DOMANDA DI FINANZIAMENTO ASSISTITO DALLA GARANZIA DIRETTA (COGARANZIA ) DI SGFA (art. 17, comma 5 D.Lgs.102/04 e D.M. 22/3/11)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOMANDA DI FINANZIAMENTO ASSISTITO DALLA GARANZIA DIRETTA (COGARANZIA ) DI SGFA (art. 17, comma 5 D.Lgs.102/04 e D.M. 22/3/11)"

Transcript

1 SEDE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI MODENA Via Ganaceto, Modena - Tel Fax MAIL: - P.E.C. - INTERNET: DOMANDA DI FINANZIAMENTO ASSISTITO DALLA GARANZIA DIRETTA (COGARANZIA ) DI SGFA (art. 17, comma 5 D.Lgs.102/04 e D.M. 22/3/11) Al confidi Alla Banca (indicare) Cognome e nome (del titolare o del legale rappresentante): Codice fiscale: Nato a: In data: Residente in: Indirizzo: Titolare / legale rappresentante (eliminare la carica non rivestita) dell impresa denominata: Titolo di studio: Corso professionale: C.U.A.A./ R.E.A. impresa: Data inizio attività: Numero di dipendenti dell impresa: Attività prevalente (per es. produzione latte per trasformazione in Parmigiano-Reggiano, ecc.): Domicilio o sede legale dell impresa (indirizzo): Telefono / Fax: Cellulare: Mail / P.E.C.: AGROFIDI SOC. COOP. VIA GANACETO, MODENA Il sottoscritto CHIEDE (barrare con la x) il rilascio della lettera di ammissibilità della garanzia da parte di SGFA (G-CARD) - (compilare il modulo fino alla Sezione 3 della Scheda aziendale fino alla domanda n. 12 compresa); la concessione di un finanziamento garantito da Agrofidi soc. coop. assistito dalla COGARANZIA DI SGFA (compilare tutto il modulo), avente le caratteristiche di seguito indicate: Importo Finanziamento: 1) Per investimenti max ,00. 2) Per conduzione e liquidità max ,00. 3) Per ristrutturazione del debito o finalità mista max ,00. Forma tecnica (mutuo chirografario o mutuo ipotecario): Durata (in mesi): Rate (mensili, trimestrali, semestrali, annuali): Durata eventuale preammortamento (in giorni): 1

2 con la seguente percentuale di garanzia: % COMPLESSIVA DI GARANZIA RICHIESTA (SGFA + AGROFIDI): N.B. La garanzia richiesta viene ripartita in 80% a carico di SGFA a 1^ richiesta per l intera durata del finanziamento e in 20% sussidiaria sui primi 60 mesi di durata del finanziamento a carico di Agrofidi. La commissione di garanzia e la probabilità di accoglimento della richiesta di garanzia sono strettamente correlate con la percentuale di garanzia richiesta ad SGFA. La commissione complessiva per le imprese a medio rischio è indicativamente pari al 5% secco dell importo garantito, corrispondente al 2,7% secco dell importo erogato. E prevista in base alle disposizioni adottate da SGFA la possibilità di richiedere la rateizzazione della commissione a favore di SGFA o l abbattimento totale/parziale in regime de minimis (Reg. CE 1535/2007) della stessa commissione per le imprese giovani o del settore zootecnico. La garanzia massima richiedibile ad Agrofidi ed SGFA varia in base all importo del finanziamento come segue: Importo finanziamento Garanzia massima richiedibile ad SGFA e Agrofidi Garanzia minima offerta dall impresa Fino a % 30% Da a % 40% Da a % 45% Da a % 50% per la/le seguente/i finalità (barrare la finalità del finanziamento): Barrare la finalità specificando a fianco il tipo d intervento 1) Per gli investimenti indicare gli interventi (ad es. costruzione stalla, fienile, ricovero attrezzi, acquisto trattore) allegando 3 preventivi per i macchinari o 1 computo metrico per le strutture. L importo del finanziamento non può superare la spesa minore prevista nei preventivi, iva esclusa. 2) Per conduzione e liquidità l importo del finanziamento non può superare il fabbisogno aziendale di conduzione. 3) Per la ristrutturazione del debito indicare il tipo di debiti da ristrutturare, per es. bancari o commerciali, a breve o a medio temine Acquisto di beni immobili Acquisto di attrezzature Acquisto macchine o bestiame Acquisizione di prodotti da lavorare Capitalizzazione e trasformazione di società Conduzione aziendale liquidità Consolidamento passività a breve e medio termine Innovazione tecnologica Miglioramento di beni immobili Miglioramento fondiario Ricerca Sperimentazione Valorizzazione commerciale dei prodotti TOTALE Spesa prevista (in Euro) 2

3 Il sottoscritto allega inoltre la seguente SCHEDA AZIENDALE parte integrante della presente richiesta: 1) ATTIVITA AZIENDALI (ULTIMO ANNO, PENULTIMO ANNO, ANNO IN CORSO) N.B. Indicare gli anni tra parentesi Settore di attività (contrassegnare con una x il settore prevalente dell impresa alla data della domanda) Seminativi specializzati, oleaginose, proteaginose escluso riso e tabacco Riso Ortaggi da industria e da consumo fresco in pieno campo eventualmente in rotazione con altre colture annuali Orticoltura industriale specializzata, sia in piena aria che in serra Floricoltura sia in piena aria che in serra Vitivinicoltura da vino doc Vitivinicoltura da vino comune Frutticoltura compresa viticoltura da tavola Olivicoltura Totale superficie aziendale in proprietà Totale superficie aziendale in affitto (la superfice complessiva in affitto e in proprietà deve corrispondere col riparto colturale, come da relativa anagrafe aziendale regionale) Allevamento di bovini da latte Allevamento di bovini da allevamento e ingrasso Allevamenti ovicaprini Allevamenti bufalini Allevamenti cunicoli Allevamenti suinicoli Allevamenti di galline ovaiole Allevamento e macellazione avicola Superficie in produzione Ultimo anno (. ) Penultimo anno ( ) Anno in corso (. ) Ettari Are Ettari Are Ettari Are Ultimo anno (. ) Numero Capi Penultimo anno (.) Anno in corso (. ) 3

4 2) QUESTIONARIO QUALITATIVO (contrassegnare con una x) 1. Distanza del centro aziendale da parchi o aree protette Interna Meno di mezz'ora Più di mezz'ora 2. Localizzazione della maggior parte della superficie aziendale in termini di zona altimetrica Pianura (<100 metri sul livello del mare) Bassa collina (tra 100 e 300 metri sul livello del mare) Alta collina (tra 300 e 800 metri sul livello del mare) Montagna (>800 metri sul livello del mare) 3. Come vengono stabiliti gli accordi con i clienti e in che modo vengono stipulati i contratti con gli stessi? Verbalmente Contratti scritti stagionali Contratti ad hoc 4. La sua azienda ha alcun tipo di rapporto di vendita con la Grande Distribuzione? No Si, occasionalmente Si, esclusivamente 5. Quanto tempo intercorre tra la fornitura del prodotto e il pagamento da parte del cliente? Entro 60 giorni dalla consegna Tra 60 e 120 giorni dalla consegna Oltre 120 giorni dalla consegna 6. Come giudica l andamento del suo utile netto (per cooperative valore dei conferimenti dei soci) negli ultimi 2 anni (profitto al netto di tutti i costi) Decrescente Crescente Stabile 7. In che modo le spese per il rinnovo o ammodernamento del capitale (macchinari, ) influiscono sul rendimento della sua azienda? Tali attività hanno costi elevati Costi medi Costi minimi 8. Solitamente, che tipo di prestito utilizza per l acquisto di macchinari? A lungo termine A medio termine A breve termine 9. In media che durata hanno i prestiti a lungo termine (es. mutui, ) da Lei richiesti? Meno di 10 anni In media meno di 20 anni In media meno di 30 anni Molti oltre i 30 anni 10. Ha disponibilità di acqua per l irrigazione delle colture (proveniente da irrigazioni o precipitazioni)? Insufficiente per più di tre anni consecutivi 4

5 Insufficiente per due anni consecutivi Sufficiente o è mancata solo per una stagione 11. La sua azienda è dotata di strutture come celle frigorifere, magazzini, impianti di trasformazione, di produzione? Nessuna Almeno una Più di una 12. La sua azienda utilizza normalmente proprie attrezzature informatiche e la rete internet per servizi amministrativi, gestione delle colture e/o allevamenti, raccolta informazioni, posta elettronica, vendita dei propri prodotti o acquisto di mezzi tecnici? No Si, solo per una delle suddette attività Si, per più di una delle suddette attività 3) DATI ECONOMICI E FINANZIARI (PENULTIMO, ULTIMO ANNO E ANNO IN CORSO) N.B. Indicare l anno di riferimento 1. Qual è stato il ricavo delle vendite aziendali complessive nei seguenti anni (in euro)? N.B. Indicare il volume d affari in base alla Dichiarazione IVA dell anno. Anno Ricavi complessivi ( ) Anno in corso (stima) 2. Quanta parte del ricavo delle vendite aziendali doveva ancora essere incassato alla fine del penultimo e ultimo anno? Anno Ricavi da incassare ( ) 3. Quanto ha speso complessivamente la sua azienda per acquistare i fattori produttivi impiegati per la produzione annuale nei seguenti anni? N.B. Nelle materie prime indicare ad es. i costi in carburante, mangime, ecc. Negli altri fattori produttivi indicare ad es. le spese per energia, fertilizzanti, antiparassitari, ecc. La somma tra materie prime e altri fattori di produzione (totale) deve corrispondere ai costi complessivi indicati nella Dichiarazione IVA dell anno. Anno Penultimo anno. Ultimo anno.. Anno in corso (stima).. Materie prime 5 Costo fattori produttivi ( ) Altri fattori di produzione Totale 4. Qual era l importo complessivo di sussidi alla produzione a Lei dovuto alla fine dei seguenti anni? N.B. Si tratta di aiuti P.A.C.per la compensazione del reddito. La valorizzazione deve essere riscontrabile dalla documentazione ufficiale (domanda premio unico)

6 Anno Sussidi alla produzione ( ) Anno in corso (stima). 5. A quanto è ammontato il costo per il personale dipendente e stagionale nei seguenti anni? N.B. La valorizzazione deve essere riscontrabile da documentazione ufficiale (voucher, buste paga, Modello 730) Anno Costo totale Personale ( ) Anno in corso (stima). 6. Qual era il valore delle giacenze di prodotto che si è trovato in magazzino alla fine dei seguenti anni (Materie prime, prodotti semilavorati, prodotti finiti)? Anno Anno in corso. Materie prime/prodotti semilavorati/prodotti finiti ( ) 7. Valore della liquidità/cassa alla fine del penultimo e ultimo anno (saldo in euro) Ci si riferisce a contanti o liquidità da conto corrente (anche familiare) su cui l imprenditore contava per far fronte ad eventuali spese aziendali (utilizzare il dato al 31/12). Anno Liquidità ( ) 8. Debiti presso le banche contratti a lungo termine (mutui oltre 60 mesi) in corso? (raggruppare per anno di scadenza) N.B. I dati indicati si devono riferire tassativamente alla situazione aggiornata della Centrale Rischi. Anno di scadenza dei debiti Rata annua anno in corso ( ) 9. Debiti presso le banche contratti a medio termine (da 18 a 60 mesi) in corso? (raggruppare per anno di scadenza) N.B. I dati indicati si devono riferire tassativamente alla situazione aggiornata della Centrale Rischi. Anno di scadenza dei debiti Rata annua anno in corso ( ) 6

7 10. Debiti presso le banche contratti a breve termine (fino a 18 mesi) in corso? (raggruppare per anno di scadenza) N.B. I dati indicati si devono riferire tassativamente alla situazione aggiornata della Centrale Rischi. Anno di scadenza dei debiti Rata annua anno in corso ( ) 11. A quanto ammontano i debiti verso i fornitori per acquisto di materie prime alla fine del penultimo e ultimo anno? Anno Debiti verso fornitori ( ) 12. A quanto ammontano i debiti nei confronti di soggetti diversi dai fornitori alla fine del penultimo e ultimo anno (ad es. Erario, dipendenti, consulenti)? Anno Debiti diversi ( ) 13. A quanto ammontano i costi fissi della sua azienda nei seguenti anni? N.B. Si tratta di costi non ricompresi nella Dichiarazione IVA dell anno, come ad es. i contributi previdenziali, il costo per le assicurazioni aziendali (trattrici, antigrandine, ecc.), i canoni di affitto, le quote o spese associative, ecc. Anno Costi fissi ( ) Anno in corso (stima). 14. A quanto ammonta il saldo della gestione finanziaria della sua azienda nei seguenti anni? N.B. Indicare se di segno positivo o negativo. Si tratta del saldo tra interessi attivi ed interessi passivi sugli investimenti o sui finanziamenti dell azienda. Anno Saldo (+/-) gestione finanziaria ( ) Anno in corso (stima). 15. A quanto ammontano le imposte dirette della sua azienda nei seguenti anni? Anno Imposte dirette ( ) 7

8 Anno in corso (stima). 4) NOTIZIE AGGIUNTIVE SULL IMPRESA RICHIEDENTE Origini dell impresa agricola, nuclei familiari e loro composizione coinvolti nella gestione dell impresa 2. Ubicazione centro aziendale 3. Strutture presenti in azienda (stalla, fienile, cantina, ecc. con indicazione delle metrature e dell anno di costruzione) Disponibilità di serre (fredde per mq, calde per mq.) 5. Eventuale trasformazione e/o commercializzazione del prodotto (indicare tipo e quantitativi di prodotto trasformato e canali distributivi) 6. Posizione assicurativa dell impresa (indicare tipo di assicurazione in essere e ramo assicurato) 7. Tipo di produzione (tradizionale, biologica, basso impatto ambientale, lotta integrata, ecc) 8. Impianti irrigui (fissi, mobili, superficie irrigabile), di copertura antigrandine 9. Eventuale presenza in azienda di impianti fotovoltaici, termici, a biomassa, ecc. 5) BUSINESS PLAN N.B. I dati inseriti consentono di acquisire le informazioni di tipo qualitativo inerenti il progetto attivato attraverso il finanziamento richiesto. Indicare le modalità in base alle quali l impresa farà fronte a tutti gli impegni finanziari in essere, compresa pertanto l operazione per quale viene richiesta la garanzia di SGFA. a. Descrizione dell azienda e del piano per il quale si chiede il finanziamento da garantire. In particolare: 1. Caratteristiche dell azienda: 2. Caratteristiche del programma (in caso di trasformazione di passività, descrivere le passività bancarie o commerciali che si intendono trasformare): 3. Presupposti e motivazioni: 8

9 4. Obiettivi produttivi e di redditività: b. Analisi della domanda (in caso di trasformazione di passività, indicare le valutazioni con riferimento alle attività esistenti) 1. Caratteristiche del mercato in cui agisce l impresa: 2. Dimensioni del mercato, andamento storico e previsioni, possibilità di esportazioni: c. Analisi delle fonti di approvvigionamento finanziario 1. fonti finanziarie interne ed esterne: 2. piano finanziario per la copertura dei fabbisogno derivanti dall investimento proposto: d. Note: 6) GARANZIE CHE ASSISTONO IL PRESENTE FINANZIAMENTO OFFERTE DALL IMPRESA Tipo di garanzie (ipoteca, pegno, fideiussione, privilegio) offerte dall impresa Valore Lordo (valore di stima del bene come da perizia ) Valore Netto (valore di stima al netto del debito residuo garantito attraverso lo stesso bene) Note (per le ipoteche indicare ubicazione, consistenza e dati catastali dell immobile, nel caso di terzi datori d ipoteca indicare nome e cognome o denominazione sociale dei terzi) 7) ULTERIORE PATRIMONIO AZIENDALE (N.B. Si tratta di ulteriore patrimonio aggredibile per effetto di garanzie rilasciate dall impresa. Contrassegnare con una x) Pegno su titoli di stato od obbligazioni garantite dallo Stato Ipoteca Privilegio, pegno su titoli azionari non garantiti dallo Stato Garanzie personali Nessuna garanzia 8) IMPEGNI DI FIRMA RILASCIATI ED OTTENUTI DALL IMPRESA (in essere al momento della richiesta di garanzia: contrassegnare con una x e caricare i dati relativi) 9

10 Tipo di impegno Importo garantito Scadenza dell impegno Fideiussioni rilasciate Fideiussioni ottenute 9) GRAVAMI, PREGIUDIZIEVOLI E CONTRIBUTI (contrassegnare con una X) Gravami Sussistono in capo all impresa richiedente procedure esecutive, iscrizioni pregiudizievoli e protesti. Sussistono i seguenti elementi pregiudizievoli inerenti lo stato patrimoniale dell impresa richiedente:.. Contributi L impresa richiedente non beneficia di alcun contributo pubblico a valere sul finanziamento oggetto della richiesta di garanzia. L impresa richiedente beneficia dei seguenti contributi pubblici a valere sul finanziamento oggetto della richiesta di garanzia:. 10

11 10) FINANZIAMENTI IN ESSERE RILEVATI DALLA CENTRALE DEI RISCHI (N.B. Si tratta di un riepilogo di tutti i finanziamenti in essere già segnalati come carico annuo nella sezione 3), dati economici e finanziari, punti 11, 12, 13. Compilare con precisione in base agli ultimi dati disponibili nella Centrale Rischi prodotta dalla banca finanziatrice. La presenza di finanziamenti in sconfinamento è di ostacolo al rilascio della garanzia da parte di SGFA, salvo che si tratti di sconfinamenti temporanei per i quali si dimostri l avvenuto pagamento delle somme che hanno determinato lo sconfinamento stesso. Categoria (autoliquidanti, a scadenza, a revoca) 1) Finalità (investimenti, conduzione anticipi, ecc) Banca e codice ABI Importo iniziale Scad enza Durata (anni) Carico annuo rate Debito residuo Accordato Utilizzato Sconfinamento 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) 11) NOTE DICHIARAZIONI Il sottoscritto, consapevole delle sanzioni penali previste dall art. 76 del DPR 28/12/2000 n. 445 per le ipotesi di dichiarazioni mendaci, DICHIARA - che le informazioni, le condizioni ed i requisiti indicati nella presente domanda e relativa scheda aziendale sono veritieri; - di autorizzare sin d ora la Banca all addebito del conto corrente acceso presso la filiale della Banca finanziatrice, IBAN... delle commissioni richieste da AGROFIDI e dalla Banca in base alle convenzioni in essere; - di obbligarsi, in caso di concessione del finanziamento, a rilasciare a favore di AGROFIDI una fideiussione di importo pari ad 1/20 (un ventesimo) del finanziamento ottenuto, secondo le condizioni e modalità stabilite nella convenzione generale tra AGROFIDI e Banca; - di impegnarsi ad attenersi alle norme, modalità e condizioni previste per la concessione del finanziamento e per il rilascio della garanzia di AGROFIDI e SGFA anche ai sensi delle convenzioni bancarie in essere; - di impiegare l intera somma che sarà concessa a prestito unicamente per la finalità sopra dichiarata e di autorizzare AGROFIDI e la Banca a controllare l impiego del prestito per la finalità stessa; - di impegnarsi a restituire completamente ad AGROFIDI l eventuale contributo in conto interessi in caso di estinzione anticipata del finanziamento, di scioglimento del contratto, o nel caso in cui le informazioni e le dichiarazioni rese risultassero non veritiere, o in caso di mancato rispetto della finalità del finanziamento, con conseguente revoca della concessione della garanzia da parte di AGROFIDI; 11

12 - di prendere atto che l inosservanza di anche uno dei predetti obblighi comporta comunque l immediata disdetta della garanzia e conseguentemente del finanziamento, con obbligo alla restituzione alla banca della somma prestata; - di autorizzare la Banca a fornire ad AGROFIDI e a SGFA le informazioni previste nella normativa in vigore, nelle disposizioni regolamentari e nella convenzione con la Banca ai fini del rilascio della garanzia diretta. - di aver preso visione della normativa e relative istruzioni applicative che regolano l attività di rilascio della fideiussione da parte di SGFA oggetto della presente richiesta e di impegnarsi al rispetto delle stesse. - di autorizzare SGFA Srl alla consultazione del proprio fascicolo aziendale attraverso il Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN). - di non possedere garanzie sufficienti per l erogazione del finanziamento per cui si richiede la garanzia di SGFA Srl. - di autorizzare AGROFIDI e SGFA Srl, ai sensi della legge sulla privacy, a trattare i propri dati personali mediante strumenti manuali ed automatizzati per le finalità di legge e di contratto. Data Firma del richiedente La sottoscrizione della presente è valida solo se presentata insieme a copia di un documento di identità valido del dichiarante, ai sensi dell art.38 del DPR 445/

13 ALLEGATI ALLA RICHIESTA DI GARANZIA SGFA PER L IMPRESA (DOCUMENTAZIONE CHE L IMPRESA DEVE ALLEGARE ALLA DOMANDA): 1) Piani di ammortamento di tutti i finanziamenti in essere in aderenza alla Centrale Rischi (specificare se oggetto di ristrutturazione o non), con indicata banca, importo erogato/utilizzato, debito residuo, importo rate, data erogazione, data estinzione, finalità; in alternativa attestazione rilasciata dalla Banca con evidenziato il debito residuo dei finanziamenti in essere e le informazioni di cui sopra. 2) Situazione dei finanziamenti censiti in Centrale dei Rischi, rilasciata dalla banca finanziatrice. 3) Nel caso di ristrutturazione di debiti commerciali, fatture o attestazione da parte del creditore sull entità del debito. 4) Nel caso di imprese senza obbligo di bilancio copia delle ultime due denunce dei redditi e delle ultime due denunce IVA; per le imprese con obbligo di bilancio copia degli ultimi tre bilanci di esercizio regolarmente approvati; per le imprese in attività da meno di tre anni, ovvero per le imprese di nuova costituzione i bilanci, le dichiarazioni e le denunce disponibili. PER LA BANCA (DOCUMENTAZIONE CHE LA BANCA DEVE TRASMETTERE APPENA E DISPONIBILE): 1) Delibera del finanziamento condizionata al rilascio della garanzia da parte di SGFA con indicazione della % di garanzia richiesta. N.B. In mancanza non può essere presentata la domanda di cogaranzia ad SGFA. 2) Scheda contenente i dati tecnici relativi al finanziamento garantito da SGFA compilato in ogni sua parte. PER AGROFIDI (DOCUMENTAZIONE CHE AGROFIDI RACCOGLIE DIRETTAMENTE PER L ISTRUTTORIA): 1) Certificato rilasciato dalla Cancelleria del Tribunale attestante l assenza di procedure esecutive mobiliari ed immobiliari. 2) Visura rilasciata dall Ufficio Protesti della Camera di Commercio attestante l assenza di protesti e iscrizioni pregiudizievoli a carico dell impresa. 3) Certificato di iscrizione al Registro Imprese della Camera di Commercio riportante l assenza di procedure concorsuali 13

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Domanda di partecipazione alla Fiera:

Domanda di partecipazione alla Fiera: Domanda di partecipazione alla Fiera: ARTI & MESTIERI EXPO -Roma, Fiera di Roma, 12 15 dicembre 2013 MODULO DA RESTITUIRE DEBITAMENTE COMPILATO ENTRO E NON OLTRE L 11 NOVEMBRE 2013 a: FIERA ROMA SRL SEGRETERIA

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli