San Giorgio.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "San Giorgio. www.sangiorgiosl.org"

Transcript

1 Periodico di vita cittadina a cura dell Amministrazione Comunale Un angolo di San Giorgio poco conosciuto: l affresco di via Diaz. Foto Doglia In questo numero Editoriale di fine mandato: i saluti del Sindaco I servizi on-line della Biblioteca Un affresco poco conosciuto in via Diaz Il profilo anagrafico di San Giorgio San Giorgio su Legnano 13 Anno 24 Aprile 2012

2 Un Sangiorgese piccolo piccolo BELLI SI NASCE a cura di SILVIA CARUGO Jude-Denzel Semie Obiri, 25 settembre 2011 TANTI AUGURI! Matteo Polo, 6 ottobre 2011 Samuele Amadei, 11 ottobre 2011 Lorenzo Grassi, 14 ottobre 2011 Sofia Serravalle, 18 ottobre 2011 Riccardo Isalberti, 24 ottobre 2011 Niccolò Pedrelli con la sorella Matilde, 28 ottobre 2011 Leonardo Losa, 7 novembre 2011 Samuele Cavaleri con la sorella Marika, 9 novembre 2011 Tommaso Meriggi, 22 novembre 2011 Sofia Sangiovanni, 30 novembre 2011 Lorenzo Flavio Colombo con i fratelli Massimo e Alessio, 13 dicembre 2011 Giulia Ricci con i fratelli Alessandro e Riccardo, 31 dicembre 2011

3 L EDITORIALE 3 a cura di ANTONIO COLOMBO Il mio riconoscente saluto Come da tradizione mi è stato affidato l articolo editoriale di questa edizione del giornalino comunale, ultima del presente mandato amministrativo, la cui scadenza è per me particolarmente significativa, poiché segna anche la fine della mia esperienza di Sindaco, avendo ricoperto la carica per due mandati consecutivi. È quindi l occasione offertami per salutare la cittadinanza, con la riconoscenza dovuta per la fiducia che mi ha accordato, e sintetizzare in poche righe il periodo amministrativo che va a concludersi. Ciascuno dei miei tre mandati ( , e ) ha avuto un proprio carattere distintivo predominante e definirei quest ultimo come quello della costrizione finanziaria. Venendo dal quinquennio in cui si era potuto realizzare un consistente numero di opere pubbliche, il programma amministrativo per il mandato in corso era stato steso nella medesima ottica, rivelatasi ben presto però del tutto illusoria. La crisi economica sopraggiunta nel 2008, trasformatasi poi nella crisi di finanza pubblica che ancor oggi viviamo, ha completamente modificato il contesto finanziario e normativo e l ente comunale si è trovato a dover fronteggiare le minori entrate dovute alla contrazione dell attività edilizia ed ai tagli di trasferimenti da parte dello Stato, nonché le nuove ferree regole imposte dallo Stato e finalizzate a ridurre le spese degli enti locali (cosiddetto patto di stabilità ). L Amministrazione comunale ha così dovuto ridurre fortemente gli investimenti, dovendosi limitare a fare quel poco che gli era concesso dagli stringenti vincoli fissati dalla legge statale, concentrando la propria azione sulla gestione ordinaria e sull erogazione dei servizi alla cittadinanza, impegnandosi a fronteggiare l incremento della spesa generata dall acuirsi della crisi sociale. Essa termina comunque il mandato lasciando in eredità conti pubblici in solido equilibrio ed un indebitamento al di soli euro, peraltro controbilanciato da somme proprie accantonate per future opere pubbliche ma utilizzabili anche per ridurre ulteriormente l indebitamento. È questo un importante punto di ELENCO CONTATTI partenza per la prossima amministrazione che dovrà fare i conti con la scarsità di risorse disponibili e, più in generale, con un andamento di lungo periodo di consistente riduzione della spesa pubblica. Vorrei concludere queste brevi note ringraziando tutti quanti mi hanno aiutato, amministratori, funzionari, associazioni e singoli cittadini, nello sforzo di indirizzare al meglio la gestione comunale e di ricoprire dignitosamente questa pubblica carica, che mi ha procurato qualche preoccupazione, ma anche molte soddisfazioni. IL SINDACO MARZIO COLOMBO UFFICIO COMUNALE Anagrafe, Servizi Demografici Biblioteca, Cultura Ecologia, Attività Produttive Edilizia Privata, Urbanistica Gas metano, Acqua potabile Manutenzioni Polizia Locale, Commercio Pubblica Istruzione Ragioneria, Tributi Segreteria, Ufficio Protocollo Servizi Sociali Sport Ufficio Tecnico INDIRIZZO

4 4 GLI ASSESSORI INFORMANO Il punto di fine mandato Giunti al termine del mandato elettorale vorrei fare il punto su quanto realizzato nel periodo dal mio assessorato. IL NUOVO PGT In data 13 gennaio 2012 il Consiglio comunale ha approvato in via definitiva il Piano di Governo del Territorio (PGT) adottato il 22 luglio L intero processo di formazione del PGT è stato condotto cercando di condividere obbiettivi e strategie di pianificazione con i cittadini, le associazioni, le forze politiche, e quanti comunque a qualunque titolo hanno voluto fornire il loro contributo nel corso dei diversi incontri che hanno preceduto la stesura della bozza del nuovo strumento di pianificazione urbanistica. È stata apprezzata in modo particolare l adesione di tutti gli studenti delle scuole di San Giorgio che, attraverso i loro disegni, hanno saputo descrivere gli spazi cittadini evidenziandone pregi, difetti, valenze e carenze, dimostrando così di saper valorizzare gli spazi collettivi sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo. Anche in sede di esame delle osservazioni è stato fatto il possibile per recepire gli aspetti propositivi di tutte le istanze presentate, accogliendo tutte le richieste coerenti con la ratio individuata durante tutto l iter partecipativo di formazione del PGT. Questa fase ha rappresentato l occasione per la messa a punto del nuovo strumento urbanistico, consentendo di sottoporre ad un vero e proprio collaudo sia la cartografia relativa all azzonamento, sia il quadro normativo ad esso associato. Crediamo con questo di aver concluso un percorso condiviso verso l avviamento di un modello di pianificazione territoriale sostenibile, imperniato sulla conservazione e valorizzazione delle risorse ambientali esistenti, e sulla razionalizzazione degli spazi già urbanizzati. Il nuovo PGT propone così un modello di sviluppo territoriale innovativo, incentrato sulla crescita qualitativa degli spazi urbani, che si articola sui seguenti punti: drastico contenimento del consumo di suolo e della capacità insediativa del territorio; salvaguardia delle risorse e dei valori ambientali; recupero del centro storico; adattabilità e flessibilità d uso delle aree già urbanizzate e dei volumi costruiti. Il nuovo PGT infatti non prevede alcuna area residenziale di espansione. I volumi necessari al soddisfare il reale fabbisogno abitativo vengono reperiti integralmente all interno del nucleo edificato attraverso: la riconversione di aree industriali dismesse o in fase di dismissione (aree ATR); la possibilità, ammessa in tutte le aree residenziali esistenti, di diffusi aumenti volumetrici (valutabili mediamente nell ordine di una stanza per ogni unità abitativa), ulteriormente incrementabili nel caso di interventi edilizi mirati alla riqualificazione energetica dell edificio principale; il recupero ad uso abitativo dei sottotetti; il recupero dei volumi esistenti all interno del centro storico, per il quale è stata predisposta una normativa specifica, in grado di regolamentare le modifiche di ogni singolo edificio. Nelle aree residenziali è stata altresì introdotta la nuova disciplina prevista dalla L.R. 12/2005 che, compatibilmente con la funzione residenziale, consente la possibilità di utilizzare gli spazi esistenti in modo più libero. A ridosso della zona industriale esistente, a nord della nuova circonvallazione, è stata prevista una nuova zona industriale, di pur modeste dimensioni, tuttavia necessaria per rendere possibile la delocalizzazione delle attività produttive attualmente insediate all interno del nucleo edificato, con particolare riferimento all area occupata dalla Mimoska s.r.l. di fronte al Municipio. La trasformazione delle aree industriali dismesse è stata infine vincolata alla cessione sia di standard a verde pubblico che di standard qualitativi, ovvero di realizzazioni extra-comparto di opere

5 GLI ASSESSORI INFORMANO 5 di interesse collettivo come tratti di piste ciclopedonali, rotatorie, sistemazioni del parco di via del Campaccio, asilo nido (ristrutturazione palazzo dell ex Municipio), auditorium/centro civico, riqualificazione di piazze/ambiti comunali, etc. Con questo si è voluto sancire il principio per cui il sia pur contenuto incremento di popolazione derivante dalla capacità insediativa delle aree trasformate deve comportare un beneficio e non un onere per la comunità attuale. Relativamente alla salvaguardia ambientale il PGT ha individuato, in corrispondenza dell area boscata a confine con Busto Garolfo, un ganglio di connessione con la rete ecologica collegata al sistema del Parco del Roccolo. In questo settore di territorio è stata prevista la conservazione, la riqualificazione e il recupero del paesaggio e dei suoi elementi costitutivi al fine di creare un corridoio ecologico in grado di collegare le zone verdi del tessuto urbano consolidato con quelle naturali e del territorio agricolo. I LAVORI PUBBLICI Negli ultimi anni, caratterizzati dalla crisi provocata dal debito pubblico dello Stato, gli Enti locali hanno subìto l imposizione di una progressiva riduzione dei limiti di spesa per investimento. Le nuove regole, introdotte dal Patto di Stabilità, hanno penalizzato in modo particolare proprio quei Comuni che, come il nostro, sono caratterizzati dalla disponibilità di proprie risorse e da un indebitamento assolutamente contenuto. Progetti importanti, approvati e finanziati nel corso degli anni precedenti, hanno così dovuto subire continui rinvii, in attesa di una modifica di queste regole. Ricordiamo solo alcuni di questi progetti come: la riqualificazione di piazza Mazzini, il cui progetto è stato presentato nel corso di una assemblea pubblica e il cui plastico è esposto in Municipio, che attende la sola gara di appalto per poter vedere l inizio dei lavori; l illuminazione della pista ciclabile di via Magenta, il cui progetto fu addirittura appaltato, ma non aggiudicato proprio a causa della sopravvenienza delle nuove regole di stabilità; la sostituzione della caldaia del plesso scolastico di piazza IV Novembre; la ristrutturazione dell ex-municipio di via Gerli con destinazione ad asilo nido, per il quale è stato predisposto il progetto esecutivo. Tra le opere realizzate ricordiamo invece: la ristrutturazione dell attuale sede del Municipio, dove sono stati riorganizzati gli spazi interni, posati nuovi serramenti, rifatte coperture e relativi isolamenti, posati i controsoffitti e ristrutturato ex-novo l impianto elettrico e informatico. Negli ultimi mesi sono state installate le valvole termostatiche su tutti i radiatori; la ristrutturazione dell impianto termico della palestra delle scuole medie, dove è stato installato un nuovo impianto solare per la produzione dell acqua calda sanitaria. Entrambi i progetti sono stati co-finanziati dalla Regione Lombardia in quanto finalizzati ad una sensibile riduzione dei consumi energetici negli edifici pubblici; l impianto fotovoltaico sulla copertura del Cimitero. I lavori sono stati finanziati con i contributi statali sulla produzione dell energia elettrica prodotta dallo stesso impianto; la nuova pista ciclopedonale di via Milano. In fase di realizzazione è infine: il progetto del nuovo Palazzetto presso il Centro Sportivo, anche in questo caso rinviato fino ad oggi in quanto, benché finanziato con fondi pubblici per ben euro, non ha potuto prendere il via per le già citate regole di stabilità, e che vedrà l inizio dei lavori solo grazie ad un accordo tra Comune, Impresa aggiudicataria e Unione Sportiva, atta a consentire una diluizione dei pagamenti in 5 rate da euro/anno; il progetto denominato Patto dei Sindaci, con il quale il Comune di San Giorgio, grazie al contributo della EESCO di Marcallo e della Provincia di Milano, potrà accedere ai fondi europei stanziati dalla BEI per perseguire l obbiettivo di abbattere oltre il 20% entro il 2020 i consumi energetici degli edifici, con conseguente riduzione emissioni inquinanti in atmosfera. Da rilevare che questi finanziamenti sono stati espressamente riservati ai Comuni che già in passato avevano predisposto gli audit ed avviato i programmi di riqualificazione energetica dei loro edifici (con particolare riferimento ai plessi scolastici), a vantaggio di chi, come noi, ha saputo investire nel risparmio energetico e ottenere nel concreto quei benefici ambientali che sono patrimonio di tutti. L ASSESSORE ALL URBANISTICA E LL.PP. DOTT. ARCH. CARLO MARIA TATTI

6 6 GLI ASSESSORI INFORMANO Una breve panoramica sul mio mandato Con questo intervento vorrei sintetizzare il lavoro compiuto nel periodo del mio mandato di assessore alle manutenzioni ed ecologia, evidenziando alcuni punti di particolare interesse. Sul nostro territorio si è verificato negli ultimi anni un consistente incremento delle aree a verde pubblico, dovuto all attività edilizia privata sviluppatasi con correlata cessione al Comune di aree standard per attrezzature pubbliche; questo ha incrementato notevolmente il patrimonio arboreo comunale che attualmente conta più di 900 piante. Di pari passo sono cresciute le necessità e le spese di manutenzione del verde; si è cercato comunque di reperire le risorse necessarie per attuare una costante e sistematica opera di potatura. In materia di rifiuti urbani si è cercato di incrementare la raccolta differenziata agendo sui due fronti della regolamentazione della piattaforma ecologica e del controllo della separazione effettuata dalla cittadinanza. Dopo aver aggiornato il regolamento di utilizzo della piattaforma ecologica con il fine di arrestare abusi che aumentavano il costo comunale di smaltimento, è stata attuata una continua azione di controllo per verificare il rispetto del regolamento; è stato poi predisposto un progetto per il suo ampliamento, al fine di migliorarne ulteriormente il servizio. Sono stati poi posti in essere controlli sulla differenziazione dei rifiuti effettuata dalla cittadinanza, ricorrendo anche a sanzioni nei casi di evidente noncuranza delle modalità di separazione delle diverse tipologie di rifiuti. Gli sforzi effettuati hanno portato risultati concreti, tanto che la frazione di raccolta differenziata ha raggiunto la percentuale del 60% sul totale dei rifiuti smaltiti. È in fase di studio e verrà realizzato nei prossimi mesi a cura di Cap Holding Spa, la società che ha in gestione le fognature, un pozzo di prima falda da installare nell area del centro sportivo che consentirà di irrigare il centro sportivo ed il parco attiguo utilizzando acqua non potabile, ottenendo il duplice risultato di risparmiare l acqua delle falde più profonde e di eliminare i costi delle bollette che ormai anche il Comune deve pagare per i propri utilizzi di acqua potabile. Per le manutenzioni dei fondi stradali siamo consapevoli che si doveva fare di più, ma il patto di stabilità imposto dal governo ci ha costretto a limitare gli interventi. Per lo spazzamento della neve sono sempre state destinate le risorse necessarie ad ottenere un buon servizio, garantendo sempre l apertura degli edifici pubblici. Riguardo agli interventi effettuati sul cimitero, sulla copertura di un edificio di loculi si è provveduto a rimuovere e smaltire le lastre di eternit installando un impianto fotovoltaico. Sono state eseguite inoltre diverse manutenzioni, specialmente sul lotto di loculi costruiti nell anno 1993, di pessima qualità, dove si staccano continuamente dalla facciata le lastre di marmo allora apposte in modo assolutamente inadeguato. ASSESSORE ALL ECOLOGIA E MANUTENZIONI ERNESTO CAVALERI CONSEGNA DEL PERIODICO COMUNALE Si invitano i Cittadini a segnalare per iscritto, alla Biblioteca, la mancata consegna del giornale comunale, indicando nome e indirizzo completo del capofamiglia. Biblioteca Civica: Municipio, piazza IV Novembre, 7 Tel Fax Orari d apertura: martedì, mercoledì, giovedì dalle alle 18.30; venerdì e sabato dalle alle 13.00).

7 GLI ASSESSORI INFORMANO 7 Riflessioni culturali politiche In un articolo sul Corriere della Sera 2008 Ernesto Galli della Loggia affermava: l Italia ha soprattutto bisogno di verità ha un gran bisogno che finalmente si squarci il velo di silenzio, di reticenze, spesso di vere e proprie bugie che per troppo tempo il Paese ha steso sulla sua effettiva realtà. Sono soprattutto i giovani che hanno bisogno di verità, per capire come l Italia sia potuta arrivare all attuale drammatica situazione e per non ripetere domani gli errori compiuti nel passato da una classe dirigente che non si è dimostrata all altezza di guidare un paese moderno. Intelligenza, capitali e lavoro non si sono associati, ma dissociati. Abbiamo così vissuto in una realtà di Confusioni e barbarie confusioni innanzitutto culturali e morali che ha poi causato un lungo periodo di barbarie sociali. Il futuro potrà quindi contare sulle severe lezioni ricavabili dai tanti errori compiuti negli ultimi 50 anni, ma per correggerli c è bisogno di una nuova classe dirigente, colta, onesta e competente. Termino augurando ai giovani che hanno voglia di impegnarsi per un futuro migliore, di cercare interessi culturali che garantiscano loro una visione globale del sistema Italia. Lo scopo è quello di raggiungere una conoscenza della materia per poter divenire in futuro dirigenti seri e capaci, in grado di unirsi tra loro per un avvenire meraviglioso e pieno di soddisfazioni. ASSESSORE ALLA CULTURA VALERIO LAZZATI Consigli comunali anno 2011, sedute - votazioni In attuazione dell art. 26, comma 3, dello Statuto comunale approvato con deliberazione di C.C. n. 9 del si comunica alla cittadinanza, a cura del Presidente del Consiglio comunale, l elenco delle presenze annuali di ciascun consigliere alle sedute dei Consigli comunali, nonché il numero delle votazioni a cui ha partecipato. PRESENTE ASSENTE PRESENZE ASSENZE AL CONSIGLIO AL CONSIGLIO VOTAZIONI VOTAZIONI *** COLOMBO MARZIO SOLBIATI ADRIANO REZZONICO CLAUDIO CARUGO SILVIA CAVALERI ERNESTO CAZZOLA LUCA FORNARA GIUSEPPINA TATTI CARLO MARIA TRUCCO ROBERTO RAMBOTTI LUCIANO COLOMBO ANTONIO PROVASI RICCARDO MEZZENZANA ROBERTA TURTURIELLO ALBERTO FRONTERA FRANCESCO GIANNETTI PIERA MORELLI GIOVANNI RUGGERI CLAUDIO DE CONTI EVELYNE LILIANE * La consigliera Mezzenzana è subentrata alla consigliera dimissionaria Carugo in data 16/5/2011 ** Il consigliere Ruggeri è subentrato alla consigliera dimissionaria Giannetti il 16/9/2011 *** Totale Deliberazioni di Consiglio con votazione n. 41 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE MARZIO COLOMBO

8 8 LE DELIBERE a cura di LUCA CAZZOLA Le delibere di Giunta comunale Numero 66 1 giugno 2011 Numero 70 8 giugno 2011 Numero giugno 2011 Numero giugno 2011 Numero 79 6 luglio 2011 Numero luglio 2011 Numero luglio 2011 Premesso che l Amministrazione comunale intendere concedere il patrocinio per alcuni eventi estivi rivolti alla cittadinanza, quali un Week End dei Motori che si organizzerà il 18 e 19 giugno 2011, un concerto con la partecipazione della filarmonica della Scala e del Conservatorio di Milano dal titolo Le Rassegne 2011 il 7 luglio 2011, e la serata finale del concorso The best new voices, tutti organizzati dall Associazione Niccolò Paganini e dalla Star Music Service, nonché un concorso di pittura e fotografia il 2 e 4 giugno 2011 organizzato dal Circolo socioculturale Hobbysti; la Giunta municipale concede il patrocinio dell Amministrazione comunale alle manifestazioni programmate nel periodo estivo dalle locali Associazioni Niccolò Paganini e Circolo Socioculturale Hobbysti, erogando un contributo di euro alla prima e 200 euro alla seconda. Premesso che Limes - Gruppo Giovani e Sangiorgese Basket hanno richiesto il patrocinio per la manifestazione sportiva 12 Ore di Basket, giunta alla 10 a edizione, che si svolgerà l 11 giugno 2011; la Giunta comunale concede il patrocinio a tale manifestazione sportiva. La Giunta municipale rettifica il contributo ordinario per le manifestazioni programmate del Corpo Musicale Sangiorgese, anno 2011, determinandolo in euro. Premesso che l Amministrazione comunale ritiene di dover provvedere al rifacimento dei manti stradali di via Risorgimento, di vicolo Garibaldi e di una tratto di via Colombo, che versano in cattive condizioni, ed alla costruzione di alcuni tratti di marciapiedi su via Ragazzi del 99; la Giunta comunale approva il progetto preliminare, definitivo ed esecutivo di tali lavori, dando atto che la spesa complessiva sia di euro. Dato atto che la vigente convenzione disciplinante la gestione delle palestre comunali è scaduta il 30 giugno 2011; dato atto che nei decorsi anni l Unione Sportiva Sangiorgese ha gestito, con piena soddisfazione dell Amministrazione comunale, le palestre comunali, e si è dichiarata disponibile a continuare nella collaborazione con il Comune di San Giorgio su Legnano; la Giunta municipale approva la nuova convenzione per la gestione delle palestre comunali per il periodo 1 luglio giugno 2012, affidandone la stessa alla locale Unione Sportiva Sangiorgese, e riconoscendo a favore di tale associazione sportiva un contributo di gestione pari a euro. La Giunta comunale istituisce lo Sportello Unico per le Attività Produttive telematico del Comune di San Giorgio su Legnano, così come disciplinato dal Decreto del Presidente della Repubblica n 160 del 7 settembre Premesso che con Deliberazione di Giunta comunale n 95 del 10 ottobre 2007 è stato autorizzato l affidamento a tecnico esterno dell incarico per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo di sistemazione di piazza Mazzini; ritenuto di dover procedere all approvazione del progetto di cui trattasi, dando atto che la procedura di gara ad evidenza pubblica per l affidamento dei lavori e la successiva cantierizzazione dell opera sono comunque subordinate all effettiva possibilità di erogazione dei pagamenti da parte dell Ente, nel rispetto dei vincoli di spesa imposti dal Patto di Stabilità di cui alla legge Finanziaria in vigore; la Giunta municipale approva il progetto esecutivo relativo alla riqualificazione di piazza Mazzini, dando atto che l importo complessivo di tale opera sia di euro.

9 LE DELIBERE 9 a cura di LUCA CAZZOLA Numero luglio 2011 Numero 86 3 agosto 2011 Numero 90 7 settembre 2011 Numero 91 7 settembre 2011 Numero settembre 2011 Numero settembre 2011 Numero ottobre 2011 Numero ottobre 2011 Premesso che l Amministrazione comunale è chiamata a deliberare annualmente il Piano d intervento per l attuazione del Diritto allo Studio, fissando le modalità di realizzazione dei servizi in base alle vigenti disposizioni di legge; viste le richieste degli interventi e delle attività da effettuarsi a supporto ed a integrazione delle normali attività didattiche, formulate dai Dirigenti Scolastici delle Scuole per l Infanzia, Primaria e Secondaria; la Giunta comunale approva il Piano Comunale per il Diritto allo Studio per l anno scolastico , dando atto che il quadro economico complessivo sia di euro. La Giunta municipale approva il protocollo d intesa con l Agenzia del Territorio per la prosecuzione in modalità autogestita dell attività dello sportello catastale decentrato già operativo nel Comune di San Giorgio su Legnano. La Giunta comunale concede il patrocinio all Associazione Carro di Tespi di San Giorgio su Legnano per l organizzazione di un corso gratuito di stilista teatrale che si svolgerà nel mese di ottobre 2011, dando atto che non vi sono oneri a carico del Bilancio comunale. La Giunta municipale concede il patrocinio al Circolo Socio Culturale Hobbysti di San Giorgio su Legnano per l organizzazione di una mostra di pittura e di fotografia che si svolgerà nei giorni 18 e 19 settembre 2011 nelle due sale poste al piano terreno del Palazzo comunale. La Giunta comunale approva il nuovo Regolamento comunale sull Ordinamento generale degli Uffici e dei Servizi. Premesso che nei pressi della scuola primaria non esistono esercizi commerciali di vendita, né di somministrazione di alimenti e bevande, essendo la zona esclusivamente a destinazione residenziale; visto che nelle adiacenze di tale plesso scolastico vi sono degli spazi di proprietà comunale (prospicienti via Don Sturzo) destinati a verde pubblico, frequentati perlopiù da bambini della scuola e da gruppi di giovani, su cui potrebbe essere attivato un servizio di ristoro e di somministrazione di alimenti e bevande attraverso la realizzazione di un chiosco bar; visto che l Amministrazione comunale ritiene opportuno incrementare la fruibilità degli spazi verdi mediante la presenza del suddetto chiosco bar, ed altresì attrezzando con giochi per bambini parte di detti spazi; atteso che nelle intenzioni dell Amministrazione comunale vi è inoltre la volontà di valorizzare l intera area attraverso la proposta di alcuni servizi aggiuntivi da parte dei partecipanti alla selezione pubblica quali, a titolo esemplificativo, l impianto d irrigazione dell area a verde occupata, l impianto di videosorveglianza, la realizzazione di nuove piantumazioni e/o aiuole, la realizzazione di campo/i di calcetto opportunamente recintato/i con rete di protezione per pallone, ecc.; la Giunta municipale bandisce una gara a procedura aperta per la concessione di un area pubblica finalizzata alla realizzazione e gestione di un chiosco bar per la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande situato su un area verde di via Don Sturzo, dando atto che il bando prevede, quale canone annuo di concessione posto a base di gara, l importo di euro al rialzo, e che il canone annuo per l occupazione permanente del suolo pubblico sarà determinato in base alla superficie effettivamente occupata. La Giunta comunale approva l elenco dei costi di gestione del Centro sportivo Angelo Alberti previsti per il periodo 1 settembre agosto 2012, il calendario di utilizzo della struttura e le tariffe da applicare a carico di Associazioni, gruppi sportivi o di privati che utilizzano i campi da gioco e la pista d atletica, e che vanno ad aggiornare quelle approvate con delibera di Giunta comunale n 54 del 26 maggio La Giunta municipale concede il patrocinio dell Amministrazione comunale alla manifestazione sportiva 55 International Cross Country Campaccio promossa dalla locale Unione Sportiva Sangiorgese, dando atto che non vi sono oneri a carico del Bilancio comunale.

10 10 LE DELIBERE a cura di LUCA CAZZOLA Le delibere di Consiglio comunale Numero settembre 2011 Numero settembre 2011 Numero novembre 2011 Visto il Decreto legislativo n 267 del 18 agosto 2000, avente oggetto Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali ; vista la comunicazione di dimissioni dalla carica di Consigliere comunale, presentata personalmente all ufficio ed assunta al protocollo del Comune di San Giorgio su Legnano in data 6 settembre 2011 n prot. 8738, dal Consigliere sig.ra Piera Giannetti, eletta nella lista n 2 avente contrassegno Vivere San Giorgio nelle consultazioni elettorali per l elezione diretta del Sindaco e del Consiglio comunale del 27 e 28 maggio 2007; ritenuto necessario procedere alla surroga del Consigliere dimissionario sig.ra Piera Giannetti con il primo dei candidati non eletti della lista n 2 Vivere San Giorgio ; verificati i verbali delle operazioni dell adunanza dei Presidenti delle sezioni in data 28 maggio 2007, dai quali si evince che il 1 dei non eletti della lista n 2 Vivere San Giorgio è il sig. Claudio Ruggeri; il Consiglio comunale procede alla surroga del Consigliere dimissionario sig.ra Piera Giannetti con il sig. Claudio Ruggeri, dando atto che nei suoi confronti non sussistono cause di ineleggibilità ed incompatibilità alla carica. Richiamata la delibera di Consiglio comunale n 27 del 15 giugno 2007, con la quale si nominava la Commissione comunale per la formazione e l aggiornamento degli Albi permanenti dei Giudici Popolari di Corte D Assise e di Corte d Assise d Appello; atteso che con nota del 9 maggio 2011 n protocollo 4629 si è dimessa dalla carica di Consigliere comunale la sig.ra Silvia Carugo; considerato che il Consigliere ricopriva anche la carica di membro della Commissione sopra richiamata; rilevato che pertanto si rende necessario procedere alla nomina, in seno al Consiglio comunale, di un nuovo membro della Commissione in oggetto, mediante votazione a scrutino segreto; il Consiglio comunale elegge in qualità di componente della Commissione per l aggiornamento degli elenchi dei Giudici Popolari il Consigliere comunale Luca Cazzola in sostituzione del membro dimissionario Silvia Carugo. Preso atto che con Delibera di Consiglio comunale n 19 del 27 settembre 2010 si è proceduto all approvazione dello schema di convenzione per il periodo 1 gennaio 2011 al 31 dicembre 2015 stante la scadenza del contratto Tesoreria con la Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate alla data 31 dicembre 2010; preso atto che il Responsabile del Settore Finanziario ha indetto una procedura di gara aperta mediante aggiudicazione con il metodo dell offerta economicamente più vantaggiosa; preso atto che nei termini stabiliti dalla gara non sono pervenute offerte ed a seguito dell esito della gara deserta si è proceduto ad indire procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando; preso atto che anche la procedura negoziata è andata deserta e pertanto la vigente convenzione stipulata con la Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate è stata prorogata fino al 31 dicembre 2011; preso atto che l Amministrazione comunale intende avviare una gara ad evidenza pubblica per l affidamento in concessione del servizio di Tesoreria stabilendone la durata in cinque anni con decorrenza dal 1 gennaio 2012 al 31 dicembre 2016; dato atto che il tradizionale orientamento, suffragato dalla stessa giurisprudenza, che voleva il servizio di Tesoreria, di norma, offerto agli Enti locali gratuitamente da parte degli Istituti di Credito, è in fase di superamento, causa anche la grave crisi economica in atto e la ridotta liquidità posseduta dal sistema creditizio; dato atto che la stessa crisi economica che ha creato le premesse per l esito infruttuoso delle procedure attivate per l individuazione del concessionario del servizio di Tesoreria, induce questa Amministrazione comunale a fare ogni sforzo utile a conseguire il citato servizio ancora a titolo gratuito, onde contenere, finché possibile, i costi dell Ente; il Consiglio comunale approva lo schema di convenzione per lo svolgimento del servizio Tesoreria del Comune di San Giorgio su Legnano per il periodo 1 gennaio dicembre 2016, stabilendo, tra l altro, che lo sportello Tesoreria possa essere situato anche al di fuori del territorio comunale, purché in un raggio massimo di 2 km dal municipio del Comune, ponendo un prezzo a base di gara per lo svolgimento del servizio non superiore a euro oltre l IVA.

11 DAL COMUNE 11 I Servizi On-Line della Biblioteca I CATALOGHI I frequentatori di biblioteche di vecchia data ricordano certamente che, circa quindici anni fa, le ricerche sul patrimonio delle singole biblioteche si eseguivano grazie ai cataloghi cartacei: essi si presentavano come cassettiere contenenti una grande quantità di cartoncini infilati, attraverso un piccolo foro, in una barra metallica che li manteneva nell ordine voluto. Questi cartoncini, chiamati schede catalografiche, riportavano la descrizione di ogni libro, l intestazione in base alla quale erano ordinati alfabeticamente (per autore, titolo e soggetto) e la collocazione, una sorta di indirizzo, grazie alla quale era possibile recuperare i libri sugli scaffali. Anche oggi esistono i cataloghi alfabetici per autore/titolo e per soggetto, ma non si vedono più nelle sale delle biblioteche perché tutte le informazioni riportate nelle schede catalografiche sono state trasferite negli elaboratori elettronici. Questa nuova modalità gestione dei cataloghi ha aumentato enormemente le possibilità di ricerca, non più solo per autore, titolo o soggetto, ma anche per editore, collana, anno, lingua, tipologia di materiale, target di lettura. Inoltre, sono stati creati i cataloghi collettivi, cioè l insieme dei cataloghi di molte biblioteche, integrati in un unica base di dati, grazie ai quali si sono ampliate le possibilità di reperire ciò che si desidera attraverso lo scambio di materiali che avviene con il prestito interbibliotecario. GLI OPAC Una successiva evoluzione dei cataloghi è stata quella di renderli disponibili, in qualsiasi momento, agli utenti collegati ad Internet. Oggi si parla quindi di OPAC (Online Pubblic Access Catalogue), catalogo on-line di pubblico accesso, anche se questa definizione è riduttiva e inadeguata a descrivere tutto ciò che si può fare con esso. Oltre, naturalmente, a compiere ricerche sul patrimonio documentario, il catalogo on-line consente di prenotare ciò che è di proprio interesse fra il vasto patrimonio di libri, riviste, audiolibri, cd e dvd del sistema bibliotecario e di sapere, in tempo reale, quando il materiale è arrivato nella biblioteca dove lo si vuole ritirare; infatti, grazie ad una password, si accede ad uno spazio personale dal quale è possibile consultare i propri prestiti, storici e attuali, rinnovarli tre giorni prima della scadenza, modificare i propri dati. Inoltre, l Opac offre informazioni su iniziative, corsi, nuovi arrivi delle singole biblioteche. Attraverso l Opac è possibile suggerire l acquisto di documenti che non si sono trovati nel catalogo, pubblicare recensioni su ciò che si è letto, visto, ascoltato e avviare o partecipare a discussioni su determinati argomenti, lasciando i propri commenti sul blog. FRUIZIONE DEI CONTENUTI DIGITALI Con le stesse login e password che si utilizzano per accedere allo spazio personale, rilasciate dalla biblioteca, si può entrare in MediaLibraryOnLine e fruire dei contenuti in formato digitale che, come il patrimonio tangibile delle biblioteche, si arricchiscono costantemente attraverso nuovi acquisti. MLOL consente di consultare gratuitamente quotidiani (tra cui Il Corriere della Sera, La Gazzetta dello Sport, La Repubblica e Il Sole 24 ore ) e riviste, molti in lingua straniera, offrendo l occasione per esercitarsi nello studio di altre lingue ed appropriarsi di un linguaggio concreto ed attuale. Inoltre, è possibile scaricare, o ascoltare in linea, musica, corsi, video, audiolibri. GLI E-BOOK Dal mese di settembre 2011 è anche possibile scaricare sul proprio computer, o sugli appositi dispositivi di lettura, gli e-book. Attualmente i titoli recenti a disposizione sono circa 200. Naturalmente, come per i libri cartacei da poco pubblicati, anche per la versione elettronica, le richieste sono numerose ed è spesso necessario fare una prenotazione ed attendere il proprio turno per poter effettuare il download. La durata del prestito è di 14 giorni, trascorsi i quali il file dell e-book non è più leggibile e si rende disponibile per altri utenti. Chiunque, già frequentatore della biblioteca o alla sua prima visita, voglia sperimentare queste nuove possibilità di incontro, condivisione e fruizione dei servizi bibliotecari, potrà chiedere la password necessaria e tutte le informazioni utili in biblioteca.

12 12 DAL COMUNE Profilo anagrafico di San Giorgio La presenza di cittadini stranieri nel nostro paese L Ufficio Comunale di Censimento è attualmente impegnato nella rilevazione delle famiglie e delle abitazioni. In attesa che vengano resi pubblici i risultati del 15 Censimento, si riportano le tabelle relative ai movimenti della popolazione residente a San Giorgio su Legnano a partire dall anno Nello specifico si nota una natalità piuttosto bassa e spesso inferiore alla mortalità. Si evidenzia una maggiore mobilità della popolazione con, negli anni più recenti, una tendenza all aumento dell immigrazione. Relativamente ai dati sulla composizione della popolazione, si nota che l immigrazione dall estero è in continuo aumento e, come mostra la tabella delle nazionalità presenti, anche un Comune di dimensioni ridotte come San Giorgio su Legnano vede rappresentata fra i suoi residenti un ampia gamma di nazionalità diverse. La tendenza all aumento della popolazione straniera, soprattutto proveniente dai paesi extraeuropei, appare destinata ad aumentare a seguito dei ricongiungimenti familiari e delle nascite di bambini stranieri in Italia che, come è noto, non acquistano la cittadinanza italiana per il fatto di essere nati sul territorio italiano ma quella dei genitori stranieri. MOVIMENTO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEL COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE A SAN GIORGIO SU LEGNANO AL 31/12/2011

13 DALLA SCUOLA 13 Giovani promesse a scuola e nella vita Novanta studenti premiati, quattromilacinquecento euro impegnati dall Amministrazione comunale; questi i numeri della 4 a edizione di Giovani promesse a scuola e... nella vita, appuntamento promosso dall Assessorato alla Pubblica Istruzione per l assegnazione di Borse di Studio relative all anno scolastico 2010/11, che si è tenuta sabato 4 febbraio presso l Aula Consiliare G. Bassi del Comune. L iniziativa presenta un bilancio che non può che essere positivo in quanto nell anno scolastico 2008/2009 abbiamo premiato 37 ragazzi, 75 nel 2009/2010 e 90 nel 2010/2011. I numeri di questa e delle precedenti edizioni indicano il successo di questa iniziativa, ci rendono orgogliosi dei nostri ragazzi e ci convincono che anche queste piccole iniziative contribuiscono a rafforzare l impegno dei bambini nel mondo della scuola. I riconoscimenti sono stati assegnati ai ragazzi che si sono distinti nello studio per l impegno, la serietà e gli sforzi sostenuti nel loro percorso scolastico, il quale rappresenta una tappa importante della vita che li porterà a crescere anche e soprattutto, come persone. Per questo motivo non posso dimenticarmi di sottolineare l impegno delle famiglie e degli insegnanti che hanno sostenuto con il loro ruolo educativo i nostri ragazzi. Ringrazio per aver accolto l invito e per la preziosa collaborazione durante la cerimonia di premiazione: il Dirigente Scolastico Armando De Luca, il Vicario Piera Giannetti, il Presidente del Consiglio d Istituto Maria Grazia Cavaleri e la Presidente del Comitato Genitori Angela Femminò. I premiati, ai quali vanno le congratulazioni dell Amministrazione Comunale, sono: Scuola Primaria, classe 1 a A: Giada Barzagli, Marta La Pietra, Camilla Solbiati; classe 1 a B: Elio Aliaj, Andrea Mezzenzana, Omar Reghioua, Riccardo Zambello; classe 2 a A: Alessia Napoleoni, Alessia Palumbo, Flavio Quaglia; classe 2 a B: Stiven Celaj, Martina Mezzanzanica, Edoardo Sanguedolce; classe 2 a C: Erik Condorelli, Filippo Ruggeri; Thomas Sciocco; Anna Spina; classe 3 a A: Matteo Barzagli, Lorenzo Bonza, Rossella Bruno, Fabio Finotti, Tommaso Frattini, Alessandro Mezzenzana, Silvia Scazzosi, Alessia Spinelli, Matteo Zagheno, Lorenzo Zambello, Marco Zanzottera; classe 3 a B: Eleonora Adelaide Cesena, Gjordan Elezaj; Dejo Gjetja, Leonardo Lambertini, Simone Roccasalvo, Matteo Sanguedolce; classe 3 a C: Alice Rubes, Simone Scarpino, Alessandro Di Blasi; classe 4 a A: Stanislav Aleksandrov, Beatrice Bilotta, Matteo Bruzzese, Lorenzo Palombi, Irene Santangelo, Giulio Genoni, Leonardo Re; classe 4 a B: Anna Gallipoli; classe 4 a C: Matteo Birarda, Viviana Greggio, Nicolò Solbiati; classe 5 a A: Maria Giada Di Blasi, Gloria Genoni, Francesco Pagliarin; classe 5 a B: Giulia Busi, Lucia Gallipoli, Paola Gjetja; Continua a pagina 14

14 14 DALLA SCUOLA Segue da pagina 13 classe 5 a C: Silvia Raimondi, Federico Vignoni. Scuola secondaria di primo grado, classe 1 a E: Flavio Mantegazza; classe 2 a F: Nicolò Ceriotti, Rebecca Polito; classe 3 a B: Sara Caligiuri, Davide Ielmini; classe 3 a D: Maria Chiara Gallipoli, Beatrice Slavazza; classe 3 a E: Clara Morelli, Chiara Triulzi; classe 3 a F: Jacopo Baldesi, Francesca Bonardi, Greta Colombo, 3 a : Marco Napoleoni. Scuola secondaria di secondo grado, classi prime: Maria Andrisani, Fabiana Bruzzese, Arianna Ciotti, Ivan D amico, Filippo Fornara, Micol Girone, Marta Andrea Massagrandi, Luca Morelli, Martina Ruggeri, Elisa Tognin; classi seconde: Ilenia Maria Clasadonte, Nicole Ilaria Fargnoli, Raimondo Pariani, Sofia Victoria Ricci; classi terze: Ivan Aleksandrov, Sara Gioletta; classi quarte: Luca Castellanza, Riccardo Pizzetti, Martina Sacchi. Maturità: Simone Lenna e Beatrice Morlacchi. L ASSESSORE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE, SPORT E TEMPO LIBERO ADRIANO SOLBIATI Il costo delle scuole di San Giorgio /2012 Il Comune di San Giorgio su Legnano, con Delibera di Giunta comunale n 84 del 27 luglio 2011, ha approvato il Piano Comunale per il Diritto allo Studio destinando alle scuole del nostro paese euro. La percentuale di copertura è la frazione dei costi coperti con le entrate (ad esempio, per la refezione scolastica, i buoni mensa): il resto del costo del servizio è a carico del Comune, che compensa la spesa con altre entrate. In dettaglio: Entrate (euro) Uscite (euro) % di Copertura REFEZIONE SCOLASTICA % SCUOLA MATERNA Contributi Rette Totale Scuola Materna SCUOLA ELEMENTARE Progetti/Materiale di consumo Contributi per libri di testo Totale Scuola Elementare SCUOLA MEDIA Progetti/Materiale di consumo Totale Scuola Media ALTRI INTERVENTI Assistenza handicap Pre - post scuola % Assegni di studio Totale Altri interventi % TOTALE GENERALE % LUCA CAZZOLA

15 PERSONAGGI 15 UGO COLOMBO: un campione che ha portato la sua San Giorgio su Legnano lungo le strade del mondo Ugo Colombo nasce a San Giorgio su Legnano il 22 febbraio del Come molti ragazzi della sua generazione inizia giovanissimo a lavorare e sogna di poter emulare le gesta del campionissimo Fausto Coppi. Lavora come panettiere, prima a Busto Arsizio e poi a San Giorgio, un lavoro duro ma che gli piace molto anche perché gli consente, tramite le consegne del pane a domicilio, di pedalare e plasmare il suo corpo per la disciplina sportiva che più ama. La sua prima vera bicicletta - da semicorsa - è una Legnano. Il suo esordio sportivo, sulle due ruote, avviene a 16 anni ad Abbiategrasso. Ugo si reca alla partenza della corsa direttamente con la sua bici e torna a casa ancora pedalando... Firma personalmente il suo primo cartellino (è ancora minorenne) perché teme che la famiglia non approvi la scelta. Il suo esordio è con U.S.C. Villacortese, successivamente passa alla S.C. Rescaldinese e termina la carriera tra le giovanili nelle file del V.C. Cuggiono. Nelle categorie minori vince circa 25 corse e ottiene tantissimi piazzamenti. Passa professionista nel 1964 con la Springoil Fuchs, unico lombardo inserito in una squadra toscana composta di soli atleti toscani. Ugo Colombo esordisce nel professionismo al fianco di campioni del calibro di Gastone Nencini, Guido Carlesi e Franco Bitossi. L anno successivo il gruppo di atleti della Springoil Fuchs passa in massa al Filotex. Ugo da quel giorno diviene l uomo Filotex per eccellenza, infatti rimane fedele a quella società per tutta la sua lunga carriera che termina nel Tecnici e giornalisti del settore l hanno sempre definito come un atleta di grande modestia, grandi potenzialità, notevole forza fisica e rara intelligenza tattica. I suoi dati atletici: altezza mt. 1,75, peso forma kg. 71, pulsazioni cardiache/minuto a riposo 42 (dato variabile in base alle condizioni atletiche), capacità polmonare di 6,2 litri (dato variabile secondo la condizione atletica). Questi doti gli consentivano di essere un ottimo passista scalatore con grandi capacità tattiche e di resistenza, caratteristiche che lo rendevano molto regolare e idoneo soprattutto alle corse a tappe. In carriera ha percorso circa chilometri in bicicletta e ha portato la sua San Giorgio lungo le strade di mezzo mondo. Da professionista ha avuto uno splendido palmares, nonostante avesse una volata un poco spuntata e per carattere non abbia mai privilegiato il risultato personale preferendo sempre quello di squadra. Per questa sua caratteristica fu definito dai giornalisti più quotati dell epoca con moltissimi appellativi perché sfuggiva a qualsiasi stereotipo: il campione dei gregari, il gregario d oro, il principe dei gregari, il gregario di lusso, il regista, il luogotenente, il coordinatore, l uomo di fiducia... Il primo risultato personale importante che ottenne da professionista fu il secondo posto sulla cima Coppi Continua a pagina 16

16 16 PERSONAGGI Segue da pagina 15 (Stelvio) durante il Giro d Italia del In quella tappa, più che battuto da Graziano Battistini, fu battuto da una slavina che invase la strada a pochi metri dal traguardo e gli impedì così una vittoria quasi certa (ciclismo epico). Nella sua lunga carriera professionistica Ugo Colombo ha collezionato dodici importantissime vittorie individuali e quattro campionati italiani per società, oltre a una trentina di secondi e terzi posti. Ha vestito le maglie più prestigiose a cui può aspirare un ciclista: più volte la maglia rosa del giro d Italia, quella biancoverde del Giro di Catalunya, quella verde del giro della Svizzera Romanda. Ha partecipato a 11 Giri d Italia e tre Tour de France. Ha difeso i colori italiani per due volte al Tour con la maglia tricolore della nazionale e ha ottenuto tre convocazioni azzurre per i campionati mondiali su strada. Ha riportato grandissimi risultati nelle corse a tappe più importanti del mondo, vincendo anche diverse tappe: tre al Giro d Italia, una al Giro della Catalunya, una al Giro della Svizzera, una al Giro della Svizzera Romanda. Inoltre si è classificato quinto assoluto al Giro d Italia del 1969, terzo a quello del 1971, decimo al Tour de France del 1968, terzo al giro della Svizzera del In carriera ha ottenuto questi grandissimi risultati correndo a fianco dei mostri sacri del ciclismo mondiale quali: Anquetil, Van Looy, Poulidor, Merckx, Janssen, Ocàna, De Vlaminck, Fuente, Jménez, Altig, Simpson... oltre naturalmente a tutti i grandi campioni italiani dell epoca: Nencini, Baldini, Adorni, Motta, Zilioli, Gimondi, Bitossi, Moser... Ha terminato la sua carriera come direttore sportivo, prima (nel 1975) alla Real Locatelli di Bergamo, poi (nel 1976) alla Pozzi di Birone, dove lanciò Giuseppe Saronni. Con il lancio di Saronni Colombo ebbe il grande merito di rilanciare il ciclismo italiano che si trovava in difficoltà per mancanza di dualismi. Il passaggio al professionismo di Saronni diede vita ad una forte rivalità sportiva (decennale) con Francesco Moser, questa competizione rinverdì tutto il nostro ciclismo. Se pensiamo che Saronni fu lanciato da Colombo e che Moser fu svezzato proprio da Ugo nei suoi primi anni da professionista alla Filotex; anche da questo possiamo comprendere l importanza del suo lavoro. Ugo Colombo venne anche eletto all ACCPI (associazione di categoria dei ciclisti professionisti) come vice di Fiorenzo Magni e in seguito fu insignito di un importante riconoscimento alla carriera com è la borraccia d oro. Nel 1977, senza suonar né trombe né campane, decise di tornare a fare il panettiere come aveva già fatto da ragazzo. Si trasferì a Pontremoli (città del premio Bancarella) dove ancora oggi vive, in piena serenità, circondato dall amore di sua moglie, dei suoi due figli e dall allegra compagnia di cinque splendidi nipoti. Dell atleta, e dell uomo Ugo Colombo, hanno scritto cose bellissime le più illustri firme delle testate nazionali e straniere; in questo breve articolo ne riporto solo una, quella dell ex direttore di Tuttosport Gian Paolo Ormezzano, proprio perché sono convinto che, per intensità e chiarezza, possa sintetizzarle tutte. Se penso a Ugo Colombo, penso ad uno di quei perfettissimi ragazzi che andrebbero bene per un manifesto di vita giusta, di vita sana. Persino la faccia ha, Colombo, perfetta, da buono e da saggio. Il complimento migliore che posso fargli mi sembra questo: vedendolo, pensandolo, lo sistemo facilmente ad un posto buono, anzi ottimo, in qualsiasi settore della vita. Conosciutolo come lavoratore del pedale, lo ritengo trasportabile con successo dovunque. Dovunque capace di fare bene qualsiasi cosa onesta, così penso Ugo Colombo. Il quale è campione di molte cose, di saggezza e coraggio e disciplina e modestia: è anche un campione di ciclismo, ma mi pare che questo sia il meno. Gian Paolo Ormezzano Ugo Colombo, con i suoi comportamenti sportivi e umani, ha saputo portare (e onorare) la sua San Giorgio su Legnano nel mondo. RENZO ZANNARDI

17 PERSONAGGI 17 L intraprendente impegno della signorina Travaini Già figurava nella lista dei candidati per la pagina del giornalino, ma la sua recente scomparsa avvenuta il 13 febbraio scorso, quasi impone di darle la precedenza all attenzione dei concittadini. La signorina Maria, una dei sette figli di casa Travaini, nasce il 2 settembre 1919; cresce e non si sposta mai da via Manzoni 14, vivendo simbolicamente all ombra del campanile. Dapprima, negli anni della sua fanciullezza, è il campanile della vecchia chiesa parrocchiale sita in piazza Mazzini (poi sconsacrata e abbattuta nel 1974) ad essere il suo faro; successivamente è l attuale ad attrarla. E proprio per l erigenda parrocchiale, in quei primi anni 30 del secolo scorso, la giovane Maria non ha mai lesinato il suo impegno e non ha risparmiato energie per quella nobile causa come qualcuno ancora oggi ricorda. Infatti è risaputo che passava di casa in casa chiedendo la disponibilità alla gente di dare un offerta. Anche di fronte a qualcuno che brontolava non si dava per vinta e continuava a interpellare. Questa è un po una sua caratteristica, giacché è stata la persona solerte che durante la Messa passava col cestino per la raccolta dell obolo. Non solo: quando vigeva l uso a Natale e a Pasqua di raccogliere nelle famiglie la busta con il contributo per la parrocchia e di portare nelle singole case l ulivo benedetto, la signorina Travaini era sempre in testa per questa opera. Ha lavorato nella ditta Agosti di Legnano e nella tessitura Nosate con intraprendenza e interesse per ciò che faceva. Anche l aiuto verso la sua chiesa è stato preponderante e non solo materialmente. Non mancandole fervore, coerenza cristiana e amore per il Signore, la si trovava più volte al giorno in chiesa per una preziosa preghiera di adorazione e di intercessione per tutti i bisogni della comunità. Da sola o, il più delle volte, in gruppo con tante altre sue amiche timorate di Dio e collaboratrici vere, sincere e fedeli di monsignor Ermolli. Donna estroversa, propensa alla parola, esuberante e, per certi versi bizzarra, con qualche segno di estrosità, che la rendeva incline a comunicare con chiunque o a guardare qualcosa o qualcuno con stupore estasiato: questa era la Maria più autentica. Nel 2005 la sua vivacità e le sue forze iniziano a declinare, per cui è stato necessario il ricovero nella casa di riposo di Mesero. Pur nella confusione della malattia che le offuscava la memoria cancellando man mano spazio e tempo, aveva bene PAOLO VIGNATI in mente la sua San Giorgio e la sua parrocchia. La cognata ricorda con un sorriso che, dopo averle fatto visita, al momento del congedo spesso usciva con l espressione: Salutatemi il don Ermolli, ah, che prete!. Negli ultimi mesi chi andava a trovarla a Mesero dice che si era chiusa in un cupo mutismo ed era sempre più immobile, debilitata e sofferente. Durante le esequie della Maria, il 15 febbraio, il parroco don Luciano ha voluto ricordarla con la parabola biblica della donna virtuosa e, tratteggiando la sua personalità attraverso le righe del bollettino parrocchiale, ha sottolineato una significativa frase: Con lei è scomparsa un altra parte della migliore San Giorgio antica. Tuttavia non l abbiamo persa ma siamo certi che intercede per il suo amato paese e per la sua amatissima parrocchia. MARIA ASSUNTA VIGNATI È morto il nostro concittadino Paolo Vignati. Le condoglianze più sentite ai figli del signor Paolo Vignati, deceduto a 96 anni dopo una breve malattia. La sua storia è stata pubblicata in passato sul nostro periodico. Mutilato sul fronte greco-albanese nel 1941, ogni anno partecipò al corteo del 4 novembre in ricordo di quanti durante la guerra non sono tornati. Fu presidente della Sezione Mutilati e Invalidi di Legnano; il 27 dicembre 2011 è stato insignito dell onorificenza di Cavaliere dell Ordine al merito della Repubblica Italiana. Durante i funerali, il sacerdote ha ricordato i valori in cui il signor Paolo credeva. Nonostante abbia conosciuto la sofferenza in giovane età, il signor Vignati non cessò mai di avere uno spiccato senso dell umorismo che lo rendeva una persona ottimista e rassicurante. I rappresentanti dei mutilati e invalidi erano presenti alle esequie e dopo il suono del silenzio fuori ordinanza hanno letto la loro preghiera, che suscita riflessione per tutti noi: Signore ti preghiamo fa che nessuno dimentichi il nostro sacrificio, di amore e di dedizione alla Patria, monito operante per l eliminazione delle guerre, auspicio per pacifiche relazioni tra i popoli... Rafforza la coscienza civile e democratica degli italiani al fine di operare sempre per la cooperazione, la distensione internazionale e la difesa della pace.. MARIALUISA ROSI

18 18 LA NOSTRA COMUNITÀ L antica statua dell Addolorata è di nuovo tra noi Per alcuni mesi la statua dell Addolorata, solitamente posta nell altare di sinistra della nostra chiesa, è stata in restauro. Un restauro complicato dalle precarie condizioni in cui l aveva ridotta il piccolo tarlo che ha lavorato adagio adagio, ma ha fatto danni scavando gallerie e rendendo il legno bucherellato come una spugna, friabile e sbriciolabile. Per fortuna è stata danneggiata solo la parte inferiore, mentre il busto, le mani e il viso, così espressivo e composto nel dolore, sono rimasti intatti. Per il 15 di settembre, solennità dell Addolorata, la statua è tornata a casa. Quante persone hanno pregato davanti a questo simulacro? Immagini della Madonna Addolorata di Santa Maria Beltrade A sinistra, il signor Luigi Ruggeri al lavoro nel suo laboratorio per l impegnativo restauro, e a destra il risultato finale della statua pienamente recuperata nella sua bellezza San Giorgio su Legnano Periodico di vita cittadina Registrazione n. 782 del 20/11/1987 Tribunale di Milano Direttore responsabile dott. Marzio Colombo Comitato di redazione Silvia Carugo, Margherita Castoldi, Luca Cazzola, Antonio Colombo, Alessandro Roberto Crippa, Gianfranco Fiore, Roberta Mezzenzana, Marialuisa Rosi Consulenza, grafica, impaginazione e stampa SO.G.EDI. srl - Via Seneca Busto Arsizio (Va) Telefono Fax Il giornale è distribuito gratuitamente a tutte le famiglie di San Giorgio su Legnano

19 LA NOSTRA COMUNITÀ 19 Quante preghiere, richieste di grazie, quanto bisogno di conforto nella malattia o nello spirito abbiamo deposto ai suoi piedi chiedendo aiuto? E prima di noi? Preghiere che hanno scavalcato i secoli. Sì, perché la statua è molto antica. La sua storia interessante e finora racchiusa nell Archivio Parrocchiale sarà resa nota a tutti. È intenzione del Parroco pubblicare per il mese di maggio un libretto che merita di essere largamente diffuso tra noi sangiorgesi che, grazie al lavoro dei fratelli Angelo e Luigi Ruggeri e della pittrice Maria Grazia Brunini potremo ancora ammirare a lungo e venerare la statua che è già stata nei cuori dei nostri padri, nonni e bisnonni. GIUSEPPE QUAGLIA GHE NIENT BUN PER I OEUG Così diceva la mia mamma, ma a San Giorgio, il signor Rino Pastori, esperto di dialetto, mi ha detto che si direbbe: Ghe nien da bun par i oeugi, comunque sia non c è proverbio più vero e me ne rendo conto adesso che di problemi agli occhi ne ho più di uno. Volentieri perciò ho letto il libro che i fratelli Zanardi, con Stefano Panzeri, hanno scritto in merito all importanza della corretta postura del corpo che è strettamente correlata all esatta visione, ad un buon equilibrio e a un benessere psicofisico. Il libro, di piacevole lettura, nasce da un esatta e precisa valutazione dei clienti, o per meglio dire in questo caso dei pazienti. Per me che sono stata insegnante è stato interessante leggere il capitolo sulla corretta impostazione della mano al momento di insegnare al bambino come impugnare la matita o la biro. È un aspetto che spesso viene trascurato; infatti da una ricerca risulta che oggi solo il 10% dei bambini impugna in modo esatto. Ne consegue per gli altri una maggiore propensione ad utilizzare un errata postura scheletrica e una visione distorta, con conseguente messaggio sviato al cervello. Altri capitoli del libro ci mostrano aspetti che normalmente sottovalutiamo e che è bene invece conoscere. Il libro è intitolato giustamente: Dal benessere visivo al benessere globale Gli autori: Renzo Zannardi, Graziano Zanardi, Sergio Panzeri. Ed. MARNA. Raccolta di occhiali usati Madonna Addolorata e Cristo deposto nella chiesa di Santa Maria Beltrade di Milano Colgo l occasione per segnalare un iniziativa importante che non costa nulla, ma che fa molto bene. Nell ambito delle numerose attività del Lions 108, della nostra zona, in favore dei ciechi e degli ipovedenti, vengono raccolti vecchi occhiali, singole lenti e montature da inviare in Africa (Benin) e in India (Orissa). Il punto di raccolta per il nostro paese è il negozio MIMOSKA in piazza 4 novembre. Prima di buttare gli occhiali vecchi, da vista o da sole, o lasciarli giacere in fondo ad un cassetto, ricordiamoci perciò che potrebbero essere utili a qualcuno che ne ha bisogno. MARIALUISA ROSI

20 20 LE ASSOCIAZIONI SANGIORGESI Due riflessioni per le future amministrative Siamo ormai prossimi alle elezioni amministrative che si terranno, probabilmente, nella primavera del 2012 ed a questo riguardo permetteteci due riflessioni: COSA RICORDEREMO: sono passati ormai 5 anni dalle ultime elezioni che hanno visto prevalere la Lega Nord Padania e che quindi ha continuato a governare San Giorgio, in quanto anche nelle Amministrative svolte nel 2003, la stessa forza politica aveva vinto. Che dire di questi 5 anni amministrati dalla giunta Leghista? Noi crediamo che essi saranno ricordati dai sangiorgesi quasi unicamente per lo stravolgimento della viabilità del Paese, decisione che ha sollevato un mare di polemiche e molte proteste. In un editoriale scritto dal sindaco Colombo Marzio ed apparso sul giornalino comunale nel marzo 2008 si poteva leggere: Le vie Cesare Battisti e Milano sono senza dubbio quelle di maggior traffico e nelle ore di punta vi si formano code di veicoli in corrispondenza dei due semafori, specialmente quello all incrocio con le vie Legnano e XX Settembre. Inoltre nelle ore serali la velocità consentita è spesso largamente superata dai veicoli in transito. Tutto ciò rende improrogabile un intervento che, almeno in parte, risolva le problematiche sopra descritte. Detto-fatto: con i soldi dei cittadini sangiorgesi la giunta ha inventato il senso unico di marcia in via Battisti verso Canegrate ed in via Pasubio verso Legnano facendo infuriare gli abitanti di quelle zone, che si sono addirittura rivolti al TAR Regionale. Questo dopo che già nella precedente Amministrazione, sempre la stessa giunta Leghista, aveva approvato un progetto di sistemazione delle vie Roma, Mella e Manzoni, senza sentire il parere della cittadinanza interessata, con l introduzione di un carosello di cervellotici sensi unici, che oltre a far arrabbiare i cittadini avevano fatto anche infuriare i commercianti, che si sono sentiti presi in giro, perché il nostro caro Sindaco, dopo aver deciso il tutto e aver già assegnato gli appalti, ha chiesto ai commercianti stessi che cosa ne pensassero, ben sapendo che loro gli avevano chiesto un certo periodo di tempo per la sperimentazione di questi sensi unici, prima della relativa introduzione. Invece la giunta è partita con il progetto senza ascoltare nessuno. Ma la cosa più preoccupante è che ad una precisa domanda posta durante un Consiglio comunale aperto, vi è stata la solita totale indifferenza ed insofferenza da parte del Sindaco che ha così risposto: se i lavori fatti dalla mia giunta non dovessero andare bene, la prossima giunta potrà sempre rifarli e cambiare il tutto. Ecco noi delle Acli riteniamo che gli aggettivi che meglio contraddistinguono questa giunta nei confronti dei sangiorgesi siano stati: indifferenza ed insofferenza. Indifferenza ed insofferenza verso per esempio le categorie sociali più deboli, verso per esempio i reali problemi dei cittadini, verso per esempio i problemi di migrazione di cittadini extra-europei che ormai è un dato di fatto anche a San Giorgio. LA LIBERTÀ È PARTECIPAZIO- NE : un cittadino quando va a votare per il proprio Comune come si comporta? Molti scelgono un simbolo che da sempre votano a livello Nazionale, altri sentono il parere di qualche amico, altri ancora votano un conoscente presente in una delle liste oppure si discute nei vari punti di ritrovo (bar, parrucchiere, ecc.) come comportarsi. Ma il punto è un altro: quante volte ognuno di noi ha partecipato ai Consigli comunali o ai dibattiti che in questi anni ci sono stati? È vero, molte volte sono noiosi e frustranti per il pubblico che non può intervenire ma, purtroppo, è l unico modo per essere informati su come chi ci amministra gestisce la Comunità. Quanti di noi hanno letto i programmi elettorali delle varie liste e poi verificato se la lista vincitrice alla scadenza del mandato ha mantenute le varie promesse fatte e in che modo le ha realizzate? Un aspetto che ci ha molto colpito è stata la totale mancanza di partecipazione da parte della cittadinanza al P.G.T. (Piano di Governo del Territorio), lo strumento che manda in soffitta il vecchio P.R.G. e che per i prossimi 10 anni ha deciso il nuovo aspetto del nostro territorio (l edilizia privata, il verde pubblico, le piste ciclabili, le aree commerciali, industriali ed agricole, ecc.). Alle 5 riunioni aperte al pubblico, oltre ai soliti partecipanti, esigui anche questi, solo una manciata di cittadini era presente. Eppure erano momenti importanti per ascoltare, discutere e fare proposte, non solo personali, ma di interesse comunitario (ved. la nostra proposta fatta come Acli e pubblicata sul periodico comunale N. 7 del marzo 2010). La partecipazione ai momenti pubblici è anche importante per vedere i comportamenti di chi è stato votato. Sapete quante volte nei vari Consigli comunali i consiglieri della Lega Nord (esclusi il capogruppo e gli assessori ovviamente) sono intervenuti per chiedere chiarimenti o rispondere alle osservazioni dell opposizione? Neanche una volta! Il loro massimo impegno è sempre stato solo quello di alzare la mano per votare!!! Forse ha ragione l ex-ministro Maroni quando dice che la Lega Nord è un Partito Leninista di centralismo democratico: uno comanda e gli altri ubbidiscono, altrimenti sei fuori. Giorgio Gaber, nel lontano 1973, cantava: La libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un gabbiano, la libertà è partecipazione. Facciamo nostre queste parole. A concludere, ci rivolgiamo ai sangiorgesi innanzitutto invitandoli ad andare a votare. Non farlo significa delegare gli altri ad essere rappresentati. Esercitare invece il diritto di voto significa essere protagonisti nelle scelte di chi ci governerà per i prossimi 5 anni. Ovviamente poi essendo il nostro un Circolo di ispirazione cristiana, invitiamo a leggere i vari programmi elettorali e dare la preferenza a chi, tra le forze politiche che si candideranno, esprimerà nel suo programma l attenzione alla dimensione sociale e politica della vita cristiana, senza però dimenticare che l individuazione dei valori e l impegno per le condizioni che la rendono possibile è una questione che riguarda anche le persone di un altro credo religioso. PER IL CIRCOLO ACLI DON PIETRO ERMOLLI, EUGENIO COLOMBO E LUIGI TOIA

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi di Spinea. Le

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI)

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI) COMUNE DI VALERA FRATTA PROVINCIA DI LODI P.zza Vittoria, 6 Tel. 0371.99000 Fax 0371.99348 c.a.p. 26859 E-mail: comunevalerafratta@virgilio.it RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO

REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO 44 REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 16/45374 NELLA SEDUTA DEL 03.02.1994, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 1/I67997 DEL 14/01/2003 E N. 166/I0064555

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R.

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei Ragazzi e delle Ragazze di Martellago.

Dettagli

Iscrizioni al servizio: comunicazione ammissioni e formazione della lista di attesa. Iscrizioni entro il mese di aprile di ogni anno

Iscrizioni al servizio: comunicazione ammissioni e formazione della lista di attesa. Iscrizioni entro il mese di aprile di ogni anno Unità Organizzativa Responsabile: Servizio Politiche Attive per la Collettività Responsabile: Dott. Valter Gianneschi Telefono: 014 609.447 448 450 e mail: servizi.sociali@comune.serravalle-scrivia.al.it

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 36 POSTI NEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (12 36 mesi) ANNO 2014/2015 IL RESPONSABILE DEL SETTORE I^ PREMESSO che: - con Legge Regionale 22 novembre 2013, n. 67

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. N. 007 del 27.01.2011

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. N. 007 del 27.01.2011 Settore 1 Servizi al Cittadino ed Affari Generali Ufficio Segreteria DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 007 del 27.01.2011 Oggetto: Regolamento per l istituzione ed il funzionamento delle consulte dell

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB S T A T U T O Articolo 1 - Denominazione e sede E costituita in Azzano San Paolo (Bg), Via I Maggio n.15, l associazione sportiva denominata: ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB. Articolo

Dettagli

LE TEMPISTICHE DEL PROGETTO

LE TEMPISTICHE DEL PROGETTO Il progetto BiciScuola, l iniziativa correlata al Giro d Italia è rivolta in esclusiva alle scuole Primarie di tutta Italia. Il progetto, giunto alla quindicesima edizione, promosso da RCS Sport-La Gazzetta

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica Sansone Oratorio

Associazione Sportiva Dilettantistica Sansone Oratorio Associazione Sportiva Dilettantistica Sansone Oratorio Statuto Societario Articolo 1 L associazione Esiste (con atto costitutivo del 7 febbraio 2011), all interno della Parrocchia di Santo Stefano in Villasola

Dettagli

REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE DI CESENA SETTORE CULTURA E PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCUOLE E NIDI D INFANZIA REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 10/2004 E MODIFICATO CON DELIBERE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici

AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici SETTORE URBANISTICA AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici Premesso: - che è intendimento del comune di Francofonte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A Adunanza Ordinaria in prima convocazione. Seduta pubblica DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 78 DEL 29/09/2009 OGGETTO: VARIANTE AL PIANO

Dettagli

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Introduzione Gruppo di Lavoro Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Il terzo incontro, a cui erano presenti 12 partecipanti,

Dettagli

Il Bilancio Comunale. Uno strumento di gestione della Casa di tutti : un esigenza di trasparenza e un opportunità di partecipazione concreta

Il Bilancio Comunale. Uno strumento di gestione della Casa di tutti : un esigenza di trasparenza e un opportunità di partecipazione concreta Il Bilancio Comunale Uno strumento di gestione della Casa di tutti : un esigenza di trasparenza e un opportunità di partecipazione concreta Cos è il bilancio comunale? Il Bilancio Comunale è un documento

Dettagli

MISURE A FAVORE DEL DIRITTO ALLO STUDIO

MISURE A FAVORE DEL DIRITTO ALLO STUDIO MISURE A FAVORE DEL DIRITTO ALLO STUDIO PIANO SCUOLA A.S. 2012/2013 Premessa In continuità con gli anni precedenti, anche per l anno scolastico 2012/2013, la nostra Amministrazione Comunale, pur con le

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 52 OGGETTO: REGIONE PIEMONTE BANDO TRIENNALE 2015-16-17 EDILIZIA SCOLASTICA MUTUI. SCUOLE: RIMOZIONE AMIANTO

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO C O P I A DELIBERAZIONE N. 46 DEL 10/07/2014 Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: MODIFICA GRADO DI PROTEZIONE PER APPLICAZIONE "PIANO CASA" AD EDIFICIO COMPRESO NEL CENTRO STORICO DEL CAPOLUOGO.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 29 Reg. Verbali COMUNE DI CASTELLO DELL ACQUA PROVINCIA DI SONDRIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELL'IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA - ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.)

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei ragazzi e delle ragazze di Martellago.

Dettagli

Associazione di Volontariato ARCI 690.

Associazione di Volontariato ARCI 690. STATUTO Art 1 E costituita con sede in Cascina, presso i locali della Pubblica Assistenza, Via Comaschi, 46 un Associazione di Volontariato che assume la denominazione di Associazione di Volontariato ARCI

Dettagli

CITTA DI GIAVENO Provincia di Torino

CITTA DI GIAVENO Provincia di Torino CITTA DI GIAVE Provincia di Torino CRITERI APPLICATIVI DELLE DISPOZIONI LEGISLATIVE VIGENTI PER L ASSEGNAZIONE FONDI PER RISTRUTTURAZIONI E MANUTENZIONI AD EDIFICI DI CULTO (L. 07.03.1989 n 15 e s.m.i.)

Dettagli

Progetto di riqualificazione energetica immobili pubblici attraverso il contratto Rendimento energetico Il caso di Busseto

Progetto di riqualificazione energetica immobili pubblici attraverso il contratto Rendimento energetico Il caso di Busseto Progetto di riqualificazione energetica immobili pubblici attraverso il contratto Rendimento energetico Il caso di Busseto Chi siamo CHIOMA Greenvolts è un network di professionisti che si occupa di progettazione

Dettagli

STATUTO IL NIDO Associazione Mamme-Bimbi e Scuola di Genitori Associato all ARCI NATURA FED: NAZIONALE. Art. 1 Costituzione e sede

STATUTO IL NIDO Associazione Mamme-Bimbi e Scuola di Genitori Associato all ARCI NATURA FED: NAZIONALE. Art. 1 Costituzione e sede STATUTO IL NIDO Associazione Mamme-Bimbi e Scuola di Genitori Associato all ARCI NATURA FED: NAZIONALE Art. 1 Costituzione e sede a) A norma dell Art.18 della Costituzione Italiana e degli artt. 36-37-38

Dettagli

CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia

CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia Deliberazione della Giunta Comunale Seduta n.77 del 28.11.2011 n 345 OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANFREDONIA E LE SCUOLE PRIVATE PARITARIE SENZA FINE

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

COMUNE DI ARGEGNO. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ARGEGNO. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ARGEGNO Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 Reg. Delib. COPIA OGGETTO: Determinazione aliquote e detrazioni componente TASI (Tributo Servizi Indivisibili) Anno

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

Istituto Scolastico MICHELANGELO BUONARROTI Ponte A Egola - San Miniato www.istitutocomprensivobuonarroti.it

Istituto Scolastico MICHELANGELO BUONARROTI Ponte A Egola - San Miniato www.istitutocomprensivobuonarroti.it Istituto Scolastico MICHELANGELO BUONARROTI Ponte A Egola - San Miniato www.istitutocomprensivobuonarroti.it SCUOLA dell INFANZIA 2016 2017 L ISTITUTO COMPRENSIVO è un Istituto Scolastico che raggruppa

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Articolo 1 - Costituzione E costituita l associazione Genitori del 2 Circo lo. Essa ha struttura democratica ed è indipendente da

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 03405/007 Area Servizi Educativi Servizio Acquisto Beni e Servizi GP 3 CITTÀ DI TORINO

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 03405/007 Area Servizi Educativi Servizio Acquisto Beni e Servizi GP 3 CITTÀ DI TORINO Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 03405/007 Area Servizi Educativi Servizio Acquisto Beni e Servizi GP 3 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 4 agosto 2015 Convocata la Giunta

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA 1 STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 La Federconsumatori di Pavia ha sede a Pavia in via G.Cavallini 9 Art. 2 La Federconsumatori di Pavia è una Associazione senza fini

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 62 30 marzo 2015 Immediatamente Eseguibile

NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 62 30 marzo 2015 Immediatamente Eseguibile Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 62 30 marzo 2015 Immediatamente Eseguibile Oggetto : Scuola secondaria di 1 grado "G. Vida". Intervento di messa in

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT COMUNE di BRUGHERIO Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 04/02/2005 Modificato con Deliberazione

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano)

COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) COMUNE DI TERRALBA delibera di giunta n. 105 del 20.07.2010 pag 1 / 8 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Verbale di deliberazione della Giunta Comunale. N. 105 Data: 20.07.2010 Oggetto: Realizzazione

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA CARTA

DESCRIZIONE DELLA CARTA PRESENTAZIONE Il Comune di Pisa, da sempre protagonista attivo del processo di riforma e di innovazione tecnologica della pubblica amministrazione, offre oggi ai propri cittadini un nuovo strumento per

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con delibera del CdZ4 N.127 del 09/05/2013 Parte prima PRINCIPI GENERALI Art. 1 PREMESSA Il presente regolamento definisce le finalità,

Dettagli

CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO

CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO PUBBLICAZIONE Copia per albo pretorio on line CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 49 Registro deliberazioni N di Prot. Il giorno 18 Marzo 2014 alle ore 11:00, nella

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 49 OGGETTO: REGIONE PIEMONTE BANDO 2015 EDILIZIA SCOLASTICA MUTUI SCUOLE: RIMOZIONE AMIANTO SCUOLE SCUOLA

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI REGOLAMENTO COMUNALE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO E DELLA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI. ART. 1 FINALITA 1. Ai sensi

Dettagli

MIUR ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE. CONSERVATORIO DI MUSICA GIOVANNI PIERLUIGI DA PALESTRINA Piazza E. Porrino, 1 CAGLIARI

MIUR ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE. CONSERVATORIO DI MUSICA GIOVANNI PIERLUIGI DA PALESTRINA Piazza E. Porrino, 1 CAGLIARI MIUR ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA GIOVANNI PIERLUIGI DA PALESTRINA Piazza E. Porrino, 1 CAGLIARI REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA Parere del Consiglio Accademico del 23/05/2011

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA DI Carbonia Iglesias REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del Presidente, Matteo

Dettagli

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo... Le associazioni di promozione sociale ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...29 Procedura per l iscrizione...31

Dettagli

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Polverara Provincia di Padova Consiglio Comunale dei Ragazzi Premessa La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (28.11.89) ratificata a tutt'oggi da ben 191 paesi, racchiude

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

1. INTERVENTI ECONOMICI

1. INTERVENTI ECONOMICI PIANO DEGLI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE FAMILIARI DEL COMUNE DI TIONE DI TRENTO PER L ANNO 2016 PREMESSA La Provincia Autonoma di Trento ha approvato in data 10 luglio 2009 il Libro Bianco sulle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015

RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 13/09/2015 Gazzetta del Sud (ed. Catanzaro) Pagina 43 Dopo sedici anni di stop

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena

COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena SCUOLA PRIMARIA in via aldo moro a poggibonsi DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE RUP: Arch. Adriano Bartoli 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale ATTO N. 4 del 07/04/2014 Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: DIMISSIONI DALLA CARICA DELLA CONSIGLIERA COMUNALE SIMONA COSSU - SURROGA La seduta ha luogo nell' anno 2014 il giorno 07 del mese

Dettagli

COMUNE di FIESSE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE di FIESSE PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA ART. 1 - COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale R. Remondi di Fiesse è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità

Dettagli

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Comune di Deruta, Piazza dei Consoli, n. 15, fax 075/9728639 ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Sono di seguito indicati, in riferimento alle quattro aree funzionali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CALOLZIOCORTE Provincia di Lecco Codice Ente 10046 N.65 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Registro Deliberazioni OGGETTO: CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI

Dettagli

Viaggiare, fotografare, guadagnare

Viaggiare, fotografare, guadagnare Paolo Gallo Viaggiare, fotografare, guadagnare Crea il tuo secondo stipendio con il Microstock Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI 1 TITOLO I 3 Disposizioni Generali 3 Art. 1 3 Finalità 3 Art. 2 3 Obiettivi 3 Art. 3 3 Funzionamento del Regolamento del C.C.R. 3 TITOLO II 4 Il Consiglio

Dettagli

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE SCHEDA RELAZIONE ATTIVITÁ SVOLTE DALLE COMMISSIONI GRUPPI DI LAVORO (art. 37 CCNI 31/8/99) DOCENTE: BECCARI SARA Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE Finalità

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 5 Adunanza 3 febbraio 2009 OGGETTO: I.I.S. CURIE, GRUGLIASCO (TO) SEZIONE STACCATA DI COL- LEGNO. RISTRUTTURAZIONE DELLA VILLA N. 6. APPROVAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012 PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE Data avvio Proposta : 21/09/2012 Illustrano l argomento OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL PIANO ANNUALE COMUNALE PER

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 89 IN DATA 19/07/2007 O G G E T T O BILANCIO DI PREVISIONE DELL'ESERCIZIO 2007.

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

N. 9/2011 Seduta del 14.02.2011

N. 9/2011 Seduta del 14.02.2011 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 9/2011 Seduta del 14.02.2011 OGGETTO RIPARTIZIONE, PER L ANNO 2011, DELLA QUOTA DEI PROVENTI DERIVANTI DAGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE SECONDARIA PER GLI INTERVENTI

Dettagli

COMUNICAZIONE ALLA GIUNTA COMUNALE SUI RISULTATI DEL SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 9001 2013 /2014

COMUNICAZIONE ALLA GIUNTA COMUNALE SUI RISULTATI DEL SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 9001 2013 /2014 COMUNICAZIONE ALLA GIUNTA COMUNALE SUI RISULTATI DEL SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 9 /4 Si presentano all attenzione della Giunta comunale i principali risultati della gestione del Sistema Qualità certificato

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

COMUNE DI CEPRANO. Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 32 Del 01-04-15

COMUNE DI CEPRANO. Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 32 Del 01-04-15 COMUNE DI CEPRANO Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 32 Del 01-04-15 COPIA Oggetto: BILANCIO PARTECIPATIVO ANNO 2015. DETERMINAZIONI L'anno duemilaquindici il giorno uno

Dettagli

STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI

STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI Statuto del Comitato Genitori I.C. Da Rosciate 2009 1 Istituto Comprensivo A. Da Rosciate STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI Il Comitato dei Genitori è uno degli organi che consente la partecipazione dei

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli