CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE"

Transcript

1 CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R , n Principio contabile n R.M , n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi in denaro e in natura - diversi dai contributi per l'acquisto di beni ammortizzabili, da quelli contrattuali e da quelli in conto esercizio - che rappresentano contributi in conto capitale, erogati per favorire un generico potenziamento della struttura patrimoniale dell impresa o per la copertura di perdite. La classificazione civilistica è conforme alla disciplina fiscale; non si segnalano, al riguardo, particolari problematiche in relazione all applicazione dell Irap, poiché concorrono alla formazione della base imponibile Irap i contributi erogati in base a norma di legge (salvo specifiche esclusioni normative). CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE Somme la cui erogazione risponde genericamente alla finalità di incrementare i mezzi patrimoniali dell'impresa, senza che la loro concessione si correli all'onere dell'effettuazione di uno specifico investimento in beni strumentali. Costituiscono un provento straordinario, rappresentato da una sopravvenienza attiva. CIVILISTICI Iscrizione in bilancio in base al principio di competenza. Obbligo di rilevazione delle imposte differite nel caso di trattamento fiscale non coincidente con il trattamento civilistico. I contributi in conto capitale rilevano nel momento in cui entrano nella disponibilità materiale e giuridica del percettore, ovvero al momento dell incasso (criterio di cassa). Se il diritto è sottoposto a condizione sospensiva, il contributo rileva fiscalmente solo al verificarsi della condizione. Se il contributo è erogato mediante riconoscimento di un credito d imposta, lo stesso si considera incassato nel momento in cui il credito è utilizzato per il pagamento delle imposte. Tassazione nell'esercizio di incasso. oppure Tassazione frazionata in un periodo massimo di 5 esercizi, compreso quello di incasso. R A T I O N. 1 /

2 TRATTAMENTO FISCALE E CONTABILE SOPRAVVENIENZE ATTIVE Contributi in conto capitale Proventi in denaro e in natura conseguiti a titolo di contributo o di liberalità. Esclusioni Dal periodo d'imposta in corso all' non sono considerati sopravvenienze attive (bensì contributi in conto impianti) i contributi per l'acquisto di beni ammortizzabili indipendentemente dal finanziamento adottato, ossia dalla forma assunta. Non costituiscono, inoltre, sopravvenienze attive (ma ricavi):.. i contributi in denaro (o il valore normale di quelli in natura) spettanti sotto qualsiasi denominazione in base a contratto;.. i contributi spettanti esclusivamente in conto esercizio a norma di legge. Non si considerano contributi o liberalità i finanziamenti erogati dallo Stato, dalle Regioni e dalle Province Autonome per la costruzione, ristrutturazione e manutenzione straordinaria ed ordinaria di immobili di edilizia residenziale pubblica concessi agli Istituti autonomi per le case popolari, comunque denominati, nonché quelli erogati alle cooperative edilizie a proprietà indivisa e di abitazione per la costruzione, ristrutturazione e manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili destinati all assegnazione in godimento o locazione. Caratteristiche Non sono legati all effettuazione di specifici investimenti. La finalità è genericamente di incrementare i mezzi patrimoniali dell impresa. Sono individuati in via residuale rispetto ai contributi in conto impianti e ai contributi in conto esercizio. Aspetti civilistici Sono iscritti in bilancio in base al principio di competenza. Tipologia di contributo Vecchi contributi erogati dalla Regione I contributi in conto capitale ricevuti in base a legge regionale rientrano fra quelli di cui all'art. 88, c. 3, lett. b) Tuir. I contributi in conto capitale sono considerati sopravvenienze attive, indipendentemente dal fatto che siano erogati in base a legge, sia essa regionale o statale. Nel caso, invece, di contributi in conto esercizio, è fiscalmente rilevante, ai fini della loro qualificazione come ricavi, la circostanza che i contributi siano concessi in base a norma di legge. C.M n. 73/E, punto 3.17 Contributi misti Con riguardo alle ipotesi di contributi accordati in relazione a piani di investimento complessi che comprendono sia spese di acquisizione di beni strumentali ammortizzabili, sia spese di diversa natura (spese per consulenze, studi di fattibilità, indagini di mercato, ecc.), a condizione che non siano inquadrabili tra i contributi in conto esercizio, l Amministrazione Finanziaria ritiene che se il contributo non è determinato come percentuale delle spese ammesse al beneficio, o in base ad altri criteri obiettivi che ne consentano la ripartizione tra l una e l altra categoria di spesa, l intero importo del contributo stesso debba essere assoggettato alla disciplina relativa alle sopravvenienze attive [art. 88, c. 3, lett. b) Tuir]. 60 R A T I O N. 1 /

3 TERRENI Dottrina Non essendo più ammortizzabile fiscalmente il terreno su cui insiste o sovrasta un fabbricato industriale, potrebbe apparire ragionevole considerare il contributo erogato da un ente pubblico per l acquisizione di suolo aziendale in modo conforme ad un contributo in conto capitale, anche se sarebbe auspicabile un chiarimento ministeriale. Viceversa, solo qualora il contributo sia materialmente connesso alla costruzione di un fabbricato strumentale ammortizzabile e alle spese ad esso relative, a prescindere dal costo imputabile al terreno, si ritiene opportuno e corretto qualificare fiscalmente tale contributo come un contributo in conto impianti. Qualora il terreno edificabile sia destinato alla successiva costruzione di un fabbricato non strumentale (non ammortizzabile), costituente bene patrimoniale, il contributo dovrebbe essere qualificato anche fiscalmente come contributo in conto capitale. TRATTAMENTO FISCALE Imposte Il contributo in conto capitale può essere utilizzato per coprire sui redditi Art. 88 Tuir perdite di esercizi precedenti. Concorrono, alternativamente, a formare il reddito:.. nell'esercizio in cui sono stati incassati;.. in quote costanti nell'esercizio in cui sono stati incassati e nei successivi ma non oltre il 4. Rateizzazione in 5 anni Irap Concorrono in ogni caso alla formazione della base imponibile Irap i contributi erogati in base a norma di legge, anche se risultano esclusi ai fini delle imposte sui redditi, a meno che l esclusione non sia prevista dalle leggi istitutive dei singoli contributi. Scritture contabili Contributi in conto capitale A Anno "n" a) conseguimento del contributo in conto capitale. DATI Nell'anno "n" il contributo è concesso ma non erogato. L'erogazione avviene nell'esercizio "n+1". Si intende conseguire la massima convenienza fiscale con rateizzazione della tassazione, in 5 anni. P C II 5 E E 20 CREDITI PER n a CONTRIBUTI IN CONTO ,00 (E A 5) CONTRIBUTI CAPITALE Rilevazione per competenza, in seguito alla comunicazione della delibera di concessione del contributo. Nota bene Secondo il principio di competenza che presiede alla redazione del bilancio, appare opportuno contabilizzare i contributi quando avviene la comunicazione della delibera da parte del soggetto erogante, procedendo, in caso di incasso non ancora avvenuto al termine dell'esercizio, ad una variazione in diminuzione in dichiarazione dei redditi allo scopo di differire la tassazione all'epoca dell'incasso. b) stanziamento delle imposte differite n E E 22 b) P B 2 IMPOSTE DIFFERITE a FONDO IMPOSTE ,00 DELL'ESERCIZIO NON DEDUCIBILI FISCALMENTE DIFFERITE Per imposte differite su sopravvenienza attiva. Nota bene L'importo dell'accantonamento per imposte differite è stato calcolato considerando l'aliquota Ires del 27,50% e l'aliquota Irap del 3,90% (in vigore per l esercizio 2008). L importo delle imposte differite e anticipate deve essere rettificato a seguito della modifica delle aliquote delle imposte che si renderanno applicabili al momento in cui le differenze temporanee si riverseranno. R A T I O N. 1 /

4 RIPRESE In diminuzione In aumento Poiché il contributo si suppone soltanto concesso nell'esercizio "n", ma non ancora incassato, si dovrà procedere ad una variazione in diminuzione per l'importo della sopravvenienza attiva. L'importo delle imposte differite, che sono correlate alla sopravvenienza attiva tassabile all'atto dell'incasso, deve essere ripresa in aumento nella dichiarazione dei redditi. B Anno "n+1" a) incasso del contributo n+1 P C IV 1 P CII 5 BANCA C/C ORDINARIO a CREDITI PER ,00 CONTRIBUTI Ricevimento a mezzo bonifico del contributo concesso nell'anno "n". b) stanziamento debiti tributari n+1 E E 22 a) P D 12 IMPOSTE DELL'ESERCIZIO NON DEDUCIBILI FISCALMENTE a ERARIO C/IMPOSTE SUL REDDITO 2.072,40 Imposte su quota tassata nell'esercizio (si suppone la rateizzazione massima in 5 anni) n+1 P B 2 E E 22 a) FONDO IMPOSTE DIFFERITE a IMPOSTE DELL'ESERCIZIO NON DEDUCIBILI FISCALMENTE 2.072,40 Storno imposte differite. RIPRESE In aumento Poiché nell'esercizio "n+1" si è incassato il contributo, è sorto il momento impositivo ai fini delle imposte sui redditi. Una volta decisa la durata della rateizzazione dei contributi, si effettuerà una corrispondente variazione in aumento nella dichiarazione dei redditi. Ipotesi di tassazione in 5 anni ,00 : 5 = 6.600,00. Anni successivi RIPRESE IMPOSTE ESERCIZIO Variazioni in aumento, per i 4 esercizi successivi, della quota costante di sopravvenienza rateizzata 6.600,00. Si procederà allo storno del fondo imposte differite per la quota di imposte dovute nell'esercizio ,00 x 31,40% = 2.072, R A T I O N. 1 /

5 CONTRIBUTI IN CONTO IMPIANTI SOMMARIO TRATTAMENTO DEI CONTRIBUTI IN CONTO IMPIANTI Art. 88 D.P.R , n L , n Art. 4 L , n Art. 3, c. 103 e 109 L , n Art. 9 D.L , n Art. 21, c. 4, lett. b) L , n D. Lgs , n D.M C.M , n. 73/ E - C.M , n. 154/E - C.M , n. 60/E - C. Assonime , n C. Assonime C.M , n. 141/E - Principio contabile n Norma comportamento Associazione Dottori Commercialisti Milano n. 155 Dal 1998 non sono più considerate sopravvenienze attive i contributi per l'acquisto di beni ammortizzabili, indipendentemente dal tipo di finanziamento adottato e, parallelamente, il costo su cui calcolare le quote di ammortamento non è più assunto al lordo degli eventuali contributi, bensì al netto (costo di acquisto meno contributi). In tal caso, il contributo concorre alla formazione del reddito sotto forma di minori quote di ammortamento deducibili nei periodi di imposta di durata del processo di ammortamento. Altra tecnica contabile consiste nel lasciare invariato il costo di acquisto del bene; il contributo risulta tra i componenti positivi di reddito, concorrendo alla formazione del reddito d impresa sotto forma di quote di risconto passivo proporzionalmente corrispondenti alle quote di ammortamento dedotte in ciascun esercizio. In entrambi i casi, il contributo è contabilizzato in base al principio della competenza economica, condiviso sia dal punto di vista civilistico sia da quello fiscale. CONTRIBUTI IN CONTO IMPIANTI Contributi finalizzati all'acquisizione di beni strumentali. CIVILISTICI ALTERNATIVE CONTABILI Sono imputati, nel bilancio, in base al principio di competenza nel momento in cui è definito il titolo che dà diritto all incasso. Sono componenti positivi di reddito costituenti rettifiche di costi. Accredito graduale al conto economico in connessione alla vita utile del bene. Riduzione del costo dei cespiti di riferimento. Inclusione del contributo nel patrimonio netto nel momento in cui è rilevato contabilmente (metodo sconsigliato). I contributi in conto impianti concorrono alla formazione del reddito in base al principio di competenza. Non sono considerati sopravvenienze attive. I contributi in conto impianti concorrono alla formazione della base imponibile Irap, anche se esclusi dalla base imponibile Ires, salvo che l esclusione sia prevista dalla relativa legge istitutiva del contributo. Nel caso in cui il contributo sia contabilizzato a diretta riduzione del costo di acquisto del bene cui inerisce, il concorso alla formazione del reddito avverrà, automaticamente, sotto forma di minori quote di ammortamento deducibili nei periodi d imposta di durata del processo di ammortamento. Nel caso in cui il bene sia iscritto nell attivo al lordo del contributo ricevuto, il concorso alla formazione del reddito d impresa dei contributi della specie avverrà in stretta correlazione con il processo di ammortamento dei beni alla cui acquisizione ineriscono, sotto forma di quote di risconto proporzionalmente corrispondenti alle quote di ammortamento dedotte in ciascun esercizio. Sono esclusi i contributi correlati a componenti negativi non ammessi in deduzione ai fini Irap. 30 R A T I O N.10/

6 TRATTAMENTO DEI CONTRIBUTI IN CONTO IMPIANTI DEFINIZIONE E CIVILISTICI Definizione Contributi finalizzati all acquisto di beni materiali o immateriali ammortizzabili. La rilevazione in bilancio deve essere effettuata in applicazione del principio di competenza, determinato in base alla formale delibera di erogazione dell ente concedente. NATURA FISCALE Art. 88, c. 3, lett. b) D.P.R , n. 917 COSTO FISCALE I contributi per l'acquisto di beni ammortizzabili non sono considerati sopravvenienze attive, indipendentemente dal tipo di finanziamento adottato. Tassazione per competenza L esclusione di tale specie di contributi dal novero dei proventi costituenti sopravvenienze attive ne comporta il concorso alla formazione del reddito secondo le regole di competenza economica, ai sensi dell art. 109 del Tuir, determinata in relazione alla durata dell utilità dei beni cui si riferiscono i contributi. L impostazione è stata confermata dalla R.M , n Il costo è assunto al lordo delle quote di ammortamento già dedotte. Riduzione del costo Nel caso in cui il contributo sia contabilizzato a diretta riduzione del costo di acquisto del bene cui inerisce, il concorso alla formazione del reddito avverrà automaticamente sotto forma di minori quote di ammortamento deducibili nei periodi d imposta di durata del processo di ammortamento. Art. 110, c. 1, lett. a) D.P.R , n. 917 Se il processo di ammortamento dei beni è iniziato in un esercizio precedente a quello in cui il contributo è deliberato, le quote di contributo riferibili agli esercizi pregressi costituiscono una sopravvenienza attiva imponibile nell esercizio di delibera. Norma di comportamento Dottori Commercialisti Milano n CESSIONE DEL BENE Norma comportamento commercialisti Milano n. 155 La cessione del bene, relativamente al quale il contributo erogato in conto impianti sia stato contabilizzato a riduzione del costo di acquisto, genera una plusvalenza o minusvalenza pari alla differenza tra il corrispettivo percepito e il costo residuo del bene. Se il contributo è stato contabilizzato con il metodo del risconto, la cessione del bene genera:.. una plusvalenza o una minusvalenza pari alla differenza tra il corrispettivo percepito e il costo residuo del bene;.. un provento pari alla quota di contributo oggetto di risconto non ancora imputato a conto economico. Trattamento contabile Metodologie di contabilizzazione Iscrizione a patrimonio netto Metodo sconsigliato e non più menzionato nel Principio Contabile n. 16. Graduale accredito a conto economico Metodo consigliato dal Principio Contabile n. 16; unico metodo considerato da Ias 20. Riduzione costo cespiti Nota bene Contenuto Osservazioni Tale soluzione impone di contabilizzare a patrimonio netto, per intero, il contributo in conto impianti. Il contributo è considerato parte integrante del patrimonio netto a decorrere dal momento in cui esso L'ammortamento civilistico è effettuato sul costo può essere rilevato contabilmente. pieno del cespite cui il contributo si riferisce. Metodo consentito per usufruire del precedente Poiché il costo su cui calcolare l'ammortamento fiscale è ora considerato al netto del contributo in sistema di tassazione, fino al conto impianti, occorrerà recuperare a tassazione la parte di ammortamento relativa al contributo. Il contributo può essere iscritto tra i risconti passivi con riduzione degli stessi, alla fine di ogni periodo, mediante accredito al conto economico da effettuarsi con lo stesso tasso utilizzato per l'ammortamento del cespite cui il contributo si riferisce. I contributi, imputati al conto economico tra gli "altri ricavi e proventi" alla voce "A-5", sono rinviati per competenza agli esercizi successivi attraverso l'iscrizione di "risconti passivi". Le quote di contributo imputate a conto economico sono imponibili fiscalmente. L'ammortamento civilistico e fiscale è effettuato sul costo pieno del cespite cui il contributo si riferisce. Al conto economico sono imputati ammortamenti I contributi possono essere esposti a riduzione del calcolati sul costo netto dei cespiti. costo storico dei cespiti cui tali contributi si riferiscono. lordo e l'ammontare dei contributi. In nota integrativa sarà evidenziato il costo storico La nota integrativa deve illustrare il comportamento seguito. R A T I O N.10/

7 IRAP Art. 11, c. 3 D. Lgs. 446/1997 Art. 3, c. 2-quinquies D.L. 209/2002 Ai fini della determinazione della base imponibile dell Irap concorrono i contributi erogati a norma di legge, con esclusione di quelli correlati a componenti negativi non ammessi in deduzione. Il concorso si verifica anche in relazione a contributi per i quali sia prevista l esclusione dalla base imponibile delle imposte sui redditi, sempre che l esclusione dalla base imponibile dell Irap non sia prevista dalle leggi istitutive dei singoli contributi, ovvero da altre disposizioni di carattere speciale. Esempio n. 1 Metodo della riduzione del costo del cespite P D 7 P B II 2 P C II 4bis P D 7 P C IV 1 A Acquisto di un bene ammortizzabile con contributo in c/impianti a) acquisto del macchinario DIVERSI IMP. E MACCH. SPECIFICI IVA C/ACQUISTI Ricevimento fattura. FORNITORI Pagamento fattura. a FORNITORI a BANCA C/C ORDINARIO , ,00 b) comunicazione della delibera di erogazione del contributo P C II 5 E A 5 E A 5 P B II 2 CREDITI PER CONTRIBUTI a CONTRIB. IN C/IMPIANTI Comunicazione della delibera di erogazione del contributo in conto impianti. CONTRIB. IN C/IMPIANTI a IMP. E MACCH. SPECIFICI Giroconto. c) incasso del contributo P C IV 1 P C II 5 BANCA C/C ORDINARIO Incasso del contributo. a CREDITI PER CONTRIBUTI E B 10 b P B II 2 d) ammortamento del cespite AMM.TO IMPIANTI a F.DO AMM.TO IMPIANTI Ammortamento del macchinario nella misura del 10% su ,00 Nota L ammortamento è effettuato con aliquota 10% in ossequio ai principi civilistici. Ai fini fiscali, per il 1 anno occorre appostare in dichiarazione una variazione in aumento pari al 50% della quota di ammortamento civilistico, in quanto il coefficiente è ridotto alla metà ai fini fiscali; è necessario, quindi, rilevare contabilmente, se ne esistono i presupposti, le imposte anticipate relative alla differenza. Anche l eventuale differenza negli anni successivi tra ammortamento effettuato e quello deducibile fiscalmente costituisce una variazione da apportare in sede di dichiarazione dei redditi e richiede l appostazione delle imposte differite o anticipate. 32 R A T I O N.10/

8 Esempio n. 2 Metodo del graduale accredito a conto economico P D 7 P B II 2 P C II 4bis P D 7 P C IV 1 A Acquisto di un bene ammortizzabile con contributo in c/ impianti a) acquisto del macchinario DIVERSI a FORNITORI IMP. E MACCH. SPECIFICI IVA C/ACQUISTI Ricevimento fattura. FORNITORI a BANCA C/C ORDINARIO Pagamento fattura , ,00 b) comunicazione della delibera di erogazione del contributo P C II 5 E A 5 CREDITI PER CONTRIBUTI a CONTRIB. IN C/IMPIANTI Comunicazione della delibera di erogazione del contributo in conto impianti. P C IV 1 P C II 5 E B 10 b P B II 2 E A 5 P E c) incasso del contributo BANCA C/C ORDINARIO Incasso del contributo. d) ammortamento del cespite a CREDITI PER CONTRIBUTI AMM.TO IMPIANTI a F.DO AMM.TO IMPIANTI Ammortamento del macchinario nella misura del 10% CONTRIB. IN C/IMPIANTI a RISCONTI PASSIVI Risconto del 90% del contributo, con indiretta imputazione a conto economico del relativo 10% , ,00 Ammortamento fiscale Diversi ammortamenti civilistici L ammortamento è effettuato con aliquota 10% in ossequio ai principi civilistici; ai fini fiscali, per il 1 anno occorre appostare in dichiarazione una variazione in aumento pari al 50% della quota di ammortamento civilistico con la rilevazione contabile, se ne sussistono i requisiti, delle relative imposte anticipate. Occorre effettuare anche una variazione in diminuzione pari al 50% della quota di contributo c/ impianti effettivamente rimasta a carico dell esercizio con la rilevazione contabile delle relative imposte differite. Qualora la quota di ammortamento imputata al conto economico ecceda quella fiscalmente ammessa in deduzione, occorrerà procedere, oltreché al rinvio della deduzione di detta eccedenza, anche al rinvio della tassazione della parte di contributo imputata al conto economico ad essa proporzionalmente corrispondente. Per converso, ove l ammortamento riconosciuto ai fini fiscali risulti superiore a quello stanziato in sede civilistica - come avviene nell ipotesi dell ammortamento anticipato non imputato al conto economico - si renderà concorrente alla formazione del reddito imponibile anche la quota di contributo proporzionalmente corrispondente a tale maggiore ammortamento, benchè anch essa non imputata al conto economico. In ogni caso, si devono predisporre le relative imposte anticipate e differite da imputare contabilmente in relazione alle differenze con gli importi deducibili fiscalmente. R A T I O N.10/

9 Esempio n. 3 Metodo dell iscrizione a patrimonio netto (metodo sconsigliato e non più menzionato nel Principio Contabile n. 16) P D 7 P B II 2 P C II 4bis P D 7 P C IV 1 A Acquisto di un bene ammortizzabile con contributo in c/impianti a) acquisto del macchinario DIVERSI IMP. E MACCH. SPECIFICI IVA C/ACQUISTI Ricevimento fattura. FORNITORI Pagamento fattura. a a FORNITORI BANCA C/C ORDINARIO , ,00 b) comunicazione della delibera di erogazione del contributo P C II 5 E A 5 E A 5 P A VII CREDITI PER CONTRIBUTI a CONTRIB. IN C/IMPIANTI Comunicazione della delibera di erogazione del contributo in conto impianti. CONTRIBUTI IN CONTO IMPIANTI a RISERVA SOPRAVVENIENZE ATTIVE NON IMPONIBILI FISCALMENTE Giroconto. c) incasso del contributo P C IV 1 P C II 5 BANCA C/C ORDINARIO Incasso del contributo. a CREDITI PER CONTRIBUTI E B 10 b P B II 2 d) ammortamento del cespite AMM.TO IMPIANTI a F.DO AMM.TO IMPIANTI Ammortamento del macchinario nella misura del 10% ,00 Riprese fiscali In aumento Il costo su cui calcolare l'ammortamento fiscale è considerato, dal 1998, al netto dei contributi per l'acquisto dei beni ammortizzabili. La parte di ammortamento civilistico relativa al contributo deve essere ripresa a tassazione con una variazione in aumento in sede di dichiarazione dei redditi pari a ,00, con la rilevazione contabile delle relative imposte anticipate. 34 R A T I O N.10/

10 CONTRIBUTI IN CONTO ESERCIZIO SOMMARIO TRATTAMENTO DEI CONTRIBUTI IN CONTO ESERCIZIO Art. 85 D.P.R , n Art. 28 D.P.R , n L , n Art. 4 L , n Art. 3, c. 103 e 109 L , n Art. 9 D.L , n Art. 21, c. 4, lett. b), L , n D. Lgs , n D.M C.M , n. 73/E - C.M , n. 154/E - C.M , n. 60/E - C. Assonime , n C. Assonime C.M , n. 141/ E - R.M , n. 176/E - Principio contabile n Norma comportamento Associazione Dottori Commercialisti Milano n. 155 Si definiscono in conto esercizio i contributi o le sovvenzioni erogati dallo Stato o da altri enti pubblici, finalizzati ad integrare i ricavi o alla copertura di determinati costi di gestione. Contabilmente rappresentano dei ricavi di esercizio, imputati per competenza ed indipendentemente dall effettiva percezione, a condizione che vi sia la certezza giuridica di avere diritto al contributo: ciò avviene quando l ente erogatore ha emesso la delibera di approvazione. Costituiscono contributi in conto esercizio anche i contributi in conto interessi, finalizzati all innovazione, alla ricostruzione o alla formazione del personale. La disciplina fiscale è conforme a quella civilistica e prevede che siano assoggettati ad una ritenuta alla fonte del 4%, a titolo di acconto, qualora siano erogati da enti pubblici e privati. Non rilevano, generalmente, ai fini IVA, salvo quando sono dovuti in base ad un contratto e, quindi, direttamente connessi ai corrispettivi delle cessioni di beni o prestazioni di servizi. CIVILISTICI Contributi concessi allo scopo di integrare i ricavi o ridurre i costi d'esercizio. Ricavi Da rilevare secondo il criterio della competenza. Art C.C. Contributi in denaro o in natura spettanti in base a contratto. Contributi spettanti esclusivamente in conto esercizio a norma di legge. Art. 85 Tuir Criterio di competenza Ricavi che concorrono a formare il reddito per competenza, indipendentemente dall effettiva percezione del contributo. Art. 109 Tuir Ritenuta Soggetti a ritenuta alla fonte del 4%, a titolo di acconto, con obbligo di rivalsa sull ammontare dei contributi corrisposti. Se erogati da:.. enti pubblici;.. enti privati. IVA Soggetti ad IVA. Se dovuti in base a un contratto. Irap Concorrono alla formazione della base imponibile Irap. Ad esclusione dei contributi specificatamente esclusi e di quelli correlati a componenti negativi non ammessi in deduzione. R A T I O N.11/

11 TRATTAMENTO DEI CONTRIBUTI IN CONTO ESERCIZIO NATURA Sono contributi o sovvenzioni erogati dallo Stato o altri Enti pubblici, finalizzati ad integrare i ricavi o alla copertura di determinati costi di gestione. Rientrano in tale categoria anche i contributi in conto interessi corrisposti dallo Stato, da altri Enti pubblici o dall Unione Europea all innovazione, ricostruzione o formazione del personale. CIVILISTICI Criterio di imputazione Voci di bilancio Principio contabile n. 12 Sono imputati a bilancio in base al principio di competenza, indipendentemente dall effettiva percezione. Rileva il momento in cui esiste la certezza giuridica di aver diritto al contributo, ossia quando l ente erogatore ha emesso la delibera di approvazione all emissione del mandato di pagamento. La corretta classificazione nel Conto Economico dipende dalla natura del contributo:.. A5) Altri ricavi e Se integrano ricavi della gestione caratteristica o proventi. delle gestioni accessorie diverse da quella finanziaria, o se riducono i relativi costi... C17) Interessi ed altri oneri finanziari, con segno negativo... C16) Altri proventi finanziari. Se riducono costi di natura finanziaria di competenza dell esercizio. Se riducono costi di natura finanziaria di competenza di esercizi precedenti... E20) Proventi straordinari. Se sono connessi ad eventi eccezionali. Tipologia Contributi in denaro o natura spettanti sotto qualsiasi denominazione Art. 85, c. 1 in base a contratto. lett. g) e h) Contributi spettanti esclusivamente in conto esercizio a norma di legge. Tuir Natura Costituiscono ricavi e concorrono alla formazione del reddito in base al generale principio di competenza. Art. 109 Tuir Tassazione e principio di competenza Assume rilievo, in genere, il momento in cui avviene la comunicazione all impresa del decreto di liquidazione del contributo, ovvero in cui risultano verificati tutti gli elementi per l accesso in assenza di atti formali. Nel caso di contributi sottoposti a condizione sospensiva, rileva il momento in cui l ente erogante emette una delibera formale. Esempio Scritture contabili per contributi in conto esercizio P C II 5 E A 5 CREDITI VERSO ENTE a CONTRIBUTI IN CONTO EROGANTE ESERCIZIO Rilevazione contributo in conto esercizio P C II 5 DIVERSI a CREDITI VERSO ENTE EROGANTE P C IV 1 BANCA C/C P CII-4bis CREDITO PER RITENUTE D ACCONTO SU CONTRIBUTI Incasso contributo in conto esercizio, al netto di ritenuta d acconto 4% ,00 400, , ,00 68 R A T I O N.11/

Contributi regionali per la certificazione di qualità

Contributi regionali per la certificazione di qualità Agevolazioni & Incentivi Contributi regionali per la certificazione di qualità I contributi regionali (o in c/capitale) per la certificazione di qualità sono compatibili con gli incentivi fiscali per la

Dettagli

Le imposte nell informativa di bilancio

Le imposte nell informativa di bilancio Le imposte nell informativa di bilancio 1 Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla base della determinazione di

Dettagli

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE Il codice civile si prefigge la rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica della società con chiarezza ed in modo veritiero e corretto mentre

Dettagli

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti CIRCOLARE N. 50/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 novembre 2011 OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti La presente circolare intende fornire alcuni chiarimenti in ordine

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Imposta proporzionale sui redditi complessivi delle società. Risultato di bilancio

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 PREVALENZA DELLA SOSTANZA SULLA FORMA Compravendita con obbligo di retrocessione Il lavoro interinale Operazioni di retrolocazione (Lease Back) 1 FISCALITA DIFFERITA

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER INFORMATIVA N. 134 06 MAGGIO 2015 BILANCIO LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER Art. 18, DL n. 91/2014 Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E Principi contabili OIC 16 e 25 Informativa

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO

BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO Il principio contabile OIC n.25 stabilisce che i debiti per le singole imposte dell'esercizio siano imputati in bilancio al netto di eventuali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro

UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro Facoltà di ECONOMIA E COMMERCIO Tesi di laurea Relatore: Prof.ssa Maura Campra Correlatore: Dott. Braja Eugenio Mario Candidato: D Antuono

Dettagli

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Esercizio di attività commerciali (art. 2195 c.c.): - attività industriale diretta alla

Dettagli

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche.

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Roma, 22 gennaio 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Quesito Nell ambito dei Piani di Sviluppo

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Imposte differire: le voci da controllare

Imposte differire: le voci da controllare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 125 29.04.2014 Imposte differire: le voci da controllare Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Ai fini della rilevazione in

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013

BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013 A cura di Celeste Vivenzi BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013 Il principio contabile OIC n.25 stabilisce che i debiti per le singole imposte dell'esercizio

Dettagli

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI Circolare N. 32 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 aprile 2011 LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI I ratei costituiscono quote di ricavi o costi di competenza dell esercizio ma la cui manifestazione

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Premessa Il D.Lgs. n.446/97 distingue i criteri di determinazione della base

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto.

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. A) IX - Utile (perdita) di esercizio - Premessa Come stabilito dalla Nota operativa

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI. GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it

SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI. GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it RIFERIMENTI NORMATIVI E PRASSI Fonte normativa Art. 36 commi 7-8 legge 4

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 05 DEL 02/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: MAXI-AMMORTAMENTI PER I BENI STRUMENTALI NUOVI ACQUISTATI NEL PERIODO 15.10.2015-31.12.2016 PAG. 2 IN SINTESI:

Dettagli

Esempio di determinazione delle imposte correnti

Esempio di determinazione delle imposte correnti Esempio di determinazione delle imposte correnti La Belvedere S.p.A. alla fine dell esercizio X presenta il seguente conto economico: Conti Saldo dare ( ) Saldo avere ( ) Rimanenze iniziali di merci 55.000

Dettagli

Nota integrativa CONTO ECONOMICO PATRIMONIALE 2011 GESTIONE COMPETENZA Titolo I Entrate tributarie ENTRATA Sono contabilizzati come proventi dell esercizio gli accertamenti di competenza assunti per un

Dettagli

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI Acquisto Il contratto di leasing è uno degli strumenti che viene comunemente utilizzato dalle imprese per procedere all acquisto di beni strumentali. Sono previste due possibili

Dettagli

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Circolare N. 28 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 aprile 2009 COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Una tra le più ricorrenti problematiche inerenti la chiusura di bilancio

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 232/E

RISOLUZIONE N. 232/E RISOLUZIONE N. 232/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,22 agosto 2007 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 109, comma 1, del DPR 22 dicembre 1986, n. 917 Costi deducibili ALFA S.p.A- Con l

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le immobilizzazioni materiali Definizione e riferimenti Definizione: Le immobilizzazioni sono gli elementi patrimoniali destinati ad essere

Dettagli

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Si illustra il trattamento

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3

ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3 ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3 OGGETTO: Le imposte sul reddito nel bilancio di esercizio e le connesse scritture contabili - Introduzione La presente nota operativa ha lo scopo di evidenziare la normativa

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 Nota integrativa al bilancio al 31/12/2012 Premessa Il bilancio dell'esercizio

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE I CONTRAENTI ELEMENTI DEL CONTRATTO L ASSOCIANTE SEGUE: ELEMENTI

DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE I CONTRAENTI ELEMENTI DEL CONTRATTO L ASSOCIANTE SEGUE: ELEMENTI DEFINIZIONE L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Relatore: dott. Francesco Barone L associazione in partecipazione è definita come un contratto attraverso il quale l associante attribuisce all associato una

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 15 La contabilizzazione dei contributi

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 15 La contabilizzazione dei contributi DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 15 La contabilizzazione dei contributi Aprile 2003 LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI Documento Aristeia n. 15 LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI SOMMARIO: 1. Introduzione

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Circolare N. 26 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 5 aprile 2011 LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Nelle aziende, specie in quelle industriali, rivestono una notevole importanza i costi di

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011

Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Francesco Facchini * Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011 Il D.L. n.98/11, convertito dalla L. n.111/11, ha apportato

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

Determinazione e rilevazione delle imposte nel bilancio di esercizio (Appunti da non citare senza autorizzazione dell autore) Dr.

Determinazione e rilevazione delle imposte nel bilancio di esercizio (Appunti da non citare senza autorizzazione dell autore) Dr. Determinazione e rilevazione delle imposte nel bilancio di esercizio (Appunti da non citare senza autorizzazione dell autore) Dr. Paolo Villa Introduzione La determinazione e la rilevazione delle imposte,

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING

IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING a cura di IPC CONSULTING Carlo Parenti Dottore Commercialista IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING Imposizione diretta per i cedenti Imposizione

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI)

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) Si rilevino le seguenti scritture di rettifica di fine anno sul bilancio della società ABC Srl qui allegato. 1) Rilevazione delle seguenti quote di ammortamento:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

La disciplina tributaria del Conto Energia

La disciplina tributaria del Conto Energia IMPIANTI FOTOVOLTAICI E C.M. N. 46/2007 La disciplina tributaria del Conto Energia di Fabio Noferi Produzione e Logistica >> Normativa ambientale Sommario Introduzione...3 Trattamento fiscale dei contributi

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

Nota Integrativa CONSORZIO GROSSETO LAVORO. Bilancio abbreviato al 31/12/2011. Introduzione alla Nota integrativa. Criteri di formazione

Nota Integrativa CONSORZIO GROSSETO LAVORO. Bilancio abbreviato al 31/12/2011. Introduzione alla Nota integrativa. Criteri di formazione CONSORZIO GROSSETO LAVORO (consorzio costituito ai sensi dell'art. 2602 e seg. del Codice Civile) Sede Legale: VIA CAIROLI 3 GROSSETO (GR) Iscritta al Registro Imprese di: GROSSETO C.F. e numero iscrizione:

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA BILANCIO CONSUNTIVO 2010 AUSER VOLONTARIATO PIEMONTE

NOTA INTEGRATIVA BILANCIO CONSUNTIVO 2010 AUSER VOLONTARIATO PIEMONTE NOTA INTEGRATIVA BILANCIO CONSUNTIVO 2010 AUSER VOLONTARIATO PIEMONTE AUSER PIEMONTE ONLUS NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2010 PREMESSA L'Associazione è: 1. ONLUS di diritto ai sensi

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 9 IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO

ESERCITAZIONE N. 9 IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO Le imposte rappresentano una quota del reddito di esercizio da erogare allo Stato. Le differenti normative civile e fiscale, considerano diversamente alcuni componenti di reddito (positivi

Dettagli

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO di Antonio Gigliotti Come noto l art. 1, commi da 54 a 89, della legge di stabilità 2015 (23 dicembre 2014, n. 190), ha introdotto, a decorrere dal 1 gennaio 2015, un

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 dicembre 2013 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale della svalutazione civilistica di beni materiali

Dettagli

Bilancio e dichiarazione dei redditi: i contributi pubblici

Bilancio e dichiarazione dei redditi: i contributi pubblici N. 18 del 08.05.2012 I Focus A cura di Ruggero Viviani Bilancio e dichiarazione dei redditi: i contributi pubblici Per quanto si andrà a argomentare nel presente intervento, innanzi tutto appare rilevante

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate Chi deve presentare la dichiarazione La soggettività passiva all IRAP non è circoscritta unicamente ai soggetti che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo ma anche agli enti non commerciali

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Studio+com segue pagina 1 Ai signori Clienti Loro sedi Circolare n. 35/2014 IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Con l avvicinarsi delle festività natalizie si ripresenta la necessità di gestire l effettuazione

Dettagli

Ridimensionato l appeal fiscale della rivalutazione degli immobili

Ridimensionato l appeal fiscale della rivalutazione degli immobili Ridimensionato l appeal fiscale della rivalutazione degli immobili SINTESI L art. 15 del D.L. 29/11/2008 n. 185, nella formulazione adottata con la conversione in legge, consente alle imprese di procedere

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa TESTO ESERCITAZIONE CODIFICATO 1. In data 2/12 si paga al fornitore Le bottiglie Srl, tramite bonifico bancario, un

Dettagli

Studio Legale Tributario Leo

Studio Legale Tributario Leo Avv. Leonardo Leo Studio Legale Tributario Leo Intervento tenuto al convegno La Prevenzione conviene: dall INAIL 60 milioni di incentivi alle imprese. Lecce, 11 gennaio 2011, Hotel Hilton Garden Inn ARTICOLAZIONE

Dettagli

Roma, 22 ottobre 2001

Roma, 22 ottobre 2001 RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 22 ottobre 2001 OGGETTO: Istanza di interpello n..2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dal Signor in ordine all assoggettabilità all imposta

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I 20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I Il candidato proceda preventivamente ad illustrare sotto il profilo civilistico e fiscale le caratteristiche dell operazione di cessione d azienda. Successivamente

Dettagli

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi La disciplina dei ratei e risconti è ampliata prevedendo ulteriori disposizioni sulle condizioni per la loro rilevazione in bilancio. La disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. soggetti passivi = società di capitali S.p.a., S.a.p.a., S.r.l.,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi. Relazione tra. Risultato ante imposte reddito imponibile. Si pongono diversi problemi:

Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi. Relazione tra. Risultato ante imposte reddito imponibile. Si pongono diversi problemi: Relazione tra Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi Risultato ante imposte reddito imponibile Si pongono diversi problemi: Che relazione esiste tra bilancio d esercizio e dichiarazione dei redditi?

Dettagli

Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009

Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009 Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009 Il conferimento Disciplina fiscale ed opzioni contabili 1 Nell ambito dell imposizione diretta, il regime fiscale cui è soggetta l operazione di conferimento

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 301/E

RISOLUZIONE N. 301/E RISOLUZIONE N. 301/E Roma, 18 ottobre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello Art. 109 TUIR, approvato con D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, come modificato dal d.

Dettagli

Bilancio abbreviato al 31/12/2011

Bilancio abbreviato al 31/12/2011 LAMETIASVILUPPO SCRL Sede Legale: C.DA MADDAMMA LAMEZIA TERME (CZ) Iscritta al Registro Imprese di: CATANZARO C.F. e numero iscrizione: 02582730798 Iscritta al R.E.A. di CATANZARO n. 170344 Capitale Sociale

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI & ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI Sede in VIA N. COLAJANNI 4-00100 ROMA Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Immobilizzazioni I. Immateriali 24.229

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

FASE UNO SRL UNIPERSONALE

FASE UNO SRL UNIPERSONALE Reg. Imp. 03085840928 Rea 245496 FASE UNO SRL UNIPERSONALE Sede in VIALE TRENTO 69-09100 CAGLIARI (CA) Capitale sociale Euro 120.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli