Agevolazioni ed incentivi in Liguria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agevolazioni ed incentivi in Liguria"

Transcript

1 Newsletter del mese di Aprile 2014 Convert this page to a PDF Agevolazioni ed incentivi in Liguria AGRICOLTURA PSR 2007/2013 Misura 216. Contributo a fondo perduto fino al 100% per il sostegno agli investimenti non produttivi nei terreni agricoli. PSR 2007/2013 Misura 226. Contributo a fondo perduto fino al 90% per la ricostituzione del potenziale forestale ed interventi preventivi. PSR 2007/2013 Misura 112. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a ,00 per l'insediamento di giovani agricoltori. PSR 2007/2013 Misura 121. Contributo a fondo perduto fino al 50% per l'ammodernamento delle aziende agricole. PSR 2007/2013 Misura 123. Contributo a fondo perduto fino al 40% per accrescere il valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali. PSR 2007/2013 Misura 125. Contributo a fondo perduto fino al 90% per lo sviluppo e l'adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura. Contributo in c/interessi, voucher e garanzia promossi dalla CCIAA di Imperia per la creazione di nuove imprese. PSR Misura 211. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a 500 per ettaro per gli agricoltori operanti in zone montane. PSR 2007/2013 Misura 212. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a 150 per ettaro per gli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali diverse dalle zone montane. PSR 2007/2013 Misura 214. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio annuo fino a 850 /ettaro per il miglioramento e la tutela dell'ambiente. FEP Misura 1.3. Contributo a fondo perduto fino al 60% per investimenti a bordo dei pescherecci e selettività. FEP Misura 2.1. Contributo a fondo perduto fino al 40% per sostenere investimenti produttivi nel settore dell acquacoltura. FEP 2007/2013 Misura 3.3. Contributo a fondo perduto fino al 100% per migliorare i servizi offerti nei porti di pesca. PSR 2007/2013 Misura 216. Contributo a fondo perduto fino al 100% per il sostegno agli investimenti non produttivi nei terreni agricoli. BENEFICIARI: Ente pubblico, PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Opere edili e impianti, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla misura "Sostegno agli investimenti non produttivi nei terreni agricoli" del P.S.R A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro La misura si prefigge i seguenti obiettivi: mantenimento e incremento della fauna selvatica autoctona sul territorio attraverso l'adeguamento delle risorse agricole alle necessità specifiche della fauna stessa; realizzazione di fonti di approvvigionamento per la fauna selvatica stanziale; conservazione e fruizione delle aree agricole a valenza paesaggistico ambientale; salvaguardia e tutela dell'ambiente, del paesaggio rurale e dell'agrobiodiversità; favorire il mantenimento di elevati livelli di biodiversità, migliorare e recuperare l'integrità ecologiche delle zone rete natura 2000 e delle aree di collegamento ecologico. Possono presentare domanda di aiuto ai fini della presente misura:

2 - Imprenditori agricoli; - Conduttori di terreni agricoli; - Enti pubblici. Tipologia di spese ammissibili La misura è distinta in due azioni: 1) ripristino dei muri a secco per il sostegno dei terreni agricoli in pendio e delle opere di regimazione idrica strettamente connesse alla stabilità dei muri a secco con finalità non produttive; 2) aiuti agli investimenti non produttivi in terreni agricoli relativi a: a) costituzione di siepi, filari, cespugli e alberi e altri elementi idonei alla riproduzione, alla nidificazione, al ricovero e alla protezione di specie selvatiche; b) realizzazione o recupero di piccoli invasi (abbeveratoi per fauna selvatica, pozze, laghetti, ecc.) allo scopo di assicurare una buona disponibilità idrica, soprattutto nei periodi di siccità nonché di assicurare ambienti umidi per fauna e flora di pregio; c) altri investimenti non produttivi che valorizzino in termini di pubblica utilità le aree della Rete Natura 2000, le aree di connessione ecologica e le aree parco nazionali e regionali Azione 1 L'aiuto è concesso a fronte di impegno al ripristino di muri a secco tradizionali per il sostegno dei terreni in pendio e delle opere di regimazione idrica strettamente connesse alla stabilità dei muri a secco con finalità non produttive. L'aiuto è quantificato in 94 euro/m 2 di muro effettivamente ripristinato, pari al 100% del costo standard. Azione 2 L'aiuto è concesso sotto forma di contributo in conto capitale a fronte dell'esecuzione di investimenti. L'aiuto è pari all'80% della spesa ammissibile. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno PSR 2007/2013 Misura 226. Contributo a fondo perduto fino al 90% per la ricostituzione del potenziale forestale ed interventi preventivi. BENEFICIARI: Ente pubblico, PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Opere edili e impianti, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla "Ricostituzione del potenziale forestale e introduzione di interventi preventivi" del programma regionale di sviluppo rurale per il periodo A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro Possono presentare domanda di aiuto ai fini della presente misura gli Enti pubblici o i soggetti privati che attuano gli investimenti. Tipologia di interventi ammissibili interventi preventivi dei danni causati al patrimonio boschivo dal fuoco o da disastri naturali interventi di ricostituzione boschiva volti alla messa in sicurezza, compresa la difesa del suolo dall'erosione, e al ripristino dei valori ambientali, economici e sociali delle foreste distrutte o danneggiate dal fuoco o da calamità naturali interventi preventivi per il contenimento di fenomeni di instabilità in atto nelle zone boscate quali opere di sistemazione idraulico forestale sul

3 reticolo idrografico minore Il sostegno pubblico copre il 90% della spesa ammissibile. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno PSR 2007/2013 Misura 112. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a ,00 per l'insediamento di giovani agricoltori. BENEFICIARI: Persona fisica, PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Avvio attività, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla misura "Insediamento dei giovani agricoltori" del programma regionale di sviluppo rurale per il periodo A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro Agricoltori che, al momento della presentazione della domanda di aiuto, non abbiano ancora compiuto i 40 anni di età e che si insediano per la prima volta in un'azienda agricola in qualità di titolare o contitolare. Tipologia di iniziative ammissibili Per ottenere la concessione dell aiuto il giovane agricoltore deve presentare un piano aziendale di sviluppo dell'attività agricola che preveda interventi a suo carico per un importo non inferiore a Euro. L aiuto può essere concesso in conto capitale da un importo minimo di euro fino ad un importo massimo di euro e/o come abbuono di interessi il cui valore capitalizzato non può essere superiore a euro Per la combinazione delle due forme di sostegno l importo massimo dell aiuto non può essere superiore a euro. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno PSR 2007/2013 Misura 121. Contributo a fondo perduto fino al 50% per l'ammodernamento delle aziende agricole. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Attrezzature e macchinari, Opere edili e impianti, Innovazione Ricerca e Sviluppo, Risparmio energetico/fonti rinnovabili, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014

4 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla misura "Ammodernamento delle aziende agricole" del P.S.R. Liguria A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro Possono presentare domanda di aiuto ai fini della presente misura le aziende agricole singole o associate iscritte al registro delle imprese, dotate di numero di partita IVA. Tipologia di spese ammissibili L aiuto si riferisce ai seguenti investimenti: acquisto (nel caso risulti meno costoso della costruzione), costruzione, ristrutturazione di fabbricati e relative pertinenze, direttamente funzionali alla produzione agricola e/o alla trasformazione e vendita dei prodotti aziendali ristrutturazione di vecchi oliveti, castagneti e noccioleti per ridurre i costi di produzione e favorire la meccanizzazione; impianto di colture perenni o poliennali finalizzate al miglioramento fondiario quali frutteti, oliveti, colture arboree o arbustive da fiore o da fronda; sistemazione duratura dei terreni agricoli per assicurare la regimazione delle acque, la stabilità dei versanti e la percorribilità da parte delle macchine, compresa la viabilità interna aziendale realizzazione di impianti idrici, termici, elettrici a servizio delle colture e degli allevamenti o delle attività complementari aziendali acquisto di macchinari e impianti per la protezione dell ambiente dai sottoprodotti dei cicli produttivi aziendali quali: reflui, rifiuti, emissioni; acquisto di macchine e di attrezzature investimenti finalizzati alla produzione di energia elettrica o termica acquisto di terreno, solo se inserito in un complesso di investimenti finanziati con la medesima operazione investimenti immateriali connessi agli investimenti di cui ai punti precedenti quali: 1. Acquisto di software; 2. Creazione e/o ampliamento delle funzionalità di siti internet; 3. Acquisto di brevetti e licenze; 4. Onorari di professionisti e consulenti. Le percentuali di sostegno pubblico sono: 50 % del costo dell'investimento ammissibile realizzato nelle zone svantaggiate; 40 % del costo dell'investimento ammissibile realizzato in altre zone; con un volume massimo di investimento per l intero periodo di programmazione pari a euro per Unità Lavorativa stabilmente impiegata e fino a un massimo di euro per azienda. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno PSR 2007/2013 Misura 123. Contributo a fondo perduto fino al 40% per accrescere il valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali. BENEFICIARI: PMI, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Attrezzature e macchinari, Opere edili e impianti, Consulenze/Servizi, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla misura "Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali" del programma regionale di sviluppo rurale per il periodo A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro Possono beneficiare dei finanziamenti le microimprese e le piccole e medie imprese che sostengono gli oneri finanziari degli investimenti relativi alla

5 trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli e/o forestali e che siano in grado di dimostrare che gli investimenti proposti determinano un vantaggio duraturo per i produttori del prodotto di base e/o un vantaggio ambientale. Azione A - settore AGRICOLO Investimenti ammissibili Sono considerati ammissibili gli investimenti materiali e/o immateriali che rispettano contemporaneamente tutti i seguenti tre requisiti: a) dimostrano di contribuire a migliorare il rendimento globale dell'impresa; b) riguardano: - la trasformazione e/o la commercializzazione dei prodotti di cui all'allegato I del Trattato (esclusi i prodotti della pesca); e/o - lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie connessi ai prodotti di cui all'allegato I del Trattato (esclusi i prodotti della pesca); c) rispettano i requisiti comunitari applicabili all'investimento interessato. In particolare sono considerati ammissibili esclusivamente: 1) acquisto, compreso il leasing con patto di acquisto, di macchine e attrezzature per la trasformazione e la commercializzazione di prodotti agricoli, compresi elaboratori elettronici, e relativi impianti e opere murarie necessari per l'installazione delle stesse; 2) investimenti necessari per l'adesione a sistemi di qualità certificata in base a norme comunitarie, nazionali e regionali notificate; 3) Investimenti immateriali connessi agli investimenti di cui ai punti precedenti quali: - Acquisto di software; - Creazione e/o ampliamento delle funzionalità di siti internet; - Acquisto di brevetti e licenze; - Onorari di professionisti e consulenti. Entità e forma dell'agevolaizone L'aiuto, concesso sotto forma di aiuto in conto capitale è pari al: - 40% dell'investimento, qualora il costo totale ritenuto ammissibile non superi 2 milioni di euro - 25% dell'investimento, per i costi che eccedono il limite di cui al punto precedente. Azione B - settore FORESTALE Investimenti ammissibili Sono considerati ammissibili gli investimenti materiali e/o immateriali: 1) acquisto e/o sostituzione (alle condizioni previste per gli investimenti di sostituzione) di macchine e attrezzature per gli interventi selvicolturali nonché per la prima lavorazione del legname che precede la trasformazione industriale (es. trattori forestali, gru a cavo, verricelli, risine, caricatori forestali, processori e "feller", rimorchi forestali, cippatrici, taglia/spacca, scortecciatrici, appuntapali, segherie fisse e mobili, ecc.); 2) acquisto di attrezzature ed equipaggiamenti leggeri, come motoseghe, decespugliatori, attrezzature antinfortunistiche, dispositivi di protezione individuale (DPI) o collettiva, omologati secondo la vigente normativa, ecc., sia per gli interventi selvicolturali che per le fasi di lavorazione successive; 3) investimenti in beni mobili e immobili per la realizzazione, ampliamento e ammodernamento di aree per la raccolta, lo stoccaggio e la vendita del legname, ivi comprese le macchine e le attrezzature per la movimentazione del materiale, idonee strutture di riparo per il legname e per le macchine e attrezzature di cui sopra nonché elaboratori elettronici e software specifici; 4) acquisto (qualora risulti meno costoso della costruzione) di fabbricati e relative pertinenze adibiti alla trasformazione e alla commercializzazione dei prodotti forestali, escluso l'acquisto del terreno; 5) costruzione e ristrutturazione di fabbricati e relative pertinenze adibiti alla prima trasformazione e alla commercializzazione dei prodotti forestali, escluso l'acquisto del terreno; 6) acquisto di attrezzature per la raccolta dei prodotti forestali non legnosi. L'aiuto è pari è pari al 40% dell'investimento. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno 2014

6 PSR 2007/2013 Misura 125. Contributo a fondo perduto fino al 90% per lo sviluppo e l'adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura. BENEFICIARI: Associazioni/Onlus/Consorzi, Ente pubblico, SPESE FINANZIATE: Opere edili e impianti, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla misura "Infrastrutture connesse allo sviluppo e all'adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura" del programma regionale di sviluppo rurale per il periodo A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro Possono accedere alla presente misura: 1) consorzi di miglioramento fondiario, cooperative agricole, e ogni altra forma di natura sociale legalmente costituita. Tali soggetti, di cui possono far parte anche proprietari o conduttori di terreni agricoli e/o forestali, devono essere costituiti in prevalenza da imprenditori agricoli e/o forestali. Gli investimenti realizzati da tali soggetti devono servire una moltitudine di aziende agricole; 2) enti pubblici; 3) enti parco. Tipologia di spese ammissibili Sono ammissibili all'aiuto i seguenti interventi di uso collettivo: ripristino e miglioramento di strade esistenti o costruzione di nuove strade se necessarie per migliorare l'accesso ai terreni agricoli. Gli investimenti di costruzione di nuove strade devono essere connessi ad interventi di miglioramento del potenziale agricolo; ripristino o costruzione di sistemi alternativi o integrativi alla viabilità agricola esistente quali ad esempio monorotaie, funicolari, ecc. Le percentuali di sostegno pubblico applicate alla misura sono: - 80% della spesa ammissibile nel caso di beneficiari privati; - 90% della spesa ammissibile nel caso i beneficiari siano enti pubblici. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno Contributo in c/interessi, voucher e garanzia promossi dalla CCIAA di Imperia per la creazione di nuove imprese. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Avvio attività, Consulenze/Servizi, Finanziamento a tasso agevolato, Garanzia, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La CCIAA di Imperia promuove un bando per la realizzazione di servizi integrati finalizzati alla creazione di impresa.

7 aspiranti imprenditoriali in tutti i settori di attività e per qualunque forma giuridica che avvieranno la propria attività nel territorio della provinci adi Impreia. Sono esclusi i liberi professionisti o titolari di attività non iscrivibili al Registro delle Imprese nuove imprese micro, piccole e medie, costituite da non oltre 36 mesi con sedi legali ed operative sul territorio della provincia di Imperia Tipologia di servizi/contributi erogati Il percorso integrato si articolerà nel seguente modo: colloquio individuale di orientamento finalizzato alla valutazione delle competenze imprenditoriali ed alla prefattibilità dell'iniziativa al termine del quale l'utente potrà proseguire il percorso oppure essere reindirizzato ad altri servizi corso e accompagnamento alla redazione del business plan con lo scopo di formare l'utente nella corretta applicazione delle metodologie di analisi del progetto per arrivare a padroneggiare gli strumenti necessari ad una corretta valutazione di fattibilità seminari tematici finalizzati a fornire informazioni trasversali su normativa, adempimenti, metodologie di analisi a prescindere dal settore di attività economica con particolare attenzione alla trasposizione concreta delle nozioni teoriche Accesso al microcredito: rivolto sia agli aspiranti imprenditori che alle nuove imprese che abbiano concluso positivamente il percorso formativo. Il contributo consiste in un finanziamento agevolato in c/interessi con abbattimento di 4 punti percentuali al tasso applicato dalle banche convenzionate con la Camera di Commercio. L'erogazione del contributo, commisurato ad un investiemnto massimo di è subordinata all'iscrizione al Registro delle Imprese ed all'accettazione del finanziamento da parte di una delle banche convenzionate Attivazione Fondi di Garanzia rivolto sia agli aspiranti imprenditori che alle nuove imprese che abbiano concluso positivamente il percorso formativo. Consisterà nell'accesso ad un intervento di controgaranzia attuato attraverso i confidi convenzionati con la Camera di Comemrcio volto ad elevare la garanzia concedibile sui finanziamenti sino ad un massimo dell'80% Vuocher di consulenza del valore massimo di rivolto sia ad aspiranti imprenditori e/o nuove imprese che abbiano almeno concluso positivamente la fase del colloquio di orientamento o concluso positivamente il percorso formativo, fino ad esaurimento delle risorse, a copertura delle spese sostenute per interventi di formazione ed aggiornamento svolti in forma consulenziale. Le domande possono essere presentate entro il 30/09/2014. PSR Misura 211. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a 500 per ettaro per gli agricoltori operanti in zone montane. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: BANDO APERTO Scadenza il 15 Maggio 2014 E' stato pubblicato il bando relativo alla Misura 211 Indennità compensative degli svantaggi naturali a favore degli agricoltori delle zone montane del Programma di sviluppo rurale 2007/2013 della Regione Liguria annualità L obiettivo è quello di sostenere l attività agricola nelle zone montane, spesso poco produttive, per il mantenimento del tessuto socio-economico. In tali aree, dove esiste un evidente svantaggio naturale nell utilizzo agricolo del territorio, al fine di evitare l abbandono delle zone coltivate, i maggiori costi e le perdite di reddito degli agricoltori vengono compensati attraverso il pagamento di una indennità rapportata agli ettari effettivamente utilizzati. In tale maniera viene incoraggiata la permanenza delle imprese e l utilizzo agricolo di tali zone, preservando il territorio da un progressivo ulteriore degrado con conseguenze negative sull ambiente. Area di applicazione Zone svantaggiate dell intero territorio regionale con esclusione del comune di Piana Crixia (SV) per il quale è prevista l applicazione della misura 212. Sono esclusi altresì i territori fuori dai confini amministrativi della Regione Liguria. I beneficiari della misura sono le imprese agricole, singole o associate, titolari di partita IVA, localizzate in zone svantaggiate della Regione Liguria. Settore zootecnico Possono beneficiare dell indennità compensativa gli allevatori che utilizzano superfici foraggere (erbai, prati e pascoli);hanno diritto all indennità gli allevatori che utilizzano almeno 3 ha e fino ad un massimo di 100 ha di SAU foraggera; gli eventuali ettari posseduti oltre i 100 non vengono conteggiati per il premio.

8 che utilizzano almeno 3 ha e fino ad un massimo di 100 ha di SAU foraggera; gli eventuali ettari posseduti oltre i 100 non vengono conteggiati per il premio. Per il calcolo vengono applicati gli importi definiti nella sottostante tabella: Ettari Intensità aiuto superfici foraggere diverse dal pascolo (Euro/ettaro) Intensità aiuto superfici a pascolo (Euro/ettaro) Fino a Da 30,01 a Da 50,01 a Settore viticolo L indennità opera a favore della viticoltura esercitata nelle zone viticole di presidio territoriale. Si intendono tali le superfici viticole inserite in ambienti particolarmente svantaggiati, minacciati da fenomeni di erosione e di degrado ambientale senza possibilità di riconversione colturale. Caratteristica peculiare di queste zone è la presenza di terrazzamenti sostenuti da muri in pietra a secco e/o con pendenze superiori al 35%. Beneficiano dell indennità le aziende che dispongono di una superficie vitata di almeno 0,2 ettari. L aiuto viene concesso tramite una indennità annuale, calcolata in base alla superficie di vigneto effettivamente coltivata nel rispetto delle norme relative alla condizionalità. L intensità dell aiuto è di 500 euro per ettaro. Settore olivicolo Possono beneficiare dell indennità le aziende che dispongono di una superficie coltivata ad olivo di almeno 0,5 ettari. L aiuto viene concesso tramite una indennità annuale, calcolata in base alla superficie di oliveto effettivamente coltivata nel rispetto delle norme relative alla condizionalità; la coltura dell olivo deve essere mantenuta secondo le normali pratiche agricole e l oliveto deve essere regolarmente potato almeno ogni tre anni. L intensità dell aiuto è di 300 euro per ettaro. Le domande di indennità compensativa devono essere compilate informaticamente tramite il portale SIAN, stampate, firmate dal beneficiario e rilasciate entro e non oltre il 15 maggio PSR 2007/2013 Misura 212. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a 150 per ettaro per gli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali diverse dalle zone montane. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: BANDO APERTO Scadenza il 15 Maggio 2014 E' stato pubblicato il bando a valere sulla misura 212 del PSR 2007/2013. L obiettivo è quello di sostenere l attività agricola nelle zone svantaggiate, spesso poco produttive, per il mantenimento del tessuto socio-economico. In tali aree, dove esiste un evidente svantaggio naturale nell utilizzo agricolo del territorio, al fine di evitare l abbandono delle zone coltivate, i maggiori costi e le perdite di reddito degli agricoltori vengono compensati attraverso il pagamento di una indennità rapportata agli ettari effettivamente utilizzati. In tale maniera viene incoraggiata la permanenza delle imprese e l utilizzo agricolo di tali zone, preservando il territorio da un progressivo ulteriore degrado con conseguenze negative sull ambiente. L intervento ha come obiettivo primario il mantenimento della presenza umana attraverso la prosecuzione dell attività agricola nelle aree svantaggiate e marginali con funzione di presidio e di salvaguardia territoriale. I beneficiari della misura sono le imprese agricole, singole o associate, titolari di partita IVA. Possono beneficiare del contributo anche le imprese il cui centro aziendale è situato in zona diversa, ma che utilizzano terreni situati nel comune di Piana Crixia. Le condizioni di accesso, come sotto riportato, devono essere possedute e verificabili al momento della presentazione della domanda di aiuto. 1) Settore zootecnico. Per gli allevatori che utilizzano superfici foraggere (erbai, prati e pascoli) l aiuto è concesso, in rapporto agli ettari gestiti, agli imprenditori che: a) allevano animali delle specie bovina, bufalina, equina, ovina e caprina. L allevamento è dimostrato mediante il registro di stalla e/o i dati provenienti della

9 banca dati nazionale sulle consistenze zootecniche. b) mantengono un rapporto UBA/ettaro di superficie foraggera aziendale compreso tra 0,5 e 3. c) per le superfici a prato, effettuino almeno uno sfalcio entro il mese di luglio. d) per le superfici a pascolo, il periodo minimo di utilizzo deve essere di 90 giorni. Hanno diritto all indennità gli allevatori che utilizzano almeno 3 ha e fino ad un massimo di 100 ha di SAU foraggera; gli ettari ulteriori oltre i 100 non vengono conteggiati per il premio; l intensità dell aiuto è di 150 euro per ettaro. Scadenza: 15 maggio 2014 PSR 2007/2013 Misura 214. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio annuo fino a 850 /ettaro per il miglioramento e la tutela dell'ambiente. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Consulenze/Servizi, BANDO APERTO Scadenza il 15 Maggio 2014 La misura si articola nelle seguenti azioni: A) introduzione o mantenimento dei metodi dell agricoltura biologica; B) introduzione o mantenimento dei metodi dell agricoltura integrata; C) allevamento di specie animali locali a rischio di estinzione; E) interventi su prati stabili, pascoli e prati-pascoli. La durata dell impegno è quinquennale e deve essere confermato annualmente tramite presentazione di domanda annuale di pagamento. Per i soli impegni iniziati nell anno 2008 e nel 2009 è autorizzata la presentazione di domande rispettivamente al settimo e sesto anno di impegno. L impegno annuale decorre dal 16 maggio dell anno di presentazione della domanda. La condizione per poter aderire alla misura è la disponibilità dei terreni per l intera durata dell impegno assunto. L impegno deve riguardare l intera SAU aziendale condotta dal beneficiario, che pertanto deve essere totalmente dichiarata nella domanda. Non sono ammessi pagamenti inferiori a 150 euro. Soggetti Beneficiari Per le azioni A), B), C) ed E) possono beneficiare degli aiuti le imprese agricole, singole o associate, iscritte al registro delle imprese, dotate di n partita IVA. AZIONE A): introduzione o mantenimento dei metodi dell agricoltura biologica Gli aiuti sono concessi ai soggetti beneficiari che intendono adottare o mantenere i metodi di agricoltura biologica dei prodotti vegetali e dei prodotti animali. Possono accedere all aiuto anche le aziende in fase di conversione. Il sostegno può essere concesso per una superficie minima di mq per foraggere e prato, di mq per fruttiferi e seminativi e mq per le altre colture. I premi annui per ettaro, riferiti a gruppi di colture omogenee, sono differenziati fra introduzione e mantenimento e in funzione dell'estensione delle colture. AZIONE B): introduzione o mantenimento di metodi dell agricoltura integrata Gli aiuti sono concessi alle aziende che intendono adottare sull intera superficie aziendale un modello di coltivazione ecocompatibile, secondo le disposizioni tecniche indicate nei Disciplinari di Produzione Integrata definiti e approvati dalla Regione Liguria. Il sostegno può essere concesso per una superficie minima di mq per foraggere, di mq per fruttiferi e seminativi e mq per le altre colture. I pagamenti sono annuali sulla base del numero di ettari riportati in domanda e ammessi a finanziamento, sulla base dei seguenti importi: 850 euro/ha per le colture floricole perenni

10 450 euro/ha per le colture floricole annuali 300 euro/ha per olivo 500 euro/ha per vite 500 euro/ha per altri fruttiferi 300 euro/ha per le colture ortive 150 euro/ha per i seminativi e foraggere AZIONE C): allevamento di specie animali locali a rischio di estinzione L azione ha come obiettivo la salvaguardia del patrimonio genetico delle razze autoctone o di quelle a diffusione limitata che si sono bene adattate alle caratteristiche del territorio ligure, con l intento di salvaguardare i sistemi agrozootecnici delle aree marginali dove sono attualmente allevate tali razze. I pagamenti sono annuali sulla base del numero di UBA e variabili a seconda della razza. AZIONE E): interventi su prati stabili, pascoli e prati-pascoli L azione intende rafforzare e valorizzare le funzioni di tutela delle risorse naturali e del paesaggio che le attività agricole svolgono anche ai fini del presidio territoriale e incentivare il mantenimento delle aree a prati stabili, prati pascoli e pascoli ad una funzione produttiva, ambientale e paesaggistica. Il sostegno può essere concesso per una superficie minima di 1 ettaro; per le superfici a pascolo il carico deve avere un rapporto UBA/ha compreso tra 0,5 e 2; la stagione di pascolo deve essere superiore a 90 giorni. I premi sono annuali e ammontano a: 85 euro per ettaro per il prato e il prato pascolo 65 euro per ettaro per il pascolo non turnato Scadenza Per l anno 2014 le domande di aiuto devono essere compilate informaticamente su portale SIAN, stampate, firmate dal beneficiario e rilasciate entro e non oltre il 15 maggio FEP Misura 1.3. Contributo a fondo perduto fino al 60% per investimenti a bordo dei pescherecci e selettività. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Attrezzature e macchinari, Opere edili e impianti, BANDO APERTO Scadenza il 02 Maggio 2014 Gli obiettivi perseguiti dalla presente misura sono riconducibili al miglioramento delle condizioni di operatività dei pescherecci, in termini di sicurezza, delle condizioni di lavoro, di igiene e qualità del pescato. La misura finanzia i lavori di armamento e ammodernamento per adeguare i pescherecci alle esigenze ambientali e per consentire il rispetto degli ecosistemi acquatici, nonché favorire l evoluzione dello sforzo di pesca verso sistemi di cattura più sostenibili e con sistemi di pesca selettivi. I soggetti ammissibili al finanziamento sono i proprietari o gli armatori di imbarcazioni da pesca. I pescherecci ammissibili a contributo devono essere iscritti nel Registro comunitario ed in uno dei Compartimenti marittimi del territorio della Regione Liguria alla data di presentazione della domanda. Tipologia di spese ammissibili Scafo ristrutturazione parziale: sostituzione di parti del fasciame; consolidamento: calafataggio, chiodatura, pitturazione e sabbiatura delle sole parti sottoposte a ristrutturazione; installazione degli alberetti di poppa e di prua;

11 installazione dell arcone di poppa; installazione del rullo di poppa; ringhiere, capodibanda, osteriggi, chiusura e copertura del ponte; ristrutturazione della plancia; ristrutturazione totale o parziale del ponte di coperta e/o ponte imbarcazioni Attrezzature per la pesca acquisto ed installazione di macchinari di salpamento. Sistemazione interna ristrutturazione degli alloggi e servizi per l equipaggio. Impianti vari impianto elettrico; gruppi elettrogeni; impianto di riscaldamento; impianto idraulico del verricello; acquisto e installazione del sistema idraulico; acquisto e installazione del sistema di trasmissione; acquisto e installazione dell elica; pompa sentina. Attrezzature di lavorazione e conservazione del pescato Sistema di propulsione Apparecchiature elettroniche Spese generali (ammissibili al contributo fino ad un massimo del 5% del totale delle spese). Per gli interventi di ammodernamento possono essere ammessi a contributo progetti che prevedono, per singola imbarcazione, una spesa ammissibile minima di 5.000,00. Gli investimenti ammessi possono fruire di un contributo pubblico modulato in base alla tipologia di intervento e di imbarcazione; la percentuale massima è pari al 60% delle spese ammissibili. Scadenza Le domande possono essere presentate fino al 2 maggio FEP Misura 2.1. Contributo a fondo perduto fino al 40% per sostenere investimenti produttivi nel settore dell acquacoltura. BENEFICIARI: PMI, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Attrezzature e macchinari, Opere edili e impianti, BANDO APERTO Scadenza il 02 Maggio 2014 La misura MISURA Acquacoltura del FEP si propone di migliorare le condizioni di lavoro, l igiene, la salute dell uomo o degli animali e la qualità dei prodotti, ridurre l impatto negativo o accentuare gli effetti positivi sull ambiente. Gli investimenti devono avere uno o più dei seguenti obiettivi: diversificazione finalizzata alla produzione o alla cattura di nuove specie con buone prospettive di mercato;

12 applicazione di tecniche di acquacoltura che riducono l impatto negativo o accentuano gli effetti positivi sull ambiente in modo sostanziale rispetto alle normali pratiche utilizzate nel settore dell acquacoltura; sostegno alle tradizionali attività dell acquacoltura al fine di preservare e sviluppare il tessuto socioeconomico e l ambiente; sostegno per l acquisto di attrezzature volte a proteggere gli allevamenti dai predatori selvatici; miglioramento delle condizioni di lavoro e di sicurezza dei lavoratori del settore dell acquacoltura. Possono accedere alla presente misura le imprese del settore della pesca professionale e dell acquacoltura come di seguito specificato: microimprese, piccole e medie imprese; imprese non rientranti nella precedente definizione che occupano meno di 750 persone o realizzano un fatturato annuo inferiore a 200 milioni di euro. Tipologia di interventi ammissibili La misura si articola nelle seguenti tipologie di intervento: costruzione di impianti di produzione di acquacoltura; ampliamento e/o ammodernamento di impianti di produzione di acquacoltura; sostegno per azioni di apprendimento permanente. Sono ammissibili le seguenti spese: costruzione e/o ampliamento o miglioramento di impianti di acquacoltura e maricoltura, per la riproduzione e la crescita dei pesci, crostacei e molluschi o altri organismi marini di interesse commerciale, ivi comprese le imbarcazioni di servizio; acquisto di macchinari e attrezzature per impianti di acquacoltura e maricoltura; spese per il miglioramento delle condizioni d igiene e sanitarie, delle condizioni ambientali, dei sistemi di produzione anche attraverso l adozione di innovazioni tecnologiche; lavori di sistemazione o di miglioramento dei circuiti idraulici all interno delle imprese acquicole, compresi il riciclo dei rifiuti delle acque; opere murarie e impiantistiche strettamente inerenti agli impianti e/o agli accessori; adeguamento dei mezzi alle esigenze aziendali (coibentazione/impianti frigoriferi); acquisto di terreni, purché funzionale alla realizzazione dell operazione, nei limiti del 10% della spesa riconosciuta ammissibile; acquisto di beni immobili; spese per impianti che producono energia da fonti rinnovabili; spese per attività di apprendimento permanente solo se funzionali e connesse agli investimenti materiali oggetto di finanziamento; spese generali Tipologia di richiedente Percentuale di contributo micro, piccola e media impresa 40% impresa che occupano meno di 750 persone o realizzano un fatturato inferiore a 200 milioni di euro 20% Scadenza Le domande di contributo potranno essere presentate fino al 2/05/2014. FEP 2007/2013 Misura 3.3. Contributo a fondo perduto fino al 100% per migliorare i servizi offerti nei porti di pesca. BENEFICIARI: Associazioni/Onlus/Consorzi, Ente pubblico, PMI, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Attrezzature e macchinari, Opere edili e impianti,

13 BANDO APERTO Scadenza il 02 Maggio 2014 La misura 3.3 del Fondo Europeo per la Pesca (FEP) è volta a: migliorare i servizi offerti nei porti di pesca esistenti, pubblici o privati, che presentano un interesse per i pescatori e i produttori acquicoli che li utilizzano; migliorare le condizioni del pesce sbarcato dai pescatori costieri nei luoghi di sbarco esistenti (designati dalle Autorità nazionali competenti); migliorare la sicurezza dei pescatori. Soggetti Beneficiari micro, piccole e medie imprese operanti nel settore della pesca e dell acquacoltura; organizzazioni riconosciute che operano per conto dei produttori; organismi pubblici; altri organismi che perseguono le finalità della pesca e dell acquacoltura. Tipologia di spese/interventi ammissibili Sono ammissibili le seguenti spese: acquisto di macchinari e attrezzature; impianti di rifornimento carburante, ghiaccio, approvvigionamento d acqua, ecc.; ristrutturazione di banchine o di approdi già esistenti; opere murarie e impiantistiche strettamente inerenti il progetto; acquisto di beni immobili purché direttamente connessi alle finalità dell operazione prevista, che non siano stati oggetto, nel corso dei 10 anni precedenti alla data di presentazione della domanda, di un finanziamento pubblico e che non siano già adibiti all esercizio di attività inerenti la pesca; spese generali, nel limite massimo del 12% delle spese preventivate e ritenute ammissibili. La misura si articola nelle seguenti tipologie di intervento: costruzione, ammodernamento e ampliamento delle banchine per migliorare la sicurezza delle operazioni di sbarco o carico; costruzione, ammodernamento e ampliamento delle sale per le aste e delle relative strutture ausiliarie; ristrutturazione/ammodernamento di porti e luoghi di sbarco; realizzazione/ammodernamento di impianti per il trattamento e magazzinaggio del prodotto sbarcato, per il deposito e trattamento degli scarti; realizzazione di impianti per la fornitura di carburante, ghiaccio, acqua e energia elettrica; acquisto di nuove attrezzature per la gestione informatizzata delle attività di pesca; acquisto di nuove attrezzature per la riparazione e la manutenzione dei pescherecci e per lo sbarco del pescato; costruzione o ammodernamento di piccoli ripari di pesca. Gli investimenti ammessi possono fruire di un contributo pubblico modulato in base alla tipologia di richiedente pari a: Tipologia di richiedente Tipologia di intervento Percentuale di contributo della spesa ammessa (IVA esclusa) Soggetti privati Spese ammissibili 60% Soggetti pubblici Spese ammissibili 100% Scadenza 2/05/2014

14

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

la nuova PAC una guida pratica per una visione di insieme

la nuova PAC una guida pratica per una visione di insieme una guida pratica per una visione di insieme sommario Presentazione 3 I pilastri della 4 Uno sguardo d insieme 5 Le novità per il I Pilastro 6 Le novità per il II Pilastro 9 Glossario 12 Il volume è frutto

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO prot. 6513 del 18 novembre 2014 Disposizioni nazionali di applicazione del regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013 VISTO il regolamento (CE) n.

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012)

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012) Legge regionale 16 ottobre 2014, n. 20 Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali 30 ottobre 2012, n. 48, 8 luglio 2002, n. 24, 12 ottobre 2012, n. 45, 7 marzo 2000, n. 10, 17 maggio 1996, n. 9. (BUR

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10 LEGGE REGIONALE 29 giugno 1998, n. 10 «Disposizioni per la valorizzazione, lo sviluppo e la tutela del territorio montano in attuazione della legge 97/1994». (B.U. 29 giugno 1998, n. 26, 1º suppl. ord.)

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI RETE RURALE NAZIONALE Commissione Europea 2 0 0 7-2 0 1 3 LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO Direzione

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020

DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DOCUMENTO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE PROGRAMMAZIONE 2014-2020 SETTEMBRE 2013 Sommario 1 Il quadro di riferimento 1.1 La Politica Agricola Comune 1.2 Gli obiettivi tematici e le priorità per i PSR

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015

Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO ai sensi dell art. 1 comma 2 del D.L.N. 74/2012 convertito con modificazioni dalla legge n. 122/2012 Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015 Modifiche all Ordinanza

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Servizio IV Interventi di Sviluppo rurale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli