REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale, nel rispetto della disciplina contenuta nello Statuto e delle disposizioni di cui all art. 12 della Legge 7 agosto 1990, n. 241, disciplina con il presente atto i criteri e le modalità per la concessione in uso a terzi dei seguenti locali di proprietà comunale: - centro produzione pasti (cucina) via Verdi - refettorio scolastico via Verdi Art. 2 Destinazione d uso e finalità delle concessioni I locali di cui al precedente articolo 1 sono destinati al servizio di ristorazione scolastica per tutta la durata delle lezioni della scuola primaria e secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo di Pegognaga. Durante tale periodo, compreso tra il mese di settembre e il successivo mese di giugno, il centro cottura e il refettorio sono utilizzati esclusivamente dalla ditta appaltatrice del servizio come disposto con deliberazione del Consiglio Comunale n 69 del 28/11/2008. Nei mesi di giugno, luglio e agosto, il centro di produzione pasti e il refettorio potranno essere concessi in uso a terzi per manifestazioni ed iniziative di carattere sociale, culturale, politico ricreativo promosse e organizzate da enti, associazioni e gruppi di persone. Previo consenso della ditta appaltatrice del servizio di refezione scolastica, il centro di produzione e il refettorio potranno essere concessi in uso oltre al periodo sopra indicato e in ogni caso non prima del 15 maggio e non oltre il 15 settembre. Sono escluse tutte le iniziative aventi finalità commerciali e di lucro. L uso dei locali deve avvenire nel rispetto delle vigenti normative, specie quelle in materia di igiene e sicurezza. Art. 3 Concessionari L uso dei locali individuati all art. 1 è riservato a enti, associazioni, organizzazioni politiche e sindacali, cooperative, gruppi di persone con sede o residenza nel Comune di Pegognaga, che perseguono, sulla base del proprio statuto, interessi collettivi e che non hanno fini di lucro. L utilizzo dei locali è concesso anche a singoli cittadini per motivate esigenze che saranno valutate, volta per volta, dalla Giunta Comunale. 1

2 Le richieste d uso presentate da enti e associazioni non di Pegognaga potranno essere prese in considerazioni solo dopo il soddisfacimento delle richieste di cui ai commi precedenti. Art. 4 Domanda di concessione Le domande di concessione redatte su apposito modulo predisposto dall Amministrazione Comunale, sottoscritte dal legale rappresentante dell ente o associazione o dal singolo richiedente dovranno contenere: - generalità del soggetto richiedente - generalità della persona responsabile dell attività che sarà svolta presso i locali richiesti alla quale si farà riferimento per impartire, anche verbalmente, prima e nel corso dell utilizzo, disposizioni di servizio per l uso dei locali. In mancanza è inteso che il richiedente (legale rappresentante) assume direttamente qualsiasi responsabilità nei confronti dell Amministrazione Comunale. - Locale/i richiesto/i - programma dell attività che si intende svolgere, durata e numero presunto dei partecipanti - arredi, attrezzature, impianti che si intendono introdurre - dichiarazione di accettazione di ogni responsabilità per eventuali danni a persone, animali, cose durante la permanenza nei locali - impegno a riconsegnare i locali, gli arredi e le attrezzature nello stato medesimo nel quale sono stati ricevuti. Le richieste di concessioni relative a iniziative o eventi ricorrenti ogni anno e per i quali è richiesto l utilizzo dei locali per più giorni dovranno pervenire entro il 31 marzo. Le richieste di concessione relative a iniziative o eventi di natura occasionale dovranno essere presentate almeno 15 giorni prima della data della manifestazione o riunione, fatti salvi i casi di particolare urgenza debitamente motivati. Art. 4 Concessioni Il responsabile di settore, verificati i requisiti e la disponibilità dei locali, affiderà in concessione gli stessi per iniziative o eventi ricorrenti ogni anno e per i quali è stata inoltrata richiesta entro il 31 marzo, avuto riguardo dei seguenti criteri: - continuità nel tempo della manifestazione - ordine temporale di presentazione della domanda - numero persone coinvolte/destinatari della manifestazione - target di riferimento con priorità alle manifestazioni rivolte ai giovani - finalità della manifestazione a carattere sociale, culturale, ricreativo 2

3 In tutti i restanti casi il responsabile di settore, verificati i requisiti e la disponibilità dei locali, affiderà in concessione gli stessi esclusivamente secondo l ordine temporale di presentazione della domanda dando tuttavia priorità a quelle inerenti a manifestazioni che abbiano carattere sociale, culturale e ricreativo o comunque per iniziative pubbliche. L atto di concessione è rilasciato previo versamento, da parte del concessionario, dell apposita tariffa fissata annualmente dalla Giunta. Deve essenzialmente prevedere: l oggetto, la finalità, la tariffa da pagare, la durata della concessione, la possibilità di revoca per pubblico interesse, il richiamo agli obblighi previsti dal presente atto. L Amministrazione si riserva la facoltà di sospendere la concessione per specifiche sue necessità di utilizzo dei locali. In tal caso sarà dato congruo preavviso al concessionario affinché renda disponibili i locali. Art. 5 Modalità di accesso e utilizzo dei locali I locali e quanto in essi contenuto (escluse tutte le materie prime e il materiale di pulizia) sarà concesso solo ed esclusivamente ai richiedenti autorizzati dal Comune con atto di concessione. Le chiavi di accesso ai locali saranno consegnate previo sopralluogo da parte di un referente del Comune e un referente del concessionario per la verifica dello stato dei locali, degli arredi, delle attrezzature e degli utensili messi a disposizione. Durante il sopralluogo si procederà alla lettura dei contatori. Al termine dell utilizzo dei locali, prima della consegna delle chiavi, dovrà essere invece redatto un verbale con il quale si accerti il regolare utilizzo di tutto quanto concesso in uso e nel quale sia riportata la lettura finale dei contatori. Entrambi i verbali dovranno essere sottoscritti da tutte le parti interessate. L uso dei locali dovrà avvenire adoperando la massima diligenza. I concessionari non potranno manomettere, apportare varianti e miglioramenti, anche temporanei e per esigenze organizzative proprie, senza aver ottenuto il preventivo nulla osta da parte del Comune. Per le manifestazioni che richiedono l installazione di attrezzature o allestimento di arredi diversi da quelli già in dotazione, i concessionari dovranno provvedere a proprie cure e spese alla loro acquisizione, sistemazione, montaggio/smontaggio e rimozione. Queste ultime operazioni devono avvenire nel più breve tempo possibile e comunque entro i termini fissati nell autorizzazione, al fine di non pregiudicare la disponibilità dello spazio per altre attività. Le stesse devono svolgersi con le necessarie precauzioni per evitare danni alla struttura; danni che in ogni caso sono posti a esclusivo carico del concessionario. 3

4 E vietata l affissione alle pareti,a gli arredi, alle attrezzature, ai vetri di porte e finestre con qualsiasi mezzo salvo diversa autorizzazione. E vietata ogni manomissione di impianti, infissi ed arredi presenti nei locali concessi in uso. Eventuali inconvenienti o difetti dovranno essere tempestivamente comunicati al Comune. L assenza di segnalazione scritta presupporrà l idoneità e la funzionalità di quanto concesso in uso. Al termine dell utilizzo i locali devono essere riconsegnati in ordine e completamente puliti. Nessuna materia prima, né altro materiale di consumo (es. materiale per la disinfezione e la pulizia dei locali, stoviglie a perdere ) o arredi non di proprietà del Comune potranno rimanere depositati presso i locali, salvo quanto diversamente disposto nell atto di concessione e previa richiesta scritta del richiedente e valutazione del Responsabile di settore. Nel caso di mancato rispetto del presente obbligo è prevista l applicazione di una sanzione pecuniaria che sarà stabilita dalla Giunta Comunale con la deliberazione di cui all art. 8 E fatto altresì obbligo ai concessionari di effettuare il conferimento dei rifiuti con sistema differenziato previa richiesta scritta al gestore del servizio di igiene urbana. Tutti gli oneri conseguenti competono esclusivamente ai concessionari. Compete ai concessionari la presentazione della SCIA per la somministrazione di alimenti e bevande nonché di ogni altra istanza volta all acquisizione di licenze di pubblico spettacolo. I Concessionari devono inoltre garantire un utilizzo dei beni compatibile con le disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs 81/2008), laddove applicabili. Art. 6 Responsabilità Spetta ai concessionari: - destinare i locali alle sole attività per le quali sono stati autorizzati all uso dei locali; - garantite la sicurezza, l ordine e la sorveglianza dei locali durante lo svolgimento dell attività; - controllare che il numero di persone presenti alle diverse manifestazioni non superi quello consentito dal certificato di agibilità; - riconsegnare i locali nelle condizioni, anche igieniche, in cui li avevano ricevuti; Ai concessionari è vietato consegnare le chiavi ad altri o duplicarle, salvo specifica autorizzazione del Comune. I concessionari dei locali diversi dalla ditta appaltatrice che gestisce il servizio di refezione scolastica sono ritenuti gli unici responsabili, sia civilmente che penalmente del corretto utilizzo dei locali, degli arredi e delle attrezzature, di eventuali danni arrecati personalmente o da terzi, dei 4

5 danni che dovessero derivare a persone e/o cose in dipendenza della concessione, nonché dell osservanza di tutte le disposizioni legislative regolamentari vigenti in materia di sicurezza e di produzione e somministrazione alimenti. L Amministrazione, nonché la ditta appaltatrice, sono sollevate senza riserve ed eccezioni da qualsivoglia responsabilità connessa e conseguente all utilizzo del centro di produzione pasti e del refettorio. Di eventuali danni cagionati o costatati dovrà essere data tempestiva notizia al Comune. Tutti i danni causati diretti o indiretti ai locali ed alle relative suppellettili durante la concessione d uso dovranno essere risarciti al Comune. A garanzia del risarcimento danni di cui al precedente comma e degli eventuali danni a terzi l Amministrazione comunale potrà richiedere, in riferimento alla tipologia della manifestazione e alla struttura concessa in uso, la stipula di apposita polizza assicurativa, con congrui massimali ovvero un adeguato deposito cauzionale. Art. 7 Controllo Il personale del comune incaricato può, in qualsiasi momento, accedere ai locali per ispezionare, sospendere l attività e ordinare lo sgombero degli stessi, quando ciò sia ritenuto opportuno per motivi di sicurezza e igiene o sia valutato in contrasto con l attività per cui la concessione era stata data. Art. 8 Tariffe e quota di partecipazione alle spese Le tariffe per l utilizzo in concessione dei locali oggetti del presente regolamento, l ammontare della sanzione di cui all art. 8 e i massimali della polizza assicurativa di cui all art. 6 sono determinati annualmente dalla Giunta Comunale con apposita deliberazione. Le tariffe dovranno essere pagate contestualmente al ritiro della concessione. Le spese relative alla fornitura dell energia elettrica e del gas dovranno essere rimborsate a consuntivo alla ditta appaltatrice o al Comune come stabilito nell atto di autorizzazione, previa lettura dei contatori. La concessione del patrocinio del Comune in relazione a iniziative, attività, manifestazioni, non costituisce di per sé titolo per ottenere gratuitamente l uso di beni immobili o mobili o servizi del Comune. 5

6 Art. 9 Rinuncia alla concessione I concessionari possono rinunciare alla concessione per gravi e comprovati motivi, dandone comunicazione all Amministrazione Comunale in forma scritta. Tale rinuncia esclude il diritto alla restituzione di eventuali costi già sostenuti dal concessionario. Art. 10 Decadenza della concessione L inosservanza delle disposizioni contenute nel presente regolamento comporterà la sospensione temporanea o definitiva della concessione in atto, senza possibilità di rivalsa da parte del concessionario per le quote già versate. Costituiscono motivo di decadenza: - la realizzazione di interventi senza preventiva autorizzazione e/o mancata rimozione degli stessi; - l utilizzo anche solo temporaneo per finalità diverse da quelle previste nell atto di assegnazione, in assenza di autorizzazione dell Amministrazione - il mancato pagamento della quota di contribuzione alle spese o della tariffa, se dovute; - la violazione del divieto di sub concessione. La pronuncia di decadenza è preceduta dalla contestazione degli inadempimenti che è comunicata al concessionario per mezzo raccomandata A/R; il concessionario ha la facoltà di contro dedurre entro 15 giorni dalla ricezione della comunicazione. Art. 11 Revoca della concessione L Amministrazione comunale può disporre la revoca della concessione laddove intervengano motivate ragioni di pubblico interesse. Art. 12 Entrata in vigore Le disposizioni contenute nel presente atto disciplinano la concessione dei locali di cui all art. 1 a far data dal giorno di esecutività del relativo provvedimento di adozione, fermo restando l ulteriore provvedimento pubblicazione di 15 giorni all Albo Pretorio del Comune. 6

COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso

COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI BENI IMMOBILI, MOBILI E ATTREZZATURE COMUNALI Approvato con Delibera del C.C. n. del INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Impianti sportivi

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DEL PARCO ANGELO DELLA TORRE E DELLE RELATIVE STRUTTURE. ART.1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l uso del Parco della Villa

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI 1 INDICE GENERALE: Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Art. 2 STRUTTURE Art. 3 SOGGETTI Art. 4 RICHIESTA

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera UFFICIO SEGRETERIA

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Art. 1 Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione degli impianti sportivi e del tempo libero ad uso pubblico di proprietà

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 TITOLO I Art 1 Definizione di impianto sportivo comunale Si definiscono impianti sportivi comunali

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Città di Lecce Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72 del 7 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI Art. 1. FINALITA

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali

Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali Parte I: Disposizioni generali 1. Finalità L Amministrazione Comunale intende, con il presente regolamento, valorizzare l utilizzo delle sale comunali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI, DELLE STRUTTURE E DELLE ATTREZZATURE DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI, DELLE STRUTTURE E DELLE ATTREZZATURE DI PROPRIETA COMUNALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI, DELLE STRUTTURE E DELLE ATTREZZATURE DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con atto C.C. N. 41 del 27/11/2013 1 INDICE ART. 1 OGGETTO pag. 3 ART. 2 INDIVIDUAZIONE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso

COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso Regolamento per utilizzo palestre scolastiche comunali in orario extrascolastico approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 13 del 30/04/2015 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI ALLEGATO A DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI Art. 1) Ambito di applicazione Il presente disciplinare individua e regola i criteri

Dettagli

COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO. per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE

COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO. per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA.

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. Art. 1 Oggetto del Disciplinare Il presente disciplinare regola l uso dei locali di proprietà

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA. PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze

CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA. PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze CAPITOLATO D ONERI BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SERVIZIO BAR-RISTORO NEI LOCALI DELL IPSSCT Sassetti-Peruzzi di Firenze Il presente capitolato d oneri disciplina la concessione d uso

Dettagli

COMUNE DI SOVERE. Provincia di Bergamo. Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali

COMUNE DI SOVERE. Provincia di Bergamo. Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali COMUNE DI SOVERE Provincia di Bergamo Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali ART.1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ 1) I presenti criteri di gestione hanno lo scopo di salvaguardare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI COMUNALI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI COMUNALI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI COMUNALI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA Art. 1 Finalità 1. Le Associazioni svolgono una funzione sociale,

Dettagli

(approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010)

(approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010) COMUNE DI CASTELLINA MARITTIMA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DEI LOCALI E DELLE STRUTTURE COMUNALI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010)

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA Approvato con Deliberazione

Dettagli

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola L anno, nel giorno ( ) del mese di, presso la sede del Comune di Capannori (LU), con il presente atto da valere ad ogni effetto

Dettagli

COMUNE DI USMATE VELATE

COMUNE DI USMATE VELATE COMUNE DI USMATE VELATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI E STRUTTURE COMUNALI (approvato con deliberazione consiliare n 43 del 29.9.2005- abrogato) APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

Approvati con deliberazioni consiliari n. 28 e 29 dd. 09.07.2013.

Approvati con deliberazioni consiliari n. 28 e 29 dd. 09.07.2013. Regolamento e tabella tariffe per la concessione in uso dei locali dei nidi d infanzia, scuole dell infanzia comunali, ricreatori comunali e poli di aggregazione giovanile Approvati con deliberazioni consiliari

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI COMUNALI

R E G O L A M E N T O PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI COMUNALI COMUNE DI REANA DEL ROJALE P R O V I N C I A D I U D I N E www.comune.reanadelrojale.ud.it R E G O L A M E N T O PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI COMUNALI I N D I C E Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO COMUNE DI VILLANOVA MARCHESANA Provincia di Rovigo Piazza Marconi, 2 45030 Villanova Marchesana (RO) REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO CENTRO RICREATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI COMUN NUOVO Provincia di Bergamo P.zza De Gasperi, 10 24040 Comun Nuovo Tel. 035/595043 fax 035/595575 p.i.00646020164 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA

BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA 1. Oggetto e finalità utilizzo palestra scolastica. a)

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA P.Iva/C.F. 00344340500

CAPITOLATO SPECIALE. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA P.Iva/C.F. 00344340500 PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO INERENTE LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DEL COMUNE DI CON ONERI DI ALLESTIMENTO E MANUTENZIONE CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE

Dettagli

PER L USO TEMPORANEO DELLE SALE COMUNALI

PER L USO TEMPORANEO DELLE SALE COMUNALI REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO TEMPORANEO DELLE SALE COMUNALI (Approvato con deliberazione consiliare n. 71/28.11.2006) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso temporaneo di tutte le

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE (approvato con delibera Consiglio comunale n. 50 del 11.09.2014) ART. 1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE DELL ISTITUZIONE BIBLIOTECHE

MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE DELL ISTITUZIONE BIBLIOTECHE MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE DELL ISTITUZIONE BIBLIOTECHE Adottata con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione dell Istituzione Biblioteche nr. 40 del 03/09/2007 Art.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha come oggetto l affidamento in gestione del palazzetto dello sport

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE. INDICE Art. 1 - Disciplina regolamentare Pag. 1 Art. 2 Criterio disciplinare Pag. 1 Art. 3 Tipi di concessione Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO CONCESSIONE LOCALI SCOLASTICI

REGOLAMENTO CONCESSIONE LOCALI SCOLASTICI REGOLAMENTO CONCESSIONE LOCALI SCOLASTICI Considerato che sempre più di frequente pervengono richieste di utilizzo di locali scolastici da parte di terzi, il dirigente scolastico informa i presenti circa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE E DEGLI SPAZI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE E DEGLI SPAZI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE E DEGLI SPAZI COMUNALI Approvato dalla Commissione Consiliare IV nella se duta del 01.02.2010-05-07 Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

CITTÀ DI TAURISANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE ANDRZEJ NOWICKI

CITTÀ DI TAURISANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE ANDRZEJ NOWICKI CITTÀ DI TAURISANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE ANDRZEJ NOWICKI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 29-11-2014 Art. 1 FINALITA'

Dettagli

Il sottoscritto residente in via tel. e-mail in qualità di dell Ente/Associazione/Organismo con sede in via partita IVA n. CHIEDE

Il sottoscritto residente in via tel. e-mail in qualità di dell Ente/Associazione/Organismo con sede in via partita IVA n. CHIEDE Alla Camera di Commercio I.A.A. Ufficio Segreteria, Affari generali e Relazioni con il Pubblico Via Avogadro, 4 28100 NOVARA Oggetto: Richiesta uso temporaneo sale camerali. Il sottoscritto residente in

Dettagli

COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA ELSA MORANTE

COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA ELSA MORANTE COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA ELSA MORANTE Art. 1 Oggetto e scopo del regolamento Il presente regolamento disciplina la concessione in uso terzi

Dettagli

COMUNE DI BARGE REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI BARGE REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BARGE REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA 1. OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto il servizio di refezione scolastica rivolto agli alunni iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIVALENTE PALAINCONTRO IN VIA A. MORO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 21.06.2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA)

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) AGGIORNATO AL 12 OTTOBRE 2009 1 Art. 1 - Oggetto Il presente regolamento ha

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo) COMUNE DI BIBBIENA (Provincia di Arezzo) INDIRIZZI IN MERITO ALL AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE D USO E GESTIONE DEL TEATRO DOVIZI DI BIBBIENA (Periodo 1 luglio 2014 30 giugno 2019) PREMESSO che: il Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine P.ZZA UFFICI, 1 C.F. 8400 1550 304 TEL. 0433 / 51177-51877-51888 www.comune.moggioudinese.ud.it medaglia d'oro al valore civile C.A.P. 33015 P. I.V.A. 01 134

Dettagli

PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DI

PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DI Comune di Torre di Mosto Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DI STRUTTURE E DOTAZIONI DI PROPRIETA COMUNALE approvata con delibera del Consiglio Comunale n. 15 del 30.03.2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO CONSORZIO TRA I COMUNI DI CERNUSCO LOMBARDONE, LOMAGNA, OSNAGO E MONTEVECCHIA PER LA SCUOLA MEDIA STATALE G. VERGA DI CERNUSCO LOMBARDONE. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DELLE SALE DI RIUNIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DELLE SALE DI RIUNIONE COMUNITÀ MONTANA DEL PINEROLESE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DELLE SALE DI RIUNIONE Approvato con deliberazione di Giunta Esecutiva n. 144 del 28 novembre 2011 Articolo 1 Oggetto 1. Il

Dettagli

COMUNE DI MARUDO. Provincia di Lodi CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE E DEL CENTRO CIVICO

COMUNE DI MARUDO. Provincia di Lodi CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE E DEL CENTRO CIVICO COMUNE DI MARUDO Provincia di Lodi CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE E DEL CENTRO CIVICO COMUNALE. L'anno duemilaquattordici, il giorno 18 del mese di

Dettagli

FONDAZIONE TEATRO DELLA CITTA DI LIVORNO C. GOLDONI DISCIPLINARE D USO DEL TEATRO GOLDONI E DEL RIDOTTO LA GOLDONETTA

FONDAZIONE TEATRO DELLA CITTA DI LIVORNO C. GOLDONI DISCIPLINARE D USO DEL TEATRO GOLDONI E DEL RIDOTTO LA GOLDONETTA FONDAZIONE TEATRO DELLA CITTA DI LIVORNO C. GOLDONI DISCIPLINARE D USO DEL TEATRO GOLDONI E DEL RIDOTTO LA GOLDONETTA Livorno, aprile 2005 e successiva modifica marzo 2006 TEATRO GOLDONI E RIDOTTO LA GOLDONETTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI SPAZI DEL COMPLESSO DI VILLA BURBA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI SPAZI DEL COMPLESSO DI VILLA BURBA ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI SPAZI DEL COMPLESSO DI VILLA BURBA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento disciplina l uso temporaneo a titolo oneroso di alcuni spazi all

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE

REGOLAMENTO AZIENDALE REGOLAMENTO AZIENDALE Utilizzo Sale Convegni e Riunioni Approvato con delibera N. del Articolo 1-Scopi e ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la concessione in uso e l utilizzazione

Dettagli

COMUNE DI CIRIE ASSESSORATO ALLA CULTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI CORSO NAZIONI UNITE 32

COMUNE DI CIRIE ASSESSORATO ALLA CULTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI CORSO NAZIONI UNITE 32 COMUNE DI CIRIE ASSESSORATO ALLA CULTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI CORSO NAZIONI UNITE 32 Approvato con Deliberazione del Consiglio C.le n. 37

Dettagli

COMUNE DI SALZANO AREA SOCIO CULTURALE FOGLIO CONDIZIONI

COMUNE DI SALZANO AREA SOCIO CULTURALE FOGLIO CONDIZIONI COMUNE DI SALZANO AREA SOCIO CULTURALE AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNALE COSTITUITO DAL NUOVO PALAZZETTO DELLO SPORT E DA DUE CAMPI DA CALCETTO/TENNIS FOGLIO CONDIZIONI ART. 1

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA CONCESSIONE DI UN VANO FINESTRATO PRESSO L EDIFICIO EX SCUOLA

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA CONCESSIONE DI UN VANO FINESTRATO PRESSO L EDIFICIO EX SCUOLA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA Reg. interno n. CONCESSIONE DI UN VANO FINESTRATO PRESSO L EDIFICIO EX SCUOLA ELEMENTARE DI FERRAZZE A FAVORE DELL A.R.I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA Comune di Villasor Provincia di Cagliari Regolamento comunale per lo Sport Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011 INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Dettagli

COMUNE DI TARANTO Direzione Pubblica Istruzione Cultura Spettacolo Sport

COMUNE DI TARANTO Direzione Pubblica Istruzione Cultura Spettacolo Sport COMUNE DI TARANTO Direzione Pubblica Istruzione Cultura Spettacolo Sport DISCIPLINARE PER L' UTILIZZO DELLO STADIO COMUNALE ERASMO IACOVONE ( allegato alla deliberazione GC n. 54 del 14/04/2014 ) Partite

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle sale dell Unione Valdera da parte di Enti Terzi

Regolamento per l utilizzo delle sale dell Unione Valdera da parte di Enti Terzi Regolamento per l utilizzo delle sale dell Unione Valdera da parte di Enti Terzi ARTICOLO 1: Oggetto 1. Il presente regolamento individua i criteri generali per la in uso temporaneo degli ambienti a disposizione

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI SALE E LOCALI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 38 DEL 29 LUGLIO 2002 \\Srv2\Ufficio\REGOLAMENTI E CONVENZIONI\regolamenti per sito\reg. USO

Dettagli

SOMMARIO ART. 1 - UTILIZZO DELLE SALE...2 ART. 2 - DESCRIZIONE SALE...2 ART. 3 - PRESCRIZIONI NORMATIVE...3 ART. 4 - MODALITA DI UTILIZZO...

SOMMARIO ART. 1 - UTILIZZO DELLE SALE...2 ART. 2 - DESCRIZIONE SALE...2 ART. 3 - PRESCRIZIONI NORMATIVE...3 ART. 4 - MODALITA DI UTILIZZO... REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE DI RAPPRESENTANZA DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PORDENONE IN DISPONIBILITA PER CONVEGNI, MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE DIVERSE SOMMARIO ART. 1 - UTILIZZO

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI.

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI. COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI. Premesso che il Comune di Nerviano dispone attualmente delle seguenti sale civiche: - Sala civica

Dettagli

COMUNE di AMALFI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA IBSEN

COMUNE di AMALFI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA IBSEN COMUNE di AMALFI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA IBSEN Art. 1 Titolo e gestione 1. Il Comune di Amalfi dispone della Sala congressi IBSEN in via dei Prefetturi e, nelle more di una decisione definitiva

Dettagli

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CITTÀ DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO PISCINA COMUNALE

Dettagli

CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto

CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER I PUBBLICI SPETTACOLI E PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUGLI SPETTACOLI E I TRATTENIMENTI PUBBLICI ART. 1

Dettagli

CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO A TITOLO ONEROSO TRA

CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO A TITOLO ONEROSO TRA CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO A TITOLO ONEROSO TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (di seguito l UNIVERSITÀ ), con sede legale in Napoli, alla Via Ammiraglio F. Acton n. 38,

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLE PALESTRE MASOTTI E MONTEOLIVETO ART. 1 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO Forma oggetto della concessione la gestione del complesso dei beni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al

Dettagli

Regolamento Comunale per l'utilizzo delle Sale Civiche

Regolamento Comunale per l'utilizzo delle Sale Civiche Comune di CASALEONE (Provincia di Verona Regolamento Comunale per l'utilizzo delle Sale Civiche Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 49 del 30/06/2009 IL SEGRETARIO GENERALE Dr. Razzano Donato

Dettagli

DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO.

DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO. DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO. ARTICOLO 1 (OGGETTO E FINALITA ) Il presente disciplinare

Dettagli

C O M U N E D I PONTEDELL OLIO PROVINCIA DI PIACENZA

C O M U N E D I PONTEDELL OLIO PROVINCIA DI PIACENZA ALLEGATO B C O M U N E D I PONTEDELL OLIO PROVINCIA DI PIACENZA VIA VITTORIO VENETO, 147 29028 PONTEDELL OLIO Tel. 0523/874411 Fax 0523/874444 CAPITOLATO PER LA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE ANNESSA

Dettagli

COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO PROVINCIA DI ROMA AREA VIII - PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA INDICE CAPO I NORME GENERALI ART. 1 ART. 2 ART. 3 - Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari 1 COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari DISCIPLINALE PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN CAPANNONE PER ESSERE ADIBITO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE CONFERENZE. Approvato con deliberazione di C.C. n. 62 del 29/04/2011

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE CONFERENZE. Approvato con deliberazione di C.C. n. 62 del 29/04/2011 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE CONFERENZE Approvato con deliberazione di C.C. n. 62 del 29/04/2011 In vigore dal 01/06/2011 1 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 3 MODALITÀ DI

Dettagli

C O M U N E D I V I A D A N A. Provincia di Mantova

C O M U N E D I V I A D A N A. Provincia di Mantova C O M U N E D I V I A D A N A Provincia di Mantova AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA CONCESSIONE DEI LOCALI POSTI IN VIA AL PONTE NEI PRESSI DEL CENTRO SPORTIVO COMUNALE PER LA

Dettagli

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE TEMPORANEA DI AREE ALL INTERNO DELLA MINICAVA

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE TEMPORANEA DI AREE ALL INTERNO DELLA MINICAVA COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE TEMPORANEA DI AREE ALL INTERNO DELLA MINICAVA Deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 28/01/2014, esecutiva, avente ad oggetto

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali

Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali INDICE pg Art. 1 - Oggetto del Regolamento 2 Art. 2 - Spazi disponibili 2 Art. 3 - Orari d uso 2 Art. 4 - Modalità di concessione degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

COMUNE DI SINDIA Provincia di Nuoro

COMUNE DI SINDIA Provincia di Nuoro Allegato A) alla deliberazione C.C. n 17 del 28/10/2013 Il Segretario Comunale f.to Dr.ssa Nicolina Bonu COMUNE DI SINDIA Provincia di Nuoro REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI

Dettagli

Regolamento per uso e gestione impianti sportivi

Regolamento per uso e gestione impianti sportivi COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi -Via Napoli C.A.P. 72020 Regolamento per uso e gestione impianti sportivi Approvato con delibera di C.C. n. 45 del 29/09/2003 e modificato con delibera

Dettagli

Allegato A Regolamento per la concessione e l utilizzo delle palestre scolastiche. PREMESSA

Allegato A Regolamento per la concessione e l utilizzo delle palestre scolastiche. PREMESSA Allegato A Regolamento per la concessione e l utilizzo delle palestre scolastiche. PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al territorio

Dettagli

ATTO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLA SALA CONVEGNI DI SAN SEBASTIANO.

ATTO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLA SALA CONVEGNI DI SAN SEBASTIANO. ATTO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLA SALA CONVEGNI DI SAN SEBASTIANO. L anno duemila, il mese di, il giorno nella sede del Comune di Montagnareale, tra il Comune di Montagnareale, c.f. 86000270834, rappresentato

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di consiglio comunale n 33 del 08.08.2007 INDICE Art. 1 Oggetto del servizio Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER USO E GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI

REGOLAMENTO PER USO E GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI REGOLAMENTO PER USO E GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II CRITERI GENERALI PER USO IMPIANTI SPORTIVI TITOLO III CRITERI GENERALI PER GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI TITOLO IV

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 5 marzo 2013 pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI SPAZI E SALE DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA DI BRINDISI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI SPAZI E SALE DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA DI BRINDISI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI SPAZI E SALE DI PROPRIETA DELLA PROVINCIA DI BRINDISI ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento disciplina l'uso temporaneo da parte di soggetti pubblici

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 135 del 29.09.2003, circa : Nuovo Regolamento generale per l utilizzo degli impianti

Dettagli

Criteri per la concessione in uso temporaneo e precario dei locali scolastici

Criteri per la concessione in uso temporaneo e precario dei locali scolastici Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO GIANNI RODARI Via Niobe, 52 00118 ROMA C.F. 97028710586 Tel/fax 06 79810110 Tel. 06 79896266 e-mail: RMIC833007@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

Città di Gardone Val Trompia. CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23

Città di Gardone Val Trompia. CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23 Città di Gardone Val Trompia CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23 Documento approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n.151 del

Dettagli

COMUNE DI PONTE NOSSA Provincia di Bergamo

COMUNE DI PONTE NOSSA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l utilizzo della SALA CONVEGNI del Centro Polifunzionale Approvato con Deliberazione di C.C. nr.31 del 30.9.2004 Pagina 1 Indice Sommario Art. 1 Concessione, finalità e divieti nell utilizzo

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. N. atto DN-19 / 1145 del 09/12/2014 Codice identificativo 1087505

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. N. atto DN-19 / 1145 del 09/12/2014 Codice identificativo 1087505 COMUNE DI PISA TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD N. atto DN-19 / 1145 del 09/12/2014 Codice identificativo 1087505 PROPONENTE Area Sviluppo Territorio OGGETTO ASSEGNAZIONE SPAZI ORARI EXTRACURRICULARI

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL CINEMA TEATRO COMUNALE

PROVINCIA DI CASERTA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL CINEMA TEATRO COMUNALE PROVINCIA DI CASERTA Comune di San Prisco SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL CINEMA TEATRO COMUNALE L anno il giorno...del mese di..nel Comune di San Prisco. Con la presente scrittura

Dettagli

CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia. Servizio Istruzione. Regolamento mensa scolastica 1

CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia. Servizio Istruzione. Regolamento mensa scolastica 1 CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia Servizio Istruzione Regolamento mensa scolastica 1 ART. 1 GESTIONE La mensa scolastica è gestita dal Comune di Travagliato in collaborazione con la Direzione Didattica.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO. Regolamento per la concessione a terzi del CENTRO CONGRESSI della PORTA DEL PARCO

COMUNE DI GAVORRANO. Regolamento per la concessione a terzi del CENTRO CONGRESSI della PORTA DEL PARCO COMUNE DI GAVORRANO Regolamento per la concessione a terzi del CENTRO CONGRESSI della PORTA DEL PARCO Adottato con deliberazione consiliare n. 17 del 22/04/2009 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento stabilisce

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Città di Ozieri Provincia di Sassari REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 58 del 12.11.2008, Integrato con Deliberazione del C.C. n. 7 del 30.01.2014

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GENTILESCHI Via Nuova Agnano, 30 80125 Napoli Tel/fax 0817624019 sito web: www.istitutosuperioregentileschi.it

ISTITUTO SUPERIORE GENTILESCHI Via Nuova Agnano, 30 80125 Napoli Tel/fax 0817624019 sito web: www.istitutosuperioregentileschi.it Prot. 7193 del 28/10/2014 A TUTTA L UTENZA - AL SITO WEB P.C. ALLA PROVINCIA DI NAPOLI BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA dell ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE PALESTRE COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 29 del 23.07.2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO STRUTTURA COMUNALE PARCO DEL GAGGIO

REGOLAMENTO UTILIZZO STRUTTURA COMUNALE PARCO DEL GAGGIO COMUNE DI PODENZANA REGOLAMENTO UTILIZZO STRUTTURA COMUNALE PARCO DEL GAGGIO APPROVAZIONE DELIBERA C.C. N. 3 DEL 09/04/2014 Il Parco del Gaggio è dotato di una struttura polivalente composta da n. 6 immobili,

Dettagli