ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING"

Transcript

1 Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto Professionale - Economico gestionale) La traccia chiede allo studente di illustrare le modalità di acquisizione dei beni strumentali e le relative fonti di finanziamento e di analizzare i riflessi delle decisioni aziendali sul bilancio d esercizio. Il primo punto a scelta riguarda le rilevazioni contabili del rinnovo di un impianto, del mutuo bancario e del leasing finanziario. Nel secondo punto a scelta è prevista l applicazione del metodo del full costing. TEMA Le innovazioni tecnologiche impongono alle imprese di rinnovare i propri processi produttivi. L impresa industriale Alfa Spa intende rinnovare in parte il processo produttivo; a tal fine deve scegliere la forma di acquisizione degli impianti e macchinari e le fonti di finanziamento più idonee. Illustrare le diverse alternative a disposizione dell impresa e commentare gli effetti sul bilancio d esercizio. Successivamente il candidato svolga uno dei seguenti punti. 1. La Alfa Spa sostituisce un impianto finanziando l operazione con un mutuo bancario e acquisisce un macchinario stipulando un contratto di leasing finanziario. Presentare le registrazioni contabili delle operazioni di gestione e di assestamento compiute dall impresa. 2. La Alfa Spa produce tre varianti del prodotto A realizzando nel mese di dicembre le seguenti produzioni: Al unità, A unità e A unità. Le varianti A1 e A2 sono lavorate nei tre reparti produttivi; la variante A3 è lavorata in due reparti. Determinare il costo industriale complessivo e unitario delle tre produzioni con il metodo del full costing e il prezzo unitario di vendita ipotizzando un risultato economico lordo pari al 40% del costo industriale.

2 ATTIVITÀ DIDATTICHE 2 PARTE A TRATTAZIONE OBBLIGATORIA acquisizione di beni strumentali e relative forme di finanziamento Le innovazioni tecnologiche impongono alle imprese il rinnovo dei processi produttivi al fine di ottenere un miglioramento nell efficienza produttiva e una migliore qualità dei prodotti per soddisfare le esigenze di una clientela sempre più attenta. La Alfa Spa, impresa industriale, per rinnovare il processo produttivo decide di sostituire in parte gli impianti e i macchinari. L acquisizione degli impianti e dei macchinari può essere effettuata con le seguenti modalità: acquisto, conferimento da parte dei soci, locazione, leasing e costruzione in economia. In caso di acquisto dei beni strumentali l impresa contabilizza il costo sostenuto in conti economici di reddito accesi ai costi pluriennali. Se l acquisto comporta il sostenimento di costi accessori (costi di installazione, collaudo, provvigioni a intermediari ecc.), questi vengono patrimonializzati. Quando il prezzo del bene è elevato oppure si acquista un bene la cui realizzazione è effettuata su specifiche indicate dall acquirente, il fornitore può richiedere il versamento di un acconto prima della consegna del bene; tale acconto costituisce un operazione da assoggettare a IVA e viene rilevato nel conto finanziario Fornitori immobilizzazioni materiali c/acconti, che esprime un credito verso il fornitore. L acquisto dei beni strumentali produce i seguenti effetti sul bilancio d esercizio: nell Attivo dello Stato patrimoniale in B) Immobilizzazioni II Immobilizzazioni materiali viene indicato in 2) Impianti e macchinari, il costo delle immobilizzazioni al netto del relativo fondo ammortamento; nel Conto economico nel raggruppamento B) Costi della produzione voce 10) sottovoce b) Ammortamento delle immobilizzazioni materiali, viene indicato l ammortamento del bene. Il conferimento di beni pluriennali nelle società di capitali richiede una relazione di stima redatta da un soggetto indipendente che valuta il bene conferito al fine di evitare l annacquamento del patrimonio che si può creare sopravvalutando il bene apportato. La locazione dei beni strumentali è scelta quando l impresa non è interessata a diventare proprietaria del bene o non dispone dei mezzi finanziari sufficienti per acquistarlo. Prendendo in locazione un bene l impresa sostiene costi per godimento di beni di terzi che vengono contabilizzati in conti economici di reddito d esercizio. Il contratto di locazione può prevedere il versamento, al momento della stipulazione, di una cauzione che viene contabilizzata nel conto finanziario Crediti per cauzioni. Il costo per la locazione dei beni strumentali si riepiloga nel Conto economico nel raggruppamento B) Costi della produzione voce 8) Per godimento di beni di terzi. Il leasing finanziario è un contratto con il quale è possibile acquisire in locazione beni mobili o immobili in quanto la società di leasing mette a disposizione dell impresa utilizzatrice il bene oggetto del contratto e l utilizzatore del bene può, alla scadenza del contratto, decidere di diventarne proprietario pagando un prezzo di riscatto stabilito al momento della stipula del contratto. Il contratto prevede, a volte, un esborso iniziale sotto forma di maxicanone. Nel contratto interviene la società di leasing che acquista il bene dall impresa produttrice e lo dà in uso all utilizzatore del bene che è tenuto a versare canoni periodici. Gli aspetti positivi del contratto di leasing sono: l esborso finanziario iniziale inferiore rispetto a quello che si renderebbe necessario per l acquisto; la mancata consegna di garanzie reali; la disponibilità di un bene sempre tecnologicamente avanzato. Gli aspetti negativi del contratto di leasing sono: il valore residuo del bene resta nelle mani del locatore; l esborso fisso per il conduttore; il mancato prestigio della proprietà; il rischio dello spossessamento del bene nel caso di mancato pagamento del canone. I beni in leasing, non essendo di proprietà della società, non rientrano giuridicamente nel suo patrimonio; tuttavia, al fine di dare una rappresentazione corretta dei beni a disposizione della società e degli obblighi derivanti dalla stipula-

3 ATTIVITÀ DIDATTICHE 3 zione del contratto di leasing, è opportuno evidenziare l impegno assunto per i canoni da pagare. Tale impegno corrisponde alla somma di tutti i canoni da pagare ed è registrato nei conti d ordine nel sistema degli impegni. La stipula di un contratto di leasing produce i seguenti riflessi sul bilancio d esercizio: nello Stato patrimoniale nell Attivo in D) Ratei e risconti viene iscritto l eventuale risconto attivo relativo ai canoni da rinviare ai futuri esercizi; nel Conto economico nel raggruppamento B) Costi della produzione voce 8) Per godimento di beni di terzi, vengono iscritti i canoni di competenza; nella Nota integrativa viene segnalato l impegno assunto per i canoni ancora da corrispondere. L impresa che dispone delle conoscenze tecnologiche e di una capacità produttiva adeguata può decidere di costruire un bene strumentale al suo interno nei casi in cui: il bene necessario all impresa non è presente sul mercato; la realizzazione interna comporta minori costi rispetto all acquisto; l impresa desidera mantenere segreta l acquisizione del bene; si sfruttano in modo migliore i fattori produttivi; si ottengono risparmi sui costi accessori di acquisto. Per la realizzazione del bene strumentale l impresa sostiene costi diretti e indiretti, che al termine della costruzione concorrono alla formazione del costo di produzione. Contabilmente si rende necessario operare una rettifica indistinta di tutti i costi (diretti e indiretti) sostenuti nell esercizio utilizzando il conto Costruzioni interne, che è un conto economico di reddito acceso alle rettifiche dei costi d esercizio che affluisce nel Conto economico. La costruzione in economia di un bene strumentale produce i seguenti riflessi sul bilancio d esercizio: nel Conto economico nel raggruppamento B) Costi della produzione sono iscritti i costi sostenuti per realizzare il bene; nel Conto economico nel raggruppamento A) Valore della produzione 4) Incremento di immobilizzazioni per lavori interni, si iscrive la rettifica indiretta dei costi d esercizio. Le immobilizzazioni acquisite dall azienda attraverso l acquisto, l apporto da parte dei soci e la costruzione in economia diventano di proprietà e partecipano alla formazione del risultato economico nei diversi esercizi del loro utilizzo attraverso: l ammortamento, che è il procedimento tecnico-contabile mediante il quale i costi a utilità pluriennale vengono ripartiti negli esercizi di vita utile dei beni a cui si riferiscono; le manutenzioni, che sono costi sostenuti per conservare il bene strumentale in efficienza; le riparazioni, che sono costi sostenuti per riparare guasti e rotture dei beni strumentali; le svalutazioni, che si rilevano quando il valore di un bene strumentale non è più rappresentativo del bene stesso, per cui si rende necessario adeguare il valore del bene. Tale riduzione di valore può essere provocata da una destinazione d uso diversa del bene, dall obsolescenza, dall inadeguatezza rispetto alle mutate dimensioni aziendali. L acquisizione dei beni strumentali in locazione e in leasing partecipa alla formazione del risultato economico nei diversi anni del loro utilizzo con il pagamento di costi per il godimento di beni di terzi (Fitti passivi e Canoni leasing). L acquisizione di impianti e macchinari per il rinnovo del processo produttivo rende necessaria la ricerca di finanziamenti idonei che possono avere origine interna ed esterna: i finanziamenti interni sono originati da autofinanziamento, cioè utili conseguiti e non distribuiti ai soci; i finanziamenti esterni sono rappresentati da fonti che provengono dal capitale proprio e dal capitale di debito. Il primo è costituito dai finanziamenti apportati dai soci caratterizzati per la mancanza di scadenza prefissata, per il mancato obbligo di remunerazione e per l assoggettamento al rischio di impresa. Il secondo è formato dai debiti contratti caratterizzati sia dall obbligo di rimborso alla scadenza convenuta e di remunerazione sia dal limitato rischio d impresa. I finanziamenti rappresentati dal capitale di debito possono essere classificati in base alla scadenza nel modo seguente: debiti a breve termine, con scadenza non superiore all anno; debiti a medio termine, con scadenza tra 1 e 5 anni; debiti a lungo termine, con scadenza oltre i 5 anni. La scelta della fonte di finanziamento dipende dall investimento che l azienda deve operare: se l investimento viene effettuato in immobilizzazioni, l azienda può ricorrere al capitale proprio o al capitale di debito con scadenza medio-lunga;

4 ATTIVITÀ DIDATTICHE 4 se l investimento viene effettuato in beni facenti parte dell attivo circolante, l azienda può ricorrere al capitale proprio o al capitale di debito con scadenza a breve termine. Per finanziare l acquisto di immobilizzazioni tecniche l impresa industriale Alfa Spa può ricorrere alle seguenti forme di finanziamento: a) aumento del capitale sociale; b) emissione di un prestito obbligazionario; c) accensione di un mutuo. a) L aumento del capitale sociale può essere effettuato con l emissione di nuove azioni oppure con l aumento del valore nominale delle azioni in circolazione. Tale decisione comporta la modifica dell atto costitutivo e deve essere presa dall assemblea straordinaria dei soci. La legge dispone che non si possa aumentare il capitale sociale se le vecchie azioni non sono state interamente liberate. Al momento dell emissione delle nuove azioni occorre definire: il prezzo di emissione; il diritto di opzione; il godimento dei titoli emessi. b) L emissione di un prestito obbligazionario è la forma di finanziamento attraverso la quale l azienda si procura i mezzi finanziari emettendo un prestito frazionato in titoli di debito. Le obbligazioni emesse da società per azioni possono essere sottoscritte da chiunque in quanto queste società possono fare appello al risparmio pubblico. L importo del prestito obbligazionario non può eccedere il doppio del capitale sociale, della riserva legale e delle riserve disponibili come risultano dall ultimo bilancio approvato. L emissione delle obbligazioni può essere effettuata alla pari, sopra la pari o sotto la pari. Tale forma di finanziamento richiede il pagamento periodico degli interessi passivi. c) L accensione di un mutuo è la forma di finanziamento ottenuta dalle banche. Si tratta di prestiti con scadenza medio-lunga in cui il debitore si impegna a pagare gli interessi e a rimborsare il capitale in base a un piano di ammortamento prestabilito. PRIMO PUNTO A SCELTA rinnovo di un impianto e leasing finanziario La sostituzione di un impianto avviene in data 02/03; ipotizziamo quanto segue: costo originario dell impianto euro; coefficiente annuo di ammortamento 15%; all inizio dell esercizio il fondo ammortamento ammontava a euro; prezzo di cessione euro; costo di acquisto del nuovo impianto euro. Il rinnovo dell impianto è finanziato con un mutuo di euro al tasso 6,50% in data 01/03 che prevede il pagamento annuale posticipato degli interessi. Occorre integrare l ammortamento già contabilizzato negli anni precedenti con quello di competenza dell esercizio dall 1/01 al 2/03 (escluso) giorni 60: euro = = ,90 euro ricavo di vendita costo originario ,00 euro fondo ammortamento ( ,90) = ,90 euro minusvalenza ordinaria ,00 euro ,10 euro ,10 euro

5 ATTIVITÀ DIDATTICHE 5 Le registrazioni contabili sono le seguenti: 02/03... AMMORTAM. IMP. E MACCH. quota 15% dall 1/1 al 2/ ,90 02/03... FONDO AMM. IMP. E MACCH. quota 15% dall 1/1 al 2/ ,90 02/03... FONDO AMM. IMP. E MACCH. stornato fondo ammortam ,90 02/03... IMPIANTI E MACCHINARI stornato fondo ammortam ,90 02/03... CREDITI COMM. DIVERSI emessa fattura n ,00 02/03... IMPIANTI E MACCHINARI vendita impianti ,00 02/03... IVA NS/DEBITO IVA a debito ,00 02/03... BANCA X C/C accredito di c/c ,00 02/03... CREDITI COMM. DIVERSI riscossa fattura n ,00 02/03... MINUSVALENZE ORDINARIE rilevata minusvalenza ordin ,10 02/03... IMPIANTI E MACCHINARI rilevata minusvalenza ordin ,10 02/03... IMPIANTI E MACCHINARI ricevuta fattura n ,00 02/03... IVA NS/CREDITO IVA a credito ,00 02/03... DEBITI V/FORNITORI acquistati impianti ,00 02/03... DEBITI V/FORNITORI regolata fattura n ,00 02/03... BANCA X C/C addebito di c/c ,00 31/12... AMMORT. IMP. E MACCH. rilevato ammortamento ,70 31/12... FONDO AMM. IMP. E MACCH. rilevato ammortamento ,70 L ammortamento contabilizzato al 31/12 è stato calcolato sul costo di acquisto dell impianto ( euro) con coefficiente 15% dal 2/03 (compreso) al 31/12. L accensione del mutuo bancario determina le seguenti rilevazioni contabili: a) al momento dell accreditamento del mutuo sul conto corrente dell impresa: 01/03... BANCA X C/C accredito in c/c ,00 01/03... MUTUI PASSIVI ottenuto mutuo ,00 b) al 31/12 gli interessi di competenza dell esercizio non ancora pagati originano un rateo passivo: Interessi = ,50 10 = ,33 euro /12... INTERESSI PASSIVI SU MUTUI interessi di competenza ,33 31/12... RATEI PASSIVI rateo passivo ,33 Tali registrazioni hanno i seguenti riflessi sul bilancio dell impresa: il conto Mutui passivi affluisce nel Passivo dello Stato patrimoniale tra i debiti; il conto Ratei passivi affluisce nel Passivo dello Stato patrimoniale nella voce Ratei e risconti; gli Interessi passivi sui mutui verranno riepilogati al Conto economico nei Proventi e oneri finanziari.

6 ATTIVITÀ DIDATTICHE 6 leasing finanziario Per l acquisizione del macchinario in leasing ipotizziamo che il contratto, stipulato con decorrenza 1/05, preveda un maxicanone iniziale di euro e il versamento di 24 canoni trimestrali di euro ciascuno a partire dall 1/08, prezzo di riscatto euro. Per la compilazione delle scritture contabili è necessario calcolare il canone di competenza come segue. Il contratto stipulato in data 1/05 ha una durata di 75 mesi e prevede un esborso complessivo di: maxicanone canoni trimestrali totale ,00 euro ,00 euro ,00 euro euro ( : 75 mesi) = euro canone mensile di competenza Nell esercizio n sono stati pagati: maxicanone ,00 euro canoni trimestrali ,00 euro totale ,00 euro Nell esercizio vanno quindi imputati costi per il periodo 1/05-31/12 (8 mesi) pari a: euro (5.600,00 8) = ,00 euro per cui si dovrà sospendere ai futuri esercizi la differenza tra i canoni pagati e quelli di competenza euro (68.000, ,00) = ,00 euro, risconto attivo 01/05... CANONI DI LEASING fattura n ,00 01/05 IVA NS/CREDITO fattura n ,00 01/05... DEBITI V/FORNITORI fattura n ,00 01/05... DEBITI V/FORNITORI saldata fattura n ,00 01/05... BANCA X C/C saldata fattura n ,00 01/05... IMPEGNI PER BENI IN LEASING impegni assunti ,00 01/05... CREDITORI C/LEASING impegni assunti ,00 01/08... CANONI DI LEASING fattura n ,00 01/08... IVA NS/CREDITO fattura n ,00 01/08... DEBITI V/FORNITORI fattura n ,00 01/08... DEBITI V/FORNITORI saldata fattura n ,00 01/08... BANCA X C/C saldata fattura n ,00 01/08... CREDITORI C/LEASING storno canone pagato ,00 01/08... IMPEGNI PER BENI IN LEASING storno canone pagato ,00 01/11... CANONI DI LEASING fattura n ,00 01/11... IVA NS/CREDITO fattura n ,00 01/11... DEBITI V/FORNITORI fattura n ,00 01/11... DEBITI V/FORNITORI saldata fattura n ,00 01/11... BANCA X C/C saldata fattura n ,00 01/11... CREDITORI C/LEASING storno canone pagato ,00 01/11... IMPEGNI PER BENI IN LEASING storno canone pagato ,00 31/12... RISCONTI ATTIVI rilevato risconto ,00 31/12... CANONI DI LEASING rilevato risconto ,00

7 ATTIVITÀ DIDATTICHE 7 SECONDO PUNTO A SCELTA full costing con localizzazione dei costi La contabilità gestionale consente il controllo sulla gestione aziendale sotto l aspetto economico; analizza le fasi in cui si realizza il processo produttivo e misura i costi del prodotto, individuandone la struttura e calcolando risultati parziali. Tale contabilità è utilizzata per: fissare il prezzo di vendita; effettuare la valutazione di fine periodo; orientare le decisioni aziendali; controllare l efficienza dei fattori produttivi; svolgere la programmazione aziendale. La contabilità gestionale a full costing (costi pieni) è impostata sulla distinzione tra costi diretti e costi indiretti: i primi sono sostenuti unicamente per un determinato oggetto e sono misurabili in modo oggettivo; i secondi, rappresentati da costi comuni e generali, vengono ripartiti fra più oggetti con criteri soggettivi. Per realizzare le tre produzioni ipotizziamo che l impresa sostenga i seguenti costi diretti: Fattori produttivi A1 A2 A3 Costo unitario Materia prima 3 kg 3,20 kg 3,40 kg 30 euro il kg Manodopera diretta 2 h 2,30 h 2 h 22 euro l ora I costi industriali di produzione (per materie sussidiarie, manodopera indiretta, forza motrice e ammortamenti) localizzati nei tre reparti produttivi ammontano a: reparto Alfa euro; reparto Beta euro; reparto Gamma euro. I costi comuni ai tre reparti ammontano a euro e sono attribuiti ai reparti in base alla superficie occupata da ciascuno: mq 200 reparto Alfa, mq 300 reparto Beta e mq 150 reparto Gamma. I costi indiretti sono ripartiti in base al costo primo. Il costo primo totale e unitario delle tre produzioni risulta: Fattori produttivi A1 A2 A3 TOTALI Materia prima , , , ,00 Manodopera diretta , , , ,00 Costo primo , , , ,00 Unità prodotte Costo primo per unità di prodotto 134,00 146,60 146,00

8 ATTIVITÀ DIDATTICHE 8 I costi comuni di reparto sono ripartiti come segue: = 40 coefficiente di reparto euro (40 200) = euro euro (40 300) = euro euro (40 150) = euro I costi complessi di reparto risultano: REPARTO ALFA REPARTO BETA REPARTO GAMMA TOTALI Costi diretti di reparto , , , ,00 Costi comuni di reparto 8.000, , , ,00 Costi totali di reparto , , , ,00 I costi di reparto vengono imputati alle produzioni in base al costo primo, considerando quanto segue: il costo del reparto Alfa va ripartito sulle tre produzioni; il costo del reparto Beta va ripartito sulle tre produzioni; il costo del reparto Gamma va ripartito sulle produzioni A1 e A2. Reparto Alfa = 0, euro ( , ) = ,68 euro, costi imputati al prodotto A1 euro ( , ) = ,39 euro, costi imputati al prodotto A2 euro ( , ) = ,93 euro, costi imputati al prodotto A3 Reparto Beta = 0, euro ( , ) = ,53 euro, costi imputati al prodotto A1 euro ( , ) = ,57 euro, costi imputati al prodotto A2 euro ( , ) = ,90 euro, costi imputati al prodotto A3 Reparto Gamma = 0, euro ( , ) = ,70 euro, costi imputati al prodotto A1 euro ( , ) = ,30 euro, costi imputati al prodotto A2

9 ATTIVITÀ DIDATTICHE 9 Svolgimento del tema di maturità Il costo industriale e il prezzo di vendita delle tre produzioni risultano: A1 A2 A3 TOTALI Costo primo , , , ,00 Costi di reparto: Reparto Alfa , , , ,00 Reparto Beta , , , ,00 Reparto Gamma , , ,00 Costo industriale totale , , , ,00 Costo industriale unitario 183,61 200,88 186,20 Risultato economico 73,44 80,35 74,48 Prezzo di vendita 257,05 281,23 260,68

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli