Österreichisches Institut für Bautechnik Schenkenstraße 4 I 1010 Vienna Austria Tel Fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Österreichisches Institut für Bautechnik Schenkenstraße 4 I 1010 Vienna Austria Tel. +431 533 65 50 Fax +431533 64 23 mail@oib.or.at www.oib.or."

Transcript

1 Autorizzato e notificato conformemente all'articolo 10 della direttiva B9/106/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 per l'armonizzazione delle norme giuridiche e amministrative degli stati membri sui prodotti da costruzione Österreichisches Institut für Bautechnik Schenkenstraße 4 I 1010 Vienna Austria Tel Fax Benestare Tecnico Europeo (traduzione in italiano - la versione originale è in lingua tedesca) ETA- Nome commerciale Trade name Titolare del benestare Holder of approval Oggetto del benestare e finalità d'uso Generic type and use of construction product Validità dal Validity from al to Stabilimento di produzione Manufacturing plant Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Schmid screws RAPID, STARDRIVE and SP Schmid Schrauben Hainfeld GmbH Landstal Hainfeld Austria Viti autoperforanti da utilizzare nelle costruzioni in legno Self-tapping screws for use in timber constructions Schmid Schrauben Hainfeld GmbH Landstal Hainfeld Austria Il presente Benestare Tecnico Europeo comprende This European technical approval contains 36 pagine, compresi 10 allegati 36 Pages including 10 Annexes European Organisation for Technical Approvals Organizzazione Europea per il Benestare Tecnico Organisation Européenne pour l'agrément Technique

2 Pagina 2 I BASI GIURIDICHE E DISPOSIZIONI GENERALI 1 Il presente Benestare tecnico europeo (ETA, European technical approval) è rilasciato dall'istituto austriaco per le tecnologie della costruzione (, Österreichisches Institut für Bautechnik) in conformità con: 1.La direttiva 89/106/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 relativa all'armonizzazione delle disposizioni legislative e amministrative degli stati membri concernenti i prodotti da costruzione 1 (Direttiva Prodotti da Costruzione (CPD, Construction Product Directive)), così come modificata dalla direttiva 93/68/CEE del Consiglio del 22 luglio e dal Regolamento (CE) 1882/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 settembre ; 2.L'accordo ai sensi dell'art. 15a della Carta costituzionale austriaca sulla cooperazione nell'edilizia, Gazzetta Ufficiale austriaca. Per l'austria Inferiore n , in combinazione con il regolamento edilizio 1996 dell'austria Inferiore, GU austriaca n ; 3.Le regole procedurali comuni per la richiesta, l'elaborazione e il rilascio dei benestare tecnici europei ai sensi dell'allegato sulla decisione 94/23/CE della Commissione 4 ; 2 L'Istituto austriaco per le tecnologie della costruzione è autorizzato a controllare l'adempimento delle disposizioni del presente Benestare tecnico europeo. Tale controllo può essere effettuato presso lo stabilimento di produzione. Il titolare del Benestare tecnico europeo è tuttavia l'unico responsabile della conformità dei prodotti al Benestare tecnico europeo e della relativa idoneità alla finalità d'uso prevista. 3 Il presente Benestare tecnico europeo non può essere trasmesso ad altri, se non al costruttore indicato alla pagina 1 o al relativo rappresentante, né ad altri stabilimenti di produzione se non a quelli indicati alla pagina 1 del presente Benestare tecnico europeo. 4 L'Istituto austriaco per le tecnologie della costruzione può revocare il presente Benestare tecnico europeo, in particolare dopo una comunicazione della Commissione ai sensi dell'art. 5, paragrafo 1 della direttiva 89/106/CEE del Consiglio. 5 Il presente Benestare tecnico europeo deve essere riprodotto integralmente, anche in caso di trasmissione elettronica. La sua riproduzione parziale, tuttavia, è consentita previa autorizzazione scritta dell'istituto austriaco per le tecnologie della costruzione. Qualsiasi riproduzione parziale deve essere identificata come tale. I testi e i disegni degli opuscoli pubblicitari non devono essere in contraddizione con il Benestare tecnico europeo, né farne un uso improprio. 6 Il Benestare tecnico europeo viene rilasciato dall organismo di approvazione nella sua lingua ufficiale. Tale versione corrisponde a quella consegnata all EOTA. Le traduzioni in altre lingue devono essere identificate come tali Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee n. L 40 dell' , pagina 12 2 Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee n. L 220 del , pagina 1 3 Gazzetta ufficiale dell Unione europea n. L 284 del , pagina 1 4 Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee n. L 17 del , pagina 34

3 Pagina 3 II DISPOSIZIONI SPECIFICHE DEL BENESTARE TECNICO EUROPEO 1 Descrizione del prodotto e finalità d'uso 1.1 Descrizione del prodotto Le viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP sono viti autoperforanti per legno da costruzione con punta perforante, opzionalmente un compressore e/o una scanalatura, filettatura, gambo e testa della vite. Le viti sono fabbricate in speciale acciaio al carbonio e sono temprate. Hanno un rivestimento a basso coefficiente di attrito, sono zincate galvanicamente e con passivazione gialla o blu oppure hanno un rivestimento di zinco-nichel. I possibili diametri esterni della filettatura e la lunghezza totale delle viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP sono indicati nella tabella 1. Ulteriori grandezze sono presentate negli allegati da 0 a 5. Le rosette sono di acciaio al carbonio. Le dimensioni delle rosette sono indicate nell'allegato 6. Tabella 1: Possibili diametri esterni della filettatura e lunghezza totale delle viti Tipo di vite Diametro esterno della Lunghezza totale Schmid filettatura min. max. min. max. mm mm mm mm RAPID STARDRIVE SP Finalità d'uso Le viti fungono da dispositivi di fissaggio del legno per costruzioni in legno portanti/strutturali. La finalità d'uso prevista comprende fissaggi per i quali devono essere soddisfatte specifiche di solidità meccanica, stabilità e sicurezza nell'impiego, secondo i Requisiti essenziali 1 e 4 della Direttiva 89/106/CEE del Consiglio. Le viti sono utilizzate in costruzioni portanti in legno per fissare elementi strutturali di legno oppure questi elementi strutturali e parti di acciaio: - legno massiccio di conifera con classe di resistenza da C14 a C40 come da norme EN 338 e EN , - legno lamellare con classe di resistente GL24h o superiore come da norme EN 1194 e EN 14080, - legno multistrato impiallacciato come da norma EN 14374, - elementi costruttivi simili a legno lamellare in legno massiccio (per es. travi Duo e travi Trio) come da norma pren oppure le norme e le prescrizioni vigenti nel luogo di utilizzo, - legno lamellare a strati incrociati come da Benestare tecnico europeo oppure secondo le norme e le prescrizioni vigenti nel luogo di utilizzo. Le viti sono utilizzate anche per fissare i seguenti pannelli a base di legno agli elementi strutturali di legno suddetti: - legno compensato come da norme EN 636 e EN 13986, - pannelli di scaglie di legno a fibra lunga orientata (OSB) come da norme EN 300 e EN 13986, - pannelli di particelle di legno come da norme EN 312 e EN 13986, - pannelli di fibra di legno come da norme EN 622-2, EN e EN 13986, - pannelli in truciolato legato al cemento come da Benestare tecnico europeo oppure secondo le norme e le prescrizioni vigenti nel luogo di utilizzo. Il prodotto può essere esposto soltanto ad effetti statici e quasi-statici.

4 Pagina 4 Il prodotto è previsto per l'utilizzo nelle classi di utilizzo 1 e 2 come da norma EN Si devono osservare i regolamenti nazionali, vigenti nel luogo d'installazione delle viti, sulla considerazione delle condizioni ambientali. 1.3 Durata in servizio prevista I requisiti del Benestare tecnico europeo si basano sull'assunto di una durata in servizio prevista delle viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP di 50 anni, a condizione che siano osservate le raccomandazioni su imballaggio, trasporto e magazzinaggio, utilizzo, manutenzione e riparazione riportate nelle sezioni 4 e 5. Le indicazioni sulla durata in servizio delle viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP non devono essere interpretate come garanzia fornita da parte del costruttore o dell'organismo di approvazione. Devono essere considerate esclusivamente come strumento per scegliere il prodotto giusto, considerata la durata in servizio prevista ed economicamente adeguata. 2 Caratteristiche del prodotto e metodo di rilevazione Tabella 2: Caratteristiche del prodotto e metodo di rilevazione N. Proprietà del prodotto Metodo di rilevazione e valutazione Indicazione delle prestazioni (1) (2) (3) (4) Requisito essenziale 1: solidità meccanica e resistenza 1 Dimensioni Da Allegato 0 a Allegato 5 2 Momento caratteristico di snervamento Allegato 6 3 Parametro caratteristico di estrazione Allegato 6 4 Parametro caratteristico di trafilatura della Allegato 6 testa 5 Resistenza caratteristica alla trazione Allegato 6 6 Carico caratteristico di snervamento Allegato 6 7 Resistenza caratteristica alla torsione Allegato 6 8 Momento torcente di avvitamento Allegato 6 9 Distanza, distanze inizio-fine e distanze dal bordo delle viti e spessore minimo dei pannelli a base di legno Allegato 7 10 Modulo di spostamento per viti a carico Allegato 6, se rilevante prevalentemente assiale Requisito essenziale 2: protezione antincendio 11 Comportamento al fuoco , Classe di resistenza al fuoco europea A1 Requisito essenziale 3: igiene, salute e protezione dell'ambiente 12 Tenore e/o rilascio di sostanze pericolose Requisito essenziale 4: sicurezza d'impiego 13 Come Requisito essenziale 1

5 Pagina 5 N. Proprietà del prodotto Metodo di rilevazione e valutazione Indicazione delle prestazioni (1) (2) (3) (4) Requisito essenziale 5: isolamento acustico Non rilevante Requisito essenziale 5: risparmio energetico e isolamento termico Non rilevante Aspetti generali riguardanti l'utilizzabilità per la finalità d'uso prevista 1 ) 14 Resistenza alla corrosione Classi di utilizzo 1 e 2 15 Idoneità all'uso ) Aspetti di durevolezza ed economicità della struttura portante che non sono compresi nei Requisiti essenziali da 1 a 6; tali aspetti sono chiamati anche "Idoneità all'uso". 2.1 Caratteristiche del prodotto Indicazioni generali Le viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP corrispondono alle informazioni e alle rappresentazioni riportate negli allegati da 0 a 5. Le indicazioni delle prestazioni delle seguenti proprietà del prodotto sono riportate nell'allegato 6 e 7: - Momento caratteristico di snervamento - Parametro caratteristico di estrazione - Parametro caratteristico di trafilatura della testa - Resistenza caratteristica alla trazione - Carico caratteristico di snervamento - Resistenza caratteristica alla torsione - Momento torcente di avvitamento - Distanza, distanze inizio-fine e distanze dal bordo delle viti e spessore minimo dei pannelli a base di legno - Modulo di spostamento per viti a carico prevalentemente assiale, se rilevante Le proprietà del materiale, dimensioni e tolleranze del prodotto che non sono riportate negli allegati da 0 a 5 si trovano nella documentazione tecnica del Benestare Tecnico Europeo Protezione antincendio Le viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP sono costituite da acciaio della classe europea di resistenza al fuoco A1 in conformità alla decisione 96/603/CE della Commissione nella versione 2000/605/CE La documentazione tecnica del presente Benestare tecnico europeo è depositata presso l'istituto austriaco per le tecnologie della costruzione e viene consegnata all'organismo notificato solamente se ciò è rilevante per le informazioni dell'organismo notificato coinvolto nel procedimento per la concessione della certificazione di conformità.

6 Pagina Igiene, salute e protezione dell'ambiente Secondo CUAP 06.03/08 le prestazioni del prodotto in riferimento al rilascio di sostanze pericolose possono essere riassunte come segue: - Il prodotto non contiene cadmio. - Non esiste nessun rischio che venga rilasciato cromo VI, considerando tutti gli scenari della sua possibile emissione. Il costruttore rilascia una dichiarazione a questo riguardo. Ad integrazione degli specifici punti del presente Benestare tecnico europeo relativi alle sostanze pericolose, possono esserci altri requisiti applicabili per i prodotti se rientrano nel rispettivo campo d'applicazione (per es. giurisprudenza europea e nazionale adottata e obblighi imposti dalle autorità pubbliche). Per osservare le disposizioni della Direttiva Prodotti da costruzione ci si deve attenere anche a questi requisiti, quando e dove presenti Durevolezza e idoneità all'uso prodotto è destinato alle classi di utilizzo 1 e 2 come da norma EN Le viti e le rosette di acciaio al carbonio sono zincate galvanicamente e con passivazione gialla o blu, oppure hanno un rivestimento di zinco-nichel. Lo spessore minimo del rivestimento di zinco è di 5 µm. Lo spessore minimo del rivestimento di zinco-nichel è di 4 m. La durevolezza delle viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP è come da norma EN oppure come da norme e prescrizioni vigenti nel luogo d'utilizzo, vedasi anche le condizioni nella sezione 4. L'idoneità all'uso delle viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP è disciplinata nella norma EN e dalle condizioni della sezione Metodo di rilevazione Indicazioni generali La valutazione dell'idoneità delle viti RAPID, STARDRIVE e SP per la finalità d'uso prevista per quanto riguarda le specifiche di solidità meccanica e stabilità, protezione antincendio, igiene, salute e protezione ambientale, sicurezza d'impiego, durevolezza e idoneità all'impiego secondo i Requisiti essenziali 1, 2, 3 e 4 della Direttiva 89/106/CEE del Consiglio è avvenuta in conformità a CUAP 06.03/08 per "Viti autoperforanti da utilizzare nelle costruzioni in legno." Identificazione Il Benestare tecnico europeo per viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP è stato concesso sulla base di adeguati documenti d'appoggio che sono depositati presso l'istituto austriaco per le tecnologie della costruzione e che identificano il prodotto che è stato valutato e giudicato. Modifiche al prodotto o al processo di produzione, che potrebbero avere come conseguenza la perdita della validità dei documenti depositati, devono essere rese note all'istituto austriaco per la tecnica delle costruzioni prima che le modifiche stesse entrino in vigore. L''Istituto austriaco per le tecnologie della costruzione decide se queste modifiche influenzano il Benestare tecnico europeo, e di conseguenza la validità della marcatura CE sulla base del Benestare tecnico europeo, e se reputare eventualmente necessaria un'ulteriore valutazione o modifica del Benestare tecnico europeo. Le viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP devono poter essere identificate chiaramente con i documenti di accompagnamento.

7 Pagina 7 3 Valutazione della conformità e della marcatura CE 3.1 Sistema per la certificazione di conformità Il sistema per la certificazione di conformità da impiegare per questo prodotto deve corrispondere al sistema indicato nella Direttiva 89/106/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988, Allegato III sezione 2. punto ii) possibilità 1, che è designato sistema 2+. Questo sistema prevede quanto segue: (a) Compiti della casa produttrice (1) verifica iniziale del prodotto; (2) controllo di produzione interno della fabbrica; (3) verifica supplementare dei campioni prelevati in fabbrica da parte della casa produttrice come da piano di verifica stabilito 6 ; (b) Compiti dell'organismo notificato (4) Certificazione del controllo di produzione interno della fabbrica in base a: - ispezione iniziale della fabbrica e controllo di produzione interno della fabbrica; - controllo continuo, valutazione e riconoscimento del controllo di produzione interno della fabbrica. 3.2 Competenze Compiti della casa produttrice Verifica iniziale del prodotto Le verifiche effettuate per questo Benestare tecnico europeo quale parte della valutazione possono essere utilizzate come verifica iniziale se non sono state effettuate variazioni nella produzione o nello stabilimento di fabbricazione. In caso di variazioni, la necessaria verifica iniziale deve essere concordata tra l'istituto austriaco per le tecnologie della costruzione e la casa produttrice Controllo di produzione interno della fabbrica La casa produttrice ha organizzato nello stabilimento di fabbricazione un sistema interno di controllo della produzione che viene costantemente applicato. Tutti gli elementi, requisiti e prescrizioni previsti dalla casa produttrice sono sistematicamente registrati sotto forma di istruzioni operative e procedurali scritte. Il sistema di controllo interno della produzione fa sì che le viti Schmid RAPlD, STARDRIVE e SP siano conformi al Benestare tecnico europeo. La casa produttrice deve utilizzare soltanto materie prime che sono dotate dei corrispondenti certificati di prova specificati nel piano di verifica stabilito. Prima di essere accettate le materie prime devono essere controllate e verificate dalla casa produttrice. La verifica dei materiali in arrivo deve comprendere il controllo dei certificati di prova presentati dal produttore delle materie prime (confronto con i valori nominali) verificando le proprietà del materiale. La frequenza dei controlli e delle verifiche svolti nell'ambito del sistema di controllo della produzione interno della fabbrica è determinata considerando il procedimento di fabbricazione delle viti ed è fissata nel piano di verifica stabilito Il piano di verifica stabilito è depositato presso l'istituto austriaco per le tecnologie della costruzione e viene consegnato solamente all'organismo notificato coinvolto nel procedimento per la concessione della certificazione di conformità. Il piano di verifica stabilito è denominato anche piano di controllo.

8 Pagina 8 risultati del controllo della produzione interno della fabbrica sono registrati e valutati. Le registrazioni contengono come minimo le seguenti informazioni: denominazione del prodotto, delle materie prime o del componente tipo di controllo o di verifica data di fabbricazione del prodotto e dati di controllo del prodotto o della materia prima o del componente risultati del controllo o della verifica e, se pertinente, comparazione con i requisiti nome e firma del responsabile del controllo della produzione interno della fabbrica. Le registrazioni devono essere conservate per almeno cinque anni e devono essere esibite all'organismo notificato incaricato del controllo in corso. Devono essere esibite all'istituto austriaco per le tecnologie della costruzione nel caso questi lo richieda Dichiarazione di conformità La casa produttrice ha la responsabilità di redigere la dichiarazione di conformità. Una volta soddisfatti tutti i criteri dell'attestazione di conformità e della certificazione, la casa produttrice può concedere la dichiarazione di conformità Compiti dell'organismo notificato Ispezione iniziale della fabbrica e controllo di produzione interno della fabbrica L'organismo notificato deve accertarsi, conformemente al piano di verifica stabilito, che lo stabilimento di produzione (in particolare per quanto riguarda personale e attrezzatura) e il controllo della produzione interno della fabbrica siano idonei ad assicurare la fabbricazione continuativa e a regola d'arte delle viti Schmid RAPlD, STARDRIVE e SP, secondo le disposizioni specificate nella sezione ll e negli allegati al Benestare tecnico europeo Controllo continuo, valutazione e riconoscimento del controllo di produzione interno della fabbrica L'organismo notificato deve svolgere abitualmente almeno una volta l'anno un controllo nello stabilimento di produzione. Occorre documentare che il sistema del controllo di produzione interno della fabbrica e il procedimento di fabbricazione stabilito sono mantenuti attivi tenendo in considerazione il piano di verifica stabilito. I risultati del controllo continuo devono essere esibiti all'istituto austriaco per le tecnologie della costruzione per mezzo dell'organismo notificato, nel caso vengano richiesti. Qualora i requisiti del Benestare tecnico europeo e del piano di verifica stabilito non siano più soddisfatti, il certificato di conformità deve essere revocato. 3.3 Marcatura CE La marcatura CE deve essere apposta sui documenti di accompagnamento. Dopo le lettere CE devono seguire i numeri identificativi dell'organismo di certificazione e le informazioni seguenti: nome o identificativo o indirizzo della casa produttrice le ultime due cifre dell'anno in cui è stata applicata la marcatura CE numero del Benestare tecnico europeo numero del certificato di conformità denominazione del prodotto o sistema di codifica grandezza del prodotto tipo di rivestimento anticorrosione

9 Pagina 9 4 Presupposti che garantiscono l idoneità del prodotto alla finalità d uso prevista 4.1 Produzione Le viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP sono fabbricate conformemente alle disposizioni del Benestare tecnico europeo con un procedimento di fabbricazione che è stato determinato durante l'ispezione dello stabilimento di produzione da parte dell'istituto austriaco per le tecnologie della costruzione ed è descritto nella documentazione tecnica. 4.2 Montaggio Dimensionamento Il presente Benestare tecnico europeo riguarda solamente la fabbricazione e l'uso delle viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP. La verifica della stabilità delle strutture portanti, inclusa l'applicazione di forza in questi prodotti, non è oggetto del presente Benestare tecnico europeo. L'idoneità del prodotto alla finalità d uso prevista è data dai seguenti presupposti: - Il dimensionamento delle viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP è effettuato sotto la responsabilità di un ingegnere esperto di costruzioni in legno. - La costruzione della struttura portante, per garantire la classe di utilizzo 1 o 2 secondo la norma EN o le norme e le prescrizioni vigenti nel luogo di utilizzo, deve considerare la protezione del fissaggio con le viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP. - Le viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP sono montate correttamente. Il dimensionamento del prodotto deve essere effettuato come da norma EN considerando la sezione 2.1 del Benestare tecnico europeo. Osservare le norme e le prescrizioni vigenti nel luogo di utilizzo Montaggio Il montaggio delle viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP deve essere eseguito da personale appositamente addestrato, sotto la vigilanza del responsabile tecnico del cantiere. Le viti sono piantate negli elementi strutturali di legno senza foratura di sgrosso o in fori sgrossati con un diametro non superiore al diametro della filettatura interna. Nelle parti di acciaio i fori delle viti devono essere sgrossati con un diametro maggiore del diametro esterno di filettatura. Per un corretto montaggio delle viti di lunghezza superiore a 800 mm si consiglia di praticare un foro di guida. Gli elementi strutturali portanti che sono fissati con le viti: - devono essere conformi alla sezione 1.2; - le distanze minime e le distanze inizio-fine devono essere conformi alla norma EN e Allegato 7. 5 Raccomandazioni per la casa produttrice 5.1 Indicazioni generali È compito del titolare del benestare fare in modo che tutte le necessarie informazioni relative al dimensionamento e al montaggio secondo la sezione 1, 2 e 4, come pure gli allegati al Benestare tecnico europeo, siano trasmesse ai responsabili della costruzione, dimensionamento ed esecuzione delle strutture portanti.

10 Pagina Raccomandazioni su imballaggio, trasporto e magazzinaggio Le viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP durante il trasporto e il magazzinaggio devono essere protette da qualsiasi danno ed effetto dannoso. Il loro magazzinaggio deve essere effettuato senza contatto con il pavimento. I prodotti danneggiati non devono essere utilizzati. Seguire le indicazioni della casa produttrice per l'imballaggio, il trasporto e il magazzinaggio. 5.3 Raccomandazioni per utilizzo, manutenzione e riparazione delle strutture portanti La valutazione dell'idoneità per la finalità d'uso prevista riguarda l'asserzione che non sono necessarie misure di manutenzione nel corso della durata in servizio prevista ipotizzata. Qualora si rivelassero necessarie riparazioni, deve essere svolta in ogni caso una valutazione.nel caso in cui un fissaggio con le viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP subisca un grave danno, si devono adottare provvedimenti immediati per la solidità meccanica e la stabilità della struttura portante. Per l'istituto austriaco per le tecnologie della costruzione L'amministratore Il documento originale è sottoscritto da: Ing. Rainer Mikulits

11 Pagina 11 Tabella A0.1 Sistema di codifica per le viti Schmid RAPID STARDRIVE e SP Voce Parametro Codice Allegato I Diametro vite Dimensione in 0,1 mm DDD da 0 a 6 II Lunghezza Dimensione in mm LLL 6 III Lunghezza filettata Dimensione in mm bbb - IV Testa Lettere da A a M 1 V Gambo Numero da 0 a 1 2 VI Sottotesta Lettere da A a M 1 VII Compressore Numero da 0 a 1 2 VIII Filettatura Lettere da A a D 3 IX Scanalatura Numero da 0 a 1 3 X Punta Lettere da A a E 4 XI Parametro caratteristico di trafilatura della testa testa a 90 testa e rosette a 180 Numero 0 Numero 1 Numero 2-6, Tabella A6.1 6, Tabella A6.2 XII Altre proprietà del prodotto Lettere da A a E 6, tabella da A6.3 a A6.8 Esempio: RAPID x70/37 Codice 050x070/037 A1B 0C1 A1C Diametro vite 5 mm Lunghezza 70 mm Lunghezza filettata 37 mm Testa testa svasata con calotta d k=10 mm, secondo allegato 1, tabella per testa "B" Gambo gambo alesatore Sottotesta nervature del sottotesta come da testa B Compressore senza compressore Filettatura filettatura a doppio principio Scanalatura filettatura con scanalatura Punta punta piena Parametro caratteristico di trafilatura della testa secondo Allegato 6, Tabella A6.1 (per teste a 90 ) Altre proprietà del prodotto secondo Allegato 6, Tabella A6.6 (gruppo C) Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 0 Sistema di codifica e struttura delle viti

12 Pagina 12 OI B Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 0 Sistema di codifica e struttura delle viti

13 Pagina 13 OI B Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 1 del Benestare tecnico europeo ETA- Geometria: testa della vite

14 Pagina 14 OI B Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 1 Geometria: testa della vite

15 Pagina 15 Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 1 del Benestare tecnico europeo ETA- Geometria: testa della vite

16 Pagina 16 Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 2 Geometria: gambo e compressore

17 Pagina 17 Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 3 Geometria: filettatura e scanalatura

18 Pagina 18 Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 3 Geometria: filettatura e scanalatura

19 Pagina 19 Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 4 Geometria: Punta

20 Pagina 20 Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 5 Varianti di azionamento e identificativo sulla testa

21 Pagina 21 Tabella A6.1 Parametro caratteristico di trafilatura della testa per le viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP in legno massiccio e legno lamellare di conifera per teste a 90 ; diametro della testa da 8 a 21 mm Gruppo 1 Diametro della testa Proprietà del prodotto ,5 21 Parametro caratteristico di trafilatura della testa (p k = 350 kg/m 3 ) f head,k N/mm 2 17,1 17,6 14,6 14,6 13,1 12,4 12,2 10,3 Tabelle A6.2 Parametro caratteristico di trafilatura della testa per viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP in legno massiccio e legno lamellare di conifera per rosette e teste a 180 ; diametro da 14 a 42 mm Gruppo 2 Diametro Proprietà del prodotto Parametro caratteristico di trafilatura della testa (p k = 350 kg/m 3 ) f head,k N/mm 2 16,7 17,6 20,4 15,2 14,5 10,0 6,5 Tabella A6.3 Capacità portanti caratteristiche per viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP per proprietà del prodotto gruppo A; diametro vite da 4 a 6 mm Proprietà del prodotto: gruppo A Diametro vite Proprietà del prodotto 4 4,5 5 6 Lunghezza max. I max mm Resistenza caratteristica alla trazione f tens,k kn 5,0 5,8 8,5 12,4 Momento caratteristico di snervamento M y,k Nm 3,2 4,9 6,5 10,1 Parametro caratteristico di estrazione angolo tra asse della vite e fibre: 90 (p k = 350 kg/m 3 ) f ax,k,90 N/mm 2 14,8 13,8 12,8 12,1 Carico caratteristico di snervamento f y,k N/mm Resistenza caratteristica alla torsione f tor,k N/m 3,0 4,2 6,2 9,5 Momento torcente di avvitamento (p k = 450 kg/m 3 ) R tor,m N/m 1,4 1,9 3,8 6,5 Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 6 Proprietà del prodotto

22 Pagina 22 Tabella A6.4 Capacità portanti caratteristiche per viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP per proprietà del prodotto gruppo A; diametro vite da 7 a 12 mm Proprietà del prodotto: gruppo A Diametro vite Proprietà del prodotto Lunghezza max. I max mm Resistenza caratteristica alla trazione f tens,k kn 17,1 22,0 32,0 47,5 Momento caratteristico di snervamento M y,k Nm 12,6 22,6 33,0 58,6 Parametro caratteristico di estrazione angolo tra asse della vite e fibre: 90 (p k = 350 kg/m 3 ) f ax,k,90 N/mm 2 11,5 10,9 9,8 8,9 Carico caratteristico di snervamento f y,k N/mm Resistenza caratteristica alla torsione f tor,k N/m 16,1 24,8 44,8 59,6 Momento torcente di avvitamento (p k = 450 kg/m 3 ) R tor,m N/m 8,1 16,5 28,0 27,0 Tabella A6.5 Capacità portanti caratteristiche per viti Schmid RAPID, STARDRIVE e SP per proprietà del prodotto gruppo B; diametro vite da 4 a 10 mm Proprietà del prodotto: gruppo B Diametro vite Proprietà del prodotto 4 4, Lunghezza max. I max mm Resistenza caratteristica alla trazione f tens,k kn 5,0 5,8 8,8 12,8 22,7 33,2 Momento caratteristico di snervamento M y,k Nm 3,2 4,9 6,5 10,1 22,6 33,0 Parametro caratteristico di estrazione angolo tra asse della vite e fibre: 90 (p k = 350 kg/m 3 ) f ax,k,90 N/mm 2 14,8 13,8 13,6 13,0 10,7 9,5 Carico caratteristico di snervamento f y,k N/mm Resistenza caratteristica alla torsione f tor,k N/m 3,0 4,2 6,3 10,1 25,6 47,5 Momento torcente di avvitamento (p k = 450 kg/m 3 ) R tor,m N/m 1,2 1,6 2,1 2,5 8,3 14,2 Schmid Schrauben RAPID, STARDRIVE e SP Allegato 6 Proprietà del prodotto

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

atura è la nostra cas

atura è la nostra cas atura è la nostra cas A D FIBRIS PANNELLI IN FIBRA DI LEGNO Fibris S.A. è uno dei principali produttori in Europa della faesite, masonite e dei pannelli in fibra di legno di bassa ed alta densità. Da

Dettagli

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo Catalogo isowel Il sistema i fissaggio a inuzione Nuovo isowel l innovativo sistema i fissaggio a inuzione i SFS intec Il nuovo sistema isowel TM i SFS intec è un sistema i fissaggio a inuzione innovativo

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Fissaggio meccanico degli angoli nei serramenti in legno, con l'innovativo sistema MC della SFS intec. nuovo senza colla.

Fissaggio meccanico degli angoli nei serramenti in legno, con l'innovativo sistema MC della SFS intec. nuovo senza colla. Fissaggio meccanico degli angoli nei serramenti in legno, con l'innovativo sistema MC della SFS intec nuovo senza colla senza tasselli Benefici del fissaggio meccanico degli angoli con il sistema MC Con

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione UADERNI DI CONFORMA QUADERNI DI CONFORMA I QUAD n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione La riproduzione totale o parziale con qualunque mezzo di questo documento nella sua versione italiana

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Sistema con compluvio integrato

Sistema con compluvio integrato Sistema con compluvio integrato NUOVO! Compluvio standard 1.5 % Ancora più semplice. Ancora più conveniente. La forza naturale della roccia Isolamento termico e compluvio in un unico sistema 2 I sistemi

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

www.altrex.com EN 1004 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500

www.altrex.com EN 1004 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500 EN 1004 752903 www.altrex.com 1 of 32 Manuale montaggio e uso N art. 752903

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni 1994L0020 IT 01.01.2007 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni B DIRETTIVA 94/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum.

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum. TIP-ON inside TIP-ON per AVENTOS HK Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia www.blum.com Facilità di apertura con un semplice tocco 2 Comfort di apertura per le

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

Fonterra Base. Progettazione. Fonterra Base Progettazione. Descrizione del sistema

Fonterra Base. Progettazione. Fonterra Base Progettazione. Descrizione del sistema Fonterra Base Progettazione Fonterra Base Progettazione Descrizione del sistema Fonterra Base è il sistema che consente la realizzazione di un riscaldamento efficiente delle superfici in edifici nuovi

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Linee guida del CPR per porte, finestre in alluminio e facciate continue

Linee guida del CPR per porte, finestre in alluminio e facciate continue Linee guida del CPR per porte, finestre in alluminio e facciate continue v.1 Dec 2012 Pavlos Vatavalis (EAA) Patrick England (CAB) Frank Koos (VFF) Jean Luc Marchand (SNFA) Paolo Rigone (Uncsaal) Olaf

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

Specifica dei Calcoli FEM di dimensionamento strutturale relativi alla applicazione di nuove Apparecchiature / Arredi, su Rotabili in esercizio.

Specifica dei Calcoli FEM di dimensionamento strutturale relativi alla applicazione di nuove Apparecchiature / Arredi, su Rotabili in esercizio. Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione Rev. 383601 00 Pagina 1 di 48 Il presente documento è di proprietà di Trenitalia. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, memorizzata,

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7.

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi Ing. Antonino Gerardi 1 1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi 2. QUADRO NORMATIVO NAZIONALE I. Settori di regolamentazione II. Livelli di prestazione III. Criteri

Dettagli

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20

Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 Catalogo Tecnico 2012 OLA 20 CATALOGO TECNICO SCARICATO DA WWW.SNAIDEROPARTNERS.COM IL CATALOGO È SOGGETTO AD AGGIORNAMENTI PERIODICI SEGNALATI ALL INTERNO DI EXTRANET: PRIMA

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

per impieghi ingegneristici ad alto snervamento Tubi in acciaio senza saldatura

per impieghi ingegneristici ad alto snervamento Tubi in acciaio senza saldatura Tubi in acciaio senza saldatura ad alto snervamento per impieghi ingegneristici Tenaris produce un estesa gamma dimensionale di tubi senza saldatura, in acciaio ad alto snervamento, che trovano la loro

Dettagli

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain ED. FEBBRAIO 2012 Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Nell ambito edile, la protezione dal

Dettagli

di SolarWorld Sistema di montaggio per impianti fotovoltaici su tetti inclinati Progettazione ed esecuzione

di SolarWorld Sistema di montaggio per impianti fotovoltaici su tetti inclinati Progettazione ed esecuzione di SolarWorld Sistema di montaggio per impianti fotovoltaici su tetti inclinati Progettazione ed esecuzione Traduzione delle istruzioni per il montaggio originali per installatori 05/01 www.solarworld.com

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

16 1 0,37 1,2 0,44 50 1,5 1,78 1 1/4 42,25 3 2,89 1,5 0,54 3 4,01 1 1/2 48,25 3 3,33 18 1 0,41 2 60,3 3 4,22

16 1 0,37 1,2 0,44 50 1,5 1,78 1 1/4 42,25 3 2,89 1,5 0,54 3 4,01 1 1/2 48,25 3 3,33 18 1 0,41 2 60,3 3 4,22 TUBI CARPENTERIA ELETTROSALDATI TUBI TONDI SALDATI DA NASTRO Diametro in pollici Diametro esterno Spessore Peso Kg/m DIMENSIONI SPESS. PESO DIMENSIONI SPESS. PESO Kg/m Kg/m /8 1,7 0,7 1 1 0, 8 1, 1, 1/

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli