Premessa. Il contesto territoriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa. Il contesto territoriale"

Transcript

1 Premessa La valorizzazione dei prodotti tipici è indubbiamente uno dei settori su cui si concentrano gli sforzi di molti GAL/OC. I successi di queste iniziative dipende spesso dalla capacità dei promotori di coinvolgere gli operatori locali attorno ad un progetto comune e di instaurare un clima di dinamismo e fiducia reciproca fra quanti vi partecipano. È questo il caso di Elaion che, attraverso la costruzione di un sito internet per la commercializzazione dell olio extravergine di oliva (la risorsa dell area), è riuscito a creare un partenariato locale fortemente motivato ed a rafforzare l identità e l immagine del territorio, contribuendo così a superare molti di quei problemi che rendono difficoltosa la commercializzazione delle produzioni tipiche (quali, ad esempio, la difficoltà di accesso ai mercati ed ai servizi delle PMI, la difficoltà di avviare processi associativi fra i produttori). È indubbio, infatti, che sistemi quali il commercio elettronico contribuiscano in materia determinante a ridurre, se non annullare, la lontananza sia spaziale che temporale nei processi di trasmissione delle informazioni e, quindi, a superare molti di quegli ostacoli derivanti da una localizzazione geografica distante dai maggiori centri urbani ed economici e dalle principali vie di comunicazione. Il caso proposto offre perciò diversi argomenti di riflessione, in quanto l esperienza in corso sta introducendo una forte innovazione di carattere sia sociale (con la costituzione di questo partenariato e l adozione di una strategia di commercializzazione collettiva) che tecnologica (con l introduzione di un sistema di E commerce). Il contesto territoriale L'area di interesse ricade nella zona a nord-ovest del capoluogo ed è denominata Murgia di Bitonto. La zona, partendo dalle ultime propaggini della Murgia, scende sino alla costa, comprendendo i comuni di Bitonto, Palo del Colle e Terlizzi, ed è ben collegata da strade statali, comunali, autostrade e da reti ferroviarie. Qui l'olivicoltura è da sempre stata fonte di reddito, tanto che si racconta che nel medioevo, durante i conflitti tra Bitonto e Palo del Colle, le due città incendiassero le piantagioni del nemico per ridurne le ricchezze. Nel 1700 a Bitonto c'erano circa 300 frantoi, di cui ne sopravvivono un centinaio, abbandonati o adibiti ad usi diversi. Sebbene l area di riferimento sia di limitate dimensioni e con una bassa densità di popolazione (Bitonto conta 311 abitanti/kmq, Palo del Colle 229 e Terlizzi 387) risulta tuttavia fortemente connotata dalla presenza della coltura dell olivo che assume un significato storico-culturale oltre che economico. 1

2 La tipologia aziendale è per lo più costituita da aziende a conduzione familiare, con superficie media di ha e l'età media degli imprenditori è di 50 anni circa. Le operazioni di potatura e raccolta non sono meccanizzate, anche se sta crescendo l interesse per gli scuotitori e per nuove tecniche di potatura da parte di pochi giovani imprenditori agricoli. La forte capacità produttiva dell area (schemi 1 e 2) e l elevata qualità dell olio hanno favorito il sorgere di molte industrie di trasformazione e quindi di oleifici sociali che, in forza della qualità del prodotto, hanno cercato di orientare gli sforzi verso l imbottigliamento e la commercializzazione diretta, per poter spuntare prezzi più remunerativi. Schema 1: Media di produzione degli ultimi sei anni (in quintali) Olive Olio Sansa Bitonto Palo del Colle Terlizzi Totale Schema 2: Peso della produzione sulla SAU SAU Olivo % Bitonto , ,83 73,3% Palo del Colle 7.306, ,47 60,4% Terlizzi 7.250, ,65 65,0% Totale , ,95 67,8% I promotori ed attuatori del progetto Negli ultimi anni, la vaghezza legislativa sulla classificazione degli oli e la concorrenza dell'olio di importazione hanno determinato prezzi di mercato troppo bassi, non consentendo un adeguato reddito agli imprenditori. La polverizzazione delle aziende e delle strutture di trasformazione, le difficoltà di smaltimento delle acque di vegetazione, le difficoltà nella commercializzazione e nella distribuzione del prodotto evidenziano la precaria situazione del settore, con ripercussioni negative sell identità locale sia dal punto di vista sociale che ambientale. Partendo da queste considerazioni e da un attenta analisi del contesto socio culturale l ASS.PRO.LI. di Bari si è fatto promotore di un progetto Leader al fine di recuperare e valorizzare questo settore. 2

3 Il Leader ha rappresentato perciò l occasione per coordinare gli sforzi di diversi soggetti fortemente motivati a rivitalizzare il settore olivicolo che, attraverso l avvio di una strategia di sviluppo endogena ed integrata, ha coinvolto la popolazione locale rendendola protagonista delle dinamiche innescate. La compagine sociale dell OC è ampiamente rappresentativa in quanto nasce dall aggregazione di quattro operatori locali, di seguito riportati, che sono direttamente coinvolti nella produzione olearia: ASSO.PR.OLI. di Bari (soggetto promotore); Oleificio Cooperativa Riforma Fondiaria di Palo del Colle; Oleificio Aclista l'auricarro di Palo del Colle; Oleificio Cooperativa Riforma Fondiaria di Bitonto. Dal punto di vista operativo l OC Elaion si è dotato di una struttura leggera ma capace di coordinare le attività previste nel PAL. In particolare sono state individuate quattro aree tematiche (controllo qualità, formazione, informatica e marketing), coordinate dal direttore dell OC con l ausilio di due addetti agli sportelli informativi per l attività di promozione e di una segreteria per la gestione della parte amministrativa. Dal punto di vista tecnico l OC si è avvalso della collaborazione di consulenti che con il procedere delle attività sono diventati responsabili per ogni area tematica. Nel caso specifico dell area informatica, come vedremo meglio in seguito, il consulente sistemista, che si è occupato della progettazione iniziale del sito internet, ha acquisito con il procedere delle attività anche le competenze per gestire i rapporti con gli operatori locali coinvolti nel progetto, divenendo così il responsabile di settore. Organigramma Presidente 4 Consiglieri Consiglio di amministrazione Direttore Segreteria Area formazione Area Controllo Qualità Area Marketing Area Informatica Consulenza fiscale e del lavoro 2 Addetti agli sportelli 3

4 Il Piano di Azione Locale Il progetto Elaion prevede dunque la valorizzazione di un prodotto tipico locale di notevole qualità, l ampliamento degli sbocchi di mercato e la formazione degli operatori del settore: in tutti questi casi è il territorio nel suo complesso ad agire come riferimento spaziale in cui stimolare la collaborazione tra gli operatori locali, rafforzando i vincoli di solidarietà tra di essi ed il senso di appartenenza nei confronti del territorio. La cultura e l identità locale, quindi, rappresentano il motore che permette a diversi soggetti di mobilitarsi attorno ad un unico progetto. In sintesi il piano si propone di conseguire due obiettivi principali, economico e socio culturale. Lo schema seguente, ferma restando la forte integrazione delle azioni previste che concorrono al conseguimento delle finalità del PAL, classifica le azioni per ogni obiettivo prioritario. 4

5 Schema 1: Obiettivi e strategie del piano di azione locale Elaion Obiettivi Economico Socio - culturale Assistenza tecnica allo sviluppo rurale b.1.1. Certificazione delle qualità b.1.2. Divulgazione del disciplinare di produzione b.1.3. Centro direzionale b.1.5. Immagine coordinata b.1.6. Acquisto attrezzatura informatica e telematica b.1.3. Centro direzionale b.1.4. Sensibilizzazione popolazione b.1.5. Immagine coordinata b.1.6. Acquisto attrezzatura informatica e telematica Formazione professionale ed aiuti all'assunzione b.2.1. Corsi per i responsabili della gestione e dell'animazione b.2.1. Corsi per i responsabili della gestione e dell'animazione b.2.2. Corsi su tecniche di coltivazione, lavorazione e conservazione del prodotto Valorizzazione e commercializzazione dei prodotti agricoli b.3.1. Censimento e classificazione della zona b.3.2. Collegamento in rete degli operatori fra loro econ il sito b.3.3. Promozione dei prodotti locali e regionali di qualità e relazione tra i prodotti ed il territorio b.3.4. Programmazione sito web e pianificazione dei link b.3.3. Promozione dei prodotti locali e regionali di qualità e relazione tra i prodotti ed il territorio b.3.4. Programmazione sito web e pianificazione dei link Il progetto Elaion Obiettivi Il progetto Elaion si propone di promuovere la produzione locale dell olio extravergine di oliva attraverso una serie di azioni sinergiche che trovano nel sito Internet l elemento catalizzatore. L obiettivo di questa esperienza è di far capire che la vendita di olio sfuso va a scapito degli operatori del settore, e che quindi la creazione ed alimentazione di una piena sinergia fra quanto 5

6 viene realizzato a livello di singolo operatore e produttore e quanto a livello collettivo (la diffusione di investimenti in qualità, in certificazione ed in pubblicità) sono tutti elementi di sviluppo e crescita, soprattutto in un mercato sempre più salutistico. Come è nata l idea Prima che iniziasse il programma Leader i produttori locali operavano nella stessa regione, commercializzando lo stesso prodotto in modo concorrenziale. Pur consapevoli dell importanza di associarsi al fine di valorizzare la coltura dell ulivo, gli operatori locali non riuscivano a superare le proprie diffidenze verso la dimensione collettiva. Il peggioramento delle condizioni di mercato ha spinto i responsabili del consorzio Elaion a esplorare la possibilità di utilizzare nuovi strumenti di promozione e commercializzazione del prodotto. In particolare si è deciso di adottare quale strumento innovativo il sito internet. Le fasi del progetto È possibile ricostruire in due fasi il percorso seguito da Elaion, evidenziandone per ognuna di esse gli aspetti caratterizzanti: Fase 1: Azioni propedeutiche alla realizzazione del sito Fase 2: La costruzione del sito Fase 1: Azioni propedeutiche alla realizzazione del sito Al fine di giungere alla costruzione del sito, è stato necessario creare le condizioni preliminari affinché una azione di questo tipo a carattere collettivo avesse gli elementi per sostenerlo. Lo schema di seguito riportato ne illustra le relazioni. Azioni per qualificare l offerta b11, b12, b13 b21 Azioni per ampliare gli sbocchi di mercato b31, b33 Promuovere azioni coordinate rivolte ai piccoli produttori b13 b21, b22 SITO INTERNET (ampliare gli sbocchi di mercato rafforzare l identità del territorio) b16 b32, b34 Coinvolgimento popolazione locale b14 6

7 A) Qualificare l'offerta: alla luce dei numerosi problemi derivanti dalla estrema concorrenzialità dell'olio di importazione, la scarsa precisione legislativa sui parametri di qualità dell'olio extravergine di oliva, la crescente attenzione del consumatore moderno verso una alimentazione "sana", è evidente come la certificazione di qualità comporti una inversione di tendenza all attuale situazione di crisi di mercato. Al fine di valorizzare il prodotto è stata prevista l'elaborazione e lo studio di un disciplinare di produzione con indicazioni precise sugli aspetti agronomici della zona, sui metodi di coltivazione e di difesa delle piante, sulla lavorazione e tecnologia di estrazione dell'olio, sulle caratteristiche organolettiche ed analitiche del prodotto finale. Inoltre la certificazione di qualità ha permesso l'adeguamento del prodotto a degli standard definiti nonché l'azione di controllo e supporto all'agricoltore operata da un tecnico della qualità. B) Ampliare gli sbocchi di mercato: al fine di estendere il proprio mercato, l OC Elaion oltre ad aver avviato degli studi sulle tendenze di mercato ed acquisito informazioni riguardanti sia l'offerta (reale e potenziale) che la domanda, ha avviato l'adozione di strategie di marketing tese ad adeguare il prodotto al mercato di vendita. Ma è in particolare con l attivazione di nuovi strumenti di commercializzazione e di promozione dell area, quali il sito internet, i sistemi di posta elettronica e di credito on line, che si prevede di raggiungere mercati altrimenti irraggiungibili. C) Promuovere azioni coordinate rivolte ai piccoli produttori: al fine di mobilitare gli operatori locali intorno a riferimenti comuni e ad una strategia comune rispetto al territorio, sono stati previsti dei i corsi di formazione indirizzati agli operatori del settore per diffondere la conoscenza dei nuovi strumenti tecnologici (sito internet, e - mail, vendita on - line, ecc.), focalizzare e risolvere i problemi tecnici ed economici del sttore. D) Rafforzare l identità locale e l immagine del territorio: Il consorzio ha attivato una serie di interventi finalizzati al coinvolgimento della popolazione, generando una maggiore consapevolezza dell'importanza economica dell'olivicoltura. Su queste basi, ad esempio, è stata realizzata una "Campagna Scuole/Genitori", al fine di favorire la trasmissione dei riti e delle tradizioni legati al patrimonio olivicolo fra le generazioni (savoir faire tradizionali, sagre, ricette, ecc.). La scelta di questo intervento è legata alla convinzione che la riappropriazione delle proprie tradizioni faciliti la mobilitazione della popolazione e valorizza le peculiarità culturali della zona. L affermazione dell identità locale aumenta infatti il senso di appartenenza della popolazione nei confronti del territorio, trasformandolo in polo di attrazione sociale e rilanciandone e rivalutandone il Know how tradizionale. 7

8 Fase 2: Il sito internet Nell'ottica di un ammodernamento del settore agricolo è nata quindi l'idea di promuovere il concetto di qualità e di produzione tipica attraverso i nuovi sistemi di comunicazione. È sorta naturale l'esigenza progettuale di realizzare un sito internet, che, attraverso sistemi di posta elettronica e di credito on-line, consentisse di far conoscere il piano locale ed il suo prodotto (l olio), raggiungendo mercati altrimenti irraggiungibili. Fase 2 a - Progettazione del sito e promozione dello stesso: è stato, in linea di massima, elaborato dal consulente sistemista del consorzio, un progetto di massima sulla costruzione del sito, che evidenziasse l alta qualità del prodotto e la sua appartenenza al territorio. Il sito rappresenta, quindi, un elemento fondamentale della realizzazione del progetto, che parte come intervento di commercializzazione, ma nel tempo assume una valenza di promozione. collegare, poi, il e stimolare la curiosità del cliente. Il progetto è stato diffuso fra gli operatori locali al fine di favorirne la divulgazione nonché l adozione. La chiave di volta di adesione degli operatori al progetto è stata però la costruzione di una rete telematica fra i produttori, che ha consentito alle cooperative di comunicare tra di loro, di usufruire di un nuovo servizio di promozione e in ultimo di testare questo nuovo tipo di mercato. Sono stati inoltre acquistati degli spazi promozionali su riviste a diffusione nazionale per divulgare l iniziativa. 8

9 Fase b - Attivazione del sito e commercializzazione del prodotto: al fine di sperimentare la validità dell idea progettuale, l OC Elaion ha coinvolto inizialmente 10 produttori locali chiedendo loro di fornire un campione del prodotto da promuovere attraverso la rete telematica. Per creare un immagine coordinata ed integrata del prodotto (e di conseguenza del territorio), si è giunti alla decisione di presentarlo in una confezione comune, da adottare soltanto per la vendita on line. Tale decisione è stata suggerita dalle riflessioni emerse nel corso di un convegno organizzato, nel giugno scorso, dal consorzio e dal titolo "Il leader nell'olio". Si noti come detta scelta abbia permesso di raggiungere l obiettivo della dimensione collettiva nel rispetto però delle diverse identità locali. Operativamente, dieci produttori locali hanno consegnato al centro direzionale e di coordinamento del progetto circa 500 bottiglie, la cui vendita è stata sostenuta attraverso una campagna promozionale sul sito. il successo della vendita (sono state infatti vendute in soli tre mesi ben 480 bottiglie) ha permesso al consorzio di attivare gli elementi necessari al proseguimento dell idea progettuale. Si è quindi proceduto alla ristrutturazione del sito al fine di rendere più facile l accesso alle informazioni valorizzandone anche il contenuto (presentazione del consorzio e dei suoi associati, descrizione dell area e del prodotto), nonché all avvio dell attività di vendita on line. Ruolo e funzioni dei soggetti coinvolti Il fatto di incontrarsi come membri e consiglieri di un consorzio comune ha rappresentato l'occasione per i presidenti delle cooperative di incontrarsi e scambiare pareri differenti su argomenti in comune. L'Elaion è stato il consorzio che ha avviato la dinamica collettiva locale di riflessione e discussione, suscitando la mobilitazione degli operatori locali intorno a riferimenti comuni rispetto al territorio. La forza di Elaion è stata quella di aver saputo generare e sostenere una forte azione di partenariato tra gli operatori locali, che si è tradotta di fatto in una gestione coordinata delle diverse fasi dell attività di produzione. Questa esigenza non ha spaventato i soci consorziati, perché non si andava a creare un altro concorrente, bensì un prodotto che seguiva un altro tipo di mercato, quello telematico, con l obiettivo di non generare disorientamento presentandosi nel sito con diversi marchi e diversi prezzi. La suddivisione dei ruoli e delle funzioni emerge dallo schema riportato, che vede nella creazione di una confezione comune (la bottiglia) l anello di congiunzione tra le singole strutture individuali ed il momento associativo. 9

10 Produttore locale raccoglie, lavora e imbottiglia il prodotto Elaion imposta, progetta, gestisce il sito gestisce il magazzino, la distribuzione e la vendita Alcune riflessioni conclusive Il percorso che sta seguendo l OC Elaion per raggiungere gli obiettivi prefissati nel progetto non è sicuramente semplice. Soprattutto se teniamo presente che come ogni iniziativa di valorizzazione e promozione collettiva di un prodotto, si caratterizza per la coesistenza di azioni diversificate negli strumenti, negli attori e, in parte, negli obiettivi. Il superamento di questi problemi ed il successo che sta avendo l iniziativa può essere ricondotto quindi, ad alcuni elementi chiave: l intensa attività di animazione e concertazione svolta sul territorio che ha permesso di individuare e rispondere in maniera puntuale alle esigenze locali; lo stretto legame delle attività previste con le vocazioni ed i problemi specifici del territorio; il senso di cooperazione che, in ambito territoriale, l esecuzione del progetto ha trasmesso ai soci; la costruzione di una rete telematica che ha consentito alle cooperative di comunicare tra di loro; la creazione di una chat line che, nell ambito del sito, consentirà agli olivicoltori collegati di scambiarsi idee ed informazioni. Malgrado il progetto il progetto Elaion sia ancora in essere è possibile dare una indicazione dei primi risultati raggiunti. Sotto il profilo economico è stata migliorata la qualità del processo di produzione sia in termini qualitativi che quantitativi e favorita l apertura verso nuovi mercati. L utilizzo di un sito internet, di sistemi di posta elettronica e di credito on line, permetterà infatti di raggiungere mercati altrimenti irrangiungibili. Dal punto di vista socio-culturale si è diffusa una maggiore propensione al lavoro di gruppo attraverso la promozione di azioni coordinate rivolte ai piccoli produttori. La costruzione della 10

11 dimensione collettiva ha quindi generato un rafforzamento dell identità locale e dell immagine del territorio. Infine, in un ottica ambientalistica, la divulgazione del disciplinare di produzione contenente indicazioni precise sugli aspetti agronomici della zona, sui metodi di coltivazione e di difesa delle piante, sulla lavorazione e tecnologia di estrazione dell olio, sulle caratteristiche organolettriche ed analitiche del prodotto finale ha permesso di salvaguardare l ambiente in termini di sviluppo sostenibile (equlibri esistenti), evidenziando una maggiore sensibilità ai problemi ambientali ed alla necessità di tutelare le risorse naturali del territorio che rappresentano un importante fonte di ricchezza a livello locale. Lo schema di seguito riportato vuole rappresentare una sintetica lettura degli elementi di maggior rilievo emersi nel corso dell attuazione del progetto e classificati nelle tre fasi in cui è articolato. 11

12

13 FASI Problemi da superare Soluzioni trovate Attività svolte Ruolo OC Fase 1: adeguamento agli standard di Elaborazione di un disciplinare di Analisi e studi di mercato; Coordinamento dell attività di Azioni propedeutiche alla produzione al fine di migliorarne la produzione; Divulgazione disciplinare di marketing; realizzazione del sito qualità; Individuare momenti di incontro produzione; Responsabile della redazione del frammentarietà dell offerta; tra operatori e produttori; Certificazione di qualità; disciplinare; concorrenzialità dell olio di Attività di promozione del Realizzazione di corsi di Animazione e coordinamento dei importazione; settore olivicolo; formazione; corsi di formazione e della scarsa capacità di Realizzazione della Campagna Campagna Scuole/Genitori ; commercializzazione, promozione, Scuole/Genitori ; distribuzione, ecc.; necessità di adeguare la produzione alla normativa vigente; Rafforzare l identità locale; Fase 2a: resistenza culturale alla Utilizzo di nuovi sistemi di Coinvolgimento operatori Animazione, coordinamento, Progettazione del sito e cooperazione ed all innovazione; comunicazione; Creazione immagine coordinata creazione e gestione sito; promozione dello stesso necessità di intervenire in maniera Promozione dei prodotti locali e Campagna promozionale Gestione, promozione, integrata sul territorio per sostenere regionali di qualità; Prime valutazioni dell efficacia distribuzione e vendita del le attività di valorizzazione dell olio Valorizzazione del legame tra del sito prodotto; extravergine di oliva avviate. prodotti e territorio; Attivazione commercializzazione Fase 2b: Caoticità del percorso web; Creazione di una bottiglia unica Attivazione sito Coordinamento e gestione sito Attivazione del sito e Difficoltà di rendere visibili con un regolamento di Ristrutturazione sito Progettazione nuovo sito commercializzazione equamente tutti i prodotti dei soci; conferimento del prodotto da Campagne promozionale Gestione attività commerciale Possibilità di creare confusione parte dei soci; nell acquisto dei clienti; Creazione di un nuovo sito con Difficoltà nel definire le modalità di un percorso più chiaro; pagamento e controllare l eventuale Creazione di un sistema di avvenuto bonifico bancario; accreditamento su cc con Banca Sella; Creazione di un sistema interno per l avvenuto pagamento. 13

14 14

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

&$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH

&$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH &$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH L olivicoltura in Calabria vanta tradizioni secolari ed oggi rappresenta una delle risorse economiche più rilevanti della regione.

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE MISURA 431 Azione 2.b Informazione sull attività del GAL Attività di animazione

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale.

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Art. 1 Oggetto e finalità 1. La Regione, in coerenza con i principi internazionali

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

FondItalia fa un salto da te

FondItalia fa un salto da te FONDO FORMAZIONE ITALIA Campagna informativa 2011 FondItalia fa un salto da te PREMESSA I Fondi Paritetici Interprofessionali sono stati chiamati, in questa fase di crisi economica, a svolgere una funzione

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione)

Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione) Giovanni B. Montironi 7.09.1998 Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione) Su iniziativa della Amministrazione

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione 1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione La misura concorre a promuovere l acquisizione di competenze e conoscenze tecniche e manageriali, la diffusione di innovazioni nei vari ambiti aziendali

Dettagli

Le reti di imprese e. della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI

Le reti di imprese e. della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI Le reti di imprese e Il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI Rialto, 21 aprile 2016 ELEMENTI COSTITUTIVI DEL CONTRATTO DI RETE: NECESSARI Presenza di più imprenditori

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 Programmazione 2014-2020 In un mondo oramai globalizzato le PMI devono essere in grado di affrontare la sempre più crescente concorrenza

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Meccanizzazione della raccolta e della potatura in oliveti calabresi Descrizione estesa del risultato E' stata valutata l'opportunità d'impiego delle potatrici meccaniche

Dettagli

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE COMUNE DI BRUINO Provincia di Torino CAP 10090 Piazza Municipio, n. 3 - Tel. 011 9094411 - Fax 011 9084541 www.comune.bruino.to.it - e-mail ambiente.ecologia@comune.bruino.to.it Settore Urbanistica, Lavori

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa IL PIANO FORMATIVO PIVOT Avviso 2/08 Fondimpresa INDICE Sintesi del Progetto Finalità Obiettivi Destinatari Fasi del Progetto Risultati Attesi Il Piano Formativo PIVOT FINALITA' SINTESI DEL PROGETTO FINALITA'

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto. Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi

L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto. Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi Indice Premessa chi siamo Gli incubatori d impresa modalità di accesso Il Centro sperimentale

Dettagli

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione.

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione. CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI RAPPORTO DI RICERCA Cooperazione tra aree rurali Cooperation day Cooperazione tra aree rurali Cooperazione

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI FABBISOGNI RILEVATI, PRIORITÀ' DI INTERVENTO Il documento di ricognizione tecnica

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA *

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * 1. Premessa Fin dalla fase di ideazione e elaborazione del Piano di Azione Locale Alta Tuscia il tema della qualità, intesa non solo

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI Art. 1 (Finalità)

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 AA.GG, Giunta, URP, Segr./Direz. Generale, Contratti- -Assistenza Giuridico Amm.va ai Comuni, Controllo Strategico/Direzionale, Pari Opportunità, Consigliera di parità

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO DAL LAVORO AL PENSIONAMENTO 1 GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Chiara Cassurino, Genova Modulo 1 Il Percorso formativo dal lavoro al pensionamento : a chi si rivolge e perché?

Dettagli

Proposte per il settore olivicolo

Proposte per il settore olivicolo Proposte per il settore olivicolo Il settore olivicolo italiano sta attraversando una fase di grave instabilità per quanto riguarda la produzione che, nell attuale campagna 2014/2015, ha subito una riduzione

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma 22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma Il contributo di Leader nel migliorare la governance locale: quale ruolo e quali compiti per i GAL Slide a cura di: Raffaella Di Napoli Rete Rurale

Dettagli

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio.

2.d Progetti di dimostrazione pratica di tecniche di oleicoltura finalizzate alla protezione dell ambiente e al mantenimento del paesaggio. ASSOPROL UMBRIA Soc. Coop. Organizzazione dei produttori olivicoli dell Umbria Programma di attività delle Organizzazioni di Operatori del Settore Olivicolo Reg. CE 867/08 RELAZIONE FINALE SULLA REALIZZAZIONE

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21 INDICE CAPITOLI COSA SI RACCONTA PRESENTAZIONE DI ABCITTA PARTECIPAZIONE Che cosa vuol dire partecipazione AGENDA 21 La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini IL FORUM Lo strumento che garantisce

Dettagli

FARRO DELLA GARFAGNANA

FARRO DELLA GARFAGNANA FARRO DELLA GARFAGNANA Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cooperativa Agricola Garfagnana Alta Valle del Serchio si propone come promotore

Dettagli

Regolamento Gocce d oro 2015 concorso oleario riservato ai migliori Oli Extra Vergine di Oliva prodotti nella regione Puglia.

Regolamento Gocce d oro 2015 concorso oleario riservato ai migliori Oli Extra Vergine di Oliva prodotti nella regione Puglia. Regione Puglia Comune di Troia Regolamento Gocce d oro 2015 concorso oleario riservato ai migliori Oli Extra Vergine di Oliva prodotti nella regione Puglia. Il concorso si propone di: Art. 1 Stimolare

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Fondazione Flora Napolitano O.N.L.U.S.

Fondazione Flora Napolitano O.N.L.U.S. PROGETTO MONITORAGGIO FORMAZIONE E CHECK UP DELLE AZIENDE CALABRESI PROGETTO BREVE SINTESI DEL PROBLEMA Il progetto nasce in un contesto di mutazioni dei processi di produzione, trasformazione, trasporto

Dettagli

Il benessere in farmacia

Il benessere in farmacia Il benessere in farmacia Volume 1, Numero 1 Data Notizie di rilievo: Notizia 1 Notizia 2 Notizia 3 Notizia 4 LA AZIENDA Mazzoleni Benessere è leader di mercato nella commercializzazione di prodotti farmaceutici,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it IL CONSORZIO STABILE Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni Agoraa.it indice Cos è un consorzio pag. 4 Il Consorzio Stabile Agoraa pag. 5 Valori pag. 6 Servizi pag. 8 Vantaggi pag.

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 Segreteria /Direzione Generale Giunta Contratti- Assistenza Giuridica/Amministrativa ai Comuni MAR.TE. PIANO DI MARKETING TERRITORIALE ANNO 2013 Reggio Calabria, MAGGIO

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

Corso di formazione: Idoneità fisiologica all assaggio di oli d oliva vergini. L esperienza del tavolo di lavoro sull agricoltura

Corso di formazione: Idoneità fisiologica all assaggio di oli d oliva vergini. L esperienza del tavolo di lavoro sull agricoltura VIII FORUM CAMERE DI COMMERCIO ADRIATICO E JONIO MAKARSKA CROAZIA 22-24 Aprile 2008 Corso di formazione: Idoneità fisiologica all assaggio di oli d oliva vergini L esperienza del tavolo di lavoro sull

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 7 Le strategie dell internazionalizzazione: integrazione con il mercato estero La strategia di integrazione con il mercato estero L impresa

Dettagli

il consorzio siamo noi.

il consorzio siamo noi. il consorzio siamo noi. Scelte consapevoli, vantaggi economici, etica del risparmio. Perchè il Consorzio Nel 2008 prendeva il via il progetto Rileggi la tua bolletta un gruppo d acquisto che veniva costituito

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

«Il bando per il Bilancio Sociale della CCIAA di Treviso» dr. Antonio Biasi Responsabile Sportello CSR e Ambiente

«Il bando per il Bilancio Sociale della CCIAA di Treviso» dr. Antonio Biasi Responsabile Sportello CSR e Ambiente «Il bando per il Bilancio Sociale della CCIAA di Treviso» dr. Antonio Biasi Responsabile Sportello CSR e Ambiente Cos è il Bilancio Sociale È uno strumento (documento complementare al bilancio d esercizio)

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI Riferimento normativo Articolo 22 del regolamento (CE) n. 1698/2005 RAGIONI DELL INTERVENTO La misura punta a incentivare il primo insediamento di giovani

Dettagli

Concorso di idee I percorsi del commercio alessandrino

Concorso di idee I percorsi del commercio alessandrino Concorso di idee I percorsi del commercio alessandrino Premessa per stimolare il confronto per far nascere nuove idee per premiare le migliori per essere pronti al cambiamento per dare un contributo concreto

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

II APPUNTAMENTO ALL INTERNO di

II APPUNTAMENTO ALL INTERNO di II APPUNTAMENTO ALL INTERNO di Il CANTIERE SOSTENIBILE è il nuovo modo di concepire l edilizia low impact, un reale modello volano di sviluppo, i cui vantaggi si concilierebbero con le esigenze dell uomo

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

MAREMMA TERRA DI VINI. Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i.

MAREMMA TERRA DI VINI. Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. MAREMMA TERRA DI VINI Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cantina di Pitigliano si propone come promotore e soggetto capofila del Progetto

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 2009 3 RAPPORTO OGGETTO E SOGGETTO DELL OSSERVATORIO OGGETTO Ciò che è nuovo per l azienda che,

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

PROGETTO: REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA WEB PER LA PIANIFICAZIONE DELLE PRODUZIONI DAL CAMPO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

PROGETTO: REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA WEB PER LA PIANIFICAZIONE DELLE PRODUZIONI DAL CAMPO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE PROGETTO: REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA WEB PER LA PIANIFICAZIONE DELLE PRODUZIONI DAL CAMPO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 Introduzione In questo documento si descrive il sistema informatico realizzato

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli