Il Piano annuale di Formazione 2013 viene pubblicato sui siti intranet ed internet aziendali. Esso viene inviato alla Direzione Aziendale, a tutti i

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Piano annuale di Formazione 2013 viene pubblicato sui siti intranet ed internet aziendali. Esso viene inviato alla Direzione Aziendale, a tutti i"

Transcript

1 PIANO ANNUALE DELLA FORMAZIONE 2013 Lista di distribuzione Il Piano annuale di Formazione 2013 viene pubblicato sui siti intranet ed internet aziendali. Esso viene inviato alla Direzione Aziendale, a tutti i responsabili di Area/Dipartimento/Macrostruttura, agli Amatori di formazione aziendali e convenzionati. In base alla normativa regionale vigente viene inviato agli uffici competenti dell Assessorato per il Diritto alla Salute. Il documento viene messo a disposizione in copia cartacea per Ordi, Collegi Associazio che ne faranno richiesta. 1

2 Piano di formazione 2013 Sommario PPrreemeessssaa ee LLi inneeee ssttrraatteeggi icchhee Ambbi itti i eedd Obbi ieetttti ivvi i ffoorrmaatti ivvi i ppgg.. 33 ppgg.. 44 Obbi ieetttti ivvi i ffoorrmaatti ivvi i ssttrraatteeggi icci i (DGRRTT. ( / / ) ) PPgg.. 55 Innddi I irri izzzzi i meettooddool looggi icci i ggeenneerraal lii SSvvi iluuppppi i ddeel llaa ssttrruuttttuurraa aazzi ieennddaal lee ddeel llaa ffoorrmaazzi ioonnee LLee nnoorrmee aazzi ieennddaal lii ssuul llaa ffoorrmaazzi ioonnee PPeerrssoonnaal lee ddaa ccooi innvvool lggeerree Settori dell orgazzazione aziendale sui quali si intende agire Patroci e sponsor Conflitti d interesse SSttrruumeenntti i ddi i vveerri iffi iccaa RRi issoorrssee ffi innaannzzi iaarri iee RRi issoorrssee uumaannee Elenco degli eventi formativi programmati ppgg.. 66 ppgg.. 77 ppgg ppgg ppgg ppgg ppgg ppgg ppgg ppgg

3 Piano di formazione 2013 Premessa e Linee strategiche L Accordo Stato-Regio del 19 aprile 2012 concernente Il nuovo sistema di formazione continua in medicina -Linee guida per i Manuali di accreditamento dei provider, albo nazionale dei provider, crediti formativi trieno 2011/2013, federazio, ordi, collegi e associazio professionali, sistema di verifiche, controlli e motoraggio della qualità, liberi professiosti ; rappresenta un momento cruciale nella costruzione del nuovo Programma nazionale ECM. L'Accordo traccia nuove regole per rendere omogeneo il Sistema ECM su tutto il territorio nazionale, introducendo un più concreto sistema di sinergie e strategie condivise tra i diversi attori della Formazione Continua in Satà. Tale novità viene articolata nella istituzione delle linee guida per i Manuali di accreditamento dei Provider, nel ruolo degli Ordi e Collegi professionali, nelle funzio di verifica e controllo sulle attività formative ai crediti da maturare nel trieno 2011/13, nell albo nazionale dei Provider e nella formazione continua per i liberi professiosti. Sul piano dei crediti formativi da maturare l Accordo ha confermato il debito formativo di 150 crediti per il trieno 2011/13 per tutti i professiosti satari, con un massimo di 75 e un mimo di 25 crediti annui. Il testo ha comunque previsto la possibilità di riportare dal trieno 2008/10 fino a 45 crediti. I liberi professiosti possono "acquisire i crediti formativi attraverso modalità flessibili per crediti/anno". Con la Circolare 6 del 22 Febbraio 2013 la Federazione Nazionale Collegi IPASVI informa circa la seguente determina della Commissione Nazionale per la Formazione Continua, adottata nella seduta del 7 febbraio u.s.: Gli infermieri professionali, per il trieno in corso (2011/2013), possono acquisire il 100% dei crediti formativi per la tipologia formazione a distanza con o senza tutoraggio. Con la Delibera n, 599 del 10 Luglio 2012 la Regione Toscana emana l'atto di recepimento del nuovo Accordo Stato-Regio, dettando le linee per la formazione ECM L'atto regionale esplicita le linee d'indirizzo derivanti dalle aree tematiche e dagli obiettivi tracciati dall' Accordo, entro cui dovrà muoversi la formazione degli operatori. Esso ribadisce la necessità di contenere al massimo il ricorso alla formazione esterna, intendendo sia il ricorso alla docenza esterna al SSR, sia la partecipazione del personale alle iziative formative non orgazzate dalle Aziende satarie toscane e di concentrare le risorse dispobili sulla formazione obbligatoria collettiva. 3

4 Piano di formazione 2013 Ambbi itti i eedd Obbi ieetttti ivvi i ffoorrmaatti ivvi i E' necessario sottolineare che gli obiettivi dell'attività formativa delineati dal sistema di formazione continua in medicina tramite i successivi Accordi Stato-Regio sono suddivisi in: 1. obiettivi di sistema, rivolti a tutti i professiosti della satà e finalizzati al miglioramento dell'appropriatezza e sicurezza dei processi di produzione delle attività satarie; 2. obiettivi di processo, con tematiche legate al miglioramento della qualità dei processi nella specifica area sataria in cui si opera; 3. obiettivi tecco-professionali, finalizzati alla acquisizione di conoscenze e competenze proprie di ciascuna professione e disciplina. Sono 29 le aree in cui si articolano gli obiettivi formativi della formazione, che vanno a comporre il dossier formativo individuale di ciascun professiosta. Alla luce degli atti di riorgazzazione del sistema regionale contenuti nelle Delibere 754 del 10/08/2012, attuativa del D.L. 95/2012 avente ad oggetto revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadi e la Delibera 1235/2012 che attua a livello regionale e nel settore satario tale riorgazzazione. Tenuto conto di quanto stabilito da questo atto occorre predisporre, in consonanza con il Polo formativo di Area Vasta, gli strumenti formativi in particolare per i seguenti obiettivi: 1. Riassetto delle Cure Primarie e nuovo ruolo dei professiosti attraverso l'obiettivo dello sviluppo del ruolo dei professiosti delle Cure primarie e della loro integrazione. In questa prospettiva occorre ulteriormente sviluppare la Satà di Iziativa, continuando a sensibilizzare gli operatori sul modello operativo dell Expanded Chroc Care Model. (Si veda a tale proposito quanto espresso nella Delibera n.716 del 03/08/2009); 2. Al fine della riorgazzazione della rete dell'emergenza territoriale la formazione potrà concorrere nell'obiettivo della riqualificazione della rete del volontariato attraverso la formazione BLSD dei soccorritori volontari di livello avanzato. 3. Circa l'obiettivo concernente la razionalizzazione dei laboratori analisi, la formazione potrà concorrere attraverso percorsi di Integrazione del personale e con la formazione dei Medici di Medicina Generale e medici specialisti. Per quest'ultimo target si tratta di operare nel senso del miglioramento dell appropriatezza prescrittiva. 4

5 Piano di formazione 2013 Obbi ieetttti ivvi i ffoorrmaatti ivvi i ss ttrraatteeggi icci i ((DGRRTT / / )) Come indicato dalla Dgrt. 599/2012 e facendo riferimento al Piano Triennale della Formazione si vedano gli obiettivi strategici defiti per la nostra azienda per l'anno in corso col relativo indicatore di esito: Descrizione obiettivo Indicatore Satà di Iziativa: il modello operativo dell Expanded Chroc Care Model; Continuità dei percorsi diagnostico-terapeutici territorio ospedale territorio; Formazione sulle tecche di riamazione, considerando in particolare l'obiettivo della riqualificazione della rete del volontariato; Percorsi di integrazione delle competenze attraverso la promozione del lavoro e della crescita interprofessionali; Riorgazzazione dei laboratori analisi: appropriatezza prescrittiva e percorsi di integrazione del personale; Progetto formativo"multidisciplinarietà in riabilitazione cardiologica e in prevenzione secondaria: dalla valutazione al!'educazione terapeutica"; - N eventi formativi realizzati; - Profili professionali coinvolti; - N eventi formativi realizzati; - Profili professionali coinvolti; - N operatori volontari partecipanti ai corsi; - N totale dei partecipanti per profilo professionale; - N eventi con specifico obiettivo sul totale degli eventi realizzati; - N partecipanti per profilo professionale; - N MMG coinvolti negli eventi; - Realizzazione edizio a cura della ASL 12 di Viareggio; Progetto Regionale Codice Rosa; - N partecipanti Azienda USL 12 di Viareggio per profilo professionale; Formazione sulla sicurezza (D. Lgs. 81/2008); Progettazione e condivisione di contenuti formativi del Polo formativo di Area Vasta; Sviluppo di contenuti originali FAD (Gestione Rischio Clico). Formazione continua rivolta alle reti di operatori aziendali (Referenti per l'accreditamento e la Qualità RAQ, Facilitatori Gestione del Rischio clico) - N partecipanti per profilo professionale; - N eventi formativi a valenza di Area Vasta per quantità degli operatori ASL 12 di Viareggio coinvolti e per profilo professionale; - Realizzazione corso FAD - N eventi realizzati - Grado di partecipazione per tipologia di rete 5

6 Piano di formazione 2013 Indirizzi metodologici generali La metodologia d'intervento nella formazione non può non essere interessata dall'obiettivo generale del mantemento del livello e della qualità dei servizi attualmente gati e dal principio della centralità del paziente nell orgazzazione sataria. A tale scopo, riprendendo quanto affermato dalla DGRT. 599/2012, riteamo di primario interesse per la formazione aziendale promuovere la multidisciplinarietà e l'integrazione delle competenze attraverso la promozione del lavoro e della crescita interprofessionali. Al fine dello sviluppo di iziative tese a realizzare in og azienda sataria del SST un generale processo di razionalizzazione delle risorse, nell'attuale quadro economico caratterizzato dalla costante contrazione delle risorse dispobili, occorre, come sottolineato anche nella DGRT del 28/12/2012 di approvazione delle linee di indirizzo alle aziende satarie ed alle Aree vaste...valorizzate le competenze, le intelligenze e le volontà dei professiosti satari, che avranno la responsabilità di saper sviluppare pensieri, prassi e ambiti d intervento incisivi e originali, perché per i cambiamenti che ci attendono non basterà mettere mano solo a variazio nell utilizzo delle risorse. Tali indirizzi sottintendono modalità formative interattive che offrono l'opportutà di dialogo sui problemi e sulle soluzio in un'ottica di confronto e condivisione sui percorsi offerti. Sarà oggetto di particolare attenzione anche per quest anno la valutazione dei risultati (valutazione dell apprendimento, gradimento ed impatto) da parte dei Responsabili delle strutture proponenti gli eventi, in collaborazione con gli Amatori di Formazione tramite specifici indicatori già individuati dai Responsabili scientifici. La formazione dei Medici di Medicina Generale (MMG), Pediatri di Libera Scelta (PLS) e Specialisti ambulatoriali avviene sulla base di specifici programmi e finanziamenti regionali, in accordo con i propri Amatori di formazione. La loro partecipazione ad ulteriori eventi formativi aziendali viene preventivamente concordata. 6

7 Piano di formazione 2013 SSvvi iluuppppi i ddeel llaa ssttrruuttttuurraa aazzi ieennddaal lee ddeel llaa ffoorrmaazzi ioonnee Clima interno MeS I risultati di clima interno del MeS. per l anno 2012 hanno evidenziato giudizi utili per capire la percezione che dirigenti e dipendenti hanno delle attività formative aziendali. Per questi ultimi vi sono in generale giudizi negativi circa le opportutà formative offerte, soprattutto l insoddisfazione si fa più grande nella macroarea dell ospedale con il 63.4% di voti negativi espressi. Nutrono poi forti dubbi in generale, ma soprattutto nella macroarea del Dipartimento, sul fatto che in azienda la formazione sia davv considerata come uno strumento efficace per sviluppare le competenze del personale. Quando però si va ad approfondire circa l utilità della formazione svolta sul miglioramento del modo di lavorare la gran parte concorda, con una quota sigficativamente più alta fra gli operatori della prevenzione. Circa i sistemi di condivisione delle informazio sulle opportutà formative per i dipendenti, questi appaiono moderatamente adeguati, visto che oltre il 54% si ritiene informato. Buona appare poi la quota di coloro che hanno partecipato a percorsi formativi orgazzati dall Azienda negli ultimi an, visto che copre oltre l 80% dei rispondenti. In generale poi i dipendenti si ritengono insoddisfatti circa i metodi e la qualità con cui sono svolte le attività formative. Il Piano di miglioramento A seguito dell audit del 18 Gennaio scorso per il quale la nostra struttura ha mancato l accreditamento standard in qualità di provider regionale, la nostra struttura ha proposto alcune misure per il superamento delle criticità riscontrate. In relazione a queste ultime sono previste le seguenti azio di miglioramento: Ambito in cui sono state rilevate Azio di miglioramento previste criticità 1. Modalità di rilevazione del Azio effettuate - predisposizione di un documento di carattere tecco contenente le linee fabbisogno formativo d indirizzo formative per l anno corrente sulla scorta delle novità normative in occasione della presentazione del Piano di formazione. 2. Flusso Anagrafe formativa Azio effettuate - riorgazzazione e presidio completo dei singoli eventi da parte di 7

8 Piano di formazione 2013 tutti gli operatori Azio da effettuare - invio flussi integrativi mensili previo contatto con le strutture regionali. 3. Non conformità nella tenuta dei Azio effettuate fascicoli formativi - riorgazzazione e presidio completo dei singoli eventi da parte di tutti gli operatori - revisione fascicoli anno Conflitto d interessi Azio effettuate - miglioramento dei processi relativi alla rilevazione del conflitto d interessi; - predisposta, accreditata e pubblicata nuova modulistica per lo specifico ambito. 5. Inserimento eventi nel sistema regionale di accreditamento e rilevazione presenze Nessuna azione prevista 6. Elaborazione percorso suggerimenti / reclami Azio effettuate - stesura di una procedura ad hoc; Azio da effettuare - Raccolta reclami formalizzati e inserimento in apposita procedura: contemporaneamente all attivazione dei corsi dell anno corrente. Appare perciò necessario predisporre alcune linee strategiche che si muoveranno su due direttrici fondamentali: 1. orientamento della struttura al cliente interno, al fine di restituire in pieno alla formazione la propria digtà di leva strategica per il cambiamento orgazzativo; - l operatore e le sue necessità di aggiornamento ritornano al centro del sistema formativo; - diventa prioritario l approccio comucativo con le strutture ed i loro bisog di formazione; - la formazione mette al centro i processi e sviluppa contenuti, non è solo funzione di supporto a procedimenti ammistrativi. 2. apertura al mercato formativo esterno, al fine di aumentare le capacità della struttura di sostenersi ed allo stesso tempo sviluppare qualità. La realizzazione di tali finalità passa attraverso l introduzione di alcu obiettivi operativi, tra cui: - il miglioramento della comucazione con i clienti inter e con le professionalità sociosatarie del territorio; 8

9 Piano di formazione sviluppo delle capacità di autocontrollo della struttura sui propri percorsi, attraverso: - gestione più articolata del percorso di lettura dei reclami e sviluppo delle conseguenti azio di miglioramento; - riorgazzazione delle competenze nell ottica della gestione manageriale dei percorsi. Sarà necessario dedicare attività formativa mirata all area ammistrativa. LLee nnoorrmee aazzi ieennddaal lii ssuul llaa ffoorrmaazzi ioonnee Viene riconfermata la regolamentazione stabilita negli an precedenti ed integrata nel Manuale della Formazione la cui ultima versione è reperibile dal sito Intranet nell'area Documenti Formazione sottosezione Documentazione, oppure dal sito Internet al seguente indirizzo: Viene introdotta la procedura di gestione dei reclami, quale parte integrante del Manuale della Qualità della formazione. Per quanto concerne la partecipazione in qualità di discenti del personale esterno all'azienda USL 12 di Viareggio od al Servizio satario, potranno essere ammessi professiosti dei profili corrispondenti ai destinatari dell'evento formativo aziendale. L'ammissione è soggetta all'autorizzazione del Responsabile scientifico dell'evento ed è subordinata al pagamento di una quota di partecipazione. Per l'anno 2013 tale quota risulta così stabilita: -. 30,00 (al netto di IVA e altre maggiorazio di legge, se dovute) per eventi della durata di mezza giornata (mattina o pomeriggio); -. 60,00 ( al netto di IVA e altre maggiorazio di legge, se dovute) per eventi della durata di una intera giornata; - per eventi di più lunga estensione temporale la quota è determinata dall'effettiva durata dell'evento. Per quanto concerne l gazione di corsi FAD dal Portale USL 12 Viareggio rivolta sempre a clienti ester all Azienda USL 12 Viareggio, la quota di partecipazione utaria, omcomprensiva dei diritti di licenza d uso, verrà pubblicata direttamente sulla pagina del portale all indirizzo o dal sito Aziendale alla pagina 9

10 Piano di formazione 2013 Personale da coinvolgere tipologia di personale num al 31/12/2012 Medici 335 Veterinari 9 personale laureato biologi 9 chimici 2 fisico 1 farmacisti 13 ingegneri 5 psicologi 15 sociologi 1 amm.vi 9 dirig. Infermieristico 1 personale infermieristico 807 OSS 242 Tecci Riab. 59 Tecci RX 41 Tecci Laboratorio 47 Tecci Neurologia 5 Tecci Vigilanza 37 Ruolo Tecco 116 Ruolo Amm.vo 171 Ortottisti 2 Audiometristi 1 Podologi 2 Educatori Prof. 15 Assistente sociale 18 Assistenti satario 2 dietisti 2 altro 0 Totale generale

11 Piano di formazione 2013 Settori dell orgazzazione aziendale sui quali si intende agire Descrizione obiettivo SETTORI D INTERVENTO Tipologia professionale del personale da coinvolgere Satà di Iziativa: il modello operativo dell Expanded Chroc Care Model. - TERRITORIO OPERATORI DEI VARI PROFILI PROFESSIONALI MMG Continuità dei percorsi diagnostico-terapeutici territorio ospedale territorio. - TERRITORIO - OSPEDALE OPERATORI DEI VARI PROFILI PROFESSIONALI MMG Formazione sulle tecche di riamazione, considerando in particolare l'obiettivo della riqualificazione della rete del volontariato. Riamazione pediatrica. - ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO - DIPARTIMENTO EMERGENZA URGENZA OPERATORI VOLONTARI ASSOCIAZIONI DI SOCCORSO OPERATORI DEU E AREA MATERNO- INFANTILE Percorsi di integrazione delle competenze attraverso la promozione del lavoro e della crescita interprofessionali. Tutte le aree aziendali OPERATORI DEI VARI PROFILI PROFESSIONALI MMG Riorgazzazione dei laboratori analisi: appropriatezza prescrittiva e percorsi di integrazione del personale. AREA DEI SERVIZI DIAGNOSTICI AREE OSPEDALIERE TERRITORIO OPERATORI DEI VARI PROFILI PROFESSIONALI OPERATORI LABORATORIO ANALISI MMG Progetto formativo regionale FORMAS "Multidisciplinarietà in riabilitazione cardiologica e in prevenzione secondaria: dalla valutazione al!'educazione terapeutica" per le competenze assegnate alla nostra azienda. RIABILITAZIONE CARDIOLOGIA PSICOLOGIA OPERATORI COINVOLTI (RIABILITAZIONE, PSICOLOGIA, CARDIOLOGIA) Progetto Regionale Codice Rosa. Tutte le aree aziendali ed in particolare DEU, SERVIZIO SOCIALE, TERRITORIO, ASSOCIAZIONISMO OPERATORI DEI VARI PROFILI PROFESSIONALI Formazione sulla sicurezza (D. Lgs. 81/2008); Tutte le aree aziendali OPERATORI DEI VARI PROFILI PROFESSIONALI Progettazione e condivisione di contenuti formativi del Polo formativo di Area Vasta; Tutte le aree aziendali OPERATORI DEI PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI Sviluppo di contenuti originali FAD (Gestione Rischio Clico). Tutte le aree aziendali OPERATORI DEI VARI PROFILI PROFESSIONALI Formazione continua rivolta alle reti di operatori aziendali (Referenti per l'accreditamento e la Qualità RAQ, Facilitatori Gestione del Rischio clico) Tutte le aree aziendali OPERATORI DEI VARI PROFILI PROFESSIONALI 11

12 Piano di formazione 2013 Patroci e sponsor Conflitti d interesse In occasione delle verifiche per il raggiungimento dell accreditamento standard, la nostra struttura ha attivato tutta la strumentazione idonea ad ottemperare alla normativa in materia di sponsorizzazio di formazione individuale e di eventi, come previsto dalla DGR, 733/2005. Si ribadisce che il num massimo di crediti cumulabili dall'operatore è fino a un massimo di un terzo del debito triennale. Nel caso di sponsorizzazione di conveg e congressi è necessario che la richiesta di autorizzazione venga inviata almeno 60 gior prima della data di izio dell'evento formativo dalla segreteria orgazzativa nel caso di evento multi sponsor e dall'azienda farmaceutica nel caso di evento monosponsor. Per quanto concerne la predisposizione di strumenti atti a garantire attività non condizionate da conflitti d interesse, la struttura ha ottemperato a quanto richiesto circa - l attivazione di una procedura per la rilevazione di eventuali conflitti di interessi che individua anche le modalità di soluzione (Documento 04 rev. 02 wnload&gid=718&itemid=56); - la predisposizione nel questionario di gradimento degli eventi formativi della voce sull'eventuale rilevazione del conflitto di interessi ( T01 Rev. 1 wnload&gid=735&itemid=56 ); - modulistica per docente/relatore/moderatore/formatore/tutor in cui venga dichiarato l'eventuale conflitto di interessi personale e rispetto ai contenuti espressi nella relazione che il docente farà in aula ( T 38 Rev. 0 wnload&gid=809&itemid=56 ) Attualmente viene infine, applicata una procedura ad hoc che individua le regole sulla base delle quali vengono pagati rimborsi e onorari a docente/relatore/moderatore/formatore/tutor. 12

13 Piano di formazione 2013 Strumenti di verifica E' fissato per il periodo Giugno 2013 l'avvio e la conclusione del procedimento di verifica intermedia sull'attività svolta. E' fissato per il periodo 7-14 Dicembre 2013 l'avvio e la conclusione del procedimento di verifica finale sull'attività svolta nell'anno. Nel complesso delle attività di motoraggio del presente Piano, verranno utilizzati sia strumenti di tipo quantitativo che strumenti di tipo qualitativo. Strumenti di tipo quantitativo La soglia di accettabilità quantitativa fissata per l anno corrente è di 60% quale risultato percentuale del rapporto tra eventi realizzati su quelli programmati. La soglia di accettabilità quantitativa prevista alla verifica intermedia del primo semestre è di > o = a 30% La soglia di accettabilità quantitativa prevista alle verifiche intermedia e finale è > o = 70% quale risultato percentuale del rapporto tra personale coinvolto e personale programmato. Strumenti di tipo qualitativo 1. num degli eventi multiprofessionali su num eventi totali: > o = 60% ; 2. formazione sul campo (FSC) / formazione tradizionale: = 20% ; 3. eventi formativi da sottoporre a verifica di impatto: si vedano le tabelle seguenti: 13

14 Piano di formazione 2013 evento formativo 01 Eventi da sottoporre a valutazione d impatto Tecche di esecuzione e d interpretazione della spirometria (curva, flusso, volume) nello screeng della BPCO Strutture coinvolte Dipartimento Cure primarie Soggetti coinvolti Medici di medicina generale, Infermieri afferenti cure primarie Obiettivi Facilitare l individuazione di soggetti affetti da BPCO nell ambulatorio del Medico di Medicina Generale Metodologie didattiche lezio magistrali e discussio in aula Tipo di valutazione d impatto prevista Performance Valutazione di performance Obiettivo della valutazione,: miglioramento della presa in carico precoce dei soggetti con BPCO. Razionale: Linee Guida Toscana sulla BPCO: Raccolta dati ad hoc Valutazione sull utenza Non prevista Valutazione economica Non prevista 14

15 Piano di formazione 2013 evento formativo 02 Comucazione e satà d iziativa Strutture coinvolte Dipartimento Cure primarie Soggetti coinvolti Medici di medicina generale, Infermieri afferenti cure primarie Obiettivi Migliorare le tecche di comucazione nella promozione ed adozione da parte dei cittadi di sa stili di vita. Metodologie didattiche Lezio magistrali, gruppi di lavoro, discussio in aula su casi pratici Tipo di valutazione d impatto prevista Performance - Utenza Valutazione di performance Miglioramento della compliance nella presa in carico precoce del pz. Sviluppare i processi di partecipazione dei cittadi nella Satà d iziativa (art.15 c. 2 L.r. 40/2005) Allo scopo di misurare le variazio intervenute in termi di compliance ai mmg verrà proposto un questionario costruito allo scopo di misurare la variazione della compliance nel tempo (a 6 e 12 mesi di tempo dall evento formativo). Valutazione sull utenza Verrà valutata l opione dei pazienti inseriti nei percorsi di satà d iziativa con questionario a 6 mesi dall evento e sulla base dell indagine MeS. sulla percezione dei cittadi del Chroc Care Model (CCM). Per un confronto sui dati si veda a tale proposito l indagine Valutazione economica Non prevista 15

16 evento formativo 03 Piano di formazione 2013 Incontri Multidisciplinari di Anatomia Patologica di Area Vasta Nord-Ovest Strutture coinvolte Strutture di Anatomia Patologica di Area Vasta Nord-Ovest: Az. USL 1 di Massa Carrara; Az. USL 12 di Viareggio; Az. USL 2 di Lucca; Az. USL 5 di Pisa; Az. USL 6 di Livorno; A.O.U. Pisana. Soggetti coinvolti Tecci di laboratorio biomedico operanti in Anatomia Patologica (n 45 circa) e una rappresentanza dei Dirigenti di II livello di Anatomia Patologica (Responsabile Scientifico) Obiettivi Creare una rete di comucazione fra le varie Anatomie Patologiche di Area Vasta Nord-Ovest per migliorare gli aspetti gestionali, di Risk Management e culturali attraverso l'esperienza delle singole Utà Operative Metodologie didattiche Sviluppo di competenze, di tecche e di metodologie innovative, approfondimento degli strumenti applicativi necessari alla realizzazione di tali processi. Ciò avverrà attraverso lezio magistrali e discussio in aula (è prevista la presenza dell'amatore di Formazione), distribuzione di CD delle presentazio. Tipo di valutazione d impatto prevista Miglioramento della performance d orgazzazione in Area Vasta (ove possibile taluna Azienda potrà interviene nei confronti di altre Aziende momentaneamente in difficoltà) Valutazione di performance Test del grado di soddisfazione - Sommistrazione del test finale di apprendimento. - Verifica di apprendimento a 4 mesi di distanza dall evento formativo per valutare se l apprendimento ha avuto il risultato atteso, con griglie di osservazione da parte dei Direttori di Utà Operativa e dei Tecci Coordinatori. Il trasferimento dell impatto formativo sul lavoro darà i risultati attesi, in termi di cambiamento e miglioramento della professionalità. Se il trasferimento sul lavoro non avesse dato i risultati attesi ci si attiverà per individuare i momenti di difficoltà e facilitarne la soluzione. Valutazione sull utenza Verifica sul miglioramento dei tempi d attesa dei referti diagnostici og Anatomia Patologica Valutazione economica Il beneficio in termi di RISULTATI DI BUSINESS per il Servizio di Anatomia Patologica consisterà in 1. migliore orgazzazione dell attività lavorativa, 2. migliore comucazione fra utente e struttura con innalzamento del grado di soddisfazione delle parti coinvolte e riduzione del rischio clico. 16

17 Piano di formazione 2013 evento formativo 04 FAD su rischio clico Strutture coinvolte Gruppo Gestione Rischio Clico aziendale Soggetti coinvolti trasversale, sono coinvolti tutti gli operatori satari dell azienda Obiettivi Sviluppo delle conoscenze di base ed intermedie circa Metodologie didattiche Apprendimento e-learng Tipo di valutazione d impatto prevista Performance Valutazione di performance Verifica dell aumento di conoscenze in relazione ai vari aspetti in cui si articola la gestione del rischio clico. E prevista una verifica finale dell'apprendimento attraverso la sommistrazione in modo automatico a tutti i discenti di un questionario E possibile procedere alla compilazione del questionario solo dopo aver seguito l int corso e, a tal proposito, è garantita la rintracciabilità puntuale della fruizione totale delle lezio. Verifica dell aumento delle attività di gestione del rischio clico Attraverso un esame degli indicatori MeS. a disposizione (Indicatore C6a ) in particolare circa lo sviluppo del sistema di incident reporting. Valutazione sull utenza Non prevista Valutazione economica Non prevista 17

18 Piano di formazione 2013 evento formativo 05 RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Strutture coinvolte Aziende dell Area Vasta Nord Ovest Soggetti coinvolti Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza dell Area Vasta Nord Ovest Obiettivi Assicurare agli RLS una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza dei lavoratori, con particolare riferimento ai seguenti contenuti formativi previsti dal D.Lgs. 81/08 art. 37 comma 11: Principi giuridici comutari e nazionali Legislazione generale e speciale in materia di salute e sicurezza sul lavoro Principali soggetti coinvolti e relativi obblighi defizione e individuazione dei fattori di rischio valutazione dei rischi individuazione delle misure tecche, orgazzative e procedurali di prevenzione e protezione Aspetti normativi dell'attività di rappresentanza dei lavoratori Nozio di tecca della comucazione Metodologie didattiche Lezio frontali Tipo di valutazione d impatto prevista Performance Valutazione di performance Miglioramento del lavoro degli RLS attraverso questionari di apprendimento sommistrati a 6 mesi di tempo dalla realizzazione dell evento. Valutazione sull utenza Non prevista Valutazione economica Non prevista 18

19 Risorse finanziarie Le risorse assegnate per l'anno 2013 alla formazione dal Bilancio di previsione come da indicazio regionali sono le seguenti: Anno 2013 Importo in. Formazione Obbligatoria Collettiva ,00 Formazione Obbligatoria Individuale ,00 Formazione a carattere facoltativo 3.000,00 Finanziamento aziendale ,00 19

20 Piano di formazione 2013 Risorse umane Le risorse umane assegnate per l'anno 2013 come da funziogramma (Estratto da DOC. 08 Rev. 0 - TIPOLOGIA DI PRODOTTO / SERVIZIO UOS. FORMAZIONE DEL PERSONALE) sono le seguenti: U.O.S. Formazione del personale Direttore Dr. Roberto Della Cerra Coll. Amm. vo Luisella Farnocchia Ass. Amm. vo Massimo Baro Ass. Amm. vo Laila Vinci Sintesi competenze Tutte le funzio dirigenziali, coordinamento, supervisione di competenza, compreso il coordinamento degli A. di F.; componente del Comitato di Area Vasta NO in rappresentanza della Az. USL 12 di Viareggio; Componente dell Osservatorio aziendale della formazione Redazione e aggiornamento dei Regolamenti di settore; Gestione, orgazzazione, gazione e segreteria corsi collettivi Aziendali, Regionali, di Area Vasta; referente amm.vo per la Regione Toscana della gestione dei corsi per MMG, PLS, Specialisti ambul. e Medici Continuità assistenziale; Formazione individuale obbligatoria e facoltativa; Gestione e liquidazione docenze int./est. e rapporti con la Ragioneria; gestione delle sponsorizzazio e controllo sul conflitto di interessi; responsabile del procedimento per il Piano di formazione triennale e annuale; licitazio private; referente amm.vo per la relazione annuale della formazione; referente report informativi periodici Redazione e aggiornamento dei Regolamenti di settore; Tiroci e convenzio; Tiroci post-lauream per psicologi; Tiroci MMG; Stage e comandi dipendenti e non; Scuole di Specializzazione Area Medica e non; Asseg di ricerca; Manager F.A.D. (Formazione A Distanza); Incaricato per la predisposizione degli atti necessari per l Accreditamento Provider; Operatore amm. vo per la cooperazione internazionale; Formatore e facilitatore comucazione; Redazione e aggiornamento pagine sito web esterno Formazione del Personale. Referente Accreditamento e Qualità (R.A.Q.); Supervisione in qualità di RAQ pagine sito web interno ed esterno Formazione del Personale; 20

Modalità di diffusione

Modalità di diffusione PIIANO ANNUALE DELLA FORMAZIIONE 2015 Modalità di diffusione Il Piano Annuale di Formazione ( P.A.F ) 2015 viene pubblicato sui siti intranet ed internet aziendali, inviato alla Direzione Aziendale, a

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

Piano Sociale di Zona

Piano Sociale di Zona Piano Sociale di Zona 2010-12 Molfetta-Giovinazzo Protocollo Operativo Istituzione dell équipe integrata, multidisciplinare e multiprofessionale, per l affido familiare e l adozione Organizzazione, Funzioni,

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA Sistema di Gestione per la Qualità della Formazione del Personale

MANUALE DELLA QUALITA Sistema di Gestione per la Qualità della Formazione del Personale Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 Nuova Emissione Direttore UOS. Formazione del Personale Dr. Fabio Michelotti RAQ Laila Vinci Direttore UOS. Formazione del Personale Dr. Fabio Michelotti

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE 2012

RELAZIONE ANNUALE 2012 Regione Toscana Azienda UNITA' SANITARIA LOCALE n.6 di LIVORNO Viale Alfieri,36-57128 LIVORNO U.O. FORMAZIONE RELAZIONE ANNUALE 2012 Eventi programmati 292 Eventi realizzati 286 Percentuale realizzati

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 44409 (352) Anno 2015 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l articolo 6 della legge n. 341/90; VISTO l articolo 32 del Regolamento Didattico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE FORMAZIONE INTERDIPARTIMENTALE Economico-Finanziario Tecnologico Emergenza Anestesia e Rianimazione Ortopedia Immagini, Patologia Clinica, Medicina,

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze. Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città

SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze. Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città TIPO DI PROGETTO Promozione della salute AREA TEMATICA SALUTE E BENESSERE: percorsi di salute nella città di Firenze Promozione della salute nei Quartieri 1, 2, 3, 4 e 5 della città Stili di vita Alimentazione,

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA)

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) Art. 1 Istituzione del Master di primo livello per le funzioni di coordinamento

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

2011 ordinato per mese

2011 ordinato per mese Servizio Qualità, Formazione e Rischio Clinico REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Catalogo corsi residenziali 2011 ordinato per mese Aggiornato al 21 ottobre 2011 Note per il corretto utilizzo del catalogo

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015 OGGETTO: Approvazione "Progetto di Sviluppo delle cure domiciliari

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

Assegna i crediti e li trasmette

Assegna i crediti e li trasmette NUOVO SISTEMA ECM L ECM è il processo attraverso il quale il professionista della salute si mantiene aggiornato per rispondere ai bisogni dei pazienti, alle esigenze del Servizio sanitario e del proprio

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

DOCENTE LAUREA/SPECIALIZZAZIONE RUOLO ATTUALMENTE RICOPERTO DOTT. GIANFRANCO FINZI Responsabile Scientifico e Docente

DOCENTE LAUREA/SPECIALIZZAZIONE RUOLO ATTUALMENTE RICOPERTO DOTT. GIANFRANCO FINZI Responsabile Scientifico e Docente PIANO FORMATIVO 2015 Tipologia evento RESIDENZIALE Titolo Congresso interregionale ANMDO SARDEGNA e ANMDO SICILIA INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO: ESPERIENZE A CONFRONTO Sede HOLIDAY INN CAGLIARI, Viale

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

AIDS: troviamo la chiave per risolvere il problema Monitoraggio campagna informativa in collaborazione con Medici di Medicina Generale

AIDS: troviamo la chiave per risolvere il problema Monitoraggio campagna informativa in collaborazione con Medici di Medicina Generale Strutture aziendali coinvolte: U.O.S Educazione alla Salute AIDS: troviamo la chiave per risolvere il problema Monitoraggio campagna informativa in collaborazione con Medici di Medicina Generale Gruppo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi MODULO DI PRESENTAZIONE per la valutazione e l accreditamento di progetti di AUDIT CLINICO GENERALITÀ Titolo del Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo Rev.1 del 30 maggio 2013 Il modello organizzativo INDICE 1. Premessa 2. Missione 3. Sistema di responsabilità 4. Mappa dei processi 5. Mansionario 1. Premessa Un laboratorio congiunto di ricerca sui temi

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Wound management with modernity and innovation IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

www.lacrisalide.it 1

www.lacrisalide.it 1 www.lacrisalide.it 1 CHI SIAMO La Crisalide srl si occupa di formazione in ambito sanitario secondo il progetto ECM (Educazione Continua in Medicina) promosso e reso obbligatorio per tutti gli operatori

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus et in cute NUOVE

Dettagli

A.O.R.N Antonio Cardarelli di Napoli. Servizio Prevenzione e Protezione

A.O.R.N Antonio Cardarelli di Napoli. Servizio Prevenzione e Protezione SISTEMA DI CONTROLLO MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Proc. 01/2012/2013 Revisione 2 Pag. 1 di 10 /2014 STATO DATA FIRMA APPROVATO 28.03.2014 ARCH. ROSARIO DI MUZIO Sommario Introduzione... 3 Contenuti

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp V.Corridori Regione Toscana - Azienda Ospedaliera Universitaria Senese A.Monti Direttore UOC NPI Empoli-Membro gruppo di lavoro Riferimenti nazionali Legge

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12. N. 822 del Reg. Decreti del 30/12/2014 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.2012 OGGETTO: Attuazione

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

Allegato n. 2 ATTI STRUTTURE AFFERENTI ALLO STAFF

Allegato n. 2 ATTI STRUTTURE AFFERENTI ALLO STAFF Ambito organizzativo proponente / estensore Oggetto atto Atto Direttore Generale Atto Dirigenziale (ove necessaria Determina del Dirig./note) Organizzazione protocollo aziendale Gestione Albo Pretorio

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Art. 1 Finalità e compiti. Capo I - Finalità e compiti. 1) L'assistenza Psicologica si occupa degli aspetti psicologici attinenti la domanda

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi. Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza

CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi. Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza 1 Indice dei corsi 1. La gestione delle emergenze, BLS-D/PBLS-D e disostruzione delle vie aeree. Dedicato

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

La formazione nella sanità

La formazione nella sanità La formazione nella sanità Donatella Becchio 22 maggio La formazione continua in sanità 1. Alcuni punti di partenza 2. Il programma ECM 3. Alcuni dati del contesto piemontese 4. Punti di forza e di debolezza

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Num. cod. Fiscale 80012000826 REGIONE SICILIANA Partita I.V.A. 02711070827 ASSESSORATO PER LA SANITA' Dipartimento Ispettorato Regionale Sanitario Segreteria Direzione

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Il Governo Clinico delle Cure Primarie

Il Governo Clinico delle Cure Primarie Il Governo Clinico delle Cure Primarie Proposta 1.0 del 15 dicembre 2011 1. Obiettivo generale Acquisire metodologie, strumenti e modelli organizzativi per implementare il Governo Clinico nelle cure 2.

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE Le malattie croniche respiratorie sono, a tutt oggi, tra le patologie a più alto impatto sulla sopravvivenza, sulla qualità di vita, e sull assorbimento di risorse sanitarie, economiche e professionali,

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2012 FORMAZIONE STRATEGICA TRASVERSALE OBIETTIVO: A) AREA MANAGERIALE-GESTIONALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2012 FORMAZIONE STRATEGICA TRASVERSALE OBIETTIVO: A) AREA MANAGERIALE-GESTIONALE OBIETTIVO: A) AREA MANAGERIALE-GESTIONALE Prevenzione e gestione sinistri (in collaborazione con ASL 1 Imperiese) 180 vari profili tra Direttori e Coordinatori di S.C./Dipartimento 2.500,00 Durata: 6 ore

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Proposta di un percorso formativo integrato per la sicurezza de paziente

Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Proposta di un percorso formativo integrato per la sicurezza de paziente Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Proposta di un percorso formativo integrato per la sicurezza de paziente Verona, 15 dicembre 2008 Cinzia Bon Approccio integrato alla gestione del rischio Sicurezza

Dettagli

CENTRO DI FORMAZIONE A.O. OSPEDALI RIUNITI DI ANCONA

CENTRO DI FORMAZIONE A.O. OSPEDALI RIUNITI DI ANCONA Dipartimento: DIRMT Direttore: Dr. Mario Piani CORSO DI FORMAZIONE PER LA QUALIFICA DEL PERSONALE ADDETTO ALLA RACCOLTA DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI IV^ Edizione Anno Direttore del Corso: Dott. Mario Piani

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

PROCEDURA. Formazione del personale

PROCEDURA. Formazione del personale Pag. 1 PROCEDURA Data di applicazione 27 maggio 2009 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome Responsabile SFR Dott. P. Sacchetti 22/05/2009 Responsabile UF Dott.ssa N. Valdinoci Dirigente

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005

Dettagli

18ª EDIZIONE Sede di Castellanza

18ª EDIZIONE Sede di Castellanza REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE/DELLA PROFESSIONE OSTETRICA/DELLE PROFESSIONI RIABILITATIVE/DELLE PROFESSIONI

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi. Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza

CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi. Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza CATALOGO FORMATIVO di ANDI Servizi Offerta di corsi a catalogo per la formazione sulla sicurezza 1 Indice dei corsi 1. La gestione delle emergenze, BLS-D/PBLS-D e disostruzione delle vie aeree. Dedicato

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Premessa PERCORSO FORMATIVO Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Il presente percorso formativo nasce come supporto alla riorganizzazione del sistema sanitario

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Titoli di studio INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO ESPERIENZE PROFESSIONALI E LAVORATIVE

CURRICULUM VITAE. Titoli di studio INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO ESPERIENZE PROFESSIONALI E LAVORATIVE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Paradisi Renzo Data di nascita 26/01/67 Qualifica Dirigente Medico a rapporto esclusivo Incarico attuale Referente per l'educazione alla salute in

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASSANTE MARIA DOLORES Data di nascita 3/07/1957 Qualifica Dirigente medico Unità operativa/ ufficio Cure Primarie Distretto di Serra San Bruno Incarico attuale

Dettagli