CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE"

Transcript

1 CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R , n Principio contabile n R.M , n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi in denaro e in natura - diversi dai contributi per l'acquisto di beni ammortizzabili, da quelli contrattuali e da quelli in conto esercizio - che rappresentano contributi in conto capitale, erogati per favorire un generico potenziamento della struttura patrimoniale dell impresa o per la copertura di perdite. La classificazione civilistica è conforme alla disciplina fiscale; non si segnalano, al riguardo, particolari problematiche in relazione all applicazione dell Irap, poiché concorrono alla formazione della base imponibile Irap i contributi erogati in base a norma di legge (salvo specifiche esclusioni normative). CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE Somme la cui erogazione risponde genericamente alla finalità di incrementare i mezzi patrimoniali dell'impresa, senza che la loro concessione si correli all'onere dell'effettuazione di uno specifico investimento in beni strumentali. Costituiscono un provento straordinario, rappresentato da una sopravvenienza attiva. CIVILISTICI Iscrizione in bilancio in base al principio di competenza. Obbligo di rilevazione delle imposte differite nel caso di trattamento fiscale non coincidente con il trattamento civilistico. I contributi in conto capitale rilevano nel momento in cui entrano nella disponibilità materiale e giuridica del percettore, ovvero al momento dell incasso (criterio di cassa). Se il diritto è sottoposto a condizione sospensiva, il contributo rileva fiscalmente solo al verificarsi della condizione. Se il contributo è erogato mediante riconoscimento di un credito d imposta, lo stesso si considera incassato nel momento in cui il credito è utilizzato per il pagamento delle imposte. Tassazione nell'esercizio di incasso. oppure Tassazione frazionata in un periodo massimo di 5 esercizi, compreso quello di incasso. R A T I O N. 1 /

2 TRATTAMENTO FISCALE E CONTABILE SOPRAVVENIENZE ATTIVE Contributi in conto capitale Proventi in denaro e in natura conseguiti a titolo di contributo o di liberalità. Esclusioni Dal periodo d'imposta in corso all' non sono considerati sopravvenienze attive (bensì contributi in conto impianti) i contributi per l'acquisto di beni ammortizzabili indipendentemente dal finanziamento adottato, ossia dalla forma assunta. Non costituiscono, inoltre, sopravvenienze attive (ma ricavi):.. i contributi in denaro (o il valore normale di quelli in natura) spettanti sotto qualsiasi denominazione in base a contratto;.. i contributi spettanti esclusivamente in conto esercizio a norma di legge. Non si considerano contributi o liberalità i finanziamenti erogati dallo Stato, dalle Regioni e dalle Province Autonome per la costruzione, ristrutturazione e manutenzione straordinaria ed ordinaria di immobili di edilizia residenziale pubblica concessi agli Istituti autonomi per le case popolari, comunque denominati, nonché quelli erogati alle cooperative edilizie a proprietà indivisa e di abitazione per la costruzione, ristrutturazione e manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili destinati all assegnazione in godimento o locazione. Caratteristiche Non sono legati all effettuazione di specifici investimenti. La finalità è genericamente di incrementare i mezzi patrimoniali dell impresa. Sono individuati in via residuale rispetto ai contributi in conto impianti e ai contributi in conto esercizio. Aspetti civilistici Sono iscritti in bilancio in base al principio di competenza. Tipologia di contributo Vecchi contributi erogati dalla Regione I contributi in conto capitale ricevuti in base a legge regionale rientrano fra quelli di cui all'art. 88, c. 3, lett. b) Tuir. I contributi in conto capitale sono considerati sopravvenienze attive, indipendentemente dal fatto che siano erogati in base a legge, sia essa regionale o statale. Nel caso, invece, di contributi in conto esercizio, è fiscalmente rilevante, ai fini della loro qualificazione come ricavi, la circostanza che i contributi siano concessi in base a norma di legge. C.M n. 73/E, punto 3.17 Contributi misti Con riguardo alle ipotesi di contributi accordati in relazione a piani di investimento complessi che comprendono sia spese di acquisizione di beni strumentali ammortizzabili, sia spese di diversa natura (spese per consulenze, studi di fattibilità, indagini di mercato, ecc.), a condizione che non siano inquadrabili tra i contributi in conto esercizio, l Amministrazione Finanziaria ritiene che se il contributo non è determinato come percentuale delle spese ammesse al beneficio, o in base ad altri criteri obiettivi che ne consentano la ripartizione tra l una e l altra categoria di spesa, l intero importo del contributo stesso debba essere assoggettato alla disciplina relativa alle sopravvenienze attive [art. 88, c. 3, lett. b) Tuir]. 60 R A T I O N. 1 /

3 TERRENI Dottrina Non essendo più ammortizzabile fiscalmente il terreno su cui insiste o sovrasta un fabbricato industriale, potrebbe apparire ragionevole considerare il contributo erogato da un ente pubblico per l acquisizione di suolo aziendale in modo conforme ad un contributo in conto capitale, anche se sarebbe auspicabile un chiarimento ministeriale. Viceversa, solo qualora il contributo sia materialmente connesso alla costruzione di un fabbricato strumentale ammortizzabile e alle spese ad esso relative, a prescindere dal costo imputabile al terreno, si ritiene opportuno e corretto qualificare fiscalmente tale contributo come un contributo in conto impianti. Qualora il terreno edificabile sia destinato alla successiva costruzione di un fabbricato non strumentale (non ammortizzabile), costituente bene patrimoniale, il contributo dovrebbe essere qualificato anche fiscalmente come contributo in conto capitale. TRATTAMENTO FISCALE Imposte Il contributo in conto capitale può essere utilizzato per coprire sui redditi Art. 88 Tuir perdite di esercizi precedenti. Concorrono, alternativamente, a formare il reddito:.. nell'esercizio in cui sono stati incassati;.. in quote costanti nell'esercizio in cui sono stati incassati e nei successivi ma non oltre il 4. Rateizzazione in 5 anni Irap Concorrono in ogni caso alla formazione della base imponibile Irap i contributi erogati in base a norma di legge, anche se risultano esclusi ai fini delle imposte sui redditi, a meno che l esclusione non sia prevista dalle leggi istitutive dei singoli contributi. Scritture contabili Contributi in conto capitale A Anno "n" a) conseguimento del contributo in conto capitale. DATI Nell'anno "n" il contributo è concesso ma non erogato. L'erogazione avviene nell'esercizio "n+1". Si intende conseguire la massima convenienza fiscale con rateizzazione della tassazione, in 5 anni. P C II 5 E E 20 CREDITI PER n a CONTRIBUTI IN CONTO ,00 (E A 5) CONTRIBUTI CAPITALE Rilevazione per competenza, in seguito alla comunicazione della delibera di concessione del contributo. Nota bene Secondo il principio di competenza che presiede alla redazione del bilancio, appare opportuno contabilizzare i contributi quando avviene la comunicazione della delibera da parte del soggetto erogante, procedendo, in caso di incasso non ancora avvenuto al termine dell'esercizio, ad una variazione in diminuzione in dichiarazione dei redditi allo scopo di differire la tassazione all'epoca dell'incasso. b) stanziamento delle imposte differite n E E 22 b) P B 2 IMPOSTE DIFFERITE a FONDO IMPOSTE ,00 DELL'ESERCIZIO NON DEDUCIBILI FISCALMENTE DIFFERITE Per imposte differite su sopravvenienza attiva. Nota bene L'importo dell'accantonamento per imposte differite è stato calcolato considerando l'aliquota Ires del 27,50% e l'aliquota Irap del 3,90% (in vigore per l esercizio 2008). L importo delle imposte differite e anticipate deve essere rettificato a seguito della modifica delle aliquote delle imposte che si renderanno applicabili al momento in cui le differenze temporanee si riverseranno. R A T I O N. 1 /

4 RIPRESE In diminuzione In aumento Poiché il contributo si suppone soltanto concesso nell'esercizio "n", ma non ancora incassato, si dovrà procedere ad una variazione in diminuzione per l'importo della sopravvenienza attiva. L'importo delle imposte differite, che sono correlate alla sopravvenienza attiva tassabile all'atto dell'incasso, deve essere ripresa in aumento nella dichiarazione dei redditi. B Anno "n+1" a) incasso del contributo n+1 P C IV 1 P CII 5 BANCA C/C ORDINARIO a CREDITI PER ,00 CONTRIBUTI Ricevimento a mezzo bonifico del contributo concesso nell'anno "n". b) stanziamento debiti tributari n+1 E E 22 a) P D 12 IMPOSTE DELL'ESERCIZIO NON DEDUCIBILI FISCALMENTE a ERARIO C/IMPOSTE SUL REDDITO 2.072,40 Imposte su quota tassata nell'esercizio (si suppone la rateizzazione massima in 5 anni) n+1 P B 2 E E 22 a) FONDO IMPOSTE DIFFERITE a IMPOSTE DELL'ESERCIZIO NON DEDUCIBILI FISCALMENTE 2.072,40 Storno imposte differite. RIPRESE In aumento Poiché nell'esercizio "n+1" si è incassato il contributo, è sorto il momento impositivo ai fini delle imposte sui redditi. Una volta decisa la durata della rateizzazione dei contributi, si effettuerà una corrispondente variazione in aumento nella dichiarazione dei redditi. Ipotesi di tassazione in 5 anni ,00 : 5 = 6.600,00. Anni successivi RIPRESE IMPOSTE ESERCIZIO Variazioni in aumento, per i 4 esercizi successivi, della quota costante di sopravvenienza rateizzata 6.600,00. Si procederà allo storno del fondo imposte differite per la quota di imposte dovute nell'esercizio ,00 x 31,40% = 2.072, R A T I O N. 1 /

5 CONTRIBUTI IN CONTO IMPIANTI SOMMARIO TRATTAMENTO DEI CONTRIBUTI IN CONTO IMPIANTI Art. 88 D.P.R , n L , n Art. 4 L , n Art. 3, c. 103 e 109 L , n Art. 9 D.L , n Art. 21, c. 4, lett. b) L , n D. Lgs , n D.M C.M , n. 73/ E - C.M , n. 154/E - C.M , n. 60/E - C. Assonime , n C. Assonime C.M , n. 141/E - Principio contabile n Norma comportamento Associazione Dottori Commercialisti Milano n. 155 Dal 1998 non sono più considerate sopravvenienze attive i contributi per l'acquisto di beni ammortizzabili, indipendentemente dal tipo di finanziamento adottato e, parallelamente, il costo su cui calcolare le quote di ammortamento non è più assunto al lordo degli eventuali contributi, bensì al netto (costo di acquisto meno contributi). In tal caso, il contributo concorre alla formazione del reddito sotto forma di minori quote di ammortamento deducibili nei periodi di imposta di durata del processo di ammortamento. Altra tecnica contabile consiste nel lasciare invariato il costo di acquisto del bene; il contributo risulta tra i componenti positivi di reddito, concorrendo alla formazione del reddito d impresa sotto forma di quote di risconto passivo proporzionalmente corrispondenti alle quote di ammortamento dedotte in ciascun esercizio. In entrambi i casi, il contributo è contabilizzato in base al principio della competenza economica, condiviso sia dal punto di vista civilistico sia da quello fiscale. CONTRIBUTI IN CONTO IMPIANTI Contributi finalizzati all'acquisizione di beni strumentali. CIVILISTICI ALTERNATIVE CONTABILI Sono imputati, nel bilancio, in base al principio di competenza nel momento in cui è definito il titolo che dà diritto all incasso. Sono componenti positivi di reddito costituenti rettifiche di costi. Accredito graduale al conto economico in connessione alla vita utile del bene. Riduzione del costo dei cespiti di riferimento. Inclusione del contributo nel patrimonio netto nel momento in cui è rilevato contabilmente (metodo sconsigliato). I contributi in conto impianti concorrono alla formazione del reddito in base al principio di competenza. Non sono considerati sopravvenienze attive. I contributi in conto impianti concorrono alla formazione della base imponibile Irap, anche se esclusi dalla base imponibile Ires, salvo che l esclusione sia prevista dalla relativa legge istitutiva del contributo. Nel caso in cui il contributo sia contabilizzato a diretta riduzione del costo di acquisto del bene cui inerisce, il concorso alla formazione del reddito avverrà, automaticamente, sotto forma di minori quote di ammortamento deducibili nei periodi d imposta di durata del processo di ammortamento. Nel caso in cui il bene sia iscritto nell attivo al lordo del contributo ricevuto, il concorso alla formazione del reddito d impresa dei contributi della specie avverrà in stretta correlazione con il processo di ammortamento dei beni alla cui acquisizione ineriscono, sotto forma di quote di risconto proporzionalmente corrispondenti alle quote di ammortamento dedotte in ciascun esercizio. Sono esclusi i contributi correlati a componenti negativi non ammessi in deduzione ai fini Irap. 30 R A T I O N.10/

6 TRATTAMENTO DEI CONTRIBUTI IN CONTO IMPIANTI DEFINIZIONE E CIVILISTICI Definizione Contributi finalizzati all acquisto di beni materiali o immateriali ammortizzabili. La rilevazione in bilancio deve essere effettuata in applicazione del principio di competenza, determinato in base alla formale delibera di erogazione dell ente concedente. NATURA FISCALE Art. 88, c. 3, lett. b) D.P.R , n. 917 COSTO FISCALE I contributi per l'acquisto di beni ammortizzabili non sono considerati sopravvenienze attive, indipendentemente dal tipo di finanziamento adottato. Tassazione per competenza L esclusione di tale specie di contributi dal novero dei proventi costituenti sopravvenienze attive ne comporta il concorso alla formazione del reddito secondo le regole di competenza economica, ai sensi dell art. 109 del Tuir, determinata in relazione alla durata dell utilità dei beni cui si riferiscono i contributi. L impostazione è stata confermata dalla R.M , n Il costo è assunto al lordo delle quote di ammortamento già dedotte. Riduzione del costo Nel caso in cui il contributo sia contabilizzato a diretta riduzione del costo di acquisto del bene cui inerisce, il concorso alla formazione del reddito avverrà automaticamente sotto forma di minori quote di ammortamento deducibili nei periodi d imposta di durata del processo di ammortamento. Art. 110, c. 1, lett. a) D.P.R , n. 917 Se il processo di ammortamento dei beni è iniziato in un esercizio precedente a quello in cui il contributo è deliberato, le quote di contributo riferibili agli esercizi pregressi costituiscono una sopravvenienza attiva imponibile nell esercizio di delibera. Norma di comportamento Dottori Commercialisti Milano n CESSIONE DEL BENE Norma comportamento commercialisti Milano n. 155 La cessione del bene, relativamente al quale il contributo erogato in conto impianti sia stato contabilizzato a riduzione del costo di acquisto, genera una plusvalenza o minusvalenza pari alla differenza tra il corrispettivo percepito e il costo residuo del bene. Se il contributo è stato contabilizzato con il metodo del risconto, la cessione del bene genera:.. una plusvalenza o una minusvalenza pari alla differenza tra il corrispettivo percepito e il costo residuo del bene;.. un provento pari alla quota di contributo oggetto di risconto non ancora imputato a conto economico. Trattamento contabile Metodologie di contabilizzazione Iscrizione a patrimonio netto Metodo sconsigliato e non più menzionato nel Principio Contabile n. 16. Graduale accredito a conto economico Metodo consigliato dal Principio Contabile n. 16; unico metodo considerato da Ias 20. Riduzione costo cespiti Nota bene Contenuto Osservazioni Tale soluzione impone di contabilizzare a patrimonio netto, per intero, il contributo in conto impianti. Il contributo è considerato parte integrante del patrimonio netto a decorrere dal momento in cui esso L'ammortamento civilistico è effettuato sul costo può essere rilevato contabilmente. pieno del cespite cui il contributo si riferisce. Metodo consentito per usufruire del precedente Poiché il costo su cui calcolare l'ammortamento fiscale è ora considerato al netto del contributo in sistema di tassazione, fino al conto impianti, occorrerà recuperare a tassazione la parte di ammortamento relativa al contributo. Il contributo può essere iscritto tra i risconti passivi con riduzione degli stessi, alla fine di ogni periodo, mediante accredito al conto economico da effettuarsi con lo stesso tasso utilizzato per l'ammortamento del cespite cui il contributo si riferisce. I contributi, imputati al conto economico tra gli "altri ricavi e proventi" alla voce "A-5", sono rinviati per competenza agli esercizi successivi attraverso l'iscrizione di "risconti passivi". Le quote di contributo imputate a conto economico sono imponibili fiscalmente. L'ammortamento civilistico e fiscale è effettuato sul costo pieno del cespite cui il contributo si riferisce. Al conto economico sono imputati ammortamenti I contributi possono essere esposti a riduzione del calcolati sul costo netto dei cespiti. costo storico dei cespiti cui tali contributi si riferiscono. lordo e l'ammontare dei contributi. In nota integrativa sarà evidenziato il costo storico La nota integrativa deve illustrare il comportamento seguito. R A T I O N.10/

7 IRAP Art. 11, c. 3 D. Lgs. 446/1997 Art. 3, c. 2-quinquies D.L. 209/2002 Ai fini della determinazione della base imponibile dell Irap concorrono i contributi erogati a norma di legge, con esclusione di quelli correlati a componenti negativi non ammessi in deduzione. Il concorso si verifica anche in relazione a contributi per i quali sia prevista l esclusione dalla base imponibile delle imposte sui redditi, sempre che l esclusione dalla base imponibile dell Irap non sia prevista dalle leggi istitutive dei singoli contributi, ovvero da altre disposizioni di carattere speciale. Esempio n. 1 Metodo della riduzione del costo del cespite P D 7 P B II 2 P C II 4bis P D 7 P C IV 1 A Acquisto di un bene ammortizzabile con contributo in c/impianti a) acquisto del macchinario DIVERSI IMP. E MACCH. SPECIFICI IVA C/ACQUISTI Ricevimento fattura. FORNITORI Pagamento fattura. a FORNITORI a BANCA C/C ORDINARIO , ,00 b) comunicazione della delibera di erogazione del contributo P C II 5 E A 5 E A 5 P B II 2 CREDITI PER CONTRIBUTI a CONTRIB. IN C/IMPIANTI Comunicazione della delibera di erogazione del contributo in conto impianti. CONTRIB. IN C/IMPIANTI a IMP. E MACCH. SPECIFICI Giroconto. c) incasso del contributo P C IV 1 P C II 5 BANCA C/C ORDINARIO Incasso del contributo. a CREDITI PER CONTRIBUTI E B 10 b P B II 2 d) ammortamento del cespite AMM.TO IMPIANTI a F.DO AMM.TO IMPIANTI Ammortamento del macchinario nella misura del 10% su ,00 Nota L ammortamento è effettuato con aliquota 10% in ossequio ai principi civilistici. Ai fini fiscali, per il 1 anno occorre appostare in dichiarazione una variazione in aumento pari al 50% della quota di ammortamento civilistico, in quanto il coefficiente è ridotto alla metà ai fini fiscali; è necessario, quindi, rilevare contabilmente, se ne esistono i presupposti, le imposte anticipate relative alla differenza. Anche l eventuale differenza negli anni successivi tra ammortamento effettuato e quello deducibile fiscalmente costituisce una variazione da apportare in sede di dichiarazione dei redditi e richiede l appostazione delle imposte differite o anticipate. 32 R A T I O N.10/

8 Esempio n. 2 Metodo del graduale accredito a conto economico P D 7 P B II 2 P C II 4bis P D 7 P C IV 1 A Acquisto di un bene ammortizzabile con contributo in c/ impianti a) acquisto del macchinario DIVERSI a FORNITORI IMP. E MACCH. SPECIFICI IVA C/ACQUISTI Ricevimento fattura. FORNITORI a BANCA C/C ORDINARIO Pagamento fattura , ,00 b) comunicazione della delibera di erogazione del contributo P C II 5 E A 5 CREDITI PER CONTRIBUTI a CONTRIB. IN C/IMPIANTI Comunicazione della delibera di erogazione del contributo in conto impianti. P C IV 1 P C II 5 E B 10 b P B II 2 E A 5 P E c) incasso del contributo BANCA C/C ORDINARIO Incasso del contributo. d) ammortamento del cespite a CREDITI PER CONTRIBUTI AMM.TO IMPIANTI a F.DO AMM.TO IMPIANTI Ammortamento del macchinario nella misura del 10% CONTRIB. IN C/IMPIANTI a RISCONTI PASSIVI Risconto del 90% del contributo, con indiretta imputazione a conto economico del relativo 10% , ,00 Ammortamento fiscale Diversi ammortamenti civilistici L ammortamento è effettuato con aliquota 10% in ossequio ai principi civilistici; ai fini fiscali, per il 1 anno occorre appostare in dichiarazione una variazione in aumento pari al 50% della quota di ammortamento civilistico con la rilevazione contabile, se ne sussistono i requisiti, delle relative imposte anticipate. Occorre effettuare anche una variazione in diminuzione pari al 50% della quota di contributo c/ impianti effettivamente rimasta a carico dell esercizio con la rilevazione contabile delle relative imposte differite. Qualora la quota di ammortamento imputata al conto economico ecceda quella fiscalmente ammessa in deduzione, occorrerà procedere, oltreché al rinvio della deduzione di detta eccedenza, anche al rinvio della tassazione della parte di contributo imputata al conto economico ad essa proporzionalmente corrispondente. Per converso, ove l ammortamento riconosciuto ai fini fiscali risulti superiore a quello stanziato in sede civilistica - come avviene nell ipotesi dell ammortamento anticipato non imputato al conto economico - si renderà concorrente alla formazione del reddito imponibile anche la quota di contributo proporzionalmente corrispondente a tale maggiore ammortamento, benchè anch essa non imputata al conto economico. In ogni caso, si devono predisporre le relative imposte anticipate e differite da imputare contabilmente in relazione alle differenze con gli importi deducibili fiscalmente. R A T I O N.10/

9 Esempio n. 3 Metodo dell iscrizione a patrimonio netto (metodo sconsigliato e non più menzionato nel Principio Contabile n. 16) P D 7 P B II 2 P C II 4bis P D 7 P C IV 1 A Acquisto di un bene ammortizzabile con contributo in c/impianti a) acquisto del macchinario DIVERSI IMP. E MACCH. SPECIFICI IVA C/ACQUISTI Ricevimento fattura. FORNITORI Pagamento fattura. a a FORNITORI BANCA C/C ORDINARIO , ,00 b) comunicazione della delibera di erogazione del contributo P C II 5 E A 5 E A 5 P A VII CREDITI PER CONTRIBUTI a CONTRIB. IN C/IMPIANTI Comunicazione della delibera di erogazione del contributo in conto impianti. CONTRIBUTI IN CONTO IMPIANTI a RISERVA SOPRAVVENIENZE ATTIVE NON IMPONIBILI FISCALMENTE Giroconto. c) incasso del contributo P C IV 1 P C II 5 BANCA C/C ORDINARIO Incasso del contributo. a CREDITI PER CONTRIBUTI E B 10 b P B II 2 d) ammortamento del cespite AMM.TO IMPIANTI a F.DO AMM.TO IMPIANTI Ammortamento del macchinario nella misura del 10% ,00 Riprese fiscali In aumento Il costo su cui calcolare l'ammortamento fiscale è considerato, dal 1998, al netto dei contributi per l'acquisto dei beni ammortizzabili. La parte di ammortamento civilistico relativa al contributo deve essere ripresa a tassazione con una variazione in aumento in sede di dichiarazione dei redditi pari a ,00, con la rilevazione contabile delle relative imposte anticipate. 34 R A T I O N.10/

10 CONTRIBUTI IN CONTO ESERCIZIO SOMMARIO TRATTAMENTO DEI CONTRIBUTI IN CONTO ESERCIZIO Art. 85 D.P.R , n Art. 28 D.P.R , n L , n Art. 4 L , n Art. 3, c. 103 e 109 L , n Art. 9 D.L , n Art. 21, c. 4, lett. b), L , n D. Lgs , n D.M C.M , n. 73/E - C.M , n. 154/E - C.M , n. 60/E - C. Assonime , n C. Assonime C.M , n. 141/ E - R.M , n. 176/E - Principio contabile n Norma comportamento Associazione Dottori Commercialisti Milano n. 155 Si definiscono in conto esercizio i contributi o le sovvenzioni erogati dallo Stato o da altri enti pubblici, finalizzati ad integrare i ricavi o alla copertura di determinati costi di gestione. Contabilmente rappresentano dei ricavi di esercizio, imputati per competenza ed indipendentemente dall effettiva percezione, a condizione che vi sia la certezza giuridica di avere diritto al contributo: ciò avviene quando l ente erogatore ha emesso la delibera di approvazione. Costituiscono contributi in conto esercizio anche i contributi in conto interessi, finalizzati all innovazione, alla ricostruzione o alla formazione del personale. La disciplina fiscale è conforme a quella civilistica e prevede che siano assoggettati ad una ritenuta alla fonte del 4%, a titolo di acconto, qualora siano erogati da enti pubblici e privati. Non rilevano, generalmente, ai fini IVA, salvo quando sono dovuti in base ad un contratto e, quindi, direttamente connessi ai corrispettivi delle cessioni di beni o prestazioni di servizi. CIVILISTICI Contributi concessi allo scopo di integrare i ricavi o ridurre i costi d'esercizio. Ricavi Da rilevare secondo il criterio della competenza. Art C.C. Contributi in denaro o in natura spettanti in base a contratto. Contributi spettanti esclusivamente in conto esercizio a norma di legge. Art. 85 Tuir Criterio di competenza Ricavi che concorrono a formare il reddito per competenza, indipendentemente dall effettiva percezione del contributo. Art. 109 Tuir Ritenuta Soggetti a ritenuta alla fonte del 4%, a titolo di acconto, con obbligo di rivalsa sull ammontare dei contributi corrisposti. Se erogati da:.. enti pubblici;.. enti privati. IVA Soggetti ad IVA. Se dovuti in base a un contratto. Irap Concorrono alla formazione della base imponibile Irap. Ad esclusione dei contributi specificatamente esclusi e di quelli correlati a componenti negativi non ammessi in deduzione. R A T I O N.11/

11 TRATTAMENTO DEI CONTRIBUTI IN CONTO ESERCIZIO NATURA Sono contributi o sovvenzioni erogati dallo Stato o altri Enti pubblici, finalizzati ad integrare i ricavi o alla copertura di determinati costi di gestione. Rientrano in tale categoria anche i contributi in conto interessi corrisposti dallo Stato, da altri Enti pubblici o dall Unione Europea all innovazione, ricostruzione o formazione del personale. CIVILISTICI Criterio di imputazione Voci di bilancio Principio contabile n. 12 Sono imputati a bilancio in base al principio di competenza, indipendentemente dall effettiva percezione. Rileva il momento in cui esiste la certezza giuridica di aver diritto al contributo, ossia quando l ente erogatore ha emesso la delibera di approvazione all emissione del mandato di pagamento. La corretta classificazione nel Conto Economico dipende dalla natura del contributo:.. A5) Altri ricavi e Se integrano ricavi della gestione caratteristica o proventi. delle gestioni accessorie diverse da quella finanziaria, o se riducono i relativi costi... C17) Interessi ed altri oneri finanziari, con segno negativo... C16) Altri proventi finanziari. Se riducono costi di natura finanziaria di competenza dell esercizio. Se riducono costi di natura finanziaria di competenza di esercizi precedenti... E20) Proventi straordinari. Se sono connessi ad eventi eccezionali. Tipologia Contributi in denaro o natura spettanti sotto qualsiasi denominazione Art. 85, c. 1 in base a contratto. lett. g) e h) Contributi spettanti esclusivamente in conto esercizio a norma di legge. Tuir Natura Costituiscono ricavi e concorrono alla formazione del reddito in base al generale principio di competenza. Art. 109 Tuir Tassazione e principio di competenza Assume rilievo, in genere, il momento in cui avviene la comunicazione all impresa del decreto di liquidazione del contributo, ovvero in cui risultano verificati tutti gli elementi per l accesso in assenza di atti formali. Nel caso di contributi sottoposti a condizione sospensiva, rileva il momento in cui l ente erogante emette una delibera formale. Esempio Scritture contabili per contributi in conto esercizio P C II 5 E A 5 CREDITI VERSO ENTE a CONTRIBUTI IN CONTO EROGANTE ESERCIZIO Rilevazione contributo in conto esercizio P C II 5 DIVERSI a CREDITI VERSO ENTE EROGANTE P C IV 1 BANCA C/C P CII-4bis CREDITO PER RITENUTE D ACCONTO SU CONTRIBUTI Incasso contributo in conto esercizio, al netto di ritenuta d acconto 4% ,00 400, , ,00 68 R A T I O N.11/

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE CON ESAME DELLE DIVERSE E PIU RECENTI CASISTICHE a cura del Centro Studi Enti Locali (tutti i diritti riservati) Disciplina

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l)

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) Le spese di manutenzione possono essere di diverse tipologie: Spese aventi natura periodica e contrattuale: (pulizia, verniciatura..) che servono per

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli