MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida"

Transcript

1 MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida Manuale Esercizi Soluzioni (concetto) prof. dr. hab. inz. Edward Chlebus dr inż. Bogdan Dybała, dr inż. Tomasz Boratyński dr inż. Jacek Czajka dr inż. Tomasz Będza dr inż. Mariusz Frankiewicz mgr inż. Tomasz Kurzynowski Università Tecnica di Breslavia, Polonia Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata Progetto UE no Minos, durata dal 2005 al 2007 Progetto UE no. DE/08/LLP-LdV/TOI/ MINOS ++, durata dal 2008 al 2010 Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

2 Partners per la creazione, valutazione e diffusione dei progetti MINOS e MINOS**. - Chemnitz University of Technology, Institute for Machine Tools and Production Processes, Germany - np neugebauer und partner OhG, Germany - Henschke Consulting, Germany - Corvinus University of Budapest, Hungary - Wroclaw University of Technology, Poland - IMH, Machine Tool Institute, Spain - Brno University of Technology, Czech Republic - CICmargune, Spain - University of Naples Federico II, Italy - Unis a.s. company, Czech Republic - Blumenbecker Prag s.r.o., Czech Republic - Tower Automotive Sud S.r.l., Italy - Bildungs-Werkstatt Chemnitz ggmbh, Germany - Verbundinitiative Maschinenbau Sachsen VEMAS, Germany - Euroregionala IHK, Poland - Korff Isomatic sp.z.o.o. Wroclaw, Polen - Euroregionale Industrie- und Handelskammer Jelenia Gora, Poland - Dunaferr Metallwerke Dunajvaros, Hungary - Knorr-Bremse Kft. Kecskemet, Hungary - Nationales Institut für berufliche Bildung Budapest, Hungary - Christian Stöhr Unternehmensberatung, Germany - Universität Stockholm, Institut für Soziologie, Sweden Articolazione del materiale didattico Minos : moduli 1 8 (manuale, soluzioni e esercizi): Conoscenze fondamentali/ competenze interculturale, gestione del progetto/ tecnica pneumatica/ azionamenti elettrici e controlli automatici/ componenti meccatronici/ sistemi meccatronici e funzioni/ attivazione, sicurezza e teleservizio/ manutenzione remota e diagnosi Minos **: moduli 9 12 (manuale, soluzioni e esercizi): Prototipazione Rapida/ robotica/ migrazione/ Interfacce Tutti i moduli sono disponibili nelle seguenti lingue: tedesco, inglese, spagnolo, italiano, polacco, ceco e ungherese Per ulteriori informazioni si prega di contattare Dr.-Ing. Andreas Hirsch Technische Universität Chemnitz Reichenhainer Straße 70, Chemnitz Tel.: + 49(0) Fax.: + 49(0) Internet: oder

3 MECCATRONICA Modulo 9: Prototipazione Rapida Manuale (concetto) prof. dr. hab. inz. Edward Chlebus dr inż. Bogdan Dybała, dr inż. Tomasz Boratyński dr inż. Jacek Czajka dr inż. Tomasz Będza dr inż. Mariusz Frankiewicz mgr inż. Tomasz Kurzynowski Università Tecnica di Breslavia, Polonia Concetto europeo per la Formazione Continua in Meccatronica di personale esperto nella produzione industriale globalizzata Progetto UE no Minos, durata dal 2005 al 2007 Progetto UE no. DE/08/LLP-LdV/TOI/ MINOS ++, durata dal 2008 al 2010 Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

4 1. INTRODUZIONE 5 2. CAD (DISEGNO ASSISTITO DAL CALCOLATORE) 7 3. CAD RP COMUNICAZIONE FORMATO STL Struttura e creazione di un file STL Orientamento dei Triangoli Sistema di coordinate e unità nel formato STL Creazione di un File STL Errori e difetti più frequenti del formato STL Regole di costruzione di un file STL Generazione di file *.stl in diversi programmi PRE PROCESS ACTIVITIES IN RP MODIFICA DEI FILE STL FISSAGGIO DEI FILE STL GENERAZIONE DEI SUPPORTI RAPID PROTOTYPING RP (PROTOTIPAZIONE RAPIDA) STEREOLITOGRAFIA(SLA, SL) SELECTIVE LASER SINTERING/MELTING SLS/SLM MCP Realizer II dispositivo MCP HEK company EOSINT M 270 dispositivo RP di EOS company M3 Linear un dispositivo della società Concept Laser TrumaForm LF 250 dispositivo della società TRUMPF EBM S12 dispositivo della società ARCAM Sistema di sinterizzazione HiQ dispositivo della società 3D SYSTEMS LAMINATED OBJECT MANUFACTURING (LOM) FUSED DEPOSITION MODELING FDM METODO DI FORMATURA LASER DELLE POLVERI INK JET PRINTING DP STAMPANTE A 3 DIMENSIONI 62 3

5 5.8. SGC SOLID GROUND CURING METHOD INGEGNERIZZAZIONE INVERSA INTRODUZIONE AREE DI APPLICAZIONE DELL INGEGNERIZZAZIONE INVERSA METODI DI DIGITALIZZAZIONE Metodi di digitalizzazione mediante contatto Metodi basati su punti ottici Metodi ottici lineari Metodi basati sulla zona ottica Scansione distruttiva APPARECCHIATURE E SOFTWARE DIGITALIZZAZIONE DELLA GEOMETRIA Fasi di digitalizzazione Pianificazione del processo di digitalizzazione Acquisizione di dati Elaborazione dei dati e costruzione di modelli CAD LETTERATURA 93 4

6 1. Introduzione Attualmente, nel mondo altamente industrializzato, un bisogno incessante di ridurre i tempi di pianificazione e progettazione di beni e la necessità di garantire la massima qualità dei prodotti al momento del lancio forza lo sviluppo di nuove tecnologie, finalizzate alla riduzione del lancio dei prodotti. Le nuove tecnologie forniscono strumenti che consentono l'estensione del concetto di garanzia della qualità dalla zona di produzione all intero ciclo di vita del prodotto. Essi consistono in tecniche e metodi, che consentono la riduzione dei tempi di sviluppo prodotto, a partire dalla fase di formulazione dei bisogni fino alla fase di introduzione di un prodotto finito sul mercato. Uno degli obiettivi fondamentali è quello di minimizzare il tempo di inattività con un contemporaneo miglioramento della qualità del prodotto. Il modello matematico di oggetti (CAD 3D) è considerato il componente di base di tutte queste tecniche. Tale modello è un insieme di dati che consentono una descrizione accurata della forma geometrica di un oggetto tridimensionale. Le regole fondamentali e gli strumenti potenziali sono noti da anni, ma a causa di taluni problemi, soprattutto connessi con i costi, strumenti dedicati e di cultura, le applicazioni di solito sono dirette a clienti facoltosi o a clienti strategici. Il modello matematico può essere ottenuto in due modi diversi: Direttamente, utilizzando strumenti informatici per la progettazione tridimensionale (CAD-Computer Aided Design) Copiando un elemento con l'uso di strumenti, come videocamere, sistemi di reverse engineering, CAT (Tomografia Assiale Computerizzata), che sono scelte in funzione del tipo di elemento, la zona di applicazione,la richiesta di precisione,ecc Una volta ottenuto, il modello può essere utilizzato per vari scopi, a partire dall archiviazione alla possibilità di eseguire le prove, migliorando la geometria, l'uso in applicazioni multimediali, nonché nelle analisi e test FEM di processi reali di produzione, preparazione di prototipi e forme con l'uso di prototipazione rapida e delle tecniche di lavorazione rapide [19]. 5

7 Tali tecnologie sono la prototipazione rapida e le tecniche di strumenti rapidi che utilizzano i vari dispositivi e materiali, in grado di produrre, secondo un materiale target, un prototipo o una serie di prototipi di un oggetto basandosi sul suo modello numerico ottenuto da un sistema CAD 3D o da un processo di reverse engineering. Il modo di costruire il prototipo, che è costruito con l'uso di processi che minimizzano gli scarti in base alle informazioni contenute in un file STL. L RP, che è uno strumento visuale, aiuta le aziende a ridurre la probabilità di rilascio di un prodotto di bassa qualità sul mercato. Tali modelli hanno numerose applicazioni. Rendono in un modo visuale perfetto mentre si scambiano idee con i collaboratori o clienti. Inoltre, possono essere utilizzate nelle fasi di test. Per esempio, un ingegnere dell'aviazione può utilizzare il modello di un ala di aereo e misurare le interazioni aerodinamiche (forze di resistenza). Oltre a preparare i prototipi, le tecniche di RP possono essere utilizzate per la fabbricazione di strumenti (i cosiddetti strumenti rapidi) o anche prodotti di alta qualità (produzione rapida). Ovviamente, la prototipazione rapida non è perfetta. Il volume degli elementi creati sono limitati, la loro dimensione dipende dal tipo di dispositivo. Per le grandi produzioni in serie o di semplici oggetti, le tecniche di produzione tradizionali sono di solito più economiche. Se si ignorano queste limitazioni, tuttavia, la prototipazione rapida è una tecnologia degna di nota che aiuta in modo significativo il processo di fabbricazione. Con il tempo, la ricerca e lo sviluppo consentirà un'ulteriore evoluzione di questi sistemi in termini di efficienza (tempi di costruzione più brevi, minore variabilità, qualità di superficie migliore, un aumento della resistenza dei modelli RP nei confronti delle condizioni meccaniche, termiche e chimiche). Si è affermata l introduzione sul mercato e il successo più recente di queste tecnologie, ed è frutto di una tendenza incondizionata a ridurre i tempi di sviluppo di nuovi prodotti. E 'stato il principale fattore di successo. 6

8 2. CAD (Disegno assistito dal calcolatore) CAD è l'acronimo di Computer Aided Design. Questo tipo di software permette di progettare un elemento singolo o un meccanismo inventato da un ingegnere. I sistemi CAD contemplano processi di costruzione e di progettazione, e sono utilizzati per il disegno e la modellazione geometrica. La modellazione geometrica è utilizzata per rappresentazioni 3D di parti modellate e assiemi. La rappresentazione degli assemblati contiene anche la descrizione della struttura di montaggio, che viene indicata come struttura del prodotto. La rappresentazione in 3D di parti e assiemi è utilizzata per la creazione di documentazione tecnica, ad esempio, disegni, elenchi di parti, distinte materiali. I primi sistemi CAD sviluppati hanno offerto funzionalità che hanno permesso la creazione di documentazione in piano. Nel corso del tempo, sono state aggiunte le funzioni per la generazione di modelli 3D. Era disponibile una libreria di primitive (cono, cilindro, sfera, ecc), che potevano essere utilizzate durante la costruzione dei modelli 3D. Si poteva supporre di creare prima una documentazione 2D e poi, sulla sua base, i modelli 3D. Tuttavia questo approccio è cambiato con il tempo a causa di uno sviluppo dinamico dei moduli 3D. Infine, gli strumenti per la progettazione 3D sono diventati abbastanza semplici ed efficaci tanto che che cominciarono ad essere il modulo base del sistema CAD 2D considerando che sono stati solo un supplemento. Infine, è stato precisato che i disegni 2D sono a dir poco una presentazione di un modello 3D, che consente di generare documentazione 2D quasi automaticamente. I sistemi CAD includono librerie di oggetti pronti (viti, cuscinetti, chiavette, ecc) che possono essere utilizzate in opere di design. Un costruttore non ha ad utilizzare vari tipi di cataloghi, mentre cerca un qualsiasi elemento. Lui può trovare nell archivio o, in aggiunta, scaricare il suo modello 3D per il suo design. Le librerie di parti di solito sono aperte e gli utenti possono arricchirle con pezzi da loro stessi creati. In tal caso questi diventano accessibili per gli altri utenti di sistemi CAD in una azienda ed hanno accesso alle librerie di parti. Le librerie di questo tipo rendono il processo di progettazione più efficiente. La modellazione geometrica è una tecnica utilizzata per descrivere le certe forme di oggetti. I sistemi CAD consentono di migliorare il processo di progettazione, nonché ridurre i tempi di sviluppo del prodotto. L'applicazione di computer e programmi di grafica facilita o migliora le 7

9 opere connesse con la progettazione del prodotto - dal concepimento alla documentazione. Lavorare con il sistema CAD è una sessione interattiva con un sistema informatico, che conduce alla modellazione delle parti. Poi, possono essere eseguite varie operazioni su un modello costruito. In contemporanea i sistemi CAD consentono la modellazione parametrica, che si basa sulla relazione biunivoca tra le dimensioni, che possono essere presentati in modalità sketch, in modalità 3D o 2D disegno e in geometria 3D e vice-versa. Ciò significa che in qualsiasi fase della progettazione di componenti, possiamo cambiare ognuna delle dimensioni prima introdotte. Esempi di tali programmi sono SolidWorks e CATIA. Tali sistemi registrano ogni fase di progettazione e tutta la storia della creazione di un modello viene presentata in forma di un albero. La modifica dei parametri del modello avviene attraverso l'operazione di accertamento della struttura e la modifica dei suoi parametri. Gli schizzi sulla base dei quali l'operazione è stata fatta possono anche essere modificati. Dopo aver salvato le modifiche, viene aggiornato l'intero modello. L'attualizzazione del modello può essere un fallimento, perché le seguenti operazioni possono essere basate sulla geometria dell'operazioni modificate. In tal caso, il sistema indica che le operazioni sono critiche e richiedono l'intervento dell'utente. Attualmente, tutti i sistemi CAD consentono di rispettare: la creazione di progetti tridimensionali, la creazione di schemi di montaggio di vari elementi distinti, controllando se corrispondono l'un all'altro, lavorando a un grande progetto di molti, aggiornamento automatico di tutti i disegni di montaggio dopo la modifica di un singolo dettaglio, creazione automatica della lista dei dettagli, stima dei costi, la cooperazione con il magazzino, ecc, visualizzazioni. Le principali caratteristiche dei sistemi CAD sono: modellazione degli oggetti geometrici, creazione e la modifica della documentazione di costruzione, il risparmio e la conservazione di documentazione in forma elettronica - sia come file sia come database, lo scambio di dati con altri sistemi, la creazione di progetti tridimensionali di elementi costruiti, la creazione di schemi di montaggio di diverse parti distinte, Lavorare su un singolo progetto di molte persone, 8

10 aggiornamento automatico di tutti i disegni di montaggio dopo la sostituzione di uno di essi, stima dei costi automatico, la cooperazione con il magazzino, ecc Il disegno assistito dal calcolatore si compone di tre livelli: prototipo, in cui le analisi, la compilazione della soluzione e la stima della stessa sono condotte dal punto della correttezza, sviluppo del prototipo, in cui ha luogo la specificazione del concetto di soluzione, impostando la portata del progetto, la costruzione del modello e la stima della soluzione, dettaglio, in cui si verifica la rappresentazione individuale di parti e la stima di soluzioni Un processo CAD è composto da 6 fasi [7]: bisogno di riconoscimento definizione del problema, sintesi, analisi e ottimizzazione, valutazione, presentazione. Fig. 2.1 Processo di disegno usando il CAD I vantaggi dell'utilizzo di sistemi CAD: possibilità di determinare la soluzione ottimale, miglioramento della qualità della soluzione ottenuta (precisione dei modelli matematici (CAD 3D)), 9

11 alleviare il progettista da perdite di tempo e in genere da noiosa routine (redazione, calcoli), maggiore possibilità di utilizzare soluzioni progettuali esistenti, grazie alle banche dati informatiche delle norme esistenti e cataloghi, possibilità di simulare il comportamento del manufatto progettato in varie condizioni, già nella fase di progettazione. I vantaggi derivanti dalla realizzazione di un sistema CAD sono indiscutibili e l'azienda può migliorare la propria posizione competitiva in questo modo. La posizione strutturale di un prodotto come l'intero knowhow della pianta è solo uno degli anelli della catena di attività tecniche di preparazione di produzione. Se non è collegato in modo ottimale e in modo interattivo con tutti i campi, come gli altri classificati del know-how della pianta, poi la medesima installazione del miglior sistema CAD non porterà l'azienda benefici (a parte l'incremento di comfort, cultura e l'efficienza di lavoro nel reparto di costruzione). Fig. 2.2 Models of objects in a CAD system Nel CAD sono utilizzati due tipi di modelli geometrici: 1. piano - con contorno, modello grafico 2D, in cui alcuni accordi di linea collegano una serie di punti, il modello viene creato utilizzando elementi, quali: linee rette, archi, cerchi, parabole, ecc modello grafico 2,5D, cioè la modellazione di oggetti prismatici o di rotazione definiti mediante elementi piani (un modello solido 10

12 viene creato mediante la traslazione o la rotazione di un elemento di superficie piana intorno all'asse di rotazione / rivoluzione). 2. spazio - con elementi tridimensionali. modellazione solida che consiste nel montaggio di un disegno tridimensionale di solidi di base matematica, come cilindro o toro; modellazione di superfici utilizzate per la creazione di oggetti di superficie, che consistono di bordi collegati da superfici, le cosiddette sfaccettature (emerge una griglia poligonale, la cui superficie è piana); modellazione all'avanguardia, utilizzata per la creazione di oggetti - scheletri di figure con elementi lineari e ad arco. Fondamentalmente, i software CAD sono utilizzati per la progettazione di costruzioni, di conseguenza, essi sono per lo più associati con la meccanica. Alcuni dei più popolari sistemi CAD sono elencati di seguito: CATIA Solid Works ProEngineer SolidEdge Unigraphics Inventor AutoCAD Ulteriori informazioni relative ai singoli sistemi possono essere consultate sui siti web del produttore. I sistemi CAD sono utilizzati per quanto riguarda le seguenti caratteristiche: Precisione di progettazione, minore quantità di lavoro, Possibilità di analizzare i modelli, Visualizzazione, Automazione della progettazione, rapida introduzione di modifiche, Facilità di gestione del progetto, Possibilità di integrazione con altri sistemi, Altri. 11

13 3. CAD RP Comunicazione 3.1. Formato STL L'idea di creare un formato STL (Standard Triangulation Language) è stata proposta dalla società di 3D Systems, che è pioniere nel settore della stereolitografia. Su suo ordine, la prima versione del STL è stato creato da Albert Consulting Group nel Il formato divenne presto un modello di base dello scambio di dati in processi di prototipazione rapida. Il successo del STL è venuto dalla sua semplicità, originalità e sufficientemente precisa rappresentazione (mappatura) del modello progettato. Il compito principale del formato discusso è il trasferimento di modelli CAD 3D a dispositivi di Rapid Prototyping. Attualmente la maggior parte programmi CAD / CAM ha la possibilità di salvare il modello in formato STL, che potrebbe essere letta da quasi tutti i sistemi di Rapid Prototyping [10] Struttura e creazione di un file STL Un file STL è costituito da un elenco di superfici triangolari, chiamata anche griglia triangolare, che è definita come un insieme di vertici, spigoli e triangoli collegati fra loro in modo tale che ogni spigolo e vertice è condiviso da almeno due triangoli adiacenti (regola vertice -a- vertice). In altre parole, la griglia triangolare presenta approssimativamente le superfici di un modello 3D salvato in formato STL. La rappresentazione, tuttavia, ignora elementi quali: punti, linee, curve, livelli e colori Fig. 3.1 Approssimazione del modello mediante l utilizzo di triangoli BRAK FOTO I file STL vengono salvati con l'estensione *. stl, comunque parte dei programmi consentono anche l utilizzazione di altre estensioni. La dimensione del file dipendono dal numero di triangoli in cui le superfici del modello sono state divise e, di conseguenza, dalla precisione con cui i triangoli descrivono la geometria del modello. 12

14 Fig. 3.2 Differenze nel modello geometrico al variare del numero di triangoli Il salvataggio di un modello 3D in formato STL avviene come risultato della divisione delle pareti del solido in superfici triangolari, che sono a loro volta sono rappresentati da una serie di coordinate X, Y, Z di ogni vertice e dal vettore normale, diretto da una superficie data verso l'esterno del modello. Fig. 3.3 Descrizione dell area triangolare Orientamento dei Triangoli I triangoli, in cui le pareti del modello 3D sono state divise, determinano anche il confine tra la sua parte interna ed esterna. Il loro orientamento può essere determinato in due modi: 1. Basato su un vettore normale, diretto all esterno. 2. Osservando il modello dal suo esterno, l'ordine dei vertici è in senso antiorario (il metodo attualmente in uso) 13

15 Fig. 3.4 Orientamento delle superfici dei triangoli Nella figura precedente, sono presentate due superfici triangolari. La superficie sul lato sinistro è visto dal di dentro, che è indicata dalla disposizione in senso orario dei vertici del triangolo e il senso del vettore normale. La situazione opposta si verifica nel caso del triangolo a destra, visto dal di fuori del modello Sistema di coordinate e unità nel formato STL Uno dei requisiti del formato STL è che un modello presentato deve essere posizionato nella parte positiva del sistema di coordinate. Significa che nessuna delle coordinate dei vertici dei triangoli può essere inferiore o uguale a zero. Un programma, ad esempio, che non consente di generare un file STL nel caso in cui se le coordinate dei vertici sono negativi o pari a zero, è AutoCAD. Esistono, tuttavia, molti programmi CAD che permettono un qualsiasi posizionamento del modello. Un file salvato in formato STL non contiene alcune informazione circa le dimensioni del modello. Essi sono presentati in unità sconosciute libere. Per questo motivo è importante che il modello sia stato completamente definito prima della conversione, dal momento che molti programmi di Rapid Prototyping hanno le funzioni che consentono il ripristino di elementi basandosi sulle dimensioni racchiuse. 14

16 Creazione di un File STL Per salvare un modello 3D generato in formato STL, si dovrebbe procedere come segue: Scegliere una parte (parti) che dovrà essere convertita in formato STL. Impostare la tolleranza dei parametri di processo. Scegli il formato di archiviazione di file (ASCII o binario). Salvare il file. Nel caso dei modelli di superficie, salvare il file in formato STL è leggermente più complicato, e comprende le seguenti fasi: Determinare tutte le superfici adiacenti. Sottoporre ogni superficie per il processo di divisione in triangoli. Impostazione del vettore normale, indicando la parte al di fuori di ogni superficie. Salvare il file. Va ricordato che durante il salvataggio del file in formato STL sono stati definiti i seguenti parametri: La tolleranza di divisione in triangoli, che determina come sarà la rappresentazione "liscia" del modello 3D (valore di default: 0,0025 "o 0,05 mm). Tolleranza di adiacenza dei triangoli (valore di default: 0,005 "o 0,12 mm). Generazione automatica di vettori normali (on / off). Visualizzazione dei vettori normali (on / off). Visualizzazione di superfici triangolari (on / off). informazioni relative ai file (on / off) Errori e difetti più frequenti del formato STL Il formato STL, come la maggior parte dei formati CAD / CAM, può contenere alcuni errori, che spesso hanno un influsso negativo sulla analisi del modello condotta da una persona. Incompatibilità con la regola del Vertice-a-Vertetice La compatibilità con la regola vertice a vertice è una delle condizioni fondamentali che devono essere soddisfatte da un file salvato in formato STL. Secondo tale principio, ogni triangolo ha due vertici da condividere con triangoli adiacenti, e nessun vertice di un triangolo può posizionarsi su un lato di un altro triangolo. Nella figura seguente, sono presentate due figure (quadrati), che sono state suddivise in triangoli. Triangolo 15

17 di figura "a" contiene addirittura quattro "punti di vertice", mentre solo tre di loro sono reali (il punto X non può essere trattato come un vertice in quanto è posizionato su un lato di un triangolo). Il vertice inferiore sinistro del triangolo 1, tuttavia, non è condiviso con nessun altro triangolo della figura descritta. inoltre, quando si arriva ai triangoli 2 e 3 della figura, entrambe contengono un punto corretto condiviso con il triangolo 1, e uno scorretto X, non essendo un vero e proprio vertice del triangolo 1. Fig. 3.5 Regola del vertice a vertice Per soddisfare la regola del "vertice-a-vertice, il triangolo 1 dovrebbe essere diviso in due triangoli come indicato in figura" b " o collegare i triangoli 2 e 3, come indicato in figura "c". Variabilità (dispersione) Tutte le superfici contenute in un file STL dovrebbero creare almeno una unità invariabile, secondo la regola di Eulero per le normali dei solidi: F-E+V=2B dove: F numero delle superfici, E numero dei bordi, V numero dei vertici, B numero dei singoli solidi. Un esempio nel soddisfacimento di tale regola può essere il cubo presentati all'inizio (Figura 6), per il quale F = 6, E = 12, V =8 and B =1, hence: = 2x1 2=2 Se la condizione precedente non è soddisfatta, allora un modello STL è considerato "fallace", che perde. In un momento in cui un file STL che perde è sottoposto al processo di generazione degli strati, secondo un 16

18 algoritmo assunto; un algoritmo di questo tipo non può rilevare l'errore e di conseguenza i bordi aperti emergono. Se un modello generato erroneamente in modo che venga utilizzato in un processo di RP, un laser, una fresa o qualsiasi altro strumento che crea singoli strati del modello, nell incontrare una lacuna della superficie può trattarla come intenzionale e il modello verrà creato incompatibilmente alle nostre aspettative o nel corso di un ulteriore processo il modello sarà distorta in modo tale che esso causerà il blocco del dispositivo. Fig. 3.6 Esempio di un errore in un file *.stl superfici di incrocio (Nel caso di un modello in cui le operazioni booleane, sono state fatte con troppa poca precisione, la perdita è un errore comune. Essa si manifesta con il fatto che elementi di geometria corretta, non vengono sempre visualizzati). Fig. 3.7 Esempio di un errore in un file *.stl fori sul bordo di una superficie (gap che compare sul bordo della superficie può essere causato da un software virus o da una non corretta configurazione del file *. stl) Vi sono, tuttavia, programmi, come il 3D LightYear di 3Dsystems o Magics che permettono di riparare gli errori con l'aggiunta di un segmento che collega i bordi danneggiati. 17

19 Superfici degeneri La degenerazione delle superfici non è un errore così grave come quelli sopra citati. Tuttavia, può talvolta causare qualche danno alla costruzione del modello. Fig. 3.8 Esempi di degenerazione delle superfici La figura precedente presenta tre vertici di alcune superfici. Si tratta di un fatto essenziale che siano o siano diventati collineari. Ia loro collinearità risultati da un precedente accorciamento di coordinate non-collineari durante l'importazione. Anche se la degenerazione delle superfici non è un errore grave, non dovrebbe essere ignorata in quanto: In primo luogo, i dati relativi alle superfici aumentano la dimensione del file STL, le superfici degenerate saranno causa di errore per gli algoritmi che analizzano i processi di prototipazione rapida, la loro trasmissione sarà molto più difficile. La degenerazione della superficie può anche portare ad un altro errore, la comparsa di buchi (lacune) nella griglia triangolare. Il problema consiste nel fatto che i triangoli, a seguito della richiesta di importare il formato STL diventano linee che causano l emergere di buchi (gaps) in punti geometrici con curvature di grandi dimensioni. Fig. 3.9 Un foro in una griglia triangolare 18

20 Errori nei modelli Questo tipo di errori non derivano dalla conversione in formato STL, ma da errori avvenuti durante la creazione del modello. Se un solido modellato in modo non corretto viene salvato in formato STL, tutte le informazioni relative agli errori non verranno visualizzate. E quindi essenziale per l'errato modello solido che siano stati fissati prima ancora di essere salvati in formato STL. In caso contrario, significative non compatibilità con il processo di Rapid Prototyping possono verificarsi, e l individuazione e la correzione di un errore all'interno del modello salvato in formato STL è un processo estremamente difficile e dispendioso. Ridondanza Un difetto di base del formato STL è la sua ridondanza (eccessiva), che risulta dal raddoppio dei vertici e bordi dei triangoli. Fig Ridondanza in un file STL Regole di costruzione di un file STL La generazione di file *. STL è di solito un compito semplice. Tuttavia, ogni produttore di software CAD 3D usa diversi termini e parametri per salvare i file come *. STL. Eppure non c'è bisogno di conoscere tutti i parametri per salvare un modello generato correttamente nel formato *.STL. Procedendo secondo le seguenti linee guida si garantisce la creazione di un file corretto *. STL. 1. Un tipico esempio di una griglia triangolare, che garantisce una buona qualità di un file generato *. stl, è una dimensione compresa tra 0,02 mm (0.001 ") e 0,05 mm (0.002"). Tuttavia, va ricordato che diminuire la tolleranza della griglia non sempre causa l'aumento della precisione del prototipo. Un sofisticato solido con una grande quantità di curve e arrotondamenti deve avere una precisione maggiore di un modello geometrico semplice. 2. Si è preferito salvare i file STL in formato binario e non in formato ASCII. 19

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM Il disegno tecnico di un oggetto è in grado di spiegarne: - la forma, - le dimensioni, - la funzione, - la lavorazione necessaria per ottenerlo, - ed il materiale in cui è realizzato. attraverso l impiego

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori

KV-S5055C. Innovativo meccanismo di alimentazione fogli. Scanner documenti a colori Scanner documenti a colori KV-S5055C - Rilevamento documenti pinzati - Rilevamento ad ultrasuoni foglio doppio - Eccellente meccanismo del rullo. Inserimento documenti misti. Modalità carta lunga. 90 ppm

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Le novità di QuarkXPress 10

Le novità di QuarkXPress 10 Le novità di QuarkXPress 10 INDICE Indice Le novità di QuarkXPress 10...3 Motore grafico Xenon...4 Interfaccia utente moderna e ottimizzata...6 Potenziamento della produttività...7 Altre nuove funzionalità...10

Dettagli

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK.

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK. Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione Per svolgere correttamente alcune esercitazioni operative, è previsto che l utente utilizzi dei dati forniti attraverso

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Esempio sull'utilizzo dell'osservatorio Virtuale Gli asteroidi Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Distribuzione degli asteroidi Il Sistema Solare è composto

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

Migrazione Dati Personali Webmail guida per l'utente

Migrazione Dati Personali Webmail guida per l'utente - CNR - Ufficio Reti e Sistemi Informativi - Migrazione Dati Personali Webmail guida per l'utente Nell'ottica di aggiornare la piattaforma WEB per la gestione della posta elettronica agli ultimi standard

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Primi passi con ChemGes

Primi passi con ChemGes Descrizione Primi passi con ChemGes DR Software Version 40.0 Sommario Introduzione... 1 Start del programma... 1 Ricercare e visualizzare delle sostanze... 1 Immissione di materie prime... 4 Immissione

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

GFI Product Manual. Manuale per il client fax

GFI Product Manual. Manuale per il client fax GFI Product Manual Manuale per il client fax http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Le società, i nomi e i dati utilizzati

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Dal 1997, anno della sua fondazione, la Erhardt + Abt Automatisierungstechnik GmbH ha finora installato

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli