di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale"

Transcript

1 FINANZIAMENTI NELL EST EUROPA: UNGHERIA, ROMANIA E REPUBBLICA SLOVACCA di Fabio Noferi Estero >> Commercio internazionale

2 I Governi locali dei Paesi dell Est Europa, anche tramite i fondi messi a disposizione dall Unione Europea, erogano agevolazioni a favore delle imprese che investono o esportano in tali Paesi. In particolare, analizziamo i bandi agevolativi dei seguenti Paesi: Ungheria Romania Repubblica Slovacca. UNGHERIA L Ungheria ha una superficie di km quadrati e una popolazione di abitanti (densità di 109,5 abitanti per km quadrato). La lingua ufficiale è l ungherese. L unità monetaria è il Forint (fiorino ungherese) suddiviso in 100 filler (HUF). Il valore di cambio attuale è il seguente: 1 Euro = circa 267,98 Fiorini Ungheresi. Dopo questa breve premessa, iniziamo l analisi dei principali strumenti agevolativi messi a disposizione dal governo ungherese a favore delle imprese di diritto ungherese, che possono essere controllate anche da società straniere, purché localizzate sul territorio ungherese. Bando per la formazione permanente/continua dei dipendenti aziendali I beneficiari del presente bando sono le società di diritto ungherese, anche con una partecipazione al 100% straniera (siano esse piccole, medie o grandi, così come definite dalla Commissione Europea), localizzate sull intero territorio ungherese. l settore di intervento è quello dell Industria e del Terziario. I programmi di formazione finanziabili da tale programma possono essere di due tipologie: formazione generale; formazione specifica. La formazione generale comporta un insegnamento non applicabile esclusivamente o prevalentemente alla posizione attuale o futura occupata dal dipendente presso l impresa beneficiaria, ma fornisce qualifiche ampliamente trasferibili ad altre imprese o settori di occupazione. I programmi di formazione devono essere registrati nell elenco nazionale della Formazione professionale oppure i corsi di formazione devono essere per adulti e organizzati da istituzioni accreditate. La formazione specifica riguarda programmi di formazione direttamente e prevalentemente applicabili alla posizione attuale o futura occupata dal dipendente presso l impresa beneficiaria e che fornisce qualifiche non trasferibili ad altre imprese o settori di occupazione o trasferibili solo limitatamente. Le spese ammissibili per il bando della formazione continua sono rappresentate da: preparazione: ideazione e progettazione dell intervento, orientamento partecipanti, elaborazione materiale didattico; realizzazione: docenza, tutorship, spese di viaggio dei formatori e dei partecipanti, costo dei materiali didattici, uso delle attrezzature e di supporti didattici; direzione: direzione del corso e suo coordinamento; costi amministrativi generali: affitti immobili, riscaldamento e condizionamento, luce, gas e acqua, spese postali e telefoniche, segreteria e amministrazione, manutenzione ordinaria. Pagina 2 di 12

3 L agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto ed in particolare: nel caso di formazione generale: 60%-90% dei costi totali; nel caso di formazione specifica: 35%- 55% dei costi totali. Il finanziamento complessivo deve rientrare tra un minimo di 1 milione e un massimo di 50 milioni di fiorini ungheresi, cioè da un minimo di circa euro a un massimo di circa euro. Le domande di agevolazione possono essere presentate fino al 31 dicembre 2006 (salvo esaurimento fondi) al seguente indirizzo: Ministero dell Occupazione e del Lavoro, Fondo Sociale Europeo, Esza Europa Szocialis Alap, 1146 Budapest Hermina ut 17. Il bando è definito a sportello aperto, cioè aperto fino ad esaurimento dei fondi disponibili. Bando per la realizzazione e l ampliamento di centri per l assistenza tecnica e la consulenza alle imprese L obiettivo di questo intervento è quello di rendere l Ungheria un importante centro regionale di servizi dell Europa centro orientale e, quindi, di rafforzare la sua posizione e importanza geografica. Lo strumento finanziario operativo è il FESR. Sono beneficiarie del presente intervento le società di diritto ungherese, anche con una partecipazione al 100% italiana o straniera (società di diritto ungherese), siano esse piccole, medie o grandi imprese (così come definite dalla Commissione Europea). Le società devono essere localizzate sul territorio ungherese e non esiste nessuna limitazione territoriale. L intervento è destinato alle imprese operanti nel settore del commercio e dei servizi innovativi. Il bando agevola la realizzazione o l ampliamento di centri di servizi comprendenti almeno una delle seguenti attività: realizzazione di un centro di formazione; realizzazione di un centro di ricerca e sviluppo; servizi di contabilità e consulenza fiscale; consulenza aziendale; servizi finanziari; sviluppo dei servizi informatici; servizi di distribuzione; servizi commerciali; assistenza clienti; servizi di riparazione; assistenza telefonica; ricerche di mercato e sondaggi dell opinione pubblica. Le spese ammissibili a contributo sono rappresentate, invece, da: costruzione e ammodernamento delle strutture; costruzione e ammodernamento dei beni immobili; spese per nuove macchine e impianti produttivi; costruzione ed ampliamento di immobili; acquisto di beni immateriali; costo di trasporto ed installazione. L agevolazione è rappresentata da un contributo a fondo perduto. L agevolazione massima non può superare i di fiorini ungheresi (HUF) corrispondenti a circa euro. La sovvenzione in ogni caso non può superare i seguenti parametri di riferimento, tenuto conto della localizzazione delle imprese: Pagina 3 di 12

4 nelle Regioni di pianificazione e statistica dell Ungheria del Nord, della Grande pianura ungherese del nord e del Sud, del Transdanubio centrale e del Sud e nelle province di Celldomolk, Letenye, Orszentpèter, Tèt, Vasvar e Zalaszentgròt, il contributo a fondo perduto non può superare il 50% dei costi ammissibili e rendicontabili; nella Regione di pianificazione statistica del Transdanubio occidentale, il contributo a fondo perduto non può superare il 45% dei costi ammissibili e rendicontabili; nella Regione di Pest, il contributo a fondo perduto non può superare il 40% dei costi ammissibili e rendicontabili; a Budapest, nella capitale, il contributo a fondo perduto non può superare il 35% dei costi ammissibili e rendicontabili. La richiesta di contributo deve essere presentata in lingua ungherese usando l apposita modulistica, scaricabile elettronicamente dal sito del Ministero dell Economia e dei Trasporti o dal sito della Hungarian Development Bank. La domanda deve essere spedita via posta in tre copie (un originale più due copie). Le istanze possono essere presentate fino al 31 dicembre Il bando è definito a sportello aperto, cioè aperto fino ad esaurimento dei fondi disponibili. I progetti presentati devono superare una valutazione formale e una valutazione tecnicoeconomica, che tiene conto di vari criteri tra cui la bancabilità del progetto, l innovatività del nuovo servizio, l affidabilità dell imprenditore sul piano finanziario in termini di stabilità aziendale. Bando per l aumento del numero delle piccole e medie imprese nel comparto della subfornitura I beneficiari di tale misura d intervento sono le società di diritto ungherese, anche con una partecipazione italiana o straniera al 100%, localizzate nelle aree territoriali depresse Obiettivo 1, che comprendono l intero territorio ungherese. Deve trattarsi di piccole e medie imprese (come definite dalla Commissione Europea), mentre sono escluse le grandi imprese. Le aziende devono operare nel settore industriale, anche se esse non devono operare in settori ritenuti sensibili dal governo ungherese. Il bando finanzia investimenti rivolti: allo sviluppo e modernizzazione delle infrastrutture all interno di siti già esistenti; alla costruzione e modernizzazione di locali ed edifici; alla progettazione di edifici; all innovazione tecnologica di processo, metodologica e di prodotto; alla messa in rete delle imprese tra loro; al miglioramento degli aspetti logistici, della sicurezza dei prodotti e delle tecnologie; al trasferimento di competenze. In ogni caso il bando richiede che il programma di investimento rispetti alcune condizioni e in particolare: preveda la presenza o la creazione di relazioni di fornitura dimostrabili (vedi contratto preliminare o generale), in modo che l investimento faccia il possibile per migliorare l attività di fornitura multilaterale; venga mantenuto e gestito per almeno cinque anni e venga attuato dopo l invio della richiesta di agevolazioni. Il bando relativo alla cosiddetta subfornitura finanzia le seguenti spese: acquisto di nuovi macchinari ed impianti; acquisto di terreni; acquisto, ristrutturazione e riqualificazione di capannoni; acquisto di beni immateriali; costi di trasporto e installazione; introduzione di nuove tecnologie; Pagina 4 di 12

5 introduzione e assimilazione a livello locale di nuovi metodi di produzione e nuove tecnologie; spese di miglioramento della sicurezza dei prodotti, della qualità e dello sviluppo di beni strumentali in modo da assicurare la fornitura sistematica e puntuale; spese per l introduzione di nuovi sistemi di management per mettere in rete tra loro le imprese; messa in rete con imprese esterne; costi di trasmissione di know how sulla produzione. L agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto (contributo in conto capitale) nelle seguenti misure: il 35% delle spese ammissibili e rendicontabili nel caso di imprese localizzate nella zona metropolitana di Budapest; il 50% delle spese ammissibili e rendicontabili nel caso di imprese localizzate nelle altre zone del territorio ungherese. Il valore dell investimento deve essere superiore a euro e il massimo contributo concedibile è pari a 100 milioni di fiorini ungheresi (circa euro). Il bando per l anno 2006 si è chiuso in data 31 maggio 2006, ma con molta probabilità sarà riaperto anche per il Le domande devono essere presentate al Ministero dell Economia e del Trasporto, Dipartimento Ecop (Budapest Honved u.13-15, H 1055). Bando sulla innovazione tecnologica Beneficiari di questo bando sono le società di diritto ungherese, anche con una partecipazione straniera al 100%, siano esse piccole o medie imprese (escluse quindi le grandi imprese), localizzate nelle aree territoriali depresse Obiettivo 1, che comprendono l intero territorio ungherese. I settori ammessi alle agevolazioni sono rappresentati dal settore manifatturiero e dal settore terziario. Gli investimenti ammissibili devono tendere a migliorare la competitività del sistema economico ungherese attraverso l innovazione tecnologica e la ricerca. In tale bando esistono varie misure di aiuto, che prevedono il finanziamento e l agevolazione di varie iniziative. Misura Iniziative e attività agevolabili: Tipologia a): miglioramento dell efficienza delle PMI e razionalizzazione costi di funzionamento tramite introduzione e sviluppo di sistemi di management integrato. Tipologia b): supporto per l introduzione di sistemi di gestione per accelerare i processi di decisione, il miglioramento della produttività, la riduzione dei costi di funzionamento, il miglioramento del rispetto delle scadenze. Tipologia c): supporto per l introduzione di sistemi per la gestione di processi di lavoro e gestione elettronica dei documenti per rendere più veloci e trasparenti i processi interni di gestione e amministrazione delle aziende. Spese ammissibili: introduzione di nuovi sistemi e ampliamento e ammodernamento di quelli già esistenti (analisi, progettazione, formazione, assicurazione qualità; acquisto, installazione, personalizzazione, integrazione e messa in uso del relativo software e harware). Agevolazioni sotto forma di contributo a fondo perduto: contributo pari al 50% delle spese ammissibili con le seguenti limitazioni e parametri: per la tipologia a), minimo 8 milioni e massimo 50 milioni di fiorini ungheresi (HUF). Per le tipologia b) e la tipologia c), minimo 8 milioni e massimo 20 milioni di fiorini ungheresi (HUF). Procedura: i progetti devono essere presentati al Ministero dell Economia e del Trasporto entro il 31 dicembre Il bando è definito a sportello aperto (fino ad esaurimento dei fondi). I progetti devono, inoltre, superare una valutazione formale ed una valutazione tecnico-economica. Pagina 5 di 12

6 Misura Iniziative e attività agevolabili: Tipologia a): promozione delle soluzioni elettroniche e internet tra le PMI e i loro partner attraverso la creazione di mercati elettronici. Tipologia b): creazione di sistemi elettronici per la vendita e la selezione dei clienti. Tipologia c): creazione di sistemi elettronici aziendali. Tipologia d): creazione delle connessioni ai mercati elettronici. Spese ammissibili: analisi e pianificazione processi aziendali, logistici e finanziari; acquisto e installazione, personalizzazione e messa in uso di hardware e software; realizzazione di metodi di contrattualistica elettronica e pagamento elettronico; elaborazione e realizzazione procedure, metodi e connessa formazione; realizzazione e ampliamento delle necessarie telecomunicazioni; caricamento dati nel sistema testing e messa in uso con relativa formazione. Agevolazione sotto forma di contributo a fondo perduto: contributo pari al 50% delle spese ammissibili con le seguenti limitazioni: per la tipologia a), minimo 8 milioni e massimo 50 milioni di fiorini ungheresi; per la tipologia b), minimo 4 milioni e massimo 40 milioni di fiorini ungheresi; per la tipologia c), minimo 4 milioni e massimo 50 milioni di fiorini ungheresi; per la tipologia d), minimo 2 milioni e massimo 5 milioni di fiorini ungheresi. Procedura : vedi tabella precedente. Misura Iniziative e attività agevolabili: attività di supporto alla creazione di nuovi servizi on line (accesso e contenuti dei nuovi servizi, miglioramento delle connessioni ai servizi esistenti). Spese ammissibili: varie tra cui: pubblicazioni multilingue di contenuti, integrazione e accesso ai contenuti in lingue straniere; presentazione on line di contenuti off line; realizzazione di siti internet con servizi qualificati; realizzazione di portali con informazioni di carattere regionale, settoriale e di business; sviluppo di portali già operativi. Agevolazioni sotto forma di contributi a fondo perduto: contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili, con le seguenti limitazioni: minimo 5 milioni e massimo 100 milioni di fiorini ungheresi. Procedura: vedi tabella precedente. Misura Iniziative e attività agevolabili: attività che incentivano la promozione dell accesso on line di contenuti di interessi pubblico, scientifico e culturale. Spese ammissibili: realizzazione di un infrastruttura per la produzione, vendita e diffusione dei contenuti; realizzazione e vendita di nuovi prodotti e servizi relativi a contenuti digitali di interesse pubblico sulla base di una partnership tra il settore pubblico e privato; realizzazione di nuovi contenuti e servizi che possano generare interesse per l utilizzo di internet e conseguentemente stimolare il mercato del contenuto digitale; supporto a progetti di PMI interessate al mercato dei contenuti in grado di entrare nel mercato internazionale di internet con prodotti nuovi o valorizzando quelli già operativi; realizzazione di servizi di contenuti digitali d interesse pubblico o utilità pubblica costruiti su mezzi mobili; adattamento sistemi o servizi realizzati nell ambito del progetto finanziato dall Archivio Nazionale Digitale. Agevolazioni sotto forma di contributi a fondo perduto: contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili con le limitazioni pari a un minimo di 5 milioni e a un massimo di 100 milioni di fiorini ungheresi. Procedura: vedi tabelle precedenti. Pagina 6 di 12

7 ROMANIA La Romania ha una superficie di Km quadrati e una popolazione di abitanti (con una densità di 91,01 abitanti per Km quadrato). Ha un estensione pari circa alle seguenti quattro regioni italiane: Piemonte, Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. La lingua ufficiale è il Rumeno è l unità monetaria è il Leu, suddiviso in 100 Bani. Il valore di cambio attuale è il seguente: 1 Euro = circa Nuovo Leu. Dopo questa breve premessa, iniziamo l analisi dei principali strumenti agevolativi messi a disposizione dal governo rumeno (tramite l Unione Europea) a favore delle imprese di diritto rumeno, che possono essere controllate anche da società straniere, purché localizzate sul territorio rumeno. Bando sulla formazione del personale Il presente bando si rivolge nei confronti delle Piccole, Medie e Grandi Imprese (così come definite dalla Commissione Europea) di diritto rumeno, anche se controllate al 100% da capitali stranieri. I progetti ammissibili a contributo sono i seguenti: formazione del personale aziendale relativamente a: l uso di nuove tecnologie di produzione e pratiche per lo sviluppo di nuovi prodotti; l uso di nuove tecnologie d informazione e comunicazione; programmi di formazione professionale: corsi di qualificazione e riqualificazione del personale dipendente delle imprese già esistenti. I costi ammissibili a contributo per il presente bando sono i seguenti: costo del personale occupato nel progetto, rappresentato dai salari netti più le imposte ed i contributi sociali; rimborso spese di trasporto e di soggiorno del personale che partecipa al progetto; acquisto di attrezzatura nuova o usata per i corsi di formazione e riqualificazione professionale; acquisto di servizi; costi per l affitto di locali destinati ai corsi di formazione professionale; cancelleria e materiale vario; spese generali. Il contributo a fondo perduto è pari all 80% dei costi ammissibili a contributo con un minimo di e un massimo di euro. Il bando è a sportello aperto e le domande possono essere presentate fino al 31 dicembre Bando per le agevolazioni a favore delle PMI che effettueranno investimenti produttivi Il presente bando si rivolge nei confronti delle PMI, delle microimprese e delle imprese di nuova costituzione, che soddisfano i seguenti requisiti: svolgono la propria attività in Romania; hanno un capitale interamente sottoscritto e versato da privati; hanno un fatturato annuo non superiore all equivalente in Lei di 50 milioni di Euro ed un totale di attività non superiore all equivalente in Lei di 43 milioni di Euro, con riferimento all ultimo bilancio approvato; hanno un numero medio di dipendenti impiegati annualmente non superiore a 249 unità; sono imprese o società di diritto rumeno anche se il 100% del capitale è sottoscritto o versato da stranieri. Pagina 7 di 12

8 Possono inoltre richiedere le agevolazioni solo le imprese che svolgono le seguenti attività: industria tessile; industria conciaria; industria del legno; industria cartaria; industria chimica, fibre sintetiche e artificiali; industria della gomma e delle materie plastiche; industria dei minerali non metalliferi; industria metallurgica; industria macchine ed apparecchi meccanici; industria macchine ed apparecchi elettrici; fabbricazione di mezzi di trasporto; altre industrie manifatturiere; fabbricazione macchine elettroniche ed ottiche. In base al presente bando un impresa è considerata di nuova costituzione se: è stata costituita da non più di due anni dalla data di richiesta del contributo ed ha conseguito redditi negli ultimi tre mesi dell ultimo anno fiscale; ha un numero medio annuo di dipendenti non superiore a 49; ha un volume d affari annuo non superiore all equivalente in Lei di 10 milioni di euro. Un impresa è considerata, invece, microimpresa se: è stata costituita da almeno 1 anno dalla data di richiesta del contributo ed ha conseguito redditi negli ultimi tre mesi; ha un numero medio annuo di dipendenti non superiore a 9; ha un volume di affari non superiore all equivalente in Lei di 2 milioni di euro. Un impresa è considerata, invece, piccola impresa se: è stata costituita almeno due anni prima dalla data di richiesta del contributo ed ha conseguito redditi negli ultimi due anni; ha un numero medio annuo di dipendenti compreso tra 10 e 49; ha un fatturato annuo non superiore all equivalente in Lei di 10 milioni di euro. Un impresa è considerata media impresa se: è stata costituita almeno due anni prima dalla data di richiesta del contributo ed ha conseguito redditi negli ultimi due anni; ha un numero medio annuo di dipendenti compreso tra 50 e 249; ha un fatturato annuo non superiore all equivalente in Lei di 50 milioni di euro ed un totale dell attivo patrimoniale non superiore all equivalente in Lei di 43 milioni di euro. Le spese ammissibili a contributo in base al presente bando sono le seguenti: acquisto di beni materiali e immateriali, quali terreni, edifici, macchinari, attrezzature, mezzi di trasporto, brevetti, marchi, ecc.; ricostruzione, ampliamento ed ammodernamento di beni immobili funzionali rispetto al progetto. Ad eccezione degli immobili di cui al punto b), è finanziato solo l acquisto di beni materiali nuovi e, comunque, sono ammissibili solo le spese sostenute successivamente alla presentazione della domanda di contributo. Pagina 8 di 12

9 Le agevolazioni concesse sono di due tipi: contributo a fondo perduto: per le imprese di nuova costituzione e per le microimprese, l importo massimo del contributo è pari ad euro ; per le PMI, l importo massimo del contributo è pari ad euro La percentuale massima di contributo in entrambi i casi è pari al 60% delle spese ammissibili. Finanziamento a medio e lungo termine: è concesso un finanziamento bancario a medio/lungo termine che andrà a coprire minimo il 25% del valore del progetto di investimento. In ogni caso l impresa beneficiaria del contributo deve apportare mezzi propri per un importo corrispondente al 15% del valore del progetto di investimento. Il bando sarà aperto nel giro di breve tempo. Al momento è in fase di selezione la Banca che accorderà ai beneficiari il finanziamento a medio/lungo termine. Bando per la concessione di agevolazioni a favore delle imprese che hanno effettuato investimenti in immobilizzazioni materiali ed immateriali nell anno 2005 Beneficiari del presente bando sono le PMI di diritto rumeno (anche se controllate al 100% da capitali stranieri) che presentano le seguenti caratteristiche: hanno la propria sede legale e operativa in Romania e svolgono l attività sul territorio rumeno; sono costituite e svolgono la loro attività da almeno un anno al momento della presentazione della domanda di agevolazioni finanziarie; hanno chiuso l esercizio 2005 (precedente a quello attuale, nel quale devono essere presentate le domande) con un risultato economico positivo e hanno reinvestito in tutto o parte gli utili conseguiti in tale esercizio. Le spese ammissibili a contributo sono rappresentate dalle somme spese nell anno 2005 per gli investimenti in: immobilizzazioni materiali (quali impianti, macchinari, attrezzature, personal computer e strumenti a contenuto tecnologico); immobilizzazioni immateriali (quali brevetti, diritti di autore, licenze, marchi di fabbrica, acquisto e realizzazione di programmi software). L agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 16% del valore delle somme spese nell anno 2005 per le immobilizzazioni di cui al paragrafo precedente. Il contributo non può comunque essere superiore a Lei (corrispondenti a circa euro) ed è calcolato esclusivamente sui beni acquistati o meglio fatturati e pagati dopo il 1 gennaio 2005 ed entrati in funzione nel processo produttivo entro il 31 dicembre Indipendentemente dal limiti di cui sopra, il contributo a fondo perduto non può in ogni caso essere superiore all ammontare delle imposte sul reddito pagate dall impresa richiedente nell anno Il contributo, infine, non viene concesso nelle seguenti ipotesi: immobilizzazioni materiali e immateriali acquisite tramite contratto di locazione finanziaria; immobilizzazioni materiali usate (deve trattarsi esclusivamente di beni nuovo di fabbrica); immobilizzazioni per le quali è stato effettuato l ammortamento anticipato in base alla legge n.571/2003 (legge dello Stato rumeno che disciplina alcuni aspetti della materia fiscale). Le domande di agevolazione finanziaria devono essere presentate entro il 5 dicembre Pagina 9 di 12

10 Bando per la certificazione di sistemi ambientali, di qualità, igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro. Il presente bando si rivolge nei confronti delle PMI, ma anche nei confronti delle Grandi Imprese, localizzate sul territorio rumeno (imprese di diritto rumeno, anche se controllate al 100% da capitali stranieri) operanti nel settore manifatturiero. Sono agevolabili le seguenti spese (da sostenere successivamente all approvazione della domanda di contributo): implementazione e certificazione sistemi di management della qualità e/o dei sistemi di management ambientale; implementazione e certificazione sistemi di management dell igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro, responsabilità sociale, igiene alimentare e/o sicurezza dell informazione. Il contributo a fondo perduto è pari a: 65% delle spese sostenute nel caso di spese della tipologia a); 75% delle spese sostenute nel caso di spese della tipologia b). Il bando è attualmente aperto e opera con la formula di bando a sportello aperto (fino ad esaurimento risorse disponibili). REPUBBLICA SLOVACCA La Repubblica Slovacca ha una superficie di chilometri quadrati ed una popolazione di abitanti (densità 110,1 abitanti per Km quadrato), come la nostra Campania. La lingua ufficiale del Paese è lo Slovacco, ma è diffuso anche l ungherese. Per le attività economico commerciali viene utilizzato l inglese. L unità monetaria è la Corona Slovacca (Sk), liberamente convertibile e suddivisa in 100 alleri (h). Il valore di cambio attuale è il seguente: 1 euro = circa 37,75 Corone Slovacche. Bando per l internazionalizzazione (sviluppo della collaborazione internazionale e promozione locale dell industria e dei servizi) Beneficiari del presente bando sono le PMI e le Grandi Imprese di diritto slovacco, localizzate sul territorio della Repubblica Slovacca, anche se controllate al 100% da capitali stranieri. Le spese ammissibili alle agevolazioni previste dal presente bando sono le seguenti: prima partecipazione dell impresa a mostre e fiere nella Repubblica Slovacca e a fiere e mostre all estero; prima partecipazione dell impresa alle missioni commerciali all estero; spese per servizi di consulenza (effettuate un unica volta) nell ambito delle informazioni attinenti al marketing, investimenti e al sostegno del commercio internazionale. L agevolazione sotto forma di contributo a fondo perduto è pari al 65% delle spese ammissibili, con un minimo di euro ed un massimo di euro. La durata della realizzazione del progetto non deve superare i 24 mesi. Le domande di agevolazione per l anno 2006 si sono chiuse in data 16 agosto e i fondi messi a disposizione erano pari a circa euro. Il bando sarà sicuramente riaperto nell anno Pagina 10 di 12

11 Bando ambiente per la protezione dell atmosfera Beneficiari del presente bando sono: PMI di diritto slovacco costituite e operative da almeno 1 anno; Grandi Imprese, incluse le persone giuridiche e le imprese con partecipazione patrimoniale straniera; Pubblica Amministrazione (settore pubblico). Per quanto riguarda i settori produttivi, sono inclusi tutti i settori produttivi ad eccezione dei seguenti: produzione, lavorazione e vendita dei prodotti agricoli; industria ittica e mineraria; trasporti; industria siderurgica, navale, delle fibre sintetiche e automobilistica. I progetti ammissibili agli aiuti (sia regionali che nazionali) sono i seguenti: costruzione degli impianti per lo sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili (biomasse, solare termico e fotovoltaico, eolico); installazione delle tecnologie di separazione e altre tecnologie end-of-pipe per l abbassamento delle sostanze inquinanti nei gas di scarico; cambiamento dei processi tecnologici o dei processi produttivi attraverso l installazione di tecnologie pulite o che riducono l inquinamento ambientale; installazione degli impianti orientati al riciclaggio, rigenerazione e neutralizzazione delle sostanze danneggianti lo strato di ozono; sostegno agli investimenti nella raccolta, riciclaggio, rigenerazione e neutralizzazione delle sostanze danneggianti lo strato di ozono. L agevolazione sotto forma di contributo a fondo perduto non è soggetta a nessuna limitazione. Il richiedente, però, deve coprire almeno il 5% delle spese totali del progetto di investimento con mezzi e risorse proprie. I contributi variano in funzione della tipologia del soggetto richiedente: 65% a fondo perduto ( somma degli aiuti statali e regionali ) nel caso di PMI ; 50% a fondo perduto ( somma degli aiuti statali e regionali ) nel caso di Grandi Imprese; 75% a fondo perduto nel caso della Pubblica Amministrazione. I progetti dove le spese ammissibili a contributo superano i 25 milioni di euro e il contributo stesso supera i 5 milioni di euro devono essere approvati dall Ufficio per gli aiuti pubblici, il quale deve richiedere l approvazione da parte della Commissione Europea, essendo la Repubblica Slovacca entrata a far parte della UE. Il presente bando è stato riaperto in data 9 maggio Pagina 11 di 12

12 GLOSSARIO Contributi a fondo perduto La maggior parte dei bandi di finanziamento offrono contributi a fondo perduto, cioè somme di denaro stabilite in proporzione agli investimenti eseguiti. I contributi ottenuti non devono quindi essere restituiti e vengono erogati a fronte di investimenti per lo sviluppo dell'azienda. FESR Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) è un Fondo Comunitario istituito nel 1975 per promuovere la coesione economica e sociale riducendo le disparità regionali nell'unione Europea. La finalità generale del FESR nel periodo è quella di contribuire a ridurre i principali squilibri regionali e favorire lo sviluppo e la riconversione economica e sociale delle zone con problemi strutturali. Il FESR concorre in particolare alla promozione di uno sviluppo sostenibile e alla creazione di posti lavoro durevoli.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di WKI - Ipsoa Editore Fonte: Finanziamenti su misura News Rivista di agevolazioni e tecniche finanziarie, Ipsoa Editore Copyright: WKI - Ipsoa Editore Pagina 12 di 12

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Breve guida agli aiuti di Stato

Breve guida agli aiuti di Stato Breve guida agli aiuti di Stato Indice Lazioeuropa Temi e approfondimenti Breve guida agli aiuti di Stato Introduzione 3 1. Definizione di aiuto di Stato 5 1.1 Il principio dell investitore privato 8 2.

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni Decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527 - Regolamento recante le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle attività produttive nelle aree depresse

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia

Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia INTRODUZIONE L energia rappresenta una delle principali sfide che l UE è chiamata ad affrontare nei prossimi anni. Se da un lato, vi è la necessità di

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli