Bilancio e dichiarazione dei redditi: i contributi pubblici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio e dichiarazione dei redditi: i contributi pubblici"

Transcript

1 N. 18 del I Focus A cura di Ruggero Viviani Bilancio e dichiarazione dei redditi: i contributi pubblici Per quanto si andrà a argomentare nel presente intervento, innanzi tutto appare rilevante delimitare l ambito della trattazione, specificando la corretta nozione di Contributo. In sostanza, si tratta di erogazioni di denaro a fondo perduto effettuate da enti pubblici o privati, o dovuti in base a contratto, allo scopo di sostenere l economia, indirizzate verso settori economici, aree svantaggiate o indirizzate ancora verso determinati soggetti (contributi a favore di giovani o finalizzati allo sviluppo dell imprenditoria femminile, ). Possono essere correlati con oneri specificamente individuati o possono essere erogati al mero scopo di aumentare le risorse patrimoniali di un impresa, in maniera generalizzata. Pertanto, le suddette erogazioni possono servire per aiutare le imprese a ridurre gli oneri correnti di esercizio (contributi in c/esercizio), tra i quali gli oneri finanziari (contributi in c/interessi), o ancora per incrementare gli investimenti (contributi in ). In quest ultimo caso è possibile distinguere ulteriormente i contributi finalizzati all acquisto di beni specificamente individuati, dai contributi destinati ad accrescere genericamente le risorse patrimoniali dell impresa. 1

2 Premessa Partendo dal bilancio, l esposizione dei contributi pubblici trova riscontro nell art Contributi e schemi di bilancio I principi contabili individuano tre fondamentali tipologie di contributi, in relazione alla loro esposizione in bilancio. I contributi secondo gli OIC Prima di procedere con la disamina dei contributi si sottolinea che, nel presente intervento, s intende procedere partendo dalla disamina civilistica della fattispecie, per poi sviluppare la parte fiscale. La terminologia civilistica e quella fiscale sono disallineate. S intende dare maggiore rilievo alla prima, pur riportando di seguito le diverse accezioni. Nozione OIC Tuir Contributo in conto Contributo erogato per Contributo erogato per il capitale l acquisto di specifici generico incremento di beni strumentali. risorse patrimoniali E previsto uno specifico dell impresa vincolo di destinazione, nonché la revoca del contributo se non vengono rispettate le 2

3 Contributo in conto impianti condizioni originarie previste per l erogazione del contributo stesso. Non esiste una specifica operazione classificata tra i contributi in conto impianti, ai fini civilistici. Contributo erogato per l acquisto di specifici beni strumentali. E previsto uno specifico vincolo di destinazione, nonché la revoca del contributo se non vengono rispettate le condizioni originarie previste per l erogazione del contributo stesso. I contributi in (secondo l OIC n.16) Per cogliere la nozione di contributo in, ai fini civilistici, è opportuno richiamare i principi contabili. Secondo l OIC n. 16 i contributi in conto capitale sono <<somme erogate dallo Stato e altri enti a imprese per la realizzazione di iniziative dirette alla costruzione, riattivazione e ampliamento di immobilizzazioni materiali, commisurati al costo delle medesime>>. La dottrina tende a denominare detti contributi come Contributi in conto impianti privilegiando, nel caso di specie, la terminologia fiscale e quella corrente.1 Nel caso di specie l impresa s impegna a non distogliere i beni acquistati mediante l agevolazione finanziaria per un certo periodo di tempo. Caratteristiche dei contributi in conto capitale 1 Cfr., V. Antonelli e R. D Alessio, Summa Bilancio 2010, Il Sole 24 Ore, pag

4 L OIC n. 16, sopra citato, al par. F, prevede due differenti modalità di contabilizzazione di detti contributi, di seguito riepilogate: iscrizione del contributo nell aggregato A. 5) del conto economico2 e imputazione frazionata negli anni, in relazione al piano di ammortamento del bene acquistato, attraverso la tecnica contabile dei risconti. Ne consegue che gli ammortamenti dell investimento agevolato vengono calcolati sul costo dell immobilizzazione al lordo del contributo; iscrizione contabile del contributo in diretta diminuzione dell investimento agevolato. Ne consegue che gli ammortamenti del bene vengono calcolati sul costo dell immobilizzazione al netto del contributo. Posto che le due procedure non incidono, in sostanza, sul risultato contabile complessivo dell operazione, nel caso in cui si utilizza la prima procedura più sopra indicata l importo relativo al contributo, accreditato tra i risconti passivi, <<va ridotta alla fine di ogni periodo con accredito a conto economico da effettuarsi con lo stesso tasso utilizzato per l'ammortamento del cespite cui esso si riferisce>> (OIC n. 16, nota n. 47). Si tenga conto dei dati di seguito riportati. DATI Costo dell investimento Contributo in conto Coefficiente di agevolato: ,00 capitale: ,00 ammortamento: 10% PROCEDURA N. 1 (contabilizzazione separata del contributo e calcolo dell ammortamento dell investimento agevolato al lordo del contributo stesso) Scritture in P.d. relative all acquisto dell immobilizzazione. 2 Si veda in merito anche l OIC n. 12, doc. int. n. 1, nota n. 3 (<<La voce A5 comprende anche la quota, di competenza dell esercizio in corso, dei contributi in conto capitale commisurati al costo delle immobilizzazioni materiali, che vengono differiti attraverso l iscrizione di un risconto passivo. Ove il contributo stesso venga invece portato in detrazione del costo dell immobilizzazione il beneficio di competenza derivante dal contributo affluirà al conto economico attraverso il minor onere di ammortamento (vedasi Principio contabile 16>>). 4

5 Acquisto di immobilizzazione. Ft. n. del Acquisto di immobilizzazione. Ft. n. del Acquisto di immobilizzazione. Ft. n. del Beni strumentali ,00 I.v.a. ns. credito ,00 Debiti vs. fornitori ,00 Scritture in P.d. relative alla liquidazione del contributo. Ricevuto contributo in Ricevuto contributo in Crediti ,00 Contributi in ,00 Scritture in P.d. relative all ammortamento del contributo e dell investimento agevolato. Ammortamento anno N Ammortamento beni ,00 strumentali Ammortamento anno N F.do amm.to beni strumentali Ammortamento del Contributi in contributo ,00 Ammortamento del Risconti passivi contributo , ,00 Si riporta lo stralcio del bilancio riguardante il caso di specie, relativo all anno N. Stato patrimoniale Attivo B. II. 2) Impianti e macchinario ,00 Passivo E) Ratei e risconti passivi, con separata indicazione dell aggio su prestiti ,00 5

6 Conto economico Valore della produzione A.5) Atri ricavi e proventi con separata indicazione dei contributi in conto esercizio Costi della produzione B. 10. b) Ammortamento delle immobilizzazioni materiali 2.000,00 (10.000,00) In sostanza l operazione ha inciso negativamente sul reddito, per euro 8.000,00, tenendo conto dell incidenza del contributo, che ha ridotto il costo di competenza di euro 2.000,00 (10.000, ,00). Sotto l aspetto patrimoniale appare evidente la correlazione tra il costo residuo del bene strumentale (pari a ) ed il provento sospeso connesso con il risconto passivo da ammortizzare (pari a ), che determinano un valore patrimoniale netto pari a ( ). PROCEDURA N. 2 (contabilizzazione del contributo in diretta riduzione del costo dell investimento agevolato) Scritture in P.d. relative all acquisto dell immobilizzazione. Acquisto di Beni ,00 immobilizzazione. Ft. n. strumentali del Acquisto di I.v.a. ns ,00 immobilizzazione. Ft. n. credito del Acquisto di Debiti vs ,00 immobilizzazione. Ft. n. fornitori del Scritture in P.d. relative alla liquidazione del contributo. Liquidato contributo in Crediti ,00 Liquidato contributo in Contributi in ,00 6

7 Liquidato contributo in Contributi in ,00 Liquidato contributo in Beni ,00 strumentali Scritture in P.d. relative all ammortamento dell investimento. Ammortamento anno N Ammortamento beni strumentali Ammortamento anno N F.do amm.to beni strumentali 8.000, ,00 Si riporta lo stralcio del bilancio riguardante il caso di specie, relativo all anno N. Stato patrimoniale Attivo B. II. 2) Impianti e macchinario ,00 Conto economico Costi della produzione B. 10. b) Ammortamento delle immobilizzazioni materiali (8.000,00) Anche attraverso l utilizzo di detto procedimento l operazione ha inciso negativamente sul reddito, per euro 8.000,00, tenendo conto del contributo. Il valore patrimoniale netto è interamente incentrato sull investimento, per la somma di euro Procedura consigliata Con riguardo alla tecnica contabile da utilizzare, l orientamento principale è quello di accreditare il contributo nel conto economico, annualmente, utilizzando i risconti passivi. C è da dire che detta tecnica, oltre ad evitare la compensazione di partite, consente di rilevare correttamente il contributo nell ipotesi in cui questo venga concesso 7

8 in data posteriore rispetto alla decorrenza dell ammortamento dell investimento agevolato. Problemi connessi con l iscrizione contabile del contributo Secondo il citato OIC n. 16, par. F.II.c), il contributo deve essere iscritto <<in bilancio nel momento in cui esiste una ragionevole certezza che le condizioni previste per il riconoscimento del contributo sono soddisfatte e che i contributi saranno erogati.>> Posto che la disciplina del bilancio, com è noto, prevede l applicazione generalizzata del criterio di competenza per la determinazione del reddito, il provento connesso con l erogazione del contributo deve spalmarsi negli anni di utilizzo del bene strumentale, simmetricamente al piano di ammortamento del cespite. In sostanza: l iscrizione contabile del contributo si effettua nell anno in cui sussiste la ragionevole certezza del riconoscimento dello stesso; il contributo si deve ripartire negli anni in cui si effettua l ammortamento del bene strumentale. Approfondiment o: decorrenza dell ammortame nto del contributo Si è già detto in precedenza che il contributo deve necessariamente essere ammortizzato a partire dall esercizio di competenza. L OIC n. 16 chiarisce che detto momento si deve identificare con quello in cui esiste una ragionevole certezza che le condizioni previste per il riconoscimento del contributo sono soddisfatte e che i contributi saranno erogati. E utile approfondire con maggiore accuratezza detto momento, attraverso i chiarimenti provenienti dall amministrazione finanziaria posto che, ai fini fiscali come si vedrà meglio più avanti -, il momento in questione coincide con quello in cui è certa l esistenza o determinabile in modo obiettivo l ammontare, nel caso di specie, dei contributi. Il momento in questione può essere rappresentato da (3): notifica del decreto di liquidazione dei contributi erogati da enti pubblici. Nel caso di specie rileva la notificazione o la pubblicazione del provvedimento, tenuto conto della natura o meno recettizia del suddetto provvedimento; in mancanza di un atto formale ed esterno << il requisito della competenza si perfeziona nell'esercizio in cui sono venuti ad esistenza tutti gli elementi oggettivi sui quali trova fondamento il diritto dell'impresa, 3 Cfr., C.M. n. 73, del 27 maggio

9 anche indipendentemente dai riscontri e dai controlli da parte dell'ente erogatore per poter procedere alla liquidazione>> (cfr., ris. 9/606 del 4 maggio 1979, cit.); <<nel caso in cui il diritto ai contributi è sottoposto a condizione sospensiva, gli stessi devono considerarsi "conseguiti" nell'esercizio in cui viene emessa una delibera formale da parte dell'ente erogatore, successivamente all'accertamento da parte dell'ente stesso dei lavori eseguiti e dell'adempimento di tutte le clausole cui e' soggetta l'erogazione>> (cfr., ris. 9/606 del 4 maggio 1979, cit.). Tecniche contabili Tutto quanto sopra premesso, si possono verificare tre casi distinti: 1. riconoscimento del contributo nell ambito del medesimo anno dell esistenza dell investimento agevolato; 2. riconoscimento del contributo in annualità precedente a quella in cui viene ad esistenza l investimento agevolato; 3. riconoscimento del contributo in annualità successiva a quella in cui viene ad esistenza l investimento agevolato. Riconoscimento del contributo nell ambito del medesimo anno dell esistenza dell investimento agevolato 1. Riconoscimento del contributo nell ambito del medesimo anno dell esistenza dell investimento agevolato Il caso sopra indicato è stato approfondito attraverso le scritture in P.d. e la rappresentazione in bilancio più sopra riportate. Riconoscimento del contributo in annualità precedente a quella in cui viene ad esistenza l investimento agevolato 2. Riconoscimento del contributo in annualità precedente a quella in cui viene ad esistenza l investimento agevolato 9

10 Riprendendo i medesimi dati utilizzati in precedenza si riportano di seguito le scritture in P.d.. Scritture in P.d. relative alla liquidazione del contributo. Liquidato contributo in Liquidato contributo in Crediti ,00 Contributi in ,00 Ammortamento contributo Ammortamento contributo del del Contributi in ,00 Risconti passivi ,00 Situazione di bilancio al 31 dicembre dell anno N. Passivo E) Ratei e risconti passivi, con separata indicazione dell aggio su prestiti ,00 Nell anno N +1 si procederà ad effettuare l ammortamento del contributo e dell investimento agevolato. Riconoscimento del contributo in annualità successiva a quella in cui viene ad esistenza l investimento agevolato 3. Riconoscimento del contributo in annualità successiva a quella in cui viene ad esistenza l investimento agevolato Secondo l A.D.C. di Milano, nel caso dello slittamento del riconoscimento del contributo rispetto all anno in cui decorre l ammortamento dell investimento agevolato, occorre <<ripristinare la correlazione tra processo di ammortamento e concorso del contributo alla formazione del reddito>>, mediante l ausilio delle sopravvenienze attive (A.D.C. di Milano, Norma di comportamento n. 155 del 2004). 10

11 Considerato che nell anno N si acquisisce il bene strumentale, si riportano di seguito gli effetti in bilancio di detta operazione. Stato patrimoniale Attivo B. II. 2) Impianti e macchinario ,00 Conto economico Costi della produzione B. 10. b) Ammortamento delle immobilizzazioni materiali (10.000,00) Il costo dell investimento risulta ammortizzato per una quota. Non risulta alcuna riduzione dovuta all agevolazione, in quanto le condizioni previste per il riconoscimento del contributo non sono soddisfatte. Nel corso dell esercizio N + 1 si rileva il contributo. Liquidato contributo in Liquidato contributo in Crediti ,00 Contributi in ,00 Al 31/12 N + 1 si effettuano le seguenti scritture di assestamento. Ammortamento anno N Ammortamento beni strumentali ,00 Ammortamento anno N F.do amm.to beni ,00 strumentali Ammortamento del Contributi in ,00 contributo Ammortamento del Risconti passivi ,00 contributo (*) Ammortamento del Sopravvenienze 2.000,00 contributo competenza attive straordinarie (**) anno N (*) Si ammortizza la quota di competenza dell anno N

12 (**) Si ammortizza la quota di competenza dell anno N. Stato patrimoniale Attivo B. II. 2) Impianti e macchinario ,00 Passivo E) Ratei e risconti passivi, con separata indicazione dell aggio su prestiti ,00 Conto economico Valore della produzione A.5) Atri ricavi e proventi con separata indicazione dei 2.000,00 contributi in conto esercizio Costi della produzione B. 10. b) Ammortamento delle immobilizzazioni materiali (10.000,00) Proventi e oneri straordinari 2.000,00 E 20) Sopravvenienze attive straordinarie Nel bilancio relativo all anno N + 1 si storna il costo dell investimento, rappresentato dalla seconda quota di ammortamento, per effetto dell agevolazione, rilevando la quota di contributo di competenza dell anno N come sopravvenienza attiva e la quota di competenza dell anno N + 1 come storno del risconto passivo. Cessione del bene agevolato Nel caso dell alienazione dell investimento agevolato, nell ambito del periodo in cui è in corso l ammortamento del contributo, occorre stornare il risconto passivo non ancora imputato a conto economico, con la connessa rilevazione di una sopravvenienza attiva (A.D.C. di Milano, Norma di Comportamento n. 155/2004, cit.). Pertanto, la cessione dell immobilizzazione materiale genera contestualmente, nella fattispecie, i seguenti elementi reddituali: una plus/minusvalenza per effetto della differenza tra il prezzo ed il valore contabile del bene; una sopravvenienza attiva per effetto dello storno del contributo non ancora imputato a conto economico. 12

13 Revoca del contributo Il mancato rispetto delle regole connesse con l investimento, a seguito dell erogazione di un contributo, possono comportare la revoca dello stesso. La fattispecie non risulta esplicitamente trattata nell ambito degli OIC. Ad ogni modo, sotto l aspetto prettamente contabile, il caso di specie genera una sopravvenienza passiva. Del resto, anche ai fini fiscali la revoca del contributo, per effetto del verificarsi della condizione risolutiva, determina una sopravvenienza passiva (cfr., R.M. n. 9/1005, del 16 luglio 1983). Contributi erogati per il generico rafforzamento patrimoniale dell impresa Diversamente dai contributi in conto capitale, per i quali l OIC n. 16 prevede le tecniche contabili più sopra analizzate, i contributi erogati all impresa per il generico rafforzamento patrimoniale della stessa, non sono agganciati all acquisizione di specifici beni strumentali. Si ricorda che, secondo l OIC n. 12, documento interpretativo n. 1, sono da iscrivere nella gestione straordinaria voce E 20) -, le liberalità ricevute, in danaro o in natura, che non costituiscono contributi in conto esercizio da iscrivere alla voce A5. Ancora, nella voce A 5), secondo l OIC n. 16, devono essere iscritti i contributi in conto capitale connessi con l acquisto di specifici beni strumentali. I contributi destinati al generico rafforzamento delle imprese costituiscono sopravvenienze attive straordinarie da iscrivere nella gestione straordinaria - E 20) -. Solo per completezza d argomento, si ricorda che sono questi ultimi che la dottrina prevalente e la normativa fiscale definiscono contributi in conto capitale, privilegiando la terminologia fiscale rispetto alla diversa terminologia adottata dagli OIC. Contributi in conto capitale: normativa fiscale La disciplina fiscale dei contributi in conto capitale trova asilo nell ambito dell art. 88, comma 3, lett. b), tuir. Art. 88, comma 3, tuir <<Sono inoltre considerati sopravvenienze attive: b) i proventi in denaro o in natura conseguiti a titolo di contributo o di liberalità, esclusi i contributi di cui alle lettere g) e h) del comma 1 dell'articolo 85 e quelli per l'acquisto di beni ammortizzabili indipendentemente dal tipo di finanziamento adottato. Tali proventi concorrono a formare il reddito nell'esercizio in cui sono stati incassati o in quote costanti nell'esercizio in cui sono stati incassati e nei successivi 13

14 ma non oltre il quarto. Sono fatte salve le agevolazioni connesse alla realizzazione di investimenti produttivi concesse nei territori montani di cui alla legge 31 gennaio 1994, n. 97, nonché quelle concesse ai sensi del testo unico delle leggi sugli interventi nel Mezzogiorno, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 6 marzo 1978, n. 218, per la decorrenza prevista al momento della concessione delle stesse. Non si considerano contributi o liberalità i finanziamenti erogati dallo Stato, dalle Regioni e dalle Province autonome per la costruzione, ristrutturazione e manutenzione straordinaria ed ordinaria di immobili di edilizia residenziale pubblica concessi agli Istituti autonomi per le case popolari, comunque denominati, nonché quelli erogati alle cooperative edilizie a proprietà indivisa e di abitazione per la costruzione, ristrutturazione e manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili destinati all'assegnazione in godimento o locazione.>> Dal disposto normativo più sopra riportato appare evidente che i contributi in conto capitale si distinguono, sotto l aspetto fiscale, in due categorie fondamentali: Contributi in conto capitale, propriamente detti; Contributi in conto impianti. Contributi in conto capitale nella normativa fiscale. OSSERVA Occorre sottolineare che i contributi, che nell ambito degli OIC sono denominati Contributi in, nella terminologia fiscale corrispondono ai contributi in c/impianti.4 4 Conforme: U. Bocchino e F. Venuti, Contributi pubblici alle imprese, in Guida alla Contabilità & Bilancio, n. 11/2011, pag

15 Differenze sostanziali tra i contributi in ed i contributi in c/impianti Nell accezione fiscale più sopra riportata, solo i contributi in conto capitale propriamente detti, ai fini fiscali, rientrano nell ambito della disciplina delle sopravvenienze attive, ai sensi dell art. 88, comma 3, lett. b) del tuir, con la conseguente tassazione per cassa, con la possibilità di optare per la rateazione, al massimo, quinquennale. L amministrazione finanziaria ha, di recente, chiarito la fattispecie. R.M. n. 22/E, del 22 gennaio 2010 << il contributo in conto impianti si differenzia dal contributo in conto capitale in quanto non comporta un generalizzato accrescimento delle risorse a disposizione del soggetto beneficiario risultando, invece, rigidamente subordinato all acquisizione o alla realizzazione delle immobilizzazioni previste dalla legge di concessione (cfr. risoluzione del 29 marzo 2002, n. 100/E).>> La distinzione trova ulteriore conferma nella Circolare Assonime n. 9, del 9 febbraio Trattamento fiscale dei contributi in conto capitale Per distinguere correttamente i contributi in conto capitale dai contributi in conto impianti, ai fini fiscali, occorre tenere conto di quanto riepilogato nella tabella che segue. Differenze Contributi in Contributi in c/impianti Destinazione del Generica Specifica, con riferimento a 15

16 finanziamento fattori produttivi precisamente individuati Revocabilità del Non presente Presente contributo in presenza di utilizzo diverso rispetto alle condizioni prestabilite Occorre prescindere dalla denominazione del contributo, in quanto ciò che conta è la sostanza del finanziamento, tenuto conto, cioè, del regolamento relativo all agevolazione, nel caso di specie. Infatti, ad esempio, con riguardo ai contributi regionali erogati alle aziende agrituristiche, accade sovente che questi vengano denominati contributi in conto capitale, pur essendo destinati, nella realtà, ad interventi di ristrutturazione di fabbricati rurali e all acquisto di macchine, attrezzature, ecc., con l ulteriore specificità consistente nella revoca in caso di utilizzi diversi dalle condizioni stabilite dalle Regioni (5). Ne consegue che, al di là della loro denominazione, i contributi devono essere ricompresi nell ambito dei contributi in conto impianti ed assoggettati alla normativa connessa. La conseguenza sostanziale che connota il contributo in è costituita dalla istantaneità dell obbligazione tributaria, che coincide con l incasso del contributo medesimo (R.M. n. 2/E, del 22 gennaio 2010). In sostanza, l amministrazione finanziaria ha chiarito che i contributi in c/impianti sono i contributi destinati all acquisto di beni ammortizzabili, mentre gli altri contributi rientrano nell ambito dei contributi in, salvo i contributi in conto interessi, di cui si dirà in seguito (R.M. n. 100/E, del 29 marzo 2002). I contributi secondo la R.M. n. 100/E/ Cfr., R.M. n. 2/E/2010, cit; risoluzione interpretativa della Direzione Centrale Normativa dell Agenzia delle Entrate del 08 gennaio 2010 prot. 2009/192936;Commissione tributaria regionale del Piemonte, sentenza n. 4/14/2012, del 30 gennaio

17 Un altra rilevante disposizione che produce effetti sostanziali nell ambito della differenziazione tra i contributi in conto capitale ed i contributi in conto impianti, ai fini fiscali, è costituita dall art. 28, D.P.R. 600/1973, contenente la disciplina delle ritenute a titolo d acconto sui contributi corrisposti da soggetti pubblici e privati alle imprese. Art. 28, comma 2, d.p.r. 600/1973 <<Le regioni, le provincie, i comuni, gli altri enti pubblici e privati devono operare una ritenuta del quattro per cento a titolo di acconto delle imposte indicate nel comma precedente e con obbligo di rivalsa sull'ammontare dei contributi corrisposti ad imprese, esclusi quelli per l'acquisto di beni strumentali.>> La R.M. n. 193/E, del 17 giugno 2006, ha chiarito che la disposizione de qua riguarda i contributi corrisposti alle imprese, nel rispetto dei requisiti soggettivi indicati dalla norma, <<esclusi quelli per l acquisto dei beni strumentali>>. R.M. n. 193/E, del 17 giugno 2002 <<Per quanto concerne l ambito oggettivo di applicazione della ritenuta, l art. 28, secondo comma, in esame stabilisce solo un limite negativo, assoggettando in via generale alla ritenuta alla fonte a titolo d acconto nella misura del quattro per cento qualsiasi forma di contributo, ad eccezione dei contributi per l acquisto di beni strumentali. La norma in sostanza non individua esattamente i contributi assoggettati a ritenuta, ma si limita ad indicare quelli esclusi, dettando sostanzialmente un principio di carattere generale in forza del quale tutti i contributi corrisposti alle imprese dalle regioni, province, comuni, dagli enti pubblici e privati subiscono la ritenuta alla fonte a titolo d acconto, con la sola esclusione dei contributi per l acquisto di beni strumentali.>> Contributi in : confronto tra le regole contabili e le regole fiscali OIC 16: Art. 88 tuir Contributo imputato per competenza. Contributo tassato per cassa o, per Occorre tener conto della data in cui opzione, da due a cinque quote viene ad esistenza il bene strumentale costanti. agevolato. Ammortamento dell investimento agevolato da calcolarsi sul costo al 17

18 lordo del contributo e ammortamento del contributo con la tecnica dei risconti passivi per il medesimo periodo; Ammortamento dell investimento agevolato da calcolarsi sul costo al netto del contributo. Art. 28, comma 2, D.P.R. 600/1973 Applicazione della ritenuta del 4 per cento. Contributo in conto impianti: decorrenza della tassazione L amministrazione finanziaria, mediante la R.M. n. 2/E/2010, cit., ha chiarito che i contributi in conto impianti devono essere tassati in maniera prolungata, con riguardo a più periodi d imposta, in subordine alle vicende che determinano la rilevanza fiscale del costo del cespite. Di conseguenza, la tassazione decorre dall entrata in funzione del bene, posto che <<nessun obbligo tributario deve essere assolto dal soggetto destinatario del contributo in esame qualora il bene, iscritto in bilancio, non risulti ancora entrato in funzione>> (R.M. n. 2/E/2010, cit.). Tassazione dei contributi Contributo in conto capitali soggetto a condizioni: decorrenza della tassazione Si è già detto che il contributo in conto capitali, cosiddetto ai fini fiscali, è tassato secondo il criterio di cassa. L impresa può optare per la tassazione intera del contributo nell anno in cui questo è incassato, o in rate, da due a cinque. Tuttavia, occorre tener conto dell esistenza di eventuali condizioni riguardanti l erogazione del contributo. In merito è stato chiarito quanto segue (6): se l erogazione del contributo è soggetta a condizione sospensiva il contributo è tassato nell anno in cui si verifica la condizione; se l erogazione del contributo è soggetta a condizione risolutiva i contributi sono tassati nell anno in cui gli stessi sono stati erogati, come se la condizione non fosse mai stata applicata (7). 6 Cfr., Commissione tributaria provinciale di Enna, sentenza n. 800/01/10, del 15 ottobre La condizione è un avvenimento futuro ed incerto, dal quale le parti fanno dipendere o la produzione degli effetti del negozio, cui la condizione è apposta (condizione sospensiva) o l eliminazione degli 18

19 Distinzione tra contributi in conto capitale e contributo in conto impianti nella pratica La recente sentenza della cassazione (Cass., sentenza n. 781, del 14 gennaio 2011), ha sottolineato come la normativa contenuta nell art. 88 del tuir prevede una generalizzata tassazione per cassa dei contributi erogati alle imprese, <<relegando l'imputazione per competenza ad eccezione, con le ovvie conseguenze in tema probatorio, dovendosi ritenere che il criterio dell'imputazione per competenza debba essere provato da chi lo invoca>>. In sostanza, se l impresa tassa per competenza il contributo ricevuto, deve dimostrare che questo sia effettivamente un contributo in conto impianti, nell accezione fiscale. Cassazione, sentenza n. 781, del 14 gennaio 2011 <<Ora la sentenza, nel momento in cui alla qualificazione del contributo in conto capitale fa conseguire l'applicabilità del criterio d'imputazione per cassa, fa corretta applicazione dei superiori principi, nè il richiamo terminologico, ai contributi impianti evidenzia rilevante contraddizione motivazionale, in quanto non è tanto l'apodittico collegamento dei contributi agli impianti che renderebbe applicabile il diverso criterio d'imputazione invocato dalla ricorrente agenzia, bensì il collegamento funzionale con l'acquisto di beni ammortizzabili. Ora il quesito(ma anche il corpo dei motivi in cui la descrizione degli interventi finanziati, si parla di adeguamento a norme Europee di impianti obsoleti, non evidenzia la necessità di acquisto di beni ammortizzabili ma pone solo un contrasto terminologico tra contributo in conto capitale e il richiamo a quello in conto impianti) non pone in evidenza alcuna contraddizione, che vi sarebbe certamente stata, unitamente a violazione di legge, ove contributi ricollegati all'acquisto di beni ammortizzabili la CTR avesse fatto conseguire il criterio di cassa).>> OSSERVA La distinzione tra contributi in conto capitale e contributi in conto impianti può generare, caso per caso, problemi di corretta qualificazione della fattispecie. La differenziazione non è da poco. L impresa deve comunque seguire, nell ambito del bilancio le regole ivi previste, tenendo conto delle regole di contabilizzazione per effetti che il negozio ha già prodotto (condizione risolutiva) Cfr., A. Torrente, P. Schlesinger, Manuale di diritto privato, Undicesima edizione, Giuffrè, pag

20 competenza. Secondo la cassazione, nel caso di specie, la linea di demarcazione che separa l ambito dei contributi in conto capitale dall ambito dei contributi in conto impianti è rappresentato dal collegamento funzionale con l acquisto di beni ammortizzabili, sussistente nell ambito dei contributi in conto impianti. Del resto, secondo la normativa fiscale, la suddetta linea di demarcazione tra contributi in conto capitale e contributi in conto impianti appare rilevante, posto che i primi sono tassati per cassa, mentre i secondi sono tassati per competenza, secondo le regole previste per il bilancio. Nella fattispecie esaminata nell ambito della sentenza n. 781/2011, la cassazione ha chiarito che il finanziamento di un intervento volto all adeguamento a norme europee di impianti obsoleti non evidenzia la necessità di acquisto di beni ammortizzabili, quanto piuttosto un contrasto terminologico tra contributi in conto capitale e contributo in conto impianti. E pertanto corretto, nel caso di specie, l inquadramento del contributo nell ambito dei contributi in conto capitale e la tassazione per cassa dello stesso. Cassazione, sentenza n. 781/2001: sintesi Contributi in c/esercizio Aspetti civilistici I contributi in c/esercizio sono contributi erogati alle imprese per effetto di disposizioni di legge, ovvero per effetto di disposizioni contrattuali. Sono riportati nell aggregato A 5) del conto economico in quanto costituiscono integrazioni di ricavi della gestione caratteristica o di riduzione dei relativi costi ed oneri (8). Non possono essere ricompresi nella voce indicata i contributi di natura finanziaria, erogati per ridurre l onere degli interessi connessi con specifici finanziamenti ottenuti dall impresa, in quanto la loro corretta allocazione è nell ambito della voce C17 Oneri finanziari -. 8 Cfr., OIC n. 12, doc. int. N

21 Se il contributo in conto interessi viene rilevato in esercizi successivi a quelli di contabilizzazione degli interessi passivi connessi, occorre riportare il suddetto ammontare nella voce C16 Altri proventi finanziari -. Se il contributo in conto esercizio è correlato ad un evento straordinario (alluvione, terremoto, ), questo deve essere riportato nella voce E20 del conto economico, nell ambito dell area della gestione economica straordinaria. I contributi sono contabilizzati nel rispetto del principio generale della competenza economica, ai sensi dell art c.c.. I contributi in conto esercizio Casistica Una particolare categoria di contributi in conto esercizio è costituita dai contributi in conto canoni leasing. L agenzia delle entrate ha chiarito, con riferimento ai contributi in conto canoni leasing erogati alle imprese per effetto della L. n. 218/1978, che costituiscono contributi in conto esercizio i contributi erogati contestualmente per agevolare la quota capitale e la quota interesse dell operazione (R.M. n. 45/E, del 28 dicembre 1994). Ai fini delle imposte dirette, pertanto, l intero contributo si deve annoverare tra i ricavi, ai sensi dell art. 53, comma 1, lett. f) del tuir, ad oggi trasferito nell art. 85 del tuir. I contributi in conto corrente esercizio nella normativa fiscale I contributi in conto esercizio trovano la loro regolamentazione tributaria nell ambito dell art. 85, comma 1, lett. g), tuir. Art. 85, comma 1, lett. g) tuir 1. Sono considerati ricavi: g) i contributi in denaro, o il valore normale di quelli, in natura, spettanti sotto qualsiasi denominazione in base a contratto; h) i contributi spettanti esclusivamente in conto esercizio a norma di legge. 21

22 Cassazione, sentenza n. 781, del 14 gennaio 2011 <<I contributi in conto esercizio sono tassati come ricavi e si considerano di competenza dell'esercizio in cui è sorto con certezza il diritto a percepirli (notificazione del provvedimento concessivo, se recettizio, ovvero pubblicazione, se non recettizio, avveramento della condizione, se condizionati, ecc.).>> E possibile rilevare che la normativa fiscale prescinde dal soggetto che eroga il reddito. Se le somme erogate riguardano in maniera indistinta spese di natura diversa il contributo de quo non potrà mai essere inquadrato tra i contributi in conto esercizio, posto che, ai sensi dell art. 85 succitato, rientrano in tale ambito <<i contributi spettanti esclusivamente in conto esercizio a norma di legge.>> Si tratta di contributi destinati a fronteggiare esigenze di gestione. Sono tassati per competenza e non per cassa (cfr., R.M. n. 2/E/2010). Sulle some erogate a titolo di contributo in conto esercizio è dovuta la ritenuta d acconto, nella misura del 4 per cento, posto che il carattere discriminatorio, che separa l ambito dei contributi assoggettati alla ritenuta dagli altri, è rappresentato dalla specifica esclusione dei contributi per l acquisto di beni strumentali. Contributi erogati a fronte di spese di natura diversa Con riferimento alla natura ed al trattamento fiscale dei contributi percepiti dalle imprese, l amministrazione finanziaria ha chiarito come debbano essere inquadrati i suddetti nel caso in cui vengano erogati a fronte di spese di natura diversa, con riguardo alla Legge n. 448, del 19 dicembre R.M. n. 100/E, del 29 marzo 2002 << nelle ipotesi di contributi accordati in relazione a piani di investimento complessi che comprendono sia spese di acquisizione di beni strumentali ammortizzabili, sia spese di diversa natura (spese per consulenze, studi di fattibilità, indagini di mercato, ecc.) sempreché non siano inquadrabili tra i contributi in conto esercizio, si ritiene che, se il contributo non è determinato come percentuale delle spese ammesse al beneficio o in base ad altri criteri obiettivi che ne consentano la ripartizione tra l una e l altra categoria di spesa, l intero importo del contributo stesso va assoggettato alla disciplina della lett. b) del comma 3 dell art. 55 del TUIR (n.d.a.: ora art. 88, tuir)>>. 22

23 In sostanza, per qualificare correttamente la natura del contributo erogato occorre operare come segue: 1. valutare la relazione tra le singole voci del contributo erogato e le singole voci di spesa agevolate; 2. in mancanza, calcolare la percentuale di contributo riferibile alle spese o in via ulteriore, individuare altri criteri obiettivi di ripartizione; 3. in mancanza di separazione, si deve procedere con l assoggettamento dell intero contributo alla disciplina prevista dall art. 88, comma 3, lett. b) tassazione per cassa o opzione per la rateazione da due a cinque rate -. La succitata risoluzione rimarca che i suddetti criteri non vanno applicati per i contributi in conto esercizio, in quanto questi rientrano nell ambito dei ricavi, ai sensi dell art. 85 del tuir, se si tratta di <<contributi spettanti esclusivamente in conto esercizio>>. I contributi e l Irap Ai fini dell Irap occorre distinguere i soggetti tassati in base al bilancio (soggetti Ires) dai soggetti tassati in base alle regole del tuir. Tassazione Irap dei contributi sui soggetti Ires Art. 5, commi 1 e 5, D.lgs. 446/1997 <<1. Per i soggetti di cui all'articolo 3, comma 1, lettera a), non esercenti le attivita' di cui agli articoli 6 e 7, la base imponibile e' determinata dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell'articolo 2425 del codice civile, con esclusione delle voci di cui ai numeri 9), 10), lettere c) e d), 12) e 13), cosi' come risultanti dal conto economico dell'esercizio. 5. Indipendentemente dalla effettiva collocazione nel conto economico, i componenti positivi e negativi del valore della produzione sono accertati secondo i criteri di corretta qualificazione, imputazione temporale e classificazione previsti dai principi contabili adottati dall'impresa.>> La base imponibile Irap dei soggetti Ires è determinata, in linea generale, secondo il principio della derivazione, per effetto del quale le quote contenute nell aggregato A B del conto economico sono tassate in base alla loro collocazione in bilancio o, comunque, in base alla loro corretta collocazione in bilancio. In prosieguo, il comma 3 individua talune voci del suddetto aggregato del conto economico che sono comunque irrilevanti ai fini della base imponibile irap. Il successivo comma 4 introduce il principio della correlazione. 23

24 Art. 5, comma 4, D.lgs. 446/1997 <<4. I componenti positivi e negativi classificabili in voci del conto economico diverse da quelle indicate al comma 1 concorrono alla formazione della base imponibile se correlati a componenti rilevanti della base imponibile di periodi d'imposta precedenti o successivi.>> Pertanto, il principio della derivazione deve essere letto contestualmente con il criterio della correlazione, per effetto del quale un componente del reddito deve essere comunque tassato, se correlato con elementi rilevanti della base imponibile irap, in esercizi precedenti o successivi. Art. 5, comma 4, D.lgs. 446/1997 <<I contributi erogati in base a norma di legge, fatta eccezione per quelli correlati a costi indeducibili, concorrono in ogni caso alla formazione del valore della produzione.>> Con specifico riguardo ai contributi, per effetto dell art. 5, comma 3, D.lgs. 446/1997, i contributi erogati in base alle norme di legge, non correlati a costi indeducibili, concorrono in ogni caso a formare la base imponibile irap (C.M. n. 60/E, del 20 ottobre 2008). L intassabilità dei suddetti proventi può ancora derivare dalla diversa previsione contenuta in disposizioni di legge, specifiche o generali. Tassazione dei contributi erogati in base a norma di legge ai fin dell Irap Una particolare ipotesi di correlazione con costi indeducibili riguarda la correlazione, appunto, tra i contributi ed i costi del personale dipendente. 24

25 Correlazione tra contributo e costi del personale L amministrazione finanziaria ha tracciato una linea orientativa ben definita, per effetto della quale rientrano nella base imponibile irap i proventi correlati con le spese per il personale ammesse in deduzione. Così, rientrano nella base imponibile irap, i contributi erogati a fronte di costi del personale deducibili per effetto di norme agevolative (C.M. n. 36/E, del 16 luglio 2009). C.M. n. 36/E, del 16 luglio 2009 <<In relazione alle deduzioni dalla base imponibile Irap di cui al comma 4- quater dell articolo 11 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, è stato precisato che eventuali contributi percepiti dal datore di lavoro in relazione ai nuovi dipendenti assunti concorrono alla formazione della base imponibile Irap, in quanto costituiscono componenti correlati a costi ammessi in deduzione nella determinazione del valore della produzione (cfr. circolare del 12 luglio 2006, n. 26/E). Considerato che la deduzione in esame spetta nei limiti di quanto stabilito nello stesso comma 4-quater, si ritiene che i contributi correlati all assunzione di nuovi dipendenti assumono rilevanza ai fini Irap nei limiti dell ammontare del costo del personale ammesso in deduzione, ai sensi del citato comma 4-quater.>> I contributi in conto interessi I contributi in conto interessi sono erogati allo scopo di ridurre gli oneri finanziari relativi alle imprese. Gli oneri finanziari sono costi irrilevanti ai fini dell Irap.Ne consegue che anche i contributi in conto interessi non rientrano nella base imponibile irap. I contributi misti La dottrina ha individuato l ulteriore categoria dei contributi misti, concessi allo scopo di potenziare l apparato produttivo. Questi rientrano nell ambito dei contributi in conto capitale, per effetto dell assenza della specifica correlazione con l acquisto di beni ammortizzabili (cassazione, sentenza n. 781, del 14 gennaio 2011). L amministrazione finanziaria ha chiarito che, nel caso in cui il contributo risulti correlato ad una pluralità di spese e di costi occorre che la correlazione con costi indeducibili sia ben delineata, allo scopo di escludere il provento dal prelievo regionale. Infatti, non è sufficiente ad escludere la tassazione, nel caso di specie, la mera parametrizzazione a determinati elementi negativi, ancorchè deducibili ai fini dell Irap. C.M. n. 148/E, del 26 luglio 2000 <<Occorre pertanto accertare se nel caso prospettato la legge istitutiva del contributo stabilisca un rapporto nessiologico tra contributo e componente 25

26 negativo non deducibile, che costituisce l esclusione dei contributi dalla base imponibile Irap >> il necessario presupposto per Cassazione, sentenze nn. 4838/2007 e 27950/2008 "In tema di Irap, come ha chiarito in via definitiva il legislatore con la norma interpretativa di cui alla L. n. 289 del 2002, art. 5, comma 3, debbono essere inclusi nel calcolo per la determinazione della base imponibile, ai sensi del D.Lgs. n. 446 del 1997, art. 11, comma 3, (nel testo risultante dalle modifiche introdotte dal D.Lgs. n. 506 del 1999, art. 1, comma 1, lett. h), tutti i contributi erogati a norma di legge, ivi compresi quelli versati - prima dal Fondo nazionale trasporti, poi dalle regioni - alle imprese esercenti il trasporto pubblico locale al fine di ripianare i disavanzi di esercizio, che il D.L. n. 833 del 1986, art. 3, comma 1, (conv. con modificazioni dalla L. n. 18 del 1987) esclude dalla base imponibile ai fini delle imposte sui redditi, salvo che non si tratti di contributi per i quali l'esclusione dalla base imponibile Irap sia prevista dalle relative leggi istitutive ovvero da altre disposizioni di carattere speciale o rispetto ai quali la L.R. istitutiva preveda espressamente la specifica correlazione a determinati componenti negativi non ammessi in deduzione ai fini Irap." Soggetti Irpef Art. 5 bis, comma 1, D.lgs. 446/1997 <<Per i soggetti di cui all'articolo 3, comma 1, lettera b), la base imponibile e' determinata dalla differenza tra l'ammontare dei ricavi di cui all'articolo 85, comma 1, lettere a), b), f) e g), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e delle variazioni delle rimanenze finali di cui agli articoli 92 e 93 del medesimo testo unico, e l'ammontare dei costi delle materie prime, sussidiarie e di consumo, delle merci, dei servizi, dell'ammortamento e dei canoni di locazione anche finanziaria dei beni strumentali materiali e immateriali. Non sono deducibili: le spese per il personale dipendente e assimilato; i costi, i compensi e gli utili indicati nel comma 1, lettera b), numeri da 2) a 5), dell'articolo 11 del presente decreto; la quota interessi dei canoni di locazione finanziaria, desunta dal contratto; le perdite su crediti; l'imposta comunale sugli immobili di cui al decreto legislativo 30 dicembre 1992, n I contributi erogati in base a norma di legge concorrono comunque alla formazione del valore della produzione, fatta eccezione per quelli correlati a costi indeducibili. I componenti rilevanti si assumono secondo le regole di qualificazione, imputazione temporale e classificazione valevoli per la determinazione del reddito d'impresa ai fini dell'imposta personale.>> 26

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche.

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Roma, 22 gennaio 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Quesito Nell ambito dei Piani di Sviluppo

Dettagli

Contributi regionali per la certificazione di qualità

Contributi regionali per la certificazione di qualità Agevolazioni & Incentivi Contributi regionali per la certificazione di qualità I contributi regionali (o in c/capitale) per la certificazione di qualità sono compatibili con gli incentivi fiscali per la

Dettagli

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 ottobre 2008 OGGETTO: Le nuove modalità di determinazione della base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive per

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Disciplina fiscale e relativi effetti contabili Ambito temporale di applicazione della nuova disciplina Art. 1, comma 163, della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Roma, 22 ottobre 2001

Roma, 22 ottobre 2001 RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 22 ottobre 2001 OGGETTO: Istanza di interpello n..2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dal Signor in ordine all assoggettabilità all imposta

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Premessa Il D.Lgs. n.446/97 distingue i criteri di determinazione della base

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni

Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni Nell ambito della disciplina

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Giugno 2013 I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Gabriella Antonaci, Studio Legale e Tributario

Dettagli

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti).

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti). Ai Gentili Clienti Gli omaggi natalizi Considerato l avvicinarsi delle festività natalizie, in occasione delle quali costituisce una prassi diffusa tra gli operatori economici effettuare omaggi a clienti

Dettagli

Avv. Leonardo Leo Studio Legale Tributario Leo Lecce, 11 gennaio 2011

Avv. Leonardo Leo Studio Legale Tributario Leo Lecce, 11 gennaio 2011 11 gennaio 2011 Lecce Hotel HILTON Avv. Leonardo Leo Studio Legale Tributario Leo Lecce, 11 gennaio 2011 1 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO REGOLA DE MINIMIS TRACCIABILITA FLUSSI FINANZIARI OBBLIGHI CONTABILI

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

Presupposto soggettivo/oggettivo

Presupposto soggettivo/oggettivo IRAP Principi generali Irap: acronimo di Imposta regionale sulle attività produttive. È un'imposta reale che colpisce la ricchezza in quanto tale, senza tener conto delle condizioni personali del contribuente

Dettagli

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA 1 ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Le modifiche della Finanziaria 2008 Il regime IRES per l impresa utilizzatrice

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico INTERESSI PASSIVI Gli interessi passivi di qualsiasi natura vanno imputati al conto economico per competenza. Si considerano assimilati agli interessi passivi: - le commissioni passive su finanziamenti

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 15 La contabilizzazione dei contributi

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 15 La contabilizzazione dei contributi DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 15 La contabilizzazione dei contributi Aprile 2003 LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI Documento Aristeia n. 15 LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI SOMMARIO: 1. Introduzione

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Esercizio di attività commerciali (art. 2195 c.c.): - attività industriale diretta alla

Dettagli

La disciplina tributaria del Conto Energia

La disciplina tributaria del Conto Energia IMPIANTI FOTOVOLTAICI E C.M. N. 46/2007 La disciplina tributaria del Conto Energia di Fabio Noferi Produzione e Logistica >> Normativa ambientale Sommario Introduzione...3 Trattamento fiscale dei contributi

Dettagli

COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO N. 191 TRATTAMENTO AI FINI FISCALI DEL CONTRATTO RENT TO BUY DI IMMOBILI Massima

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Circolare N. 26 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 5 aprile 2011 LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Nelle aziende, specie in quelle industriali, rivestono una notevole importanza i costi di

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 42 20.11.2013 Cessione d azienda Ripartizione dei valori, profili di competenza e modalità di tassazione Categoria: Bilancio e Contabilità Sottocategoria:

Dettagli

Studio Legale Tributario Leo

Studio Legale Tributario Leo Avv. Leonardo Leo Studio Legale Tributario Leo Intervento tenuto al convegno La Prevenzione conviene: dall INAIL 60 milioni di incentivi alle imprese. Lecce, 11 gennaio 2011, Hotel Hilton Garden Inn ARTICOLAZIONE

Dettagli

Opzione Irap entro il 3 marzo

Opzione Irap entro il 3 marzo Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 07 24.02.2014 Opzione Irap entro il 3 marzo A cura di Devis Nucibella Categoria: Irap Sottocategoria: Base imponibile Entro il prossimo

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Studio+com segue pagina 1 Ai signori Clienti Loro sedi Circolare n. 35/2014 IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Con l avvicinarsi delle festività natalizie si ripresenta la necessità di gestire l effettuazione

Dettagli

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 PREVALENZA DELLA SOSTANZA SULLA FORMA Compravendita con obbligo di retrocessione Il lavoro interinale Operazioni di retrolocazione (Lease Back) 1 FISCALITA DIFFERITA

Dettagli

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER INFORMATIVA N. 134 06 MAGGIO 2015 BILANCIO LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER Art. 18, DL n. 91/2014 Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E Principi contabili OIC 16 e 25 Informativa

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi La disciplina dei ratei e risconti è ampliata prevedendo ulteriori disposizioni sulle condizioni per la loro rilevazione in bilancio. La disciplina

Dettagli

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI Acquisto Il contratto di leasing è uno degli strumenti che viene comunemente utilizzato dalle imprese per procedere all acquisto di beni strumentali. Sono previste due possibili

Dettagli

TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE. (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...)

TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE. (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...) TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...) Andreetta Giandomenico Dottore Commercialista SOMMARIO REGOLA GENERALE... 2

Dettagli

Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011

Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Francesco Facchini * Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011 Il D.L. n.98/11, convertito dalla L. n.111/11, ha apportato

Dettagli

Oggetto: IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI NATALIZI

Oggetto: IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI NATALIZI Legnano, 17 Dicembre 2014 Alle imprese assistite Oggetto: IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI NATALIZI Come noto, il trattamento / II.DD. / IRAP applicabile agli omaggi è differenziato a seconda che: i

Dettagli

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate Chi deve presentare la dichiarazione La soggettività passiva all IRAP non è circoscritta unicamente ai soggetti che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo ma anche agli enti non commerciali

Dettagli

Area Contabilità EFFETTI CONTABILI DELLA DETRAIBILITA DELL IVA 1

Area Contabilità EFFETTI CONTABILI DELLA DETRAIBILITA DELL IVA 1 In questo intervento si intendono esaminare le conseguenze di natura contabile, civilistica e fiscale che si generano per effetto dell indetraibilità (sia essa totale o parziale) dell Iva assolta sugli

Dettagli

2. IMMOBILI MERCE, IMMOBILI STRUMENTALI E IMMOBILI PATRIMONIO

2. IMMOBILI MERCE, IMMOBILI STRUMENTALI E IMMOBILI PATRIMONIO 2. IMMOBILI MERCE, IMMOBILI STRUMENTALI E IMMOBILI PATRIMONIO 2.4.3 Gli aspetti fiscali degli immobili patrimonio In ordine alla determinazione del reddito imponibile, ai sensi dell art. 90, comma 1 del

Dettagli

L INDENNITA PER CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA tra passato, presente e futuro. SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti

L INDENNITA PER CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA tra passato, presente e futuro. SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti L INDENNITA PER CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI AGENZIA tra passato, presente e futuro SIRRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Profili civilistici Art. 1751 C.C. comma 1 Testo in vigore fino

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

Nota integrativa al 31 dicembre 2014

Nota integrativa al 31 dicembre 2014 Nota integrativa al 31 dicembre 2014 Premessa Sig.ri Associati, nell che si è appena concluso la Vostra Associazione ha mantenuto la qualifica di ONLUS ricorrendone tutti i requisiti di legge. Nel corso

Dettagli

I RICAVI, I COMPENSI E I REDDITI A BASE DELLA DETERMINAZIONE DEL CONCORDATO PREVENTIVO

I RICAVI, I COMPENSI E I REDDITI A BASE DELLA DETERMINAZIONE DEL CONCORDATO PREVENTIVO I RICAVI, I COMPENSI E I REDDITI A BASE DELLA DETERMINAZIONE DEL CONCORDATO PREVENTIVO Il valore dei ricavi, dei compensi e del reddito dichiarato nel 2001 (più precisamente nel periodo d imposta in corso

Dettagli

ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3

ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3 ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3 OGGETTO: Le imposte sul reddito nel bilancio di esercizio e le connesse scritture contabili - Introduzione La presente nota operativa ha lo scopo di evidenziare la normativa

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: ATM Spa Capitale sociale: 696.800,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: Via Leonardo da Vinci 13 PIOMBINO LI sì

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 05 DEL 02/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: MAXI-AMMORTAMENTI PER I BENI STRUMENTALI NUOVI ACQUISTATI NEL PERIODO 15.10.2015-31.12.2016 PAG. 2 IN SINTESI:

Dettagli

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI Circolare N. 32 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 aprile 2011 LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI I ratei costituiscono quote di ricavi o costi di competenza dell esercizio ma la cui manifestazione

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.400,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: C.E.A.M. CULTURA E ATTIVITA' MISSIONARIA SRL VIA

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. OGGETTO: Legge 18 ottobre 2001, n. 383, recante Primi interventi per il rilancio dell economia. Risposta ai quesiti.

CIRCOLARE N. 41/E. OGGETTO: Legge 18 ottobre 2001, n. 383, recante Primi interventi per il rilancio dell economia. Risposta ai quesiti. CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 maggio 2002 OGGETTO: Legge 18 ottobre 2001, n. 383, recante Primi interventi per il rilancio dell economia. Risposta ai quesiti. Ad

Dettagli

Rivalutazione beni d impresa

Rivalutazione beni d impresa Legge di stabilità 2014 art. 1, commi 140-146 2 PUÒ ESSERE ANCHE SOLO CIVILISTICA? Ossia il maggior valore può essere iscritto in bilancio senza assolvere l imposta sostitutiva, e quindi senza rilevare

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 092 05 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. OGGETTO: Determinazione della base imponibile IRAP - Ulteriori chiarimenti.

CIRCOLARE N. 26/E. OGGETTO: Determinazione della base imponibile IRAP - Ulteriori chiarimenti. CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 giugno 2012 OGGETTO: Determinazione della base imponibile IRAP - Ulteriori chiarimenti. 2 INDICE Premessa...3 1. Trattamento della svalutazione delle

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

FONDAZIONE CRESCI@MO

FONDAZIONE CRESCI@MO FONDAZIONE CRESCI@MO Sede in 41123 MODENA (MO) VIA CRISTOFORO GALAVERNA 8 Codice Fiscale 03466300369 - Numero Rea MO 390164 P.I.: 03466300369 Capitale Sociale Euro 50.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

RATEI ATTIVI E PASSIVI

RATEI ATTIVI E PASSIVI RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno

Dettagli

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 6 maggio 2009, n.22/e Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d'impresa -

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano 1. Premessa La legge delega 7 aprile 2003, n. 80, ha modificato radicalmente l ordinamento

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO

ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO ASSOCIAZIONE ONLUS COMITATO ADDIO PIZZO Sede: via Lincoln n. 131 Palermo (PA) Codice Fiscale: 972585825 PEC: addiopizzo@pec.it BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31/12/213 STATO PATRIMONIALE ATTIVO 31/12/213 31/12/212

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale Relatore: Ing. Federico Pendin 1 Premessa L incarico affidatomi dal direttivo del consorzio scuole lavoro

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Azienda Territoriale Energia e Servizi A.T.E.S. SRL Via Padre Benigno Calvi n.3, Trezzo sull Adda (MI) Capitale sociale 73.450 i.v. Registro delle imprese di Milano n.05064840969 REA 1793521 Nota integrativa

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. soggetti passivi = società di capitali S.p.a., S.a.p.a., S.r.l.,

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

La dichiarazione IRAP per i professionisti, le imprese individuali, le società di persone e le società di capitali. Prof. Gianfranco Ferranti

La dichiarazione IRAP per i professionisti, le imprese individuali, le società di persone e le società di capitali. Prof. Gianfranco Ferranti La dichiarazione IRAP per i professionisti, le imprese individuali, le società di persone e le società di capitali Prof. Gianfranco Ferranti Eutekne Tutti i diritti riservati Base imponibile di società

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

LA SVALUTAZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ED IMMATERIALI

LA SVALUTAZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ED IMMATERIALI MAP LA SVALUTAZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ED IMMATERIALI La valutazione delle immobilizzazioni deve essere effettuata tenendo conto della residua possibilità di utilizzazione. Qualora sussistano

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

Il Leasing Finanziario.

Il Leasing Finanziario. Leasing Finanziario e Leasing Operativo: elementi distintivi e principali differenze. di Pietro Bottani e Massimiliano Meoni Dottori Commercialisti in Prato Premessa. La formula del finanziamento in leasing,

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini OIC 19: Debiti Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento con gli altri principi

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 43 27.11.2013 Svalutazioni immobilizzazioni e deducibilità interessi passivi Deducibilità degli interessi passivi ridotta Categoria: Bilancio e contabilità

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA CREDITO VS CLIENTE INGLESE @ MERCI C/TO VENDITA 161,29 161,29 MATERIE PRIME C/ACQUISTO @ DEBITI VS FORNITORE USA 212,77 212,77 Università

Dettagli

Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi

Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi Focus di pratica professionale di Fabio Garrini Il nuovo quadro LM per i contribuenti minimi Nuova denominazione, ma poche novità sostanziali: questo potrebbe essere in estrema sintesi il commento riassuntivo

Dettagli

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti CIRCOLARE N. 50/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 novembre 2011 OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti La presente circolare intende fornire alcuni chiarimenti in ordine

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE. Dott. Pasquale SAGGESE

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE. Dott. Pasquale SAGGESE LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE Dott. Pasquale SAGGESE Diretta 19 gennaio 2009 FONTI NORMATIVE ART. 15, COMMI DA 16 A 23, DL 29.11.2008, N. 185 SI APPLICANO, IN QUANTO COMPATIBILI, LE

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 38 26.06.2014 L imponibile IRES per le associazioni e società sportive dilettantistiche. Il regime fiscale agevolativo della Legge 398/1991e

Dettagli