Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche generali Tipologie di CMC Forme testuali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche generali Tipologie di CMC Forme testuali"

Transcript

1 Comunicazione mediata dal computer Isabella Chiari Università La Sapienza di Roma Management Culturale (a.a. 2008/2009) 1 Indice degli argomenti Diffusione delle tecnologie CMC, i modelli e le caratteristiche generali Tipologie di CMC Forme testuali La testualità della posta elettronica Gli SMS I forum Le newsletter Social Networks: Facebook, MySpace, Linkedin Scrittura per il Web Accessibilità e usabilità Management Culturale (a.a. 2008/2009) 2 1

2 Diffusione tecnologie oggi il pc è presente in 7 case su 10 oggi il 75,3% degli Italiani possiede un telefono cellulare, con picchi fino al 90,4% nella fascia giovanile nel 2000 la percentuale raggiungeva i 21,3% uso di internet in Italia arriva al 43% Le famiglie con almeno un minorenne possiedono il personal computer e l'accesso a internet rispettivamente nel 71,2 e nel 55,7% dei casi e sono connesse alla banda larga nel 34%. Management Culturale (a.a. 2008/2009) 3 Diffusione tecnologie 2 Nelle famiglie con capofamiglia dirigente, imprenditore o libero professionista il possesso del cellulare (97,2%) ha superato quello della televisione (94,7%). Molto diffusi anche personal computer (82,3%), accesso a internet (71,7%) La distanza nel possesso del computer tra Nord e Sud è di 7,6 punti percentuali Management Culturale (a.a. 2008/2009) 4 2

3 Diffusione tecnologie 3 Gli utenti della Rete si collegano soprattutto per mandare o ricevere (77,3%) per cercare informazioni su merci e servizi (64,8) (648) per apprendere (54,7%) per usare servizi relativi a viaggi e soggiorni (43,4%) per scaricare o leggere giornali (43,1%). Il 38,3% degli utenti di internet usa inoltre il web per ottenere informazioni dalla Pubblica Amministrazione. Il 22,7% inoltre ha acquistato nel 2007 beni e servizi on line (l'e-commerce è più diffuso tra i maschi, e al Centro-Nord). Management Culturale (a.a. 2008/2009) 5 Diffusione tecnologie 4 Il 17,3% degli utenti di Internet usa un portatile con collegamento senza cavi (Wifi). Più contenute le quote di coloro che usano un cellulare via Gprs (7,4%), un cellulare via Umts (6,8%) e un computer palmare (5,2%). Statistiche ISTAT 2007 Management Culturale (a.a. 2008/2009) 6 3

4 Caratteristiche generali della CMC Computer-Mediated Communication Mezzo di comunicazione interpersonale, uno a uno, sia una forma di comunicazione di massa uno a molti o addirittura molti a molti Interattività Utente attivo e autore Cyberspazio costruzione iterativa ed interattiva di senso da parte degli attori Management Culturale (a.a. 2008/2009) 7 Interattività La potenziale capacità di un medium di lasciare che l utente eserciti un influenza sul contenuto e sulla forma della comunicazione i mediata (Jensen 1999, 183) tre livelli di interattività: 1. Selezione delle informazioni fra le possibilità offerte 2. Feedback del ricevente secondo una modalità comunicativa broadcast 3. circolazione dei contenuti e scambio reciproco delle informazioni Management Culturale (a.a. 2008/2009) 8 4

5 MODELLI DI CMC Management Culturale (a.a. 2008/2009) 9 CMC due ipotesi Banalizzazione del lessico sigle, abbreviazioni, acronimi, onomatopee impoverimento del linguaggio? Tono informale Vicino al parlato, oralità scritta o oralità digitata Brevità Rivincita di Gutemberg? ritorno alla scrittura aumento degli scambi comunicativi interpersonali Nuove forme di scrittura SMS newsletter, forum, chat Social networks etc. Management Culturale (a.a. 2008/2009) 10 5

6 Il paradigma RSC (Reduced Social Cues) approccio degli indicatori sociali ridotti o limitati nato all inizio degli anni 80 all interno della psicologia sociale Kerr e Hiltz, 1982, Computer-Mediated Communication Systems. Status and Evaluation, Academic Press, NY Scopo definire l'impatto della CMC in ambito organizzativo e le strategie più opportune per l'implementazione di reti di comunicazione all'interno delle aziende rendere più efficiente possibile la tecnologia all interno di gruppi di lavoro Management Culturale (a.a. 2008/2009) 11 Caratteristiche del RSC la CMC veicola poche informazioni sul contesto sociale; le persone tendono a sopravvalutare la propria importanza all'interno del network comunicativo; i messaggi provenienti dai superiori gerarchici non presentano differenze rispetto a quelli provenienti dai subordinati; la posta elettronica viene preferibilmente utilizzata per inoltrare messaggi ai superiori gerarchici piuttosto che ai subordinati; le persone si comportano in modo più "irresponsabile" nelle conversazioni via computer rispetto a quelle faccia a faccia; inclinazione al litigio (flaming) la posta elettronica è utilizzata spesso per comunicazioni non inerenti al lavoro Management Culturale (a.a. 2008/2009) 12 6

7 Il modello SIDE (Social Identity DE-individuation) inizio degli anni 90 Martin Lea e Russell Spears Spears et al., 1990, De-Individuation and Group Polarization in Computer-Mediated Communication, in British Journal of social Psychology, 29, pp L approccio SIDE ammette, però, che alcuni codici tipici della comunicazione interpersonale, soprattutto quelli non verbali come le espressioni del viso, e gli effetti visibili delle emozioni, siano limitati dalla CMC. Queste mancanze vengono spesso colmate, inventandosi altre strategie comunicative (per esempio l uso degli smileys), che sopperiscano e che portino allo stesso livello di empatia e comprensione concezione dei processi sociali di tipo più cognitivo e meno strutturalista. Management Culturale (a.a. 2008/2009) 13 Il modello SIDE 2 Distinzione tra identità personale (cioè la propria personalità unica ed individuale) e le varie identità sociali, che uno stesso individuo può assumere in riferimento ai gruppi e ai contesti in cui si trova Management Culturale (a.a. 2008/2009) 14 7

8 La teoria SIP (Social Information Processing) Walther, J. e Burgoon, J., 1992, Relational Communication in Computer-Mediated Interaction, in Human Communication Research, 19, 1, pp la CMC ha delle caratteristiche tali da essere iperpersonale : la comunicazione mediata dal computer sarebbe sovraccarica di contenuti sociali, nel senso che le relazioni si svilupperebbero in una modalità più stereotipicamente sociale che nelle interazioni FtF (Walther, 1996). predominare dell identità sociale su quella personale. emittente tenderebbe a presentarsi agli altri in maniera più stereotipata, avendo modo di preparare con cura la propria persona online e di censurare o accentuare alcuni elementi. Questo processo, detto selective o optimized selfpresentation (Walther, 1996) è più accentuato nelle comunicazioni online di tipo asincrono Management Culturale (a.a. 2008/2009) 15 La teoria SIP -2 La CMC è tutt altro che fredda e impersonale e si sovraccarica di contenuti sociali "iperpersonale" (Hyperpersonal) a CMC addirittura maggiormente carica di aspetti relazionali di tipo sociale rispetto a più tradizionali modalità comunicative. Tesi Lucchini Management Culturale (a.a. 2008/2009) 16 8

Capitolo II. Sviluppo degli studi sulla CMC

Capitolo II. Sviluppo degli studi sulla CMC Capitolo II Sviluppo degli studi sulla CMC Gli studi sulla CMC esordiscono con la realizzazione di un saggio al riguardo assolutamente pionieristico, composto da Licklider e Taylor 1 nel 1968 e con un

Dettagli

APPRENDIMENTO E PRATICHE IN UNA COMUNITA VIRTUALE DI AUTO-MUTUO AIUTO.

APPRENDIMENTO E PRATICHE IN UNA COMUNITA VIRTUALE DI AUTO-MUTUO AIUTO. Università degli Studi di Trento Facoltà di sociologia Programma di Ricerca: Comunità virtuali. La collaborazione mediata dalle tecnologie. Unità di Ricerca: L apprendimento nelle comunità virtuali di

Dettagli

Cittadini e nuove tecnologie

Cittadini e nuove tecnologie 27 febbraio 2009 Cittadini e nuove tecnologie Anno 2008 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie. Le informazioni

Dettagli

CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE

CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE 20 dicembre 2011 Anno 2011 CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE Rispetto al 2010 cresce la quota di famiglie che nell anno in corso possiede un personal computer (dal 57,6% al 58,8%), l accesso a Internet (dal

Dettagli

Il termine comunicare è storicamente collegato alla parola comune, che deriva dal verbo latino communicare

Il termine comunicare è storicamente collegato alla parola comune, che deriva dal verbo latino communicare CMC comunicare Il termine comunicare è storicamente collegato alla parola comune, che deriva dal verbo latino communicare Quando comunichiamo, incrementiamo la nostra conoscenza condivisa, cioè il senso

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui 16 gennaio 2008 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui Anno 2007 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti

Dettagli

Cittadini e nuove tecnologie

Cittadini e nuove tecnologie 23 dicembre 2010 Cittadini e nuove tecnologie Anno 2010 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie. Le informazioni

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Aprile 2015 I CITTADINI TOSCANI E LE NUOVE TECNOLOGIE- ANNO 2014 In sintesi: Il 67% delle

Dettagli

Formazione in didattica L2 a migranti

Formazione in didattica L2 a migranti Formazione in didattica L2 a migranti Piattaforma e-learning nell ambito dell accordo di programma tra la Provincia di Cremona, i Comuni di Cremona, Crema e Casalmaggiore e l Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui 27 dicembre 2005 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui Anno 2005 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti

Dettagli

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione I contenuti La comunicazione organizzativa leva del cambiamento (I sessione) - L articolazione delle strutture nelle

Dettagli

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di Alta Formazione - Pubblica Amministrazione, Sanità e No Profit Premessa E comprovato che in ogni organizzazione la formazione riveste

Dettagli

Il processo di comunicazione

Il processo di comunicazione Il processo di comunicazione La comunicazione comprende l insieme delle attività che nutrono le relazioni biunivoche tra l impresa ed i suoi pubblici di riferimento (interni ed esterni) con l obiettivo

Dettagli

I vantaggi della COMPUTER-MEDIATED COMUNICATION

I vantaggi della COMPUTER-MEDIATED COMUNICATION Incontro informativo Il commercio elettronico: opportunità per le aree rurali? 17 giugno 1999 GAL ARCIPELAGO TOSCANO Hotel Napoleon - S. Martino, Portoferraio MARKETING PER IL COMMERCIO ELETTRONICO I vantaggi

Dettagli

Corso EPICT Valutazione e ICT

Corso EPICT Valutazione e ICT Corso EPICT Valutazione e ICT (Certificazione EPICT Bronze Valutazione e ICT) La valutazione nella Scuola digitale evolve come evoluti rispetto alla scuola tradizionale - sono gli oggetti di valutazione.

Dettagli

Web reputation, un patrimonio da mantenere ed accrescere

Web reputation, un patrimonio da mantenere ed accrescere Web reputation, un patrimonio da mantenere ed accrescere «La reputazione? È una veste effimera e convenzionale, guadagnata spesso senza merito e perduta senza colpa» W. Shakespeare Relatore: Marco Magistri,

Dettagli

AREA COMUNICAZIONE STAFF DIREZIONE AZIENDALE UOC COMUNICAZIONE

AREA COMUNICAZIONE STAFF DIREZIONE AZIENDALE UOC COMUNICAZIONE AREA COMUNICAZIONE STAFF DIREZIONE AZIENDALE UOC COMUNICAZIONE La comunicazione è un processo che si basa su alcuni elementi: EMITTENTE MESSAGGIO CODICE CANALE FEEDBACK DESTINATARIO il soggetto che invia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI AMICI DI UNO SCHERMO: RUOLO DELLE RELAZIONI SIGNIFICATIVE NELLE CHAT LINE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI AMICI DI UNO SCHERMO: RUOLO DELLE RELAZIONI SIGNIFICATIVE NELLE CHAT LINE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE TESI DI LAUREA IN PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE AMICI DI UNO SCHERMO: RUOLO DELLE RELAZIONI

Dettagli

QUESTIONARIO FAMILIARE

QUESTIONARIO FAMILIARE - 39 - QUESTIONARIO FAMILIARE 9. ELETTRODOMESTICI, MEZZI DI COMUNICAZIONE E TRASPORTO 9.1 La famiglia possiede: (una risposta per ogni riga ) N. Videoregistratore... 5 6 Videocamera..... 7 Lettore DVD.....

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Scuola Primaria 0 0% Secondaria 281 100% Classe IV Primaria 0 0% V Primaria 1 0% I Secondaria 101 36% II Secondaria 84 30% III Secondaria 95 34% Comune di Cafasse

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Scuola Primaria 155 100% Secondaria 0 0% Classe IV Primaria 68 44% V Primaria 87 56% I Secondaria 0 0% II Secondaria 0 0% III Secondaria 0 0% Comune di Cafasse

Dettagli

Introduzione. Servizio programmazione, pianificazione strategica, controllo di gestione e statistica 3

Introduzione. Servizio programmazione, pianificazione strategica, controllo di gestione e statistica 3 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Presidenza della Regione Piazza Unità d'italia 1 34100 Trieste telefono: 040 3772228 e-mail: pianificazionestrategica@regione.fvg.it Dirigente: Gianluca Dominutti

Dettagli

De.Mo. Design Motivazionale

De.Mo. Design Motivazionale De.Mo. Design Motivazionale Ma in sintesi, cosa sono i social network? Sono una rete di persone. Rete: sistemi complessi. Persone: dinamiche psicologiche e sociali. Bisogna pensare in modo diverso ai social

Dettagli

WEB WRITING. 17 Aprile / 18 Aprile 2013 Z2104 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION

WEB WRITING. 17 Aprile / 18 Aprile 2013 Z2104 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION WEB

Dettagli

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it Pietro Maffi mpietro@yahoo.com CYBERSPAZIO: spazio reale o fittizio? Riduzione dei vincoli spazio-temporali Separazione dal contesto della comunicazione Utilizzo

Dettagli

Anno 2013 CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE

Anno 2013 CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE 19 dicembre 2013 Anno 2013 CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE Nel 2013 aumenta rispetto all anno precedente la quota di famiglie che dispone di un accesso ad Internet da casa e di un personal computer (rispettivamente

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

Definizioni di interattività

Definizioni di interattività Definizioni di interattività Secondo Jens Jensen, Interactivity, per interattività si può intendere la misura della potenziale capacità di un medium di lasciare che l utente eserciti un influenza sul contenuto

Dettagli

2014 / 2015 Marketing sales & communication WEB WRITING Z2104. Edizione autunnale 2014

2014 / 2015 Marketing sales & communication WEB WRITING Z2104. Edizione autunnale 2014 WEB WRITING 2014 / 2015 Marketing sales & communication Z2104 Edizione autunnale 2014 5 NOVEMBRE 6 NOVEMBRE 2014 REFERENTE SCIENTIFICO Mauro Miccio, docente incaricato di Sociologia della Comunicazione

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSE: IV

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSE: IV Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSE: IV TESTO: Comunicazione M.Colombari ed. San Marco 1. Dalla filosofia degli antichi alla psicologia come scienza

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Scuola Primaria 155 36% Secondaria 281 64% Classe IV Primaria 68 16% V Primaria 88 20% I Secondaria 101 23% II Secondaria 84 19% III Secondaria 95 22% Comune

Dettagli

Web Communication e Servizio Sociale.

Web Communication e Servizio Sociale. In collaborazione con Web Communication e Servizio Sociale. Come comunicare il Servizio Sociale attraverso la Web Communication. INTRODUZIONE ALLA WEB COMMUNICATION (1) Cos è la Web Communication? Cos

Dettagli

Comunicazione interattiva

Comunicazione interattiva Comunicazione interattiva 12. Il sito Web come comunicazione interattiva Argomenti trattati: Un nuovo modo di comunicare Un modello di sito Web Qualità della comunicazione Il sito come progetto di comunicazione

Dettagli

WEB. Piccolo dizionarietto tecnologico

WEB. Piccolo dizionarietto tecnologico WEB Piccolo dizionarietto tecnologico NATIVI DIGITALI - IMMIGRATI DIGITALI- TARDIVI L a distinzione fra nativi e migranti digitali fu introdotto nel 2001dallo studioso americano Marc Prensky: NATIVI DIGITALI

Dettagli

Percorso Apprendisti MODULO BASE

Percorso Apprendisti MODULO BASE Percorso Apprendisti MODULO BASE ORE: 40 COMPETENZE: Comunicare ed esprimersi correttamente nelle situazioni quotidiane e professionali saper identificare le proprie caratteristiche comunicative e le aree

Dettagli

FRANCESE CLASSE PRIMA

FRANCESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende semplici espressioni e frasi di uso quotidiano e identifica il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti, se il messaggio è pronunciato chiaramente

Dettagli

L'evoluzione della comunicazione: la multicanalità il video call center

L'evoluzione della comunicazione: la multicanalità il video call center L'evoluzione della comunicazione: la multicanalità il video call center 25 Ottobre 2013 White paper 1. CONTESTO ED ESIGENZE DEL MERCATO Imprese e Pubbliche Amministrazioni sono pressate dall esigenza di

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTI TITOLO DELL ATTIVITA Armani Micaela, Castagnaro Stefania Leggere, comprendere e scrivere testi di vario tipo. PERIODO DELL

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

La comunicazione del rischio

La comunicazione del rischio La comunicazione del rischio Di Mauro Palazzi (modificata) A cura di Luigi Triggiano Medico di medicina generale 1 OBIETTIVI DEL CORSO migliorare le conoscenze sulla comunicazione e sulle sue criticità

Dettagli

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata LA COMUNICAZIONE EFFICACE Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata La lingua: sistema creativo governato da regole Onnipotenza semiotica Facoltà metalinguistica

Dettagli

Feel EMOTION CORSI DI LINGUE E INFORMATICA

Feel EMOTION CORSI DI LINGUE E INFORMATICA um.org Feel EMOTION CORSI DI LINGUE E INFORMATICA S Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare (Gary Zukav) I VANTAGGI I contenuti proposti dai programmi consentono ai partecipanti di:

Dettagli

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO INTRODUZIONE Con l invenzione della stampa e il suo progressivo miglioramento la cultura e il sapere hanno potuto circolare più facilmente. Ma la storia,

Dettagli

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet Dott. Marco Valerio Cervellini Sost. Commissario della Polizia di Stato Responsabile dei progetti di educazione alla legalità e navigazione sicura

Dettagli

CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE

CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE 20 dicembre 2012 Anno 2012 CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE Nel 2012 rimane stabile rispetto all anno precedente la quota di famiglie che dispone di un accesso a Internet (55,5%) e di un personal computer

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

3. LE FAMIGLIE TOSCANE E INTERNET

3. LE FAMIGLIE TOSCANE E INTERNET 3. LE FAMIGLIE TOSCANE E INTERNET 3.1 Le famiglie collegate ad Internet Considerazioni generali: Sono circa 519.800 le famiglie toscane che dispongono del collegamento ad Internet (Figura 7). Rappresentano

Dettagli

vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO

vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO vip vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO Viral Idea Project (VIP) è un progetto nato da un team di professionisti

Dettagli

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

Caratteristiche e trend evolutivi della distribuzione. Marco Roccabianca

Caratteristiche e trend evolutivi della distribuzione. Marco Roccabianca Caratteristiche e trend evolutivi della distribuzione Marco Roccabianca pagina 1 di 8 L evoluzione del processo d acquisto Il nuovo scenario Aumentata complessità del modello d acquisto del cliente Possibilità

Dettagli

Indagine multiscopo sulle famiglie Modulo sull uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

Indagine multiscopo sulle famiglie Modulo sull uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione ISTAT Indagine multiscopo sulle famiglie Modulo sull uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione 2009 Codice SN116 ADPSS-SOCIODATA Archivio Dati e Programmi per le Scienze Sociali www.sociologiadip.unimib.it/sociodata

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale OBIETTIVI GENERALI DELLA RICERCA Produrre strumenti utili

Dettagli

SICUREZZA DIGITALE COME VIVERE E USARE IL WEB INTERATTIVO

SICUREZZA DIGITALE COME VIVERE E USARE IL WEB INTERATTIVO SICUREZZA DIGITALE COME VIVERE E USARE IL WEB INTERATTIVO Indagine sull'uso di Internet e dei Social Network tra i ragazzi di scuole secondarie di primo grado di Modena Modena, 21 Ottobre 2011 CONTESTO

Dettagli

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI Settore Sistema Informativo di Supporto alle Decisioni. Ufficio Regionale di Statistica La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI La società dell informazione e della

Dettagli

Analisi dello stato dell'arte dei siti Web nella PA centrale: problematiche generali di Pasquale Russo e Giovanna Sissa

Analisi dello stato dell'arte dei siti Web nella PA centrale: problematiche generali di Pasquale Russo e Giovanna Sissa Analisi dello stato dell'arte dei siti Web nella PA centrale: problematiche generali di Pasquale Russo e Giovanna Sissa Psicopatologia dei web quotidiani Quando è nato il WWW poche funzioni, pochi utenti:

Dettagli

Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo. Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO

Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo. Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO Il Corso, a titolo gratuito per un solo partecipante per

Dettagli

Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese

Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese I questionari compilati devono essere consegnati entro il 28/02/2011 al Cesvov: Per e-mail (scannerizzato)

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE

TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE a.s.2013/2014 TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE indirizzo: Tecnico della Grafica e della comunicazione TEORIE DELLA COMUNICAZIONE: Classi terze tecnico grafico TEORIE DELLA COMUNICAZIONE: Non ancora

Dettagli

Mancano elementi paralinguistici

Mancano elementi paralinguistici Comunicazione sincrona e asincrona TIPOLOGIE DI COMUNICAZIONE Management Culturale (a.a. 2008/2009) 17 Caratteristiche della CMC Mancano elementi paralinguistici le pause, il tono i voce, la mimica facciale

Dettagli

Valutare la qualità dei siti Web

Valutare la qualità dei siti Web Valutare la qualità dei siti Web CONTENUTI OBIETTIVI DELLA LEZIONE 1. Chiarire cosa si intende per qualità dei siti Web 2. Descrivere alcune tecniche per misurare tali caratteristiche 3. Introdurre l approccio

Dettagli

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Nethics siti internet e SMM C.so Stati Uniti 72 - Susa (TO) manutenzione@nethics.it - Tel.: 0122/881266 Programma del corso

Dettagli

Indice. 2.2. Deferenza, contegno, cortesia 44 2.3. Le linee di conversazione 46

Indice. 2.2. Deferenza, contegno, cortesia 44 2.3. Le linee di conversazione 46 Indice 1. Dall incomunicabilità alla comunicazione costruttiva 11 1.1. La comunicazione che funziona vs. l incomunicabilità: le ripercussioni sulle performance aziendali e sui rapporti personali 12 Esercitazione

Dettagli

07 Le comunicazioni: la rete elettronica (parte 1) Dott.ssa Ramona Congiu

07 Le comunicazioni: la rete elettronica (parte 1) Dott.ssa Ramona Congiu 07 Le comunicazioni: la rete elettronica (parte 1) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Il fax Una macchina fax (abbreviazione di facsimile) è una specie di fotocopiatrice che funziona per mezzo del telefono: quando

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome Indirizzo BRIANTE CLAUDIO 51/A, via Drizza 20020 Solaro (Mi) Telefono 02 61 29 13 32 Cellulare 347 33 42

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA a.s. 2013-2014 INDIRIZZI E ARTICOLAZIONI: TURISMO e RIM DISCIPLINA TERZA LINGUA COMUNITARIA- TEDESCO PROFILO

Dettagli

La percezione della presenza e la proiezione dell identità nei sistemi blended

La percezione della presenza e la proiezione dell identità nei sistemi blended La percezione della presenza e la proiezione dell identità nei sistemi blended La percezione della presenza e la proiezione dell identità nei sistemi blended Analisi e valutazione del master Progettista

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Telefono E- mail Web site Cittadinanza Data di nascita Fernando Conti Via Campagna, 10 29121 Piacenza (PC) 320 2620220 info@fernandoconti.it

Dettagli

Glossario 117. Glossario

Glossario 117. Glossario Glossario 117 Glossario Account È lo spazio concesso su un sito a un utente, per accedere ad alcune funzioni. Al momento della registrazione occorre fornire un username e una password, che diventeranno

Dettagli

Questionario sul settore informatico della Biblioteca civica Centro Culturale Cà Rossa" di Bagnolo in Piano

Questionario sul settore informatico della Biblioteca civica Centro Culturale Cà Rossa di Bagnolo in Piano Questionario sul settore informatico della Biblioteca civica Centro Culturale Cà Rossa" di Bagnolo in Piano Gentile Signora, gentile Signore. Le chiediamo cinque minuti per rispondere alle domande del

Dettagli

GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO. Classe di Laurea LMG/01. DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA - Palermo -

GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO. Classe di Laurea LMG/01. DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA - Palermo - CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO GIURISPRUDENZA Classe di Laurea LMG/01 DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA - Palermo - PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA Prof. Pietro Lo Iacono E-mail: p.loiacono@lumsa.it

Dettagli

I RISCHI DEL MONDO DIGITALE

I RISCHI DEL MONDO DIGITALE I RISCHI DEL MONDO DIGITALE Marco Bertoluzzo Valter Bouquiè NATIVI DIGITALI? NATIVI ANALOGICI? CYBERCULTURA Abbattimento barriere spazio/temporali Superamento dei confini e dei limiti della corporeità

Dettagli

VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY

VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 1 ANNO Il primo anno si concentra sul evolvere in una direzione pratica e job-oriented le basi necessarie all inserimento diretto nell ambiente professionale della

Dettagli

Manager degli Eventi dello Spettacolo

Manager degli Eventi dello Spettacolo Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: CORSO A CATALOGO 2011 Manager degli Eventi dello Spettacolo Corsi di specializzazione

Dettagli

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa DISPENSA I.C.T. POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14 Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro Dispensa COME COLLEGARSI AD INTERNET: HARDWARE, SOFTWARE, CONNESSIONI INDICE COME

Dettagli

IL SUO NOME SEMPRE IN PRIMO PIANO Aderendo ad uno dei nostri prodotti/servizi il suo nome sarà sempre in evidenza e nelle prime posizioni;

IL SUO NOME SEMPRE IN PRIMO PIANO Aderendo ad uno dei nostri prodotti/servizi il suo nome sarà sempre in evidenza e nelle prime posizioni; Internet è ormai universalmente riconosciuto come il nuovo mezzo di comunicazione di massa la cui diffusione cresce in maniera esponenziale giorno dopo giorno. Questa vera e propria rivoluzione della comunicazione

Dettagli

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com La conoscenza della Legge 4/2004 nella scuola italiana Un recente questionario, proposto dall'istituto

Dettagli

People POP-UP. Newsletter n. 4

People POP-UP. Newsletter n. 4 People POP-UP Newsletter n. 4 L utilizzo di tecnologie ICT (Information and Communication Technology) a favore del cambiamento sociale è centrale in due delle sei tematiche di People, una relativa alla

Dettagli

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE DOCENTE: CLASSE: Prof.ssa COLLINO Elena 3 A OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI TRASVERSALI

Dettagli

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche Fondazione Minoprio - corso ITS Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche I social media Facebook La maggior parte dei proprietari di piccole aziende hanno dichiarato

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Indagine multiscopo sulle famiglie Modulo sull uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

Indagine multiscopo sulle famiglie Modulo sull uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione ISTAT Indagine multiscopo sulle famiglie Modulo sull uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione 2010 Codice SN115 ADPSS-SOCIODATA Archivio Dati e Programmi per le Scienze Sociali www.sociologiadip.unimib.it/sociodata

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 1. Introduzione Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali

Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali Maria Cristina Lavazza Better Software, Firenze 27-28 giugno 2011 Indice Cosa è la progettazione centrata sulle persone

Dettagli

Genitori e figli al tempo di Internet. Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta

Genitori e figli al tempo di Internet. Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta Genitori e figli al tempo di Internet Dott.ssa Barbara Forresi Psicologa e Psicoterapeuta Di cosa parleremo stasera? I nativi digitali I bambini da 6 a 10 anni 38% usano smartphone o tablet 1 su 3 li usa

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Elementi di web advertising

Elementi di web advertising Elementi di web advertising Generalità Internet come medium Strumenti er ricercare, trattare, veicolare i contenuti Cometenze Tecniche di base Trattamento dei contenuti Professioni umanistiche del WEB

Dettagli

Recensione di Alida Favaretto 31 maggio 2006. Abstract

Recensione di Alida Favaretto 31 maggio 2006. Abstract Carlo Galimberti, Giuseppe Riva, La comunicazione virtuale. Dal computer alle reti telematiche: nuove forme di interazione sociale, Guerrini e Associati, Milano, 1997, pp. 193. Recensione di Alida Favaretto

Dettagli

CORSO DI INFOGRAFICA PROF. MANUELA PISCITELLI A.A.

CORSO DI INFOGRAFICA PROF. MANUELA PISCITELLI A.A. 9. Lettering Il presente file costituisce una SINTESI del materiale presentato nel corso delle lezioni. Tale sintesi non deve essere ritenuta esaustiva dell argomento, ma andrà integrata dallo studente

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Codice di accreditamento: NZ04566 REGIONE CAMPANIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. Codice di accreditamento: NZ04566 REGIONE CAMPANIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: Comune di Mugnano di Napoli Codice di accreditamento: NZ04566 Albo e classe di iscrizione: REGIONE

Dettagli

È ORA DI DIVENTARE GRANDI MASTER IN GRAPHIC E WEB DESIGN 328 ORE 76 LEZIONI DA 4 ORE 2 VOLTE A SETTIMANA + 6 WORKSHOP MASTER IN WEB DESIGN

È ORA DI DIVENTARE GRANDI MASTER IN GRAPHIC E WEB DESIGN 328 ORE 76 LEZIONI DA 4 ORE 2 VOLTE A SETTIMANA + 6 WORKSHOP MASTER IN WEB DESIGN MASTER IN GRAPHIC E WEB DESIGN 328 ORE 76 LEZIONI DA 4 ORE 2 VOLTE A SETTIMANA + 6 WORKSHOP È ORA DI DIVENTARE GRANDI MASTER IN WEB DESIGN CERTIFIED ASSOCIATE ABC FORMAZIONE PROFESSIONALE Viale degli Ammiragli,

Dettagli

Comunicazione e Mass media

Comunicazione e Mass media Comunicazione e Mass media I mass-media La stampa Il cinema La radio La televisione Il telefono Il computer Le reti internet Comunicazione di massa Comprendono le istituzioni e le tecniche grazie alle

Dettagli