Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/2011 163"

Transcript

1 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2011 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 23 dicembre 2011, n Approvazione dei criteri generali e delle modalità 2011/ /2013 per la concessione di finanziamenti per il miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell'apicoltura - Reg. Ce 1234/ Sezione VI, Disposizioni speciali relative al settore dell'apicoltura. Approvazione del riparto dei fondi assegnati alla Provincia Autonoma di Trento per l'annualità Il Relatore comunica Visto il Regolamento CE 1234/2007 del Consiglio del 22 ottobre 2007, recante organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizioni specifiche per taluni prodotti agricoli che, nella sezione VI, stabilisce le disposizioni speciali relative al settore dell apicoltura; visto il Regolamento CE 811/2007 della Commissione di data 11 luglio 2007, che modifica il Regolamento CE 917/2004 ed in particolare l art. 1 comma 2 che stabilisce che i limiti finanziari di ciascun azione possono essere modificati a condizione che non venga superato il massimale totale delle previsioni di spesa annuali e che la partecipazione comunitaria al finanziamento dei programmi apicoli non superi il 50% delle spese sostenute dallo Stato membro; preso atto che il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, con Decreto Ministeriale del 23 gennaio 2006, pubblicato sulla G.U. n. 60 del 13 marzo 2006, ha emanato le linee guida per l attuazione dei regolamenti comunitari sul miglioramento e la commercializzazione dei prodotti dell apicoltura; considerato che, come previsto all art.1, comma 2 del succitato DM, il suddetto programma usufruisce di finanziamenti pubblici di cui il 50% a carico del FEOGA - sezione garanzia - ed il restante 50% a carico del fondo di rotazione di cui alla legge 16 aprile 1987, n.183 gestito dal Ministero dell Economia e che pertanto l approvazione della proposta non comporta impegno di spesa sul bilancio provinciale, visto il Decreto direttoriale del MIPAF del 15 luglio 2011 con oggetto Ripartizione dei finanziamenti per l annualità per il miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell apicoltura (art. 8 D.M. 23 gennaio 2006) che assegna alla Provincia autonoma di Trento l importo di ,00; vista la deliberazione della Giunta provinciale n del 3 dicembre Regolamento CE del Consiglio 1234/2007 "recante organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizioni specifiche per taluni prodotti agricoli" relativamente alla sezione VI "Disposizioni speciali relative al settore dell'apicoltura" - Approvazione del programma per le annualità 2010/2011, 2011/2012, 2012/2013; visto l Allegato A Criteri e modalità per la concessione di finanziamenti per il miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell apicoltura - Regolamento Ce 1234/ Sezione VI, Disposizioni speciali relative al settore dell apicoltura che forma parte integrale e sostanziale del presente atto; tenuto conto che i criteri e le modalità stabiliti nell Allegato A di cui al precedente comma sono validi

2 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ per le annualità 2011/2012 e 2012/2013; considerato che, per l annualità 2011/2012, l importo di finanziamento assegnato alla Provincia Autonoma di Trento, pari ad Euro ,00 viene ripartito tra le seguenti sottoazioni: A.3, A.4, B.1, B4, C.1, C.2.1, C.2.2, D.3, E; visto il piano finanziario relativo alla annualità del programma nella formulazione di cui all'allegato B che forma parte integrante e sostanziale del presente atto, programma che deve essere attuato nel periodo 1 settembre agosto 2012 e considerata la possibilità di una compensazione finanziaria fra le suddette azioni finanziate per ovviare ad eventuali diverse esigenze che si dovessero manifestare nel corso dell esecuzione del programma, fermo restando l importo totale del finanziamento annuo come previsto dal citato Regolamento CE 811/2007; tenuto conto della necessità di inoltrare, entro il 10 settembre 2012 all Organismo Pagatore preposto, l elenco dei beneficiari completo degli importi da erogare, e considerato quindi che le richieste di liquidazione, complete di tutta la documentazione prevista, debbano essere depositate presso la Struttura competente in materia di promozione e vigilanza delle attività agricole entro le ore 09,30 del giorno 3 settembre 2012, pena l esclusione dagli elenchi dei beneficiari; visto che Agea con propria circolare n. 19 del 18 aprile 2011 ha emanato le modalità operative per la gestione dei contributi relativi al regolamento Ce 1234/2007 (ex 797/2004) stabilendo che la funzione istruttoria propedeutica all autorizzazione del pagamento è delegata alle Regioni e Province Autonome; visti i pareri dei Servizi di staff della P.A.T; tutto ciò premesso, LA GIUNTA PROVINCIALE - ad unanimità dei voti, legalmente espressi, delibera 1) di approvare ai fini dell'accesso ai finanziamenti previsti dal Regolamento CE 1234/2007, l Allegato A Criteri e modalità per la concessione di finanziamenti per il miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell apicoltura - Regolamento Ce 1234/ Sezione VI, Disposizioni speciali relative al settore dell apicoltura che forma parte integrante e sostanziale del presente atto; 2) di stabilire che i criteri di cui all Allegato A, parte integrante e sostanziale del presente atto, sono validi per le annualità 2011/2012 e 2012/2013; 3) di stabilire che per l annualità 2011/2012 sono finanziate le seguenti sottoazioni: A.3, A.4, B.1, B.4, C.1, C.2.1, C.2.2, D.3, E; 4) di dare atto che per l annualità 2011/2012, l'importo massimo del cofinanziamento è quantificato in ,00; 5) di approvare, per l annualità 2011/2012, il riparto dei fondi assegnati alla Provincia Autonoma di Trento, suddividendo tale importo tra le azioni finanziate definite dal programma di cui all Allegato B,

3 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ che forma parte integrante e sostanziale del presente atto, con la possibilità di compensazione tra tali Azioni, qualora si dovessero manifestare eventuali diverse esigenze nel corso dell esecuzione del programma, fermo restando l importo totale del finanziamento annuo; 6) di dare atto che le domande per accedere ai finanziamenti in oggetto per l annualità 2011/2012 dovranno essere presentate sui moduli predisposti da AGEA e presentate alla struttura competente in materia di vigilanza e promozione delle attività agricole entro il trentesimo giorno successivo alla pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Trentino Alto-Adige; 7) di demandare a successivo provvedimento del Dirigente del Servizio Vigilanza e Promozione delle Attività agricole l approvazione della modulistica integrativa da presentare unitamente alla domanda di finanziamento di cui al punto 6) e successivamente, al momento della richiesta di liquidazione del contributo; 8) di stabilire che per l annualità 2011/2012, le richieste di liquidazione complete di tutta la documentazione prevista, vengano depositate presso il Servizio Vigilanza e Promozione delle Attività Agricole, entro le ore 9.30 del giorno 3 settembre 2012, pena l esclusione dagli elenchi dei beneficiari; 9) di dare atto che al finanziamento delle suddette spese si provvederà con i contributi di cui al Regolamento CE 1234/2007 ed al Decreto Ministeriale del 23 gennaio 2006 che verranno erogati a ciascun beneficiario, in un unica soluzione, da parte dell'organismo Pagatore preposto, subordinatamente alla verifica effettuata dalla struttura provinciale competente in materia di vigilanza e promozione delle attività agricole; 10) di dare atto che la presente deliberazione non comporta spese a carico del bilancio provinciale; 11) di disporre che, per quanto non espressamente disciplinato dalla presente deliberazione, si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni previste dai Regolamenti CE 811/2007 e 1234/2007, dal Decreto Ministeriale del 23 gennaio 2006 nonché dalla circolare AGEA n. 19 del 18 aprile 2011 e successive modificazioni ed integrazioni; 12) di disporre che il presente provvedimento venga pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Trentino Alto Adige. IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA LORENZO DELLAI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO SEGRETERIA DELLA GIUNTA ED ELEZIONI PATRIZIA GENTILE

4 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ Allegato parte integrante ALLEGATO A) Criteri e modalità per la concessione di finanziamenti per il miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell apicoltura - Regolamento Ce 1234/07 - Sezione VI, Disposizioni speciali relative al settore dell apicoltura. Articolo 1 Programma provinciale triennale Con la deliberazione della Giunta provinciale n. 2772/10 è stato approvato per le annualità 2010/ / /2013 il programma provinciale triennale di attuazione del Regolamento CE 1234/2007, al quale si rinvia per l individuazione del contenuto delle singole azioni e delle relative subazioni, per l individuazione dei soggetti che possono chiedere i finanziamenti distinti per azioni e per la percentuale massima di intervento. Per ogni annualità, così come sopra indicato, il programma viene attuato nel periodo 1 settembre - 31 agosto. Articolo 2 Soggetti beneficiari Possono beneficiare dei finanziamenti gli Istituti di ricerca, gli Enti, gli apicoltori, i produttori apistici, e le Forme Associate così come definiti dal Decreto del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali del 23 gennaio 2006 e dal relativo Allegato 1. Entro la data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, tutti i beneficiari devono costituire il fascicolo aziendale sul SIAN, presso un Centro di Assistenza Agricola (CAA), così come richiesto da AGEA ed essere in possesso di partita IVA. Le Forme Associate che intendono accedere ai finanziamenti in oggetto devono essere costituite con atto pubblico ed avere almeno 80 soci regolarmente iscritti. Ai fini del calcolo del numero di soci delle Forme Associate, sono considerati solo i soci in regola con il pagamento della quota associativa con riferimento all anno in cui è stata presentata la domanda, e in regola con la denuncia degli alveari, con riferimento ai dati del censimento vigente alla data di approvazione della deliberazione annuale di riparto dei fondi assegnati alla provincia autonoma di Trento. Per i soci che hanno iniziato l attività in data successiva al censimento, vengono considerati i dati indicati nella comunicazione di avvio dell attività. Non vengono conteggiati: gli apicoltori ricompresi in elenchi di più forme associate; gli apicoltori che hanno dichiarato il possesso di alveari 0. Ai fini del calcolo dei finanziamenti da attribuire ai singoli apicoltori, si considera il numero di alveari, con riferimento ai dati del censimento vigente alla data di approvazione della deliberazione annuale di riparto dei fondi assegnati alla provincia autonoma di Trento. Per gli apicoltori che hanno iniziato l attività in data successiva al censimento, vengono considerati i dati indicati nella comunicazione di avvio dell attività. I beneficiari non devono aver chiesto ed ottenuto allo stesso titolo contributi da parte di altri enti e organismi nazionali e comunitari. Articolo 3 Interventi ammessi a finanziamento e spese ammissibili Sono ammesse a finanziamento le spese sostenute dalla data di presentazione della domanda alla struttura provinciale competente e pagate entro il 31 agosto relativo alla campagna di riferimento. Per quanto non espressamente richiamato dai presenti criteri, deve essere comunque fatto riferimento a quanto previsto dal decreto MIPAAF del 23 gennaio 2006, pertanto non possono essere rendi-

5 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ contati stipendi per personale di pubbliche amministrazioni, spese di trasporto e IVA. A.1 - Corsi di aggiornamento e formazione Sono ammesse a finanziamento iniziative rivolte a: esperti apistici di cui all articolo 12 della L.P. 2/2008, esperti che supportano l assistenza tecnica alle aziende, esperti assaggiatori di miele, personale di Enti pubblici, categorie non agricole. Alle iniziative rivolte a soggetti impiegati in attività di assistenza tecnica può partecipare personale laureato in discipline tecnico-scientifiche o diplomato in scuole di formazione professionale attinente alle attività svolte, personale che collabora con l Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari (APSS) nell ambito del piano di controllo delle malattie delle api. Per quanto riguarda le spese ammissibili per le attività di formazione organizzate direttamente dal richiedente si fa riferimento a parametri di costo, IVA esclusa, e indici riportati nella deliberazione della Giunta provinciale n dd Modifica dei criteri e modalità per l attuazione del Programma Operativo Ob.2 - FSE Allegato 1 - Punto Gli eventuali oneri fiscali o previdenziali (IVA, casse previdenziali di categoria ecc.) saranno riconosciuti in aggiunta ai compensi e rimborsi massimi previsti. Solo per motivate esigenze dovute alle tipologie del corso o a particolari professionalità del docente è possibile discostarsi da tali valori o procedure. Tuttavia: 1. per l attività di supporto / assistenza in aula, ad esclusione del tutoraggio, non potrà essere riconosciuta una tariffa oraria superiore a 22,00 comprensiva dei costi di trasporto IVA esclusa; 2. per i pasti, previsti nell ambito di iniziative della durata giornaliera di almeno 7 ore, valgono i parametri previsti per i dipendenti provinciali; 3. per le visite guidate previste dal programma dei corsi sono ammissibili: un importo massimo di Euro 700,00, per il solo noleggio del pullman, per visite guidate svolte in ambito regionale; un importo massimo di Euro 1.000,00, per il solo noleggio del pullman, per visite guidate di una sola giornata un ambito extra - regionale. L ente gestore deve stipulare, qualora non esistenti, idonee polizze assicurative R.C.O. e R.C.T. (presso agenzie Assicurative abilitate), che coprano i rischi derivanti dall esecuzione di tutte le attività formative, con un massimale per persona e per sinistro pari ad almeno euro ,00. I costi del premio e le relative spese sono ammissibili a finanziamento. Per la frequenza di tecnici o esperti a corsi di formazione o specializzazione extraprovinciale sono finanziate le quote di iscrizione, le spese di trasporto, vitto, alloggio definite sulla base dei parametri previsti per i dipendenti provinciali. La consegna ai corsisti di eventuale materiale deve essere dimostrata con la sottoscrizione da parte dei corsisti di un idoneo documento. In caso contrario la spesa relativa all acquisto del materiale non potrà beneficiare del finanziamento previsto dal regolamento Ce 1234/07. Può essere rilasciato il certificato di frequenza solo ai corsisti che abbiano partecipato almeno al 70% delle ore di formazione previste dal corso. Tutti gli incontri organizzati devono essere certificati a rendiconto dal registro delle presenze firmato dai docenti e partecipanti. A. 2 - Seminari e convegni tematici E ammessa l organizzazione di seminari sulle tematiche collegate con l assistenza tecnica, la ricerca sulle problematiche specifiche del settore e la promozione del prodotto. Per queste iniziative, si fa riferimento ai parametri di spesa previsti per la sub-azione A.1. Per i relatori provenienti da fuori provincia sono finanziate le spese di trasporto, vitto, alloggio definite sulla base dei parametri previsti per i dipendenti provinciali. A. 3 - Azioni di comunicazione: sussidi didattici, abbonamenti, schede e opuscoli informativi Al fine di garantire un azione di sensibilizzazione a favore di tutti gli apicoltori indistintamente, nell ambito della sub-azione è data la priorità ad attività di promozione e divulgazione.

6 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ Sono ammesse le spese per: - depliant e opuscoli divulgativi; - abbonamenti. I depliant e gli opuscoli divulgativi dovranno essere realizzati secondo il seguente standard qualitativo minimo : a) composizione minima di quattro facciate; b) presentazione dell associazione (nei casi di forme associate); c) notizie sulle tipologie di miele prodotte dagli associati (nei casi di forme associate); d) assenza di pubblicità di sponsor o di ditte fornitrici di prodotti. Non possono essere ammessi a finanziamento abbonamenti a riviste la cui durata va oltre il secondo anno solare della campagna di riferimento. Ogni richiedente può stipulare fino a 10 abbonamenti per testata specializzata nel settore apistico. A.4 - Assistenza tecnica alle aziende Al fine di migliorare l assistenza tecnica/sanitaria agli apicoltori sono ammesse a finanziamento in via prioritaria le spese per attività di assistenza tecnica/sanitaria che prevedano l impiego di personale specializzato, predisposti da enti che abbiano una comprovata esperienza nel campo. Per le predette attività può essere impiegato: 1. personale laureato in discipline tecnico-scientifiche che abbia maturato esperienza quinquennale nel settore o abbia seguito specifici corsi organizzati da Enti pubblici operanti nel settore dell apicoltura. Per il personale tecnico dipendente, il costo orario deve essere determinato sulla base delle norme stabilite dai contratti di categoria. Per il personale tecnico, con contratto di prestazione autonoma, il compenso massimo omnicomprensivo non potrà superare 38,00/ora per gli iscritti agli albi professionali e 25,00/ora negli altri casi. Gli eventuali oneri fiscali o previdenziali (IVA, casse previdenziali di categoria ecc.) saranno riconosciuti in aggiunta ai compensi. Non possono essere rendicontati stipendi per personale dipendente di pubbliche amministrazioni; 2. esperti apistici, con esperienza nel settore, che abbiano frequentato negli ultimi 5 anni antecedenti alla data di approvazione della deliberazione annuale di riparto dei fondi assegnati alla provincia autonoma, specifici corsi organizzati da Enti pubblici operanti nel settore dell apicoltura. Per tale personale, la tariffa oraria comprensiva di IVA e dei costi di trasporto, non potrà superare 22,00, indicati nella deliberazione della Giunta provinciale n dd Direttive per l attuazione da parte dell APSS, di un piano di controllo delle malattie che colpiscono le famiglie di api, in particolare la peste americana, presenti sul territorio provinciale, e partecipazione al progetto nazionale APE- NET - Anno E facoltà dell associazione attivare l assistenza tecnica anche a favore di apicoltori non soci, purché vi sia una decisione del consiglio in tal senso. Tutta l attività di assistenza deve essere tracciata con verbali di visita. A. 5 - Tecniche avanzate trasferimento conoscenze Azione non attivata B.1 - Incontri periodici con gli apicoltori, dimostrazioni pratiche ed interventi in apiario per l applicazione dei mezzi di lotta da parte degli esperti apistici Nell ambito di questa sub-azione possono essere svolte attività pratiche rivolte alla lotta contro la varroasi. Per queste iniziative, si fa riferimento ai parametri e competenze previste per la sub-azione A.4. Tutti gli incontri organizzati devono essere certificati dal registro delle presenze firmato dai partecipanti e dai docenti/relatori. B.2 - Indagini sul campo finalizzate all applicazione di strategie di lotta alla varroa Sono ammesse a finanziamento programmi di indagine in collaborazione con organismi specializzati. Per queste iniziative, si fa riferimento ai parametri e competenze previste per la sub-azione A.4.

7 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ B.3 - Acquisto arnie con fondo a rete o modifica di arnie esistenti Azione non attivata. B.4 - Acquisto di idonei presidi sanitari Sono ammessi a finanziamento presidi sanitari registrati, proposti dai Servizi veterinari dell APSS ed acquistati dalla forma associata per conto dei propri soci e consegnati agli stessi, per la lotta alla varroasi. Il costo massimo ammesso è di Euro 4,00 (Iva esclusa) ad alveare denunciato dagli apicoltori associati nel censimento vigente. Non verranno conteggiati gli alveari posseduti da apicoltori ricompresi in elenchi di più forme associate. La consegna del prodotto, da parte della Forma associata, deve essere tracciata e dimostrata con la sottoscrizione da parte dell apicoltore di un idoneo documento. Presso la Forma associata deve essere mantenuta copia delle prescrizioni medico veterinarie per l acquisto del prodotto se previsto dalla normativa sanitaria vigente. C. 1 - Mappatura aree nettarifere; cartografia, raccolta dati sulle fioriture o flussi di melata Sono ammessi a finanziamento i progetti per la creazione di una banca dati relativa alla distribuzione degli apiari sul territorio mediante l utilizzo di GPS. Le associazioni possono attivare la mappatura solo nel proprio ambito territoriale ad esclusione delle aree già monitorate. Al fine di armonizzare i dati con quelli in possesso dell Amministrazione provinciale, di ciascuna postazione devono essere inseriti nel database i seguenti: dati obbligatori: codice APSS identificativo dell apicoltore; dati coordinate UTM/WGS84 - ETRF89; quota ortometrica; Comune amministrativo; dimensionamento dell apiario (in termini di numero alveari presenti); principali coltivazioni dell area; periodo di utilizzo della postazione; fioriture su cui viene praticato il nomadismo; tipo di apicoltura praticata (nomade o stanziale) destinazione d uso del territorio (agricoltura, bosco, industria, urbanizzazione); dati facoltativi: tipologia di miele prodotto per postazione; foto generale in formato digitale della postazione; foto particolare di dettaglio della postazione breve descrizione della viabilità di accesso alla postazione; descrizione dei sistemi antintrusione per la fauna selvatica. I dati contenuti nella banca dati oggetto di finanziamento devono essere resi accessibili alla struttura provinciale competente in materia di vigilanza e promozione dell attività agricola per la sovrapposizione nella cartografia relativa alla distribuzione floristica. I dati dovranno essere predisposti in formato shape e formato excel. C.2 - Acquisto attrezzature per il nomadismo Nel caso di apicoltori appartenenti allo stesso nucleo familiare, la domanda può essere presentata da un solo beneficiario C Acquisto arnie per nomadismo Sono ammesse a finanziamento le spese per l acquisto di arnie da parte degli apicoltori che praticano il nomadismo e che hanno denunciato all APSS, nel censimento in vigore, la proprietà di almeno 16 alveari, che siano in regola con la normativa che disciplina tale attività.

8 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ Il finanziamento massimo erogabile per singola arnia da nomadismo, è fissato al 60% della spesa massima ammissibile di 90,00, IVA esclusa. Vengono finanziate esclusivamente arnie in legno. Il numero di arnie finanziabili per singolo beneficiario non può superare il 50% del numero di alveari denunciato, se necessario, arrotondato all'unità superiore, e comunque non può essere inferiore a 8 e superiore a 50 arnie. C Acquisto macchine, attrezzature e materiali vari per l esercizio del nomadismo Sono ammesse a finanziamento le spese per l acquisto - da parte degli apicoltori che praticano il nomadismo e che hanno denunciato all APSS la proprietà di almeno 21 alveari negli ultimi due censimenti, che siano in regola con la normativa che disciplina tale attività - di: 1) rimorchi non agricoli, con massa massima a carico non superiore a kg che risultino di proprietà del richiedente; il mezzo trattore dotato del gancio deve risultare di proprietà del richiedente e/o di un membro dello stesso nucleo familiare o di una società intestata al richiedente, operante nel settore agro-alimentare. Non può essere finanziata più di un attrezzatura per singolo apicoltore e la spesa massima ammissibile ammonta a di 3.600,00 IVA esclusa. Gli apicoltori che hanno già usufruito dell agevolazione nelle annualità dei precedenti programmi, sono automaticamente esclusi. 2) supporti o cavalletti per il posizionamento delle arnie di lunghezza minima di cm 200 con un altezza di cm. La spesa massima ritenuta ammissibile per singolo supporto è quantificata in 80,00 Iva esclusa ed il numero massimo di supporti acquistabile è stabilito sulla base del rapporto di 1 supporto ogni 4 alveari denunciati, arrotondato all unità superiore. Non è ammesso l utilizzo di materiale di recupero. Il finanziamento massimo erogabile è fissato al 50% della spesa ammissibile, con un limite minimo di spesa ammissibile a finanziamento per singola richiesta di 700,00 IVA esclusa ed un limite massimo di 5.400,00 IVA esclusa. C Acquisto autocarri per l esercizio del nomadismo Azione non attivata D.1 - Acquisto strumentazione E ammesso l acquisto di strumentazione per valutare la qualità del prodotto. D.2 - Realizzazione di laboratori d analisi finalizzati alla verifica della qualità dei mieli Azione non attivata. D.3 - Presa in carico di spese per le analisi chimico-fisiche, melissopalinologiche e residuali Sono ammesse a finanziamento le spese per analisi chimico-fisiche, e residuali purché effettuate presso laboratori accreditati e spese per analisi melissopalinologiche effettuate da personale iscritto all Albo nazionale degli esperti in melissopalinologia. E - Misure di sostegno per il ripopolamento del patrimonio apistico comunitario E.1 - Acquisto di api regine e sciami (nuclei, famiglie, pacchi di api), materiale per la conduzione dell azienda apistica da riproduzione Sono ammesse a finanziamento le spese per l acquisto di api appartenenti al tipo genetico Apis mellifera ligustica ed ecotipi locali, nonché Apis mellifera carnica, per le quali sia stato rilasciato il Certificato sanitario da parte dei servizi veterinari delle ASL che attesti le condizioni igienico-sanitarie degli animali e per i quali il CRA - Unità di apicoltura o soggetti espressamente autorizzati dallo stesso CRA, attestino l appartenenza delle api stesse al tipo genetico di Apis mellifera ligustica ed ecotipi locali, nonché Apis mellifera carnica. Quest ultima certificazione può essere rilasciata anche dall autorità competente del Paese di provenienza dell Unione Europea. L importazione di animali vivi deve avvenire secondo le procedure previste nell ambito della rete TRACES (Trade Control and Export System). Il materiale genetico ammesso a finanziamento non può essere rivenduto né ceduto gratuitamente nell arco dei tre anni successivi all acquisto.

9 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ Il numero massimo di unità acquistabili è fissato al 15% del numero di alveari denunciati all APSS nel censimento. Possono essere acquistati: api regine nate nell anno dell acquisto e marcate secondo le modalità previste dalle convenzioni internazionali, per una spesa massima ammissibile di 20,00 Iva esclusa per ape regina; pacchi di api di peso non inferiore al kg 1,5, per una spesa massima ammissibile di 70,00 Iva e- sclusa per pacco; nuclei su 4 telaini spesa massima ammissibile 70,00 Iva esclusa. Il finanziamento massimo erogabile è fissato al 60%, con un limite minimo di spesa ammissibile a finanziamento fissato in 580,00 IVA esclusa. F1 - Miglioramento qualitativo dei prodotti dell'apicoltura mediante analisi fisico-chimiche e microbiologiche, studi di tipicizzazione in base all origine botanica e geografica Al fine di accrescere la banca dati sul miele trentino ed avviare uno studio di tipicizzazione dei mieli prodotti in Trentino, sono ammessi a finanziamento programmi di indagine in collaborazione con organismi specializzati. Articolo 4 Modalità e termini di presentazione della domanda di finanziamento La domanda di finanziamento, redatta secondo il modulo predisposto da AGEA e scaricabile dal sito deve essere inoltrata alla struttura provinciale competente in materia di vigilanza e promozione delle attività agricole entro il termine fissato dalla deliberazione annuale di riparto dei fondi assegnati alla provincia autonoma di Trento, a pena di irricevibilità. La domanda può essere consegnata a mano al Servizio Vigilanza e Promozione delle attività agricole - Ufficio Tutela delle Produzioni Agricole - via G. B. Trener n Trento e presso gli sportelli periferici o trasmessa per posta a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, o via fax al numero , o tramite posta elettronica certificata (PEC) all indirizzo Nel caso di consegna diretta fa fede la data e l ora della ricevuta rilasciata da parte della struttura ricevente. Nel caso di spedizione a mezzo raccomandata A.R., fa fede la data e l ora del timbro dell'ufficio postale accettante. La domanda deve essere presentata completa della documentazione di cui all articolo 5, pena la sua inammissibilità. Resta comunque ferma l eventuale regolarizzazione o integrazione della domanda e/o della documentazione già presentata ai sensi dell art. 3, comma 5, della legge provinciale 30 novembre 1992, n. 23. Articolo 5 Documentazione da allegare alla domanda Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione Azioni A, B, C.1 D, F a. modulo 1), Dichiarazione integrativa alla domanda di finanziamento Regolamento Ce 1234/07 e disponibile sul sito www. modulistica.provincia.tn.it, da compilarsi distintamente per ogni azione; b. copia dell atto costitutivo o dello statuto della società o dell associazione di produttori; c. copia del verbale del consiglio di amministrazione dal quale risulti l approvazione dell attività per cui si richiedono i finanziamenti e l autorizzazione per il legale rappresentante a presentare la domanda di finanziamento (solo per le associazioni); d. dichiarazione sostitutiva che attesti il numero dei soci regolarmente iscritti per l anno in cui è stata presentata la domanda e elenco, su supporto informatico, dei soci con indicazione del codice APSS e del numero di alveari dichiarati al censimento (solo per le associazioni); e. copia del verbale del consiglio di amministrazione dal quale emerga la decisione di prestare assistenza e supporto tecnico anche a favore di apicoltori non soci (solo per le sub-azioni A.4, B.1 se

10 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ vengono attivate anche a favore di apicoltori non soci ); f. preventivi di spesa sottoscritti dal fornitore; g. elenco con i nominativi del personale tecnico e degli esperti/ apistici incaricati; le competenze dei tecnici ed esperti apistici incaricati devono essere comprovate tramite autocertificazione o fotocopia dell attestato o dichiarazione di partecipazione rilasciato dall ente organizzatore del corso, qualora la relativa documentazione non sia già in possesso dell Amministrazione Provinciale (solo per le subazioni A.1, A.4 e B.1) ; h. programma operativo di massima (solo per le sub-azioni A.1, A.4, B.1, B.2, C.1 e F.). Azioni C.2 e E a. modulo 2) Dichiarazione integrativa alla domanda di finanziamento Regolamento Ce 1234/07 e disponibile sul sito www. modulistica.provincia.tn.it; b. preventivi di spesa sottoscritti dal fornitore: per i rimorchi deve essere indicata la massa massima a carico; c. dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà riguardante la denuncia degli alveari posseduti relativa al censimento in vigore (per le agevolazioni relative all acquisto delle arnie) e posseduti negli ultimi due censimenti (per le agevolazioni relative alle sub-azioni C.2.2 ed E) o, in alternativa, fotocopia della denuncia dichiarazione presentata all'apss ai sensi della normativa vigente. Articolo 6 Istruttoria delle domande La struttura provinciale competente in materia di vigilanza e promozione delle attività agricole istruisce le domande e predispone una graduatoria di quelle ammissibili a finanziamento, nel rispetto dei seguenti criteri di priorità distinti per sub-azioni: Azioni A, B, C.1, D, F: 1. Istituti di ricerca e/o Enti; 2. Forme Associate. All interno di questa categoria gli importi richiesti verranno ripartiti in base al numero dei soci regolarmente iscritti e censiti. A parità di condizioni, sarà accordata priorità facendo riferimento alla data di presentazione della domanda. Le domande sono soddisfatte fino ad esaurimento delle disponibilità finanziarie. Qualora uno stesso beneficiario richieda più iniziative per una stessa sub-azione, deve indicare l ordine di priorità tra le stesse. Azioni C.2.1 C.2.2, E: C.2.1 Acquisto arnie per nomadismo C Acquisto macchine, attrezzature e materiali vari per l esercizio del nomadismo E - Misure di sostegno per il ripopolamento del patrimonio apistico comunitario 1. numero di alveari denunciati all APSS nel censimento vigente alla data di approvazione della presente deliberazione in ordine crescente per la sub-azione C.2.1 ed in ordine decrescente per la subazione C.2.2 e per l azione E; 2. in caso di parità: l età del richiedente o della media dei soci nel caso di società, valutati alla scadenza del termine ultimo ammissibile per la presentazione delle domande (saranno considerati prioritari i più giovani); 3. in caso di parità: data di consegna della domanda. Articolo 7 Concessione del finanziamento In base ai risultati dell istruttoria, entro 90 giorni dal termine ultimo di presentazione delle domande, il Dirigente della struttura competente in materia di Vigilanza e promozione delle attività agricole con apposito provvedimento dichiara le domande ammissibili o non ammissibili, approva la graduatoria e concede il contributo per gli interventi finanziabili. Le richieste saranno evase fino ad esaurimento delle disponibilità finanziarie nel rispetto della gra-

11 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ duatoria. Le domande ammesse a finanziamento, ma non accolte per l'esaurirsi delle risorse finanziarie, possono essere agevolate qualora si rendessero disponibili risorse finanziarie dovute a compensazioni tra le azioni o ad eventuali rinunce di contributo. Qualora il beneficiario intenda rinunciare al finanziamento assegnato per una data azione deve darne comunicazione scritta entro 30 giorni dal ricevimento dell avviso di assegnazione del finanziamento, pena l esclusione dalla graduatoria dei beneficiari per l annualità successiva con riferimento alla medesima azione. Articolo 8 Vincoli di destinazione e obblighi di identificazione Tutte le attrezzature che beneficiano del finanziamento ai sensi del Regolamento CE 1234/2007 devono: essere mantenute in azienda per un periodo minimo di cinque anni nel caso di arnie, e dieci anni nel caso di macchinari, dalla data di effettiva acquisizione, idoneamente documentata, con vincolo di destinazione d uso e di proprietà, salvo caso di forza maggiore o circostanze eccezionali; essere identificate in modo univoco con un contrassegno indelebile ed inasportabile che riporti la dicitura del regolamento (Reg. CE 1234/2007) l anno di finanziamento, il codice ISTAT della provincia (022) e, per le arnie, il codice aziendale rilasciato dall APSS. L identificazione degli acquisti deve avvenire tempestivamente: prima dello spostamento dalla sede aziendale e/o luogo deputato a deposito, prima del loro utilizzo e comunque tassativamente entro il termine del 31 agosto relativo alla campagna di riferimento, pena l esclusione dagli elenchi dei beneficiari. In caso di necessità di utilizzo anticipato, i beneficiari sono tenuti a darne comunicazione scritta anche via FAX al numero o tramite posta elettronica certificata, all indirizzo alla struttura provinciale competente in materia di vigilanza e promozione delle attività agricole almeno 10 giorni prima dello spostamento, per consentire gli opportuni controlli. Articolo 9 Rendicontazione e liquidazione Entro il 31 agosto relativo alla campagna di riferimento, i beneficiari devono effettuare gli acquisti preventivati e provvedere al relativo pagamento. In considerazione della necessità di inoltrare, entro il 10 settembre di ogni anno all Organismo Pagatore, l elenco delle liquidazioni, i beneficiari devono depositare la domanda di liquidazione del finanziamento, redatta secondo i relativi moduli e disponibili sul sito presso la struttura competente in materia di promozione e vigilanza delle attività agricole entro il termine stabilito annualmente con deliberazione della Giunta Provinciale, pena l esclusione dalla graduatoria dei beneficiari. Alla domanda di liquidazione deve essere allegata copia dei documenti contabili dichiarata conforme all originale ai sensi degli artt. 19 e 19 bis del D.P.R. 445/00 e degli atti di quietanza (bonifico bancario o postale, ecc.) da cui si evinca la data di emissione dei documenti giustificativi. I pagamenti homebanking devono essere quietanzati dalla banca. Non sono ammessi pagamenti in contanti. Ogni fattura emessa a fronte delle spese sostenute per l attuazione del programma in questione deve riportare la dicitura ai sensi del Regolamento CE n. 1234/2007. Inoltre deve essere presentata la seguente documentazione: Per la liquidazioni delle spese sostenute per realizzare le Azioni A, B, C.1, D, F: - modulo 3) Richiesta liquidazione contributi Reg. Ce 1234/2007 disponibile sul sito www. modulistica.provincia.tn.it; - rendicontazione analitica con indicazione delle singole voci di spesa sostenute per l attivazione delle azioni ed indicazione delle eventuali entrate; quietanze liberatorie dei pagamenti effettuati; lettere di incarico;

12 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ registro delle presenze firmato dai partecipanti alle attività finanziate e dai docenti/relatori o attestati di partecipazione (solo per sub-azioni A.1, A.2, A.4, B.1); relazione informativa finale sull attività svolta per singola azione; rapporto informativo che accerti le attività e la presenza del tecnico in azienda. Il verbale di visita deve essere controfirmato dall apicoltore o suo delegato e dal tecnico. Qualora il verbale di visita non riporti il codice aziendale rilasciato dall Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, il relativo importo non è conteggiato ai fini del contributo (solo per sub-azione A.4); relazione mensile dell attività svolta dai tecnici/esperti apistici (solo sub-azioni A.4, B.1, B.2); copia del materiale divulgativo distribuito e lista dei destinatari dell azione. Tutto il materiale informativo o promozionale, conformemente al diritto comunitario, deve riportate obbligatoriamente il logo comunitario con sottostante dicitura Unione europea e, nello stesso frontespizio, il logo della Repubblica italiana, insieme alla dicitura Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Il non rispetto di questo obbligo comporta l esclusione dal finanziamento (solo per sub-azioni A.1, A.2, A.3); elenco dei presidi sanitari consegnati (con indicazione del quantitativo) e delle aziende a cui sono stati distribuiti. I documenti devono essere sottoscritti dai beneficiari per presa consegna dei materiali. Presso la Forma associata deve essere mantenuta copia delle prescrizioni medico veterinarie per l acquisto del prodotto se previsto dalla normativa sanitaria vigente (solo per sub-azione B.4); elenco analitico della strumentazione acquistata (solo per sub-azione D.1); elenco degli apicoltori beneficiari, il numero dei campioni analizzati, le analisi eseguite, i parametri individuati ed il costo unitario (solo per sub-azione D.3); copia del materiale prodotto ed autorizzazione all utilizzo dei dati di mappatura da parte del servizio competente in materia di vigilanza e promozione delle attività agricole per la sovrapposizione nella cartografia relativa alla distribuzione floristica (solo per sub-azione C.1); relazione tecnico scientifica (solo per sub-azione F.1); relazione finanziaria riportante il numero di persone che a vario titolo hanno partecipato alla ricerca, nonché la quota parte delle attrezzature, personale,spese generali ecc. imputata al progetto (solo sub-azione F.1). Per la liquidazioni delle spese sostenute per realizzare le Azioni C.2.1, C.2.2, E: - modulo 4) Richiesta liquidazione contributi Reg. Ce 1234/2007 disponibile sul sito www. modulistica.provincia.tn.it; - dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante l attività di nomadismo o in alternativa fotocopia della dichiarazione di nomadismo presentata all'apss ai sensi della normativa vigente (solo per la sub-azione C.2.1 e C.2.2); - per i rimorchi deve essere presentata fotocopia della carta di circolazione dalla quale risulti il possesso dello stesso nonché fotocopia della carta di circolazione del veicolo trattore munito di gancio per traino rimorchi. Il rimorchio deve risultare di proprietà del richiedente. Qualora il mezzo trattore sia intestato ad un membro dello stesso nucleo familiare deve essere presentata dichiarazione sostitutiva di certificazione attestante lo stato di famiglia; per l acquisto di api regine deve essere presentata Autorizzazione/Certificazione rilasciata dal CRA - Unità di apicoltura che attesti l appartenenza delle api al tipo genetico di Apis mellifera ligustica ed ecotipi locali, nonché Apis mellifera carnica. In caso di importazione quest ultima certificazione può essere rilasciata anche dall autorità competente del Paese di provenienza dell Unione Europea (solo azione E); Autorizzazione/Certificazione sanitaria rilasciata dai servizi veterinari delle ASL che attesti le condizioni igienico-sanitarie degli animali (solo azione E); Certificazione Traces nel caso di importazione di animale vivi (solo azione E).

13 Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 27/12/2011 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 27/12/ Provincia Autonoma di Trento Piano finanziario Allegato parte integrante ALLEGATO B) Mis Cod Azioni A A1.1 A A1.2 Corsi di aggiornamento e formazione (pubbl. dip) Corsi di aggiornamento e formazione (privati) costo previsto % contr. tot contributo 50% fondo rotazione Contributo quota a carico dei 50% Feoga beneficiari 0, ,00 0,00 0,00 0,00 0, ,00 0,00 0,00 0,00 A A2 Seminari e convegni tematici 0, ,00 0,00 0,00 0,00 A A3 Azioni di comunicazione , , , , ,00 A A4 Assistenza tecnica alle aziende , , , , ,00 A A5 Tecniche avanzate trasferimento conoscenze 0, ,00 0,00 0,00 0,00 Totale A , , , , ,00 B B B1 B2 Incontri periodici con gli agricoltori, dimostrazioni pratiche Indagini sul campo finalizzate alla lotta alla varroa 7.000, , , , ,00 0, ,00 0,00 0,00 0,00 B B3 Acquisto di arnie a fondo a rete 0, ,00 0,00 0,00 0,00 B B4 Acquisto idonei presidi sanitari , , , , ,00 Totale B , , , , ,00 C C1 Mappatura aree nettarifere 4.090, , , ,00 0,00 C C2.1 Acquisto arnie , , , , ,00 C C2.2 C C2.3 Attrezzature macchine specifici per il nomadismo Acquisto autocarri per l'esercizio del nomadismo , , , , ,00 0, ,00 0,00 0,00 0,00 Totale C , , , , ,00 D D1 Acquisto strumentazione 0, ,00 0,00 0,00 0,00 D D D2 D3 Realizzazione di laboratori d'analisi chimico- fisiche Presa in carico di analisi chimico-fisiche, melissop., residuali 0, ,00 0,00 0,00 0, , , , , ,00 Totale D , , , , ,00 E Misure di ripopolamento , , , , ,00 Totale E , , , , ,00 F Miglioramento qualitativo dei prodotti dell'apicoltura mediante analisi 0, ,00 0,00 0,00 0,00 Totale F 0, ,00 0,00 0,00 0,00 Totale generale , , , , ,00

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli