REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA A.A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA A.A. 2014-2015"

Transcript

1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA A.A ART. 1 Finalità Il presente regolamento didattico specifica gli aspetti organizzativi del Corso di Studi (CdS) Magistrale in Psicologia Clinica, secondo quanto definito nella Parte seconda del Regolamento didattico di Ateneo, nel rispetto della libertà di insegnamento, nonché dei diritti e doveri dei docenti e degli studenti. Il CdS Magistrale in Psicologia Clinica rientra nell offerta formativa del Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione dell Università degli Studi di Bari. Gli organi collegiali competenti sono la Giunta e il Consiglio di Corso di Studi, che svolgono la loro attività secondo quanto previsto dallo Statuto dell Università di Bari e dalle norme vigenti in materia, per quanto non disciplinato dal presente Regolamento. ART. 2 Obiettivi Formativi Specifici I laureati del CdS Magistrale in Psicologia Clinica devono possedere: - un adeguata padronanza delle discipline di base psicologiche e degli strumenti metodologici e tecnici della dimensione clinica riferita ai processi di sviluppo, alle problematiche relazionali e alla psicopatologia, per ricoprire ruoli dirigenziali e di elevata responsabilità nelle istituzioni e nelle organizzazioni (pubbliche, private e del privato sociale) che forniscono servizi rivolti alle persone, alle famiglie, ai gruppi e alle comunità nei contesti sociali, sanitari, scolastici, educativi, giudiziari; - un adeguata padronanza delle tecniche diagnostiche e degli strumenti di valutazione dei processi di sviluppo e delle differenze individuali nelle diverse fasi 1

2 del ciclo di vita, con particolare riferimento ai disturbi emozionali, ai disturbi dell'apprendimento, agli aspetti neuropsicologici, alle disabilità, ai disturbi delle condotte relazionali e sociali; - un adeguata padronanza delle metodologie e delle tecniche dell'intervento clinico, preventivo e riabilitativo, nell'ambito individuale, familiare, di gruppo, di comunità; - un adeguata padronanza delle tecniche di counselling psicologico; - un adeguata padronanza delle metodologie della progettazione e della valutazione nei contesti clinici, sociali, scolastici, educativi, in riferimento alle esigenze della programmazione delle attività e dell'implementazione della qualità e dell'efficacia degli interventi; - la conoscenza e la capacità di utilizzare professionalmente, in forma scritta e orale, almeno un'altra lingua usata nell'unione Europea, oltre all'italiano, in particolare per quanto attiene gli ambiti relativi alla psicologia clinica e le attinenti applicazioni operative. Risultati di apprendimento attesi Le competenze specifiche sviluppate dal CdS in Psicologia Clinica possono essere utilmente elencate, nel rispetto dei principi dell armonizzazione europea, mediante il sistema dei descrittori di Dublino: A. Conoscenza e capacità di comprensione: Conoscenza avanzata delle teorie e dei metodi di ricerca relativi allo studio scientifico dei processi cognitivi, motivazionali ed emotivi e delle relazioni interpersonali nel ciclo di vita, nell'ambito della normalità e della patologia. B. Applicare nella pratica conoscenze e comprensione: Capacità di definire gli obiettivi dell'azione professionale dello psicologo nei diversi contesti (individuale, scolastico, della comunità), come l'analisi della domanda, l'individuazione degli 2

3 obiettivi e dei risultati attesi, di effettuare assessment individuali e di gruppo, realizzare interventi psicologici (dalla loro pianificazione alla realizzazione delle diverse fasi) e effettuare valutazioni (piani di valutazione, misure, analisi dei risultati). C. Autonomia di giudizio: Capacità di perfezionare le conoscenze cogliendo l'integrazione tra processi biologici e sociali, formulare giudizi basati sui risultati della ricerca, prendere decisioni, sia individualmente che in gruppo, in situazioni complesse e con grado elevato di incertezza. D. Abilità nella comunicazione: Capacità di presentare ed argomentare le ipotesi, le procedure adottate e le conclusioni raggiunte, sia nella ricerca, che nell'intervento psicologico, di fronte ad interlocutori specialisti e non specialisti, in lingua italiana e inglese. E. Capacità di apprendere: Capacità di acquisire strumenti cognitivi e operativi per definire un piano di sviluppo del proprio impegno professionale futuro in modo continuo, di proseguire la propria formazione con studi specializzati successivi (scuole di specializzazioni, dottorato), di effettuare promozione e valutazione della qualità professionale. Sbocchi occupazionali e professionali previsti Il profilo dello psicologo clinico si colloca peculiarmente sul terreno della prevenzione primaria e secondaria e della riabilitazione. Più specificamente, il campo delle applicazioni professionali cui si indirizza la formazione del CdS Magistrale in Psicologia Clinica riguarda la diagnostica, il counselling, il sostegno allo sviluppo, la riabilitazione, sia nell approccio individualizzato relativo alle tappe evolutive nel ciclo di vita, sia nel supporto specializzato ai caregivers (famiglia, insegnanti, educatori, operatori sociali e sanitari), sia, infine, nella consulenza progettuale e di valutazione necessaria alle istituzioni e alle organizzazioni che al più diverso titolo 3

4 intervengono nell ambito dello sviluppo, della cura, della formazione di bambini, adolescenti e adulti. Gli sbocchi professionali specifici dello psicologo clinico si inseriscono pertanto nei Servizi scolastici, nei Servizi Sociali e nei Servizi educativi degli Enti Locali, nei Servizi rieducativi del Ministero della Giustizia e del Tribunale per i Minorenni, nei diversi comparti operativi del privato sociale (cooperative, ONLUS, ecc.), e successivamente alla frequenza dell apposita scuola di specializzazione postlaurea, nei diversi ambiti del Servizio Sanitario Nazionale (Consultori, Riabilitazione, Settore materno infantile, Dipartimenti di Salute Mentale, Settori delle Tossicodipendenze). ART. 3 Requisiti per l ammissione Il CdS Magistrale in Psicologia Clinica prevede una programmazione locale degli accessi, con 117 posti riservati a studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia; 2 posti riservati a studenti non comunitari residenti all estero; 1 posto riservato a studente cinese. Requisiti di ammissione al CdS Magistrale in Psicologia Clinica sono i seguenti: 1. aver conseguito la laurea triennale nell'ambito della classe di L-34 (Scienze e Tecniche psicologiche), ovvero L-24 (stessa denominazione), ovvero qualsiasi altra classe di laurea; 2. aver acquisito durante tutta la carriera degli studi universitari almeno 88 CFU nell'ambito di non meno di sei differenti settori scientifico-disciplinari (SSD) compresi tra i seguenti: M-PSI/1, M-PSI/2, M-PSI/3, M-PSI/4, M-PSI/5, M-PSI/, M-PSI/7, M-PSI/8. ART. 4 4

5 Crediti Formativi e frequenza I Crediti Formativi Universitari (CFU) corrispondenti a ciascuna attività formativa sono acquisiti dallo studente previo il superamento del relativo esame, valutato in trentesimi. I CFU relativi agli insegnamenti articolati in moduli sono acquisiti previo superamento di una prova di esame unica e contestuale, il cui risultato è egualmente valutato in trentesimi. Il Consiglio di CdS si riserva di predisporre piani di studio che consentano agli studenti impegnati a tempo parziale di acquisire i CFU richiesti in tempi diversificati e comunque più estesi rispetto a quelli previsti dal piano di studi ufficiale. A ciascun CFU corrispondono 25 ore di impegno complessivo per studente. La ripartizione dell'impegno orario dello studente per ciascun credito formativo tra attività didattica assistita e studio individuale è articolato nel seguente modo: Attività formativa Didattica assistita Studio individuale Lezioni in aula 7 18 Esercitazioni laboratoriali 7 18 Prova finale 25 ART. 5 Piano di studi In appendice a questo Regolamento si riportano l elenco degli insegnamenti con l indicazione dei settori scientifico-disciplinari di riferimento, l eventuale articolazione in moduli, i crediti di ciascun insegnamento, la ripartizione in anni, l attività formativa di riferimento (caratterizzante o affine), il piano di studi ufficiale e ogni altra indicazione ritenuta utile ai fini indicati. 5

6 ART. Curricula, Attività a scelta e Piani di studio individuali Il Corso di Studi in Psicologia Clinica non è articolato in curricula. Per quanto riguarda le attività formative a scelta dello studente (9 CFU nel piano di studi ufficiale), si richiede il superamento di un esame di almeno CFU con conseguente attribuzione del voto. I rimanenti 3 CFU possono essere acquisiti attraverso attività diverse da un esame universitario previa autorizzazione della Giunta del Corso di Studi. I CFU acquisiti a seguito di esami eventualmente sostenuti con esito positivo per insegnamenti aggiuntivi rispetto a quelli conteggiabili ai fini del completamento del percorso che porta al titolo di studio rimangono registrati nella carriera dello studente e possono dare luogo a successivi riconoscimenti ai sensi della normativa in vigore. Le valutazioni ottenute non rientrano nel computo della media dei voti degli esami di profitto. ART. 7 Programmazione didattica Il periodo per lo svolgimento di lezioni, esercitazioni, seminari, attività di laboratorio è stabilito, anno per anno, nel Manifesto degli Studi. Attività di orientamento, propedeutiche, integrative, di preparazione e sostegno degli insegnamenti ufficiali, nonché corsi intensivi e attività speciali, possono svolgersi anche in altri periodi, purché sia così deliberato dalle strutture competenti. Gli esami di profitto e ogni altro tipo di verifica soggetta a registrazione prevista per il CdS possono essere sostenuti solo successivamente alla conclusione dei relativi insegnamenti. Lo studente in regola con l iscrizione e i versamenti relativi può sostenere, senza alcuna limitazione numerica, tutti gli esami e le prove di verifica per i quali

7 possieda l attestazione di frequenza, ove richiesta, che si riferiscano comunque a corsi di insegnamento conclusi e nel rispetto delle eventuali propedeuticità. L orario delle lezioni, da fissarsi tenendo conto delle specifiche esigenze didattiche, è stabilito con almeno 3 giorni di anticipo rispetto allo svolgimento lezioni. Le date degli esami di profitto e delle prove di verifica sono stabilite con almeno giorni di anticipo rispetto allo svolgimento degli esami e delle prove. Il numero annuale degli appelli è fissato in otto per anno accademico, distribuiti in tre sessioni (estiva, autunnale e straordinaria), evitando la sovrapposizione con i periodi di lezioni. Per gli studenti fuori corso possono essere previsti ulteriori appelli nei periodi di lezione. Le prove finali si svolgono sull arco di almeno tre appelli distribuiti nei seguenti periodi: da maggio a luglio; da ottobre a dicembre; da febbraio ad aprile. L attività a scelta dello studente nonché le attività di tirocinio curricolare, previste al II semestre del II anno, possono essere anticipate al I semestre del II anno, previa autorizzazione della Giunta del CdS. ART. 8 Verifiche del profitto Gli esami orali consistono in quesiti relativi ad aspetti teorici disciplinari. Gli esami scritti consistono in problemi per risolvere i quali lo studente necessita non solo di avere le conoscenze teoriche disciplinari e di averle comprese, ma anche di saperle applicare, nel senso di essere in grado di compiere la scelta più opportuna tra i diversi metodi di soluzione che gli sono stati presentati nelle esercitazioni. Nel caso degli esami relativi a corsi che comprendano attività di laboratorio gli studenti discutono anche gli elaborati sulle esperienze pratiche. In alcuni casi può essere proposta la ripetizione di un esperimento o la costruzione di un piccolo apparato. Nei corsi nei quali si insegnano competenze computazionali e/o 7

8 informatiche si richiede la capacità di risolvere un problema con l'utilizzo del computer. Il percorso formativo del CdS comprende lo svolgimento del tirocinio curricolare in conformità con i requisiti minimi della certificazione EuroPsy e secondo le modalità definite dal Regolamento Tirocini del CdS. Il Consiglio di CdS favorisce lo svolgimento di tirocini formativi presso aziende pubbliche o private, nazionali o estere; sono inoltre possibili attività di progetto da svolgersi presso i laboratori dei Dipartimenti Universitari. Lo svolgimento del tirocinio è attività formativa obbligatoria; i risultati ottenuti vengono verificati attraverso attestati di frequenza e/o relazioni sulla attività svolta. I risultati dei periodi di studio all estero verranno esaminati dalla Giunta del Corso di Studi in base ai programmi presentati dallo studente, cui verrà riconosciuto un corrispettivo in CFU coerente con l impegno sostenuto per le attività formative frequentate all estero ed una votazione in trentesimi equivalente a quella riportata con diversi sistemi di valutazione. Si terrà comunque conto della coerenza complessiva dell intero piano di studio all estero con gli obiettivi formativi del CdS in Psicologia Clinica piuttosto che la perfetta corrispondenza dei contenuti tra le singole attività formative. I CFU acquisiti hanno, in generale, validità per un periodo di dieci anni dalla data dell'esame. Dopo tale termine la Giunta del CdS dovrà verificare l'eventuale obsolescenza dei contenuti conoscitivi provvedendo alla determinazione di nuovi obblighi formativi per il conseguimento del titolo. ART. 9 Prova finale e conseguimento del titolo La prova finale deve costituire un importante occasione formativa individuale a completamento del percorso. Viene svolta dietro la supervisione di un docente del 8

9 CdS in Psicologia Clinica (ovvero del CdS in Scienze e Tecniche Psicologiche) che svolge la funzione di relatore e comprende: (1) la scrittura, in italiano o in inglese, di un lavoro di tesi di ricerca ovvero di rassegna teorica con particolare caratteristica di originalità e (2) la discussione orale del contenuto del lavoro stesso. L impegno del laureando deve ammontare a 25 ore per ciascuno dei CFU assegnati alla prova finale. Tale impegno di ore è distribuito in un intervallo di tempo che va da sei a dodici mesi e ha come esito. Il numero di CFU assegnati alla prova finale rispetta i requisiti minimi richiesti dalla certificazione EuroPsy. Per accedere alla prova finale lo studente deve presentare alla Segreteria didattica del Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione il modulo di richiesta di tesi di laurea, debitamente compilato per la parte curricolare e per la parte di proposta di argomento di tesi, controfirmato dal relatore almeno sei mesi prima della seduta di laurea. Al momento della richiesta lo studente deve aver acquisito almeno 7 CFU. La Giunta del Corso di Studi darà il suo parere vincolante sulla proposta nella prima riunione successiva alla domanda e assegnerà un controrelatore. Il voto di laurea è corrisposto in centodecimi. È il risultato della media aritmetica dei voti riportati negli esami del piano di studi del CdS (includendo anche l esame a scelta dello studente), trasformato in centodecimi. Al punteggio di partenza così ottenuto vanno sommati fino ad un massimo di 1 punti per la prova finale. L attribuzione della lode avviene a partire da un punteggio minimo di partenza di 14/11, con decisione unanime. ART. 1 Riconoscimento di crediti La Giunta del CdS delibera il riconoscimento dei crediti nei casi di trasferimento degli studenti da altro Ateneo, di passaggio ad altro CdS o di svolgimento di attività formative in altro Ateneo italiano o straniero, anche attraverso 9

10 l adozione di un piano di studi individuale. Essa delibera altresì sul riconoscimento della carriera percorsa da studenti che abbiano già conseguito il titolo di studio presso il nostro Ateneo o in altra Università italiana e che chiedano, contestualmente all iscrizione, l abbreviazione degli studi. Questa può essere concessa previa valutazione e convalida dei CFU considerati riconoscibili in relazione al corso di studi prescelto. Relativamente al trasferimento degli studenti da un altro CdS, ovvero da un altra Università, la Giunta del CdS assicura il riconoscimento del maggior numero possibile dei crediti già acquisiti dallo studente, nel rispetto degli ambiti disciplinari previsti dal CdS e della tipologia delle attività formative, ricorrendo eventualmente a colloqui per la verifica delle conoscenze effettivamente possedute. La Giunta del CdS, previa attenta valutazione delle attività formative già svolte, potrà deliberare il riconoscimento completo di insegnamenti precedentemente superati, aventi eguale denominazione o almeno appartenenti allo stesso SSD purché la differenza di CFU non sia superiore a 1. Nel caso in cui la differenza sia superiore a 1 CFU e non possa essere compensata da altro insegnamento anche modulare dello stesso SSD, lo studente dovrà acquisire i CFU mancanti con l integrazione di parti di programma o attività concordate con il docente titolare dell insegnamento. È possibile il riconoscimento di CFU per esami sostenuti solo in altre classi di laurea magistrale. Esami sostenuti in CdS di primo livello possono essere convalidati come esame a scelta solo nel caso in cui siano stati effettuati presso CdS non appartenenti alla classe L-24 (ex L-34). Esclusivamente nel caso in cui il trasferimento dello studente sia effettuato tra CdS appartenenti alla medesima classe di laurea, la quota di crediti relativi al medesimo settore scientifico-disciplinare (SSD) direttamente riconosciuti allo studente non può essere inferiore al 5% di quelli già maturati. Nel caso in cui il corso di provenienza sia svolto in modalità a distanza, la quota minima del 5% è riconosciuta solo se il corso di provenienza risulta accreditato ai sensi del Regolamento ministeriale di cui all art. 2, comma 148, 1

11 del decreto-legge 3 ottobre 2, n. 22, convertito dalla legge 24 novembre 2, n. 28. I CFU eventualmente conseguiti non riconosciuti ai fini del conseguimento del titolo di studio rimangono, comunque, registrati nella carriera universitaria dell interessato. Gli eventuali CFU non corrispondenti a corsi inclusi nel piano di studi potranno anche essere impiegati, a richiesta dello studente e previa valutazione della Giunta del CdS, per l accreditamento delle attività formative a scelta. Possono essere considerati a questo scopo conoscenze e abilità professionali certificate ai sensi della normativa vigente in materia, nonché altre conoscenze e abilità maturate in attività formative di livello universitario o post-universitario, nel rispetto di quanto stabilito all art. del presente regolamento. Può essere concessa l abbreviazione di corso, mediante l iscrizione al II anno agli studenti immatricolati che, in seguito al riconoscimento di attività svolte in altri CdS precedentemente frequentati o a lauree già conseguite, abbiano ottenuto la convalida di più del 5% dei CFU previsti nel I anno di corso. La concessione dell abbreviazione è subordinata al mantenimento dei requisiti di programmazione locale del CdS e nel rispetto dell ordinamento didattico vigente. Lo studente che chiede riconoscimenti di CFU è tenuto a presentare domanda alla Giunta del CdS allegando certificati e attestazioni relative all effettivo superamento degli esami ovvero al conseguimento dei CFU di cui si chiede la convalida presso l Ateneo di Bari o altra Università o ente. Art. 11 Iscrizione agli anni successivi Per l iscrizione al successivo anno del CdS, non è richiesta l acquisizione di un numero minimo di CFU. 11

12 Art. 12 Accreditamento EuroPsy Il CdS Magistrale in Psicologia Clinica rispecchia i requisiti minimi EuroPsy di certificazione Europea in Psicologia: CFU in Corsi teorici, seminari, lavori individuali in psicologia computati considerando i corsi afferenti ai raggruppamenti scientifico disciplinari M/PSI (includendo l esame a scelta dello studente che dovrà quindi appartenere ad uno dei SSD etichettati M-PSI); 15 CFU in Tirocinio formativo o orientativo ; 15 CFU in Progetto di ricerca/tesi. Art. 13 Valutazione dell attività didattica Il Consiglio di CdS si avvale delle forme di valutazione dell attività didattica di cui all art. 38 del Regolamento Generale di Ateneo, nonché di pareri e opinioni di studenti acquisiti attraverso consultazioni formali e informali con studenti, docenti, personale di segreteria, enti ospitanti i tirocini, Ordine Professionale degli Psicologi della Puglia. Art. 14 Disposizioni finali Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento didattico di CdS si rinvia alle norme di legge, allo Statuto, al Regolamento generale di Ateneo, al Regolamento didattico di Ateneo e al Regolamento didattico del Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. 12

13 Allegato Piano di studi Primo Anno I semestre Moduli e Discipline di Insegnamento 1. DISEGNI DI RICERCA E ANALISI DEI DATI IN PSICOLOGIA CLINICA E APPLICATA 2. PSICOLOGIA SOCIALE DI COMUNITA 3. VALUTAZIONE DELLO SVILUPPO E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA a. Osservazione e valutazione dello sviluppo b. Interventi a sostegno della genitorialità 4. PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE E METODOLOGIE N=1 Attività Formative Crediti Prova di Settore Disciplinare Tip. (*) Tot Lez Es Lab Valutazione M-PSI/3 b esame con voto M-PSI/5 b esame con voto M-PSI/4 M-PSI/4 b b esame con voto M-PSI/1 b esame con voto II semestre Moduli e Discipline di Insegnamento 5. PSICODIAGNOSI E VALUTAZIONE CLINICA DELL INDIVIDUO E DELLA FAMIGLIA. INTERVENTI A SOSTEGNO DELL INDIVIDUO E DELLA FAMIGLIA 7. PSICOPATOLOGIA a. Psicopatologia generale e dello sviluppo b. Psicopatologia forense Corso avanzato Attività Formative Crediti Prova di Settore Disciplinare Tip. (*) Tot Lez Es Lab Valutazione M-PSI/8 b 9 9 esame con voto M-PSI/8 b esame con voto M-PSI/7 MEDI/43 c c esame con voto 13

14 Secondo Anno I semestre Moduli e Discipline di Insegnamento 8/9. Due insegnamenti a scelta tra: - VALUTAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI - FONETICA CLINICA - FILOSOFIA ED EPISTEMOLOGIA DELLE SCIENZE UMANE 1. PSICOLOGIA DELLA TESTIMONIANZA 11. INGLESE SCIENTIFICO CORSO AVANZATO Attività Formative Crediti Prova di Settore Disciplinare Tip. (*) Tot Lez Es Lab Valutazione SPS/7 L-LIN/1 M-FIL/1 c c c esami con voto M-PSI/1 b esame con voto L-LIN/12 f esame con voto II semestre Moduli e Discipline di Insegnamento 12. ATTIVITA A SCELTA DELLO STUDENTE TIROCINIO f 15 PROVA FINALE (Tesi + discussione) Attività Formative Crediti Prova di Settore Disciplinare Tip. (*) Tot Lez Es Lab Valutazione d 9 esame con voto per almeno CFU e 15 Note (*) La tipologia degli insegnamenti riportata nel Piano di Studi fa riferimento all art. 1 del DM 27/24: a) attività formative in uno o più ambiti disciplinari relativi alla formazione di base; b) attività formative in uno o più ambiti disciplinari caratterizzanti la classe; c) attività formative in uno o più ambiti disciplinari affini o integrativi di quelli caratterizzanti, anche con riguardo alle culture di contesto e alla formazione interdisciplinare; d) attività formative autonomamente scelte dallo studente purché coerenti con il progetto formativo; e) attività formative relative alla preparazione della prova finale per il conseguimento del titolo di studio e, con riferimento alla laurea, alla verifica della conoscenza di almeno una lingua straniera oltre l'italiano; f) attività formative, non previste dalle lettere precedenti, volte ad acquisire ulteriori conoscenze linguistiche, nonché abilità informatiche e telematiche, relazionali, o comunque utili per l'inserimento nel mondo del lavoro, nonché attività formative volte ad agevolare le scelte professionali, mediante la conoscenza diretta del 14

15 settore lavorativo cui il titolo di studio può dare accesso, tra cui, in particolare, i tirocini formativi e di orientamento di cui al decreto del Ministero del Lavoro 25 marzo 1998, n INSEGNAMENTI Insegnamento: DISEGNI DI RICERCA E ANALISI DEI DATI IN PSICOLOGIA CLINICA E APPLICATA. Crediti: Obiettivi formativi specifici: Fornire una conoscenza avanzata delle teorie e dei metodi di ricerca relativi allo studio scientifico dei processi cognitivi nel ciclo di vita, nell'ambito della normalità e della patologia, in modo da rendere lo studente capace di selezionare ed utilizzare strumenti atti alla valutazione psicologica e neuropsicologica e alla valutazione dell efficacia degli interventi in psicologia clinica. Insegnamento: PSICOLOGIA SOCIALE DI COMUNITÀ. Crediti: Obiettivi formativi specifici: Il Corso si propone di mettere a fuoco i principali temi di ricerca, le teorie e le esperienze sviluppate nell ambito della Psicologia Sociale di Comunità e di fornire una conoscenza aggiornata delle pratiche e dei modelli di intervento. Insegnamento: VALUTAZIONE DELLO SVILUPPO E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ - MODULO. PARTE A: OSSERVAZIONE E VALUTAZIONE DELLO SVILUPPO Crediti: Obiettivi formativi specifici: Offrire una conoscenza dei principali strumenti per la valutazione dello sviluppo cognitivo, affettivo, emotivo e sociale del bambino, in modo da rendere lo studente capace di osservare e valutare i comportamenti manifestati dal bambino nei contesti di vita quotidiana e di interpretare protocolli di valutazione dei percorsi di sviluppo. PARTE B: INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA GENITORIALITÀ Crediti: 15

16 Obiettivi formativi specifici: Mettere a fuoco le principali tipologie di intervento a sostegno della genitorialità, rendendo lo studente capace di utilizzare, nelle simulate, le tecniche apprese di sostegno alla genitorialità, individuando percorsi di intervento adeguati a sostenere la genitorialità nei diversi contesti di esperienza. Insegnamento: PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE E METODOLOGIE N=1. Crediti: Obiettivi formativi specifici: Offrire agli studenti gli strumenti analitici e concettuali per l osservazione e la soluzione di casi clinici nell ottica degli interventi riabilitativi e per sviluppare la ricerca in ambito clinico e diagnostico attraverso la formazione di competenze pratiche e operative relative alla misura, al rilevamento e al trattamento dei dati pertinenti l analisi psicologica dei fenomeni clinico diagnostici. Insegnamento: PSICODIAGNOSI E VALUTAZIONE CLINICA DELL INDIVIDUO E DELLA FAMIGLIA. Crediti: 9 Obiettivi formativi specifici: Conoscenza avanzata e comprensione dei principali costrutti di base della disciplina, con particolare riferimento ai metodi e alle tecniche dell'assessment psicodiagnostico e della diagnosi differenziale, dei processi clinico-psicologici alla base dello sviluppo individuale normale e patologico; capacità di padroneggiare i costrutti fondamentali per la valutazione della funzionalità e/o disfunzionalità dei diversi contesti familiari/genitoriali; capacità di applicare i costrutti di riferimento all'analisi di casi clinici, affinando la capacità di fare diagnosi, effettuare una corretta analisi della domanda, strutturare specifici interventi clinico-terapeutici sui casi in esame. Insegnamento: INTERVENTI CLINICI A SOSTEGNO DELL INDIVIDUO E DELLA FAMIGLIA. Crediti: Obiettivi formativi specifici: Conoscenza dei concetti di base e avanzati, delle principali teorie e metodi in Psicologia Sistemico-Famigliare e Psicologia Cognitiva, conoscenza delle pratiche e dei modelli di intervento relativi ai diversi approcci terapeutici. Insegnamento: PSICOPATOLOGIA. PARTE A: PSICOPATOLOGIA GENERALE E DELLO SVILUPPO 1

17 Crediti: Obiettivi formativi specifici: Mettere a fuoco i principali temi di ricerca, le teorie e le esperienze sviluppate nell ambito della Psicopatologia generale e dello Sviluppo, con riferimento ai concetti e alle teorie psicoanalitiche dello sviluppo, al funzionamento narcisistico, alla differenziazione tra funzionamento psicotico e non psicotico e ai precursori dinamici precoci dei disturbi psicologici; offrire una conoscenza avanzata dei principali quadri clinici, delle tecniche di intervento clinico e dei criteri di analizzabilità di un individuo. PARTE B: PSICOPATOLOGIA FORENSE-CORSO AVANZATO Crediti: Obiettivi formativi specifici: Conoscenza delle principali caratteristiche e problematicità della dottrina della responsabilità e della imputabilità, capacità di comprensione e classificazione in psicopatologia forense, capacità di individuare le particolarità e le lacune metodologiche di elaborati peritali in abito penale, civile e canonistico. Insegnamento: VALUTAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI. Crediti: Obiettivi formativi specifici: Conoscenza delle metodologie di valutazione dei servizi sociali, capacità di valutare i servizi sociali e di comunicare i risultati della valutazione, capacità di individuare i metodi di valutazione adatti ai diversi contesti organizzativi. Insegnamento: FONETICA CLINICA. Crediti: Obiettivi formativi specifici: Acquisizione conoscenze di base, a livello concettuale e metodologico, della fonetica clinica, disciplina che applica metodi e contenuti tipici della fonetica all ambito clinico dei disturbi del linguaggio; capacità di individuare possibili forme di intervento dell azione professionale dello psicologo nell ambito specifico dei disturbi del linguaggio parlato. Insegnamento: FILOSOFIA ED EPISTEMOLOGIA DELLE SCIENZE UMANE. Crediti: Obiettivi formativi specifici: Offrire un confronto con i principali interrogativi che il pensare filosofico pone alle varie teorie scientifico-psicologiche della mente, proporre un indagine critica 17

18 delle metodologie e dei linguaggi delle teorie della mente che sono di riferimento all intervento psicologico-clinico, affinare le capacità di analisi della relazione con il paziente, le istituzioni e le organizzazioni. Insegnamento: PSICOLOGIA DELLA TESTIMONIANZA. Crediti: Obiettivi formativi specifici: Acquisizione delle principali metodologie di indagine nell ambito della psicologia della testimonianza, capacità di individuare i processi psicologici coinvolti in ambito testimoniale e, più, in generale, psicoforense, conoscenza delle norme etiche e deontologiche, delle buone prassi e dei protocolli scientifici e professionali più accreditati che regolano l esercizio dell attività di psicologo nel contesto forense. Insegnamento: INGLESE SCIENTIFICO-CORSO AVANZATO. Crediti: Obiettivi formativi specifici: Lettura e comprensione di articoli scientifici in lingua inglese, scrittura di abstract su argomenti di ricerca psicologica in lingua inglese, comprensione di comunicazioni scientifiche orali in lingua inglese, organizzazione di schema di presentazione di ricerca scientifica psicologica in lingua inglese. 18

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI DIPARTIMENTO DI LETTERE LINGUE ARTI ITALIANISTICA E CULTURE COMPARATE CORSO DI LAUREA IN TRADUZIONE SPECIALISTICA (CLASSE LM-94) REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015 Art.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI DIPARTIMENTO DI Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CORSO DI LAUREA IN FORMAZIONE E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015 Art.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Classe di appartenenza: LM - 51 Clinical Psychology REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014

MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014 MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014 Requisiti d accesso e modalità di verifica Per essere ammessi al corso di laurea magistrale in Psicologia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Scienze e tecniche psicologiche Classe L-24 Anno Accademico 2013-2014

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Scienze e tecniche psicologiche Classe L-24 Anno Accademico 2013-2014 MANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA Scienze e tecniche psicologiche Classe L-24 Anno Accademico 2013-2014 Requisiti d accesso e modalità di verifica Per accedere al corso di laurea della classe L-24

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art.

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche- L 24. CAPO I Oggetto

Regolamento Didattico del Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche- L 24. CAPO I Oggetto Dipartimento di Scienze umane Art. 1 - Oggetto del regolamento Regolamento Didattico del Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche- L 24 CAPO I Oggetto Il presente regolamento, in conformità con

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014-2015. Regolamento didattico del Corso di Laurea in

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014-2015. Regolamento didattico del Corso di Laurea in Art. 1 Finalità UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014-2015 Regolamento didattico del Corso di Laurea in Consulenza Professionale per le Aziende Classe LM77 Il presente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATCA E COMUNICAZIONE DIGITALE Art. 1 Finalità (art.2 c.6 art.15

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN: PSICOLOGIA (Interfacoltà con le Facoltà di Lettere e Filosofia e di Medicina

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze della Formazione. LAUREA MAGISTRALE IN Consulenza pedagogica e ricerca educativa

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze della Formazione. LAUREA MAGISTRALE IN Consulenza pedagogica e ricerca educativa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Scienze della Formazione LAUREA MAGISTRALE IN Consulenza pedagogica e ricerca educativa REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZA PER LA DIAGNOSTICA E CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (classe LM-11)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia Clinica e Neuropsicologia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia Clinica e Neuropsicologia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia Clinica e Neuropsicologia REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI Art. 1 Denominazione

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale PSICOLOGIA CLINICA E DELLA SALUTE E NEUROPSICOLOGIA

Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale PSICOLOGIA CLINICA E DELLA SALUTE E NEUROPSICOLOGIA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in PSICOLOGIA CLINICA E DELLA SALUTE E NEUROPSICOLOGIA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2015/201 1 Premessa Denominazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA (classe L/SNT1 Professioni sanitarie infermieristiche e professione

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, MANAGEMENT E DIRITTO DELL IMPRESA CORSO DI LAUREA IN PROGETTAZIONE E MANAGEMENT DEI SISTEMI TURISTICI E CULTURALI REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA IN Scienze e tecniche psicologiche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA IN Scienze e tecniche psicologiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia LAUREA IN Scienze e tecniche psicologiche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE PRESENTAZIONE Il Corso di Laurea in

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

Regolamento Didattico. Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22

Regolamento Didattico. Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22 Regolamento Didattico Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22 REG.CDL.SM rev. 0 del 16 febbraio 2011 1/9 Articolo 1 - Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Facoltà:

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica (classe LM-33), in conformità alla normativa

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea in Economia e Commercio Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Economia e Commercio Economics

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE

SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE 66 Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE (Classe LM-78 - ex D.M. 270/04) Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-78 Scienze filosofiche I laureati nei corsi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA Art.1 Premessa e ambito di competenza 1. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto e al Regolamento Didattico di Ateneo, disciplina gli aspetti organizzativi

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA, FACOLTÀ ECONOMIA e FACOLTÀ di LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA, FACOLTÀ ECONOMIA e FACOLTÀ di LETTERE E FILOSOFIA DI LETTERE E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA, ECONOMIA e di LETTERE E CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E CULTURA DELLA GASTRONOMIA E DELLA RISTORAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN CHIMICA (CLASSE L-27 Scienze e Tecnologie Chimiche) Art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE. Classe 87/S : Laurea specialistica in Scienze Pedagogiche

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE. Classe 87/S : Laurea specialistica in Scienze Pedagogiche 7. LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE PEDAGOGICHE Classe 87/S : Laurea specialistica in Scienze Pedagogiche PROFILO Obiettivi formativi Il laureati nei corsi di laurea specialistica della classe devono acquisire:

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze della Formazione LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia Scolastica e dell'educazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (L-24 Classe delle Lauree in Scienze e tecniche psicologiche)

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in COMUNICAZIONE DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 - Costituzione del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione È costituito, presso la Facoltà di Studi Umanistici dell Università degli Studi di Cagliari, il Corso di Laurea triennale in Scienze

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, MANAGEMENT E DIRITTO DELL IMPRESA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2016-2017 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia)

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) 1 Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) Art 1. Denominazione È istituito presso l Università di Firenze il Corso di Laurea

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Emanato con Decreto del Presidente del Consiglio dell Università n. 04 del 12.0.2009 (decorrenza a.a. 2009/2010) STR 1 Art. 1 Definizione e

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Scienze umanistiche 1.2 Classe

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA afferisce

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO TELEMATICO IN SCIENZE PSICOLOGICHE CLASSE L-24

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SEZIONE I - NORME GENERALI E COMUNI CAPO I - DENOMINAZIONE E ORGANI Art. 1 - Denominazione dei corsi di laurea e classi di riferimento Art.

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Psicologia (LM-51 Classe delle Lauree magistrali in Psicologia) Art. 1 Norme

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea magistrale in Architettura. Classe di laurea magistrale LM 4

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea magistrale in Architettura. Classe di laurea magistrale LM 4 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea magistrale in Architettura Classe di laurea magistrale LM 4 DM 270/2004, art. 12 R.D.A. art. 5 RIDD Approvato dal

Dettagli

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj 81,9(56,7 '(*/,678',',02'(1$(5(**,2(0,/,$ )$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ 5(*2/$0(172','$77,&2'(/&2562',/$85($,1,*,(1('(17$/( &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (CLASSE L-35 Scienze Matematiche) Art. 1 Premesse

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del corso...1 2. Risultati di apprendimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Scienze

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali Classe LM-52 delle Relazioni Internazionali Il Corso di Laurea Magistrale Relazioni Internazionali (classe LM-52 delle )

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Art.1 Premessa e ambito di competenza 1. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto e al Regolamento Didattico di Ateneo, disciplina gli aspetti organizzativi dell attività

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA (CLASSE LM-6 BIOLOGIA) Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE MODERNE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2013/2014

MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2013/2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2013/2014 Laurea in SCIENZE BIOLOGICHE classe L-13 (DM 270/04) Ordinamento Didattico

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea magistrale in STRATEGIE DI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (CLASSE L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE) abilitante

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

PARTE I Principi generali

PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Banca e Finanza Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Banca e Finanza Banking

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Facoltà di Lettere e Filosofia Facoltà di Giurisprudenza Facoltà di Scienze Motorie Regolamento didattico Corso di laurea interfacoltà in SERVIZIO SOCIALE Classe L39 Articolo 1 Definizioni e finalità 1.

Dettagli