Istituto Istruzione Superiore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Istruzione Superiore"

Transcript

1 Istituto Istruzione Superiore Giancarlo Vallauri - Fossano Documento del Consiglio di Classe 5^ A Meccanica anno scolastico Compilazione a cura del coordinatore di classe prof. Gianpaolo COSTAMAGNA

2 I DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE prof.ssa BLANGINO Vilma prof. BRIATORE Antonio prof.ssa BECCHIO VILLOIS Laura prof. CANAVERO Andrea prof. COSTAMAGNA Gianpaolo prof. DI GANGI Danilo prof.ssa GAZZERA Donatella prof. MANESCOTTO Guido prof. MAZZOTTA Gerardo prof. MELOGNO Sergio prof. PITISCI Giuseppe prof. TOMATIS Claudio prof.ssa TOMATIS Stefania Lingua e lettere Italiane - Storia Meccanica applicata e macchine a fluido Matematica ITP Laboratorio Tecnologia Meccanica Tecnologia meccanica Educazione fisica Lingua straniera - Inglese Sistemi ed automazione industriale ITP- Disegno,Prog.eOrg.Ind-DPO Religione Disegno, progettazione ed organizzazione industriale ITP - Laboratorio di Sistemi ed automazione industriale Economia industriale ed elementi di diritto I RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI ABRATE Mattia BERSIA Marco I RAPPRESENTANTI DEI GENITORI Sig.ra: SURRA Caterina in BLUA Sig.ra: PATRITI Maria Grazia in PIUMATTI 2

3 GLI STUDENTI DELLA CLASSE 1 ABRATE MATTIA 2 ALLARIO DANIELE 3 BERSIA MARCO 4 BLUA VALERIO 5 BOSCO ANDREA 6 COMETTO DAVIDE 7 CROSETTO ANDREA 8 DOGLIANI GIORGIA 9 EIRALE ANDREA 10 FORTE ANDREA 11 GASPARIN PAOLO 12 GASTALDI MAYCOL 13 MINA PAOLO 14 MONDINO ANDREA 15 PIUMATTI SIMONE 16 PORRO CRISTIAN 17 PRATO ANDREA 18 RAVINA EDOARDO 19 SAVIGLIANO LUCA 20 VIGLIERCHIO UMBERTO 3

4 SOMMARIO DESCRIZIONE DELLA CLASSE 1. PROFILO DELL INDIRIZZO 2. PROFILO DELLA CLASSE 3. STORIA DELLA CLASSE 3.1. insegnanti 3.2. studenti 3.3. risultati dello scrutinio finale della classe terza 3.4. risultati dello scrutinio finale della classe quarta DESCRIZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO 1. ATTIVITA DIDATTICHE PROGRAMMATE E REALIZZATE nell a.s partecipazione ad attività culturali 1.2. visite e viaggi di istruzione 1.3. area di progetto 1.4. stage estivi a.s e a.s tempi del percorso formativo 1.6. iniziative complementari/integrative (D.P.R. 567/96 e Direttiva 133/96) 2. VALUTAZIONE 2.1. criteri adottati 2.2. quadro riassuntivo delle verifiche sommative svolte durante l anno per tipologia 2.3. quadro riassuntivo delle prove scritte effettuate secondo le tipologie previste per la terza prova d esame 3. SCHEDA DELLA MATERIA 3.1. lingua e lettere italiane 3.2. storia 3.3. inglese 3.4. economia industriale ed elementi di diritto 3.5. matematica 3.6. meccanica applicata e macchine a fluido 3.7. tecnologia meccanica 4

5 3.8. disegno, progettazione ed organizzazione industriale 3.9. sistemi ed automazione industriale educazione fisica religione 4. CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO 5. MODALITA SVOLGIMENTO SIMULAZIONI PROVE SCRITTE 6. SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO 7. ELENCO DOCUMENTI ALLEGATI 5

6 1. PROFILO DELL INDIRIZZO Le caratteristiche specifiche del corso di Meccanica sono: - Progettazione e disegno automatizzato al CAD 2D/3D di organi meccanici - Processi di lavorazione con macchine utensili tradizionali e a controllo numerico - Organizzazione e gestione della produzione industriale, analisi e valutazione dei costi - Prove sui materiali - Controllo di qualità e collaudo dei materiali, dei semilavorati e dei prodotti finiti - Controllo e messa a punto di impianti e macchinari - Criteri di scelta delle principali macchine con particolare riguardo a motori e pompe - Automazione a fluido a logica cablata e programmabile - Robotica. Il perito meccanico ha un futuro: - in aziende, enti pubblici e privati, studi tecnici, servizi commerciali ed assistenza clienti; - in attività libero professionali a seguito di tirocinio ed esame di abilitazione; - nell'insegnamento come docente tecnico pratico; - negli studi universitari (laurea triennale o magistrale) in qualsiasi indirizzo, con forte predisposizione per le facoltà tecniche o corsi di specializzazione post-diploma. 6

7 7

8 2. PROFILO DELLA CLASSE La classe V Mec. A risulta attualmente composta da 20 allievi in quanto uno, inseritosi solo in questo anno scolastico e proveniente dalla ex V C, si è ritirato nel secondo quadrimestre. Gli studenti appartengono tutti al nucleo originario che, però, nel corso del triennio è stato ridimensionato. Dei 27 studenti componenti la III Mec. A, infatti, tre sono stati respinti alla fine dello stesso anno e tre si sono ritirati. In IV sono stati inseriti due nuovi elementi, ma, a fine anno, tre studenti sono stati fermati allo scrutinio finale. Fin dal terzo anno di corso la classe si è dimostrata poco disponibile al dialogo didattico, non è riuscita a creare un gruppo classe affiatato e unito, anzi ha evidenziato al suo interno elementi difficili da gestire, non trascinatori, ma certo di disturbo. Non sempre, quindi, è stato possibile svolgere con regolarità ed efficienza le lezioni soprattutto in alcune discipline che maggiormente richiedevano autocontrollo e serietà. Confermano questa difficile situazione le numerose note disciplinari assegnate nel corso del triennio all intera classe o a singoli individui. Solo a partire dalla metà del corrente anno scolastico gli studenti hanno assunto un atteggiamento più maturo e responsabile, più partecipe all attività didattica. Il corpo docente del triennio non è sostanzialmente mutato fatti salvi i casi di Matematica, che ha visto ruotare tre insegnanti diversi, di Economia e di Inglese con due diversi insegnanti. Alla scarsa propensione allo studio si associa una limitata partecipazione degli studenti alle attività proposte dalla scuola. Solo alcuni studenti si sono dimostrati disponibili nelle giornate di orientamento e nell adesione agli stage estivi. Maggior interesse è emerso per quanto riguarda l'orientamento formativo universitario, la partecipazione ai corsi propedeutici alle certificazioni europee quali PET - ECDL CAD 2D 3D CETOP, a convegni di carattere internazionale come RomeCup 2014 e, infine, al concorso indetto dall Istituto Storico della Regione Piemonte con la realizzazione di un sito classificatosi vincitore. Il profitto medio della classe risulta, nel complesso, sufficiente. La classe si presenta all'esame con alcuni elementi che hanno raggiunto una buona o, per lo meno, adeguata conoscenza delle tematiche affrontate poiché non si sono limitati a finalizzare lo studio alla valutazione. Altri si sono accontentati semplicemente di ottenere un profitto sufficiente senza manifestare particolare interesse per gli argomenti proposti. Un esigua minoranza evidenzia una preparazione più fragile con capacità di assimilazione dei contenuti poco soddisfacente. Le maggiori difficoltà sono emerse, soprattutto, in ambito matematico e meccanico a causa di una demotivazione di fondo e di una ridotta rielaborazione domestica. Le lezioni si sono svolte con regolarità e lo svolgimento dei programmi ha rispettato le scadenze previste. Nella classe è presente un allievo, con certificazione di disturbi specifici di apprendimento ( DSA ) la cui documentazione viene riportata in allegato. 8

9 3. STORIA DELLA CLASSE 5 A MEC 3.1 INSEGNANTI INSEGNANTI MATERIA 3^ 4^ 5^ Lingua e Lettere Italiane Blangino Vilma Blangino Vilma Blangino Vilma Storia Blangino Vilma Blangino Vilma Blangino Vilma Lingua straniera Inglese Dogliani Franca Gazzera Donatella Gazzera Donatella Economia Industriale ed Vigliero Gabriella Tomatis Stefania elementi di diritto Matematica Ferrero Anna Maria Zangara Maria Teresa Becchio Villois Laura Meccanica Applicata e Macchine a fluido Briatore Antonio Ciravegna Osvaldo Briatore Antonio Briatore Antonio Tecnologia Meccanica ed esercitazioni Costamagna Gianpaolo Mazzotta Gerardo Costamagna Gianpaolo Tonello Cristina Costamagna Gianpaolo Canavero Andrea Disegno, Progettazione ed Organizzazione Industriale Pitisci Giuseppe Mazzotta Gerardo Pitisci Giuseppe Canavero Andrea Pitisci Giuseppe Mazzotta Gerardo Sistemi ed Automazione Industriale Manescotto Guido Tomatis Claudio Manescotto Guido Tomatis Claudio Manescotto Guido Tomatis Claudio Educazione Fisica Di Gangi Danilo Di Gangi Danilo Di Gangi Danilo Religione Melogno Sergio Melogno Sergio Melogno Sergio 3.2. STUDENTI INIZIO ANNO FINE ANNO STUDENTI da classe precedente Ripetenti Altra provenienza TOTALE Promossi Non Promossi Ritirati Trasferiti 3^ ^ ^ XXXXXXX XXXXXXX 1 Nota: riportare per ogni anno il numero di studenti. 9

10 3.3 RISULTATI DELLO SCRUTINIO FINALE DELLA CLASSE III (esclusi non promossi e ritirati) MATERIA n studenti con voto fra 8 e Lingua e Lettere Italiane Storia Lingua Straniera-Inglese Matematica Meccanica Applicata Tecnologia Meccanica Disegno, Progettazione Sistemi ed Automazione Educazione Fisica Religione RISULTATO DELLO SCRUTINIO FINALE DELLA CLASSE IV (esclusi non promossi e ritirati) n studenti con voto fra 8 e MATERIA Lingua e Lettere Italiane Storia Lingua Straniera-Inglese Economia Industriale Matematica Meccanica Applicata Tecnologia Meccanica Disegno, Progettazione Sistemi ed Automazione Educazione Fisica Religione

11 11

12 1. ATTIVITA DIDATTICHE PROGRAMMATE E REALIZZATE CON LA CLASSE nell a.s. 2013/ PARTECIPAZIONE AD ATTIVITA CULTURALI ATTIVITA CULTURALI JOB ORIENTA 2013 Fiera di VERONA allestimento stand robot Vallauri Teatro: Spettacolo Ultima ora Assemblea d istituto: Incontro con ASL CN1: Progetto: Porgi una mano qualcuno ha bisogno di te. Promuovere il valore della donazione del sangue, del midollo osseo e degli organi Assemblea: Prostituzione: Diritto e società Commemorazione della Giornata della memoria : Proiezione del film: Hannah Arendt Giornata bianca ad Artesina Assemblea d istituto: Incontro progetto PASS dal titolo : Giovani oggi, padri domani Partecipazione all area espositiva della manifestazione internazione di robotica RomeCup Assemblea d isituto: Incontro con il giornalista astigiano Domenico Quirico Viaggio premio a Trieste per il concorso storico. ATTIVITA DI ORIENTAMENTO (Solo gli interessati) Lezione introduttiva Test d ingresso al politecnico di Torino Attività di orientamento universitario. 04 e Incontri preparatori per il test d ingresso al politecnico di Torino Forum itinerante di orientamento universitario. in più date Lezioni di orientamento (Matematica e Fisica) formativo universitario del Politecnico di Torino. 1.2 VISITE E VIAGGI DI ISTRUZIONE 24/ Viaggio a Parigi e luoghi dello sbarco. 12

13 1.3 AREE DI PROGETTO n Titolo Adp (come da quadro ufficiale) Descrizione Docente referente Alunni Progettazione ed 1 SWEET AUTOMATION KUKA implementazione di funzioni operative avanzate del robot Kuka KR3 in Sweet MANESCOTTO TOMATIS MONDINO COMETTO Automation II 2 IN MEMORIA DEGLI ALTRI Sito internet storico sulle vittime civili della seconda guerra mondiale. BLANGINO CROSETTO PIUMATTI RAVINA 3 HOT AUTOMATION Progettazione e realizzazione hardware e software di un sistema automatico di tostatura delle nocciole con controllo tramite PLC MANESCOTTO TOMATIS EIRALE ALLARIO PORRO 4 MOTORE BIODIESEL Prove tecniche e prestazionali di un motore alimentato con combustibile biodiesel. COSTAMAGNA VIGLIERCHIO SAVIGLIANO 5 ROBOT COMAU Programmazione robot Comau. TOMATIS FORTE 6 ROTISMO EPICICLOIDALE Analisi, studio e realizzazione di prototipo per laboratorio. BRIATORE ABRATE MINA 7 EVO Veicolo elettrico a due ruote. MAZZOTTA BLUA BOSCO GASPARIN GASTALDI 8 VEAGLE Analisi, studio e realizzazione di un prototipo di ornitottero (drone volante). BRIATORE DOGLIANI 9 FIRE Progettazione di uno scooter elettrico. PITISCI PRATO BERSIA *Ogni area di progetto viene descritta in dettaglio nelle schede AdP in allegato. 13

14 1.4 STAGES ESTIVI Classe 3A MECC a.s ALUNNO SEDE INDIRIZZO STAGE ATTIVITÀ SVOLTA SAVIGLIANO LUCA ABRIGO SPA DIANO D'ALBA Affiancamento operatore addetto assistenza montaggio particolari su macchine e linee in produzione. EIRALE ANDREA ALLARIO DANIELE ABRIGO SPA DIANO D'ALBA Affiancamento operatore addetto assistenza montaggio particolari su macchine e linee in produzione BATTAGLINO DIANO D'ALBA Affiancamento operatore nelle mansioni di RETTIFICHE supporto in officina e in sala collaudo. S.R.L. BLUA VALERIO C.A.M. S.R.L. CARMAGNOLA Affiancamento operatori nella costruzione di attrezzature e particolari meccanici in genere. PRATO ANDREA DENTIS SRL FOSSANO Affiancamento nella manutenzione meccanica in genere, nell'utilizzo di strumenti di misura, nella riparazione di particolari meccanici e nella saldatura ad elettrodo e a filo. FORTE FERRAIOLI BRA Affiancamento del titolare nella manutenzione e ANDREA NICOLA riparazione di motocicli. PORRO CRISTIAN G.F. snc PIOBESI Affiancamento operatore su macchine utensili CNC e tradizionali, nella misurazione, nella lettura ed interpretazione del disegno tecnico meccanico, nella gestione del CAM tridimensionale. DOGLIANI GIORGIA M.T.M. SRL CHERASCO Acquisizione di problematiche legate alla programmazione della produzione in linea, della gestione dei fornitori, del controllo qualità. BERSIA MARCO GASTALDI MAYCOL MACAGNO GIOVANNI CERVERE Affiancamento nelle operazioni di meccanica, cambio olio, freni e nella diagnosi elettronica e sostituzione pneumatici. MG s.r.l. FOSSANO Assistenza ed affiancamento operatori nella programmazione strutturale dei PLC, nella 14

15 gestione macchine CNC e nella progettazione mediante AutoCAD. COMETTO O.ME.C di Avena CENTALLO Affiancamento operatore nelle lavorazioni di DAVIDE Luca,Alberto & C fresatura e tornitura. sas GASPARIN PAOLO PROGEM S.R.L. CARMAGNOLA Affiancamento operatori in lavorazioni di particolari meccanici con utilizzo di frese e/o torni tradizionali ed a CNC con utilizzo di utensili specifii e con gestione a bordo macchina della programmazione ed attrezzaggio di macchine CNC. BOSCO TAGLIO ROBOT CERESOLE ALBA Affiancamento operatori in lavorazioni di torneria, ANDREA SRL fresatura e montaggio. CROSETTO ANDREA TIESSE SRL SAVIGLIANO Affiancamento tecnici d'officina nelle operazioni di assemblaggio meccanico e pneumatico e nella messa a punto di macchinari. 15

16 Classe 4A MECC a.s ALUNNO SEDE INDIRIZZO STAGE ATTIVITÀ SVOLTA BOSCO ANDREA ALFA MECCANICA SRL SOMMARIVA DEL BOSCO Affiancamento nelle lavorazioni su macchine utensili d'officina e nel controllo qualità dei particolari prodotti. PIUMATTI ARS LA MORRA Affiancamento nell'assemblaggio di prototipi SIMONE Elettromeccanica validi per prove funzionali e relative prove di cartterizzazione idraulica di pompe a vibrazione; esecuzione analisi e reportistica dei dati acquisiti dai test. PORRO Consorzio Stupino CASTAGNITO Affiancamento al personale operativo nelle CRISTIAN Cavallo & C. srl lavorazioni su macchine a taglio laser e piegature. DOGLIANI GIORGIA M.T.M. SRL CHERASCO Affiancamento operatori nella programmazione della produzione e nella gestione fornitori. GASTALDI MAYCOL MG s.r.l. FOSSANO Affiancamento operatore ed assistenza alla programmazione strutturale PLC, all'applicazione sul campo di CNC, alla progettazione assistita con AutoCad ed Inventor 3D. MINA PAOLO OFFICINA RORETO DI Affiancamento nelle lavorazioni su macchine MECCANICA CHERASCO utensili a controllo numerico, su macchine MINA & C. S.R.L. tradizionali e nello stoccaggio di materiale. GASPARIN PAOLO PROGEM S.R.L. CARMAGNOLA Affiancamento ed utilizzo di macchine utensili tradizionali ed a CNC. BERSIA MARCO UNIVER CUNEO Srl CERVERE Affiancamento e apprendimento delle procedure aziendali nella gestione commerciale e produttiva. 16

17 1.5 TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO DISCPLINA Ore annuali previste Lingua e Lettere Italiane 99 Storia 66 Lingua straniera Inglese 66 Economia Industriale ed elementi di diritto 60 Matematica 93 Meccanica Applicata e Macchine a fluido 132 Tecnologia Meccanica ed esercitazioni 132 Disegno, Progettazione ed Organizzazione Industriale 165 Sistemi ed Automazione Industriale 132 Educazione Fisica 66 Religione INIZIATIVE COMPLEMENTARI/INTEGRATIVE (D.P.R. 567/96 e Direttiva 133/96) ( Circolo lettori, accesso ai laboratori in orario extrascolastico, ecc.) I laboratori del corso di meccanica sono rimasti aperti, in orario extrascolastico, a disposizione degli studenti come da calendario di istituto. In queste ore sono stati effettuati i lavori per le varie aree di progetto, la preparazione alla partecipazione ai vari concorsi e gli approfondimenti delle discipline più professionalizzanti. 17

18 2. VALUTAZIONE 2.1 CRITERI ADOTTATI SCALA PER LA MISURAZIONE/VALUTAZIONE DELLE PROVE Scala Scala Scala in in in esimi decimi esimi Livello Ottimo Distinto Buono Sufficiente Insufficiente Gravemente insufficiente Totalmente negativo Descrizione L'elaborazione dei contenuti risulta autonoma e sicura ed emergono capacità critiche ed originalità di pensiero. Gli obiettivi di conoscenza, comprensione, capacità applicativa sono stati raggiunti ed anche l'esposizione risulta chiara e precisa, con l'uso adeguato e pertinente della terminologia e del formalismo tipici della materia. L allievo dimostra di aver compreso gli argomenti ed evidenzia parziali capacità rielaborative esponendo in forma per lo più appropriata. Sono stati compresi i concetti essenziali ed acquisite le capacità fondamentali, anche se la preparazione esige ancora approfondimenti e l esposizione è chiara ma non del tutto appropriata. In presenza d errori e/o lacune non gravi o quando emerge sia una comprensione parziale sia una certa insicurezza nell esposizione orale e nell'esecuzione dei compiti, propri della materia. Si evidenziano gravi errori e/o lacune estese, mancata comprensione dei concetti fondamentali o mancata acquisizione delle capacità operative essenziali. L'allievo consegna il foglio in bianco o non dà alcuna opportunità di formulare un giudizio. 18

19 2.2 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE VERIFICHE SOMMATIVE SVOLTE DURANTE L ANNO PER TIPOLOGIA Materia n verifiche n verifiche Tipologie di prove orali scritte prevalentemente usate Lingua e Lettere Italiane Storia Lingua straniera Inglese Economia Industriale ed elementi di diritto Matematica Meccanica Applicata e Macchine a fluido Tecnologia Meccanica ed esercitazioni Disegno, Progettazione ed Organizzazione Industriale quesiti a risposta singola Sistemi ed Automazione Industriale quesiti a risposta singola Educazione Fisica 6 18 (prove pratiche) Religione Interrogazione 7.Relazione 13.Corrispondenze 2.Interrogazione semi-strutturata con obiettivi predefiniti 8.Analisi di testo 14.Problema 3.Tema 9.Saggio breve 15.Esercizi 4.Traduzione da lingua classica/straniera in Italiano 10.Quesiti vero/falso 16.Analisi di casi 5.Traduzione in Lingua straniera 11.Quesiti a scelta multipla 17.Progetto 6.Dettato 12.Integrazioni/completamenti 18. Altro (specificare) 19

20 Num. Prove Totali A partire da un testo di riferimento Trattazione Sintetica di argomenti Quesiti a risposta singola Questi a scelta multipla Problemi a soluzione rapida Casi Pratici e Professionali Sviluppo Di progetti 2.3 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE PROVE SCRITTE EFFETTUATE SECONDO LE TIPOLOGIE PREVISTE PER LA TERZA PROVA D ESAME Materia Lingua e Lettere Italiane 8 Storia 1 X Lingua straniera Inglese 2 X X Economia Industriale ed elementi di diritto 3 X Matematica 2 X Meccanica Applicata e Macchine a fluido 3 X X X Tecnologia Meccanica ed esercitazioni 4 X Disegno, Progettazione ed 1 X Organizzazione Sistemi ed Automazione Industriale Industriale 4 X X X Educazione Fisica / Religione 2 X X Si è operato preferibilmente a livello della tipologia B (quesiti a risposta singola), perché, di fatto, si ritiene tale tipologia più adatta alla formazione impartita agli allievi. Si giudica pure opportuno assegnare per lo svolgimento della prova uno spazio temporale di tre ore. 20

21 3. SCHEDA DELLA MATERIA: 3.1 SCHEDA DELLA MATERIA: LINGUA E LETTERE ITALIANE Docente: prof.sa VILMA BLANGINO Testi adottati: Le basi della letteratura - Di Sacco, vol. 3a, 3b ed. Bruno Mondadori Obiettivi disciplinari La didattica relativa allo studio della letteratura italiana nella classe V MECC. "A" è stata coerente con gli obiettivi stabiliti nella programmazione disciplinare avvenuta ad inizio anno. Precisamente gli obiettivi sono stati i seguenti : 1. Rafforzamento delle conoscenze linguistiche degli alunni nell'ottica del miglioramento della comunicazione intesa come comprensione dei linguaggi e produzione dei messaggi. 2. Orientamento dello studente rispetto al sistema delle comunicazioni ed individuazione della specificità della comunicazione letteraria. 3. Acquisizione di strumenti e metodi per la lettura dei testi letterari. 4. Acquisizione delle strutture di base per condurre una ricerca attraverso l'analisi del testo. 5. Capacità di orientamento su testi diversi. 6. Capacità di riconoscere il rapporto tra letteratura e cultura, intendendo il testo letterario come veicolo di cultura che orienta altre esperienze Metodologia e strumenti didattici Lo studio delle correnti letterarie e degli autori mirava, oltre a raggiungere i suddetti obiettivi, anche a sottolineare come la storia della letteratura non sia materia sterile, confinata nei libri di testo, di acquisizione prettamente scolastica, ma possa divenire parametro di confronto della filosofia di ricerca sul significato della vita, interpretazione dell uomo e dell umana coscienza. Lo studio dell autore procedeva attraverso tabelle di analisi relative sia alla vita che alla personalità del poeta inserito nel contesto storico-sociale relativo. Ho cercato di rendere ricca ed ampia la lettura dei passi antologici più significativi al fine di raffinare il gusto estetico, di abituare i ragazzi all analisi metrico-strutturale-contenutistica, di stimolare, su blocchi tematici comuni, confronti e comparazioni tra autori e correnti dell Ottocento e Novecento, individuando affinità e differenze. Il lavoro in classe procedeva sia attraverso lezioni frontali in cui il ruolo della classe era legato all ascolto, sia attraverso lezioni guidate in cui gli alunni erano protagonisti attivi e l insegnante manteneva il ruolo di coordinatore. In questo operare si inserivano, poi, lezioni multimediali con l utilizzo di CD realizzati da insegnanti e studenti dell Istituto (es Una tragedia europea, Cefalonia: cronistoria di un eccidio ecc). 21

22 Anche l uso di DVD veniva talvolta a rafforzare la pagina letteraria o i romanzi letti. Gli strumenti di lavoro, dunque, risultavano il libro di testo, i CD, i DVD, le ricerche in rete. Verifiche Le verifiche sono state differenziate al fine di cogliere sia lo studio dei dati e delle informazioni (N 4 interrogazioni orali), sia le abilità logiche di analisi, sintesi e confronto attraverso svolgimenti di saggi brevi sui brani antologici letti, sia la capacità di rielaborazione e critica personale attraverso i classici svolgimenti di tracce con tematiche storiche, letterarie, di argomenti tecnico-scientifici, di attualità ( N. 7 elaborati scritti). Secondo le nuove direttive dell esame di maturità, sono state simulate alcune verifiche relative alla prima prova ( N. 2). Valutazione Per quanto riguarda i criteri di valutazione si fa riferimento alla scheda allegata ai documenti, concordata con tutti gli insegnanti di Lettere dell Istituto. Numero di ore di lezione Il numero di ore di lezione di Letteratura previste nell anno scolastico 2013/2014 ammontava a 99. Partecipazione della classe La classe è composta da 20 allievi, poiché uno si è ritirato a metà secondo quadrimestre. Durante il triennio la struttura della classe ha subito poche variazioni. Nonostante questa situazione favorevole gli alunni non sono riusciti a creare un gruppo affiatato e omogeneo, ma sono rimasti per lo più divisi tra loro, in piccoli schieramenti a volte contrapposti e determinati dai luoghi di provenienza degli studenti stessi. Solo in questo ultimo anno si può rilevare una maggiore affinità tra i vari gruppi. Anche se in genere la classe si è dimostrata interessata e partecipe alle lezioni, data la situazione sopra menzionata, non sempre è stato facile coinvolgere contemporaneamente tutti gli studenti. Questo, è ovvio, ha rallentato il normale svolgimento del programma, impedendo a volte utili approfondimenti. In questo ultimo anno scolastico, tuttavia, la maggior parte della classe si è dimostrata più partecipe alle attività proposte, anche a quelle non strettamente curricolari ( es. partecipazione a spettacoli teatrali, film di argomento inerente agli argomenti di studio ). Anche da un punto di vista didattico gli alunni hanno in genere partecipato con maggior impegno e continuità, dimostrandosi quasi tutti puntuali nelle consegne, interessati e partecipi durante le ore di lezione in classe. 22

23 Non tutti sono riusciti a ottenere dei buoni risultati, soprattutto per quanto riguarda la padronanza della lingua italiana e, quindi, alcuni studenti si esprimono ancora in modo poco efficace e appropriato, continuano ad avere molta difficoltà nella composizione dei testi scritti, tra questi anche qualcuno che si é seriamente impegnato per migliorare questa situazione. Il profitto medio espresso dalla classe si attesta su livelli quasi discreti. Alcuni studenti hanno ottenuto un profitto più che buono, risultato di un personale interesse per gli argomenti affrontati nel corso dell anno unito a uno studio continuo e a una discreta capacità di rielaborazione personale. Altri si sono accontentati di ottenere un profitto solo sufficiente sia a causa di un impegno discontinuo e piuttosto superficiale sia per più marcate carenze di base. Solo uno studente, nonostante gli sforzi dell insegnante e in parte dell alunno stesso, non è riuscito a ottenere un profitto sufficientemente accettabile. Va segnalato inoltre l impegno profuso da un gruppo di studenti per la realizzazione di un sito dedicato ai civili caduti in provincia di Cuneo dopo l 8 settembre Il progetto ha vinto il concorso bandito per l anno scolastico dall istituto Storico della Regione Piemonte e gli studenti sono stati premiati con un viaggio-studio a Trieste. PERCORSO DI STUDIO ASPETTI CARATTERIZZANTI IL PASSAGGIO DAL ROMANTICISMO AL REALISMO: caratteri del periodo storico; diffusione del pensiero positivista; il naturalismo francese e la sua influenza sul verismo. La letteratura dell Italia Unita: cenni su Carducci. La Scapigliatura. G. VERGA. Influenza del soggiorno fiorentino e milanese sulla sua formazione culturale. Passaggio dal tardo-romanticismo al Verismo. Caratteri del metodo verista. Confronto tra Verga e Zola. Prefazione a L' amante di Gramigna Lettura e commento, a scelta del candidato, di almeno due delle seguenti novelle: Rosso Malpelo Libertà Cavalleria Rusticana Jeli il pastore L amante di Gramigna La roba Fantasticheria Da I Malavoglia: lettura dei brani antologizzati 23

24 CRISI DELLA FILOSOFIA POSITIVISTA E AFFERMAZIONE DELLE TENDENZE DECADENTI IN EUROPA: Influenza del decadentismo francese sulla cultura italiana C. BAUDELAIRE: da I fiori del male:l albatro Spleen Corrispondenze G. PASCOLI fuga dalla storia, regressione verso l' infanzia, natura vagheggiata come unica salvezza: le costanti della produzione di Pascoli nella quale si evidenziano i segni della crisi di fine secolo. Elaborazione della Poetica del fanciullino e novità nella forma metrica da Myricae: Lavandare Arano X Agosto da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno da Il Fanciullino: Il nuovo Adamo Il poeta è poeta G. D' ANNUNZIO il Superuomo nella personalità e nella poesia di D' Annunzio. Il panismo. Il ciclo dei romanzi. da Il piacere: Il verso è tutto Ritratto d esteta da Alcyone: La pioggia nel pineto I pastori L. PIRANDELLOPirandello e la crisi della società borghese. La condizione umana nell' arte di Pirandello: rapporto tra Vita e Forma. La poetica dell' umorismo. Novità del teatro pirandelliano. Lettura e commento de Il fu Mattia Pascal. Lettura e commento delle seguenti novelle: La carriola Pensaci, Giacomino La patente Il treno ha fischiato La toccatina Una giornata Di sera, un geranio da L Umorismo: 24

25 Il progetto di una letteratura umoristica ITALO SVEVO: individuazione della malattia borghese come costante della produzione sveviana. La figura dell' inetto. Novità del romanzo. da: Una Vita, Senilità, La coscienza di Zeno: lettura dei brani proposti sul testo di letteratura LA STAGIONE DELLE AVANGUARDIE La rottura della tradizione: CREPUSCOLARI E FUTURISTI M. Moretti da Poesie di tutti i giorni Io non ho nulla da dire F. Tommaso Martinetti dal Manifesto del futurismo Un appello alla rivolta A.Palazzeschi da L incendiario E lasciatemi divertire Alla data del 15 maggio argomenti ancora da svolgere: DUE VOCI SINGOLARI: G. UNGARETTI. Da uomo di pena a uomo di fede: svolgimento del suo itinerario di uomo e di poeta nella raccolta Vita di un uomo. da L' allegria Il porto sepolto. Veglia Fratelli San Martino del Carso Soldati da Sentimento del Tempo: La madre da Il dolore: Non gridate più E. MONTALE. La riflessione esistenziale sul male di vivere. La tecnica del correlativo oggettivo. da Ossi di seppie: Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Forse un mattino da Le occasioni: Non recidere, forbici 25

26 La casa dei doganieri da SaturaHo sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale LA SCUOLA ERMETICA. S. QUASIMODOda Erato ed Apollion: Ed è subito sera da Giorno dopo giorno: Alle fronde dei salici Uomo del mio tempo LA STAGIONE DEL NEOREALISMO. L arte dell impegno nel secondo dopoguerra. 26

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli