documento informativo in ordine a piani di compensi basati su strumenti finanziari Documento informativo in ordine a piani di compensi basati su strumenti finanziari (ai sensi degli artt. 114 bis del TUF e 84 bis del Regolamento Emittenti Consob) Definizioni... 2 Premessa... 3 1. Soggetti

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE Ai sensi dell art. 123 ter del D.Lgs. n. 58/1998 e dell art. 84 quater e dell'allegato 3A del Regolamento CONSOB n. 11971/99 27 MARZO 2014 Buzzi Unicem SpA Sede: Casale Monferrato

Dettagli

La remunerazione degli amministratori

La remunerazione degli amministratori La remunerazione degli amministratori a cura di Maria Carmela Scandizzo Francesca Scarazzai Anna Esposito Abate Cristina Gariglio per il Comitato Pari Opportunità dell ODCEC di Torino Comitato Pari Opportunità

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell articolo 123-ter TUF Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 24 settembre 2013 La presente relazione si riferisce all esercizio 2012/2013 ed è disponibile

Dettagli

Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione)

Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione) Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione) Relazioni Illustrative degli Amministratori Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione)

Dettagli

saipem Documento Informativo

saipem Documento Informativo saipem Documento Informativo REDATTO AI SENSI DELL ART 114-BIS DEL D.LGS. N.58/1998 (TUF) E DELL ART 84-BIS REGOLAMENTO CONSOB N. 11971 del 1999 COME SUCCESSIVAMENTE INTEGRATO E MODIFICATO (REGOLAMENTO

Dettagli

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 10 Febbraio 2012 Milano Auditorium ENEL - Via Carducci 13 Roma ENEL - Viale Regina Margherita 137 Indice Introduzione sulle modifiche apportate al

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE INDICE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE INDICE RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE INDICE Premessa 5 Sezione I Politiche retributive 1. Le basi, i principi, le azioni 7 1.1 Le basi 7 1.2 I principi 7 1.3 Le azioni 8 2. Destinatari delle politiche di remunerazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 7 MAGGIO 2007, REDATTO AI SENSI DELL ART. 84-BIS DEL REGOLAMENTO N. 11971 APPROVATO

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE. Ai sensi dell art. 84-quater del Regolamento Emittenti Consob

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE. Ai sensi dell art. 84-quater del Regolamento Emittenti Consob RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE Ai sensi dell art. 84-quater del Regolamento Emittenti Consob SCHEMA N.7-bis: Relazione sulla remunerazione La presente relazione è redatta in ottemperanza all art. 84-quater

Dettagli

INDICE. 2. Sintetica descrizione delle ragioni per l'adozione del Piano...3

INDICE. 2. Sintetica descrizione delle ragioni per l'adozione del Piano...3 DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI STOCK OPTION RISERVATO AD ALCUNI DIPENDENTI E AMMINISTRATORI DEL GRUPPO ASCOPIAVE AVENTE AD OGGETTO N. 2.315.000 OPZIONI ASSEGNATE DEL PIANO DENOMINATO PHANTOM

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 TXT e-solutions S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 Milano, 6 marzo 2013 Disponibile sul sito web: www.txtgroup.com 1 La Relazione sulla Remunerazione è redatta alla luce delle raccomandazioni contenute

Dettagli

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI DOCUMENTO INFORMATIVO PIANO DI INCENTIVAZIONE ASTALDI S.P.A. 2013-2015 CON ASSEGNAZIONE GRATUITA DI AZIONI

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI DOCUMENTO INFORMATIVO PIANO DI INCENTIVAZIONE ASTALDI S.P.A. 2013-2015 CON ASSEGNAZIONE GRATUITA DI AZIONI ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI DOCUMENTO INFORMATIVO AI SENSI DELL ART. 84-BIS, COMMA 1, DEL REGOLAMENTO ADOTTATO DALLA CONSOB CON DELIBERA N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999, COME SUCCESSIVAMENTE MODIFICATO E INTEGRATO,

Dettagli

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A.

Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Gruppo Editoriale L'Espresso S.p.A. Documento informativo relativo al PIANO DI STOCK GRANT 2012 Questo documento (il Documento Informativo ) è stato redatto in conformità a quanto previsto dall art. 84-

Dettagli

COFIDE S.p.A. PROPOSTA IN MERITO AL PIANO DI INCENTIVAZIONE (PHANTOM STOCK OPTION) 2008

COFIDE S.p.A. PROPOSTA IN MERITO AL PIANO DI INCENTIVAZIONE (PHANTOM STOCK OPTION) 2008 COFIDE S.p.A. PROPOSTA IN MERITO AL PIANO DI INCENTIVAZIONE (PHANTOM STOCK OPTION) 2008 Signori Azionisti, Al fine di fidelizzare il rapporto con la Società delle persone chiave nella conduzione delle

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Roma, 21 dicembre 2007

Roma, 21 dicembre 2007 C E M E N T E R I E D E L T I R R E N O SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 159.120.000 INTERAMENTE VERSATO COMUNICATO STAMPA ai sensi dell art. 66 del Regolamento n. 11971 approvato dalla Consob con delibera

Dettagli

Questionario di autovalutazione del Consiglio di Amministrazione

Questionario di autovalutazione del Consiglio di Amministrazione Questionario di autovalutazione del Consiglio di Amministrazione Aprile 2012 Il presente questionario (check list) è uno strumento di supporto all attività di autovalutazione che, come suggerito dal Codice

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI ( STOCK OPTION)

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI ( STOCK OPTION) DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI (STOCK OPTION) PER LA SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI GREENERGYCAPITAL S.P.A. APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 11 SETTEMBRE

Dettagli

Ai fini del presente documento informativo, i termini sotto indicati hanno il significato ad essi di seguito attribuito:

Ai fini del presente documento informativo, i termini sotto indicati hanno il significato ad essi di seguito attribuito: LOTTOMATICA S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI 2009-2013 DA SOTTOPORRE ALL APPROVAZIONE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA, PREDISPOSTO AI SENSI DELL ART. 84-BIS DEL REGOLAMENTO

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

Percorso EXECUTIVE COMPENSATION

Percorso EXECUTIVE COMPENSATION AREA FORMATIVA: Personale & Organizzazione Percorso EXECUTIVE COMPENSATION Formula week-end Cod. Z3045 06 febbraio 2009 14 marzo 2009 COMITATO SCIENTIFICO Franco Fontana, Ordinario di Economia e Gestione

Dettagli

UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE

UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE Esame a libri chiusi. Si può usare una calcolatrice.tempo a disposizione: 1 ora Nome: ID: Data: 9 Aprile 2013 MULTIPLE CHOICES (1 Punto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SUI PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI

DOCUMENTO INFORMATIVO SUI PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI DOCUMENTO INFORMATIVO SUI PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI Così come richiesto dall art. 84 bis del Regolamento Emittenti si forniscono le informazioni relative ai piani di stock option

Dettagli

INDICE 3.1 I SOGGETTI DESTINATARI 3.2 LE RAGIONI CHE MOTIVANO L ADOZIONE DEL PIANO 3.3 ITER DI APPROVAZIONE E TEMPISTICA DI ASSEGNAZIONE

INDICE 3.1 I SOGGETTI DESTINATARI 3.2 LE RAGIONI CHE MOTIVANO L ADOZIONE DEL PIANO 3.3 ITER DI APPROVAZIONE E TEMPISTICA DI ASSEGNAZIONE APPLICAZIONE DEI COEFFICIENTI DI RETTIFICA AIAF AI PIANI DI INCENTIVAZIONE A LUNGO TERMINE DEL GRUPPO UNICREDIT ESECUZIONE DEL PIANO DI INCENTIVAZIONE A MEDIO/LUNGO TERMINE PER IL PERSONALE DEL GRUPPO

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

IL 21.05.2012, SULLA

IL 21.05.2012, SULLA RELAZIONE ALL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONVOCATAA IL 16.05.2012 IN PRIMA CONVOCAZIONE ED, OCCORRENDO, IL 21.05.2012, SULLA REMUNERAZIONEE DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIRIGENTI CON RESPONSABILITA STRATEGICHE,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO INDICE-SOMMARIO Introduzione... 1 Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO 1. Interesse alla massimizzazione del valore dell investimento azionario, assetti societari

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

A.S. ROMA S.P.A RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE. 1. Organi e soggetti coinvolti nell adozione ed attuazione della Politica sulla Remunerazione

A.S. ROMA S.P.A RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE. 1. Organi e soggetti coinvolti nell adozione ed attuazione della Politica sulla Remunerazione A.S. ROMA S.P.A RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE PREMESSA La presente Relazione del Comitato per la Remunerazione è stata redatta in conformità a quanto previsto dall art. 123 ter TUF e dall art. 84 - quater

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione 2 marzo 2015 Luxottica Group S.p.A., Piazzale Cadorna 3, 20123 Milano - C.F. Iscr. Reg. Imp. Milano n. 00891030272 - Partita IVA 10182640150 LUXOTTICA GROUP S.P.A. RELAZIONE

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SECONDO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SECONDO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SECONDO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL 21 APRILE 2010 Revoca, per la parte non utilizzata, e contestuale conferimento di nuova

Dettagli

SAIPEM S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 29 APRILE 2016. Proposte di deliberazione del Consiglio di Amministrazione sul punto 1

SAIPEM S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 29 APRILE 2016. Proposte di deliberazione del Consiglio di Amministrazione sul punto 1 SAIPEM S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 29 APRILE 2016 Proposte di deliberazione del Consiglio di Amministrazione sul punto 1 all Ordine del Giorno. 1) BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2015 DI SAIPEM

Dettagli

PIANO DI PARTECIPAZIONE AZIONARIA A FAVORE DI DIPENDENTI DEL GRUPPO PRYSMIAN DOCUMENTO INFORMATIVO

PIANO DI PARTECIPAZIONE AZIONARIA A FAVORE DI DIPENDENTI DEL GRUPPO PRYSMIAN DOCUMENTO INFORMATIVO PIANO DI PARTECIPAZIONE AZIONARIA A FAVORE DI DIPENDENTI DEL GRUPPO PRYSMIAN DOCUMENTO INFORMATIVO (ai sensi dell articolo 114-bis del D. Lgs. 58/98 e dell articolo 84-bis, comma 1, del Regolamento adottato

Dettagli

Compendio sulla normativa relativa ai compensi degli amministratori e dei manager aziendali

Compendio sulla normativa relativa ai compensi degli amministratori e dei manager aziendali Compendio sulla normativa relativa ai compensi degli amministratori e dei manager aziendali 2012 a cura di Guido Cutillo e Franco Fontana Copyright 2012 by FrancoAngeli s.r.l., Milano, Italy L opera,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI IFI S.p.A.

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI IFI S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI IFI S.p.A. Relazioni illustrative sulle proposte concernenti le materie all ordine del giorno dell Assemblea Ordinaria degli Azionisti 1 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

Dettagli

SEZIONE DELLA RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

SEZIONE DELLA RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE SAES Getters S.p.A. PRIMA SEZIONE DELLA RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE Redatta ai sensi dell art. 123-ter, comma 3, del D.Lgs. n. 58/1998 e articolo 84- quater e relativo all Allegato 3A, Schema 7-bis sezione

Dettagli

Geox S.p.A. Predisposta ai sensi dell articolo 125-ter del D. Lgs. 58/1998 come successivamente modificato

Geox S.p.A. Predisposta ai sensi dell articolo 125-ter del D. Lgs. 58/1998 come successivamente modificato Geox S.p.A. con sede legale in Biadene di Montebelluna (TV), Via Feltrina Centro n. 16, iscritta nel Registro delle Imprese di Treviso n. 03348440268 C.F. e P. IVA 03348440268. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI

Dettagli

Ai fini del presente documento informativo, i termini sotto indicati hanno il significato ad essi di seguito attribuito:

Ai fini del presente documento informativo, i termini sotto indicati hanno il significato ad essi di seguito attribuito: GTECH S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI 2013-2017, REDATTO AI SENSI DELL ART. 84-BIS DEL REGOLAMENTO APPROVATO DALLA CONSOB CON DELIBERA N. 11971 DEL 14 MAGGIO 1999,

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane

Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane 3.1. I modelli capitalistici diffusi nel contesto internazionale 3.2. Il modello di capitalismo italiano 3.1 I modelli capitalistici diffusi

Dettagli

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (Art. 123 ter, D.Lgs. 58/1998) (Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 19/03/2015) (Sito web: www.pininfarina.com) 2 SEZIONE I a) Per quanto

Dettagli

Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer.

Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer. Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer.com RELAZIONE SULLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE (Relazione approvata

Dettagli

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 (Art. 123 ter, D.Lgs. 58/1998) (Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 21/03/2013) (Sito web: www.pininfarina.com) 2 SEZIONE I a) Per quanto

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58 CAPITALE SOCIALE EURO 224.250.000,00 I.V. SEDE LEGALE IN TREVISO VIA LODOVICO SEITZ N. 47 CODICE FISCALE E NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TREVISO 11570840154 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE DI COMOI SIM

POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE DI COMOI SIM POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE DI COMOI SIM 1. PREMESSA Con il provvedimento congiunto di CONSOB e Banca d Italia adottato il 25 luglio 2012 è stato introdotto nel Regolamento congiunto del

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art. 123-ter TUF AMBIENTHESIS S.p.A. Sito Web: www.ambienthesis.it Esercizio a cui si riferiscono i compensi indicati: 2014 Data di approvazione della Relazione:

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI COMUNICATO STAMPA YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Parte ordinaria: Approva il Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013 Approva la prima sezione della Relazione sulla Remunerazione Approva il

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SUL PIANO DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI PHANTOM STOCK 2015

DOCUMENTO INFORMATIVO SUL PIANO DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI PHANTOM STOCK 2015 DOCUMENTO INFORMATIVO SUL PIANO DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI PHANTOM STOCK 2015 (redatto, con valenza per il Gruppo BPER dalla Capogruppo Banca popolare dell Emilia Romagna, Società cooperativa,

Dettagli

INTERNAL AUDIT & COMPLIANCE

INTERNAL AUDIT & COMPLIANCE GOVERNANCE & COMPLIANCE A.A. 2014-2015 INTERNAL AUDIT & COMPLIANCE Prof. Alberto Nobolo Governance & compliance 1 Internal auditing Attività indipendente e obiettiva di assurance e consulenza finalizzata

Dettagli

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 PRIINCIIPII DII AUTODIISCIIPLIINA DII IINFRASTRUTTURE WIIRELESS IITALIIANE Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 SOMMARIO Articolo 1 Principi generali pag. 2 Articolo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito il Documento ) è redatto ai sensi dell art. 84 bis del Regolamento di attuazione del D.Lgs. n. 58/98 (di seguito TUF) adottato da CONSOB

Dettagli

Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche

Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche DOCUMENTO INFORMATIVO, PREDISPOSTO AI SENSI DELL ART. 84 BIS COMMA 1 DEL REGOLAMENTO CONSOB N.

Dettagli

Internal audit e compliance

Internal audit e compliance CORSO DI CORPORATE GOVERNANCE A.A.2012-2013 Internal audit e compliance Prof. Alberto Nobolo 1 Internal auditing Attività indipendente e obiettiva di assurance e consulenza finalizzata al miglioramento

Dettagli

Banco di Desio e della Brianza

Banco di Desio e della Brianza Banco di Desio e della Brianza C.d.A. 8 aprile 2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA ALL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 29 APRILE 2010 1^ CONVOCAZIONE PUNTO N. 2 ALL ORDINE DEL GIORNO POLITICHE DI REMUNERAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI FIGURATIVE ( PHANTOM STOCK OPTION)

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI FIGURATIVE ( PHANTOM STOCK OPTION) DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI COMPENSI BASATO SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI FIGURATIVE (PHANTOM STOCK OPTION) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 29 NOVEMBRE 2007 (redatto ai sensi dell articolo

Dettagli

Brioschi Sviluppo Immobiliare spa. Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza)

Brioschi Sviluppo Immobiliare spa. Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza) Brioschi Sviluppo Immobiliare spa Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza) Premessa La presente relazione (di seguito, la Relazione ), predisposta ai

Dettagli

Per il Consiglio di Amministrazione di Dada S.p.A. Il Presidente Arch. Paolo Barberis

Per il Consiglio di Amministrazione di Dada S.p.A. Il Presidente Arch. Paolo Barberis RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DADA S.P.A. ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI SUL SECONDO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO : DETERMINAZIONE DEL NUMERO E NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

NOTA INTRODUTTIVA Documento Informativo Regolamento Emittenti

NOTA INTRODUTTIVA Documento Informativo Regolamento Emittenti S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AI PIANI DI COMPENSI BASATI SULL ATTRIBUZIONE DI OPZIONI (STOCK OPTION) PER LA SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI ORDINARIE S.P.A. (redatto ai sensi dell articolo 84-bis del

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SISTEMA DI INCENTIVAZIONE DI BANCA IMI S.P.A. BASATO SU STRUMENTI FINANZIARI DELLA CAPOGRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

DOCUMENTO INFORMATIVO SISTEMA DI INCENTIVAZIONE DI BANCA IMI S.P.A. BASATO SU STRUMENTI FINANZIARI DELLA CAPOGRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO Ai sensi dell art. 84-bis, comma 1, del Regolamento adottato dalla Consob con Delibera n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato relativo al SISTEMA

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli