FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE"

Transcript

1 FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. (codice ABI 01015) Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in Sassari, Piazzetta Banco di Sardegna, 1 Codice Fiscale e Numero di Iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari Partita IVA Iscrizione all Albo delle Banche Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi Sito internet Telefono 079/ (centralino) Fax 079/ CHE COS E IL MUTUO AGEVOLATO ALLE IMPRESE E un mutuo a medio o lungo termine, rivolto a clienti imprese - che presentano determinati requisiti stabiliti da specifiche norme di legge per accedere alle agevolazioni - destinato a finanziare programmi finalizzati all acquisto, costruzione, ampliamento e ammodernamento di locali ad uso produttivo, acquisto di impianti, macchinari e attrezzature e - talora autoveicoli - nuovi di fabbrica necessari per lo svolgimento dell attività aziendale. Una particolare tipologia può essere destinata al credito d esercizio. E' erogabile in unica soluzione o in più soluzioni sulla base degli stati di avanzamento dell investimento. Il mutuo può essere garantito da garanzie reali (es. ipoteca) o da garanzie personali (es. fideiussione). Il cliente rimborsa il mutuo con il pagamento periodico di rate, comprensive di capitale e interessi, secondo un tasso che può essere variabile o fisso. Le rate di rimborso sono di regola semestrali. Tali finanziamenti accedono, qualora ne ricorrano i presupposti, ad incentivi pubblici previsti da specifiche normative di legge, che perseguono finalità di interesse pubblico. I benefici su finanziamenti bancari consistono di regola in contributi in conto interessi, che consistono nell abbattimento del tasso d interesse applicato al finanziamento, riconosciuto da un Ente Pubblico. CARATTERISTICHE DEI FINANZIAMENTI (MUTUI) AGEVOLATI A chi è rivolto A tutte le imprese, siano esse imprese individuali o società, di regola di piccole o medie dimensioni (PMI) che intendono accedere ad agevolazioni pubbliche previste da specifiche normative di legge. Cosa fare per attivarlo Rivolgersi a qualsiasi Filiale della Banca Altri aspetti importanti E un mutuo che può essere stipulato sotto forma di "atto pubblico", se garantito da ipoteca su immobili o mobili registrati e/o privilegio su macchinari o da scrittura privata negli altri casi. Eventualmente, può essere assistito da altre garanzie reali e/o personali, rilasciate da parte dei soggetti finanziati o di terzi. Il cliente rimborsa il mutuo con il pagamento periodico di rate, comprensive di capitale ed interessi, calcolati con riferimento ad un tasso variabile o fisso. Le rate sono semestrali (di regola aventi scadenza il 31 dicembre o il 30 giugno di ogni anno). Il contributo in conto interessi può essere decurtato dalle rate di rimborso alle rispettive scadenze o corrisposto con altre modalità stabilite dalle norme che disciplinano l agevolazione. Per fruire di questi benefici si deve tener presente, tra l'altro, che: - gli investimenti sono soggetti a particolari vincoli; - i beneficiari debbono possedere determinati requisiti (ad esempio operare in certi settori economici, avere certe caratteristiche societarie, dimensionali etc.). FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 1 di 19

2 Principali tipologie di finanziamenti agevolati Segue una tabella riassuntiva (non esaustiva) delle principali tipologie di finanziamenti agevolati, differenziati in ragione delle più comuni tipologie di beni aziendali ammissibili ad agevolazioni. Finanziamenti per acquisto Finanziamenti per locali aziendali Immobili oggetto di finanziamento: tutti i fabbricati esistenti destinati ad attività produttive; durata: di regola da 10 a 15 anni; erogazione: in unica soluzione Finanziabilità: trattasi di regola di finanziamenti fondiari, finanziabili fino all 80% del valore dell immobile* offerto in garanzia; in ogni caso la somma erogata non potrà superare il minore tra il prezzo di acquisto ed il valore cauzionale risultante dalla perizia Finanziamenti per costruzione e recupero immobili oggetto di finanziamento: fabbricati aziendali in costruzione, ricostruzione, riparazione, trasformazione, etc.; durata: di regola da 10 a 15 anni; erogazione: di regola con il sistema di versamenti rateali durante il corso dei lavori, in base a stati di avanzamento. Finanziabilità:: trattasi di regola di finanziamenti fondiari,, finanziabili fino all'80% del costo di costruzione*, compreso quello dell'area, o della spesa necessaria per il recupero Finanziamenti per macchinari e attrezzature durata: di regola fino a massimo 10 anni; erogazione: di regola in unica soluzione Finanziabilità:: fino al 100% del prezzo di acquisto Finanziamenti per credito di esercizio Sono destinati a finanziare il capitale circolante dell impresa durata: di regola fino a massimo 5 anni; erogazione: in unica soluzione Finanziabilità:: Commisurato al fabbisogno finanziario dei costi di gestione *Tale soglia potrà raggiungere il 100% di finanziabilità qualora vengano acquisite garanzie integrative, come stabilito dalle Istruzioni di vigilanza della Banca d Italia in materia di credito fondiario (Titolo V, Cap. 1, sez. II). FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 2 di 19

3 LE AGEVOLAZIONI PUBBLICHE INFORMAZIONI GENERALI Varie forme di agevolazione Le caratteristiche dei programmi agevolabili e i tipi di agevolazione vengono individuati e regolamentati nelle normative specifiche di riferimento che disciplinano la concessione e l erogazione delle agevolazioni. Oltre ai contributi in conto interessi su finanziamenti bancari, altre forme di agevolazione sono costituite da contributi in conto capitale, concessione di garanzie ed erogazione di prestiti con fondi pubblici. A chi rivolgersi Le domande di agevolazione sono di regola presentate alla Banca convenzionata per la gestione delle agevolazioni, sulla base delle norme contenute nei Bandi che di volta in volta vengono pubblicati dall Ente Pubblico erogante (es. Ministero, Regione etc.). Per le richieste di informazioni e consulenza occorre rivolgersi all Ufficio Finanza D Impresa e Crediti Speciali (UFICS) del Banco, sito in Piazza Castello 1, quarto piano, Sassari. Allo stesso Ufficio saranno presentate le richieste di agevolazione, quanto il Banco di Sardegna svolge il ruolo di Banca convenzionata per la gestione delle agevolazioni. Per le richieste di finanziamento occorre rivolgersi alle Filiali della Banca. Segue un elenco delle principali leggi nazionali e regionali che prevedono e/o hanno previsto incentivi, di varia natura, nei diversi settori produttivi, alle imprese operanti nel territorio della Sardegna. Elenco delle principali leggi nazionali e regionali in materia di agevolazioni pubbliche nei settori industria, artigianato, turismo e commercio Settore Industria, Artigianato e Servizi - Legge Regionale. 15 aprile 1994, n Contributi in conto capitale a imprese industriali su programmi di investimento - Legge Regionale 28 aprile 1993, n Contributi in conto interessi su finanziamenti agevolati a imprese industriali - Legge Regionale 20 aprile1993 n. 17, art. 30, c. 2, lett A e B - Attuazione dell intesa di programma per la Sardegna - Legge Regionale 51/1993 art. 2, 12 e 10 bis - Agevolazioni contributive all Artigianato - Legge Regionale 40/ Concessione di prestiti agevolati, di contributi abbinati a prestiti e di garanzie sussidiarie alle imprese artigiane - Legge 27 maggio 1952 n. 949 art. 37 Concessione di contributi per le operazioni di credito artigiano agevolato - Legge 27 ottobre 1994, n Agevolazioni per innovazione tecnologica, tutela ambientale, innovazione organizzativa e commerciale - Legge n del 1965 (legge Sabatini) - Contributi alle piccole e medie imprese industriali Settore Turismo e Commercio - Legge Regionale 18 marzo 1964, n. 8 - Provvidenze a favore dell industria alberghiera e turistica - Legge Regionale 14 settembre 1993 n. 40 "Interventi creditizi a favore dell'industria alberghiera". - Legge 588/62 Agevolazioni per la realizzazione di attrezzature ricettive e complementari - Legge Regionale 11 marzo 1998, n. 9 - Incentivi per la riqualificazione e l' adeguamento delle strutture alberghiere - Legge Regionale 21 maggio 2002, n. 9 - Agevolazioni contributive alle imprese nel comparto del commercio Leggi di intervento Multisettoriali - Legge 19 dicembre 1992, n Incentivi alle aree depresse legge n. 488/92 Settori industria e servizi, commercio e turismo - Legge Regionale. 16/ Finanziamenti a favore di cooperative di produzione e lavoro e loro consorzi - Legge 215/92 Incentivi a favore dell imprenditoria femminile - Legge Regionale 24 gennaio 2002, n. 1 - Imprenditoria giovanile: provvedimenti urgenti per favorire l occupazione - Legge Regionale n. 28/1994, art. 9 e art Agevolazioni alle imprese giovanili Settori Industria e servizi, Turismo - Legge Regionale 24 dicembre 1998, n Norme concernenti interventi finalizzati all'occupazione e allo sviluppo del sistema produttivo regionale - Legge regionale 20 settembre 2006, n Norme per lo sviluppo del cinema in Sardegna. FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 3 di 19

4 I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI Mutuo a tasso variabile Rispetto al tasso stabilito al momento della stipula, il tasso di interesse può variare, periodicamente, secondo l andamento del parametro di indicizzazione fissato nel contratto. Il rischio principale è l aumento imprevedibile e consistente dell importo delle rate. Il tasso variabile è consigliabile a chi vuole un tasso sempre in linea con l andamento del mercato e può sostenere eventuali aumenti dell importo delle rate. Mutuo a tasso fisso Rimangono fissi per tutta la durata del mutuo sia il tasso di interesse sia l importo delle singole rate. Lo svantaggio è non poter sfruttare eventuali riduzioni dei tassi di mercato. Il tasso fisso è consigliabile a chi vuole essere certo, sin dal momento della firma del contratto, della misura del tasso, degli importi delle singole rate e dell ammontare complessivo del debito da restituire, indipendentemente dalla variazione delle condizioni di mercato. Altri aspetti importanti A prescindere dal tipo di tasso fisso/variabile, specifiche normative di legge, che perseguono finalità di interesse pubblico generale, possono prevedere, qualora il Mutuo Impresa abbia pre-determinati scopi e l' Imprenditore pre-determinati requisiti, che un Ente pubblico o un Fondo pubblico od altri soggetti simili, concedano all'impresa, singolarmente o cumulativamente, i seguenti benefici : - un contributo in conto interessi, - una garanzia, - una parte o tutte le risorse finanziarie ( " provvista ") necessarie per effettuare l'erogazione del finanziamento ad un dato tasso di interesse In questi casi, oltre al rischio connesso al tipo di tasso fisso/variabile, qualora vengano meno lo scopo del mutuo o i requisiti dell'impresa, non necessariamente per cause imputabili alla stessa, può esservi il rischio di perdere in tutto o in parte i benefici concessi, o doverli rendere in tutto o in parte all'ente che li ha concessi. In questi casi, la normativa o i contratti di mutuo possono prevedere un riesame delle condizioni e/o un chiusura anticipata del finanziamento. FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 4 di 19

5 PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE QUANTO PUÒ COSTARE IL MUTUO AGEVOLATO* IMPRESA A TASSO VARIABILE TASSO ANNUO EFFETTIVO GLOBALE (TAEG) Finanziamento non ipotecario a cinque anni: 9,480 % (*) Finanziamento ipotecario a dieci anni: 6,085 % (*) (*) TAEG calcolato sulla base di euro ,00, tenendo conto del tasso massimo e della durata media previsti per la tipologia di finanziamento (10 anni per i finanziamenti ipotecari e 5 anni per i chirografari), al netto dei costi derivanti dalle polizze assicurative abbinabili al finanziamento. Finanziamento non ipotecario a cinque anni: 9,619 % (**) Finanziamento ipotecario a dieci anni: 6,222 % (**) (**) TAEG calcolato sulla base di euro ,00, tenendo conto del tasso massimo e della durata media previsti per la tipologia di finanziamento (10 anni per i finanziamenti ipotecari e 5 anni per i chirografari), tenendo conto dei costi derivanti dalla polizza assicurativa incendio e scoppio Tutela Attività. Il TAEG indica il costo totale del mutuo su base annua ed è espresso in percentuale sull'ammontare del finanziamento concesso. In esso non è compresa la decurtazione del contributo pubblico in conto interessi il cui calcolo e le cui modalità di riconoscimento al beneficiario variano a seconda delle diverse leggi agevolative applicate. Oltre al TAEG vanno considerati altri costi, quali le spese e le imposte per la stipula del contratto e l iscrizione dell ipoteca, nonché le spese di assicurazione dell immobile ipotecato ove non comprese. VOCI COSTI Importo massimo finanziabile Per i finanziamenti fondiari massimo l 80% del valore ovvero del costo di realizzazione dell immobile; Per gli altri finanziamenti fino al 100% della spesa Durata Minima 19 mesi fino ad un massimo di 15 anni TASSO AMMORTAMENTO E SAL Tasso di interesse nominale annuo Parametri di indicizzazione (ammortamento e SAL) Spread Ammortamento ipotecari Spread Preammortamento ipotecari Spread Ammortamento chirografari Pari al valore del parametro di indicizzazione maggiorato dello spread. Euribo 6 mesi 365 rilevato, di regola, il quart ultimo giorno lavorativo dei mesi di Giugno e Dicembre Minimo 4,700 punti percentuali Massimo 4,900 punti percentuali Massimo 6,90 punti percentuali Minimo 7,200 punti percentuali Massimo 8,150 punti percentuali FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 5 di 19

6 Spread Preammortamento chirografari Tasso di Mora Massimo 10,15 punti percentuali Per i finanziamenti ipotecari 2 punti percentuali, in più del tasso del finanziamento Per i finanziamenti chirografari 3 punti percentuali, in più del tasso del finanziamento In ogni caso non superiore al tasso soglia di usura FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 6 di 19

7 QUANTO PUÒ COSTARE IL MUTUO AGEVOLATO* IMPRESA A TASSO FISSO TASSO ANNUO EFFETTIVO GLOBALE (TAEG) Finanziamento non ipotecario a cinque anni: 10,756 %(*) Finanziamento ipotecario a dieci anni: 7,758 % (*) (*) TAEG calcolato sulla base di euro ,00, tenendo conto del tasso massimo e della durata media previsti per la tipologia di finanziamento (10 anni per i finanziamenti ipotecari e 5 anni per i chirografari), al netto dei costi derivanti dalle polizze assicurative abbinabili al finanziamento. Finanziamento non ipotecario a cinque anni: 10,894 %(**) Finanziamento ipotecario a dieci anni: 7,891 % (**) (**) TAEG calcolato sulla base di euro ,00, tenendo conto del tasso massimo e della durata media previsti per la tipologia di finanziamento (10 anni per i finanziamenti ipotecari e 5 anni per i chirografari), tenendo conto dei costi derivanti dalla polizza assicurativa incendio e scoppio Tutela Attività. Il TAEG indica il costo totale del mutuo su base annua ed è espresso in percentuale sull'ammontare del finanziamento concesso. In esso non è compresa la decurtazione del contributo pubblico in conto interessi il cui calcolo e le cui modalità di riconoscimento al beneficiario variano a seconda delle diverse leggi agevolative applicate. Oltre al TAEG vanno considerati altri costi, quali le spese e le imposte per la stipula del contratto e l iscrizione dell ipoteca, nonché le spese di assicurazione dell immobile ipotecato ove non comprese. VOCI COSTI Importo massimo finanziabile Per i finanziamenti fondiari massimo l 80% del valore ovvero del costo di realizzazione dell immobile; Per gli altri finanziamenti fino al 100% della spesa Durata Minima 19 mesi fino ad un massimo di 15 anni TASSO AMMORTAMENTO Tasso di interesse nominale annuo Parametri di riferimento Spread Ammortamento ipotecari Spread Ammortamento chirografari Pari al valore del parametro di riferimento maggiorato dello spread. IRS (Interest Rate Swap) lettera di periodo (5, 10, 15, anni), rilevato il quart ultimo giorno lavorativo di ogni mese e pubblicato dal quotidiano Il Sole 24 Ore. Minimo 5,460 punti percentuali Massimo 5,890 punti percentuali Minimo 7,960 punti percentuali Massimo 9,140 punti percentuali TASSO SAL Tasso di interesse nominale annuo Parametri di indicizzazione Pari al valore del parametro di indicizzazione maggiorato dello spread. Euribo 6 mesi 365 rilevato, di regola, il quart ultimo giorno lavorativo dei mesi di Giugno e Dicembre FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 7 di 19

8 Spread Preammortamento ipotecari Spread Preammortamento chirografari Tasso di Mora Massimo 6,90 punti percentuali Massimo 10,15 punti percentuali Per i finanziamenti ipotecari 2 punti percentuali, in più del tasso del finanziamento Per i finanziamenti chirografari 3 punti percentuali, in più del tasso del finanziamento In ogni caso non superiore al tasso soglia di usura FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 8 di 19

9 PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE BANCO DI SARDEGNA S.P.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D.Lgs. 385/93 ART. 116) VOCI Istruttoria COSTI 0,50% dell importo del finanziamento, con un limite minimo di euro 600,00 Perizia tecnica La perizia viene fornita, di norma, dai tecnici del Banco di Sardegna SpA SPESE Spese per la stipula del contratto Perizia effettuata dai tecnici del Banco Per finanziamenti fino a ,00 250,00 Per finanziamenti fino a ,00 450,00 Per finanziamenti fino a ,00 800,00 Per finanziamenti fino a , ,00 Per finanziamenti fino a , ,00 Oltre ,00 costo 1.400, ,00 ogni ,00 Consegna di copia completa del testo contrattuale idoneo per la stipula su richiesta del cliente (preventiva rispetto all accordo sulla data della stipula) Consegna di copia completa del testo contrattuale idoneo per la stipula su richiesta del cliente (successiva rispetto all accordo sulla data della stipula) Consegna dello schema di contratto privo delle condizioni economiche; di un preventivo contenente le condizioni economiche basate sulle informazioni fornite dal cliente Competenze per ogni singolo stato di avanzamento lavori 180,00 Verifica perizia redatta da tecnici del cliente (convalida) 200,00 Aggiornamento perizia dopo 6 mesi dalla stesura 120,00 Importo calcolato in misura comunque non superiore a quanto previsto per le spese di istruttoria 0,00 0,00 Spese per stipula dell atto al di fuori della Filiale gestore del rapporto 180,00 Gestione pratica 0,00 Incasso rata Nel caso di disposizione permanente di addebito rata su c/c 1,00 Spese per la gestione del rapporto Invio comunicazioni (in forma cartacea) Variazione/Restrizione ipoteca Per ogni pagamento di rata 3,10 mediante avviso MAV Per ogni pagamento di rata 5,00 mediante addebito su c/c in essere presso altra banca Recupero spese per invio comunicazioni periodiche 1,33 sull ultima rata di ogni anno Recupero Spese per invio quietanza di pagamento - nel caso di disposizione permanente di addebito rata su c/c per ogni addebito 0,75 Invio sollecito di pagamento 5,00 cadauno Restrizione di ipoteca (spesa amministrativa) 0,10% del valore liberato con un minimo di 200,00 Restrizione di ipoteca 200,00 (spesa di perizia) FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 9 di 19

10 PIANO DI AMMORTAME NTO Estensione, 300,00 sostituzione, riduzione d ipoteca, escluse spese notarili (spesa amministrativa) Cancellazione ipoteca con atto notarile ai sensi dell art cod.civ. 200,00 Cancellazione ipoteca ai sensi dell' art. 40 bis del D. Lgs. 385/93 0,00 Rinnovazione ipotecaria 200,00 oltre ad eventuali imposte e spese notarili Frazionamento ipoteca (spesa amministrativa) Euro 250,00 Frazionamento ipoteca (spesa di perizia) 300, ,00 ad unità oltre la decima unità immobiliare Accollo mutuo 300,00 Spese per ogni singola erogazione a SAL 150,00 Sospensione pagamento rate 0,00 Altre spese Tipo piano di ammortamento Tipologia di rata Periodicità delle rate Certificazione interessi passivi mutui 10,00 Conteggi per riduzione o estinzione mutui (da percepire solamente se il cliente non perfezio-na l operazione di riduzione o estinzione del mutuo) 25,00 Dichiarazione di sussistenza di debito (con onere a carico della parte interessata) 16,00 Recupero spese per rilascio duplicato di documentazione, estratti conto, F24, semestralità mutuo, duplicato meccanografico avvisi di pagamento, ecc (per documento) 10,00 Rinuncia del Finanziamento in fase di istruttoria iniziale 50,00 Variazioni delle condizioni economiche e/o contrattuali (fatto salvo quanto previsto per legge ) 1,50% del debito residuo, minimo 300,00 Compenso omnicomprensivo per estinzione anticipata, totale o parziale: in misura percentuale massima, pari a: - 2,00% sul capitale versato anticipatamente nel caso di applicazione di tasso variabile, - 3,00% sul capitale versato anticipatamente nel caso di applicazione di tasso fisso Piano di ammortamento francese Rata costante Semestrale, con scadenza l'ultimo giorno del semestre solare FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 10 di 19

11 ULTIME RILEVAZIONI DEL PARAMETRO DI INDICIZZAZIONE Euribor 6 mesi 365Rilevato il quart ultimo giorno lavorativo dei mesi di giugno e dicembre per i mutui con rata semestrale Data Valore 26/06/2012 0,941 27/12/2011 1,671 27/06/2011 1,789 28/12/2010 1,257 ULTIME RILEVAZIONI DEL PARAMETRO DI RIFERIMENTO IRS 5y/6 mesi lettera Rilevato il quart ultimo giorno lavorativo di ogni mese Data Valore 28/08/2012 0,96 26/07/2012 1,11 26/06/2012 1,30 IRS 10y/6 mesi lettera Rilevato il quart ultimo giorno lavorativo di ogni mese Data Valore 28/08/2012 1,73 26/07/2012 1,81 26/06/2012 1,94 IRS 15y/6 mesi lettera Rilevato il quart ultimo giorno lavorativo di ogni mese Data Valore 28/08/2012 2,09 26/07/2012 2,14 26/06/2012 2,21 Prima della conclusione del contratto è consigliabile prendere visione del piano di ammortamento personalizzato allegato al documento di sintesi (solo per i mutui a tasso fisso). FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 11 di 19

12 CALCOLO ESEMPLIFICATIVO DELL IMPORTO DELLA RATA Tasso di interesse Applicato Durata del Finanziamento (anni) Importo della rata semestrale per di capitale Se il tasso di interesse aumenta dopo 2 anni (*) Se il tasso di interesse diminuisce dopo 2 anni (*) 4, , , ,91 4, , , ,90 4, , , ,19 (*) Solo per i mutui che hanno una componente variabile al momento della stipula. Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall art. 2 della legge sull usura (l. n. 108/1996) e successive modifiche e integrazioni, relativo ai contratti di mutuo, può essere consultato in filiale e sul sito internet FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 12 di 19

13 ALTRI SERVIZI ACCESSORI Polizza incendio e scoppio IN CASA Compagnia assicuratrice Descrizione Garanzie GRUPPO ASSICURATIVO ARCA La polizza In CASA di Arca Assicurazioni rimborsa il valore per la ricostruzione a nuovo delle parti danneggiate dell'immobile e degli oggetti danneggiati all'interno dei fabbricati ad uso artigianale e/o commerciale. In CASA è una polizza componibile e può quindi essere totalmente personalizzata con la combinazione dei seguenti moduli: - Incendio dell'immobile e responsabilità civile della proprietà che prevede il rimborso dei danni causati da incendio, fulmine, esplosione, fuoriuscita d'acqua e fenomeni elettrici e in aggiunta i danni causati a terzi. - Incendio del contenuto e responsabilità civile della conduzione che è simile alla precedente; comprende anche i danni derivanti dalla fuoriuscita d'acqua. - Protezione legale che prevede l'assistenza legale in caso di controversie relative all unità immobiliare, come ad esempio se un terzo provoca dei danni al vostro fabbricato a seguito di una perdita d acqua, ma si rifiuta di rimborsare i danni provocati Durata Premio annuo con tacito rinnovo Beneficiari La Banca Per saperne di più TABELLA ILLUSTRATIVA DEI PREMI IN CASA - I premi illustrati si riferiscono al costo della garanzia Incendio, Scoppio e RC Proprietà MASSIMALI PREMIO (valore commerciale dell'immobile) FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 13 di 19

14 Polizza incendio e scoppio TUTELA ATTIVITA Compagnia assicuratrice GRUPPO ASSICURATIVO ARCA Descrizione La polizza TUTELA ATTIVITA di Arca Assicurazioni copre il rischio incendio dell unità immobiliare di proprietà dell assicurato, costituita da locali adibiti ad attività di tipo commerciale. artigianale, intellettuale o ricreativo, finalizzato o meno alla produzione di reddito; copre inoltre la responsabilità civile della proprietà. Garanzie La polizza assicura il valore del fabbricato, ossia il costo di costruzione, escluso il valore dell area, con le seguenti garanzie: - Incendio dell'immobile prevede il rimborso dei danni materiali diretti causati da incendio, fulmine, esplosione, implosione, scoppio, caduta di aeromobili, urto di veicoli stradali, bang sonico, guasti, spese di demolizione e sgombero. Relativamente agli immobili costruiti o in fase di manutenzione ordinaria, la garanzia viene estesa agli eventi atmosferici, agli eventi sociopolitici, fumo e con un massimo di 1.550,00 ai danni dovuti da fuoriuscita di acqua condotta, fenomeni elettrici e ricerca e riparazione guasti. Non sono assicurabili le unità immobiliari destinate a: produzione di mangimi; mulini per cereali; zuccherifici; produzione e vendita di vernici e colori; laboratori cosmetici e chimico farmaceutici; produzione e vendita di oggetti in vimini e sughero; produzione di materiale per asfaltaggio e impermeabilizzazione; cineteatri; discoteche; alberghi; supermercati con estensione superiore ai 200 mq; uso agricolo; unità immobiliare destinate esclusivamente a deposito o magazzino; vendita, fabbricazione, manipolazione di sostanze esplosive, fuochi d artificio, munizioni. - Responsabilità civile della proprietà prevede il rimborso a terzi dei danni che il proprietario dell immobile è tenuto a rifondere come civilmente responsabile, relativamente a fatti accidentali verificatisi in relazione alla proprietà dell immobile assicurato, fino ad un massimo di ,00 euro Durata Premio annuo con tacito rinnovo Beneficiari La Banca Per saperne di più TABELLA ILLUSTRATIVA DEI PREMI TUTELA ATTIVITA - I premi illustrati si riferiscono al costo della garanzia Incendio, Scoppio e RC Proprietà. Il fabbricato è assicurabile fino ad un valore di ,00. MASSIMALI (valore del fabbricato) PREMIO FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 14 di 19

15 ALTRE SPESE DA SOSTENERE Al momento della stipula del mutuo il cliente deve sostenere costi relativi a servizi prestati da soggetti terzi: Se acquistati attraverso la Banca Adempimenti notarili Assicurazione immobile Assicurazione macchinari e attrezzature Spese di mediazione Imposta sostitutiva Assicurazione rischio Morte Da regolarsi con il professionista incaricato. Fino all'estinzione del mutuo, la parte mutuataria ha l onere di assicurare, e vincolare a favore della Banca, a proprie spese, presso una Compagnia Assicurativa di gradimento della Banca medesima, gli immobili oggetto della garanzia ipotecaria. I beni dovranno essere assicurati contro l incendio, il fulmine e lo scoppio del gas. Il valore da assicurare sarà indicato dalla Banca medesima. La parte mutuataria ha altresì l onere di assicurare i fabbricati che venissero successivamente eretti sui beni ipotecati. Il Banco di Sardegna propone le polizze della Compagnia "Arca Assicurazioni riportate tra gli "ALTRI SERVIZI ACCESSORI" Le imprese, su esplicita richiesta della Banca, possono avere l onere di assicurare, e vincolare a favore della Banca, a proprie spese, presso una Compagnia assicurativa di gradimento della Banca, i macchinari e le attrezzature oggetto del finanziamento e/o di privilegio. I beni potranno essere assicurati contro fulmini, incendio, atti vandalici e dolosi e furto. Voce di spesa non sostenuta attraverso la Banca e determinata dal singolo mediatore ad esclusivo favore del medesimo - 0,25% sull ammontare del finanziamento Nel caso di mutuo concesso a ditte individuali il titolare della stessa, su esplicita richiesta della Banca, può avere l'onere di stipulare una polizza rischio morte/infortunio, con vincolo a favore della Banca medesima, a proprie spese, fino all'estinzione del mutuo. TEMPI DI EROGAZIONE - Durata dell istruttoria del finanziamento 30 giorni lavorativi (tempo medio), compatibilmente con i tempi legati alla verifica della regolarità della documentazione richiesta per il perfezionamento della pratica di richiesta del mutuo. - Disponibilità dell importo Al consolidamento dell ipoteca, ovvero a stato avanzamento Dell investimento con le modalità contrattualmente previste. FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 15 di 19

16 ESTINZIONE ANTICIPATA, PORTABILITÀ E RECLAMI Estinzione anticipata La parte finanziata ha la facoltà di rimborsare anzitempo il mutuo, in tutto o in parte, versando alla Banca la commissione onnicomprensiva così come definita al paragrafo principali condizioni economiche. - Qualora la parte finanziata sia rappresentata da una ditta individuale e il finanziamento sia finalizzato all acquisto/costruzione/ristrutturazione di un immobile adibito allo svolgimento della propria attività economica non sarà dovuta alcuna commissione. - Negli altri casi, il compenso onnicomprensivo è così determinato: in misura percentuale massima, sul capitale versato anticipatamente, pari al 2,00% nel caso di applicazione di tasso variabile e 3,00 % nel caso di applicazione di tasso fisso. Esempio di conteggio commissione, per mutui fondiari, calcolata simulando un estinzione di capitale residuo di Euro 1.000,00 ovvero una decurtazione parziale per Euro 1.000,00 con commissione pari a 2,00 per cento: (ai sensi della Deliberazione del C.I.C.R. 9/2/2000). Formula matematica: Commissione = [(Quota rimborsata * commissione)/100] LEGENDA RIMBORSO TOTALE RIMBORSO PARZIALE Importo Importo 1.000,00 Importo 1.000,00 Commissione 2,00% 20,00 20,00 Totale 1.020, ,00 Tempi massimi di chiusura del rapporto 30 giorni. Reclami I reclami vanno inviati all Ufficio Reclami della banca istituito presso la Direzione Generale, Ufficio Consulenza Legale Via Moleschott n. 16, SASSARI (SS), che risponde entro 30 giorni dal ricevimento. Se il cliente non è soddisfatto o non ha ricevuto risposta entro i 30 giorni, prima di ricorrere al giudice può rivolgersi a: - Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Per sapere come rivolgersi all Arbitro si può consultare il sito chiedere presso le Filiali della Banca d'italia, oppure chiedere alla banca Conciliazione Il cliente, in caso di controversia con la Banca, può attivare una procedura di conciliazione che consiste nel tentativo di raggiungere un accordo con la Banca stessa, grazie all intervento di un conciliatore indipendente. Per questo servizio è possibile rivolgersi al Conciliatore Bancario Finanziario (Organismo iscritto nel Registro tenuto dal Ministero della Giustizia), con sede a Roma, via delle Botteghe Oscure 54. Risoluzione e decadenza La Banca potrà dichiarare risolto il mutuo qualora (art cod. civ. - clausola risolutiva espressa): - l impresa non provveda al pagamento a scadenza anche di un solo rateo degli interessi di preammortamento, se contrattualmente previsti, o di una sola rata di ammortamento, nonché nell ipotesi di cui al secondo comma dell art. 40 del D.Lgs. n. 385/93 (testo unico bancario); - l impresa subisca protesti o compia qualsiasi atto che diminuisca la propria consistenza patrimoniale od economica, o sia assoggettata ad una qualsiasi procedura concorsuale; - siano concessi provvedimenti cautelari o siano iniziate azioni esecutive a carico dell impresa; - l impresa proponga in via stragiudiziale concordati, richieda ai creditori moratorie, o disponga la messa in liquidazione; - i beni, oggetto della garanzia, subiscano procedimenti conservativi o esecutivi o ipoteche giudiziali; - le documentazioni prodotte e le comunicazioni fatte alla Banca non siano veritiere; - l impresa non provveda a comunicare alla Banca eventuali modifiche della forma sociale, rilevanti diminuzioni del capitale sociale, l eventuale utilizzo di strumenti di raccolta del risparmio quali, emissione di obbligazioni, cambiali finanziarie, certificati di deposito, mutamenti della compagine sociale tali da determinare variazioni del socio di riferimento o della maggioranza, nonché i fatti che possano comunque modificare l attuale situazione giuridica, patrimoniale, finanziaria ed economica della mutuataria e dei garanti; FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 16 di 19

17 - l impresa non intervenga in qualsiasi momento alla stipula di ogni atto richiesto dalla Banca per l eventuale ratifica, convalida, rettifica del mutuo o di sue singole parti; - l impresa non provveda ad inviare alla Banca, entro 120 giorni dalla chiusura dell esercizio o entro 30 giorni dalla relativa approvazione da parte dell assemblea, da celebrarsi entro il termine di legge, i bilanci annuali corredati dalla nota integrativa, la relazione degli amministratori e la relazione del Collegio sindacale qualora sussista; - sia accertato il mancato completamento del programma d investimenti per i quali é concesso il mutuo, se esplicitamente previsto; - l impresa e/o i terzi garanti non adempia/no puntualmente anche ad uno solo degli obblighi posti a loro carico dal contratto e dal Capitolato; - l impresa non provveda puntualmente al rimborso di oneri tributari comunque derivanti dal mutuo o dalla costituzione delle relative garanzie, oneri da intendersi, in ogni caso, a carico dell impresa stessa, anche se assolti dalla Banca; Nei suddetti casi di decadenza o di risoluzione la Banca avrà diritto di esigere, anche in via esecutiva, senza dilazione alcuna la restituzione dell intero suo credito per interessi, anche di mora, accessori tutti e capitale, nei confronti dell impresa e nei confronti dei garanti. Sull importo relativo a tale credito non è consentita la capitalizzazione periodica. Rimane ferma l applicazione, ove ne ricorrano i presupposti, delle disposizioni del Codice Civile inerenti la decadenza dal beneficio del termine e la diminuzione della garanzia (articolo 1186 e articolo 2743 cod. civ.). FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 17 di 19

18 LEGENDA Accollo mutuo Ammortamento Commissione per estinzione anticipata Consorzi fidi Elaborazione di conteggi Imposta sostitutiva Ipoteca Istruttoria Mutuo fondiario Mutuo ipotecario Parametro di indicizzazione (per i mutui a tasso variabile) Parametro di riferimento (per i mutui a tasso fisso) Parametro Euribor Parametro I.R.S. Perizia Piano di ammortamento Piano di ammortamento francese Preammortamento Quota capitale Quota interessi Rata Contratto tra un debitore e una terza persona che si impegna a pagare il debito al creditore. Nel caso del mutuo, chi acquista un immobile gravato da ipoteca si impegna a pagare all intermediario, cioè si accolla, il debito residuo (art cod. civ.). Processo di restituzione graduale del finanziamento mediante il pagamento periodico delle rate. È il compenso onnicomprensivo che la parte contraente il finanziamento è tenuta a corrispondere all intermediario, per aver rimborsato anticipatamente il mutuo, in tutto od in parte, rispetto alle previsioni contrattuali. L entità del compenso è espressa in misura percentuale sulla somma rimborsata anzitempo. Se la parte mutuataria è una ditta individuale, non dovrà corrispondere la commissione in parola qualora il finanziamento stipulato o accollato a seguito di frazionamento sia finalizzato all acquisto, costruzione o ristrutturazione di unità immobiliari adibita all esercizio dell attività economico professionale della parte finanziata medesima. Organi mutualistici, creati per favorire l accesso dei loro soci, generalmente appartenenti a categorie economiche omogenee, attraverso la concessione di norma di garanzie Spese per l elaborazione di conteggi richiesti dalla parte mutuataria a vario titolo (ad esempio, per il ricalcolo dell importo della rata in caso di variazione del tasso o in caso di variazione della durata). Imposta pari allo 0,25% della somma erogata in caso di acquisto, costruzione, ristrutturazione dell immobile. Garanzia su un bene immobile. Se il debitore non può più pagare il suo debito, il creditore può ottenere l espropriazione del bene e farlo vendere (art ss. Cod. civ.). Pratiche e formalità necessarie all erogazione del mutuo. La somma mutuata è garantita da un ipoteca su un bene immobile e l importo finanziato non supera l 80% del valore del bene ipotecato, ovvero l 80% del costo delle opere da eseguire, nel caso di mutuo finalizzato alla costruzione o recupero di un immobile. Tale percentuale può essere elevata sino al 100% qualora vengano prestate determinate garanzie integrative. La somma mutuata è garantita da un ipoteca su di un bene immobile. Parametro di mercato o di politica monetaria preso a riferimento per determinare il tasso di interesse variabile. Parametro di mercato preso a riferimento per determinare il tasso di interesse fisso. Saggio nominale annuo di interesse Euro Interbank Offered Rate 6 mesi 365, rilevato il quart ultimo giorno lavorativo del semestre solare antecedente la stipula del contratto. La Banca prende, di norma, in considerazione la quotazione pubblicata dal quotidiano Il Sole 24 Ore. Saggio nominale annuo di interesse, Interest Rate Swap in Euro a anni lettera (quotato contro Euribor a 6 mesi) rilevato il quart'ultimo giorno lavorativo del mese antecedente la stipula del contratto. La Banca prende, di norma, in considerazione la quotazione pubblicata dal quotidiano "Il Sole 24 Ore". Relazione di un tecnico che attesta il valore dell immobile da ipotecare. Piano di rimborso del mutuo con l indicazione della composizione delle singole rate (quota capitale e quota interessi), calcolato al tasso definito nel contratto. Il piano di ammortamento più diffuso in Italia. La rata prevede una quota capitale crescente e una quota interessi decrescente. All inizio si pagano soprattutto interessi; a mano a mano che il capitale viene restituito, l'ammontare degli interessi diminuisce e la quota di capitale aumenta. Periodo iniziale del mutuo nel quale le rate pagate sono costituite dalla sola quota interessi. Quota della rata costituita dall importo del finanziamento restituito. Quota della rata costituita dagli interessi maturati. Pagamento che la parte mutuataria effettua periodicamente per la restituzione del mutuo, secondo cadenze stabilite contrattualmente. La rata è composta da: - una quota capitale (cioè una quota dell'importo prestato); - una quota interessi (quota interessi dovuta alla Banca per il mutuo). FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 18 di 19

19 Sollecito di pagamento rata Sospensione pagamento rate Spese di perizia Spread Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) Tasso di interesse di preammortamento Tasso di interesse nominale annuo Tasso di mora Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) Tasso fisso Tasso indicizzato Tasso minimo Tasso massimo Qualora siano decorsi almeno 30 giorni dalla scadenza e la rata risulti non pagata, la Banca invia al cliente un sollecito scritto per il pagamento. La Banca può, su richiesta della parte mutuataria, sospendere il pagamento delle rate del mutuo, per un periodo di tempo determinato, secondo le modalità e alle condizioni convenute tra Banca e parte mutuataria, oppure disciplinate da Accordi, cui la Banca abbia aderito, conclusi tra L Associazione Bancaria Italiana (ABI) e le Associazioni dei Consumatori. Durante il periodo di sospensione, decorrono gli interessi contrattualmente pattuiti, che verranno rimborsati, in quote costanti, a far tempo dalla prima rata non sospesa e fino alla scadenza del finanziamento. In caso, invece, di sospensione consistente nella traslazione del capitale residuo, gli interessi maturati durante il periodo di sospensione, sono corrisposti dalla parte mutuataria alle scadenze contrattualmente pattuite. Spese sostenute per l'accertamento del valore dell'immobile offerto in garanzia. Maggiorazione applicata ai parametri di riferimento o di indicizzazione. Indica il costo totale del mutuo su base annua ed è espresso in percentuale sull'ammontare del finanziamento concesso. Comprende il tasso di interesse e altre voci di spesa, ad esempio spese di istruttoria della pratica e di riscossione della rata. Alcune spese non sono comprese, ad esempio quelle notarili. Il tasso degli interessi dovuti sulla somma finanziata per il periodo che va dalla data di stipula del finanziamento alla data di inizio ammortamento. Rapporto percentuale, calcolato su base annua, tra l interesse (quale compenso del capitale prestato) e il capitale prestato. Il tasso viene calcolato con riferimento all anno civile di 365 giorni o 366 in caso di anno bisestile. Tasso di interesse applicato in caso di ritardo nel pagamento delle rate. Tasso di interesse pubblicato ogni tre mesi dal Ministero dell Economia e delle Finanze come previsto dalla legge sull usura. Per verificare se un tasso di interesse è usurario, quindi vietato, bisogna individuare, tra tutti quelli pubblicati, il TEGM dei mutui, aumentarlo della metà e accertare che quanto richiesto dalla Banca non sia superiore. Tasso di interesse che non varia per tutta la durata del finanziamento. Tasso di interesse che varia in relazione all andamento di uno o più parametri di indicizzazione specificatamente indicati nel contratto di finanziamento. Tasso al di sotto del quale il finanziamento a tasso variabile non potrà scendere, indipendentemente dall andamento del parametro di indicizzazione applicato. Tasso al di sopra del quale gli interessi di un finanziamento a tasso variabile non possono essere calcolati, indipendentemente dall andamento del parametro di indicizzazione applicato al finanziamento. FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE Pagina 19 di 19

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per azioni con sede legale ed amministrativa in viale Mancini,

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA Conforme alle disposizioni di vigilanza sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e degli artt. 115 e segg. T.U.B aggiornamento 21-apr-2015 CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI,

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva Aviva S.p.A. Gruppo Aviva FIN+A Vita Creditor Protection a Premio Unico ed a Premio Annuo Limitato abbinata a Finanziamenti - Contratto di Assicurazione in forma Collettiva ad Adesione Facoltativa. Il

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

2 Che cos'é un mutuo?

2 Che cos'é un mutuo? 2. Che cos'é un mutuo? Il mutuo è un finanziamento concesso abitualmente per acquistare un'unità abitativa o per acquisti immobiliari in genere. I finanziamenti sono praticati dalle Banche, Istituti di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA ALTO VICENTINO CREDITO COOPERATIVO SCPA - SCHIO Sede Legale, Amministrativa e Direzione Generale Via Pista dei Veneti, 14 36015 Schio (VI) Tel.: 0445/674000 - Fax: 0445/674500

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE 2015 Milano - Via Caldera, 21 - Telefono 02 7212.1 - Fax 02 7212.74 - www.compass.it - Capitale euro 0086450159; Iscritta all Albo degli Intermediari Finanziari e all Albo degli Istituti di Moneta Elettronica

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

tra Artigiancassa S.p.A

tra Artigiancassa S.p.A Contratto "tipo" di finanziamento di quota di capitale di rischio di impresa italiana in impresa mista in paese in via di sviluppo, ai sensi dell'articolo 7 della legge 26.2.1987, n. 49 INDICE tra Artigiancassa

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli