Commercio elettronico business to business nel settore delle costruzioni: quali prospettive?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Commercio elettronico business to business nel settore delle costruzioni: quali prospettive?"

Transcript

1 Commercio elettronico business to business nel settore delle costruzioni: quali prospettive? Nicola Costantino 1 Abstract La possibilità di migliorare sensibilmente l efficienza della supply chain tramite l e-commerce business to business costituisce uno degli aspetti più promettenti delle applicazioni industriali delle Information Communication Technology. La schematica semplicità operativa che caratterizza molti dei vertical portal e dei marketplace finalizzati alla gestione di tali flussi sembra, peraltro, almeno parzialmente in contrasto con la complessità delle relazioni cliente/fornitore, che tanto spazio ha avuto negli studi di economia industriale e organizzazione aziendale dell ultimo decennio. L autore esamina la situazione dei portali specializzati del settore delle costruzioni (per il quale tale contrasto appare particolarmente evidente), facendo specifico riferimento al contesto italiano, ed avanzando alcune ipotesi sui possibili sviluppi che l e-commerce potrà avere su tale settore. Parole chiave: business to business, costruzioni, costi di transazione, subappalto. Introduzione La rivoluzione Internet sta sconvolgendo (o quanto meno minaccia/promette di farlo) molti settori della vita economica e sociale contemporanea. Gli analisti sono concordi nel ritenere che la quota maggiore dell'impatto economico riguarderà il cosiddetto commercio elettronico business to business (b2b) 2, costituito dalle transazioni intercorrenti tra le imprese lungo la supply chain sia per il b2b process/procurement (beni e servizi che entrano direttamente nel ciclo produttivo) che per il b2b end-use (beni e servizi che esauriscono la loro funzione all interno dell impresa). Più diversificata, e problematica, è la valutazione degli effetti che tale impatto avrà sulla redditività delle imprese interessate: se è vero, infatti, che il b2b può abbattere a monte i costi di acquisizione di beni e servizi, in termini di riduzione dei costi di transazione e di maggiore concorrenza, tale effetto si riscontra (naturalmente) anche a valle, lungo la stessa supply chain (fino al consumatore finale). Dal punto di vista dei profitti delle singole imprese, entrano così in gioco i differenziali di efficienza e le elasticità nei rispettivi mercati intermedi, con risultati finali estremamente differenziati da settore a settore, come evidenziato in un recente studio Goldman Sachs Research 3. In un (ipotetico?) equilibrio di medio-lungo termine la efficienza di Internet dovrebbe, nelle visioni più estremizzate, configurare mercati concorrenziali quasi perfetti, con informazione completa e gratuita e profitti pressoché nulli (Brynjolfsson e Smith, 1999). Già Hayek (1945) aveva rilevato che se vogliamo capire la vera funzione del mercato, dobbiamo vederlo non come un calcolatore, ma come un meccanismo per comunicare l informazione : migliorare la comunicazione significa pertanto (a parità di altre condizioni) avvicinarsi al modello del mercato concorrenziale perfetto. In realtà, la situazione sembra essere ben più complessa. Se sono rilevabili numerosi fattori di spinta verso la concorrenza perfetta in Internet (basse barriere all ingresso, ridotti costi di 1 Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Gestionale, Politecnico di Bari, via Japigia 182, 70126, Bari. Tel.: ; fax: ; 2 Un recente studio Gartner Group (citato in The Economist, 2000 a) stima in Miliardi di $ il giro d affari globale del b2b nel 2003, contro soli 400 Miliardi di $ del b2c (business to consumer). In Italia, Databank Consulting valuta in Miliardi di lire il giro d affari 2000 del b2b, contro 600 Miliardi per il b2c (citato in Perretti, 2000). 3 Citato in La Posta,

2 gestione, mercato di sbocco globale, possibilità di minimizzare i costi di gestione dell informazione e di negoziazione attraverso l utilizzo di agenti autonomi intelligenti ), altri altrettanto importanti avversano tale modello ideale (costi di informazione reali ancora rilevanti, eterogeneità dei rivenditori, localizzazione delle imprese) (Montanaro, 2000). E, d altro canto, la stessa (peraltro affatto teorica) globalizzazione perfetta dei mercati concorrenziali può portare ad anomalie: nel giugno 2000 la Federal Trade Commission statunitense ha tenuto un audizione monotematica sulle implicazioni del b2b per l antitrust, paventando l insorgenza di posizioni di mono(oligo)polio e/o di mono(oligo)psonio (The Economist, 2000 b). Da un esame, necessariamente superficiale, della pressoché sterminata letteratura scientifica e di informazione prodotta negli ultimi anni (e soprattutto mesi) sull argomento, sembra emergere una crescente presa di coscienza della complessità del problema, e pertanto della ricca diversificazione delle possibili situazioni. In particolare, si ha la sensazione che, nella comprensibile ansia di conquistare posizioni di forza sul mercato, molti dei promotori dei tanti marketplace b2b (ad ottobre 2000 se ne contavano in rete oltre 700, nelle varie versioni vertical portal, hub broker, ecc.), per lo più basati sull asta di acquisto (auction), abbiano dato per scontato che sia sufficiente abbattere i costi di trasmissione e di accesso all informazione codificata per perseguire i dichiarati obiettivi di abbattimento tout court dei costi di acquisizione, cioè che la maggior parte dei mercati possano essere ricondotti a commodity-like markets. Molti (imprenditori) hanno fatto l errore di pensare che le transazioni di affari siano molto più semplici di quanto esse siano in realtà. Il problema è che le commodity che possono essere messe all asta in questo modo rappresentano solo una minuscola frazione del totale delle transazioni (The Economist, 2000 c). Questa ingenuità di tanti imprenditori (ma anche di alcuni studiosi) risulta particolarmente sorprendente, se si considera che giunge alla fine di un decennio (gli anni 90) durante il quale fiumi di inchiostro sono stati versati sulla complessità delle relazioni cliente-fornitore lungo le supply chain e sulla opportunità/necessità di sviluppare all interno di questa relazioni strategiche, di lungo periodo 4. Sembra quasi di assistere ad un comportamento schizofrenico di teorici e manager: da una parte si sottolinea (a volte con enfasi anche troppo retorica) la complessità e la valenza strategica di lungo periodo della relazioni di cooperazione che legano clienti e fornitori lungo la catena del valore; dall altra si sviluppano software applicativi e si disegnano portali verticali ed altri siti marketplace con l esplicito scopo di banalizzare ed occasionalizzare (in termini spot) tali relazioni. La realtà naturalmente è ben più complessa di tale semplificazione: le forniture (i fornitori) non sono tutti uguali 5, e gli strumenti per gestirli non possono pertanto essere troppo semplicemente standardizzati. La lettura (insieme ad un tentativo di spiegazione) di tale dicotomia può risultare particolarmente interessante nel settore della costruzioni, nel quale oltre venti anni fa sono stati per la prima volta studiati e teorizzati i primi modelli di interrelazione di lungo periodo tra general contractor (cliente) e subcontractors (fornitori). 4 A titolo esemplificativo, e non certo esaustivo, si ricordano: Capaldo et al., 1998; Carlisle e Parker, 1991; Chadwick e Rajagopal, 1995; De Maio e Maggiore, 1992; De Toni e Nassimbeni 1998; Dioguardi, 1983 a); Dioguardi, 1994; Dioguardi, 1996; Erridge, 1995; Esposito e Raffa 1998; Lamming, 1993; Lazonick, 1993; Lorenzoni, 1992; Mariotti, 1994; Mariotti, 1996; Merli, 1990; Tagliaventi e Zanoni, 1998; Womack et al., 1990; Womack e Jones, Ricordiamo, a titolo di esempio, che De Maio e Maggiore (op. cit.), sulla base dei differenti livelli di integrazione operativa e tecnologica, distinguono quattro tipi di rapporti cliente/fornitore: tradizionale, JIT, di accordo tecnologico, evoluto. 2

3 Le costruzioni Quello delle costruzioni è uno dei principali settori produttivi in tutti i paesi, con una particolare rilevanza in quelli di più recente industrializzazione (Bon e Crosthwaite, 2000). Esso è generalmente caratterizzato dalla prevalenza della piccola dimensione aziendale: nella Comunità Europea il 97% delle imprese rientra nella fascia dimensionale 0-20 addetti (93% in quella 0-10) (Commissione delle Comunità Europee, 1997). In Italia il livello di fra mmentazione è ancora più spinto della media europea (Albino et al., 2000). Per quanto le tecnologie (di prodotto e di processo) tipiche del settore siano sostanzialmente mature, le applicazioni in esso di altre tecnologie provenienti da differenti settori è costantemente in crescita, conferendo alle costruzioni le caratteristiche di una industria a banda larga di tecnologia (Costantino, 1996). Nell edilizia (costruzione di edifici), dove il fenomeno è particolarmente evidente, la banda larga può essere suddivisa in tre macro aree: la struttura portante dell edificio, gli impianti, e le finiture 6. Nessuna impresa è, di norma, in grado di gestire direttamente tante e così diversificate tecnologie: così di solito viene a costituirsi una piramide gerarchica 7 in cui un certo numero di imprese specialistiche realizzano il proprio contributo sotto la regia di un General Contractor (fig. 1). General Contractor assemblaggio strutture posa in opera impianti posa in opera finiture asse Livelli crescenti di personalizzazione del prodotto strutture in opera strutture prefabbricate preassemblaggio impianti preassemblaggio finiture finiture in opera componenti industriali Fig. 1. La piramide produttiva nell industria edilizia La piramide produttiva può essere più o meno alta e larga (cioè diversificata). In ogni caso, al livello più basso abbiamo i produttori dei componenti industriali di base: cemento, laterizi, estrusi e profilati di acciaio ed altri metalli, ceramiche, componenti impiantistici, ecc. Si tratta normalmente di imprese industriali medio-grandi, con cicli di produzione per processo o per lotti (su commessa o, più spesso, a magazzino; comunque di norma su catalogo) che si rivolgono 6 La seguente trattazione fa specifico riferimento alla edilizia ma le conclusioni cui si giungerà sono sostanzialmente applicabili (con secondari adattamenti) all intero settore delle costruzioni. 7 Per il modello di piramide gerarchica ho utilizzato, modificandola, una formalizzazione proposta in Esposito, 1999 per il settore aeronautico. 3

4 tendenzialmente al mercato globale (compatibilmente con l incidenza dei costi di trasporto). Al livello superiore abbiamo le imprese di trasformazione dei componenti prefabbricati (elementi strutturali, quadri elettrici, infissi, ecc.), imprese di media dimensione (produzione su commessa, a volte ma non sempre a catalogo) con mercati di sbocco tendenzialmente regionali. Infine abbiamo le imprese specialistiche che operano direttamente sul cantiere, sia realizzando le strutture e le finiture tradizionali (che non necessitano cioè di preassemblaggio), sia mettendo in opera (installazione, assemblaggio, posa in opera ) i componenti preassemblati negli stabilimenti: il loro ciclo di lavoro è sempre naturalmente su commessa, e nella maggioranza dei casi in base a specifiche tecniche (capitolati) adattate al singolo progetto. Sono, queste ultime, imprese per lo più piccole o piccolissime, con mercati di sbocco a livello provinciale o poco più (con poche, anche se importanti, eccezioni costituite da imprese medio-grandi operanti a livello nazionale o addirittura internazionale). Al vertice c è il General Contractor, responsabile unico della realizzazione dell opera, che a volte (ma solo in alcuni contesti geografici e tipologici) realizza direttamente una parte dell opera (per lo più a livello di strutture in opera), ma la cui fondamentale (ed essenziale) funzione è quella di acquisire, organizzare, programmare e coordinare gli apporti delle imprese specialistiche (e, attraverso queste, quello delle imprese di trasformazione dei componenti). Ai nostri fini, è interessante rilevare come, salendo lungo la piramide, il prodotto di base (essenzialmente una commodity) venga progressivamente personalizzato e contestualizzato, fino a giungere al prodotto unico e irripetibile costituito dal singolo edificio. I rapporti tra General Contractor ed imprese specialistiche (subcontractors) sottostanti sono stati oggetto di approfonditi studi nei primi anni 80 da parte di Eccles e Dioguardi. Eccles, sulla base di una indagine condotta tra gli homebuilder (General Contractor per la realizzazione di residenze, per lo più unifamiliari) del New England, individua tre principali motivazioni per il ricorso al subcontracting nel settore della costruzione di abitazioni unifamiliari: l estensione del mercato, la dimensione, e la complessità de l singolo intervento (Eccles, 1981 a). Egli rileva inoltre come tali relazioni di subcontracting siano essenzialmente stabili e ripetitive nel tempo, venendo a costituire all interno della piramide gerarchica un organizzazione di fatto (chiamata quasi-firm ) intermedia tra gerarchia (opzione make) e mercato (opzione buy). La prova per l esistenza della quasi-firm sta nel numero dei subappaltatori utilizzati per ogni attività, nella durata dei rapporti tra appaltatore generale e subappaltatore, nell uso di appaltatori cottimisti e nelle procedure per la scelta dei subappaltatori. In particolare, nell indagine effettuata da Eccles, i general contractor ricorrono alla gara d appalto, in cui il subcontractor che presenta l offerta più bassa si aggiudica automaticamente il lavoro, solo nel 19,6% dei casi, mentre in tutti gli altri casi si ricorre a qualche forma di negoziazione, evidentemente al fine di salvaguardare la discrezionalità nella scelta del fornitore (Eccles, 1981 b). Eccles motiva l esistenza della quasi-firm in termini di minimizzazione dei costi di transazione (Williamson, 1975). Può essere interessante notare che una recentissima indagine effettuata nel New England tra homebuilders e general contractors commerciali, pur rilevando notevoli evoluzioni nel contesto organizzativo 8, ha confermato l esistenza della quasi-firm tra gli homebuilder ed anche (sia pure con modalità più spostate verso il mercato ) tra i General Contractor di maggiore dimensione (Costantino et al., 2001). Dioguardi, che ha studiato le relazioni General Contractor / subcontractor in termini più approfonditi sul versante organizzativo, ed in un ottica non solo di rilevazione di una realtà del mercato ( spontanea e limitata), ma anche (e soprattutto) di proposizione di un modello inter- 8 Al primo posto tra le motivazioni per il subappalto, ad esempio, è stata rilevata l esigenza del General Contractor di grandi edifici di trasferire le responsabilità da prodotto ad una ditta specialistica, motivazione questa neanche rilevata da Eccles. 4

5 organizzativo di ben più ampia applicabilità, ha dato alla rete di imprese semi-stabilmente legate al General Contractor il nome di macroimpresa (Dioguardi, 1983 b). L organizzazione imprenditoriale nella sua accezione più completa evolve attraverso stabili legami di interazione tra i suoi poli e le imprese esterne. Ciò crea una rete di relazioni che nella sua interezza può essere paragonata ad un piccolo sistema economico Questa rete di relazioni stabili che apre l impresa (generale) nei confronti del mondo esterno rappresenta il livello organizzativo che io chiamo macroimpresa. (Dioguardi, 1986). L intuizione di Dioguardi, che proponeva il modello della macroimpresa anche al di fuori del settore delle costruzioni, ha trovato poi ampio riscontro nelle strutture inter-organizzative rilevate negli anni 90 in altri settori industriali, soprattutto manifatturieri (cfr. bibliografia in nota 3). Negli ultimi anni molti autori di scuola anglosassone (soprattutto nel Regno Unito) hanno affrontato il problema del miglioramento dell efficienza nel settore delle costruzioni riprendendo l impianto teorico della lean production (e di altre modellizzazioni sviluppate in ambito manifatturiero) e giungendo a proporre modelli inter-organizzativi per il settore delle costruzioni concettualmente riconducibili alla macroimpresa di Dioguardi (Latham, 1994; Thompson e Anderson, 1997; Construction Task Force, 1998; Cox e Townsend 1998; Bennett, 2000; Bresnen e Marshall, 2000 a, b; Ben Mahmoud-Jouini, 2000; Wong et al., 2000). Al di là dell enfasi ideologica a tratti riscontrabili in alcuni di tali lavori, è innegabile che l esistenza di relazioni semistabili tra general contractor e subcontractor (ed anche tra cliente e general contractor) viene sempre più non solo riconosciuta come modalità operativa esistente, ma anche, e soprattutto, proposta come modello inter-organizzativo in qualche modo vincente. A questo punto si ripropone, in termini più circoscritti e mirati, il dilemma prima proposto: come si conciliano tali relazioni (strategiche, discrezionali, fortemente basate sulla fiducia interpersonale ed inter-organizzativa) con l intrinseca occasionalità e semplicità (semplificazione?) dei meccanismi di auction proposti dai portali settoriali? Costi di transazione e modalità di acquisizione delle risorse Il tentativo di spiegare le modalità inter-organizzative di gestione delle supply chain in termini di minimizzazione dei costi di transazione (cioè dei costi connessi alla definizione ed alla gestione della transazione) risale al famoso scritto di Coase (1937) ed ai successivi approfondimenti, soprattutto di Williamson (1975, 1979). Secondo la teoria dei costi di transazione, l impresa sceglie tra tutte le possibili configurazioni di fornitura del range gerarchia / mercato quella che minimizza i costi complessivi (costi diretti più costi di transazione). Nella tabella di fig. 2 sono sinteticamente riportati i più importanti costi connessi alla gestione di una transazione. Costi di transazione Costi di ricerca Costi di informazione Costi di negoziazione Costi di decisione Costi di controllo Costi del contenzioso Reperimento di informazioni sui potenziali venditori Reperimento di informazioni sulla possibile transazione Contatti, comunicazioni, trattative Valutazione (eventualmente multicriteriale) delle opzioni di acquisto Gestione della transazione; controllo di qualità, tempi, costi Gestione di eventuali contestazioni e/o inadempienze Fig. 2. Principali costi di transazione (adattato da Watson et al., 2000) 5

6 Il concetto di costi di transazione si è rivelato molto potente nell impianto teorico, anche se piuttosto inadeguato rispetto ad eventuali applicazioni quantitative. Nella maggior parte dei casi infatti, a causa delle notevoli difficoltà pratiche nella misura diretta di tali costi 9, esso rischia di originare spiegazioni tautologicamente banali: l impresa sceglie una certa configurazione di approvvigionamento perché evidentemente è quella in cui i costi complessivi sono minimizzati, ma d altra parte i relativi costi di transazione possono essere valutati solo in termini relativi, e per differenza di costi totali rispetto alla configurazione prescelta perché (sinteticamente) ritenuta migliore 10. In ogni caso, la schematica tabella di fig. 2 ci dà conto di come l e-commerce b2b possa ridurre i costi di transazione abbattendo drasticamente sia i tempi che i costi di trasmissione delle informazioni che costituiscono il contenuto fondamentale di tali costi. Come è stato rilevato (Camussone, 2000): Il commercio elettronico da un lato tenderebbe a riportare all interno dell impresa funzioni ora demandate ad intermediari, ma dall altro potrebbe far sorgere operatori specializzati in questo tipo di attività, per cui l impresa potrebbe essere tentata di demandare a qualcuno di essi la gestione di questo nuovo canale commerciale. Questi operatori specializzati sono i gestori dei portali cosiddetti verticali del b2b, in particolare dei marketplace, che traggono la propria redditività dai ser vizi di riduzione nei costi di transazione offerti ai propri clienti. Appare subito evidente come l entità (relativa ed assoluta) di tali abbattimenti determini il successo dell iniziativa: le sopra citate previsioni estremistiche di mercati concorrenziali perfetti sono teoricamente perseguibili solo nell ipotesi che il commercio elettronico annulli (o comunque abbatta in termini radicali) tutti i costi di transazione. I portali verticali nel settore delle costruzioni Al fine di verificare gli effettivi ambiti di operatività dei portali b2b operanti nel settore delle costruzioni, sono stati esaminati 3 siti web di portali generalisti (destinati cioè all intero mercato delle costruzioni) e 9 siti di portali più strettamente verticali, riferiti cioè a specifici ambiti di fornitura (ad esempio impianti idro-termo-sanitari, impianti di sicurezza, ecc.) attivi nel novembre 2000 sul mercato italiano. Sono tutti portali del tipo hub broker molti verso molti, poiché almeno in Italia il livello di concentrazione del settore non è sufficiente a far nascere portali aziendali del tipo rilevato in settori industriali a più elevato livello di concentrazione (Bianchi e Noci, 1999) 11. La gamma dei servizi offerti (o meglio previsti, giacché si riscontra un notevole numero di opzioni non ancora attivate in quasi tutti i siti) è, in linea di massima, molto ampia e diversificata. Al di là però delle differenziazioni semantiche, le principali funzioni operative proposte sono quelle riassunte nella tabella di fig. 3. In linea di principio (ma vi sono delle eccezioni) i servizi di asta (di acquisto e di vendita), di richiesta di offerta e di gestione cataloghi sono offerti a titolo oneroso (insieme, naturalmente, ai banner pubblicitari), mentre gli altri hanno funzione di servizi collaterali offerti gratuitamente per fidelizzare i clienti. Un esame a campione operato su altri portali operanti a livello europeo o statunitense ha rilevato che (come era prevedibile, attesa la globalizzazione dei modelli internet) il modello operativo 9 Si veda, al proposito, Hughes et al. (2000). 10 Sono debitore al Prof. Gianfranco Dioguardi per queste riflessioni. 11 Nel mercato statunitense, invece, si riscontra qualche iniziativa in tal senso, anche se il modello più diffuso è comunque quello del marketplace molti verso molti (Engineering News-Record, 2000 a). 6

7 italiano non appare sotto questo aspetto particolarmente differenziato da quelli riscontrabili in tali mercati. Servizio Asta di acquisto Richiesta d offerta Asta di vendita Gestione cataloghi Supporti informatici Informazioni commerciali Legislazione Notizie Analisi Un potenziale acquirente (momentaneamente anonimo) dichiara il proprio interesse ad acquistare un determinato prodotto/servizio ad un prezzo massimo (minimo) rispetto al quale i potenziali venditori (anch essi momentaneamente anonimi) presentano offerte al ribasso (in aumento). L asta di acquisto viene limitata ad un gruppo di potenziali fornitori preventivamente selezionati. Potenziali venditori di stock di magazzino e/o impianti e attrezzature segnalano la propria disponibilità a vendere tali prodotti all asta. La gestione successiva è simile a quella delle aste di acquisto. I cataloghi dei possibili fornitori vengono gestiti da software intelligenti in grado di elaborare ricerche di mercato e confronti di prezzo. Servizi di elaborazione, standardizzazione e trasmissione di informazioni progettuali e specifiche tecniche. Informazioni su potenziali fornitori e/o clienti. Raccolta aggiornata della normativa di settore. Informazioni di attualità del settore (gare pubbliche, ecc.). Studi e commenti di esperti del settore. Fig. 3. Principali funzioni proposte dai vertical portal del settore delle costruzioni operanti in Italia nel novembre Il livello ancora di avviamento che contraddistingue la maggior parte dei siti investigati non consente di impostare significative analisi sui volumi e sulle tipologie degli scambi effettivamente gestiti (probabilmente ancora molto bassi, e i cui dati, comunque, non sono al momento disponibili). E peraltro interessante notare come tutti i servizi offerti vadano nella direzione di un abbattimento dei costi di transazione innanzi classificati come di ricerca, informazione, negoziazione e decisione, mentre restano quasi completamente esclusi quelli di controllo e di contenzioso. Il dato è tutt altro che casuale: queste ultime due fasi si prestano evidentemente molto poco ad una gestione standardizzata a livello di service esterno. Come può incidere tutto ciò sugli ambiti di effettiva applicazione? Le possibili transazioni nel settore delle costruzioni (come in molti altri) possono riguardare prodotti e servizi a diverso livello di standardizzazione e con differenti modalità di codifica dell informazione. E evidente come sia relativamente agevole elaborare e gestire procedure automatizzate per la gestione degli acquisti nel caso di commodity: la ricerca fa riferimento a dati di norma già disponibili (elenchi dei potenziali fornitori), la informazione è altamente codificata, e pertanto esprimibile in termini estremamente sintetici, conseguentemente la negoziazione e la decisione possono essere riportati al solo criterio del prezzo più basso. Trattandosi di prodotti a catalogo, le stesse successive fasi di controllo ed (eventuale) contenzioso, pur se solo parzialmente supportate dal service del portale, risultano di norma, piuttosto semplici e poco onerose. Da questo punto di vista, la rete 7

8 può rivelarsi un ausilio prezioso indipendentemente dalla stesa esistenza di portali specializzati (Barattelli, 2000). Del tutto differente è la situazione per le transazioni aventi per oggetto prodotti / servizi più specifici ed idiosincratici, quali di norma - i subappalti: la ricerca dei potenziali fornitori deve prendere in considerazione una serie di variabili (potenzialità quali-quantitativa, attuale carico di lavoro, area geografica di azione, ecc.) tutt altro che banali, e spesso di difficile reperibilità; la informazione ha un livello di codifica inferiore, ed una componente dimensionale (intesa come mole di dati progettuali da esaminare ed interpretare per sviluppare l offerta) spesso notevole; la negoziazione, ed ancor più la decisione, fanno riferimento ad una pluralità di elementi difficilmente riconducibili a metodologie gestibili in termini puramente algoritmici (analisi multicriterio). Naturalmente le successive fasi di controllo e contenzioso, il cui peso specifico è in questo caso molto maggiore, restano ancora escluse dal servizio. D altro canto, sono proprio queste appena indicate le motivazioni del carattere sensibilmente fiduciario che i subappalti tendono a rivestire nel settore delle costruzioni, e che determinano la natura semi-stabile (e pertanto quasi gerarchica) della macroimpresa. Da quanto sopra evidenziato, sarebbe lecito aspettarsi che i servizi offerti dai portali b2b nel settore delle costruzioni (soprattutto per quanto concerne l asta di acquisto) siano destinati ad incontrare successi applicativi molto più ampi nell area bassa della piramide produttiva (acquisto di componenti industriali e, in misura minore, di strutture prefabbricate e di impianti e finiture preassemblati) che in quella alta (subappalti per le operazioni di cantiere). Si tratta, naturalmente, solo di una prima ipotesi, da sottoporre a verifica in un prossimo futuro: a supporto della sua plausibilità sembrano peraltro al momento andare non solo le considerazioni innanzi evidenziate, ma anche la particolare diffusione di portali specialistici nelle aree merceologiche maggiormente assimilabili alle commodity (come i componenti idrotermo-sanitari, quelli ferrosi, ecc.). b2b e gestione dei subappalti Sembra pertanto che le applicazioni b2b dell e-commerce nel settore delle costruzioni siano destinate a trovare ampia diffusione nella organizzazione delle transazioni (ma sarebbe più corretto parlare solo di acquisti, considerata l esclusione delle successive fasi di gestione) tra produttori / venditori di componenti industriali ed imprese specialistiche di trasformazione ed installazione, mentre l impatto sulle relazioni tra General Contractor e imprese specialistiche dovrebbe risultare molto inferiore. Tali (provvisorie) conclusioni potrebbero però risultare sostanzialmente modificate, se non addirittura ribaltate, se si passa ad esaminare le possibili applicazioni delle tecnologie web proprio alle fasi di gestione delle transazioni successive alla scelta del fornitore ed alla sottoscrizione del contratto. E infatti questo un contesto caratterizzato, per i subappalti, da notevoli moli di informazioni, i cui flussi sono solo parzialmente pianificabili, e che devono essere scambiati tra i diversi soggetti della sezione alta della piramide produttiva in senso sia verticale che orizzontale, nel corso della realizzazione del project. Precedenti esperienze hanno già dimostrato le potenzialità app licative delle tecnologie informatiche nell offrire un supporto operativo non tanto alla costituzione della macroimpresa, quanto alla sua successiva gestione (Costantino e Sivo, 1999). Il fine ultimo delle applicazioni elettroniche alla catena del valore allargata è condividere le informazioni dell impresa con fornitori, acquirenti e partner, al fine di consentire alla pianificazione delle forniture, della domanda, della produzione e della logistica di trovare attuazione in tempo reale (Hoque, 2000). 8

9 Numerose esperienze di implementazione di questo genere sono al momento in corso da parte dei più grandi operatori del mercato globale, in termini di applicazioni internet, intranet, extranet (Finch, 2000; Engineering News-Record, 2000 b); il loro scopo sembra essere quello di coprire, in termini di architetture software proprietarie, proprio le aree non direttamente (o solo marginalmente) affrontate dai portali verticali b2b, cioè la gestione dei flussi di informazione relativi allo sviluppo del progetto (e successivi alla decisione di acquisto/subappalto) tra tutti gli attori della realizzazione: committente, progettisti, General Contractor, subcontractors, fornitori. Questi sistemi ad intelligenza distribuita (Micelli, 2000) costituiscono probabilmente il più interessante sviluppo organizzativo dell e-commerce nel sistema delle costruzioni, al di là del più appariscente (in quanto ampiamente supportato dalla comunicazione pubblicitaria) contributo dei marketplace e dei vertical portal. Saranno gli sviluppi futuri a dirci se tra le due reti di gestione informativa (entrambe operanti in massima parte su internet): marketplace per gli acquisti di commodity, e reti informative per la gestione dei progetti, si svilupperanno convergenze operative e funzionali in misura superiore a quanto attualmente riscontrabile, e soprattutto quali saranno i soggetti gestori di tali reti informative: gli specialisti delle rete, o i grandi operatori sui fronti della committenza (clienti), della realizzazione (grandi general contractor), o dei servizi professionali (società di ingegneria). Bibliografia Albino V., Costantino N., Sivo G. (2000), Le costruzioni: mercato e impresa, Carocci, Roma. Barattelli C., La pianificazione degli acquisti in rete per la gestione di commesse di costruzioni civili, Atti del Convegno Giornate AICE 2000), Università Bocconi, Milano, 23-24/11/2000. Ben Mahmoud-Jouini S. (2000), Innovative supply-based strategies in the construction industry, Construction Management and Economics, n 6, settembre. Bennett J. (2000), Construction. The third way, Butterworth Heinemann, Oxford. Bianchi R., Noci G. (1999), Obiettivi e determinanti dell utilizzo del sito Web nelle imprese industriali, in Campi C., D Angelo A., La Bella A. (a cura di), Le opportunità del cambiamento tecnologico, D Anselmi Editore / Hoepli, Roma. Bon R., Crosthwaite D. (2000), The Future of International Construction, Thomas Telford, Londra. Bresnen M., Marshall N. (2000 a), Parteniring in construction: a critical review of issues, problems and dilemmas, Construction Management and Economics, n 2, marzo. Bresnen M., Marshall N. (2000 b), Motivation, commitment and the use of incentives in parterships and alliances, Construction Management and Economics, n 5, agosto. Brynjolfsson E., Smith M. (1999), Frictionless Commerce? A Comparison of Internet and Conventional Retailers, MIT Sloan School of Manangement. Capaldo G., Esposito E., Lo Storto C., Raffa M. (1998), Supply Management, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. Camussone P.F. (2000), Informatica, organizzazione e strategie, McGraw-Hill Italia, Milano. Carlisle J.A. e Parker R.C. (1991), Il sistema cliente-fornitore, Milano, Etaslibri. Chadwick T., Rajagopal S. (1995), Strategic supply management, Butterworth Heinemann, Stamford (U.K.). Coase R.H. (1937), The Nature of the Firm, Economia, n 4. Commissione delle Comunità Europee (1997,) La competitività nell industria della costruzione, Comunicazione della Commissione COM(97) 539 def., Bruxelles. Construction Task Force (1998), Rethinking Construction, HMSO, London. 9

10 Costantino, N. (1996) La gestione del progetto in edilizia: problematiche organizzative e di mercato, L Industria, n 2, aprile-giugno. Costantino N., Sivo G. (1999), La gestione delle competenze nello sviluppo di programmi integrati nel settore delle costruzioni: ruolo emergente delle tecnologie informatiche e nuovi modelli inter-organizzativi, in Campi C., D Angelo A., La Bella A. (a cura di), Le opportunità del cambiamento tecnologico, D Anselmi Editore / Hoepli, Roma. Costantino N., Pietroforte R., Hamill P. (2001), Subcontracting in commercial and residential construction: an empirical investigation, Construction Mangement and Economics, in corso di pubblicazione. Cox A., Townsend M. (1998), Strategic Procurement in Construction, London, Thomas Telford. De Maio A., Maggiore E. (1992), Organizzare per innovare, Milano, Etaslibri. De Toni A., Nassimbeni G. (1998), The Buyer-Supplier Exchange in the Presence of Design, Logistic and Quality Interactions: Results of an Empirical Research, in Capaldo G., Esposito E., lo Storto C., Raffa M., Supply Management, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. Dioguardi GF. (1983 a), Nuovi modelli organizzativi per l impresa, Milano, Etas Libri. Dioguardi GF. (1983 b), Macrofirm: Construction Firms for the Computer Age, Journal of Construction Engineering and Management, ASCE, vol. CIX, n 1, marzo. Dioguardi G.F. (1986), An Organizational Model for Building Construction Firms in the Computer Age, in Cheremisinoff et al., Handbook of Civil Engineering, Lancaster, PA. Dioguardi G.F. (a cura di) (1994), Sistemi di imprese. Le nuove configurazioni dell impresa e dei mercati, Etaslibri, Milano. Dioguardi G.F. (1996), La natura dell impresa tra organizzazione e cultura, Bari, Laterza. Eccles R.G. (1981 a), Bureaucratic versus Craft Administration: The Relationship of Market Structure to the Construction Firm, Administrative Science Quarterly, n 26. Eccles R.G. (1981 b), The Quasi-firm in the Construction Industry, Journal of Economic Behaviour and Organization, n 2. Engineering News-Record (2000 a), Contractors take web tool to subs, 25/9/2000. Engineering News-Record (2000 b), ENR e-construction, 25/9/2000. Erridge A. (1995), Managing purchasing, Butterworth Heinemann, Oxford (UK). Esposito E., Raffa M. (1998), Similarities and Differences in Italian Subcontracting System, in Capaldo G., Esposito E., lo Storto C., Raffa M., Supply Management, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. Esposito E. (1999), Economia delle imprese ad alta tecnologia, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. Finch E. (2000), Net gain in construction, Butterworth Heinemann, Oxford (UK). Hayek F.A. (1945), The Use of Knowledge in Society, American Economic Review, vol. 35, settembre. Hoque F. (2000), e-enterprise, Cambridge University Press, New York. Hughes W., Hillebrandt P., Lingard H., Greenwood D. (2000), The impact of market and supply configurations on the costs of tendering in the construction industry, Proceedings of the Joint Meeting of CIB Working Commissions W55 and W65 and Task groups TG23, TG31 and TG35, University of Reading (U.K.), settembre Lamming R. (1993), Beyond partenrship, Hemel Hempstead (UK), Prentice Hall International. La Posta L. (2000), L impresa cresce con l e-business, Il Sole 24 Ore New Economy, 18/10/2000. Latham M. (1994), Constructing the team, HMSO, London. Lazonick W.H. (1993), L organizzazione dell impresa e il mito dell economia di mercato, Il Mulino, Bologna. Lorenzoni G. (a cura di) (1992), Accordi, reti e vantaggio competitivo, Etaslibri, Milano. 10

11 Mariotti S. (a cura di) (1994), Verso una nuova organizzazione della produzione, Etaslibri, Milano. Mariotti S. (a cura di) (1996), Mercati verticali organizzati e tecnologie dell informazione, Fondazione Adriano Olivetti. Merli G. (1990), Comakership, Torino, ISEDI. Micelli S. (2000), Imprese, reti e comunità virtuali; Etas, Milano. Montanaro D. (2000), Internet: verso la concorrenza perfetta?, L industria n 3/2000. Perretti F. (2000), La grande sfida dei contenuti, in AA.VV., Net Economy, Etas, Milano. Tagliaventi M.R., Zanoni A. (1998), Cooperation between Customer and Supplier: An Appraisal of Structural and Relational Determinants, in Capaldo G., Esposito E., lo Storto C., Raffa M., Supply Management, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. The Economist (2000 a), A survey of the new economy, 23/9/2000. The Economist (2000 b), A market for monopoly?, 17/6/2000. The Economist (2000 c), b2b exchanges. The container case, 23/9/2000. Thompson I., Anderson L. (1997), Optimal Contracting Strategies in Construction, Proceedings of The 6 International Annual IPSERA Conference, Ischia, marzo Watson R.T., Berthon P., Pitt L.F., Zinkhan G.M. (2000), e-commerce e impresa, McGraw-Hill Italia, Milano. Williamson O.E. (1975), Markets and Hierarchies: Analysis and Antitrust Implications, New York, The Free Press. Williamson O.E. (1979), Transaction Costs Economics: The Governance of Contractual Relations, Journal of Law and Economics, n 22. Womack J.P., Jones D.T. e Roos D. (1990), The Machine that Changed the World, New York, Rawson Ass. Womack J.P., Jones D.T (1996), Lean Thinking, New York, Simon & Schuster. Wong E.S., Then D. e M. Skitmore (2000), Antecedents of trust in intra-organizational relationships within three Singapore public sector construction project management agencies, Construction Management and Economics, n 7, ottobre-novembre.. 11

RILEVANZA E PRIME VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI DELLA E- ECONOMY

RILEVANZA E PRIME VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI DELLA E- ECONOMY Numero 00-13 26 luglio 2000 NOTA DAL C.S.C. RILEVANZA E PRIME VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI DELLA E- ECONOMY Giovanni Foresti La diffusione della e-economy sta determinando cambiamenti radicali nel modo di

Dettagli

Vito Albi no MERCATO. Nicola Costantino E IMPRESA. Guido Sivo. Carocci

Vito Albi no MERCATO. Nicola Costantino E IMPRESA. Guido Sivo. Carocci LE COSTRUZIONI: Vito Albi no MERCATO Nicola Costantino E IMPRESA Guido Sivo Carocci IUAV - VENEZIA AREA SERV. BIBLIOGRAFICI E DOCUMENTALI G 7910 BIBLIOTECA CENTRALE E-P ~ l::- Vito Albino Nicola Costantino

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

L e-business. Electronic Business. Metodi dell e-business. E-commerce. qualsiasi processo di business che si basa su un sistema informativo

L e-business. Electronic Business. Metodi dell e-business. E-commerce. qualsiasi processo di business che si basa su un sistema informativo L e-business Electronic Business Claudio Fornaro ver. 1.3 Definito genericamente come: qualsiasi processo di business che si basa su un sistema informativo In genere si fa e-business per mezzo del Web:

Dettagli

a.a 2010/2011 V MODULO Analisi Economica dei Mercati Area Economica

a.a 2010/2011 V MODULO Analisi Economica dei Mercati Area Economica a.a 2010/2011 V MODULO Analisi Economica dei Mercati Area Economica Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che nella

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... pag. XV ED EVOLUZIONE DEL RAPPORTO

INDICE SOMMARIO. Introduzione... pag. XV ED EVOLUZIONE DEL RAPPORTO Introduzione... pag. XV CAPITOLO I LOGISTICA ED ICT: CONCETTI INTRODUTTIVI ED EVOLUZIONE DEL RAPPORTO 1.1 La definizione ed il ruolo della logistica... pag. 1 1.2 L evoluzione del concetto di logistica...»

Dettagli

ICT e Sistemi informativi Aziendali. ICT e Sistemi informativi Aziendali. Sommario. Materiale di supporto alla didattica

ICT e Sistemi informativi Aziendali. ICT e Sistemi informativi Aziendali. Sommario. Materiale di supporto alla didattica ICT e Sistemi informativi Aziendali Materiale di supporto alla didattica ICT e Sistemi informativi Aziendali Capitolo III Business digitale Sommario Business Digitale E-commerce Sistemi di pagamento Rete

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

Una definizione. Il trend dell e-procurement. I vantaggi. I fattori critici di successo. Le modalità di applicazione.

Una definizione. Il trend dell e-procurement. I vantaggi. I fattori critici di successo. Le modalità di applicazione. L e-procurement Principali tematiche Il trend dell e-procurement Cos è Attori 2/13 Tipologie l utilizzo di Applicazioni Web-Based in grado di svolgere in maniera semi-automatica i processi di approvvigionamento

Dettagli

Capitolo 7 Reti di impresa

Capitolo 7 Reti di impresa Capitolo 7 Reti di impresa Indice Il tema delle reti nella teorie manageriali Le definizioni prevalenti sul concetto di rete Risorse e competenze nei processi di rete Rete e vantaggi competitivo Alcune

Dettagli

a.a 2010/2011 X MODULO E- Procurement

a.a 2010/2011 X MODULO E- Procurement a.a 2010/2011 X MODULO E- Procurement Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che nella Pubblica Amministrazione. Il mercato

Dettagli

CHE COSA È IL MARKETING

CHE COSA È IL MARKETING 01_giacomazzi 3-12-2001 9:10 Pagina 1 CHE COSA È IL MARKETING BUSINESS TO BUSINESS (MARKETING INDUSTRIALE) Capitolo 1 1.1 MARKETING BUSINESS TO BUSINESS I Paesi industrializzati sono nel pieno di una rivoluzione

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

SOLUZIONI PER LA PMI myjob.e&c qualificata mysap All-in-One

SOLUZIONI PER LA PMI myjob.e&c qualificata mysap All-in-One SOLUZIONI PER LA PMI myjob.e&c qualificata mysap All-in-One La Soluzione per le piccole e medie imprese di impiantistica e macchinari myjob.e&c è la soluzione qualificata mysap All-in-One basata su mysap

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 BIBLIOGRAFIA A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998 P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 D. Peppers, M. Rogers, B. Dorf, Marketing One To One, Il Sole 24 Ore,

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

Le implicazioni sulla società

Le implicazioni sulla società 1 Giulio Occhini La fabbrica e l ufficio nell era digitale Fabbrica e ufficio sono le due componenti tradizionali dell organizzazione dell impresa, indipendentemente dal fatto che essa sia pubblica o privata,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR 7 marzo 2011 Comunicato Stampa Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR Antonio Gentile, ex General Manager di Qurius Italia, è ufficialmente entrato a far parte del team Altea a

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

LAURA ROVIZZI. lr@opengateitalia.com Tel : +39 064551193 Skype: laura_rovizzi. Italiana, vive a Roma 08/05/1964, MILANO CONIUGATA

LAURA ROVIZZI. lr@opengateitalia.com Tel : +39 064551193 Skype: laura_rovizzi. Italiana, vive a Roma 08/05/1964, MILANO CONIUGATA CURRICULUM VITAE LAURA ROVIZZI lr@opengateitalia.com Tel : +39 064551193 Skype: laura_rovizzi Italiana, vive a Roma 08/05/1964, MILANO CONIUGATA Marzo 2006 oggi Costituisce Open Gate Italia (www.opengateitalia.com)

Dettagli

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo Dispensa Definizione di Sistema Produttivo 1) Introduzione ai Sistemi Produttivi 1.1 Definizione di Sistema Produttivo In questa prima sezione si vuole dare una visione generale del sistema produttivo,

Dettagli

IL MERCATO DEL FACILITY MANAGEMENT ITALIANO AD UNA SVOLTA

IL MERCATO DEL FACILITY MANAGEMENT ITALIANO AD UNA SVOLTA IL MERCATO DEL FACILITY MANAGEMENT ITALIANO AD UNA SVOLTA La rapida crescita della domanda di servizi di Facility Management nel nostro Paese ha innescato solo in parte un processo di crescita qualitativa

Dettagli

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale Academy Lindt Academy Percorso di Formazione Manageriale EDIZIONE 2010-2011 Academy Da dove siamo partiti Dal desiderio di definire un percorso che miri a soddisfare i fabbisogni formativi di giovani con

Dettagli

Proseguiamo con questo intervento la rubrica l angolo

Proseguiamo con questo intervento la rubrica l angolo F M L angolo del Facility Proseguiamo con questo intervento la rubrica l angolo del Facility, iniziata lo scorso numero su invito del Comitato Scientifico della rivista. L obiettivo della rubrica consiste

Dettagli

Knowledge Management e competitività

Knowledge Management e competitività Soluzioni per l impresa Knowledge Management e competitività Alberto Bortolin Globalizzazione, qualità, masscustomisation, concorrenza, pressione dai paesi emergenti, innovazioni tumultuose, pretese dei

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI LOGISTICHE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO DEL SITO GLAXO SMITH KLINE DI VERONA

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI LOGISTICHE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO DEL SITO GLAXO SMITH KLINE DI VERONA LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI LOGISTICHE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO DEL SITO GLAXO SMITH KLINE DI VERONA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni introduttive L attenzione

Dettagli

A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE AZIENDA : Organizzazione di cose e persone che persegue uno scopo economico. (ditte, famiglie, banche, associazioni) IMPRESA : azienda la cui attività produttiva è destinata

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

CONTATTI. Tekla Corporation Headquarters Metsänpojankuja 1 02131 Espoo - Finland

CONTATTI. Tekla Corporation Headquarters Metsänpojankuja 1 02131 Espoo - Finland Tekla Corporation Tekla è una società informatica all avanguardia sulla scena internazionale che sviluppa soluzioni software basate sulla modellazione per i clienti che desiderano migliorare il loro core

Dettagli

Commercio elettronico B2B

Commercio elettronico B2B Commercio elettronico B2B Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Caratteristiche e modelli di commercio elettronico

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Giuseppe Clemente Curriculum Vitae

Giuseppe Clemente Curriculum Vitae Giuseppe Clemente Curriculum Vitae Obiettivo Interessato alla ricerca di ambienti e contesti stimolanti, nazionali ed internazionali, focalizzati su sfidanti progetti di crescita e/o di ristrutturazione

Dettagli

a.a 2010/2011 I MODULO Gli approvvigionamenti d impresa: strategia e organizzazione Area Aziendale

a.a 2010/2011 I MODULO Gli approvvigionamenti d impresa: strategia e organizzazione Area Aziendale a.a 2010/2011 I MODULO Gli approvvigionamenti d impresa: strategia e organizzazione Area Aziendale Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Introduzione al Commercio elettronico

Introduzione al Commercio elettronico Introduzione al Commercio elettronico Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Cos'è il commercio elettronico

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

Executive Master in Logistica e Supply Chain

Executive Master in Logistica e Supply Chain Executive Master in Logistica e Supply Chain Management Governa l'insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano nell'azienda i flussi di materiali e delle relative informazioni

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

Supply Chain Operations Reference - SCOR

Supply Chain Operations Reference - SCOR easypoli Supply Chain Operations Reference - SCOR Definizioni e schema di funzionamento del modello SCOR e discussione sui fornitori www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Supply Chain

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA AZIENDALE STRATEGIA AZIENDALE CONOSCENZE IL CONCETTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO DI FONDO (OSF) L orientamento strategico di fondo delle imprese si basa su una nozione

Dettagli

Il Caso Ducati. Storia. Un esempio di riorganizzazione per processi. Storia

Il Caso Ducati. Storia. Un esempio di riorganizzazione per processi. Storia Il Caso Ducati Storia Un esempio di riorganizzazione per processi Storia Ducati oggi La centralità del cliente e del servizio Una nuova filosofia I processi di approvvigionamento e la supply chain Tecnica

Dettagli

ALESSANDRO ARRIGHETTI

ALESSANDRO ARRIGHETTI ALESSANDRO ARRIGHETTI Department of Economics, University of Parma, Via Kennedy 6 43100 Parma Phone: +39.0521.032404 Fax: +39.0521.032402 e-mail: alessandro.arrighetti@unipr.it Professore ordinario in

Dettagli

Le tecnologie per le imprese

Le tecnologie per le imprese Le tecnologie per le imprese Obiettivi della lezione L evoluzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione Le tre funzioni dell ICT Direttrici e problematiche delle tecnologie disponibili

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il I Mktg-L02 Marketing B2C vs Marketing B2B Business to Consumer (B2C): l acquirente

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi vincenzo.calabro@computer.org Agenda Il ruolo dei Sistemi Informativi Nozioni Processi di business e SI Tipi di SI per il business Sistemi d impresa Tipi di

Dettagli

L outsourcing della logistica: scelta strategica per la competitività dell impresa? Marco Melacini

L outsourcing della logistica: scelta strategica per la competitività dell impresa? Marco Melacini L outsourcing della logistica: scelta strategica per la competitività dell impresa? marco.melacini@polimi.itmelacini@polimi it Contesto di riferimento 2 La conoscenza di quale sarà il futuro dell economia

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

a.a 2010/2011 I MODULO Gli approvvigionamenti d impresa: strategia e organizzazione Area Aziendale

a.a 2010/2011 I MODULO Gli approvvigionamenti d impresa: strategia e organizzazione Area Aziendale a.a 2010/2011 I MODULO Gli approvvigionamenti d impresa: strategia e organizzazione Area Aziendale Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Controllare e snellire tutti i processi aziendali. Utilizzare nuovi canali di vendita. Incrementare le attività commerciali

Controllare e snellire tutti i processi aziendali. Utilizzare nuovi canali di vendita. Incrementare le attività commerciali L erp de Il Sole 24 ORE L INNOVAZIONE CHE FA CRESCERE LA TUA AZIENDA Controllare e snellire tutti i processi aziendali Il miglioramento dell efficienza aziendale si ottiene anche con nuovi strumenti di

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

L attività tipica è la vendita attraverso negozi on-line (amazon, cdnow) e-mall o cybermall aste elettroniche (ebay) (B2C) (B2B)

L attività tipica è la vendita attraverso negozi on-line (amazon, cdnow) e-mall o cybermall aste elettroniche (ebay) (B2C) (B2B) Conoscere l e-commerce Fare e-commerce significa condurre affari su Internet Fra le attività principali vendita di prodotti e servizi marketing on-line collaborazione con aziende esterne gestione della

Dettagli

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta: opportunità e sfide in un momento di crisi Mariano Corso School of Management Politecnico di Milano Milano, 23 ottobre 2009 Ricerca ALCUNI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE AZIENDALE E-COMMERCE

AMMINISTRAZIONE AZIENDALE E-COMMERCE ` This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

I sistemi ERP. sistemi ERP 1

I sistemi ERP. sistemi ERP 1 I sistemi ERP sistemi ERP 1 Il portafoglio applicativo delle industrie manifatturiere Pianificazione delle operazioni Analisi strategica, pianificazione annuale, programmazione operativa, scheduling Esecuzione

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto

Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto www.unifg.it Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto Valeria Spada Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali, Giuridiche, Merceologiche e Geografiche Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it

Dettagli

PRESENTAZIONE. In collaborazione con: E un iniziativa della:

PRESENTAZIONE. In collaborazione con: E un iniziativa della: E un iniziativa della: In collaborazione con: LEAN COMMUNITY Laboratorio di approfondimento e diffusione di concetti, metodologie e buone pratiche di Lean Transformation a favore delle PMI Padovane PRESENTAZIONE

Dettagli

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE Il Benchmarking sui bilanci è un fondamentale supporto alla gestione dell azienda Cerved ha appena pubblicato i dati di bilancio

Dettagli

INDICE. 1 Introduzione... 4. 2 Premessa... 6. 3 Cosa è il Supply Chain Management... 9. 4 L organizzazione aziendale per il SCM...

INDICE. 1 Introduzione... 4. 2 Premessa... 6. 3 Cosa è il Supply Chain Management... 9. 4 L organizzazione aziendale per il SCM... SUPPLY CHAIIN MANAGEMENT E PMII:: PROGETTARE IINTERVENTII DII SUPPORTO PER LO SVIILUPPO DELLA COMPETIITIIVIITÀ INDICE 1 Introduzione... 4 2 Premessa... 6 3 Cosa è il Supply Chain Management... 9 4 L organizzazione

Dettagli

a.a 2010/2011 III MODULO Normativa per il Procurement Area Giuridica

a.a 2010/2011 III MODULO Normativa per il Procurement Area Giuridica a.a 2010/2011 III MODULO Normativa per il Procurement Area Giuridica Perché formazione sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che nella

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa KNOWLEDGE MANAGEMENT Pasquale Lops Giovanni Semeraro Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa 1/23 Knowledge Management La complessità crescente della società, l esubero di informazioni

Dettagli

comunicare Gli uomini preistorici, prima di scrivere, impararono a disegnare... esattamente come fanno i bambini ancora oggi.

comunicare Gli uomini preistorici, prima di scrivere, impararono a disegnare... esattamente come fanno i bambini ancora oggi. Gli uomini preistorici, prima di scrivere, impararono a disegnare... esattamente come fanno i bambini ancora oggi. Lo fecero nelle caverne, dove più facilmente la natura avrebbe conservato le loro opere.

Dettagli

La logistica e il commercio elettronico (e-business)

La logistica e il commercio elettronico (e-business) La logistica e il commercio elettronico (e-business) Webbit 2003, Padova andrea.payaro@unipd.it 1 Agenda La logistica Il commercio elettronico e il business elettronico Opportunità e vincoli dei modelli

Dettagli

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA Page Personnel, agenzia per il lavoro, è specializzata nella selezione di personale qualificato da inserire sia con la somministrazione di lavoro temporaneo sia mediante assunzioni

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE A cura di: Fausto Chironi, Andrea Panichi Cap. 5, Thompson A., Strickland

Dettagli

Omega Veneto. Azienda IN PRIMO PIANO. CONGIUNTURA L economia veneziana nel primo trimestre 2008

Omega Veneto. Azienda IN PRIMO PIANO. CONGIUNTURA L economia veneziana nel primo trimestre 2008 Pubblicazione settimanale dell Unione degli Industriali della Provincia di Venezia Informa-Imprese Anno XXII n. 12 del 3 luglio 2008 Euro 0,90 - Sped. abb. post. 45% D.L. 353/2003, art. 1, comma 1, D.C.B.

Dettagli