Direzione, Redazione, Amministrazione: Pi.le D Annunzio Gabriele Rovigo - Trimestrale del Collegio Ipasvi di Rovigo Aut. Tribunale R.G.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione, Redazione, Amministrazione: Pi.le D Annunzio Gabriele 32-45100 Rovigo - Trimestrale del Collegio Ipasvi di Rovigo Aut. Tribunale R.G."

Transcript

1 Direzione, Redazione, Amministrazione: Pi.le D Annunzio Gabriele Rovigo - Trimestrale del Collegio Ipasvi di Rovigo Aut. Tribunale R.G. STAMPA 14/2000 del 16/10/2000 Spedizione in A.P. - Art. 2 Comma 20/C - Legge 662/96 DCI -. RO mese di Giugno N 01/2010

2 Editoriale Ben ritrovati sulle pagine di Assistere Oggi. Questi primi mesi del 2010 sono stati molto importanti per il nostro Collegio ma anche per tutti gli infermieri. Per quanto concerne le novità in casa nostra vi rimando alle prossime pagine dove riassumo i contenuti esplorati e condivisi durante l'annuale Assemblea degli iscritti svoltasi nel mese di marzo. Come avrete modo di vedere sono diverse le novità che proponiamo e che speriamo siano di vostro gradimento. In questo secondo anno di attività collegiale abbiamo pensato di rivolgere la nostra attenzione, come avevamo promesso lo scorso anno, anche sul tema della formazione professionale, cercando, al contempo, di potenziare ciò che di positivo è stato finora fatto. A tal proposito, anche quest'anno verrà bandito il Premio Ipasvi, la cui prima edizione ha avuto un buon riscontro in termini di qualità dei progetti presentati. In questo numero, tra l'altro, iniziamo a presentare i lavori premiati nel mese di gennaio all'interno della Giornata dello studente e dello sviluppo professionale, evento di cui si è ben parlato nei quotidiani locali, segno dell'interesse vivo dell'opinione pubblica nei nostri confronti. Questo riscontro è stato notevolmente confermato anche in occasione della divulgazione della notizia dell'importante, fondamentale provvedimento, adottato a febbraio dalla Regione Veneto, relativo all'istituzione della Dirigenza aziendale Infermieristica. Un provvedimento che consente al Veneto di superare i modelli organizzativi delle altre regioni d'italia e che darà al cittadino maggiori e più qualificate possibilità assistenziali. Questo perché con questa norma, fra le altre cose, viene riconosciuto che l'organizzazione dell'assistenza ha bisogno di professionisti preparati che non possono che essere infermieri. Alla faccia di chi vorrebbe ridimensionare il ruolo infermieristico. Restando in tema, qualche mese fa (non qualche decennio fa) mi ha molto colpito un editoriale apparso sulla rivista dell'ordine dei medici di Parma a firma Pierantonio Muzzetto. Sintetizzando, in tale contesto si rimpiange l'epoca in cui i Collegi erano negli Ordini dei medici, si auspica una riattivazione di un mansionario nuovo e vengono criticati gli infermieri, rei di voler diventare mezzi dottori. Al suddetto editoriale ha prontamente e ottimamente risposto Elio Drigo, presidente dell'associazione nazionale infermieri di area critica. Per quanto mi riguarda, sono dell'idea che la società evolve freneticamente, con essa cambiano i bisogni della popolazione alla quale il Sistema Sanitario Nazionale deve dar risposta. Di riflesso anche le professioni sanitarie devono evolvere, maturare, migliorare. In una parola: crescere. Devono essere rivisti i modelli organizzativi. Devono cadere certi schemi mentali, certe barriere, certi meccanismi che portano a provare paura di fronte al cambiamento e all'evoluzione. Devono crescere i vari professionisti. La nostra professione sta facendo dei passi avanti continui: nuove responsabilità che sono direttamente proporzionali ad un maggior peso ed importanza dell'essere infermiere. Purtroppo il pensiero del dr. Muzzetto non è isolato. Tanti altri medici, anche nella nostra realtà locale, la pensano in egual modo. E, cosa ancor più grave, anche tanti infermieri rimpiangono il passato. Siamo nel 2010, non più nel Medio Evo dell'infermieristica, e siamo i professionisti sanitari responsabili dell'assistenza infermieristica. Più cresciamo professionalmente, più acquistiamo i mezzi necessari ad aiutare nel miglior dei modi i cittadini, i nostri assistiti, l'intera popolazione. Essere infermiere oggi significa anche portare la propria voce in capitolo là dove ce n'è bisogno. Significa esprimere la propria opinione anche su temi delicati come è quello del Fine vita. A tal proposito invito, chi non lo avesse fatto, a visitare il nostro sito per leggere il Pronunciamento della Federazione Ipasvi dove si spiegano le ragioni che ci portano a dire che la legge 2350 sul Testamento biologico e sul Fine vita è in contrasto con la nostra deontologia professionale, non riconosce la centralità della persona e delle sue volontà e non tiene conto del coinvolgimento dell'intera equipe assistenziale. Una legge nata senza sentire la professione infermieristica. Bene, anche questo editoriale volge al termine. Nel farlo vi do appuntamento al prossimo numero che troverete in edizione speciale, nei primi giorni di settembre, all'interno del sito Nel frattempo spero di ritrovarvi alle varie iniziative in programma in questi mesi e vi invito a far sentire la vostra voce, sia per proposte, collaborazioni, segnalazioni, consigli, idee che per critiche, necessità, suggerimenti, confronti. Per posta, per mail, al telefono, di persona il Collegio è a disposizione di tutti gli iscritti. Dario Zambello Ipasvi Rovigo 01/2010 2

3 Sommario numero 1, anno 2010 Direzione - Redazione - Amministrazione: Piazzale D Annunzio Gabriele 32, Rovigo, tel. fax , in questo numero Evento IV Giornata dello studente e dello sviluppo professionale Giornata Internazionale dell Infermiere 15 maggio Studio Wound Care Collegio Informa Report 2009 Nuove iniziative Quota d iscrizione 2010 Cives Corso ECM Sicure Le abilità di consuling ECM 19 4 ECM 60 Crediti: Sanitanova Premio IPASVI Premiazione Vincitori 2010 Bando Concorso 2011 Prevenzione Associazione Culturale Xchè Studio L Educazione a caregiver Consulenza Infermieristica Wound Care Storia La figura dell Infermiere nella storia Edizione online su Redattore: Denis Piombo Redazione: Gabri Bertaglia, Elena Bortolami, Paolo Boscarino Daniele Casetta, Angiolina Conti, Chiara Girotto, Erica Girotto, Romina Lisandrelli, Elisabetta Spigolon Direttore Responsabile: Valentino Tonin Presidente del Collegio: Dario Zambello Elaborazione Grafica e Foto: Aut. trib. Rovigo R.G. STAMPA 14/2000 del 16/10/2000 Ipasvi Rovigo 01/2010 3

4 Il 2009 ha visto impegnato il Consiglio Direttivo in una nuova realtà tesa a prendere confidenza con gli impegni istituzionali affidatogli con le ultime elezioni e nel dare una nuova e radicale ridefinizione del Collegio Ipasvi di Rovigo. L impegno è stato diretto nell ottica di mettersi subito al lavoro con l obiettivo di realizzare un immagine e una struttura rinnovata del Collegio da consegnare ai suoi iscritti e ai cittadini. Tre sono state le linee programmatiche di attività: 1. Riorganizzazione della struttura di coordinamento ed amministrativa del Collegio; 2. Servizi per gli iscritti; 3. Valorizzazione della professione verso la popolazione laica. Linea organizzativa Il CD ha varato varie delibere al fine di dare un assetto organizzativo ed amministrativo al Collegio. Gli aspetti analizzati sono da vedersi nell ambito della gestione economica finanziaria, organizzativa e di tutela degli iscritti. Gestione economica finanziaria: recupero del 98.5% delle morosità per il periodo , per un ritorno economico di circa euro; versamento delle quote di iscrizioni attraverso l agenzia Equitalia Polis; strutturazione e definizione della gestione Tesoreria attraverso procedure codificate secondo normativa vigente. Gestione organizzativa: riorganizzazione della gestione della Segreteria attraverso procedure tese al recupero e all archiviazione di tutta la documentazione presente nell ufficio del Collegio; aggiornamento del database degli iscritti nel sistema informatico nazionale; aggiornamento dell'anagrafica degli iscritti. Tutela della professione: controllo dell abusivismo professionale presso l Azienda Ulss 19 di Adria: iscrizione di circa 20 infermieri mai iscritti all albo del Collegio; apertura di un fascicolo di istruttoria su violazione del Codice deontologico per 7 iscritti di una realtà sanitaria della provincia. tre commissioni per le valutazioni dell iscrizione all albo di cittadini extracomunitari. Linea verso gli iscritti Durante il 2009 vari gruppi di lavoro, strutturati su delibera del CD, hanno lavorato per proseguire il fine di dare un senso concreto di appartenenza alla professione e verso il Collegio attraverso due importanti progetti: Premio IPASVI 2010: ad aprile 2009 è uscito il primo bando del Concorso Ipasvi, bando a livello provinciale indirizzato a tutti i professionisti iscritti al collegio IPASVI di Rovigo e a professionisti operanti presso le strutture sanitarie pubbliche e private. Sono pervenuti vari lavori, tutti di alto contenuto professionale e scientifico. A gennaio del 2010 sono stati premiati i vincitori in occasione della Giornata dello studente e dello sviluppo professionale promossa dalla Direzione Infermieristica dell Azienda Ulss 18 di Rovigo. La presenza del Collegio all interno di questa manifestazione è stato il risultato di una proficua collaborazione con l Azienda Ulss 18 e un primo nodo di una rete fatta di collaborazioni, confronti e relazioni sempre più presenti che hanno l'obiettivo di portare e dare un valore aggiunto alla discussione sulle tematiche della professione. Sito Internet: dal 18 aprile 2009 è in rete il sito del Collegio Un progetto ambizioso, complesso ed articolato che presenta e offre servizi ed informazioni agli iscritti e vuole essere, al contempo, punto di riferimento e risorsa essenziale di consultazione e aggiornamento sia professionale ma anche sull attività svolta dal CD. Inoltre, il sito è un mezzo comunicativo dove la popolazione, in un area dedicata, può trovare informazioni, approfondimenti culturali di salute ed assistenza per la persona e la comunità. Ipasvi Rovigo 01/2010 4

5 Collegio informa Linea popolazione il 24 maggio 2009 il Collegio Ipasvi, in occasione della Giornata Internazionale dell infermiere, è sceso in piazza a Rovigo attraverso la strutturazione di un evento teso ad avvicinare la popolazione e rendere ancora più vivo e consolidato il Patto infermiere e cittadino sottoscritto sin dal La manifestazione ha avuto un grosso plauso della popolazione e un ottimo riscontro negli organi di stampa locali. Ma l attività non si ferma solo a questo. Il Collegio provinciale ha istituito, sempre nel corso del 2009, un Ufficio stampa avente il compito di mettere in atto le strategie utili a valorizzare la figura della professione infermieristica e, non da ultimo, di vigilare sulla stampa per intervenire tempestivamente nel caso si presentassero situazioni che denunciano e discreditano la professione. Inoltre Il CD è stato anche impegnato nel confronto di iniziative che avvengono sia in ambito nazionale che regionale, discutendo e facendosi promotore, ove necessario, degli argomenti e delle materie che si sono sviluppate anche nel confronto esterno sia con altre professioni che nel mondo politico. Nel 2009 è stato celebrato il nuovo Codice Deontologico degli infermieri ed il CD si è fatto promotore, attraverso i suoi componenti e gli strumenti del Collegio, della diffusione dello stesso. Un confronto politico importante è stata la questione del Med 45, tematica che ha impegnato per tutto l anno il Consiglio nazionale sia in ambito politico sia in varie occasioni di confronto tra professionisti e il mondo professionale. La partita non è ancora del tutto conclusa ma sembra indirizzata nella conservazione del settore disciplinare Med 45 con una concreta possibilità di essere professione esclusiva nello specifico settore disciplinare. Per chi volesse approfondire questo argomento è possibile accedere e consultare i numeri precedenti di Assistere Oggi disponibili sul sito collegiale. In ambito regionale il Coordinamento regionale Ipasvi si è impegnato nella grossa e complessa partita per la creazione e la deliberazione in Giunta Regione Veneto del progetto di legge n 352 sulla Dirigenza infermieristica. Inoltre, si sono rinnovate le rappresentanze alle consulte regionali in ambito regionale: al Collegio di Rovigo è stata affidata la rappresentanza della Commissione sulla sicurezza del Paziente e del Rischio Clinico. Sempre al Collegio di Rovigo è stata affidata una rappresentanza professionale all interno del Coordinamento regionale di Anestesisti in termini di partecipazione ad un lavoro di analisi sulla presenza infermieristica in Sala operatoria. Nuove Iniziative: Corso ECM esicure : è in fase di organizzazione e definizione la proposta, discussa nell'ultimo CD di aprile di tale corso gratuito che, indicativamente, dovrebbe svolgersi nel periodo da fine settembre ad inizio ottobre. 20 i crediti ECM assegnati a chi supera la prova finale. Maggiori informazioni verranno comunque date a breve dal Collegio. Corso La responsabilità giuridica sulla somministrazione di farmaci di L. Benci in Collaborazione con l Azienda Ulss 18: corso gratuito al quale possono accedere tutti gli infermieri iscritti al collegio Ipasvi anche provenienti da altre aziende e/o strutture sanitarie. Patrocino e collaborazione al 5 congresso nazionale AIIRO (Associazione Italiana Infermieri di Radioterapia Oncologica) che si terrà presso l Azienda Ulss 18 di Rovigo il ottobre. Posta Elettronica Certifica (PEC): sono in fase di discussione le modalità operative ed economiche per poter adempiere alla Legge 15/2009 e di creare un servizio aggiuntivo per gli iscritti. ECM FAD con SANITANOVA, 60 crediti ECM per il 2010 con uno sconto del 30% per i soli iscritti al Collegio IPASVI di Rovigo. Ipasvi Rovigo 01/2010 5

6 Quota di Iscrizione Coordinamento Infermieri Volontari Emergenza Sanitaria V iste le notevoli vicissitudini accadute nella regione Abruzzo, il Collegio provinciale di Rovigo, nello scorso anno ha ritenuto di fondamentale importanza istituire un gruppo CIVES a Rovigo. CIVES rappresenta un associazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) composta esclusivamente da infermieri che mettono a disposizione la loro professionalità in caso di catastrofi, calamità naturali e tutte le attività di protezione civile di competenza della funzione sanità. E, inoltre, una delle Associazioni di volontariato nazionali che collaborano con il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile ed è regolarmente iscritta nei registri nazionali del volontariato. CIVES, oltre a fornire soccorso e assistenza in caso di Grandi Eventi o catastrofi, è impegnata anche in attività di formazione ed addestramento per una sempre maggiore diffusione di una cultura sia professionale che civile di prevenzione, educazione ispirandosi ai principi della Medicina delle Catastrofi. Le adesioni sono aperte a tutti gli infermieri e queste possono essenzialmente essere di due tipi: socio ordinario, operativo, ovvero in caso di necessità parte per la missione; socio onorario, sostenitore, ovvero si iscrive e partecipa alle attività ma non alla missione. Per aderire e diventare soci si deve versare una quota annuale stabilita in 35 euro. Come deliberato dal Consiglio Direttivo ed approvato dall'assemblea degli Iscritti, svoltasi nel mese di marzo, la quota di iscrizione 2010 ha avuto un leggero adeguamento, dettato da molteplici fattori e in linea con l'incremento ISTAT annuale. Il valore di quest'ultimo sarà riportato annualmente nella quota. Il nuovo importo sarà dunque di 56 euro. Per adeguarsi alle normative di bilancio degli "Enti Pubblici non Economici" la quota di iscrizione per l'anno 2011 sarà emessa nel mese di novembre del corrente anno e così a decorrere per i successivi anni a venire. La Dirigenza, i membri del Consiglio Direttivo ed il Collegio dei Revisori dei Conti sono a disposizione per fornire qualsiasi ulteriore informazione. Per maggiori e dettagliate informazioni e per la modulistica sono possibili le seguenti opzioni: visitare il sito attraverso il referente per il Collegio di Rovigo, Lorenzo Libanori (chiamare al numero A tal proposito, il Collegio chiede, a chiunque sia interessato, di contattare comunque il Collegio provinciale al fine di avere una lista dettagliata delle persone interessate all'associazione CIVES, lista estremamente utile in caso di necessità di intervento. Ipasvi Rovigo 01/2010 6

7 News LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA NELLA SOMMINISTRAZIONE E PRESCRIZIONE DI FARMACI Finalmente si comincia a parlare di scheda unica di terapia; finalmente cominciamo a renderci conto che le trascrizioni sono fonte inesauribile di errori; finalmente abbiamo capito l'importanza che il medico sia responsabile della prescrizione e l'infermiere responsabile della somministrazione. Ma rimangono comunque molti dubbi: Qual è il giusto comportamento nel caso di una prescrizione telefonica o verbale? Come regolarsi durante le verifiche incrociate medico/infermiere richieste dal protocollo prima della trasfusione? Possiamo somministrare al paziente ricoverato campioni medici? Qual'è la responsabilità dell'infermiere nella somministrazione dei farmaci durante l'attività assistenziale domiciliare? Chi ha la responsabilità della tenuta del registro di scarico e carico del registro stupefacenti? A queste domande e a molte altre si cerca di dare risposta con il convegno "La responsabilità giuridica nella prescrizione e somministrazione dei farmaci", organizzato dal collegio IPA- SVI di Rovigo in collaborazione con l Azienda Ulss 18 che si terrà l 8 Giugno 2010 presso l'aula Magna della Cittadella Socio Sanitaria di Rovigo. Per le informazioni relative alle iscrizioni vi rimandiamo alla locandina che trovate in questo numero. Importante Ai fini organizzativi, e per dare la possibilità eventualmente ad altre persone di partecipare, chiediamo a chi avesse effettuato (o effettuerà) l'iscrizione di partecipazione e fosse impossibilitato ad essere presente, di comunicare tempestivamente al Collegio di Rovigo la mancata presenza. LE ABILITA DI COUNSELLING PERCORSI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI PER INFERMIERI E OSTETRICHE di Gabri Bertaglia Questo libro, edito dalla casa editrice McGraw-Hill, si propone di evidenziare il ruolo che le abilità di counselling possono avere nel supportare e rafforzare i pazienti e il personale nel contesto dell assistenza infermieristica, fornendo un indicazione su alcuni dei modi con cui lo strumento del counselling può migliorare la pratica professionale. L'autrice, Dawn Freshwater, concentra la propria attenzione sulla relazione che intercorre tra infermiere e paziente e su come l utilizzo delle abilità di counselling possa favorire il recupero dell autonomia e dell equilibrio nella vita dei pazienti. L importanza di creare una relazione empatica. L opportunità di applicare il counselling mantenendo la centralità della relazione in ogni azione professionale. L'edizione italiana del libro è curata da Loredana Sasso e Maria Antonietta Bianco. CORSO DI AGGIORNAMENTO ECM SICURE 20 CREDITI Il Consiglio Direttivo ricorda a tutti gli iscritti che il corso di aggiornamento ECM e-sicure è ancora attivo. Tale corso mette a disposizione 20 crediti ECM gratuitamente per l anno 2010 (chi ha già frequentato il corso negli anni scorsi è escluso dalla possibilità di accedervi nuovamente). Nelle pagine del prossimo numero di Assistere Oggi e presso il sito del Collegio IP.AS.VI della provincia di Rovigo (che ricordiamo: troverete prossimamente notizie (date, modulistica e programma) inerenti le modalità per lo svolgimento dell esame finale necessario per l accreditamento. Il comitato di redazione, unitamente al Consiglio Direttivo, esorta tutti gli interessati, e non solo, a prendere visione frequentemente del sito, in quanto contenente informazioni sempre aggiornate relative alla nostra Professione ed agli eventi che la coinvolgono. Ipasvi Rovigo 01/2010 7

8 Evento IV Giornata dello Studente e dello Sviluppo professionale di Spigolon Elisabetta Tutor del Corso di Laurea in Infermieristica sede di Rovigo Anche quest anno, il Corso di Laurea in Infermieristica del polo di Rovigo, sede staccata dell Università degli Studi di Padova, e la Direzione Infermieristica e delle Professioni Sanitarie dell Azienda ULSS 18 hanno organizzato la quarta edizione della Giornata dello Studente e dello sviluppo professionale. L evento, che si è tenuto lunedì 18 gennaio scorso presso l Aula Magna della sede Direzionale dell Azienda ULSS 18, è stato promosso con l obiettivo di creare momenti di incontro che permettano di integrare sempre più la struttura formativa e la struttura operativa. Ciò si è concretizzato con la presentazione di alcuni elaborati di tesi di infermieri neo laureati e la presentazione dei lavori del progetto Implementazione e Sviluppo Evicence Based Practice. L'altro momento importante della giornata ha visto la consegna della Borsa di Studio intitolata al Prof. Ugo Grisetti, primario emerito dell Ospedale di Trecenta, allo studente più meritevole del corso. L evento, inoltre, ha ospitato il Collegio IPASVI di Rovigo che ha premiato il vincitore del concorso Premio IPA- SVI Il Direttore Sanitario, dott. Giovanni Pilati, il Presidente del Consiglio di Corso, prof. Giovanni Abatangelo, il presidente del Collegio IPASVI di Rovigo, Dario Zambello, hanno portato i saluti rispettivamente dell Azienda ULSS 18, del Consiglio di Corso di Laurea dell Università di Padova, del Collegio IPASVI di Rovigo. Di seguito, gli interventi della Coordinatrice del Corso di Laurea di Rovigo, Rosalia Milan, e della Responsabile della Direzione Infer- Ipasvi Rovigo 01/2010 8

9 Evento mieristica e delle professione sanitarie, Maria Rosa Boscolo, hanno sottolineato l importanza di promuovere momenti di apprendimento per studenti e professionisti infermieri. Sono stati presentati i seguenti lavori di tesi (esposti sinteticamente nelle prossime pagine: Rigobello Laura ha presentato l elaborato di tesi: Gli incidenti domestici nell anziano fragile: analisi del fenomeno e possibili interventi preventivi ; M. Cristina Gheza: Strategie assistenziali volte a potenziare le risorse di coping del bambino sottoposto ad intervento chirurgico di ORL: Azienda ULSS 18 di Rovigo ; Bin Ilaria: La qualità di vita dopo resezione anteriore del retto: efficacia della riabilitazione del pavimento pelvico nel trattamento dell incontinenza fecale ; Tarozzo Monica, Masiero Valentina: Il percorso assistenziale del paziente in stroke. Progetto di formazione sul campo nel Dipartimento di Neuroscienze dell Azienda ULSS 18 di Rovigo. Successivamente alla presentazione delle tesi vi è stata la presentazione dei lavori del progetto Implementazione e Sviluppo Evicence Based Practice dell Azienda ULSS 18 di Rovigo, lavori che hanno evidenziato la necessità di ricercare costantemente evidenze per la pratica clinica. La giornata si è conclusa con la consegna della borsa di studio Prof. Ugo Grisetti - Primario Emerito ULSS 29 alla studentessa Entradi Anita, frequentante il terzo anno del Corso di Laurea presso la nostra sede, da parte della sig.ra Maria Previato Grisetti, che ha sottolineato l importanza e il valore dell evento della Giornata, momento simbolico della formazione di base. Una breve riflessione per concludere. Nel percorso di apprendimento dello studente infermiere sono coinvolte figure che facilitano il raggiungimento degli obiettivi posti dal Corso di Laurea. L apprendimento è un processo che avviene all interno di una cornice partecipativa e non in una mente individuale; ciò significa che è mediato dalle diverse prospettive dei copartecipanti (coordinatori, tutor, infermieri referenti, studenti,...). Anche nei casi in cui viene trasmessa una dottrina fissa, la capacità di una comunità di rinnovarsi attraverso il processo di formazione non deriva essenzialmente dalla dottrina ma dalla condivisione ed evoluzione di certi modi di compartecipazione in cui essa è radicata. Preziosi, quindi, i momenti di condivisione di apprendimento situato nelle nostre comunità di pratiche. Si presentano, in modo sintetico, i focus delle tesi esposte. Rigobello Laura: Gli incidenti domestici nell anziano fragile: analisi del fenomeno e possibili interventi preventivi. Relatore: Francesca Rossi Gli incidenti domestici rappresentano un problema di grande interesse per la sanità pubblica. Questi si sviluppano all interno del domicilio della persona e la letteratura evidenzia che la maggior parte dei fattori di rischio modificabili è costituita da caratteristiche individuali del soggetto, da atteggiamenti e comportamenti scorretti o da elementi presenti nell ambiente domestico. Il progetto di tesi nasce dalla collaborazione con il Dipartimento di Prevenzione dell azienda ULSS 18 nel realizzare un sondaggio sulla popolazione territoriale ultrasessantacinquenne, con lo scopo di: 1. Quantificare i fattori di rischio di cadute accidentali presenti nell utenza dell ADI Rovigo; 2. Individuare le abitudini di vita corrette e improprie all interno del domicilio ; 3. Identificare le conoscenze degli utenti riguardo gli interventi di prevenzione delle cadute accidentali. Lo studio del fenomeno attraverso l analisi statistica dei dati ottenuti ha messo in evidenza la necessità di effettuare una prevenzione primaria, allo scopo di sensibilizzare l anziano nel riconoscere i fattori di rischio e promuovere la conoscenza delle misure preventive. In questo contesto viene enfatizzata la figura dell infermiere come promotore della salute. M. Cristina Gheza: Strategie assistenziali volte a potenziare le risorse di coping del bambino sottoposto ad intervento chirurgico di ORL: Azienda ULSS 18 di Rovigo Relatore: Erica Girotto La paura e l impossibilità di esercitare un controllo sulla situazione da parte del bambino e dei genitori in oc- Ipasvi Rovigo 01/2010 9

10 Evento casione di un intervento chirurgico di elezione ORL (nello specifico, adenoidectomia e/o tonsillectomia) produce atteggiamenti che ostacolano l assistenza fornita dal personale infermieristico rendendola meno efficace e riducendo il grado di soddisfazione del bambino e della famiglia. Per ridurre la paura e il disagio psicologico del bambino sono state descritte diverse strategie assistenziali. Il presente lavoro valuta l efficacia di un intervento educativo/informativo di preparazione all intervento chirurgico del bambino e del genitore durante tutto il percorso assistenziale mirato a ridurre l ansia sia del bambino che del genitore. Si sono valutati gli effetti della preparazione chirurgica attraverso un indagine di tipo osservazionale, su un totale di 83 bambini e rispettivi genitori. L indagine è stata condotta su due campioni che per convenienza sono stati definiti Gruppo Controllo e Gruppo Sperimentale. I soggetti del Gruppo Controllo per un totale di 39 bambini e rispettivi genitori non hanno beneficiato della nuova preparazione all intervento e quindi hanno ricevuto le informazioni standard, mentre per i soggetti del Gruppo Sperimentale, per un totale di 44 bambini e rispettivi genitori, è stato introdotto il Nuovo Percorso Educativo/Formativo che ha previsto la realizzazione e l utilizzo di un opuscolo informativo per bambini e un opuscolo per i genitori che rappresentano il percorso assistenziale del bambino dal momento che accede in ospedale per sottoporsi all intervento chirurgico al momento della dimissione. Gli strumenti utilizzati per la raccolta dati sono stati: La Scala di Amsterdam (APAIS) che permette di rilevare l ansia preoperatoria e il bisogno di informazioni del genitore; un Test di Apprendimento dell Anestesia Standard (SALT VERSIONE II) sviluppato specificatamente per valutare le conoscenze dei genitori sulle procedure ed i rischi legati all anestesia nei bambini e La Scala delle Manifestazioni Emotive (CEMS) per rilevare l ansia del bambino nel momento della venipuntura in sala operatoria. Si è rilevato che i genitori che avevano ricevuto le informazioni con il nuovo percorso, manifestavano prima dell intervento un minor livello di ansia rispetto ai genitori che avevano ricevuto le informazioni standard. Questo può essere considerato indice di maggior controllo della situazione ansiosa, determinato dalle corrette conoscenze. Simultaneamente i bambini del Gruppo Sperimentale mostravano un minor livello d ansia caratterizzato da minori segni di comportamenti emozionali negativi. I risultati dimostrano che l utilizzazione di materiale informativo può fornire diversi benefici sulla riduzione dell ansia e a livello educativo. I risultati di questa indagine suggeriscono come l intervento educativo/formativo abbia permesso di raggiungere positivamente l obiettivo prefissato e data la sua semplice gestione, si potrebbe raccomandare come strumento pratico per preparare i bambini e i genitori all intervento chirurgico e al ricovero. Inoltre ha promosso un sistema di organizzazione del lavoro in cui vengono enfatizzati responsabilità e professionalità. Esso non è solo un modello organizzativo assistenziale, ma anche una sorta di opportunità per conseguire comportamenti che sono necessari per affrontare problemi professionali, cercare nuove conoscenze e individuare strategie che permettono di erogare un assistenza infermieristica di qualità, centrata sulla persona e la sua famiglia. Bin Ilaria: La qualità di vita dopo resezione anteriore del retto: efficacia della riabilitazione del pavimento pelvico nel trattamento dell incontinenza fecale. Relatore: Elisabetta Spigolon; Correlatore: Gabriele Roveron Il cancro del retto, che rappresenta il 35% di tutti i tumori del grosso intestino (che a loro volta rappresentano il 10% di tutti i tumori), è una di quelle forme tumorali nelle quali, la radicalità oncologica, perseguibile grazie alla resezione chirurgica dell organo, può costare un caro prezzo al paziente in termini di qualità di vita (Qdv). L incontinenza fecale (I.F) ed i disturbi dell alvo associati, di variabile intensità e grado, rappresentano un quadro sintomatolog i c o conseguente all intervento, invalidante e di difficile accettazione. Lo scopo di questo studio consiste nel valutare la risposta dei pazienti affetti da incontinenza fecale alla terapia riabilitativa del pavimento pelvico presso il Centro di Riabilitazione per Stomizzati ed Incontinenti dell Azienda ULSS 18 di Rovigo. In tale Servizio vengono trattati i disturbi funzionali dell alvo che frequentemente si manifestano nelle persone che si sottopongono a resezione anteriore del retto (R.A.R.) per l eradicazione di neoplasie maligne. Per l indagine si è utilizzata una scala di misurazione del livello di qualità di vita specifica per la patologia considerata (Fecal Incontinence Quality of Life Scale) ed una scala per la misurazione dell incontinenza fecale (Wexner s Scale). Tali strumenti sono stati somministrati attraverso intervista face to face ad un campione rappresentato da 29 individui e comprendente tutte le persone sottoposte a R.A.R. tra gennaio 2007 e giugno 2009 presso la realtà operativa di Chirurgia Generale di Rovigo e rispondenti a criteri di inclusone pre- Ipasvi Rovigo 01/

INFERMIERE: STRUMENTI DI GESTIONE DEL CAMBIAMENTO

INFERMIERE: STRUMENTI DI GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Data: 01/10/2012 Oggetto: Come accedere alla FAD Infermiere: strumenti di gestione del cambiamento Destinatario Tutti gli Iscritti Collegio IPASVI di Rovigo INFERMIERE: STRUMENTI DI GESTIONE DEL CAMBIAMENTO

Dettagli

PREMIO INFERMIERA GEMMA CASTORINA COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI GROSSETO e PROVINCIA DI GROSSETO

PREMIO INFERMIERA GEMMA CASTORINA COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI GROSSETO e PROVINCIA DI GROSSETO Pagina 1 di 8 Collegio Provinciale IPASVI Grosseto PREMIO INFERMIERA GEMMA CASTORINA COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI e PROVINCIA DI PREMIO SPECIALE INFERMIERA GEMMA CASTORINA AZIENDA USL 9 DI Il Collegio Provinciale

Dettagli

La ricerca infermieristica, uno strumento per il cambiamento della pratica comune

La ricerca infermieristica, uno strumento per il cambiamento della pratica comune Concorso Regionale di borsa di studio per la ricerca infermieristica - 1 edizione anno 2007 La ricerca infermieristica: uno strumento per il cambiamento della pratica comune. Il coordinamento dei Collegi

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI Lavorare con cura PERCORSO FORMATIVO E DI AGGIORNAMENTO PER GLI A.S.A. E O.S.S. IMPIEGATI NEI SERVIZI DOMICILIARI AMBITI TERRITORIALI VAL SERIANA E VAL SERIANA

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Infermiere di Famiglia Comune di Carmignano di Brenta Referente del Vicesindaco

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tumiati Marina Data di nascita 31 gennaio 1964 Qualifica Infermiera Amministrazione Azienda U.L.S.S. 19 Incarico attuale Infermiera con incarico di tutor degli

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

ESPERIENZA LOMBARDA DI ASSISTENZA GLOBALE AL MALATO E AL LUNGOVIVENTE ONCOLOGICO. Davide Petruzzelli

ESPERIENZA LOMBARDA DI ASSISTENZA GLOBALE AL MALATO E AL LUNGOVIVENTE ONCOLOGICO. Davide Petruzzelli SCHEDA PROGETTO Titolo ESPERIENZA LOMBARDA DI ASSISTENZA GLOBALE AL MALATO E AL LUNGOVIVENTE ONCOLOGICO Area Proponente Strutture coinvolte malato oncologico (interventi per migliorare: cura, assistenza,

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Utente, La ringraziamo in anticipo qualora voglia scegliere o abbia scelto la nostra Cooperativa sociale per il servizio

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ;

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ; Il PROGETTO SCUDO VALDICHIANA è un iniziativa delle Sezioni CALCIT della Valdichiana, dei Medici di Medicina Generale facenti parte della Cooperativa Etruria Medica, della USL8 e dei Comuni di Cortona,

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI CLINICA NEUROLOGICA DI PADOVA CENTRO SPECIALIZZATO PER LE MALATTIE NEUROMUSCOLARI E PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA È un Centro specializzato

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Curriculum formativo della Sig.ra Botticelli Luigina nata ad Ascoli Piceno il 17-08-1967 e residente a Porto Sant'Elpidio in via Umberto I 765.

Curriculum formativo della Sig.ra Botticelli Luigina nata ad Ascoli Piceno il 17-08-1967 e residente a Porto Sant'Elpidio in via Umberto I 765. INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Botticelli Luigina Data di Nascita 17-08-1967 Qualifica Coordinatore Infermieristico Amministrazione ASUR ZT 11 FERMO Incarico attuale P.O. Dipartimento Salute Mentale

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Coppe Alberto Data di Nascita 23.11.1963 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto - Infermiere - Amministrazione ULSS 2 Feltre Servizio delle Professioni Sanitarie

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

Dichiarazione4 sostitutiva di atto di notorietà (art. 47 D.P.R. 28/12/2000 n. 445)

Dichiarazione4 sostitutiva di atto di notorietà (art. 47 D.P.R. 28/12/2000 n. 445) Dichiarazione4 sostitutiva di atto di notorietà (art. 47 D.P.R. 28/12/2000 n. 445) Il sottoscritto Schiavon Luigino dichiara sottola propria, consapevole delle sanzioni penali previste dall art. 76 del

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

MASTER: VALUTAZIONE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELLE DEMENZE approccio integrato neuropsicologia psicologia interazionista

MASTER: VALUTAZIONE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELLE DEMENZE approccio integrato neuropsicologia psicologia interazionista MASTER: VALUTAZIONE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELLE DEMENZE approccio integrato neuropsicologia psicologia interazionista MASTER ACCREDITATO ECM 50 CREDITI Durata: annuale (180 ore) Marzo 2016

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA 1. FINALITA E OBIETTIVI Il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata(ADI) si colloca nella rete dei servizi sociosanitari volti a garantire alle persone

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

SCADENZA: 06 luglio 2015

SCADENZA: 06 luglio 2015 SCADENZA: 06 luglio 2015 REGIONE DEL VENETO A Z I E N D A U. L. S. S. N. 16 DI P A D O V A BANDO DI SELEZIONI INTERNE PER ATTRIBUZIONE FUNZIONI DI COORDINAMENTO Profili interessati: COLLABORATORE PROFESSIONALE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PALOMA 2000 Cooperativa sociale di assistenza a.r.l. Viale Tunisia, 10 20124 Milano tel. 02/29536073-4 fax. 02/29536075 www.paloma200.it - e-mail: info@paloma2000.it DOCUMENTO 04 CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA

Dettagli

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia diritti e servizi sociali per la famiglia Cari Genitori, Questa brochure si propone di offrirvi sinteticamente informazioni utili e consigli pratici per orientarvi nel sistema dei servizi sociali e scolastici,

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

SPECIALE TRENTENNALE TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO di CITTADINANZATTIVA: PREMIO ANDREA ALESINI

SPECIALE TRENTENNALE TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO di CITTADINANZATTIVA: PREMIO ANDREA ALESINI SPECIALE TRENTENNALE TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO di CITTADINANZATTIVA: PREMIO ANDREA ALESINI BANDO di concorso buone pratiche per l Umanizzazione delle cure Sembra assurdo che i servizi nati per

Dettagli

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo.

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. (Organizzazione Mondiale della Sanità) Il progetto Accettazione

Dettagli

RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012

RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012 RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012 Cari Soci, Siamo qui a presentare il bilancio consuntivo del terzo anno, sembrano pochi tre anni ma se volgiamo lo sguardo all indietro sembra passata una eternità. INTRODUZIONE

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail.

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail. FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA L Università degli Studi di Camerino, Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA Anno accademico 2012/2013 VISTO lo Statuto, emanato con Decreto Rettorale n. 148 del 25 febbraio

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS L Università degli Studi di Camerino, Anno accademico 2012/2013 VISTO lo Statuto, emanato

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER IL CONTROLLO DEL DOLORE SUL TERRITORIO Alcune interessanti indagini europee sul dolore L assistenza domiciliare cure palliative Protocollo sedazione palliativa al domicilio REVIEW

Dettagli

COMUNE DI TORRE S. SUSANNA. (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

COMUNE DI TORRE S. SUSANNA. (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO UNICO ALLA DELIBERAZIONE DI G. C. N. 194 DEL 21.11.2002 COMUNE DI TORRE S. SUSANNA (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario,

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

IL PROGETTO ALZHEIMER:

IL PROGETTO ALZHEIMER: Il progetto sperimentale Alzheimer, finanziato dalla Fondazione Cariverona per supportare i familiari delle persone affette da demenza, è cofinanziato dai Comuni di Belluno e Ponte nelle Alpi e dall Azienda

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione ai soci lavoratori della Cooperativa OSA

OGGETTO: Comunicazione ai soci lavoratori della Cooperativa OSA Operatori Sanitari Associati OGGETTO: Comunicazione ai soci lavoratori della Cooperativa OSA Il 28 Febbraio è ripresa l attività formativa prevista dal corso AIACE (Assistenza domiciliare Integrata A Complessità

Dettagli

CURA E FAMIGLIA 2 convegno di approfondimento

CURA E FAMIGLIA 2 convegno di approfondimento CURA E FAMIGLIA 2 convegno di approfondimento Luca Romano Direttore Local Area Network ROMA, Martedì 13 Gennaio 2015 Auditorium del Lavoro via Rieti IL PERCORSO DEI FOCUS GROUP PIEMONTE Torino 3 Novembre

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE AZIENDA USL 10 FIRENZE Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N. 13 INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA A PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza AVVISO PUBBLICO IL SINDACO rende noto che, ai sensi e per effetto della Delibera di Giunta Comunale n. d Ord. 63

Dettagli

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE Il Progetto Vesta è uno studio osservazionale multicentrico su soggetti

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

CECCHETTO - SALVATORI e Associati

CECCHETTO - SALVATORI e Associati Progetto1:Layout 1 3-06-2010 12:15 Pagina 1 Studio Infermieristico Associato CECCHETTO - SALVATORI e Associati ASSISTENZA INFERMIERISTICA FORMAZIONE CONSULENZA Carta dei Servizi Progetto1:Layout 1 3-06-2010

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Cognome e Nome. Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Cognome e Nome. Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961 INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale In servizio presso l Unità Operativa/Unità Organizzativa Numero telefonico dell

Dettagli

Psicologa - Psicoterapeuta INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

Psicologa - Psicoterapeuta INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E D O T T. S S A R A F F A E L L A G A L L I Psicologa - Psicoterapeuta Io sottoscritta Raffaella Galli, consapevole delle sanzioni penali

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

LA RIABILITAZIONE IN ADI

LA RIABILITAZIONE IN ADI Azienda USL3 di Pistoia LA RIABILITAZIONE IN ADI LA RIABILITAZIONE DOPO ICTUS E FRATTURA FEMORE IN TOSCANA Firenze 17 Aprile 2012 Franco Giuntoli UORRF Aziendale Simone Bonacchi UORF Zona Distretto Pistoiese

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Tirocinio di Formazione ed Orientamento dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie

ISTRUZIONE OPERATIVA Tirocinio di Formazione ed Orientamento dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie Pagina 1 di 15 ISTRUZIONE OPERATIVA Tirocinio di Formazione ed Orientamento dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie Rev. Natura delle modifiche Redazione Verifica Approvazione Data 1 Seconda stesura

Dettagli

MASTER di I Livello. MA364 - Comunicazione ed Educazione Terapeutica 1ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA364

MASTER di I Livello. MA364 - Comunicazione ed Educazione Terapeutica 1ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA364 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA364 Pagina 1/8 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SANITÀ Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2014/2015 Durata Durata

Dettagli

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care 1 Sessione: Prevenzione e valutazione delle L.D.D: studi ed esperienze a confronto 8.30-8.45 Introduzione: Maddalena Galizio (B)

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI INTRODUZIONE Il problema dell errore di terapia in sanità è un problema reale, tuttavia, la frequenza degli errori legati ai farmaci è, secondo alcuni studiosi, sottostimata in Italia (Ledonne, 2009).

Dettagli

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova?

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e la Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova dal 1975 INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? Passato, presente,

Dettagli