Petria 18 (3), (2008) CRA-PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale. Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Petria 18 (3), 421-565 (2008) CRA-PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale. Introduzione"

Transcript

1 Petria 18 (3), (2008) CRA-PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale Introduzione L incontro di Roma su la Patologia Vegetale nelle linee strategiche-programmatiche del CRA ha fornito un inventario delle competenze e delle professionalità presenti all interno dell Ente volte a migliorare le conoscenze in questo specifico settore disciplinare e a definire strumenti di difesa innovativi ed applicabili nel rispetto della salute umana e dell ambiente. Le due giornate di lavoro hanno visto la partecipazione di numerosi ricercatori afferenti a sette Centri e sette Unità del CRA, che hanno presentato i più rilevanti e recenti risultati acquisiti nel corso della loro attività scientifica. Le numerose tematiche trattate, quali l approfondimento delle conoscenze nell ambito della interazione pianta-patogeno, l ottenimento di piante di interesse agrario e forestale resistenti alle malattie, il controllo e la qualificazione sanitaria del materiale di propagazione vegetale, la messa a punto di strategie di difesa sviluppate nel rispetto della qualità e sicurezza degli alimenti, sono state oggetto di discussione ed ampio dibattito e potranno essere il prerequisito necessario per una armonizzazione ed aggregazione delle varie competenze nell ambito delle linee di ricerca che potranno nel futuro costituire oggetto di specifici progetti di ricerca. La pubblicazione di questi Atti vuole essere una testimonianza della intensa attività scientifica e della professionalità con cui il personale dell Ente CRA opera per limitare i danni e le conseguenti perdite economiche che i patogeni vegetali causano sulla quasi totalità delle colture vegetali di interese agrario e forestale e sul verde urbano e paesaggistico. Da questo Incontro è emersa, inoltre, la necessità per il CRA di programmare una strategia nel settore al fine di finalizzare le competenze verso gli obiettivi più rilevanti ed importanti per gli operatori del settore. Marina Barba III

2 Petria 18 (3), (2008) CRA-PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale Introduction The workshop Plant Pathology: strategies and programs of CRA provided a comprehensive information on scientific activities of CRA scientists involved in this specific field of research. These scientists are working on innovative disease control strategies which take into consideration good human health and improvement of the environment. More than 75 researchers, belonging to 7 Research Centers and 7 Research Units of CRA, attended the two day meeting and presented the most recent and relevant results of their research activities. The main topics covered by the workshop participants were: plant-pathogen interactions, production of economically important crops and forest trees resistant to diseases, pathogen control and improvement of phytosanitary standard of propagative material. Results presented are a good prerequisite to harmonize and gather different scientific expertise that allow to define common research projects. The Proceedings published in this special issue of Petria are good evidence of the vast research activities and of the high scientific level and quality of CRA scientists. Different research activities are aimed at reducing economic losses caused by pathogens affecting agronomic important crops, forest trees and ornamental trees in urban environment. This workshop has also paved the way for the executive staff of CRA to plan well future strategic programs in the plant pathology field in order to better finalize available scientific expertise towards objectives relevant and strategically important for all people involved in all aspects of the agriculture field. Marina Barba IV

3 Petria 18 (3), (2008) CRA-PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale La Patologia Vegetale nelle linee Strategiche-programmatiche del CRA Roma giugno 2008 Programma Mercoledì 18 giugno 10:00 Registrazione e apertura lavori 11:00 Sessione I: Interazione pianta-patogeno e resistenza Moderatore: Natale Di Fonzo Osservazioni sulle interazioni pianta-virus che condizionano il patosistema degli agrumi G. Sorrentino, A. Caruso Strategie innovative per la resistenza a virosi V. Ilardi, E. Di Nicola Negri, L. Salandri Ricerche coordinate dall Unità di Ricerca per la Frutticoltura di Caserta sul problema delle fitoplasmosi di fragola, pero, albicocco e susino M. Pastore Effettomica di Pseudomonas syringae pv. tomato e altre linee di ricerca in patologia vegetale M. Zaccardelli, F. Campanile, A. Del Galdo Studio e impiego di marcatori genomici nel miglioramento genetico del riso per resistenza a Pyricularia grisea E. Lupotto, S. Cavigiolo, C. Lanzanova, D. Greppi, G Bruschi, G. Valè, G. Tacconi Ricerche sulla interazione pianta-patogeno al CRA GPG. L. Bernardo, C. Biselli, D. Bulgarelli, G. Tacconi, S. Urso, A.M. Stanca, G. Valè Resistenza a patogeni fungini per migliorare la qualità dei frumenti coltivati M. Pasquini, A. Iori, F. Nocente, A. Matere, L. Sereni, A. L Aurora, L. Gazza, F. Casini Mais e patogeni fungini: valutazione di genotipi per resistenza e ruolo della proteina b-32 C. Balconi, A. Ferrari, N. Berardo, A. Verderio, H. Hartings, M. Motto V

4 Petria 18 (3), (2008) CRA-PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale Discussione 13:15 14:45 Pranzo 14:45 Sessione II: La difesa delle colture: modelli previsionali e sistemi innovativi Moderatore: Riccardo Aleandri Sistema di modelli per la simulazione delle epidemie causate da funghi patogeni sulla porzione aerea delle colture F. Salinari, V. Rossi, M.L. Manici Rhizoctonia solani e antagonisti fungini R. Nicoletti, E. Lahoz, A.Carella, R. Caiazzo Applicazioni di Trichoderma in programmi di difesa di colture industriali e studio dei meccanismi d azione S. Galletti, P.L. Burzi, C. Cerato Gliocladium roseum come induttore di resistenza ed uso di isolati resistenti a fitofarmaci nel controllo integrato E. Lahoz, R. Nicoletti, R. Caiazzo, A. Carella Fungicida naturale per il contenimento di Erysiphe betae (vanha) e E. cichoracearum (DC) D. Rongai, C. Cerato Oli essenziali e loro componenti per il controllo di funghi micotossigenici in cereali. C. Morcia, P. Faccioli, G. Tacconi, M. Malnati, V. Terzi Discussione 16:30 17:00 Pausa caffè 17:00 Sessione III: Controllo e risanamento all interno delle filiere Agroalimentari Moderatore: Stefano Bisoffi Controllo delle filiere agroalimentari e della qualità delle produzioni agricole E. Conte, S. Lucchesi, C. Petricca VI

5 Petria 18 (3), (2008) CRA-PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale Studio volto a salvaguardare la qualità della produzione in territori interessati da contaminazioni pregresse da organoclorurati L. Donnarumma Sviluppi sperimentali nella difesa post-raccolta degli agrumi in Italia G. Lanza, E. Di Martino Aleppo, M.C. Strano, M. Calandra, V. Aloisi, D. Privitera Il rischio microbiologico sui vegetali di quarta gamma V. Caponigro, L. Amato Tracciabilità molecolare di funghi micotossigenici in cereali a paglia V. Terzi, C. Morcia, P. Faccioli, V. Rossi Le tecniche di risanamento applicate agli agrumi e mantenimento dello stato sanitario G. Russo, A. Caruso Discussione 18,45 19,00 Chiusura lavori VII

6 Petria 18 (3), (2008) CRA-PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale Giovedì 19 giugno 09:00 Saluti del Presidente Romualdo Coviello 09:30 Sessione IV: Biodiversità dei microorganismi fitopatogeni Moderatore: Paolo Ranalli La diagnostica di virosi e fitoplasmosi della vite M. Borgo, E. Angelini, I. Bazzo, N. Bertazzon, L. Filippin Studio della variabilità molecolare di Stolbur e Candidatus Phytoplasma prunorum G. Pasquini, L. Ferretti Analisi della variabilità molecolare di hop stunt viroid. F. Faggioli Biodiversità in Pseudomonas e Xanthomonas fitopatogeni. M. Scortichini Popolazioni di Heterobasidion annosum in Italia centrale. L. D Amico, E. Motta, T. Annesi, M. Scirè Discussione 11:00 11:15 Pausa caffè 11:15 Sessione V: Problematiche sanitarie emergenti Moderatore: Maurizio Desantis Studi epidemiologici e caratterizzazione del virus del mosaico del pepino nell ambito del progetto Europeo PEPEIRA L. Tomassoli, A. Tiberini Gestione di un emergenza ambientale e fitopatologica nella pineta di Castel Fusano E. Motta, L. D Amico, T. Annesi, M. Scirè Le emergenze fitopatologiche nel verde urbano T. Annesi, E. Motta, L. D Amico, G. Mazza, M. Scirè Aspetti sanitari dell arboricoltura da legno, con particolare riferimento alla pioppicoltura A. Giorcelli, M. Gennaro Necrosi apicale bruna e necrosi grigia: malattie complesse della frutta a guscio A. Belisario, A. Santori VIII

7 Petria 18 (3), (2008) CRA-PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale Complesso della septoriosi su frumento duro e tenero A. Iori, A. L Aurora, L. Gazza, A. Matere, L. Sereni, F. Casini, M. Pasquini Discussione 13:00 14:00 Pranzo 14:00 Sessione VI: La diagnosi per la difesa delle colture agroforestali Moderatore: Giovanna Sinatra Metodi diagnostici e caratterizzazione di virus e virus simili degli agrumi con particolare riferimento ai patogeni emergenti M. Guardo, T. Marletta, A. Caruso Strumenti diagnostici per il rilevamento di patogeni virali di rilevante importanza fitosanitaria G. Pasquini, F. Faggioli, L.Tomassoli, M. Barba Messa a punto di un metodo di diagnosi per L identificazione di Pseudomonas viridiflava, agente di una batteriosi del ranuncolo L. Gaggero, P. Curir, C. Pasini Caratterizzazione e diagnosi di batteri fitopatogeni: gli esempi di Pseudomonas avellanae e Brenneria nigrifluens S. Loreti, A. Gallelli, D. De Simone Pyrenochaeta lycopersici: un caso di studio per malattie trasmissibili attraverso il terreno A. Infantino, M. Aragona, N. Pucci Diagnostica per la difesa della vite contro patogeni fungini al CRA VIT M. Borgo, E. Angelini, I. Bazzo, D. Bellotto, G. Dal Cortivo, L. Lucchetta, O. Repetto, L. Stringher IX

8

9 Petria 18 (3), (2008) CRA-PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale SESSIONE I Interazione pianta-patogeno e resistenza Moderatore: Natale Di Fonzo Osservazioni sulle interazioni pianta-virus che condizionano il patosistema degli agrumi G. Sorrentino, A. Caruso 421 Strategie innovative per la resistenza a virosi V. Ilardi, E. Di Nicola Negri, L. Salandri 425 Ricerche coordinate dall Unità di Ricerca per la Frutticoltura di Caserta sul problema delle fitoplasmosi di fragola, pero, albicocco e susino M. Pastore 428 Effettomica di Pseudomonas syringae pv. tomato e altre linee di ricerca in patologia vegetale M. Zaccardelli, F. Campanile, A. Del Galdo 432 Studio e impiego di marcatori genomici nel miglioramento genetico del riso per resistenza a Pyricularia grisea E. Lupotto, S. Cavigiolo, C. Lanzanova, D. Greppi, G Bruschi, G. Valè, G. Tacconi 435 Ricerche sulla interazione pianta-patogeno al CRA GPG L. Bernardo, C. Biselli, D. Bulgarelli, G. Tacconi, S. Urso, A.M. Stanca, G. Valè 439 Resistenza a patogeni fungini per migliorare la qualità dei frumenti coltivati M. Pasquini, A. Iori, F. Nocente, A. Matere, L. Sereni, A. L Aurora, L. Gazza, F. Casini 441 Mais e patogeni fungini: valutazione di genotipi per resistenza e ruolo della proteina b-32 C. Balconi, A. Ferrari, N. Berardo, A. Verderio, H. Hartings, M. Motto 445

10

11 Osservazioni sulle interazioni pianta-virus che condizionano il patosistema degli agrumi G. Sorrentino, A. Caruso CRA ACM Centro di Ricerca per l Agrumicoltura e le Colture Mediterranee C.so Savoia, 190 I Acireale (CT) Notevole è l influenza della interazione ospite-patogeno in agrumicoltura; nel recente passato le scelte varietali e del portinnesto sono state condizionate dalla presenza di patogeni quali la Psorosi (CPsV) e i viroidi della Exocortite (CEVd) e Cachexia (HSVd), caratterizzati da una elevata capacità di trasmissione con materiale vegetale e attrezzi. Attualmente la diffusione di Citrus tristeza virus (CTV) in vaste aree agrumicole italiane, ha ulteriormente influito sulle scelte di specie e varietà di agrumi e soprattutto del portinnesto, con interazioni ospite-patogeno che si sono sovrapposte a quelle già note per i patogeni sopra citati. La diffusione di isolati diversi di CTV, in aree ben identificabili, ha permesso di studiare questa ulteriore variabile nel rapporto tra pianta ospite e patogeno in relazione a quelle già note. Sono stati valutati di conseguenza gli effetti della interazione CTV-ospite, nonchè sulla diffusione, sulla sintomatologia e sulle ricadute quanti-qualitative sulla produzione degli impianti caratterizzati da condizioni e parametri differenti. Il lavoro si è concentrato in differenti aree agrumicole, ove sono stati riscontrati focolai di CTV, alcuni dei quali oggi hanno assunto una notevole importanza per la zona in cui ricadono. Primo obiettivo del lavoro è stato un monitoraggio a largo raggio delle zone agrumicole più significative, con la individuazione di differenti focolai mediante saggi immunoenzimatici associati a saggi biologici e molecolari; una volta individuato un focolaio, all interno dello stesso è iniziata la valutazione delle differenti combinazioni di specie e cultivar di agrumi e dei differenti portinnesti presenti. Nel periodo sono stati valutati alcuni parametri rilevanti; nelle aree focolaio sono stati selezionati dei blocchi omogenei di piante, rappresentativi per le differenti combinazioni ipobionte/epibionte ed è stata seguita la diffusione del patogeno sull intero blocco e lo sviluppo della sintomatologia caratteristica. In ogni blocco poi sono stati rilevati i parametri produttivi,valutandoli sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo. Particolare attenzione è stata dedicata alla combinazione tra arancio dolce cultivar Tarocco e i due portinnesti maggiormente diffusi nell agrumicoltura italiana, l arancio amaro e il Citrange, il primo sensibile a CTV in combinazione con l arancio dolce e il secondo tollerante nella medesima combinazione. 421

12 Lo studio ha mostrato nelle aree focolaio un incremento costante della percentuale di piante infette, i valori sono passati nella media dal 19,8% iniziale (maggio 2002) al 97,8% (maggio 2007) con un valore massimo di infezione pari al 98,6% in due blocchi posti nel focolaio di maggiore importanza. Essendo presente in Italia ad oggi, come vettore di CTV esclusivamente Aphis gossipii Glover le curve di incremento dell infezione sono state confrontate con le curve di diffusione elaborate in altre aree agrumicole, caratterizzate dal medesimo vettore. La valutazione della produzione negli impianti infetti coltivati a arancio dolce cultivar Tarocco innestato su arancio amaro, ha mostrato una riduzione percentuale media della produzione/pianta del 36% nelle piante infette da CTV, con una riduzione del 77% nelle piante infette e mostranti uno stato vegetoproduttivo molto compromesso; nelle piante di arancio dolce cultivar Tarocco innestate su Citrange troyer, la riduzione della produzione/pianta è stata inferiore al 4% nelle piante infette rispetto alle piante sane, statisticamente non significativa. La qualità dei frutti prodotti ha subito una variazione tra piante infette e piante sane esclusivamente nella combinazione arancio dolce cultivar Tarocco / arancio amaro, con una riduzione media degli acidi pari al 19,4% e un incremento del rapporto di maturazione del 20,5% rispetto alle piante sane, mentre la stessa cultivar innestata su Citrange troyer non ha mostrato variazioni di rilievo. Contemporaneamente è stata valutata la azione di un complesso di viroidi degli agrumi (CVds complex) su arancio dolce Navelina ISA 315 innestato su Rubidoux trifoliate orange, Swingle CPB 4473 citrumelo, Carrizo CES 2863, BA-300 and Thomasville citranges, inoculando le differenti combinazioni e ponendole a confronto in un campo, costituito per blocchi randomizzati, con piante non inoculate e con le stesse combinazioni ipo/epibionte. In merito alla prova condotta su arancio dolce cultivar Navelina ISA 315 innestato su Rubidoux trifoliate orange, Swingle CPB 4473 citrumelo, Carrizo CES 2863, BA-300 and Thomasville citranges, si è rilevato per tutte le combinazioni di innesto uno sviluppo ridotto rispetto alle piante delle stesse combinazioni non inoculate, le due combinazioni che hanno mostrato una maggiore riduzione nella crescita delle piante sono state quelle su Rubidoux trifoliate orange and BA-300 citrange, inoltre, i sintomi tipici dei viroidi degli agrumi (bark-scaling, gommosi e ingiallimento della chioma) sono stati riscontrati su arancio trifoliato Rubidoux, mentre il citrange BA-300 non ha manifestato alcun sintomo dopo nove anni dall inoculo. Parole chiave: Monitoraggio, Diffusione, Parametri produttivi, Viroidi, CTV. 422

13 Observations about the plant-virus interactions influencing the citrus pathosystem The influence of host-pathogen interaction in citriculture is significant; in the recent past the choice of varieties and rootstocks were conditioned by pathogens like Psorosis (CPsV) and viroids like Exocortitis (CEVd) e Cachexia (HSVd) which are easily transmitted by plant material and tools. The current infestation of the Citrus tristeza virus (CTV) in vast agricultural areas of Italy has further complicated the choice of citrus species, varieties and particularly rootstocks as regards host-pathogen interaction. The spread of isolates other than CTV in well-defined areas has given rise to host-pathogen studies of this variable by comparison with those in the literature. Consequently, the effects of CTV-host interaction have been evaluated as well as spread, symptomatology and the quantitative/qualitative consequences for producing facilities with different parameters and conditions. The work concentrated on different agricultural areas where there have been CTV outbreaks some of which have had devastating effects on the local area citriculture. The main aim of the work was the wide-range monitoring of the most significant areas by identifying the outbreaks through immunoenzymatic sampling associated with biological and molecular samples; once identified, the different species, citrus cultivar and rootstock combinations within it were evaluated. Between 2002 and 2007 some significant parameters were evaluated; in the outbreak zones blocks of the same plant were selected representing the different scion/rootstock combinations and has been valued in the block the spread of the pathogen and the characteristic symptoms development. Then in each block the production parameters were assessed both qualitatively and quantitatively. Particular attention was paid to the combination of the sweet orange Tarocco and the two most commonly used rootstocks in Italy the sour orange and citrange, the first being susceptible to CTV and the latter tolerant. In the outbreak zones, the study showed a constant increase in infected plants from 19.8% (May 2002) to 97.8% (May 2007) with a maximum at 98.6% in two blocks in the worst hit areas. Since the only CTV vector in Italy to date is Aphis gossipii Glover the infection curves were compared to those from other infected areas. The production estimates for CTV infected sweet orange Tarocco crops grafted on sour orange showed an average reduction of 36% with a reduction of 77% for the infected trees showing severe decline; for sweet orange Tarocco grafted on Citrange troyer, the reduction in production was less than 4% in infected plants compared to uninfected ones which is statistically insignificant. Fruit quality only varied between infected and uninfected plants in the sweet orange Tarocco /sour orange combination with an average reduction of 19.4% and an increase in the maturation ratio of 20.5% compared with healthy plants whereas the same cultivar grafted on Citrange troyer showed no significant variation. 423

14 At the same time, the effects of a citrus viroid complex (CVds) were evaluated on sweet Navelina ISA 315 grafted on Rubidoux trifoliate orange, Swingle CPB 4473 citrumelo, Carrizo CES 2863, BA-300 and Thomasville citranges by inoculation and comparing them in an orchard made up of random blocks including non-inoculated plants. As regards the tests on sweet Navelina ISA 315 grafted on Rubidoux trifoliate orange, Swingle CPB 4473 citrumelo, Carrizo CES 2863, BA-300 and Thomasville citranges reduced development was shown compared to non-inoculated plants. Most reduction was shown by Rubidoux trifoliate orange and BA-300 citrange and furthermore typical citrus viroid symptoms (bark-scaling, gumming and canopy yellows) were found on Rubidoux trifoliate orange, whereas BA-300 citrange did not show any symptoms after nine years from inoculation. Key words: Monitoring, Diffusion, Production parameters, Viroids, CTV. 424

15 STRATEGIE INNOVATIVE PER LA RESISTENZA A VIROSI V. Ilardi, E. Di Nicola-Negri, L. Salandri CRA PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale Via C.G. Bertero, 22 I Roma Le piante colpite da malattie di origine virale non possono essere curate con fitofarmaci. La migliore strategia contro questo genere di patogeni è, quindi, l ottenimento di resistenza intesa sia come resistenza genetica sia come induzione di resistenza mediante stimolazione dei meccanismi di difesa delle piante. Resistenza genetica a Plum pox virus mediante RNA interference: non sempre è possibile reperire in natura fonti genetiche di resistenza trasferibili alle varietà d interesse mediante le classiche tecniche del breeding per cui, in taluni casi, è necessario avvalersi di strategie innovative quali le biotecnologie. Questo è il caso della resistenza alla sharka delle drupacee causata dal patogeno da quarantena Plum pox virus (PPV). Mediante la strategia dell RNA interference (RNAi) è stata ottenuta, in un sistema modello, immunità non solo verso l isolato a partire dal quale è stato prodotto il gene sintetico (Di Nicola-Negri et al., 2005), ma anche verso altri isolati di PPV afferenti ai ceppi D, M, Rec, EA e C (Di Nicola-Negri, V. Ilardi, 2006). Tale immunità perdura anche al variare della temperatura (Di Nicola-Negri, V. Ilardi, 2007) ed anche durante infezioni miste con altri virus appartenenti allo stesso o ad altro genere (manoscritto in preparazione). Inoltre, è stato osservato che è sufficiente un singolo locus con una singola copia del gene per ottenere immunità a PPV, benché questo non sia un requisito inderogabile (Ilardi et al., 2007). Il costrutto genico (PPV 5 UTR/P1 ) grazie al quale sono stati ottenuti i migliori risultati in pianta modello è stato recentemente inserito in susino dal gruppo di Damiano (CRA FRU di Roma). Induzione di tolleranza a Cucumber mosaic virus in pomodoro con analogo di poliammine: una strategia alternativa e innovativa per la lotta alle virosi è il trattamento delle piante con sostanze in grado di stimolare e/o rafforzare le difese naturali che le piante mettono in atto durante le infezioni. Le poliammine (PA) sono piccole molecole basiche presenti in tutti gli organismi viventi. Nelle piante le PA sono implicate nei meccanismi di difesa dai patogeni. Il Cucumber mosaic virus (CMV) è il fitovirus con il più ampio spettro di ospiti, infettando circa 1000 specie di piante in tutto il mondo. Dal 1987 questo virus causa ingenti danni alla coltura del pomodoro riducendone fortemente la produttività. Verranno riportati degli esperimenti condotti t r a t t a n d o diverse varietà di pomodoro (Corbarino, Galatino, Vesuviano e UC82B) ed un ibrido (Tomito) con poliammine (spermidina e putrescina) ed un analogo (guazatina) per l induzione di tolleranza al CMV (Di Nicola-Negri et al., 2007). Parole chiave: Virus, Resistenza, RNAi, Poliammine, Sharka, PPV, CMV, Pomodoro. 425

16 New strategies to obtain virus resistance in plants Once virus infected plants it is not possible to recover them by treating the same with chemicals. The best strategy is to obtain plants resistant to viruses, meaning both genetic resistance and induction of resistance. Resistance to Plum pox virus (PPV) by RNA interference: PPV is the pathogen responsible for the detrimental sharka disease of stone fruit. In order to obtain resistance to PPV infection we have developed PPV-derived gene constructs based on the hairpin RNAi technology (Di Nicola-Negri et al., 2005). The PPV 5 UTR/P1 construct was able to induce immunity in model plants to the transgene-homologous PPV isolate and to distantly related PPV isolates belonging to D, Rec, EA and C strains (Di Nicola-Negri and V. Ilardi, 2006). Plants harbouring the PPV 5 UTR/P1 construct are resistant to PPV infection also at low temperatures (Di Nicola-Negri and V. Ilardi, 2007) and in mixed infection with viruses belonging to the same or different genera (manuscript in drafting). Moreover, a single transgenic locus with a single transgene is sufficient for obtaining plants completely resistant to PPV infection, although it is not an absolute prerequisite (Ilardi et al., 2007). Induction of tomato tolerance to Cucumber mosaic virus (CMV) by a polyamine analogue: CMV is one of the most important viruses of tomato causing important yield losses worldwide. The polyamines are low-molecular weight organic compounds involved in plant defence responses elicited by pathogens. In order to analyse the influence of polyamines on CMV infection four tomato cvs (corbarino, galatino, vesuviano and UC82B) and one hybrid (tomito) were sprayed with putrescine and spermidine as well as the polyamine analogue guazatine. The results of the impact of polyamines treatments on CMV infection will be shown. Key words: Virus, Resistance, RNAi, Polyamines, PPV, Sharka, CMV, Tomato. 426

17 Lavori citati/references Di Nicola Negri E., A. Brunetti, M Tavazza and V. Ilardi, Hairpin RNAmediated silencing of Plum pox virus P1 and HC-Pro genes for efficient and predictable resistance to the virus. Transgenic Research, 14, Di Nicola-Negri E., V. Ilardi Silencing of PPV 5 UTR/P1 sequences confers resistance to a wide range of PPV isolates. XIII convegno SIPaV, Foggia, settembre. Journal of Plant Pathology, 88, (3) S19-S20. Di Nicola-Negri E., L. Salandri, V. Ilardi Temperature does not affect resistance to PPV conferred by RNA silencing of PPV 5 UTR/P1 sequence. XIV convegno SIPaV, Perugia, settembre. Journal of Plant Pathology, 89 (3) S16. Di Nicola-Negri E., P. Tavladoraki, L. Salandri, V. Ilardi Influence of polyamines treatments on Cucumber Mosaic virus (CMV) tomato infection. XIV convegno SIPaV, Perugia, settembre. Journal of Plant Pathology, 89 (3) S Ilardi V., Di Nicola Negri E., Brunetti A., Gentile A., Monticelli S., C. Damiano, RNA interference for Sharka disease resistance. Acta Horticulturae, 738,

18 Ricerche coordinate dall Unità di Ricerca per la Frutticoltura di Caserta sul problema delle fitoplasmosi di fragola, pero, albicocco e susino M. Pastore CRA FRC Unità di Ricerca per la Frutticoltura di Caserta Via Torrino, 3 I Caserta Questa Unità di Ricerca del CRA ha acquisito tutte le metodologie all avanguardia per lo studio delle fitoplasmosi che danneggiano arboree, erbacee e rosacee. Gli studi sui batteri privi di parete cellulare, responsabili di numerosi squilibri vegeto-produttivi, fino alla perdita di numerose piante in monocoltura, sono iniziati quando una collezione di pero ed una collezione di albicocco sono state sradicate per l alta percentuale di piante infette da fitoplasmi (Pastore et al.,1995) (Pastore et al.,1998). Sono state subito avviate cooperazioni internazionali con gli Stati Uniti e con la Cina, rispettivamente, per apprendere e per divulgare le metodiche di caratterizzazione dei fitoplasmi (Lee et al., 1997), (Tian et al., 2000). L approvazione da parte del Ministero dell Università di una proposta di lavoro interdisciplinare ci ha consentito di raggiungere interessanti risultati, in particolare, sulla interazione vettorepianta ospite nella diffusione dei fitoplasmi. Infatti le analisi molecolari sugli insetti raccolti negli albicoccheti, susineti e fragoleti infetti e gli esperimenti di trasmissione da insetto infetto ad albicocco e susino sani hanno indicato Empoasca decedens come probabile vettore del fitoplasma del sottogruppo 16Sr X-B nell albicocco e nel susino e Trialeurodes vaporariorum come probabile vettore del sottogruppo 16Sr I-C nelle fragole (Pastore et al., 2004a.), (Pastore et al., 2004b.) (Pastore et al., 2006a.), (Pastore et al., 2006b.). Nell ambito di tale progetto sono stati identificati geni sovra/sotto espressi in piante infette di albicocco (Carginale et al., 2004). Inoltre è stato ottenuto un finanziamento dall Assessorato alla Ricerca Scientifica della Regione Campania per studiare l effetto di una proteina inattivante i ribosomi (RIP), estratta da Phytolacca americana, sulla sintomatologia di piante erbacee infette (Veronesi et al., 2000). Dal 2005 è in corso un progetto di ricerca finanziato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali per capire se vi sono relazioni tra la nutrizione minerale delle foglie e la loro sensibilità al fitoplasma (Rossi et al., 2008), se, grazie alla metodica innovativa della PCR quantitativa (Martini et al., 2007), è possibile 428

19 correlare il numero di copie del patogeno con i diversi sintomi di danno espressi dalla pianta ospite, e se lo stesso sottogruppo di fitoplasma può indurre le stesse modificazioni trascrizionali in piante ospiti diverse (De Luca et al., 2008). Parole chiave: Fitoplasmi, Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Scientifica, Assessorato alla Ricerca della Regione Campania, Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. The research programmes coordinated by Caserta - CRA Unità di Ricerca per la Frutticoltura on the problems of damages of strawberry, pear, apricot and plum affected by phytoplasmas This Research Unit of Council for Research in Agriculture acquired all the new methods in order to study phytoplasmas affecting fruit, herbaceous and rosaceous plants. The studies carried out on these bacteria without cell wall, responsible of numerous damages, overall in monoculture, started when a pear collection and a apricot collection were eradicated for the high percentage of plants infected by phytoplasmas (Pastore et al.,1995) (Pastore et al.,1998). Bilateral cooperation programs were established with USA and China in order to, respectively, acquire and transfer the methods for detection and characterization of phytoplasma micro-organisms(lee et al., 1997), (Tian et al., 2000). The opportunity to propose research programme to the Ministry of University allowed us to work together with competences and to obtain interesting results about interaction vector- host plant in phytoplasmas spreading. In fact molecular analyses on insects collected in infected fields and the experiments for transmission of phytoplasma from infected insects to isolated healthy plant indicated Empoasca decedens and Trialeurodes vaporariorum, respectively, as vectors of 16Sr X-B phytoplasma subgroup in apricot and plums and 16Sr I-C phytoplasma subgroup in strawberry respectively (Pastore et al., 2004a.), (Pastore et al., 2004b.) (Pastore et al., 2006a.), (Pastore et al., 2006b.), A mrna display technique identified genes whose transcription was altered in leves infected by the ESFY agent (Carginale et al., 2004). We furthermore obtained funds by Campania Region in order to study the effect of a Ribosome Inactivating Protein (RIP), extracted by Phytolacca americana, on symptomatology of infected herbaceous plants, (Veronesi et al., 2000). Since 2005 is in progress a research project financed by Ministry of Agriculture to understand if there are relationships between leaf mineral nutrition and the presence of phytoplasma in the plants (Rossi et al., 2008) and, utilizing the new method of quantitative PCR (Martini et al., 2007), between the genome units of phytoplasma DNA and the symptoms of damage expressed by the host plants, if the same sub- 429

La Patologia Vegetale nelle linee Strategiche-programmatiche del CRA

La Patologia Vegetale nelle linee Strategiche-programmatiche del CRA CRA-PAV Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale La Patologia Vegetale nelle linee Strategiche-programmatiche del CRA Roma 18-19 giugno 2008 Comitato Organizzatore Marina Barba Vincenza Ilardi Stefania

Dettagli

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più.

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Piante transgeniche prive di geni marker I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Possibili problemi una volta in

Dettagli

guido.sorrentino@entecra.it

guido.sorrentino@entecra.it CURRICULUM VITAE ET S T U D I O R U M Dott. Guido Sorrentino (Ricercatore III Liv.) guido.sorrentino@entecra.it Nato a Perugia il 24 luglio 1959, ha conseguito il diploma di laurea in Scienze Agrarie presso

Dettagli

Riselv.Italia-Sottoprogetto 1.1 Biodiversità e produzione di materiale forestale di propagazione

Riselv.Italia-Sottoprogetto 1.1 Biodiversità e produzione di materiale forestale di propagazione Riselv.Italia-Sottoprogetto 1.1 Biodiversità e produzione di materiale forestale di propagazione Scheda n : 1.1.15 Titolo della Ricerca: Ricerca di fonti di resistenza a Pseudomonas syringae pv. syringae

Dettagli

Progetto INTERACT. Responsabile: Massimo Pilotti Collaboratori: Nicoletta Pucci, Angela Gallelli, Angela Brunetti, Stefania Loreti

Progetto INTERACT. Responsabile: Massimo Pilotti Collaboratori: Nicoletta Pucci, Angela Gallelli, Angela Brunetti, Stefania Loreti Interventi di coordinamento ed implementazione alle azioni di ricerca, lotta e difesa al cancro batterico dell Actinidia (INTERACT) Titolo della ricerca (WP) Biologia del patosistema kiwi-psa: diagnosi

Dettagli

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro Istituto di Virologia Vegetale del CNR, Bari e Dipartimento Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Rete regionale di laboratori per

Dettagli

La diagnostica e l accreditamento dei laboratori

La diagnostica e l accreditamento dei laboratori Convegno: IL SETTORE FITOSANITARIO E L EPPO: L CONTRIBUTI E CRITICITA Roma 23 febbraio 2011 La diagnostica e l accreditamento dei laboratori Graziella Pasquini e Marina Barba CRA-PAV Centro di Ricerca

Dettagli

Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione. Studio dell interazione kiwi-psa

Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione. Studio dell interazione kiwi-psa Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione Studio dell interazione kiwi-psa Dr Gianni Tacconi (CRA-GPG) Centro di Ricerche per la Genomica e la Postgenomica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Protocollo diagnostico per il viroide Potato spindle tuber viroid (PSTVd) agente dell'affusolamento del tubero di patata Descrizione estesa del risultato Il viroide del tubero

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Fondo Sociale Europeo MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA REGIONE PUGLIA Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro

Dettagli

GENETICA E GENOMICA. La Missione. BIOTEC GEN

GENETICA E GENOMICA. La Missione. BIOTEC GEN GENETICA E GENOMICA La Missione. Ricerca e sviluppo a livello pilota e/o prototipale di processi/prodotti a base biologica, a forte contenuto innovativo e suscettibili di interesse per imprese industriali

Dettagli

TRASMISSIONI FLESSIBILI CAVI GUAINE E MINUTERIE, PER RICAMBI CICLO, MOTOCICLO ED APPLICAZIONI INDUSTRIALI

TRASMISSIONI FLESSIBILI CAVI GUAINE E MINUTERIE, PER RICAMBI CICLO, MOTOCICLO ED APPLICAZIONI INDUSTRIALI TRASMISSIONI FLESSIBILI CAVI GUAINE E MINUTERIE, PER RICAMBI CICLO, MOTOCICLO ED APPLICAZIONI INDUSTRIALI FLEXIBLE TRANSMISSIONS WIRE ROPE, OUTER CABLES AND SMALL, FOR CYCLE AND MOTORCYCLE SPARE PARTS

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Viaggio al centro della Biodiversità

Viaggio al centro della Biodiversità Liceo G.M. Colombini - Piacenza - indirizzo scientifico-tecnologico Biodiversità all interno di ogni specie e varietà dovute all azione dell uomo in ambito genetico Viaggio al centro della Biodiversità

Dettagli

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services ECCELLENZA NEI RISULTATI. PROGETTUALITÀ E RICERCA CONTINUA DI TECNOLOGIE E MATERIALI INNOVATIVI. WE AIM FOR EXCELLENT RESULTS

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Miglioramento genetico classico (Breeding).

Miglioramento genetico classico (Breeding). Miglioramento genetico classico (Breeding). AI GIORNI D OGGI: In concomitanza con le crescenti necessità alimentari (causate dalla crescita esponenziale della popolazione mondiale), insieme alla sempre

Dettagli

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years HIGH PRECISION BALLS 80 Years 80 ANNI DI ATTIVITÀ 80 YEARS EXPERIENCE ARTICOLI SPECIALI SPECIAL ITEMS The choice to look ahead. TECNOLOGIE SOFISTICATE SOPHISTICATED TECHNOLOGIES HIGH PRECISION ALTISSIMA

Dettagli

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993 Corso di Laurea: Scienze e tecnologie alimentari Corso Integrato: Biotecnologie per la qualità degli alimenti Modulo: Metodologie geneticomolecolari (6 CFU) (4 CFU Lezioni + 2 CFU Esercitazioni) Docente

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI.

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. We take care of your dreams. Il cuore della nostra attività è la progettazione: per dare vita ai tuoi desideri, formuliamo varie proposte di arredamento su disegni 3D

Dettagli

COMPOSTING FACILITIES AND BIOAEROSOLS AS SOURCES OF LEGIONELLA AND AMOEBAE

COMPOSTING FACILITIES AND BIOAEROSOLS AS SOURCES OF LEGIONELLA AND AMOEBAE DISS. ETH NO. 21679 COMPOSTING FACILITIES AND BIOAEROSOLS AS SOURCES OF LEGIONELLA AND AMOEBAE A thesis submitted to attain the degree of DOCTOR OF SCIENCES of ETH ZURICH (Dr. sc. ETH Zurich) presented

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

LAMISHIELD ANTIBACTERIAL LAMINATE. Unlimited selection

LAMISHIELD ANTIBACTERIAL LAMINATE. Unlimited selection LAMISHIELD ANTIBACTERIAL LAMINATE Unlimited selection PROTECTION HYGIENE HEALTHCARE LAMINATO ANTIBATTERICO Lamishield è l HPL antibatterico di Abet Laminati. Grazie alla sua protezione antibatterica, totalmente

Dettagli

PROGETTO parte di Programma Strategico

PROGETTO parte di Programma Strategico ALLEGATO B1 PROGETTO parte di Programma Strategico FORM 1 FORM 1 General information about the project INSTITUTION PRESENTING THE STRATEGIC PROGRAM (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE): TITLE OF THE

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali. UNIVPM - Ancona. www.agraria.univpm.it. Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali - D3A

Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali. UNIVPM - Ancona. www.agraria.univpm.it. Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali - D3A Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali UNIVPM - Ancona www.agraria.univpm.it 1 Agricoltura Ambiente Alimenti IL DIPARTIMENTO DELLE TRE A (D3A) LE 3 A IN EUROPA A A A INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Un impegno per la qualità

Un impegno per la qualità Dentro una capsula MUST è racchiusa una cultura per il benessere. Una tradizione che, con il profumo di terre lontane, oggi rinasce nel cuore del Belpaese, fra le dolci colline marchigiane. Per diventare

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020:

Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020: Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020: 1. Identificazione Italia Nostra onlus ITALI408096142 1.1. I am answering on behalf of an organisation(ngo) 1.2 Name: Giovanni

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI Carmine Correale CHE COS E La Selezione Assistita dei Marcatori (MAS Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la

Dettagli

Problematiche fitosanitarie dei nuovi portinnesti

Problematiche fitosanitarie dei nuovi portinnesti XV giornata di Agrumicoltura AASD Pantanello, 06/12/2011 Problematiche fitosanitarie dei nuovi portinnesti Antonio Ippolito Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Biologia e Chimica Agro-

Dettagli

Smart Breeding: la nuova generazione di piante

Smart Breeding: la nuova generazione di piante Smart Breeding: la nuova generazione di piante MAS, selezione assistita da marcatori: una biotecnologia per il miglioramento genetico delle piante, ma senza i problemi dell ingegneria genetica. Novembre

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale Social enterprise as a driving factor of social innovation Giornata di studio / Study Day Martedì 19 maggio 2015 Aula Magna SUPSI Trevano

Dettagli

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo C.R.A. Consiglio per la Ricerca in Agricoltura Centro di ricerca per la genomica Fiorenzuola d Arda (Piacenza) SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo Tutor: Dott. Gianni TACCONI Studente:

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

CURRICULUM VITAE. LINGUE STRANIERE: conoscenza dell'inglese parlato e scritto con certificazione TRINITY

CURRICULUM VITAE. LINGUE STRANIERE: conoscenza dell'inglese parlato e scritto con certificazione TRINITY CURRICULUM VITAE COGNOME E NOME: TARANTINO PAOLA DATA DI NASCITA: 16/02/1980 INDIRIZZO: VIA UMBERTO I, 15980030 MARIGLIANELLA (NAPOLI) TELEFONO: 081/5199761339/4379373 E-MAIL: paolatarantino80@gmail.com

Dettagli

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015 Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Fonti e testi di riferimento Dan Graur: http://nsmn1.uh.edu/dgraur/ >courses > bioinformatics

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Pezzi da ritagliare, modellare e incollare nell ordine numerico indicato.

Pezzi da ritagliare, modellare e incollare nell ordine numerico indicato. La nuova Treddì Paper è un prodotto assolutamente innovativo rispetto ai classici Kit per il découpage 3D. Mentre i classici prodotti in commercio sono realizzati in cartoncino, la Treddì è in carta di

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma L analisi del genoma n La tipizzazione del DNA n La genomica e la bioinformatica n La genomica funzionale La tipizzazione del DNA DNA Fingerprinting

Dettagli

INTERIOR DESIGN INTERNI

INTERIOR DESIGN INTERNI INTERNI CREDITO COOPERATIVO BANK BANCA DI CREDITO COOPERATIVO Date: Completed on 2005 Site: San Giovanni Valdarno, Italy Client: Credito Cooperativo Bank Cost: 3 525 000 Architectural, Structural and

Dettagli

Decode NGS data: search for genetic features

Decode NGS data: search for genetic features Decode NGS data: search for genetic features Valeria Michelacci NGS course, June 2015 Blast searches What we are used to: online querying NCBI database for the presence of a sequence of interest ONE SEQUENCE

Dettagli

Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia

Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia Lorenzo Morelli Istituto di Microbiologia Facoltà di Agraria UCSC Piacenza In questa presentazione Peculiarità del genoma dei

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening o L Adeguamento delle linee-guida dello screening del cervicocarcinoma o I Vaccini anti-hpv e gli Screening o Modelli di interazione tra screening

Dettagli

Il genoma umano. Cosa significa genoma? Ditelo con parole vostre

Il genoma umano. Cosa significa genoma? Ditelo con parole vostre Il genoma umano Cosa significa genoma? Ditelo con parole vostre Cos è il genoma umano? 22 coppie di autosomi + una coppia di cromosomi sessuali (XX o XY) http://www.molecularstation.com/molecular-biology-images/data/502/human-genome-gene.png

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

MAS -Marker Assisted Selection SELEZIONE ASSISTITA DA MARCATORI

MAS -Marker Assisted Selection SELEZIONE ASSISTITA DA MARCATORI MAS -Marker Assisted Selection SELEZIONE ASSISTITA DA MARCATORI CHE COS E La Selezione Assistita da Marcatori (MAS, Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la selezione delle

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail:

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail: PRODUZIONI FORAGGERE Titolo del progetto Piattaforma di biotecnologie verdi e di tecniche gestionali per un sistema agricolo ad elevata sostenibilità ambientale - BIOGESTECA Coordinatore del progetto Gian

Dettagli

MAIL LE NUOVE APPLIQUE S, L, XL. MAIL is the new wall lamp collection, with indirect light, designed by Alberto Saggia and Valerio Sommella.

MAIL LE NUOVE APPLIQUE S, L, XL. MAIL is the new wall lamp collection, with indirect light, designed by Alberto Saggia and Valerio Sommella. MAIL LE NUOVE APPLIQUE S, L, XL / The new wall lamps S, L, XL MAIL è la nuova collezione di applique a luce indiretta disegnata da Alberto Saggia e Valerio Sommella. I designer ALBERTO SAGGIA nasce a Novara

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world MercedesRoadster.IT New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world Newspaper supplement Emmegi Magazine Independent unaffiliated / funded by Daimler

Dettagli

Mappe di distribuzione dei principali patogeni degli agrumi in Puglia

Mappe di distribuzione dei principali patogeni degli agrumi in Puglia Mappe di distribuzione dei principali patogeni degli agrumi in Puglia D Onghia A.M. 1, Ippolito A. 2, Vovlas N. 2, Djelouah K 1. e Trisciuzzi N. 4 1 Istituto Agronomico Mediterraneo - Valenzano, Bari 2

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

EVENTI (PRIVATE DINNER) F A B R I Z I O

EVENTI (PRIVATE DINNER) F A B R I Z I O F A B R I Z I O F A B R I Z I O La famiglia Pratesi produce vino nella zona di Carmignano da cinque generazioni. Fu Pietro Pratesi a comprare nel 1875 la proprietà Lolocco nel cuore di Carmignano dove

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi Il gruppo di ricerca è costituto da 2 enti pubblici ed un partner operativo: Istituto di Virologia Vegetale del Consiglio

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Luigi Scordamaglia Inalca Jbs CEO

Luigi Scordamaglia Inalca Jbs CEO Luigi Scordamaglia Inalca Jbs CEO Group s overview CREMONINI SPA Fatturato consolidato al 31/12/2007: 2.482,4 mln LEADERSHIP DI MERCATO 40%* Produzione 1.041,2 mln 42%* Distribuzione 1.064,7 mln 1 nelle

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 Armonizzazione del processo di notifica nell ambito dell economia dello smaltimento e recupero dei rifiuti nell Euroregione Carinzia FVG Veneto Interreg IV Italia Austria Programma

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

Tappe della GENETICA UMANA. G. Mendel leggi dell ereditarietà 1865

Tappe della GENETICA UMANA. G. Mendel leggi dell ereditarietà 1865 Tappe della GENETICA UMANA G. Mendel leggi dell ereditarietà 1865 Tappe della GENETICA UMANA G. Mendel leggi dell ereditarietà 1865 Watson & Crick DNA 1953 Tappe della GENETICA UMANA G. Mendel leggi dell

Dettagli

Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619

Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619 Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619 REA: 150762 81031 AVERSA (CE) ph. / fax: +39 081 19257920

Dettagli

Painting with the palette knife

Painting with the palette knife T h e O r i g i n a l P a i n t i n g K n i v e s Dipingere con la spatola Painting with the palette knife Made in Italy I t a l i a n M a n u f a c t u r e r La ditta RGM prende il nome dal fondatore

Dettagli

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA CIVILE PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO X Ciclo - Nuova Serie (2008-2011) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO LA SIMULAZIONE NUMERICA

Dettagli

La classificazione. - è intuitivo quindi associare la pratica della classificazione alla presenza di eterogeneità nel costo atteso tra assicurati

La classificazione. - è intuitivo quindi associare la pratica della classificazione alla presenza di eterogeneità nel costo atteso tra assicurati La classificazione - Che cosa significa fare un prezzo in un generico mercato assicurativo? Supponiamo per semplicità una situazione monopolistica; in questo mercato c è dunque una compagnia che si è impegnata

Dettagli

ACCESSORI MODA IN PELLE

ACCESSORI MODA IN PELLE ACCESSORI MODA IN PELLE LEMIE S.p.a. Azienda - Company Produzione - Manufacturing Stile - Style Prodotto - Product Marchi - Brands 5 9 13 15 17 AZIENDA - COMPANY LEMIE nasce negli anni settanta come

Dettagli

Energia libera s.r.l via Sergente Luigi Cosentino,1 95049 Vizzini (CT) Italy Tel./Fax +39 0933067103 info@solargroupcostruzioni.it

Energia libera s.r.l via Sergente Luigi Cosentino,1 95049 Vizzini (CT) Italy Tel./Fax +39 0933067103 info@solargroupcostruzioni.it IL SOLE è IL NOSTRO FUTURO La passione per lo sviluppo e la diffusione delle energie rinnovabili, a favore di una migliore qualità della vita, ci guida nel nostro cammino. Il nostro desiderio è quello

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks?

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks? Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity In un clima economico in cui ogni azienda si trova di fronte alla necessità di razionalizzare le proprie risorse e di massimizzare

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

ILLY AND SUSTAINABILITY

ILLY AND SUSTAINABILITY ILLY AND SUSTAINABILITY DARIA ILLY BUSINESS DEVELOPMENT - PORTIONED SYSTEMS DIRECTOR NOVEMBER 14 THE COMPANY Trieste 1 9 3 3, I t a l y R u n b y t h e I l l y f a m i l y D i s t r i b u t e d i n m o

Dettagli

Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione

Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione Corso: Biotecnologie genetiche vegetali (6 CFU) (5 CFU Lezioni + Laboratorio) Docente: Prof. Antonio Blanco email: antonio.blanco@uniba.it

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli