3DLPrinter 3DLPrinter-HD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3DLPrinter 3DLPrinter-HD"

Transcript

1 3DLPrinter 3DLPrinter-HD Nota Tecnica 06/14 File STL e supporti 2 Dicembre 2014

2 La stampa 3D e le sue diverse applicazioni La prototipazione rapida esiste da oltre vent anni ed è un processo in cui un singolo oggetto viene realizzato aggiungendo materiale strato su strato, seguendo un modello tridimensionale digitale. La prototipazione rapida viene anche definita stampa additiva. La tecnologia di prototipazione rapida oggi viene definita con il termine improprio di Stampa 3D, una definizione che spazia dalle stampanti hobbystiche, sino ad arrivare ai sistemi di rapid prototipyng e rapid manufacturing utilizzati a livello professionale e industriale. Si fa notare che le caratteristiche dei prodotti creati con le diverse tecnologie sono altrettanto eterogenei, cosi come lo è il risultato finale. In linea generale la prototipazione rapida si può suddividere in tre tecnologie che si differenziano per la materia prima di partenza: Solida: I dispositivi per la prototipazione rapida che impiegano componenti di partenza allo stato solido si suddividono nei modelli che impiegano una tecnologia basata sull incollaggio (LOM) o sull estrusione di un filo (FDM), quest ultime possono realizzare oggetti anche di discrete dimensioni, ma normalmente con bassa media risoluzione. Liquida: Nelle tecnologie a materiale liquido vi sono le stampanti che si basano sulla fotopolimerizzazione tramite lampade UV (DLP) o raggi laser (Galvanometriche), che consentono di realizzare oggetti minuti, ma con alta definizione. Sempre nella stessa tecnologia troviamo le stampanti che stampano a getto (Multijet modeling e Drop on demand) che possono realizzare oggetti anche di discrete dimensioni e con buona risoluzione (il costo però normalmente è elevato). Polvere: Nella tecnologia delle stampanti a polvere troviamo le stampanti basate sulla sinterizzazione laser selettiva (SLS), sia che utilizzano polimeri, sia che utilizzano metalli, oltre che le stampanti che usano polveri e legante. Anche in questo caso si possono realizzare oggetti di discrete dimensioni e con ottima risoluzione (il costo però normalmente è estremamente elevato). L impiego di una tecnologia piuttosto che l altra è una scelta da valutare secondo una serie di parametri che sono molto variegati: velocità di realizzazione del pezzo, costo finale, investimento necessario per la stampante, costo dei consumabili, resistenza e solidità dell oggetto stesso, la qualità superficiale e così via. Non esiste una tecnologia che sia migliore delle altre, per ogni applicazione va scelta quella più opportuna. E quindi fondamentale, capire le diverse tecnologie a disposizione oggi, le loro potenzialità e i loro limiti, per poter scegliere con accuratezza la tecnologia più idonea in base alle caratteristiche dell oggetto che si vuole stampare. Nella nostra nota tecnica prenderemo in considerazione la tecnologia a fotopolimerizzazione (stereolitografia) utilizzante dispositivi DLP, che è la tecnologia utilizzata nelle nostre stampanti della serie 3DLPrinter (3DLPrinter, 3DLPrinter HD e 3DLPrinter HD 2.0). Il Digital Light Processing (o DLP nell'acronimo inglese) è una tecnologia, di proprietà della Texas Instruments, applicata ai dispositivi che visualizzano immagini, come i videoproiettori di ultima generazione. Essa sfrutta un semiconduttore ottico per manipolare la luce digitale. Il microchip Pag. 2 di 20

3 DMD (Digital Micromirror Device) è ricoperto di milioni di specchi che si muovono indipendentemente l'uno dall'altro e che sono in grado di rappresentare al meglio ciascun pixel dell'immagine. Il risultato è una qualità di visione superiore alla tecnologia LCD con un alto rapporto di contrasto. Prototipazione rapida con tecnologia a fotopolimerizzazione (stereolitografia) La tecnologia si basa sull utilizzo di un materiale fotosensibile liquido (resina) che viene posto in un contenitore (vaschetta) e di un proiettore DLP collegato al computer, che proietta una dopo l altra le sezioni orizzontali dell oggetto che si vuole stampare. La luce viene proiettata nella resina facendola reagire e diventare solida strato dopo strato. Fig. 1 Rappresentazione schematica stampa stereolitografica Ogni strato (Layer) si forma sopra al precedente e costruisce l oggetto per processo additivo. Questa tecnica prevede tempi di stampa molto veloci che non dipendono dalla complessità e dal numero degli oggetti, ma solo dall altezza (diversamente dalla tecnologia laser che è legata al numero degli oggetti da stampare e dalle dimensioni). Fig. 2 Rappresentazione schematica dei layer Pag. 3 di 20

4 L importanza di un STL corretto per una buona stampa Per le nostre stampanti della serie 3DLPrinter abbiamo sviluppato il software Printer3DLP che può importare modelli in formato STL, il tipo di file più comune per la prototipazione rapida. Il formato STL utilizzabile può essere sia di tipo Binario che ASCII. Il formato STL definisce la superficie di un oggetto utilizzando triangoli. La maggior parte dei software CAD 3D può esportare direttamente l oggetto in formato STL o può disporre di strumenti per la sua conversione. E importante sottolineare che in fase di salvataggio, per non appesantire troppo il file, è consigliabile esportare l oggetto con un numero medio basso di triangoli. Nella figura seguente, a sinistra viene visualizzata la superficie parametrica di una sfera, mentre a destra viene visualizzata la stessa sfera, ma costituita da triangoli, così come viene generata nel formato STL. Fig. 3 Formato STL Come accade nella preparazione di un pezzo per una lavorazione con una macchina CNC, analogamente ci sono alcune semplici, ma importantissime considerazioni che devono essere fatte al fine di preparare correttamente un modello per una stampa 3D. Per garantire che il processo di stampa crei un oggetto perfetto, è importante adottare alcuni accorgimenti prima di avviare la stampa. Innanzitutto il modello deve avere un'unica superficie. Molte volte quando si realizza un modello, per facilità, lo si costruisce componendolo di decine o centinaia di pezzi separati, purtroppo questo approccio rende, il più delle volte, un modello non immediatamente utilizzabile per la stampa 3D. Regola numero 1 è creare un modello 3D che sia costituito da un'unica trama cioè da un'unica superficie. Per oggetti semplici questo non dovrebbe essere un grosso problema, per un oggetto complesso questo passaggio può richiedere molte ore se il modello non è stato originariamente pensato allo scopo di stamparlo in 3D. Se si ha un vecchio modello che si vuole assolutamente stampare, ci si dovrà armare di pazienza cercando di fondere vertici e spigoli fino a quando non si otterrà una solida rete contigua. Pag. 4 di 20

5 Altra cosa fondamentale è assicurarsi che non vi siano intersezioni tra le parti che compongono il modello, questo comporterebbe in fase di esportazione del file che alcuni triangoli (geometrie semplici in cui vengono scomposte tutte le figure complesse nella conversione in formato STL) potrebbero attraversarne degli altri, tagliandoli. Le geometrie dovranno perciò essere unite creando un unico solido. Regola numero 2 è dunque l eliminazione delle geometrie Intersecate. Infine, Regola numero 3: è molto importante che il modello 3D che si vuole stampare sia dotato degli opportuni supporti (esterni e interni), distribuiti per creare la struttura portante dell oggetto in fase di stampa. Quest ultima regola è forse la più difficile da capire ed applicare, ma con un pò di esperienza e con l aiuto di alcuni software, di cui parleremo in seguito, sarà tutto più facile. Fig. 4 Corretto STL Superficie parametrica e superficie rappresentata a triangoli Le figure seguenti indicano alcuni dei problemi più comuni nei file STL. Fig. 5 Errore Triangoli sconnessi vs triangoli connessi Fig. 6 Possibile errore Il vettore identifica l orientamento della normale alla superficie Pag. 5 di 20

6 Fig. 7 Errore Una superficie chiusa vs superficie con buchi L ultima operazione fondamentale da eseguire prima dell esportazione del file in formato STL è la funzione di unione booleana al fine di ottenere un unico solido ed un'unica superficie senza intersezioni. Fig. 8 Intersezione di due solidi vs unione booleana tra due solidi In sintesi, la prima operazione fondamentale sarà un attenta analisi del modello volta a capire il giusto orientamento da dare all oggetto ai fini della stampa 3D, la scelta del tipo di supporto da utilizzare e la loro disposizione. Infine, dopo che tutte le geometrie saranno state unite con una funzione di unione booleana, si potrà importare nel programma Printer3DLP il file in formato STL pronto per la stampa. Un ultima nota: una cavità completamente chiusa (come una sfera cava) inevitabilmente può intrappolare al suo interno, qualche piccola quantità di resina liquida in fase di stampa, per tale motivo è sempre meglio disegnare tali cavità con un paio di piccoli fori di scarico, uno per permettere la fuoriuscita della resina ed uno in posizione opposta per far si che non si crei depressione, in modo da favorire la fuoriuscita del liquido dall altro foro. Infine, è sempre importante tenere presente i vantaggi e le potenzialità della stampante 3D oltre ai suoi limiti, perché se si progetta un oggetto che presenta una struttura non conforme alla stampa in questione, ad esempio con troppe zone di discontinuità e quindi con troppi supporti da inserire, si rischierà una perdita di tempo e un consumo eccessivo di materiale. Le stampanti della serie 3DLPrinter possiedono notevoli potenzialità, ma anche dei limiti (come tutte le stampanti che utilizzano la stessa tecnologia) ed è fondamentale imparare a conoscerli se si vuol raggiungere un ottimo risultato finale. Pag. 6 di 20

7 Orientamento Dopo aver analizzato il modello 3D, controllando che la geometria sia corretta e che tutte le mesh (maglie di triangoli che rappresentano la superficie) siano collegate tra loro, è importante capire l orientamento ottimale da dare all oggetto per ottenere una buona stampa. Per capire come ruotare il modello 3D, bisogna considerare due concetti fondamentali: Utilizzare il minor numero di supporti possibile, sia per un risparmio di materiale, che per una veloce e più semplice eliminazione dei supporti dopo la stampa Diminuire la presenza di parti discontinue (isole) ed a 90 che necessitano di supporti Nel caso di una sfera, ad esempio, per la stampa è necessario solamente un supporto alla base. Questo perché, sezionando l oggetto con un piano orizzontale, non vengono riscontrate isole e la costruzione per strati orizzontali (Layer) avviene senza interruzioni. Fig. 9 In una sfera è necessario un solo supporto Se ci trovassimo a dover stampare un cilindro, come nella figura seguente, probabilmente d istinto metteremmo un solo supporto, sbagliando, perché l oggetto in questione contiene parti di modello a 90 che necessitano di adeguati supporti per potersi costruire correttamente. Fig. 10 Cilindro visto di fronte La scelta corretta vede l inserimento di più supporti, per garantire la costruzione della parte di cilindro posta a 90, come nella figura sottostante. Pag. 7 di 20

8 Fig. 11 Cilindro visto di lato ed in assonometria Nel caso di un cubo, con una semplice rotazione dell oggetto, riusciamo a diminuire i supporti fino ad utilizzarne uno solo. La costruzione avverrà per Layer senza discontinuità, perché non saranno più presenti parti del modello con angoli di 90. Fig. 12 Cubo corretto visto di fronte Fig. 13 Cubo con troppi supporti Di seguito, vediamo un altro esempio con due diverse geometrie. Fig. 14 Oggetto con parti a 90 Fig. 15 Oggetto con inclinazione maggiore di 90 Pag. 8 di 20

9 L oggetto della Fig. 14, nella parte sinistra, richiede supporti mentre l oggetto della Fig. 15 non li richiede (anche se, per rigidità costruttiva, sarebbe meglio metterne almeno uno all estremità). Un esempio più concreto, di quanto spiegato in precedenza lo possiamo vedere nelle figure sottostanti dove sono presenti due tipologie di anello con caratteristiche differenti. Nel primo caso, nella Fig. 16, l anello è composto da troppe geometrie con angolo minore di 90 (creazione di isole), questo richiederebbe una grande quantità di supporti oltre al fatto che la resa finale della stampa non sarebbe buona e potrebbe creare dei difetti. Nel secondo caso invece, il modello di Fig. 17 contiene parti con geometrie maggiori di 90 ed assenza di isole è quindi idoneo alla stampa senza la necessità di troppi supporti. Fig. 16 Oggetto non idoneo alla stampa Fig. 17 Oggetto corretto per la stampa Un esempio concreto di quanto detto Vediamo ora un caso reale con le diverse operazioni da svolgere per un orientamento ottimale ai fini di una buona stampa 3D: Fig. 18 Oggetto originale Pag. 9 di 20

10 Inizialmente si potrebbe pensare di orientare l oggetto in posizione orizzontale lungo gli assi x y, ma così facendo l intera geometria verrebbe posta a 90 e necessiterebbe di troppi supporti per la costruzione. Fig. 19 Orientamento orizzontale errato Si è deciso quindi di porlo in verticale (asse Z) e lungo l asse X poiché il movimento della vaschetta contenente la resina è lungo quest asse. Fig. 20 Orientamento verticale corretto Analizzando quest ultimo orientamento, si possono presentare diversi problemi: Buchi molto piccoli che potrebbero intrappolare la resina al loro interno. Griffe a 90. Parti discontinue (isole) che necessiterebbero di supporti interni all oggetto. Pag. 10 di 20

11 Fig. 21 Orientamento corretto Fig. 22 Evidenza di isole Per risolvere questi tre problemi si è deciso di inclinare l oggetto applicando due ulteriori rotazioni, la prima è un inclinazione rispetto all asse X per permettere alla resina di scorrere senza intrappolarsi nei fori presenti nell oggetto, oltre al fatto che le griffe in questo modo non sono più a 90, inoltre questo permette la creazione di supporti esterni evitando di rovinare l oggetto. La seconda ed ultima rotazione rispetto all asse Y permette invece l eliminazione di un ulteriore supporto (relativo all occhio). Fig. 23 Inclinazione in X Fig. 24 Inclinazione in Y A questo punto, provando a sezionare l oggetto con un ipotetico piano lungo l asse Z, scopriremo i punti e le zone che obbligatoriamente necessitano di supporti e provvederemo a crearli con il software CAD che preferiamo. Nelle figure che seguono abbiamo evidenziato le aree discontinue (isole) visibili sezionando il modello. Pag. 11 di 20

12 Fig. 25 Le aree discontinue (isole) sono state evidenziate con un rettangolo rosso Fig. 26 Evidenza dei supporti posti esternamente all oggetto In conclusione, il corretto orientamento dell oggetto ha permesso la costruzione di pochi e semplici supporti, che consentono di poter costruire anche i punti critici, ossia quelle parti dell oggetto che formano angoli minori di 90 rispetto al piano. Quest ultime creerebbero delle isole che non potrebbero essere stampate senza un adeguato supporto. E importante ricordare che l intersezione dei supporti con l oggetto deve poi essere unita con la funzione di somma booleana in unico solido in modo da creare un unica superficie. Pag. 12 di 20

13 Tipologie di supporti I supporti possono variare a seconda della dimensione e della forma dell oggetto, questi possono essere: Supporti cilindrici. Supporti conici, con base cilindrica ed un diametro non inferiore al millimetro. Supporti troncoconici, con base di diametro non inferiore al millimetro. Supporti con ramificazioni inclinate. Supporti con ramificazioni verso più punti. Di seguito possiamo vedere le diverse tipologie di supporto più utilizzate. Dimensione dei supporti Fig. 27 Vari tipi di supporto La dimensione del supporto è molto importante, perché ha una funzione strutturale. Il diametro del supporto non deve mai essere al di sotto di 1 millimetro, inoltre dovrà aumentare il suo diametro alla base in proporzione all aumentare dell altezza dell oggetto sempre per motivi strutturali. Solitamente se l altezza supera i 10 mm è consigliabile aumentare il diametro del supporto almeno a 2mm e oltre. E consigliabile fare sempre una prima prova di stampa, si consiglia di stampare nella prima prova circa layer, ossia la quantità minima necessaria per verificare l adeguatezza dei supporti creati. Se l oggetto viene costruito correttamente significa che i supporti riescono a reggere la struttura, se così non fosse, bisognerà aprire il file STL e modificare il diametro e la geometria dei supporti. Pag. 13 di 20

14 Intersezione tra supporto ed oggetto Dopo la creazione degli opportuni supporti, l operazione che segue, fondamentale per un buon risultato finale, è l unione booleana delle geometrie in un unico solido e quindi in un unica superficie. Per capire cosa succede all interno di due solidi intersecanti e di due solidi uniti con la funzione booleana abbiamo sezionato l oggetto con un piano lungo l asse Z. Fig. 28 Intersezione dei supporti con l oggetto Fig. 29 Unione booleana dei supporti con l oggetto Come si può notare, nella Fig. 28, le parti che costituiscono il drawing sono separate, mentre nella Fig. 29 il drawing è un tutt uno, cioè costituito da un unica superficie. Pag. 14 di 20

15 Software di editing del file STL Analisi con NetFabb Studio Spesso il modello 3D come detto in precedenza, contiene errori di vario genere. E possibile provare a correggere il file STL utilizzando uno dei molti software disponibili nel mercato. In questa nota tecnica prenderemo in considerazione uno dei più diffusi software disponibili, NetFabb Studio. Il software viene proposto in varie versioni: NetFabb Studio Basic questa versione è gratuita ed è adatta solo alla rotazione del disegno (e poco più). NetFabb Studio Private questa versione ha un costo molto contenuto e permette oltre alla rotazione anche la riparazione e la manipolazione del disegno. NetFabb Studi Professional questa versione ha un prezzo più sostenuto, ma consente la massima libertà nell editing oltre alla creazione dei supporti. La versione gratuita si può trovare nel DVD allegato alle nostre stampanti. Consigliamo vivamente però di acquistare ed utilizzare la versione Private che aiuta a risolvere la maggior parte dei problemi che si possono presentare nei file STL. Nella figura seguente riportiamo un esempio tipo ed i passi da eseguire: Importazione del modello STL nel software NetFabb Studio Private: verificare che non ci siano errori e che le superfici siano ben chiuse (se ci fossero errori verrebbe visualizzato un triangolo rosso con all interno un punto esclamativo). Fig. 30 Importazione modello con verifica possibili errori Fig. 31 segnalazione Errore Sezionamento del modello STL: Utilizzando lo strumento CutS l oggetto viene sezionato con un piano. Mentre si sposta il piano, si deve osservare con attenzione se vi sono parti discontinue che, senza un supporto, non potrebbero essere stampate, iniziando a valutare un possibile orientamento dell oggetto per diminuire la presenza delle isole e quindi dei supporti da creare. Questo per consentire un risparmio di materiale e di tempo. Pag. 15 di 20

16 Fig. 32 Visualizzazione sezioni (Cuts) Rotazione: agganciando l oggetto (Tasto destro del mouse) si può vedere l oggetto ruotato rispetto ai tre assi x y z, ciò consente di trovare il corretto orientamento in grado di ridurre la presenza di parti discontinue (isole) e parti che formano angoli minori od uguali di 90 rispetto al piano. Questa operazione può essere eseguita anche con un qualsiasi software CAD 3D. Fig. 33 Rotazione oggetto Nell esempio in questione, provando ad inclinare di circa 25 il modello, possiamo notare una diminuzione delle aree critiche ottenendo, quindi, anche una notevole diminuzione dei supporti necessari per una stampa corretta dell oggetto. Fig. 34 Oggetto inclinato Pag. 16 di 20

17 Creazione dei supporti Così come le Basi rappresentano le fondamenta di una costruzione, i Supporti rappresentano i pilastri portanti della stessa costruzione. In generale i supporti sono necessari su tutte le parti a sbalzo del modello 3D (le parti che si trovano su di un piano uguale a 90 ) e su tutte quelle zone di discontinuità, chiamate isole, che in fase di slicing ossia di sezionamento, non sono collegate tra loro. Vi sono due possibilità per poter creare i supporti corretti, la generazione automatica o la modellazione manuale. Tutti i sistemi CAD 3D contengono funzionalità utilizzabili per la generazione dei supporti. Tra i software esistenti che possono creare e gestire i supporti su un disegno 3D, noi consigliamo: Meshmixer (http://www.meshmixer.com/ ) per la creazione automatica Rhinoceros (http://www.rhino3d.com/ ) per la creazione manuale Quando ci si accinge a stampare un modello 3D con le stampanti della serie 3DLPrinter, si presuppone che si abbia a disposizione un file STL corretto e completo dei dovuti supporti. Se la stampa senza supporti può essere allettante, soprattutto per i modelli con una superficie piana, si tenga conto che i primi layer (strati più vicini alla base di costruzione) sono soggetti a restringimento e compressione e quindi è sempre meglio dotare il modello di adeguati supporti. Inoltre vi possono essere parti del modello sporgenti, dette anche a sbalzo, che in stampa richiedono sempre uno o più supporti. E importante comprendere la funzione dei supporti per il raggiungimento di un risultato ottimale, ed è importante comprendere anche che tutte le parti sporgenti interne ad una figura richiedono ugualmente dei supporti (supporti interni). Vediamo ora come creare supporti tramite i due software consigliati. Fig. 35 Supporti creati con Meshmixer Per la creazione automatica dei supporti è possibile usare il software Meshmixer: Pag. 17 di 20

18 Con la funzione analysis possiamo come prima cosa scegliere l orientamento più idoneo alla stampa, orientation. La funzione overhangs analizza il modello 3D in base alla tipologia di stampa definita (nel nostro caso sceglieremo la tecnologia DLP) ed evidenzia con un colore rosso tutte le parti che necessitano di un supporto strutturale. La funzione support generator crea i supporti necessari, da noi personalizzabili andando a modificare il valore di diversi parametri (diametro di base, forma, etc..) La funzione convert to solid unisce il modello ai supporti creati con una operazione booleana, operazione finale e fondamentale per la stampa corretta dell oggetto, perché le diverse parti che lo compongono devono essere unite in un unico solido. Fig. 36 Supporti creati con Rhinoceros Per la creazione manuale dei supporti è possibile usare il software Rhinoceros: Effettuare un Analisi preventiva delle possibili isole presenti nel modello 3D con il software Netfabb Studio, tramite la funzione Cuts. In sostanza il modello viene sezionato lungo l asse Z con un piano invisibile in modo tale da poter vedere le parti discontinue che necessitano di supporto. Successivamente si cercherà l orientamento più idoneo per ridurre il più possibile le aree critiche. Esportare il modello in formato STL e importare lo stesso nel software Rhinoceros dove vanno creati i supporti, prestando molta attenzione ad una buona intersezione con l oggetto e alla scelta della tipologia e dimensione del supporto. Applicare la funzione booleana a tutte le geometrie del modello 3D. Questa funzione è indispensabile per poter stampare in 3D l oggetto, è consigliabile farla utilizzando il software NetFabb Studio. Controllo finale con Printer3DLP Come verifica finale, dopo aver seguito tutte le indicazioni consigliate in precedenza, carichiamo (Load) il file STL nel software Printer3DLP, controllando con la funzione Slicer, la presenza di tutti i Layer in modo corretto. Pag. 18 di 20

19 Spostando il cursore, vedremo una sequenza di fotografie che rappresentano gli strati (layers) di costruzione, a partire dal Layer 0. Riportiamo due difetti tipo che possono essere riscontrati nella verifica finale: 1) Mancanza del Layer 0: in assenza del Layer 0 il file non può essere stampato in 3D Fig. 37 Mancanza del Layer 0 In questo caso consigliamo di accorciare leggermente i supporti (potrebbero esserci dei triangoli con alcuni difetti nel layer zero oppure non tutti i supporti partono dallo stesso piano); effettuando un taglio del drawing in modo da far risultare più alto il piano da cui partono i supporti si supera normalmente il problema. 2) Mancanza dell operazione booleana di unione dei volumi (mesh). Nelle figure che seguono si evidenzia il fatto che non è stata fatta la somma booleana dei vari solidi. Fig. 38 Mesh disconnesse e buchi presenti all interno dell oggetto A conclusione, si tenga presente la seguente regola fondamentale: Ottimo disegno STL = Pezzo perfetto Pag. 19 di 20

20 Robot Factory S.r.l. - Via Caltana, Mirano VE Tel - Fax: Mobile: P.IVA: Robot Factory S.r.l. reserves the right to make changes in specifications, materials and accessories without notice. No warranty is provided beyond that attached to the product. Robot Factory S.r.l. assumes no liability for any incidental or consequential, foreseeable or not, caused by misuse of its products. Pag. 20 di 20

Corso di Gioielleria con

Corso di Gioielleria con Corso di Gioielleria con Modellazione Anello Polpo con Aurelio Perugini Modellazione anello Polpo Pag. 1 Modellazione Anello Polpo Chi utilizza Rhinoceros da qualche tempo si sarà reso conto che, nonostante

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE SHAREBOT VOYAGER VER.0,1 30/01/2015

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE SHAREBOT VOYAGER VER.0,1 30/01/2015 MANUALE DI USO E MANUTENZIONE SHAREBOT VOYAGER VER.0,1 30/01/2015 pag 1 di 31 ATENZIONE! ShareBot voyager è una stampante 3D DLP certificata CE, che se usata correttamente è uno strumento per la realizzazione

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI 1. Proiezioni Assonometriche e ortogonali 2. Teoria delle proiezioni ortogonali Pag. 1 Pag. 2. 3. SCHEDE OPERATIVE SULLE PROIEZIONI

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni SWISS Technology by Leica Geosystems Leica Disto TM D Il multi-funzione per interni Misurare distanze e inclinazioni In modo semplice, rapido ed affidabile Leica DISTO D si contraddistingue per le numerose

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Teorema New Gestione condominio

Teorema New Gestione condominio Teorema New Gestione condominio manuale per l'utente 1 Indice Introduzione e condizioni di utilizzo del software La licenza d'uso Supporto tecnico e aggiornamenti I moduli e le versione di Teorema per

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica scanstation 2 ha portato la scansione laser a un livello più alto, grazie a un incremento di 10 volte della velocità

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli