I Fondi europei in Sicilia FOCUS: PMI. Diego Gandolfo Enna, 8 Maggio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Fondi europei in Sicilia FOCUS: PMI. Diego Gandolfo Enna, 8 Maggio 2015 diego.gandolfo2@unibo.it"

Transcript

1 I Fondi europei in Sicilia FOCUS: PMI Diego Gandolfo Enna, 8 Maggio 2015

2 SOMMARIO 1) 2) 3) 4) I FONDI SIE IN SICILIA OPPORTUNITA DAL FESR (PO Sicilia + 2 PON) OPPORTUNITA DAL FEASR (PSR ) FONDI DIRETTI

3 Fondi diretti e Fondi indiretti Chi gestisce i Fondi? Commissione vs Regione Siciliana Dimensione finanziaria? Fondi per tutta Europa vs concentrazione di risorse in Sicilia Che tipo di progetti vengono finanziati? Interventi strutturali vs progetti prevalentemente immateriali Come costruire I progetti? Partenariato europeo vs singoli soggetti (Comuni, imprese, ecc ) Quando escono I bandi? Scadenze certe vs proroghe, annullamenti, ritardi, mancanza di informazione

4 I FONDI INDIRETTI IN SICILIA

5 I FONDI SIE Fondi Strutturali (FESR e FSE) + Fondi di Investimento (FEASR e FEAMP) Fondi SIE QUADRO NORMATIVO I RIFERIMENTO: REGOLAMENTO (UE) N. 1303/2013

6 Fondi SIE in Sicilia PO FESR 4,6 miliardi (UE+cofinanziamento nazionale) PO FSE 820 milioni (UE+cofinanziamento nazionale) PSR FEASR 2,3 mliardi (UE + cofinanziamento nazionale) PON FEAMP 537 milioni per un unico PON a livello nazionale

7 I Programmi Operativi Nazionali PON Per la Scuola competenze e ambienti per l apprendimento PON Sistemi di politiche attive per l occupazione PON Inclusione, PON Citta Metropolitane PON Governance e Capacita Istituzionale PON Iniziativa Occupazione Giovani solo per le regioni in transizione e meno sviluppate PON Ricerca e innovazione PON Imprese e Competitivita solo per le Regioni meno sviluppate PON Infrastrutture e reti PON Cultura e Sviluppo PON Legalita (ex Sicurezza)

8 Cooperazione COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA P.O. ITALIA-MALTA: (Trapani, Palermo, Messina, Agrigento, Caltanissetta, Enna, Catania, Ragusa, Siracusa) COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA ESTERNA ENI MED: Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia,Toscana ENI ITALIA-TUNISIA: Sicilia- Tunisia COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE MEDITERRANEO: tutte le regioni italiane ADRIATIC IONIAN: PA Bolzano, PA Trento, Friuli- Venezia Giulia, Lombardia, Veneto, Emilia- Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Calabria, Sicilia

9 Zone eleggibili per i Fondi Strutturali

10 IL PO FESR IN SICILIA

11 Programma FESR Sicilia Inzialmente di 6,5 miliardi (dotazione UE + cof. nazionale) poi ridotto a 4,3 miliardi

12 La Sicilia non riesce a spendere? La Sicilia ha speso 2,4 miliardi su 4,3 miliardi in 7 anni Risorse da spendere entro 2015: 1,9 miliardi

13 Fondi UE a ENNA Fondi strutturali Fondo Sviluppo e la Coesione Piano Azione e Coesione

14

15 Fondi UE a ENNA RICERCA E INNOVAZIONE UNIEN - RE.S.E.T. RETE DI LABORATORI PER LA SICUREZZA SOSTENIBILITA ED EFFICIENZA DEI TRASPORTI DELLA REGIONE SICILIANA LECO ITALY SRL 11 MILIONI DI EURO L.E.D.A. - LABORATORY OF EARTHQUAKE ENGINEERING AND DYNAMIC ANALYSIS MIUR 10 MILIONI DI EURO SESAMO - CONSORZIO TERN + UNIVERSITA KORE - TECNOLOGIE PER LE OSSERVAZIONI DELLA TERRA E I RISCHI NATURALI 2 MILIONI PROGETTO SIBSAC UNIVERSITA KORE 1,9 MILIONI DI EURO PROGETTO MARTE UNIVERSITA KORE 1,1 MILIONI DI EURO

16 Fondi UE a ENNA COMUNE DI ENNA PROGETTO PER IL RIFACIMENTO DI TRATTI DELLA RETE IDRICA URBANA 4,8 MILIONI DI EURO ASP ENNA INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO 3,9 MILIONI DI EURO LAVORI DI SISTEMAZIONE ED AMMODERNAMENTO DELLA SP N. 78 BIVIO RAMATA - BIVIO RASTRELLO 2 MILIONI MESSA IN SICUREZZA D'EMERGENZA EX DISCARICA IN C/DA PORTA PISCIOTTO NEL COMUNE DI ENNA 1,7 MILIONI DI EURO (0%) LAVORI DI RIFACIMENTO DELLA PAVIMENTAZIONE NEL BLOCCO ESISTENTE DEL P.O. UMBERTO I DI C.DA FERRANTE ENNA BASSA 1,5 MILIONI DI EURO

17 Fondi UE a ENNA INCENTIVI ALLE IMPRESE SMART GRID: POWER & ICT (K2 INNOVAZIONE) EURO EURO MORGAN'S S.R.L EURO G.RE.EN. - UPGRADE RENEWABLE ENERGY SYSTEM SEMANTIC SICILY (TECNOSYS SRL) EURO BA.LI. S.R.L EURO q=&territorio_reg=19&territorio_com=86009&territorio_prov=86&sele cted_facets=natura:07

18 FONDI UE NEL COMUNE DI ENNA

19 Banca dati OPENCOESIONE

20 Come si monitorano i bandi? Come i Comuni tengono monitorate le opportunità di finanziamento dei Fondi strutturali? Si tratta di uno dei problemi più critici nella gestione dei Fondi Strutturali in Sicilia Paradosso della vicinanza e dell incertezza dei tempi I canali ufficiali sono: gazzette ufficiali siti dei vari dipartimenti (monitorare due volte al giorno i siti dei dipartimenti) portale Web tematico EuroInfoSicilia Convegni, Formez, Anci, Infoday Rapporti diretti con i dirigenti e funzionari dei Dipartimenti

21 FESR Il PO FESR Sicilia

22 Ritardo e sovrapposizione tra i cicli Sovrapposizione della spesa annuale per la Politica di Coesione per ciclo di programmazione dal 1994 al 2013 in Italia Fonte: Elaborazione su dati DG Regio al 31 dicembre 2013

23 DOTAZIONE PO FESR Sicilia ,5 MILIARDI DI EURO

24 Novità Tra le principali innovazioni introdotte dal P.A., che poi saranno declinate dentro il POR SICILIA troviamo: 11 Obiettivi Tematici Agenda Urbana e Strategia Nazionale Aree Interne L approccio integrato allo sviluppo territoriale (ITI e CLLD)

25 11 OT nel PO FESR Gli Assi del POR Sicilia ricalcano gli 11 OT contenuti nel Partnership Agreement: Asse 1: Ricerca sviluppo tecnologico e innovazione Asse 2: Agenda Digitale Asse 3: Competitività PMI, settore agricolo e pesca Asse 4: Energia sostenibile e Qualità della vita Asse 5: Cambiamento climatico, prevenzione/gestione rischi Asse 6: Tutela Ambiente e Uso efficiente delle risorse Asse 7: Sistemi di trasporto Sostenibili Asse 8: Occupazione mobilita dei lavoratori (PO FSE) Asse 9: Inclusione Sociale Asse 10: Istruzione e Formazione Asse 11 capacità Istituzionale e Amministrativa

26 11 OT nel POR FESR Gli Assi del POR Sicilia ricalcano gli 11 OT contenuti nel Partnership Agreement: Asse 1: Ricerca sviluppo tecnologico e innovazione Asse 2: Agenda Digitale Asse 3: Competitività PMI, settore agricolo e pesca Asse 4: Energia sostenibile e Qualità della vita Asse 5: Cambiamento climatico, prevenzione/gestione rischi Asse 6: Tutela Ambiente e Uso efficiente delle risorse Asse 7: Sistemi di trasporto Sostenibili Asse 8: Occupazione mobilita dei lavoratori (PO FSE) Asse 9: Inclusione Sociale Asse 10: Istruzione e Formazione Asse 11 capacità Istituzionale e Amministrativa

27 ASSE I RICERCA, SVILUPPO TECNOLOGICO E INNOVAZIONE

28 DOTAZIONE 467 MILIONI

29 176,8 M spesi su 376M per l obiettivo specifico R&I (60% dopo 7 anni)

30 Ricerca e Innovazione punti di debolezza Debole orientamento verso l innovazione del sistema produttivo siciliano (spesa privata in R&S sul PIL 0,24% contro 0,68% nazionale) Basso numero di imprese che hanno introdotto innovazioni sul totale delle imprese (22% contro il 31,5% del dato nazionale, al 2010), Dato sugli addetti alle attivita di R&S nelle imprese (nel 2011 lo 0,13 in Sicilia sul totale, contro lo 0,47% dell Italia). 9,4 brevetti EPO registrati per milione di abitanti contro 61,3 della media nazionale (EPO/Istat, 2009) 7,5 laureati in discipline scientifiche e tecnologiche per 1000 abitanti contro 12,4 della media nazionale Fuga di cervelli

31 Ricerca e Innovazione punti di forza 21 Istituti di ricerca nazionali Presenza qualitativamente significativa di alcuni settori science based (Micro Elettronica, ICT/Telecomunicazioni, biotecnologie applicate alla salute dell uomo e farmaceutica) ESEMPI: ST Microelectronics, Italtel, Selex, ISMETT/Fondazione RIMED, SIFI, Meridionale Impianti, Fluorosat, Moncada imprese nella filiera biomedicale in Sicilia 42 spin off accademici creati dal 2008

32 1 - Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Innovazione 1.1 INCREMENTO DELL ATTIVITÀ DI INNOVAZIONE DELLE IMPRESE 1.2 RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA INNOVATIVO REGIONALE E NAZIONALE 1.3 PROMOZIONE DI NUOVI MERCATI PER L INNOVAZIONE 1.4 AUMENTO DELL INCIDENZA DI SPECIALIZZAZIONI INNOVATIVE AD ALTA INTENSITÀ DI CONOSCENZA 1.5 POTENZIAMENTO DELLA CAPACITA DI SVILUPPARE L ECCELLENZA NELLA R&I

33 1.1 INCREMENTO DELL ATTIVITÀ DI INNOVAZIONE DELLE IMPRESE Sostegno per l acquisto di servizi per l innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale delle imprese Acquisizione di competenze per progetti di investimento in innovazione di prodotto/processo Costi di brevettazione di idee innovative, prototipazione e altri costi della fase preseed Voucher: contributi a fondo perduto per l acquisto di servizi Beneficiari: PMI e aggregazioni

34 1.4 AUMENTO DELL INCIDENZA DI SPECIALIZZAZIONI INNOVATIVE AD ALTA INTENSITÀ DI CONOSCENZA Sostegno a start-up innovative ad alta intensita di applicazione di conoscenza e spin-off della ricerca, finanziamento delle fasi: pre-seed: fase di sperimentazione, in cui non esiste ancora un prodotto e l azienda non è strutturata, è la fase dove si riscontra una elevata mortalità. Seed: avvio dell attività produttiva, quando l impresa già esiste, ma non si conosce ancora la validità commerciale del prodotto o del servizio. Strumenti di venture capital: capitale finanziario agli stadi iniziali, ad alto potenziale e ad alto rischio, alle imprese a forte crescita Settori privilegiati: alta tecnologia, ricerca in campo di scienza, servizi knowledge intensive, ambiti della S3

35

36 Asse 1 GESTIONE DELLE AZIONI DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE SERVIZIO Servizio 3.S Interventi per l'innovazione tecnologica e la ricerca CONTATTO: ARCH. DARIO TORNABENE

37 ASSE 3 COMPETITIVITA DELLE PMI

38 DOTAZIONE 717 MILIONI

39 Asse 5 PO FESR Rimodulazione finanziaria nel 2014 dell Asse 5 - Sviluppo imprenditoriale e competitivita dei sistemi produttivi locali non è stata mai attivata la creazione di una rete informatica tra le aree artigianali e industriali della regione, spostata nel Piano di Salvaguardia (con tempi incerti) e sterilizzate promozione mercati extraregionali e cooperazione

40 Su 447 milioni sono stati spesi 256 milioni (57% dopo 7 anni)

41 3 Competitività PMI, Settore Agricolo, della Pesca e Acquacoltura 3.1 RILANCIO DELLA PROPENSIONE AGLI INVESTIMENTI NEL SISTEMA PRODUTTIVO 3.3 CONSOLIDAMENTO, MODERNIZZAZIONE E DIVERSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI TERRITORIALI Cooperazione tra micro-piccole medie imprese nei settori: turismo, cultura, creatività, spettacolo, filiere prodotti tradizionali e tipici, distretti regionali 3.4 INCREMENTARE IL LIVELLO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI promozione dell export destinati a imprese e loro forme aggregate individuate su base territoriale o settoriale. Interventi dedicati alle pubbliche amministrazioni (partecipazione a fiere, visibilità sui media, eventi di partenariato internazionale, ecc 3.5 NASCITA E CONSOLIDAMENTO DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l offerta di servizi, sia attraverso interventi di micro-finanza e 3.6 ACCESSO AL CREDITO (Fondi di garanzia)

42 3.1 RILANCIO DELLA PROPENSIONE AGLI INVESTIMENTI NEL SISTEMA PRODUTTIVO Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale modello della "Nuova Sabatini, che finanzia l acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature Installazione di nuovo stabilimento ampliamento di uno già esistente, diversificazione della produzione di uno stabilimento Orientamento degli investimenti: alta qualità, nuovi modelli di produzione, organizzativi di gestione controllo, gamma di prodotti, relazioni con altre aziende, tempi di risposta delle esigenze dei clienti, minor impatto ambientale, soluzioni ICT, sicurezza Focus su aziende sottratte alla criminalità organizzata Beneficiari: PMI in forma singola o associata (reti o distretti), esclusione della grande impresa

43 3.1 Principi per la selezione delle operazioni Procedure di istruttoria valutativa a sportello o di tipo negoziale e partecipato Periodiche manifestazione di interesse Individuazione di fasi temporali con frequenza periodica per la raccolta delle domande e I tempi di istruttoria Selezione sulla base della robustezza della proposta, fattibilità tecnologica ed operativa, sostenibilità economica e finanziaria Sostenibilità ambientale, inclusività Manifatturiero, turismo, cultura, ambiti della Strategia di Specializzazione Intelligente S3 Strumenti finanziari: ancora non identificati

44 3.3 CONSOLIDAMENTO, MODERNIZZAZIONE E DIVERSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI TERRITORIALI Supporto allo sviluppo di prodotti e servizi complementari alla valorizzazione di identificati attrattori culturali e naturali del territorio, anche attraverso l integrazione tra imprese delle filiere culturali, turistiche, creative e dello spettacolo, e delle filiere dei prodotti tradizionali e tipici

45 3.3 CONSOLIDAMENTO, MODERNIZZAZIONE E DIVERSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI TERRITORIALI Cosa sarà finanziato? Promozione di filiere, reti e distretti Sostegno ai seguenti investimenti: sviluppo di nuovi prodotti manifatturieri tradizionali e tipici, ampliamento della gamma di prodotti per la valorizzazione degli attrattori culturali e naturali, commercializzazione e distribuzione dei prodotti Imprese: attività artigianali a titolo individuale, familiare, società di persone, associazioni che esercitano regolarmente un attività economica Particolare attenzione alle imprese che appartengono ai POLI già identificati

46 Polo dalla Valle dei Templi alla Villa Romana (Poin Attrattori) COMUNI INTERESSATI: Agrigento; Aidone; Caltagirone; Caltanissetta; Cattolica Eraclea; ENNA; Gela; Montallegro; Naro; Niscemi; Piazza Armerina; Pietraperzia; Porto Empedocle; Riesi; Siculiana; Sommatino. DESCRIZIONE DEL POLO: Sul territorio del Polo insistono significative valenze storicoculturali, le cui massime espressioni coincidono con i due siti UNESCO della Valle dei Templi (Agrigento) e della Villa Romana del Casale (Piazza Armerina). A queste si affiancano altri attrattori riconducibili a testimonianze archeologiche della civiltà greco-romana. PRINCIPALI ATTRATTORI Palio dei Normanni SITO UNESCO "La Valle dei Templi" SITO UNESCO "La Villa Romana del Casale" Sito archeologico di Morgantina

47 AZIONI 3.3 ALTRE MISURE IN FASE DI DEFINIZIONE 162 Milioni per 3 azioni filiere beni culturali 33.4 imprese turistiche DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE CONTATTO: DOTT.SSA PICCIOTTO

48 3.4 INTERNAZIONALIZZAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI Progetti di promozione dell export destinati a imprese e loro forme aggregate individuate su base territoriale o settoriale Iniziative volte a orientare specializzare e concentrare geograficamente l internazionalizzazione regionale Scouting, missioni esplorative, missione di outgoing e incoming, servizi di orientamento, manifestazioni fieristiche, seminari e workshop, azioni di visibilità su media e reti commerciali estere, eventi di partenariati internazionali Beneficiario: imprese in forma singola o associata (distretti regionali e reti di imprese), NO pubblica amministrazione o enti pubblici Incentivi all acquisto di servizi di supporto all internazionalizzazione in favore delle PMI Contributo per l acquisto di supporti specialistici per l internazionalizzazione (come analisi di mercato, studi di fattibilità) Voucher rivolti a soggetti qualificati e giustificati con progetto Bandi a sportello e contributo finanziario a carico dei beneficiari

49 3.5 NASCITA E CONSOLIDAMENTO DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l offerta di servizi, sia attraverso interventi di micro-finanza Settori: manifatturiero, creazione e cultura, nuove forme di turismo, servizi innovativi legati all invecchiamento popolazione, cure sanitarie, eco-innovazione, riciclaggio rifiuti Servizi informativi, consulenza e mentoring per giovani donne e nuovi imprenditori Sovvenzioni e strumenti finanziari per la realizzazione di investimenti materiali e immateriali (come l offerta di capitale di rischio o prestiti per le start-up) Servizi di accompagnamento per la costituzione di unità produttive di imprese estere Nuovi spazi di insediamento come incubatori, coworking, ecc. BENEFICIARI imprese di nuova costituzione con l esclusione delle grandi imprese, enti pubblici e fondazioni

50 3.5 Principi guida per la selezione delle operazioni Istruttoria valutativa sportello o procedura negoziale e partecipata con periodiche manifestazione di interesse criteri di selezione: coerenza delle competenze possedute, introduzione di nuove soluzioni, robustezza dell analisi di potenzialità del mercato di riferimento, strategie di marketing, sostenibilità, effetti sociali Meccanismi premiali: pari opportunità, non discriminazione, rete di imprese, denuncia di estorsione, imprese che utilizzano beni confiscati

51 3.6 ACCESSO AL CREDITO Potenziamento del sistema delle garanzie pubbliche per l espansione del credito in sinergia tra sistema nazionale e sistemi regionali di garanzia Accesso al credito delle aziende Fondi di garanzia gestiti da intermediari finanziari Ruolo dei confidi più efficienti ed efficaci - Non si conoscono le tipologie di investimenti sostenuti - Istruttoria valutativa a sportello o negoziale

52 CONTATTI GESTIONE DELLE AZIONI DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE ARCH. ALESSANDRO FERRARA Dirigente Generale DOTT. CLAUDIO BASSO Artigianato ARCH. DARIO TORNABENE Distretti e filiere produttive

53 6 Tutela ambiente 6.1 OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Prevenzione (compostaggio domestico, GDO, campagne); Raccolta differenziata (Centri comunali di raccolta, Ecopunti e Carretta Caretta); impianti di trattamento (biostabilizzazione, compostaggio, preselezione) 6.2 RESTITUZIONE ALL'USO PRODUTTIVO DI AREE INQUINATE bonifica amianto e messa in sicurezza di discariche vecchie; impianti di smaltimento amianto 6.3 MIGLIORAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PER USI CIVILI Distribuzione e Rete fognaria+depurazione; dighe; manutenzione rete e perdite 6.4 MANTENIMENTO E MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DEI CORPI IDRICI Scarichi e inquinanti e depurazione; monitoraggio; infrastrutture di riuso nel ciclo industriale, campionamento reflui

54 OBIETTIVI SPECIFICI 6.5 LOTTA ALLA PERDITA DI BIODIVERSITA TERRESTRE E MARINA Piani di gestione Rete Natura MIGLIORAMENTO DELLE AREE ATTRAZIONE NATURALE Rete Ecologica Siciliana; Sentiero Italia-Regione Sicilia; servizi promozione del patrimonio naturale 6.7 MIGLIORAMENTO DEL PATRIMONIO CULTURALE Tutela, circuiti e sistemi di gestione; divulgazione e nuova promozione e fruizione innovativa (60-70 MILIONI DI EURO) 6.8 RIPOSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Distretti turistici che diventano DMO, azioni a titolarità e a regia; propaganda e marketing (50 MILIONI DI EURO)

55 6.8 RIPOSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Sostegno all aggregazione tra imprese nella costruzione di un prodotto turistico integrato - Azioni a titolarità per i Distretti Turistici regionali: Distretti turistici maturi (per capacità progettuale, gestionale, organizzativa) che diventeranno Destination Management Organisation (DMO); attrazione di investimenti privati per distretti con potenzialità intrinseche per crescita graduale - Azioni a regia: a vantaggio delle DMO per crescita incoming (piani di sviluppo e marketing, sistemi informativi e portali, iniziative di ospitalità ed educational-tour (giornalisti, scrittori, fotografi, tv ) Beneficiari: Regione, Organismi di Partenariato pubblico-privato

56

57 I Distretti Turistici Bando che li istituisce è del 2010 Organismi di partenariato pubblico/privato Piano di sviluppo turistico di 3 anni e relativo piano finanziario Approccio bottom/up, compito di auto aggregarsi, auto valutarsi e stabilire il proprio modello di sviluppo. Specifica linea d intervento A.(c) a valere sui fondi del PO FESR Sicilia 2007/2013, dotata di oltre 40 mln di euro

58 Distretto territoriale Venere di Morgantina Distretto Turistico Regionale per la valorizzazione della Venere di Morgantina Comuni di Caltagirone, Aidone, Centuripe, ENNA, Leonforte e Piazza Armerina Piano di Sviluppo Turistico del Distretto it/sitoennasviluppo/archivio/archiviodocumenti/archiviodistretti_turi stici/veneremorgantina/pianosviluppoenna12dic2011.pdf

59 6.8.1 L Azione non finanzierà direttamente le imprese turistiche (sarà compito dell OT 3) ma interventi di accompagnamento dei Distretti Turistici nella trasformazione a DMO I distretti individuati nella precedente programmazione sono troppi, frammentati e talvolta sovrapposti e saranno aggregati in DMO (libera adesione) Le DMO saranno aree uniche a valenza strategica Verrà Rivalutato il ruolo dei privati nelle DMO Linee strategiche e di indirizzo politico per lo sviluppo che modificano il PO FESR it/deliberegiunta/file/giunta/allegati/delibera_081_15.pdf

60 6 Destinazioni Turistiche I distretti si ri-aggregano attorno a 6 destinazioni turistiche: Val di Noto-Siracusa Etna-Taormina Eolie Agrigento-Valle dei Templi-Sciacca Palermo-Monreale-Cefalù-Itinerari Arabo Normanni Trapani-Segesta (Egadi - Segesta - Selinunte - Erice - San Vito Lo Capo Marsala - Mazara) - Rimane ancora aperta la forma amministrativa delle DMO (ITI o GAL?)

61 Aggregazioni tematiche I distretti si ri-aggregano attorno ad alcuni temi strategici a livello regionale: Turismo culturale Sportivo Termale Nautico Isole minori Naturalistico Congressuale Enogastronomico Scolastico Religioso GOLF Subacqueo

62 6.8 RIPOSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Sostegno alla fruizione integrata e alla promozione delle destinazioni turistiche - Interventi previsti nel Piano Regionale di Propaganda Turistica : Favorire nuove forme di impresa turistica (turismo accessibile e del benessere ) Azioni mirate sui mercati esteri e destagionalizzazione Iniziative promozionali, fiere nazionali e internazionali per prodotti specifici (culturale, congressuale, naturalistico, sportivo, ecc...) - Beneficiari: Regione Siciliana

63 6.8 RIPOSIZIONAMENTO DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE GESTIONE DELLE AZIONI E DIPARTIMENTO TURISMO SPORT E SPETTACOLO AREA 2 FINANZIAMENTI UE DOTT.SSA LUCIA DI FATTA SERVIZIO 3 DISTRETTI TURISTICI E DMO ARCH. FABIO BORTOLETTI DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE IMPRESE TURISTICHE (OT3) DOTT.SSA PIERA SPANO

64 PON IMPRESE E COMPETITIVITA

65 I Programmi Operativi Nazionali PON Per la Scuola competenze e ambienti per l apprendimento PON Sistemi di politiche attive per l occupazione PON Inclusione, PON Citta Metropolitane PON Governance e Capacita Istituzionale PON Iniziativa Occupazione Giovani solo per le regioni in transizione e meno sviluppate PON Ricerca e innovazione PON Imprese e Competitivita solo per le Regioni meno sviluppate PON Infrastrutture e reti PON Cultura e Sviluppo PON Legalita (ex Sicurezza)

66 DOTAZIONE 1,7 MILIARDI (FESR) MILIONI (COF. NAZIONALE) MILIONI (PROGRAMMA PARALLELO) ,2 MILIARDI

67 Cosa ha finanziato il PON Ricerca in Sicilia?

68 Assi Asse I Competitività - 1,1 mld Asse II Innovazione 656 mln Asse III Energia 432,8 mln

69 Asse I - Imprese RA 3.1 Rilancio della propensione agli investimenti del sistema produttivo (75M) RA 3.2 Sviluppo occupazionale e produttivo in aree territoriali colpite da crisi diffusa delle attivita produttive (81M) RA 3.3 Consolidamento, modernizzazione e diversificazione dei sistemi produttivi territoriali (80M) RA 3.4 Incremento del livello di internazionalizzazione dei sistemi produttivi (150M) RA 3.5 Nascita e Consolidamento delle micro, piccole e medie imprese (248M) RA 3.6 Miglioramento dell accesso al credito, del finanziamento delle imprese e della gestione del rischio in agricoltura (225M)

70 3.5 Nascita e consolidamento delle micro, piccole e medie imprese Azione I.a.1 Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese - Sostegno alla creazione e sviluppo di micro, piccole e medie imprese (anche cooperative) a prevalenza di giovani o di donne - Introduzione di nuove soluzioni organizzative o produttive, ampliamento utenza - Green economy, ecoinnovazione, welfare, uso efficiente risorse - Strumenti: autoimprenditorialità e autoimpiego (D.lgs 185/2000); nascita di nuove imprese (Decreto 6 marzo 2013) Azione I.a.2 Digitalizzazione imprese - Connettività a banda larga per le imprese nelle aree industriali - E-commerce (per raggruppamenti di imprese) - Cloud computing e sicurezza informatica - Open data e big data (imprese che tramite software rendono fruibili dati pubblici relativi a agricoltura, traffico, cultura, economia, ambiente, meteo, ecc )

71 Azione I.a.1 Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese AUTOIMPIEGO (D.lgs 185/2000) Piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione: - Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale) per investimenti non superiori a Microimpresa (in forma di società di persone) per investimenti non superiori a Franchising (in forma di ditta individuale o di società), per investimenti da realizzare con Franchisor accreditati con l'agenzia. Gli incentivi supportano: 1) la realizzazione degli investimenti, con contributo a fondo perduto e mutuo agevolato 2) l avvio della gestione, con contributo a fondo perduto e servizi di assistenza tecnica e gestionale. AUTOIMPRENDITORIALITA (D.lgs 185/2000) Società (anche cooperative) di giovani (18-35 anni) nuove o già esistenti - No ditte individuali, società di fatto e con unico socio - Contributo a fondo perduto e mutuo agevolato NASCITA NUOVE IMPRESE (Decreto 6 marzo 2013) - Appena costituite (da non più di 6 mesi) o da costituire (entro 30 gg) - Max euro o nel caso di start up innovative - 35% dei costi ammissibili subito (primi 3 anni) e il 25% il quarto anno - costi ammissibili: interessi, spese di affitto, ammortamento e canoni di leasing, salari - Procedura valutativa a sportello. attuata da Invitalia

72 3.2 Sviluppo occupazionale nelle aree territoriali colpite da crisi diffusa delle attività produttive Azione I.b.1 Interventi di sostegno nelle aree territoriali colpite da crisi diffusa delle attività produttive Interventi di reindustrializzazione delle aree di crisi industriale (SIN) derivante da: Crisi di una o più imprese di grande o media dimensione con effetti sull indotto Grave crisi di uno specifico settore industriale con elevata specializzazione nel territorio Strumenti di intervento: progetti di riconversione e riqualificazione industriale, contratti di sviluppo, incentivi all avvio di nuove attività economiche prestiti agevolati per cooperative, riqualificazione e ricollocamento professionale dei lavoratori - Esempi di SIN: Taranto, Brindisi, Priolo, Crotone, Bagnoli

73 3.3 Consolidamento, modernizzazione e diversificazione dei sistemi produttivi territoriali Azione I.b.2 Sostegno al riposizionamento competitivo e alla riqualificazione produttiva dei sistemi imprenditoriali vitali e dei settori in transizione - Misure di aiuto (ricerca, industrializzazione, soluzioni innovative, internazionalizzazione) nei seguenti settori: beni strumentali automotive elettrodomestici tessile-abbigliamento legno-arredo Azioni pilota dedicate a specifici comparti-filiere Interventi di dotazione di infrastrutture logistiche

74 3.4 Internazionalizzazione dei sistemi produttivi e dell attrattivita del sistema imprenditoriale Azione I.b.3 Azione di sistema per la promozione dell export - Formazione e informazione (moduli formativi legati al commercio estero in continuità con le azioni ICE-Piano Export Sud II annualità) - Promozione (iniziative promozionali di incoming fiere e pubblicitarie nei settori: agroalimentare, alta tecnologia, moda, arredo e costruzioni, energia, mobilità, turismo e beni culturali) - Affiancamento e consulenza (acquisizione di servizi per l internazionalizzazione, come export manager temporanei, e incubazione all estero tramite ICE) - Supporto operativo e finanziario (finanziamento agevolato in favore delle PMI esportatrici già presenti nei mercati esteri, creazione di reti di imprese) Azione I.b.4 Voucher per il supporto all internazionalizzazione PMI - Contributi a fondo perduto (procedura a sportello) per acquistare serivizi (esame di possibilità, scouting, traduzione e siti web, assistenza legale, doganale, fiscale, missioni incoming) da usare presso soggetti pubblici (ICE; SIMEST, CC), associazioni imprenditoriali e imprese di servizi specializzati

75 3.1 Rilancio della propensione agli investimenti del sistema produttivo Azione I.c.1 - Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili Agevolazione per realizzare investimenti mediante acquisto di immobilizzazioni materiali e immateriali non di mera sostituzione ma di miglioramento in termini di: Riduzione costi Aumento qualità dei prodotti, capacità produttiva Nuovi prodotti Riduzione impatto ambientale e miglioramento sicurezza del lavoro - Strumento agevolativo per accesso al credito (DM 27 novembre 2013 Nuova Sabatini) Azione I.c.2 - Attrazione di investimenti Sostegno finanziario a progetti di investimento imprenditoriale (anche di ricerca) da parti di imprese (qualsiasi dimensione) italiane o straniere Agevolazioni: contributo in conto impianti, in conto interessi, finanziamento agevolato, contributo alla spesa negoziati attraverso Contratti di sviluppo Iniziative di attrazione IDE (databese opportunità insediative, accompagnamento, ecc..)

76 3.6 Miglioramento dell accesso al credito Azione I.d.1 Potenziamento del sistema delle garanzie pubbliche e finanza obbligazionaria innovativa per le PMI - Potenziamento del FONDO CENTRALE DI GARANZIA + forme di finanziamento non creditizie alle imprese (PMI nel mercato dei capitali mini bond ) Azione I.d.2 Piattaforma per il fido e la garanzia digitale - Piattaforma standardizzata per il fido e garanzia digitale da parte degli operatori del credito Azione I.d.3 Contributo allo sviluppo del mercato dei fondi di capitale di rischio Strumento finanziario dedicato che investe in imprese (nuove o esistenti) ad alta intensità di conoscenza e tecnologia e settori emergenti Partecipazione diretta a un fondo di capitale di rischio, oppure, partecipazione/costituzione di un fondo dei fondi di capitale di rischio

77 Asse II - Innovazione RA Incremento dell'attivita di innovazione delle imprese (528M) Azione II.b.1 Sostegno (aiuti) per l innovazione delle PMI e per l innovazione dei processi e dell organizzazione. Contributi a fondo perduto per l acquisto di servizi presso atenei, enti di ricerca, associazioni e fondazioni, imprese specializzate Servizi connessi a ricerca e sviluppo, nuovo prodotto, consulenza legale proprietà intellettuale, personale qualificato, sperimentazione nuove tecnologie, consulenza manag. Voucher versato direttamente al fornitore (albo) o al beneficiario (fattura) Azione II.b.2 Sostegno alla valorizzazione economica dell innovazione e finanziamento dell industrializzazione dei risultati della ricerca Progetti di grandi e medie imprese che puntano alla valorizzazione economica dell innovazione attraverso misure di aiuto nell ambito del Fondo Crescita sostenibile Azione II.b.3 - Sostegno alla collaborazione per R&S Collaborazione tra imprese e tra imprese e centri di ricerca per progetti complessi di innovazione industriale Fondo di Crescita sostenibile FCS

78 Asse III - Energia RA Riduzione dei consumi energetici negli edifici e nelle strutture pubbliche o ad uso pubblico, residenziali e non residenziali e integrazione di fonti rinnovabili (162M) Azione III.c.1. - Promozione dell eco-efficienza e riduzione dei consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche Riqualificazione energetica patrimonio edilizio della PA centrale (edifici Demanio statale) Riq.Impianti tecnici, isolamento involucro edilizio, pannelli, caldaie a biomasse RA Sistemi di distribuzione intelligenti (162M) Azione III.d.1. - Realizzazione di reti intelligenti di distribuzione dell energia (smart grids) - Sistemi di stoccaggio, dispacciamento energia da Fonti rinnovabili

79 4.1 Riduzione consumi energetici negli edifici pubblici Azione III.c.1. - Promozione dell eco-efficienza e riduzione dei consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche

80 4.3 Sistemi di distribuzione intelligenti Azione III.d.1. - Realizzazione di reti intelligenti di distribuzione dell energia (smart grids) e interventi sulle reti di trasmissione strettamente complementari

81 CONTATTI AUTORITA DI GESTIONE PON IMRPESE E COMPETITIVITA DOTT. GIUSEPPE BRONZINO

82 PON CULTURA E SVILUPPO

83 I Programmi Operativi Nazionali PON Per la Scuola competenze e ambienti per l apprendimento PON Sistemi di politiche attive per l occupazione PON Inclusione, PON Citta Metropolitane PON Governance e Capacita Istituzionale PON Iniziativa Occupazione Giovani solo per le regioni in transizione e meno sviluppate PON Ricerca e innovazione PON Imprese e Competitivita solo per le Regioni meno sviluppate PON Infrastrutture e reti PON Cultura e Sviluppo PON Legalita (ex Sicurezza)

84 PON CULTURA E SVILUPPO (MIBACT) PON Cultura e Sviluppo Dotazione finanziaria Asse I: 60 siti di rilevanza strategica nazionale e patrimonio culturale d eccellenza Asse II: 1) imprese della filiera culturale complementari alla valorizzazione degli Attrattori 2) soggetti del terzo settore legati all ambito territoriale di riferimento dell Attrattore 3) Nascita imprese del settore culturale e creativo in generale (patrimonio artistico, storico, arti visive e spettacoli dal vivo, editoria, radio, tv, cinema),

85 Asse I Gli Attrattori identificati in Sicilia: Eraclea Minoa, Parco Valle dei Templi (AG) Ex Manifattura tabacchi, Caltagirone Museo della ceramica (CT); Aidone - Zona archeologica e museo (EN); GIARDINI NAXOS Area archeologica; LIPARI Museo e parco archeologico (ME); Albergo delle Povere, Arsenale Museo della navigazione (PA); Cava Ispica - Necropoli e castello (RG); Convento di Santa Maria del Gesù (RG); Augusta - Castello Svevo di Museo del Mediterraneo, Area archeologica di Megara Hyblea, Parco archeologico Siracusa, Museo Etno-antropologico Antonio Uccello (SR); Segesta parco archeologico II, Favignana Tonnara Florio, Mozia (TP).

86 Asse II Azione 1. Supporto alla nascita di start-up innovative attraverso incentivi diretti, offerta di servizi o interventi di micro finanza nei settori: Conoscenza (es. Tecnologie innovative per l archiviazione dei dati e delle informazioni Conservazione (es. Processi innovativi per il restauro o nuove tecniche di intervento) Fruizione (es. Nuove piattaforme digitali o software, format narrativi innovativi) Gestione (es. Ingegnerizzazione delle attività di gestione dei beni) BENEFICIARI: Imprese nate nell ultimo triennio nei settori industria culturale Finanziamenti agevolati, contr. in conto interessi, in conto capitale, diretto alla spesa, ecc. Bandi a partire dal 2016

87 Asse II Azione 2. Supporto allo sviluppo di prodotti e servizi complementari alla valorizzazione di identificati attrattori culturali del territorio - Integrazione tra micro, piccole e medie imprese della filiera culturale turistica creativa e dello spettacolo dei prodotti tradizionali Ambito territoriale di riferimento degli attrattori: Comune (se il territorio di riferimento è un Capoluogo) o Comuni limitrofi (se non è un capoluogo) Finanziamenti agevolati, contr. in conto interessi, in conto capitale, diretto alla spesa, ecc.

88 Asse II Azione 3. Sostegno all avvio e rafforzamento di attività imprenditoriali con effetti socialmente desiderabili (collegati alla valorizzazione degli attrattori culturali finanziati in Asse I) Imprese del privato sociale, soggetti ad organizzazioni del terzo settore (Associazioni, cooperative, imprese sociali, ecc...) Idee progettuali originali e innovative che coinvolgono altre risorse culturali dell area, fasce deboli e svantaggiate della popolazione, attività di animazione partecipazione culturale della comunità locale e fruitori esterni Ambito territoriale di riferimento degli attrattori: Comune (se il territorio di riferimento è un Capoluogo) o Comuni limitrofi (se non è un capoluogo) Contributo a fondo perduto per investimenti materiali e immateriali con procedura valutativa

89 PON CULTURA I Comuni coinvolti dovranno predisporre un progetto di sviluppo e gestione dell attrattore finanziato (sostenibilità economica, programma di attività da svolgere) Accordo Operativo di Attuazione MiBACT/Sicilia entro giugno assicura il raccordo e la demarcazione con il PO FESR PON CULTURA E SVILUPPO http://www.beniculturali. it/mibac/multimedia/mibac/documents/ _pon_cultura_e_sviluppo.pdf POIN Attrattori Piano di Azione Coesione MiBACT Valorizzazione delle aree di attrazione culturale

90 FEASR PSR Sicilia

91 I FONDI SIE Fondi Strutturali (FESR e FSE) + Fondi di Investimento (FEASR e FEAMP) Fondi SIE

92 Documenti Bozza del nuovo PSR REGOLAMENTO FEASRhttp://europa. eu/legislation_summaries/agriculture/general_framework/l60032_it. htm

93 Dotazione finanziaria per Misura

94 FEASR PSR A. Aree urbane: Aree urbane e periurbane includono i capoluoghi di provincia che sono urbani in senso stretto e i gruppi di comuni con una popolazione rurale inferiore al 15% della popolazione totale; B. Aree rurali ad agricoltura intensiva e specializzata; includono i comuni rurali (siano essi rurali urbanizzati, significativamente o prevalentemente rurali) collocati in prevalenza nelle aree di pianura del paese, dove, sebbene in alcuni casi la densità media sia elevata, la superficie rurale appare sempre avere un peso rilevante (superiore ai 2/3 del totale) C. Aree rurali intermedie: includono i comuni rurali di collina e montagna a più alta densità di popolazione e sede di uno sviluppo intermedio (urbanizzati di collina e di montagna, significativamente e prevalentemente rurali di collina centro-settentrionale, relativamente rurali di montagna); D. Aree rurali con problemi complessivi di sviluppo: includono i comuni rurali di collina meridionale (significativamente e prevalentemente rurali) e quelli rurali di montagna a più bassa densità di popolazione in tutte le regioni.

95

96 MISURA 4 Interventi in immobilizzazioni materiali 442 Milioni

97 Misura Ammodernamento strutturale delle aziende agricole investimenti strutturali volti ad ammodernamento, nuovi sbocchi di mercato e in direzione della sostenibilita ambientale (acque, produzione di bioenergia, efficienza energetica) Sostegno alla trasformazione ed alla commercializzazione dei prodotti agroindustriali Interventi infrastrutturali Investimenti non produttivi (beneficiari: imprenditori singoli o associati ed altri Enti Gestori del Territorio)

98 4.1 Contributo in conto capitale, pari al 50% del costo dell investimento ammissibile, tranne nei seguenti casi: a) 70% per giovani agricoltori o che si sono gia insediati durante i cinque anni precedenti la domanda di sostegno; b) 70% per investimenti collettivi, compresi quelli legati alla fusione delle organizzazioni di produttori; c) 70 % per i progetti integrati che coinvolgono un sostegno in piu di una misura; d) 70% per investimenti in zone Natura 2000, zone montane, altre zone soggette a vincoli naturali significativi e zone soggette a vincoli specifici,; e) 70% del costo dell investimento ammissibile per investimenti connessi alle operazioni ai sensi degli articoli 28 e 29 del Regolamento (UE) 1305/2013 (misure 10 e 11 del PSR).

99 4.1 Costi ammissibili acquisizione, costruzione o miglioramento di beni immobili (terreni, fabbricati) al servizio della produzione, dell attivita di allevamento, della lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti; realizzazione di nuovi impianti colturali, ristrutturazione, riconversione colturale e varietale (tranne piante annuali); acquisto di macchine ed attrezzature agricole, di macchinari e attrezzature per la conservazione, lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli o agroindustriali; realizzazione di impianti d irrigazione, di impianti tecnologici e acquisto di attrezzature informatiche e telematiche; realizzazione di strutture e dotazioni per la logistica aziendale; impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili

100 Condizioni di eleggibilita Le imprese dovranno possedere alla domanda un livello minimo di reddito lordo standard aziendale RLSA /dimensione minima di: - 10 UDE per le aziende ubicate nelle zone C e D, ad eccezione delle isole minori nelle quali il livello si riduce ad almeno 5 UDE, - 12 UDE per aziende ubicate nelle altre zone; Piano aziendale investimenti, che dimostra la sostenibilita finanziaria degli interventi e miglioramento del rendimento globale dell azienda Presentare un progetto esecutivo, definitivo e immediatamente cantierabile.

101 Sostegno alla trasformazione ed alla commercializzazione dei prodotti agroindustriali - Stessi costi ammessi Differenza: entrambe possono finanziare interventi di chiusura di filiera, trasformazione di prodotti agricoli e commercializzazione ma nella 4.1 la trasformazione avviene all interno della stessa azienda agricola (51% di produzione aziendale) mentre nella 4.2 è una trasformazione che può avvenire acquistando prodotti da soggetti terzi (51% di provenienza esterna) 50% dei costi per investimeti nella trasformazione Cantine, caseifici, ecc

102 Interventi infrastrutturali: viabilita interaziendale e strade di penetrazione per l accesso ai terreni agricoli e forestali; realizzazione di opere irrigue aziendali o interaziendali (pozzi, laghetti, invasi, interventi di riduzione delle perdite, ecc) infrastrutture e installazioni per la distribuzione di energia (reti da e per la holding) da fonti rinnovabili quali biomasse, solare, eolico, geotermico infrastruttura telematica, potenziamento del Sistema Informativo Agrometeorologico Siciliano SIAS

103 4.3 Tipo di sostegno Per gli agricoltori associati: il 90% dell investimento ammissibile. Per gli Enti Pubblici: il 100% dell investimento ammissibile. Beneficiari Gli agricoltori associati, i Comuni e i Consorzi di Bonifica, l Assessorato regionale dell Agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea.

104 4.4 Investimenti non produttivi in aziende agricole Investimenti non produttivi per il rafforzamento dell azione gia prevista con i pagamenti agro-ambientali nuove fasce vegetali (per contrastare la veicolazione di elementi inquinanti verso corpi idrici limitrofi); recupero dei terrazzamenti in stato di degrado e/o dei muretti a secco realizzazione/ripristino di sentieri, piste ciclabili, percorsi naturalistici, comprese la cartellonistica; punti di approvvigionamento d'acqua e di luoghi di sosta per i fruitori; punti di osservazione per bird watching formazione di cumuli di pietrame; creazione e ripristino di boschetti, macchia mediterranea, nonche di formazioni vegetali non produttive; conservazione di alberi isolati o in filare; ripristino di zone umide, bivieri, laghetti e stagni;

105 4.4b 4.4b Preservazione della biodiversita : campi realizzati da agricoltori custodi realizzazione di campi di conservazione del germoplasma di specie frutticole, ad opera di soggetti privati che esercitino a qualsiasi titolo l attivita agricola nel territorio regionale siciliano. Le varieta utilizzabili sono inserite in un apposito elenco regionale, suddiviso per specie, precedentemente approvato con decreto regionale Beneficiari: Agricoltori custodi singoli o associati. Ai fini della presente azione, si intende per Agricoltore custode un soggetto privato che eserciti, a qualsiasi titolo, la pratica agricola nell ambito del territorio regionale e che s impegni a provvedere alla conservazione di varieta del germoplasma frutticolo siciliano, di cui all elenco citato nei precedenti paragrafi.

106 4.4b Il tipo di supporto previsto e volto alla realizzazione di un frutteto, della dimensione comprese fra un minimo di m e un massimo di m , costituito da varieta tradizionali di specie frutticole inserite nell elenco regionale Contributo in conto capitale nella misura del 100% dell importo ammissibile. La dimensione finanziaria massima dell investimento complessivo ammesso a finanziamento, per ciascun progetto non potra eccedere euro.

107 MISURA 6 Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese 143 Milioni

108 6.1 Aiuto all avviamento di imprese ai giovani agricoltori (Pacchetto Giovani agricoltori) 6.2 Aiuti all'avviamento di imprese per le attivita extra-agricole 6.4 Investimenti per la creazione e lo sviluppo di attivita extraagricole

109 6.1 Per "giovane agricoltore", secondo il regolamento del FEASR, si intende una persona di eta non superiore a 40 anni al momento della presentazione della domanda che possiede adeguate qualifiche e competenze professionali e che si insedia per la prima volta in un'azienda agricola in qualita di capo dell'azienda. Il sostegno si applica esclusivamente nell ambito del pacchetto giovani agricoltori (vedi paragrafo Approccio integrato). Cio comporta che ai fini dell accesso ai benefici della presente sottomisura il giovane agricoltore dovra accedere obbligatoriamente ad almeno un altra sottomisura del Programma tra le seguenti: 4.1, 4.2, 6.4, 16.2, 16.3, 16.4 e 16.9.

110 6.1 Tipo di supporto: Il sostegno e concesso sotto forma di contributo in conto capitale. L aiuto potra essere versato in almeno due rate per un periodo massimo di cinque anni. Il pagamento dell ultima rata e subordinata alla corretta attuazione del piano aziendale. L importo dell aiuto e pari a per ogni giovane agricoltore. Periodo di grazia di 36 mesi Piano aziendale

111 6.1 Le soglie minima e massima per l'ammissibilita delle aziende agricole al sostegno della presente sottomisura sono: la minima di almeno 5 UDE nelle isole minori, nelle zone con svantaggi e montane e nelle aree Natura 2000 di 8 UDE nelle altre zone la massima di 100 UDE in tutti i casi.

112 6.1 calcolo dell UDE disposizioni attuative it/allegati/bandi/misura112/nuove_disposizioni_attuative_pac CHETTO_GIOVANI_del09giugno10con_ulteriori_errata_corrige.pdf BANDI PRIMO INSEDIAMENTO GIOVANI AGRICOLTORI

113 6.2 La sottomisura incentiva attraverso un sostegno finanziario a persone fisiche, microimprese e piccole imprese l'avviamento di imprese che svolgono attivita extra-agricole nelle zone rurali. La sottomisura e rivolta anche ad agricoltori o coadiuvanti familiari che diversificano la loro attivita avviando nuove attivita extra-agricole. Accesso congiunto alla misura 6.4 Giovani sotto i 40 anni e donne L importo dell aiuto e pari a per beneficiario.

114 6.2 Beneficiari agricoltori o coadiuvanti familiari che diversificano in attivita non agricole; micro e piccole imprese che avviano una impresa extra-agricola nelle zone rurali; persone fisiche che avviano una impresa extra-agricola nelle zone rurali;

115 Investimenti per la creazione e lo sviluppo di attivita extra-agricole diversificazione delle attivita agricole verso attivita extragricole costituzione di nuove imprese extra- agricole rivolto agli agricoltori e ai coadiuvanti familiari piccole imprese, microimprese e le persone fisiche potranno ricevere il sostegno per investimenti per la creazione, il potenziamento e l ampliamento di imprese extra-agricole nelle zone rurali.

116 6.4 agricoltori e coadiuvanti familiari: diversificazione attività agricole verso attività extra-agricole persone fisiche, micro e piccole imprese per costituzione nuove imprese extraagricole o creazione, potenziamento e ampliamento delle imprese extraagricole in aree rurali. la sottomisura concorre all attuazione del Pacchetto start up agricole (obbligatoria) e del Pacchetto giovani agricoltori (opzionale). Cosa finanzia? agriturismo e turismo rurale, alloggi rurali, guide, servizi informativi, intrattenimento, ristorazione, trasporto turistico, negozi botteghe artigianali, mestieri, e-commerce, trasformazione prodotti agricoli, produzione energia da biomassa, scarti ecc, raccolta biomasse, servizi ricreativi, fattorie didattiche La sottomisura è autonoma, può essere attivata al di fuori dei pacchetti Sostegno in conto capitale e Piano aziendale

117 MISURA 11 Agricoltura biologica 242 Milioni

118 Misura 11 La misura e finalizzata ad incoraggiare gli agricoltori sia verso la conversione all'agricoltura biologica, sia al suo mantenimento, in risposta al crescente interesse della societa per le pratiche agricole ecocompatibili Conversione 11.2 Mantenimento

119 11.1 Conversione Agricoltori che conducono superfici dove non e mai stato applicato il metodo biologico o che comunque sono entrate per la prima volta nel sistema di controllo dell agricoltura biologica da non piu di due anni. La durata di impegno e di 3 anni, trascorso il quale le aziende transiteranno direttamente alla sottomisura 11.2 relativa al Mantenimento, fino al completamento di un periodo di impegno complessivo di almeno 7 anni.

120 11.1 Conversione Obblighi: Seminativi (esecuzione di una coltura di copertura come trifoglio, favino lupino, esclusione della monosuccessione dei cereali, residui colturali della coltura precedente) Colture arboree e vite (inerbimento temporaneo da seminare in autunno con leguminose o graminacee o apporti di compost)

121 Agricoltura biologica Tipo di supporto: Contributo in conto capitale, calcolato per unita di superficie in base al tipo di coltura. Beneficiari: Agricoltori singoli e associati in attivita ai sensi dell art. 9 del Reg. (UE) 1307/2013 L azione si applica su tutto il territorio regionale. Ai fini dell accesso al finanziamento saranno favorite le aziende che provengono da sistemi colturali intensivi

122 Priorità delle aree 1) zone Natura 2000 (SIC e ZPS), individuate ai sensi delle direttive 79/409 CEE e 92/43/CEE, zone di alto valore naturale inserite nel sistema regionale delle aree naturali protette (76 Riserve Naturali Regionali e 4 Parchi Regionali); 2) aree individuate dalla Regione Siciliana ai sensi della direttiva 676/91 con DDG n. 121 del 24/02/2005 come ZVN (zone vulnerabili ai nitrati) e con decreto DDG 357 del 03/05/2007 come zone a rischio di inquinamento da fitofarmaci; 3) aree a rischio di erosione; 4) aree sensibili definite dal Piano di Tutela delle Acque.

123 Agricoltura biologica Ammontare dell incentivo Agrumi: 900 /Ha/anno Mandorlo, noce, nocciolo, carrubo, pistacchio: 700 /Ha/anno Frassino da manna: 570 /Ha/anno Fruttiferi: 900 /Ha/anno

124 CONTATTI AUTORITA DI GESTIONE PSR http://www. regione.sicilia. it/agricolturaeforeste/assessorato/ufficidipagricoltura. htm PORTALE SPECIFICO PSR SICILIA Ecco il vecchio portale PSR

125 I FONDI DIRETTI

126 Cosa finanziano? Interventi prevalentemente immateriali Applicazione di buone pratiche Soluzioni innovative Condivisione di idee e conoscenza, Sensibilizzazione Attività di scambio transnazionale Collaborazione e costruzione di reti europee Interventi specifici dall ampio carattere dimostrativo Trasferibilità

127 Cosa NON finanziano? interventi di valenza prettamente locale/strutturale (Il costo medio di un progetto è generalmente inferiore rispetto ai Fondi indiretti) Costruzioni o ristrutturazioni di edifici, compravendite di terreni, linee viarie, acquisto di beni immobili, macchinari e attrezzature eccezioni: Posso acquistare un macchinario per una ricerca scientifica ma non tutto il budget per la struttura Posso affittare una sala, ma non ristrutturarla Eccezione programma TEN Reti strategiche

128 HORIZON

129 COME TROVARE I BANDI? Fonti di informazione ufficiale: Gazzetta Ufficiale della Comunita Europea (SERIE C o L) per i bandi europei Fonti di informazione non ufficiale: Siti web specializzati che monitorano bandi e scadenze net/agenda_bandi.asp

130 TIPOLOGIE DI BANDO

131 STRUMENTO PER LE IMPRESE IN HORIZON 2020

132 HORIZON 2020 Riunisce in un unico programma tutti gli investimenti dell'ue per la Ricerca e l'innovazione. Budget: 80 miliardi di euro. AZIONI : 1 Eccellenza scientifica 2 Leadership industriale e ambienti competitivi 3 Sfide sociali

133 HORIZON 2020 STRUMENTO PER LE PMI

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

la nuova PAC una guida pratica per una visione di insieme

la nuova PAC una guida pratica per una visione di insieme una guida pratica per una visione di insieme sommario Presentazione 3 I pilastri della 4 Uno sguardo d insieme 5 Le novità per il I Pilastro 6 Le novità per il II Pilastro 9 Glossario 12 Il volume è frutto

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto

Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto (utile ai cittadini, non ai progettisti) Documento di lavoro: versione novembre 2014 La Strategia nazionale per le aree interne interpreta il territorio

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli