Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte)"

Transcript

1 Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) 1

2 REDDITO flusso di ricchezza che, in un definito arco temporale di vita dell impresa, per effetto della gestione,! incrementa il valore del capitale conferito dalla proprietà (reddito positivo o utile)! riduce il valore del capitale conferito dalla proprietà (reddito negativo o perdita) 2

3 La misurazione dei risultati nelle imprese L impresa crea ricchezza se: R > C = Reddito positivo o Utile dove R = ricavi (prezzi conseguiti nei mercato di collocamento, misura delle utilità incorporate nell output) C = costi (prezzi corrisposti nei mercati di approvvigionamento, misura delle utilità degli input consumati) L impresa distrugge ricchezza se: R < C = Reddito negativo o Perdita L impresa non crea né distrugge ricchezza se: R = C 3

4 Nozioni di reddito Reddito Totale o d impresa Reddito di periodo Riferito alla intera vita di un impresa Riferito a un arco temporale intermedio della vita di un impresa 4

5 Il reddito: un importante precisazione il reddito è una misura imperfetta del valore crato, poiché omette di considerare il costo del capitale di proprietà Tale costo, in quanto non realmente sostenuto, viene denominato costo figurativo (o costo opportunità) 5

6 Reddito totale e inflazione INFLAZIONE Rende disomogenei il valore dell output e dell input per convenzione ipotesi semplificatrice: invarianza nel tempo del potere di acquisto della moneta 6

7 Il reddito totale o d impresa È l incremento o il decremento che il capitale della proprietà subisce per effetto della gestione nel corso dell intera vita dell impresa Viene calcolato al termine della vita dell impresa quando essa non è più operante, ha concluso tutti i cicli produttivi (acquisto, trasformazione e vendita) e non intende avviarne altri 7

8 Il reddito totale o d impresa Si suppongono verificate le seguenti condizioni: I fattori produttivi sono stati completamente utilizzati o ceduti per stralcio; Tutti i prodotti sono stati venduti; I finanziamenti concessi e quelli attinti sono stati interamente rimborsati; Non esistono debiti o crediti di funzionamento ancora da regolare; Assenza di rischi in corso che potrebbero determinare costi o perdite future (in caso contrario i cicli non possono ritenersi conclusi). 8

9 Il reddito totale o d impresa Tre metodologie di determinazione REDDITUALE PATRIMONIALE FINANZIARIA differenza tra tutti i costi sostenuti e tutti i ricavi conseguiti nell intero arco di vita dell impresa differenza tra il capitale iniziale conferito al tempo t 0 e il capitale restituito al tempo t z differenza tra tutte le uscite e tutte le entrate di denaro 9

10 Il reddito totale o d impresa Metodo REDDITUALE: differenza tra RICAVI TOTALI e COSTI TOTALI 10

11 Il reddito totale o d impresa Metodo PATRIMONIALE: differenza tra K FINALE e K CONFERITO RT = C tz - C t0 dove: RT = reddito totale C tz = valore del capitale al termine della vita dell impresa C t0 = valore del capitale all inizio della vita dell impresa Occorre escludere dai calcoli: " i valori degli ulteriori conferimenti effettuati dai soci in momenti successivi a quello di costituzione dell azienda; " i valori dei prelievi di capitale (e di reddito) disposti a favore degli stessi soci nel corso della sua intera vita. 11

12 Il reddito totale o d impresa Metodo FINANZIARIO: differenza tra ENTRATE E USCITE monetarie tz RT = E t - U t t=t0 dove: RT = reddito totale E t = entrate di denaro (con esclusione di quelle dovute ai conferimenti iniziali e/o successivi) U t = uscite di denaro (con esclusione di quelle relative ai rimborsi di capitale e/o ai prelievi di utili) tz t=t0 12

13 Il reddito totale o d impresa - Esemplificazione Al tempo t 0 è stata costituita l azienda Alfa con un conferimento iniziale pari a 500. Nel periodo t 0 - t z l attività aziendale si è svolta con il susseguirsi dei cicli acquisti-vendite riportati nella seguente tabella: Acquisti di fattori produttivi Vendita prodotti Quantità Prezzi Quantità Prezzi * , , Al termine dell attività aziendale, pertanto, il reddito totale risulta: Con Metodo Reddituale RT= Ricavi ( ) Costi ( ) = 700 Con Metodo Patrimoniale RT= Capitale Finale (1.200) Capitale iniziale (500) = 700 Con Metodo Finanziario RT= Entrate ( ) Uscite ( ) = 700 * Si segnala nel testo un errore di stampa 13

14 Il reddito di periodo: soggetti interessati I tipici stakeholder interessati alla conoscenza del reddito di periodo: Proprietà Manager Banche e altri Finanziatori Comunità Reddito di un circoscritto periodo Pubblica Amm. Personale Clienti Fornitori 14

15 t o t 1 t 2 t n Cicli produttivi conclusi e in corso Cicli produttivi conclusi e Cicli produttivi in corso di svolgimento Investimenti (costi) Investimenti (costi) Recuperi (ricavi) Recuperi (ricavi) Investimenti (costi) Investimenti (costi) Recuperi (ricavi) Recuperi (ricavi) Recuperi (ricavi) 15

16 Il reddito di periodo: aspetti di complessità La determinazione del reddito di periodo, rispetto a quanto visto per il reddito totale, si presenta particolarmente complessa: Su un piano teorico Su un piano operativo Si va contro l unitarietà nel tempo del fenomeno aziendale Occorre definire il periodo a cui appartengono i contributi reddituali dei processi in corso di svolgimento all inizio e alla fine dell esercizio 16

17 Il principio di Competenza Economica Possibili logiche Modello dei cicli conclusi Modello dei cicli in corso di svolgimento Fortemente radicato nella tradizione italiana Preferito dalla cultura contabile di matrice anglo-americana 17

18 Il modello dei Cicli Conclusi Quando un ciclo può ritenersi concluso? Critical Event Lo scambio dell output nel mercato legittima il riconoscimento dei ricavi Al medesimo periodo vanno attribuiti i costi che hanno concorso all ottenimento dei ricavi 18

19 Il modello dei Cicli Conclusi # La ricchezza si forma/distrugge nel continuo, mano a mano che si volgono le singole operazioni, e non soltanto all atto degli scambi Prof. Gino Zappa Il reddito si determina solo nello scambio e per lo scambio 19

20 La competenza economica Principio di realizzazione dei ricavi sono di competenza del periodo, i ricavi: a) finanziariamente conseguiti b) per i quali è intervenuto lo scambio dei beni o la prestazione del servizio Principio di inerenza dei costi sono di competenza del periodo, i costi: a) inerenti ai cicli conclusi con la realizzazione dei ricavi 20

21 Il modello dei cicli conclusi: costi e ricavi da sottrarre Costi e ricavi che hanno già trovato manifestazione finanziaria ma non riguardano cicli conclusi (non di competenza) vanno sottratti dalle complessive masse di ricavi/costi e rinviati agli esercizi futuri. Diverranno di competenza di quegli esercizi in cui soddisferanno i principi di realizzazione dei ricavi e di inerenza dei costi Esempio Se l impresa Alfa ha conseguito nell anno x un certo importo per beni non ancora ceduti ma da scambiare nell esercizio X + 1, il relativo ricavo sarà sottratto dai ricavi dell esercizio X, per essere considerato ai fini del calcolo del reddito del periodo X + 1. Analogo comportamento si dovrà osservare per i costi sostenuti, sempre nell esercizio X, per l acquisto dei fattori produttivi impiegati per la produzione di quei beni, che quindi risulteranno di competenza dell esercizio X

22 Costi e Ricavi da sottrarre I costi/ricavi da rinviare (o sospesi) corrispondono a costi/ricavi che hanno avuto manifestazione finanziaria anticipata rispetto al periodo di competenza Corrispondono ai valori di parti incompiute di gestione, o di stock di servizi che saranno impiegati/ceduti in successivi periodi Sono denominati anche Rimanenze. In funzione della loro funzione nella gestione futura, sono distinte in Rimanenze Attive e Rimanenze Passive 22

23 Costi e Ricavi da sottrarre Le Rimanenze Attive rappresentano costi già sostenuti (quindi anticipati o sospesi) per servizi che l impresa ha impiegato o impiegherà per la realizzazione di futuri ricavi Le Rimanenze Passive rappresentano ricavi già conseguiti (quindi anticipati o sospesi) per servizi che l impresa cederà in futuri esercizi dopo aver sostenuto i costi per l ottenimento dell output Rim. di Fattori fecondità semplice Rim. di Fattori a fecondità ripetuta Rim. di Prodotti finiti Risconti Attivi Ricavi Anticipati Risconti Passivi 23

24 segue: il caso particolare dei risconti Costi/ricavi che hanno avuto manifestazione finanziaria ma che corrispondono a stock di servizi che vengono utilizzati/ ceduti in proporzione al tempo Servizi acquistati ma non ancora utilizzati (costi sospesi) Servizi venduti ma non ancora erogati (ricavi sospesi) RISCONTI ATTIVI RISCONTI PASSIVI 24

25 segue: il caso particolare dei risconti - Esempio Si ipotizzi che in data 01/07/2011 l azienda Alfa sottoscriva un contratto di locazione, di durata annuale, avente ad oggetto uno stabilimento produttivo. Il contratto impone all Alfa di corrispondere in pari data l intero importo di euro /01/ /07/ /12/ /06/2012 Uscita finanziaria Costo di competenza (6/12) Costo da rinviare al futuro (Risconto Attivo) (6/12) 25

26 Costi e Ricavi da integrare Occorre integrare il calcolo del reddito di periodo con: Costi inerenti a ricavi realizzati ma non ancora finanziariamente sostenuti Ricavi realizzati (prestazione resa) ma non ancora finanziariamente conseguiti Saranno misurati da valori finanziari presunti passivi: fondi rischi fondi spese future ratei passivi Saranno misurati da valori finanziari presunti attivi: ratei attivi 26

27 segue: il caso particolare dei ratei Stock di servizi utilizzati/ceduti in proporzione al tempo ma che non hanno ancora trovato corrispondenza in Entrate/Uscite finanziarie Servizi utilizzati Servizi ceduti RATEI PASSIVI RATEI ATTIVI 27

28 segue: il caso particolare dei ratei - Esempio Si ipotizzi che in data 01/07/2011 l azienda Alfa sottoscriva un contratto di locazione, di durata annuale, avente ad oggetto uno stabilimento produttivo. Il contratto impone all Alfa di corrispondere in data 30/06/2012, al termine del contratto di locazione, l intero importo di euro /01/ /07/ /12/ /06/2012 Costo di competenza da integrare con un rateo passivo (6/12) Uscita finanziaria

29 segue: il caso particolare degli accantonamenti " Gli accantonamenti si riferiscono a eventi futuri sfavorevoli legati in qualche modo al periodo di cui si vuole calcolare il reddito Accantonamenti per spese future Oneri incerti nell'ammontare e/o nella data di verificazione Accantonamenti per rischi È incerto anche l evento che li origina 29

30 segue: il caso particolare degli accantonamenti 30

31 segue: il caso particolare degli accantonamenti 31

32 Il prospetto del reddito del periodo t 0 t 1 A) B) C) Componenti negativi Costi finanziariamente sostenuti nell esercizio (al netto delle rettifiche) Ricavi da rinviare al futuro Costi integrati UTILE Componenti positivi Ricavi finanziariamente conseguiti nell esercizio (al netto delle rettifiche) Costi da rinviare al futuro Ricavi integrati PERDITA 32

33 Le tre categorie di valori della sezione dei componenti negativi Categoria a) Comprende costi che hanno avuto manifestazione finanziaria nel periodo Categoria b) Comprende i ricavi anticipati (rimanenze passive) Categoria c) Include i valori degli accantonamenti per rischi futuri e per spese future, oltre ai costi misurati dai ratei passivi 33

34 Le tre categorie di valori della sezione dei componenti positivi Categoria a) Comprende i valori dei ricavi finanziariamente conseguiti nel corso dell esercizio Categoria b) Accoglie i costi anticipati (rimanenze attive) Categoria c) Include i ratei attivi 34

35 Attività e Passività Costi rinviati al futuro (rimanenze finali attive) (attività economiche futuri ricavi) Valori finanziari positivi (attività finanziarie future entrate) Potenzialità positive (futuri afflussi di risorse) (ATTIVITÀ) Ricavi rinviati al futuro (rimanenze finali passive) (passività economiche futuri costi) Valori finanziari negativi (passività finanziarie future uscite) Potenzialità negative (futuri deflussi di risorse) (PASSIVITÀ) 35

36 Il capitale di funzionamento Investimenti in attesa di recupero (impieghi) ATTIVITA (Economiche e Finanziarie) Capitale lordo di funzionamento Fonti dei mezzi finanziari investiti PASSIVITA (Economiche e Finanziarie) CAPITALE DI PROPRIETA Capitale netto di funzionamento 36

37 Il prospetto del capitale al tempo t 1 ATTIVITA (Impieghi) Componenti finanziari Denaro Banca c/c Crediti di funzion. Crediti di finanz. Ratei attivi Componenti economici FFR FFS Prodotti (finiti e in corso) Risconti attivi PASSIVITA E CAPITALE DI PROPRIETA (Fonti) Componenti finanziari Debiti di funzionamento Debiti di finanziamento Ratei passivi Fondi rischi Fondi spese future Componenti economici Ricavi anticipati Risconti passivi Capitale di proprietà in t 1 : Capitale di conferimento ±Reddito del periodo t 0 +t 1 37

38 Il reddito del periodo t n-1 t n Periodo intermedio (successivo al primo) di vita dell impresa: Il reddito di periodo andrà calcolato tenendo conto che sussistono: PROCESSI IN CORSO ALL INIZIO DEL PERIODO PROCESSI IN CORSO AL TERMINE DEL PERIODO Costi e ricavi ereditati dal passato (rimanenze iniziali) Costi e ricavi da rinviare al futuro (rimanenze finali) Nessuna diversità riguarderà la struttura del prospetto del capitale finale (grandezza istantanea ) 38

39 Il prospetto del reddito del periodo t n-1 t n " Rispetto al prospetto del reddito del periodo T1, si rende necessario aggiungere, nelle sezioni dei componenti negativi e positivi, un ulteriore categoria di valori Componenti negativi Costi provenienti dal passato (in comune con il capitale in t n-1 ) Costi sostenuti nell esercizio Componenti positivi Ricavi provenienti dal passato (in comune con il capitale in t n-1 ) Ricavi conseguiti nell esercizio Ricavi da rinviare al futuro (in comune con il capitale in t n ) Costi integrati Utile Costi da rinviare al futuro (in comune con il capitale in t n ) Ricavi integrati Perdita 39

40 Il capitale di proprietà (netto di funzionamento) in tn Capitale di proprietà in t n : Capitale di conferimento + Capitale conferito dalla proprietà (in fase di costituzione o in momenti successivi fino al tempo t n ) - Prelievi di capitale di proprietà (fino al tempo t n ) Capitale di risparmio ±Redditi generati dalla gestione nel periodo t 0 -t n-1 non prelevati/coperti dalla proprietà ±Reddito generato dalla gestione nel periodo t n-1 -t n 40

41 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Periodo n Al 1.4.n viene costituita l azienda Alfa mediante conferimento in denaro di 500. Il susseguirsi degli atti di gestione fino al n evidenzia il compimento delle seguenti operazioni: - in data si stipula un contratto di fitto annuale per un capannone da utilizzare per l attività produttiva. Canone annuo 600 con pagamento in un unica rata al n+1; - in data si procede all acquisto di macchinari per 300; - in pari data, si ottiene un finanziamento per l acquisto dei macchinari per l importo dovuto al fornitore, da restituire in unica soluzione a tre anni con il pagamento di interessi annuali anticipati del 12%; - in data si procede all acquisto di materie prime per 210; - Il si vendono 40 unità di prodotto al prezzo unitario di 10; - in data si vendono 30 unità di prodotto al prezzo unitario di 11.

42 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Periodo n Al termine del periodo, per calcolare in maniera corretta il risultato economico, occorre, inoltre, considerare che: - risultano presenti in magazzino materie prime non ancora utilizzate nei circuiti produttivi per 90 e prodotti finiti non ancora venduti per 70; - l utilità residua attribuita ai macchinari al termine del periodo viene quantificata in 200; - al risulta maturata ma non ancora pagata una quota pari a 9/12 del canone di fitto del capannone; - l operazione di finanziamento ha comportato l esborso di interessi a copertura di un periodo di un anno mentre a fine periodo si è utilizzato denaro di terzi per soli otto mesi. 42

43 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Componenti negativi (t n ) Componenti positivi (t n ) Ricavi conseguiti nell esercizio Vendite Costi sostenuti nell esercizio Materie prime; Macchinari; Interessi Passivi Ricavi da rinviare al futuro Costi integrati Fitto capannone Costi da rinviare al futuro Risconti Attivi su interessi passivi Materie prime Prodotti Macchinari Ricavi integrati TOTALE Componenti negativi 996 TOTALE Componenti positivi UTILE DEL PERIODO

44 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Attività (Investimenti) (t n ) Componenti finanziari Banca c/c Componenti economici Risconti Attivi su interessi passivi Materie prime Prodotti finiti Macchinari TOTALE Attività Passività e Capitale di proprietà (Fonti) (t n ) Componenti finanziari Deb. Finanziamento 300 Ratei passivi 450 Componenti economici Capitale di proprietà Capitale conferito 500 Reddito generato dalla gestione nel periodo n 106 TOTALE Passività e Capitale di proprietà

45 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Periodo n+1 Nel secondo anno di attività l azienda Alfa compie i seguenti atti di gestione: - in data procede all acquisto di materie prime per 350; - in data procede al pagamento del canone di fitto del capannone per 600 e si rinnova il contratto di fitto per l anno successivo alle medesime condizioni; - in data si pagano gli interessi per il finanziamento ottenuto nell anno n per 36; - in data si vendono in contanti prodotti per 800; - in data si acquistano materie prime per 400; - in data si vendono prodotti per 1.200, con regolamento per metà in contanti e per metà con dilazione a 120 giorni. 45

46 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Periodo n+1 Al termine del periodo, per calcolare in maniera corretta il risultato economico, occorre, inoltre, considerare che: - risultano presenti in magazzino materie prime non ancora utilizzate nei circuiti produttivi per 40 e prodotti finiti non ancora venduti per 60; - l utilità residua attribuita ai macchinari al termine del periodo viene quantificata in al risulta maturata ma non ancora pagata una quota pari a 9/12 del canone di fitto del capannone per l anno n+1 mentre il canone pagato in data risulta per 3/12 riferito all esercizio; - gli interessi pagati al si riferiscono per 8/12 all esercizio in chiusura. - l utile dell anno precedente non è stato prelevato. 46

47 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Componenti negativi (t n+1 ) Componenti positivi (t n+1 ) Ricavi provenienti dal passato Costi provenienti dal passato Risconti attivi su interessi passivi Materie prime Prodotti Macchinari Costi sostenuti nell esercizio Materie prime Fitto Capannone Interessi Passivi Ricavi da rinviare al futuro Costi integrati Fitto capannone Ricavi di vendita dei prodotti finiti Vendite Costi da rinviare al futuro Risconti Attivi su interessi pass. Materie prime Prodotti Macchinari Ricavi integrati TOTALE Componenti negativi TOTALE Componenti positivi UTILE DEL PERIODO

48 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Attività (Investimenti) (t n+1 ) Componenti finanziari Crediti di Funzionamento Banca c/c Componenti economici Risconti Attivi su interessi pass. Rimanenze Materie prime Rimanenze Prodotti Macchinari TOTALE Attività Passività e Capitale di proprietà (Fonti) (t n+1 ) Componenti finanziari Deb. Finanziamento* Ratei passivi Componenti economici Capitale di proprietà Capitale di conferimento 500 Capitale di risparmio Reddito non prelevato 106 Reddito generato dalla gestione nel periodo 1.1.n n TOTALE Passività e Capitale di proprietà * Si segnala nel testo un errore di stampa (l importo è stato associato a un debito di funzionamento e non di finanziamento) 48

Misurazione e rappresentazione dei risultati d impresa (I parte)

Misurazione e rappresentazione dei risultati d impresa (I parte) Misurazione e rappresentazione dei risultati d impresa (I parte) 1 .Oltre l analisi delle variazioni L analisi delle variazioni fornisce informazioni sulle implicazioni economiche e finanziarie associate

Dettagli

L equilibrio economico e le variazioni economiche e finanziarie

L equilibrio economico e le variazioni economiche e finanziarie Economia Aziendale L equilibrio economico e le variazioni economiche e finanziarie L azienda è un unità produttrice di beni e servizi contraddistinta da caratteri di aziendalità (economicità, autonomia,

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA FATTORI CONDIZIONI PRODUTTIVE BENI E SERVIZI PRODOTTI USCITE MONETARIE O AUMENTO DI DEBITI AZIENDA ENTRATE MONETARIE

Dettagli

Ecco quindi che bisogna effettuare un duplice intervento: I Risconti I RISCONTI ATTIVI. possono essere: attivi passivi

Ecco quindi che bisogna effettuare un duplice intervento: I Risconti I RISCONTI ATTIVI. possono essere: attivi passivi I Risconti possono essere: attivi passivi RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio E una quota di costo che si è manifestato finanziariamente nell esercizio appena trascorso,

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO

SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO SCRITTURE DI RETTIFICA IL PRESENTE AL FUTURO SI TRATTA DI RINVIARE AL FUTURO O AI FUTURI ESERCIZI COSTI E RICAVI CHE HANNO GIA AVUTO NEL PRESENTE O NEI PASSATI ESERCIZI LA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA, MA

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

La liquidazione dell IVA (cenni teorici)

La liquidazione dell IVA (cenni teorici) La liquidazione dell IVA (cenni teorici) L IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) è un imposta indiretta che si applica alle cessioni di beni, alle prestazioni di servizi ed alle importazioni. Sulla base delle

Dettagli

LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI

LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI FINALITA DELLA DINAMICA DEI MEZZI 1) Evidenziazione delle dinamiche economico-aziendali 2) Rappresentazione della composizione patrimoniale dell impresa 3) Determinazione

Dettagli

Il sistema delle operazioni tipiche di gestione

Il sistema delle operazioni tipiche di gestione Il sistema delle operazioni tipiche di gestione 1 LA GESTIONE Sistema delle attività svolte sul capitale per la realizzazione della funzione di CREAZIONE DI UTILITÀ propria di ogni azienda Il capitale

Dettagli

Il fabbisogno finanziario rappresenta la parte del fabbisogno monetario complessivo coperta dai debiti di finanziamento.

Il fabbisogno finanziario rappresenta la parte del fabbisogno monetario complessivo coperta dai debiti di finanziamento. Il fabbisogno monetario In generale, il momento del sostenimento dei costi per l acquisizione dei fattori produttivi e la correlata uscita monetaria precedono il momento dell ottenimento del ricavo per

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE ANNO 2012 2013 GRUPPO R-Z PROF. ELISA BONOLLO. 1 ECONOMIA AZIENDALE R-Z 2012 2013 http://www.sharenotes.it

ECONOMIA AZIENDALE ANNO 2012 2013 GRUPPO R-Z PROF. ELISA BONOLLO. 1 ECONOMIA AZIENDALE R-Z 2012 2013 http://www.sharenotes.it ECONOMIA AZIENDALE ANNO 2012 2013 GRUPPO R-Z PROF. ELISA BONOLLO 1 ECONOMIA AZIENDALE R-Z 2012 2013 L economia aziendale appartiene alle scienze sociali che si fondano sull osservazione della vita dell

Dettagli

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio?

Usando la cassa come misura della liquidità, l azienda è più o meno liquida alla fine dell esercizio di quanto fosse al 1 gennaio? Copyright 2008 The Companies srl Capitolo 5 Il conto economico e la misurazione dei costi Problemi Problema 5-1 Ace SpA opera in un economia con alti livelli inflazionistici. Il 1 gennaio l indice dei

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA L AZIENDA CAPITOLO PRIMO L OGGETTO E I SOGGETTI DELL AZIENDA

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA L AZIENDA CAPITOLO PRIMO L OGGETTO E I SOGGETTI DELL AZIENDA INDICE SOMMARIO Indice delle figure Introduzione Pag. XIII» XVII PARTE PRIMA L AZIENDA CAPITOLO PRIMO L OGGETTO E I SOGGETTI DELL AZIENDA Oggetto e obiettivi Pag. 3 1.1. L oggetto dell azienda: azienda

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ESERCIZIO 1 - Riporto a capitale, reddito e rendiconto di liquidità. Analisi dei valori e delle variazioni Alla fine

Dettagli

ESERCITAZIONE. Costituzione di società

ESERCITAZIONE. Costituzione di società ESERCITAZIONE Costituzione di società In data 15 aprile 2012 si costituisce la Alfa Spa con Capitale Sociale di 800.000, sottoscritto dagli azionisti A, B e C nelle seguenti proporzioni: Socio A: 25%,

Dettagli

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto Il conto Il conto, strumento di rilevazione delle scritture complesse, è un insieme di valori riferibili ad un determinato oggetto (un costo: materie c/acquisto, oneri assicurativi ; un credito, un ricavo)

Dettagli

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A.

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. A cura di A.N.I.N.S.E.I. www.aninsei.it Soluzione a cura dei proff. Biscontin Franco e Carnio

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Appunti in tema di contabilità A.A. 2003-2004 Appunti di contabilità

Dettagli

Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA

Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA 1 CONOSCERE PER DECIDERE I soggetti coinvolti nella vita dell azienda hanno il diritto e il dovere di conoscere le condizioni del suo svolgimento,

Dettagli

Le operazioni di finanziamento

Le operazioni di finanziamento Le operazioni di finanziamento ATTIVITÀ PASSIVITÀ DI TERZI PROPRIO Il reperimento delle risorse finanziarie Per acquistare i fattori produttivi l impresa necessita di risorse monetarie. Dove reperirle?

Dettagli

1. CONTABILITA GENERALE

1. CONTABILITA GENERALE 1. CONTABILITA GENERALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Sede di Fano Corso di Ragioneria Generale e Applicata I PARTE APPLICATA CONTABILITA GENERALE 1 Cosa si studia nel Corso

Dettagli

ESERC. N. 2 SCRITURE ASSESTAMENTO ESERCITAZIONE. Pagina 1 di 17

ESERC. N. 2 SCRITURE ASSESTAMENTO ESERCITAZIONE. Pagina 1 di 17 ESERCITAZIONE N. 2 SCRITTURE ASSESTAMENTO Pagina 1 di 17 SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento si effettuano in sede di chiusura dei conti per determinare il risultato economico di competenza

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA"

CORSO SPERIMENTALE - Progetto BROCCA ITC CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA" Anno 24 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La contabilità generale si fonda sul quadro dei conti e sulle note illustrative che spiegano il loro funzionamento. Il candidato

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

Introduzione alla contabilità economicopatrimoniale

Introduzione alla contabilità economicopatrimoniale Introduzione alla contabilità economicopatrimoniale Il metodo della partita Dott. Angelo Erbacci, Politecnico di Milano angelo.erbacci@polimi.it 2 Introduzione alla COEP La contabilità economico-patrimoniale

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

9b. Scritture di interazione e rettifica. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo

9b. Scritture di interazione e rettifica. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo 9b. Scritture di interazione e rettifica Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, Febbraio 2015 Le scritture di integrazione e rettifica.. CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI. ATTIVITÀ PASSIVITÀ APPLICAZIONE

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Management Sergio Branciari s.branciari@univpm.it Simone Poli s.poli@univpm.it L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi San Benedetto

Dettagli

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali Le rimanenze finali Durante l esercizio le imprese sostengono costi relativi a: l acquisto di materie prime e merci; la trasformazione delle materie prime in prodotti finiti; la gestione e l immagazzinamento

Dettagli

SCRITTURE DI STORNO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ESERCIZIO IN CORSO COMPETENZA ESERCIZIO SUCCESSIVO

SCRITTURE DI STORNO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ESERCIZIO IN CORSO COMPETENZA ESERCIZIO SUCCESSIVO SCRITTURE DI STORNO HANNO LO SCOPO DI RINVIARE ALL ESERCIZIO SUCCESSIVO COSTI E RICAVI GIA RILEVATI IN CONTABILITA CHE PER IL LORO VALORE INTERO, O SOLO PER UNA QUOTA, SONO CONSIDERATI NON DI COMPETENZA

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

La Valutazione dell Equilibrio Finanziario (I PARTE)

La Valutazione dell Equilibrio Finanziario (I PARTE) La Valutazione dell Equilibrio Finanziario ( PARTE) 1 La valutazione dell equilibrio finanziario nelle imprese 1 caratteri del fabbisogno di finanziamento e le forme di copertura 2 l Capitale Circolante

Dettagli

Università degli Studi di Roma Sapienza ANNO ACCADEMICO 2014/2015

Università degli Studi di Roma Sapienza ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Università degli Studi di Roma Sapienza ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CANALE E-M DANIELA COLUCCIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE (9 CFU) ORGANIZZAZIONE La struttura dell organizzazione

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC IDA D ALESSIO 24 APRILE 2015 Rispetto al precedente OIC 12: Cambiamenti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA Anno 2000 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI. Relazione sulla gestione alla relazione economico patrimoniale al 31/12/2014

FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI. Relazione sulla gestione alla relazione economico patrimoniale al 31/12/2014 FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI Sede in VIA CEFALONIA 70-25100 BRESCIA (BS) Fondo di Dotazione dell Ordine degli Ingegneri di Brescia Euro 51.661,00 I.V. Relazione sulla gestione alla relazione

Dettagli

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati Alla data odierna i bilanci approvati nei 120 giorni, entro cioè il 30 aprile, risulteranno essere tutti depositati. Per le società

Dettagli

Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa

Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa Guida all Utilizzo del Modello Excel Premessa Il Modello permette di elaborare i Previsionali Patrimoniale,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

I processi di approvvigionamento

I processi di approvvigionamento azienda/fornitori I processi di acquisto/utilizzazione dei fattori produttivi correnti circuiti sempre aperti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore

Dettagli

Ragioneria generale ed applicata Prof. Salvatore Madonna pag. 1

Ragioneria generale ed applicata Prof. Salvatore Madonna pag. 1 Ragioneria generale ed applicata Prof. Salvatore Madonna pag. 1 Esercizio n. 1 (Finanziamento) Si effettui, per le operazioni di gestione sotto riportate, l'analisi della natura delle variazioni di valore.

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

Le scritture di assestamento. Classe III ITC

Le scritture di assestamento. Classe III ITC Le scritture di assestamento Classe III ITC L assestamento dei conti Le scritture di assestamento consentono di determinare contemporaneamente la competenza dei componenti positivi e negativi del risultato

Dettagli

Concetti base. Le attività, tra loro integrate, formano i processi produttivi (o di trasformazione).

Concetti base. Le attività, tra loro integrate, formano i processi produttivi (o di trasformazione). Concetti base Tutti i beni che acquistiamo sono il risultato di un attività aziendale di produzione, cioè di ottenimento di prodotti e servizi attraverso l impiego di risorse. Le attività, tra loro integrate,

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari 1 ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 16 RENDICONTO FINANZIARIO A cura di N. Pecchiari ESERCIZIO (1) Variazioni del reddito, patrimonio, CCN e cassa Si ipotizzi di analizzare il bilancio della azienda BETA chiuso

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE di GESTIONE AL 30.06.2015 DEL FONDO SECURFONDO

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE di GESTIONE AL 30.06.2015 DEL FONDO SECURFONDO COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE di GESTIONE AL 30.06.2015 DEL FONDO SECURFONDO SECURFONDO Il Consiglio di Amministrazione della InvestiRE SGR S.p.A. ha approvato in data odierna la Relazione di

Dettagli

Appendice 2.B Glossario IV Direttiva CEE

Appendice 2.B Glossario IV Direttiva CEE 92 CAPITOLO 2 ISBN 88-408-1246-6 Appendice 2.B Glossario IV Direttiva CEE CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI (CLASSE A). Sono iscritti i crediti relativi a versamenti dovuti dai soci, per

Dettagli

Le scritture di assestamento. Le scritture di assestamento

Le scritture di assestamento. Le scritture di assestamento Le scritture di assestamento 1 Le scritture di assestamento Le scritture di assestamento -Da un lato, la Contabilità Generale registra gli eventi gestionali in base alla manifestazione numeraria (aspetto

Dettagli

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI CHIUSURA GENERALE DEI CONTI Una volta effettuate le scritture di assestamento per la determinazione della competenza economica dei costi e dei ricavi, si procede all'epilogo dei conti al "Conto del Risultato

Dettagli

Le principali scritture di fine esercizio

Le principali scritture di fine esercizio Le principali scritture di fine esercizio A cura di: Dott Renzo Gangai Alberton Dott Cristian Gangai Alberton Dott.ssa Michela Bettella Dott Maurizio Reffo Prima di procedere con la rilevazione delle scritture

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC Albez edutainment production Il patrimonio Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio patrimoniale e finanziario di un impresa Conoscere e classificare

Dettagli

Le rilevazioni contabili

Le rilevazioni contabili Le rilevazioni contabili Una rilevazione contabile consiste nella raccolta e nella elaborazione dei dati relativi alla gestione, al fine di rappresentarli e interpretarli. Le rilevazioni contabili si concretano

Dettagli

Il leasing in Nota integrativa

Il leasing in Nota integrativa Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 18 19.05.2014 Il leasing in Nota integrativa Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Nota integrativa Le operazioni di leasing

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

Investimenti e disinvestimenti

Investimenti e disinvestimenti Investimenti e disinvestimenti CICLO finanziamenti Investimenti e realizzo Disinvestimenti o vendita 1 Sistema accadimenti, quantità economiche e valori Sistema accadimenti Categorie di operazioni a) Di

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI Acquisto Il contratto di leasing è uno degli strumenti che viene comunemente utilizzato dalle imprese per procedere all acquisto di beni strumentali. Sono previste due possibili

Dettagli

ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. II parte

ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. II parte ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE II parte 1 L AZIENDA: i caratteri distintivi 1) E una comunità di persone che assume la funzione di creare valore per soddisfare i bisogni umani 2) E un organismo,

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA di Mariaersilia LISI RICATTI Materie: Economia aziendale (Classe 3 a Istituto Tecnico, 3 a Istituto Professionale)

Dettagli

RATEI ATTIVI E PASSIVI

RATEI ATTIVI E PASSIVI RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO ECONOMICO - PATRIMONIALE. Maggio 2008

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO ECONOMICO - PATRIMONIALE. Maggio 2008 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO ECONOMICO - PATRIMONIALE Maggio 2008 Premessa Tutte le Auser devono per Statuto redigere un bilancio annuale costituito da: Stato patrimoniale; Conto Economico.

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE AI DECISORI (SOCI, AZIONISTI, CORRISPONDENTI, PUBBLICO, ecc.)

RAPPORTO ANNUALE AI DECISORI (SOCI, AZIONISTI, CORRISPONDENTI, PUBBLICO, ecc.) RAPPORTO ANNUALE AI DECISORI (SOCI, AZIONISTI, CORRISPONDENTI, PUBBLICO, ecc.) A - DOCUMENTI DI BASE 1 - stato patrimoniale 2 - conto economico 3 - note integrativa al bilancio B - PROSPETTI SUPPLEMENTARI

Dettagli

In data 01.09.n abbiamo ottenuto un mutuo di 73.000. Gli interessi al tasso del 7% vengono pagati posticipatamente ogni 6 mesi alle date 1.9. 1-3.

In data 01.09.n abbiamo ottenuto un mutuo di 73.000. Gli interessi al tasso del 7% vengono pagati posticipatamente ogni 6 mesi alle date 1.9. 1-3. I RATEI ATTIVI E PASSIVI Premessa: RATEO ATTIVO = CREDITO in corso di maturazione I ratei attivi sono crediti che sorgono a fronte di ricavi che pur essendo di competenza dell esercizio appena trascorso

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

OIC 10: La redazione del rendiconto finanziario Sintesi delle principali novità

OIC 10: La redazione del rendiconto finanziario Sintesi delle principali novità OIC 10: La redazione del rendiconto finanziario Sintesi delle principali novità L OIC ha deciso di dedicare al rendiconto finanziario un apposito principio contabile tenuto conto della sua valenza informativa.

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 Introduzione Il Bilancio al 31 Dicembre 2014 è formato dallo

Dettagli

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 1 3) Rettifiche su acquisti Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

INDICE ( 1 ) PARTE PRIMA CONCETTI FONDAMENTALI DELLA RAGIONERIA CAPITOLO I L AZIENDA CAPITOLO II IL CAPITALE O PATRIMONIO

INDICE ( 1 ) PARTE PRIMA CONCETTI FONDAMENTALI DELLA RAGIONERIA CAPITOLO I L AZIENDA CAPITOLO II IL CAPITALE O PATRIMONIO INDICE ( 1 ) PARTE PRIMA CONCETTI FONDAMENTALI DELLA RAGIONERIA CAPITOLO I L AZIENDA 1.1. Analisi del concetto di azienda.... pag. 3 1.2. Azienda e ambiente....» 11 1.3. Tipologie di aziende....» 14 1.4.

Dettagli