A l z h e i m E R M I L I A O M A G N A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A l z h e i m E R M I L I A O M A G N A"

Transcript

1 Coordinamento Associazioni A l z h e i m E R M I L I A O M A G N A INSIEME PER FARE MEGLIO Piccola guida per chi assiste un malato di demenza

2 Il logo AlzheimER in copertina è realizzato da Sabina Ressia Alzheimer Emilia Romagna Coordinamento Associazioni Alzheimer Demenze dell'emilia Romagna Associazione di familiari operatori volontari di malati di: - Malattia di Binswanger, - Malattia di Creutzfeldt-Jacob, - Malattia da corpi di Lewy, - Sindrome di Gerstmann-Straussler-Scheinker, - Corea di Huntington, - Parkinson, - Malattia di Pick o Demenza frontale, - Idrocefalo normoteso

3 La malattia di Alzheimer La malattia deve il suo nome a colui che l'ha scoperta, Alois Alzheimer, e fu descritta per la prima volta nel E provocata da una degenerazione progressiva delle cellule del cervello che porta ad un lento declino delle facoltà cognitive, delle autonomie della vita quotidiana e degli aspetti del carattere e del comportamento. Parti di cellule nervose perdono a poco a poco la loro capacità di funzionare e finiscono per necrotizzare. Non si sa ancora né come né perc hé questi cambiamenti patologici si scatenino. La degenerazione si produce in zone cerebrali che controllano funzioni mentali importanti come la memoria, il linguaggio, la capacità di p i anificazione, la mobilità e l'orientamento nello spazio. Più il tempo passa, più i sintomi della malattia si accentuano e ne compaiono di nuovi. La durata media della malattia, una volta diagnosticata era valutata di 6/10 anni; oggi è molto più lunga e molto dipende dalle cure e dall assistenza delle quali il malato fruisce, c he sono in grado di rallentare (e modificare) il decorso della malattia. Si valuta all 8% il numero di persone di oltre 65 anni colpite dalla malattia di Alzheimer o da un'altra forma di demenza. Non si eredita la malattia ma la familiarità ad ammalarsi di Alzheimer. 3

4 Cos'è una demenza? La demenza è una sindrome, cioè un insieme di sintomi che possono avere cause differenti. Il complesso dei sintomi è formato da tre grandi aree principali che riguardano: le funzioni cognitive (sintomi cognitivi); le autonomie della vita quotidiana (sintomi funzionali); disturbi psicologici e del comportamento (sintomi comportamentali). La malattia d'alzheimer è la forma di demenza più frequente (50%) seguita da quella causata da lesioni vascolari e dalle forme miste. Se è vero che il più importante fattore di rischio riconosciuto è l età, questo non significa che, con l avanzare dell età la demenza sia inevitabile: esistono quindi persone anche molto anziane in totale possesso delle loro capacità mentali. Certo, con l età, la velocità di assimilazione delle informazioni è più lenta e cambia la capacità di apprendimento e di memorizzazione e questa è la ragione per la quale le persone anziane dimenticano facilmente, possono sentirsi rallentate e credersi colpite da un inizio di malattia, ma questo è segno di invecchaimento fisiologico. La diagnosi probabile di malattia di Alzheimer è clinica e può richiedere un tempo abbastanza lungo: si avvale di un esame obiettivo, di esami di laboratorio, di test neuropsicologici, e della raccolta di informazioni sia dal paziente, sia dai familiari, sulla sua storia e le sue abitudini. 4

5 Stadi della malattia L'evoluzione e l espressione della malattia varia da una persona all'altra per il gioco di molteplici fattori, quali la storia personale, la personalità premorbosa, il contesto di vita, la disponibilità ai rapporti sociali, l'età e lo stato generale di salute. Di solito la malattia inizia gradualmente ed in modo subdolo, con piccoli disturbi a cui solo a ritroso spesso si dà importanza, che nel corso degli anni, lentamente ma costantemente, peggiorano. Malgrado non si possa parlare di speranze di guarigione, oggi sappiamo che i farmaci, la qualità dell assistenza e le cure sono in generale in grado di modificarne l andamento migliorando la qualità della vita del malato e dei familiari. I primi sintomi Secondo l Alzheimer's Association vi sono dieci sintomi ai quali i parenti di una persona anziana devono prestare attenzione: dimenticanze, difficoltà ad eseguire compiti noti, problemi legati al linguaggio, disorientamento spaziale e temporale, perdita delle capacità di giudizio, difficoltà di ragionamento astratto, smarrimento di oggetti, cambiamenti repentini del tono dell'umore, cambiamenti di personalità, perdita di iniziativa. 5

6 Cure La ricerca è impegnata ad individuare le cause della malattia di Alzheimer e quindi ad oggi non esiste nessuna cura che permetta di guarire la malattia o di impedirne la progressione, tuttavia esistono diverse terapie in grado di migliorare il quadro dal punto di vista sia cognitivo, sia funzionale, sia psichico, con buone ricadute sull umore e l autonomia personale. Oltre alle cure farmacologic he, esistono approcci psico-sociali in grado di migliorare sensibilmente la condizione complessiva sia del paziente, sia dei familiari, con buoni risultati di efficacia anche sui disturbi sia cognitivi, sia psichici. 6

7 Cure farmacologiche I farmaci attualmente disponibili permettono di attenuare gli effetti della malattia, rallentando la distruzione delle sostanze chimiche che veicolano le informazioni da una cellula cerebrale all'altra e cercando di controllare i disturbi del comportamento. La cura può rallentare in maniera sensibile il deterioramento delle funzioni cognitive e ciò permette di mantenere più a lungo l'autonomia delle persone colpite. Sono in corso varie ricerche per sviluppare farmaci che siano in grado di bloccare la progressione della malattia o di agire sul processo patologico che la determina. Cure non farmacologiche o psico-sociali Gli approcci cosiddetti non farmacologici, che possono anche essere c hiamati inter venti psicosociali, si propongono sia di attenuare l impatto della malattia in termini di sintomi, sia di ridurne le conseguenze in termini di disabilità sociale, relazionale ed emotiva. Si suddividono in quattro grandi categorie: approcci orientati al comportamento; approcci orientati alle emozioni; approcci orientati alle cognizioni e approcci orientati alla stimolazione sensoriale. 7

8 Caregiver Con il termine caregiver si usa definire, nella letteratura anglosassone, "colui che presta le cure". Si distingue il "caregiver" informale, (il figlio, coniuge, più raramente un altro familiare o amico), dal "caregiver formale" (l'infermiere o qualsiasi altro professionista). Da tempo è noto che il caregiver ha un ruolo importante nella storia della malattia, in quanto il suo lavoro di cura può influire positivamente sulla sua evoluzione. 8

9 Le principali attività delle Associazioni a sostegno dei caregiver (*) Centri di Ascolto: punti di accoglienza telefonica o vis a vis, in grado di rispondere alle esigenze di aiuto, di supporto e di orientamento alle risorse presenti sul territorio. Ore di Sollievo: pacchetti di ore gratuite offerte dalle Associazioni ai familiari sulla base di progetti e obiettivi condivisi. Gruppi di auto aiuto e di sostegno: gruppi di familiari che condividono esperienze e vissuti. Consulenze psicologiche, legali, ambientali: colloqui individuali di sostegno con uno psicologo colloqui con un avvocato per questioni legali (es. amministratore di sostegno) colloqui e sopraluoghi con un architetto per necessità di adeguamento dell ambiente domestico alle mutate esigenze del malato. L ambiente può costituire una funzione protesica ad alcuni disturbi legati alla malattia. (*) Per conoscere le attività organizzate da ciascuna associazione si rimanda alle pagine specifiche. 9

10 Caffè Alzheimer o Amarcord: luogo di incontro sociale rivolto a familiari e malati, aperto anche ad altri soggetti, dove sono svolte attività alle quali possono partecipare i malati e i familiari. I familiari possono trovare momenti di confronto tra di loro e con esperti in un clima informale. I malati possono beneficiare di un clima di socializzazione, di attività occupazionali in un luogo di comune frequentazione sociale. Stimolazione Cognitiva: terapia non farmacologica che si rivolge soprattutto ai malati che sono ancora nella fase iniziale della malattia, condotta da personale specificatamente formato. Corsi di informazione: corsi rivolti ai familiari, ma anche agli operatori e alla cittadinanza interessata, sulle tematiche legate alla demenza. 10

11 PROTOCOLLO D INTESA REGIONALE TRA LE ASSOCIAZIONI ATTIVE NEL CAMPO DELLA DEMENZA (Statuto Coordinamento Associazioni Alzheimer e Demenze Emilia Romagna) Premesso che - Le associazioni Arad Bologna, G.P. Vecchi Modena, Per non sentirsi soli Vignola, Asdam Mirandola, Aima Reggio Emilia, AMA Ferrara, CAIMA Cesena, GAFA Carpi hanno tra i loro scopi: - il sostegno ai famigliari di persone affette da Alzheimer o altre forme di demenza; - la sensibilizzazione e l informazione delle cittadinanza e delle istituzioni sul tema della demenza; - la promozione di progetti per il miglioramento della qualità della vita per i malati di Alzheimer e altre forme di demenza e le loro famiglie; - la promozione del miglioramento degli stili di vita in un ottica di prevenzione. - le associazioni di cui sopra hanno collaborato nell ambito del progetto sovraprovinciale Demenze : la parola ai familiari gestito dal Centro di Servizio per il Volontariato di Modena e in questo contesto hanno potuto approfondire la conoscenza reciproca e lo scambio di esperienze. Rilevata la necessità di continuare nel percorso intrapreso e dotarsi di idonei strumenti per rapportarsi con la cittadinanza e gli enti pubblici nel perseguimento degli scopi comuni si conviene e stipula quanto segue: 11

12 1) Obiettivi: Nel rispetto dell autonomia delle singole realtà associative e dell autonomia progettuale di ogni associazione sul proprio territorio il presente protocollo mira a formalizzare la collaborazione delle associazioni stipulanti volta a realizzare i seguenti obbiettivi: - Valorizzare e sostenere le famiglie di ammalati di Alzheimer e altre demenze; - Promuovere strumenti di ascolto e sollievo per i famigliari di malati di Alzheimer e altre demenze; - Favorire il confronto e lo scambio di esperienze tra le associazioni che sul territorio regionale si occupano di Alzheimer e altre demenze; - Creare occasioni di confronto e un dialogo continuativo con le istituzioni,e in particolare, con la regione Emilia Romagna sul tema delle demenze e delle politiche e dei servizi a sostegno dei soggetti portatori di demenza e delle loro famiglie; - Promuovere la conoscenza delle problematiche legate al morbo di Alzheimer e alle demenze nei confronti delle cittadinanza; - Promuovere attività di prevenzione e stimolazione della memoria, migliorando lo stile di vita delle persone anziane. 12

13 2) Azioni Le associazioni aderenti si impegnano a deliberare ogni anno entro il mese di novembre il piano operativo di lavoro per l anno successivo in cui siano declinate le singole azioni concordate volte alla realizzazione degli obiettivi di cui sopra. Il piano di lavoro è corredato anche di un contestuale piano per il reperimento delle risorse economiche per la sua realizzazione. Il suddetto piano operativo sarà approvato dai singoli direttivi delle associazioni membri entro il mese di dicembre. 3) Modalità di lavoro Ciascuna associazione aderente si impegna a deliberare il piano di lavoro annuale e a partecipare alla sua realizzazione attraverso una persona appositamente delegata dal direttivo dell associazione. Per l attuazione del protocollo potrà essere nominato tra i delegati delle associazioni un portavoce con compiti di coordinamento del lavoro comune. Le delibere sono adottate con voto unanime degli aderenti. 13

14 Il porta voce si occupa della verbalizzazione degli incontri e delle relative delibere. Le attività realizzate nell ambito del protocollo sono valutate annualmente attraverso un incontro di verifica a cui sono invitati tutti i membri dei direttivi delle associazioni aderenti. 4) Risorse economiche Le risorse economiche per la realizzazione delle azioni di cui al punto due saranno reperite tramite: - attività di raccolta fondi comuni; - risorse provenienti dalle singole associazioni stipulanti; - la ricerca di finanziamenti per i singoli progetti; - donazioni e liberalità; - contributi di enti pubblici e istituzioni. Dal punto di vista tecnico i fondi raccolti e gli adempimenti amministrativi e contabili saranno affidati di volta in volta ad un associazione aderente capofila individuata in base al progetto e alle azioni da realizzare. 14

15 5) Aderenti successivi L adesione al presente protocollo d intesa è aperta a tutte le organizzazioni di volontariato iscritte al registro del volontariato o onlus che: - abbiano tra i loro scopi istituzionali il sostegno dei famigliari di portatori di Alzheimer e altre demenze; - condividano gli obbiettivi di cui al punto 1 - si impegnino al rispetto del presente protocollo attraverso la firma - si impegnino al rispetto delle modalità di lavoro concordate e a partecipare attivamente alla realizzazione del piano operativo deliberato di anno in anno. La domanda di adesione deve essere inoltrata al portavoce qualora nominato o ad una delle associazioni aderenti in forma scritta, allegando la documentazione necessaria per verificare la sussistenza dei requisiti. Le aderenti deliberano all unanimità sulla richiesta di adesione entro 30 giorni dalla ricezione. 15

16 6) Recesso ed esclusione Ciascuna associazione aderente può recedere dal presente accordo dandone comunicazione per iscritto alle altre indicando le motivazioni. In caso di nomina del portavoce, sarà sufficiente la comunicazione presso il domicilio del portavoce, che si incaricherà di informare le altre aderenti. Potranno essere escluse dal presente accordo le associazioni che perdano i requisiti di cui al punto 5, violino il piano di lavoro concordato o attuino comportamenti gravemente dannosi nei confronti delle altre associazioni aderenti. L esclusione è deliberata con voto unanime degli aderenti. 16

17 7) Rinnovazione Il presente protocollo si intende rinnovato tacitamente di anno in anno qualora non si intendano apportare modifiche, da proporre entro il mese di novembre di ciascun anno. Il protocollo d intesa può essere modificato in qualunque momento con il consenso unanime degli aderenti. Firma Arad Bologna G.p Vecchi Modena Per non sentirsi soli Vignola Asdam Mirandola Aima Reggio Emilia AMA Ferrara CAIMA Cesena GAFA Carpi Bologna, 21 settembre 2007 In seguito hanno aderiro al protocollo le associazioni: Ama Amarcord Castello D Argile Ama Amarcord San Pietro in Casale La Rete Magica Forlì 17

18 18

19 Associazione di Ricerca e Assistenza delle Demenze Bologna ONLUS L'Associazione A.R.A.D., Associazione di Ricerca e Assistenza delle demenze, è un'organizzazione no-profit con qualifica di o.n.l.u.s., fondata nel 1990 attualmente affiliata alla Federazione Alzheimer Italia e al Coordinamento Regionale Emilia Romagna. S ede associazione viale Roma 21, BOLOGNA Tel. 051/ ; fax 051/ C.F Centro di ascolto per familiari: tel. 051/ con operatore: dal lunedi' al venerdi' dalle 9.00 alle 12.00; con segreteria telefonica h24 sito: e mail: ATTIVITA' SVOLTE (COMPLETAMENTE GRATUITE). informazioni ed assistenza telefonica. invio materiale informativo. notiziario trimestrale *. assistenza domiciliare volontaria (mediante convenzione con l'auser)*. visita medica domiciliare (per persone non deambulanti)*. supporto psicologico individuale per i familiari*. supporto psicologico di gruppo per i familiari *. corso di informazione - formazione per familiari*. gruppo di auto-aiuto per familiari. consulenza legale*. informazioni e modulistica per pratica "Amministratore di sostegno". conferenze propedeutiche per la popolazione. corsi di "allenamento della memoria" (memory training) per Bologna e provincia*. corsi per operatori e corsi per volontari Infine l'a.r.a.d. realizza corsi e ricerche per il mantenimento della qualità della vita dell'anziano e per la prevenzione del decadimento cognitivo. * = solo per i soci 19

20 Gruppo Assistenza Familiari Alzheimer GAFA - Carpi Associazione di Volontariato ONLUS Centro ascolto Venerdì c/o Consultorio Demenze Distretto USL - stanza 99 Martedì SEDE c/o Casa del Volontariato Via Peruzzi 22 Sede: c/o Casa del VOLONTARIATO Via Peruzzi, Carpi tel Sito: ; Per sostenerci: Bonifico Bancario c/o UNICREDIT BANCA S.p.a. IBAN: IT 40 R Versamento su conto corretente postale n DEVOLVENDO il 5 dell'irpef specificando il Cod.Fisc ATTIVITA' SVOLTE - Ore di Sollievo, Cicli di assistenza GRATUITA e diretta a domicilio (per i malati e i familiari); - Gruppi di sostegno Auto-Aiuto per i familiari; - Corso di musicoterapia per i malati; - Aperitivi al Carpine (Caffè Alzheimer); - Corsi di rilassamento; - Progetti di formazione; - Invio periodico di News dell'associazione ai soci per familiari; - Rappresentanza presso le istituzioni delle istanze dei familiari e dei malati di Alzheimer; - Centro di Ascolto; - Collaborazione con altre associazioni e partecipazione alla realizzazione del periodico ANIMA; - Organizzazione e partecipazione a Convegni e Celebrazioni. 20

21 Associazione Ama-Amarcord Castello D'Argile - ONLUS Castello d Argile Sede associazione Via Matteotti Castello d'argile (Bologna) Telefono: Se vuoi sostenerci devolvi il 5 per mille dell IRPEF specificando il Cod.Fisc Obiettivi Sostenere i familiari di persone affetti da disturbi cognitivi e farli sentire meno soli. Progetti Amarcord al cafè: mercoledì dalle 9 alle al circolo MCL Via Matteotti n Punto di incontro con ammalati e loro familiari con animatori formati e specialisti per fare attività di stimolazione cognitiva, reminiscenza al fine di utilizzare le risorse residue. Corsi di informazione e sostegno; Corsi di allenamento alla memoria; Incontri tematici a cadenza mensile; Incontri mensili con i soci di: ascolto, informazione e sostegno; Organizzazione e partecipazione a diversi momenti di festa paesana per promuovere l attività dell Associazione. 21

22 CAIMA Cesena Care-givers Associazione Italiana Malati di Alzheimer - ONLUS Sede associazione Via Gadda, Cesena PUNTO DI ASCOLTO lunedì e venerdì: 9,30-11,30 Tel/fax: 0547/ sito web: Per devolvere una offerta potete: - Venire direttamente in associazione - Fare un versamento sul nostro conto corrente C/C IBAN : IT22A Cassa di Risparmio di Cesena - Destinare il 5 indicando il CF L Associazione CAIMA (Care Giver Associazione Italiana Morbo di Alzheimer) Onlus che non ha scopo di lucro e persegue il fine esclusivo della solidarietà sociale, si prefigge le seguenti finalità: - Tutelare e valorizzare le persone affette dalla patologia della memoria Morbo di Alzheimer- Demenze; - Svolgere azioni informative trasparenti e complete sulla malattia, il suo decorso e sulla rete dei servizi socio-sanitari territoriali; - Promuovere incontri e gruppi formativi per migliorare la collaborazione e la progettualità con i cittadini, gli enti pubblici e privati e gli operatori professionali; - Organizzare iniziative culturali, convegni, corsi di formazione e aggiornamento sulla tematica delle demenze; - Fornire l orientamento e l informazione sulle problematiche giuridiche mediche e psicologiche relative alla patologia; - Promuovere iniziative atte alla sperimentazione ed al miglioramento dell approccio terapeutico delle demenze; - Sostegno alla domiciliarità (compagnia e sostegno domiciliare e di piccoli gruppi) - Accompagnare malati e familiari con l utilizzo di un pulmino a laboratori occupazionali, centri diurni, gruppi di stimolazione cognitiva Amarcord al cafè. - Realizzare corsi di stimolazione della memoria e delle capacità cognitive - Promuovere e realizzare gruppi di auto-mutuo-aiuto. 22

23 Associazione Malattia Alzheimer Ferrara - ONLUS Punto Ascolto Lunedì Mercoledì Venerdì Dalle 0re 10 alle 12 Sede associazione Via Ripagrande, Ferrara Tel. 0532/ fax Devolvi il 5 per mille C.F Sito: ATTIVITA PER I FAMILIARI 1. Ascolto e ricevimento dei familiari nelle giornate di apertura dell Associazione, la malattia le prestazioni offerte all ammalato dai servizi sanitari sociali. 2. Distribuzione di materiale informativo e manuali per l assistenza al malato. 3. Pubblicazione e distribuzione della rivista 4. Supporto psicologico: Assistenza individuale gratuita fornita da una psicologa del reparto di neurologia dell Ospedale S. Anna di Ferrara, frutto dell Accordo di Programma ( ) con le Istituzioni quali il Comune, Ospedale, Università, Azienda USL e ASP. Gruppi Auto-Aiuto: ogni primo mercoledì del mese (dalle ore 14,30 alle ore 16,30 presso la sala riunioni dell ASP di Via Ripagrande,5 FE) i familiari dei malati si incontrano per condividere la loro esperienza e le loro difficoltà nel prendersi cura dei malati. AIUTARE AIUTA. 5. Consulenza Legale fornita da un avvocato gratuitamente, sempre grazie all accordo di programma, riguardo i diritti del malato quali: l amministratore di sostegno, la procura generale, l interdizione, etc.. 6. Corsi di formazione rivolti ai familiari proposti da Esperti del servizio Sanitario Regionale, dall Unità Operativa di geriatria e dall ASP - Centro Servizi alla Persona. ATTIVITA PER GLI AMMALATI Progetto Sostène: assistenza a domicilio in collaborazione con ASP alcuni ammalati vengono seguiti a domicilio da operatori qualificati. Progetto di promozione dell attività motoria, attivato da laureati in scienze motorie presso la palestra Eta-Beta e rivolto agli ammalati con difetti cognitivi progressivi e con lievi problematiche motorie. 23

24 "La Rete Magica" Associazione Amici per L'Alzheimer e il Parkinson ONLUS Sede Associazione Via E. Curiel Forlì Tel/Fax Sito: Sostieni l associazione: - con un versamento: c/c postale con un bonifico: IBAN IT66J devolvendo il 5 per mille indicando il C. F Punto d ascolto con operatore lunedì dalle 9,30 alle 11,30 mercoledì dalle 15,30 alle 17,30 Negli altri giorni è attiva la segreteria telefonica PROGETTI IN FASE DI ATTUAZIONE - Corsi di attività motoria e di musicoterapia per gli ammalati, familiari e volontari, affidati alla professionalità di esperti - Corsi con logopedista - Corsi con Psicologo per Training Autogeno per familiari, ammalati e volontari - Amarcord e Cafè tutti i Mercoledì dalle 15 alle 18 per ammalati, familiari, volontari. Attività: terapia occupazionale, stimolazione cognitiva aspecifica e incontri con Geriatra, Psicologa, Assistente Sociale, Operatrici di quartiere. Momenti di socializzazione e di divertimento. - Consulenza ai familiari per aiuti di tipo legale, per attivare la figura giuridica dell Amministratore di Sostegno - Incontri Informativi e Formativi con familiari, operatori, badanti e con tutti i cittadini sulle patologie Alzheimer, Parkinson e sulla gestione del Malato. 24

25 ASDAM ONLUS Associazione Sostegno Demenze e Alzheimer Mirandola Per devolveci il 5 per mille indica il nostro C.F CENTRO ASCOLTO Tel linea telefonica con operatore il Martedì ore Venerdì ore Sabato ore 9-11,30 segreteria telefonica Sede Associazione: Via Castelfidardo, Mirandola (Mo) Tel Cell Iniziative per malati, familiari, volontari: "Incontriamoci e parliamone" Centro di Ascolto Gruppo di auto-aiuto "Ore di sollievo" Sostegno domiciliare gratuito Alzheimer Caffè Ore di rilassamento, Metodo Jacobson Riabilitazione Cognitiva Festa per il Volontariato a Mirandola Giornata Mondiale dell'alzheimer 21 Settembre Per iniziativa di familiari, frequentanti il gruppo di sostegno psicologico che si svolge una volta al mese al Consultorio di Mirandola, si è costituita, il 24 Marzo 2002, l Associazione ASDAM onlus (Associazione Sostegno Demenze e Alzheimer Mirandola) con sede in Via Castelfidardo, 40. Lo scopo principale dell Associazione è assistere le famiglie colpite da questa terribile malattia e farle sentire meno sole. In collaborazione con il Servizio Assistenza Anziani dell Unione dei Comuni, ha gestito, gratuitamente, dei corsi per familiari con incontri di discussione per conoscere la demenza e le sue problematiche, cambiando i luoghi di incontro e per coprire il territorio dell Area Nord. 25

26 Associazione Associazione Familiari malati di Alzheimer G.P. Vecchi - Pro senectute et dementia Modena ONLUS Sede associazione Viale Vittorio Veneto Modena Tel Segreteria Centro Ascolto c/o RSA 9 Gennaio Via Paul Harris Modena Tel sito: SOSTIENICI Banca popolare dell Emilia Romagna Sede Mo c/c n Cod CAB Cod ABI IBAN IT80A Conto Corrente Postale N IBA IT12X ATTIVITA' SVOLTE Seminari specifici su progressi clinici, setting assistenziali e ricerca applicata Centro d'ascolto "Solidalmente" con operatori dedicati Caffè Alzheimer : convegni tematici a cadenza mensile Gruppi di auto mutuo aiuto : con l assistenza di uno psicologo Tè per due : momento d incontro tra familiari, con malati occupati in attività. Corsi di Rilassamento : per aiutare i familiari a ridurre le tensioni Tutte le attività sono erogate a titolo gratuito, è quindi importante reperire risorse economiche con l iscrizione annuale (quota 20 euro), donazioni e la destinazione del 5 per mille (C.F ). 26

27 Sede associazione cc/o RSR Giovanni XXIII Via Papa Giovanni XXIII, Albinea (RE) Tel.: Fax Sito AIMA nazionale: Associazione Italiana Malattia di Alzheimer - ONLUS sede provinciale di Reggio Emilia PER SOSTEN ERCI: c/c bancario Banca Reggiana Credito Cooperativo agenzia 2 di RE Codice IBAN: IT 97 B c/c postale n intestato a: AIMA ONLUS sezione prov. di RE Via Papa Giovanni XXIII, Albinea (RE) Destinazione 5xmille Cod. Fisc ATTIVITA' E PROGETTI Demenza, circondiamola di aiuto : Centri di Ascolto sui territori della Provincia con operatore dedicato Una persona per chi assiste un malato di demenza : Progetto per il supporto e l emergenza domiciliare Stare insieme per stare meglio : Progetto Caffé Incontro per i malati e i loro familiari Gruppi di sostegno per familiari Consulenze psicologiche, legali e ambientali/architettoniche Non è più la persona di una volta : Incontri di formazione/informazione per familiari ed operatori Progetto di stimolazione cognitiva e funzionale Armonia e movimento stimoli per la mente : stimolazione psico-corporea e motoria Momenti di sensibilizzazione alla cittadinanza Convegni scientifici Par tecipazione alla realizzazione del film Tempo Vero di Daniele Segre sul lavoro di chi si prende cura di un malato di demenza

28 Associazione Ama-Amarcord San Pietro in Casale ONLUS Sede associazione P.zza Calori n San Pietro in Casale (Bologna) Tel SOSTIENICI per donazioni Cassa di Risparmio di Cento filiale di San Pietro in Casale IBAN IT10R per devolvere il 5 per mille codice fiscale: quota associativa annuale: euro 10,00 Progetti per gli anziani e i malati "Amarcord al cafè - Tutti i venerdì dalle ore 9 alle 11,30 presso il circolo Giovanni XXIII in P.zza Calori, 2 San Pietro in Casale. Oggi sei ospite a casa mia Un familiare, a rotazione, accoglie un gruppo di anziani presso la propria abitazione ( Sabato pomeriggio) Oggi sei ospite da noi Questo progetto si svolge nei centri diurni una volta alla settimana (Mercoledì pomeriggio) Pomeriggio insieme Nel nuovo centro diurno locale Casa Dovesi incontro tra ospiti della struttura e partecipanti all Amarcord al Cafè. Per i familiari ed i volontari Amarcord al cafè Mentre gli anziani svolgono attività a loro dedicate, i famigliari in base ai bisogni espressi ricevono informazioni sulla patologia della malattia, sostegno psicologico individuale e di gruppo. Corsi di informazione e sostegno Corsi di allenamento alla memoria Incontri mensili su tematiche informative Per soci e tutta la cittadinanza EVENTI : Grande festa Annuale di ricorrenza della nascita dell Amarcord al Cafè. Conferenze su tematiche legate alla malattia tutte le iniziative vengono offerte gratuitamente 28

29 Associazione Per Non Sentirsi Soli un sostegno a chi convive con L'Alzheimer - ONLUS Sede associazione Via Bontempelli, Vignola (Mo) Tel Cell sito: Per sostenerci: CONTO CORRENTE BANCARIO n. 865/09 Unipol Banca, filiale di Vignola (017) IBAN: IT25P CC CONTO CORRENTE POSTALE n IBAN: IT79T SCEGLI DI DESTINARE IL TUO 5 per mille indicando il C.F L'associazione Onlus Per non sentirsi soli è costituita da familiari di malati di Alzheimer e svolge attività di informazione, tutela dei diritti e assistenza per sostenere chi convive con il malato nel difficile impegno di cura. L'associazione collabora con le istituzioni sociali e sanitarie presenti nei Distretti di Vignola, Pavullo e Castelfranco Emilia. Attraverso la promozione di iniziative culturali e sociali, si impegna a diffondere i propri fini e a raccogliere fondi per il raggiungimento dei propri scopi con: - supporto di psicologi, geriatri e altri esperti forniamo informazione sul decorso della malattia; - sostegno ai familiari; - tutela dei diritti; - consulenza legale; - consuling (sostegno per la promozione del benessere personale) - collaborazione con le istituzioni pubbliche. 29

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

COMUNE DI FERRARA AZIENDA USL DI FERRARA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA

COMUNE DI FERRARA AZIENDA USL DI FERRARA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL POTENZIAMENTO DELLA RETE DI SERVIZI PER LE MALATTIE DEMENTIGENE E PER I MALATI DI ALZHEIMER - DISTRETTO CENTRO NORD - 2011-2013 COMUNE DI FERRARA AZIENDA USL DI FERRARA AZIENDA

Dettagli

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA DESTINATARI DEL SERVIZIO: Il Centro Diurno per Disturbi Cognitivi è una struttura che eroga servizi in sinergia con la Residenza Sanitaria Assistenziale posta in

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

ALZHEIMER. Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari

ALZHEIMER. Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari PROGETTO ALZHEIMER Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari L ALZHEIMER E IL PROGETTO DI VERONA L assistenza agli anziani affetti da demenza tipo Alzheimer

Dettagli

ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO

ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO ATTIVAZIONE SERVIZI DI SUPPORTO AD ANZIANI AFFETTI DA DEMENZA E AD ANZIANI FRAGILI CAPITOLATO OGGETTO L Amministrazione intende offrire alla popolazione anziana affetta da demenza o fragile un sistema

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI Denominazione del progetto ORA NON SIAMO PIU SOLI 1. Tipologia del progetto che si intende supportare barrare la casella di riferimento: X progettazione

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI Lavorare con cura PERCORSO FORMATIVO E DI AGGIORNAMENTO PER GLI A.S.A. E O.S.S. IMPIEGATI NEI SERVIZI DOMICILIARI AMBITI TERRITORIALI VAL SERIANA E VAL SERIANA

Dettagli

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati.

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Non ti scordar Cafè un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Quando le nostre esistenze sono in frantumi, e non ricordiamo più neanche qual è la prima lettera dell alfabeto, la mossa

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

esperto PARTECIPAZIONE A MODULI DIDATTICI in psicologia dell invecchiamento MASTER UNIVERSITARIO DI 2 LIVELLO

esperto PARTECIPAZIONE A MODULI DIDATTICI in psicologia dell invecchiamento MASTER UNIVERSITARIO DI 2 LIVELLO PSICOLOGIA Università degli Studi di Pavia esperto in psicologia dell invecchiamento MASTER UNIVERSITARIO DI 2 LIVELLO III edizione Milano RSA Saccardo Marzo 2015 Ottobre 2015 PARTECIPAZIONE A MODULI DIDATTICI

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI CLINICA NEUROLOGICA DI PADOVA CENTRO SPECIALIZZATO PER LE MALATTIE NEUROMUSCOLARI E PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA È un Centro specializzato

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile. Statuto

Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile. Statuto Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile Statuto TITOLO I Art. 1: Denominazione e sede. Associazione A.M.A. Amarcord Sede Intercomunale di Castello d Argile Provincia di Bologna

Dettagli

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici Informazioni Accoglienza Condivisione Sostegno e...molto altro ancora! Via Giusti 12, Monza 039/2301658 volontari.asvap@gmail.com www.asvapbrianza.it

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

ALBUM di VITA La tecnica dello sketchbook per curare con le immagini

ALBUM di VITA La tecnica dello sketchbook per curare con le immagini RIASSUNTO SINTETICO DEL PROGETTO (come nasce, come si sviluppa, le finalità, struttura del progetto, etc) ALBUM di VITA La tecnica dello sketchbook per curare con le immagini Il progetto album di vita

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

AREA PSICOTERAPIA: trattamento dei disturbi d ansia, dell umore, disturbo ossessivo compulsivo, disturbi alimentari etc.

AREA PSICOTERAPIA: trattamento dei disturbi d ansia, dell umore, disturbo ossessivo compulsivo, disturbi alimentari etc. STUDIO PSICOTERAPIA dott.ssa SILVIA BOSONI www.silviabosoni.com Via Venini 38/3 cap 20131 Milano Cell 340/0013936 Mail silvia.bosoni@gmail.com SERVIZI OFFERTI AREA PSICOTERAPIA: trattamento dei disturbi

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

Fondo Sanitario Regionale anno 2009 PROGETTI SPECIALI DI COMPETENZA REGIONALE

Fondo Sanitario Regionale anno 2009 PROGETTI SPECIALI DI COMPETENZA REGIONALE Fondo Sanitario Regionale anno 2009 PROGETTI SPECIALI DI COMPETENZA REGIONALE DESCRIZIONE ANALITICA DEI PROGETTI Dati Generali del progetto Titolo TEMPO ALLE FAMIGLIE Sperimentazione di Servizi di Sollievo

Dettagli

MASTER: VALUTAZIONE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELLE DEMENZE approccio integrato neuropsicologia psicologia interazionista

MASTER: VALUTAZIONE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELLE DEMENZE approccio integrato neuropsicologia psicologia interazionista MASTER: VALUTAZIONE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA DELLE DEMENZE approccio integrato neuropsicologia psicologia interazionista MASTER ACCREDITATO ECM 50 CREDITI Durata: annuale (180 ore) Marzo 2016

Dettagli

Centri diurni Alzheimer e Integrato

Centri diurni Alzheimer e Integrato Best practice e innovazione nelle RSA: esperienze a confronto Giovedì 10 maggio 2012 Castellanza Centri diurni Alzheimer e Integrato A cura di PAOLA GARBELLA Direttore Generale Opera Pia A. E. Cerino Zegna

Dettagli

Centri Diurni. G. Cristofori A. Forti Verona

Centri Diurni. G. Cristofori A. Forti Verona Centri Diurni G. Cristofori A. Forti Verona Presentazione Il Centro Diurno eroga servizi rivolti a persone con deficit psicofisico e con compromissioni da demenza di tipo Alzheimer. Il Centro Diurno è

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato?

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? Firenze 29 novembre 2007 Ketty Vaccaro Perché tornare a parlare di Alzheimer A sette anni dalla realizzazione dell indagine Censis

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

Affrontare la demenza: insieme si può!

Affrontare la demenza: insieme si può! Con il patrocinio di Convegno Affrontare la demenza: insieme si può! Lunedì 21 settembre 2015 ore 15.00-19.00 Hotel Classic, Via Pasteur 121C - Reggio Emilia Presentazione Le demenze, in crescente aumento

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

Dall 11 al 24 novembre sarà possibile donare a sostegno della Ricerca tramite il numero 45596

Dall 11 al 24 novembre sarà possibile donare a sostegno della Ricerca tramite il numero 45596 Comunicato stampa Malattia di Parkinson: il 24 novembre anche a Roma si celebra la Giornata dell informazione Un importante progetto di ricerca per affrontarla e combatterla Dall 11 al 24 novembre sarà

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

www.fondazionehumanitas.it

www.fondazionehumanitas.it al servizio del malato e della sua famiglia www.fondazionehumanitas.it LA FONDAZIONE Sostenere e promuovere la qualità di vita del malato e della sua famiglia durante e dopo l esperienza in ospedale. E

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto AIFA Onlus /AIDAI Onlus A cura di: Consiglio Direttivo, AIFA Onlus Erica Menotti,

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione ISRAA ISTITUTO PER SERVIZI DI RICOVERO E ASSISTENZA AGLI ANZIANI WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione RETE ALZHEIMER TREVISO: UN MODELLO DI INTERVENTO A DOMICILIO

Dettagli

PROGETTO SOLLECITA MENTE

PROGETTO SOLLECITA MENTE PROGETTO SOLLECITA MENTE MODALITA ORGANIZZATIVA DEL SERVIZIO L offerta progettuale si pone come obiettivo quello di offrire una assistenza specializzata per i soggetti affetti da demenza, finalizzata a

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ 2014

RELAZIONE ATTIVITÀ 2014 RELAZIONE ATTIVITÀ 2014 Dall analisi dei dati relativi all attività dell anno, emerge una continuità con quella dei precedenti anni: sempre maggiori richieste di sostegno da parte della popolazione anziana

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER CONVEGNO La Malattia di Alzheimer: gli aspetti clinici e l alleanza terapeutica Sabrina Spaggiari Centro Delegato Disturbi Cognitivi Distretto Sud/Est Lunedì, 24 settembre

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

Questa farmacia si impegna a rispettare e divulgare i 14 diritti della Carta Europea dei Diritti del Malato, promossa da Cittadinanzattiva, ed

Questa farmacia si impegna a rispettare e divulgare i 14 diritti della Carta Europea dei Diritti del Malato, promossa da Cittadinanzattiva, ed CARTA DELLA QUALITà DELLA FARMACIA 2 Questa farmacia si impegna a rispettare e divulgare i 14 diritti della Carta Europea dei Diritti del Malato, promossa da Cittadinanzattiva, ed assicura: accessibilità,

Dettagli

MACROAREA CENTRO SERVIZI ANZIANI CASA SERENA- VILLA SAN GIACOMO

MACROAREA CENTRO SERVIZI ANZIANI CASA SERENA- VILLA SAN GIACOMO MACROAREA CENTRO SERVIZI ANZIANI CASA SERENA- VILLA SAN GIACOMO L essere dell uomo è una comunicazione profonda. Essere significa comunicare. Essere significa essere per l altro e, attraverso l altro,

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende potenziare la rete di protezione sociale di anziani in particolare situazione di

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.M.A. ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE ONLUS CON SEDE IN FERRARA. STATUTO. Art.1 DENOMINAZIONE-OGGETTO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.M.A. ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE ONLUS CON SEDE IN FERRARA. STATUTO. Art.1 DENOMINAZIONE-OGGETTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.M.A. ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE ONLUS CON SEDE IN FERRARA. STATUTO Art.1 DENOMINAZIONE-OGGETTO OGGETTO-SEDE E costituita l Associazione di d i Volontariato

Dettagli

Curriculum vitae di Manuela Rijillo

Curriculum vitae di Manuela Rijillo Curriculum vitae di Manuela Rijillo Informazioni personali Istruzione Nazionalità: Italiana Data di nascita: 23 Settembre 1977 Luogo di nascita: Catanzaro Residenza: Modena 1996 Liceo Scientifico Wiligelmo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 APPROVATO CON DELIB. C.C. 77 DEL 16.04.2003 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R.

Dettagli

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Il contesto demografico, epidemiologico e sociale Gli anziani a Cesena Aumento del 35% della popolazione

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

INSIEME CONTRO IL TUMORE!

INSIEME CONTRO IL TUMORE! INSIEME CONTRO IL TUMORE! Informativa della Lega per la Lotta contro i Tumori di Bolzano Bolzano - Merano www.liltbolzanobozen.com info@liltbolzanobozen.com CHI SIAMO Siamo la sezione provinciale di Bolzano

Dettagli

La rete dei servizi. Proposta di un progetto per la Regione Lazio

La rete dei servizi. Proposta di un progetto per la Regione Lazio La rete dei servizi Proposta di un progetto per la Regione Lazio Global prevalence of dementia: a Delphi consensus study Ferri CP, Prince M, Brayne C, Brodaty H, Fratiglioni L et al. Alzheimer s disease

Dettagli

Archivio Corsi. Area clinica/medica/specialistica

Archivio Corsi. Area clinica/medica/specialistica Archivio Corsi Area clinica/medica/specialistica Pianeta anziano: la gestione della complessità Argomenti di geriatria L amore e la sessualità nell anziano Disturbi cognitivi nell anziano Vita dell anziano

Dettagli

CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI

CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI CASA RESIDENZA / CASA PROTETTA PER ANZIANI CITTA DI SALSOMAGGIORE Città di Salsomaggiore INDICE Premessa (pag. 3) Descrizione del servizio (pag. 4) Prestazioni offerte (pag.

Dettagli

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO 1. Continuità dell intervento X Nuovo ( Centro diurno) X In continuità con servizio già attivato ( Assistenza Domiciliare)

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Il Metodo Gentlecare nell assistenza all anziano fragile Spazio, Persone Programmi per una migliore qualità vita

Il Metodo Gentlecare nell assistenza all anziano fragile Spazio, Persone Programmi per una migliore qualità vita Il Metodo Gentlecare nell assistenza all anziano fragile Spazio, Persone Programmi per una migliore qualità vita Enzo Angiolini*, Elena Bortolomiol**, Laura Lionetti*** - Ottima Senior Occuparsi di anziani

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Centro di Cure per l Alzheimer

CARTA DEI SERVIZI Centro di Cure per l Alzheimer FONDAZIONE ROMA SANITÀ CARTA DEI SERVIZI Centro di Cure per l Alzheimer CARTA DEI SERVIZI Edizione 2015 - Rev. 0. Valida fino a nuova emissione D.D. Numero di repertorio CQ/494/2015 Caro Lettore, le scrivo

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo FONDAZIONE OPERA IMMACOLATA CONCEZIONE ONLUS CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO INTEGRATO LA SPERANZA Il servizio consiste nell ospitare ed assistere 15 persone dei Comuni di Bozzolo e limitrofi, dalle 8.00

Dettagli

CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA

CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA Art. 1 Finalità Il Centro Diurno della Cooperativa sociale Cava è una struttura socio-sanitaria d accoglienza diurna destinata a persone anziane in

Dettagli

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils LAURA PALEARI Psicologa Psicoterapeuta OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils PREMESSA Con il sopraggiungere

Dettagli

UNITÀ FUNZIONALE CURE PALLIATIVE Azienda USL 6 di Livorno. ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE - onlus di LIVORNO - e Sezione di CECINA LE CURE PALLIATIVE

UNITÀ FUNZIONALE CURE PALLIATIVE Azienda USL 6 di Livorno. ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE - onlus di LIVORNO - e Sezione di CECINA LE CURE PALLIATIVE UNITÀ FUNZIONALE CURE PALLIATIVE Azienda USL 6 di Livorno ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE - onlus di LIVORNO - e Sezione di CECINA LE CURE PALLIATIVE a Livorno e nella Bassa Val di Cecina Organizzazione e

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi Catalogo Welfare Attività formative e servizi Irecoop Emilia Romagna, in qualità di ente di formazione di emanazione di Confcooperative Emilia Romagna, dal 1979 sviluppa progetti di formazione a servizio

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Consultorio Familiare LA CASA di Erba CARTA DEI SERVIZI E lo strumento del quale il Consultorio si è dotato per rendere più facilmente visibili i servizi offerti a coloro che intendono

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CENTRO PER LA FAMIGLIA E IL BAMBINO LA TANA DEI LEPROTTI

CARTA DEL SERVIZIO CENTRO PER LA FAMIGLIA E IL BAMBINO LA TANA DEI LEPROTTI C O M U N E D I B U S S E R O PROVINCIA DI MILANO PIAZZA DIRITTI DEI BAMBINI, 1 - C.A.P. 20060 - TEL. 02/9533335 - FAX. 02/9533337 CARTA DEL SERVIZIO CENTRO PER LA FAMIGLIA E IL BAMBINO LA TANA DEI LEPROTTI

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 83/15 del 08.07.2008 e modificato con atto del Commissario Straordinario

Dettagli

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC)

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) POLITICA CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) U.O. RIABILITAZIONE PSICHIATRICA RESIDENZA FRA MOSE BONARDI L unità di recupero e rieducazione funzionale Fra Mose Bonardi è una struttura per la riabilitazione

Dettagli

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Art. 1 - Promotore FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS 1 AVVISO ANNO 2015 Scuole aperte e promozione della cittadinanza attiva La Fondazione della

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende favorire l inserimento sociale e lavorativo delle persone con disabilità, indipendentemente

Dettagli