1. Linee di intervento e procedure relative alla attivazione della L. 285/97 nella Città riservataria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Linee di intervento e procedure relative alla attivazione della L. 285/97 nella Città riservataria"

Transcript

1 CITTÀ DI TORINO 1. Linee di intervento e procedure relative alla attivazione della L. 285/97 nella Città riservataria Come già esposto nelle precedenti Relazioni l approvazione dei Piani relativi alle varie triennalità ha tenuto conto degli indirizzi e delle Azioni approvati dal Consiglio Comunale del 2 novembre 1998 con apposito atto deliberativo (mecc. n /07 Prima Triennalità 1997/1999) e di quanto emerso dalle consultazioni effettuate con il Terzo Settore, le AASSLL, il Centro di Giustizia Minorile e il Ministero dell istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Regionale Generale del Piemonte (ex Provveditorato agli Studi). La terza triennalità continua il percorso già sperimentato e altamente positivo articolandosi nell ambito della progettazione annuale dei servizi rivolgendo l attenzione ai processi di educazione informale e formale attinenti la vita di bambini, adolescenti adulti, gli ambienti e le opportunità di crescita culturale e personale, il sostegno alla genitorialità, ma anche l offerta di percorsi didattici sempre più qualificati e occasioni sempre più varie di esperienze educative. Si rafforza la rete di solidarietà sociale, rispondendo ai bisogni più acuti e operando sempre maggiormente dove le disuguaglianze e le marginalità sono più forti. Il Progetto Torino, Città Educativa continua la sua attività di riferimento organizzativo per l applicazione della Legge 285/97 nella Città di Torino, confermando la logica di Piano e di Sistema. Sempre operativo nell ambito della Divisione Servizi Educativi, conferma il suo incarico di Segreteria Nazionale AICE, di raccordo con le 30 Città educative Italiane, di riferimento per il Laboratorio Città Sostenibile. Inoltre l ufficio, in collaborazione con l Università agli Studi di Torino Dipartimento di Psicologia ha avviato una Ricerca sui Micronidi nidi familiari presenti sul territorio cittadino dal 2000 al 2003 (vedi punto 2.2.1). 1.1 Atti integrativi delle procedure di avvio della L.285/97 eventualmente adottati dalla Città Riservataria (Consiglio Comunale, Giunta Comunale, Assessorati competenti) Seguono gli elenchi delle attività amministrative come segnalate dai differenti Servizi. Divisione Servizi Educativi n. tipologia atti amministrativi 1 Delibera Giunta Comunale /07 2 Delibera Giunta Comunale /07 1 Determina Dirigenziale /007 2 Determina Dirigenziale /007 oggetto Legge 285/97. Approvazione Terzo Piano Territoriale di Intervento ( ). Ripartizione fondi anno 2003 Legge 285/97. Attuazione Piano Territoriale di Intervento della Divisione Servizi Educativi Legge 285/97 Centri estivi comunali estate ragazzi Attività presso le scuole Gozzi-Olivetti; Anna Frank; Gabelli; Salgari. Contributo ,00 Legge 285/97. Noleggio ed installazione di pagode affidamento. Spesa 9.570,00 data 28/10/ /12/ /7/ /7/ Determina Dirigenziale Legge 285/97. Acquisto arredi ludico-didattici. 17/7/2003

2 /007 Affidamento. Spesa 3.327,60 4 Determina Dirigenziale /007 5 Determina Dirigenziale /007 6 Determina Dirigenziale /007 7 Determina Dirigenziale /007 Legge 285/97. Manifestazione dei servizi educativi. Affidamento alla Croce Rossa Italiana. Spesa 600,00 Legge 285/97. Manifestazione dei servizi educativi. Servizio di sorveglianza notturna. Affidamento. Spesa 6.834,24 Legge 285/97. Noleggio aste telescopiche e acquisizione di bandiere stampate per manifestazione dei servizi educativi. Affidamento. Spesa 5.100,00 Legge 285/97. Fornitura tessuti d'arredo. Affidamento. Spesa 2.183,40 21/7/ /7/ /7/ /7/2003 n. tipologia atti amministrativi 8 Determina Dirigenziale /007 9 Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale /007 oggetto Legge 285/97. Manifestazione "Cresco con Torino". Ulteriore affidamento alla ditta Covertech. Spesa 1.080,00 Legge 285/97. "Cresco con Torino". Trasporto, montaggio e smontaggio stand "La Città in gioco". Affidamento. Spesa 5.280,00 Legge 285/97. "Cresco con Torino". Fornitura energia elettrica. Affidamento. Spesa 1.389,00 Legge 285/97. Noleggio asta telescopica e acquisto di bandiera stampata per manifestazione dei servizi educativi. Ulteriore affidamento. Spesa 438,00 Legge 285/97. Micronidi o nidi familiari. Affidamento. Spesa ,36 Legge 285/97. Manifestazione "Cresco con Torino". Montaggio e smontaggio telo stand "La Città in gioco". Spesa 1.254,00 Legge 285/97. Stampa di materiale per la manifestazione "Cresco con Torino". Affidamento. Spesa 1.134,00 Legge 285/97. Manifestazione "Cresco con Torino". Ulteriori affidamenti. Spesa 4.551,57 Legge 285/97. Manifestazione "Cresco con Torino". Provvedimenti assicurativi. Ulteriore affidamento. Spesa 210,00 Legge 285/97. Micronidi o nidi familiari. Provvedimenti. Spesa 1.032,91 Legge 285/97. Manifestazione "Cresco con Torino". Tavola rotonda "L'infanzia e la sua scuola". Spesa 271,25 Legge 285/97. Laboratorio teatrale "La casa del silenzio". Affidamento ,00. Spesa ,00 Legge 285/97. Micronidi o nidi familiari. Ulteriore affidamento. Spesa 3.450,00 Legge 285/97. Affidamento incarico per attività di ricerca nei servizi innovativi per la prima infanzia. Spesa 3.797,50 Legge 285/97. Devoluzione di contributo per la realizzazione di ricerca al dipartimento di scienze sociali dell'università di Torino in esecuzione della deliberazione mecc. n /007 della G.C. del Spesa 7.000,00 Legge 285/97. Trattativa privata n. 232/2003. Aggiudicazione e affidamento alla Cooperativa C.e.m.e.a. del Piemonte. Spesa ,40 Legge 285/97. Stampa di materiale vario per i progetti "famiglia" e "Un anno per crescere insieme". Spesa 9.960,00 Legge 285/97. Protocollo specifico d'intesa fra la Città di Torino e l'ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Torino sul tema "L'architetto dei bambini". Approvazione. Spesa ,00 data 23/7/ /7/ /7/2003 1/8/2003 4/8/2003 8/8/2003 1/9/ /9/ /9/ /9/ /9/ /9/2003 6/10/ /10/2003 6/11/2003 5/11/ /11/ /11/ Determina Dirigenziale Legge 285/97. Acquisto software. Affidamento. 14/11/2003

3 /007 Spesa 1.800,00 27 Determina Dirigenziale /007 Legge 285/97. Progetto "Teatro in ospedale". Spesa 3.470,00 28 Determina Dirigenziale Legge 285/97. Progetto "Cer pale chavore'" /007 Affidamento ,62. Spesa ,62 29 Determina Dirigenziale Legge 285/97. Laboratorio Città sostenibile delle /007 bambine e dei bambini. Affidamento incarico consulenza scientifica. Spesa ,20. Impegno di spesa a carico della Città 8.198,63 30 Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale /007 Legge 285/97. Progetto "Le famiglie del 2000". Incontri e seminari tematici sull'educazione. Affidamento incarichi professionali ,32 Legge 285/97. Centri gioco o punti d'incontro. Affidamento. Spesa ,00 Legge 285/97. Progetto "Osservatorio cittadino sui minori". Affidamento incarico ,00. Impegno di spesa a carico della Città ,00 Legge 285/97. Micronidi o nidi familiari. Affidamento. Spesa 6.700,00 Fondazione Compagnia San Paolo. Finanziamento. Accertamento entrata. Impegno spesa ,00 14/11/ /11/2003 2/12/2003 4/12/2003 9/12/2003 9/12/ /12/ /1/2004 n. tipologia atti amministrativi 35 Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale /007 oggetto Legge 285/97: indizione gara a trattativa privata ai sensi del d. L.gs. 17 marzo 1995 n. 157 e approvazione del capitolato speciale. Spesa presunta ,00 oltre I.V.A. Legge 285/97. Progetto "Osservatorio cittadino sui minori". Affidamento incarico ,60. Legge 285/97. Laboratorio teatrale "La casa del silenzio". Affidamento ,00. Legge 285/97. Centri gioco e/o punti d'incontro. Affidamenti ,06 Legge 285/97. Laboratorio Città sostenibile delle bambine e dei bambini. Attività di progettazione partecipata. Affidamento incarichi. Spesa 6.120,00 Legge 285/97. Realizzazione festival "Under 15". Affidamento ,00 Legge 285/97. Laboratorio teatrale "La casa del silenzio". Affidamento ,00 Legge 285/97. Provvedimenti assicurativi. Affidamento. Anticipazione Città per finanziamento Presidenza Consiglio Ministri. Autorizzazione. Impegno di spesa 3.360,00 Legge 285/97. Festival "Under 15". Stampa pieghevoli, locandine ed inviti. Affidamento ,00 Legge 285/97. Indizione gara a trattativa privata per l ampliamento del servizio delle ludoteche comunali. Approvazione del capitolato speciale. Spesa presunta ,00 oltre I.V.A Legge 285/97. Micronidi o nidi familiari. Affidamento. Spesa ,11 Legge 285/97. Micronidi o nidi familiari. Provvedimenti. Spesa 3.098,73 Legge 285/97. Micronidi familiari. Stampa voucher educativi. Affidamento ,93 Legge 285/97. Micronidi familiari. Commissione di valutazione. Nomina e indennità di presenza ai componenti. Spesa 1.176,80 Legge 285/97. Micronidi o nidi familiari. Provvedimenti. Spesa 2065,82. Legge 285/97. Progetto famiglia. Acquisto di un videoproiettore. Affidamento ,00 Legge 285/97. Seminario "Servizi alle famiglie del comune di Torino a confronto con altri comuni". Organizzazione. Spesa 2.120,00 data 23/1/ /1/ /1/2004 2/2/ /2/ /2/2004 3/3/2004 4/3/ /3/ /3/ /3/ /3/2004 5/4/2004 6/4/2004 7/4/ /4/ /4/2004 3

4 52 Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale / Determina Dirigenziale /007 Legge 285/97."Cogli l'estate 2004" - Centri di attività per ragazzi dagli 11 ai 14 anni - affidamenti ,60 Legge 285/97. Progetto "Genitori insieme". Incontri e seminari tematici sull'educazione. Affidamento incarichi professionali ,67 Legge 285/97. Convegno "A misura di famiglia". Affidamento. Spesa 551,20 Legge 285/97. Seminario "Torino a confronto con altri comuni". Affidamento incarichi ai relatori. Spesa 1.909,60 Determinazione: Legge 285/97. Stampa di pieghevole per il Progetto Famiglia. Spesa 1.260,00 Legge 285/97. Ampliamento del servizio Gruppo Gioco in Ospedale. Aggiudicazione. Affidamento. Spesa ,00 Legge 285/97. Centri gioco e/o punti d'incontro. Affidamento all'associazione Bimbidea. Spesa ,00 Legge 285/97. Micronidi familiari. Commissione di valutazione. Indennità di presenza ai componenti per ulteriore seduta. Spesa 294,20 Legge 285/97. Acquisto macchine fotografiche per il progetto "Città in gioco". Spesa 1.103,95 Legge 285/97. Affidamento incarico per attività di ricerca nei servizi innovativi per la prima infanzia. Spesa 6.835,50 13/5/2004 5/5/2004 6/5/2004 7/5/ /5/ /5/ /5/ /5/2004 4/6/2004 9/6/2004 4

5 Divisione Servizi Sociali. tipologia atti amministrativi oggetto data Deliberazione G.C. Approvazione progetti e articolazione budget. Finanziamenti Anno Deliberazione G.C. Determinazione Dirigenziale Determinazione Dirigenziale Deliberazione G.C. Progetto Sostegno e accompagnamento solidale. Approvazione dei progetti Affidamento incarico ad organismi senza fini di lucro e senza preminente attività commerciale Convenzione con l Associazione Il Cammino Progetti piano territoriale afferenti alla divisione. Ripartizione fondi Deliberazione G.C. Approvazione progetti. Finanziamento fondi Determinazione Dirigenziale Centri diurni aggregativi. Accreditamento Determinazione Dirigenziale Determinazione Dirigenziale Determinazione Dirigenziale Determinazione Dirigenziale Determinazione Dirigenziale Educativa territoriale per Minori 0 10 Modifiche di contratto Lotto 10. Annullamento atti. Indizione nuova gara Lotto 10. Annullamento atti. Indizione nuova gara Rettifica errore materiale Lotto 10. Proroga affidamento del servizio Determinazione Dirigenziale Determinazione Dirigenziale Determinazione Dirigenziale Determinazione Dirigenziale Assistenza domiciliare di aiuto familiare per nuclei in difficoltà con minori. Modifiche di contratto e revisione prezzi Deliberazione G.C. e Determinazione Dirigenziale Convenzioni con le Asl. Luoghi neutri. Sostegno a donne gravide e prima infanzia popolazione extracomunitaria. Prevenzione disagi della famiglia. Presa incarico minori maltrattati e abusati. Convenzione con l Asl Determinazione Dirigenziale Progetto pronto intervento per neonati e adolescenti. Seminario di formazione. Preparazione delle famiglie per l affidamento neonati Determinazione Dirigenziale Settore Stranieri e Nomadi Accoglienza a bassa soglia di minori stranieri non accompagnati

6 e Adulti in Difficoltà 3 Determinazione Dirigenziale Luoghi neutri. Attività di formazione, supervisione e ricerca Sfep. Progetto ricerca/formazione tipologia atti amministrativi oggetto data Deliberazione G.C Determinazione Dirigenziale Determinazione Dirigenziale Progetto Sostegno e Accompagnamento Solidale 19/11/2002 prosecuzio ne 9/6/2003 Sostegno alle famiglie e alla Genitorialità Educativa Territoriale /11/ /01/03 7 Determinazione Dirigenziale Assistenza Domiciliare di aiuto familiare 12/06/03 8 Determinazione Dirigenziale Centri Diurni aggregativi 27/11/ Determinazione Dirigenziale Creazione Micronidi 02/01/03 0 Determinazione Dirigenziale Progetti ASL 1, 2, 3, 4 Mediazione familiare e formazione 3/12/2002 6/12/ Determinazione Dirigenziale Centro Mediazione Penale 9/6/ Deliberazione G.C. Approvazione progetti. Finanziamento fondi /11/ Deliberazione G.C. Prosecuzione progetti. Rideterminazione budgets. 15/6/04 4 Determinazione Dirigenziale Determinazione Dirigenziale Progetto sostegno e accompagnamento solidale Affidamento incarico ad organismi senza fini di lucro e senza preminente attività commerciale Convenzione con l Associazione Il Cammino 2/12/2003 2/12/03 5 Determinazioni Dirigenziale Sostegno alle famiglie e alla genitorialità: Educativa territoriale per minori 0/10 Appalto concorso per progetto Educativa Territoriale 21/4/04 22/6/ Determinazioni Dirigenziali Determinazioni Dirigenziali per Assistenza domiciliare di aiuto famigliare nuclei in difficoltà con minori Appalto concorso per progetto assistenza domiciliare Estensione prestazioni Azioni di sostegno al nucleo famigliare in ambiente esterno Strutture accreditate:centri diurni 15/3/04 16/6/04 9/3/04 17/6/04 6

7 aggregativi 8 Determinazione Dirigenziale Progetto luoghi neutri Convenzione con il Centro famiglia 22/6/04 9 Determinazioni Dirigenziali Azioni volte alla creazione di nuovi servizi per l'infanzia Progetto creazione di micronidi Azioni volte alla creazione di nuovi servizi per l'infanzia 27/11/03. tipologia atti amministrativi Micronidi o nidi familiari Progetto Cer Pale Chavore Ospitalità di minori presso il Centro di Noli Ospitalità di minori presso il Centro di Noli. 9/6/04 oggetto 9/6/04 data 1 Determinazione Dirigenziale Progetti autonomia e accoglienza madri con bambino 17/6/04 2 Determinazione Dirigenziale Affidamento a brevissimo termine neonati 0/18 mesi. Convenzione con le Asl 1, 2, 3, 4 2/12/03 25/6/04 3 Determinazione Dirigenziale Affidamento interventi per minori soggetti a procedure penali Centro Mediazione Penale 5/12/03 22/06/2004 7

8 Settore Gioventù n. tipologia atti amministrativi oggetto 1 Delibera Sostegno manifestazione Muoviti Positivo 1/7/2003 Associazione Uisp 2 Delibera Individuazione beneficiari contributo per la realizzazione 1/7/2003 di iniziative estive rivolte agli adolescenti - vari 3 Delibera Contributo per iniziative in città rivolte agli adolescenti- 15/7/2003 Associazione ASAI, Oratorio Salesiano Michele Rua, Parrocchia S. Giuseppe Lavoratore 4 Delibera Sostegno fornitura materiali Est-Adò Point 5/8/2003 Cooperativa Radio Torino Popolare 5 Delibera Integrazione attività parco Di Vittorio Contributo Associazione 5/8/2003 Softball 6 Delibera Contributi alle scuole per Progetto Scuola Super Oltre 12/8/2003 Confine 7 Delibera Estensione periodo di apertura Est-Adò Point 2/9/2003 Cooperativa Radio Torino Popolare 8 Delibera Progetto SCU.TER. Contributo per attività educative 18/11/2003 nelle scuole superiori Associazione Acmos 9 Delibera Centro Interculturale - Organizzazione corso formazione 25/11/2003 animatori interculturali 10 Delibera Realizzazione ricerca azione partecipata sui bisogni 10/12/2003 informativi dei giovani. Affidamento incarico 11 Delibera Contributi per attività espressive per adolescenti 19/6/ Delibera Spazi d incontro per adolescenti Casa della Tigre 22/6/ Determina Affidamento incarico per gestione e sviluppo del portale 1/7/2003 e dei siti collegati al progetto Ragazzi 2006 Ditta Saranet 2 Determina Affidamento per Attività formative Ragazzi /8/ Determina Realizzazione sesta Settimana Letteraria 8/8/ Determina Centro El Barrio Affidamento per organizzazione 17/10/2003 attività - Cooperativa CISV 5 Determina Affidamento progetto Sentieri dei mediatori di strada 28/10/2003 Associazione Alouanur 6 Determina Affidamenti Progetto Start Cooperativa Doc e Keluar 1/3/2004 srl 7 Determina Centro Interculturale Attività laboratorio informatica 2/03/ Determina Affidamento progetto Sentieri dei mediatori di strada - 30/3/2004 Associazione Alouanur 9 Determina Affidamento incarichi per attività di redazione giornale 31/5/2004 on line Ragazzi Determina Inserimento disabili soggiorni Progetto Altre Vacanze 9/6/2004 Circoscrizione 1 data n. tipologia atti amministrativi 1 Delibera Consiglio Circoscrizionale n /84 2 Delibera Consiglio Circoscrizionale n /84 3 Delibera Consiglio Circoscrizionale n /84 Circoscrizione 2 oggetto Legge 285/97: Contributo all Istituto Internazionale Don Bosco Oratorio Salesiano Crocetta Progetto: Un cortile per te un cortile per noi Legge 285/97: Contributo alla Scuola Media Statale Ugo Foscolo Progetto Musicateatro Intercultura tra scuole e territorio Legge 285/97: Contributo al Centro Polifunzionale Artigianelli Progetto: Orientauno : Narrarsi per costruire e vivere i propri progetti: un portfolio per l orientamento data 30/6/ /6/ /6/2003 n. tipologia atti amministrativi 8 1 Deliberazione Consiglio di Circoscrizione oggetto Progetto Famiglia 2003/2004. Contributi ad Associazioni ,00. Finanziamento ai sensi della Legge 285/97. data 17/11/ Deliberazione Consiglio di Progetto Scuola 2003/2004 spesa presunta per 10/07/2003

9 Circoscrizione affidamento di servizio ,00. Contributi ,00 1 Determina Dirigenziale Progetto Famiglia 2003/2004. Finanziamento ai sensi della legge 285/97. In esecuzione alla delibera n. mecc /85 del 17/11/2003. Devoluzione contributi ,00 2 Determina Dirigenziale Progetto Scuola 2003/2004. Sportelli di Ascolto finanziati ai sensi della legge 285/97. In esecuzione alla delibera n. mecc /85 del 10/07/2003. Devoluzione contributi ,00 17/12/ /09/2003 Circoscrizione 3 n. tipologia atti amministrativi 1 Deliberazione di Consiglio Circoscrizionale n /86 1 Determinazione Dirigenziale n /86 2 Determinazione Dirigenziale n /86 3 Determinazione Dirigenziale n /86 oggetto Indirizzi e azioni per l attuazione del Piano Territoriale d Intervento della Circoscrizione 3 Triennio L. 285/97 Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza Individuazione progetti triennali. Impegno spesa presunta anno ,88. C.3 L. 285/97 Piano Territoriale di Intervento Circoscrizione 3 Lotto 1 Una società multiculturale in esecuzione Delibera Consiglio Circoscrizionale del 12/10/2001 n. mecc. 01/08161/86. Finanziamento e affidamento per ,51 C.3 L. 285/97 Piano Territoriale di Intervento Circ. III Lotto 2 Una società multiculturale in esecuzione Delibera Consiglio Circoscrizionale del 12/10/2001 n. mecc. 01/08161/86. Finanziamento e affidamento per ,34 C.3 L. 285/97 Piano Territoriale di Intervento Circoscrizione 3 Lotto 3 Genitorialità come opportunità di crescita in esecuzione Delibera Consiglio Circoscrizionale del 12/10/2001 n. mecc. 01/08161/86. Finanziamento e affidamento per ,19 data 28/05/ /12/ /12/ /12/2003 Circoscrizione 4 Nessun Atto amministrativo Circoscrizione 5 n. tipologia atti amministrativi 1 Deliberazione Giunta Circoscrizionale 08523/007 2 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale 11892/88 1 Determina Dirigenziale 01711/088 oggetto Legge 285/97. Approvazione Terzo Piano Territoriale di intervento (2003/2005) Ripartizione fondi anno 2003 Art.42 Comma 2 Legge 285/97 Piano Territoriale di Circoscrizione. Individuazione beneficiari di contributi per ,70 Devoluzione di contributi per ,70. In esecuzione alla delibera n.mecc /88 data 28/10/ /10/2003 5/03/2004 Circoscrizione 6 n. tipologia atti oggetto data amministrativi 1 Deliberazione Consiglio art. 42. Comma 3. Legge 285/97. Fondi anno /07/2003 9

10 Circoscrizionale n. mecc /89 I.E. 1 Determinazione Dirigenziale n. mecc /89 esecutiva dal 14/10/03 2 Determinazione Dirigenziale n. mecc /89 esecutiva dal 30/09/03 Piano Territoriale di Circoscrizione. Definizione linee di indirizzo per l anno 2003 Servizi Socio Assistenziali Legge 285/97. Estensione appalto concorso n. 136/98 Educativa territoriale. Affidamento per ,21 In esecuzione Deliberazione n. mecc /89 del 22/07/2003 Servizi Socio Assistenziali Legge 285/97 Esercizio Finanziario Affidamento per ,00 In esecuzione Deliberazione n. mecc /89 del 22/07/ /10/ /09/2003 Circoscrizione 7 Nessun Atto amministrativo. Circoscrizione 8 Nessun Atto amministrativo. Circoscrizione 9 n. tipologia atti amministrativi 1 Determinazione Dirigenziale 2003/09110/092 2 Determinazione Dirigenziale 2004/00789/092 oggetto C. 9 - L. 285/97 - Ulteriore affidamento di percorso educativo per giovani volontari - Progetto "Si accettano volontari ancora!" per complessivi 1.435,04 C. 9 - L. 285/97 - Affidamento di progetti per anno 2004 per complessivi ,64 data approvata 4/11/03 esecutiva 24/11/03 approvata 4/2/04 esecutiva 23/2/04 Circoscrizione 10 n. tipologia atti amministrativi 1 Deliberazione del Consiglio Circoscrizionale oggetto C10-Art.42 comma 3 legge 285/97-Approvazione dei progetti - Contributo di 14657,00 all'associazione sportiva UISP ed alla Cooperativa Mirafiori 1 Determinazione dirigenziale Devoluzione del contributo per un importo di 14657,00 all'associazione sportiva UISP e alla Cooperativa Mirafiori data

11 1.2 Altri atti pubblici adottati, oltre che per la gestione della L. 285/97, relativi alle politiche sociali ed educative per l infanzia e l adolescenza collegabili o coerenti con lo spirito e le indicazioni della legge Divisione Servizi Educativi Il Decreto del 17 maggio 2002 del Ministero dell Economia e delle Finanze relativo alla deducibilità delle spese di partecipazione alla gestione dei microasili e dei nidi nei luoghi di lavoro, Legge 27 dicembre 2002 n. 289 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (art. 91) e la Legge 28 dicembre 2001 n. 448, art. 70 che istituisce il Fondo per gli asili nido, finalizzato alla costruzione e alla gestione degli asili nido e dei micronidi nei luoghi di lavoro, hanno cercato di dare una soluzione a un problema che da diverso tempo le Amministrazioni locali pongono all attenzione dello Stato, ovvero la necessità di potenziare i servizi per l infanzia sia in un ottica educativa sia di custodia, per favorire l occupazione femminile e per sostenere la famiglia. Il Comune di Torino, e in particolare i Servizi Educativi, si sono posti il problema di come informare e stimolare la nascita di servizi per l infanzia, anche aziendali, senza lasciare che l aspetto educativo di tali strutture passasse in secondo piano ed ha quindi messo a punto una documentazione Linee guida per l apertura di un asilo nido o micronido aziendale - che tratta gli aspetti pedagogici, gestionali e normativi permettendo alle aziende di scegliere la forma di supporto più idonea per i propri dipendenti e per i bambini. Il Consiglio Comunale ha approvato una Mozione nella quale prendeva atto degli incontri avvenuti tra l Assessore e le Aziende pubbliche e private e si impegnava a sostenere la realizzazione di nidi e/o micronidi aziendali rispondenti a criteri di qualità che li rendano effettive strutture educative per la prima infanzia oltre che supporto ai genitori lavoratori, fornire a tale scopo i supporti (consulenza normativa, educativa e pedagogica, ecc ) che possano agevolare tale realizzazione, instaurare eventuali rapporti convenzionali con le aziende affinché tali nidi e/o micronidi entrino a far parte del sistema educativo torinese e siano fruibili anche dal territorio, destinando adeguate risorse nei limiti delle disponibilità. Si è impegnato a demandare al Sindaco e alla Giunta Comunale la definizione, in sede di bilancio, di adeguati stanziamenti di risorse al fine di garantire la realizzazione di tale programma. Il Progetto Torino, Città Educativa ha incontrato, nel periodo di riferimento di questa relazione, 40 soggetti per informare e accompagnato diverse aziende nella scelta di asili nido aziendali di qualità. n. tipologia atti amministrativi oggetto 1 Delibera /007 Progetto Provaci ancora Sam Attività di prevenzione e recupero della dispersione scolastica. Anno scolastico 2003/2004. Contributo ad associazioni. 1 Determina /007 Soggiorni al Centro di Pracatinat - Settore Risorse Educative 2 Determina /007 Scambi scolastici nazionali e internazionali Ospitalità alle classi Settore Risorse Educative 3 Determina /007 Organizzazione e gestione soggiorni estivi per ragazzi - Settore Risorse Educative 4 Determina /007 Attività di animazione nei Centri Estivi comunali Progetto Cogli l Estate - Settore Risorse Educative 5 Determina /007 Attività estive presso le scuole Progetto Cogli l Estate - Settore Risorse Educative 6 Determina /007 Servizio estivo di sostegno ai disabili Progetto Cogli l Estate - Settore Risorse Educative 7 Determina /007 Affidamento servizio di accompagnamento durante il trasporto scolastico degli alunni nomadi, anno scolastico data

12 2003/2004. Impegno di spesa n. tipologia atti amministrativi oggetto 8 Determina /007 Progetto di educazione alla non violenza di genere. Affidamento del momento formativo Ora che so scelgo la non violenza Settore Politiche di genere Pari Opportunità 9 Determina /007 Progetto quante donne puoi diventare? Nuovi modelli per bambine e bambini Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo - Promozione partecipazione femminile al mercato del lavoro Settore Pari Opportunità 10 Determina /007 Progetto Provaci ancora Sam Concessione contributo in esecuzione deliberazione G.C. del 18/11/2003 mecc Impegno di spesa. 11 Determina /007 Progetto per contrastare la violenza contro le donne coinvolgendo le scuole e le altre risorse del territorio Settore Pari Opportunità 12 Determina /007 Progetto Un anno per crescere insieme. Contributo integrativo al reddito dal 4 al 12 mese di vita Settore Nidi e Scuole per l infanzia. 13 Determina /007 Realizzazione di attività di genere. Iniziativa Solidarietà e sicurezza 14 Determina /007 Scambi scolastici nazionali e internazionali Ospitalità alle classi Settore Risorse Educative data Determina /007 Affidamento del servizio di baby parking alla Cooperativa Sociale Terzo Tempo in occasione della festa della Donna Settore Pari Opportunità 16 Determina /007 Progetto finanziato dalla Regione Piemonte Estate Ragazzi Soggiorni estivi Settore Integrazione Educativa 17 Determina /007 Soggiorni estivi per ragazzi - Settore Risorse Educative Determina /007 Soggiorni estivi per ragazzi - Settore Risorse Educative Divisione Servizi Sociali n. tipologia atti amministrativi 1 Deliberazione della Giunta Comunale 2 Deliberazione del Consiglio Comunale oggetto Affidamento familiare diurno. Progetto sperimentale: Dare una famiglia ad un altra famiglia Piano dei Servizi Sociali Deliberazione G.C. Accreditamento di strutture residenziali e semiresidenziali. Requisiti albo fornitori. Composizione commissione valutatrice. Strutture residenziali e semiresidenziali per minori in accreditamento; tale forma di rapporto con il privato sociale permette di definire tipologie e standard di qualità e di promuovere un monitoraggio puntuale dei servizi 1 Determinazione Dirigenziale Progetto Provaci ancora Sam. Attività di prevenzione e recupero della dispersione scolastica. Anno 2003/2004. Contributo ad Associazioni. data Deliberazione G.C. del 04/11/03 Deliberazione del C.C. del 17/11/2003 Deliberazione G.C. del 25/11/ /11/03 Settore Gioventù Nessun Atto amministrativo segnalato. 12

13 Circoscrizione 1 n. tipologia atti amministrativi 1 Delibera Consiglio Circoscrizionale n /84 2 Delibera Consiglio Circoscrizionale n /84 oggetto Contributo alla Cooperativa Giuliano Accomazzi Progetto: Inventa e Party con noi Contributo all Associazione Culturale Ulisse Progetto: Dalla parte dei ragazzi e degli adulti a scuola data 30/6/ /6/1997 Circoscrizione 2 n. tipologia atti amministrativi 1 Deliberazione Consiglio di Circoscrizione 2 Deliberazione Consiglio di Circoscrizione 3 Deliberazione Consiglio di Circoscrizione 4 Deliberazione Consiglio di Circoscrizione 5 Deliberazione Consiglio di Circoscrizione 6 Deliberazione Consiglio di Circoscrizione 7 Deliberazione Consiglio di Circoscrizione 8 Deliberazione Consiglio di Circoscrizione oggetto Centri aggregativi della circoscrizione 2. Triennio 2004/2006. Approvazione indizione gara ad evidenza pubblica ai sensi del D. l.vo 157/95 e s.n.i. Spesa presunta ,00 Progetti rivolti a minori adulti e disabili. Contributi ad Enti e Associazioni di ,00 Progetto Giovani 2003/2004. Contributi ,00 Progetto Scuola 2003/2004. Integrazione contributi ,00 Progetto Ragazzi 2003/2004. Sostegno all associazionismo. Contributi ,00 Progetto Suola. Protocollo di intesa tra Scuole elementari, medie e la Circoscrizione 2 Centri aggregativi della Circoscrizione 2. Gestione del Centro Famiglia di via Balla 13 per il periodo 1 aprile dicembre Spesa presunta di ,00 Progetto Mission e progetto Estate Ragazzi Contributi 5.000,00 data 30/06/ /11/ /11/ /11/ /11/ /02/ /02/ /04/2004 Circoscrizione 3 Come accade ormai da diversi anni la Circoscrizione 3 investe parecchie risorse in progetti e attività a favore dei minori, in particolar modo in collaborazione con gli Istituti Scolastici di ogni grado, volti a favorire la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza. Si riportano nell elenco sottostante anche quelle relative al mese di giugno 2003, che non erano state inserite nella rendicontazione dell anno passato in quanto ancora in itinere al momento della stesura. n. tipologia atti amministrativi 1 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /86 2 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /86 3 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /86 4 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /86 oggetto Attività educative scolastiche ed estive Progetto Creatività attività di laboratorio rivolte a Scuole della Circoscrizione anno scolastico 2003/2004. Spesa presunta di ,00 Attività educative scolastiche ed estive Progetto educazione ambientale attività di laboratorio rivolte a Scuole della Circoscrizione anno scolastico 2003/2004. Spesa presunta di 2.900,00 Anno scolastico 2003/2004 Attività integrative scolastiche Individuazione beneficiari contributi 4.500,00 Associazione P.P.L.A.F. per progetto Ambiente nella mente e contributo ,00 Associazione KOINE per progetto Giardini rocciosi Individuazione beneficiario contributo 5.000,00 Associazione culturale P.P.L.A.F. per realizzazione progetto Giardini animati con Ludo il ludobus data 17/06/ /06/ /06/ /06/

14 5 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /86 6 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /86 8 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /86 9 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /86 10 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /86 n. tipologia atti amministrativi 11 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /86 12 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /86 Attività educative scolastiche ed estive Progetto educazione motoria rivolto alle Scuole della Circoscrizione per l anno scolastico 2003/204. Spesa complessiva ,00. Individuazione beneficiari dei contributi Attività educative scolastiche ed estive Progetto Agio. Spesa complessiva di ,00. Individuazione beneficiari dei contributi Ciclo di convegni sugli Sportelli d ascolto psicologico e sugli interventi rivolti ai minori stranieri Attività educative scolastiche ed estive integrazione progetti Agio, Creatività, Educazione motoria. Spesa complessiva ,00. Individuazione beneficiari dei contributi Istituzione di un Centro del Protagonismo Giovanile presso lo stabile di corso Ferrucci 65A di competenza della Circoscrizione 3 Individuazione beneficiario di contributo di ,00 all Associazione EDERA per attività presso il Centro del Protagonismo Giovanile della Circoscrizione oggetto Individuazione del beneficiario contributo di 8.742,00 alla Cooperativa EDUCAZIONE PROGETTO per il Centro Adolescenti Progetto per interventi di riabilitazione equestre rivolti ai bambini disabili frequentanti la Scuola d infanzia comunale di via Braccini 75. Anno Scolastico 2003/2004. Contributo di 760,00 alla S.C.S.A.R.L. L ALTRA IDEA 08/07/ /07/ /07/ /11/ /11/ /11/2003 data 02/12/ /01/2004 Circoscrizione 4 Nessun Atto amministrativo. Circoscrizione 5 n. tipologia atti amministrativi 1 Determina Dirigenziale 09074/88 2 Determina Dirigenziale /88 3 Determina Dirigenziale 10916/88 4 Determina Dirigenziale 00906/88 5 Determina Dirigenziale 00985/88 6 Determina Dirigenziale 02381/88 oggetto Devoluzione di contributo alla Cooperativa Stranaidea per iniziative di aggregazione e socializzazione rivolte a adolescenti a rischio di disagio. Impegno di spesa ,00 Devoluzione di contributo all Associazione Leonardo ONLUS per iniziative di aggregazione rivolte ad adolescenti in situazioni di disagio sociale. Impegno di spesa di ,00 Devoluzione di contributo alla Cooperativa Sociale Progetto Tenda per iniziative rivolte ai minori stranieri. Impegno di spesa ,00 Affitto sala teatro. Affidamento. Impegno di spesa di 400,00 Devoluzione di contributo all associazione Coopi Cooperazione Internazionale per Adozione a distanza di iniziative di aggregazione e socializzazione rivolte ad adolescenti di Bucarest ( Romania) a grave rischio di disagio. Impegno di spesa di 2.500,00 Affitto Sala Teatro Affidamento Impegno di spesa di. 420,00 data 04/11/ /12/ /12/2003 9/02/ /02/ /03/ Determina Dirigenziale Devoluzione di contributo alla Cooperativa Stranaidea 04/05/

15 03538/88 per iniziative di aggregazione e socializzazione rivolte a adolescenti a rischio di disagio. Impegno di spesa di 3.000,00 Circoscrizione 6 n. tipologia atti amministrativi 1 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /89 I.E. 2 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /89 I.E. 3 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /89 I.E. 4 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /89 I.E. 5 Deliberazione Consiglio Circoscrizionale n. mecc /89 I.E. 6 Determinazione Dirigenziale n. mecc /89 esecutiva dal 09/10/03 n. tipologia atti amministrativi 7 Determinazione Dirigenziale n. mecc /89 esecutiva dal 24/12/03. 8 Determinazione Dirigenziale n. mecc /89 esecutiva dal 24/12/03. 9 Determinazione Dirigenziale n. mecc /89 esecutiva dal 23/12/03 oggetto art. 42. Comma 2. Interventi per la prevenzione al disagio giovanile. Indicazioni programmatiche criteri di programmazione. Spesa presunta di ,00 art. 42. Comma 3. Interventi di prevenzione al disagio giovanile. Individuazione di beneficiario di contributo per 7.000,00 art. 42. Comma 3. Interventi di prevenzione del disagio giovanile. Individuazione di beneficiari di contributi per ,00. (alle parrocchie) art. 42. Comma 3. Interventi di prevenzione del disagio giovanile. Individuazione di beneficiari di contributi alle scuole per ,00 art. 42. Comma 3. Interventi di prevenzione del disagio giovanile. Individuazione di beneficiari di contributi alle Associazioni per ,00 Interventi di prevenzione del disagio giovanile. Devoluzione di contributo e impegno della spesa per 7.000,00. In esecuzione Deliberazione n. mecc /89 del 16/09/2003 oggetto Interventi di prevenzione del disagio giovanile. Devoluzione di contributi alle scuole e impegno della spesa per ,00. In esecuzione Deliberazione n. mecc /89 del 17/11/2003 Interventi di prevenzione del disagio giovanile. Devoluzione di contributi a beneficiari e impegno della spesa per ,00. In esecuzione Deliberazione n. mecc /89 del 17/11/2003 Interventi di prevenzione del disagio giovanile. Devoluzione di contributi alle Associazioni e impegno della spesa per ,00. In esecuzione Deliberazione n. mecc /89 del 17/11/2003 data 22/07/ /09/ /11/ /11/ /11/ /10/2003 data 04/12/ /12/ /12/2003 Circoscrizione 7 Nessun Atto amministrativo. Circoscrizione 8. tipologia atti amministrativi oggetto Delibera mecc. n. 03/9143/91 Contributo di ,00 all Associazione Briciole di 13//11/20 Pollicino per il progetto Prevenzione nella scuola: una innovativa 03 Determina Dirigenziale proposta di intervento svoltosi nel periodo novembre 2003/giugno 27/11/20 mecc. n. 03/10486/ esecutiva 15/12/2003 data 15

16 Circoscrizione 9 n. tipologia atti amministrativi oggetto 1 Deliberazione n. 2003/09569/92 C. 9 - Competenze proprie (art. 42 comma 2) - Progetto "Psicomotricità per la promozione della salute nella scuola" e progetto "Sportello di ascolto attivo". Contributi per 7.300,00 2 Deliberazione n. 2003/09861/92 C. 9 - art. 42 comma 2 Attività sportive presso le scuole del territorio. Contributo di ,00 all'associazione 2D Lingotto Volley 3 Deliberazione n. 2003/10038/92 C. 9 - art. 42 comma 2 - Progetto "Il Filadelfia e il Grande Torino (alla ricerca delle nostre radici)". Contributi all'associazione "Memoria Storica Granata" per 3.150,00 4 Deliberazione n. 2003/10098/92 C. 9 - Competenze proprie (art. 42 comma 2) - progetto "Clown in corsia"- contributo all' Ass. Yuma di 2.800,00 5 Deliberazione n. 2003/10097/92 C. 9 - Competenze proprie (art. 42 comma 2) - progetto "Immagina la notte!". Contributo alla cooperativa Art.ò di 5.400,00 6 Deliberazione n. 2004/02660/92 C. 9 - art. 42 comma 2 - Laboratori di educazione ambientale rivolti alle scuole elementari e medie del territorio. Contributi complessivi per ,20 1 Determinazione n. 2003/06376/092 C.9 - "Laboratori creativi in biblioteca". Affidamento ed impegno di spesa di 3.344,00 2 Deliberazione n 2003/07443/92 3 Determinazione n. 2003/07943/092 C. 9 - art. 42 comma 2 - Iniziative a favore delle persone disabili per l'anno 2003/04 - contributo alla parrocchia Immacolata Concezione e San Giovanni Battista di 5.000,00 C. 9 - Iniziative di promozione sportiva per soggetti portatori di handicap - corsi di ippoterapia per alunni delle scuole elementari e medie del territorio circoscrizionale. Affidamento e impegno di spesa di ,60 45 Determinazione n. 2003/08558/092 C. 9 - Iniziative a favore delle persone disabili per l'anno 2003/04- contributo alla parrocchia Immacolata Concezione e San Giovanni Battista di 5.000,00 5 Determinazione n. 2003/08846/092 C. 9 - Progetti di educazione ambientale. Contributi per 8.000,00 6 Determinazione n. 2003/08935/092 7 Determinazione n. 2003/10389/092 n. tipologia atti amministrativi C. 9 - Corsi di nuoto rivolti agli alunni delle scuole medie del territorio Affidamento del servizio istruttori e impegno di spesa di 7.338,24 C.9 - Progetto "Psicomotricità per la promozione della salute a scuola". Contributo di 5.800,00 oggetto data 25/11/ /11/ /11/2003 4/12/2003 4/12/ /4/2004 5/8/ /9/2003 7/10/ /10/ /10/ /10/ /11/ Determinazione n. 2003/10390/092 C. 9 - Progetto "Sportello di ascolto attivo". 26/11/2003 Contributo di 1.500,00 9 Determinazione n. 2003/10886/092 C. 9 - Progetto "Il Filadelfia e il Grande Torino (alla 2/12/2003 ricerca delle nostre radici)". Contributo di 3.150,00 10 Determinazione n. 2003/11129/092 C. 9 - Attività sportive presso le scuole del territorio. 4/12/2003 Contributo di ,00 all' Ass. 2D Lingotto Volley 11 Deliberazione n. 2003/10098/92 C. 9 - art. 42 comma 2 - progetto gestanti e neonati in 4/12/2003 acqua. Contributo all'a.s. Freedom.com per 8.000,00 12 Determinazione n. 2003/11388/092 C. 9 - Progetto gestanti e neonati in acqua. 5/12/2003 Contributo all'a.s. Freedom.com per 8.000,00 13 Determinazione n. 2003/11491/092 C.9 - Concorsi di partecipazione e interventi di 5/12/2003 solidarietà. Contributo all'u.g.i. Unione Genitori Italiani. Impegno di spesa di 2.000,00 14 Determinazione n. 2003/11440/092 C. 9 - Progetto "Immagina la notte!". 5/12/2003 Contributo alla cooperativa Art.ò di 5.400,00' 15 Determinazione n. 2003/11436/092 C. 9 - Progetto "Clown in corsia". 5/12/2003 Contributo all'associazione Yuma di 2.800,00 16 Determinazione n. 2004/00077/092 C. 9 - Progetto di "Scrittura creativa" per le scuole 9/1/2004 elementari. Affidamento e impegno di spesa di 3.756,00 17 Determinazione n. 2004/03100/092 C. 9 - Progetto "Fatti di sport pulito!". 22/4/2004 Affidamento e impegno di spesa di 8.959,50 all'associazione Kappadue 18 Determinazione n. 2004/04061/092 C. 9 - Progetti di educazione ambientale rivolti alle 19/5/ data

17 scuole. Contributi per 9.357,20 19 Determinazione n. 2004/04349/092 C. 9 - Iniziativa rivolta alle famiglie del quartiere denominata "La famiglia in vacanza con la nove". Affidamento e impegno di spesa per ,00. Accertamento d'entrata ,50. Rimborso soggiorni climatici e per famiglie 1.500,00 27/5/2004 Circoscrizione 10 n. tipologia atti amministrativi 1 Deliberazione del Consiglio Circoscrizionale 2 Deliberazione del Consiglio Circoscrizionale oggetto C10 - Art.42 comma 3 - Piano Giovani anno 2003/2004. Approvazione dei progetti - Contributi ad Associazioni e Parrocchie per un importo di ,00 C10 - Art. 42 comma 3 - Promozione e sostegno della creatività giovanile. Approvazione partenariato con l'associazione "Il Laboratorio" e la Cooperativa Mirafiori per l'attivazione del Centro di Aggregazione Giovanile di Strada delle Cacce 36 data

18 1.3 Azioni intraprese per favorire lo svolgimento della L. 285/97 iniziative di coordinamento iniziative di raccordo con il livello regionale iniziative informative e promozionali Divisione Servizi Educativi Come per la precedente Relazione i Progetti che hanno visto un maggior numero di interventi di raccordi e confronti territoriali sono stati i Micronidi e i Progetti del Laboratorio Città Sostenibile. L aumentato interesse da parte delle famiglie ha portato a pensare alla creazione di un Albo di Agenzie educative idonee alla creazione di Micronidi familiari (vedi punto 2.3). Il Laboratorio Città Sostenibile ha ampliato la sua attività all interno delle Scuole raccordandosi con diversi Settori della Pubblica Amministrazione, coadiuvato dalla sempre maggior presenze dell Architetto Tutor. Gli incontri con la Regione Piemonte, Dipartimento delle Politiche Sociali, si sono intensificati nel confronto e nella collaborazione per una politica dei Servizi all Infanzia, in particolare per i bambini da 0 a 3 anni, che favorisse la nascita di servizi di qualità sia pubblici che privati per rispondere alla crescente domanda da parte del nostro territorio. In particolare la Regione ha recepito le esigenze provenienti dai comuni in materia di Micronidi e Micronidi familiari, finanziando gli adeguamenti strutturali dei primi e contribuendo al chiarimento del problema della somministrazione dei pasti per i secondi. Continua l attività di coordinamento della Segreteria del Progetto Torino, Città Educativa, sia nell ambito della divulgazione e dell ampliamento della Rete delle Città Educative italiane, sia nel sostenere a livello nazionale la diffusione e la pubblicizzazione della progettualità torinese nell ambito della Legge 285/97. Si segnala inoltre che nel corso della manifestazione Io Cresco con Torino, nel corso della quale la Divisione Servizi Educativi ha presentato alla cittadinanza le proprie offerte educative, le Associazioni coinvolte nella gestione dei servizi attivati con la legge 285/97 sono state invitate a presentare le proprie iniziative e a informare la cittadinanza sulle modalità di gestione dei servizi. Sono continuati i corsi di informazione, formazione e sensibilizzazione rivolti alle famiglie a cura del Progetto Famiglia e degli Sportelli Informativi per le famiglie. Continuano l attività lo Sportello Tata Doing e la Campagna cittadina dell iniziativa Un anno per crescere insieme. Divisione Servizi Sociali Il Comune rientra fra le Città Riservatarie; pertanto il rapporto con la Regione in questi anni non si è sviluppato in maniera sistematica ed organica; tuttavia si stanno predisponendo azioni di collegamento e di raccordo anche in ambito formativo e promozionale per favorire lo svolgimento della L. 285/97. Invece tutti i progetti, gestiti a livello di Divisione, hanno una ricaduta nelle Circoscrizioni a livello dei Servizi Sociali territoriali. Pertanto il raccordo, sia in fase progettuale che di esecuzione, è una prassi attuata, consolidata e necessaria; rientra dunque nelle normali procedure di raccordo che la Divisione attua nell esercizio delle sue funzioni e compiti. I servizi che vengono così erogati non sono centralizzati, ma costituiscono e diventano attive risorse per le Circoscrizioni Cittadine. 18

19 Settore Gioventù I progetti messi in atto dal Settore Politiche giovanili, in favore degli adolescenti (14/18 anni) hanno creato momenti di coordinamento in fase di avvio, implementazione, rivisitazione degli obiettivi e delle finalità per renderli sempre più aderenti alla realtà giovanile in trasformazione. I coordinamenti sono stati a livello di Circoscrizioni, attraverso tavoli di progettazione, monitoraggio e valutazione (vedi progetto Est-adò), a livello di agenzie del Settore (tavolo di progettazione iniziative di viaggio e soggiorni, Altre Vacanze e Start), a livello di scuole superiori (Scuola Super Oltre confine), a livello di privato sociale con associazioni giovanili e socio culturali del territorio. Per tutti i progetti è stato predisposto un piano di promozione finalizzato al tipo di intervento ed iniziativa messo in atto e al tipo di pubblico che doveva raggiungere. Depliant, locandine, spot radiofonici, incontri con gli studenti nelle scuole e con i ragazzi nei centri di aggregazione, mailing list e giornale on line (Vedi sito dei ragazzi del 2006) articoli sulla rivista Informagiovani. Circoscrizione 1 Raccordo con le risorse del territorio istituzionali e non, con i progetti attivati dalle Divisioni Centrali dell Amministrazione Comunale quali Servizi Sociali, Servizi Educativi, Gioventù. Raccordo con le Circoscrizioni e con l Asl 1 (con la quale è stata stipulata apposita convenzione da parte della Divisione Servizi Sociali Comune di Torino, utilizzando i finanziamenti della Legge 285 per potenziare il lavoro di sostegno psicologico ai destinatari dell intervento) per la gestione dei Luoghi Neutri afferenti ai Servizi Sociali del territorio corrispondente all ASL. Circoscrizione 2 Sono stati attivati rapporti con Assessorato al Sistema Educativo Assessorato Progetto Periferie, coordinando progettualità e interventi che avevano finalità comuni. Rapporti con gli Ambiti territoriali: si sono creati tavoli di lavoro con il progetto URBAN 2, e realizzate collaborazioni con i servizi di base dell'asl 2 (Consultorio pediatrico), con Associazioni del Volontariato (Associazioni Mano Amica, S.O.S. Mamme ed Educare). Si è provveduto alla pubblicizzazione delle iniziative mediante volantini e pieghevoli. Non sono state effettuate specifiche attività formative del personale circoscrizionale che si è occupato dell'attuazione della legge 285/97. Circoscrizione 3 Sempre attiva è la partecipazione della Circoscrizione ai vari tavoli di coordinamento (di A.S.L., fra Circoscrizioni, a livello cittadino) sia sulle tematiche collegate all attuazione dei progetti dei Piani Territoriali di Intervento redatti ai vari livelli, sia sul monitoraggio specifico delle singole attività. Ognuno dei tre progetti attivati prevede raccordi con tutte le Istituzioni Scolastiche del territorio e iniziative specifiche di informazione e promozione. Circoscrizione 5 Esiste un attività consolidata di coordinamento rappresentata dalle due Commissioni Scuola Territorio che è stata ulteriormente rafforzata con un Protocollo d Intesa e con la creazione di un Tavolo di Regia Circoscrizionale con la funzione di raccordo, programmazione, omogenizzazione e distribuzione delle diverse risorse sul territorio circoscrizionale. Iniziative informative sono state realizzate singolarmente dalle diverse realtà territoriali pur non essendo contemplate nei relativi progetti. 19

20 Circoscrizione 6 Iniziative di coordinamento Partecipazione dei Servizi Sociali alle riunioni trimestrali del Dipartimento materno infantile dell'asl 4 e del coordinamento di Distretto, finalizzato all'integrazione tra Servizi sanitari e sociali, alla progettazione di interventi comuni sull'area materno infantile e alla verifica degli stessi; coordinamento mensile tra Servizi sociali e sanitari per gli interventi rivolti agli adolescenti; coordinamento locale e cittadino per i progetti legati a "Provaci ancora Sam". Iniziative di raccordo con il livello regionale Non esistono connessioni tra la Circoscrizione e la Regione. Iniziative informative e promozionali L'informazione e la promozione delle iniziative realizzate con gli affidamenti della Circoscrizione sui fondi assegnati dalla L.285/97 è stata gestita dalle singole agenzie. Circoscrizione 8 Non sono attivi rapporti con la Regione. Permangono operanti, a livello di territorio della Circoscrizione, i progetti relativi all'estensione del servizio di educativa territoriale rivolto ai minori e ai luoghi neutri, incontri protetti tra genitori e figli disposti dall'autorità Giudiziaria. Entrambi i progetti sono attivi grazie ai finanziamenti della L. 285/97 messi a disposizione centralmente dalla Divisione Servizi Sociali; per il primo si tratta di poter usufruire di due educatori in più rispetto alla convenzione già in corso, per il secondo di garantire la presenza di una psicologa consulente dell'a.s.l. 1 all'interno dell'equipe luoghi neutri. Esistono pertanto rapporti con gli uffici centrali della Divisione e con i referenti locali, sia di Circoscrizione sia di A.S.L., per la progettualità e il monitoraggio dei luoghi neutri. A tale proposito si è costituito un gruppo di lavoro stabile con il fine di raccogliere i dati in modo sistematico, di analizzarli e di formalizzare il lavoro di rete con i servizi dell'a.s.l. Per quanto riguarda il progetto specifico della Circoscrizione "Io trovo lavoro", avviatosi nel gennaio 02, oltre a quanto già citato nella relazione dello scorso anno (coordinamento tra sportellilavoro, raccordo con i vari enti di formazione ed i progetti contro la dispersione scolastica ), è stato rafforzato il rapporto con il Settore Lavoro del Comune, in particolare rispetto al progetto POR e con l'ufficio Pio della Compagnia di San Paolo per alcune borse di formazione lavoro. Circoscrizione 9 Le azioni sono riconducibili ai campi d'azione dei singoli progetti. Si sono svolti incontri preliminari per redigere una bozza di Protocollo d'intesa tra Scuole Medie Inferiori del territorio e Circoscrizione nell'ambito del Progetto "Si accettano volontari ancora!" Incontri di scambio di informazioni tra Enti, sia istituzionali che non, che a livello locale attivano iniziative a favore dei neonati. Circoscrizione 10 Nel progetto è previsto un coordinamento degli interventi che vede coinvolte le scuole, le biblioteche, le associazioni e cooperative del territorio ed in ogni caso esiste un ulteriore livello di coordinamento più generale che è il tavolo di lavoro sui minori relativo al Piano dei Servizi Sociali della Circoscrizione 10. Descrizione di attività formative a diversi livelli, precisando per ciascuno di esse se, ed in quale misura, tali attività siano state effettuate con l utilizzo del fondo regionale (art. 2, 2 comma della Legge 285/97 - cd riserva del 5%), oppure con il proprio fondo o interregionale o regionale 20

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. Approvato con deliberazione

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli