Avv. Ferdinando MANCINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avv. Ferdinando MANCINI"

Transcript

1 Avv. Ferdinando MANCINI Relazione Seminario di Studio del 15 ottobre 2010 Configurazione del rapporto tra notaio e parti della stipula, il danno e la gestione della vertenza. Innanzitutto intendo ringraziare chi ha reso possibile ed ha promosso questo seminario di studio, la Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università di Napoli, che ci ospita e di cui sono figlio, la Scuola di specializzazione per le professioni legali ed il Consiglio Notarile di Santa Maria Capua Vetere. Ritengo che il mio compito sia il più arduo in quanto mi trovo costretto a rincorrere invano, scientemente, l autorità e l autorevolezza dei relatori tutti che mi hanno preceduto ma, pur consapevole di ciò, mi accingo all opera. Mi piace iniziare questa mia relazione con un immagine del notaio disegnata con impareggiabili colori da Francesco Carnelutti in un saggio pubblicato nella Rivista Trimestrale di Procedura Civile del 1950 (saggio che è il testo della conferenza pronunciata alla Accademia del Notariato di Madrid in quell anno), saggio in cui è contenuto un passo titolato Il notaio e le stelle. Carnelutti ci dice che il notaio è non solo operatore del diritto, documentatore, intrerprete, consultore ma fondamentalmente dovrebbe essere conoscitore delle vie della terra e di quelle del cielo. L immagine, utilizzando una metafora, rappresenta il senso di muoversi in un ambiente giuridico, il fine la Giustizia (le stelle) ove il mezzo è il diritto (la bussola). E il notaio nel suo negoziare (navigare) è (e deve essere) sia uomo di buon senso, ossia che ha il senso del bene (vede le stelle dove altri con sguardo meno acuto non le vedono), sia uomo di buona fede, ossia che ha fede nel bene, che si fida delle stelle che ha veduto. E in ciò intendo richiamare quegli stessi concetti di un notaio testimone delle regole, di una componente etica nel suo apporto professionale ricordate lucidamente dal Presidente de Donato nella presentazione del convegno. Svolta questa veloce digressione che ci porta ad immagini romantiche del diritto, giungo al tema che precipuamente mi impegna, la patologia del rapporto con il cliente, il manifestarsi di un contenzioso tra notaio e parti della stipula. Innanzitutto è opportuno cennare, preventivamente, alla natura del rapporto che si ingenera tra notaio e suoi clienti (velocemente per non duplicare quanto puntualmente è stato già esposto da chi mi ha preceduto). Sembra che si possa escludere la possibilità di inquadramento della vicenda in ambito extracontrattuale, chiave di lettura che in passato trovava base del suo argomentare nella titolarità di un pubblico ufficio in capo al notaio, nella circostanza che mancherebbe la libertà necessaria alla base della genesi della convenzione tra notaio e parti, nella circostanza che la richiesta di stipula di un atto non integrerebbe che un semplice presupposto per esercitare la pubblica funzione (Cass. 1659/1957), nella circostanza che l attività del notaio veniva vista solo ed esclusivamente come pubblica funzione destinata a realizzare non tanto gli interessi del cliente quanto piuttosto a tutelare esigenze ed interessi della collettività. In realtà la natura pubblica della funzione esercitata non comporta, e questo sembra possa essere un dato acclarato, come conseguenza necessaria la fruizione dei servizi notarili da parte dei beneficiari in forme non contrattuali. Calandoci dal genus alla specie l orientamento che prevale individua nel rapporto i colori della prestazione d opera professionale, piuttosto che del mandato. Un aspetto di assoluto rilievo in tema di responsabilità professionale notarile, anche ai fini della decorrenza del termine iniziale di prescrizione del diritto al risarcimento, è quello della produzione del danno. Infatti l individuazione del momento del tempo in cui possa dirsi insorta la responsabilità del notaio richiede, in quanto tale, non solo la violazione di obblighi professionali ma necessariamente la produzione di un danno nella sfera giuridica del singolo. Se l inadempimento del professionista sussiste prima ed a prescindere dall effetto dannoso, il diritto del creditore ad ottenere il risarcimento del danno prodotto dallo stesso inadempimento non può sorgere prima del verificarsi del danno medesimo. Il referente oggettivo della responsabilità, oltre quello soggettivo della 1

2 violazione dei propri obblighi, sta nella produzione di un danno. Ma l individuazione del pregiudizio conseguente alla violazione degli obblighi professionali non appare univoca. All orientamento che afferma che in materia di responsabilità contrattuale la prescrizione decorra dal momento dell inadempimento anche quando il verificarsi del danno è successivo (perché il risarcimento deve costituire il surrogato della prestazione dovuta), si contrappone quello che, aderendo ai principi formatosi in tema di responsabilità extracontrattuale, afferma che la prescrizione decorra dal momento dell effettivo prodursi del danno. Un esemplificazione può rendere meglio di enunciazioni, e gli annali di giurisprudenza ci aiutano in ciò. In caso di trascrizione di più atti di disposizione in conservatorie incompetenti per territorio, unita alla circostanza del fallimento del primo dante causa, la Suprema Corte (9060/95) ha deciso che il danno sia prodotto non al momento del compimento delle errate trascrizioni ma al momento dell apprensione del bene alla massa fallimentare; che, ancora, in ipotesi di emersione dell insistenza di formalità pregiudizievoli sul bene negoziato senza che si sia assistito alla previa esecuzione delle visure ipocatastali da parte del professionista, la sola esistenza di un vincolo non costituisce un concreto pregiudizio atto a sorreggere la domanda risarcitoria sin quando la vicenda non si traduca in un espropriazione od in un ostacolo alla rivendita a terzi (Cass /2004; Cass /07; cfr. Cass /09 la prescrizione inizia a decorrere non dal momento in cui l attività è stata posta in essere, bensì dal momento in cui il danno si manifesta all esterno nella sua oggettività e diviene percepibile, conoscibile ed azionabile, orientamento che sembra prevalere nelle ultime pronunce); viceversa in altri casi l Organo di nomofilachia ha deciso che il danno si manifesti per la sola esistenza di ipoteca che afferisce il bene con gli aspetti consequenziali di una futura eventuale espropriazione e della perdita della possibilità di una vendita vantaggiosa del bene stesso (Cass. 6/94; 11094/92). Evidentemente gli arresti partono da presupposti diversi in ordine all individuazione del pregiudizio. Il punto dirimente riguarda il quesito se ogni violazione dell incarico professionale possa comportare il sorgere immediato di un danno. La risposta vale non solo ad individuare il momento iniziale di decorrenza del termine prescrizionale per l esercizio di un azione di responsabilità, ma condiziona lo stesso esperimento dell azione medesima che non avrebbe ragione di essere in mancanza di alcun danno attuale. Circa la quantificazione del danno risarcibile, fermandoci al caso di maggior frequenza nelle cronache giudiziarie, ossia quello dell omissione delle visure ipocatastali, l opinione che sembra prevalere, agganciandosi alla tesi che individua il danno emergente solo in occasione della perdita per espropriazione del cespite, ritiene che nel caso la procedura esecutiva raggiunga l esito traslativo il nocumento effettivamente subito sia pari al valore del bene perduto a causa dell omissione colposa del notaio, mentre se non segua alcuna espropriazione il lucro cessante è risarcibile solo in presenza di circostanze particolari, ossia quando si dimostri di essere stati impossibilitati di impiegare il bene in attività vantaggiose o di realizzare in futuro, per effetto del mutamento dei valori immobiliari, lo stesso prezzo per cui si è ricevuto offerta. Quella del notaio è obbligazione di mezzi in cui la misura dell adempimento dei propri obblighi sta nello sforzo di diligenza profuso, per cui la negligenza del professionista diviene elemento costitutivo della responsabilità. La giurisprudenza pone a carico del cliente, che affermi di essere stato danneggiato, l onere di dimostrare tale negligenza. Quanto alla sovrapposizione tra profili della colpa e ripartizione dell onere della prova si manifesta una netta bipartizione che contrappone attività routinarie, ove rileva anche la colpa lieve, ed interventi più complessi rispetto ai quali il professionista risponde soltanto se versa in colpa grave. Da ciò deriva, evidentemente, che alla prova della routinarietà dell attività professionale non può che corrispondere l onere per il professionista di dimostrare che l eventuale insuccesso sia da ascriversi esclusivamente a circostanze imprevedibili, sovvertendo così nella prassi, almeno per le attività meno complesse, la cennata ricostruzione della prestazione in termini di obbligazione di mezzi e non di risultato. Negli altri casi, qualora il professionista abbia eseguito la propria prestazione, grava sul committente l onere di provare l erroneità o l inadeguatezza della prestazione professionale ricevuta, il danno e il nesso di causalità tra la prima e il secondo, incombendo al professionista l onere di dimostrare 2

3 l adeguatezza, ovvero che l imperfetta esecuzione della prestazione è dovuta a caso fortuito o forza maggiore (Cass /2003). La ricostruzione da ultimo effettuata rileva con riguardo all ipotesi di responsabilità per omissione in ordine all effettuazione delle visure ipocatastali. In tale ipotesi la responsabilità del professionista non trova riparo sotto il manto dell art c.c. che contempla l eventualità di prestazione implicante la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà in quanto l omissione delle dette visure non è riconducibile ad un ipotesi di imperizia, cui si applica la limitazione di responsabilità ivi prevista, ma a negligenza o imprudenza, cioè alla violazione del dovere di normale diligenza professionale media esigibile ai sensi del II comma dell art c.c. rispetto al quale rileva anche la colpa lieve. Ricordo a me stesso che l imprudenza impronta l atto o comportamento palesemente contrastante con le norme di sicurezza dettate dalla ragione o dall esperienza, mentre l imperizia è la mancanza di abilità o preparazione specifica nel settore tecnico interessato. Stante ciò, la predisposizione delle visure immobiliari rientra nelle normali attività prodromiche alla stipula notarile la cui effettuazione non richiede alcuna abilità. Si tratta delle attività (talune precedenti, altre successive alla stipula stessa) che fanno parte dei compiti del notaio e che trovano la loro genesi, a seconda delle opinioni, in usi di natura negoziale o nei caratteri di diligenza insiti nella prestazione professionale, attività rivolte a garantire la validità, l efficacia e la stabilità nel tempo dell attività negoziale posta in essere e la sua attitudine ad assicurare il conseguimento dello scopo tipico di essa e del risultato pratico voluto dalle parti dell atto. La diligenza assume, quindi, nella fattispecie un duplice significato, sia di parametro di valutazione dell inadempimento, sia di criterio di determinazione del contenuto del retto adempimento dell obbligo professionale. Non può disconoscersi comunque che l art c.c. che limita, per i casi di speciale difficoltà, la responsabilità del professionista al dolo o colpa grave, possa trovare un margine applicativo nel settore notarile. Un caso potrebbe rinvenirsi, sempre nel campo delle visure ipotecarie, laddove il ritardo nell aggiornamento dei repertori comporti per il notaio la necessità di esaminare le singole note di iscrizione e trascrizione per il periodo non coperto dall aggiornamento, o ancora in relazione al trattamento fiscale degli atti rogati, aspetto in cui la necessità di un opera talvolta complessa di interpretazione, la dinamica scorrevolezza della legislazione, l intreccio negoziale di vicende contrattuali, potrebbero comportare il manifestarsi di casi di speciale difficoltà di approccio in cui la responsabilità del notaio potrebbe essere limitata alla colpa grave Si può riscontrare anche l ipotesi in cui il danno risulti provocato sia dall inadempimento del notaio, sia da quello di altri sulla base del rapporto contrattuale intercorso tra il danneggiato e costoro, e in tal caso si ritiene sussista una responsabilità solidale di ognuno, sempre che le azioni o omissioni di ciascuno abbiano concorso in modo efficiente a produrre l evento pregiudizievole. Il dato qualificante per giungere a tale conclusione è la constatazione dell operare del nesso di causalità ed una conferma di tale argomentare, fatto proprio dalla Suprema Corte (10987/96; 7231/95), è nel disposto dell art c.c., anche se dettato in tema di responsabilità extracontrattuale in quanto espressione di un principio generale. E opportuno e necessario dare un cenno del modo di operare, in vicende di responsabilità professionale notarile, del coinvolgimento di terzo soggetto, la Compagnia Assicuratrice della responsabilità civile del notaio. La previsione dell art. 19 L.N. rende obbligatoria per il Consiglio Nazionale del Notariato il ricorso a forme collettive di assicurazione per la responsabilità civile derivante dall esercizio dell attività notarile, uniformi per tutti i notai, con oneri a carico del proprio bilancio, previsione che è andata a sostituire nel 2006 quella ormai anacronistica di una cauzione a carico del notaio. Sia nel 2006 (per il periodo ), sia nel 2009 (per il periodo ) la procedura ad evidenza pubblica indetta ha visto l aggiudicazione dei Lloyd s di Londra. Intendo evidenziare alcuni aspetti della polizza in oggetto attualmente vigente, aspetti che assumono rilievo nella gestione della vertenza giudiziaria. Innanzitutto la polizza rientra nella categoria della assicurazione per conto di chi spetta, disciplinata dall art c.c., in quanto l assicurato è determinato sulla base della sua appartenenza alla categoria notarile (ossia in quanto 3

4 iscritto al ruolo e dal momento della sua iscrizione, tranne regole particolari per i notai che cessano l attività durante la vigenza della polizza o già cessati). Prescindendo dall osservazione sull impostazione teorica da dare all assicurazione per conto di chi spetta, ossia se si tratti di un contratto a favore del terzo o di una forma di sostituzione non rappresentativa, in quanto aspetto che non pare assuma rilievo in ordine al risvolto pratico di gestione della vertenza, è utile indugiare su altri aspetti che riguardano la qualificazione di sinistro data dalla polizza LLoyd s, gli obblighi di denuncia ex artt e 1915 c.c. e 8 della polizza e la prescrizione del diritto dell assicurato ex art. 2952, 2 e 3 comma, c.c.. È necessario definire cosa si intende per sinistro nella logica della polizza LLoyd s. E tale la richiesta scritta di risarcimento presentata dal danneggiato all assicurato in relazione all attività garantita con la polizza. La polizza in oggetto è, quindi, del tipo claims made (a richiesta fatta) in cui si assiste ad una modificazione della struttura dell assicurazione della responsabilità civile attraverso una definizione convenzionale della nozione di sinistro. Secondo tale schema l assicurazione è prestata, non già per i danni materialmente causati ed emersi durante il tempo dell assicurazione in virtù di fatti accaduti nel medesimo periodo secondo una logica di collegamento temporale tra l accadimento del fatto e l attualità del contratto assicurativo, ma per i danni per i quali la richiesta di risarcimento è presentata per la prima volta durante il periodo di efficacia del contratto (fino alla prescrizione del diritto del danneggiato). Il concetto di sinistro viene traslato, anche nel tempo, dal fatto alla richiesta. Ciò è ritenuto ammissibile dalla Suprema Corte, che individua nel contratto di assicurazione della responsabilità civile con clausola claims made un contratto atipico, in quanto tra le norme in materia di assicurazione che l art c.c. individua come inderogabili non è compreso il I comma dell art c.c. (che prevede il principio della copertura del fatto avvenuto durante la vigenza del contratto) ma bensì solo il III e IV comma del medesimo articolo (Cass. 5624/2005). E evidente che, in ipotesi di richiesta danni sopraggiunta in pendenza di contratto, se vi è una conoscenza pregressa da parte dell assicurato dell evento illecito causativo del danno, si innescano a tutela della Compagnia le garanzie di cui agli artt e 1893 c.c. (annullamento, recesso). E il momento della prima richiesta di risarcimento a determinare la pendenza della garanzia e in tale momento andrà operato il raffronto con quanto disciplinato dal contratto ai fini dell esistenza della copertura e della sua disciplina tecnica. Il sistema antagonista della claims made è quello del loss occurence (evento di perdita) in cui la copertura assicurativa vale per i sinistri materialmente accaduti durante la vigenza della polizza. Ciò comporta che la richiesta di manleva può essere rivolta alla Compagnia anche a distanza di anni dalla scadenza della polizza stessa (ma oggi è molto difficile che Compagnie Assicurative stipulino un contratto di assicurazione della responsabilità professionale con il sistema loss occurence). La clausola claims made intende far fronte all esigenza di dare copertura ai sinistri per cui sia avanzata richiesta di risarcimento con polizze in essere al momento della richiesta stessa, polizze che rispecchino l evoluzione della tecnica assicurativa nel tempo stesso. Infatti è necessario tener in conto la circostanza che nell ipotesi di responsabilità civile che sorga da un rapporto contrattuale (come per il rapporto notaio/parti della stipula) la prescrizione di ogni diritto è soggetto al termine decennale per cui è possibile che una richiesta pervenga a distanza di vari anni dal momento del prodursi del sinistro (cd. sinistri tardivi) trovando impreparata la Compagnia (che non ha potuto valutare il rischio assicurato) sia per tipo di evento realizzatosi, sia per copertura concessa a suo tempo. Nelle polizze cd. claims made, invece, cessata la vigenza del contratto, cessa anche la copertura assicurativa. Ma la clausola claims made viene incontro anche alle esigenze dell assicurato che potrebbe dover invocare molti anni dopo aver commesso l errore una garanzia dalle caratteristiche contrattuali assai diverse dalle esigenze attuali (per esempio con un massimale più basso o, comunque, divenuto basso sulla base dell avanzare dell inflazione), rappresentando così una difesa debole per l assicurato stesso. Quindi la clausola in discorso riesce più adeguatamente a conciliarsi con l evenienza della ricorrenza di un notevole stacco temporale fra il compimento dell azione e l insorgenza dell evento dannoso. Se spesso la clausola claims made contiene un limite di tempo di retroattività della copertura, nel senso che la garanzia è estesa ai 4

5 sinistri denunciati per la prima volta in pendenza di contratto per fatti posti in essere in un tempo limitato antecedente alla stipula della polizza, la polizza LLoyd s non contiene limitazioni in tal senso. La denuncia del sinistro è da effettuarsi entro il termine di decadenza di dieci giorni dal momento in cui se ne è venuti a conoscenza, ossia dal momento in cui la richiesta di risarcimento perviene all assicurato. La richiesta idonea al fine del decorso del termine è quella in cui il danneggiato, in via giudiziale o stragiudiziale, specifichi l an e il quantum della pretesa, ossia gli elementi utili per identificare l evento dannoso e i suoi risvolti pregiudizievoli. Tale richiesta segnerà anche l avvio del termine prescrizionale di cui all art c.c.. Potrebbe predicarsi un ipotesi di conflitto di interessi nell eventualità di difesa congiunta del notaio e della Compagnia Assicuratrice ad opera del medesimo difensore (come riconosciuto dalla Suprema Corte, Cass. 3663/2006). La vicenda è riscontrabile nell eventualità, ad esempio, che la richiesta risarcitoria del danneggiato sia superiore al massimale di polizza e il ritardo della Compagnia nel mettere a disposizione la somma a favore del danneggiato medesimo comporti una sostanziale lievitazione dei costi per interessi e rivalutazione, costi aggiuntivi a carico dell assicurato, oppure nel caso in cui la polizza riconosca alla Compagnia un diritto di rivalsa nei confronti dell Assicurato (è il caso della totale omissione delle ispezioni ipotecarie, art. 2 della polizza) oppure ancora si tratti di valutare la possibilità di impugnativa di una sentenza con il rischio di aumentare le spese e di superare il massimale oppure si tratti di valutare se liquidare transattivamente le richieste del danneggiato con una somma inferiore al massimale di polizza o iniziare un giudizio che potrebbe anche comportare una condanna superiore a tale somma. Nell ipotesi di ulteriori coperture assicurative a favore del notaio con una polizza personale, la garanzia LLoyd s opererà a primo rischio per le garanzie non coperte dalla polizza personale e a secondo rischio, con una franchigia assoluta pari al massimale della polizza individuale, per le garanzie contemplate da quest ultima. La gestione della vertenza, stragiudiziale e giudiziale, è assunta dai LLoyd s, configurando la vicenda un mandato irrevocabile, conferito nel comune interesse, che vincola l assicurato-mandante alle determinazioni dell assicuratore-mandatario. La difesa è prestata dall assicuratore a nome dell assicurato. Esiste una normale responsabilità della Compagnia nei confronti dell assicurato per errori od omissioni compiuti dalla Compagnia medesima o dai professionisti da lei scelti per l eventualità che la circostanza comporti un obbligo risarcitorio dell assicurato al di sopra del massimale di polizza. Operativamente il notaio deve comunicare ogni richiesta di risarcimento all Ufficio Centrale presso il CNN con gli estremi dei fatti e delle persone e allegando la richiesta di risarcimento, poi l Ufficio Centrale provvede all inoltro di quanto trasmesso all Ufficio Sinistri della Compagnia (loss adjuster) che attualmente non è più lo studio Bolton e associati srl ma la Assigesco srl. Tale ufficio interviene per tutti i sinistri in fase contenziosa, nonché per quelli in fase stragiudiziale con valore di riserva superiore ad ,00; invece in fase stragiudiziale la gestione e l istruttoria dei sinistri fino ad un importo riservato di ,00 viene effettuata in autonomia dal CNN per il tramite di Assonotar srl. Sulla base di quanto esposto in relazione al decorso della prescrizione del diritto al risarcimento del danno nei confronti del professionista inadempiente ed al disposto della polizza LLoyd s che prevede la copertura a favore dei notai che cessano l attività in corso di vigenza della polizza medesima, si pone una problematica non tutt ora risolta. La polizza LLoyd s prevede un ultrattività della copertura limitata a dieci anni ma tale periodo che poteva apparire congruo sulla base di un decorso del termine prescrizionale dal momento dell inadempimento, allo stato risulta insufficiente tenendo in debito conto l ultima giurisprudenza della Suprema Corte che ancora il decorso stesso al momento in cui il danno si manifesta all esterno nella sua oggettività, momento che, si ripete, può essere successivo a quello del compimento dell attività professionale. 5

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi I CONTRATTI NELL autotrasporto DI merci avv. prof. Maurizio Riguzzi 532 CONTRATTO DI TRASPORTO DELLE MERCI E OBBLIGAZIONI DELLA FILIERA Sommario: 532.0 QUADRO GENERALE 532.1 CONTRATTO DI TRASPORTO DI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli