DIREZIONE GENERALE SANITA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE GENERALE SANITA"

Transcript

1 DIREZIONE GENERALE SANITA Indicazioni alle ASL in merito al possesso dei requisiti specifici da parte delle strutture dell area della psichiatria per l attuazione della D.G.R. n /98

2 IL DIRETTORE GENERALE VISTA la delibera n del con la quale è stato dato avvio al processo di accreditamento dei soggetti erogatori pubblici e privati di prestazioni sanitarie, in attuazione dell art. 12, commi 3 e 4 della l.r , n. 31; RICHIAMATI gli atti assunti per dare piena attuazione alla citata deliberazione: nota prot. n del , a firma del Direttore Generale Sanità, Indicazioni in ordine all attuazione della D.G.R. n. VI/38133/98 ; decreto del Direttore Generale Sanità n del Approvazione delle linee guida in merito alla verifica dei requisiti organizzativi generali per l accreditamento delle strutture sanitarie pubbliche e private, previste nell allegato 1 alla D.G.R. n del ; decreto del Direttore Generale Sanità n del Indicazioni alle AA.SS.LL. in merito all accreditamento degli studi di professionisti, non autorizzati l.r n. 5, già transitoriamente accreditati con il S.S.N. ; decreto del Direttore Generale Sanità n del Indicazioni in merito alla procedura di verifica dei requisiti organizzativi strutturali e tecnologici generali e specifici per l accreditamento delle strutture sanitarie pubbliche e private previsti nell Allegato 1 alla D.G.R. n del decreto del Direttore Generale Sanità n del Direttive in ordine all attuazione della procedura di accreditamento delle strutture sanitarie pubbliche e private, prevista nell Allegato 1 alla D.G.R. n. VI/38133/98 ; integrazione al Decreto del Direttore Generale Sanità n del Indicazioni in merito alla procedura di verifica dei requisiti organizzativi strutturali e tecnologici generali e specifici per l accreditamento delle strutture sanitarie pubbliche e private previsti nell Allegato 1 alla D.G.R. n del RICHIAMATO, in particolare, l allegato 2 della predetta D.G.R. n /98, laddove si stabiliscono ulteriori requisiti autorizzativi e funzionali per l accreditamento delle strutture per l area della psichiatria e della neuropsichiatria infantile; CONSIDERATO necessario, al fine di permettere un omogenea applicazione dei requisiti definiti dalla richiamata DGR e in attuazione di quanto stabilito dal Progetto obiettivo regionale in merito alle funzioni che devono essere svolte dalle Unità Operative di Psichiatria (UOP), fornire alle ASL idonee indicazioni in ordine al possesso dei requisiti organizzativi e funzionali specifici delle strutture dell area della psichiatria; 2

3 TENUTO CONTO dei chiarimenti richiesti dalle ASL, dalle Aziende Ospedaliere dagli Enti gestori delle strutture interessate; RITENUTO, quindi, di fornire alle ASL le suddette indicazioni e precisazioni in ordine al possesso dei requisiti delle strutture psichiatriche, anche al fine di garantire al paziente idonea assistenza in relazione alle specifiche caratteristiche e funzioni espletate dalle strutture medesime: 1. In termini generali: la presenza del medico nelle strutture è da intendersi come presenza attiva, o pronta disponibilità secondo la normativa vigente, del medico psichiatra per l area della psichiatria e medico neuropsichiatra infantile per l area della neuropsichiatria infantile; è prevista la possibilità, su attività programmata, di utilizzare in comune il personale qualora le singole strutture siano collocate nella stessa sede o in sedi vicine; le attività ambulatoriali decentrate vengono considerate parte integrante della struttura da cui dipendono; 2. Per quanto riguarda in particolare le strutture ambulatoriali e semiresidenziali, ovvero Centri Psico-sociali (CPS) e Centri Diurni (CD): la dotazione di personale medico e infermieristico del CPS deve essere congrua in relazione al volume delle attività e al numero dei pazienti in carico; la presenza del medico psichiatra nel CPS deve essere intesa come presenza attiva garantita per non meno di 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì e di almeno 4 ore il sabato; fermo restando che almeno un CPS per UOP deve essere aperto 12 ore al giorno dal lunedì al venerdì, nella giornata del sabato i CPS e i CD devono essere aperti per almeno 4 ore; la fruizione dei pasti nel Centro Diurno deve essere garantita qualora il paziente sia presente durante l ora consueta di somministrazione pasti. 3. Per quanto riguarda le strutture residenziali, ovvero Centri Residenziali Terapeutico- Riabilitativi (CRT) e Comunità Protette (CP): le CP possono costituire un unica entità denominata Presidio di Comunità Protetta se caratterizzate dal medesimo livello di intensità assistenziale e realizzate nella stessa struttura o in più strutture vicine, fino a un numero massimo complessivo di 20 posti; la presenza del medico psichiatra nelle strutture residenziali deve essere intesa: nel CRT come presenza attiva garantita per non meno di 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì e di almeno 4 ore il sabato; nelle CP ad elevata attività assistenziale come presenza attiva garantita per almeno 4 ore diurne dal lunedì al venerdì e almeno 2 ore il sabato; nelle CP di media intensità assistenziale come presenza attiva garantita per almeno 2 ore al giorno dal lunedì al sabato; nelle restanti ore giornaliere previste dalla DGR come pronta disponibilità; 3

4 nelle CP ad elevata intensità assistenziale e nei CRT deve essere garantita la presenza di 1 infermiere sia nelle ore diurne sia nelle ore notturne; l Azienda Sanitaria/l Ente responsabile della struttura residenziale, acquisito il parere del Responsabile sanitario della struttura (Responsabile della UOP/Responsabile sanitario dell Ente) dichiarano la tipologia della struttura in relazione all assistenza erogata. RICHIAMATO, in merito all invio del paziente presso la struttura accreditata, il punto 8) del Progetto Obiettivo Regionale, approvato con D.C.R. n del , in base al quale l invio dovrà essere concordato con il Dipartimento di Salute Mentale (DSM)/Unità Operativa di Psichiatria (UOP) di residenza del paziente medesimo; VISTO il punto 16) della D.G.R. n /98, che dà mandato alla Direzione Generale Sanità di assumere le ulteriori determinazioni necessarie alla piena attuazione dell istituto di accreditamento; VISTO l art. 17 della l.r. n. 16 del , e successive modifiche e integrazioni, che individua le competenze dei Direttori Generali; VISTA la D.G.R. n. VII/4 del avente ad oggetto: Avvio della settima legislatura. Costituzione delle Direzioni Generali e nomina dei Direttori Generali; PER le motivazioni indicate in premessa DECRETA Art. 1 Sono fornite alle ASL le seguenti indicazioni e precisazioni, in merito all attuazione della D.G.R. n /98, per le strutture dell area della psichiatria: 1. In termini generali: la presenza del medico nelle strutture è da intendersi come presenza attiva, o pronta disponibilità secondo la normativa vigente, del medico psichiatra per l area della psichiatria e medico neuropsichiatra infantile per l area della neuropsichiatria infantile; è prevista la possibilità, su attività programmata, di utilizzare in comune il personale qualora le singole strutture siano collocate nella stessa sede o in sedi vicine; le attività ambulatoriali decentrate vengono considerate parte integrante della struttura da cui dipendono; 4

5 2. Per quanto riguarda in particolare le strutture ambulatoriali e semiresidenziali, ovvero Centri Psico-sociali (CPS) e Centri Diurni (CD): la dotazione di personale medico e infermieristico del CPS deve essere congrua in relazione al volume delle attività e al numero dei pazienti in carico; la presenza del medico psichiatra nel CPS deve essere intesa come presenza attiva garantita per non meno di 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì e di almeno 4 ore il sabato; fermo restando che almeno un CPS per UOP deve essere aperto 12 ore al giorno dal lunedì al venerdì, nella giornata del sabato i CPS e i CD devono essere aperti per almeno 4 ore; la fruizione dei pasti nel Centro Diurno deve essere garantita qualora il paziente sia presente durante l ora consueta di somministrazione pasti. 3. Per quanto riguarda le strutture residenziali, ovvero Centri Residenziali Terapeutico- Riabilitativi (CRT) e Comunità Protette (CP): le CP possono costituire un unica entità denominata Presidio di Comunità Protetta se caratterizzate dal medesimo livello di intensità assistenziale e realizzate nella stessa struttura o in più strutture vicine, fino a un numero massimo complessivo di 20 posti; la presenza del medico psichiatra nelle strutture residenziali deve essere intesa: nel CRT come presenza attiva garantita per non meno di 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì e di almeno 4 ore il sabato; nelle CP ad elevata attività assistenziale come presenza attiva garantita per almeno 4 ore diurne dal lunedì al venerdì e almeno 2 ore il sabato; nelle CP di media intensità assistenziale come presenza attiva garantita per almeno 2 ore al giorno dal lunedì al sabato; nelle restanti ore giornaliere previste dalla DGR come pronta disponibilità; nelle CP ad elevata intensità assistenziale e nei CRT deve essere garantita la presenza di 1 infermiere sia nelle ore diurne sia nelle ore notturne; l Azienda Sanitaria/l Ente responsabile della struttura residenziale, acquisito il parere del Responsabile sanitario della struttura (Responsabile della UOP/Responsabile sanitario dell Ente) dichiarano la tipologia della struttura in relazione all assistenza erogata. Art. 2 L invio del paziente presso la struttura accreditata dovrà essere concordato con il Dipartimento di Salute Mentale (DSM)/Unità Operativa di Psichiatria (UOP) di residenza del paziente medesimo. Il presente provvedimento sarà comunicato alle ASL per gli adempimenti di competenza. Dr. Renato Botti 5

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 04/02/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 10

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 04/02/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 10 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 27 gennaio 2014, n. U00015 attività riabilitativa territoriale rivolta a persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale

Dettagli

DECRETO n. 590 del 27/11/2014

DECRETO n. 590 del 27/11/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

(omissis) Il Consiglio regionale

(omissis) Il Consiglio regionale REGIONE PIEMONTE BU2S1 09/01/2014 Deliberazione del Consiglio regionale 23 dicembre 2013, n. 260 40596 Recepimento dell Accordo approvato dalla Conferenza Unificata in data 17 ottobre 2013 relativo alle

Dettagli

Le modalità della verifica tra procedure, requisiti e problematiche: differenze e analogie tra sanitario e socio-sanitario

Le modalità della verifica tra procedure, requisiti e problematiche: differenze e analogie tra sanitario e socio-sanitario Corso di Aggiornamento Professionale I Sistemi di Autorizzazione e Accreditamento per le Strutture Sanitarie e Socio-Sanitarie. Un confronto di esperienze. 9 10 Ottobre 2006 Le modalità della verifica

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 13/02/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 13

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 13/02/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 13 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 29 gennaio 2014, n. U00016 Decreto del Commissario ad acta n. 39 del 20 marzo 2012 "Assistenza Territoriale. Ridefinizione

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana deliberazione n. 30 : Approvazione requisiti, manuali e procedure di accreditamento ai sensi della legge regionale 23 febbraio 1999, n. 8 e successive modifiche e integrazioni

Dettagli

Art. 8/ter D.Lgs. n. 502 del 30 Novembre 1992 e s.m.i. Ricognizione fabbisogno strutture per la tutela della salute mentale dei minori.

Art. 8/ter D.Lgs. n. 502 del 30 Novembre 1992 e s.m.i. Ricognizione fabbisogno strutture per la tutela della salute mentale dei minori. REGIONE PIEMONTE BU10 06/03/2014 Codice DB2016 D.D. 12 novembre 2013, n. 887 Art. 8/ter D.Lgs. n. 502 del 30 Novembre 1992 e s.m.i. Ricognizione fabbisogno strutture per la tutela della salute mentale

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.1212 DEL 21/10/2016 DISTRETTO SANITARIO TEMPIO CANNAS LUIGI (firma digitale apposta) OGGETTO: Comunità

Dettagli

Lo sviluppo di nuovi modelli di residenzialità in psichiatria: un patto per la salute mentale

Lo sviluppo di nuovi modelli di residenzialità in psichiatria: un patto per la salute mentale Convegno: Una nuova frontiera dell integrazione sociosanitaria: il ruolo dei Comuni per la residenzialità leggera in psichiatria Lo sviluppo di nuovi modelli di residenzialità in psichiatria: un patto

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU17S1 24/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 7 aprile 2014, n. 31-7386 Casa di Cura privata Monteserrat S.r.l. - Autorizzazione all'esercizio dell'attivita' sanitaria autorizzata

Dettagli

DECRETO n. 253 del 24/04/2014

DECRETO n. 253 del 24/04/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

il D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni;

il D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni; Oggetto DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA MISURA INNOVATIVA A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA PER I CARICHI DI CURA ACCESSORI DELLA PERSONA RICOVERATA IN UNITÀ D OFFERTA RESIDENZIALI PER ANZIANI VISTI: il D. Lgs.

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. Dr. Gianni Bonelli

IL DIRETTORE GENERALE. Dr. Gianni Bonelli Dr. Gianni Bonelli L anno 2015, il giorno 28 del mese di Settembre, presso il Nuovo Presidio Ospedaliero dell Azienda Sanitaria Locale BI sito in Ponderano - Via dei Ponderanesi n. 2 ha assunto la seguente

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 20 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 20 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 20 del 13-2-2017 9857 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 31 gennaio 2017, n. 59 Regolamento Regionale 30 settembre 2014, n.18. Comunità riabilitative assistenziali

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL LA GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL LA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL 22.11.2006 Oggetto: Accreditamento istituzionale dei centri di medicina sportiva in strutture pubbliche e private. Atto da trasmettere al Consiglio Regionale ai sensi dell

Dettagli

Definizione degli standard di personale per l'autorizzazione al funzionamento e l'accreditamento delle Residenze Sanitario Assistenziali per Anziani

Definizione degli standard di personale per l'autorizzazione al funzionamento e l'accreditamento delle Residenze Sanitario Assistenziali per Anziani 2001 7435 2002 Circ. 12 2002 Circ. 33 RESIDENZE SANITARIO ASSISTENZIALI Requisiti per l autorizzazione al funzionamento e per l accreditamento del Residenze Sanitario Assistenziali per Anziani (RSA) Requisiti

Dettagli

72AH.2011/D /12/2011

72AH.2011/D /12/2011 DIPARTIMENTO SALUTE,SICUREZZA E SOLIDARIETA' SOCIALE,SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UFFICIO GESTIONE INTERVENTI ASSISTENZIALI SOCIO-SANITARI E DI SOLIDARIETA' SOCIALE 72AH 72AH.2011/D.00687 7/12/2011

Dettagli

COMUNITA AD ALTA INTENSITA TERAPEUTICA

COMUNITA AD ALTA INTENSITA TERAPEUTICA COMUNITA AD ALTA INTENSITA TERAPEUTICA Sono residenze terapeutico-riabilitative destinate ai pazienti per i quali il Centro di Salute Mentale valuti indispensabile l inserimento residenziale. E prevista

Dettagli

Decreto del Commissario ad acta (delibera del Consiglio dei Ministri del 23 Aprile 2010) IL COMMISSARIO AD ACTA

Decreto del Commissario ad acta (delibera del Consiglio dei Ministri del 23 Aprile 2010) IL COMMISSARIO AD ACTA Decreto Commissario ad acta (ibera Consiglio dei Ministri 23 Aprile 2010) DECRETO n. OGGETTO: RSA Santa Francesca Romana Definizione budget di RSA per l anno 2010. IL COMMISSARIO AD ACTA PRESO ATTO che

Dettagli

Regione Lombardia. Monza e Bri an za ASL

Regione Lombardia. Monza e Bri an za ASL 001878 ASL Regione Lombardia Monza e Bri an za Deliberazione n. U1 Seduta del 1 3 MAR 2015 Ente "Associazione San Francesco": Istanza di autorizzazione all'esercizio per la Comunità Protetta a Media Assistenza

Dettagli

COMUNITA AD ALTA INTENSITA TERAPEUTICA

COMUNITA AD ALTA INTENSITA TERAPEUTICA COMUNITA AD ALTA INTENSITA TERAPEUTICA Sono residenze terapeutico-riabilitative destinate ai pazienti per i quali il Centro di Salute Mentale valuti indispensabile l inserimento residenziale. E prevista

Dettagli

Det n /2010 Class. 42 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2010/2010 SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI

Det n /2010 Class. 42 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2010/2010 SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CESENA DETERMINAZIONE n. 2010/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI Proponente: GAGGI MATTEO OGGETTO: ACCREDITAMENTO TRANSITORIO PER CASA RESIDENZA PER ANZIANI

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE BI

AZIENDA SANITARIA LOCALE BI Via Marconi n. 23 BIELLA Dr. Pier Oreste BRUSORI (nominato con D.G.R. n. 65-7819 del 17.12.2007) L anno duemilanove, il giorno 23 del mese di Dicembre in Biella, presso la sede legale dell Azienda Sanitaria

Dettagli

DGR VII/ /12/00.

DGR VII/ /12/00. DGR VII/2800 22/12/00. INTEGRAZIONE DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE CON PRESTAZIONI EROGABILI DALLE UNITA OPERATIVE DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE E DEFINIZIONE DELLE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/ DEL 15/03/2012. Comune di Parma

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/ DEL 15/03/2012. Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2012-237 DEL 15/03/2012 Comune di Parma Centro di Responsabilità: 61700 - SERVIZIO PER I DISABILI Centro di Costo: F0400 Interventi a favore dei disabili Centro di Costo

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 61 del 30/04/2015

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 61 del 30/04/2015 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 61 del 30/04/2015 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO 24 aprile 2015, n. 93 Associazione

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. VISTI: - il D.P.C.M. 29 novembre 2001 ad oggetto: "Definizione dei livelli essenziali di assistenza";

IL DIRETTORE GENERALE. VISTI: - il D.P.C.M. 29 novembre 2001 ad oggetto: Definizione dei livelli essenziali di assistenza; Sistema Socio Sanitario ^ Regione Lombardia ATS Brianza PUBBLICATA ALL'ALBO ON-LINE IL? 7 MAG. 2016 DELIBERAZIONE N. 250 DEL 05 MAGGIO 2016 OGGETTO: ASSUNZIONE ONERE PER TRASFERIMENTO DEL PAZIENTE P.G.

Dettagli

Recepimento dell'accordo approvato in Conferenza Unificata "Piano di azioni per la salute mentale" (Atto rep. n. 4/CU del ).

Recepimento dell'accordo approvato in Conferenza Unificata Piano di azioni per la salute mentale (Atto rep. n. 4/CU del ). REGIONE PIEMONTE BU36 05/09/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 87-6289 Recepimento dell'accordo approvato in Conferenza Unificata "Piano di azioni per la salute mentale" (Atto

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 10/03/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 20

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 10/03/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 20 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 3 marzo 2016, n. U00060 Modifica del Decreto del Commissario ad acta n. U00009/2016 avente ad oggetto "Definizione delle tariffe

Dettagli

Segue decreto n. LA PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO AD ACTA. (delibera del Consiglio dei Ministri del 23 aprile 2010)

Segue decreto n. LA PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO AD ACTA. (delibera del Consiglio dei Ministri del 23 aprile 2010) DECRETO N. 29 DEL 2011 OGGETTO: Parto a domicilio e in Case di Maternità Approvazione di Profilo Assistenziale per l assistenza al travaglio e parto fisiologico extraospedaliero in case di maternità e

Dettagli

Modello di domanda da redigere su carta intestata del soggetto gestore

Modello di domanda da redigere su carta intestata del soggetto gestore Modello di domanda da redigere su carta intestata del soggetto gestore SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) PER UNITÀ D OFFERTA SOCIOSANITARIA ai sensi della L.R. 11 agosto 2015, n. 23 (da

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.1122 DEL 24/11/2015 DISTRETTO SANITARIO TEMPIO CANNAS LUIGI (firma digitale apposta) OGGETTO: assistenza

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 131 del 08/10/2015

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 131 del 08/10/2015 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 131 del 08/10/2015 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO 28 settembre 2015, n. 261 Rete

Dettagli

Det n /2010 Class. 42 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2145/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA

Det n /2010 Class. 42 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2145/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA COMUNE DI CESENA DETERMINAZIONE n. 2145/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA Proponente: GAGGI MATTEO OGGETTO: ACCREDITAMENTO TRANSITORIO PER CASA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS - AREA SOCIO SANITARIA LOCALE DI CAGLIARI

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS - AREA SOCIO SANITARIA LOCALE DI CAGLIARI SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS - AREA SOCIO SANITARIA LOCALE DI CAGLIARI DETERMINAZIONE DIRETTORE ASSL N DEL / / Proposta n. 2554 del 29/11/2017 STRUTTURA PROPONENTE: ATTI DIPARTIMENTO

Dettagli

RIORDINO RESIDENZIALITA' PSICHIATRICA

RIORDINO RESIDENZIALITA' PSICHIATRICA Processo Legislativa Sellare Commissioni Consiliari INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 695 RIORDINO RESIDENZIALITA' PSICHIATRICA Presentata dai Consigliere regionale: BONO DA VIDE Protocollo CRn. 35140

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE AREA VASTA N. 1 N. 945/AV1 DEL 15/09/2017

DETERMINA DEL DIRETTORE AREA VASTA N. 1 N. 945/AV1 DEL 15/09/2017 1 DETERMINA DEL DIRETTORE AREA VASTA N. 1 N. 945/AV1 DEL 15/09/2017 Oggetto: Inserimento utenti DSM Area Vasta1, presso la struttura Villa Oasi a Chiesanuova di San Marino (RSM) dal 01.01.2017 al 31.12.2017.

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 16/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 57

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 16/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 57 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 6 luglio 2015, n. U00319 Sostituzione del comma 2 del punto 5.1 del Documento allegato al Decreto del Commissario ad acta n.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU29 18/07/2013

REGIONE PIEMONTE BU29 18/07/2013 REGIONE PIEMONTE BU29 18/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 28 giugno 2013, n. 9-6021 Recepimento dell'intesa tra il Governo, le Regioni e le Province autonome sul documento recante "Disciplinare

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimen t o Sa lu t e e Servi zi Socia li Politiche Sociali Integrate - Servizio LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimen t o Sa lu t e e Servi zi Socia li Politiche Sociali Integrate - Servizio LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : INTEGRAZIONE E PARZIALI MODIFICHE ALLA D.G.R. 862 DEL 15 LUGLIO 2011 SULLA RESIDENZIALITA' EXTRAOSPEDALIERA N. 1749 IN 29/12/2011 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA Richiamata

Dettagli

DECRETO n. 3 del 04/01/2017

DECRETO n. 3 del 04/01/2017 Agenzia di Tutela della Salute di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.ats-brescia.it - informa@ats-brescia.it Posta certificata: protocollo@pec.ats-brescia.it

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 115 del 13/08/2015

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 115 del 13/08/2015 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 115 del 13/08/2015 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO 5 agosto 2015, n.229 Società

Dettagli

Coordinatore Sanitario Aziendale. Direttore Dipartimento Salute Mentale Dr. Antonio LORA

Coordinatore Sanitario Aziendale. Direttore Dipartimento Salute Mentale Dr. Antonio LORA Coordinatore Sanitario Aziendale Responsabile Area Dipartimentale Direttore Dipartimento Salute Mentale Dr. Antonio LORA Segreteria DSM S.S.D. Psicologia Dr. V. Rigamonti Area Sociale Dr.ssa D. Puccia

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 891 del 06/12/2016

Delibera del Direttore Generale n. 891 del 06/12/2016 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

ambulatoriale estensiva: da assegnare per ciascun anno invece di ,85, con una differenza in aumento pari a 317.

ambulatoriale estensiva: da assegnare per ciascun anno invece di ,85, con una differenza in aumento pari a 317. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che l assistenza relativa alla riabilitazione globale è ricompresa nei Livelli Essenziali di Assistenza e che, pertanto, l acquisizione

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 1239/AV1 DEL 24/11/2017

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 1239/AV1 DEL 24/11/2017 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 1239/AV1 DEL 24/11/2017 Oggetto: Inserimento minore B.D. presso la Comunità San Maurizio di Borghi (FC) e la Struttura socio-educativa sant Antonio Abate

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 875 del O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 875 del O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 875 del 2-12-2014 O G G E T T O Accordo contrattuale per la definizione della compartecipazione economica del DSM nel

Dettagli

A.G.C Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 54 del 28 gennaio 2010 Nuovo Ospedale della Zona Orientale di Napoli. Determinazioni.

A.G.C Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 54 del 28 gennaio 2010 Nuovo Ospedale della Zona Orientale di Napoli. Determinazioni. A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 54 del 28 gennaio 2010 Nuovo Ospedale della Zona Orientale di Napoli. Determinazioni. PREMESSO: - che ai sensi dell art. 34 del dlgs 267/2000, il 24

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 811 del O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 811 del O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 811 del 11-11-2014 O G G E T T O Approvazione dell'accordo contrattuale tra l'ulss 6 Vicenza e la Cooperativa Sociale

Dettagli

SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM. SCREENING DETERMINAZIONE. Estensore TEODORI MARGHERITA. Responsabile del procedimento TEODORI MARGHERITA

SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM. SCREENING DETERMINAZIONE. Estensore TEODORI MARGHERITA. Responsabile del procedimento TEODORI MARGHERITA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM. SCREENING DETERMINAZIONE N. G19217 del 30/12/2014 Proposta n. 22808 del 29/12/2014 Oggetto:

Dettagli

n. 21 del 30 Marzo 2015 DECRETO N. 21 DEL 09/03/2015

n. 21 del 30 Marzo 2015 DECRETO N. 21 DEL 09/03/2015 Regione Campania Il Presidente Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO N. 21 DEL 09/03/2015 OGGETTO:

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 559 DEL 08/06/2017

DETERMINAZIONE N. 559 DEL 08/06/2017 DETERMINAZIONE N. 559 DEL 08/06/2017 Oggetto: Proroga dell Accreditamento provvisorio, in regime temporaneo sotto condizione, per un periodo di 180 (centoottanta) giorni dalla data di scadenza della determinazione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 605 del O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 605 del O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 605 del 4-8-2014 O G G E T T O Attivazione della "Centrale Operativa Territoriale" (COT) nell'azienda ULSS n.6 "Vicenza"

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta. 16/08/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N Supplemento n. 2 Pag.

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta. 16/08/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N Supplemento n. 2 Pag. 16/08/2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 65 - Supplemento n. 2 Pag. 63 di 330 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 8 agosto 2016, n. U00251 Recepimento

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 448 del O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 448 del O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 448 del 17-6-2014 O G G E T T O Prosecuzione del progetto personalizzato per R.A. (01/04/2014-30/08/2014) Proponente:

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 24/09/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 77

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 24/09/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 77 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 16 settembre 2015, n. U00435 L.R. n. 4 del 3 marzo 2003 R.R. n. 2 del 26 gennaio 2007 - Autorizzazione all'esercizio e Accreditamento

Dettagli

Det n /2010 Class. 46 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 1551/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI

Det n /2010 Class. 46 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 1551/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CESENA DETERMINAZIONE n. 1551/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI Proponente: GAGGI MATTEO OGGETTO: ACCREDITAMENTO TRANSITORIO PER CASA RESIDENZA PER ANZIANI

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (SOC/99/13681) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Viste: - la Deliberazione del Consiglio regionale dell'11/7/1991 n. 560 "Direttiva sull'autorizzazione al funzionamento di strutture socio-assistenziali

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/ DEL 01/03/2012. Comune di Parma

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/ DEL 01/03/2012. Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2012-131 DEL 01/03/2012 Comune di Parma Centro di Responsabilità: 61700 - SERVIZIO PER I DISABILI Centro di Costo: F0400.- Interventi a favore dei disabili Centro di Costo

Dettagli

Det n /2010 Class. 42 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2136/2010 SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI

Det n /2010 Class. 42 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2136/2010 SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CESENA DETERMINAZIONE n. 2136/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI Proponente: GAGGI MATTEO OGGETTO: ACCREDITAMENTO TRANSITORIO PER CASA RESIDENZA PER ANZIANI

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE

REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE REGIONE TOSCANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE TOSCANA CENTRO Sede Legale Piazza Santa Maria Nuova n. 1 50122 Firenze DETERMINA DEL DIRIGENTE Numero del provvedimento Data del provvedimento Oggetto Contenuto

Dettagli

Regione Piemonte MACROSTRUTTURA DISTRETTO DI VERBANIA

Regione Piemonte MACROSTRUTTURA DISTRETTO DI VERBANIA Regione Piemonte MACROSTRUTTURA DISTRETTO DI VERBANIA Direttore Referente Dott. Bartolomeo FICILI O G G E T T O INSERIMENTO DELLA MINORE A.S. RESIDENTE NEL DISTRETTO DI VERBANIA NELLA COMUNITA EDUCATIVA

Dettagli

DGR n. 326/2016 Schema di Regolamento Regionale per l Autismo Emendamenti proposti dall A.R.I.S. Sezione Centri di Riabilitazione Puglia

DGR n. 326/2016 Schema di Regolamento Regionale per l Autismo Emendamenti proposti dall A.R.I.S. Sezione Centri di Riabilitazione Puglia ART. 2 NORME GENERALI DELLA RETE DI ASSISTENZA PER GLI ASD Gli adolescenti e preadolescenti con ASD e con gravi disturbi del comportamento possono anche essere inseriti, per periodi medio-brevi, nelle

Dettagli

DECRETO N Del 13/05/2015

DECRETO N Del 13/05/2015 DECRETO N. 3858 Del 13/05/2015 Identificativo Atto n. 456 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AI CONTRATTI DI SOLIDARIETA IN ATTUAZIONE

Dettagli

Regione ON-LINE IL. Lombardia 2 8 AGO ATS Brianza ^ ^ Q

Regione ON-LINE IL. Lombardia 2 8 AGO ATS Brianza ^ ^ Q Sistema Socio Sanitario Regione PUBBLICATA ALLALBO ON-LINE IL Lombardia 2 8 AGO. 2017 ATS Brianza ^ ^ Q DELIBERAZIONE N. DEL 1 6 AGO 2017 OGGETTO: ASSUNZIONE ONERE PER INSERIMENTO DEL PAZIENTE D.P.G NELLA

Dettagli

CONFERENZA ANNUALE SALUTE MENTALE ATS BRESCIA - 5 Dicembre 2016

CONFERENZA ANNUALE SALUTE MENTALE ATS BRESCIA - 5 Dicembre 2016 CONFERENZA ANNUALE SALUTE MENTALE ATS BRESCIA - 5 Dicembre 2016 LA RETE NELLA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI PER LA SALUTE MENTALE Brescia, 5 Dicembre 2016 Dr.ssa Maddalena Minoja Direttore Dipartimento

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 134 del 15/10/2015

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 134 del 15/10/2015 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 134 del 15/10/2015 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO 12 ottobre 2015, n. 275 Rete

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO:

LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO: Convenzione pensionato personale CDD LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO: - CHE il Comune di Sannazzaro de Burgondi con deliberazione G.C. n. 57 del 26.05.2006, esecutiva ai sensi di legge, ha approvato la trasformazione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 552 del O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 552 del O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 552 del 31-7-2014 O G G E T T O Progetti personalizzati di supporto di tipo residenziale a favore di utenti in carico

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA N. H/23238 del Ulteriori indicazioni in merito alla d.g.r. n.3312/01.

DIREZIONE GENERALE SANITA N. H/23238 del Ulteriori indicazioni in merito alla d.g.r. n.3312/01. DIREZIONE GENERALE SANITA N. H/23238 del 01.10.2001 Ulteriori indicazioni in merito alla d.g.r. n.3312/01. IL DIRETTORE GENERALE VISTO la l.r. 31/97 Norme per il riordino del Servizio Sanitario Regionale

Dettagli

A relazione dell'assessore Saitta:

A relazione dell'assessore Saitta: REGIONE PIEMONTE BU6 11/02/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 18 gennaio 2016, n. 14-2811 Recepimento Accordo del 10.07.14 "Individuazione delle figure professionali competenti nel campo delle cure

Dettagli

I costi standard tra ospedale e territorio: l esperienza nella salute mentale

I costi standard tra ospedale e territorio: l esperienza nella salute mentale Motore Sanità-Expo 2015 Sostenibilità, programmazione, costi standard: quale relazione? I costi standard tra ospedale e territorio: l esperienza nella salute mentale 25 giugno2015 Relatore: Dott. Marco

Dettagli

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra 22 OTTOBRE 2009

Regione Piemonte - Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra 22 OTTOBRE 2009 i:\delibere\delibere da pubblicare\delib2009\1594.doc Determinazione Direttoriale NUMERO GENERALE 1594 CODICE PROPOSTA BUDGET ADOTT. ANNO PROGR. 000 DIG 09 0004 DATA 22 OTTOBRE 2009 O G G E T T O : COSTITUZIONE

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 50 del II Dirigente della Sezione

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 50 del II Dirigente della Sezione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 50 del 05-5-2016 20421 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO 26 aprile 2016, n. 96 Società

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE 6 luglio 2012, n. 230

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE 6 luglio 2012, n. 230 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 106 del 19-07-2012 25591 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE 6 luglio 2012, n. 230 Art. 6 del Regolamento

Dettagli

genziali nelle società in house della Regione Puglia; - di pubblicare il presente provvedimento sul B.U.R.P.

genziali nelle società in house della Regione Puglia; - di pubblicare il presente provvedimento sul B.U.R.P. 13820 genziali nelle società in house della Regione Puglia; - di pubblicare il presente provvedimento sul B.U.R.P. Il Segretario della Giunta Teresa Scaringi Il Presidente della Giunta Alba Sasso DELIBERAZIONE

Dettagli

Scheda informativa del modulo B6

Scheda informativa del modulo B6 IN QUALI CASI PUOI UTILIZZARE QUESTO MODULO? Per le vicende che riguardano l esercizio delle attività sanitarie rientranti nella competenza del SUAP, ovvero gestite in forma di impresa (strutture che erogano

Dettagli

DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA TEMPORANEA RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE

DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA TEMPORANEA RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA TEMPORANEA RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 32/2008 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: - La Deliberazione

Dettagli

DETERMINAZIONE N /5191/F.P. DEL

DETERMINAZIONE N /5191/F.P. DEL ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, Settore Programmazione e Accreditamento DEL 27.12.2010 Oggetto: Avviso pubblico per il finanziamento di corsi di formazione per Operatore Socio Sanitario

Dettagli

Regione Lazio. DIREZIONE SALUTE E POLITICHE SOCIALI Atti dirigenziali di Gestione 17/01/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N.

Regione Lazio. DIREZIONE SALUTE E POLITICHE SOCIALI Atti dirigenziali di Gestione 17/01/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E POLITICHE SOCIALI Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 22 dicembre 2016, n. G15639 Attivazione della Casa della Salute presso la struttura Poliambulatorio Circonvallazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA 29 ottobre 2013, n. 145

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA 29 ottobre 2013, n. 145 34793 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA 29 ottobre 2013, n. 145 Determinazione dirigenziale 10 ottobre 2013, n. 136 di integrazione all aggiornamento

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 429/AV1 DEL 21/04/2017

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 429/AV1 DEL 21/04/2017 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 429/AV1 DEL 21/04/2017 Oggetto: Prosecuzione inserimento utente B.M. presso la Comunità di Psicoterapia e Lavoro Lahuen di Orvieto (TR). IL DIRETTORE

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 12/05/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 38

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 12/05/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 38 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 24 aprile 2015, n. U00158 D.Lgs 178/2012 - DM 16/04/2014 - L. 11/2015 - L.R. n. 49/89 - Servizio Trasporto Infermi Inquadramento

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 7655 Seduta del 28/12/2017

DELIBERAZIONE N X / 7655 Seduta del 28/12/2017 DELIBERAZIONE N X / 7655 Seduta del 28/12/2017 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

Det n /2010 Class. 497 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2134/2010 SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI

Det n /2010 Class. 497 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2134/2010 SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CESENA DETERMINAZIONE n. 2134/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI Proponente: GAGGI MATTEO OGGETTO: ACCREDITAMENTO TRANSITORIO PER CENTRO SOCIO RIABILITATIVO

Dettagli

RICHIESTA DI VERIFICA DI COMPATIBILITA AI SENSI DELL ART. 8/TER DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 DICEMBRE 1992 N. 502 E S.M.I.

RICHIESTA DI VERIFICA DI COMPATIBILITA AI SENSI DELL ART. 8/TER DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 DICEMBRE 1992 N. 502 E S.M.I. Allegato 2 RICHIESTA DI VERIFICA DI COMPATIBILITA AI SENSI DELL ART. 8/TER DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 DICEMBRE 1992 N. 502 E S.M.I. prot. n.... Data... Alla Direzione Sanità Settore Organizzazione Servizi

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31/12/2014

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31/12/2014 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31/12/2014 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA E SPECIALISTICA E ACCREDITAMENTO 29 dicembre 2014, n. 229 Casa

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 Le attività soggette sanitarie e socio

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 321 DEL 19/04/2013

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 321 DEL 19/04/2013 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 321 DEL 19/04/2013 OGGETTO: Assunzione in servizio a tempo indeterminato

Dettagli

La cassetta dei nuovi attrezzi per il welfare regionale e territoriale.

La cassetta dei nuovi attrezzi per il welfare regionale e territoriale. La cassetta dei nuovi attrezzi per il welfare regionale e territoriale. L avvio dell accreditamento per i servizi sociosanitari: governo del processo, criteri, procedure, standard. L avvio dell accreditamento

Dettagli

1. Strumenti per la costituzione dell'ufficio

1. Strumenti per la costituzione dell'ufficio Programma regionale finalizzato "Promozione e sviluppo nuovi Uffici di piano" DGR 1791/2006, punto 3.2.2 e DGR 1004/2007. Scheda per la presentazione del progetto distrettuale COMUNE DI MODENA E DISTRETTO

Dettagli

Delibera di Giunta - N.ro 2005/293 - approvata il 14/2/2005 Oggetto: ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE PUBBLICHE E PRIVATE E DEI PROFESSIONISTI PER L'ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE E

Dettagli

VDA Net Srl VDA Net Srl VDA Net Srl

VDA Net Srl VDA Net Srl VDA Net Srl 9494 N. 49 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 1-11-2009 Parte I DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 13 ottobre 2009, n. 1761. Strutture Veterinarie - Linee guida vincolanti relative ai

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3274 Seduta del 16/03/2015

DELIBERAZIONE N X / 3274 Seduta del 16/03/2015 DELIBERAZIONE N X / 3274 Seduta del 16/03/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 ottobre 2008, n. 1924

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 ottobre 2008, n. 1924 20400 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 181 del 24-11-2008 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 ottobre 2008, n. 1924 Delibere di Giunta regionale n. 713/07 e n. 503/08 Linee guida applicative

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in Commissione OGGETTO:

Dettagli

Det n. 2137 /2010 Class. 42 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2137/2010 SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI

Det n. 2137 /2010 Class. 42 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2137/2010 SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CESENA DETERMINAZIONE n. 2137/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO SERVIZI SOCIALI Proponente: GAGGI MATTEO OGGETTO: ACCREDITAMENTO TRANSITORIO PER CASA RESIDENZA E CENTRO DIURNO

Dettagli

Il Dirigente della Sezione

Il Dirigente della Sezione 49010 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 113 del 6-10-2016 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE STRATEGIA E GOVERNO DELL OFFERTA 30 settembre 2016, n. 38 C.U.S. Consorzio Utilità Sociale Società

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n Verona - tel. 045/ Fax 045/

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n Verona - tel. 045/ Fax 045/ AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Deliberazione del Direttore Generale n. 749 del 15/12/2016 Il Direttore Generale dell Azienda U.L.S.S.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU3 17/01/2013

REGIONE PIEMONTE BU3 17/01/2013 REGIONE PIEMONTE BU3 17/01/2013 Codice DB2016 D.D. 9 gennaio 2013, n. 18 D.G.R. n. 36-5090 del 18 dicembre 2012 (Art. 8/ter D.lgs. 502/1992 e s.m.i. Strutture sociosanitarie. Nuove disposizioni). Modulo

Dettagli