A l z h e i m E R M I L I A O M A G N A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A l z h e i m E R M I L I A O M A G N A"

Transcript

1 Coordinamento Associazioni A l z h e i m E R M I L I A O M A G N A INSIEME PER FARE MEGLIO Piccola guida per chi assiste un malato di demenza

2 Il logo AlzheimER in copertina è realizzato da Sabina Ressia Alzheimer Emilia Romagna Coordinamento Associazioni Alzheimer Demenze dell'emilia Romagna Associazione di familiari operatori volontari di malati di: - Malattia di Binswanger, - Malattia di Creutzfeldt-Jacob, - Malattia da corpi di Lewy, - Sindrome di Gerstmann-Straussler-Scheinker, - Corea di Huntington, - Parkinson, - Malattia di Pick o Demenza frontale, - Idrocefalo normoteso

3 La malattia di Alzheimer La malattia deve il suo nome a colui che l'ha scoperta, Alois Alzheimer, e fu descritta per la prima volta nel E provocata da una degenerazione progressiva delle cellule del cervello che porta ad un lento declino delle facoltà cognitive, delle autonomie della vita quotidiana e degli aspetti del carattere e del comportamento. Parti di cellule nervose perdono a poco a poco la loro capacità di funzionare e finiscono per necrotizzare. Non si sa ancora né come né perc hé questi cambiamenti patologici si scatenino. La degenerazione si produce in zone cerebrali che controllano funzioni mentali importanti come la memoria, il linguaggio, la capacità di p i anificazione, la mobilità e l'orientamento nello spazio. Più il tempo passa, più i sintomi della malattia si accentuano e ne compaiono di nuovi. La durata media della malattia, una volta diagnosticata era valutata di 6/10 anni; oggi è molto più lunga e molto dipende dalle cure e dall assistenza delle quali il malato fruisce, c he sono in grado di rallentare (e modificare) il decorso della malattia. Si valuta all 8% il numero di persone di oltre 65 anni colpite dalla malattia di Alzheimer o da un'altra forma di demenza. Non si eredita la malattia ma la familiarità ad ammalarsi di Alzheimer. 3

4 Cos'è una demenza? La demenza è una sindrome, cioè un insieme di sintomi che possono avere cause differenti. Il complesso dei sintomi è formato da tre grandi aree principali che riguardano: le funzioni cognitive (sintomi cognitivi); le autonomie della vita quotidiana (sintomi funzionali); disturbi psicologici e del comportamento (sintomi comportamentali). La malattia d'alzheimer è la forma di demenza più frequente (50%) seguita da quella causata da lesioni vascolari e dalle forme miste. Se è vero che il più importante fattore di rischio riconosciuto è l età, questo non significa che, con l avanzare dell età la demenza sia inevitabile: esistono quindi persone anche molto anziane in totale possesso delle loro capacità mentali. Certo, con l età, la velocità di assimilazione delle informazioni è più lenta e cambia la capacità di apprendimento e di memorizzazione e questa è la ragione per la quale le persone anziane dimenticano facilmente, possono sentirsi rallentate e credersi colpite da un inizio di malattia, ma questo è segno di invecchaimento fisiologico. La diagnosi probabile di malattia di Alzheimer è clinica e può richiedere un tempo abbastanza lungo: si avvale di un esame obiettivo, di esami di laboratorio, di test neuropsicologici, e della raccolta di informazioni sia dal paziente, sia dai familiari, sulla sua storia e le sue abitudini. 4

5 Stadi della malattia L'evoluzione e l espressione della malattia varia da una persona all'altra per il gioco di molteplici fattori, quali la storia personale, la personalità premorbosa, il contesto di vita, la disponibilità ai rapporti sociali, l'età e lo stato generale di salute. Di solito la malattia inizia gradualmente ed in modo subdolo, con piccoli disturbi a cui solo a ritroso spesso si dà importanza, che nel corso degli anni, lentamente ma costantemente, peggiorano. Malgrado non si possa parlare di speranze di guarigione, oggi sappiamo che i farmaci, la qualità dell assistenza e le cure sono in generale in grado di modificarne l andamento migliorando la qualità della vita del malato e dei familiari. I primi sintomi Secondo l Alzheimer's Association vi sono dieci sintomi ai quali i parenti di una persona anziana devono prestare attenzione: dimenticanze, difficoltà ad eseguire compiti noti, problemi legati al linguaggio, disorientamento spaziale e temporale, perdita delle capacità di giudizio, difficoltà di ragionamento astratto, smarrimento di oggetti, cambiamenti repentini del tono dell'umore, cambiamenti di personalità, perdita di iniziativa. 5

6 Cure La ricerca è impegnata ad individuare le cause della malattia di Alzheimer e quindi ad oggi non esiste nessuna cura che permetta di guarire la malattia o di impedirne la progressione, tuttavia esistono diverse terapie in grado di migliorare il quadro dal punto di vista sia cognitivo, sia funzionale, sia psichico, con buone ricadute sull umore e l autonomia personale. Oltre alle cure farmacologic he, esistono approcci psico-sociali in grado di migliorare sensibilmente la condizione complessiva sia del paziente, sia dei familiari, con buoni risultati di efficacia anche sui disturbi sia cognitivi, sia psichici. 6

7 Cure farmacologiche I farmaci attualmente disponibili permettono di attenuare gli effetti della malattia, rallentando la distruzione delle sostanze chimiche che veicolano le informazioni da una cellula cerebrale all'altra e cercando di controllare i disturbi del comportamento. La cura può rallentare in maniera sensibile il deterioramento delle funzioni cognitive e ciò permette di mantenere più a lungo l'autonomia delle persone colpite. Sono in corso varie ricerche per sviluppare farmaci che siano in grado di bloccare la progressione della malattia o di agire sul processo patologico che la determina. Cure non farmacologiche o psico-sociali Gli approcci cosiddetti non farmacologici, che possono anche essere c hiamati inter venti psicosociali, si propongono sia di attenuare l impatto della malattia in termini di sintomi, sia di ridurne le conseguenze in termini di disabilità sociale, relazionale ed emotiva. Si suddividono in quattro grandi categorie: approcci orientati al comportamento; approcci orientati alle emozioni; approcci orientati alle cognizioni e approcci orientati alla stimolazione sensoriale. 7

8 Caregiver Con il termine caregiver si usa definire, nella letteratura anglosassone, "colui che presta le cure". Si distingue il "caregiver" informale, (il figlio, coniuge, più raramente un altro familiare o amico), dal "caregiver formale" (l'infermiere o qualsiasi altro professionista). Da tempo è noto che il caregiver ha un ruolo importante nella storia della malattia, in quanto il suo lavoro di cura può influire positivamente sulla sua evoluzione. 8

9 Le principali attività delle Associazioni a sostegno dei caregiver (*) Centri di Ascolto: punti di accoglienza telefonica o vis a vis, in grado di rispondere alle esigenze di aiuto, di supporto e di orientamento alle risorse presenti sul territorio. Ore di Sollievo: pacchetti di ore gratuite offerte dalle Associazioni ai familiari sulla base di progetti e obiettivi condivisi. Gruppi di auto aiuto e di sostegno: gruppi di familiari che condividono esperienze e vissuti. Consulenze psicologiche, legali, ambientali: colloqui individuali di sostegno con uno psicologo colloqui con un avvocato per questioni legali (es. amministratore di sostegno) colloqui e sopraluoghi con un architetto per necessità di adeguamento dell ambiente domestico alle mutate esigenze del malato. L ambiente può costituire una funzione protesica ad alcuni disturbi legati alla malattia. (*) Per conoscere le attività organizzate da ciascuna associazione si rimanda alle pagine specifiche. 9

10 Caffè Alzheimer o Amarcord: luogo di incontro sociale rivolto a familiari e malati, aperto anche ad altri soggetti, dove sono svolte attività alle quali possono partecipare i malati e i familiari. I familiari possono trovare momenti di confronto tra di loro e con esperti in un clima informale. I malati possono beneficiare di un clima di socializzazione, di attività occupazionali in un luogo di comune frequentazione sociale. Stimolazione Cognitiva: terapia non farmacologica che si rivolge soprattutto ai malati che sono ancora nella fase iniziale della malattia, condotta da personale specificatamente formato. Corsi di informazione: corsi rivolti ai familiari, ma anche agli operatori e alla cittadinanza interessata, sulle tematiche legate alla demenza. 10

11 PROTOCOLLO D INTESA REGIONALE TRA LE ASSOCIAZIONI ATTIVE NEL CAMPO DELLA DEMENZA (Statuto Coordinamento Associazioni Alzheimer e Demenze Emilia Romagna) Premesso che - Le associazioni Arad Bologna, G.P. Vecchi Modena, Per non sentirsi soli Vignola, Asdam Mirandola, Aima Reggio Emilia, AMA Ferrara, CAIMA Cesena, GAFA Carpi hanno tra i loro scopi: - il sostegno ai famigliari di persone affette da Alzheimer o altre forme di demenza; - la sensibilizzazione e l informazione delle cittadinanza e delle istituzioni sul tema della demenza; - la promozione di progetti per il miglioramento della qualità della vita per i malati di Alzheimer e altre forme di demenza e le loro famiglie; - la promozione del miglioramento degli stili di vita in un ottica di prevenzione. - le associazioni di cui sopra hanno collaborato nell ambito del progetto sovraprovinciale Demenze : la parola ai familiari gestito dal Centro di Servizio per il Volontariato di Modena e in questo contesto hanno potuto approfondire la conoscenza reciproca e lo scambio di esperienze. Rilevata la necessità di continuare nel percorso intrapreso e dotarsi di idonei strumenti per rapportarsi con la cittadinanza e gli enti pubblici nel perseguimento degli scopi comuni si conviene e stipula quanto segue: 11

12 1) Obiettivi: Nel rispetto dell autonomia delle singole realtà associative e dell autonomia progettuale di ogni associazione sul proprio territorio il presente protocollo mira a formalizzare la collaborazione delle associazioni stipulanti volta a realizzare i seguenti obbiettivi: - Valorizzare e sostenere le famiglie di ammalati di Alzheimer e altre demenze; - Promuovere strumenti di ascolto e sollievo per i famigliari di malati di Alzheimer e altre demenze; - Favorire il confronto e lo scambio di esperienze tra le associazioni che sul territorio regionale si occupano di Alzheimer e altre demenze; - Creare occasioni di confronto e un dialogo continuativo con le istituzioni,e in particolare, con la regione Emilia Romagna sul tema delle demenze e delle politiche e dei servizi a sostegno dei soggetti portatori di demenza e delle loro famiglie; - Promuovere la conoscenza delle problematiche legate al morbo di Alzheimer e alle demenze nei confronti delle cittadinanza; - Promuovere attività di prevenzione e stimolazione della memoria, migliorando lo stile di vita delle persone anziane. 12

13 2) Azioni Le associazioni aderenti si impegnano a deliberare ogni anno entro il mese di novembre il piano operativo di lavoro per l anno successivo in cui siano declinate le singole azioni concordate volte alla realizzazione degli obiettivi di cui sopra. Il piano di lavoro è corredato anche di un contestuale piano per il reperimento delle risorse economiche per la sua realizzazione. Il suddetto piano operativo sarà approvato dai singoli direttivi delle associazioni membri entro il mese di dicembre. 3) Modalità di lavoro Ciascuna associazione aderente si impegna a deliberare il piano di lavoro annuale e a partecipare alla sua realizzazione attraverso una persona appositamente delegata dal direttivo dell associazione. Per l attuazione del protocollo potrà essere nominato tra i delegati delle associazioni un portavoce con compiti di coordinamento del lavoro comune. Le delibere sono adottate con voto unanime degli aderenti. 13

14 Il porta voce si occupa della verbalizzazione degli incontri e delle relative delibere. Le attività realizzate nell ambito del protocollo sono valutate annualmente attraverso un incontro di verifica a cui sono invitati tutti i membri dei direttivi delle associazioni aderenti. 4) Risorse economiche Le risorse economiche per la realizzazione delle azioni di cui al punto due saranno reperite tramite: - attività di raccolta fondi comuni; - risorse provenienti dalle singole associazioni stipulanti; - la ricerca di finanziamenti per i singoli progetti; - donazioni e liberalità; - contributi di enti pubblici e istituzioni. Dal punto di vista tecnico i fondi raccolti e gli adempimenti amministrativi e contabili saranno affidati di volta in volta ad un associazione aderente capofila individuata in base al progetto e alle azioni da realizzare. 14

15 5) Aderenti successivi L adesione al presente protocollo d intesa è aperta a tutte le organizzazioni di volontariato iscritte al registro del volontariato o onlus che: - abbiano tra i loro scopi istituzionali il sostegno dei famigliari di portatori di Alzheimer e altre demenze; - condividano gli obbiettivi di cui al punto 1 - si impegnino al rispetto del presente protocollo attraverso la firma - si impegnino al rispetto delle modalità di lavoro concordate e a partecipare attivamente alla realizzazione del piano operativo deliberato di anno in anno. La domanda di adesione deve essere inoltrata al portavoce qualora nominato o ad una delle associazioni aderenti in forma scritta, allegando la documentazione necessaria per verificare la sussistenza dei requisiti. Le aderenti deliberano all unanimità sulla richiesta di adesione entro 30 giorni dalla ricezione. 15

16 6) Recesso ed esclusione Ciascuna associazione aderente può recedere dal presente accordo dandone comunicazione per iscritto alle altre indicando le motivazioni. In caso di nomina del portavoce, sarà sufficiente la comunicazione presso il domicilio del portavoce, che si incaricherà di informare le altre aderenti. Potranno essere escluse dal presente accordo le associazioni che perdano i requisiti di cui al punto 5, violino il piano di lavoro concordato o attuino comportamenti gravemente dannosi nei confronti delle altre associazioni aderenti. L esclusione è deliberata con voto unanime degli aderenti. 16

17 7) Rinnovazione Il presente protocollo si intende rinnovato tacitamente di anno in anno qualora non si intendano apportare modifiche, da proporre entro il mese di novembre di ciascun anno. Il protocollo d intesa può essere modificato in qualunque momento con il consenso unanime degli aderenti. Firma Arad Bologna G.p Vecchi Modena Per non sentirsi soli Vignola Asdam Mirandola Aima Reggio Emilia AMA Ferrara CAIMA Cesena GAFA Carpi Bologna, 21 settembre 2007 In seguito hanno aderiro al protocollo le associazioni: Ama Amarcord Castello D Argile Ama Amarcord San Pietro in Casale La Rete Magica Forlì 17

18 18

19 Associazione di Ricerca e Assistenza delle Demenze Bologna ONLUS L'Associazione A.R.A.D., Associazione di Ricerca e Assistenza delle demenze, è un'organizzazione no-profit con qualifica di o.n.l.u.s., fondata nel 1990 attualmente affiliata alla Federazione Alzheimer Italia e al Coordinamento Regionale Emilia Romagna. S ede associazione viale Roma 21, BOLOGNA Tel. 051/ ; fax 051/ C.F Centro di ascolto per familiari: tel. 051/ con operatore: dal lunedi' al venerdi' dalle 9.00 alle 12.00; con segreteria telefonica h24 sito: e mail: ATTIVITA' SVOLTE (COMPLETAMENTE GRATUITE). informazioni ed assistenza telefonica. invio materiale informativo. notiziario trimestrale *. assistenza domiciliare volontaria (mediante convenzione con l'auser)*. visita medica domiciliare (per persone non deambulanti)*. supporto psicologico individuale per i familiari*. supporto psicologico di gruppo per i familiari *. corso di informazione - formazione per familiari*. gruppo di auto-aiuto per familiari. consulenza legale*. informazioni e modulistica per pratica "Amministratore di sostegno". conferenze propedeutiche per la popolazione. corsi di "allenamento della memoria" (memory training) per Bologna e provincia*. corsi per operatori e corsi per volontari Infine l'a.r.a.d. realizza corsi e ricerche per il mantenimento della qualità della vita dell'anziano e per la prevenzione del decadimento cognitivo. * = solo per i soci 19

20 Gruppo Assistenza Familiari Alzheimer GAFA - Carpi Associazione di Volontariato ONLUS Centro ascolto Venerdì c/o Consultorio Demenze Distretto USL - stanza 99 Martedì SEDE c/o Casa del Volontariato Via Peruzzi 22 Sede: c/o Casa del VOLONTARIATO Via Peruzzi, Carpi tel Sito: ; Per sostenerci: Bonifico Bancario c/o UNICREDIT BANCA S.p.a. IBAN: IT 40 R Versamento su conto corretente postale n DEVOLVENDO il 5 dell'irpef specificando il Cod.Fisc ATTIVITA' SVOLTE - Ore di Sollievo, Cicli di assistenza GRATUITA e diretta a domicilio (per i malati e i familiari); - Gruppi di sostegno Auto-Aiuto per i familiari; - Corso di musicoterapia per i malati; - Aperitivi al Carpine (Caffè Alzheimer); - Corsi di rilassamento; - Progetti di formazione; - Invio periodico di News dell'associazione ai soci per familiari; - Rappresentanza presso le istituzioni delle istanze dei familiari e dei malati di Alzheimer; - Centro di Ascolto; - Collaborazione con altre associazioni e partecipazione alla realizzazione del periodico ANIMA; - Organizzazione e partecipazione a Convegni e Celebrazioni. 20

21 Associazione Ama-Amarcord Castello D'Argile - ONLUS Castello d Argile Sede associazione Via Matteotti Castello d'argile (Bologna) Telefono: Se vuoi sostenerci devolvi il 5 per mille dell IRPEF specificando il Cod.Fisc Obiettivi Sostenere i familiari di persone affetti da disturbi cognitivi e farli sentire meno soli. Progetti Amarcord al cafè: mercoledì dalle 9 alle al circolo MCL Via Matteotti n Punto di incontro con ammalati e loro familiari con animatori formati e specialisti per fare attività di stimolazione cognitiva, reminiscenza al fine di utilizzare le risorse residue. Corsi di informazione e sostegno; Corsi di allenamento alla memoria; Incontri tematici a cadenza mensile; Incontri mensili con i soci di: ascolto, informazione e sostegno; Organizzazione e partecipazione a diversi momenti di festa paesana per promuovere l attività dell Associazione. 21

22 CAIMA Cesena Care-givers Associazione Italiana Malati di Alzheimer - ONLUS Sede associazione Via Gadda, Cesena PUNTO DI ASCOLTO lunedì e venerdì: 9,30-11,30 Tel/fax: 0547/ sito web: Per devolvere una offerta potete: - Venire direttamente in associazione - Fare un versamento sul nostro conto corrente C/C IBAN : IT22A Cassa di Risparmio di Cesena - Destinare il 5 indicando il CF L Associazione CAIMA (Care Giver Associazione Italiana Morbo di Alzheimer) Onlus che non ha scopo di lucro e persegue il fine esclusivo della solidarietà sociale, si prefigge le seguenti finalità: - Tutelare e valorizzare le persone affette dalla patologia della memoria Morbo di Alzheimer- Demenze; - Svolgere azioni informative trasparenti e complete sulla malattia, il suo decorso e sulla rete dei servizi socio-sanitari territoriali; - Promuovere incontri e gruppi formativi per migliorare la collaborazione e la progettualità con i cittadini, gli enti pubblici e privati e gli operatori professionali; - Organizzare iniziative culturali, convegni, corsi di formazione e aggiornamento sulla tematica delle demenze; - Fornire l orientamento e l informazione sulle problematiche giuridiche mediche e psicologiche relative alla patologia; - Promuovere iniziative atte alla sperimentazione ed al miglioramento dell approccio terapeutico delle demenze; - Sostegno alla domiciliarità (compagnia e sostegno domiciliare e di piccoli gruppi) - Accompagnare malati e familiari con l utilizzo di un pulmino a laboratori occupazionali, centri diurni, gruppi di stimolazione cognitiva Amarcord al cafè. - Realizzare corsi di stimolazione della memoria e delle capacità cognitive - Promuovere e realizzare gruppi di auto-mutuo-aiuto. 22

23 Associazione Malattia Alzheimer Ferrara - ONLUS Punto Ascolto Lunedì Mercoledì Venerdì Dalle 0re 10 alle 12 Sede associazione Via Ripagrande, Ferrara Tel. 0532/ fax Devolvi il 5 per mille C.F Sito: ATTIVITA PER I FAMILIARI 1. Ascolto e ricevimento dei familiari nelle giornate di apertura dell Associazione, la malattia le prestazioni offerte all ammalato dai servizi sanitari sociali. 2. Distribuzione di materiale informativo e manuali per l assistenza al malato. 3. Pubblicazione e distribuzione della rivista 4. Supporto psicologico: Assistenza individuale gratuita fornita da una psicologa del reparto di neurologia dell Ospedale S. Anna di Ferrara, frutto dell Accordo di Programma ( ) con le Istituzioni quali il Comune, Ospedale, Università, Azienda USL e ASP. Gruppi Auto-Aiuto: ogni primo mercoledì del mese (dalle ore 14,30 alle ore 16,30 presso la sala riunioni dell ASP di Via Ripagrande,5 FE) i familiari dei malati si incontrano per condividere la loro esperienza e le loro difficoltà nel prendersi cura dei malati. AIUTARE AIUTA. 5. Consulenza Legale fornita da un avvocato gratuitamente, sempre grazie all accordo di programma, riguardo i diritti del malato quali: l amministratore di sostegno, la procura generale, l interdizione, etc.. 6. Corsi di formazione rivolti ai familiari proposti da Esperti del servizio Sanitario Regionale, dall Unità Operativa di geriatria e dall ASP - Centro Servizi alla Persona. ATTIVITA PER GLI AMMALATI Progetto Sostène: assistenza a domicilio in collaborazione con ASP alcuni ammalati vengono seguiti a domicilio da operatori qualificati. Progetto di promozione dell attività motoria, attivato da laureati in scienze motorie presso la palestra Eta-Beta e rivolto agli ammalati con difetti cognitivi progressivi e con lievi problematiche motorie. 23

24 "La Rete Magica" Associazione Amici per L'Alzheimer e il Parkinson ONLUS Sede Associazione Via E. Curiel Forlì Tel/Fax Sito: Sostieni l associazione: - con un versamento: c/c postale con un bonifico: IBAN IT66J devolvendo il 5 per mille indicando il C. F Punto d ascolto con operatore lunedì dalle 9,30 alle 11,30 mercoledì dalle 15,30 alle 17,30 Negli altri giorni è attiva la segreteria telefonica PROGETTI IN FASE DI ATTUAZIONE - Corsi di attività motoria e di musicoterapia per gli ammalati, familiari e volontari, affidati alla professionalità di esperti - Corsi con logopedista - Corsi con Psicologo per Training Autogeno per familiari, ammalati e volontari - Amarcord e Cafè tutti i Mercoledì dalle 15 alle 18 per ammalati, familiari, volontari. Attività: terapia occupazionale, stimolazione cognitiva aspecifica e incontri con Geriatra, Psicologa, Assistente Sociale, Operatrici di quartiere. Momenti di socializzazione e di divertimento. - Consulenza ai familiari per aiuti di tipo legale, per attivare la figura giuridica dell Amministratore di Sostegno - Incontri Informativi e Formativi con familiari, operatori, badanti e con tutti i cittadini sulle patologie Alzheimer, Parkinson e sulla gestione del Malato. 24

25 ASDAM ONLUS Associazione Sostegno Demenze e Alzheimer Mirandola Per devolveci il 5 per mille indica il nostro C.F CENTRO ASCOLTO Tel linea telefonica con operatore il Martedì ore Venerdì ore Sabato ore 9-11,30 segreteria telefonica Sede Associazione: Via Castelfidardo, Mirandola (Mo) Tel Cell Iniziative per malati, familiari, volontari: "Incontriamoci e parliamone" Centro di Ascolto Gruppo di auto-aiuto "Ore di sollievo" Sostegno domiciliare gratuito Alzheimer Caffè Ore di rilassamento, Metodo Jacobson Riabilitazione Cognitiva Festa per il Volontariato a Mirandola Giornata Mondiale dell'alzheimer 21 Settembre Per iniziativa di familiari, frequentanti il gruppo di sostegno psicologico che si svolge una volta al mese al Consultorio di Mirandola, si è costituita, il 24 Marzo 2002, l Associazione ASDAM onlus (Associazione Sostegno Demenze e Alzheimer Mirandola) con sede in Via Castelfidardo, 40. Lo scopo principale dell Associazione è assistere le famiglie colpite da questa terribile malattia e farle sentire meno sole. In collaborazione con il Servizio Assistenza Anziani dell Unione dei Comuni, ha gestito, gratuitamente, dei corsi per familiari con incontri di discussione per conoscere la demenza e le sue problematiche, cambiando i luoghi di incontro e per coprire il territorio dell Area Nord. 25

26 Associazione Associazione Familiari malati di Alzheimer G.P. Vecchi - Pro senectute et dementia Modena ONLUS Sede associazione Viale Vittorio Veneto Modena Tel Segreteria Centro Ascolto c/o RSA 9 Gennaio Via Paul Harris Modena Tel sito: SOSTIENICI Banca popolare dell Emilia Romagna Sede Mo c/c n Cod CAB Cod ABI IBAN IT80A Conto Corrente Postale N IBA IT12X ATTIVITA' SVOLTE Seminari specifici su progressi clinici, setting assistenziali e ricerca applicata Centro d'ascolto "Solidalmente" con operatori dedicati Caffè Alzheimer : convegni tematici a cadenza mensile Gruppi di auto mutuo aiuto : con l assistenza di uno psicologo Tè per due : momento d incontro tra familiari, con malati occupati in attività. Corsi di Rilassamento : per aiutare i familiari a ridurre le tensioni Tutte le attività sono erogate a titolo gratuito, è quindi importante reperire risorse economiche con l iscrizione annuale (quota 20 euro), donazioni e la destinazione del 5 per mille (C.F ). 26

27 Sede associazione cc/o RSR Giovanni XXIII Via Papa Giovanni XXIII, Albinea (RE) Tel.: Fax Sito AIMA nazionale: Associazione Italiana Malattia di Alzheimer - ONLUS sede provinciale di Reggio Emilia PER SOSTEN ERCI: c/c bancario Banca Reggiana Credito Cooperativo agenzia 2 di RE Codice IBAN: IT 97 B c/c postale n intestato a: AIMA ONLUS sezione prov. di RE Via Papa Giovanni XXIII, Albinea (RE) Destinazione 5xmille Cod. Fisc ATTIVITA' E PROGETTI Demenza, circondiamola di aiuto : Centri di Ascolto sui territori della Provincia con operatore dedicato Una persona per chi assiste un malato di demenza : Progetto per il supporto e l emergenza domiciliare Stare insieme per stare meglio : Progetto Caffé Incontro per i malati e i loro familiari Gruppi di sostegno per familiari Consulenze psicologiche, legali e ambientali/architettoniche Non è più la persona di una volta : Incontri di formazione/informazione per familiari ed operatori Progetto di stimolazione cognitiva e funzionale Armonia e movimento stimoli per la mente : stimolazione psico-corporea e motoria Momenti di sensibilizzazione alla cittadinanza Convegni scientifici Par tecipazione alla realizzazione del film Tempo Vero di Daniele Segre sul lavoro di chi si prende cura di un malato di demenza

28 Associazione Ama-Amarcord San Pietro in Casale ONLUS Sede associazione P.zza Calori n San Pietro in Casale (Bologna) Tel SOSTIENICI per donazioni Cassa di Risparmio di Cento filiale di San Pietro in Casale IBAN IT10R per devolvere il 5 per mille codice fiscale: quota associativa annuale: euro 10,00 Progetti per gli anziani e i malati "Amarcord al cafè - Tutti i venerdì dalle ore 9 alle 11,30 presso il circolo Giovanni XXIII in P.zza Calori, 2 San Pietro in Casale. Oggi sei ospite a casa mia Un familiare, a rotazione, accoglie un gruppo di anziani presso la propria abitazione ( Sabato pomeriggio) Oggi sei ospite da noi Questo progetto si svolge nei centri diurni una volta alla settimana (Mercoledì pomeriggio) Pomeriggio insieme Nel nuovo centro diurno locale Casa Dovesi incontro tra ospiti della struttura e partecipanti all Amarcord al Cafè. Per i familiari ed i volontari Amarcord al cafè Mentre gli anziani svolgono attività a loro dedicate, i famigliari in base ai bisogni espressi ricevono informazioni sulla patologia della malattia, sostegno psicologico individuale e di gruppo. Corsi di informazione e sostegno Corsi di allenamento alla memoria Incontri mensili su tematiche informative Per soci e tutta la cittadinanza EVENTI : Grande festa Annuale di ricorrenza della nascita dell Amarcord al Cafè. Conferenze su tematiche legate alla malattia tutte le iniziative vengono offerte gratuitamente 28

29 Associazione Per Non Sentirsi Soli un sostegno a chi convive con L'Alzheimer - ONLUS Sede associazione Via Bontempelli, Vignola (Mo) Tel Cell sito: Per sostenerci: CONTO CORRENTE BANCARIO n. 865/09 Unipol Banca, filiale di Vignola (017) IBAN: IT25P CC CONTO CORRENTE POSTALE n IBAN: IT79T SCEGLI DI DESTINARE IL TUO 5 per mille indicando il C.F L'associazione Onlus Per non sentirsi soli è costituita da familiari di malati di Alzheimer e svolge attività di informazione, tutela dei diritti e assistenza per sostenere chi convive con il malato nel difficile impegno di cura. L'associazione collabora con le istituzioni sociali e sanitarie presenti nei Distretti di Vignola, Pavullo e Castelfranco Emilia. Attraverso la promozione di iniziative culturali e sociali, si impegna a diffondere i propri fini e a raccogliere fondi per il raggiungimento dei propri scopi con: - supporto di psicologi, geriatri e altri esperti forniamo informazione sul decorso della malattia; - sostegno ai familiari; - tutela dei diritti; - consulenza legale; - consuling (sostegno per la promozione del benessere personale) - collaborazione con le istituzioni pubbliche. 29

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada

Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada Uno degli obiettivi istituzionali del Progetto Avvocato di Strada è quello di esportare il proprio modello nelle città dove

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie

L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie COOPERATIVA SOCIALE SRL - ONLUS L A MAL ATTIA DI ALZHEIMER Una guida per le famiglie in collaborazione con: Regione Lombardia ASL Bergamo associazione di volontariato senza scopo di lucro ASSOCIAZIONE

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Sono Rosalba, socio-volontaria

Sono Rosalba, socio-volontaria PRIMAVERA 86 E PROGETTO CSERDI Rosalba Mancinelli Socia fondatrice e consigliere di amministrazione dell Organizzazione di volontariato Primavera 86. Pedagogista e insegnante Sono Rosalba, socio-volontaria

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli