Commercio elettronico business to business nel settore delle costruzioni: quali prospettive?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Commercio elettronico business to business nel settore delle costruzioni: quali prospettive?"

Transcript

1 Commercio elettronico business to business nel settore delle costruzioni: quali prospettive? Nicola Costantino 1 Abstract La possibilità di migliorare sensibilmente l efficienza della supply chain tramite l e-commerce business to business costituisce uno degli aspetti più promettenti delle applicazioni industriali delle Information Communication Technology. La schematica semplicità operativa che caratterizza molti dei vertical portal e dei marketplace finalizzati alla gestione di tali flussi sembra, peraltro, almeno parzialmente in contrasto con la complessità delle relazioni cliente/fornitore, che tanto spazio ha avuto negli studi di economia industriale e organizzazione aziendale dell ultimo decennio. L autore esamina la situazione dei portali specializzati del settore delle costruzioni (per il quale tale contrasto appare particolarmente evidente), facendo specifico riferimento al contesto italiano, ed avanzando alcune ipotesi sui possibili sviluppi che l e-commerce potrà avere su tale settore. Parole chiave: business to business, costruzioni, costi di transazione, subappalto. Introduzione La rivoluzione Internet sta sconvolgendo (o quanto meno minaccia/promette di farlo) molti settori della vita economica e sociale contemporanea. Gli analisti sono concordi nel ritenere che la quota maggiore dell'impatto economico riguarderà il cosiddetto commercio elettronico business to business (b2b) 2, costituito dalle transazioni intercorrenti tra le imprese lungo la supply chain sia per il b2b process/procurement (beni e servizi che entrano direttamente nel ciclo produttivo) che per il b2b end-use (beni e servizi che esauriscono la loro funzione all interno dell impresa). Più diversificata, e problematica, è la valutazione degli effetti che tale impatto avrà sulla redditività delle imprese interessate: se è vero, infatti, che il b2b può abbattere a monte i costi di acquisizione di beni e servizi, in termini di riduzione dei costi di transazione e di maggiore concorrenza, tale effetto si riscontra (naturalmente) anche a valle, lungo la stessa supply chain (fino al consumatore finale). Dal punto di vista dei profitti delle singole imprese, entrano così in gioco i differenziali di efficienza e le elasticità nei rispettivi mercati intermedi, con risultati finali estremamente differenziati da settore a settore, come evidenziato in un recente studio Goldman Sachs Research 3. In un (ipotetico?) equilibrio di medio-lungo termine la efficienza di Internet dovrebbe, nelle visioni più estremizzate, configurare mercati concorrenziali quasi perfetti, con informazione completa e gratuita e profitti pressoché nulli (Brynjolfsson e Smith, 1999). Già Hayek (1945) aveva rilevato che se vogliamo capire la vera funzione del mercato, dobbiamo vederlo non come un calcolatore, ma come un meccanismo per comunicare l informazione : migliorare la comunicazione significa pertanto (a parità di altre condizioni) avvicinarsi al modello del mercato concorrenziale perfetto. In realtà, la situazione sembra essere ben più complessa. Se sono rilevabili numerosi fattori di spinta verso la concorrenza perfetta in Internet (basse barriere all ingresso, ridotti costi di 1 Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Gestionale, Politecnico di Bari, via Japigia 182, 70126, Bari. Tel.: ; fax: ; 2 Un recente studio Gartner Group (citato in The Economist, 2000 a) stima in Miliardi di $ il giro d affari globale del b2b nel 2003, contro soli 400 Miliardi di $ del b2c (business to consumer). In Italia, Databank Consulting valuta in Miliardi di lire il giro d affari 2000 del b2b, contro 600 Miliardi per il b2c (citato in Perretti, 2000). 3 Citato in La Posta,

2 gestione, mercato di sbocco globale, possibilità di minimizzare i costi di gestione dell informazione e di negoziazione attraverso l utilizzo di agenti autonomi intelligenti ), altri altrettanto importanti avversano tale modello ideale (costi di informazione reali ancora rilevanti, eterogeneità dei rivenditori, localizzazione delle imprese) (Montanaro, 2000). E, d altro canto, la stessa (peraltro affatto teorica) globalizzazione perfetta dei mercati concorrenziali può portare ad anomalie: nel giugno 2000 la Federal Trade Commission statunitense ha tenuto un audizione monotematica sulle implicazioni del b2b per l antitrust, paventando l insorgenza di posizioni di mono(oligo)polio e/o di mono(oligo)psonio (The Economist, 2000 b). Da un esame, necessariamente superficiale, della pressoché sterminata letteratura scientifica e di informazione prodotta negli ultimi anni (e soprattutto mesi) sull argomento, sembra emergere una crescente presa di coscienza della complessità del problema, e pertanto della ricca diversificazione delle possibili situazioni. In particolare, si ha la sensazione che, nella comprensibile ansia di conquistare posizioni di forza sul mercato, molti dei promotori dei tanti marketplace b2b (ad ottobre 2000 se ne contavano in rete oltre 700, nelle varie versioni vertical portal, hub broker, ecc.), per lo più basati sull asta di acquisto (auction), abbiano dato per scontato che sia sufficiente abbattere i costi di trasmissione e di accesso all informazione codificata per perseguire i dichiarati obiettivi di abbattimento tout court dei costi di acquisizione, cioè che la maggior parte dei mercati possano essere ricondotti a commodity-like markets. Molti (imprenditori) hanno fatto l errore di pensare che le transazioni di affari siano molto più semplici di quanto esse siano in realtà. Il problema è che le commodity che possono essere messe all asta in questo modo rappresentano solo una minuscola frazione del totale delle transazioni (The Economist, 2000 c). Questa ingenuità di tanti imprenditori (ma anche di alcuni studiosi) risulta particolarmente sorprendente, se si considera che giunge alla fine di un decennio (gli anni 90) durante il quale fiumi di inchiostro sono stati versati sulla complessità delle relazioni cliente-fornitore lungo le supply chain e sulla opportunità/necessità di sviluppare all interno di questa relazioni strategiche, di lungo periodo 4. Sembra quasi di assistere ad un comportamento schizofrenico di teorici e manager: da una parte si sottolinea (a volte con enfasi anche troppo retorica) la complessità e la valenza strategica di lungo periodo della relazioni di cooperazione che legano clienti e fornitori lungo la catena del valore; dall altra si sviluppano software applicativi e si disegnano portali verticali ed altri siti marketplace con l esplicito scopo di banalizzare ed occasionalizzare (in termini spot) tali relazioni. La realtà naturalmente è ben più complessa di tale semplificazione: le forniture (i fornitori) non sono tutti uguali 5, e gli strumenti per gestirli non possono pertanto essere troppo semplicemente standardizzati. La lettura (insieme ad un tentativo di spiegazione) di tale dicotomia può risultare particolarmente interessante nel settore della costruzioni, nel quale oltre venti anni fa sono stati per la prima volta studiati e teorizzati i primi modelli di interrelazione di lungo periodo tra general contractor (cliente) e subcontractors (fornitori). 4 A titolo esemplificativo, e non certo esaustivo, si ricordano: Capaldo et al., 1998; Carlisle e Parker, 1991; Chadwick e Rajagopal, 1995; De Maio e Maggiore, 1992; De Toni e Nassimbeni 1998; Dioguardi, 1983 a); Dioguardi, 1994; Dioguardi, 1996; Erridge, 1995; Esposito e Raffa 1998; Lamming, 1993; Lazonick, 1993; Lorenzoni, 1992; Mariotti, 1994; Mariotti, 1996; Merli, 1990; Tagliaventi e Zanoni, 1998; Womack et al., 1990; Womack e Jones, Ricordiamo, a titolo di esempio, che De Maio e Maggiore (op. cit.), sulla base dei differenti livelli di integrazione operativa e tecnologica, distinguono quattro tipi di rapporti cliente/fornitore: tradizionale, JIT, di accordo tecnologico, evoluto. 2

3 Le costruzioni Quello delle costruzioni è uno dei principali settori produttivi in tutti i paesi, con una particolare rilevanza in quelli di più recente industrializzazione (Bon e Crosthwaite, 2000). Esso è generalmente caratterizzato dalla prevalenza della piccola dimensione aziendale: nella Comunità Europea il 97% delle imprese rientra nella fascia dimensionale 0-20 addetti (93% in quella 0-10) (Commissione delle Comunità Europee, 1997). In Italia il livello di fra mmentazione è ancora più spinto della media europea (Albino et al., 2000). Per quanto le tecnologie (di prodotto e di processo) tipiche del settore siano sostanzialmente mature, le applicazioni in esso di altre tecnologie provenienti da differenti settori è costantemente in crescita, conferendo alle costruzioni le caratteristiche di una industria a banda larga di tecnologia (Costantino, 1996). Nell edilizia (costruzione di edifici), dove il fenomeno è particolarmente evidente, la banda larga può essere suddivisa in tre macro aree: la struttura portante dell edificio, gli impianti, e le finiture 6. Nessuna impresa è, di norma, in grado di gestire direttamente tante e così diversificate tecnologie: così di solito viene a costituirsi una piramide gerarchica 7 in cui un certo numero di imprese specialistiche realizzano il proprio contributo sotto la regia di un General Contractor (fig. 1). General Contractor assemblaggio strutture posa in opera impianti posa in opera finiture asse Livelli crescenti di personalizzazione del prodotto strutture in opera strutture prefabbricate preassemblaggio impianti preassemblaggio finiture finiture in opera componenti industriali Fig. 1. La piramide produttiva nell industria edilizia La piramide produttiva può essere più o meno alta e larga (cioè diversificata). In ogni caso, al livello più basso abbiamo i produttori dei componenti industriali di base: cemento, laterizi, estrusi e profilati di acciaio ed altri metalli, ceramiche, componenti impiantistici, ecc. Si tratta normalmente di imprese industriali medio-grandi, con cicli di produzione per processo o per lotti (su commessa o, più spesso, a magazzino; comunque di norma su catalogo) che si rivolgono 6 La seguente trattazione fa specifico riferimento alla edilizia ma le conclusioni cui si giungerà sono sostanzialmente applicabili (con secondari adattamenti) all intero settore delle costruzioni. 7 Per il modello di piramide gerarchica ho utilizzato, modificandola, una formalizzazione proposta in Esposito, 1999 per il settore aeronautico. 3

4 tendenzialmente al mercato globale (compatibilmente con l incidenza dei costi di trasporto). Al livello superiore abbiamo le imprese di trasformazione dei componenti prefabbricati (elementi strutturali, quadri elettrici, infissi, ecc.), imprese di media dimensione (produzione su commessa, a volte ma non sempre a catalogo) con mercati di sbocco tendenzialmente regionali. Infine abbiamo le imprese specialistiche che operano direttamente sul cantiere, sia realizzando le strutture e le finiture tradizionali (che non necessitano cioè di preassemblaggio), sia mettendo in opera (installazione, assemblaggio, posa in opera ) i componenti preassemblati negli stabilimenti: il loro ciclo di lavoro è sempre naturalmente su commessa, e nella maggioranza dei casi in base a specifiche tecniche (capitolati) adattate al singolo progetto. Sono, queste ultime, imprese per lo più piccole o piccolissime, con mercati di sbocco a livello provinciale o poco più (con poche, anche se importanti, eccezioni costituite da imprese medio-grandi operanti a livello nazionale o addirittura internazionale). Al vertice c è il General Contractor, responsabile unico della realizzazione dell opera, che a volte (ma solo in alcuni contesti geografici e tipologici) realizza direttamente una parte dell opera (per lo più a livello di strutture in opera), ma la cui fondamentale (ed essenziale) funzione è quella di acquisire, organizzare, programmare e coordinare gli apporti delle imprese specialistiche (e, attraverso queste, quello delle imprese di trasformazione dei componenti). Ai nostri fini, è interessante rilevare come, salendo lungo la piramide, il prodotto di base (essenzialmente una commodity) venga progressivamente personalizzato e contestualizzato, fino a giungere al prodotto unico e irripetibile costituito dal singolo edificio. I rapporti tra General Contractor ed imprese specialistiche (subcontractors) sottostanti sono stati oggetto di approfonditi studi nei primi anni 80 da parte di Eccles e Dioguardi. Eccles, sulla base di una indagine condotta tra gli homebuilder (General Contractor per la realizzazione di residenze, per lo più unifamiliari) del New England, individua tre principali motivazioni per il ricorso al subcontracting nel settore della costruzione di abitazioni unifamiliari: l estensione del mercato, la dimensione, e la complessità de l singolo intervento (Eccles, 1981 a). Egli rileva inoltre come tali relazioni di subcontracting siano essenzialmente stabili e ripetitive nel tempo, venendo a costituire all interno della piramide gerarchica un organizzazione di fatto (chiamata quasi-firm ) intermedia tra gerarchia (opzione make) e mercato (opzione buy). La prova per l esistenza della quasi-firm sta nel numero dei subappaltatori utilizzati per ogni attività, nella durata dei rapporti tra appaltatore generale e subappaltatore, nell uso di appaltatori cottimisti e nelle procedure per la scelta dei subappaltatori. In particolare, nell indagine effettuata da Eccles, i general contractor ricorrono alla gara d appalto, in cui il subcontractor che presenta l offerta più bassa si aggiudica automaticamente il lavoro, solo nel 19,6% dei casi, mentre in tutti gli altri casi si ricorre a qualche forma di negoziazione, evidentemente al fine di salvaguardare la discrezionalità nella scelta del fornitore (Eccles, 1981 b). Eccles motiva l esistenza della quasi-firm in termini di minimizzazione dei costi di transazione (Williamson, 1975). Può essere interessante notare che una recentissima indagine effettuata nel New England tra homebuilders e general contractors commerciali, pur rilevando notevoli evoluzioni nel contesto organizzativo 8, ha confermato l esistenza della quasi-firm tra gli homebuilder ed anche (sia pure con modalità più spostate verso il mercato ) tra i General Contractor di maggiore dimensione (Costantino et al., 2001). Dioguardi, che ha studiato le relazioni General Contractor / subcontractor in termini più approfonditi sul versante organizzativo, ed in un ottica non solo di rilevazione di una realtà del mercato ( spontanea e limitata), ma anche (e soprattutto) di proposizione di un modello inter- 8 Al primo posto tra le motivazioni per il subappalto, ad esempio, è stata rilevata l esigenza del General Contractor di grandi edifici di trasferire le responsabilità da prodotto ad una ditta specialistica, motivazione questa neanche rilevata da Eccles. 4

5 organizzativo di ben più ampia applicabilità, ha dato alla rete di imprese semi-stabilmente legate al General Contractor il nome di macroimpresa (Dioguardi, 1983 b). L organizzazione imprenditoriale nella sua accezione più completa evolve attraverso stabili legami di interazione tra i suoi poli e le imprese esterne. Ciò crea una rete di relazioni che nella sua interezza può essere paragonata ad un piccolo sistema economico Questa rete di relazioni stabili che apre l impresa (generale) nei confronti del mondo esterno rappresenta il livello organizzativo che io chiamo macroimpresa. (Dioguardi, 1986). L intuizione di Dioguardi, che proponeva il modello della macroimpresa anche al di fuori del settore delle costruzioni, ha trovato poi ampio riscontro nelle strutture inter-organizzative rilevate negli anni 90 in altri settori industriali, soprattutto manifatturieri (cfr. bibliografia in nota 3). Negli ultimi anni molti autori di scuola anglosassone (soprattutto nel Regno Unito) hanno affrontato il problema del miglioramento dell efficienza nel settore delle costruzioni riprendendo l impianto teorico della lean production (e di altre modellizzazioni sviluppate in ambito manifatturiero) e giungendo a proporre modelli inter-organizzativi per il settore delle costruzioni concettualmente riconducibili alla macroimpresa di Dioguardi (Latham, 1994; Thompson e Anderson, 1997; Construction Task Force, 1998; Cox e Townsend 1998; Bennett, 2000; Bresnen e Marshall, 2000 a, b; Ben Mahmoud-Jouini, 2000; Wong et al., 2000). Al di là dell enfasi ideologica a tratti riscontrabili in alcuni di tali lavori, è innegabile che l esistenza di relazioni semistabili tra general contractor e subcontractor (ed anche tra cliente e general contractor) viene sempre più non solo riconosciuta come modalità operativa esistente, ma anche, e soprattutto, proposta come modello inter-organizzativo in qualche modo vincente. A questo punto si ripropone, in termini più circoscritti e mirati, il dilemma prima proposto: come si conciliano tali relazioni (strategiche, discrezionali, fortemente basate sulla fiducia interpersonale ed inter-organizzativa) con l intrinseca occasionalità e semplicità (semplificazione?) dei meccanismi di auction proposti dai portali settoriali? Costi di transazione e modalità di acquisizione delle risorse Il tentativo di spiegare le modalità inter-organizzative di gestione delle supply chain in termini di minimizzazione dei costi di transazione (cioè dei costi connessi alla definizione ed alla gestione della transazione) risale al famoso scritto di Coase (1937) ed ai successivi approfondimenti, soprattutto di Williamson (1975, 1979). Secondo la teoria dei costi di transazione, l impresa sceglie tra tutte le possibili configurazioni di fornitura del range gerarchia / mercato quella che minimizza i costi complessivi (costi diretti più costi di transazione). Nella tabella di fig. 2 sono sinteticamente riportati i più importanti costi connessi alla gestione di una transazione. Costi di transazione Costi di ricerca Costi di informazione Costi di negoziazione Costi di decisione Costi di controllo Costi del contenzioso Reperimento di informazioni sui potenziali venditori Reperimento di informazioni sulla possibile transazione Contatti, comunicazioni, trattative Valutazione (eventualmente multicriteriale) delle opzioni di acquisto Gestione della transazione; controllo di qualità, tempi, costi Gestione di eventuali contestazioni e/o inadempienze Fig. 2. Principali costi di transazione (adattato da Watson et al., 2000) 5

6 Il concetto di costi di transazione si è rivelato molto potente nell impianto teorico, anche se piuttosto inadeguato rispetto ad eventuali applicazioni quantitative. Nella maggior parte dei casi infatti, a causa delle notevoli difficoltà pratiche nella misura diretta di tali costi 9, esso rischia di originare spiegazioni tautologicamente banali: l impresa sceglie una certa configurazione di approvvigionamento perché evidentemente è quella in cui i costi complessivi sono minimizzati, ma d altra parte i relativi costi di transazione possono essere valutati solo in termini relativi, e per differenza di costi totali rispetto alla configurazione prescelta perché (sinteticamente) ritenuta migliore 10. In ogni caso, la schematica tabella di fig. 2 ci dà conto di come l e-commerce b2b possa ridurre i costi di transazione abbattendo drasticamente sia i tempi che i costi di trasmissione delle informazioni che costituiscono il contenuto fondamentale di tali costi. Come è stato rilevato (Camussone, 2000): Il commercio elettronico da un lato tenderebbe a riportare all interno dell impresa funzioni ora demandate ad intermediari, ma dall altro potrebbe far sorgere operatori specializzati in questo tipo di attività, per cui l impresa potrebbe essere tentata di demandare a qualcuno di essi la gestione di questo nuovo canale commerciale. Questi operatori specializzati sono i gestori dei portali cosiddetti verticali del b2b, in particolare dei marketplace, che traggono la propria redditività dai ser vizi di riduzione nei costi di transazione offerti ai propri clienti. Appare subito evidente come l entità (relativa ed assoluta) di tali abbattimenti determini il successo dell iniziativa: le sopra citate previsioni estremistiche di mercati concorrenziali perfetti sono teoricamente perseguibili solo nell ipotesi che il commercio elettronico annulli (o comunque abbatta in termini radicali) tutti i costi di transazione. I portali verticali nel settore delle costruzioni Al fine di verificare gli effettivi ambiti di operatività dei portali b2b operanti nel settore delle costruzioni, sono stati esaminati 3 siti web di portali generalisti (destinati cioè all intero mercato delle costruzioni) e 9 siti di portali più strettamente verticali, riferiti cioè a specifici ambiti di fornitura (ad esempio impianti idro-termo-sanitari, impianti di sicurezza, ecc.) attivi nel novembre 2000 sul mercato italiano. Sono tutti portali del tipo hub broker molti verso molti, poiché almeno in Italia il livello di concentrazione del settore non è sufficiente a far nascere portali aziendali del tipo rilevato in settori industriali a più elevato livello di concentrazione (Bianchi e Noci, 1999) 11. La gamma dei servizi offerti (o meglio previsti, giacché si riscontra un notevole numero di opzioni non ancora attivate in quasi tutti i siti) è, in linea di massima, molto ampia e diversificata. Al di là però delle differenziazioni semantiche, le principali funzioni operative proposte sono quelle riassunte nella tabella di fig. 3. In linea di principio (ma vi sono delle eccezioni) i servizi di asta (di acquisto e di vendita), di richiesta di offerta e di gestione cataloghi sono offerti a titolo oneroso (insieme, naturalmente, ai banner pubblicitari), mentre gli altri hanno funzione di servizi collaterali offerti gratuitamente per fidelizzare i clienti. Un esame a campione operato su altri portali operanti a livello europeo o statunitense ha rilevato che (come era prevedibile, attesa la globalizzazione dei modelli internet) il modello operativo 9 Si veda, al proposito, Hughes et al. (2000). 10 Sono debitore al Prof. Gianfranco Dioguardi per queste riflessioni. 11 Nel mercato statunitense, invece, si riscontra qualche iniziativa in tal senso, anche se il modello più diffuso è comunque quello del marketplace molti verso molti (Engineering News-Record, 2000 a). 6

7 italiano non appare sotto questo aspetto particolarmente differenziato da quelli riscontrabili in tali mercati. Servizio Asta di acquisto Richiesta d offerta Asta di vendita Gestione cataloghi Supporti informatici Informazioni commerciali Legislazione Notizie Analisi Un potenziale acquirente (momentaneamente anonimo) dichiara il proprio interesse ad acquistare un determinato prodotto/servizio ad un prezzo massimo (minimo) rispetto al quale i potenziali venditori (anch essi momentaneamente anonimi) presentano offerte al ribasso (in aumento). L asta di acquisto viene limitata ad un gruppo di potenziali fornitori preventivamente selezionati. Potenziali venditori di stock di magazzino e/o impianti e attrezzature segnalano la propria disponibilità a vendere tali prodotti all asta. La gestione successiva è simile a quella delle aste di acquisto. I cataloghi dei possibili fornitori vengono gestiti da software intelligenti in grado di elaborare ricerche di mercato e confronti di prezzo. Servizi di elaborazione, standardizzazione e trasmissione di informazioni progettuali e specifiche tecniche. Informazioni su potenziali fornitori e/o clienti. Raccolta aggiornata della normativa di settore. Informazioni di attualità del settore (gare pubbliche, ecc.). Studi e commenti di esperti del settore. Fig. 3. Principali funzioni proposte dai vertical portal del settore delle costruzioni operanti in Italia nel novembre Il livello ancora di avviamento che contraddistingue la maggior parte dei siti investigati non consente di impostare significative analisi sui volumi e sulle tipologie degli scambi effettivamente gestiti (probabilmente ancora molto bassi, e i cui dati, comunque, non sono al momento disponibili). E peraltro interessante notare come tutti i servizi offerti vadano nella direzione di un abbattimento dei costi di transazione innanzi classificati come di ricerca, informazione, negoziazione e decisione, mentre restano quasi completamente esclusi quelli di controllo e di contenzioso. Il dato è tutt altro che casuale: queste ultime due fasi si prestano evidentemente molto poco ad una gestione standardizzata a livello di service esterno. Come può incidere tutto ciò sugli ambiti di effettiva applicazione? Le possibili transazioni nel settore delle costruzioni (come in molti altri) possono riguardare prodotti e servizi a diverso livello di standardizzazione e con differenti modalità di codifica dell informazione. E evidente come sia relativamente agevole elaborare e gestire procedure automatizzate per la gestione degli acquisti nel caso di commodity: la ricerca fa riferimento a dati di norma già disponibili (elenchi dei potenziali fornitori), la informazione è altamente codificata, e pertanto esprimibile in termini estremamente sintetici, conseguentemente la negoziazione e la decisione possono essere riportati al solo criterio del prezzo più basso. Trattandosi di prodotti a catalogo, le stesse successive fasi di controllo ed (eventuale) contenzioso, pur se solo parzialmente supportate dal service del portale, risultano di norma, piuttosto semplici e poco onerose. Da questo punto di vista, la rete 7

8 può rivelarsi un ausilio prezioso indipendentemente dalla stesa esistenza di portali specializzati (Barattelli, 2000). Del tutto differente è la situazione per le transazioni aventi per oggetto prodotti / servizi più specifici ed idiosincratici, quali di norma - i subappalti: la ricerca dei potenziali fornitori deve prendere in considerazione una serie di variabili (potenzialità quali-quantitativa, attuale carico di lavoro, area geografica di azione, ecc.) tutt altro che banali, e spesso di difficile reperibilità; la informazione ha un livello di codifica inferiore, ed una componente dimensionale (intesa come mole di dati progettuali da esaminare ed interpretare per sviluppare l offerta) spesso notevole; la negoziazione, ed ancor più la decisione, fanno riferimento ad una pluralità di elementi difficilmente riconducibili a metodologie gestibili in termini puramente algoritmici (analisi multicriterio). Naturalmente le successive fasi di controllo e contenzioso, il cui peso specifico è in questo caso molto maggiore, restano ancora escluse dal servizio. D altro canto, sono proprio queste appena indicate le motivazioni del carattere sensibilmente fiduciario che i subappalti tendono a rivestire nel settore delle costruzioni, e che determinano la natura semi-stabile (e pertanto quasi gerarchica) della macroimpresa. Da quanto sopra evidenziato, sarebbe lecito aspettarsi che i servizi offerti dai portali b2b nel settore delle costruzioni (soprattutto per quanto concerne l asta di acquisto) siano destinati ad incontrare successi applicativi molto più ampi nell area bassa della piramide produttiva (acquisto di componenti industriali e, in misura minore, di strutture prefabbricate e di impianti e finiture preassemblati) che in quella alta (subappalti per le operazioni di cantiere). Si tratta, naturalmente, solo di una prima ipotesi, da sottoporre a verifica in un prossimo futuro: a supporto della sua plausibilità sembrano peraltro al momento andare non solo le considerazioni innanzi evidenziate, ma anche la particolare diffusione di portali specialistici nelle aree merceologiche maggiormente assimilabili alle commodity (come i componenti idrotermo-sanitari, quelli ferrosi, ecc.). b2b e gestione dei subappalti Sembra pertanto che le applicazioni b2b dell e-commerce nel settore delle costruzioni siano destinate a trovare ampia diffusione nella organizzazione delle transazioni (ma sarebbe più corretto parlare solo di acquisti, considerata l esclusione delle successive fasi di gestione) tra produttori / venditori di componenti industriali ed imprese specialistiche di trasformazione ed installazione, mentre l impatto sulle relazioni tra General Contractor e imprese specialistiche dovrebbe risultare molto inferiore. Tali (provvisorie) conclusioni potrebbero però risultare sostanzialmente modificate, se non addirittura ribaltate, se si passa ad esaminare le possibili applicazioni delle tecnologie web proprio alle fasi di gestione delle transazioni successive alla scelta del fornitore ed alla sottoscrizione del contratto. E infatti questo un contesto caratterizzato, per i subappalti, da notevoli moli di informazioni, i cui flussi sono solo parzialmente pianificabili, e che devono essere scambiati tra i diversi soggetti della sezione alta della piramide produttiva in senso sia verticale che orizzontale, nel corso della realizzazione del project. Precedenti esperienze hanno già dimostrato le potenzialità app licative delle tecnologie informatiche nell offrire un supporto operativo non tanto alla costituzione della macroimpresa, quanto alla sua successiva gestione (Costantino e Sivo, 1999). Il fine ultimo delle applicazioni elettroniche alla catena del valore allargata è condividere le informazioni dell impresa con fornitori, acquirenti e partner, al fine di consentire alla pianificazione delle forniture, della domanda, della produzione e della logistica di trovare attuazione in tempo reale (Hoque, 2000). 8

9 Numerose esperienze di implementazione di questo genere sono al momento in corso da parte dei più grandi operatori del mercato globale, in termini di applicazioni internet, intranet, extranet (Finch, 2000; Engineering News-Record, 2000 b); il loro scopo sembra essere quello di coprire, in termini di architetture software proprietarie, proprio le aree non direttamente (o solo marginalmente) affrontate dai portali verticali b2b, cioè la gestione dei flussi di informazione relativi allo sviluppo del progetto (e successivi alla decisione di acquisto/subappalto) tra tutti gli attori della realizzazione: committente, progettisti, General Contractor, subcontractors, fornitori. Questi sistemi ad intelligenza distribuita (Micelli, 2000) costituiscono probabilmente il più interessante sviluppo organizzativo dell e-commerce nel sistema delle costruzioni, al di là del più appariscente (in quanto ampiamente supportato dalla comunicazione pubblicitaria) contributo dei marketplace e dei vertical portal. Saranno gli sviluppi futuri a dirci se tra le due reti di gestione informativa (entrambe operanti in massima parte su internet): marketplace per gli acquisti di commodity, e reti informative per la gestione dei progetti, si svilupperanno convergenze operative e funzionali in misura superiore a quanto attualmente riscontrabile, e soprattutto quali saranno i soggetti gestori di tali reti informative: gli specialisti delle rete, o i grandi operatori sui fronti della committenza (clienti), della realizzazione (grandi general contractor), o dei servizi professionali (società di ingegneria). Bibliografia Albino V., Costantino N., Sivo G. (2000), Le costruzioni: mercato e impresa, Carocci, Roma. Barattelli C., La pianificazione degli acquisti in rete per la gestione di commesse di costruzioni civili, Atti del Convegno Giornate AICE 2000), Università Bocconi, Milano, 23-24/11/2000. Ben Mahmoud-Jouini S. (2000), Innovative supply-based strategies in the construction industry, Construction Management and Economics, n 6, settembre. Bennett J. (2000), Construction. The third way, Butterworth Heinemann, Oxford. Bianchi R., Noci G. (1999), Obiettivi e determinanti dell utilizzo del sito Web nelle imprese industriali, in Campi C., D Angelo A., La Bella A. (a cura di), Le opportunità del cambiamento tecnologico, D Anselmi Editore / Hoepli, Roma. Bon R., Crosthwaite D. (2000), The Future of International Construction, Thomas Telford, Londra. Bresnen M., Marshall N. (2000 a), Parteniring in construction: a critical review of issues, problems and dilemmas, Construction Management and Economics, n 2, marzo. Bresnen M., Marshall N. (2000 b), Motivation, commitment and the use of incentives in parterships and alliances, Construction Management and Economics, n 5, agosto. Brynjolfsson E., Smith M. (1999), Frictionless Commerce? A Comparison of Internet and Conventional Retailers, MIT Sloan School of Manangement. Capaldo G., Esposito E., Lo Storto C., Raffa M. (1998), Supply Management, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. Camussone P.F. (2000), Informatica, organizzazione e strategie, McGraw-Hill Italia, Milano. Carlisle J.A. e Parker R.C. (1991), Il sistema cliente-fornitore, Milano, Etaslibri. Chadwick T., Rajagopal S. (1995), Strategic supply management, Butterworth Heinemann, Stamford (U.K.). Coase R.H. (1937), The Nature of the Firm, Economia, n 4. Commissione delle Comunità Europee (1997,) La competitività nell industria della costruzione, Comunicazione della Commissione COM(97) 539 def., Bruxelles. Construction Task Force (1998), Rethinking Construction, HMSO, London. 9

10 Costantino, N. (1996) La gestione del progetto in edilizia: problematiche organizzative e di mercato, L Industria, n 2, aprile-giugno. Costantino N., Sivo G. (1999), La gestione delle competenze nello sviluppo di programmi integrati nel settore delle costruzioni: ruolo emergente delle tecnologie informatiche e nuovi modelli inter-organizzativi, in Campi C., D Angelo A., La Bella A. (a cura di), Le opportunità del cambiamento tecnologico, D Anselmi Editore / Hoepli, Roma. Costantino N., Pietroforte R., Hamill P. (2001), Subcontracting in commercial and residential construction: an empirical investigation, Construction Mangement and Economics, in corso di pubblicazione. Cox A., Townsend M. (1998), Strategic Procurement in Construction, London, Thomas Telford. De Maio A., Maggiore E. (1992), Organizzare per innovare, Milano, Etaslibri. De Toni A., Nassimbeni G. (1998), The Buyer-Supplier Exchange in the Presence of Design, Logistic and Quality Interactions: Results of an Empirical Research, in Capaldo G., Esposito E., lo Storto C., Raffa M., Supply Management, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. Dioguardi GF. (1983 a), Nuovi modelli organizzativi per l impresa, Milano, Etas Libri. Dioguardi GF. (1983 b), Macrofirm: Construction Firms for the Computer Age, Journal of Construction Engineering and Management, ASCE, vol. CIX, n 1, marzo. Dioguardi G.F. (1986), An Organizational Model for Building Construction Firms in the Computer Age, in Cheremisinoff et al., Handbook of Civil Engineering, Lancaster, PA. Dioguardi G.F. (a cura di) (1994), Sistemi di imprese. Le nuove configurazioni dell impresa e dei mercati, Etaslibri, Milano. Dioguardi G.F. (1996), La natura dell impresa tra organizzazione e cultura, Bari, Laterza. Eccles R.G. (1981 a), Bureaucratic versus Craft Administration: The Relationship of Market Structure to the Construction Firm, Administrative Science Quarterly, n 26. Eccles R.G. (1981 b), The Quasi-firm in the Construction Industry, Journal of Economic Behaviour and Organization, n 2. Engineering News-Record (2000 a), Contractors take web tool to subs, 25/9/2000. Engineering News-Record (2000 b), ENR e-construction, 25/9/2000. Erridge A. (1995), Managing purchasing, Butterworth Heinemann, Oxford (UK). Esposito E., Raffa M. (1998), Similarities and Differences in Italian Subcontracting System, in Capaldo G., Esposito E., lo Storto C., Raffa M., Supply Management, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. Esposito E. (1999), Economia delle imprese ad alta tecnologia, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. Finch E. (2000), Net gain in construction, Butterworth Heinemann, Oxford (UK). Hayek F.A. (1945), The Use of Knowledge in Society, American Economic Review, vol. 35, settembre. Hoque F. (2000), e-enterprise, Cambridge University Press, New York. Hughes W., Hillebrandt P., Lingard H., Greenwood D. (2000), The impact of market and supply configurations on the costs of tendering in the construction industry, Proceedings of the Joint Meeting of CIB Working Commissions W55 and W65 and Task groups TG23, TG31 and TG35, University of Reading (U.K.), settembre Lamming R. (1993), Beyond partenrship, Hemel Hempstead (UK), Prentice Hall International. La Posta L. (2000), L impresa cresce con l e-business, Il Sole 24 Ore New Economy, 18/10/2000. Latham M. (1994), Constructing the team, HMSO, London. Lazonick W.H. (1993), L organizzazione dell impresa e il mito dell economia di mercato, Il Mulino, Bologna. Lorenzoni G. (a cura di) (1992), Accordi, reti e vantaggio competitivo, Etaslibri, Milano. 10

11 Mariotti S. (a cura di) (1994), Verso una nuova organizzazione della produzione, Etaslibri, Milano. Mariotti S. (a cura di) (1996), Mercati verticali organizzati e tecnologie dell informazione, Fondazione Adriano Olivetti. Merli G. (1990), Comakership, Torino, ISEDI. Micelli S. (2000), Imprese, reti e comunità virtuali; Etas, Milano. Montanaro D. (2000), Internet: verso la concorrenza perfetta?, L industria n 3/2000. Perretti F. (2000), La grande sfida dei contenuti, in AA.VV., Net Economy, Etas, Milano. Tagliaventi M.R., Zanoni A. (1998), Cooperation between Customer and Supplier: An Appraisal of Structural and Relational Determinants, in Capaldo G., Esposito E., lo Storto C., Raffa M., Supply Management, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli. The Economist (2000 a), A survey of the new economy, 23/9/2000. The Economist (2000 b), A market for monopoly?, 17/6/2000. The Economist (2000 c), b2b exchanges. The container case, 23/9/2000. Thompson I., Anderson L. (1997), Optimal Contracting Strategies in Construction, Proceedings of The 6 International Annual IPSERA Conference, Ischia, marzo Watson R.T., Berthon P., Pitt L.F., Zinkhan G.M. (2000), e-commerce e impresa, McGraw-Hill Italia, Milano. Williamson O.E. (1975), Markets and Hierarchies: Analysis and Antitrust Implications, New York, The Free Press. Williamson O.E. (1979), Transaction Costs Economics: The Governance of Contractual Relations, Journal of Law and Economics, n 22. Womack J.P., Jones D.T. e Roos D. (1990), The Machine that Changed the World, New York, Rawson Ass. Womack J.P., Jones D.T (1996), Lean Thinking, New York, Simon & Schuster. Wong E.S., Then D. e M. Skitmore (2000), Antecedents of trust in intra-organizational relationships within three Singapore public sector construction project management agencies, Construction Management and Economics, n 7, ottobre-novembre.. 11

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli