La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Visto di conformità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Visto di conformità"

Transcript

1 Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N Visto di conformità La Legge di Stabilità 2014 estende il visto di conformità alle compensazioni orizzontali dei crediti Irpef, Ires, Irap, imposte sostitutive per importi superiori a Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Per poter effettuare compensazioni orizzontali del credito Iva annuale, ai sensi dell art. 10, D.L. 78/2009, conv. con mod. dalla L. 102/2009, per importi superiori a annui, è necessario attendere il mese successivo a quello di presentazione della Dichiarazione, ed, inoltre, è necessario il rilascio del visto di conformità da parte di un soggetto abilitato. La Legge di Stabilità 2014 (art. 1, comma 574, L. 147/2013) ha esteso il visto di conformità alle compensazioni orizzontali dei crediti delle imposte sui redditi, Irap, ritenute, imposte sostitutive delle imposte sui redditi derivanti dal Modello Unico, per somme superiori a euro Diversamente dalle regole Iva, la norma contenuta nella Legge di Stabilità 2014, NN richiede che il visto sia apposto prima delle compensazioni; di conseguenza, le compensazioni possono avvenire a condizione che la dichiarazione (anche presentata in futuro) sia munita del visto. Per quanto riguarda le condizioni necessarie per il rilascio del visto di conformità, valgono le stesse regole sia ai fini Iva, che per i crediti delle imposte sui redditi, Irap, ritenute, imposte sostitutive delle imposte sui redditi derivanti dal Modello Unico: 1. I soggetti che possono rilasciare il visto di conformità sono individuati dall art. 35, D.Lgs. n. 241/97, e sono: i Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili; i Consulenti del Lavoro; i periti, esperti tributari iscritti alla data del nei relativi ruoli tenuti presso la CCIAA, in possesso della laurea in giurisprudenza o economia, o equipollenti, ovvero del diploma di ragioneria; 1

2 i responsabili dell assistenza fiscale di un CAF imprese. Per le società di capitali che sono soggette al controllo contabile (art bis c.c.) il visto di conformità può essere facoltativamente sostituito dalla sottoscrizione della dichiarazione dal professionista preposto al controllo contabile (che attesti l'esecuzione dei controlli previsti). 2. Per poter apporre il visto di conformità, devono essere soddisfatte alcune condizioni. Le scritture contabili devono essere tenute e la dichiarazione deve essere predisposta dal soggetto che appone il visto. Per poter rilasciare il visto di conformità, il professionista deve risultare iscritto nell apposito elenco dei soggetti abilitati tenuto dalla Direzione Regionale dell Agenzia delle Entrate. Il professionista che intende rilasciare il visto di conformità, deve sottoscrivere una polizza assicurativa al fine di garantire il completo risarcimento dell eventuale danno arrecato al contribuente, anche di minima entità. Per poter rilasciare il visto di conformità, è necessario porre in essere una serie di controlli e conservare una traccia del lavoro svolto. Visto di conformità credito Iva La compensazione orizzontale del credito Iva è soggetta a particolari limitazioni. Si rammenta che, come precisato dall Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 1/E, costituisce compensazione orizzontale, la compensazione che necessariamente deve essere esposta nel mod. F24, ossia la compensazione del credito Iva con imposte, contributi, premi o altri versamenti diversi dall Iva dovuta a saldo, acconto o versamento periodico. In particolare: la compensazione orizzontale del credito Iva annuale o trimestrale, nel mod. F24, per importi superiori a annui: può essere effettuata esclusivamente attraverso i servizi telematici forniti dall Agenzia delle Entrate dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale o dell istanza trimestrale; L Agenzia nella Circolare , n. 29/E ha aggiunto che: le compensazioni che non soggiacciono alle limitazioni sono esclusivamente quelle utilizzate per il pagamento di un debito della medesima imposta, relativo ad un periodo successivo rispetto a quello di maturazione del credito. 2

3 per poter compensare il credito Iva annuale per importi superiori a annui, è necessario anche il rilascio del visto di conformità da parte di un soggetto abilitato. Legge di Stabilità 2014 Per effetto della normativa introdotta dalla Legge di Stabilità 2014 (art. 1, comma 574, L. 147/2013) il visto di conformità, ex art. 35, comma 1, lett. a), D.Lgs. n. 241/97, è necessario nella relativa dichiarazione per l utilizzo in compensazione nel mod. F24 dei crediti Irpef, Ires, Irap, imposte sostitutive e ritenute alla fonte, per importi superiori a annui. Il citato comma 574 stabilisce che: A decorrere dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2013, i contribuenti che, ai sensi dell'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, utilizzano in compensazione i crediti relativi alle imposte sui redditi e alle relative addizionali, alle ritenute alla fonte di cui all'articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, alle imposte sostitutive delle imposte sul reddito e all'imposta regionale sulle attività produttive, per importi superiori a euro annui, hanno l'obbligo di richiedere l'apposizione del visto di conformità di cui all'articolo 35, comma 1, lettera a), del citato decreto legislativo n. 241 del 1997, relativamente alle singole dichiarazioni dalle quali emerge il credito. La citata normativa riguarda i crediti maturati dal 2013, il cui utilizzo in compensazione orizzontale è possibile dal primo giorno del periodo d imposta successivo, ossia dall , per i contribuenti con esercizio coincidente con l anno solare. La disposizione, introdotta allo scopo di contrastare l indebito utilizzo in compensazione dei crediti nel mod. F24, segue regole parzialmente diverse da quelle relative al credito Iva, considerato che la tempistica di presentazione delle dichiarazioni, il cui credito è oggetto di verifica è collocata a luglio con riferimento al mod. 770, e a settembre con riferimento al mod. Unico/Irap. I crediti oggetto di monitoraggio, sono quelli che scaturiscono dalle dichiarazioni fiscali, ossia in particolare del credito: Irpef Ires derivante dalle dichiarazioni dei redditi; per addizionale regionale e comunale derivante dal mod. Unico Pf e maggiorazione Ires, derivante dal mod. Unico Sc; per imposte sostitutive (ad esempio, cedolare secca, Ivie e Ivafe); 3

4 Irap derivante dalla relativa dichiarazione; per ritenute alla fonte risultante dal mod In occasione di Telefisco 2014, l Agenzia delle Entrate ha fornito vari chiarimenti sul tema, riportati nella seguente tabella: Calcolo soglia dei euro e tipo di compensazione Il limite si applica alle compensazioni verticali? Momento di apposizione del visto Crediti residui del 2012 La soglia dei euro si riferisce a ciascun singolo tributo utilizzato in compensazione, e non alla sommatoria degli stessi. Il limite non si applica alle compensazioni verticali. Diversamente dalle regole Iva, la norma non richiede che il visto sia apposto prima delle compensazioni; quindi, le compensazioni possono avvenire a condizione che la dichiarazione (anche presentata in futuro) sia munita del visto. L utilizzo dei residui crediti del 2012, sino al termine di presentazione della prossima dichiarazione, non soggiace all obbligo di apposizione del visto, anche in caso di superamento della soglia dei euro. Analogamente al credito Iva, l obbligo del visto di conformità non dipende dall entità del credito maturato in dichiarazione, ma dall ammontare del relativo utilizzo fino alla data in cui lo stesso può essere utilizzato, ossia entro il termine di presentazione della dichiarazione dell anno successivo. Procedure Per quanto riguarda procedure e condizioni necessarie per il rilascio del visto di conformità, valgono le stesse regole sia ai fini Iva che per i crediti delle imposte sui redditi, Irap, ritenute, imposte sostitutive delle imposte sui redditi derivanti dal Modello Unico, visto il diretto richiamo ad opera della Legge di Stabilità della previgente normativa. Soggetti abilitati I soggetti che possono rilasciare il visto di conformità sono individuati dall art. 35, D.Lgs. n. 241/97, e sono: i Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili; i Consulenti del Lavoro; 4

5 i periti, esperti tributari, iscritti alla data del nei relativi ruoli tenuti presso la CCIAA, in possesso della laurea in giurisprudenza o economia, o equipollenti, ovvero del diploma di ragioneria; i responsabili dell assistenza fiscale di un CAF imprese. Per le società di capitali che sono soggette al controllo contabile (art bis c.c.) il visto di conformità può essere facoltativamente sostituito dalla sottoscrizione della dichiarazione dal professionista preposto al controllo contabile (che attesti l'esecuzione dei controlli previsti). Condizioni necessarie: tenuta scritture contabili Per poter apporre il visto di conformità, devono essere soddisfatte alcune condizioni. Le scritture contabili devono essere tenute e la dichiarazione deve essere predisposta dal soggetto che appone il visto. Come disposto dall art. 23, D.M. n. 164/99, e confermato dall Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 57/E, le scritture contabili si intendono tenute e la dichiarazione si intende predisposta dal professionista abilitato, anche quando sono tenute e predisposte: direttamente dal contribuente; da una società di servizi di cui uno o più professionisti posseggano la maggioranza assoluta del capitale sociale. Tali attività devono essere eseguite sotto il diretto controllo e la responsabilità del professionista abilitato. Nella Circolare n. 57/E, l Agenzia delle Entrate consente al contribuente di rivolgersi a un CAF imprese o a un professionista abilitato all apposizione del visto, nel caso in cui le scritture contabili siano tenute da un soggetto che non può apporre il visto di conformità. In tal caso, il contribuente dovrà fornire al CAF imprese o al professionista abilitato, la documentazione necessaria per consentire agli stessi di effettuare la verifica della conformità dei dati esposti o da esporre nella dichiarazione. 5

6 In riferimento alle società di servizi, l Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 12/E, precisa che: in presenza di più di 2 soci tenuto conto che nessuno dei soci potrebbe possedere la maggioranza assoluta, la norma prevede la possibilità che la stessa sia posseduta da più professionisti che siano abilitati all apposizione del visto di conformità ; il requisito del possesso della maggioranza assoluta del capitale sociale da parte dei professionisti abilitati deve sussistere per l intero periodo d imposta e fino al rilascio del visto. In mancanza di tale requisito temporale si configura un ipotesi di tenuta delle scritture contabili da parte di un soggetto non abilitato al rilascio del visto con conseguente possibilità, per il contribuente, di rivolgersi ad un CAF imprese, ovvero a un professionista abilitato. Polizza assicurativa Il professionista che intende rilasciare il visto di conformità, deve sottoscrivere una polizza assicurativa al fine di garantire il completo risarcimento dell eventuale danno arrecato al contribuente, anche di minima entità. A tal fine: La copertura assicurativa deve riferirsi alla prestazione dell assistenza fiscale, senza alcuna limitazione della garanzia a un solo specifico modello di dichiarazione. Il massimale della polizza, come previsto dall art. 6, D.M. n. 164/99, deve essere adeguato al numero dei contribuenti assistiti, nonché al numero dei visti di conformità, delle asseverazioni e delle certificazioni tributarie rilasciati, e non deve essere inferiore a ,80. La copertura assicurativa non deve contenere franchigie o scoperti, salvo il caso in cui la società assicuratrice si impegni espressamente a risarcire il terzo danneggiato, riservandosi la facoltà di rivalersi successivamente sull assicurato, per l importo rientrante in franchigia. La polizza assicurativa deve prevedere per gli errori commessi nel periodo di validità della stessa, il totale risarcimento del danno denunciato nei 5 anni successivi alla scadenza del contratto, indipendentemente dalla causa che ha determinato la cessazione del rapporto assicurativo. 6

7 Iscrizione nell elenco dei certificatori Per poter rilasciare il visto di conformità, il professionista deve risultare iscritto nell apposito elenco dei soggetti abilitati, tenuto dalla Direzione Regionale dell Agenzia delle Entrate. La comunicazione da inviare per effettuare l iscrizione, deve contenere le seguenti informazioni: la richiesta di essere inserito nell elenco centralizzato, dell Agenzia delle Entrate, dei soggetti legittimati al rilascio del visto di conformità sulle dichiarazioni fiscali; i dati anagrafici, requisiti professionali, numero di codice fiscale e partita Iva; il domicilio e altri luoghi dove viene esercitata la propria attività professionale; la denominazione o ragione sociale e dati anagrafici dei soci e dei componenti il consiglio di amministrazione e, ove previsto, del collegio sindacale delle società di servizi, delle quali il professionista intende avvalersi per lo svolgimento dell attività di assistenza fiscale, con l indicazione delle specifiche attività da affidare alle stesse. Alla comunicazione dovranno essere allegati: la dichiarazione relativa all insussistenza di provvedimenti di sospensione dell ordine di appartenenza; la dichiarazione relativa alla sussistenza dei requisiti (art. 8, comma 1, D.M. n. 164/1999); la dichiarazione attestante il possesso dell abilitazione, rilasciata dall Agenzia delle Entrate, alla trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali; garanzia assicurativa, da produrre integralmente in originale o copia conforme, che deve essere riservata all attività di assistenza fiscale. In merito a quest ultimo punto, si osserva che i professionisti già iscritti nell elenco dei soggetti abilitati, al fine di mantenere, senza soluzione di continuità, l iscrizione nello stesso devono far pervenire alla competente DRE il rinnovo della polizza assicurativa o l attestato di quietanza di pagamento, se il premio è rateizzato. Sul tema, si segnalano i seguenti interventi. 7

8 Tabella n. 1 - Modalità operative invio rinnovo della polizza assicurativa o l attestato di quietanza di pagamento Ente Procedure Nota della DRE Lombardia del L invio può essere effettuato tramite raccomandata A/R, ovvero tramite pec. La mancata trasmissione della prescritta documentazione, sarà comunicata all interessato, con invito alla regolarizzazione, prima della cancellazione dall elenco per rinuncia dello stesso; Nota della DRE Piemonte del L invio va effettuato entro 30 giorni dalla scadenza tramite consegna a mano, raccomandata A/R, fax, / pec. In caso di inottemperanza entro il predetto termine, il soggetto sarà cancellato per rinuncia all iscrizione. Il mancato rispetto di tale temine comporterà che il professionista non potrà apporre il visto e sarà cancellato dall elenco; tuttavia, lo stesso può nuovamente iscriversi producendo una nuova e completa comunicazione, ai sensi dell art. 21 del D.M. 164/99. Come precisato dall Agenzia delle Entrate nel Comunicato stampa : tutti i soggetti richiedenti, purché in possesso dei requisiti previsti, saranno inseriti nell elenco centralizzato dei soggetti abilitati all apposizione del visto di conformità a decorrere dalla data della comunicazione. Nessun ulteriore adempimento Il soggetto che è già in possesso dei requisiti necessari per l apposizione del visto di conformità ai fini del credito Iva, non deve porre in essere alcun ulteriore adempimento preventivo ai fini del rilascio del visto di conformità sulle altre dichiarazioni, con l accortezza di verificare che il massimale della propria polizza assicurativa sia adeguato. 8

9 Controlli che il professionista deve effettuare Il rilascio del visto di conformità è attestata dalla corrispondenza dei dati esposti in dichiarazione con le risultanze della documentazione, ovvero la correttezza formale della dichiarazione, nonché la regolarità delle scritture contabili. Tenendo presenti i chiarimenti forniti dal Ministero delle Finanze nella Circolare , n. 134/E e dall Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 57/E: il controllo è finalizzato ad evitare errori materiali e di calcolo nella determinazione dell imponibile e dell imposta, nonché nel riporto del credito dell anno precedente; il controllo implica la verifica: 1. della regolare tenuta e conservazione delle scritture contabili; 2. della corrispondenza dei dati esposti in dichiarazione alle risultanze delle scritture contabili e della corrispondenza dei dati esposti nelle scritture contabili alla documentazione; 3. l attività di verifica non comporta alcuna valutazione di merito, ma solo un riscontro documentale in ordine all ammontare delle componenti positive e negative, rilevanti ai fini delle imposte sui redditi e dell Irap. In merito ai predetti aspetti si ritiene opportuno che l Agenzia delle Entrate fornisca gli elementi utili per poter individuare la check list degli elementi da verificare, così come effettuato con riferimento al credito Iva. Visto di conformità Iva Per poter rilasciare il visto di conformità, è necessario porre in essere una serie di controlli e conservare una traccia del lavoro svolto. Ai fini del rilascio del visto di conformità del credito Iva annuale, l Agenzia delle Entrate richiede al certificatore l esecuzione dei seguenti controlli: il controllo del codice attività; il controllo documentale; la conservazione della documentazione. Il professionista dovrà verificare che il codice attività indicato nella dichiarazione Iva annuale, corrisponda con quello risultante dalla documentazione contabile, desunto dalla Tabella ATEC L Agenzia delle Entrate ha individuato una serie di verifiche sufficienti per l attestazione della corretta esecuzione dei controlli richiesti dal citato art. 2, comma 2. 9

10 A tal fine, va verificata la sussistenza delle fattispecie che, in linea generale, sono idonee a generare il credito Iva, ossia la presenza: prevalente di operazioni attive soggette ad aliquote più basse rispetto a quelle gravanti sugli acquisti e sulle importazioni; di operazioni non imponibili; di operazioni di acquisto o importazione di beni ammortizzabili; di operazioni non soggette all imposta; di operazioni non imponibili effettuate da produttori agricoli. La Circolare n. 12/E precisa che: il certificatore deve specificare quali fattispecie hanno generato l eccedenza di imposta anche integrando la check-list con altre fattispecie idonee a generare l eccedenza di imposta, in tale ottica, la prevalenza delle operazioni va considerata in funzione della capacità di generare il credito nel caso concreto [ ]. La check-list delle fattispecie che possono aver generato il credito Iva, fornita nella Circolare n. 57/E, va considerata esemplificativa e non esaustiva quindi, se necessario, va integrata dal soggetto che appone il visto con lo specifico caso analizzato. È necessario verificare l integrale corrispondenza tra la documentazione e i dati esposti nelle scritture contabili, nel caso particolare in cui il credito Iva destinato dal contribuente all utilizzo in compensazione, sia pari o superiore al volume d affari. Diversamente, nei casi più frequenti, ossia qualora il credito Iva sia inferiore al volume d affari, l Agenzia ritiene sufficiente verificare la documentazione rilevante ai fini Iva, con imposta superiore al 10% dell ammontare complessivo dell Iva detratta nell anno. Si ritiene che tale ultimo riferimento, vada inteso nel senso che il controllo va effettuato non solo per le fatture d acquisto, bensì anche per le fatture emesse. E anche opportuno procedere al riscontro dei saldi delle liquidazioni periodiche (mensili/trimestrali) e dei relativi versamenti con quanto riportato nella dichiarazione Iva annuale (quadri VH e VL). In presenza di un credito Iva formatosi in anni precedenti, è necessario procedere alla verifica dell esposizione del credito nella dichiarazione presentata. 10

11 Check List CHECK LIST VIST DI CNFRMITA' DICHIARAZINE IVA 2014 (ANN 2013) L art. 10 del D.L. n. 78/2009, convertito dalla L. n. 102/2009 così come modificato dal D.L. n.16/2012, dispone che i contribuenti i quali intendono utilizzare in compensazione crediti Iva per importi superiori a annui, hanno l obbligo di richiedere l apposizione del visto di conformità di cui all art. 35, comma 1, lett. a), D.Lgs. n. 241/97, alla dichiarazione dalla quale emerge il credito, tenendo presente le istruzioni operative fornite dall Agenzia delle Entrate, nelle Circolari , n. 57/E e , n. 12/E, per attestare la correttezza dell esecuzione dei controlli previsti dall art. 2, comma 2, D.M. n. 164/99, si dà atto di seguito dell attività di controllo svolta. Cliente: n. partita Iva: Codice attività: Descrizione attività: SI N NTE Il codice attività indicato nel mod. Iva 2014 corrisponde a quello risultante dalla documentazione contabile? Il codice attività indicato nel mod. Iva 2014 corrisponde a quello riferito all attività prevalente in base al volume d affari? Tenuta scritture contabili obbligatorie ai fini Iva Direttamente dal professionista Da una società di servizi di cui uno o più professionisti posseggono la maggioranza assoluta del capitale sociale, sotto il controllo e la responsabilità del professionista Direttamente dal contribuente, sotto il controllo e la responsabilità del professionista Direttamente dal CAF imprese Da una società di servizi il cui capitale sociale è posseduto a maggioranza assoluta dalle associazioni che lo hanno costituito, ovvero interamente dagli associati delle predette associazioni, sotto il controllo e la responsabilità del CAF Da un soggetto che non può apporre il visto di conformità (il contribuente ha esibito la documentazione necessaria per consentire la verifica della conformità dei dati esposti o da esporre nella dichiarazione annuale) 11

12 Le scritture contabili obbligatorie ai fini Iva sono tenute e conservate regolarmente Registro fatture emesse SI N Registro corrispettivi Registro acquisti I dati esposti nel mod. Iva 2014 corrispondono alle risultanze delle scritture contabili obbligatorie ai fini Iva Controllo liquidazioni periodiche gennaio-13 febbraio-13 marzo-13 aprile-13 maggio-13 giugno-13 luglio-13 agosto-13 settembre-13 ottobre-13 novembre-13 dicembre-13 CNTRIBUENTE MENSILE DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT IMPRT SI N DATA VERSAMENT 12

13 I suddetti importi corrispondono con quanto esposto nel mod. Iva 2014? 1 TRIMESTRE TRIMESTRE TRIMESTRE TRIMESTRE 2013/SALD IVA 2013 CNTRIBUENTE TRIMESTRALE DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT DEBIT/CREDIT IMPRT SI N DATA VERSAMENT I suddetti importi corrispondono con quanto esposto nel mod. Iva 2014? Al mod. Iva 2013 è stato apposto il visto di conformità? Ammontare del credito Iva 2012 risultante dal mod. Iva 2013 regolarmente presentato in via telematica: di cui richiesto a rimborso di cui riportato nel 2013 L ammontare indicato a rigo VL8 del mod. Iva 2014 corrisponde al credito Iva 2012 riportato nel 2013? Ammontare del credito Iva 2012 utilizzato in compensazione orizzontale nel mod. F24? Tale importo corrisponde a quanto indicato a rigo VL9 del mod. IVA 2014? SI SI N N Euro Euro Euro Euro Ammontare credito Iva 2013 risultante dal mod. Iva 2014 Euro Fattispecie che ha generato il credito Iva Prevalenza operazioni attive soggette ad aliquote più basse rispetto a quelle gravanti sugli acquisti e sulle importazioni? perazioni non imponibili (artt. 8, 8-bis, 9, ecc.)? perazioni di acquisto o importazione di beni ammortizzabili? SI N 13

14 perazioni non soggette all imposta (artt. 7- ter / 7-septies)? perazioni non imponibili effettuate da produttori agricoli? Il credito Iva 2013 è superiore al volume d affari? Se si, è stata effettuata l integrale verifica della corrispondenza tra la documentazione e i dati esposti nei registri Iva? Ammontare Iva detratta nel 2013? Fatture acquisti / emesse da controllare con Iva superiore a (10% dell iva detratta nel 2013)? Euro Euro Fatture acquisti verificate con Iva superiore a Euro Prot. reg. acquisti Fattura n./fornitore Data Imponibile Iva Totale Prot. reg. acquisti Fattura n./fornitore Data Imponibile Iva Totale Prot. reg. acquisti Fattura n./fornitore Data Imponibile Iva Totale Fatture emesse verificate con IVA superiore a Euro Prot. reg. vendite Fattura n./cliente Data Imponibile Iva Totale Prot. reg. vendite Fattura n./cliente Data Imponibile Iva Totale Prot. reg. vendite Fattura n./cliente Data Imponibile Iva Totale 14

15 Tutti i controlli e le verifiche sopra rendicontate hanno dato esito positivo. Data Firma professionista abilitato / responsabile fiscale CAF imprese Sanzioni Il mancato controllo nel rilascio del visto di conformità, comporta l applicazione delle seguenti sanzioni: sanzione amministrativa da 258,00 euro a 2582,00 euro in caso di attestazione infedele del credito vantato del contribuente, causa controlli insufficienti del soggetto che ha rilasciato il visto di conformità; in presenza di violazioni ripetute alla sanzione amministrativa da 258,00 euro a 2582,00 si può aggiungere la sospensione al rilascio del visto di conformità. Nel caso di violazioni gravi, si può arrivare anche all inibizione. Per i soggetti che rilasciano il visto di conformità, è necessario tener presente che la compensazione dei crediti relativi alle imposte erariali, è vietata in caso siano in essere debiti erariali iscritti a ruolo di ammontare superiore a e scaduti alla data della compensazione. In tale caso è previsto in capo al contribuente una sanzione pari al 50% dell importo dei debiti iscritti a ruolo, e per i quali è scaduto il termine di pagamento. Per evitare il richiamo di responsabilità, il professionista deve effettuare un adeguata verifica presso gli agenti della riscossione, o farsi rilasciare un attestazione dal cliente, in cui dichiara l assenza di debiti erariali iscritti a ruolo di ammontare superiore a Visto di conformità a sé stessi Una questione particolarmente delicata riguarda la possibilità che il professionista possa asseverare i propri crediti, diventando di fatto il controllore di sé stesso. Tale comportamento non è espressamente vietato dalle norme e, pertanto, può essere considerato lecito. Il caso: Visto di conformità e studi associati Altra situazione particolare è quella concernente i professionisti che svolgono l attività in forma associata. 15

16 Si ricorda che dal 2010, anche i professionisti che svolgono l attività in forma associata, sono stati messi in condizione di beneficiario della c.d. compensazione orizzontale. Con circolare n. 56/E del 2009, infatti, l Agenzia delle Entrate, con un interpretazione evolutiva e sistematica delle norme (che non sono state modificate), ha esteso ai soggetti, di cui all art. 5 del Tuir, l accesso alla compensazione orizzontale dei tributi e contributi, introdotta dall art. 17 del D.Lgs. n. 241/1997. ra, a seguito della modifica apportata dalla Legge di Stabilità, occorre chiedersi su quale delle due dichiarazioni vada apposto il visto di conformità: su quella del socio/associato, nella quale è evidenziato il credito per ritenute d acconto non utilizzate e riattribuite all ente collettivo, oppure su quella dell ente collettivo, nella quale è evidenziato il credito per ritenute d acconto non utilizzate e riattribuite dal socio/associato. Si ritiene che, il visto vada apposto sulla dichiarazione dell ente collettivo, in quanto è il soggetto che in concreto utilizza il credito in compensazione e tale credito emerge (quadro RK) dalla propria dichiarazione. - Riproduzione riservata - 16

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 INFORMATIVA N. 024 27 GENNAIO 2012 IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 Art. 10, DL n. 78/2009 Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n.

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DAMIA ADRIANI 1/10 OGGETTO VISTO DI CONFORMITÀ O SOTTOSCRIZIONE DELL ORGA DI CONTROLLO SULLA DICHIARAZIONE IVA ANNUALE PER LA COMPENSAZIONE DI CREDITI IVA PER IMPORTI SUPERIORI A 15.000,00 EURO ANNUI RIFERIMENTI

Dettagli

OGGETTO: Check list visto di conformità

OGGETTO: Check list visto di conformità Informativa per la clientela di studio N. 29 del 18.02.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check list visto di conformità Per poter effettuare compensazioni orizzontali del credito IVA annuale,

Dettagli

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES E IRAP SOPRA LA SOGLIA DEI 15 MILA EURO; OBBLIGO DI VISTO DI CONFORMITA (Rif. Normativo: Art.1 comma 574 della

Dettagli

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO Circolare informativa per la clientela n. 28/2014 del 16 ottobre 2014 VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO In questa Circolare 1. Comunicazione 2. Chi può apporre il

Dettagli

L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA. Dott. Enrico Zanetti

L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA. Dott. Enrico Zanetti L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA Dott. Enrico Zanetti DL ANTICRISI 78/2009 INTERVENTI DELL ART. 10 DEL DL 78/2010 Incremento delle compensazioni dei crediti fiscali 1. LA COMPENSAZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale della Toscana Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI

Dettagli

NUOVI VINCOLI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA. Dott. Alessandro COTTO

NUOVI VINCOLI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA. Dott. Alessandro COTTO NUOVI VINCOLI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA Dott. Alessandro COTTO DL ANTICRISI 78/2009 INTERVENTI DELL ART. 10 DEL DL 78/2010 Incremento delle compensazioni dei crediti fiscali 1. LA COMPENSAZIONE

Dettagli

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi P a g i n a 1 Aggiornamento 30 giugno 2014 VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

Dettagli

Circolare n. 5. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Condizioni oggettive per il rilascio del visto... 2. 3 Soggetti abilitati al rilascio del visto...

Circolare n. 5. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Condizioni oggettive per il rilascio del visto... 2. 3 Soggetti abilitati al rilascio del visto... Circolare n. 5 Guida al visto di conformità (art. 10 D.L. 1.7.2009, n. 78) Indice 1 Premessa... 2 2 Condizioni oggettive per il rilascio del visto... 2 3 Soggetti abilitati al rilascio del visto... 3 4

Dettagli

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità.

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità. 1 Direzione Regionale del Piemonte Settore Servizi e Consulenza Torino, 5 novembre 2009 Ufficio Gestione Tributi All Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili All Ordine dei Consulenti

Dettagli

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 69 06.03.2014 Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Con la novità introdotta

Dettagli

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ Circolare informativa per la clientela n. 23/2014 del 17 luglio 2014 CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ In questa Circolare 1. Iva 2. Altre imposte In linea generale, i crediti che trovano

Dettagli

Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza

Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI INIZIALE ABILITAZIONE - E DI MANTENIMENTO - AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITÀ NORMATIVA DI RIFERIMENTO La disciplina

Dettagli

CREDITI FISCALI E VISTO DI CONFORMITA

CREDITI FISCALI E VISTO DI CONFORMITA CREDITI FISCALI E VISTO DI CONFORMITA (a cura di Renzo Radicioni, Antonella Finazzi, Eleonora Borzani, Carlo Sergi, Giancarlo Modolo e Corrado Sanvito) L art. 1, comma 574 della Legge 27 dicembre 2013

Dettagli

Compensazioni crediti Irpef, Ires, Irap e addizionali: visto di conformità obbligatorio sopra 15.000 euro

Compensazioni crediti Irpef, Ires, Irap e addizionali: visto di conformità obbligatorio sopra 15.000 euro CIRCOLARE A.F. N. 18 del 5 Febbraio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Compensazioni crediti Irpef, Ires, Irap e addizionali: visto di conformità obbligatorio sopra 15.000 euro Gentile cliente, con la presente

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità di cui all articolo

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

STUDIO BOIDI & PARTNERS

STUDIO BOIDI & PARTNERS & PARTNERS commercialisti revisori contabili Dott. ALDO BOIDI DOTT. PROF. MARIO BOIDI DOTT. MASSIMO BOIDI DOTT. FABIO PASQUINI Dott. VALTER RUFFA Dott. ALESSANDRO MARTINI Dott. CAROLA ALBERTI Dott. GIULIANA

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione;

Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione; Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 21 febbraio 2014 Oggetto: Informativa n. 4 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione; Contrasto indebiti rimborsi modello 730 Deducibilità

Dettagli

VISTO DI CONFORMITA IMPOSTE DIRETTE

VISTO DI CONFORMITA IMPOSTE DIRETTE COMMISSIONE DI STUDIO IMPOSTE DIRETTE QUADERNO A cura di Fabio Napoli e Davide Sapienza VISTO DI CONFORMITA IMPOSTE DIRETTE OTTOBRE 2014 1 PREMESSA L art. 1, comma 574, della legge 27 dicembre 2013 n.

Dettagli

CREDITO DI IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN NUOVI BENI STRUMENTALI

CREDITO DI IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN NUOVI BENI STRUMENTALI IMPOSTE E TASSE IMPOSTE DIRETTE SOMMARIO schema di sintesi approfondimenti CREDITO DI IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN NUOVI BENI STRUMENTALI Art. 18 D.L. 24.06.2014, n. 91 L art. 18 D.L. 91/2014 riconosce

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE Antonino Gentile Firma autografa sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell art. 3, comma 2, D.Lgs. n. 39/93.

IL DIRETTORE REGIONALE Antonino Gentile Firma autografa sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell art. 3, comma 2, D.Lgs. n. 39/93. VIA E MAIL Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione tributi Bologna, 16 novembre 2009 Agli Ordini Dei Commercialisti e degli Esperti contabili dell Emilia Romagna

Dettagli

VISTO di CONFORMITÀ: «CHECK LIST»

VISTO di CONFORMITÀ: «CHECK LIST» VISTO di CONFORMITÀ: «CHECK LIST» IN QUESTA CIRCOLARE: 1. Check list per l abilitazione al rilascio del visto di conformità; 2. Fac simile comunicazione a D.R.E. da parte del professionista; 3. Fac simile

Dettagli

Memorandum ad uso dei professionisti

Memorandum ad uso dei professionisti IL VISTO DI CONFORMITÀ Memorandum ad uso dei professionisti Sommario D Cos è il visto di conformità?... 4 D Cosa comporta, invece, l asseverazione e la certificazione tributaria?... 5 D- Chi è legittimato

Dettagli

Memorandum ad uso dei professionisti

Memorandum ad uso dei professionisti IL VISTO DI CONFORMITÀ Memorandum ad uso dei professionisti 2 SOMMARIO Cos è il visto di conformità?.. 5 Chi è legittimato a rilasciare il visto di conformità?.......... 5 Un professionista senza partita

Dettagli

OGGETTO: Visto di conformità per l utilizzo dei crediti superiori a 15.000 euro - Art. 1, comma 574, della legge 27 dicembre 2013 n.

OGGETTO: Visto di conformità per l utilizzo dei crediti superiori a 15.000 euro - Art. 1, comma 574, della legge 27 dicembre 2013 n. CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 25 settembre 2014 OGGETTO: Visto di conformità per l utilizzo dei crediti superiori a 15.000 euro - Art. 1, comma 574, della legge 27

Dettagli

Memorandum ad uso dei professionisti

Memorandum ad uso dei professionisti IL VISTO DI CONFORMITÀ Memorandum ad uso dei professionisti Sommario D Cos è il visto di conformità?... 4 D Cosa comporta, invece, l asseverazione e la certificazione tributaria?... 5 D- Chi è legittimato

Dettagli

TOMASSETTI & PARTNERS Studio di consulenza commerciale tributaria e del lavoro www.tomassetti-partners.it

TOMASSETTI & PARTNERS Studio di consulenza commerciale tributaria e del lavoro www.tomassetti-partners.it CIRCOLARE APPROFONDIMENTO NR. 2 DEL 13.02.2013 ARGOMENTO: COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA 2013 RIF. DI LEGGE: DL 78/2009 ; Premessa Condizioni e termini per la Compensazione del credito IVA In periodi di

Dettagli

Visto di conformità. La normativa e la sua applicazione. A cura di: Marco Sigaudo. (testo aggiornato al 04/02/2013)

Visto di conformità. La normativa e la sua applicazione. A cura di: Marco Sigaudo. (testo aggiornato al 04/02/2013) Visto di conformità La normativa e la sua applicazione (testo aggiornato al 04/02/2013) A cura di: Marco Sigaudo Sommario Introduzione e novità 2013... 3 Comunicazione dati iva... 4 Compensazioni... 5

Dettagli

LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi

LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale La Legge di Stabilità 2014 ha previsto l'obbligo del visto di conformità

Dettagli

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA Roma, 11 febbraio 2010 Le nuove regole

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Il Visto di conformità per la compensazione dei crediti IVA: checklist dei controlli e procedura abilitativa.

Il Visto di conformità per la compensazione dei crediti IVA: checklist dei controlli e procedura abilitativa. Il Visto di conformità per la compensazione dei crediti IVA: checklist dei controlli e procedura abilitativa. a cura di Vittorio Di Guida Pagina 1 di 16 Sommario 1. Premessa....3 2. Assistenza fiscale

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PARTNERS OLIVIERO PERNI LUCA DORENTI OF COUNSEL GIOVANNI INTRIGLIOLO BARBARA BONSIGNORI INTERNATIONAL PARTNERS LUCA SOLDATI LINDA MULLER MAURO BRAMBILLA MARCO GUBLER MASSIMO SOMMARUGA Milano, 2 marzo 2010

Dettagli

Agenzia delle Entrate Circolare del 23 dicembre 2009, n. 57/E

Agenzia delle Entrate Circolare del 23 dicembre 2009, n. 57/E Agenzia delle Entrate Circolare del 23 dicembre 2009, n. 57/E Primi chiarimenti in merito alle disposizioni stabilite dall'articolo 10 del decreto-legge n. 78 del 1 luglio 2009, convertito con modificazioni

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 19 del 10 marzo 2012 DL sulle semplificazioni fiscali (DL 2.3.2012 n. 16) - Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA INDICE 1 Premessa... 2 2 Ambito di

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Ai Gentili Clienti IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Di seguito si illustrano per sommi capi gli aspetti principali dei suddetti adempimenti. Scadenze Comunicazione Iva Presentazione 28/02/2013 Dichiarazione

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 2 09 GENNAIO 2016 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2016

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI E VERSAMENTI

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI E VERSAMENTI SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DICHIARAZIONI SEPARATE PER L AN- NO 2015 SCADENZE PER LA RATEIZZAZIONE TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI E VERSAMENTI D.P.R. 22.07.1998, n. 322 - Art. 3, c. 136 L.

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2015 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2015

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO MODALITÀ DI UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 10, D.L. 1 LUGLIO 2009 N. 78 CONV. IN L. 3 AGOSTO 2009 N. 102 - ARTT. 30, 3 COMMA, 38-BIS, D.P.R. 26.10.1972 N. 633;

Dettagli

OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175

OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 CIRCOLARE N. 7/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 febbraio 2015 OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 2 INDICE 1. ADEMPIMENTI

Dettagli

SOTTOSCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA AI FINI DELLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA

SOTTOSCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA AI FINI DELLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA Documento di ricerca n. 149 SOTTOSCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA AI FINI DELLA COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA 1. SCOPO DEL DOCUMENTO Il presente documento ha l obiettivo di riassumere la disciplina sulla

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI

NEWSLETTER FISCALE FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI NEWSLETTER N. 2/2014 NEWSLETTER FISCALE FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITA FISCALI NUOVO ISEE DPCM 5.12.2013, N. 150 MEDIE DI SETTORE E IMPRESA SITUATA IN PERIFERIA CESSIONE IMMOBILE SOTTOCOSTO

Dettagli

LA LETTRE FISCALE. Notiziario mensile N E W S 1. RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011

LA LETTRE FISCALE. Notiziario mensile N E W S 1. RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011 LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile N E W S CIRCOLARE INFORMATIVA Febbraio 2012 1. RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011 Dallo scorso anno a seguito della soppressione del modello

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso Con un apposito provvedimento il Direttore dell Agenzia delle Entrate ha approvato un nuovo modello di garanzia per la richiesta di rimborso dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 3/2016. Approfondimento. Oggetto: utilizzo in compensazione del credito IVA annuale 2015 e visto di conformità

CIRCOLARE N. 3/2016. Approfondimento. Oggetto: utilizzo in compensazione del credito IVA annuale 2015 e visto di conformità Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Clementina Mercati Dott. Fausto Braglia Dott. Paolo Caprari Reggio Emilia, lì 12 gennaio 2016 CIRCOLARE

Dettagli

Guida al visto di conformità ai fini delle compensazioni dei crediti Iva superiori a 15.000

Guida al visto di conformità ai fini delle compensazioni dei crediti Iva superiori a 15.000 A.L Servizi s.r.l. Via Bergamo n. 25 24035 Curno ( Bg) P.Iva e C.F. 03252150168 Dicembre 28.12.2009 Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371 A

Dettagli

Oggetto: Attività di assistenza fiscale 2010 Circolare n. 16/E del 27 Marzo 2010

Oggetto: Attività di assistenza fiscale 2010 Circolare n. 16/E del 27 Marzo 2010 C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

Novità in materia di Rimborsi IVA

Novità in materia di Rimborsi IVA Circolare 4 del 2 febbraio 2015 Novità in materia di Rimborsi IVA INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 3 Rimborsi di importo fino a 15.000,00 euro...3 4 Rimborsi di importo superiore a 15.000,00

Dettagli

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE CESEDA studio associato Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE Compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2014 Nuovi limiti alle compensazioni d imposta (imposte sui redditi, IRAP, ritenute

Dettagli

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 17 20.01.2014 Credito Iva 2013 Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione L utilizzo in compensazione orizzontale del credito IVA

Dettagli

CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013

CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013 \ CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013 INDICE 1. COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA RELATIVA AL 2013 1.1 SOGGETTI OBBLIGATI 1.2 SOGGETTI ESCLUSI

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 28 Ottobre 2013 Oggetto: Circolare n. 35/2013 del 28 Ottobre

Dettagli

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 Le regole di compensazione del credito IVA relativo all anno 2013 Il visto

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

VISTO DI CONFORMITA'

VISTO DI CONFORMITA' VISTO DI CONFORMITA' IL RILASCIO DA PARTE DEI PROFESSIONISTI I venerdì con l'agenzia delle Entrate: pillole di fiscalità Roma, 13 aprile 2012 I soggetti abilitati 2 I professionisti che possono rilasciare

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA L UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA L UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Egregi CLIENTI - Loro SEDI Treviso, 4 febbraio 2015. CIRCOLARE N. 3 / 2015. LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO In presenza di un credito risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente

Dettagli

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA-

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Fiscalità Edilizia SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Marzo 2015 INDICE Premessa... 3 Compensazione credito IVA... 3 Rimborsi IVA Le nuove regole dal 2015...

Dettagli

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 Sandra Migliaccio (Agenzia delle Entrate - DR Piemonte Ufficio Fiscalità Generale) Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del

Dettagli

OGGETTO: UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2013

OGGETTO: UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n. 4 del 14/1/2014 OGGETTO: UTILIZZO DEL CREDITO IVA 2013 Con la presente vogliamo rammentare ai contribuenti le modalità di utilizzo del credito onde evitare errate,

Dettagli

Adempimenti Iva 2016 e riflessi dichiarativi delle novità 2015

Adempimenti Iva 2016 e riflessi dichiarativi delle novità 2015 Adempimenti Iva 2016 e riflessi dichiarativi delle novità 2015 Bologna, 26 Gennaio 2016 Argomenti 2 Novità e termini di presentazione della Dichiarazione IVA La gestione del credito IVA Reverse charge

Dettagli

Circolare n. 14. del 15 marzo 2012. Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA (DL 2.3.2012 n. 16) - Decorrenza dall 1.4.

Circolare n. 14. del 15 marzo 2012. Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA (DL 2.3.2012 n. 16) - Decorrenza dall 1.4. Circolare n. 14 Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA (DL 2.3.2012 n. 16) - Decorrenza dall 1.4.2012 del 15 marzo 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza delle nuove disposizioni... 2 3 Determinazione

Dettagli

settembre 2015 Informative e news per la clientela di studio Occhio alle scadenze

settembre 2015 Informative e news per la clientela di studio Occhio alle scadenze settembre 2015 Informative e news per la clientela di studio Le news di settembre pag. 2 Integrazioni e correzioni possibili entro il 30 settembre 2015 pag. 3 La remissione in bonis pag. 5 Occhio alle

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011 CIRCOLARE N. 15/E Roma, 14 aprile 2011 Direzione Centrale Normativa Oggetto: Articolo 42, decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 Reti di imprese

Dettagli

Dottori Commercialisti Associati. dottore commercialista revisore contabile. RITA MAGGI dottore in economia. ELISA FERRARI Dottore in economia

Dottori Commercialisti Associati. dottore commercialista revisore contabile. RITA MAGGI dottore in economia. ELISA FERRARI Dottore in economia Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona dottore commercialista revisore contabile CLAUDIO UBINI dottore commercialista

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI Circolare nr.03/2015 Ai sig.ri Clienti E loro sedi ULTIME NOVITÀ FISCALI Diritto CCIAA 2015 Decreto Ministero Sviluppo economico 8.1.2015 Tremonti-quater Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E È stato

Dettagli

IVA: rimborso credito 2013. Normativa e procedure operative

IVA: rimborso credito 2013. Normativa e procedure operative Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 52 17.02.2014 IVA: rimborso credito 2013 Normativa e procedure operative Categoria: Iva Sottocategoria: Rimborso Per i soggetti che si trovano

Dettagli

Circolari per la Clientela

Circolari per la Clientela Circolari per la Clientela Nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 1.10.2014 1 PREMESSA Con l art. 11 co. 2 del DL 24.4.2014 n. 66, conv. L. 23.6.2014 n. 89, sono stati previsti

Dettagli

Credito IVA: rimborsi e compensazione

Credito IVA: rimborsi e compensazione Sandra Migliaccio Agenzia delle Entrate - DR Piemonte, Ufficio Fiscalità Generale Credito IVA: rimborsi e compensazione 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del credito IVA annuale

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI Modena, 03 dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI D.Lgs n. 175 del 21 novembre 2014 È stato pubblicato sulla G.U. n. 277 del 28 novembre 2014 il

Dettagli

D AZEGLIO SERVIZI SRL

D AZEGLIO SERVIZI SRL D AZEGLIO SERVIZI SRL Consulenza alle imprese Bologna, lì 11 febbraio 2015 AI CLIENTI LORO INDIRIZZI CIRCOLARE N. 8/2015 Nuove regole per il rimborso dei crediti Iva annuali e trimestrali Regole per il

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso degli incontri con la stampa specializzata

CIRCOLARE N. 12/E. OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso degli incontri con la stampa specializzata CIRCOLARE N. 12/E Roma, 12 marzo 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso degli incontri con la stampa specializzata Si riportano, di seguito, le risposte fornite

Dettagli

SALDO 2013 E ACCONTO IMPOSTE 2014: DETERMINAZIONE, MODALITA E TERMINI DI PAGAMENTO, PROROGHE DEI VERSAMENTI

SALDO 2013 E ACCONTO IMPOSTE 2014: DETERMINAZIONE, MODALITA E TERMINI DI PAGAMENTO, PROROGHE DEI VERSAMENTI Via Battuti Rossi, 6/A 47121 Forlì Via dell Arrigoni, 308 47522 Cesena SALDO 2013 E ACCONTO IMPOSTE 2014: DETERMINAZIONE, MODALITA E TERMINI DI PAGAMENTO, PROROGHE DEI VERSAMENTI 1. TERMINI DI VERSAMENTO

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

LE NOVITÀ DEI MODELLI IVA

LE NOVITÀ DEI MODELLI IVA LE NOVITÀ DEI MODELLI IVA di Roberto Protani L Agenzia delle Entrate ha approvato, il 15 gennaio 2010, i modelli, con le relative istruzioni, concernenti le dichiarazioni relative all anno 2009 da presentare

Dettagli

Focus di pratica professionale di Fabio Colombo. Il quadro RX della dichiarazione dei redditi

Focus di pratica professionale di Fabio Colombo. Il quadro RX della dichiarazione dei redditi Focus di pratica professionale di Fabio Colombo Il quadro RX della dichiarazione dei redditi Il quadro RX della dichiarazione dei redditi espone i crediti relativi alla liquidazione delle imposte in essa

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 INFORMATIVA N. 287 20 NOVEMBRE 2013 DICHIARAZIONI LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolari Agenzia Entrate 27.9.2007, n. 52/E e 19.2.2008, n. 11/E Entro

Dettagli

Semplificazione in UNICO 2015: frontespizio, visto e opzioni Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Semplificazione in UNICO 2015: frontespizio, visto e opzioni Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Semplificazione in UNICO 2015: frontespizio, visto e opzioni Antonio Mastroberti - Esperto fiscale NOVITÀ " FISCO L Agenzia delle Entrate ha approvato i modelli da utilizzare per dichiarare i redditi relativi

Dettagli

Le novità del quadro VA si possono sintetizzare nel modo seguente:

Le novità del quadro VA si possono sintetizzare nel modo seguente: GUIDA PRATICA ALLA DICHIARAZIONE IVA 2013 Premessa generale Lo scopo di questo contributo è quello di analizzare le principali novità contenute nella modulistica IVA-2013 (per il periodo d'imposta 2012)

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA 2012 (RELATIVA ALL ANNO SOLARE 2011) GESTIONE DEL CREDITO IVA

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA 2012 (RELATIVA ALL ANNO SOLARE 2011) GESTIONE DEL CREDITO IVA DICHIARAZIONE ANNUALE IVA 2012 (RELATIVA ALL ANNO SOLARE 2011) GESTIONE DEL CREDITO IVA (con particolare attenzione alle problematiche relative alle COMPENSAZIONI ed ai RIMBORSI) attenzione Come di consueto,

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 13 26.03.2012 Presentazione istanza rimborso o compensazione infrannuale Entro fine aprile 2012 si dovrà presentare

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

Ballarè Sponghini e Associati

Ballarè Sponghini e Associati Ballarè Sponghini e Associati STUDIO COMMERCIALISTI E CONSULENTI TRIBUTARI Dott. Andrea Ballarè Dott. Fabio Sponghini Dott.ssa Emanuela Tarulli Rag. Enzo Manfredi Dott.ssa Claudia Balestra Dott. Andrea

Dettagli

CIRCOLARE N. 7 / 2015. IL RIMBORSO / COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

CIRCOLARE N. 7 / 2015. IL RIMBORSO / COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Egregi CLIENTI - Loro SEDI Treviso, 9 aprile 2015. CIRCOLARE N. 7 / 2015. IL RIMBORSO / COMPENSAZIONE DEL CREDITO TRIMESTRALE I contribuenti possono richiedere, al sussistere di specifiche condizioni,

Dettagli

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 13 agosto 2010 OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 - Ripresa degli adempimenti e dei versamenti 2 INDICE 1 Soggetti fuori cratere.

Dettagli