Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte)"

Transcript

1 Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) 1

2 REDDITO flusso di ricchezza che, in un definito arco temporale di vita dell impresa, per effetto della gestione,! incrementa il valore del capitale conferito dalla proprietà (reddito positivo o utile)! riduce il valore del capitale conferito dalla proprietà (reddito negativo o perdita) 2

3 La misurazione dei risultati nelle imprese L impresa crea ricchezza se: R > C = Reddito positivo o Utile dove R = ricavi (prezzi conseguiti nei mercato di collocamento, misura delle utilità incorporate nell output) C = costi (prezzi corrisposti nei mercati di approvvigionamento, misura delle utilità degli input consumati) L impresa distrugge ricchezza se: R < C = Reddito negativo o Perdita L impresa non crea né distrugge ricchezza se: R = C 3

4 Nozioni di reddito Reddito Totale o d impresa Reddito di periodo Riferito alla intera vita di un impresa Riferito a un arco temporale intermedio della vita di un impresa 4

5 Il reddito: un importante precisazione il reddito è una misura imperfetta del valore crato, poiché omette di considerare il costo del capitale di proprietà Tale costo, in quanto non realmente sostenuto, viene denominato costo figurativo (o costo opportunità) 5

6 Reddito totale e inflazione INFLAZIONE Rende disomogenei il valore dell output e dell input per convenzione ipotesi semplificatrice: invarianza nel tempo del potere di acquisto della moneta 6

7 Il reddito totale o d impresa È l incremento o il decremento che il capitale della proprietà subisce per effetto della gestione nel corso dell intera vita dell impresa Viene calcolato al termine della vita dell impresa quando essa non è più operante, ha concluso tutti i cicli produttivi (acquisto, trasformazione e vendita) e non intende avviarne altri 7

8 Il reddito totale o d impresa Si suppongono verificate le seguenti condizioni: I fattori produttivi sono stati completamente utilizzati o ceduti per stralcio; Tutti i prodotti sono stati venduti; I finanziamenti concessi e quelli attinti sono stati interamente rimborsati; Non esistono debiti o crediti di funzionamento ancora da regolare; Assenza di rischi in corso che potrebbero determinare costi o perdite future (in caso contrario i cicli non possono ritenersi conclusi). 8

9 Il reddito totale o d impresa Tre metodologie di determinazione REDDITUALE PATRIMONIALE FINANZIARIA differenza tra tutti i costi sostenuti e tutti i ricavi conseguiti nell intero arco di vita dell impresa differenza tra il capitale iniziale conferito al tempo t 0 e il capitale restituito al tempo t z differenza tra tutte le uscite e tutte le entrate di denaro 9

10 Il reddito totale o d impresa Metodo REDDITUALE: differenza tra RICAVI TOTALI e COSTI TOTALI 10

11 Il reddito totale o d impresa Metodo PATRIMONIALE: differenza tra K FINALE e K CONFERITO RT = C tz - C t0 dove: RT = reddito totale C tz = valore del capitale al termine della vita dell impresa C t0 = valore del capitale all inizio della vita dell impresa Occorre escludere dai calcoli: " i valori degli ulteriori conferimenti effettuati dai soci in momenti successivi a quello di costituzione dell azienda; " i valori dei prelievi di capitale (e di reddito) disposti a favore degli stessi soci nel corso della sua intera vita. 11

12 Il reddito totale o d impresa Metodo FINANZIARIO: differenza tra ENTRATE E USCITE monetarie tz RT = E t - U t t=t0 dove: RT = reddito totale E t = entrate di denaro (con esclusione di quelle dovute ai conferimenti iniziali e/o successivi) U t = uscite di denaro (con esclusione di quelle relative ai rimborsi di capitale e/o ai prelievi di utili) tz t=t0 12

13 Il reddito totale o d impresa - Esemplificazione Al tempo t 0 è stata costituita l azienda Alfa con un conferimento iniziale pari a 500. Nel periodo t 0 - t z l attività aziendale si è svolta con il susseguirsi dei cicli acquisti-vendite riportati nella seguente tabella: Acquisti di fattori produttivi Vendita prodotti Quantità Prezzi Quantità Prezzi * , , Al termine dell attività aziendale, pertanto, il reddito totale risulta: Con Metodo Reddituale RT= Ricavi ( ) Costi ( ) = 700 Con Metodo Patrimoniale RT= Capitale Finale (1.200) Capitale iniziale (500) = 700 Con Metodo Finanziario RT= Entrate ( ) Uscite ( ) = 700 * Si segnala nel testo un errore di stampa 13

14 Il reddito di periodo: soggetti interessati I tipici stakeholder interessati alla conoscenza del reddito di periodo: Proprietà Manager Banche e altri Finanziatori Comunità Reddito di un circoscritto periodo Pubblica Amm. Personale Clienti Fornitori 14

15 t o t 1 t 2 t n Cicli produttivi conclusi e in corso Cicli produttivi conclusi e Cicli produttivi in corso di svolgimento Investimenti (costi) Investimenti (costi) Recuperi (ricavi) Recuperi (ricavi) Investimenti (costi) Investimenti (costi) Recuperi (ricavi) Recuperi (ricavi) Recuperi (ricavi) 15

16 Il reddito di periodo: aspetti di complessità La determinazione del reddito di periodo, rispetto a quanto visto per il reddito totale, si presenta particolarmente complessa: Su un piano teorico Su un piano operativo Si va contro l unitarietà nel tempo del fenomeno aziendale Occorre definire il periodo a cui appartengono i contributi reddituali dei processi in corso di svolgimento all inizio e alla fine dell esercizio 16

17 Il principio di Competenza Economica Possibili logiche Modello dei cicli conclusi Modello dei cicli in corso di svolgimento Fortemente radicato nella tradizione italiana Preferito dalla cultura contabile di matrice anglo-americana 17

18 Il modello dei Cicli Conclusi Quando un ciclo può ritenersi concluso? Critical Event Lo scambio dell output nel mercato legittima il riconoscimento dei ricavi Al medesimo periodo vanno attribuiti i costi che hanno concorso all ottenimento dei ricavi 18

19 Il modello dei Cicli Conclusi # La ricchezza si forma/distrugge nel continuo, mano a mano che si volgono le singole operazioni, e non soltanto all atto degli scambi Prof. Gino Zappa Il reddito si determina solo nello scambio e per lo scambio 19

20 La competenza economica Principio di realizzazione dei ricavi sono di competenza del periodo, i ricavi: a) finanziariamente conseguiti b) per i quali è intervenuto lo scambio dei beni o la prestazione del servizio Principio di inerenza dei costi sono di competenza del periodo, i costi: a) inerenti ai cicli conclusi con la realizzazione dei ricavi 20

21 Il modello dei cicli conclusi: costi e ricavi da sottrarre Costi e ricavi che hanno già trovato manifestazione finanziaria ma non riguardano cicli conclusi (non di competenza) vanno sottratti dalle complessive masse di ricavi/costi e rinviati agli esercizi futuri. Diverranno di competenza di quegli esercizi in cui soddisferanno i principi di realizzazione dei ricavi e di inerenza dei costi Esempio Se l impresa Alfa ha conseguito nell anno x un certo importo per beni non ancora ceduti ma da scambiare nell esercizio X + 1, il relativo ricavo sarà sottratto dai ricavi dell esercizio X, per essere considerato ai fini del calcolo del reddito del periodo X + 1. Analogo comportamento si dovrà osservare per i costi sostenuti, sempre nell esercizio X, per l acquisto dei fattori produttivi impiegati per la produzione di quei beni, che quindi risulteranno di competenza dell esercizio X

22 Costi e Ricavi da sottrarre I costi/ricavi da rinviare (o sospesi) corrispondono a costi/ricavi che hanno avuto manifestazione finanziaria anticipata rispetto al periodo di competenza Corrispondono ai valori di parti incompiute di gestione, o di stock di servizi che saranno impiegati/ceduti in successivi periodi Sono denominati anche Rimanenze. In funzione della loro funzione nella gestione futura, sono distinte in Rimanenze Attive e Rimanenze Passive 22

23 Costi e Ricavi da sottrarre Le Rimanenze Attive rappresentano costi già sostenuti (quindi anticipati o sospesi) per servizi che l impresa ha impiegato o impiegherà per la realizzazione di futuri ricavi Le Rimanenze Passive rappresentano ricavi già conseguiti (quindi anticipati o sospesi) per servizi che l impresa cederà in futuri esercizi dopo aver sostenuto i costi per l ottenimento dell output Rim. di Fattori fecondità semplice Rim. di Fattori a fecondità ripetuta Rim. di Prodotti finiti Risconti Attivi Ricavi Anticipati Risconti Passivi 23

24 segue: il caso particolare dei risconti Costi/ricavi che hanno avuto manifestazione finanziaria ma che corrispondono a stock di servizi che vengono utilizzati/ ceduti in proporzione al tempo Servizi acquistati ma non ancora utilizzati (costi sospesi) Servizi venduti ma non ancora erogati (ricavi sospesi) RISCONTI ATTIVI RISCONTI PASSIVI 24

25 segue: il caso particolare dei risconti - Esempio Si ipotizzi che in data 01/07/2011 l azienda Alfa sottoscriva un contratto di locazione, di durata annuale, avente ad oggetto uno stabilimento produttivo. Il contratto impone all Alfa di corrispondere in pari data l intero importo di euro /01/ /07/ /12/ /06/2012 Uscita finanziaria Costo di competenza (6/12) Costo da rinviare al futuro (Risconto Attivo) (6/12) 25

26 Costi e Ricavi da integrare Occorre integrare il calcolo del reddito di periodo con: Costi inerenti a ricavi realizzati ma non ancora finanziariamente sostenuti Ricavi realizzati (prestazione resa) ma non ancora finanziariamente conseguiti Saranno misurati da valori finanziari presunti passivi: fondi rischi fondi spese future ratei passivi Saranno misurati da valori finanziari presunti attivi: ratei attivi 26

27 segue: il caso particolare dei ratei Stock di servizi utilizzati/ceduti in proporzione al tempo ma che non hanno ancora trovato corrispondenza in Entrate/Uscite finanziarie Servizi utilizzati Servizi ceduti RATEI PASSIVI RATEI ATTIVI 27

28 segue: il caso particolare dei ratei - Esempio Si ipotizzi che in data 01/07/2011 l azienda Alfa sottoscriva un contratto di locazione, di durata annuale, avente ad oggetto uno stabilimento produttivo. Il contratto impone all Alfa di corrispondere in data 30/06/2012, al termine del contratto di locazione, l intero importo di euro /01/ /07/ /12/ /06/2012 Costo di competenza da integrare con un rateo passivo (6/12) Uscita finanziaria

29 segue: il caso particolare degli accantonamenti " Gli accantonamenti si riferiscono a eventi futuri sfavorevoli legati in qualche modo al periodo di cui si vuole calcolare il reddito Accantonamenti per spese future Oneri incerti nell'ammontare e/o nella data di verificazione Accantonamenti per rischi È incerto anche l evento che li origina 29

30 segue: il caso particolare degli accantonamenti 30

31 segue: il caso particolare degli accantonamenti 31

32 Il prospetto del reddito del periodo t 0 t 1 A) B) C) Componenti negativi Costi finanziariamente sostenuti nell esercizio (al netto delle rettifiche) Ricavi da rinviare al futuro Costi integrati UTILE Componenti positivi Ricavi finanziariamente conseguiti nell esercizio (al netto delle rettifiche) Costi da rinviare al futuro Ricavi integrati PERDITA 32

33 Le tre categorie di valori della sezione dei componenti negativi Categoria a) Comprende costi che hanno avuto manifestazione finanziaria nel periodo Categoria b) Comprende i ricavi anticipati (rimanenze passive) Categoria c) Include i valori degli accantonamenti per rischi futuri e per spese future, oltre ai costi misurati dai ratei passivi 33

34 Le tre categorie di valori della sezione dei componenti positivi Categoria a) Comprende i valori dei ricavi finanziariamente conseguiti nel corso dell esercizio Categoria b) Accoglie i costi anticipati (rimanenze attive) Categoria c) Include i ratei attivi 34

35 Attività e Passività Costi rinviati al futuro (rimanenze finali attive) (attività economiche futuri ricavi) Valori finanziari positivi (attività finanziarie future entrate) Potenzialità positive (futuri afflussi di risorse) (ATTIVITÀ) Ricavi rinviati al futuro (rimanenze finali passive) (passività economiche futuri costi) Valori finanziari negativi (passività finanziarie future uscite) Potenzialità negative (futuri deflussi di risorse) (PASSIVITÀ) 35

36 Il capitale di funzionamento Investimenti in attesa di recupero (impieghi) ATTIVITA (Economiche e Finanziarie) Capitale lordo di funzionamento Fonti dei mezzi finanziari investiti PASSIVITA (Economiche e Finanziarie) CAPITALE DI PROPRIETA Capitale netto di funzionamento 36

37 Il prospetto del capitale al tempo t 1 ATTIVITA (Impieghi) Componenti finanziari Denaro Banca c/c Crediti di funzion. Crediti di finanz. Ratei attivi Componenti economici FFR FFS Prodotti (finiti e in corso) Risconti attivi PASSIVITA E CAPITALE DI PROPRIETA (Fonti) Componenti finanziari Debiti di funzionamento Debiti di finanziamento Ratei passivi Fondi rischi Fondi spese future Componenti economici Ricavi anticipati Risconti passivi Capitale di proprietà in t 1 : Capitale di conferimento ±Reddito del periodo t 0 +t 1 37

38 Il reddito del periodo t n-1 t n Periodo intermedio (successivo al primo) di vita dell impresa: Il reddito di periodo andrà calcolato tenendo conto che sussistono: PROCESSI IN CORSO ALL INIZIO DEL PERIODO PROCESSI IN CORSO AL TERMINE DEL PERIODO Costi e ricavi ereditati dal passato (rimanenze iniziali) Costi e ricavi da rinviare al futuro (rimanenze finali) Nessuna diversità riguarderà la struttura del prospetto del capitale finale (grandezza istantanea ) 38

39 Il prospetto del reddito del periodo t n-1 t n " Rispetto al prospetto del reddito del periodo T1, si rende necessario aggiungere, nelle sezioni dei componenti negativi e positivi, un ulteriore categoria di valori Componenti negativi Costi provenienti dal passato (in comune con il capitale in t n-1 ) Costi sostenuti nell esercizio Componenti positivi Ricavi provenienti dal passato (in comune con il capitale in t n-1 ) Ricavi conseguiti nell esercizio Ricavi da rinviare al futuro (in comune con il capitale in t n ) Costi integrati Utile Costi da rinviare al futuro (in comune con il capitale in t n ) Ricavi integrati Perdita 39

40 Il capitale di proprietà (netto di funzionamento) in tn Capitale di proprietà in t n : Capitale di conferimento + Capitale conferito dalla proprietà (in fase di costituzione o in momenti successivi fino al tempo t n ) - Prelievi di capitale di proprietà (fino al tempo t n ) Capitale di risparmio ±Redditi generati dalla gestione nel periodo t 0 -t n-1 non prelevati/coperti dalla proprietà ±Reddito generato dalla gestione nel periodo t n-1 -t n 40

41 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Periodo n Al 1.4.n viene costituita l azienda Alfa mediante conferimento in denaro di 500. Il susseguirsi degli atti di gestione fino al n evidenzia il compimento delle seguenti operazioni: - in data si stipula un contratto di fitto annuale per un capannone da utilizzare per l attività produttiva. Canone annuo 600 con pagamento in un unica rata al n+1; - in data si procede all acquisto di macchinari per 300; - in pari data, si ottiene un finanziamento per l acquisto dei macchinari per l importo dovuto al fornitore, da restituire in unica soluzione a tre anni con il pagamento di interessi annuali anticipati del 12%; - in data si procede all acquisto di materie prime per 210; - Il si vendono 40 unità di prodotto al prezzo unitario di 10; - in data si vendono 30 unità di prodotto al prezzo unitario di 11.

42 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Periodo n Al termine del periodo, per calcolare in maniera corretta il risultato economico, occorre, inoltre, considerare che: - risultano presenti in magazzino materie prime non ancora utilizzate nei circuiti produttivi per 90 e prodotti finiti non ancora venduti per 70; - l utilità residua attribuita ai macchinari al termine del periodo viene quantificata in 200; - al risulta maturata ma non ancora pagata una quota pari a 9/12 del canone di fitto del capannone; - l operazione di finanziamento ha comportato l esborso di interessi a copertura di un periodo di un anno mentre a fine periodo si è utilizzato denaro di terzi per soli otto mesi. 42

43 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Componenti negativi (t n ) Componenti positivi (t n ) Ricavi conseguiti nell esercizio Vendite Costi sostenuti nell esercizio Materie prime; Macchinari; Interessi Passivi Ricavi da rinviare al futuro Costi integrati Fitto capannone Costi da rinviare al futuro Risconti Attivi su interessi passivi Materie prime Prodotti Macchinari Ricavi integrati TOTALE Componenti negativi 996 TOTALE Componenti positivi UTILE DEL PERIODO

44 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Attività (Investimenti) (t n ) Componenti finanziari Banca c/c Componenti economici Risconti Attivi su interessi passivi Materie prime Prodotti finiti Macchinari TOTALE Attività Passività e Capitale di proprietà (Fonti) (t n ) Componenti finanziari Deb. Finanziamento 300 Ratei passivi 450 Componenti economici Capitale di proprietà Capitale conferito 500 Reddito generato dalla gestione nel periodo n 106 TOTALE Passività e Capitale di proprietà

45 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Periodo n+1 Nel secondo anno di attività l azienda Alfa compie i seguenti atti di gestione: - in data procede all acquisto di materie prime per 350; - in data procede al pagamento del canone di fitto del capannone per 600 e si rinnova il contratto di fitto per l anno successivo alle medesime condizioni; - in data si pagano gli interessi per il finanziamento ottenuto nell anno n per 36; - in data si vendono in contanti prodotti per 800; - in data si acquistano materie prime per 400; - in data si vendono prodotti per 1.200, con regolamento per metà in contanti e per metà con dilazione a 120 giorni. 45

46 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Periodo n+1 Al termine del periodo, per calcolare in maniera corretta il risultato economico, occorre, inoltre, considerare che: - risultano presenti in magazzino materie prime non ancora utilizzate nei circuiti produttivi per 40 e prodotti finiti non ancora venduti per 60; - l utilità residua attribuita ai macchinari al termine del periodo viene quantificata in al risulta maturata ma non ancora pagata una quota pari a 9/12 del canone di fitto del capannone per l anno n+1 mentre il canone pagato in data risulta per 3/12 riferito all esercizio; - gli interessi pagati al si riferiscono per 8/12 all esercizio in chiusura. - l utile dell anno precedente non è stato prelevato. 46

47 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Componenti negativi (t n+1 ) Componenti positivi (t n+1 ) Ricavi provenienti dal passato Costi provenienti dal passato Risconti attivi su interessi passivi Materie prime Prodotti Macchinari Costi sostenuti nell esercizio Materie prime Fitto Capannone Interessi Passivi Ricavi da rinviare al futuro Costi integrati Fitto capannone Ricavi di vendita dei prodotti finiti Vendite Costi da rinviare al futuro Risconti Attivi su interessi pass. Materie prime Prodotti Macchinari Ricavi integrati TOTALE Componenti negativi TOTALE Componenti positivi UTILE DEL PERIODO

48 I prospetti del reddito e del capitale - Esempio Attività (Investimenti) (t n+1 ) Componenti finanziari Crediti di Funzionamento Banca c/c Componenti economici Risconti Attivi su interessi pass. Rimanenze Materie prime Rimanenze Prodotti Macchinari TOTALE Attività Passività e Capitale di proprietà (Fonti) (t n+1 ) Componenti finanziari Deb. Finanziamento* Ratei passivi Componenti economici Capitale di proprietà Capitale di conferimento 500 Capitale di risparmio Reddito non prelevato 106 Reddito generato dalla gestione nel periodo 1.1.n n TOTALE Passività e Capitale di proprietà * Si segnala nel testo un errore di stampa (l importo è stato associato a un debito di funzionamento e non di finanziamento) 48

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it Fondamenti di analisi i di bilancio i Le analisi di bilancio: introduzione gghelfi@liuc.it Le analisi di bilancio - Introduzione Il bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione l andamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Le dinamiche di una situazione finanziaria

Le dinamiche di una situazione finanziaria FORMAZIONE CONTINUA AGI LOMBARDIA VIA LENTASIO 7 MILANO Le dinamiche di una situazione finanziaria Prof. Riccardo Bauer PER POTER LEGGERE UN BILANCIO BISOGNA CONOSCERE LE DINAMICHE RELATIVE Significa conoscere

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli