Notizie dal Laboratorio Diocesano Emergenza e Mondialità. Novembre 2010 IN QUESTO NUMERO. pagina 1. Editoriale. pagina 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notizie dal Laboratorio Diocesano Emergenza e Mondialità. Novembre 2010 IN QUESTO NUMERO. pagina 1. Editoriale. pagina 2"

Transcript

1 ARCIDIOCESI di TORINO Notizie dal Laboratorio Diocesano Emergenza e Mondialità Novembre 2010 IN QUESTO NUMERO Editoriale Formazione Campagna Zero Poverty - La petizione di Caritas Europa Emergenza Alluvione Pakistan Emergenza Terremoto Haiti Progetti Trentennale pagina 1 pagina 2 pagina 3 pagina 4 pagina 8 pagina 9 Con questo numero dell Ascoltamondo proviamo a regalarvi alcune immagini forti, fotografie di quello che non sembra proprio il migliore dei mondi possibili. Ma proviamo anche a farvi sognare che, iniziando da qualche piccola cosa, forse le cose possono cambiare. Purtroppo abbiamo tutti sotto gli occhi gli effetti della crisi, impossibile negare l evidenza, fingere che si tratti di qualcosa di effimero: intorno a noi vediamo crescere il disagio e la difficoltà di singoli e famiglie, talvolta di intere comunità, paesi, città. L Unione Europea ha proclamato il 2010 che sta per concludersi Anno Europeo della lotta alla povertà e all esclusione sociale. Segno di attenzione ad un fenomeno che colpisce il 16% della popolazione dell Unione. Segno di un impegno che anche le Chiese del continente hanno voluto fare proprio, lanciando la campagna Zero Poverty: per aiutare i cristiani, ma non solo, a leggere questo fenomeno con occhi nuovi, perché nuova è la situazione in cui ci troviamo a vivere, occhi guariti dalla cataratta dei pregiudizi, che spesso impediscono di vedere i poveri e nei poveri i fratelli. Quella stessa malattia che ci fa vedere un disastro naturale, un emergenza umanitaria solo quando finisce in televisione o coinvolge degli occidentali. Venti milioni di persone vittime delle alluvioni in Pakistan non hanno diritto di cittadinanza nei notiziari: grosso errore vivere in un Paese fuori dalle rotte turistiche e andare a fondo in agosto, quando tutti hanno cose più importanti a cui pensare. Ad Haiti, che pure ha avuto l onore dei riflettori a causa del terremoto dello scorso gennaio, al contrario di ciò che si potrebbe credere l emergenza non è ancora finita, anzi ora un epidemia di colera, malattia ritornata sull isola dopo un secolo, miete altre vittime. In tutto ciò dov è finito il sogno? In quattro piccoli progetti, che stanno germogliando. Questi progetti vogliono essere il regalo che Caritas Diocesana si fa in occasione dei suoi trent anni. Il sogno è che il nostro speciale regalo dia frutti di vita e speranza in quattro angoli del mondo con cui per motivi diversi siamo entrati in contatto. Piccoli progetti per un grande sogno, per questo osiamo chiedervi: volete sognare con noi e aiutarci a trasformare il sogno in realtà? fate riferimento a CARITAS DIOCESANA TORINO Via Val della Torre 3, TORINO telefono fax e.mail conto corrente postale: conto corrente bancario: IBAN IT07Q

2 FORMAZIONE CAMPAGNA ZERO POVERTY Fonte Caritas Italiana Caritas Diocesana Torino Nell'Unione Europea, 78 milioni di persone (il 16% della popolazione e il 19% dei bambini) sono attualmente esposti al rischio di povertà, ovvero vivono, sulla base della definizione concordata a livello Ue, con un reddito inferiore al 60% del reddito medio familiare registrato nel loro Paese. In ogni caso nel 2004 (ultime cifre disponibili), circa 23,5 milioni di cittadini si trovavano a dover tirare avanti con meno di 10 euro al giorno. Da quando l'ue ha avviato, nel 2000, il suo metodo di coordinamento delle politiche nazionali, tutti i 27 Stati membri hanno sviluppato piani d'azione nazionali pluriennali; prima del 2000 soltanto tre di essi avevano attivato strategie del genere: l'ue incoraggia standard elevati, basati su obiettivi fissati di comune accordo, mentre ciascun Paese può attuare politiche adattate al contesto nazionale. Il 2010 è stato proclamato dall'unione Europea Anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale. In questo quadro, che vede impegnate le istituzioni di tutto il continente, anche le realtà ecclesiali sono chiamate a offrire un contributo di riflessione e sensibilizzazione. Caritas Europa, in collaborazione con le Caritas nazionali, ha promosso, allo scopo, un'articolata campagna, intitolata "Zero Poverty - Povertà Zero", alla quale Caritas Italiana invita ad aderire. Siamo chiamati a rafforzare la conoscenza dei fenomeni e delle storie di povertà e, nel contempo, a diffondere consapevolezza circa il fatto che l esclusione sociale non è un destino ineluttabile, bensì un effetto di certi meccanismi sociali, economici e politici, che ogni uomo e ogni cristiano hanno il dovere di modificare. Il Santo Padre Benedetto XVI ha dato il suo autorevole contributo al lancio dell'iniziativa europea, visitando, domenica 14 febbraio 2010 (memoria di Cirillo e Metodio, santi patroni d'europa), l'ostello della Caritas Diocesana di Roma "Don Luigi Di Liegro", in via Marsala, a Roma. I vescovi di tutta Europa sono stati invitati a visitare a loro volta un servizio per i poveri nelle rispettive diocesi. Sempre il 14 febbraio a Torino il Cardinale Severino Poletto si è recato presso la Messa del Povero, incontrando le persone che sono assistite, i religiosi, i volontari che portano avanti il servizio della mensa. Fra le molte iniziative messe in campo nell arco del 2010 rientra "Stand Up Alzati in piedi contro la povertà", una delle più importanti mobilitazioni globali degli ultimi anni giunta alla quinta edizione e che quest'anno si è svolta dal 17 al 19 settembre. Stand Up richiama l attenzione dei singoli, degli Stati e delle Istituzioni sul raggiungimento degli otto Obiettivi del Millennio di cui l'eliminazione della povertà è il primo così come sono stati istituiti nella Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite, firmata nel settembre 2000 dai Capi di Stato e di Governo di tutto il mondo con l impegno a raggiungerli entro il Anche Caritas Italiana e altri soggetti della società civile hanno aderito allo Stand Up per chiedere all'italia, all'europa e a tutti i governi di arrivare con piani concreti al decisivo Summit mondiale (New York, settembre). A partire dal 17 settembre e fino al 17 ottobre 2010, Giornata mondiale di lotta alla povertà, la rete Caritas ha fatto sentire più forte il suo battito. Caritas Italiana e molte Caritas diocesane hanno promosso diverse iniziative combinate con quelle della Campagna "Zero Poverty". Lo Stand Up ha avuto luogo nelle piazze, nelle scuole, nelle parrocchie, seminari, associazioni. A livello italiano ed europeo sono stati realizzati molti eventi, i più importanti dei quali a livello europeo sono stati il convegno "L'Europe de l'homme" dall'1 al 3 ottobre a Cluny (Francia) e il pellegrinaggio verso Santiago de Compostela dal 10 al 17 ottobre promosso da Caritas Spagna con il sostegno di Caritas Europa. 2

3 A Torino la Caritas Diocesana ha organizzato il 14 e 15 ottobre l evento Torinomeforwe, occasione di riflessione sul tema delle nuove povertà a partire dal progetto OperaSegno, nato sul territorio del quartiere Barriera di Milano e che ha avuto ulteriori sviluppi in a San Salvario e a Grugliasco. Accanto agli eventi, la rete Caritas ha messo a punto degli strumenti per l animazione sulla campagna. A questo fine è stato realizzato un sito internet, dov è possibile reperire informazioni e materiale sulla campagna. Sul sito è possibile anche sottoscrivere la petizione di Caritas Europa che fissa quattro obiettivi fondamentali nella lotta alla povertà e misure concrete per raggiungerli. Tale petizione sarà presentata alle istituzioni europee quando avrà raccolto un milione di firme. Oltre che tramite il sito, è possibile aderire alla campagna nel modo tradizionale, sottoscrivendo la petizione attraverso i moduli cartacei per la raccolta delle firme, da far pervenire presso la sede della Caritas Diocesana. Accanto al sito, diversi sono i materiali disponibili: poster, spille, magliette, stampate dai detenuti del carcere di Genova (nell'immagine, il poster - nel quale è raffigurata la spilla - e la maglietta). kit per l'animazione nelle scuole e nei gruppi. Il sussidio "La povertà in mezzo a noi" (Poverty Paper, con elementi di analisi teorica e testimonianze sulla povertà in Europa). Caritas Italiana ha inoltre preparato un inserto speciale, pubblicato nel numero di febbraio 2010 delle riviste "Italia Caritas" e "Scarp de' tenis", giornale di strada sostenuto da Caritas Italiana e diffuso da persone senza dimora o gravemente emarginate in dieci diocesi italiane. Il testo della petizione di Caritas Europa «NOI CITTADINI EUROPEI, consideriamo la povertà un problema che riguarda tutti. I decisori europei, nazionali, regionali e locali, insieme ai cittadini, hanno il compito di riconoscere la povertà, comprenderla e agire contro di essa. In questo sforzo comune, la solidarietà deve dimostrarsi al contempo impegno duraturo e, insieme a giustizia e bene comune, principio fondamentale. Ci impegniamo a dedicare tempo, abilità ed energie in più ambiti (politico, civico e personale) a favore della lotta contro la povertà e della creazione di una società inclusiva. Pertanto, nel quadro di questo Anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale, invitiamo i nostri politici e decisori a dare il proprio contributo per il raggiungimento dei seguenti obiettivi: 1. Eliminare la povertà infantile in Europa cominciando con il dimezzare, entro il 2015, il numero di minori che vivono in famiglie il cui reddito è al di sotto della soglia di povertà. In particolar modo, raccomandiamo una misura: garantire assegni per ogni figlio a carico, indipendentemente dallo status dei genitori. 2. Garantire a tutti un livello minimo di protezione sociale in modo tale che, entro il 2015, i sistemi di protezione sociale saranno in grado di assicurare uno standard di vita decoroso a tutti i cittadini. In tal senso, le misure che raccomandiamo con decisione sono: garantire pensioni decorose, assegni per gli ammalati e un reddito minimo adeguato a chi non dispone di risorse sufficienti per permettersi condizioni di vita dignitose. 3

4 3. Aumentare la fornitura di servizi sociali e sanitari garantendone l'accesso paritario (relativamente alla disponibilità e ai costi di servizi di alta qualità) a tutti entro il Le misure che raccomandiamo con decisione sono: aumentare del 50% la disponibilità degli alloggi popolari in Europa e riconoscere e sostenere le cure domestiche come servizio sociale a tutti gli effetti. 4. Garantire un lavoro decoroso a tutti e far scendere la disoccupazione sotto il livello del 5% entro il Le misure raccomandate: garantire un accesso paritario alla formazione professionale, all'apprendimento permanente e ad altri percorsi utili a trovare occupazione e offrire occupazione sociale a chi necessita di un tipo speciale di protezione. In tutti questi campi, verrà dedicata particolare attenzione ai gruppi esclusi: migranti, minoranze etniche, chi ha contratto il virus dell'hiv-aids e persone con disabilità. Offriamo il nostro totale sostegno a quanti agiranno a favore del raggiungimento di questi obiettivi». EMERGENZA ALLUVIONE PAKISTAN Fonte Caritas Italiana Caritas Diocesana Passano le settimane, ma in Pakistan aumentano i bisogni, le vittime e le zone colpite. Le alluvioni del mese di agosto hanno provocato il peggior disastro a memoria d'uomo nel paese. I morti sono migliaia, le persone colpite circa 20 milioni. Abitazioni distrutte, perdita di raccolti e capi di bestiame, vie di comunicazione interrotte e rischio epidemie per la mancanza di acqua potabile e le difficili condizioni igienico-sanitarie. Un emergenza che a detta di tutti gli esperti e del Segretario Generale dell ONU Ban-Ki-Moon è peggiore dello tsunami del 2004 e del terremoto di Haiti del gennaio scorso. Circa un quinto del paese è sommerso dall acqua, interi villaggi sono stati spazzati via. Preoccupazione destano anche le notizie secondo cui i grandi proprietari terrieri per salvare le proprie terre starebbero cercando di deviare artificialmente il corso dei fiumi, mettendo così in pericolo molti piccoli villaggi rurali. Particolarmente critica è la situazione dei cristiani che si trovano a dover fronteggiare, oltre il disastro naturale, anche la discriminazione da parte degli estremisti islamici che spesso impediscono loro di beneficiare degli aiuti alla popolazione. In un contesto così difficile Caritas Pakistan, con il sostegno delle altre Caritas, tra cui Caritas Italiana, continua a lavorare per rispondere in maniera efficace e mirata ai bisogni di un contesto che evolve continuamente. Per questo ha avviato un piano di aiuti per sei mesi a beneficio di persone appartenenti soprattutto alle fasce più vulnerabili, che ricevono, con un costo pari a 10,6 milioni di euro. L'intervento prevede la distribuzione di cibo, tende, medicinali, oltre che assistenza sanitaria e infrastrutturale. 4

5 Sin dall'inizio di questa emergenza la Conferenza Episcopale Italiana si è attivata stanziando un milione di euro e invitando le comunità ecclesiali alla preghiera e al sostegno delle iniziative di solidarietà promosse dalla Caritas Italiana. In particolare il nostro Cardinale Arcivescovo ha sollecitato l impegno della comunità cristiana torinese già dalla seconda metà d agosto. Nello specifico Caritas Italiana da anni è accanto a Caritas Pakistan con aiuti strutturali, interventi di promozione del microcredito e di integrazione sociale, mobilitazione nelle purtroppo ricorrenti calamità naturali. Caritas Italiana ha prontamente lanciato un appello e sta concentrando gli aiuti su famiglie, circa persone, in cinque diocesi colpite (Multan, Quetta, Faisalabad, Rawalpindi/Islamabad e Hyderabad), alle quali distribuisce tende, cibo, articoli non alimentari di prima necessità e garantisce assistenza sanitaria e medica. Accanto al Pakistan, anche l India e la Cina sono state colpite dall inondazione. Nel Kashmir indiano, secondo fonti sul posto, le vittime sarebbero circa 450. La notte del 7 agosto si è abbattuta sulla città di Leh un'onda di fango alta più di tre metri che, in soli 20 minuti, ha distrutto case, strade, vie di comunicazione, mezzi di trasporto. Il tutto in una regione già particolarmente povera. Queste condizioni e la difficoltà nelle comunicazioni hanno permesso a Caritas India di mettersi in contatto con le Caritas diocesane del Kashmir solo alcuni giorni dopo. Testimonianze raccolte parlano di «una distruzione immane e piani bassi delle case completamente sommersi dal fango». In Cina le inondazioni hanno colpito diverse regioni, tra cui lo Yunnan ed il Gansu, dove una frana di rocce, terra e fango ha sommerso tre villaggi nella contea di Zhouqu. È stata colpita anche la regione al confine con la Corea del Nord. Qui le inondazioni hanno causato gravi danni nella città di Sinuiju, sul lato nordcoreano del fiume Yalu. Più contenuti i danni nella città cinese di Dandong, che è stata efficacemente protetta dagli argini innalzati a partire dagli anni '30, e che invece sul versante coreano sono stati smantellati nel corso degli anni. La rete Caritas sostiene anche queste due nazioni. 5

6 PAKISTAN Scheda Paese Il Pakistan si trova nell'asia centro-meridionale ad ovest dell'india ed a sud è bagnato dal Mar Arabico. Il territorio è abbastanza variegato, visto che si va dalle altissime vette del Karakoram a nord (col K2 che è la seconda montagna della Terra) all'ampia pianura dell'indo, fiume che attraversa da nord a sud tutto il Paese, fino alle catene montuose orientali, in prossimità dei confini con Afghanistan ed Iran. Superficie: Km² Abitanti: Densità: 192 ab/km² Forma di governo: Repubblica federale Capitale: Islamabad ( ab.) Altre città: Karachi ( ab.), Lahore ( ab.), Faisalabad ( ab.), Rawalpindi ( ab.), Hyderabad ( ab.), Multan ( ab.), Peshawar ( ab.), Gujranwala ( ab.) Gruppi etnici: Punjabi 58%, Sindi 13%, Urdu 8%, Pathani 7%, Beluci 3% Monti principali: K m, Nanga Parbat 8125 m, Gasherbrum I 8068 m, Broad Peak 8047 m Fiumi principali: Indo 2200 Km (tratto Pakistano, totale 3180 Km), Sutlej 1450 Km (totale, compresi tratti indiano e cinese), Chenab 1200 Km (totale, compreso tratto indiano) Laghi principali: Tarbela Reservoir 250 Km² Clima: Arido - continentale Lingua: Urdu, Inglese (ufficiali), Sindi, Panjabi, Pashto Religione: Musulmana sunnita 85%, Musulmana sciita 10% Moneta: Rupia Pakistana Morfologia, orografia, idrografia e clima Il Pakistan comprende il Punjab occidentale e il Sind nel bassopiano dell'indo, il Belucistan a O e parte del Kashmir a NE. Il Punjab e il Sind, pianeggianti, sono il cuore economico e culturale del paese. Montuose le altre regioni: a N il Pakistan si estende su parte dell'hindukush (Tirich Mir, m) e a NE si eleva il K2 (8.611 m), la vetta più alta del Karakoram. L'Indo costituisce l'asse idrografico del paese. Il Punjab è attraversato da cinque suoi tributari di sinistra: Sutlej, Beas, Ravi, Chenab, Jhelum. Punjab e Sind, a latitudine subtropicale e tropicale, hanno caratteri continentali; il Belucistan è molto arido; la regione settentrionale ha un clima di tipo alpino. Popolazione Al momento dell'indipendenza (1947) la frizione tra indù e musulmani culminò nel trasferimento di circa 17 milioni di persone (i musulmani verso il Pakistan e gli induisti verso l'india). Negli ultimi decenni l'incremento demografico è stato notevole: dai 65 milioni di abitanti del 1972 si è passati a 115 milioni nel 1993, con una crescita annua tra le più rapide al mondo. La popolazione rurale è circa il 66% (2004). Condizioni economiche L'economia risente negativamente dell'instabilità politica e degli ampi squilibri fra le classi sociali. L'agricoltura ha raggiunto l'autosufficienza in alcune produzioni (frumento, riso, zucchero) grazie a imponenti opere idrauliche, ma la persistenza del latifondo rende la produttività del settore non ancora soddisfacente. Le risorse minerarie sfruttate sono scarse; la maggior parte delle industrie tratta prodotti agricoli (cotone, zucchero, tabacco). Storia: la nascita dello Stato indipendente Il Pakistan sorse nel 1947, insieme all'unione Indiana, dalla dissoluzione del dominio britannico nel subcontinente indiano. Le ragioni che portarono alla sua nascita hanno radici remote. Prima della conquista britannica nel XIX secolo, infatti, l'india era stata a lungo dominata da potenti dinastie musulmane le quali avevano consolidato nel paese una forte componente islamica, in rapporti 6

7 tendenzialmente conflittuali con la maggioranza della popolazione, di religione induista. Il contrasto tra le due comunità si protrasse durante la dominazione britannica e segnò gli anni della lotta di liberazione. Sicché al momento dell'indipendenza, in un contesto di gravi violenze, nacquero non uno, ma due nuovi Stati: l'unione Indiana, a maggioranza indù, e il Pakistan, a maggioranza musulmana. Politica interna e conflittualità regionale Al momento della sua nascita il Pakistan comprendeva due nuclei territoriali distinti: il Pakistan occidentale e il Pakistan orientale, formato dalle province musulmane del Bengala. Queste ultime, attraverso una breve guerra, si separarono dal Pakistan occidentale (l'attuale Pakistan) nel 1971, dando vita al Bangladesh. Sul piano della politica estera, il Pakistan ha intrattenuto rapporti assai conflittuali con l'unione Indiana, in particolare per il controllo del Kashmir. Questa conflittualità, divenuta guerra aperta nel 1948 e nel 1965, ha raggiunto uno dei punti più alti alla fine degli anni Novanta, quando i due paesi effettuarono test nucleari, minacciando in tal modo la possibilità di una guerra atomica. In politica interna, il Pakistan - costituitosi in Repubblica islamica dal ha conosciuto lunghi periodi di instabilità, ripetuti colpi di Stato militari, deboli tentativi di modernizzazione dall'alto, fragili esperimenti riformatori, il tutto nel quadro di gravi contrasti etnici e religiosi e di una crescente islamizzazione della società, che si è ulteriormente acuita, nonostante gli sforzi del governo, dopo gli attentati terroristici dell'11 settembre 2001 contro gli Stati Uniti. In seguito a tali attentati il Pakistan è stato spinto dagli Stati Uniti a interrompere l'assistenza ai taliban in Afghanistan, sostenuti fin dalla loro presa del potere (1996) dai servizi segreti Pakistani, per diventare nel 2004 uno dei principali partner degli Stati Uniti al di fuori della NATO. Patrimonio mondiale dell'umanità UNESCO Rovine di Moenjo-Daro (1980); rovine buddiste di Takht-i-Bahi e resti di Sahr-i-Bahlol (1980); rovine di Taxila (1980); forte e giardini di Shalimar a Lahore (1981); monumenti storici di Thatta (1981); forte di Rohtas (1997). Cronologia dalla nascita a Zardari 1947 Nasce lo Stato musulmano del Pakistan Guerra con l'india per il Kashmir 1956 Varo della prima Costituzione, che proclama il Pakistan Repubblica islamica Dittatura militare 1965 Nuovo conflitto con l'india Governo di Z.A. Bhutto 1971 Secessione della regione orientale: nasce il Bangladesh Dopo un nuovo colpo di Stato s instaura la dittatura del generale M. Zia ul-haq ( ) 1998 Il governo di M.N. Sharif (n. 1949) introduce la sharia 1999 Il potere ritorna ai militari con il golpe del gen. P. Musharraf 2001 Dopo l'11 settembre il Pakistan prende le distanze dal regime taliban in Afghanistan e si schiera con gli USA 2007 La leader dell'opposizione B. Bhutto viene uccisa in un attentato a Rawalpindi 2008 Il 6 settembre viene eletto presidente A.A. Zardari, copresidente del Partito del popolo pachistano e vedovo di B. Bhutto (fonte 7

8 EMERGENZA TERREMOTO HAITI: AGGIORNAMENTO OTTOBRE 2010 Fonte Caritas Italiana Caritas Internationalis Caritas Diocesana Un epidemia di colera sta colpendo Haiti, già duramente provata dal sisma del 12 gennaio. L Onu teme una crisi su scala nazionale con decine di migliaia di contagi. Circa 300 sono al momento i morti e i ricoveri sono oltre 3500 (dati dell Organizzazione Mondiale della Sanità). Il network internazionale delle Caritas presenti nel paese, tra cui Caritas Italiana e la stessa Caritas Haiti, hanno avviato nuovi interventi per far fronte a questa ulteriore urgenza. In particolare viene distribuita acqua potabile, insieme a kit d igiene e cucina e, soprattutto, è stata avviata una campagna di informazione sulle misure di prevenzione. Il colera s inserisce in una situazione già fortemente grave. Nove mesi dopo il terremoto che ha causato la morte di oltre persone, Haiti sta ancora attraversando una profonda crisi umanitaria che tocca i diritti umani di chi è stato sfollato a causa dalla tragedia, così sostiene Walter Kaelin, Rappresentante del Segretario Generale dei Diritti Umani degli Sfollati dopo il suo ritorno ad Haiti; e prosegue stando alle stime, un milione e trecento mila persone, tra chi ha perso la casa durante il terremoto e chi è sfuggito all estrema povertà, vivono tuttora in campi provvisori a Port-au-Prince e dintorni. Con queste premesse, Haiti, si avvia verso elezioni presidenziali previste per il 28 novembre prossimo che potrebbero però slittare proprio a causa dell epidemia di colera. Caritas Italiana, presente ad Haiti con tre operatori, prosegue nell impegno al fianco della popolazione colpita dal sisma e nell accompagnamento di Caritas Haiti. Finora ha impegnato 8 milioni di euro, oltre alla somma destinata all emergenza, di cui circa 5,4 milioni già ripartiti in progetti (alcuni avviati, altri già definiti, altri in corso di definizione). Dei circa euro offerti alla Caritas Diocesana di Torino dalla generosità dei cristiani della nostra diocesi, due terzi sono stati destinati ai progetti della rete Caritas mentre i restanti euro sono andati a sostegno dell ospedale camilliano di Port-au-Prince, la capitale di Haiti. 8

9 PROGETTI CARITAS REGALO DEL TRENTENNALE A partire dall occasione della celebrazione dei trent anni dalla costituzione di Caritas Diocesana a Torino è parso opportuno tradurre il ricordo della nostra storia in un segno concreto di prossimità ad alcune forme di povertà ed esclusione. Sono stati scelti quattro progetti in altrettante parti del mondo a cui offrire in sostegno parziale per la realizzazione delle attività o dei progetti ad hoc per un biennio (settembre 2010 giugno 2012). Attraverso i progetti offrire alle comunità parrocchiali occasioni di animazione alla carità che si apre fino al mondo. PRIMO PROGETTO COMPAGNI DI BANCO A POPESTI IN ROMANIA scolarizzazione minori rom presso la scuola professionale dei Giuseppini del Murialdo Dal 2008 la Caritas Diocesana sostiene l opera di un frate giuseppino torinese che si occupa dell inserimento scolastico di bambini e ragazzi rom all interno del percorso scolastico. In Romania il popolo Rom è più presente e discriminato che nel resto dell Europa e il lavoro di fratel Marco De Magistris è volto a dare ai minori rom la possibilità di ricevere un istruzione e a costruire legami di amicizia e condivisione fra allievi romeni e rom. Il progetto a giugno 2010 è giunto a seguire 70 ragazzi e conta una lista d attesa di altri 30 minori. SECONDO PROGETTO PANE ALLE FAMIGLIE A BETLEMME confezionamento e distribuzione di pane per famiglie povere a sostegno della attività svolta dai Salesiani della Scuola Professionale Betlemme, città cara a tutti i cristiani, si trova nel territorio dell Autorità Nazionale Palestinese, a pochi chilometri da Gerusalemme. La vita della popolazione di Betlemme, arabi in prevalenza musulmani ma anche cristiani, è sempre stata piuttosto faticosa, ma da quando è stato eretto il muro di divisione che separa lo Stato d Israele dai territori palestinesi le condizioni si sono ulteriormente aggravate: la difficoltà di spostamento verso Gerusalemme ha limitato la possibilità di lavoro e quindi sempre più famiglie si trovano in situazione di povertà tale da impedire anche di procurarsi il necessario per sopravvivere. I Salesiani, che gestiscono una scuola professionale, attraverso l attività del loro forno offrono alcuni posti di lavoro e la possibilità alle famiglie più bisognose di sfamarsi quotidianamente. La Caritas Diocesana sostiene con propri fondi questo progetto dal

10 TERZO PROGETTO PODILI IN INDIA (DIOCESI DI NELLURE) costruzione dell ospedale rurale sostenendo il progetto di VRO Italia La popolazione molto povera di questa zona nello Stato dell Andra Pradesh non può usufruire di alcun tipo di assistenza sanitaria in caso di necessità. L ospedale più vicino è a circa 80 chilometri e il viaggio è lungo e disagevole. Su un terreno messo a disposizione dalla Diocesi di Nellure, VRO Italia ONLUS, Organizzazione fondata dal gesuita belga Michael Anthony Windey specializzata nella costruzione di villaggi rurali, ha progettato un ospedale che possa venire incontro alle esigenze di cura degli abitanti, dotato di camere operatorie e un reparto maternità. QUARTO PROGETTO NAT ATITINGOU IN BENIN accoglienza e sostegno ai bambini stregone da parte della locale diocesi La Diocesi di Natitingou si trova nel nord ovest del Benin, piccola nazione africana affacciata sul Golfo di Guinea. Presso la tribù dei Baribà esiste una credenza secondo cui un bambino che venendo alla luce non mostra come prima parte del corpo la testa è un bambino stregone, che attirerà sulla famiglia e la tribù la sventura. Il destino di questi bambini è quindi tragico, l abbandono, la morte. Dall inizio del suo servizio apostolico il vescovo di Natitingou s impegna per offrire a questi piccoli la possibilità di una vita migliore: un équipe formata da alcune donne e da un sacerdote visita la tribù quando è previsto un parto per poter prendere con sé il bambino che dovesse nascere stregone. Il piccolo trova una nuova famiglia presso il vescovado, dove la comunità delle suore se ne prende cura e il Vescovo lo adotta, registrandolo all anagrafe come proprio figlio. COME CONTRIBUIRE Per sostenere i quattro progetti o uno solo di essi è possibile usare i consueti canali di Caritas Diocesana Torino, specificando nella causale regalo del trentennale o il nome del progetto che si vuole sostenere (Romania - rom, Betlemme - pane, India - ospedale, Benin bambini stregone): conto corrente postale numero , intestato Caritas Diocesana Torino; conto corrente bancario intestato ad Arcidiocesi di Torino Caritas: IBAN IT07Q ; versamento diretto in Ufficio, presso la Curia Arcivescovile in Via Val della Torre 3 a Torino (Chiesa del Santo Volto sulla Spina Tre ) nei giorni lavorativi dalle ore 9 alle ore 12,30. Per informazioni: Graziella Fallo, , 10

La Casa delle donne Benin

La Casa delle donne Benin La Casa delle donne Benin Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, di garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

SOGNI DA RIACCENDERE Benin

SOGNI DA RIACCENDERE Benin SOGNI DA RIACCENDERE Benin Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

FILIPPINE Rapporto delle attività a 2 anni dal tifone Haiyan/Yolanda

FILIPPINE Rapporto delle attività a 2 anni dal tifone Haiyan/Yolanda FILIPPINE Rapporto delle attività a 2 anni dal tifone Haiyan/Yolanda - 8 novembre 2015 - alzati e cammina (Lc. 5,23) Due anni fa il supertifone Haiyan (localmente conosciuto come Yolanda) proveniente dall

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2014/

SCHEDA PROGETTO QdF 2014/ SCHEDA PROGETTO PROMOTORE Persona Comunità Ente/Istituto Associazione cognome, nome denominazione (ente / associazione) posta elettronica sito web SEMI ONLUS info@semionlus.com www.semionlus.com Breve

Dettagli

PROGETTI INTERNAZIONALI PER COSTRUIRE SOLIDARIETÀ

PROGETTI INTERNAZIONALI PER COSTRUIRE SOLIDARIETÀ CARITAS DIOCESANA RIMINI PROGETTI INTERNAZIONALI PER COSTRUIRE SOLIDARIETÀ Ogni progetto deve diventare un percorso di solidarietà. La realizzazione dei progetti è una strada lungo la quale promuovere

Dettagli

Tre PROGETTI per HAITI

Tre PROGETTI per HAITI Tre PROGETTI per HAITI EMERGENZA HAITI p. 2 SAINT CHARLE A CROIX DES BOUQUES PROGETTO SOSTEGNO SCUOLA PRIMARIA p. 3 DAJABON PROGETTO CASA FAMIGLIA PER BAMBINI ORFANI p. 4 LÉ0GANE PROGETTO RICOSTRUZIONE

Dettagli

UN APPELLO PER LA SIRIA E PER I PROFUGHI SFOLLATI IN TURCHIA

UN APPELLO PER LA SIRIA E PER I PROFUGHI SFOLLATI IN TURCHIA UN APPELLO PER LA SIRIA E PER I PROFUGHI SFOLLATI IN TURCHIA (26 Novembre 2012) Sono sempre più drammatiche le condizioni in cui vive la popolazione siriana, in patria e nei campi profughi allestiti nei

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

ADOZIONI A DISTANZA India

ADOZIONI A DISTANZA India ADOZIONI A DISTANZA India Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

Il lavoro pastorale di Caritas diocesana

Il lavoro pastorale di Caritas diocesana Il lavoro pastorale di Caritas diocesana Caritas parrocchiali Per e con le Caritas parrocchiali cerchiamo di garantire un coordinamento, un confronto, un po di formazione, l organizzazione di incontri

Dettagli

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo

Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo Pensiamo che i bambini siano le persone più importanti del mondo IKEA Social Initiative è dalla parte dei bambini IKEA crede che la casa sia il luogo più importante del mondo e che i bambini siano le persone

Dettagli

La casa delle donne India

La casa delle donne India La casa delle donne India Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il Sole Onlus Il suo obiettivo è, fin da subito, di garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

NEPAL. Emergenza Terremoto. Aggiornamento n. 2. 27 Aprile 2015. In evidenza

NEPAL. Emergenza Terremoto. Aggiornamento n. 2. 27 Aprile 2015. In evidenza Emergenza Terremoto NEPAL Aggiornamento n. 2 27 Aprile 2015 In evidenza L UNICEF programma di raggiungere 2,8 milioni di bambini, il 40% dei 7 milioni di abitanti dei 35 distretti colpiti L UNICEF Nepal

Dettagli

Centro Missionario Diocesano - Trento

Centro Missionario Diocesano - Trento Centro Missionario Diocesano - Trento Così vicini eppur pur così lontani. Dare istruzione per creare futuro. I.R. Progetto Anno Pastorale 2007/2008 Ci scrive suor Rosetta: N oi suore della Provvidenza

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti Istituto d Istruzione Superiore Istituto Tecnico Turistico MATERIA: disciplina alternativa alla RC CLASSE IV Sezione I A.S. 2014/15 L educazione un processo continuo Educazione e comunicazione La comunicazione

Dettagli

Progetto n. K 162. Un Asilo per la St. Mary s School. Sultanabad - Warangal - Andhra Pradesh INDIA

Progetto n. K 162. Un Asilo per la St. Mary s School. Sultanabad - Warangal - Andhra Pradesh INDIA PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE CENTRO DI CULTURA E ANIMAZIONE MISSIONARIA UFFICIO AIUTO MISSIONI - SETTORE PROGETTI Via Mosè Bianchi, 94 20149 MILANO Tel.: 02-43.82.01 - e.mail: progetti@pimemilano.com

Dettagli

Sogni da riaccendere Benin

Sogni da riaccendere Benin Sogni da riaccendere Benin Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

La situazione del bambini in Nepal

La situazione del bambini in Nepal Istituto Figlie di Maria Ausiliatrice Economato Generale EMERGENZA NEPAL Incastrato tra l'alto muro del Himalaya e le giungle delle pianure indiane, il Nepal è una terra di cime innevate e sherpa, yak

Dettagli

FIORI CHE RINASCONO Etiopia

FIORI CHE RINASCONO Etiopia FIORI CHE RINASCONO Etiopia Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CHIESA E CRISI ECONOMICA: PRESTITO DELLA SPERANZA GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA PRESTITO DELLA SPERANZA Il Prestito della Speranza è una iniziativa della Chiesa Cattolica

Dettagli

POVERI INATTESI. Sempre più famiglie si rivolgono ai Centri Caritas

POVERI INATTESI. Sempre più famiglie si rivolgono ai Centri Caritas ANNO VI N. 2 17 GENNAIO 2010 POVERI INATTESI Sempre più famiglie si rivolgono ai Centri Caritas Poveri inattesi _ p.1 Haiti: un enorme catastrofe _ p.3 Corso problemi alcolcorrelati _ p.4 Per ricevere

Dettagli

il coraggio di diventare PICCOLI SEGNI DI SPERANZA IN MEZZO ALLE VULNERABILITÀ SOCIALI Caritas Diocesana Torino 2013-2014

il coraggio di diventare PICCOLI SEGNI DI SPERANZA IN MEZZO ALLE VULNERABILITÀ SOCIALI Caritas Diocesana Torino 2013-2014 il coraggio di diventare PICCOLI SEGNI DI SPERANZA IN MEZZO ALLE VULNERABILITÀ SOCIALI Caritas Diocesana Torino 2013-2014 29 marzo 2014: XXV Giornata Caritas La Chiesa di Torino sta lavorando sul tema

Dettagli

Centro Missionario Diocesano - Trento. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. I.R.

Centro Missionario Diocesano - Trento. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. I.R. Centro Missionario Diocesano - Trento I.R. Alla ricerca del bene comune. Crescere insieme oltre le visioni parziali. Progetto Anno Pastorale 2008/2009 ALLA RICERCA DEL BENE COMUNE! Ma cos è questo bene

Dettagli

ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso

ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso ADOZIONI A DISTANZA Burkina Faso Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

Progetto n. K 117. La scuola della Speranza. Assistenza ai bambini profughi provenienti dal Myanmar attraverso sostegni scolastici e socio-sanitari

Progetto n. K 117. La scuola della Speranza. Assistenza ai bambini profughi provenienti dal Myanmar attraverso sostegni scolastici e socio-sanitari PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE CENTRO DI CULTURA E ANIMAZIONE MISSIONARIA UFFICIO AIUTO MISSIONI - SETTORE PROGETTI Via Mosè Bianchi, 94 20149 MILANO Tel. 02-43.82.01-e.mail: progetti@pimemilano.com

Dettagli

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: Prima C Unità 1 GLI STRUMENTI DI BASE Forma e misura della terra Le carte geografiche L informatica applicata

Dettagli

IL GEMELLAGGIO, ESPERIENZA DI CHIESA CHE SI FA PROSSIMA

IL GEMELLAGGIO, ESPERIENZA DI CHIESA CHE SI FA PROSSIMA IL GEMELLAGGIO, ESPERIENZA DI CHIESA CHE SI FA PROSSIMA «Penso che forse gemellaggi tra città, tra famiglie, tra parrocchie, potrebbero aiutare. Noi abbiamo in Europa, adesso, una rete di gemellaggi, ma

Dettagli

Gli interventi di Caritas Ambrosiana sul lavoro nel quadro del Welfare dell Italia. Stoccarda, 17 18 gennaio 2013

Gli interventi di Caritas Ambrosiana sul lavoro nel quadro del Welfare dell Italia. Stoccarda, 17 18 gennaio 2013 Gli interventi di Caritas Ambrosiana sul lavoro nel quadro del Welfare dell Italia Stoccarda, 17 18 gennaio 2013 Index Il Welfare Italiano (Mediterraneo) Il mercato del lavoro in Italia Gli interventi

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

New Education For Liberation

New Education For Liberation Cotronix O.n.l.u.s. New Education For Liberation Nuova educazione per l emancipazione Il Contesto d intervento: ORIGINI DEL PROGETTO: Il progetto nasce dalla necessità di intervenire a sostegno di un infanzia

Dettagli

Emergenza Ebola in Africa Occidentale: realtà, cause, conseguenze. Dati aggiornati al 21 novembre 2014

Emergenza Ebola in Africa Occidentale: realtà, cause, conseguenze. Dati aggiornati al 21 novembre 2014 Emergenza Ebola in Africa Occidentale: realtà, cause, conseguenze Dati aggiornati al 21 novembre 2014 15.531 casi 5.459 decessi 8 paesi colpiti: Liberia, Sierra Leone, Guinea (trasmissione intensa) Mali,

Dettagli

6-25062 CONCESIO (BS)

6-25062 CONCESIO (BS) PRESENTAZIONE Premessa Concorso nazionale per scuole primarie e secondarie di I e II grado d Italia Seconda edizione A.S. 2014/2015 Insieme per cambiare il mondo La prima edizione del concorso Cibo sano,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55 SCHEDA PROGETTO _55 PROMOTORE Persona Comunità Ente/Istituto X Associazione cognome, nome denominazione (ente / associazione) posta elettronica sito web Breve presentazione (mission, identità, attività,

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI

PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI PROGETTO ADOZIONI INTERNAZIONALI A DISTANZA ITALIA UGANDA GUIDA PER I SOSTENITORI Premessa L Uganda è il secondo Paese, in ordine cronologico, con cui Idee Migranti ha costruito rapporti di cooperazione.

Dettagli

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 Ass.N.A.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE ASSISTENTI SOCIALI MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 L Ass.N.A.S.- Associazione Nazionale Assistenti Sociali intende dare, con questo documento,

Dettagli

CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA

CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA CONGO, REPUBBLICA DEMOCRATICA LA DIFFICILE CONDIZIONE DEI BAMBINI E DELLE DONNE Benché gli intensi conflitti armati verificatisi su vasta scala nella Repubblica Democratica del Congo si siano attenuati

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

a favore Un testamento dei poveri

a favore Un testamento dei poveri a favore Un testamento dei poveri Un segno concreto per tutti i poveri Un testamento, perché? Un testamento sono le ultime parole, quelle decisive di una vita, quelle che fanno la differenza, quelle che

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania

Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania Fondazione AVSI www.avsi.org 20158 Milano Via Legnone 4 Tel. +39.02.67.49.881 - milano@avsi.org 47521 Cesena (FC) - Via Padre Vicinio da

Dettagli

I bambini di A.S.V.I. calendario 2015

I bambini di A.S.V.I. calendario 2015 I bambini di A.S.V.I. calendario 2015 Alcune foto degli 80 bimbi che abbiamo potuto curare e restituire alla vita. I volti di questi bambini sono un messaggio di speranza e ci ricordano che guarirli è

Dettagli

Allegato A. Integrazione della Programmazione annuale 2015 della. Giunta Provinciale riferita alle iniziative di solidarietà internazionale

Allegato A. Integrazione della Programmazione annuale 2015 della. Giunta Provinciale riferita alle iniziative di solidarietà internazionale Allegato parte integrante Integrazione della Programmazione annuale 2015 della Giunta Provinciale riferita alle iniziative di solidarietà internazionale Allegato A Integrazione della Programmazione annuale

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

Questa agenda è il segno di un aiuto concreto alla popolazione del Sahel, una regione dell Africa Occidentale dove la siccità e l aumento dei prezzi

Questa agenda è il segno di un aiuto concreto alla popolazione del Sahel, una regione dell Africa Occidentale dove la siccità e l aumento dei prezzi Questa agenda è il segno di un aiuto concreto alla popolazione del Sahel, una regione dell Africa Occidentale dove la siccità e l aumento dei prezzi del cibo hanno determinato una grave crisi alimentare.

Dettagli

Caritas Italiana Settembre 2013 VISITA CONGIUNTA CARITAS INTERNATIONALIS PROGETTO D EMERGENZA INSICUREZZA ALIMENTARE OCADES/CARITAS BURKINA

Caritas Italiana Settembre 2013 VISITA CONGIUNTA CARITAS INTERNATIONALIS PROGETTO D EMERGENZA INSICUREZZA ALIMENTARE OCADES/CARITAS BURKINA VISITA CONGIUNTA CARITAS INTERNATIONALIS PROGETTO D EMERGENZA INSICUREZZA ALIMENTARE OCADES/CARITAS BURKINA APPELLO D EMERGENZA 08/2012 Progetto di aiuto alimentare e nutrizionale alle popolazioni vittime

Dettagli

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011

Mani Unite. Unite Onlus. Sintesi attività 2011 Mani Unite Unite Onlus Presentiamo anche quest anno, come doverosa consuetudine, la sintesi delle attività realizzate nel corso del 2011 a favore dei bambini che soffrono ingiustizie, fame e carenze non

Dettagli

COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2011-2012

COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2011-2012 COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2011-2012 Una città dove anche un solo uomo soffre meno è una città migliore (Don Luigi Di Liegro) La Commissione CARITAS è riuscita, in quest anno, a portare

Dettagli

Sostegno a distanza SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE

Sostegno a distanza SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE SOSTEGNO A DISTANZA: IN COSA CONSISTE Sostegno a distanza Si é consolidata ed è in continua espansione una forma di solidarietà che è definita in diversi modi: adozione a distanza, sostegno a distanza,

Dettagli

PROGRAMMA DI PURIFICAZIONE DELL ACQUA, ANDHRA PRADESH, INDIA

PROGRAMMA DI PURIFICAZIONE DELL ACQUA, ANDHRA PRADESH, INDIA CONTATTI PER SCHOOL FOR CHILDREN ONLUS: VIA COSENZ, 35 20 158 - MILANO TEL: (+39) 02 39325823 FAX: (+39) 02 39315769 (DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ DALLE ORE 9.30 ALLE 13.30) E-MAIL: info@schoolforchildren.org

Dettagli

Progetto Casa Pangea Calcutta. Report semestrale Gennaio-Giugno 2015

Progetto Casa Pangea Calcutta. Report semestrale Gennaio-Giugno 2015 Progetto Casa Pangea Calcutta Report semestrale Gennaio-Giugno 2015 Sommario 3 Introduzione 5 Programma di supporto e riabilitazione fisico-mentale 5 Supporto medico 5 Accesso alle agevolazioni statali

Dettagli

PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE CENTRO DI CULTURA E ANIMAZIONE MISSIONARIA UFFICIO AIUTO MISSIONI - SETTORE PROGETTI

PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE CENTRO DI CULTURA E ANIMAZIONE MISSIONARIA UFFICIO AIUTO MISSIONI - SETTORE PROGETTI PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE CENTRO DI CULTURA E ANIMAZIONE MISSIONARIA UFFICIO AIUTO MISSIONI - SETTORE PROGETTI Via Mosè Bianchi, 94 20149 MILANO Tel. 02-43.82.01-e.mail: progetti@pimemilano.com

Dettagli

Come strutturare una Unità di Apprendimento di geografia regionale

Come strutturare una Unità di Apprendimento di geografia regionale Cristiano Giorda Università di Torino Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento Interateneo Territorio AIIG- Sezione Piemonte cristiano.giorda@unito.it Come strutturare una Unità di Apprendimento

Dettagli

Salésiennes de Don Bosco - FMA HAITI PER CRESCERE BENE BISOGNA NUTRIRSI BENE! "Un sorriso tira l'altro"

Salésiennes de Don Bosco - FMA HAITI PER CRESCERE BENE BISOGNA NUTRIRSI BENE! Un sorriso tira l'altro Salésiennes de Don Bosco - FMA HAITI PER CRESCERE BENE BISOGNA NUTRIRSI BENE! "Un sorriso tira l'altro" Per crescere bene bisogna nutrirsi bene! CONTESTO Cinque anni fa il 12 gennaio del 2010, un violento

Dettagli

PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA. Galkayo, gennaio 2003

PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA. Galkayo, gennaio 2003 PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA Galkayo, gennaio 2003 commissione internazionale nord-est milano associazione di cultura e solidarietà PROPOSTA DI SOSTEGNO FINALIZZATO

Dettagli

I.R. Centro Missionario Diocesano - Trento

I.R. Centro Missionario Diocesano - Trento I.R. Centro Missionario Diocesano - Trento 2 ECCO LA MIA STORIA... Ho due fratelli e tre sorelle. Mio padre non aveva un lavoro fìsso e la mia mamma era semplicemente una casalinga. Oltre ad un pezzo di

Dettagli

Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo

Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo Stand Up 2009 Gli obiettivi del millennio Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo Caritas Diocesana - Foligno Stand Up 2009 Gli obiettivi del millennio 16/18 ottobre 2009

Dettagli

Una prima definizione del fenomeno

Una prima definizione del fenomeno Una prima definizione del fenomeno " dovrebbero essere definiti poveri quegli individui, famiglie e gruppi di persone le cui risorse materiali, culturali e sociali sono così limitate da escluderli dallo

Dettagli

progetti@fondazionethouret.org segreteria@fondazionethouret.org www.fondazionethouret.org

progetti@fondazionethouret.org segreteria@fondazionethouret.org www.fondazionethouret.org SCHEDA PROGETTO QdF 2015/50 PROMOTORE Persona Cognome, nome Denominazione (Ente / associazione) Posta elettronica Sito web Breve presentazione (missioni, identità, attività, ambiti e paesi di intervento..)

Dettagli

SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO

SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO - C è una domanda fondamentale da porsi, affrontando questi problemi: Le risorse del nostro pianeta sono sufficienti per fornire a tutti gli uomini una vita dignitosa? - Una possibile

Dettagli

Rete donna. rete donna rete donna rete. carta dei servizi

Rete donna. rete donna rete donna rete. carta dei servizi Rete donna rete donna rete donna rete carta dei servizi 2016 Carta dei servizi 2016 Indice Indice INTRODUZIONE P. 04 CARITAS DIOCESANA VERONESE ASSOCIAZIONE ONLUS SAN BENEDETTO P. 06 CENTRO DIOCESANO AIUTO

Dettagli

COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2014-2015

COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2014-2015 COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2014-2015 Chiediamo al Signore, per ognuno di noi, occhi che sanno vedere oltre l apparenza; orecchie che sanno ascoltare grida, sussurri e anche silenzi; mani

Dettagli

Progetto n. K 157 OSPEDALE DELLA SPERANZA

Progetto n. K 157 OSPEDALE DELLA SPERANZA PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE CENTRO DI CULTURA E ANIMAZIONE MISSIONARIA UFFICIO AIUTO MISSIONI - SETTORE PROGETTI Via Mosè Bianchi, 94 20149 Milano Tel.: 02-43.82.01 - e.mail: progetti@pimemilano.com

Dettagli

In viaggio verso i Balcani

In viaggio verso i Balcani In viaggio verso i Balcani estate 2008 Anna Cossetta caritas parrocchiale caritas diocesana delegazione regionale caritas nazionale caritas continentale caritas internationalis La rete Caritas nel mondo

Dettagli

PIANO CONTRO LA POVERTÀ

PIANO CONTRO LA POVERTÀ PIANO CONTRO LA POVERTÀ LE AZIONI DELLA REGIONE LAZIO PER CONTRASTARE ARE VECCHIE E NUOVE FORME DI VULNERABILITÀ ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ Finanziamento del progetto

Dettagli

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome.

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome. Realizzazione di un Laboratorio di Diagnostica avanzata nella città di Nampula in Mozambico nel quadro di un Programma di prevenzione e lotta all AIDS PROGETTO - NOTIZIE - COME ADERIRE E RIFERIMENTI PER

Dettagli

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano.

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano. IL MEDIO ORIENTE Medio Oriente è una denominazione convenzionale, di origine francese, che viene data all Asia occidentale, a quella parte compresa tra l Africa e l India. I suoi confini sono: A Nord il

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA ORGANIZZAZIONE OPERA DI PADRE MARELLA Fondo straordinario di solidarietà da destinare al servizio mensa ANTONIANO DEI FRATI MINORI Fondo straordinario di solidarietà

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE. Assistenza e riabilitazione disabili

PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE. Assistenza e riabilitazione disabili PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE CENTRO DI CULTURA E ANIMAZIONE MISSIONARIA UFFICIO AIUTO MISSIONI - SETTORE PROGETTI Via Mosè Bianchi, 94-20149 Milano Tel.02-43.82.01 - e.mail: progetti@pimemilano.com

Dettagli

PROGETTO MARY MATHA DISPENSARY

PROGETTO MARY MATHA DISPENSARY INDICE 1. H.H.P.P. ONLUS... 2 2. PROGETTO MARY MATHA DISPENSARY THULLUR ANDHRA PRADESH... 3 2.1. OBIETTIVI DEL PROGETTO... 3 2.2. COSTO COMPLESSIVO E DURATA DELL INTERVENTO... 3 2.3. BUDGET DI SPESA COMPLESSIVO...

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/ 6

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/ 6 PROMOTORE XPersona Comunità Ente/Istituto Associazione cognome, nome GABRIELLI MARINO denominazione (ente / associazione) posta elettronica SCHEDA PROGETTO 6 Parrocchia San Giovanni Battista MOYUTA - Guatemala

Dettagli

AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan. Rapporto Finale per:

AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan. Rapporto Finale per: AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan Rapporto Finale per: ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2040 GRUPPO MI 4 ANNO 2008/2009 Progetto Obiettivo del progetto Beneficiari diretti

Dettagli

cui si vorrebbero confondere le responsabilità di alcuni con il lavoro e il merito di moltissimi.

cui si vorrebbero confondere le responsabilità di alcuni con il lavoro e il merito di moltissimi. Santo Padre, ho il grande privilegio di presentarle gli ospiti che oggi affollano quest aula, venuti da ogni parte d Italia per incontrarla, ascoltarla e ricevere la Sua benedizione. Sono i volontari di

Dettagli

EMERGENZA SIRIA Il dramma umanitario

EMERGENZA SIRIA Il dramma umanitario PROGETTI EMERGENZA SIRIA Il dramma umanitario Portiamo aiuti nelle città di Damasco, Aleppo, Latakia e Knayeh WWW.PROTERRASANCTA.ORG Chi siamo Associazione pro Terra Sancta è l organizzazione non governativa

Dettagli

PROGETTO DI REALIZZAZIONE SCUOLA PRIMARIA BEATO GIOVANNI PAOLO II

PROGETTO DI REALIZZAZIONE SCUOLA PRIMARIA BEATO GIOVANNI PAOLO II DIOCESI DI ATAKPAME Comunità cristiana Beato Giovanni Paolo II PROGETTO DI REALIZZAZIONE SCUOLA PRIMARIA BEATO GIOVANNI PAOLO II Il Togo è uno dei paesi più suggestivi dell'africa Occidentale. Largo mediamente

Dettagli

Emergenza Costa d avorio Liberia. Il contesto

Emergenza Costa d avorio Liberia. Il contesto Emergenza Costa d avorio Liberia Il contesto La Costa d'avorio si trova sulla costa meridionale dell'africa occidentale e confina a nord con il Mali e il Burkina Faso, ad est con il Ghana e a ovest con

Dettagli

Progetto n. K 128. Una Scuola infermiere per il St. Vincent Hospital. Dinajpur BANGLADESH

Progetto n. K 128. Una Scuola infermiere per il St. Vincent Hospital. Dinajpur BANGLADESH PONTIFICIO ISTITUTO MISSIONI ESTERE CENTRO DI CULTURA E ANIMAZIONE MISSIONARIA UFFICIO AIUTO MISSIONI - SETTORE PROGETTI Via Mosè Bianchi, 94 20149 MILANO Tel.: 02-43.82.01 - e.mail: progetti@pimemilano.com

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS CENTRO DI ASCOLTO CARITAS PROGETTO OPERATIVO Parrocchia SS Pietro e Paolo TURATE Oggi le persone hanno più bisogno di ascolto che di parole. Soltanto quando diamo ascolto all altro con attenzione e non

Dettagli

PROGETTO DJAMBO. Il contesto

PROGETTO DJAMBO. Il contesto ATTIVITÀ 2008 1 Mani Unite, pur essendo una realtà giovane, è nata dall esperienza di solidarietà di persone che, da oltre vent anni, stanno contribuendo alla crescita di un paese, il Mozambico, oggi impegnato

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Nord Uganda. Tra emergenza e ricostruzione. Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum

Nord Uganda. Tra emergenza e ricostruzione. Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum Nord Uganda Tra emergenza e ricostruzione Interventi idrici nelle scuole del distretto di Kitgum 1 1. NORD UGANDA. IL CONTESTO DELL INTERVENTO. Ad un anno e mezzo dall avvio dei negoziati di pace tra il

Dettagli

PROGETTO Istruzione, salute e una famiglia per i bambini orfani di Ruhengeri

PROGETTO Istruzione, salute e una famiglia per i bambini orfani di Ruhengeri PROGETTO Istruzione, salute e una famiglia per i bambini orfani di Ruhengeri A) DATI GENERALI CONTESTO DI INTERVENTO: Repubblica del Rwanda, Distretto di Musanze-Ruhengeri, città di Ruhengeri e periferia

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2014/

SCHEDA PROGETTO QdF 2014/ SCHEDA PROGETTO QdF 2014/ PROMOTORE Persona Comunità Ente/Istituto Associazione cognome, nome NEW LIFE NUOVA VITA ONLUS denominazione (ente / associazione) posta elettronica sito web Associazione non lucrativa

Dettagli

PROGETTO: " LA SALUTE VIEN MANGIANDO" Sensibilizzazione e contrasto povertà

PROGETTO:  LA SALUTE VIEN MANGIANDO Sensibilizzazione e contrasto povertà PROGETTO: " LA SALUTE VIEN MANGIANDO" Sensibilizzazione e contrasto povertà Titolo idea: LA SALUTE VIEN MANGIANDO- Sensibilizzazione e contrasto povertà Sintesi del progetto: Il progetto prevede la realizzazione

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

IL PROGETTO: SOSTEGNO DEL CENTRO NUTRIZIONALE DEL ST. KIZITO CLINIC

IL PROGETTO: SOSTEGNO DEL CENTRO NUTRIZIONALE DEL ST. KIZITO CLINIC Il Germoglio Onlus, è un associazione senza scopo di lucro, costituita a San Marino nel settembre 2009. 18 sono stati i soci fondatori, contiamo ora oltre 110 iscritti (cittadini sammarinesi e italiani).

Dettagli

RAPPORTO DI MEDICI SENZA FRONTIERE. - Sintesi - Hati, sei mesi dopo il terremoto

RAPPORTO DI MEDICI SENZA FRONTIERE. - Sintesi - Hati, sei mesi dopo il terremoto RAPPORTO DI MEDICI SENZA FRONTIERE - Sintesi - Hati, sei mesi dopo il terremoto La risposta di MSF all emergenza: scelte, ostacoli, attività e finanziamenti Luglio 2010 A sei mesi dal terremoto che ha

Dettagli

Bambini Con Disabilità: Dall'Esclusione All'Inclusione. Gli Interventi AIFO

Bambini Con Disabilità: Dall'Esclusione All'Inclusione. Gli Interventi AIFO Bambini Con Disabilità: Dall'Esclusione All'Inclusione Gli Interventi AIFO I bambini con disabilità: dall'esclusione all'inclusione Il nuovo rapporto annuale dell'unicef sullo stato dell'infanzia nel mondo

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto R. Orlich - Gli interventi economici dei Comuni La legge regionale n. 6/06, relativa

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli