Premessa. Il contesto territoriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa. Il contesto territoriale"

Transcript

1 Premessa La valorizzazione dei prodotti tipici è indubbiamente uno dei settori su cui si concentrano gli sforzi di molti GAL/OC. I successi di queste iniziative dipende spesso dalla capacità dei promotori di coinvolgere gli operatori locali attorno ad un progetto comune e di instaurare un clima di dinamismo e fiducia reciproca fra quanti vi partecipano. È questo il caso di Elaion che, attraverso la costruzione di un sito internet per la commercializzazione dell olio extravergine di oliva (la risorsa dell area), è riuscito a creare un partenariato locale fortemente motivato ed a rafforzare l identità e l immagine del territorio, contribuendo così a superare molti di quei problemi che rendono difficoltosa la commercializzazione delle produzioni tipiche (quali, ad esempio, la difficoltà di accesso ai mercati ed ai servizi delle PMI, la difficoltà di avviare processi associativi fra i produttori). È indubbio, infatti, che sistemi quali il commercio elettronico contribuiscano in materia determinante a ridurre, se non annullare, la lontananza sia spaziale che temporale nei processi di trasmissione delle informazioni e, quindi, a superare molti di quegli ostacoli derivanti da una localizzazione geografica distante dai maggiori centri urbani ed economici e dalle principali vie di comunicazione. Il caso proposto offre perciò diversi argomenti di riflessione, in quanto l esperienza in corso sta introducendo una forte innovazione di carattere sia sociale (con la costituzione di questo partenariato e l adozione di una strategia di commercializzazione collettiva) che tecnologica (con l introduzione di un sistema di E commerce). Il contesto territoriale L'area di interesse ricade nella zona a nord-ovest del capoluogo ed è denominata Murgia di Bitonto. La zona, partendo dalle ultime propaggini della Murgia, scende sino alla costa, comprendendo i comuni di Bitonto, Palo del Colle e Terlizzi, ed è ben collegata da strade statali, comunali, autostrade e da reti ferroviarie. Qui l'olivicoltura è da sempre stata fonte di reddito, tanto che si racconta che nel medioevo, durante i conflitti tra Bitonto e Palo del Colle, le due città incendiassero le piantagioni del nemico per ridurne le ricchezze. Nel 1700 a Bitonto c'erano circa 300 frantoi, di cui ne sopravvivono un centinaio, abbandonati o adibiti ad usi diversi. Sebbene l area di riferimento sia di limitate dimensioni e con una bassa densità di popolazione (Bitonto conta 311 abitanti/kmq, Palo del Colle 229 e Terlizzi 387) risulta tuttavia fortemente connotata dalla presenza della coltura dell olivo che assume un significato storico-culturale oltre che economico. 1

2 La tipologia aziendale è per lo più costituita da aziende a conduzione familiare, con superficie media di ha e l'età media degli imprenditori è di 50 anni circa. Le operazioni di potatura e raccolta non sono meccanizzate, anche se sta crescendo l interesse per gli scuotitori e per nuove tecniche di potatura da parte di pochi giovani imprenditori agricoli. La forte capacità produttiva dell area (schemi 1 e 2) e l elevata qualità dell olio hanno favorito il sorgere di molte industrie di trasformazione e quindi di oleifici sociali che, in forza della qualità del prodotto, hanno cercato di orientare gli sforzi verso l imbottigliamento e la commercializzazione diretta, per poter spuntare prezzi più remunerativi. Schema 1: Media di produzione degli ultimi sei anni (in quintali) Olive Olio Sansa Bitonto Palo del Colle Terlizzi Totale Schema 2: Peso della produzione sulla SAU SAU Olivo % Bitonto , ,83 73,3% Palo del Colle 7.306, ,47 60,4% Terlizzi 7.250, ,65 65,0% Totale , ,95 67,8% I promotori ed attuatori del progetto Negli ultimi anni, la vaghezza legislativa sulla classificazione degli oli e la concorrenza dell'olio di importazione hanno determinato prezzi di mercato troppo bassi, non consentendo un adeguato reddito agli imprenditori. La polverizzazione delle aziende e delle strutture di trasformazione, le difficoltà di smaltimento delle acque di vegetazione, le difficoltà nella commercializzazione e nella distribuzione del prodotto evidenziano la precaria situazione del settore, con ripercussioni negative sell identità locale sia dal punto di vista sociale che ambientale. Partendo da queste considerazioni e da un attenta analisi del contesto socio culturale l ASS.PRO.LI. di Bari si è fatto promotore di un progetto Leader al fine di recuperare e valorizzare questo settore. 2

3 Il Leader ha rappresentato perciò l occasione per coordinare gli sforzi di diversi soggetti fortemente motivati a rivitalizzare il settore olivicolo che, attraverso l avvio di una strategia di sviluppo endogena ed integrata, ha coinvolto la popolazione locale rendendola protagonista delle dinamiche innescate. La compagine sociale dell OC è ampiamente rappresentativa in quanto nasce dall aggregazione di quattro operatori locali, di seguito riportati, che sono direttamente coinvolti nella produzione olearia: ASSO.PR.OLI. di Bari (soggetto promotore); Oleificio Cooperativa Riforma Fondiaria di Palo del Colle; Oleificio Aclista l'auricarro di Palo del Colle; Oleificio Cooperativa Riforma Fondiaria di Bitonto. Dal punto di vista operativo l OC Elaion si è dotato di una struttura leggera ma capace di coordinare le attività previste nel PAL. In particolare sono state individuate quattro aree tematiche (controllo qualità, formazione, informatica e marketing), coordinate dal direttore dell OC con l ausilio di due addetti agli sportelli informativi per l attività di promozione e di una segreteria per la gestione della parte amministrativa. Dal punto di vista tecnico l OC si è avvalso della collaborazione di consulenti che con il procedere delle attività sono diventati responsabili per ogni area tematica. Nel caso specifico dell area informatica, come vedremo meglio in seguito, il consulente sistemista, che si è occupato della progettazione iniziale del sito internet, ha acquisito con il procedere delle attività anche le competenze per gestire i rapporti con gli operatori locali coinvolti nel progetto, divenendo così il responsabile di settore. Organigramma Presidente 4 Consiglieri Consiglio di amministrazione Direttore Segreteria Area formazione Area Controllo Qualità Area Marketing Area Informatica Consulenza fiscale e del lavoro 2 Addetti agli sportelli 3

4 Il Piano di Azione Locale Il progetto Elaion prevede dunque la valorizzazione di un prodotto tipico locale di notevole qualità, l ampliamento degli sbocchi di mercato e la formazione degli operatori del settore: in tutti questi casi è il territorio nel suo complesso ad agire come riferimento spaziale in cui stimolare la collaborazione tra gli operatori locali, rafforzando i vincoli di solidarietà tra di essi ed il senso di appartenenza nei confronti del territorio. La cultura e l identità locale, quindi, rappresentano il motore che permette a diversi soggetti di mobilitarsi attorno ad un unico progetto. In sintesi il piano si propone di conseguire due obiettivi principali, economico e socio culturale. Lo schema seguente, ferma restando la forte integrazione delle azioni previste che concorrono al conseguimento delle finalità del PAL, classifica le azioni per ogni obiettivo prioritario. 4

5 Schema 1: Obiettivi e strategie del piano di azione locale Elaion Obiettivi Economico Socio - culturale Assistenza tecnica allo sviluppo rurale b.1.1. Certificazione delle qualità b.1.2. Divulgazione del disciplinare di produzione b.1.3. Centro direzionale b.1.5. Immagine coordinata b.1.6. Acquisto attrezzatura informatica e telematica b.1.3. Centro direzionale b.1.4. Sensibilizzazione popolazione b.1.5. Immagine coordinata b.1.6. Acquisto attrezzatura informatica e telematica Formazione professionale ed aiuti all'assunzione b.2.1. Corsi per i responsabili della gestione e dell'animazione b.2.1. Corsi per i responsabili della gestione e dell'animazione b.2.2. Corsi su tecniche di coltivazione, lavorazione e conservazione del prodotto Valorizzazione e commercializzazione dei prodotti agricoli b.3.1. Censimento e classificazione della zona b.3.2. Collegamento in rete degli operatori fra loro econ il sito b.3.3. Promozione dei prodotti locali e regionali di qualità e relazione tra i prodotti ed il territorio b.3.4. Programmazione sito web e pianificazione dei link b.3.3. Promozione dei prodotti locali e regionali di qualità e relazione tra i prodotti ed il territorio b.3.4. Programmazione sito web e pianificazione dei link Il progetto Elaion Obiettivi Il progetto Elaion si propone di promuovere la produzione locale dell olio extravergine di oliva attraverso una serie di azioni sinergiche che trovano nel sito Internet l elemento catalizzatore. L obiettivo di questa esperienza è di far capire che la vendita di olio sfuso va a scapito degli operatori del settore, e che quindi la creazione ed alimentazione di una piena sinergia fra quanto 5

6 viene realizzato a livello di singolo operatore e produttore e quanto a livello collettivo (la diffusione di investimenti in qualità, in certificazione ed in pubblicità) sono tutti elementi di sviluppo e crescita, soprattutto in un mercato sempre più salutistico. Come è nata l idea Prima che iniziasse il programma Leader i produttori locali operavano nella stessa regione, commercializzando lo stesso prodotto in modo concorrenziale. Pur consapevoli dell importanza di associarsi al fine di valorizzare la coltura dell ulivo, gli operatori locali non riuscivano a superare le proprie diffidenze verso la dimensione collettiva. Il peggioramento delle condizioni di mercato ha spinto i responsabili del consorzio Elaion a esplorare la possibilità di utilizzare nuovi strumenti di promozione e commercializzazione del prodotto. In particolare si è deciso di adottare quale strumento innovativo il sito internet. Le fasi del progetto È possibile ricostruire in due fasi il percorso seguito da Elaion, evidenziandone per ognuna di esse gli aspetti caratterizzanti: Fase 1: Azioni propedeutiche alla realizzazione del sito Fase 2: La costruzione del sito Fase 1: Azioni propedeutiche alla realizzazione del sito Al fine di giungere alla costruzione del sito, è stato necessario creare le condizioni preliminari affinché una azione di questo tipo a carattere collettivo avesse gli elementi per sostenerlo. Lo schema di seguito riportato ne illustra le relazioni. Azioni per qualificare l offerta b11, b12, b13 b21 Azioni per ampliare gli sbocchi di mercato b31, b33 Promuovere azioni coordinate rivolte ai piccoli produttori b13 b21, b22 SITO INTERNET (ampliare gli sbocchi di mercato rafforzare l identità del territorio) b16 b32, b34 Coinvolgimento popolazione locale b14 6

7 A) Qualificare l'offerta: alla luce dei numerosi problemi derivanti dalla estrema concorrenzialità dell'olio di importazione, la scarsa precisione legislativa sui parametri di qualità dell'olio extravergine di oliva, la crescente attenzione del consumatore moderno verso una alimentazione "sana", è evidente come la certificazione di qualità comporti una inversione di tendenza all attuale situazione di crisi di mercato. Al fine di valorizzare il prodotto è stata prevista l'elaborazione e lo studio di un disciplinare di produzione con indicazioni precise sugli aspetti agronomici della zona, sui metodi di coltivazione e di difesa delle piante, sulla lavorazione e tecnologia di estrazione dell'olio, sulle caratteristiche organolettiche ed analitiche del prodotto finale. Inoltre la certificazione di qualità ha permesso l'adeguamento del prodotto a degli standard definiti nonché l'azione di controllo e supporto all'agricoltore operata da un tecnico della qualità. B) Ampliare gli sbocchi di mercato: al fine di estendere il proprio mercato, l OC Elaion oltre ad aver avviato degli studi sulle tendenze di mercato ed acquisito informazioni riguardanti sia l'offerta (reale e potenziale) che la domanda, ha avviato l'adozione di strategie di marketing tese ad adeguare il prodotto al mercato di vendita. Ma è in particolare con l attivazione di nuovi strumenti di commercializzazione e di promozione dell area, quali il sito internet, i sistemi di posta elettronica e di credito on line, che si prevede di raggiungere mercati altrimenti irraggiungibili. C) Promuovere azioni coordinate rivolte ai piccoli produttori: al fine di mobilitare gli operatori locali intorno a riferimenti comuni e ad una strategia comune rispetto al territorio, sono stati previsti dei i corsi di formazione indirizzati agli operatori del settore per diffondere la conoscenza dei nuovi strumenti tecnologici (sito internet, e - mail, vendita on - line, ecc.), focalizzare e risolvere i problemi tecnici ed economici del sttore. D) Rafforzare l identità locale e l immagine del territorio: Il consorzio ha attivato una serie di interventi finalizzati al coinvolgimento della popolazione, generando una maggiore consapevolezza dell'importanza economica dell'olivicoltura. Su queste basi, ad esempio, è stata realizzata una "Campagna Scuole/Genitori", al fine di favorire la trasmissione dei riti e delle tradizioni legati al patrimonio olivicolo fra le generazioni (savoir faire tradizionali, sagre, ricette, ecc.). La scelta di questo intervento è legata alla convinzione che la riappropriazione delle proprie tradizioni faciliti la mobilitazione della popolazione e valorizza le peculiarità culturali della zona. L affermazione dell identità locale aumenta infatti il senso di appartenenza della popolazione nei confronti del territorio, trasformandolo in polo di attrazione sociale e rilanciandone e rivalutandone il Know how tradizionale. 7

8 Fase 2: Il sito internet Nell'ottica di un ammodernamento del settore agricolo è nata quindi l'idea di promuovere il concetto di qualità e di produzione tipica attraverso i nuovi sistemi di comunicazione. È sorta naturale l'esigenza progettuale di realizzare un sito internet, che, attraverso sistemi di posta elettronica e di credito on-line, consentisse di far conoscere il piano locale ed il suo prodotto (l olio), raggiungendo mercati altrimenti irraggiungibili. Fase 2 a - Progettazione del sito e promozione dello stesso: è stato, in linea di massima, elaborato dal consulente sistemista del consorzio, un progetto di massima sulla costruzione del sito, che evidenziasse l alta qualità del prodotto e la sua appartenenza al territorio. Il sito rappresenta, quindi, un elemento fondamentale della realizzazione del progetto, che parte come intervento di commercializzazione, ma nel tempo assume una valenza di promozione. collegare, poi, il e stimolare la curiosità del cliente. Il progetto è stato diffuso fra gli operatori locali al fine di favorirne la divulgazione nonché l adozione. La chiave di volta di adesione degli operatori al progetto è stata però la costruzione di una rete telematica fra i produttori, che ha consentito alle cooperative di comunicare tra di loro, di usufruire di un nuovo servizio di promozione e in ultimo di testare questo nuovo tipo di mercato. Sono stati inoltre acquistati degli spazi promozionali su riviste a diffusione nazionale per divulgare l iniziativa. 8

9 Fase b - Attivazione del sito e commercializzazione del prodotto: al fine di sperimentare la validità dell idea progettuale, l OC Elaion ha coinvolto inizialmente 10 produttori locali chiedendo loro di fornire un campione del prodotto da promuovere attraverso la rete telematica. Per creare un immagine coordinata ed integrata del prodotto (e di conseguenza del territorio), si è giunti alla decisione di presentarlo in una confezione comune, da adottare soltanto per la vendita on line. Tale decisione è stata suggerita dalle riflessioni emerse nel corso di un convegno organizzato, nel giugno scorso, dal consorzio e dal titolo "Il leader nell'olio". Si noti come detta scelta abbia permesso di raggiungere l obiettivo della dimensione collettiva nel rispetto però delle diverse identità locali. Operativamente, dieci produttori locali hanno consegnato al centro direzionale e di coordinamento del progetto circa 500 bottiglie, la cui vendita è stata sostenuta attraverso una campagna promozionale sul sito. il successo della vendita (sono state infatti vendute in soli tre mesi ben 480 bottiglie) ha permesso al consorzio di attivare gli elementi necessari al proseguimento dell idea progettuale. Si è quindi proceduto alla ristrutturazione del sito al fine di rendere più facile l accesso alle informazioni valorizzandone anche il contenuto (presentazione del consorzio e dei suoi associati, descrizione dell area e del prodotto), nonché all avvio dell attività di vendita on line. Ruolo e funzioni dei soggetti coinvolti Il fatto di incontrarsi come membri e consiglieri di un consorzio comune ha rappresentato l'occasione per i presidenti delle cooperative di incontrarsi e scambiare pareri differenti su argomenti in comune. L'Elaion è stato il consorzio che ha avviato la dinamica collettiva locale di riflessione e discussione, suscitando la mobilitazione degli operatori locali intorno a riferimenti comuni rispetto al territorio. La forza di Elaion è stata quella di aver saputo generare e sostenere una forte azione di partenariato tra gli operatori locali, che si è tradotta di fatto in una gestione coordinata delle diverse fasi dell attività di produzione. Questa esigenza non ha spaventato i soci consorziati, perché non si andava a creare un altro concorrente, bensì un prodotto che seguiva un altro tipo di mercato, quello telematico, con l obiettivo di non generare disorientamento presentandosi nel sito con diversi marchi e diversi prezzi. La suddivisione dei ruoli e delle funzioni emerge dallo schema riportato, che vede nella creazione di una confezione comune (la bottiglia) l anello di congiunzione tra le singole strutture individuali ed il momento associativo. 9

10 Produttore locale raccoglie, lavora e imbottiglia il prodotto Elaion imposta, progetta, gestisce il sito gestisce il magazzino, la distribuzione e la vendita Alcune riflessioni conclusive Il percorso che sta seguendo l OC Elaion per raggiungere gli obiettivi prefissati nel progetto non è sicuramente semplice. Soprattutto se teniamo presente che come ogni iniziativa di valorizzazione e promozione collettiva di un prodotto, si caratterizza per la coesistenza di azioni diversificate negli strumenti, negli attori e, in parte, negli obiettivi. Il superamento di questi problemi ed il successo che sta avendo l iniziativa può essere ricondotto quindi, ad alcuni elementi chiave: l intensa attività di animazione e concertazione svolta sul territorio che ha permesso di individuare e rispondere in maniera puntuale alle esigenze locali; lo stretto legame delle attività previste con le vocazioni ed i problemi specifici del territorio; il senso di cooperazione che, in ambito territoriale, l esecuzione del progetto ha trasmesso ai soci; la costruzione di una rete telematica che ha consentito alle cooperative di comunicare tra di loro; la creazione di una chat line che, nell ambito del sito, consentirà agli olivicoltori collegati di scambiarsi idee ed informazioni. Malgrado il progetto il progetto Elaion sia ancora in essere è possibile dare una indicazione dei primi risultati raggiunti. Sotto il profilo economico è stata migliorata la qualità del processo di produzione sia in termini qualitativi che quantitativi e favorita l apertura verso nuovi mercati. L utilizzo di un sito internet, di sistemi di posta elettronica e di credito on line, permetterà infatti di raggiungere mercati altrimenti irrangiungibili. Dal punto di vista socio-culturale si è diffusa una maggiore propensione al lavoro di gruppo attraverso la promozione di azioni coordinate rivolte ai piccoli produttori. La costruzione della 10

11 dimensione collettiva ha quindi generato un rafforzamento dell identità locale e dell immagine del territorio. Infine, in un ottica ambientalistica, la divulgazione del disciplinare di produzione contenente indicazioni precise sugli aspetti agronomici della zona, sui metodi di coltivazione e di difesa delle piante, sulla lavorazione e tecnologia di estrazione dell olio, sulle caratteristiche organolettriche ed analitiche del prodotto finale ha permesso di salvaguardare l ambiente in termini di sviluppo sostenibile (equlibri esistenti), evidenziando una maggiore sensibilità ai problemi ambientali ed alla necessità di tutelare le risorse naturali del territorio che rappresentano un importante fonte di ricchezza a livello locale. Lo schema di seguito riportato vuole rappresentare una sintetica lettura degli elementi di maggior rilievo emersi nel corso dell attuazione del progetto e classificati nelle tre fasi in cui è articolato. 11

12

13 FASI Problemi da superare Soluzioni trovate Attività svolte Ruolo OC Fase 1: adeguamento agli standard di Elaborazione di un disciplinare di Analisi e studi di mercato; Coordinamento dell attività di Azioni propedeutiche alla produzione al fine di migliorarne la produzione; Divulgazione disciplinare di marketing; realizzazione del sito qualità; Individuare momenti di incontro produzione; Responsabile della redazione del frammentarietà dell offerta; tra operatori e produttori; Certificazione di qualità; disciplinare; concorrenzialità dell olio di Attività di promozione del Realizzazione di corsi di Animazione e coordinamento dei importazione; settore olivicolo; formazione; corsi di formazione e della scarsa capacità di Realizzazione della Campagna Campagna Scuole/Genitori ; commercializzazione, promozione, Scuole/Genitori ; distribuzione, ecc.; necessità di adeguare la produzione alla normativa vigente; Rafforzare l identità locale; Fase 2a: resistenza culturale alla Utilizzo di nuovi sistemi di Coinvolgimento operatori Animazione, coordinamento, Progettazione del sito e cooperazione ed all innovazione; comunicazione; Creazione immagine coordinata creazione e gestione sito; promozione dello stesso necessità di intervenire in maniera Promozione dei prodotti locali e Campagna promozionale Gestione, promozione, integrata sul territorio per sostenere regionali di qualità; Prime valutazioni dell efficacia distribuzione e vendita del le attività di valorizzazione dell olio Valorizzazione del legame tra del sito prodotto; extravergine di oliva avviate. prodotti e territorio; Attivazione commercializzazione Fase 2b: Caoticità del percorso web; Creazione di una bottiglia unica Attivazione sito Coordinamento e gestione sito Attivazione del sito e Difficoltà di rendere visibili con un regolamento di Ristrutturazione sito Progettazione nuovo sito commercializzazione equamente tutti i prodotti dei soci; conferimento del prodotto da Campagne promozionale Gestione attività commerciale Possibilità di creare confusione parte dei soci; nell acquisto dei clienti; Creazione di un nuovo sito con Difficoltà nel definire le modalità di un percorso più chiaro; pagamento e controllare l eventuale Creazione di un sistema di avvenuto bonifico bancario; accreditamento su cc con Banca Sella; Creazione di un sistema interno per l avvenuto pagamento. 13

14 14

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA OLIO EXTRAVERGINE D OLIVA TERRA DI BARI

PIANO DI CONTROLLO DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA OLIO EXTRAVERGINE D OLIVA TERRA DI BARI TERRA DI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI Titolo: PIANO DI CONTROLLO DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA OLIO EXTRAVERGINE D OLIVA TERRA DI REV. DATA PREPARATO Segreteria Tecnica

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE REV. DATA REDATTO Il Responsabile Tecnico VERIFICATO Responsabile di Certificazioni di prodotti Agroalimentari 00

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli