Notizie dal Laboratorio Diocesano Emergenza e Mondialità. Novembre 2010 IN QUESTO NUMERO. pagina 1. Editoriale. pagina 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notizie dal Laboratorio Diocesano Emergenza e Mondialità. Novembre 2010 IN QUESTO NUMERO. pagina 1. Editoriale. pagina 2"

Transcript

1 ARCIDIOCESI di TORINO Notizie dal Laboratorio Diocesano Emergenza e Mondialità Novembre 2010 IN QUESTO NUMERO Editoriale Formazione Campagna Zero Poverty - La petizione di Caritas Europa Emergenza Alluvione Pakistan Emergenza Terremoto Haiti Progetti Trentennale pagina 1 pagina 2 pagina 3 pagina 4 pagina 8 pagina 9 Con questo numero dell Ascoltamondo proviamo a regalarvi alcune immagini forti, fotografie di quello che non sembra proprio il migliore dei mondi possibili. Ma proviamo anche a farvi sognare che, iniziando da qualche piccola cosa, forse le cose possono cambiare. Purtroppo abbiamo tutti sotto gli occhi gli effetti della crisi, impossibile negare l evidenza, fingere che si tratti di qualcosa di effimero: intorno a noi vediamo crescere il disagio e la difficoltà di singoli e famiglie, talvolta di intere comunità, paesi, città. L Unione Europea ha proclamato il 2010 che sta per concludersi Anno Europeo della lotta alla povertà e all esclusione sociale. Segno di attenzione ad un fenomeno che colpisce il 16% della popolazione dell Unione. Segno di un impegno che anche le Chiese del continente hanno voluto fare proprio, lanciando la campagna Zero Poverty: per aiutare i cristiani, ma non solo, a leggere questo fenomeno con occhi nuovi, perché nuova è la situazione in cui ci troviamo a vivere, occhi guariti dalla cataratta dei pregiudizi, che spesso impediscono di vedere i poveri e nei poveri i fratelli. Quella stessa malattia che ci fa vedere un disastro naturale, un emergenza umanitaria solo quando finisce in televisione o coinvolge degli occidentali. Venti milioni di persone vittime delle alluvioni in Pakistan non hanno diritto di cittadinanza nei notiziari: grosso errore vivere in un Paese fuori dalle rotte turistiche e andare a fondo in agosto, quando tutti hanno cose più importanti a cui pensare. Ad Haiti, che pure ha avuto l onore dei riflettori a causa del terremoto dello scorso gennaio, al contrario di ciò che si potrebbe credere l emergenza non è ancora finita, anzi ora un epidemia di colera, malattia ritornata sull isola dopo un secolo, miete altre vittime. In tutto ciò dov è finito il sogno? In quattro piccoli progetti, che stanno germogliando. Questi progetti vogliono essere il regalo che Caritas Diocesana si fa in occasione dei suoi trent anni. Il sogno è che il nostro speciale regalo dia frutti di vita e speranza in quattro angoli del mondo con cui per motivi diversi siamo entrati in contatto. Piccoli progetti per un grande sogno, per questo osiamo chiedervi: volete sognare con noi e aiutarci a trasformare il sogno in realtà? fate riferimento a CARITAS DIOCESANA TORINO Via Val della Torre 3, TORINO telefono fax e.mail conto corrente postale: conto corrente bancario: IBAN IT07Q

2 FORMAZIONE CAMPAGNA ZERO POVERTY Fonte Caritas Italiana Caritas Diocesana Torino Nell'Unione Europea, 78 milioni di persone (il 16% della popolazione e il 19% dei bambini) sono attualmente esposti al rischio di povertà, ovvero vivono, sulla base della definizione concordata a livello Ue, con un reddito inferiore al 60% del reddito medio familiare registrato nel loro Paese. In ogni caso nel 2004 (ultime cifre disponibili), circa 23,5 milioni di cittadini si trovavano a dover tirare avanti con meno di 10 euro al giorno. Da quando l'ue ha avviato, nel 2000, il suo metodo di coordinamento delle politiche nazionali, tutti i 27 Stati membri hanno sviluppato piani d'azione nazionali pluriennali; prima del 2000 soltanto tre di essi avevano attivato strategie del genere: l'ue incoraggia standard elevati, basati su obiettivi fissati di comune accordo, mentre ciascun Paese può attuare politiche adattate al contesto nazionale. Il 2010 è stato proclamato dall'unione Europea Anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale. In questo quadro, che vede impegnate le istituzioni di tutto il continente, anche le realtà ecclesiali sono chiamate a offrire un contributo di riflessione e sensibilizzazione. Caritas Europa, in collaborazione con le Caritas nazionali, ha promosso, allo scopo, un'articolata campagna, intitolata "Zero Poverty - Povertà Zero", alla quale Caritas Italiana invita ad aderire. Siamo chiamati a rafforzare la conoscenza dei fenomeni e delle storie di povertà e, nel contempo, a diffondere consapevolezza circa il fatto che l esclusione sociale non è un destino ineluttabile, bensì un effetto di certi meccanismi sociali, economici e politici, che ogni uomo e ogni cristiano hanno il dovere di modificare. Il Santo Padre Benedetto XVI ha dato il suo autorevole contributo al lancio dell'iniziativa europea, visitando, domenica 14 febbraio 2010 (memoria di Cirillo e Metodio, santi patroni d'europa), l'ostello della Caritas Diocesana di Roma "Don Luigi Di Liegro", in via Marsala, a Roma. I vescovi di tutta Europa sono stati invitati a visitare a loro volta un servizio per i poveri nelle rispettive diocesi. Sempre il 14 febbraio a Torino il Cardinale Severino Poletto si è recato presso la Messa del Povero, incontrando le persone che sono assistite, i religiosi, i volontari che portano avanti il servizio della mensa. Fra le molte iniziative messe in campo nell arco del 2010 rientra "Stand Up Alzati in piedi contro la povertà", una delle più importanti mobilitazioni globali degli ultimi anni giunta alla quinta edizione e che quest'anno si è svolta dal 17 al 19 settembre. Stand Up richiama l attenzione dei singoli, degli Stati e delle Istituzioni sul raggiungimento degli otto Obiettivi del Millennio di cui l'eliminazione della povertà è il primo così come sono stati istituiti nella Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite, firmata nel settembre 2000 dai Capi di Stato e di Governo di tutto il mondo con l impegno a raggiungerli entro il Anche Caritas Italiana e altri soggetti della società civile hanno aderito allo Stand Up per chiedere all'italia, all'europa e a tutti i governi di arrivare con piani concreti al decisivo Summit mondiale (New York, settembre). A partire dal 17 settembre e fino al 17 ottobre 2010, Giornata mondiale di lotta alla povertà, la rete Caritas ha fatto sentire più forte il suo battito. Caritas Italiana e molte Caritas diocesane hanno promosso diverse iniziative combinate con quelle della Campagna "Zero Poverty". Lo Stand Up ha avuto luogo nelle piazze, nelle scuole, nelle parrocchie, seminari, associazioni. A livello italiano ed europeo sono stati realizzati molti eventi, i più importanti dei quali a livello europeo sono stati il convegno "L'Europe de l'homme" dall'1 al 3 ottobre a Cluny (Francia) e il pellegrinaggio verso Santiago de Compostela dal 10 al 17 ottobre promosso da Caritas Spagna con il sostegno di Caritas Europa. 2

3 A Torino la Caritas Diocesana ha organizzato il 14 e 15 ottobre l evento Torinomeforwe, occasione di riflessione sul tema delle nuove povertà a partire dal progetto OperaSegno, nato sul territorio del quartiere Barriera di Milano e che ha avuto ulteriori sviluppi in a San Salvario e a Grugliasco. Accanto agli eventi, la rete Caritas ha messo a punto degli strumenti per l animazione sulla campagna. A questo fine è stato realizzato un sito internet, dov è possibile reperire informazioni e materiale sulla campagna. Sul sito è possibile anche sottoscrivere la petizione di Caritas Europa che fissa quattro obiettivi fondamentali nella lotta alla povertà e misure concrete per raggiungerli. Tale petizione sarà presentata alle istituzioni europee quando avrà raccolto un milione di firme. Oltre che tramite il sito, è possibile aderire alla campagna nel modo tradizionale, sottoscrivendo la petizione attraverso i moduli cartacei per la raccolta delle firme, da far pervenire presso la sede della Caritas Diocesana. Accanto al sito, diversi sono i materiali disponibili: poster, spille, magliette, stampate dai detenuti del carcere di Genova (nell'immagine, il poster - nel quale è raffigurata la spilla - e la maglietta). kit per l'animazione nelle scuole e nei gruppi. Il sussidio "La povertà in mezzo a noi" (Poverty Paper, con elementi di analisi teorica e testimonianze sulla povertà in Europa). Caritas Italiana ha inoltre preparato un inserto speciale, pubblicato nel numero di febbraio 2010 delle riviste "Italia Caritas" e "Scarp de' tenis", giornale di strada sostenuto da Caritas Italiana e diffuso da persone senza dimora o gravemente emarginate in dieci diocesi italiane. Il testo della petizione di Caritas Europa «NOI CITTADINI EUROPEI, consideriamo la povertà un problema che riguarda tutti. I decisori europei, nazionali, regionali e locali, insieme ai cittadini, hanno il compito di riconoscere la povertà, comprenderla e agire contro di essa. In questo sforzo comune, la solidarietà deve dimostrarsi al contempo impegno duraturo e, insieme a giustizia e bene comune, principio fondamentale. Ci impegniamo a dedicare tempo, abilità ed energie in più ambiti (politico, civico e personale) a favore della lotta contro la povertà e della creazione di una società inclusiva. Pertanto, nel quadro di questo Anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale, invitiamo i nostri politici e decisori a dare il proprio contributo per il raggiungimento dei seguenti obiettivi: 1. Eliminare la povertà infantile in Europa cominciando con il dimezzare, entro il 2015, il numero di minori che vivono in famiglie il cui reddito è al di sotto della soglia di povertà. In particolar modo, raccomandiamo una misura: garantire assegni per ogni figlio a carico, indipendentemente dallo status dei genitori. 2. Garantire a tutti un livello minimo di protezione sociale in modo tale che, entro il 2015, i sistemi di protezione sociale saranno in grado di assicurare uno standard di vita decoroso a tutti i cittadini. In tal senso, le misure che raccomandiamo con decisione sono: garantire pensioni decorose, assegni per gli ammalati e un reddito minimo adeguato a chi non dispone di risorse sufficienti per permettersi condizioni di vita dignitose. 3

4 3. Aumentare la fornitura di servizi sociali e sanitari garantendone l'accesso paritario (relativamente alla disponibilità e ai costi di servizi di alta qualità) a tutti entro il Le misure che raccomandiamo con decisione sono: aumentare del 50% la disponibilità degli alloggi popolari in Europa e riconoscere e sostenere le cure domestiche come servizio sociale a tutti gli effetti. 4. Garantire un lavoro decoroso a tutti e far scendere la disoccupazione sotto il livello del 5% entro il Le misure raccomandate: garantire un accesso paritario alla formazione professionale, all'apprendimento permanente e ad altri percorsi utili a trovare occupazione e offrire occupazione sociale a chi necessita di un tipo speciale di protezione. In tutti questi campi, verrà dedicata particolare attenzione ai gruppi esclusi: migranti, minoranze etniche, chi ha contratto il virus dell'hiv-aids e persone con disabilità. Offriamo il nostro totale sostegno a quanti agiranno a favore del raggiungimento di questi obiettivi». EMERGENZA ALLUVIONE PAKISTAN Fonte Caritas Italiana Caritas Diocesana Passano le settimane, ma in Pakistan aumentano i bisogni, le vittime e le zone colpite. Le alluvioni del mese di agosto hanno provocato il peggior disastro a memoria d'uomo nel paese. I morti sono migliaia, le persone colpite circa 20 milioni. Abitazioni distrutte, perdita di raccolti e capi di bestiame, vie di comunicazione interrotte e rischio epidemie per la mancanza di acqua potabile e le difficili condizioni igienico-sanitarie. Un emergenza che a detta di tutti gli esperti e del Segretario Generale dell ONU Ban-Ki-Moon è peggiore dello tsunami del 2004 e del terremoto di Haiti del gennaio scorso. Circa un quinto del paese è sommerso dall acqua, interi villaggi sono stati spazzati via. Preoccupazione destano anche le notizie secondo cui i grandi proprietari terrieri per salvare le proprie terre starebbero cercando di deviare artificialmente il corso dei fiumi, mettendo così in pericolo molti piccoli villaggi rurali. Particolarmente critica è la situazione dei cristiani che si trovano a dover fronteggiare, oltre il disastro naturale, anche la discriminazione da parte degli estremisti islamici che spesso impediscono loro di beneficiare degli aiuti alla popolazione. In un contesto così difficile Caritas Pakistan, con il sostegno delle altre Caritas, tra cui Caritas Italiana, continua a lavorare per rispondere in maniera efficace e mirata ai bisogni di un contesto che evolve continuamente. Per questo ha avviato un piano di aiuti per sei mesi a beneficio di persone appartenenti soprattutto alle fasce più vulnerabili, che ricevono, con un costo pari a 10,6 milioni di euro. L'intervento prevede la distribuzione di cibo, tende, medicinali, oltre che assistenza sanitaria e infrastrutturale. 4

5 Sin dall'inizio di questa emergenza la Conferenza Episcopale Italiana si è attivata stanziando un milione di euro e invitando le comunità ecclesiali alla preghiera e al sostegno delle iniziative di solidarietà promosse dalla Caritas Italiana. In particolare il nostro Cardinale Arcivescovo ha sollecitato l impegno della comunità cristiana torinese già dalla seconda metà d agosto. Nello specifico Caritas Italiana da anni è accanto a Caritas Pakistan con aiuti strutturali, interventi di promozione del microcredito e di integrazione sociale, mobilitazione nelle purtroppo ricorrenti calamità naturali. Caritas Italiana ha prontamente lanciato un appello e sta concentrando gli aiuti su famiglie, circa persone, in cinque diocesi colpite (Multan, Quetta, Faisalabad, Rawalpindi/Islamabad e Hyderabad), alle quali distribuisce tende, cibo, articoli non alimentari di prima necessità e garantisce assistenza sanitaria e medica. Accanto al Pakistan, anche l India e la Cina sono state colpite dall inondazione. Nel Kashmir indiano, secondo fonti sul posto, le vittime sarebbero circa 450. La notte del 7 agosto si è abbattuta sulla città di Leh un'onda di fango alta più di tre metri che, in soli 20 minuti, ha distrutto case, strade, vie di comunicazione, mezzi di trasporto. Il tutto in una regione già particolarmente povera. Queste condizioni e la difficoltà nelle comunicazioni hanno permesso a Caritas India di mettersi in contatto con le Caritas diocesane del Kashmir solo alcuni giorni dopo. Testimonianze raccolte parlano di «una distruzione immane e piani bassi delle case completamente sommersi dal fango». In Cina le inondazioni hanno colpito diverse regioni, tra cui lo Yunnan ed il Gansu, dove una frana di rocce, terra e fango ha sommerso tre villaggi nella contea di Zhouqu. È stata colpita anche la regione al confine con la Corea del Nord. Qui le inondazioni hanno causato gravi danni nella città di Sinuiju, sul lato nordcoreano del fiume Yalu. Più contenuti i danni nella città cinese di Dandong, che è stata efficacemente protetta dagli argini innalzati a partire dagli anni '30, e che invece sul versante coreano sono stati smantellati nel corso degli anni. La rete Caritas sostiene anche queste due nazioni. 5

6 PAKISTAN Scheda Paese Il Pakistan si trova nell'asia centro-meridionale ad ovest dell'india ed a sud è bagnato dal Mar Arabico. Il territorio è abbastanza variegato, visto che si va dalle altissime vette del Karakoram a nord (col K2 che è la seconda montagna della Terra) all'ampia pianura dell'indo, fiume che attraversa da nord a sud tutto il Paese, fino alle catene montuose orientali, in prossimità dei confini con Afghanistan ed Iran. Superficie: Km² Abitanti: Densità: 192 ab/km² Forma di governo: Repubblica federale Capitale: Islamabad ( ab.) Altre città: Karachi ( ab.), Lahore ( ab.), Faisalabad ( ab.), Rawalpindi ( ab.), Hyderabad ( ab.), Multan ( ab.), Peshawar ( ab.), Gujranwala ( ab.) Gruppi etnici: Punjabi 58%, Sindi 13%, Urdu 8%, Pathani 7%, Beluci 3% Monti principali: K m, Nanga Parbat 8125 m, Gasherbrum I 8068 m, Broad Peak 8047 m Fiumi principali: Indo 2200 Km (tratto Pakistano, totale 3180 Km), Sutlej 1450 Km (totale, compresi tratti indiano e cinese), Chenab 1200 Km (totale, compreso tratto indiano) Laghi principali: Tarbela Reservoir 250 Km² Clima: Arido - continentale Lingua: Urdu, Inglese (ufficiali), Sindi, Panjabi, Pashto Religione: Musulmana sunnita 85%, Musulmana sciita 10% Moneta: Rupia Pakistana Morfologia, orografia, idrografia e clima Il Pakistan comprende il Punjab occidentale e il Sind nel bassopiano dell'indo, il Belucistan a O e parte del Kashmir a NE. Il Punjab e il Sind, pianeggianti, sono il cuore economico e culturale del paese. Montuose le altre regioni: a N il Pakistan si estende su parte dell'hindukush (Tirich Mir, m) e a NE si eleva il K2 (8.611 m), la vetta più alta del Karakoram. L'Indo costituisce l'asse idrografico del paese. Il Punjab è attraversato da cinque suoi tributari di sinistra: Sutlej, Beas, Ravi, Chenab, Jhelum. Punjab e Sind, a latitudine subtropicale e tropicale, hanno caratteri continentali; il Belucistan è molto arido; la regione settentrionale ha un clima di tipo alpino. Popolazione Al momento dell'indipendenza (1947) la frizione tra indù e musulmani culminò nel trasferimento di circa 17 milioni di persone (i musulmani verso il Pakistan e gli induisti verso l'india). Negli ultimi decenni l'incremento demografico è stato notevole: dai 65 milioni di abitanti del 1972 si è passati a 115 milioni nel 1993, con una crescita annua tra le più rapide al mondo. La popolazione rurale è circa il 66% (2004). Condizioni economiche L'economia risente negativamente dell'instabilità politica e degli ampi squilibri fra le classi sociali. L'agricoltura ha raggiunto l'autosufficienza in alcune produzioni (frumento, riso, zucchero) grazie a imponenti opere idrauliche, ma la persistenza del latifondo rende la produttività del settore non ancora soddisfacente. Le risorse minerarie sfruttate sono scarse; la maggior parte delle industrie tratta prodotti agricoli (cotone, zucchero, tabacco). Storia: la nascita dello Stato indipendente Il Pakistan sorse nel 1947, insieme all'unione Indiana, dalla dissoluzione del dominio britannico nel subcontinente indiano. Le ragioni che portarono alla sua nascita hanno radici remote. Prima della conquista britannica nel XIX secolo, infatti, l'india era stata a lungo dominata da potenti dinastie musulmane le quali avevano consolidato nel paese una forte componente islamica, in rapporti 6

7 tendenzialmente conflittuali con la maggioranza della popolazione, di religione induista. Il contrasto tra le due comunità si protrasse durante la dominazione britannica e segnò gli anni della lotta di liberazione. Sicché al momento dell'indipendenza, in un contesto di gravi violenze, nacquero non uno, ma due nuovi Stati: l'unione Indiana, a maggioranza indù, e il Pakistan, a maggioranza musulmana. Politica interna e conflittualità regionale Al momento della sua nascita il Pakistan comprendeva due nuclei territoriali distinti: il Pakistan occidentale e il Pakistan orientale, formato dalle province musulmane del Bengala. Queste ultime, attraverso una breve guerra, si separarono dal Pakistan occidentale (l'attuale Pakistan) nel 1971, dando vita al Bangladesh. Sul piano della politica estera, il Pakistan ha intrattenuto rapporti assai conflittuali con l'unione Indiana, in particolare per il controllo del Kashmir. Questa conflittualità, divenuta guerra aperta nel 1948 e nel 1965, ha raggiunto uno dei punti più alti alla fine degli anni Novanta, quando i due paesi effettuarono test nucleari, minacciando in tal modo la possibilità di una guerra atomica. In politica interna, il Pakistan - costituitosi in Repubblica islamica dal ha conosciuto lunghi periodi di instabilità, ripetuti colpi di Stato militari, deboli tentativi di modernizzazione dall'alto, fragili esperimenti riformatori, il tutto nel quadro di gravi contrasti etnici e religiosi e di una crescente islamizzazione della società, che si è ulteriormente acuita, nonostante gli sforzi del governo, dopo gli attentati terroristici dell'11 settembre 2001 contro gli Stati Uniti. In seguito a tali attentati il Pakistan è stato spinto dagli Stati Uniti a interrompere l'assistenza ai taliban in Afghanistan, sostenuti fin dalla loro presa del potere (1996) dai servizi segreti Pakistani, per diventare nel 2004 uno dei principali partner degli Stati Uniti al di fuori della NATO. Patrimonio mondiale dell'umanità UNESCO Rovine di Moenjo-Daro (1980); rovine buddiste di Takht-i-Bahi e resti di Sahr-i-Bahlol (1980); rovine di Taxila (1980); forte e giardini di Shalimar a Lahore (1981); monumenti storici di Thatta (1981); forte di Rohtas (1997). Cronologia dalla nascita a Zardari 1947 Nasce lo Stato musulmano del Pakistan Guerra con l'india per il Kashmir 1956 Varo della prima Costituzione, che proclama il Pakistan Repubblica islamica Dittatura militare 1965 Nuovo conflitto con l'india Governo di Z.A. Bhutto 1971 Secessione della regione orientale: nasce il Bangladesh Dopo un nuovo colpo di Stato s instaura la dittatura del generale M. Zia ul-haq ( ) 1998 Il governo di M.N. Sharif (n. 1949) introduce la sharia 1999 Il potere ritorna ai militari con il golpe del gen. P. Musharraf 2001 Dopo l'11 settembre il Pakistan prende le distanze dal regime taliban in Afghanistan e si schiera con gli USA 2007 La leader dell'opposizione B. Bhutto viene uccisa in un attentato a Rawalpindi 2008 Il 6 settembre viene eletto presidente A.A. Zardari, copresidente del Partito del popolo pachistano e vedovo di B. Bhutto (fonte 7

8 EMERGENZA TERREMOTO HAITI: AGGIORNAMENTO OTTOBRE 2010 Fonte Caritas Italiana Caritas Internationalis Caritas Diocesana Un epidemia di colera sta colpendo Haiti, già duramente provata dal sisma del 12 gennaio. L Onu teme una crisi su scala nazionale con decine di migliaia di contagi. Circa 300 sono al momento i morti e i ricoveri sono oltre 3500 (dati dell Organizzazione Mondiale della Sanità). Il network internazionale delle Caritas presenti nel paese, tra cui Caritas Italiana e la stessa Caritas Haiti, hanno avviato nuovi interventi per far fronte a questa ulteriore urgenza. In particolare viene distribuita acqua potabile, insieme a kit d igiene e cucina e, soprattutto, è stata avviata una campagna di informazione sulle misure di prevenzione. Il colera s inserisce in una situazione già fortemente grave. Nove mesi dopo il terremoto che ha causato la morte di oltre persone, Haiti sta ancora attraversando una profonda crisi umanitaria che tocca i diritti umani di chi è stato sfollato a causa dalla tragedia, così sostiene Walter Kaelin, Rappresentante del Segretario Generale dei Diritti Umani degli Sfollati dopo il suo ritorno ad Haiti; e prosegue stando alle stime, un milione e trecento mila persone, tra chi ha perso la casa durante il terremoto e chi è sfuggito all estrema povertà, vivono tuttora in campi provvisori a Port-au-Prince e dintorni. Con queste premesse, Haiti, si avvia verso elezioni presidenziali previste per il 28 novembre prossimo che potrebbero però slittare proprio a causa dell epidemia di colera. Caritas Italiana, presente ad Haiti con tre operatori, prosegue nell impegno al fianco della popolazione colpita dal sisma e nell accompagnamento di Caritas Haiti. Finora ha impegnato 8 milioni di euro, oltre alla somma destinata all emergenza, di cui circa 5,4 milioni già ripartiti in progetti (alcuni avviati, altri già definiti, altri in corso di definizione). Dei circa euro offerti alla Caritas Diocesana di Torino dalla generosità dei cristiani della nostra diocesi, due terzi sono stati destinati ai progetti della rete Caritas mentre i restanti euro sono andati a sostegno dell ospedale camilliano di Port-au-Prince, la capitale di Haiti. 8

9 PROGETTI CARITAS REGALO DEL TRENTENNALE A partire dall occasione della celebrazione dei trent anni dalla costituzione di Caritas Diocesana a Torino è parso opportuno tradurre il ricordo della nostra storia in un segno concreto di prossimità ad alcune forme di povertà ed esclusione. Sono stati scelti quattro progetti in altrettante parti del mondo a cui offrire in sostegno parziale per la realizzazione delle attività o dei progetti ad hoc per un biennio (settembre 2010 giugno 2012). Attraverso i progetti offrire alle comunità parrocchiali occasioni di animazione alla carità che si apre fino al mondo. PRIMO PROGETTO COMPAGNI DI BANCO A POPESTI IN ROMANIA scolarizzazione minori rom presso la scuola professionale dei Giuseppini del Murialdo Dal 2008 la Caritas Diocesana sostiene l opera di un frate giuseppino torinese che si occupa dell inserimento scolastico di bambini e ragazzi rom all interno del percorso scolastico. In Romania il popolo Rom è più presente e discriminato che nel resto dell Europa e il lavoro di fratel Marco De Magistris è volto a dare ai minori rom la possibilità di ricevere un istruzione e a costruire legami di amicizia e condivisione fra allievi romeni e rom. Il progetto a giugno 2010 è giunto a seguire 70 ragazzi e conta una lista d attesa di altri 30 minori. SECONDO PROGETTO PANE ALLE FAMIGLIE A BETLEMME confezionamento e distribuzione di pane per famiglie povere a sostegno della attività svolta dai Salesiani della Scuola Professionale Betlemme, città cara a tutti i cristiani, si trova nel territorio dell Autorità Nazionale Palestinese, a pochi chilometri da Gerusalemme. La vita della popolazione di Betlemme, arabi in prevalenza musulmani ma anche cristiani, è sempre stata piuttosto faticosa, ma da quando è stato eretto il muro di divisione che separa lo Stato d Israele dai territori palestinesi le condizioni si sono ulteriormente aggravate: la difficoltà di spostamento verso Gerusalemme ha limitato la possibilità di lavoro e quindi sempre più famiglie si trovano in situazione di povertà tale da impedire anche di procurarsi il necessario per sopravvivere. I Salesiani, che gestiscono una scuola professionale, attraverso l attività del loro forno offrono alcuni posti di lavoro e la possibilità alle famiglie più bisognose di sfamarsi quotidianamente. La Caritas Diocesana sostiene con propri fondi questo progetto dal

10 TERZO PROGETTO PODILI IN INDIA (DIOCESI DI NELLURE) costruzione dell ospedale rurale sostenendo il progetto di VRO Italia La popolazione molto povera di questa zona nello Stato dell Andra Pradesh non può usufruire di alcun tipo di assistenza sanitaria in caso di necessità. L ospedale più vicino è a circa 80 chilometri e il viaggio è lungo e disagevole. Su un terreno messo a disposizione dalla Diocesi di Nellure, VRO Italia ONLUS, Organizzazione fondata dal gesuita belga Michael Anthony Windey specializzata nella costruzione di villaggi rurali, ha progettato un ospedale che possa venire incontro alle esigenze di cura degli abitanti, dotato di camere operatorie e un reparto maternità. QUARTO PROGETTO NAT ATITINGOU IN BENIN accoglienza e sostegno ai bambini stregone da parte della locale diocesi La Diocesi di Natitingou si trova nel nord ovest del Benin, piccola nazione africana affacciata sul Golfo di Guinea. Presso la tribù dei Baribà esiste una credenza secondo cui un bambino che venendo alla luce non mostra come prima parte del corpo la testa è un bambino stregone, che attirerà sulla famiglia e la tribù la sventura. Il destino di questi bambini è quindi tragico, l abbandono, la morte. Dall inizio del suo servizio apostolico il vescovo di Natitingou s impegna per offrire a questi piccoli la possibilità di una vita migliore: un équipe formata da alcune donne e da un sacerdote visita la tribù quando è previsto un parto per poter prendere con sé il bambino che dovesse nascere stregone. Il piccolo trova una nuova famiglia presso il vescovado, dove la comunità delle suore se ne prende cura e il Vescovo lo adotta, registrandolo all anagrafe come proprio figlio. COME CONTRIBUIRE Per sostenere i quattro progetti o uno solo di essi è possibile usare i consueti canali di Caritas Diocesana Torino, specificando nella causale regalo del trentennale o il nome del progetto che si vuole sostenere (Romania - rom, Betlemme - pane, India - ospedale, Benin bambini stregone): conto corrente postale numero , intestato Caritas Diocesana Torino; conto corrente bancario intestato ad Arcidiocesi di Torino Caritas: IBAN IT07Q ; versamento diretto in Ufficio, presso la Curia Arcivescovile in Via Val della Torre 3 a Torino (Chiesa del Santo Volto sulla Spina Tre ) nei giorni lavorativi dalle ore 9 alle ore 12,30. Per informazioni: Graziella Fallo, , 10

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

GLI OBIETTIVI È 1 L INTERVENTO 2 I CONTENUTI 3 GLI STRUMENTI

GLI OBIETTIVI È 1 L INTERVENTO 2 I CONTENUTI 3 GLI STRUMENTI www.cibopertutti.it GLI OBIETTIVI È tempo di cambiare, dal livello globale a quello personale p. 1 L INTERVENTO Obiettivi del Millennio mancati, problema non solo dei poveri p. 2 I CONTENUTI Non c è diritto

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi.

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. 6 maggio 2013 Perché l embrione umano è già uno di noi Comitato italiano UNO DI NOI Lungotevere dei Vallati 10, 00186

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca

Linee di ricerca e progettazione sociale. sommario. A cura di Tiziana Ciampolini. 1. Le attività di ricerca Linee di ricerca e progettazione sociale A cura di Tiziana Ciampolini sommario 1. Le attività di ricerca 2. Le conoscenze maturate grazie all attività di ricerca 3. Dalla ricerca alla sperimentazione Tiziana

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te.

Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Aiuta un bambino a crescere. Farà bene anche al bambino che c è in te. Nel Sud del mondo in una situazione di povertá e di emarginazione a molti bambini sono negati i diritti fondamentali alla vita, alla

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli