Notizie dal Laboratorio Diocesano Emergenza e Mondialità. Novembre 2010 IN QUESTO NUMERO. pagina 1. Editoriale. pagina 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notizie dal Laboratorio Diocesano Emergenza e Mondialità. Novembre 2010 IN QUESTO NUMERO. pagina 1. Editoriale. pagina 2"

Transcript

1 ARCIDIOCESI di TORINO Notizie dal Laboratorio Diocesano Emergenza e Mondialità Novembre 2010 IN QUESTO NUMERO Editoriale Formazione Campagna Zero Poverty - La petizione di Caritas Europa Emergenza Alluvione Pakistan Emergenza Terremoto Haiti Progetti Trentennale pagina 1 pagina 2 pagina 3 pagina 4 pagina 8 pagina 9 Con questo numero dell Ascoltamondo proviamo a regalarvi alcune immagini forti, fotografie di quello che non sembra proprio il migliore dei mondi possibili. Ma proviamo anche a farvi sognare che, iniziando da qualche piccola cosa, forse le cose possono cambiare. Purtroppo abbiamo tutti sotto gli occhi gli effetti della crisi, impossibile negare l evidenza, fingere che si tratti di qualcosa di effimero: intorno a noi vediamo crescere il disagio e la difficoltà di singoli e famiglie, talvolta di intere comunità, paesi, città. L Unione Europea ha proclamato il 2010 che sta per concludersi Anno Europeo della lotta alla povertà e all esclusione sociale. Segno di attenzione ad un fenomeno che colpisce il 16% della popolazione dell Unione. Segno di un impegno che anche le Chiese del continente hanno voluto fare proprio, lanciando la campagna Zero Poverty: per aiutare i cristiani, ma non solo, a leggere questo fenomeno con occhi nuovi, perché nuova è la situazione in cui ci troviamo a vivere, occhi guariti dalla cataratta dei pregiudizi, che spesso impediscono di vedere i poveri e nei poveri i fratelli. Quella stessa malattia che ci fa vedere un disastro naturale, un emergenza umanitaria solo quando finisce in televisione o coinvolge degli occidentali. Venti milioni di persone vittime delle alluvioni in Pakistan non hanno diritto di cittadinanza nei notiziari: grosso errore vivere in un Paese fuori dalle rotte turistiche e andare a fondo in agosto, quando tutti hanno cose più importanti a cui pensare. Ad Haiti, che pure ha avuto l onore dei riflettori a causa del terremoto dello scorso gennaio, al contrario di ciò che si potrebbe credere l emergenza non è ancora finita, anzi ora un epidemia di colera, malattia ritornata sull isola dopo un secolo, miete altre vittime. In tutto ciò dov è finito il sogno? In quattro piccoli progetti, che stanno germogliando. Questi progetti vogliono essere il regalo che Caritas Diocesana si fa in occasione dei suoi trent anni. Il sogno è che il nostro speciale regalo dia frutti di vita e speranza in quattro angoli del mondo con cui per motivi diversi siamo entrati in contatto. Piccoli progetti per un grande sogno, per questo osiamo chiedervi: volete sognare con noi e aiutarci a trasformare il sogno in realtà? fate riferimento a CARITAS DIOCESANA TORINO Via Val della Torre 3, TORINO telefono fax e.mail conto corrente postale: conto corrente bancario: IBAN IT07Q

2 FORMAZIONE CAMPAGNA ZERO POVERTY Fonte Caritas Italiana Caritas Diocesana Torino Nell'Unione Europea, 78 milioni di persone (il 16% della popolazione e il 19% dei bambini) sono attualmente esposti al rischio di povertà, ovvero vivono, sulla base della definizione concordata a livello Ue, con un reddito inferiore al 60% del reddito medio familiare registrato nel loro Paese. In ogni caso nel 2004 (ultime cifre disponibili), circa 23,5 milioni di cittadini si trovavano a dover tirare avanti con meno di 10 euro al giorno. Da quando l'ue ha avviato, nel 2000, il suo metodo di coordinamento delle politiche nazionali, tutti i 27 Stati membri hanno sviluppato piani d'azione nazionali pluriennali; prima del 2000 soltanto tre di essi avevano attivato strategie del genere: l'ue incoraggia standard elevati, basati su obiettivi fissati di comune accordo, mentre ciascun Paese può attuare politiche adattate al contesto nazionale. Il 2010 è stato proclamato dall'unione Europea Anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale. In questo quadro, che vede impegnate le istituzioni di tutto il continente, anche le realtà ecclesiali sono chiamate a offrire un contributo di riflessione e sensibilizzazione. Caritas Europa, in collaborazione con le Caritas nazionali, ha promosso, allo scopo, un'articolata campagna, intitolata "Zero Poverty - Povertà Zero", alla quale Caritas Italiana invita ad aderire. Siamo chiamati a rafforzare la conoscenza dei fenomeni e delle storie di povertà e, nel contempo, a diffondere consapevolezza circa il fatto che l esclusione sociale non è un destino ineluttabile, bensì un effetto di certi meccanismi sociali, economici e politici, che ogni uomo e ogni cristiano hanno il dovere di modificare. Il Santo Padre Benedetto XVI ha dato il suo autorevole contributo al lancio dell'iniziativa europea, visitando, domenica 14 febbraio 2010 (memoria di Cirillo e Metodio, santi patroni d'europa), l'ostello della Caritas Diocesana di Roma "Don Luigi Di Liegro", in via Marsala, a Roma. I vescovi di tutta Europa sono stati invitati a visitare a loro volta un servizio per i poveri nelle rispettive diocesi. Sempre il 14 febbraio a Torino il Cardinale Severino Poletto si è recato presso la Messa del Povero, incontrando le persone che sono assistite, i religiosi, i volontari che portano avanti il servizio della mensa. Fra le molte iniziative messe in campo nell arco del 2010 rientra "Stand Up Alzati in piedi contro la povertà", una delle più importanti mobilitazioni globali degli ultimi anni giunta alla quinta edizione e che quest'anno si è svolta dal 17 al 19 settembre. Stand Up richiama l attenzione dei singoli, degli Stati e delle Istituzioni sul raggiungimento degli otto Obiettivi del Millennio di cui l'eliminazione della povertà è il primo così come sono stati istituiti nella Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite, firmata nel settembre 2000 dai Capi di Stato e di Governo di tutto il mondo con l impegno a raggiungerli entro il Anche Caritas Italiana e altri soggetti della società civile hanno aderito allo Stand Up per chiedere all'italia, all'europa e a tutti i governi di arrivare con piani concreti al decisivo Summit mondiale (New York, settembre). A partire dal 17 settembre e fino al 17 ottobre 2010, Giornata mondiale di lotta alla povertà, la rete Caritas ha fatto sentire più forte il suo battito. Caritas Italiana e molte Caritas diocesane hanno promosso diverse iniziative combinate con quelle della Campagna "Zero Poverty". Lo Stand Up ha avuto luogo nelle piazze, nelle scuole, nelle parrocchie, seminari, associazioni. A livello italiano ed europeo sono stati realizzati molti eventi, i più importanti dei quali a livello europeo sono stati il convegno "L'Europe de l'homme" dall'1 al 3 ottobre a Cluny (Francia) e il pellegrinaggio verso Santiago de Compostela dal 10 al 17 ottobre promosso da Caritas Spagna con il sostegno di Caritas Europa. 2

3 A Torino la Caritas Diocesana ha organizzato il 14 e 15 ottobre l evento Torinomeforwe, occasione di riflessione sul tema delle nuove povertà a partire dal progetto OperaSegno, nato sul territorio del quartiere Barriera di Milano e che ha avuto ulteriori sviluppi in a San Salvario e a Grugliasco. Accanto agli eventi, la rete Caritas ha messo a punto degli strumenti per l animazione sulla campagna. A questo fine è stato realizzato un sito internet, dov è possibile reperire informazioni e materiale sulla campagna. Sul sito è possibile anche sottoscrivere la petizione di Caritas Europa che fissa quattro obiettivi fondamentali nella lotta alla povertà e misure concrete per raggiungerli. Tale petizione sarà presentata alle istituzioni europee quando avrà raccolto un milione di firme. Oltre che tramite il sito, è possibile aderire alla campagna nel modo tradizionale, sottoscrivendo la petizione attraverso i moduli cartacei per la raccolta delle firme, da far pervenire presso la sede della Caritas Diocesana. Accanto al sito, diversi sono i materiali disponibili: poster, spille, magliette, stampate dai detenuti del carcere di Genova (nell'immagine, il poster - nel quale è raffigurata la spilla - e la maglietta). kit per l'animazione nelle scuole e nei gruppi. Il sussidio "La povertà in mezzo a noi" (Poverty Paper, con elementi di analisi teorica e testimonianze sulla povertà in Europa). Caritas Italiana ha inoltre preparato un inserto speciale, pubblicato nel numero di febbraio 2010 delle riviste "Italia Caritas" e "Scarp de' tenis", giornale di strada sostenuto da Caritas Italiana e diffuso da persone senza dimora o gravemente emarginate in dieci diocesi italiane. Il testo della petizione di Caritas Europa «NOI CITTADINI EUROPEI, consideriamo la povertà un problema che riguarda tutti. I decisori europei, nazionali, regionali e locali, insieme ai cittadini, hanno il compito di riconoscere la povertà, comprenderla e agire contro di essa. In questo sforzo comune, la solidarietà deve dimostrarsi al contempo impegno duraturo e, insieme a giustizia e bene comune, principio fondamentale. Ci impegniamo a dedicare tempo, abilità ed energie in più ambiti (politico, civico e personale) a favore della lotta contro la povertà e della creazione di una società inclusiva. Pertanto, nel quadro di questo Anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale, invitiamo i nostri politici e decisori a dare il proprio contributo per il raggiungimento dei seguenti obiettivi: 1. Eliminare la povertà infantile in Europa cominciando con il dimezzare, entro il 2015, il numero di minori che vivono in famiglie il cui reddito è al di sotto della soglia di povertà. In particolar modo, raccomandiamo una misura: garantire assegni per ogni figlio a carico, indipendentemente dallo status dei genitori. 2. Garantire a tutti un livello minimo di protezione sociale in modo tale che, entro il 2015, i sistemi di protezione sociale saranno in grado di assicurare uno standard di vita decoroso a tutti i cittadini. In tal senso, le misure che raccomandiamo con decisione sono: garantire pensioni decorose, assegni per gli ammalati e un reddito minimo adeguato a chi non dispone di risorse sufficienti per permettersi condizioni di vita dignitose. 3

4 3. Aumentare la fornitura di servizi sociali e sanitari garantendone l'accesso paritario (relativamente alla disponibilità e ai costi di servizi di alta qualità) a tutti entro il Le misure che raccomandiamo con decisione sono: aumentare del 50% la disponibilità degli alloggi popolari in Europa e riconoscere e sostenere le cure domestiche come servizio sociale a tutti gli effetti. 4. Garantire un lavoro decoroso a tutti e far scendere la disoccupazione sotto il livello del 5% entro il Le misure raccomandate: garantire un accesso paritario alla formazione professionale, all'apprendimento permanente e ad altri percorsi utili a trovare occupazione e offrire occupazione sociale a chi necessita di un tipo speciale di protezione. In tutti questi campi, verrà dedicata particolare attenzione ai gruppi esclusi: migranti, minoranze etniche, chi ha contratto il virus dell'hiv-aids e persone con disabilità. Offriamo il nostro totale sostegno a quanti agiranno a favore del raggiungimento di questi obiettivi». EMERGENZA ALLUVIONE PAKISTAN Fonte Caritas Italiana Caritas Diocesana Passano le settimane, ma in Pakistan aumentano i bisogni, le vittime e le zone colpite. Le alluvioni del mese di agosto hanno provocato il peggior disastro a memoria d'uomo nel paese. I morti sono migliaia, le persone colpite circa 20 milioni. Abitazioni distrutte, perdita di raccolti e capi di bestiame, vie di comunicazione interrotte e rischio epidemie per la mancanza di acqua potabile e le difficili condizioni igienico-sanitarie. Un emergenza che a detta di tutti gli esperti e del Segretario Generale dell ONU Ban-Ki-Moon è peggiore dello tsunami del 2004 e del terremoto di Haiti del gennaio scorso. Circa un quinto del paese è sommerso dall acqua, interi villaggi sono stati spazzati via. Preoccupazione destano anche le notizie secondo cui i grandi proprietari terrieri per salvare le proprie terre starebbero cercando di deviare artificialmente il corso dei fiumi, mettendo così in pericolo molti piccoli villaggi rurali. Particolarmente critica è la situazione dei cristiani che si trovano a dover fronteggiare, oltre il disastro naturale, anche la discriminazione da parte degli estremisti islamici che spesso impediscono loro di beneficiare degli aiuti alla popolazione. In un contesto così difficile Caritas Pakistan, con il sostegno delle altre Caritas, tra cui Caritas Italiana, continua a lavorare per rispondere in maniera efficace e mirata ai bisogni di un contesto che evolve continuamente. Per questo ha avviato un piano di aiuti per sei mesi a beneficio di persone appartenenti soprattutto alle fasce più vulnerabili, che ricevono, con un costo pari a 10,6 milioni di euro. L'intervento prevede la distribuzione di cibo, tende, medicinali, oltre che assistenza sanitaria e infrastrutturale. 4

5 Sin dall'inizio di questa emergenza la Conferenza Episcopale Italiana si è attivata stanziando un milione di euro e invitando le comunità ecclesiali alla preghiera e al sostegno delle iniziative di solidarietà promosse dalla Caritas Italiana. In particolare il nostro Cardinale Arcivescovo ha sollecitato l impegno della comunità cristiana torinese già dalla seconda metà d agosto. Nello specifico Caritas Italiana da anni è accanto a Caritas Pakistan con aiuti strutturali, interventi di promozione del microcredito e di integrazione sociale, mobilitazione nelle purtroppo ricorrenti calamità naturali. Caritas Italiana ha prontamente lanciato un appello e sta concentrando gli aiuti su famiglie, circa persone, in cinque diocesi colpite (Multan, Quetta, Faisalabad, Rawalpindi/Islamabad e Hyderabad), alle quali distribuisce tende, cibo, articoli non alimentari di prima necessità e garantisce assistenza sanitaria e medica. Accanto al Pakistan, anche l India e la Cina sono state colpite dall inondazione. Nel Kashmir indiano, secondo fonti sul posto, le vittime sarebbero circa 450. La notte del 7 agosto si è abbattuta sulla città di Leh un'onda di fango alta più di tre metri che, in soli 20 minuti, ha distrutto case, strade, vie di comunicazione, mezzi di trasporto. Il tutto in una regione già particolarmente povera. Queste condizioni e la difficoltà nelle comunicazioni hanno permesso a Caritas India di mettersi in contatto con le Caritas diocesane del Kashmir solo alcuni giorni dopo. Testimonianze raccolte parlano di «una distruzione immane e piani bassi delle case completamente sommersi dal fango». In Cina le inondazioni hanno colpito diverse regioni, tra cui lo Yunnan ed il Gansu, dove una frana di rocce, terra e fango ha sommerso tre villaggi nella contea di Zhouqu. È stata colpita anche la regione al confine con la Corea del Nord. Qui le inondazioni hanno causato gravi danni nella città di Sinuiju, sul lato nordcoreano del fiume Yalu. Più contenuti i danni nella città cinese di Dandong, che è stata efficacemente protetta dagli argini innalzati a partire dagli anni '30, e che invece sul versante coreano sono stati smantellati nel corso degli anni. La rete Caritas sostiene anche queste due nazioni. 5

6 PAKISTAN Scheda Paese Il Pakistan si trova nell'asia centro-meridionale ad ovest dell'india ed a sud è bagnato dal Mar Arabico. Il territorio è abbastanza variegato, visto che si va dalle altissime vette del Karakoram a nord (col K2 che è la seconda montagna della Terra) all'ampia pianura dell'indo, fiume che attraversa da nord a sud tutto il Paese, fino alle catene montuose orientali, in prossimità dei confini con Afghanistan ed Iran. Superficie: Km² Abitanti: Densità: 192 ab/km² Forma di governo: Repubblica federale Capitale: Islamabad ( ab.) Altre città: Karachi ( ab.), Lahore ( ab.), Faisalabad ( ab.), Rawalpindi ( ab.), Hyderabad ( ab.), Multan ( ab.), Peshawar ( ab.), Gujranwala ( ab.) Gruppi etnici: Punjabi 58%, Sindi 13%, Urdu 8%, Pathani 7%, Beluci 3% Monti principali: K m, Nanga Parbat 8125 m, Gasherbrum I 8068 m, Broad Peak 8047 m Fiumi principali: Indo 2200 Km (tratto Pakistano, totale 3180 Km), Sutlej 1450 Km (totale, compresi tratti indiano e cinese), Chenab 1200 Km (totale, compreso tratto indiano) Laghi principali: Tarbela Reservoir 250 Km² Clima: Arido - continentale Lingua: Urdu, Inglese (ufficiali), Sindi, Panjabi, Pashto Religione: Musulmana sunnita 85%, Musulmana sciita 10% Moneta: Rupia Pakistana Morfologia, orografia, idrografia e clima Il Pakistan comprende il Punjab occidentale e il Sind nel bassopiano dell'indo, il Belucistan a O e parte del Kashmir a NE. Il Punjab e il Sind, pianeggianti, sono il cuore economico e culturale del paese. Montuose le altre regioni: a N il Pakistan si estende su parte dell'hindukush (Tirich Mir, m) e a NE si eleva il K2 (8.611 m), la vetta più alta del Karakoram. L'Indo costituisce l'asse idrografico del paese. Il Punjab è attraversato da cinque suoi tributari di sinistra: Sutlej, Beas, Ravi, Chenab, Jhelum. Punjab e Sind, a latitudine subtropicale e tropicale, hanno caratteri continentali; il Belucistan è molto arido; la regione settentrionale ha un clima di tipo alpino. Popolazione Al momento dell'indipendenza (1947) la frizione tra indù e musulmani culminò nel trasferimento di circa 17 milioni di persone (i musulmani verso il Pakistan e gli induisti verso l'india). Negli ultimi decenni l'incremento demografico è stato notevole: dai 65 milioni di abitanti del 1972 si è passati a 115 milioni nel 1993, con una crescita annua tra le più rapide al mondo. La popolazione rurale è circa il 66% (2004). Condizioni economiche L'economia risente negativamente dell'instabilità politica e degli ampi squilibri fra le classi sociali. L'agricoltura ha raggiunto l'autosufficienza in alcune produzioni (frumento, riso, zucchero) grazie a imponenti opere idrauliche, ma la persistenza del latifondo rende la produttività del settore non ancora soddisfacente. Le risorse minerarie sfruttate sono scarse; la maggior parte delle industrie tratta prodotti agricoli (cotone, zucchero, tabacco). Storia: la nascita dello Stato indipendente Il Pakistan sorse nel 1947, insieme all'unione Indiana, dalla dissoluzione del dominio britannico nel subcontinente indiano. Le ragioni che portarono alla sua nascita hanno radici remote. Prima della conquista britannica nel XIX secolo, infatti, l'india era stata a lungo dominata da potenti dinastie musulmane le quali avevano consolidato nel paese una forte componente islamica, in rapporti 6

7 tendenzialmente conflittuali con la maggioranza della popolazione, di religione induista. Il contrasto tra le due comunità si protrasse durante la dominazione britannica e segnò gli anni della lotta di liberazione. Sicché al momento dell'indipendenza, in un contesto di gravi violenze, nacquero non uno, ma due nuovi Stati: l'unione Indiana, a maggioranza indù, e il Pakistan, a maggioranza musulmana. Politica interna e conflittualità regionale Al momento della sua nascita il Pakistan comprendeva due nuclei territoriali distinti: il Pakistan occidentale e il Pakistan orientale, formato dalle province musulmane del Bengala. Queste ultime, attraverso una breve guerra, si separarono dal Pakistan occidentale (l'attuale Pakistan) nel 1971, dando vita al Bangladesh. Sul piano della politica estera, il Pakistan ha intrattenuto rapporti assai conflittuali con l'unione Indiana, in particolare per il controllo del Kashmir. Questa conflittualità, divenuta guerra aperta nel 1948 e nel 1965, ha raggiunto uno dei punti più alti alla fine degli anni Novanta, quando i due paesi effettuarono test nucleari, minacciando in tal modo la possibilità di una guerra atomica. In politica interna, il Pakistan - costituitosi in Repubblica islamica dal ha conosciuto lunghi periodi di instabilità, ripetuti colpi di Stato militari, deboli tentativi di modernizzazione dall'alto, fragili esperimenti riformatori, il tutto nel quadro di gravi contrasti etnici e religiosi e di una crescente islamizzazione della società, che si è ulteriormente acuita, nonostante gli sforzi del governo, dopo gli attentati terroristici dell'11 settembre 2001 contro gli Stati Uniti. In seguito a tali attentati il Pakistan è stato spinto dagli Stati Uniti a interrompere l'assistenza ai taliban in Afghanistan, sostenuti fin dalla loro presa del potere (1996) dai servizi segreti Pakistani, per diventare nel 2004 uno dei principali partner degli Stati Uniti al di fuori della NATO. Patrimonio mondiale dell'umanità UNESCO Rovine di Moenjo-Daro (1980); rovine buddiste di Takht-i-Bahi e resti di Sahr-i-Bahlol (1980); rovine di Taxila (1980); forte e giardini di Shalimar a Lahore (1981); monumenti storici di Thatta (1981); forte di Rohtas (1997). Cronologia dalla nascita a Zardari 1947 Nasce lo Stato musulmano del Pakistan Guerra con l'india per il Kashmir 1956 Varo della prima Costituzione, che proclama il Pakistan Repubblica islamica Dittatura militare 1965 Nuovo conflitto con l'india Governo di Z.A. Bhutto 1971 Secessione della regione orientale: nasce il Bangladesh Dopo un nuovo colpo di Stato s instaura la dittatura del generale M. Zia ul-haq ( ) 1998 Il governo di M.N. Sharif (n. 1949) introduce la sharia 1999 Il potere ritorna ai militari con il golpe del gen. P. Musharraf 2001 Dopo l'11 settembre il Pakistan prende le distanze dal regime taliban in Afghanistan e si schiera con gli USA 2007 La leader dell'opposizione B. Bhutto viene uccisa in un attentato a Rawalpindi 2008 Il 6 settembre viene eletto presidente A.A. Zardari, copresidente del Partito del popolo pachistano e vedovo di B. Bhutto (fonte 7

8 EMERGENZA TERREMOTO HAITI: AGGIORNAMENTO OTTOBRE 2010 Fonte Caritas Italiana Caritas Internationalis Caritas Diocesana Un epidemia di colera sta colpendo Haiti, già duramente provata dal sisma del 12 gennaio. L Onu teme una crisi su scala nazionale con decine di migliaia di contagi. Circa 300 sono al momento i morti e i ricoveri sono oltre 3500 (dati dell Organizzazione Mondiale della Sanità). Il network internazionale delle Caritas presenti nel paese, tra cui Caritas Italiana e la stessa Caritas Haiti, hanno avviato nuovi interventi per far fronte a questa ulteriore urgenza. In particolare viene distribuita acqua potabile, insieme a kit d igiene e cucina e, soprattutto, è stata avviata una campagna di informazione sulle misure di prevenzione. Il colera s inserisce in una situazione già fortemente grave. Nove mesi dopo il terremoto che ha causato la morte di oltre persone, Haiti sta ancora attraversando una profonda crisi umanitaria che tocca i diritti umani di chi è stato sfollato a causa dalla tragedia, così sostiene Walter Kaelin, Rappresentante del Segretario Generale dei Diritti Umani degli Sfollati dopo il suo ritorno ad Haiti; e prosegue stando alle stime, un milione e trecento mila persone, tra chi ha perso la casa durante il terremoto e chi è sfuggito all estrema povertà, vivono tuttora in campi provvisori a Port-au-Prince e dintorni. Con queste premesse, Haiti, si avvia verso elezioni presidenziali previste per il 28 novembre prossimo che potrebbero però slittare proprio a causa dell epidemia di colera. Caritas Italiana, presente ad Haiti con tre operatori, prosegue nell impegno al fianco della popolazione colpita dal sisma e nell accompagnamento di Caritas Haiti. Finora ha impegnato 8 milioni di euro, oltre alla somma destinata all emergenza, di cui circa 5,4 milioni già ripartiti in progetti (alcuni avviati, altri già definiti, altri in corso di definizione). Dei circa euro offerti alla Caritas Diocesana di Torino dalla generosità dei cristiani della nostra diocesi, due terzi sono stati destinati ai progetti della rete Caritas mentre i restanti euro sono andati a sostegno dell ospedale camilliano di Port-au-Prince, la capitale di Haiti. 8

9 PROGETTI CARITAS REGALO DEL TRENTENNALE A partire dall occasione della celebrazione dei trent anni dalla costituzione di Caritas Diocesana a Torino è parso opportuno tradurre il ricordo della nostra storia in un segno concreto di prossimità ad alcune forme di povertà ed esclusione. Sono stati scelti quattro progetti in altrettante parti del mondo a cui offrire in sostegno parziale per la realizzazione delle attività o dei progetti ad hoc per un biennio (settembre 2010 giugno 2012). Attraverso i progetti offrire alle comunità parrocchiali occasioni di animazione alla carità che si apre fino al mondo. PRIMO PROGETTO COMPAGNI DI BANCO A POPESTI IN ROMANIA scolarizzazione minori rom presso la scuola professionale dei Giuseppini del Murialdo Dal 2008 la Caritas Diocesana sostiene l opera di un frate giuseppino torinese che si occupa dell inserimento scolastico di bambini e ragazzi rom all interno del percorso scolastico. In Romania il popolo Rom è più presente e discriminato che nel resto dell Europa e il lavoro di fratel Marco De Magistris è volto a dare ai minori rom la possibilità di ricevere un istruzione e a costruire legami di amicizia e condivisione fra allievi romeni e rom. Il progetto a giugno 2010 è giunto a seguire 70 ragazzi e conta una lista d attesa di altri 30 minori. SECONDO PROGETTO PANE ALLE FAMIGLIE A BETLEMME confezionamento e distribuzione di pane per famiglie povere a sostegno della attività svolta dai Salesiani della Scuola Professionale Betlemme, città cara a tutti i cristiani, si trova nel territorio dell Autorità Nazionale Palestinese, a pochi chilometri da Gerusalemme. La vita della popolazione di Betlemme, arabi in prevalenza musulmani ma anche cristiani, è sempre stata piuttosto faticosa, ma da quando è stato eretto il muro di divisione che separa lo Stato d Israele dai territori palestinesi le condizioni si sono ulteriormente aggravate: la difficoltà di spostamento verso Gerusalemme ha limitato la possibilità di lavoro e quindi sempre più famiglie si trovano in situazione di povertà tale da impedire anche di procurarsi il necessario per sopravvivere. I Salesiani, che gestiscono una scuola professionale, attraverso l attività del loro forno offrono alcuni posti di lavoro e la possibilità alle famiglie più bisognose di sfamarsi quotidianamente. La Caritas Diocesana sostiene con propri fondi questo progetto dal

10 TERZO PROGETTO PODILI IN INDIA (DIOCESI DI NELLURE) costruzione dell ospedale rurale sostenendo il progetto di VRO Italia La popolazione molto povera di questa zona nello Stato dell Andra Pradesh non può usufruire di alcun tipo di assistenza sanitaria in caso di necessità. L ospedale più vicino è a circa 80 chilometri e il viaggio è lungo e disagevole. Su un terreno messo a disposizione dalla Diocesi di Nellure, VRO Italia ONLUS, Organizzazione fondata dal gesuita belga Michael Anthony Windey specializzata nella costruzione di villaggi rurali, ha progettato un ospedale che possa venire incontro alle esigenze di cura degli abitanti, dotato di camere operatorie e un reparto maternità. QUARTO PROGETTO NAT ATITINGOU IN BENIN accoglienza e sostegno ai bambini stregone da parte della locale diocesi La Diocesi di Natitingou si trova nel nord ovest del Benin, piccola nazione africana affacciata sul Golfo di Guinea. Presso la tribù dei Baribà esiste una credenza secondo cui un bambino che venendo alla luce non mostra come prima parte del corpo la testa è un bambino stregone, che attirerà sulla famiglia e la tribù la sventura. Il destino di questi bambini è quindi tragico, l abbandono, la morte. Dall inizio del suo servizio apostolico il vescovo di Natitingou s impegna per offrire a questi piccoli la possibilità di una vita migliore: un équipe formata da alcune donne e da un sacerdote visita la tribù quando è previsto un parto per poter prendere con sé il bambino che dovesse nascere stregone. Il piccolo trova una nuova famiglia presso il vescovado, dove la comunità delle suore se ne prende cura e il Vescovo lo adotta, registrandolo all anagrafe come proprio figlio. COME CONTRIBUIRE Per sostenere i quattro progetti o uno solo di essi è possibile usare i consueti canali di Caritas Diocesana Torino, specificando nella causale regalo del trentennale o il nome del progetto che si vuole sostenere (Romania - rom, Betlemme - pane, India - ospedale, Benin bambini stregone): conto corrente postale numero , intestato Caritas Diocesana Torino; conto corrente bancario intestato ad Arcidiocesi di Torino Caritas: IBAN IT07Q ; versamento diretto in Ufficio, presso la Curia Arcivescovile in Via Val della Torre 3 a Torino (Chiesa del Santo Volto sulla Spina Tre ) nei giorni lavorativi dalle ore 9 alle ore 12,30. Per informazioni: Graziella Fallo, , 10

La Casa delle donne Benin

La Casa delle donne Benin La Casa delle donne Benin Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, di garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

SOGNI DA RIACCENDERE Benin

SOGNI DA RIACCENDERE Benin SOGNI DA RIACCENDERE Benin Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

FILIPPINE Rapporto delle attività a 2 anni dal tifone Haiyan/Yolanda

FILIPPINE Rapporto delle attività a 2 anni dal tifone Haiyan/Yolanda FILIPPINE Rapporto delle attività a 2 anni dal tifone Haiyan/Yolanda - 8 novembre 2015 - alzati e cammina (Lc. 5,23) Due anni fa il supertifone Haiyan (localmente conosciuto come Yolanda) proveniente dall

Dettagli

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo IKEA Social Initiative è dalla parte dei bambini IKEA crede che la casa sia il luogo più importante del mondo e che i bambini siano le persone

Dettagli

Tre PROGETTI per HAITI

Tre PROGETTI per HAITI Tre PROGETTI per HAITI EMERGENZA HAITI p. 2 SAINT CHARLE A CROIX DES BOUQUES PROGETTO SOSTEGNO SCUOLA PRIMARIA p. 3 DAJABON PROGETTO CASA FAMIGLIA PER BAMBINI ORFANI p. 4 LÉ0GANE PROGETTO RICOSTRUZIONE

Dettagli

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CHIESA E CRISI ECONOMICA: PRESTITO DELLA SPERANZA GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA PRESTITO DELLA SPERANZA Il Prestito della Speranza è una iniziativa della Chiesa Cattolica

Dettagli

ADOZIONI A DISTANZA India

ADOZIONI A DISTANZA India ADOZIONI A DISTANZA India Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

Centro Missionario Diocesano - Trento. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. I.R.

Centro Missionario Diocesano - Trento. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. I.R. Centro Missionario Diocesano - Trento I.R. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. Progetto Anno Pastorale 2008/2009 ALLA RICERCA DEL BENE COMUNE! Ma cos è questo bene

Dettagli

CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA

CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA LA DIFFICILE CONDIZIONE DEI BAMBINI E DELLE DONNE Benché gli intensi conflitti armati verificatisi su vasta scala nella Repubblica Democratica del Congo si siano attenuati

Dettagli

Come strutturare una Unità di Apprendimento di geografia regionale

Come strutturare una Unità di Apprendimento di geografia regionale Cristiano Giorda Università di Torino Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento Interateneo Territorio AIIG- Sezione Piemonte cristiano.giorda@unito.it Come strutturare una Unità di Apprendimento

Dettagli

il coraggio di diventare PICCOLI SEGNI DI SPERANZA IN MEZZO ALLE VULNERABILITÀ SOCIALI Caritas Diocesana Torino 2013-2014

il coraggio di diventare PICCOLI SEGNI DI SPERANZA IN MEZZO ALLE VULNERABILITÀ SOCIALI Caritas Diocesana Torino 2013-2014 il coraggio di diventare PICCOLI SEGNI DI SPERANZA IN MEZZO ALLE VULNERABILITÀ SOCIALI Caritas Diocesana Torino 2013-2014 29 marzo 2014: XXV Giornata Caritas La Chiesa di Torino sta lavorando sul tema

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

Allegato A. Integrazione della Programmazione annuale 2015 della. Giunta Provinciale riferita alle iniziative di solidarietà internazionale

Allegato A. Integrazione della Programmazione annuale 2015 della. Giunta Provinciale riferita alle iniziative di solidarietà internazionale Allegato parte integrante Integrazione della Programmazione annuale 2015 della Giunta Provinciale riferita alle iniziative di solidarietà internazionale Allegato A Integrazione della Programmazione annuale

Dettagli

ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso

ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011 Mani Unite Unite Onlus Presentiamo anche quest anno, come doverosa consuetudine, la sintesi delle attività realizzate nel corso del 2011 a favore dei bambini che soffrono ingiustizie, fame e carenze non

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA ORGANIZZAZIONE OPERA DI PADRE MARELLA Fondo straordinario di solidarietà da destinare al servizio mensa ANTONIANO DEI FRATI MINORI Fondo straordinario di solidarietà

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 Ass.N.A.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE ASSISTENTI SOCIALI MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 L Ass.N.A.S.- Associazione Nazionale Assistenti Sociali intende dare, con questo documento,

Dettagli

Sostegno a distanza SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE

Sostegno a distanza SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE Sostegno a distanza Si é consolidata ed è in continua espansione una forma di solidarietà che è definita in diversi modi: adozione a distanza, sostegno a distanza,

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

Una prima definizione del fenomeno

Una prima definizione del fenomeno Una prima definizione del fenomeno " dovrebbero essere definiti poveri quegli individui, famiglie e gruppi di persone le cui risorse materiali, culturali e sociali sono così limitate da escluderli dallo

Dettagli

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome.

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome. Realizzazione di un Laboratorio di Diagnostica avanzata nella città di Nampula in Mozambico nel quadro di un Programma di prevenzione e lotta all AIDS PROGETTO - NOTIZIE - COME ADERIRE E RIFERIMENTI PER

Dettagli

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI Premessa L Uganda è il secondo Paese, in ordine cronologico, con cui Idee Migranti ha costruito rapporti di cooperazione.

Dettagli

PROGETTO DI REALIZZAZIONE SCUOLA PRIMARIA BEATO GIOVANNI PAOLO II

PROGETTO DI REALIZZAZIONE SCUOLA PRIMARIA BEATO GIOVANNI PAOLO II DIOCESI DI ATAKPAME Comunità cristiana Beato Giovanni Paolo II PROGETTO DI REALIZZAZIONE SCUOLA PRIMARIA BEATO GIOVANNI PAOLO II Il Togo è uno dei paesi più suggestivi dell'africa Occidentale. Largo mediamente

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione II PARTE Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione 2. Un Asia, tante Asie: Paesi, aree e regioni dell estremo Oriente Inizio II Millennio ASIA centro della

Dettagli

PERU, HOGAR REBUSCHINI

PERU, HOGAR REBUSCHINI OTTOBRE MISSIONARIO 2014 PERU, HOGAR REBUSCHINI Mortalità infantile sotto i 5 anni per ogni 1000 nati vivi (2012) Persone affette da HIV (migliaia) (stima 2012) accesso all acqua potabile accesso ad impianti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2014/

SCHEDA PROGETTO QdF 2014/ SCHEDA PROGETTO QdF 2014/ PROMOTORE Persona Comunità Ente/Istituto Associazione cognome, nome NEW LIFE NUOVA VITA ONLUS denominazione (ente / associazione) posta elettronica sito web Associazione non lucrativa

Dettagli

2012/111. Scheda Progetto ASIA. 1. Il contesto

2012/111. Scheda Progetto ASIA. 1. Il contesto Scheda Progetto ASIA 2012/111 1. Il contesto La diocesi di Tuticorin comprende parte dei distretti di Thoothukudi (Tuticorin), Kanyakumari e Tirunelveli (Nellai) nello stato indiano del Tamil Nadu. La

Dettagli

ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA. Volontari richiesti: 2

ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA. Volontari richiesti: 2 ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA Volontari richiesti: 2 SEDE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Brescia Descrizione del contesto territoriale:

Dettagli

Amici del Madagascar

Amici del Madagascar Associazione Amici del Madagascar via Lovernatico, 13-38010 Sporminore (Trento) Tel - Fax: 0461.655347 E-mail: rita.cattani@inwind.it Sito associazione: amicimadagascar.altervista.org www.comune.sporminore.tn.it

Dettagli

I COLORI della CARITÀ

I COLORI della CARITÀ CARITAS DIOCESANA DI PALESTRINA I COLORI della CARITÀ Storia della Caritas Sostegno e Formazione Servizi alla persona Promozione Sociale Caritas Parrocchiali Caritas Diocesana STORIA DELLA CARITAS CARITAS

Dettagli

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE

ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA AMERICHE ACQUISTA ONLINE > REPUBBLICA DOMINICANA 11 AMERICHE DUEMILA AMERICHE ha adottato a schiacciante maggioranze (187 voti favorevoli e due contrari) una risoluzione che chiede agli Usa di porre fine all embargo

Dettagli

COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE

COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE Tipo di attività/strumento Quiz a risposta multipla Spunti didattici COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE Conoscenza e approfondimento dei concetti di sicurezza e sovranità alimentare.

Dettagli

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona LA FONDAZIONE AVSI La Fondazione AVSI è un organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 37 paesi del mondo di Africa, America

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

è il Simbolo della Pace Opera del Maestro Gennaro Angelo Sguro

è il Simbolo della Pace Opera del Maestro Gennaro Angelo Sguro L Associazione Internazionale di Apostolato Cattolico presenta la Xª Edizione del Premio Internazionale alla Pace Shahbaz Bhatti the tenth Edition International Peace Award "Shahbaz Bhatti" Voglio solo

Dettagli

Roma, 9 aprile 2015. Gentili ospiti,

Roma, 9 aprile 2015. Gentili ospiti, INTERVENTO DELLA VICEPRESIDENTE LINDA LANZILLOTTA IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE PER L AZIONE CONTRO LE MINE E GLI ORDIGNI BELLICI INESPLOSI "CONOSCERE PER RI-CONOSCERE - VIAGGIO NELLE SCUOLE D'ITALIA

Dettagli

RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA

RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA RESTIAMO NELLA NOSTRA TERRA Il terremoto del 20 e del 29 maggio ha danneggiato in modo significativo la sede della comunità. Si è rimediato con una sistemazione provvisoria di una tenda e due roulotte

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

DATI DI SINTESI. Diocesi di Ngong RESPONSABILE LOCALE DEL PROGETTO BENEFICIARI DEL PROGETTO

DATI DI SINTESI. Diocesi di Ngong RESPONSABILE LOCALE DEL PROGETTO BENEFICIARI DEL PROGETTO DATI DI SINTESI TITOLO DEL PROGETTO Chi ben comincia.sostegno all infanzia prescolare di Kandisi (Kenya) LUOGO DEL PROGETTO Località di Kandisi Parrocchia Cattolica di Kandisi (Nairobi Kenya) COSTO DEL

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 2 Dicembre 2010. PRESENTAZIONE DELL'INIZIATIVA a favore di un nuovo Centro Educativo ad HAITI

CONFERENZA STAMPA 2 Dicembre 2010. PRESENTAZIONE DELL'INIZIATIVA a favore di un nuovo Centro Educativo ad HAITI CONFERENZA STAMPA 2 Dicembre 2010 PRESENTAZIONE DELL'INIZIATIVA a favore di un nuovo Centro Educativo ad HAITI organizzata da COMUNE DI PESARO ed AVSI INTERVENTI DI DOTT.SSA GIUSEPPINA CATALANO Vice Sindaco

Dettagli

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare

Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare Il sostegno a distanza: il porticciolo cui attraccare I bambini che sosteniamo a distanza hanno un punto comune: sono creature con un valore infinito che per qualche ragione contingente si trovano in balia

Dettagli

Il Presidente CONI Bergamo Valerio Bettoni

Il Presidente CONI Bergamo Valerio Bettoni Il Coni, quale vertice e guida del movimento sportivo italiano, sceglie di potenziare e diffondere la cultura e la pratica sportiva nella scuola attraverso il progetto Giochi della Gioventù a cui è stato

Dettagli

CAMBIARE È POSSIBILE. SD children-onlus SOSTENIAMO I FIGLI DELLA GUERRA. www.childrenonlus.it

CAMBIARE È POSSIBILE. SD children-onlus SOSTENIAMO I FIGLI DELLA GUERRA. www.childrenonlus.it CAMBIARE È POSSIBILE CON IL NOSTRO E IL VOSTRO IMPEGNO, CAMBIARE LA VITA DI UN BAMBINO È POSSIBILE. children-onlus SOSTENIAMO I FIGLI DELLA GUERRA. PROGETTO DI SOSTEGNO A DISTANZA PER I BAMBINI DEL CONGO.

Dettagli

SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE

SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS PROGETTO CASA FAMIGLIA ISOLA DI GOREE PRINCIPI DELLO STATUT0 DELLA ONLUS CF.97738100581 SABRINA LIFE FOR CHILD ONLUS nasce nel 2013 per espresso desiderio del Presidente Stefania

Dettagli

PROGETTO OLTRE IL MURO

PROGETTO OLTRE IL MURO PROGETTO OLTRE IL MURO PROGETTO INTEGRATO PER il SOSTEGNO E IL REINSERIMENTO PSICO- SOCIALE DEI MINORI IN CARCERE O DEI FIGLI CON MAMME IN CARCERE Benin Aggiornato al: 18/11/2013 SOMMARIO 1) IL PROGETTO

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

FONDAZIONE PANGEA ONLUS

FONDAZIONE PANGEA ONLUS FONDAZIONE PANGEA ONLUS Le donne rappresentano il più vasto numero di persone soggette a discriminazioni, violenze, povertà e processi di impoverimento nel mondo, semplicemente perché appartenenti al genere

Dettagli

AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan. Rapporto Finale per:

AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan. Rapporto Finale per: AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan Rapporto Finale per: ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2040 GRUPPO MI 4 ANNO 2008/2009 Progetto Obiettivo del progetto Beneficiari diretti

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

SINTESI. XI Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia. A cura di Caritas Italiana Fondazione Zancan

SINTESI. XI Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia. A cura di Caritas Italiana Fondazione Zancan Poveri di diritti XI Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia A cura di Caritas Italiana Fondazione Zancan SINTESI È un titolo fortemente evocativo quello del nuovo rapporto Caritas Zancan su

Dettagli

Una casa di accoglienza. per le studentesse. di Koupéla AFRICA

Una casa di accoglienza. per le studentesse. di Koupéla AFRICA Una casa di accoglienza per le studentesse di Koupéla AFRICA 1 2 Il PUNTO DI PARTENZA Ha il nome di un fiore, di quelli colorati e profumati che adornano i nostri giardini, la ragazza di 16 anni che bussa

Dettagli

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto HAITI

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto HAITI Congregazione Suore Ministre degli Infermi Progetto HAITI INTRODUZIONE GENERALE Noi siamo le Suore Ministre degli Infermi di San Camillo; la nostra è una congregazione missionaria che vive la missione

Dettagli

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto R. Orlich - Gli interventi economici dei Comuni La legge regionale n. 6/06, relativa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 DC.DP.00.33 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE aiutare i bambini ONLUS "aiutare i bambini" è una fondazione italiana, laica e indipendente, nata

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

PROGETTO GERUSALEMME, PIETRE DELLA MEMORIA. PROPOSTA di intervento in tre case nella città Vecchia di Gerusalemme Novembre 2012

PROGETTO GERUSALEMME, PIETRE DELLA MEMORIA. PROPOSTA di intervento in tre case nella città Vecchia di Gerusalemme Novembre 2012 PROGETTO GERUSALEMME, PIETRE DELLA MEMORIA PROPOSTA di intervento in tre case nella città Vecchia di Gerusalemme Novembre 2012 SITUAZIONE GENERALE La Città Vecchia di Gerusalemme è considerata patrimonio

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

Costruzione di una chiesa dedicata a N.S. de Guadalupe Parrocchia di Sao PEDRO. Macapa - Amapa BRASILE

Costruzione di una chiesa dedicata a N.S. de Guadalupe Parrocchia di Sao PEDRO. Macapa - Amapa BRASILE PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE CENTRO DI CULTURA E ANIMAZIONE MISSIONARIA UFFICIO AIUTO MISSIONI - SETTORE PROGETTI Via Mosè Bianchi, 94 20149 MILANO Tel.: 02-43.82.01 Fax: 02 43.82.23.16 - e.mail:

Dettagli

Tourism and poverty best practises for a small island at policies, market and civil society level. AITR strategies towards responsible tourism

Tourism and poverty best practises for a small island at policies, market and civil society level. AITR strategies towards responsible tourism Tourism and poverty best practises for a small island at policies, market and civil society level STONE TOWN 07-08-09 OCTOBER 2008 ZANZIBAR AITR strategies towards responsible tourism by Maurizio Davolio,

Dettagli

Roma, 21 settembre 2011. Oggetto:

Roma, 21 settembre 2011. Oggetto: COMUNITA' MISSIONARIA DI VILLAREGIA Roma, 21 settembre 2011 Oggetto: II a Edizione del Concorso Sogna il tuo presepe Egr. sig. Dirigente Scolastico, la (CMV) è un Associazione Internazionale composta da

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata:

Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata: Progetto di massima per la valorizzazione e la promozione del turismo religioso nella Regione Basilicata: Predisposto da Don Pierluigi Vignola e Patrizio Pinnarò Introduzione Il turismo religioso in Regione

Dettagli

La regione sino-giapponese

La regione sino-giapponese La regione sino-giapponese Osserva la carta della regione sino-giapponese. Quali stati ci sono?... Ci sono isole? Quali isole vedi?... Quali sono le città più importanti? L ambiente. La regione sino-giapponese

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

ASIA OCCIDENTALE (MEDIO ORIENTE)

ASIA OCCIDENTALE (MEDIO ORIENTE) ASIA OCCIDENTALE (MEDIO ORIENTE) I paesi di quest area: TURCHIA SIRIA LIBANO ISRAELE GIORDANIA ARABIA SAUDITA YEMEN OMAN EMIRATI ARABI UNITI QATAR BAHREIN IRAN KUWAIT - IRAQ Area caratterizzata da due

Dettagli

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Via Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Referente per il progetto Comunità di Sant Egidio ONLUS Via Lanzone 13 20123 cf 97549060156 tel 0286451309

Dettagli

CENTRO MISSIONARIO DIOCESANO

CENTRO MISSIONARIO DIOCESANO I PROGETTI DEL CENTRO MISSIONARIO DIOCESANO ACCEPIT IN SUA L ACCOLSE CON SÉ QUARESIMA. PASQUA 2014 DIOCESI DI PIACENZA BOBBIO 1 L ACCOLSE CON SÉ don Gianpiero Franceschini Direttore del Centro Missionario

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

le missioni DELLA NOSTRA DIOCESI APPASSIONATI DI DIO QUARESIMA 2015 - DIOCESI DI PIACENZA-BOBBIO

le missioni DELLA NOSTRA DIOCESI APPASSIONATI DI DIO QUARESIMA 2015 - DIOCESI DI PIACENZA-BOBBIO le missioni DELLA NOSTRA DIOCESI APPASSIONATI DI DIO QUARESIMA 2015 - DIOCESI DI PIACENZA-BOBBIO Tenere sempre uno sguardo fisso al mondo che ancora attende il Vangelo. Il 14 centenario di San Colombano

Dettagli

PROGETTO We de go school SIERRA LEONE

PROGETTO We de go school SIERRA LEONE PROGETTO We de go school SIERRA LEONE Titolo We de go school Progetto di sostegno educativo e sanitario per i minori dei quartieri poveri di Freetown, dei villaggi della Rural Western Area, di Lunsar e

Dettagli

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili"

Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - Esclusi e invisibili Rapporto UNICEF sulla condizione dell'infanzia nel mondo 2006 - "Esclusi e invisibili" Un'infanzia che non riceve aiuto: sono milioni i bambini invisibili Londra/Roma, 14 dicembre 2005 - Centinaia di milioni

Dettagli

Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia

Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia Foto Settimio Benedusi 2 a edizione giovedì 20 novembre 2014 Giornata Mondiale dei diritti dell Infanzia Iniziativa nazionale di sensibilizzazione sui diritti dei bambini e raccolta di farmaci da banco

Dettagli

OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE

OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE 3 CONGRESSO MONDIALE DELLA CSI - Berlino 18-23 Maggio 2014 OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE BOZZA Quadro d Azione CONFEDERAZIONE INTERNAZIONALE DEI SINDACATI OCCUPAZIONE SOSTENIBILE,

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Provincia Regionale di Messina

Provincia Regionale di Messina Provincia Regionale di Messina Gabinetto di Presidenza EUROPANEWS Newsletter redatta a cura dell Ufficio Europa e Politiche Comunitarie 26 Novembre 2013 L'UE aiuta gli artisti europei a conquistare un

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona TERRAFUTRA. FIRENZE 26 Maggio 2012

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona TERRAFUTRA. FIRENZE 26 Maggio 2012 CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 TERRAFUTRA FIRENZE 26 Maggio 2012 Francesco Delfino andriacaritas@libero.it www.caritasandria.com GLI STRUMENTI A DISPOSIZIONE

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI. Il sostegno ai minori in difficoltà

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI. Il sostegno ai minori in difficoltà Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI Il sostegno ai minori in difficoltà Edizione maggio 2002 1 LA MISSION ED I VALORI LA MISSION Ciascuna persona è titolare di diritti, ad ognuno deve essere

Dettagli

SCHEDA PROGETTO SIERRA LEONE

SCHEDA PROGETTO SIERRA LEONE SCHEDA PROGETTO SIERRA LEONE Titolo We de go school Progetto di sostegno educativo e sanitario per i minori dei quartieri poveri di Freetown e dei villaggi della Rural Western Area, in Sierra Leone. Budget

Dettagli

AMI Amici Missioni Indiane ONLUS Adozioni internazionali Sponsorizzazioni (adozioni a distanza) Progetti di cooperazione

AMI Amici Missioni Indiane ONLUS Adozioni internazionali Sponsorizzazioni (adozioni a distanza) Progetti di cooperazione Adozioni a distanza Chi siamo? AMI Amici Missioni Indiane ONLUS è nata nel 1982 per volontà di un gruppo di genitori adottivi e sin dalla fondazione è impegnata, su base esclusivamente volontaria, nel

Dettagli

SOSTIENI A DISTANZA UN BAMBINO E IL SUO VILLAGGIO. Non puoi reclamare i tuoi diritti se non hai modo di conoscerne l esistenza!

SOSTIENI A DISTANZA UN BAMBINO E IL SUO VILLAGGIO. Non puoi reclamare i tuoi diritti se non hai modo di conoscerne l esistenza! SOSTIENI A DISTANZA UN BAMBINO E IL SUO VILLAGGIO Non puoi reclamare i tuoi diritti se non hai modo di conoscerne l esistenza! Sostieni a distanza un bambino e il suo villaggio è una campagna di sostegno

Dettagli

PARROCCHIE O.F.M. PIEMONTE

PARROCCHIE O.F.M. PIEMONTE PARROCCHIE O.F.M. PIEMONTE PARROCCHIA SAN BERNARDINO DA SIENA TORINO 1907: anno di fondazione della Parrocchia 20.000: abitanti della Parrocchia 5 frati operanti in Parrocchia 1 diacono permanente diocesano

Dettagli

Data 25 ottobre 2012

Data 25 ottobre 2012 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Tende 2011-2012 ALLA RADICE IL FATTORE UMANO. Haiti. un centro educativo

Tende 2011-2012 ALLA RADICE IL FATTORE UMANO. Haiti. un centro educativo Tende 2011-2012 ALLA RADICE DELLO SVILUPPO: IL FATTORE UMANO Haiti. Ricostruire l umano: un centro educativo per ragazzi Campagna Tende 2011-2012 I PROGETTI DA SOSTENERE: Kenya. Anche nella carestia del

Dettagli

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO Siamo giovani rom, sinti e non rom, italiani e stranieri. Molti di noi vengono da una storia di disagio, soprusi ed esclusione, ma non ci siamo fermati e non ci fermeremo.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Rovereto, 20 aprile 2012 RELAZIONE PRESIDENTE Cari amici, grazie per la vostra presenza alla nostra assemblea che quest anno abbiamo programmato in un giorno settimanale,

Dettagli

DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA ARTICOLO - 4 - FINALITÀ * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * -

DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA ARTICOLO - 4 - FINALITÀ * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * - DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * - CARITAS PARROCCHIALE S. MARIA REGINA MUNDI ARTICOLO - 1 - ISTITUZIONE 1. E istituita nella Parrocchia di S. Maria Regina Mundi,

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli