Digital edition. PMI: finanziamenti e contributi per acquisto impianti e macchinari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Digital edition. PMI: finanziamenti e contributi per acquisto impianti e macchinari"

Transcript

1 Digital edition 8,50 euro + iva Aggiornata con la legge di conversione 22 dicembre 2011, n. 214 DECRETO FARE PMI: finanziamenti e contributi per acquisto impianti e macchinari Ampliamento della platea dei soggetti tenuti al versamento della c.d. Robin Tax Le novità in materia di edilizia Dilazione dei ruoli, espropriazione esattoriale e ipoteca: cosa cambia Mediazione obbligatoria: reintroduzione dell obbligatorietà in alcune materie

2 QUESTO EBOOK È UN'ANTEPRIMA GRATUITA Per ordinare la versione integrale utilizzare il link SHOPWKI.it o rivolgersi all agente di zona PROPRIETÀ LETTERARIA RISERVATA 2013 Wolters Kluwer Italia S.r.l Strada I, Palazzo F Milanofiori Assago (MI) ISBN: Il presente file può essere usato esclusivamente per finalità di carattere personale. I diritti di commercializzazione, traduzione, di memorizzazione elettronica, di adattamento e di riproduzione totale o parziale con qualsiasi mezzo sono riservati per tutti i Paesi. La presente pubblicazione è protetta da sistemi di DRM. La manomissione dei DRM è vietata per legge e penalmente sanzionata. L elaborazione dei testi è curata con scrupolosa attenzione, l editore declina tuttavia ogni responsabilità per eventuali errori o inesattezze.

3 Costituzione e organi delle associazioni sportive Associazioni sportive 3 SOMMARIO Decreto Fare I Prefazione... 5 Finanziamento e contributi per l acquisto di impianti e macchinari da parte delle PMI di Emanuela Fusa... 7 II Estensione dell addizionale Ires a partire dal 2014 di Antonio Mastroberti III IV V VI Novità urbanistiche e ricadute fiscali di Stefano Baruzzi Abrogata la responsabilità solidale per l Iva negli appalti di Alessandro Borgoglio Novità in materia di dilazione dei ruoli di Alfio Cissello Novità in materia di espropriazione esattoriale e ipoteca di Alfio Cissello VII Le nuove norme in tema di concordato preventivo di Giuseppe Bersani VIII Mediazione obbligatoria di Luigi Tommasi IX X Novità in materia di lavoro e previdenza di Luca Mamone Le altre novità fiscali di Luisa Corso ed Emanuele Greco D.L. 21 giugno 2013, n Nota Equitalia 1 luglio Bibliografia... 97

4 4 Associazioni sportive Costituzione e organi delle associazioni sportive Servizio Clienti Il numero telefonico dell Ufficio Abbonamenti è: ( 0, IVA a min. da rete fissa senza scatto alla risposta, da rete mobile il costo dipende dall'operatore utilizzato) Fax Una copia 8,50 Arretrato 10,00. Stampa: ROTO 2000 S.p.A., Via Leonardo Da Vinci, 18/20, Casarile (Milano) Tutti i prezzi sono Iva inclusa. Fascicolo incluso nel prezzo dell abbonamento alla rivista il fisco rinnovato anticipatamente Concessionaria esclusiva per la distribuzione nelle edicole m-dis Distribuzione Media S.p.A., Milano, Via C. Cazzaniga, 19; Tel Pubblicità: DB consulting S.r.l. Events & Advertising - Sede legale: Via Monte Bianco, 16/I Monza (MI) - Sede Operativa: Via L. Gasparotto, Varese - Tel (ric. aut.) - Fax Registrazione presso il Tribunale di Roma n del 22 dicembre 1976 Iscrizione al R.O.C. n del 2005 Editore: Wolters Kluwer Italia S.r.l., Viale Maresciallo Pilsudski, Roma Direttore responsabile: Giulietta Lemmi Redazione: Viale Maresciallo Pilsudski, Roma Tel Fax Rivista fondata nel

5 Costituzione e organi delle associazioni sportive Associazioni sportive 5 PREFAZIONE I l D.L. 21 giugno 2013, n. 69 (c.d. Decreto Fare ) è stato pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 50 della Gazzetta Ufficiale 21 giugno 2013, n. 144 ed è entrato in vigore il giorno successivo; il primo provvedimento a largo raggio del Governo Letta contiene alcune misure finalizzate al rilancio dell economia. Tra queste, si segnalano gli interventi volti a facilitare l accesso al credito delle piccole e medie imprese (c.d. PMI ), da una parte, mediante il rafforzamento del fondo di Garanzia in funzione di contrasto al ciclo economico e, dall altra, mediante la concessione di finanziamenti e di un contributo per il pagamento degli interessi alle PMI che si propongono di acquistare nuovi impianti e macchinari ad uso produttivo. Sul fronte fiscale, rilevano, tra l altro, l ampliamento della platea di soggetti tenuti al versamento della c.d. Robin Tax, ovvero l addizionale Ires dovuta dalle imprese di rilevanti dimensioni o- peranti nei settori del petrolio e dell energia, nonché il superamento del regime di responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i versamenti Iva, ma non per le ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente. Inoltre, per effetto delle modifiche apportate alla relativa disciplina, l imposta sulle operazioni su strumenti derivati, nonché l imposta sulle operazioni ad alta frequenza concernenti strumenti finanziari derivati e valori mobiliari troveranno applicazione alle transazioni concluse a decorrere dal 1 settembre 2013; vengono inoltre prorogati i termini per il versamento della c.d. Tobin tax. Si ricorda che il decreto in oggetto ha altresì stabilito l eliminazione della tassa annuale sul possesso delle imbarcazioni fino a 14 metri e la riduzione degli importi della tassa per le imbarcazioni da 14,01 a 20 metri. Per quanto riguarda l edilizia, occorre notare come la nuova definizione di interventi di ristrutturazione edilizia di cui alla lett. d) dell art. 3 del D.P.R. n. 380/2001 determini ripercussioni sulla detrazione Irpef del 36% (elevata al 50% per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013). In materia di riscossione, si annoverano modifiche relative alla dilazione dei ruoli o dei crediti derivanti da accertamenti esecutivi, oltre che ai limiti all espropriazione immobiliare. Ulteriori novità riguardano il concordato preventivo, con particolare riferimento alla disciplina della domanda in bianco, ovvero con riserva del successivo deposito del piano, della proposta e della relativa documentazione. Non mancano misure volte ad incidere sui tempi della giustizia civile e migliorarne l efficienza, tra le quali rientra la reintroduzione dell obbligatorietà della mediazione, con esclusione delle controversie per danni da circolazione di veicoli e natanti.

6

7 Agevolazioni alle PMI Decreto Fare 7 Capitolo I Finanziamento e contributi per l acquisto di impianti e macchinari da parte delle PMI di Emanuela Fusa Il D.L. Fare si focalizza sulle piccole e medie imprese, rafforzando il fondo di garanzia ad esse dedicato e introducendo un finanziamento agevolato per l acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature (una sorta di nuova Legge Sabatini). Con riferimento a tale agevolazione, si evidenzia che il finanziamento a tasso agevolato è affiancato da un contributo sugli interessi relativi al finanziamento. 1. Premessa Con il D.L. n. 69 del 21 giugno 2013 ( Decreto del Fare ) in vigore dal 22 giugno 2013, sostanzialmente il Governo ha cercato (o meglio sta cercando) di rilanciare la crescita economica. Molteplici sono le aree relative agli interventi: fisco, giustizia, edilizia, nautica, lavori pubblici, energia, ecc. Il tessuto industriale del nostro Paese è principalmente rappresentato dalle piccole e medie imprese (PMI). Queste, se da una parte potrebbero essere in grado di generare più posti di lavoro rispetto alle grandi, dall altra sono più vulnerabili; la crisi economica influisce infatti negativamente sulla domanda dei prodotti e dei servizi, sulla capacità delle imprese (soprattutto delle PMI) di ottenere credito dalle banche e sui conseguenti pagamenti ai clienti. In una simile situazione è chiaro come sia fondamentale cercare di ripristinare la crescita economica attraverso politiche adeguate. Tra le diverse misure volte a promuovere la crescita delle PMI, il D.L. n. 69/2013 ha previsto anche un nuovo sostegno finanziario (art. 1) e il bonus per gli acquisti di macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo (art. 2). 2. Rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese (art. 1) Il Fondo di garanzia per le PMI è operativo dal 2000, istituito con la L. n. 662/1996 (art. 2, comma 100, lettera a). Il Fondo dovrebbe favorire l accesso delle PMI alle fonti finanziarie attraverso la concessione di una garanzia pubblica che affianca e spesso sostituisce le garanzie reali portate dalle imprese. In pratica le imprese rivolgendosi al Fondo centrale di Garanzia non ottengono un contributo in denaro bensì possono ottenere finanziamenti sugli importi garantiti dal Fondo senza garanzie aggiuntive, come fidejussioni o polizze assicurative che, indubbiamente, comporterebbero importanti oneri. I soggetti beneficiari della garanzia pubblica sono le PMI presenti sul territorio nazionale (così come definite dalla UE) i consorzi e le società consortili tra piccole e medie imprese (articoli

8 8 Decreto Fare Agevolazioni alle PMI 17, 18, 19 e 23 della L. 5 ottobre 1991, n. 317) e le società consortili miste (art. 27 della L. 5 ottobre 1991, n. 317). Le PMI per poter godere della prevista agevolazione devono essere economicamente e finanziariamente sane i criteri per valutare tale aspetto vengono calcolati in modo da mantenere il tasso di default basso (all incirca il 2%). Il Fondo di garanzia rappresenta quindi un vero e proprio strumento di politica industriale, il suo funzionamento genera un importante effetto leva che agisce da moltiplicatore delle risorse pubbliche. Il tasso di default è pari a circa il 2% del totale delle operazioni con la conseguenza che buona parte dei fondi utili per coprire la garanzia rientrano alla scadenza naturale delle operazioni e possono essere messi a disposizione di altre imprese. Operativamente per ottenere l agevolazione in oggetto l impresa deve alternativamente rivolgersi ad una banca, ad un intermediario finanziario, ad una Società Finanziaria per l Innovazione e lo Sviluppo (S.F.I.S.) 1, ad un consorzio di garanzia collettiva fidi o ad un altro fondo di garanzia gestito da intermediari finanziari. Oggi, a seguito della possibilità di intervento del Fondo anche per operazioni sul capitale di rischio, la presentazione della domanda di garanzia può essere fatta anche da una Società di Gestione del Risparmio (SGR) 2 o da una Società di gestione Armonizzata (SGA) 3. Diverse sono comunque le modalità di intervento nella prestazione della garanzia in relazione alla natura del soggetto che si rivolge al Fondo. In particolare, si possono distinguere le seguenti: garanzia diretta prestata dal Fondo direttamente a favore dei soggetti finanziatori. In pratica su richiesta dell impresa la banca garantisce l operazione con una garanzia pubblica che non le comporta rischi particolari; in caso di insolvenza infatti al risarcimento provvede il Fondo o, se insufficiente, direttamente lo Stato; controgaranzia concessa dal Fondo a favore dei Confidi, e degli altri Fondi di Garanzia. L impresa in questo caso si rivolge a un Confidi o ad un altro fondo di garanzia che trasmettono la domanda di controgaranzia al Fondo; cogaranzia prestata dal Fondo, congiuntamente ai Confidi, direttamente a favore dei finanziatori ed agli altri Fondi di Garanzia ovvero ai Fondi di garanzia istituiti nell ambito dell Unione Europea o dalla stessa cofinanziati. In ogni caso, al fine di favorirne la crescita, diversi sono stati dal 2008 al 2012 gli interventi normativi sul Fondo di Garanzia per le PMI, tra gli ultimi possiamo quindi considerare anche quanto previsto dal D.L. n. 69/2013. In pratica, in base all art. 1 del citato Decreto, entro 30 giorni dalla sua entrata in vigore il Ministro dello sviluppo economico dovrà adottare particolari disposizioni al fine di: assicurare un maggiore accesso al credito da parte delle PMI; limitare il rilascio della garanzia del Fondo alle operazioni finanziarie di nuova concessione ed erogazione. In particolare il maggior ricorso al fondo da parte delle PMI dovrebbe avvenire attraverso: l aggiornamento dei loro criteri di valutazione per accedere al Fondo; l aumento del limite della copertura del Fondo fino all 80% dell importo dell operazione finanziaria, con riferimento alle operazioni di anticipazione di credito verso imprese che vantano 1 Le Società finanziarie per l innovazione e lo Sviluppo (S.F.I.S.) sono costituite in forma di società per azioni ed iscritte all Albo delle società finanziarie per l innovazione e lo sviluppo delle piccole imprese, presso la Direzione Generale della Produzione Industriale del Ministero dell industria, del commercio e dell artigianato. 2 Le società di gestione del risparmio (SGR) sono state introdotte in Italia con D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e svolgono in via esclusiva l attività di promozione e di gestione di fondi comuni di investimento. 3 In Italia, le società di altri Paesi comunitari equivalenti alle SGR, sono indicate con il nome di Società di Gestione Armonizzate (SGA).

9 Agevolazioni alle PMI Decreto Fare 9 crediti nei confronti di pubbliche amministrazioni e alle operazioni finanziarie di durata non inferiore a 36 mesi; la semplificazione delle procedure e delle modalità di presentazione delle richieste grazie ad un maggior ricorso a modalità telematiche di accesso e di gestione della garanzia; misure che garantiscano l effettivo trasferimento dei vantaggi della garanzia pubblica alle PMI beneficiarie dell intervento. 3. Bonus per gli acquisti di macchinari, impianti e attrezzature (art. 2) Ai sensi dell art. 2 del D.L. n. 69/2013 le PMI possono accedere a finanziamenti a tasso agevolato per l acquisto, anche mediante operazioni di leasing finanziario, di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo 4. Sostanzialmente trattasi di un massimo di 5 miliardi di euro di finanziamenti a tasso agevolato per l acquisto di macchinari da parte delle PMI. I finanziamenti sono concessi, entro il 31 dicembre 2016, su un plafond di provvista presso la gestione separata della Cassa depositi e prestiti, per l importo massimo di 2,5 miliardi di euro incrementabili fino al limite di 5 miliardi di euro. Per fare fronte a tale agevolazione, è autorizzata una spesa di: 7,5 milioni di euro per l anno 2014; 21 milioni di euro per l anno 2015; 35 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2016 al 2019; 17 milioni di euro per l anno 2020; 6 milioni di euro per l anno I finanziamenti sono erogati dalle banche che hanno aderito alle convenzioni con il Ministero che indicano: le condizioni e i criteri di attribuzione alle banche del plafond di provvista, anche mediante meccanismi premiali che favoriscano il più efficace utilizzo delle risorse; i contratti relativi al tipo di finanziamento ed alla cessione del credito in garanzia; le attività informative, di monitoraggio e di rendicontazione per la piena trasparenza sul provvedimento. La concessione dei finanziamenti può anche essere assistita dal Fondo di Garanzia per le PMI. Le modalità di accesso ai contributi dovranno comunque essere stabilite con decreto del Ministro dello sviluppo economico, per il quale non è stato però specificato il termine massimo di adozione. I finanziamenti dovrebbero avere una durata massima di 5 anni ed un valore non superiore a 2 milioni di euro per ogni impresa. In ogni caso, i finanziamenti concessi dal Fondo di garanzia potranno coprire fino al 100% dei costi finanziabili ed il contributo concesso è quantificato in rapporto agli interessi calcolati sui finanziamenti concessi. Il Decreto prevede in modo specifico che i finanziamenti agevolati in oggetto siano concessi alle PMI ritenute tali in base a quanto disposto dalla Raccomandazione 2003/361/CE della Commissione del 6 maggio Secondo la Commissione la definizione delle PMI è sostanzialmente in funzione del personale presente (organico), del fatturato realizzato ovvero del bilancio. Tutto questo per evitare che le imprese con un potere economico superiore a quello di una PMI approfittino dei meccanismi di sostegno a loro destinati in modo specifico. Secondo la richiamata Raccomandazione una media impresa è pertanto un impresa il cui organico risulta inferiore a 250 persone, con un fatturato che non superi 50 milioni di 4 Per un primo commento, P. Alberti, In Gazzetta il decreto Fare, agevolati impianti e macchinari, in Il Quotidiano del Commercialista, del 22 giugno 2013.

10 10 Decreto Fare Agevolazioni alle PMI euro o con un totale di bilancio annuale non superiore a 43 milioni di euro. Una piccola impresa è un impresa con un organico inferiore a 50 persone, un fatturato o un totale di bilancio annuale non superiore a 10 milioni di euro. Infine una micro impresa è ritenuta tale in presenza di un organico inferiore a 10 persone, un fatturato o un totale di bilancio annuale non superiore 2 milioni di euro. Sinteticamente, si veda la seguente tabella riepilogativa: Tipo Occupati Fatturato Totale di bilancio (Milioni di euro) (Milioni di euro) Media impresa <250 e 50 Oppure 43 Piccola impresa < 50 e 10 Oppure 10 Micro impresa < 10 e 2 Oppure 2 L organico si misura in unità di lavoro per anno (ULA) vale a dire in base al numero delle persone che hanno lavorato nell impresa o per suo conto, a tempo pieno durante l anno considerato. Le persone che non hanno lavorato tutto l anno o che hanno lavorato a tempo parziale vengono considerate come frazioni di unità di lavoro per anno (ULA). Nel computo del totale non vengono considerati gli apprendisti, gli studenti in formazione professionale e i congedi di maternità. Nel definire quindi un impresa come PMI il criterio del numero degli occupanti svolge un ruolo principale; tuttavia per poter comprendere al meglio l impresa, sotto un ottica di risultati e di posizionamento rispetto ai concorrenti, ruolo altrettanto importante è rappresentato dal criterio finanziario, vale a dire l analisi del fatturato e del totale di bilancio, che sostanzialmente rispecchia la ricchezza generale dell impresa. La necessità di prendere in considerazione entrambi i valori è poi dovuta alle differenze di fatturato che vi sono tra i diversi settori. Sulla base di quanto sopra esposto, si tratta di un finanziamento definibile come una nuova Sabatini 5 e il correlato contributo rappresenterebbe un contributo in conto interessi (quindi, come esposto di seguito, un contributo in conto esercizio). La L. n del 28 novembre 1965 (Legge Sabatini) è certamente la legge agevolativa più conosciuta e utilizzata nel nostro Paese per acquisire macchinari attraverso finanziamenti sostanzialmente a un tasso agevolato. Ricordiamo come tale norma permetta al venditore di scontare effetti con una durata fino a 60 mesi dalla data di emissione, all acquirente di ottenere una dilazione diretta di lunga durata. Trattasi di uno strumento finanziario dedicato alle PMI appartenenti a qualsiasi settore (industriale, commerciale, artigianale, agricolo o di servizi) che si trovano nella necessità di acquistare nuovi macchinari e non hanno la capacità finanziaria per sostenere l investimento. Per una serie di costi fissi che bisogna sostenere per accedere alle agevolazioni della legge Sabatini è consigliabile e conveniente programmare gli investimenti in relazione al loro costo. La dilazione e la rateizzazione sono comunque gli aspetti principali ed i punti di forza della legge. In particolare, la dilazione arriva fino ad un massimo di 60 mesi con un minimo di 12. La modalità di rateizzazione è sostanzialmente libera. La cadenza delle rate normalmente è semestrale, anche se si può scegliere una rateizzazione mensile, bimestrale, trimestrale ecc. La prima rata può essere rimandata anche di sei mesi e talvolta anche di un anno. Le rate successive alla prima devono avere cadenza periodica costante (tutte semestrali o tutte 5 In tal senso, si veda anche A. Sacrestano, Niente interessi per gli acquisti di macchinari, in Il Sole-24 Ore del 21 giugno 2013, pag. 16.

11 Agevolazioni alle PMI Decreto Fare 11 mensili ecc.); la durata totale della rateizzazione non può comunque superare i 60 mesi. Le rate che l acquirente paga al venditore sono rappresentate da effetti (cambiali), il cui totale è dato dal prezzo dilazionato del macchinario, al quale vanno aggiunti gli interessi computati in base al: tasso di riferimento, già basso in partenza, in quanto stabilito mensilmente considerando come parametro il rendimento dei titoli di Stato, al quale va aggiunto uno spread per la banca; tasso agevolato, percentuale del tasso di riferimento, variabile a seconda della zona dove il macchinario viene utilizzato. Dalla differenza tra gli interessi calcolati a tasso di riferimento e gli interessi calcolati a tasso agevolato, scaturisce il contributo. Il contributo può essere erogato all acquirente o al venditore, a seconda del tasso applicato sugli effetti. Il venditore sconta le cambiali presso una banca autorizzata che trattiene gli interessi al venditore, calcolati a tasso di riferimento, e gli eroga il netto ricavo dello sconto degli effetti, pari al prezzo dilazionato del bene finanziato. Non appena scontati gli effetti, la banca richiede all Ente Agevolatore il contributo, da erogare all acquirente o al venditore. Normalmente l uso di una agevolazione esclude automaticamente le altre. Se quindi l acquirente decide di sfruttare le agevolazioni previste dalla Legge Sabatini, non potrà richiedere ulteriori agevolazioni, sullo stesso acquisto, ai sensi di altre Leggi regionali, nazionali, comunitarie ecc. 4. Gli aspetti civilistici e fiscali del contributo Tornando a considerare il contributo previsto dal D.L. n. 69/2013, art. 2, si deve rilevare come, a fini contabili e fiscali sia rappresentato, come avviene per il contributo previsto dalla legge Sabatini sopra richiamata, da un contributo in conto interessi che, sostanzialmente, costituisce un contributo in conto esercizio 6 ; trattasi, infatti, di conferimenti in denaro o in natura destinati al finanziamento di esigenze di gestione. La contabilizzazione di tali contributi dovrebbe essere in linea con la loro destinazione economica; pertanto, rappresentando apporti volti a ridurre i costi dell esercizio (o ad integrare i ricavi), la loro rilevazione dovrebbe comportare l imputazione diretta nel bilancio di riferimento (principio della competenza). Naturalmente, nella contabilizzazione, si dovrebbe comunque tenere conto della certezza del diritto alla loro percezione, momento che può anche essere successivo al momento di riferimento degli stessi contributi 7. I contributi in conto esercizio devono quindi essere contabilizzati secondo il principio della competenza economica a prescindere dal loro effettivo incasso pertanto: se i contributi vanno ad integrare i ricavi dell esercizio, vanno imputati al conto economico dell esercizio cui si riferiscono i ricavi; 6 Riferimenti normativi e prassi dei contributi in conto esercizio: Art. 85 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917; Art. 28 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600; Circ. Assonime 9 febbraio 1998; Circ. 4 giugno 1998, n. 141/E, in banca dati fisconline ; Circ. 28 ottobre 2008, n. 60/E, in banca dati fisconline ; Ris. 12 agosto 2003, n. 176/E, in banca dati fisconline ; Oic nn. 12 e 16; Norma comportamento A.D.C. Milano n Cfr. P. Alberti, I contributi in conto esercizio incidono per competenza, in Il Quotidiano del Commercialista, del 19 agosto 2011.

12 12 Decreto Fare Agevolazioni alle PMI se sono finalizzati alla copertura di costi d esercizio, devono essere inseriti nel conto economico in cui trovano collocazione i costi cui sono inerenti. Secondo lo schema di conto economico previsto dall art del codice civile, i contributi in conto esercizio vanno iscritti alla voce A.5 ( Altri ricavi e proventi, con separata indicazione dei contributi in conto esercizio ) del conto economico. Secondo i principi contabili nazionali, in modo più dettagliato i contributi vanno classificati: nella voce A.5 Altri ricavi e proventi (in un apposita sottovoce per ottenere una separata indicazione rispetto agli altri ricavi e proventi) quando sono destinati ad integrare ricavi della gestione caratteristica o a ridurre i relativi costi; nella voce C.17 Interessi ed altri oneri finanziari (con segno negativo) quando hanno come fine la riduzione di costi di natura finanziaria (ad esempio, interessi passivi su finanziamenti contratti dall impresa) di competenza dell esercizio; nella voce C.16 Altri proventi finanziari, se utili alla riduzione di oneri finanziari di esercizi precedenti; nella voce E.20 Proventi straordinari, quando percepiti in occasione di particolari eventi eccezionali. Ne consegue come per i contributi volti a ridurre gli interessi passivi sui finanziamenti la loro rilevazione contabile dovrà portare ad una detrazione diretta del loro ammontare dalla voce C.17) Interessi ed altri Oneri finanziari, se invece la rilevazione del contributo è intervenuta in un e- sercizio successivo a quello di rilevazione degli interessi passivi si dovrebbe, come indicato, utilizzare invece la voce C.16) Altri proventi finanziari. A fini fiscali, i contributi in conto esercizio a norma di legge rappresentano ricavi e concorrono alla formazione del reddito dell esercizio stesso in base al principio della competenza. L esercizio di competenza è identificato dal periodo amministrativo in cui l impresa può effettivamente usufruire del contributo o comunque è certa di ottenerlo (notifica attraverso il decreto di concessione). 5. Conclusioni Le agevolazioni previste quindi dal D.L. n. 69/2013 agli articoli 1 e 2 mirano a promuovere la crescita economica delle PMI favorendone i finanziamenti degli investimenti attraverso una riduzione indiretta 8 o diretta 9 dei correlati costi. Sia pur ritenendo certamente importanti tali interventi non si può non rilevare come, nella situazione attuale, la produzione delle imprese può aumentare solo in presenza di un incremento della domanda a seguito di maggiori consumi oggi penalizzati da una riduzione nella disponibilità di reddito generalmente legata all occupazione ed alla pressione fiscale. Questi aspetti devono in via principale essere oggetto di interventi mirati in quanto, in loro assenza, ogni altro intervento sia pur importante a favore delle PMI potrebbe non avere i risultati sperati. È certamente corretto ed importante poi cercare di ridurre i costi finanziari sostenuti dalle imprese per migliorarne l operatività ma, nel fare questo, non ci si deve dimenticare come un o- nere estremamente elevato sia oggi rappresentato dal carico fiscale che comprime pesantemente i profitti se non addirittura favorisce la chiusura di aziende in condizioni precarie (basti pensare, in questi casi, all effetto assurdo dell Irap) Minori costi per assenza delle garanzie sui finanziamenti attraverso il Fondo di Garanzia. 9 Contributi in conto interessi sui finanziamenti per le acquisizioni di beni materiali produttivi. 10 A causa della composizione della base imponibile a fini Irap aziende in perdita sono soggette ad un carico fiscale complessivo generalmente più elevato di quando le loro condizioni economiche sono positive.

13 Agevolazioni alle PMI Decreto Fare 13 Un impresa che deve sopportare un onere tributario complessivo (tra imposizione diretta ed indiretta) intorno all 80% non può sopravvivere in quanto non esistono le condizioni economiche utili allo scopo a cui l impresa stessa dovrebbe essere dedicata: la produzione di un profitto. Senza la produzione di un profitto vengono meno le spinte utili agli investimenti non solo in termini di beni materiali ma anche nella forza del lavoro e, soprattutto, nel così detto capitale u- mano. La limitazione di tali investimenti provoca quindi disoccupazione e la conseguente riduzione dei consumi aggravando ulteriormente la situazione economica delle imprese stesse e creando, alla fine, una situazione negativa dalla quale diventa difficile uscire.

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Una novità nel sostegno del non profit in Italia Dr. Corrado Colombo 1 Situazione precedente Agevolazioni per le ONLUS; Limitate nell importo

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli