Assicurazione RC professionale dei medici chirurghi e degli odontoiatri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assicurazione RC professionale dei medici chirurghi e degli odontoiatri"

Transcript

1 Assicurazione RC professionale dei medici chirurghi e degli odontoiatri

2 Assicurazione Rc professionale Capitolo 1 Caratteristiche per una copertura della RC professionale Slide 4-23 Capitolo 2 Alcuni aspetti della polizza RC professionale Slide Capitolo 2 Obbligo assicurazione professionale : Normativa Slide 27 Capitolo 3 Stato attuale assicurativo della categoria Slide Capitolo 4 Convenzioni collettive: Normativa Slide 30 Capitolo 5 Fondo di Garanzia : Normativa Slide 31 Capitolo 6 Assicurazione RC professionale delle Casse Previdenziali: Slide Broker e Compagnie assicurative

3 INDICE Caratteristiche per una copertura della RC professionale Slide 4 Massimale Slide 5-6 Franchigia- scoperto Slide 7 Colpa grave e rivalsa Slide 8-12 Tutela legale Slide 13 Loss occurrence e claims made Slide 14 Garanzia pregressa -Garanzia postuma Slide Esempi di copertura assicurativa Slide Alcuni aspetti della polizza Slide 20 Consenso informato Slide 21 Doppia polizza Slide Atti invasivi diagnostici e terapeutici e Interventi chirurgici Slide 25 RC da conduzione dei locali- Garanzie comprese in polizza- Esclusioni Slide 25 Panoramica delle assicurazioni professionali per medici oggi sul mercato assicurativo italiano Slide 26 Obbligo Assicurazione professionale : Normativa Slide 27 Situazione attuale assicurativa della categoria Slide Convenzioni collettive: Normativa Slide 30 Fondo di Garanzia: normativa CONSAP S.p.A Slide 31 Assicurazione RC professionale delle Casse Previdenziali -Broker e Compagnie assicurative Slide

4 Caratteristiche per una copertura RC professionale La scelta di una polizza assicurativa a tutela dei rischi professionali presuppone un attenta valutazione delle condizioni poste in essa Nell analisi delle polizze di copertura della RC professionale occorre valutare con grande attenzione le seguenti condizioni: Massimale; Franchigia- scoperto; Colpa grave e rivalsa; Tutela legale; Garanzia pregressa; Garanzia postuma

5 MASSIMALE Il massimale è l importo massimo con il quale l assicuratore, in ciascuna annualità assicurativa, si impegna a prestare la propria copertura per ogni sinistro che rientra nel periodo di copertura assicurativa. La scelta del massimale è importante : un massimale di 5 milioni darà certamente un copertura superiore rispetto ad un massimale di 1 milione. Il massimale può essere eroso da più sinistri o anche da un singolo sinistro. ( Es. Se il massimale è di 1 milione ed il professionista ha avuto 5 sinistri da euro, l assicuratore coprirà ciascun sinistro perché non è stato sforato il massimale di 1 milione) ( Es. Se il massimale è di 1 milione ed il professionista ha avuto un sinistro di 1,2 milioni, l assicuratore coprirà il sinistro soltanto per 1 milione in quanto il massimale è stato eroso da un singolo sinistro. Non vi è limite al numero di sinistri coperti in una annualità per ciascun assicurato,a patto appunto che la loro somma non sfori il massimale scelto E anche importante però che il massimale sia individuale e non aggregato E importante infatti verificare che non ci sia un massimale aggregato annuo, da dividersi tra tutti gli assicurati, ma individuale per ogni singolo assicurato. Il massimale aggregato infatti può ridurre sensibilmente la copertura disponibile per il singolo assicurato in quanto ogni sinistro contribuisce a ridurre il massimale fino all esaurimento Con il massimale individuale si evita, che il medico resti da solo a rispondere in solido con il suo patrimonio quando il massimale aggregato per l annualità in corso sia finito. Il massimale deve essere individuale e non aggregato tra più assicurati Il massimale adeguato deve essere almeno di ,00 euro e dovrebbe essere proporzionale al rischio di categoria ( Es. Il massimale di un ortopedico, di un ginecologo, di un chirurgo dovrebbe essere superiore rispetto a quello dell internista)

6 Massimale per corresponsabilità Esiste in alcune coperture assicurative il cosiddetto massimale per corresponsabilità E l'importo massimo che l'assicuratore si impegna a corrispondere nel caso vi sia un unico sinistro che coinvolga più assicurati alla convenzione. L importo in questo caso è superiore al massimale individuale. Il massimale per corresponsabilità è ovviamente diverso dal massimale aggregato

7 FRANCHIGIA/SCOPERTO La franchigia rappresenta la parte del danno indennizzabile che rimane a carico dell assicurato. È una quota fissa che rimane a carico dell assicurato e non della compagnia in caso di sinistro Lo scoperto è simile alla franchigia, ma a carico dell assicurato verrà assegnata una percentuale del risarcimento complessivo e non una quota fissa. L assicurato non può sapere in anticipo a quanto ammonterà la sua quota. La franchigia e lo scoperto sono presenti in una polizza assicurativa professionale allorquando le società assicuratrici ritengono che il rischio sia troppo elevato oppure al fine di ridurre il costo della polizza stessa. La franchigia permette di ridurre il costo annuale della polizza, soprattutto per i medici che praticano interventi chirurgici per i quali il premio annuale è elevato ( ginecologi con assistenza al parto, chirurghi plastici ed estetici, anestesisti,ortopedici.) La riduzione di premio,dovuta ad un aumento della franchigia, non sempre può essere conveniente. Lo scoperto in una polizza può essere in alternativa o in aggiunta alla franchigia La polizza ottimale è senza franchigia e senza scoperto

8 Copertura assicurativa per colpa lieve e per colpa grave La polizza deve coprire la colpa professionale senza limitazione, quindi sia la colpa lieve che quella grave Il medico ospedaliero dipendente di una struttura sanitaria pubblica ha abitualmente una copertura assicurativa per colpa lieve che viene fornita dall Azienda Sanitaria ove opera per cui dovrà provvedere alla copertura della colpa grave Ai sensi dell art. 21, 1 comma del CCNL 2005 della Dirigenza Medica Pubblica la struttura sanitaria pubblica deve provvedere alla copertura assicurativa per colpa lieve del medico dipendente, anche estesa all attività libero professionale intramoenia. Tale norma contrattuale prevede che il medico,pagando un tributo, può accedere ad una copertura assicurativa per colpa grave, estremamente utile in caso di rivalsa da parte dell Azienda Sanitaria. Di recente la Legge 11 agosto 2014,n.114, di conversione del D.L. 90/2014 (Legge sulla Pubblica Amministrazione all articolo 27 comma 1-bis prevede l obbligo alle strutture sanitarie pubbliche e private di dotarsi di copertura assicurativa o di altre analoghe misure per la responsabilità civile verso terzi (RCT) e per la responsabilità civile verso prestatori d'opera (RCO) E opportuno comunque che il medico verifichi innanzitutto se la struttura sanitaria si è dotata di copertura assicurativa e valuti con grande attenzione le condizioni ( massimale, franchigia, scoperto, tutela legale, garanzia pregressa e postuma) presenti nella polizza assicurativa stipulata dalla struttura stessa con la compagnia assicurativa. In ogni caso la copertura assicurativa riguarda solo la colpa lieve Mentre il medico libero professionista, il medico convenzionato con il SSN in qualità di medico di base, pediatra di libera scelta, medico di continuità assistenziale (ex guardia medica) devono provvedere ad una polizza che copra sia la colpa lieve che quella grave

9 Colpa La colpa non è definita dalla legge Concretamente la colpa è il difetto di diligenza e/o di prudenza e/o di competenza tecnica con cui si compie o si omette un azione (culpa in agendo o culpa in omittendo) quando, dall'azione o dall'omissione, sia derivato un danno ad altri. La colpa presuppone un comportamento (che consiste nel fare o non fare qualcosa) che comporta un danno per negligenza, * imprudenza** e imperizia**. La colpa sussiste quando l'autore del danno agisce senza intenzione di commettere il danno e non ha in alcun modo preso coscienza delle conseguenze della sua azione e, allo stesso tempo, l'evento si verifica a causa della negligenza, imprudenza e imperizia.non deve esserci nesso tra volontà di provocare il danno ed il danno stesso altrimenti avremmo il dolo Il dolo sussiste quando l'autore del reato agisce con l intenzione di commettere il danno ed è cosciente delle conseguenze della sua azione od omissione negligenza* : omesso compimento di un'azione doverosa ( quando vengono trascurate per superficialità o disattenzione le regole e le modalità comuni nello svolgere un attività). imprudenza** : inosservanza di una regola senza tener conto dei rischi (quando un attività è svolta in modo poco prudente, avventato, impulsivo, con condotta pericolosa senza tener conto dei rischi): imperizia*** incapacità o inettitudine tecnica o professionale a svolgere un attività ( quanto viene svolta un attività particolare e complessa senza averne la capacità tecnica specifica). N.B. La differenza tra negligenza e imprudenza sta nel fatto che la prima consiste in una condotta omissiva la seconda, invece, in una condotta attiva.

10 Colpa lieve e colpa grave Circa i termini di colpa grave e lieve manca una definizione precisa La distinzione tra colpa lieve e colpa grave non è puntualmente codificata dal legislatore, esistono però dei criteri di individuazione enunciati dalla giurisprudenza e dalla dottrina. La colpa grave è ravvisabile quando l errore è determinato : da comportamenti inescusabili gravemente negligenti; dall imprudente inosservanza delle comuni regole di comportamento, delle regole dell arte, dei regolamenti, delle leggi, senza tener conto dei rischi; da grave imperizia (incapacità o inettitudine tecnica o professionale) La colpa grave si configura quando per disattenzione o superficialità si omette di compiere un attività diagnostica o terapeutica routinaria, atta a scongiurare determinate complicazioni. In tali situazioni il comportamento del medico è considerato gravemente negligente e privo della diligenza minima in considerazione dell assoluta prevedibilità dell evento. Colpa grave per inescusabile negligenza, inescusabile disattenzione e per estrema superficialità La colpa grave si configura quando si agisce con avventatezza, con ingiustificata fretta,con impulsività senza adottare le cautele indicate dalla comune esperienza o da precise regole dettate dalla scienza medica e senza tener conto dei rischi. Colpa grave per grave imprudenza La colpa grave si configura quando la condotta del medico è incompatibile con quel livello minimo di cognizione tecnica, di cultura, di esperienza e di capacità professionale, che costituiscono il presupposto necessario per l esercizio della professione medica (Cassazione penale, Sez. IV, ). La colpa grave si configura quando viene svolta un attività particolare e complessa senza averne la capacità tecnica specifica; ad esempio un chirurgo che cagiona un danno perché effettua un intervento in una branca della chirurgia in cui non ha esperienza professionale). Colpa grave per grave imperizia

11 COLPA GRAVE e RIVALSA Medici dipendenti di strutture pubbliche Le polizze assicurative dell azienda sanitaria non prevedono la copertura dell azione di rivalsa da parte dell azienda sul dipendente in caso di accertamento di colpa grave. In caso di accertamento di colpa grave l azienda sanitaria può rivalersi sul medico dipendente. La colpa grave dà diritto ad azione di rivalsa da parte della struttura pubblica nei confronti del medico dipendente. E raccomandabile perciò che il medico dipendente abbia una copertura assicurativa per colpa grave. La colpa lieve, contrariamente alla colpa grave o al dolo, non dà diritto ad azioni di rivalsa da parte della struttura pubblica nei confronti del medico dipendente anche se alcuna giurisprudenza talvolta non è stata di tale avviso. Al contrario un medico dipendente, condannato a risarcire il danno in sede civile per colpa lieve può esercitare un azione di rivalsa nei confronti della pubblica amministrazione che verrà valutata dal giudice. Azioni di rivalsa dell erario contro i medici dipendenti di strutture pubbliche Nel caso di colpa grave può esserci un azione di rivalsa dell erario nei riguardi del medico dipendente N.B. Le azioni di rivalsa dell erario contro i medici dipendenti di strutture pubbliche sono aumentate. Spesso l Azienda Sanitaria e l assicurazione trattano autonomamente il contenzioso a volte per anni e non informano il medico. Poi fanno una transazione all insaputa del medico. A questo punto l Azienda segnala il fatto( talvolta anche quando non c è colpa grave!!!) alla Corte dei Conti, che fa richiesta al medico di migliaia o centinaia di migliaia di euro. Il medico, che dovrebbe potersi difendere già in corso di trattativa in sede extragiudiziale, è costretto a nominare un suo avvocato per difendersi Esistono inoltre casi in cui la Corte dei Conti si rivale sull Ospedale che a sua volta si rivale sul professionista

12 COLPA GRAVE e RIVALSA - Medici convenzionati La colpa grave non dà diritto ad azione di rivalsa da parte della ASL nei confronti del medico convenzionato che ha commesso un danno per errore professionale In questo caso, se il medico convenzionato ha una copertura assicurativa anche per colpa grave, la Compagnia assicurativa interverrà sostituendosi al medico per il pagamento relativo al danno arrecato Azioni di rivalsa dell erario contro i medici convenzionati L azione di rivalsa dell erario può riguardare anche il medico convenzionato ( per esempio nel caso di iperprescrizione ai pazienti di farmaci o indagini diagnostiche non necessarie)

13 TUTELA LEGALE Di solito la tutela legale prevista nella polizza RC non prevede la scelta dell avvocato, dei consulenti e dei periti da parte dell assicurato, non opera per colpa grave, non tutela fino a tutti i gradi di giudizio ed opera entro un determinato limite di spesa fino ad un quarto del massimale(ai sensi dell art del C.C.) La polizza ideale, anche mediante un premio aggiuntivo, deve offrire la la garanzia di una tutela legale completa per tutte le conflittualità Tutela legale completa Permette al medico di scegliere l avvocato di fiducia che lo assista in qualsiasi ordine e grado di giudizio per assistenza legale sia in sede civile che penale Copre le spese legali e peritali, extragiudiziali e giudiziali per ogni grado di giudizio Permette al medico la difesa nei procedimenti di responsabilità per colpa grave avanti Corte dei Conti e altre autorità competenti

14 Due tipi formule assicurative: LOSS OCCURRENCE Loss occurrence ( insorgenza del danno) era una formula assicurativa con la quale si richiedeva che il professionista fosse assicurato al momento in cui eseguiva la prestazione all origine del danno In tal caso l assicurazione provvedeva al risarcimento del danno indipendentemente dalla data di accadimento del sinistro stesso. Tale tipo di regime ormai non lo applica più nessuna compagnia assicurativa CLAIMS MADE Claims made ( a richiesta fatta) rappresenta, ormai, la formula adottata da tutte le assicurazioni. Permette di coprire le richieste di risarcimento pervenute per la prima volta dopo la stipula del contratto assicurativo originate da errori professionali non noti fino a quel momento. La clausola claims made tuttavia presenta degli svantaggi qualora non sia associata a forme di garanzie supplementari quali la retroattività e la postuma.

15 Garanzia pregressa Se il fatto che ha originato il danno accade dopo la stipula del contratto assicurativo durante il periodo di validità del contratto l assicurazione scatta al momento della ricezione della richiesta di risarcimento. Se il fatto che ha originato il danno è accaduto antecedentemente alla stipula del contratto e la polizza è senza garanzia pregressa l assicurazione non interviene. Se il fatto che ha originato il danno è accaduto antecedentemente alla stipula del contratto e la polizza prevede la garanzia pregressa l assicurazione interviene se il fatto che ha causato il danno è avvenuto nel periodo compreso nella garanzia pregressa e non era noto al medico al momento della stipula del contratto. La formula assicurativa CLAIMS MADE comporta il fatto che si deve prestare particolare attenzione alla garanzia pregressa in modo che non si verifichino dei periodi di scopertura. La copertura assicurativa deve avere una adeguata retroattività così da coprire i fatti professionali di diversi anni addietro se questi dovessero generare una richiesta di risarcimento pervenuta al medico per la prima volta dopo la stipula della polizza. Una copertura assicurativa con 5 anni di pregressa significa che coprirà per gli errori professionali posti in essere fino ai 5 anni precedenti la stipula del contratto assicurativo che abbiano determinato per la prima volta una richiesta di risarcimento dopo la stipula stessa. Va tenuto presente, tuttavia, che la richiesta di risarcimento da responsabilità medica può essere avanzata sempre trascorsi dieci anni dalla conoscenza del danno e non dall evento Se si cambia compagnia assicurativa occorre fare molta attenzione che nella nuova polizza sia operante la retroattività Si comprende, quindi, l importanza di inserire nella polizza la GARANZIA PREGRESSA L ottimo è una polizza che garantisca illimitatamente il periodo antecedente alla stipula ( Garanzia pregressa illimitata)

16 Garanzia postuma Se la richiesta di risarcimento viene denunciata dopo la scadenza di una polizza non rinnovata, la Compagnia assicurativa non interverrà nel sinistro salvo il caso in cui sia operante la garanzia postuma" Se la polizza stipulata non comprende la garanzia postuma alla scadenza della polizza stessa la Compagnia assicurativa non interviene in caso di richiesta di risarcimento danni per errore professionale Se la polizza stipulata comprende la garanzia postuma alla scadenza della polizza stessa la Compagnia assicurativa interviene in caso di richiesta di risarcimento danni per errore professionale posto in essere durante il periodo di validità della polizza La postuma è definibile come il maggior periodo di garanzia, operante per la notifica di richieste di risarcimento dopo la scadenza della polizza, che viene proposto dalla compagnia assicurativa E importante l inserimento della garanzia postuma nella polizza in considerazione del fatto che la prescrizione per la responsabilità civile contrattuale è di 10 anni (secondo una sentenza della cassazione inizia a decorrere dal momento in cui il paziente ha la percezione del danno) E importante anche l inserimento di una garanzia postuma dopo la cessazione dell attività per pensionamento, per cambio di attività lavorativa o per morte (in questo caso la copertura è a favore degli eredi). L ottimo è una polizza che garantisca illimitatamente il periodo successivo alla cessazione del contratto o per lo meno di 10 anni ( Garanzia postuma illimitata )

17 Garanzia pregressa e garanzia postuma : Differenti esigenze Medico neolaureato È evidente che per un medico non avrà importanza l acquisto anche di una garanzia pregressa in quanto non è stata esercitata l attività negli anni precedenti. Per evitare però di rimanere nell arco degli anni successivi senza la garanzia pregressa converrebbe che la polizza contenesse la clausola che la garanzia pregressa partisse dal momento della stipula della polizza stessa. Medico che cambia attività professionale Se si prevede un cambiamento dell attività professionale di medico per esempio da una più rischiosa ad una meno rischiosa ( dall attività di medico che effettua interventi chirurgici per svolgere successivamente l attività di medico di medicina generale) occorre acquistare una valida polizza RC professionale riguardante la nuova attività e deve avere una copertura postuma per quanto riguarda la precedente attività per accogliere eventuali richieste di risarcimento che dovessero prevenire in un momento in cui viene svolta la nuova attività. Ciò in quanto la polizza RC professionale riguardante la nuova attività (medicina generale) anche se con garanzia pregressa, non coprirà eventuali richieste relative alla precedente attività medica più rischiosa ( interventi chirurgici) Medico pensionato E evidente che se si prevede di andare in pensione a breve conviene acquistare un garanzia postuma (preferibilmente illimitata) che consente di accogliere le eventuali richieste di risarcimento pervenute dopo la cessazione definitiva dell attività professionale e della Polizza RC professionale

18 Esempio Medico in attività con 1 stipula di polizza Assicurazione con Formula Claims made- Garanzia pregressa 5 anni -Garanzia postuma 2 anni L assicurazione si dichiara disponibile a coprire i danni relativi alle azioni legali intentate lungo tutto il periodo in cui il professionista è coperto dalla polizza a condizione che all atto della polizza il professionista non sia a conoscenza del rischio di un azione legale Il Periodo di Copertura assicurativa comprende i cinque anni precedenti alla stipula (Periodo di Retroattività convenuta = Periodo di Garanzia Pregressa), l anno In corso dell assicurazione( Periodo di Assicurazione) ed i due anni successivi (Periodo di Garanzia Postuma) Il Periodo di Efficacia è il periodo intercorrente tra la data del Periodo di Retroattività e la data di scadenza del Periodo di Assicurazione Se il sinistro avviene durante il Periodo di Efficacia e la denuncia avviene nel Periodo di Assicurazione oppure nel Periodo di Garanzia Postuma la Compagnia assicurativa interviene Se il sinistro avviene durante il Periodo di Garanzia Postuma e la denuncia avviene durante tale periodo la compagnia assicurativa interviene Se il sinistro avviene precedentemente ai cinque anni del Periodo di Garanzia Pregressa e viene denunciato durante il Periodo di Efficacia oppure durante il Periodo di Garanzia Postuma la compagnia assicurativa non interviene. Se il sinistro avviene durante il Periodo di Efficacia o durante il Periodo di Garanzia Postuma e la denuncia avviene successivamente e senza che il professionista abbia ancora la copertura assicurativa, la compagnia non interviene.

19 Esempio Medico in attività con rinnovo dell assicurazione Assicurazione con Formula Claims made- Garanzia pregressa 5 anni -Garanzia postuma 2 anni In tal caso si verificano le stesse condizioni e situazioni spostandosi di un anno il Periodo di Assicurazione vengono spostati in avanti di un anno il Periodo della Garanzia pregressa,della Garanzia postuma ed il Periodo di Efficacia Esempio Medico pensionato o che cessa l attività professionale In caso di cessazione dell attività professionale o per libera volontà o per pensionamento, se si vuol tener conto del fatto che la prescrizione per la responsabilità civile è almeno di 10 anni, per mantenere tale durata di copertura occorre continuare a rinnovare per altri 10 l assicurazione. Il problema non si pone se il medico ha una polizza stipulata prima del Pensionamento o della cessazione dell attività che comprende una garanzia postuma di 10 anni o meglio ancora una postuma illimitata N.B. Estensione della copertura assicurativa Esiste in alcune compagnie assicurative una clausola di estensione automatica dell assicurazione di 2 anni,senza alcun premio aggiuntivo. L estensione alla copertura di eventi, errori od omissioni accaduti o commessi durante il Periodo di Efficacia è valida purchè le richieste di risarcimento siano fatte contro l assicurato e da lui debitamente denunciate alla compagnia assicurativa nel corso di tale durata di due anni. Esempio Medico pensionato che svolge attività professionale diversa rispetto a quella svolta precedentemente In tal caso occorre una copertura assicurativa rivolta sia al periodo di attività precedente al pensionamento (se si vuol tener conto del fatto che la prescrizione per la responsabilità civile è almeno di 10 anni) e sia una copertura assicurativa valida rivolta alla nuova attività lavorativa ( Esempio Medico ospedaliero o medico di medicina generale che dopo il pensionamento svolgono l attività di direttore presso una RSA) Esempio Medico che svolge attività professionale diversa rispetto a quella svolta precedentemente In tal caso occorre una copertura assicurativa rivolta sia al periodo di attività precedente e sia una copertura assicurativa valida rivolta alla nuova attività lavorativa

20 Alcuni aspetti della polizza RC professionale da valutare con attenzione CONSENSO INFORMATO DOPPIA POLIZZA ATTI INVASIVI DIAGNOSTICI E TERAPEUTICI E INTERVENTI CHIRURGICI. RC DA CONDUZIONE DEI LOCALI GARANZIE COMPRESE IN POLIZZA ESCLUSIONI

21 CONSENSO INFORMATO Ai fini di una valida copertura assicurativa riguardante la responsabilità sul consenso informato occorre prestare molta attenzione alle clausole riguardanti il consenso informato,operanti della polizza onde evitare spiacevoli e significativi danni al momento di un eventuale sinistro Nella maggior parte delle polizze la compagnia assicurativa richiede l acquisizione di valido consenso informato scritto e,ai fini dell operatività della garanzia, non risponde di eventuali responsabilità imputabili esclusivamente ad assenza di valido consenso informato. Infatti nel caso in cui il paziente imputa al medico esclusivamente un tale tipo di responsabilità la polizza assicurativa non può agire, anche se il medico ha correttamente eseguito la sua prestazione. Essendo l'esclusione della garanzia limitata ai soli casi di responsabilità derivante dall assenza di valido consenso informato scritto, la polizza assicurativa sarà comunque operativa nel caso in cui il paziente imputa al professionista di avere subito un danno a seguito di un intervento, senza in alcun modo porre detto danno in correlazione con l acquisizione o meno di un valido consenso informato. Alcune polizze contengono clausole che escludono qualsiasi copertura assicurativa in mancanza di valido consenso informato scritto a prescindere dalla tipologia di responsabilità fatta valere dal paziente Altre polizze non precisano se il consenso debba essere scritto o verbale e, rimandando al momento della trattazione del sinistro la verifica dell'effettiva validità del consenso, non forniscono una certa e concreta portata applicativa della garanzia assicurativa. Infine esistono polizze che prevedono scoperti e/o franchigie a fronte della mancata acquisizione di valido consenso informato.

22 Doppia polizza. L'assicurazione multipla e la disciplina dell'art.1910 del c.c. La copertura a secondo rischio. E' previsto dalla legge la possibilità di stipulare più polizze assicurative per lo stesso rischio presso diversi assicuratori L'articolo 1910 del Codice Civile riguarda la contemporanea presenza di più polizze per lo stesso rischio. Due polizze diverse stipulate per lo stesso rischio non sempre comunque rappresentano una maggiore copertura assicurativa, bensì talvolta possono far sorgere problemi circa il risarcimento del danno. Nel caso di più polizze stipulate per lo stesso rischio si possono, a seconda delle diverse Compagnie, delineare una delle seguenti situazioni: - assicurazione multipla; - copertura a secondo rischio. Nel primo caso, l assicurato può chiedere a ciascun assicuratore l indennità dovuta secondo il rispettivo contratto a condizione che le somme richieste non superino l ammontare del danno. Nel secondo caso la polizza RC professionale non opererà a primo rischio ma interverrà solo per le somme del danno eccedenti il massimale delle altre polizze RC professionale, dette di primo rischio

23 Assicurazione multipla- Art.1910 del c.c. Nel caso di assicurazione multipla vengono stipulate dall'assicurato più assicurazioni a copertura dello stesso rischio presso diversi assicuratori. L'articolo 1910 del Codice Civile (Assicurazione presso diversi assicuratori), che riguarda la contemporanea presenza di più polizze per lo stesso rischio, recita:"se per il medesimo rischio sono contratte separatamente più assicurazioni presso diversi assicuratori, l'assicurato deve dare avviso di tutte le assicurazioni a ciascun assicuratore. Se l'assicurato omette dolosamente di dare l'avviso, gli assicuratori non sono tenuti a pagare l'indennità. Nel caso di sinistro, l'assicurato deve darne avviso a tutti gli assicuratori a norma dell'articolo 1913, indicando a ciascuno il nome degli altri. L'assicurato può chiedere a ciascun assicuratore l'indennità dovuta secondo il rispettivo contratto, purché le somme complessivamente riscosse non superino l'ammontare del danno. L'assicuratore che ha pagato ha diritto di regresso contro gli altri per la ripartizione proporzionale in ragione delle indennità dovute secondo i rispettivi contratti. Se un assicuratore è insolvente, la sua quota viene ripartita fra gli altri assicuratori L'art c.c. è espressione di un principio generale teso ad evitare che il danneggiato percepisca un risarcimento superiore al danno effettivamente subito. Questo principio è bene esplicitato nella Sentenza della Corte di Cassazione n.511/2002. Per affermare tale principio viene imposto all'assicurato l'obbligo di informare ciascun assicuratore di tutte le polizze stipulate, con la possibile perdita, in caso di inadempienza dolosa, della copertura del rischio assicurato. Nell'art.1910 per l'assicurazione multipla si configura un'obbligazione solidale in caso di insolvenza di un assicuratore

24 Copertura a secondo rischio In ambito assicurativo è importante il concetto di Copertura a primo rischio"e di "Copertura a secondo rischio" Nelle condizioni generali di un contratto assicurativo occorre verificare: se la copertura assicurativa è attiva per il primo o il secondo rischio; se la copertura a primo rischio sussiste solo se non sono state stipulate delle altre polizze di assicurazione per il medesimo rischio; se prendere in considerazione la possibilità di stipulare una polizza di secondo rischio ; che ci sia una continuità della copertura del sinistro tra la polizza di primo rischio e quella di secondo rischio ( es. se la polizza di primo rischio copre il sinistro fino ad un massimale di , 00 euro, la polizza di secondo rischio coprirà il rischio a partire da ,00 euro fino3 milioni di euro ; nel caso in cui il massimale della polizza di primo rischio fosse di un importo inferiore ,00 la franchigia propria della polizza di secondo rischio comporterebbe inevitabilmente l'esposizione del professionista alla somma di , 00 euro riferita al rischio ) Le coperture di "secondo rischio", che si caratterizzano per avere una franchigia pari o superiore al massimale di un'altra polizza stipulata per il medesimo rischio, non rientrano nelle previsioni dell'art.1910 del Codice Civile, in quanto non operano simultaneamente, pur riferendosi al medesimo rischio. La polizza di secondo rischio, infatti, inizia quando cessa l'operatività della polizza di primo rischio.

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

CNDCEC ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa Convenzione RC professionale

CNDCEC ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa Convenzione RC professionale CNDCEC ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa Convenzione RC professionale Il Consiglio Nazionale ha stipulato a seguito di bando di gara con l 'ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa una convenzione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

AIG Europe Limited Rappresentanza Generale per l Italia - Via della Chiusa, 2-20123 Milano

AIG Europe Limited Rappresentanza Generale per l Italia - Via della Chiusa, 2-20123 Milano DEFINIZIONI Nel testo che segue, si intendono : - per Assicurato si intende il soggetto il cui interesse è protetto dall'assicurazione (a titolo esemplificativo: il Professionista, lo Studio Associato,

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI.

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. - Il professionista, medico specialista, il medico veterinario e delle altre professionalità sanitarie di cui

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli