Ingegneria dei Tessuti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ingegneria dei Tessuti"

Transcript

1 Ingegneria dei Tessuti Materiali e tecnologie per la realizzazione a ione di scaffold Pt.2 Lezione del 08/10/2012

2 Phase Separation Consiste nella creazione di matrici porose mediante smiscelazione termodinamica di un sistema polimero-solvente in due fasi distinte, una ricca in polimero e l altra laltra in solvente o miscele di solventi. Esistono due tipologie di separazione di fase: 1. Separazione di fase indotta chimicamente, Chemically Induced Phase Separation (CIPS). Un esempio di questo fenomeno è dato dalle tecniche di polimerizzazione di un monomero all interno di una soluzione o di una emulsione. In questo modo, la polimerizzazione riduce il contenuto di monomero, induce l insolubilità del polimero e, quindi, la separazione di fase. 2. Separazione di fase indotta fisicamente, la quale a seconda che la forza spingente sia di natura termica o diffusiva si indica come Thermally Induced Phase Separation (TIPS) o Diffusion Induced Phase Separation (DIPS). Nel caso di TIPS, si ha una diminuzione del potere del solvente variando la temperatura della soluzione; Nel caso di DIPS, si ha una variazione del potere del solvente mediante l introduzione in soluzione di un non solvente. Dopo la separazione della soluzione in una fase ricca in polimero ed in una ricca in Dopo la separazione della soluzione in una fase ricca in polimero ed in una ricca in solvente, il solvente e l eventuale non solvente (nel caso di DIPS) presenti in soluzione vengono rimossi per estrazione, evaporazione o sublimazione.

3 Phase Separation Meccanismi di separazione di fase: 1. Meccanismo di smiscelazione liquido-liquido, in cui si genera una fase ricca in polimero ed una ricca in solvente e la crescita e la coalescenza della fase povera in polimero provoca la formazione di una struttura porosa; 2.Meccanismo di smiscelazione solido-liquido, il quale ha luogo quando la temperatura è sufficientemente bassa da consentire il congelamento del solvente, per cui si forma solvente solido e fasi polimeriche concentrate. Dopo la rimozione del solvente liquido o congelato, rispettivamente, dalla soluzione smiscelata lo spazio rimanente sarà costituito da vuoti (pori). Esempio di separazione di fase

4 Phase Separation L architettura porosa generatasi deve essere accuratamente preservata per evitare che collassi in seguito alla rimozione del solvente. Esistono diverse tecniche in letteratura per conservare la struttura porosa ottenuta mediante separazione di fase: 1) Freeze-drying, consiste in una tecnica di rimozione dalla soluzione del solvente congelato (in seguito ad immersione del campione in azoto liquido) mediante un processo di sublimazione sotto vuoto. Se, invece, si aumentasse la temperatura per favorire l estrazione del solvente mediante evaporazione, si potrebbe generare una rimiscelazione della soluzione o una fusione della soluzione congelata, determinando così la distruzione della struttura porosa.

5 Phase Separation

6 Phase Separation

7 Phase Separation 2) Freeze-extraction, consiste nel fissare e rendere meccanicamente stabile la struttura porosa regolando opportunamente le condizioni di congelamento, in modo che nello stadio successivo di essiccamento non sia necessario procedere al freeze- drying. Schiuma in PLGA Questo metodo consiste nel congelare le soluzioni polimeriche (in genere il polimero è PLLA o PLGA) enella successiva immersionei in un bagno di non-solvente in modo da promuovere lo scambio tra solvente e non solvente ad una temperatura inferiore a quella di congelamento della struttura. In questo modo, il solvente viene estratto dalla matrice prima dello stadio di essiccamento. Successivamente, il polimero sarà circondato da non-solvente e, quindi, la sua ridissoluzione non sarà più possibile e lo stadio del freeze-drying sarà eliminato.

8 Phase Separation

9 Phase Separation 3) Immersion precipitation, è un metodo di estrazione del solvente simile al caso precedente (freeze-extraction). Consiste nell immersione della soluzione polimerosolvente in un bagno e di non solvente in condizioni isoterme e si lascia che il solvente diffonda nella soluzione. Le membrane vengono lasciate nel bagno per diversi periodi di tempo che vanno da ore a giorni. Le morfologie riscontrate sono globulari o leafy (a foglia), a seconda che la separazione di fase avvenga per smiscelazione liquido-liquido o solido-liquido rispettivamente. In generale è molto probabile comunque che in seguito alla separazione liquido-liquido abbia luogo un processo di smiscelazione solido-liquidoliquido che provveda a fissare la struttura ottenuta.

10 Phase Separation Lo studio della termodinamica e della cinetica di separazione di fase costituisce uno strumento indispensabile per analizzare l effetto dei diversi parametri sulla morfologia finale. I parametri che possono essere variati sono: Concentrazione di polimero; Tipo di solvente; Velocità di raffreddamento; Temperatura finale;

11 Phase Separation Un tipico diagramma di equilibrio (composizione/temperatura) per la separazione di fase liquido-liquido di un sistema binario (polimero/solvente) o pseudobinario (polimero/solvente/non solvente in cui la composizione di una delle tre componenti del sistema viene mantenuta costante) è rappresentato in figura: Upper Critical Solution Temperature (UCST) Lower Critical Solution Temperature (LCST) La curva interna alla lacuna di miscibilità è la spinodale, quella esterna la binodale. Al di sotto della curva spinodale vi è la regione di instabilità; Al di sopra di quella binodale vi è la regione stabile di soluzioni omogenee; Tra le due curve vi è la regione di metastabilità.

12 Phase Separation La separazione tra le due fasi, una ricca in polimero e l altra in solvente, può avvenire attraverso due distinti meccanismi: 1.Decomposizione binodale (nucleazione e crescita); 2.Decomposizione spinodale. Il primo processo, ossia di nucleazione e di crescita, avviene nella regione metastabile; il secondo, invece, ha luogo all interno della regione delimitata dalla curva spinodale (instabile). Le strutture ottenute mediante questi due meccanismi sono molto diverse tra loro. Infatti, la natura della morfologia sviluppata in seguito ad un processo di separazione di fase dipende dal particolare cammino di separazione di fase percorso nel diagramma termodinamico: A concentrazioni molto basse o molto alte di polimero, quest ultimo cristallizza direttamente dalla soluzione e le morfologie risultanti sono praticamente t dense;

13 Phase Separation Se la separazione avviene per DECOMPOSIZIONE SPINODALE (composizione critica), ossia la LLPS avviene prima della cristallizzazione del polimero, le strutture risultanti sono microporose fibrose (FMP).

14 Phase Separation

15 Phase Separation Il meccanismo di DECOMPOSIZIONE BINODALE può generare due diverse morfologie, dipendentemente dalla posizione rispetto al punto critico: Per concentrazioni di polimero minori della concentrazione critica, per raffreddamento nuclea una fase ricca in polimero. Raffreddando ulteriormente si ha cristallizzazione all interno della stessa fase, ottenendo strutture microporose globulari (GMP) (dimensioni intorno al µm). Per concentrazioni i di polimero maggiori i di quella critica, la fase ricca in solvente nuclea e la successiva cristallizzazione della fase ricca in polimero determina la formazione di una struttura a morfologia microporosa cell-tunnell (dimensioni superiori a 10 µm) (CTMP). GMP morphology CTMP morphology

16 Phase Separation Quindi, la sequenza di morfologie che dovrebbero ottenersi aumentando la concentrazione di polimero in sistemi i di soluzioni i binariei sono: DENSO GMP FMP CTMP DENSO Il range di concentrazione di polimero corrispondente a ciascuna di queste morfologie dipende dal diagramma di fase per ogni specifico sistema di soluzioni. Alcuni tipici diagrammi di fase sono mostrati in figura: La morfologia finale può essere modificata variando i seguenti parametri: (1) velocità di La morfologia finale può essere modificata variando i seguenti parametri: (1) velocità di raffreddamento; (2) temperatura finale del quench; (3) concentrazione di polimero; (4) struttura molecolare del polimero e (5) presenza di additivi.

17 Rapid Prototyping (RP) o Solid Freeform (SFF) Tecnologie basate su sistemi di elaborazione automatica delle immagini: CAD (computer-aided design): progettazione assistita al calcolatore; CAM (computer-aided manifacturing): fabbricazione assistita al calcolatore. Risonanza magnetica (Magnetic Resonance Imaging, MRI) Tomografia assiale computerizzata t (TAC). TAC La TAC esegue una stratificazione assiale dell oggetto in esame, sfruttando una sorgente a raggi x ed una serie di sensori. Sovrapponendo i vari strati attraverso algoritmi matematici opportuni si ha una descrizione completa del volume. Limitazioni nell uso della TAC a causa dell alta dose di radiazioni che possono essere nocive per l organismo. MRI La MRI si basa sullo stesso principio di ricostruzione delle immagini della TAC, ma usa radiazioni in forma di radio-onde, che comportano rischi molto minori e permettono di ottenere migliori risoluzioni, con l inconveniente, però, di tenere il paziente immobile per lungo tempo.

18 Rapid Prototyping (RP) o Solid Freeform Fabrication(SFF) Le tecniche RP si basano sulla costruzione degli oggetti strato per strato. Le tecniche di SFF sono tecniche di fabbricazione computerizzata che possono rapidamente produrre oggetti fisici tridimensionali altamente complessi utilizzando dati generati da sistemi CAD. Tali metodologie permettono di controllare con elevata precisione morfologia ed architettura finale dello scaffold, ma risultano molto costose. Le tecniche RP maggiormente utilizzate nel campo dell ingegneria dei tessuti sono: Sistemi basati sulla tecnologia a stampa (3D Printing); Sistemi basati sulla tecnologia laser (Stereolithography- ST- Selective Laser Sintering SLS); Sistemi basati sulla tecnologia dell estrusione (Fused Deposition Modelling FDM; Precision Extruding Manufacturing PEM).

19 Solid Free Form Consentono di predefinire al calcolatore la forma sia microscopica che macroscopica dello scaffold per ottenere il prodotto finito con le forme desiderate. Esempio: (a) Dati di esplorazione diagnostica mediante tomografia computerizzata (CT) di un paziente con difetto osseo; (b) Tali dati vengono utilizzati per creare un modello 3D al computer; (c) Il modello viene importato nel software del sistema RP per essere suddiviso in sottili strati orizzontali; (d) I dati suddivisi vengono inviati alla macchina RP come istruzioni; (e) La macchina RP costruisce lo scaffold strato per strato; (f) (g) La tecnologia RP produce eccellenti modelli per il trattamentott t di difetti ossei complicati;

20 Three-Dimensional Printing (3DP) 3DP è un processo basato sulla realizzazione di getti di solvente legante (binder) mediante l ugello di una testina di stampa su un letto di materiale polverizzato. a) Si distribuisce uno strato di polvere su un piano di lavoro; b) Si inietta un materiale legante sulla polvere, con una tecnologia simile alla stampa a getto d inchiostro; c) Il letto viene abbassato ad una distanza prefissata in modo da potervi depositare un nuovo strato di polvere sul quale viene iniettato il legante; d) Il processo viene ripetuto strato per strato finché non si ottiene la struttura tridimensionale desiderata; e) L oggetto viene estratto tt dal letto di polvere e la polvere in eccesso viene rimossa. VELOCITÀ DELLA TESTINA PORTATA DI INIEZIONE

21 Three-Dimensional Printing (3DP)

22 Rapid Prototyping (RP) o Solid Freeform Fabrication(SFF) VANTAGGI FORMA COMPLESSA; PROGETTI SU MISURA; ALTA PRODUTTIVITÀ con una minima forza lavoro; Strutture con una morfologia dei pori accurata e regolare; L ottimizzazione i i della progettazione del costrutto tt facilita l adesione e laproliferazione i cellulare e quindi la produzione di matrice extracellulare (ECM); CONDIZIONI DI PROCESSO; MICROSTRUTTURE ANISOTROPE

23 VANTAGGI Three-Dimensional Printing (3DP) La versatilità e la semplicità della tecnologia 3DP permette l utilizzo di un ampia varietà di biomateriali; Il 3DP operando a temperatura ambiente permette l utilizzo di materiali sensibili alla temperatura; La microstruttura dello scaffold può essere modulata variando la velocità di stampaggio e la velocità di efflusso del liquido legante, in modo da ottenere strutture altamente omogenee o matrici con un anisotropia strutturale controllata; possibilità di incorporare agenti biologici i i o farmaceutici: i SVANTAGGI bassa porosità: La dimensione dei pori dello scaffold dipende dal range dimensionale della polvere utilizzata e dalla distanza tra gli strati, quindi è limitata a dimensioni ridotte. Agenti porogeni; potenziale tossicità: 3DP utilizza spesso solventi organici tossici come leganti per dissolvere polveri polimeriche.

24 Three-Dimensional Printing (3DP) Indiretto Realizzazione di scaffold attraverso un processo indiretto di 3DP, nel quale viene stampato uno stampo e il materiale viene colato nelle sue cavità per superare le limitazioni del 3DP diretto. LIMITAZIONI 3DP 1) Dimensione dei pori Tipico spessore degli strati 150 µm o minore per massimizzare il collegamento tra gli strati; AGENTE POROGENO Tale aumento di spessore richiede una penetrazione verticale addizionale delle goccie di legante, problematica perchè la dimensione delle goccie è in genere ridotta (<70 µm) con una bassa energia cinetica per massimizzare l accuratezza e la risoluzione del processo. 2) L utilizzo della tecnologia diretta del 3DP richiede l uso di macchinari costosi, sistemi di controllo software e operatori esperti. Un approccio indiretto, in cui viene realizzato uno stampo con la tecnologia del 3D- Printing ed il materiale finale viene colato nelle cavità dello stampo può superare le limitazioni della tecnica diretta.

25 Three-Dimensional Printing (3DP) Indiretto Realizzazione dello stampo 1) Progettazione stampo ZIGOMO Tomografia computerizzata (TAC); Uno stampo virtuale viene definito attraverso elaborazione software CAD. 2) Uno strato di 100 µm di polvere di gesso setacciata viene spruzzato per ogni strato ed il legante stampa selettivamente la struttura. 3) Stampo in gesso imbevuto di PEG per: 1) facilitare la successiva rimozione dello scaffold dallo stampo; 2) aumentare la qualità superficiale i dello scaffold riempiendo i i pori superficiali; i 3) aumentare la resistenza dello stampo in gesso al colaggio del solvente.

26 Three-Dimensional Printing (3DP) Indiretto Realizzazione dello Scaffold Il PLGA viene dissolto in una miscela di cloroformio e metanolo; Saccarosio viene setacciato in particele di diametro µm per scaffoldvilli e µm per lo scaffold a forma di zigomo; La soluzione polimerica ed il saccarosio vengono colati nello stampo; Gli scaffold vengono asciugati; Il solvente viene rimosso attraverso freeze-dry; Lo stampo ed il saccarosio vengono rimossi simultaneamente attraverso l immersione in acqua dello stampo.

27 Three-Dimensional Printing (3DP) Indiretto La larghezza di ogni sporgenza è di circa 300 µm, circa 150 µm maggiore di quella progettata al CAD. A causa di ciò gli spazi tra le sporgenze risultano essere inferiori a quelli progettati, 700 µm invece di 850 µm. Stampo CAD Stampo realizzato Quando una gocciolina di liquido va ad impattarsi su uno strato di polvere libera essa decelera e si deforma da una sfera ad un disco di diametro maggiore, migra lateralmente nello spazio vuoto tra le particelle a causa della capillarità e dell angolo di contatto che tende a diminuire. Parametri per ridurre legante in posizioni laterali: angolo di contatto tra il liquido legante e la polvere solida; tensione superficiale del liquido;

28 VILLI Three-Dimensional Printing (3DP) Indiretto Micrografie SEM a differenti ingrandimenti degli scaffold realizzati (villi). Il diametro e lo spazio tra i villi verranno definiti attraverso lo spazio e le dimensioni delle sporgenze nella progettazione dello stampo. La sezione trasversale dello scaffold realizzato mostra un altezza dei villi di 1 mm ed una regione alla base dello scaffold uniforme. Le micrografie SEM mostrano g un architettura dei pori aperta, altamente interconnessa ed uniforme.

29 ZIGOMO Three-Dimensional Printing (3DP) Indiretto La struttura dello zigomo (b) viene ricostruita da immagini ottenute direttamente da un paziente attraverso CT (a). Scaffold per la sostituzione dello zigomo vengono ottenuti attraverso uno stampo che rappresenta il negativo del modello 3D (c,d). Con tale tecnologia di 3DP indiretta si possono ottenere PORI di dimensioni ottimali per la sostituzione del tessuto osseo: µm. La morfologia interna dei pori si presenta La morfologia interna dei pori si presenta altamente interconnessa e nel range dimensionale µm.

30 Bioplotter Consiste in un dosaggio tridimensionale di un polimero fuso, una soluzione polimerica o un idrogelo. Il materiale viene caricato in un estrusore e plottato attraverso un ugello, le cui dimensioni definiscono il diametro della fibra. La struttura può essere realizzata senza una struttura di supporto temporanea. 1) Gel termoreversibili 2) Materiali crosslinkabili PARAMETRI IMPORTANTI: viscosità del polimero; portata di materiale che esce dall ugello; velocità della testina di stampa; spessore di ogni strato stampato.

31 Bioplotter

32 Bioplotter

33 Confronto 3-D Bioplotting e 3D Printing Tecniche di 3DP e 3DBP per la realizzazione i di scaffold per la tissue engineering i realizzati in poliuretano biodegradabile. Progettazione CAD dello scaffold Le strutture filamentari sono distribuite in maniera parallela nel singolo strato e ruotate di 90 negli strati adiacenti. In questo modo è possibile ottenere scaffold per la tissue engineering con una porosità interconnessa, corrispondente agli spazi vuoti tra gli strati adiacenti di filamenti. L immagine CAD dell architettura dello scaffold è simile per entrambe le tecniche.

34 Confronto 3-D Bioplotting e 3D Printing Caratterizzazione i porosità interna In fig. è rappresentata la ricostruzione 3D di alcuni strati ottenuti attraverso analisi a raggi x della microtomografia computerizzata (μct). 3DP Le tecnologie di Rapid prototyping realizzano strutture con una porosità più chiusa rispetto al disegno CAD. I filamenti ottenuti in 3DP mostrano una forma rettangolare, mentre quelli realizzati con 3DBP mostrano una forma più o meno ovale. 3DBP

35 Stereolitografia Principio di base: fotopolimerizzazione di una resina fotosensibile mediante l energia di una radiazione elettromagnetica a frequenza ben definita. Resine di fotopolimeri : miscele di monomeri a basso peso molecolare capaci di reagire tra loro e formare lunghe catene polimeriche se vengono attivati da un fascio energetico compreso in uno specifico range di lunghezze d onda. Esistono due tipologie di macchinari per realizzare i processi di fotopolimerizzazione: I. raggio laser II. lampade schermate E bi i i i ll i d i di i h Entrambi i sistemi vengono collegati ad un sistema di scansione che permette l elaborazione grafica computerizzata dei dati puntuali attraverso una tecnica detta stereolitografia.

36 Stereolitografia Entrambe le tipologie si basano su fonti radianti pilotate da sistemi computerizzati che innescano le reazioni chimiche dei monomeri ad esse sensibili; Con l utilizzo del LASER si ottengono scaffold per la ricostruzione del tessuto osseo con porosità compresa tra 70 e 95% e controllo delle caratteristiche microscopiche fino a 70 micron. il metodo non è applicabile ad altri tipi di materiali quali metalli, ceramiche o altri compositi.

37 Stereolitografia Questa macchina consta di 4 parti fondamentali: 1. SERBATOIO riempito con diverse quantità di fotopolimero liquido; 2. PIATTAFORMA PERFORATA immersa nel serbatoio. Tale piattaforma può spostarsi verso l alto o verso il basso durante il processo di printing; 3. LASER a raggi UV; 4. Un COMPUTER che muove il laser e la piattaforma. Il fotopolimero è sensibile ai raggi UV, per cui quando i raggi toccano il fotopolimero questo si indurisce. Schematizzazione della tecnologia mediante laser

38 Stereolitografia

39 Stereolitografia Scelta limitatait t di biomateriali i fotopolimerizzabili i che presentano le caratteristiche richieste: biocompatibilità, biodegradabilità, stabilità meccanica PEG acrilato, PEG metacrilato, polissaccaridi tipo acido ialuronico e destrano. Dopo la realizzazione del prodotto, esso deve essere trattato in un forno a raggi ultravioletti per indurirlo, in modo tale che non rimanga alcuna resina liquida o parzialmente indurita. Infine, dopo il curing l oggetto viene sottoposto a trattamenti di finitura per levigare le irregolarità delle superfici.

40 Stereolitografia: Applicazioni Sviluppo del modello strutturale dell osso spongioso a) L oggetto richiesto viene creato al computer utilizzando una tecnica di modellazione 3D standard e poi convertito in formato STL che consiste nel suddividere l oggetto in una serie di strati sottili; b) All inizio del processo, l elevatore è posizionato giusto al di sotto della superficie della resina liquida. I raggi laser irradiano lo strato superiore della superficie della resina che immediatamente solidifica. c) L elevatore si abbassa e la resina viene sparsa di nuovo sulla superficie del serbatoio prima di una nuova scansione. In questo modo si realizzano strati solidi successivi che si uniscono tra loro per produrre un singolo oggetto solido.

41 Stereolitografia: Applicazioni Il laser è in grado di indurire la resina del 60%, il processo di indurimento viene completato all interno di una stufa a raggi ultravioletti; La risoluzione di questo processo è governato dalla dimensione del raggio laser (il diametro tipico è di circa 0,3 mm) e dal movimento verticale dell elevatore (circa 2,5 micron); Lo spessore minimo di ciascun strato è di circa 0,1 mm. Per questa applicazione specifica viene utilizzata una resina XB5154 di densità 1,1212 g/cm 3 e sono stati ti realizzati campioni i cubici i di dimensionii i 20 mm. Campioni realizzati mediante stereolitografia con diametro delle barre di 1 mm (70% di porosità) e 0,4 mm (95% di porosità). Quindi, la porosità dei campioni aumenta al diminuire del diametro delle barre che costituiscono il modello 3D.

42 Selective Laser Sintering (SLS) RAGGIO LASER DI CO 2 per sintetizzare in modo selettivo polveri di polimero o di un composito (polimero/ceramico, metallo multifase) per realizzare strati di materiale. Durante la fabbricazione, l oggetto è circondato e sostenuto da polvere non processata che deve essere rimossa dopo la fabbricazione. Porosità dovuta alle basse forze di compattazione della polvere La POROSITÀ degli oggetti realizzati mediante SLS può essere controllata variando i parametri di processo.

43 Selective Laser Sintering (SLS) Materiali più utilizzati sono: Nylon e suoi compositi; Sabbia; Cere; Metalli; Policarbonati; Policaprolattone (PCL). VANTAGGI 1. più economici delle resine utilizzate per il processo di stereolitografia; 2. non si utilizzano solventi tossici; 3. possono essere sintetizzati con laser a potenza relativamente bassa. SVANTAGGI 1. gli oggetti realizzati devono essere sottoposti ad un lungo raffreddamento all interno della macchina prima di poter essere rimossi; 2. i materiali esposti ai raggi laser possono essere soggetti a degradazione, scissione dei crosslinks e ossidazione.

44 Selective Laser Sintering (SLS) In figura sono riportate 2 immagini di scaffold fabbricati con la tecnologia SLS a partire da: elevato grado di POROSITÀ e di interconnessione dei pori. scaffold ALTAMENTE RIPRODUCIBILI se si controllano parametri di processo come la potenza del laser, la velocità di scansione e la temperatura del letto di polvere. DIMENSIONE DEI PORI dipende dalla dimensione delle particelle di polvere di partenza e dalla pressione di compattazione esercitata sul letto di polvere durante la deposizione degli strati.

45 SLS:Applicazioni Realizzazione di scaffold in PCL per la rigenerazione del tessuto osseo Scaffold porosi cilindrici (12,7 mm di diametro e 25,4 mm di altezza) sono stati progettati mediante software di modellazione solidi 3D; I progetti vengono poi esportati in formato file STL ed utilizzati per realizzare scaffold da polvere di PCL mediante SLS. La distribuzione dimensionale della polvere varia da 10 a 100 micron; La polvere viene preriscaldata a 49,5 C e soggetta a scansione laser (il diametro del raggio laser è di 450 micron) ad una potenza di 4,5 W e velocità di scansione di 1,257 m/s. Gli scaffold vengono realizzati strato per strato utilizzando strati di polvere di spessore di 100 micron; Gli oggetti prodotti vengono lasciati raffreddare all interno della macchina per circa 1 h; L eccesso di polvere viene rimossa mediante pistola ad aria compressa; Gli scaffold ottenuti hanno una porosità che varia tra 63 e 79%.

46 Fused Deposition Modelling (FDM) E una tecnica Rapid Prototyping che consente di realizzare scaffold 3D riproducibili, riassorbibili e con un network di pori totalmente interconnesso. Utilizza un piccolo estrusore a temperatura controllata per forzare un filamento di materiale termoplastico e depositare il polimero semifuso su una piattaforma con un processo che viene ripetuto strato dopo strato. LIQUEFIER L oggetto progettato viene quindi realizzato come prodotto tridimensionale grazie alla deposizione precisa di successivi sottili strati di estruso. Il percorso di deposizione ed i parametri di ogni strato dipendono da: materiale utilizzato; condizioni di fabbricazione; applicazione cui è destinato l oggetto; scelte del progettista.

47 Fused Deposition Modelling (FDM) Per costruire scaffold porosi, si applicano dei GAP di riempimento del percorso di scansione in modo da realizzare CANALI all interno dello strato costruito. Disposti in modo regolare, i canali sono interconnessi nelle 3 dimensioni. STEP 1) Si inseriscono i dati CAD in formato STL; STEP 2) Si suddivide il modello CAD in strati orizzontali; STEP 3) Si creano dei percorsi di deposizione per ciascun strato e si convertono in formato macchina del FDM; STEP 4) Processo del FDM con filamenti di materiale per costruire un oggetto tridimensionale mediante sovrapposizione di successivi strati 2D.

48 Fused Deposition Modelling (FDM) Lo spessore degli strati dipende dal diametro dell ago; Materiali termoplastici con buone proprietà di fusione viscosa; nell ambito dei biomateriali si utilizza molto il policaprolattone (PCL). Date le elevate temperature di processo, non è possibile incapsulare farmaci o fattori di crescita all interno del materiale; Relativa semplicità ed il mancato uso di solventi; Uno svantaggio di questa tecnica è che la dimensione dei pori lungo l asse x ed y dipende dallo spessore del materiale depositato. Inoltre, l apertura dei pori lungo le direzioni x ed y, è spesso occlusa da altro materiale depositato per unire strati consecutivi.

49 Fused Deposition Modelling (FDM) Strutture realizzate mediante FDM. In particolare, l ingrandimento mostra come i pori siano interconnessi in modo tridimensionale. La porosità può essere modellata cambiando una seria di fattori, quali: (1) angolo di deposizione; (2) lo spessore del materiale depositato; (3) lo spazio tra i cammini di deposizione.

50 FDM:Applicazioni PARAMETRI DI FDM Road Width (RW- spessore del cammino) è definito come il diametro della sezione trasversale circolare dei filamenti depositati; Fill Gap (FG- intervallo di riempimento) è la distanza orizzontale tra gli angoli di due filamenti adiacenti; Slice Thickness (ST spessore dello strato) èladistanzaverticale tra il centro di filamenti di strati adiacenti. a Le strutture ottenute sono molto simili alle strutture a nido d ape grazie alla sua disposizione regolare di pori identici. b

51 3 angoli 5 angoli FDM:Applicazioni In corrispondenza di pori interconnessi, le cellule sembrano crescere lungo le barre; Dopo 3 settimane di coltura, si osserva una crescita cellulare all interno dei pori con formazione di matrice extracellulare come guida; I risultati della semina degli osteoblasti sugli scaffold dimostrano la loro biocompatibilità per la formazione di tessuto duro. I risultati di questo studio mostrano che i fibroblasti umani colonizzano gli scaffold in PCL e formano un network interconnesso di cellule attraverso tutta l architettura a nido d ape dello scaffold;

52 Organ printing Tecnica di Rapid prototyping basata sulla deposizione strato per strato di cellule o aggregati di cellule in un gel. 1) Progettazione assistita al calcolatore (CAD) di organi specifici. 2) Realizzazione del costrutto 3D attraverso la deposizione strato per strato di cellule o aggregati di cellule in un gel termoreversibile 3) Bioreattori per accelerare la maturazione dell organo

53 ESEMPIO a) Modello di cell printer b) Cellule e endoteliali e bovine aortiche c) Spessore strati stampati d) Cell printer e) Testa di stampaggio dotata di 9 ugelli Organ printing

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi Enrico Boccaleri, Ph.D.,, Leonardo Maffia, Ing., Ph.D.,, Giuseppe Rombolà, Ph.D. info@novares.org

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine Straumann CARES CADCAM INDICE Offerta di materiali di prim ordine 2 Panoramica applicazioni 6 Caratteristiche e vantaggi Resina nanoceramica

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione O1 - LA RIFRAZIONE La luce, si sa, viaggia in linea retta. Detto così, sembra ovvio. Ma Prima di tutto, cos è la luce? In secondo luogo, come viaggia? In terzo luogo, proprio sempre in linea retta? Vediamo.

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI IT- Settore Tecnologico - B. FOCACCIA Salerno Piano dell Offerta Formativa 2011/2012 Presentazione del Progetto: DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI Referente Prof. Anna Maria Madaio Cosa

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica Raschiatori NBR/FPM DAS, DP6, DP, DP, DRS, DWR Guarnizioni a labbro NBR/FPM /, /M, /M, M, H, C Bonded seal NBR-metallo Guarnizioni a pacco in goa-tela TO, TG, TEO Guarnizioni per pistoni in poliuretano,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

Additivi per sistemi vernicianti a base acqua

Additivi per sistemi vernicianti a base acqua Substance for Success. Guida prodotto L-G 6 Additivi per sistemi vernicianti a base acqua Additivi per sistemi vernicianti a base acqua Indice Additivi bagnanti e disperdenti Pagina 3 Additivi reologici

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità La protezione delle culture agricole è la nostra specialità Ugelli antideriva ad aspirazione d aria ed accessori per irrorazione AirMix e TurboDrop i più conosciuti e diffusi nel mondo per la protezione

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

DIDATTICA DELLA CHIMICA

DIDATTICA DELLA CHIMICA DIDATTICA DELLA CHIMICA LEZIONE INTRODUTTIVA: Concetto di modello LEZIONE N 1 Domanda problema : se consideriamo un pezzo di legno, un mucchietto di sabbia, che aspetto hanno questi 2 tipi di materia?

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale rimanente naturale L archeologia e il tempo, Metodi di datazione 4-8 Maggio 2009, Peveragno (Cuneo) Parte I Magnetizzazione Rimanente Naturale S Magnetizzazione naturale rimanente in un campione di roccia

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo A prima vista: Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie Minimo utilizzo di metallo Generatore ad induzione da 3,5 kw per un riscaldamento estremamente veloce e per raggiungere alte temperature

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Tecnologia al Plasma delle Superfi ci

Tecnologia al Plasma delle Superfi ci Tecnologia al Plasma delle Superfi ci Ingegneria di precisione Femto Tecnologia dei semiconduttori Plasmabeam Tetra-30-LF-PC Ingegneria elettrica Elastomeri Tecnologia plastica Tecnologia medica Diener

Dettagli

MANUALE PER VETRATE ISOLANTI

MANUALE PER VETRATE ISOLANTI MANUALE PER VETRATE ISOLANTI INFORMAZIONI Le informazioni contenute nel presente documento sono presentate in buona fede in base alle ricerche e alle osservazioni della Dow Corning, che le considera accurate.

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature. Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità

LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature. Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità Indice pag. 02 LINEA SILANCOLOR pag. 10 SISTEMA SILANCOLOR pag. 15 SISTEMA

Dettagli

Scheda tecnica StoColor Puran Satin

Scheda tecnica StoColor Puran Satin Pittura bicomponente poliuretanica ad elevata resistenza, classe 1 resistenza all abrasione umida, classe 2 di potere coprente secondo EN 13300 Caratteristiche Applicazione Caratteristiche interni per

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE DI NEFELINA RAFFORZATE PER TEMPRA CHIMICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE DI NEFELINA RAFFORZATE PER TEMPRA CHIMICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA SETTORE MATERIALI TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA DEI MATERIALI SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com Manuale sull illuminazione UV La corretta illuminazione dei terrari è importante per il benessere degli animali da terrario e per il successo dell allevamento. In ciò rivestono particolare importanza determinate

Dettagli

TICONTROL MOD. DEP. attraversa il Livello per mezzo di viti. Attraverso una ricca. i nostri livelli riescono a soddisfare le esigenze più particolari,

TICONTROL MOD. DEP. attraversa il Livello per mezzo di viti. Attraverso una ricca. i nostri livelli riescono a soddisfare le esigenze più particolari, LV LIVELLI VISIVI SERIE MULTICONTR TICONTROL OL I Livelli Visivi danno la possibilità di controllare in ogni istante il livello del liquido in modo chiaro e preciso. Il principio utilizzato è quello dei

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli