Agevolazioni ed incentivi in Liguria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agevolazioni ed incentivi in Liguria"

Transcript

1 Newsletter del mese di Aprile 2014 Convert this page to a PDF Agevolazioni ed incentivi in Liguria AGRICOLTURA PSR 2007/2013 Misura 216. Contributo a fondo perduto fino al 100% per il sostegno agli investimenti non produttivi nei terreni agricoli. PSR 2007/2013 Misura 226. Contributo a fondo perduto fino al 90% per la ricostituzione del potenziale forestale ed interventi preventivi. PSR 2007/2013 Misura 112. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a ,00 per l'insediamento di giovani agricoltori. PSR 2007/2013 Misura 121. Contributo a fondo perduto fino al 50% per l'ammodernamento delle aziende agricole. PSR 2007/2013 Misura 123. Contributo a fondo perduto fino al 40% per accrescere il valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali. PSR 2007/2013 Misura 125. Contributo a fondo perduto fino al 90% per lo sviluppo e l'adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura. Contributo in c/interessi, voucher e garanzia promossi dalla CCIAA di Imperia per la creazione di nuove imprese. PSR Misura 211. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a 500 per ettaro per gli agricoltori operanti in zone montane. PSR 2007/2013 Misura 212. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a 150 per ettaro per gli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali diverse dalle zone montane. PSR 2007/2013 Misura 214. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio annuo fino a 850 /ettaro per il miglioramento e la tutela dell'ambiente. FEP Misura 1.3. Contributo a fondo perduto fino al 60% per investimenti a bordo dei pescherecci e selettività. FEP Misura 2.1. Contributo a fondo perduto fino al 40% per sostenere investimenti produttivi nel settore dell acquacoltura. FEP 2007/2013 Misura 3.3. Contributo a fondo perduto fino al 100% per migliorare i servizi offerti nei porti di pesca. PSR 2007/2013 Misura 216. Contributo a fondo perduto fino al 100% per il sostegno agli investimenti non produttivi nei terreni agricoli. BENEFICIARI: Ente pubblico, PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Opere edili e impianti, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla misura "Sostegno agli investimenti non produttivi nei terreni agricoli" del P.S.R A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro La misura si prefigge i seguenti obiettivi: mantenimento e incremento della fauna selvatica autoctona sul territorio attraverso l'adeguamento delle risorse agricole alle necessità specifiche della fauna stessa; realizzazione di fonti di approvvigionamento per la fauna selvatica stanziale; conservazione e fruizione delle aree agricole a valenza paesaggistico ambientale; salvaguardia e tutela dell'ambiente, del paesaggio rurale e dell'agrobiodiversità; favorire il mantenimento di elevati livelli di biodiversità, migliorare e recuperare l'integrità ecologiche delle zone rete natura 2000 e delle aree di collegamento ecologico. Possono presentare domanda di aiuto ai fini della presente misura:

2 - Imprenditori agricoli; - Conduttori di terreni agricoli; - Enti pubblici. Tipologia di spese ammissibili La misura è distinta in due azioni: 1) ripristino dei muri a secco per il sostegno dei terreni agricoli in pendio e delle opere di regimazione idrica strettamente connesse alla stabilità dei muri a secco con finalità non produttive; 2) aiuti agli investimenti non produttivi in terreni agricoli relativi a: a) costituzione di siepi, filari, cespugli e alberi e altri elementi idonei alla riproduzione, alla nidificazione, al ricovero e alla protezione di specie selvatiche; b) realizzazione o recupero di piccoli invasi (abbeveratoi per fauna selvatica, pozze, laghetti, ecc.) allo scopo di assicurare una buona disponibilità idrica, soprattutto nei periodi di siccità nonché di assicurare ambienti umidi per fauna e flora di pregio; c) altri investimenti non produttivi che valorizzino in termini di pubblica utilità le aree della Rete Natura 2000, le aree di connessione ecologica e le aree parco nazionali e regionali Azione 1 L'aiuto è concesso a fronte di impegno al ripristino di muri a secco tradizionali per il sostegno dei terreni in pendio e delle opere di regimazione idrica strettamente connesse alla stabilità dei muri a secco con finalità non produttive. L'aiuto è quantificato in 94 euro/m 2 di muro effettivamente ripristinato, pari al 100% del costo standard. Azione 2 L'aiuto è concesso sotto forma di contributo in conto capitale a fronte dell'esecuzione di investimenti. L'aiuto è pari all'80% della spesa ammissibile. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno PSR 2007/2013 Misura 226. Contributo a fondo perduto fino al 90% per la ricostituzione del potenziale forestale ed interventi preventivi. BENEFICIARI: Ente pubblico, PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Opere edili e impianti, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla "Ricostituzione del potenziale forestale e introduzione di interventi preventivi" del programma regionale di sviluppo rurale per il periodo A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro Possono presentare domanda di aiuto ai fini della presente misura gli Enti pubblici o i soggetti privati che attuano gli investimenti. Tipologia di interventi ammissibili interventi preventivi dei danni causati al patrimonio boschivo dal fuoco o da disastri naturali interventi di ricostituzione boschiva volti alla messa in sicurezza, compresa la difesa del suolo dall'erosione, e al ripristino dei valori ambientali, economici e sociali delle foreste distrutte o danneggiate dal fuoco o da calamità naturali interventi preventivi per il contenimento di fenomeni di instabilità in atto nelle zone boscate quali opere di sistemazione idraulico forestale sul

3 reticolo idrografico minore Il sostegno pubblico copre il 90% della spesa ammissibile. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno PSR 2007/2013 Misura 112. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a ,00 per l'insediamento di giovani agricoltori. BENEFICIARI: Persona fisica, PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Avvio attività, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla misura "Insediamento dei giovani agricoltori" del programma regionale di sviluppo rurale per il periodo A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro Agricoltori che, al momento della presentazione della domanda di aiuto, non abbiano ancora compiuto i 40 anni di età e che si insediano per la prima volta in un'azienda agricola in qualità di titolare o contitolare. Tipologia di iniziative ammissibili Per ottenere la concessione dell aiuto il giovane agricoltore deve presentare un piano aziendale di sviluppo dell'attività agricola che preveda interventi a suo carico per un importo non inferiore a Euro. L aiuto può essere concesso in conto capitale da un importo minimo di euro fino ad un importo massimo di euro e/o come abbuono di interessi il cui valore capitalizzato non può essere superiore a euro Per la combinazione delle due forme di sostegno l importo massimo dell aiuto non può essere superiore a euro. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno PSR 2007/2013 Misura 121. Contributo a fondo perduto fino al 50% per l'ammodernamento delle aziende agricole. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Attrezzature e macchinari, Opere edili e impianti, Innovazione Ricerca e Sviluppo, Risparmio energetico/fonti rinnovabili, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014

4 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla misura "Ammodernamento delle aziende agricole" del P.S.R. Liguria A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro Possono presentare domanda di aiuto ai fini della presente misura le aziende agricole singole o associate iscritte al registro delle imprese, dotate di numero di partita IVA. Tipologia di spese ammissibili L aiuto si riferisce ai seguenti investimenti: acquisto (nel caso risulti meno costoso della costruzione), costruzione, ristrutturazione di fabbricati e relative pertinenze, direttamente funzionali alla produzione agricola e/o alla trasformazione e vendita dei prodotti aziendali ristrutturazione di vecchi oliveti, castagneti e noccioleti per ridurre i costi di produzione e favorire la meccanizzazione; impianto di colture perenni o poliennali finalizzate al miglioramento fondiario quali frutteti, oliveti, colture arboree o arbustive da fiore o da fronda; sistemazione duratura dei terreni agricoli per assicurare la regimazione delle acque, la stabilità dei versanti e la percorribilità da parte delle macchine, compresa la viabilità interna aziendale realizzazione di impianti idrici, termici, elettrici a servizio delle colture e degli allevamenti o delle attività complementari aziendali acquisto di macchinari e impianti per la protezione dell ambiente dai sottoprodotti dei cicli produttivi aziendali quali: reflui, rifiuti, emissioni; acquisto di macchine e di attrezzature investimenti finalizzati alla produzione di energia elettrica o termica acquisto di terreno, solo se inserito in un complesso di investimenti finanziati con la medesima operazione investimenti immateriali connessi agli investimenti di cui ai punti precedenti quali: 1. Acquisto di software; 2. Creazione e/o ampliamento delle funzionalità di siti internet; 3. Acquisto di brevetti e licenze; 4. Onorari di professionisti e consulenti. Le percentuali di sostegno pubblico sono: 50 % del costo dell'investimento ammissibile realizzato nelle zone svantaggiate; 40 % del costo dell'investimento ammissibile realizzato in altre zone; con un volume massimo di investimento per l intero periodo di programmazione pari a euro per Unità Lavorativa stabilmente impiegata e fino a un massimo di euro per azienda. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno PSR 2007/2013 Misura 123. Contributo a fondo perduto fino al 40% per accrescere il valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali. BENEFICIARI: PMI, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Attrezzature e macchinari, Opere edili e impianti, Consulenze/Servizi, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla misura "Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali" del programma regionale di sviluppo rurale per il periodo A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro Possono beneficiare dei finanziamenti le microimprese e le piccole e medie imprese che sostengono gli oneri finanziari degli investimenti relativi alla

5 trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli e/o forestali e che siano in grado di dimostrare che gli investimenti proposti determinano un vantaggio duraturo per i produttori del prodotto di base e/o un vantaggio ambientale. Azione A - settore AGRICOLO Investimenti ammissibili Sono considerati ammissibili gli investimenti materiali e/o immateriali che rispettano contemporaneamente tutti i seguenti tre requisiti: a) dimostrano di contribuire a migliorare il rendimento globale dell'impresa; b) riguardano: - la trasformazione e/o la commercializzazione dei prodotti di cui all'allegato I del Trattato (esclusi i prodotti della pesca); e/o - lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie connessi ai prodotti di cui all'allegato I del Trattato (esclusi i prodotti della pesca); c) rispettano i requisiti comunitari applicabili all'investimento interessato. In particolare sono considerati ammissibili esclusivamente: 1) acquisto, compreso il leasing con patto di acquisto, di macchine e attrezzature per la trasformazione e la commercializzazione di prodotti agricoli, compresi elaboratori elettronici, e relativi impianti e opere murarie necessari per l'installazione delle stesse; 2) investimenti necessari per l'adesione a sistemi di qualità certificata in base a norme comunitarie, nazionali e regionali notificate; 3) Investimenti immateriali connessi agli investimenti di cui ai punti precedenti quali: - Acquisto di software; - Creazione e/o ampliamento delle funzionalità di siti internet; - Acquisto di brevetti e licenze; - Onorari di professionisti e consulenti. Entità e forma dell'agevolaizone L'aiuto, concesso sotto forma di aiuto in conto capitale è pari al: - 40% dell'investimento, qualora il costo totale ritenuto ammissibile non superi 2 milioni di euro - 25% dell'investimento, per i costi che eccedono il limite di cui al punto precedente. Azione B - settore FORESTALE Investimenti ammissibili Sono considerati ammissibili gli investimenti materiali e/o immateriali: 1) acquisto e/o sostituzione (alle condizioni previste per gli investimenti di sostituzione) di macchine e attrezzature per gli interventi selvicolturali nonché per la prima lavorazione del legname che precede la trasformazione industriale (es. trattori forestali, gru a cavo, verricelli, risine, caricatori forestali, processori e "feller", rimorchi forestali, cippatrici, taglia/spacca, scortecciatrici, appuntapali, segherie fisse e mobili, ecc.); 2) acquisto di attrezzature ed equipaggiamenti leggeri, come motoseghe, decespugliatori, attrezzature antinfortunistiche, dispositivi di protezione individuale (DPI) o collettiva, omologati secondo la vigente normativa, ecc., sia per gli interventi selvicolturali che per le fasi di lavorazione successive; 3) investimenti in beni mobili e immobili per la realizzazione, ampliamento e ammodernamento di aree per la raccolta, lo stoccaggio e la vendita del legname, ivi comprese le macchine e le attrezzature per la movimentazione del materiale, idonee strutture di riparo per il legname e per le macchine e attrezzature di cui sopra nonché elaboratori elettronici e software specifici; 4) acquisto (qualora risulti meno costoso della costruzione) di fabbricati e relative pertinenze adibiti alla trasformazione e alla commercializzazione dei prodotti forestali, escluso l'acquisto del terreno; 5) costruzione e ristrutturazione di fabbricati e relative pertinenze adibiti alla prima trasformazione e alla commercializzazione dei prodotti forestali, escluso l'acquisto del terreno; 6) acquisto di attrezzature per la raccolta dei prodotti forestali non legnosi. L'aiuto è pari è pari al 40% dell'investimento. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno 2014

6 PSR 2007/2013 Misura 125. Contributo a fondo perduto fino al 90% per lo sviluppo e l'adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura. BENEFICIARI: Associazioni/Onlus/Consorzi, Ente pubblico, SPESE FINANZIATE: Opere edili e impianti, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La Giunta regionale della Liguria ha riattivato il bando a valere sulla misura "Infrastrutture connesse allo sviluppo e all'adeguamento dell'agricoltura e della silvicoltura" del programma regionale di sviluppo rurale per il periodo A seguito dell'accertata disponibilità di risorse, derivanti da economie e rimodulazioni della pianificazione del P.S.R per la misura in esame, ammontano a euro Possono accedere alla presente misura: 1) consorzi di miglioramento fondiario, cooperative agricole, e ogni altra forma di natura sociale legalmente costituita. Tali soggetti, di cui possono far parte anche proprietari o conduttori di terreni agricoli e/o forestali, devono essere costituiti in prevalenza da imprenditori agricoli e/o forestali. Gli investimenti realizzati da tali soggetti devono servire una moltitudine di aziende agricole; 2) enti pubblici; 3) enti parco. Tipologia di spese ammissibili Sono ammissibili all'aiuto i seguenti interventi di uso collettivo: ripristino e miglioramento di strade esistenti o costruzione di nuove strade se necessarie per migliorare l'accesso ai terreni agricoli. Gli investimenti di costruzione di nuove strade devono essere connessi ad interventi di miglioramento del potenziale agricolo; ripristino o costruzione di sistemi alternativi o integrativi alla viabilità agricola esistente quali ad esempio monorotaie, funicolari, ecc. Le percentuali di sostegno pubblico applicate alla misura sono: - 80% della spesa ammissibile nel caso di beneficiari privati; - 90% della spesa ammissibile nel caso i beneficiari siano enti pubblici. Le domande di aiuto devono essere presentate presentate a partire dal 6 marzo 2014 ed entro il termine perentorio del 30 giugno Contributo in c/interessi, voucher e garanzia promossi dalla CCIAA di Imperia per la creazione di nuove imprese. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Avvio attività, Consulenze/Servizi, Finanziamento a tasso agevolato, Garanzia, BANDO APERTO Scadenza il 30 Giugno 2014 La CCIAA di Imperia promuove un bando per la realizzazione di servizi integrati finalizzati alla creazione di impresa.

7 aspiranti imprenditoriali in tutti i settori di attività e per qualunque forma giuridica che avvieranno la propria attività nel territorio della provinci adi Impreia. Sono esclusi i liberi professionisti o titolari di attività non iscrivibili al Registro delle Imprese nuove imprese micro, piccole e medie, costituite da non oltre 36 mesi con sedi legali ed operative sul territorio della provincia di Imperia Tipologia di servizi/contributi erogati Il percorso integrato si articolerà nel seguente modo: colloquio individuale di orientamento finalizzato alla valutazione delle competenze imprenditoriali ed alla prefattibilità dell'iniziativa al termine del quale l'utente potrà proseguire il percorso oppure essere reindirizzato ad altri servizi corso e accompagnamento alla redazione del business plan con lo scopo di formare l'utente nella corretta applicazione delle metodologie di analisi del progetto per arrivare a padroneggiare gli strumenti necessari ad una corretta valutazione di fattibilità seminari tematici finalizzati a fornire informazioni trasversali su normativa, adempimenti, metodologie di analisi a prescindere dal settore di attività economica con particolare attenzione alla trasposizione concreta delle nozioni teoriche Accesso al microcredito: rivolto sia agli aspiranti imprenditori che alle nuove imprese che abbiano concluso positivamente il percorso formativo. Il contributo consiste in un finanziamento agevolato in c/interessi con abbattimento di 4 punti percentuali al tasso applicato dalle banche convenzionate con la Camera di Commercio. L'erogazione del contributo, commisurato ad un investiemnto massimo di è subordinata all'iscrizione al Registro delle Imprese ed all'accettazione del finanziamento da parte di una delle banche convenzionate Attivazione Fondi di Garanzia rivolto sia agli aspiranti imprenditori che alle nuove imprese che abbiano concluso positivamente il percorso formativo. Consisterà nell'accesso ad un intervento di controgaranzia attuato attraverso i confidi convenzionati con la Camera di Comemrcio volto ad elevare la garanzia concedibile sui finanziamenti sino ad un massimo dell'80% Vuocher di consulenza del valore massimo di rivolto sia ad aspiranti imprenditori e/o nuove imprese che abbiano almeno concluso positivamente la fase del colloquio di orientamento o concluso positivamente il percorso formativo, fino ad esaurimento delle risorse, a copertura delle spese sostenute per interventi di formazione ed aggiornamento svolti in forma consulenziale. Le domande possono essere presentate entro il 30/09/2014. PSR Misura 211. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a 500 per ettaro per gli agricoltori operanti in zone montane. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: BANDO APERTO Scadenza il 15 Maggio 2014 E' stato pubblicato il bando relativo alla Misura 211 Indennità compensative degli svantaggi naturali a favore degli agricoltori delle zone montane del Programma di sviluppo rurale 2007/2013 della Regione Liguria annualità L obiettivo è quello di sostenere l attività agricola nelle zone montane, spesso poco produttive, per il mantenimento del tessuto socio-economico. In tali aree, dove esiste un evidente svantaggio naturale nell utilizzo agricolo del territorio, al fine di evitare l abbandono delle zone coltivate, i maggiori costi e le perdite di reddito degli agricoltori vengono compensati attraverso il pagamento di una indennità rapportata agli ettari effettivamente utilizzati. In tale maniera viene incoraggiata la permanenza delle imprese e l utilizzo agricolo di tali zone, preservando il territorio da un progressivo ulteriore degrado con conseguenze negative sull ambiente. Area di applicazione Zone svantaggiate dell intero territorio regionale con esclusione del comune di Piana Crixia (SV) per il quale è prevista l applicazione della misura 212. Sono esclusi altresì i territori fuori dai confini amministrativi della Regione Liguria. I beneficiari della misura sono le imprese agricole, singole o associate, titolari di partita IVA, localizzate in zone svantaggiate della Regione Liguria. Settore zootecnico Possono beneficiare dell indennità compensativa gli allevatori che utilizzano superfici foraggere (erbai, prati e pascoli);hanno diritto all indennità gli allevatori che utilizzano almeno 3 ha e fino ad un massimo di 100 ha di SAU foraggera; gli eventuali ettari posseduti oltre i 100 non vengono conteggiati per il premio.

8 che utilizzano almeno 3 ha e fino ad un massimo di 100 ha di SAU foraggera; gli eventuali ettari posseduti oltre i 100 non vengono conteggiati per il premio. Per il calcolo vengono applicati gli importi definiti nella sottostante tabella: Ettari Intensità aiuto superfici foraggere diverse dal pascolo (Euro/ettaro) Intensità aiuto superfici a pascolo (Euro/ettaro) Fino a Da 30,01 a Da 50,01 a Settore viticolo L indennità opera a favore della viticoltura esercitata nelle zone viticole di presidio territoriale. Si intendono tali le superfici viticole inserite in ambienti particolarmente svantaggiati, minacciati da fenomeni di erosione e di degrado ambientale senza possibilità di riconversione colturale. Caratteristica peculiare di queste zone è la presenza di terrazzamenti sostenuti da muri in pietra a secco e/o con pendenze superiori al 35%. Beneficiano dell indennità le aziende che dispongono di una superficie vitata di almeno 0,2 ettari. L aiuto viene concesso tramite una indennità annuale, calcolata in base alla superficie di vigneto effettivamente coltivata nel rispetto delle norme relative alla condizionalità. L intensità dell aiuto è di 500 euro per ettaro. Settore olivicolo Possono beneficiare dell indennità le aziende che dispongono di una superficie coltivata ad olivo di almeno 0,5 ettari. L aiuto viene concesso tramite una indennità annuale, calcolata in base alla superficie di oliveto effettivamente coltivata nel rispetto delle norme relative alla condizionalità; la coltura dell olivo deve essere mantenuta secondo le normali pratiche agricole e l oliveto deve essere regolarmente potato almeno ogni tre anni. L intensità dell aiuto è di 300 euro per ettaro. Le domande di indennità compensativa devono essere compilate informaticamente tramite il portale SIAN, stampate, firmate dal beneficiario e rilasciate entro e non oltre il 15 maggio PSR 2007/2013 Misura 212. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio fino a 150 per ettaro per gli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali diverse dalle zone montane. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: BANDO APERTO Scadenza il 15 Maggio 2014 E' stato pubblicato il bando a valere sulla misura 212 del PSR 2007/2013. L obiettivo è quello di sostenere l attività agricola nelle zone svantaggiate, spesso poco produttive, per il mantenimento del tessuto socio-economico. In tali aree, dove esiste un evidente svantaggio naturale nell utilizzo agricolo del territorio, al fine di evitare l abbandono delle zone coltivate, i maggiori costi e le perdite di reddito degli agricoltori vengono compensati attraverso il pagamento di una indennità rapportata agli ettari effettivamente utilizzati. In tale maniera viene incoraggiata la permanenza delle imprese e l utilizzo agricolo di tali zone, preservando il territorio da un progressivo ulteriore degrado con conseguenze negative sull ambiente. L intervento ha come obiettivo primario il mantenimento della presenza umana attraverso la prosecuzione dell attività agricola nelle aree svantaggiate e marginali con funzione di presidio e di salvaguardia territoriale. I beneficiari della misura sono le imprese agricole, singole o associate, titolari di partita IVA. Possono beneficiare del contributo anche le imprese il cui centro aziendale è situato in zona diversa, ma che utilizzano terreni situati nel comune di Piana Crixia. Le condizioni di accesso, come sotto riportato, devono essere possedute e verificabili al momento della presentazione della domanda di aiuto. 1) Settore zootecnico. Per gli allevatori che utilizzano superfici foraggere (erbai, prati e pascoli) l aiuto è concesso, in rapporto agli ettari gestiti, agli imprenditori che: a) allevano animali delle specie bovina, bufalina, equina, ovina e caprina. L allevamento è dimostrato mediante il registro di stalla e/o i dati provenienti della

9 banca dati nazionale sulle consistenze zootecniche. b) mantengono un rapporto UBA/ettaro di superficie foraggera aziendale compreso tra 0,5 e 3. c) per le superfici a prato, effettuino almeno uno sfalcio entro il mese di luglio. d) per le superfici a pascolo, il periodo minimo di utilizzo deve essere di 90 giorni. Hanno diritto all indennità gli allevatori che utilizzano almeno 3 ha e fino ad un massimo di 100 ha di SAU foraggera; gli ettari ulteriori oltre i 100 non vengono conteggiati per il premio; l intensità dell aiuto è di 150 euro per ettaro. Scadenza: 15 maggio 2014 PSR 2007/2013 Misura 214. Contributo a fondo perduto sotto forma di premio annuo fino a 850 /ettaro per il miglioramento e la tutela dell'ambiente. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Consulenze/Servizi, BANDO APERTO Scadenza il 15 Maggio 2014 La misura si articola nelle seguenti azioni: A) introduzione o mantenimento dei metodi dell agricoltura biologica; B) introduzione o mantenimento dei metodi dell agricoltura integrata; C) allevamento di specie animali locali a rischio di estinzione; E) interventi su prati stabili, pascoli e prati-pascoli. La durata dell impegno è quinquennale e deve essere confermato annualmente tramite presentazione di domanda annuale di pagamento. Per i soli impegni iniziati nell anno 2008 e nel 2009 è autorizzata la presentazione di domande rispettivamente al settimo e sesto anno di impegno. L impegno annuale decorre dal 16 maggio dell anno di presentazione della domanda. La condizione per poter aderire alla misura è la disponibilità dei terreni per l intera durata dell impegno assunto. L impegno deve riguardare l intera SAU aziendale condotta dal beneficiario, che pertanto deve essere totalmente dichiarata nella domanda. Non sono ammessi pagamenti inferiori a 150 euro. Soggetti Beneficiari Per le azioni A), B), C) ed E) possono beneficiare degli aiuti le imprese agricole, singole o associate, iscritte al registro delle imprese, dotate di n partita IVA. AZIONE A): introduzione o mantenimento dei metodi dell agricoltura biologica Gli aiuti sono concessi ai soggetti beneficiari che intendono adottare o mantenere i metodi di agricoltura biologica dei prodotti vegetali e dei prodotti animali. Possono accedere all aiuto anche le aziende in fase di conversione. Il sostegno può essere concesso per una superficie minima di mq per foraggere e prato, di mq per fruttiferi e seminativi e mq per le altre colture. I premi annui per ettaro, riferiti a gruppi di colture omogenee, sono differenziati fra introduzione e mantenimento e in funzione dell'estensione delle colture. AZIONE B): introduzione o mantenimento di metodi dell agricoltura integrata Gli aiuti sono concessi alle aziende che intendono adottare sull intera superficie aziendale un modello di coltivazione ecocompatibile, secondo le disposizioni tecniche indicate nei Disciplinari di Produzione Integrata definiti e approvati dalla Regione Liguria. Il sostegno può essere concesso per una superficie minima di mq per foraggere, di mq per fruttiferi e seminativi e mq per le altre colture. I pagamenti sono annuali sulla base del numero di ettari riportati in domanda e ammessi a finanziamento, sulla base dei seguenti importi: 850 euro/ha per le colture floricole perenni

10 450 euro/ha per le colture floricole annuali 300 euro/ha per olivo 500 euro/ha per vite 500 euro/ha per altri fruttiferi 300 euro/ha per le colture ortive 150 euro/ha per i seminativi e foraggere AZIONE C): allevamento di specie animali locali a rischio di estinzione L azione ha come obiettivo la salvaguardia del patrimonio genetico delle razze autoctone o di quelle a diffusione limitata che si sono bene adattate alle caratteristiche del territorio ligure, con l intento di salvaguardare i sistemi agrozootecnici delle aree marginali dove sono attualmente allevate tali razze. I pagamenti sono annuali sulla base del numero di UBA e variabili a seconda della razza. AZIONE E): interventi su prati stabili, pascoli e prati-pascoli L azione intende rafforzare e valorizzare le funzioni di tutela delle risorse naturali e del paesaggio che le attività agricole svolgono anche ai fini del presidio territoriale e incentivare il mantenimento delle aree a prati stabili, prati pascoli e pascoli ad una funzione produttiva, ambientale e paesaggistica. Il sostegno può essere concesso per una superficie minima di 1 ettaro; per le superfici a pascolo il carico deve avere un rapporto UBA/ha compreso tra 0,5 e 2; la stagione di pascolo deve essere superiore a 90 giorni. I premi sono annuali e ammontano a: 85 euro per ettaro per il prato e il prato pascolo 65 euro per ettaro per il pascolo non turnato Scadenza Per l anno 2014 le domande di aiuto devono essere compilate informaticamente su portale SIAN, stampate, firmate dal beneficiario e rilasciate entro e non oltre il 15 maggio FEP Misura 1.3. Contributo a fondo perduto fino al 60% per investimenti a bordo dei pescherecci e selettività. BENEFICIARI: PMI, Grande Impresa, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Attrezzature e macchinari, Opere edili e impianti, BANDO APERTO Scadenza il 02 Maggio 2014 Gli obiettivi perseguiti dalla presente misura sono riconducibili al miglioramento delle condizioni di operatività dei pescherecci, in termini di sicurezza, delle condizioni di lavoro, di igiene e qualità del pescato. La misura finanzia i lavori di armamento e ammodernamento per adeguare i pescherecci alle esigenze ambientali e per consentire il rispetto degli ecosistemi acquatici, nonché favorire l evoluzione dello sforzo di pesca verso sistemi di cattura più sostenibili e con sistemi di pesca selettivi. I soggetti ammissibili al finanziamento sono i proprietari o gli armatori di imbarcazioni da pesca. I pescherecci ammissibili a contributo devono essere iscritti nel Registro comunitario ed in uno dei Compartimenti marittimi del territorio della Regione Liguria alla data di presentazione della domanda. Tipologia di spese ammissibili Scafo ristrutturazione parziale: sostituzione di parti del fasciame; consolidamento: calafataggio, chiodatura, pitturazione e sabbiatura delle sole parti sottoposte a ristrutturazione; installazione degli alberetti di poppa e di prua;

11 installazione dell arcone di poppa; installazione del rullo di poppa; ringhiere, capodibanda, osteriggi, chiusura e copertura del ponte; ristrutturazione della plancia; ristrutturazione totale o parziale del ponte di coperta e/o ponte imbarcazioni Attrezzature per la pesca acquisto ed installazione di macchinari di salpamento. Sistemazione interna ristrutturazione degli alloggi e servizi per l equipaggio. Impianti vari impianto elettrico; gruppi elettrogeni; impianto di riscaldamento; impianto idraulico del verricello; acquisto e installazione del sistema idraulico; acquisto e installazione del sistema di trasmissione; acquisto e installazione dell elica; pompa sentina. Attrezzature di lavorazione e conservazione del pescato Sistema di propulsione Apparecchiature elettroniche Spese generali (ammissibili al contributo fino ad un massimo del 5% del totale delle spese). Per gli interventi di ammodernamento possono essere ammessi a contributo progetti che prevedono, per singola imbarcazione, una spesa ammissibile minima di 5.000,00. Gli investimenti ammessi possono fruire di un contributo pubblico modulato in base alla tipologia di intervento e di imbarcazione; la percentuale massima è pari al 60% delle spese ammissibili. Scadenza Le domande possono essere presentate fino al 2 maggio FEP Misura 2.1. Contributo a fondo perduto fino al 40% per sostenere investimenti produttivi nel settore dell acquacoltura. BENEFICIARI: PMI, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Attrezzature e macchinari, Opere edili e impianti, BANDO APERTO Scadenza il 02 Maggio 2014 La misura MISURA Acquacoltura del FEP si propone di migliorare le condizioni di lavoro, l igiene, la salute dell uomo o degli animali e la qualità dei prodotti, ridurre l impatto negativo o accentuare gli effetti positivi sull ambiente. Gli investimenti devono avere uno o più dei seguenti obiettivi: diversificazione finalizzata alla produzione o alla cattura di nuove specie con buone prospettive di mercato;

12 applicazione di tecniche di acquacoltura che riducono l impatto negativo o accentuano gli effetti positivi sull ambiente in modo sostanziale rispetto alle normali pratiche utilizzate nel settore dell acquacoltura; sostegno alle tradizionali attività dell acquacoltura al fine di preservare e sviluppare il tessuto socioeconomico e l ambiente; sostegno per l acquisto di attrezzature volte a proteggere gli allevamenti dai predatori selvatici; miglioramento delle condizioni di lavoro e di sicurezza dei lavoratori del settore dell acquacoltura. Possono accedere alla presente misura le imprese del settore della pesca professionale e dell acquacoltura come di seguito specificato: microimprese, piccole e medie imprese; imprese non rientranti nella precedente definizione che occupano meno di 750 persone o realizzano un fatturato annuo inferiore a 200 milioni di euro. Tipologia di interventi ammissibili La misura si articola nelle seguenti tipologie di intervento: costruzione di impianti di produzione di acquacoltura; ampliamento e/o ammodernamento di impianti di produzione di acquacoltura; sostegno per azioni di apprendimento permanente. Sono ammissibili le seguenti spese: costruzione e/o ampliamento o miglioramento di impianti di acquacoltura e maricoltura, per la riproduzione e la crescita dei pesci, crostacei e molluschi o altri organismi marini di interesse commerciale, ivi comprese le imbarcazioni di servizio; acquisto di macchinari e attrezzature per impianti di acquacoltura e maricoltura; spese per il miglioramento delle condizioni d igiene e sanitarie, delle condizioni ambientali, dei sistemi di produzione anche attraverso l adozione di innovazioni tecnologiche; lavori di sistemazione o di miglioramento dei circuiti idraulici all interno delle imprese acquicole, compresi il riciclo dei rifiuti delle acque; opere murarie e impiantistiche strettamente inerenti agli impianti e/o agli accessori; adeguamento dei mezzi alle esigenze aziendali (coibentazione/impianti frigoriferi); acquisto di terreni, purché funzionale alla realizzazione dell operazione, nei limiti del 10% della spesa riconosciuta ammissibile; acquisto di beni immobili; spese per impianti che producono energia da fonti rinnovabili; spese per attività di apprendimento permanente solo se funzionali e connesse agli investimenti materiali oggetto di finanziamento; spese generali Tipologia di richiedente Percentuale di contributo micro, piccola e media impresa 40% impresa che occupano meno di 750 persone o realizzano un fatturato inferiore a 200 milioni di euro 20% Scadenza Le domande di contributo potranno essere presentate fino al 2/05/2014. FEP 2007/2013 Misura 3.3. Contributo a fondo perduto fino al 100% per migliorare i servizi offerti nei porti di pesca. BENEFICIARI: Associazioni/Onlus/Consorzi, Ente pubblico, PMI, Micro Impresa, SPESE FINANZIATE: Attrezzature e macchinari, Opere edili e impianti,

13 BANDO APERTO Scadenza il 02 Maggio 2014 La misura 3.3 del Fondo Europeo per la Pesca (FEP) è volta a: migliorare i servizi offerti nei porti di pesca esistenti, pubblici o privati, che presentano un interesse per i pescatori e i produttori acquicoli che li utilizzano; migliorare le condizioni del pesce sbarcato dai pescatori costieri nei luoghi di sbarco esistenti (designati dalle Autorità nazionali competenti); migliorare la sicurezza dei pescatori. Soggetti Beneficiari micro, piccole e medie imprese operanti nel settore della pesca e dell acquacoltura; organizzazioni riconosciute che operano per conto dei produttori; organismi pubblici; altri organismi che perseguono le finalità della pesca e dell acquacoltura. Tipologia di spese/interventi ammissibili Sono ammissibili le seguenti spese: acquisto di macchinari e attrezzature; impianti di rifornimento carburante, ghiaccio, approvvigionamento d acqua, ecc.; ristrutturazione di banchine o di approdi già esistenti; opere murarie e impiantistiche strettamente inerenti il progetto; acquisto di beni immobili purché direttamente connessi alle finalità dell operazione prevista, che non siano stati oggetto, nel corso dei 10 anni precedenti alla data di presentazione della domanda, di un finanziamento pubblico e che non siano già adibiti all esercizio di attività inerenti la pesca; spese generali, nel limite massimo del 12% delle spese preventivate e ritenute ammissibili. La misura si articola nelle seguenti tipologie di intervento: costruzione, ammodernamento e ampliamento delle banchine per migliorare la sicurezza delle operazioni di sbarco o carico; costruzione, ammodernamento e ampliamento delle sale per le aste e delle relative strutture ausiliarie; ristrutturazione/ammodernamento di porti e luoghi di sbarco; realizzazione/ammodernamento di impianti per il trattamento e magazzinaggio del prodotto sbarcato, per il deposito e trattamento degli scarti; realizzazione di impianti per la fornitura di carburante, ghiaccio, acqua e energia elettrica; acquisto di nuove attrezzature per la gestione informatizzata delle attività di pesca; acquisto di nuove attrezzature per la riparazione e la manutenzione dei pescherecci e per lo sbarco del pescato; costruzione o ammodernamento di piccoli ripari di pesca. Gli investimenti ammessi possono fruire di un contributo pubblico modulato in base alla tipologia di richiedente pari a: Tipologia di richiedente Tipologia di intervento Percentuale di contributo della spesa ammessa (IVA esclusa) Soggetti privati Spese ammissibili 60% Soggetti pubblici Spese ammissibili 100% Scadenza 2/05/2014

14

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR: fra competitività e diversificazione Stella Caden Servizio Agricoltura - PAT Trento, 6 marzo 2014 Fasi principali della Programmazione

Dettagli

CON L EUROPA IL LAZIO CAMBIA. ANCHE IN AGRICOLTURA.

CON L EUROPA IL LAZIO CAMBIA. ANCHE IN AGRICOLTURA. Unione Europea Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale L Europa investe nelle zone rurali Agenzia Regionale per lo sviluppo e l Innovazione dell Agricoltura del Lazio IL PSR 2007-2013 A FROSINONE

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Luglio 2004 INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Agricoltura Piano di Sviluppo Rurale: Misure 1, 9.5, 9.8, 8.1, 8.2 2 OCM Vitivinicolo.3 Credito d imposta per l Agricoltura...3 Artigianato e

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE Area Imprese Padova PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 Obiettivi, strategie ed interventi 2013 Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori e Pacchetto Giovani Il Pacchetto giovani

Dettagli

Vetrina delle opportunità

Vetrina delle opportunità 1 di 6 21/02/2013 6.40 Vetrina delle opportunità Agevolazioni per la tua impresa agricola BANDO PUBBLICO Misura 121 Ammodernamento delle aziende agricole Gal Terre Pescaresi _Regione Abruzzo Misure collegate

Dettagli

Progetto FA.RE.NA.IT

Progetto FA.RE.NA.IT Progetto FA.RE.NA.IT W kh R i Workshop Regione Molise M li Stato di attuazione delle misure del S di i d ll i d l PSR e prospettive future in Molise p p f Dott. For. Nicola Pavone Dott For Nicola Pavone

Dettagli

DETTAGLIO MAPPA REGIONALE SUGLI INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

DETTAGLIO MAPPA REGIONALE SUGLI INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI DETTAGLIO MAPPA REGIONALE SUGLI INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI MISURA 4: Investimenti in immobilizzazioni materiali BOLZANO - Miglioramento delle prestazioni e della sostenibilità delle - Trasformazione,

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

Genova, Villa Bombrini, 19 marzo 2015 AUTORITA DI GESTIONE DEL PSR

Genova, Villa Bombrini, 19 marzo 2015 AUTORITA DI GESTIONE DEL PSR Genova, Villa Bombrini, 19 marzo 2015 AUTORITA DI GESTIONE DEL PSR Presentazione I finanziamenti per il mondo rurale : brevissima storia di un cambiamento Il PSR 2014/2020: come è nato e a che punto siamo

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale L Europa investe nelle zone rurali

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale L Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale L Europa investe nelle zone rurali Gruppo di Azione Locale Riviera dei Fiori ALLEGATO misura 411-123 Avvio delle procedure

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AI SENSI DELLA L.R. N

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AI SENSI DELLA L.R. N Comuni di: Cappella Maggiore, Cison di Valmarino, Cordignano, Farra di Soligo, Follina, Fregona, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, Revine Lago, Sarmede, Segusino, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor, Vittorio

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Le opportunità per le aziende agricole FINANZIAMENTI IN AGRICOLTURA FINANZIAMENTI COMUNITARI I PILASTRO Politica dei Mercati OCM PAC II PILASTRO Sviluppo rurale -

Dettagli

Vincoli e prospettive degli investimenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili

Vincoli e prospettive degli investimenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili PSR 2007-2013 MISURA 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE Vincoli e prospettive degli investimenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili 12 marzo 2009 Cagliari Paola Ugas Dipartimento

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali Sottomisura 4.1. Sostegno a investimenti nelle aziende agricole Tipo di operazione 4.1.2 Investimenti in aziende

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 le opportunità per i progetti della filiera vivaistico ornamentale Silvia Masi Dipartimento Pianificazione Territoriale, Agricoltura, Turismo e Promozione Servizio

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

Titolo della misura. Investimenti in immobilizzazioni materiali. Codice della misura. Provvisoriamente: misura 3. Codice della sottomisura

Titolo della misura. Investimenti in immobilizzazioni materiali. Codice della misura. Provvisoriamente: misura 3. Codice della sottomisura Titolo della Codice della Codice della sotto Base legale della Investimenti in immobilizzazioni materiali Provvisoriamente: 3 Provvisoriamente: sotto a) Articolo 18 del Regolamento (CE) n. xxxx / 2013

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

BOZZA di alcune schede di misura del Programma di Sviluppo Rurale 2014 2020 Reg. (UE) n. 1305/2013

BOZZA di alcune schede di misura del Programma di Sviluppo Rurale 2014 2020 Reg. (UE) n. 1305/2013 Regione Marche BOZZA di alcune schede di misura del Programma di Sviluppo Rurale 2014 2020 Reg. (UE) n. 1305/2013 Misure Articoli 14-15-17-20-21-29-35 Misura articolo 14 Trasferimento di conoscenze e azioni

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Presentazione delle misure per l agricoltura

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Presentazione delle misure per l agricoltura Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Presentazione delle misure per l agricoltura (Riccardo Brocardo) Torino, 20 febbraio 2014 Incontro con il partenariato 1 TRASFERIMENTO DI CONOSCENZE E AZIONI DI INFORMAZIONE

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

Capitolo POLITICA DI SVILUPPO RURALE

Capitolo POLITICA DI SVILUPPO RURALE Capitolo POLITICA DI SVILUPPO RURALE 4.1 Dallo sviluppo agricolo allo sviluppo rurale Le zone rurali (che costituiscono circa l 80% del territorio comunitario) sono generalmente caratterizzate da una prevalenza

Dettagli

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 La Regione del Veneto offre alle aziende agricole Venete che vogliono fare investimenti utili per ammodernare la

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

OCM Vino Investimenti 2014/2015. Contributo a fondo perduto fino al 40% per supportare investimenti del settore vitivinicolo.

OCM Vino Investimenti 2014/2015. Contributo a fondo perduto fino al 40% per supportare investimenti del settore vitivinicolo. SCHEDE DESCRITTIVE AGEVOLAZIONI ED INCENTIVI OCM Vino Investimenti 2014/2015. Contributo a fondo perduto fino al 40% per supportare investimenti del settore vitivinicolo. SETTORI DI ATTIVITÀ: Agricoltura,

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra Segonzano 25 novembre 2014 Michele Caldonazzi ALBATROS S.r.l. 1. Recupero

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE E LE COOPERATIVE DELL AGRICOLTURA E DELL AGROINDUSTRIA

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE E LE COOPERATIVE DELL AGRICOLTURA E DELL AGROINDUSTRIA FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE E LE COOPERATIVE DELL AGRICOLTURA E DELL AGROINDUSTRIA 1. AZIENDA PIU Finanziamento a lungo termine per la formazione e l arrotondamento della proprietà. Imprese agricole di

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC VENEZIA, 19 MAGGIO 2014 EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC MANUEL BENINCA (COLDIRETTI VENETO) 1 QUALI SONO LE NORME CHE REGOLANO LE

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

SCHEDA DI MISURA 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA

SCHEDA DI MISURA 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA SCHEDA DI MISURA 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.0 Codice e titolo della misura (codifica delle misure all'allegato I parte 5 - del Regolamento di esecuzione) MISURA 4 - Investimenti in immobilizzazioni

Dettagli

Art. 1 FINALITÁ. Art. 2 DEFINIZIONI

Art. 1 FINALITÁ. Art. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI E PER L'ACQUISTO DI MACCHINE ED ALTRI BENI MOBILI IDONEI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITA AGRICOLA NELLE AZIENDE AGRICOLE RICADENTI

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AIUTI ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AIUTI ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGRICOLE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AIUTI ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGRICOLE SOMMARIO Capo I Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Finalità e disposizioni comuni Finalità Normativa comunitaria

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

BOZZA BANDO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 2.1 - Sottomisura 1 Investimenti produttivi nel settore dell acquacoltura (artt. 28 e 29 Reg.

BOZZA BANDO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 2.1 - Sottomisura 1 Investimenti produttivi nel settore dell acquacoltura (artt. 28 e 29 Reg. BOZZA BANDO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 2.1 - Sottomisura 1 Investimenti produttivi nel settore dell acquacoltura (artt. 28 e 29 Reg. CE 1198/2006) 1. Finalità della misura Ai sensi di quanto previsto dall

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

Riforma della PAC Aiuti Diretti. CIA di Treviso - Working Progress - Ultimo Aggiornamento Fine Ottobre Riproduzione Vietata

Riforma della PAC Aiuti Diretti. CIA di Treviso - Working Progress - Ultimo Aggiornamento Fine Ottobre Riproduzione Vietata Riforma della PAC Aiuti Diretti Europa 2020 Aiuti diretti Quadro finanziario Pluriennale (QFP) per l Italia 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 TOTALE 3953,3 3902,0 3850,8 3799,5 3751,9 3704,3 3704,3 26.666,38

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti:

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti: UTILIZZO della MISURA 311 del PSR MISURA 311 B ENERGIA - Azione 1 Sistemi Verdi e Biodiversita : Diversificazione delle attività agricole, realizzazione di attività con fonti di energia rinnovabili MISURA

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

(CARTA INTESTATA DEL RICHIEDENTE)

(CARTA INTESTATA DEL RICHIEDENTE) (CARTA INTESTATA DEL RICHIEDENTE) SPETT.LE COMUNE DI CINIGIANO P.le Bruchi, 3 58044 Cinigiano (Gr) DOMANDA DI CONTRIBUTO SULLA MISURA 6.3.3. SOSTEGNO PER LA CRESCITA DEL SISTEMA AGRICOLO, RURALE E FORESTALE

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE PRINCIPALI STRUMENTI NORMATIVI VIGENTI DI FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA Ricerca prodotta nell'ambito del progetto Promozione dei prodotti della pesca dell'area della provincia di Palermo e azioni

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

Asse prioritario n. 1 Misure per l adeguamento della flotta da pesca comunitaria

Asse prioritario n. 1 Misure per l adeguamento della flotta da pesca comunitaria Asse prioritario n. 1 Misure per l adeguamento della flotta da pesca comunitaria MISURA 1.3 Investimenti a bordo dei pescherecci e selettività (art. 25 Reg. CE 1198/06) Articolo 1 - Ambito di intervento

Dettagli

Articolo 19, paragrafo 1, lettera (a-1) del Regolamento (UE) del Consiglio n. 1305/2013

Articolo 19, paragrafo 1, lettera (a-1) del Regolamento (UE) del Consiglio n. 1305/2013 8.2.3. M06 - Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese (art. 19) 8.2.3.1. Base giuridica Articolo 19, paragrafo 1, lettera (a-1) del Regolamento (UE) del Consiglio n. 1305/2013 Articolo 2 del Regolamento

Dettagli

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima.

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. C.R.I.A.S. Credito di esercizio Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. Finanziamento destinato a sopperire

Dettagli

POR PUGLIA MIS. 4.5 TRASFORMAZIONE PRODOTTI AGRICOLI

POR PUGLIA MIS. 4.5 TRASFORMAZIONE PRODOTTI AGRICOLI POR PUGLIA MIS. 4.5 TRASFORMAZIONE PRODOTTI AGRICOLI COMPARTI PRODUTTIVI E TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI AMMISSIBILI COMPARTO OLEARIO a) all ammodernamento tecnico, tecnologico e strutturale dei frantoi esistenti

Dettagli

Finanziamenti agevolati

Finanziamenti agevolati BENEFICIARI E SETTORI D INTERVENTO Beneficiari 1. microimprese (impresa che occupa meno di 10 persone, realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro); 2. imprese

Dettagli

ALLEGATO A : SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIENDA

ALLEGATO A : SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIENDA ALLEGATO A : SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIENDA A.1 Dati identificativi* A.1.1 Azienda Agricola A.1.2 Partita I.V.A. A.1.3 Recapito (Indirizzo, località, N telefono) A.1.4 Rappresentante legale A.2 Dati informativi

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Programma di Sviluppo Rurale 007-0 Criteri di selezione delle operazioni ammissibili a finanziamento Misure dell Asse I (Approvati dal Comitato di Sorveglianza

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE

REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE BENEFICIARI Imprese e società con i seguenti requisiti: 1. impresa individuale, titolare di partita IVA, iscritta

Dettagli

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PSR 2007-20132013 Nuova programmazione 2014-20202020 La Spezia, 14 dicembre 2012 - Sede della Provincia (Via Vittorio Veneto, 2) SETTORE POLITICHE AGRICOLE E DELLA PESCA NUOVA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO quando tradizione, passione e innovazione diventano sapere d impresa 1 L azienda agricola L azienda agricola biologica Nicola Romano si trova nel Parco Nazionale

Dettagli

BOZZA BANDO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 1.3 Investimenti a bordo dei pescherecci e selettività (art. 25 Reg. CE 1198/06)

BOZZA BANDO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 1.3 Investimenti a bordo dei pescherecci e selettività (art. 25 Reg. CE 1198/06) BOZZA BANDO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 1.3 Investimenti a bordo dei pescherecci e selettività (art. 25 Reg. CE 1198/06) 1. Finalità della misura Gli obiettivi perseguiti dalla presente misura sono riconducibili

Dettagli

VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E EDILIZIO INTRODUZIONE PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE

VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E EDILIZIO INTRODUZIONE PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEL TERRITORIO Unità Pianificazione Urbanistica ********* VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E EDILIZIO

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Introduzione pag. 4. Autoimpiego pag. 6. Autoimprenditorialità pag. 13. Lavoro autonomo pag. 7. Microimpresa pag. 9. Imprese in franchising pag.

Introduzione pag. 4. Autoimpiego pag. 6. Autoimprenditorialità pag. 13. Lavoro autonomo pag. 7. Microimpresa pag. 9. Imprese in franchising pag. STRUMENTI PER LA CREAZIONE D IMPRESA Introduzione pag. 4 Autoimpiego pag. 6 Lavoro autonomo pag. 7 Microimpresa pag. 9 Imprese in franchising pag. 11 Autoimprenditorialità pag. 13 Nuova imprenditorialità

Dettagli

Allegato C Classificazione dei settori di intervento

Allegato C Classificazione dei settori di intervento Allegato C Classificazione dei settori di intervento L'accluso elenco dei campi d'intervento dei Fondi strutturali, compilato ai sensi dell'articolo 36 della proposta di regolamento generale, intende fornire

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

1. Gli interventi a sostegno dell agricoltura (2002/2003)

1. Gli interventi a sostegno dell agricoltura (2002/2003) Rapporto sull annata agraria della provincia di Bologna - Anno 2003 A cura del prof. Roberto Fanfani CAPITOLO II: I CONTRIBUTI DELLE AZIENDE AGRICOLE 1. Gli interventi a sostegno dell agricoltura (2002/2003)

Dettagli

Guida rapida. Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali PRS 2007-2013 Direzione Generale Agricoltura

Guida rapida. Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali PRS 2007-2013 Direzione Generale Agricoltura Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Guida rapida Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali PRS 2007-2013 Direzione Generale Agricoltura Prima edizione Luglio

Dettagli

FAQ misura 121 Ammodernamento delle aziende agricole Bando pubblico pubblicato sul S.O. alla GURS (p. I) n. 28 del 19 giugno 2009 (n.

FAQ misura 121 Ammodernamento delle aziende agricole Bando pubblico pubblicato sul S.O. alla GURS (p. I) n. 28 del 19 giugno 2009 (n. FAQ misura 121 Ammodernamento delle aziende agricole Bando pubblico pubblicato sul S.O. alla GURS (p. I) n. 28 del 19 giugno 2009 (n. 24) Investimenti ammissibili nell ambito della realizzazione delle

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Struttura Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali PSR 2007/2013 Istruzioni per la compilazione Istanze

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore INCENTIVI PER LE IMPRESE N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore 1 PIA A sportello Piccole-medie imprese Da 200.000,00 a 1.000.000,00 2 Titolo II A sportello Microimprese

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Supplemento n. 2 al B.U. n. 15/I-II del 15.4.2003 - Beiblatt Nr. 2 zum Amtsblatt vom 15.4.2003 - Nr. 15/I-II 1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO [S215030129500 A030 ] LEGGE PROVINCIALE 28 marzo 2003, n. 4 Sostegno

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale Basilicata 2007-2013

Programma di Sviluppo Rurale Basilicata 2007-2013 Programma di Sviluppo Rurale Basilicata 2007-2013 REGOLAMENTO CE n. 1698/05 BANDO MISURA 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, SVILUPPO RURALE, ECONOMIA

Dettagli

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014 PSR 2014-2020 La Struttura e i contenuti del futuro programma Bologna - luglio 2014 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Europa 2020: linee guida generali Quadro Strategico Nazionale (QSC), Position Paper, e l Accordo

Dettagli

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT)

ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) ALLEGATO 1 PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE / BUSINESS PLAN (FORMAT) Sintesi dei requisiti e dei contenuti Il Piano Aziendale dovrà descrivere: la situazione iniziale dell azienda agricola e gli elementi cardine

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

ALLEGATO 7 - AIUTI DI STATO

ALLEGATO 7 - AIUTI DI STATO ALLEGATO 7 - AIUTI DI STATO Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano specifiche modalità attuative per i progetti che configurano aiuti di stato. Articolo 31 del Regolamento generale

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Incontro con il Partenariato Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Dall analisi alla costruzione della strategia Emanuele Blasi e Barbara Pancino Università degli Studi della Tuscia Viterbo Venerdì

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA. PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 REGOLAMENTO (CE) n. 1698/2005

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA. PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 REGOLAMENTO (CE) n. 1698/2005 Allegato 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 REGOLAMENTO (CE) n. 1698/2005 Bando misura 114 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori

Dettagli

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 166 del 17-12-2013 41605 LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario, forestale e zootecnico. IL

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013

Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Regione Puglia FEASR 2007-2013 Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Documento di lavoro 29 GIUGNO 2010 Punto 4 OdG: Criteri di Selezione health check Punto 5 OdG: Modifiche

Dettagli

Finanziare la rete ecologica?

Finanziare la rete ecologica? Finanziare la rete ecologica? Panoramica sulle principali fonti di finanziamento Varese, 19 marzo 2015 Tipologie dei finanziamenti europei Fondi indiretti la cui gestione è demandata agli Stati membri

Dettagli

PAC 2014-2020 L agricoltura italiana verso il futuro

PAC 2014-2020 L agricoltura italiana verso il futuro PAC 2014-2020 L agricoltura italiana verso il futuro LE RISORSE FINANZIARIE La dotazione assegnata all Italia è di circa 52 miliardi di euro, in 7 anni. Circa 27 miliardi di euro totali (circa 4 miliardi

Dettagli

Azienda Agricola Biologica La Tranquilla

Azienda Agricola Biologica La Tranquilla Azienda Agricola Biologica La Tranquilla Dove nascono i veri fuoriclasse 1 L Azienda agricola L'azienda biologica La Tranquilla, costituita grazie ai fondi del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013, si

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 808/2014 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 808/2014 DELLA COMMISSIONE L 227/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 31.7.2014 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 808/2014 DELLA COMMISSIONE del 17 luglio 2014 recante modalità di applicazione del 1305/2013 del Parlamento europeo

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013: 2013: Bandi GAL 2011

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013: 2013: Bandi GAL 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013: 2013: Bandi GAL 2011 LEGGE REGIONALE n. 31 del 9 NOVEMBRE 2001 Compiti Erogazione di aiuti comunitari, nazionali e regionali Domanda Unica PSR Aiuti

Dettagli