AZIENDA AGRICOLA N 2 REP. SLOVACCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA AGRICOLA N 2 REP. SLOVACCA"

Transcript

1 AZIENDA AGRICOLA N 2 REP. SLOVACCA Nazione : Slovacchia Regione : Banská Bystrica Provincia : Žiar nad Hronom Paese : L' Azienda agricola si trova su una zona collinare della Repubblica Slovacca vicino alla citta' di Banská Bystrica e a 150 km dalla capitale Bratislava. La superficie fondiaria destinata ai fabbricati e ai macchianari e' composta da 10 corpi fondiari. All' interno di questi corpi fondiari sono presenti 41 fabbricati pricipali e altri vari. Consistono in 6 fabbricati amministrativi,19 stalle ristrutturate,5 stalle da ristrutturare, 10 fienili,1 fabbricato per riparazioni macchinari e attrezzature,5 vasche esterne,3 pese esterne e altre varie. Tutti corpi fondiari sono controllati anche da un sistema di telecamere collegate al server. Nella sede pricipale e' presente un monitor da 42 pollici dove si puo' vedere in tempo reale e completamete tutta l' azienda agricola e chiaramente il tutto viene registrato in un server con un' archiviazione di 10 giorni. L' azienda ha a disposizione una quantita' di ettari a bosco da dove viene ricavato il legname che viene utilizzato per il riscaldamento dei vari fabbricati.di conseguenza non ci sono grosse spese per energia termica. Sono stati creati dei pozzi da dove si ricava l' acqua per il totale fabbisogno dell' azienda. Sede Pricipale La superficie fondiaria produttiva e' composta da ha di cui destinati a pascolo e a coltivazione. COLTIVAZIONI : Frumento,Orzo,Mais,Colza,Girasole,Segala e Fieno.

2 ALLEVAMENTO : capi di bestiame Ovino capi di bestiame Bovino da carne.razze : Charolaise,Limousine e Simmental.

3 Le dotazioni meccaniche sono in buono stato di manutenzione e suddivise come segue : Quantita' Descrizione 1 4 Trattori JCB Fastrac 1x170 cv 2x190cv 1x250cv 2 1 Trattore Zetor Forterra 120 cv 3 4 Trattori Zetor Proxima 1x100cv 3x80cv 4 1 Trattore Some speciale 110cv 5 1 Trattore Case JX 100cv 6 2 Trattori Reform Mounty 1x60cv 1x105cv 7 1 Trattore Valtra 210cv 8 1 Trattore Steyr 220cv Di proprieta' anche tutti i macchinari e l' attrezzatura per la completa gestione dell' azienda agricola.

4 Attualmente sono stabilmente occupate 35 unita' lavorative come segue : 1. 1 commercialista 1 contabile lavoratori diretti. Costo azienda dipendente "attuale" (620 Euro/persona) FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO I contributi a fondo perduto per i terreni e il bestiame nel 2012 sono pari a Euro. Nel 2013 gli stessi diminuiranno di circa Euro.Per ovviare a questa diminuzione e' gia' stato richiesto e accettato il compenso su 800 ettari dove attualmente non si ricevono i finanziamenti.di conseguenza il finanziamento a fondo perduto per il 2013 sara' pari a Euro. Nel 2014 aumetera' la quota finanziamento per terreni e bestiame portando all' azienda un aumento di circa Euro. Sommando la quota totale del 2012,con l' aumento del 2014, con l' aggiunta degli 800 ettari e e con l' aumento della quantita' di bestiame disponibile il finanziamento a fondo perduto per il 2014 sara' di circa Euro.Probabilmente la somma sara' superiore. Ci sarebbe anche la possibilita' di aumentare le entrate richiedendo un finanziamento a fondo perduto per il benessere del bestiame. Requisito principale per ricevere il finanziamento = 2,5 m2 per capo di bestiame. L' azienda ha a disposizione la metratura per poterlo richiedere,bisognera' solo spostare del bestiame in altre stalle in modo da soddisfare i requisiti necessari. Il finanziamento da poter ricevere e' di circa Euro. Lavorando in questo modo si aumentano i costi di gestione,ma l' entrata e' talmente alta da poter dare un ottimo rendimento. FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO PER ACQUISTO MACCHINARI E RIPARAZIONE FABBRICATI 1- Progetto di ristrutturazione fabbricati accettato e completato.valore totale Euro. 2- Progetto acquisto macchinari e attruzzatura accettato da realizzare.valore Euro. 3- Progetto acquisto macchinari e attrezzatura in fase di accettazione.valore Euro. 4- Progetto costruzione agriturismo compreso di pensione accettato da realizzare. Valore Euro. 1. Come si vede dalla quantita' dei soldi ricevuti,la ristrutturazione dell' azienda e' stata completata e di conseguenza non ci sara' il bisogno di utilizzare altri capitali per riparare i fabbricati. Chiaramente servira' sempre destinare una piccola somma per la manutenzione ordinaria degli stessi. In tutti i fabbricati,comprese le stalle, coperture nuove e euro finestre in plastica Per migliorare il parco macchinari sono stati presentati 4 progetti.il primo da Euro e' stato gia' accettato e il secondo da Euro e' in fase di accettazione. Sono pianificati per il 2014 altri due progetti per acquisto macchianari pari ad un valore di Euro.Non sono stati inseriti tra i progetti perche' sono ancora in fase di studio. 4. Dato che l' azienda si trova in una zona termale e di conseguenza turistica,l' attuale proprietario ha avuto l' idea di farsi finanziare la costruzione di un agriturismo compreso di alloggi. Questa struttura potra' dare all' azienda un' ulteriore entrata e la possibilita' di avere delle stanze/appartamenti da poter destinare ai vari tecnici/soci.

5 PROGETTO CENTRALE ELETTRICA La sede pricipale dell' azienda agricola si trova vicino ad una grossa centrale di distribuzione di energia elettrica.nelle vicinanze sono presenti vari complessi industriali che utilizzano molta energia elettrica per il loro fabbisogno e centri abitativi di media dimensione. Dato che l' azienda produce piu' fieno di quello che utilizza c'e' la possibilita' di creare un ottimo reddito utilizzando questa eccedenza di materiale.al posto del fieno si possono utilizzare i prodotti ricavati dai ettari di terreno destinato alla coltivazione (MAIS). La soluzione attualmente piu' reddittizia e' la costruzione di una Centrale Elettrica a sistema fermentazione.fieno+letame o Mais+Letame. Lo scarto del materiale creato dalla centrale verra' utilizzato per la concimazione dei campi e la rimanenza potra' essere venduta.

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE Breve descrizione della situazione aziendale INIZIALE (con riferimento all'ordinamento colturale, all'allevamento, alle attività connesse e alla dotazione

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

Le attività umane. Mondadori Education

Le attività umane. Mondadori Education Le attività umane L economia di uno Stato comprende le risorse naturali e le attività lavorative praticate dai suoi cittadini. L economia è divisa in tre settori: primario, secondario, terziario. Il settore

Dettagli

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario.

CASO DI STUDIO. La AG ha finanziato gli acquisti suddetti ricorrendo ad un mutuo per complessive 550 mila e per il resto ad indebitamento bancario. CASO DI STUDIO La società AG è stata costituita il 2 gennaio 2010, con capitale sociale di L. 400 mila euro interamente sottoscritto dalla holding del gruppo Aldegheri, operante nel settore agro-alimentare.

Dettagli

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 -

Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - Allegato B) al Decreto dell Assessore dell Agricoltura n. 368/DecA/26 del 14.03.2012 - PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE E BUSINESS PLAN 1 PARTE DESCRITTIVA A DESCRIZIONE DELL IMPRESA Presentazione dell'impresa

Dettagli

Il Centro Aziendale dell UTE n. 2 ricade in Zona Svantaggiata ai sensi della Dir. 75/268/CEE? (barrare la casella corrispondente alla risposta)

Il Centro Aziendale dell UTE n. 2 ricade in Zona Svantaggiata ai sensi della Dir. 75/268/CEE? (barrare la casella corrispondente alla risposta) RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA del Piano di Investimenti (PI) presentato ai sensi della Misura 121 del P.S.R. 2007-2013 della Regione Emilia-Romagna (Reg. CE 1698/2005) allegata alla DOMANDA DI AIUTO presentata

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale IL BILANCIO AZIENDALE come strumento strategico decisionale Il bilancio fornisce un quadro della situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell'azienda È strumento di comunicazione, interna ed esterna,

Dettagli

Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS PLAN

Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS PLAN COMUNE DI VIGGIANO Provincia di Potenza ALL. 3 Piano di Sviluppo aziendale / Business Plan Oggetto: Bando per la ristrutturazione e l ammodernamento del settore agricolo PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE/BUSINESS

Dettagli

INFORMAZIONI ANAGRAFICHE

INFORMAZIONI ANAGRAFICHE INFORMAZIONI ANAGRAFICHE IMPRENDITORE - cognome e nome - comune di nascita - data di nascita - comune di residenza - indirizzo - provincia - codice fiscale Azienda - ragione sociale - comune ABBADIA LARIANA

Dettagli

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q)

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q) BILANCIO AZIENDALE Calcolare il beneficio fondiario (Bf) di un azienda agraria cerealicola-zootecnica, ordinaria, avendo a disposizione i seguenti dati: - Superficie totale 40 ha; superficie improduttiva

Dettagli

Da allegare alla SCHEDA CONOSCITIVA DELL AZIENDA AGRICOLA

Da allegare alla SCHEDA CONOSCITIVA DELL AZIENDA AGRICOLA COMUNE DI CESENA SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE SPORTELLO UNICO - SERVIZIO TECNICO RICHIESTA APPROVAZIONE DI PIANO DI RICONVERSIONE AZIENDALE (PRA) PRG 2000 NdA, art. 77 Regolamento Edilizio

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO Mette in evidenza il risultato della gestione annuale e deriva dal sistema contabile il cui scopo è la registrazione di tutti i fatti gestionali che hanno effetti sulle variazioni

Dettagli

Allegato A Scheda aziendale. Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale. DATI AZIENDA (barrare una casella)

Allegato A Scheda aziendale. Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale. DATI AZIENDA (barrare una casella) Allegato A Scheda aziendale Al Comune di Farigliano 12060 Farigliano (CN) N.B. compilare sempre i quadri sottostanti - DATI DEL RICHIEDENTE Codice fiscale Cognome Nome Sesso Data di nascita Comune Provincia

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola

Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola Esercitazione Bilancio Economico Consuntivo di un azienda agricola Corso in Economia applicata alle risorse naturali. 2003-2004 A cura di: Roberto Fratini, Francesco Riccioli e Claudio Fagarazzi 1 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Fanno reddito le stalle da latte?

Fanno reddito le stalle da latte? Gli scenari attuali e la realtà economica delle stalle lombarde Fanno reddito le stalle da latte? Analisi di 70 bilanci SATA: quale strada verso la competizione europea? Venerdì 25 ottobre 2013 Fiera Internazionale

Dettagli

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA Imprenditore Agricolo (Art. 2135 Codice Civile come modificato dal D.Lgs 18 maggio 2001, n. 228) Attività agricole in senso stretto È imprenditore agricolo chi esercita

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA VITIVINICOLA IN VENDITA. MONTECUCCO DOCG

AZIENDA AGRICOLA VITIVINICOLA IN VENDITA. MONTECUCCO DOCG Rif 1006 - TENUTA MONTECUCCO EUR 5.000.000,00 AZIENDA AGRICOLA VITIVINICOLA IN VENDITA. MONTECUCCO DOCG San Quirico d'orcia - Siena - Toscana www.romolini.com/it/1006 Superficie: 2059 mq Terreno: 213 ettari

Dettagli

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI NEL SETTORE DELL AGRICOLTURA

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI NEL SETTORE DELL AGRICOLTURA COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI NEL SETTORE DELL AGRICOLTURA APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 6 DEL 12.03.2008 1 ART. 1 - ISTITUZIONE DEL

Dettagli

Corso di Estimo Rurale

Corso di Estimo Rurale Corso di Estimo Rurale C.so di Laurea SPMA (Cerignola) Lezione n.2: a)stima dei Fondi rustici; b) Stima dei fabbricati rurali Dott. PROSPERI Maurizio Universita' degli Studi di Foggia Facolta' di Agraria

Dettagli

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Questo lavoro prende in esame le aziende agricole che hanno la propria

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti CASO BONLIEU SCG-E02 Pagina 0 di 5 Il Signor Bonlieu proprietario di una piccola falegnameria, è preoccupato

Dettagli

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola Impianto di digestione anaerobica e cogenerazione da biogas Agroenergia della Piana Azienda: Coop. Fattoria della Piana Soc.Agricola Località: C.da Sovereto, 89020 Candidoni (RC) Potenza installata: 998

Dettagli

ANTICO BORGO MEDIEVALE CON CENTRO IPPICO IN VENDITA UMBRIA

ANTICO BORGO MEDIEVALE CON CENTRO IPPICO IN VENDITA UMBRIA Rif 792 - EQUESTRIAN ESTATE Prezzo ridotto a EUR 2.950.000,00 ANTICO BORGO MEDIEVALE CON CENTRO IPPICO IN VENDITA UMBRIA Montone - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/792 Superficie: 1376 mq Terreno:

Dettagli

PRESTIGIOSA TENUTA DI 100 ETTARI CON PISCINA E PARCO PRIVATO SUVERETO.

PRESTIGIOSA TENUTA DI 100 ETTARI CON PISCINA E PARCO PRIVATO SUVERETO. Rif 162 - TENUTA SUVERETO EUR 1.950.000,00 PRESTIGIOSA TENUTA DI 100 ETTARI CON PISCINA E PARCO PRIVATO SUVERETO. Suvereto - Livorno - Toscana www.romolini.com/it/162 Superficie: 670 mq Terreno: 100 ettari

Dettagli

ECONOMIA DEL BESTIAME

ECONOMIA DEL BESTIAME CORSO DI PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI ABILITAZIONE PER AGROTECNICO E AGROTECNICO LAUREATO ECONOMIA DEL BESTIAME Docente: Dott. Agr. FRUCI ANTONIO Sezione 2011 Sede di BRIATICO (VV) ECONOMIA DEL BESTIAME

Dettagli

CASI STUDIO PER LA COSTRUZIONE DEL BUSINESS PLAN PER L IMPRESA AGRICOLA CON L APPLICATIVO INFORMATICO DELLA REGIONE LAZIO

CASI STUDIO PER LA COSTRUZIONE DEL BUSINESS PLAN PER L IMPRESA AGRICOLA CON L APPLICATIVO INFORMATICO DELLA REGIONE LAZIO Facoltà di Agraria Dipartimento di Economia Agroforestale e dell Ambiente Rurale (DEAR) CASI STUDIO PER LA COSTRUZIONE DEL BUSINESS PLAN PER L IMPRESA AGRICOLA CON L APPLICATIVO INFORMATICO DELLA REGIONE

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto.

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-08-2004 C(2004) 3207 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Abruzzo) Aiuto n. N 272/04 Programma d intervento per la delocalizzazione o la dismissione delle attività agricole

Dettagli

Azienda Agricola. Norme e tariffe. Ed. 01.2009. Ad esclusivo uso interno

Azienda Agricola. Norme e tariffe. Ed. 01.2009. Ad esclusivo uso interno Azienda Agricola Norme e tariffe Ad esclusivo uso interno Ed. 01.2009 Indice Norme assuntive pag. 2 Tariffe Incendio pag. 4 Furto pag. 8 Responsabilità civile pag. 9 Tutela Legale pag. 10 1 Norme assuntive

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per il coordinamento dell indagine RICA con l indagine REA. Allegato D VARIABILI REA E TIPOLOGICHE

PROTOCOLLO D INTESA per il coordinamento dell indagine RICA con l indagine REA. Allegato D VARIABILI REA E TIPOLOGICHE PROTOCOLLO D INTESA per il coordinamento dell indagine RICA con l indagine REA Allegato D VARIABILI REA E TIPOLOGICHE codice descrizione 1. NOTIZIE IDENTIFICATIVE DELL AZIENDA CFISC PIVA Denom Indir Prov_cond

Dettagli

Provincia di Torino Servizio Agricoltura. Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006

Provincia di Torino Servizio Agricoltura. Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006 Provincia di Torino Servizio Agricoltura Domanda di adesione alla Misura A del Piano di Sviluppo Rurale 2000/2006 SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO DOMANDA PRESENTATA PER TRAMITE DI Data presentazione N.

Dettagli

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA Nel corso dei secoli l agricoltura ha subito profondi cambiamenti ma, solo con l invenzione del motore a combustione

Dettagli

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Quanto inquiniamo? U.S.A. ogni persona produce 22 tonnellate di CO2 all anno. anno. EUROPA ogni persona produce 8 tonnellate di CO2 all anno. anno.

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA E DELLE PERTINENZE

LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA E DELLE PERTINENZE LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA E DELLE PERTINENZE Chi acquista la prima casa da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) paga l imposta di registro del

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2014 CON SCAMBIO SUL POSTO E DETRAZIONE FISCALE

IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2014 CON SCAMBIO SUL POSTO E DETRAZIONE FISCALE AmBios Srl V. J. Gagarin, 3 06073 CORCIANO (PG) info@ambios.eu mail@pec.ambios.eu www.ambios.eu P. IVA 03121950541 Cap. Soc. 20.000,00 i.v. Tel. +39.075.7826856 Fax. +39.075.7823717 IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

MODULO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Università di Ferrara

MODULO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Università di Ferrara MODULO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Università di Ferrara 1 Lezione 3 CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE Università di Ferrara 2 Riprendiamo alcuni concetti Le aziende possono essere classificate in base a vari

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

La sicurezza e la salute nell ambiente di lavoro agriturismo L attività dell ASL di Brescia

La sicurezza e la salute nell ambiente di lavoro agriturismo L attività dell ASL di Brescia La sicurezza e la salute nell ambiente di lavoro agriturismo L attività dell ASL di Brescia Ing. Pierangelo Bertolini Sanzionati soprattutto i trattori (senza telaio di protezione e/o senza cinture di

Dettagli

Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato

Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato La volatilità dei mercati e la connessione sempre maggiore tra le dinamiche interne e l andamento

Dettagli

Titolo della misura. Investimenti in immobilizzazioni materiali. Codice della misura. Provvisoriamente: misura 3. Codice della sottomisura

Titolo della misura. Investimenti in immobilizzazioni materiali. Codice della misura. Provvisoriamente: misura 3. Codice della sottomisura Titolo della Codice della Codice della sotto Base legale della Investimenti in immobilizzazioni materiali Provvisoriamente: 3 Provvisoriamente: sotto a) Articolo 18 del Regolamento (CE) n. xxxx / 2013

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE

REGIONE PIEMONTE - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE REGIONE PIEMONTE - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE BENEFICIARI Imprenditori agricoli professionali (IAP) 1 titolari di aziende agricole, singoli o associati. Le

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

CROSSING INTERNATIONAL SERVICES SH.PK.

CROSSING INTERNATIONAL SERVICES SH.PK. AMBITI DI SVILUPPO ED OPPORTUNITA IMPRENDITORIALI NEL SETTORE AGRICOLO, ZOOTECNICO ED AGROALIMENTARE SUL TERRITORIO ALBANESE ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO AIC/CIA del 12 Febbraio 2010 Gli ambiti di sviluppo

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n.

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. 7/R ) Il sottoscritto, nato il a ( ), residente a Via n. - tel. - nella sua

Dettagli

LA PRODUZIONE CAP. 4 SISTEMA PRODUTTIVO

LA PRODUZIONE CAP. 4 SISTEMA PRODUTTIVO LA PRODUZIONE CAP. 4 Produzione: si intende l impiego di beni materiali e servizi quali fattori della produzione per ottenere altri beni e servizi di maggiore utilità. INPUT Fattori della produzione SISTEMA

Dettagli

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT)

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli

TENUTA CON VILLA PADRONALE IN VENDITA IN TOSCANA

TENUTA CON VILLA PADRONALE IN VENDITA IN TOSCANA Rif 983 - TENUTA MONTECATINI EUR 10.000.000,00 TENUTA CON VILLA PADRONALE IN VENDITA IN TOSCANA Pescia - Pistoia - Toscana www.romolini.com/it/983 Superficie: 2850 mq Terreno: 9 ettari Camere: 28 Bagni:

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1382 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore RIPAMONTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 MARZO 2007 (*) Disciplina dell agriturismo (*) Testo ritirato dal presentatore.

Dettagli

Puglia Azienda agrituristica biologica con trulli in vendita a Bari aziende agrituristiche

Puglia Azienda agrituristica biologica con trulli in vendita a Bari aziende agrituristiche Ville@Casali Real Estate s.r.l. Telefono: 800 984 481 Email: info@villeecasalinetwork.com Puglia Azienda agrituristica biologica con trulli in vendita a Bari aziende agrituristiche Bari, IT Descrizione

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Piazza Rosè Valmadrera (LC)

Piazza Rosè Valmadrera (LC) Piazza Rosè Valmadrera (LC) La Cascina Don Guanella si trova a Valmadrera in una località chiamata Piazza Rosè Dista solo 3,1 Km dalla Casa Don Guanella: 9 min circa in auto Piazza Rosè è un antica cascina,

Dettagli

DOMANDA 2014 (ESENTE DA BOLLO) ASSEGNAZIONE DI UN TERRENO NELLE ZONE EDIFICABILI AGEVOLATE

DOMANDA 2014 (ESENTE DA BOLLO) ASSEGNAZIONE DI UN TERRENO NELLE ZONE EDIFICABILI AGEVOLATE C O M U N E D I S. C R I S T I N A V A L G A R D E N A S. C R I S T I N A - S t r. C h e m u n n. 1 DOMANDA 2014 (ESENTE DA BOLLO) ASSEGNAZIONE DI UN TERRENO NELLE ZONE EDIFICABILI AGEVOLATE con dichiarazione

Dettagli

AL COMUNE DI. Il sottoscritto nato a il residente nel Comune di via / località n. tel.

AL COMUNE DI. Il sottoscritto nato a il residente nel Comune di via / località n. tel. Bollo nell originale spazio riservato al protocollo AL COMUNE DI OGGETTO: Programma aziendale pluriennale di miglioramento agricolo-ambientale (P.A.P.M.A.A.) art.43 L.R. 3/1/2005 n.1 e art. 9 Regolamento

Dettagli

Premio GPP 2012. Cooperativa Fattoria della Piana Società Agricola

Premio GPP 2012. Cooperativa Fattoria della Piana Società Agricola Premio GPP 2012 Cooperativa Fattoria della Piana Società Agricola Sommario L azienda ha creato un sistema di produzione integrato capace di ottimizzare le risorse e raggiungere un bilancio di eco-sostenibilità.

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE. MODULO 1 Sistema azienda, elementi, soggetti e tipologie

SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE. MODULO 1 Sistema azienda, elementi, soggetti e tipologie Vivere l azienda 1 - Modulo 1 Esercizi da svolgere Soluzioni pag. 1 di 10 SOLUZIONI ESERCIZI DA SVOLGERE MODULO 1 Sistema azienda, elementi, soggetti e tipologie Unità 1 Il sistema azienda e i suoi soggetti

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

GIOVANI - operazione 6.1.01

GIOVANI - operazione 6.1.01 GIOVANI - operazione 6.1.01 Aiuto all avviamento di imprese per i giovani agricoltori Premio di 50.000 in zona svantaggiata e di 30.000 nelle altre zone per i giovani che: Hanno età < 40 anni al momento

Dettagli

Responsabile scientifico del Progetto: Prof. Leonardo Casini

Responsabile scientifico del Progetto: Prof. Leonardo Casini Progetto di ricerca: La multifunzionalità dell agricoltura nelle zone montane marginali: una valutazione qualitativa, quantitativa e monetaria degli impatti ambientali economici e sociali Responsabile

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole OBIETTIVI DELL INIZIATIVA La misura introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti

Dettagli

PARTE IV - TABELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE

PARTE IV - TABELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE PARTE IV - TAELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE Il parametro della densità fondiaria si riferisce non a quella dello specifico intervento, bensì a quella corrispondente all indice edificabile

Dettagli

Informativa Studio Fantinello Carlo

Informativa Studio Fantinello Carlo Informativa Studio Fantinello Carlo N. 7 del 21.01.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Bonus macchinari per acquisti dal 25.06.2014 al 30.06.2015 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

I Esonero di Metodi di Ottimizzazione (Laurea in Ingegneria Gestionale-Corso B) Traccia A

I Esonero di Metodi di Ottimizzazione (Laurea in Ingegneria Gestionale-Corso B) Traccia A I Esonero di Metodi di Ottimizzazione Traccia A 1. Uno stabilimento deve varare un piano di assunzioni di dirigenti, impiegati ed operai. L assunzione di un dirigente può avvenire attraverso un concorso

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo)

AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo) AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo) OGGETTO: Programma Aziendale Pluriennale di Miglioramento

Dettagli

Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo

Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe Zizzo 1 oggetto della lezione

Dettagli

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative.

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative. COSTI DI COSTRUZIONE STABILITI CON DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1132 DI DATA 27.05.2011 IN VIGORE DAL 08.06.2011, ED ADEGUATI ALLE DISPOSIZIONI DI CUI ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N.

Dettagli

LE VACCHE DI LESTIZZA,

LE VACCHE DI LESTIZZA, Imp_6_2003.qxd 26/02/2004 10.24 Pagina 37 Romeo Cuzzit Direzione Regionale delle Risorse Agricole,Naturali e Forestali Gianluca Dominutti Direzione regionale Sviluppo, Programmazione e Auditing LE VACCHE

Dettagli

DECRETO LEGGE 24 GIUGNO 2014, N. 90 ART. 18 CREDITO DI IMPOSTA PER BENI STRUMENTALI NUOVI

DECRETO LEGGE 24 GIUGNO 2014, N. 90 ART. 18 CREDITO DI IMPOSTA PER BENI STRUMENTALI NUOVI DECRETO LEGGE 24 GIUGNO 2014, N. 90 ART. 18 CREDITO DI IMPOSTA PER BENI STRUMENTALI NUOVI Requisiti soggetto proponente Possono beneficiare dell agevolazione tutte le imprese attive, anche se con attività

Dettagli

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli Analisi tecnico economica 1 Metodo di calcolo utilizzato Inserimento di tutti i dati tecnico-economici al 2006 Azienda 30 ha 3 percorsi: PSR,

Dettagli

FINANZIAMENTI PER L'ACQUISTO DI NUOVI MACCHINARI, IMPIANTI E ATTREZZATURE DA PARTE DI PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.M.

FINANZIAMENTI PER L'ACQUISTO DI NUOVI MACCHINARI, IMPIANTI E ATTREZZATURE DA PARTE DI PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.M. BENEFICIARI Piccole e medie imprese. FINANZIAMENTI PER L'ACQUISTO DI NUOVI MACCHINARI, IMPIANTI E ATTREZZATURE DA PARTE DI PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.M. 27 novembre 2013 INTERVENTI AMMESSI Gli investimenti

Dettagli

LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO AZIENDALE - BUSINESS PLAN

LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO AZIENDALE - BUSINESS PLAN LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO AZIENDALE - BUSINESS PLAN Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli

SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE

SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE SOSTENIAMO LO SVILUPPO DELLE IMPRESE AGRICOLE Il confidi nazionale dell Alleanza delle Cooperative Italiane ANTICIPO Anticipo crediti: Anticipare crediti per contributi vantati nei confronti di istituzioni

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO D ARGILE. VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000)

COMUNE DI CASTELLO D ARGILE. VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000) COMUNE DI CASTELLO D ARGILE VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000) RELAZIONE ILLUSTRATIVA La Variante n. 8/2014 al RUE del Comune di Castello

Dettagli

Attività/ settori economici

Attività/ settori economici 1 PRIMARIO SECONDARIO Attività/ settori economici TERZIARIO 2 ATTIVITA ECONOMICHE: Servono ad organizzare le risorse disponibili per soddisfare i BISOGNI dell uomo. BISOGNO: tutto ciò di cui l uomo ha

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO 2015 Studio Pavan Daniela dottore commercialista e revisore contabile via G. Garibaldi 104/A 35043 Monselice (PD) e-mail: daniela.pavan@studiopavan.eu sito web: http:// www.studiopavan.eu tel. 0429/73659

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

Corso di Estimo Stima dei Fabbricati Rurali

Corso di Estimo Stima dei Fabbricati Rurali Corso di Estimo Stima dei Fabbricati Rurali Corso di Scienze e Tecnologie Agrarie Stime Metodo diretto Metodo indiretto Il valore del costo Stime Metodo diretto Metodo indiretto Il valore del costo Stime

Dettagli

Alto Lazio Azienda vinicola in vendita ad Orte vendita vigneti con cantina

Alto Lazio Azienda vinicola in vendita ad Orte vendita vigneti con cantina Ville@Casali Real Estate s.r.l. Telefono: 800 984 481 Email: info@villeecasalinetwork.com Alto Lazio Azienda vinicola in vendita ad Orte vendita vigneti con cantina Orte, IT Descrizione Alto Lazio Azienda

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

La produzione. Produzione

La produzione. Produzione La produzione Produzione > La produzione è attività che consiste nella combinazione di fattori produttivi (input) e nella loro trasformazione in prodotti (output) direttamente consumabili destinati ad

Dettagli

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Attività agricole: il subentro ed il rilancio delle attività gode di un finanziamento agevolato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA Bilancio (PROVA) L imprenditrice agricola professionale xxxxx possiede e gestisce un fondo di circa 45 ettari situato nel comune di xxxxx, provincia di xxx. L imprenditrice vuole valutare la convenienza

Dettagli

Finalità e obiettivi. Beneficiari. Investimenti ammissibili. ALLEGATO misura 413-311

Finalità e obiettivi. Beneficiari. Investimenti ammissibili. ALLEGATO misura 413-311 ALLEGATO misura 413-311 Avvio delle procedure di presentazione delle domande di aiuto e di pagamento a valere sulla misura 413-311 diversificazione verso attività non agricole Finalità e obiettivi Il presente

Dettagli

Prima parte del quesito :

Prima parte del quesito : Il candidato facendo riferimento ad un contesto aziendale di propria conoscenza, descriva un azienda agraria ad indirizzo cerealicolo-zootecnico condotto da un proprietario capitalista. Utilizzando poi

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo dell INPS.

Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo dell INPS. Direzione Regionale del Veneto Area prevenzione e contrasto economia sommersa e lavoro irregolare Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti:

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti: ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE: RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING (RIM) SECONDA PROVA SCRITTA ESAME DI STATO La Contabilità gestionale

Dettagli