numero 3 Agire Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "numero 3 Agire Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano"

Transcript

1 Settembre / Ottobre 2010 Anno 3 - numero 3 Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale 70%-DCB Milano Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano Agire Sistema Sanitario NT Dal gioco di squadra delle eccellenze, la garanzia dei risultati SOMMARIO Gerolamo Corno In queste ultime settimane, i media della Lombardia hanno dato grande spazio all entrata in funzione di nuovi ospedali, realizzati sulla base di innovativi criteri sia strutturali che funzionali. Nei nuovi ospedali di Legnano, Como, Niguarda, come negli altri in via di ultimazione, la novità è rappresentata dal fatto che la struttura e la conseguente organizzazione sono state pensate per garantire la migliore integrazione delle tante competenze professionali necessarie a dare la migliore risposta alle esigenze dei malati. Al centro dell organizzazione sanitaria viene messo il malato e su di esso convergono le competenze e le tecnologie necessarie a rispondere positivamente alle sue esigenze terapeutiche ed assistenziali. Il malato non è più obbligato a trasferirsi da reparto a reparto, a seconda della diagnosi o dell intervento specialistico di cui abbisogna, ma sono queste ultime che ruotano attorno al suo letto. E questo, sicuramente, il futuro verso il quale dovranno segue a pag. 3 Sorveglianza attiva: possibile alternativa al trattamento radicale negli uomini con tumore alla prostata pag. 2 L'impressionante evoluzione della Diagnostica per Immagini pag. 4 Importanti cambi di classificazione delle malattie del sangue pag. 5 La nuova frontiera della Patologia Terapeutica pag. 6 Un vecchio farmaco, una nuova terapia in Pediatria pag. 8 Aggiudicazione Bici Speciale di Ivan Basso pag. 9 IL supporto psicologico ai pazienti pag. 11 I giornali sui successi della ricerca dell'istituto Nazionale dei Tumori La maggior difficoltà a smettere di fumare viene da un gene modificato Alcune persone sono geneticamente più portate a fumare: colpa di una variante genetica, identificata dai ricercatori della Fondazione, che aumenta il rischio poi di ammalarsi di cancro F...L Istituto di via Venezian ( ) è primo fra le strutture esclusivamente dedicate all oncologia. I punti accumulati grazie alle pubblicazioni su riviste di alto prestigio scientifico, per l INT sono 1.647,80 e sono parecchi in più di quelli accumulati dallo IEO di Veronesi che ammontano a 1.320,10. Una ricerca di alto livello quindi, che dovrebbe fruttare all Istituto nazionale dei tumori un aumento dei finanziamenti visto che il Ministero ha tutta l intenzione di premiare con una bella fetta dei fondi per la ricerca, 40 milioni su 200 totali, i migliori.. umatori si nasce, almeno in parte. L irresistibile fascino delle sigarette e il pericolo di sviluppare un tumore ai polmoni sono parzialmente scritti nel patrimonio genetico che ciascuno di noi eredita alla sua nascita. Ma, sia ben chiaro, la volontà del singolo di accendersi una bionda fa pur sempre la sua parte. Ora, però, i ricercatori della Istituto Nazionale dei Tumori, diretti da Tommaso Dragani, hanno identificato un gene, il CHRNA5, responsabile della maggiore predisposizione all abitudine al fumo di sigaretta e collegato al rischio di cancro polmonare. Sono i risultati di un lavoro tutto italiano, finanziato dall'airc, appena pubblicato sul prestigioso giornale scientifico JNCI (Journal of the National Cancer Institute) che porta a compimento il lavoro iniziato da studi condotti su migliaia di individui da grossi consorzi internazionali negli anni scorsi. Una scoperta utile anche per quei fumatori Un esempio per tutti, per capire cosa si nasconde dietro a una semplice classifica. All'istituto Tumori, il primo istituto pubblico «monotematico» in classifica, negli ultimi quattro anni sono stati collaudati alcuni protocolli (ribattezzati «criteri di Milano» in tutte le sale operatorie del mondo) per il trapianto di fegato. Sono stati messi a punto nuovi metodi per la cura di un cancro che colpisce il sistema nervoso dei bambini e per far fronte a uno specifico tumore al seno. Inoltre è stato individuato un biomarcatore che permette, senza traumi per il paziente, di capire se è più efficace una chemioterapia o una radioterapia. che vorrebbero smettere perché adesso i ricercatori hanno un nuovo bersaglio da colpire con farmaci mirati contro il responsabile genetico della dipendenza da nicotina, ma anche con la messa a punto di supporti psicologici più intensi. Con questa ricerca abbiamo finalmente, identificato il gene coinvolto il CHRNA5, e il meccanismo molecolare responsabile dell attitudine alla nicotina. In sostanza, abbiamo scoperto che varianti presenti nel DNA degli individui a più elevato rischio sia di cancro polmonare che di abitudine al fumo causano una riduzione dei livelli del prodotto di questo gene chiarisce Stefania Falvella, prima autrice del lavoro. Finora - spiega Tommaso Dragani - era stata individuata un ampia regione del cromosoma 15 contenente sei geni associata all abitudine al fumo di sigaretta, al rischio di cancro polmonare e di malat- segue a pag. 3 impaginato int_n3.indd 1 06/10/ :27:20

2 2 NEWS DALL'INT I l tumore della prostata è una neoplasia di grande rilevanza sia per l impatto clinicosanitario sia per i risvolti assistenziali, economici, sociali e psicologici che comporta: nel 2005 in Italia sono stati i nuovi casi diagnosticati e i decessi. è la neoplasia più frequente nel maschio europeo e italiano. L utilizzo sempre più diffuso dell Antigene Specifico Prostatico (PSA) per diagnosticare il tumore della prostata, ha portato ad un esplosione di nuove diagnosi e ha parallelamente causato la scoperta di un gran numero di tumori indolenti, clinicamente non significativi per il basso rischio di progressione, che, secondo le stime più recenti, ammontano al 30%-50% di tutti i tumori prostatici diagnosticati. Trattare radicalmente queste forme neoplastiche, che potrebbero non evolvere nell arco della vita del paziente, significa sottoporre una parte di pazienti a trattamenti inappropriati per eccesso, causare effetti collaterali temporanei e/o permanenti che possono alterare significativamente la qualità della vita della persona e aumentare inappropriatamente i già elevati costi sanitari e sociali delle malattie oncologiche. In alternativa alle tre terapie radicali standard (prostatectomia, radioterapia esterna e brachiterapia), negli ultimi anni si sta affermando, per quegli uomini con tumore prostatico di piccole dimensioni e non aggressivo, la sorveglianza attiva, un atteggiamento osservazionale che ha la finalità di sottoporre i pazienti a terapie curative solo se la malattia cambierà il suo atteggiamento indolente. La sorveglianza attiva utilizza in maniera sistematica esami strumentali, visite periodiche, PSA e re-biopsia secondo precisi intervalli nel tempo. D: Quando nasce la Sorveglianza Attiva in Istituto? R: Il Programma Prostata della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano ha iniziato a proporre la sorveglianza attiva in alternativa ai trattamenti radicali standard dal marzo 2005 contemporaneamente all attivazione delle Visite Multidisciplinari per il tumore della prostata e alla discussione collegiale dei casi clinici. D: Il Protocollo è attivo solo in Italia? R: Dal settembre 2007 il Programma Prostata partecipa, su invito del centro coordinatore, allo studio multicentrico internazionale prospettico di sorveglianza attiva PRIAS (Prostate cancer Research International: Active Surveillance), il cui obiettivo Agire NT L esperienza del Programma Prostata dell INT Sorveglianza Attiva: possibile alternativa al trattamento radicale negli uomini con tumore della prostata Intervista a Riccardo Valdagni, Direttore del Programma Prostata primario è la validazione della sorveglianza attiva quale alternativa al trattamento radicale negli uomini con tumore della prostata localizzata e ben differenziato al fine di limitare il sovra-trattamento. Obiettivo secondario dello studio è invece la valutazione del numero di casi in cui si riscontra la progressione clinica ad una scintigrafia ossea, la valutazione del numero di pazienti che modificano la scelta e si sottopongono ad una terapia radicale, il comportamento del PSA nel tempo e la mortalità per tumore della prostata. D: Quanti pazienti sono stati fin'ora arruolati? R: Da marzo 2005 sono stati arruolati oltre 200 pazienti in sorveglianza attiva, un numero significativo che colloca il Programma Prostata di questa Fondazione tra i centri di riferimento a livello internazionale per la gestione osservazionale dei pazienti con tumore della prostata. Attualmente PRIAS ha reclutato oltre 1500 pazienti e rappresenta il maggiore studio prospettico internationale sulla sorveglianza attiva. I risultati preliminari sulla sorveglianza attiva indicano che è un approccio efficace, sicuro ed alternativo negli uomini con tumore della prostata clinicamente localizzato e a basso rischio di progressione. D: Esistono Studi correlati alla Sorveglianza Attiva? R: A latere della sorveglianza attiva sono stati attivati due studi ancillari, PROCABIO e Caratterizzazione Ormonale e Genetica, che prevedono un prelievo di materiale biologico (sangue e urine) rispettivamente ogni sei mesi e una volta all anno. PROCABIO, un protocollo multicentrico internazionale a cui partecipano centri di riferimento di Belgio, Francia, Gran Breta- I criteri principali di inclusione nel protocollo di Sorveglianza Attiva 1) diagnosi istologica accertata di tumore alla prostata 2) possibilità di sottoporsi ad un trattamento radicale standard (prostatectomia, radioterapia esterna, brachiterapia) 3) PSA alla diagnosi inferiore o uguale a 10 ng/ml 4) stadio clinico compreso tra T1c e T2 5) Gleason Pattern Score inferiore o uguale a 3+3=6 gna, Olanda, Svezia, è finalizzato allo studio di nuovi biomarcatori genomici, proteomici e molecolari in grado di superare le zone d'ombra del PSA e di evidenziare, in laboratorio, i tumori aggressivi anticipando un'eventuale progressione di malattia nei pazienti in sorveglianza attiva. Lo studio Caratterizzazione Ormonale e Genetica ha lo scopo di valutare il potenziale valore prognostico ormonale e genetico e fornire un ulteriore strumento di valutazione del rischio di progressione del tumore prostatico. Inoltre, poiché esistono pochissimi dati in letteratura sulla qualità della vita dei pazienti in sorveglianza attiva, è stato attivato a settembre 2007 uno studio ancillare ad hoc gestito dal Servizio di Psicologia del Programma Prostata finalizzato a valutare se e quali cambiamenti avvengono nella vita di chi accetta questo atteggiamento osservazionale. I nostri dati preliminari ci indicano che i pazienti in sorveglianza attiva hanno mediamente una qualità della vita ottimale. D: Come viene considerata la Sorveglianza Attiva dalla Comunità Scientifica Internazionale? R: Il tema della sorveglianza attiva sta riscuotendo sempre più l interesse e il favore della comunità scientifica internazionale. È per questo motivo che, a dicembre 2009, la Società Italiana di Urologia Oncologica ha attivato il progetto multicentrico SIUrO PRIAS ITA, da me coordinato, che offre ad alcuni selezionati centri urologici la possibilità di partecipare al protocollo internazionale di sorveglianza attiva PRIAS. Per saperne di più: 6) 1-2 campioni bioptici positivi per tumore della prostata 7) disponibilità del paziente a sottoporsi a periodici esami e visite di controllo Lo schema di follow up 1) PSA ogni 3 mesi 2) biopsia prostatica diagnostica e rebiopsia a 12, 48 e 84 mesi 3) esplorazione rettale e valutazione dello stato clinico ogni 6 mesi impaginato int_n3.indd 2 06/10/ :27:20

3 Agire NT La maggior difficoltà a smettere di fumare viene da un gene modificato Il Dott. Tommaso Dragani e la sua equipe tie vascolari. I ricercatori non erano però riusciti a individuare il singolo gene coinvolto, né a capire il motivo per cui alcuni individui hanno una maggiore predisposizione a fumare sigarette rispetto ad altri. Confrontando il DNA dei forti fumatori con quello dei non fumatori e il DNA di persone sane con quello di persone con un carcinoma polmonare o con malattie vascolari, gli studi precedenti avevano, infatti, permesso di individuare in modo chiaro e inequivocabile l esistenza di un preciso legame fra il genoma e i comportamenti nei confronti del tabacco. L anno scorso, poi, il gruppo dell Istituto dei segue da pag. 1 segue da pag. 1 Tumori di Milano, sulla rivista Clinical Cancer Research, aveva sia confermato ed esteso i dati dell associazione tra la regione del cromosoma 15 e il rischio di tumore polmonare anche nella casistica italiana, sia dimostrato che due dei geni localizzati in questa regione (CHRNA3 e CHRNA5) erano associati anche ad alterazioni dei livelli quantitativi di espressione nel tessuto tumorale polmonare rispetto al tessuto normale. Ma quali sono le conseguenze pratiche di questa scoperta? Potrebbero esserci fin da subito tre ricadute concrete - conclude Dragani -. Innanzi tutto attraverso l analisi del DNA, Dal gioco di squadra delle eccellenze, la garanzia dei risultati convergere tutte le strutture ospedaliere ed è questo l obiettivo a cui tende la realizzazione della Città della Cura e della Ricerca, che vede impegnate assieme alla Regione Lombardia, la nostra Fondazione, la Fondazione Istituto Neurologico Carlo Besta e l Azienda Ospedaliera Luigi Sacco. Nel frattempo, però, molto si può fare anche quando le condizioni strutturali, come nel caso degli edifici di via Venezian, sono ancora quelle pensate attorno all organizzazione delle singole specialità. Alla Istituto Nazionale dei Tumori, non da oggi, le diverse competenze sono abituate a lavorare in modo integrato. Ne sono un esempio i casi illustrati nel recente seminario organizzato dal Direttore del Dipartimento Chirurgico, Ugo Pastorino, così come l organizzazione del Programma Prostata diretto da Riccardo Valdagni, dove un urologo, un oncologo radioterapista, un oncologo medico e uno psicologo visitano in modalità multidisciplinare sincronica, applicando linee guida diagnostico terapeutiche ed osservazionali istituzionali, elaborate da un Team Multidisciplinare. Ed ancora, come si può leggere negli articoli pubblicati su questo numero di AGIRE INT, dedicati al Dipartimento Diagnostica per Immagini, diretto da Emilio Bombardieri, e alla Patologia Terapeutica, verso la quale si indirizza l attività del Dipartimento diretto da Giuseppe Pelosi. Ma ne è anche un ottimo esempio il risultato della ricerca condotta in Istituto che, sulla base della graduatoria definita dal Ministero della Salute, ci vede al primo posto a livello nazionale non solo tra gli istituti oncologici, ma tra tutti quelli monospecialistici. Una ricerca che è sempre di più traslazionale, ovvero sempre di più vicina al letto del malato e capace di dare risposte innovative e positive non solo alla specifica patologia ma alla singola persona. Tutto frutto di un gioco di squadra che dobbiamo e possiamo rendere ancor più vincente. Gerolamo Corno Direttore Generale possibile anche a partire da una goccia di sangue o da un po di saliva, possiamo individuare le persone con una predisposizione genetica alla dipendenza da nicotina. Inoltre, i fumatori con la variante genetica di rischio potrebbero avere maggiori difficoltà a smettere e, per garantire loro una maggiore percentuale di successo, potrebbero seguire dei percorsi terapeutici e psicologici personalizzati (più intensi e accurati). Infine potrebbero essere disegnati dei nuovi farmaci, diretti specificamente contro il gene CHRNA5, da destinare solo alle persone selezionate con test genetico. Lo studio pubblicato da JNCI ha commentato Marco Pierotti, Direttore Scientifico della Istituto Nazionale dei Tumori rappresenta un importante approdo dell attività di ricerca più che ventennale di Tommaso Dragani riguardante la predisposizione ai tumori polmonari. Si tratta di un ulteriore, significativo contributo che, a fianco delle campagne e dei provvedimenti legislativi contro il fumo, consente di affinare ulteriormente l efficacia del contrasto al tabagismo. In Italia ci sono 11,1 milioni di fumatori, di cui 5,9 milioni di uomini e 5,2 milioni di donne. Alla domanda se nei prossimi 6 mesi pensa seriamente di smettere di fumare, il 78% risponde NO, il 13% non sa e il 9% SI. Secondo il campione le misure più efficaci per aiutare a smettere di fumare sono: 81% vietare la vendita ai minori di 18 anni (e non 16 come ora) 78,7% accesso gratuito ai centri per la disassuefazione 76,9% medicinali gratuiti per smettere 74,7% estendere il divieto di fumare 68,4% aumento sensibile del costo delle sigarette Presso l'istituto dei Tumori di Milano è attivo il Centro antifumo, dove sono stati visti più di 2000 fumatori, di questi oltre il 30% ha smesso e un altro 20% ha ridotto a più della metà il consumo di sigarette. Per prenotare una visita con il Servizio Sanitario Nazionale telefonare allo (Dati dall indagine Doxa del 2010, dall ISS, dal Centro antifumo della Fondazione) 3 impaginato int_n3.indd 3 06/10/ :27:21

4 NEWS DALL'INT "L 4 L'impressionante evoluzione della Diagnostica per Immagini a diagnostica per immagini in Oncologia sta conoscendo una evoluzione impressionante. L'evoluzione della TAC prevede un numero di slice (fette o strati) sempre più elevato; al momento si stanno studiando macchine con oltre 256 strati, con abbreviazione dei tempi d esame, possibilità di studi perfusionali che richiedono tempi sempre più brevi e permettono notevoli performance nella ricostruzione tridimensionale di organi ed apparati. L evoluzione della Risonanza magnetica (RM) prevede l impiego più estensivo di elevati campi magnetici ( 3 tesla) e apparecchiature multicanale (32 canali ed oltre) con conseguente implementazione di bobine ad elevati canali. I margini di sviluppo della RM sono notevolissimi e la RM si sta orientando almeno in parte verso un imaging total body che consente l esplorazione del corpo intero, oltre a mantenere vantaggi indiscutibili nell imaging di particolari distretti quali encefalo, midollo, parti molli, articolazioni. La PET (Tomografia ad Emissione Positronica) è la strumentazione Medico Nucleare che ultimamente ha conosciuto la maggiore diffusione nei Centri Oncologici in quanto permette non solo di ottenere accurate immagini morfologiche, ma a seconda del radiofarmaco usato, permette di descrivere il metabolismo di un tumore (se è vitale, se è necrotico, se è proliferante). Ormai la PET è entrata in tutti i percorsi diagnostico-terapeutici di molte indicazioni oncologiche. D: Quanto è importante questa nuova diagnostica sulla gestione del paziente? R: L impatto pratico è enorme in quanto grazie alle nuove tecnologie, la PET per esempio, è possibile modificare le strategie terapeutiche nel 25-30% dei casi. Questi dati sono il risultato di rigorosi studi internazionali di Technological Assessment. Ciò significa che i pazienti vengono curati con maggiore appropriatezza e maggiori possibilità di successo. D: Cosa comporta questa grande evoluzione tecnologica? R: L'evoluzione tecnologica comporta una grande integrazione, a tutti i livelli. Per esempio l'integrazione di strumenti. Attualmente l Industria mette a disposizione PET combinate con la TAC. Si chiamano questi strumenti ibridi, perché il paziente con un solo esame, Il Dott. Emilio Bombardieri, Direttore del Dipartimento, racconta dove sta andando oggi la Diagnostica per Immagini in Oncologia effettua due indagini, che poi vengono fuse insieme. Nell immagine alla fine si hanno sia le informazioni proprie della TAC che quelle della PET e la fusione migliora la appropriatezza della diagnosi. Questo è importantissimo sia nella stadiazione e la ristadiazione dei tumori, che nel monitoraggio delle terapia (chemio-radioterapia). Esistono addirittura nuovi criteri di valutazione della risposta alla terapia che fanno riferimento alla PET/TAC. D: Si modificano anche le indicazioni di impiego di queste strumentazioni? R: Questo è naturale. Per esempio l interventistica radiologica si sviluppa sempre più, in quanto aumentano le richieste di veri e propri atti chirurgici (diagnostici o terapeutici) sia sotto guida ecografica, che sotto guida TAC o RM. Tutto questo è reso possibile dalla disponibilità di strumentazioni chirurgiche atte a raggiungere con limitata invasività qualsiasi distretto del corpo. Ciò richiede ovviamente del personale dedicato, in team multidisciplinari e altamente specializzati. Oltre a quanto sopra, in senso generale, l imaging diagnostico acquisisce sempre maggiore importanza anche nella caratterizzazione biologica delle neoplasie, in modo da assumere significato di parametro prognostico (predittivo di aggressività o di risposta). L imaging oggi giorno non solo vede il tumore, ma dice cosa c è dentro. Si aggiunga che l imaging è sempre stato fondamentale anche nella definizione del bersaglio per i piani di trattamento radioterapici. a D: E l Istituto Nazionale dei Tumori attualmente in linea con questi sviluppi? R: Nel Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Radioterapia nel giro di un paio di anni sono state ricambiate diverse grandi apparecchiature. E stata recentemente installata una nuova Risonanza Magnetica, è in corso di installazione una seconda PET/TAC, è prevista a breve l installazione di una TAC a 128 strati e di un nuovo mammografo digitale. I pazienti possono in sostanza fare affidamento su di una concentrazione di tecnologie diagnostiche che è assolutamente impressionante: 2 Risonanze Magnetiche, 2 TAC, 4 Apparecchiature per RX tradizionale, 3 Angiografi, 7 Ecografi, 1 Apparecchiatura per stereotassi, 2 mammografi digitali, 2 PET/TAC, 2 gamma camera a doppia testa, 1 gamma camera a testa singola, 1 ciclotrone, Laboratori di Radiochimica. Il numero di esami prodotti giornalmente è assai elevato in quanto le particolari necessità dell oncologia richiedono studi accurati e talvolta con quesiti di particolare impegno. Il carico di lavoro dei nostri professionisti è ben al di là di quello di una Diagnostica per Immagini di un normale Ospedale generale. Nel nostro Dipartimento vengono eseguiti oltre b esami di imaging per anno e circa prestazioni di radioterapia. Gli esami TAC complessivi sono circa di cui oltre per i pazienti interni. In questo numero vanno comprese le biopsie, l interventistica, le crioterapie. Le angiografie diagnostiche e terapeutiche superano le Le ecografie, comprese le biopsie e la interventistica ecoguidata oltre Per la senologia gli esami mammografici complessivi ammontano a e circa gli esami ecografici. Vengono eseguiti oltre interventi a scopo diagnostico sulla mammella. Gli studi di RM magnetica superano la cifra di e gli studi di radiologia convenzionale arrivano a Gli esami di Medicina Nucleare superano gli 8.000, cui vanno aggiunte le prestazioni ambulatoriali e di laboratorio (oltre ). Il Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Radioterapia Nel Dipartimento lavorano 54 Dirigenti specialisti, 73 Tecnici, e circa 65 Unità di personale Infermieristico, Ausiliario e Amministrativo. Il Dipartimento è attualmente composto da tre strutture di Radiologia di cui la prima dedicata alla RM e alla diagnostica tradizionale (Dott. D. Vergnaghi), una dedicata alla TAC e alla interventistica (Dott. A. Marchianò), una dedicata alla senologia e diagnostica gastroenterologia (Dott.ssa S. Bergonzi). Ne fanno parte, inoltre, anche la Struttura di Medicina Nucleare, con Diagnostica e Terapia (Dott. E. Bombardieri), due Strutture di Radioterapia (Dott.ssa P. Olmi e Dott. C. Fallai), e una di Fisica Medica (Dott. G. Zonca). impaginato int_n3.indd 4 06/10/ :27:21

5 Agire NT Importanti cambi di classificazione delle malattie del sangue Una ricerca internazionale, coordinata dall INT, pubblicata su Blood, ha identificato, all interno delle principali categorie di neoplasie linfoidi e mieloidi, sottotipi di malattie omogenei per derivazione cellulare, caratteristiche genetiche, prognosi e risposta al trattamento U no studio coordinato dalla Fondazione INT e finanziato dalla Commissione Europea, nell ambito del progetto multicentrico HAEMACARE, in collaborazione con un gruppo internazionale di esperti patologi, ematologi ed epidemiologi, ha permesso di identificare, all interno delle principali categorie di neoplasie linfoidi e mieloidi, sottotipi di malattie omogenei per derivazione cellulare, caratteristiche genetiche, prognosi e risposta al trattamento e, contemporaneamente, di raggiungere un consenso sulla nuova classificazione della malattie relative. Come conseguenza della sempre migliore caratterizzazione genetica e funzionale, infatti, le classificazioni delle malattie sono in continua evoluzione e necessitano di venire aggiornate con quelle più recenti che tengono conto delle caratteristiche genetiche, biomolecolari e cliniche, oltre che della morfologia tumorale. Basato su casi in 44 registri tumore di popolazione, lo studio riporta e confronta l incidenza, cioè il numero di nuovi casi diagnosticati ogni anno su abitanti, di specifici tipi di neoplasie ematologiche in 23 paesi Europei. Ogni anno si verficano circa 25 nuovi casi di neoplasie linfoidi e circa 8 casi di neoplasie mieloidi ogni abitanti. Il rischio di sviluppare una neoplasia ematologica è più basso nei paesi dell est rispetto al resto dell Europa. Le neoplasie linfoidi sono più frequenti nei paesi del sud Europa, mentre le leucemie mieloidi acute, la sindrome mielodisplastica e le altre neoplasie mieloproliferative sono più frequenti nel Regno Unito ed in Irlanda. Una parte di questa variabilità geografica può essere dovuta a differenze nei criteri diagnostici e nella codifica di questi tumori da parte dei diversi centri di trattamento e dei registri tumori, o alla sottoregistrazione delle sindromi mielodisplastiche, che colpiscono prevalentemente la popolazione anziana e non richiedono necessariamente ricovero ospedaliero. E inoltre piuttosto elevata la percentuale di neoplasie con una inadeguata specificazione delle caratteristiche morfologiche, a conferma della necessità di migliorare la qualità e la definizione di queste malattie. A tale scopo, il gruppo di esperti HAE- MACARE ha recentemente pubblicato un manuale internazionale per la codifica delle neoplasie ematologiche destinato ai registri tumori. L articolo di Sant, Allemani, Tereanu e altri - sostiene Marco Pierotti, Direttore Scientifico della Istituto Nazionale dei Tumori - sull incidenza delle neoplasie ematologiche in Europa pubblicato su Blood rappresenta un contributo ad una sempre migliore definizione di queste malattie principalmente per scopi di ricerca, ma lo studio riveste anche un interesse clinico, poiché identifica, all interno delle principali categorie di neoplasie linfoidi e mieloidi, sottotipi di malattie omogenei per derivazione cellulare, caratteristiche genetiche, prognosi e risposta al trattamento. Secondo le ultime stime OMS, ogni anno In Europa quasi persone si ammalano di un tumore ematologico, quasi in Italia. Le neoplasie ematologiche rappresentano circa l 8% di tutti i tumori e sono al 5 posto in ordine di frequenza fra tutti i tumori. Esse comprendono un insieme eterogeneo di malattie a diversa etiologia, prognosi e frequenza; i progressi di recente verificatisi nella conoscenza e nel trattamento di queste neoplasie sono fra i più notevoli in campo oncologico. In funzione le nuove camere operatorie Nel mese di ottobre inizierà la fase di apprendimento delle persone (chirurghi, personale di sala e strumentisti) nelle nuove sale integrate ad alta tecnologia. Grazie alle nuove sale operatorie è previsto già dai prossimi mesi un aumento dell'attività chirurgica di circa il 10%. 5 impaginato int_n3.indd 5 06/10/ :27:22

6 FOCUS su dipartimento di patologia La nuova frontiera della I l titolo potrebbe sembrare un ossimoro, un accostamento di termini tra loro antitetici, ma non è così, anzi è uno degli scenari attuali dell Anatomia Patologica, la branca specialistica della Medicina che studia le malattie umane mediante l esame macro-microscopico degli organi, dei tessuti e delle singole cellule. L indagine anatomopatologica consente di distinguere cellule e tessuti normali da quelle/i in cui si sia sviluppata un alterazione valutabile morfologicamente, qualunque essa sia: infiammatoria, neoplastica, dismetabolica o regressiva. Ogni organo, tessuto o singola cellula che sia stata asportata dal corpo umano (una biopsia cutanea, un prelievo citologico da un nodulo superficiale o una cavità corporea o l asportazione di un intero organo o parte di esso) è sempre sottoposto a esame anatomopatologico per pianificarne i successivi momenti terapeutici. Ogni nuova tecnica, procedura e terapia che viene introdotta in Medicina dovrebbe fornire, ad un costo sostenibile, informazioni di significato diagnostico, prognostico e predittivo che vadano oltre il migliore standard corrente ed a questo mandato il Patologo ha sempre cercato di uniformarsi attraverso la parola chiave dell integrazione. Vale a dire, le informazioni di base ottenute con le tecniche diagnostiche consolidate dall uso e dalla tradizione sono state di volta in volta implementate dalle nuove possibilità messe a disposizione dal progresso scientifico e tecnologico (colorazioni speciali, colture cellulari, microscopia elettronica, immunoisto-citochimica, indagini molecolari), arricchendo sempre più l'armamentario conoscitivo e le competenze del Patologo. Nell era della farmaco-genetica e della farmaco-genomica, cioè di come i fattori genetici possano modulare la biodistribuzione, il metabolismo e l efficacia dei farmaci, anche il ruolo del Patologo sta rapidamente cambiando in una prospettiva che può già considerarsi iniziata sull onda della personalizzazione della terapia oncologica. E una situazione innovativa e attuale, che attribuisce allo specialista Patologo un ruolo di protagonista nella gestione clinica del malato: non più quindi solo diagnostica basata sull esame morfolo- gico, ma anche e soprattutto definizione degli aspetti fenotipici e biomolecolari che sempre più concorrono alla caratterizzazione terapeutica delle malattie oncologiche. La diagnosi anatomo-patologica è una vera e propria consulenza medica comunicata nella quale sono inserite tutte le informazioni che partecipano alla definizione del migliore trattamento clinico del paziente, rappresentandone anzi il presupposto essenziale e non facilmente rimpiazzabile da altre tecniche diagnostiche, come quelle laboratoristiche o radiologiche. Considerando che la moderna terapia oncologica si fonda anche sulla valutazione di fattori prognostici (cioè come il tumore modifichi l aspettativa di vita dei pazienti) e di fattori predittivi (cioè come il tumore sia modificato dalle terapie in atto), capiamo allora quali possano essere i contenuti qualificanti ed impegnativi della Pa- tologia Terapeutica. Essa è un emergente sub-specialità della nostra Disciplina o ancor meglio un potenziamento globale della nostra naturale attitudine a integrare l esperienza diagnostica con la cura stessa del paziente e alla quale è necessario riservare un posto preminente nella cultura e nella mentalità del Patologo, anzi del Medico con una formazione che parta già durante il Corso di Laurea e si arricchisca di contenuti specifici nell ambito delle Scuole di Specializzazione. La personalizzazione e l individualizzazione della terapia costituiscono, infatti, obiettivi irrinunciabili della Medicina moderna, ai quali convergono la Medicina Clinica e Molecolare e per il cui raggiungimento il Patologo, orientato agli scenari della diagnostica molecolare, può ritagliarsi un ruolo essenziale di supporto al clinico per scelte di trattamento sempre più indirizzate al singolo paziente. Immagini di diagnostica molecolare realizzate nel Laboratorio accreditato di Patologia Molecolare INT. Esempi concreti di come si possa passare dal trattamento della malattia intesa come categoria diagnostica al trattamento del singolo malato. 1B 1A impaginato int_n3.indd 6 06/10/ :27:23

7 gia diagnostica e laboratorio Agire NT Patologia Terapeutica Il ruolo del patologo in un ospedale oncologico come l'int 4 D: Prof. Pelosi, si parla molto di personalizzazione e individualizzazione della terapia, ma spesso anche in ambiente medico lo si percepisce come un orizzonte lontano R: Questi obiettivi diventano qualificanti e necessari in un centro oncologico come l Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, che da sempre è all avanguardia nella diagnosi, cura e ricerca oncologica, ma diventano ancor più pressanti in progetti di ampio profilo medico, scientifico e sociale quale la Città della Ricerca, della Salute e della Didattica, dove l Anatomia Patologica potrà mettere in campo, accanto alle sue competenze tradizionali (che rappresentano ancora lo zoccolo duro su cui si fonda l attuale terapia oncologica), anche procedure di lavoro avanzate che consentiranno di eseguire determinazioni molecolari ai fini della diagnostica terapeutica, come pure di gestire le funzioni di raccolta e controllo di Nella Figura 1 sono riportati tre esempi di adenocarcinoma del polmone caratterizzati dal punto di vista feno-genotipico su materiale diagnostico molto limitato in termini di quantità di cellule neoplastiche. Nel riquadro 1-A vediamo una microbiopsia diagnosticata con metodica immunoistochimica, recante una mutazione del gene EGFR; nel riquadro 1-B sono mostrati due campioni citologici sempre di adenocarcinoma polmonare, con eventi molecolari (mutazione ed amplificazione di EGFR) utilizzabili ai fini della terapia. Nella figura 2 è riportata l analisi FISH di un caso di sarcoma sinoviale, essenziale per confermarne la diagnosi. Figura 3 vediamo il profilo in citometria a flusso di una leucemia linfatica cronica B a partire da un campione di sangue periferico. Nella Figura 4, infine, mostriamo l amplificazione del gene Her-2/neu con tecnica CISH in un caso di carcinoma della mammella, utilizzabile per la terapia. qualità della banca dei tessuti (il c.d. left over tissue ), presupposto questo essenziale per le attività di ricerca traslazionale. D: Anche Lei sembra parlare al futuro. R: No. Presso la Struttura Complessa 3 di Anatomia Patologica del Dipartimento di Patologia dell Istituto Nazionale dei Tumori è attivo un laboratorio accreditato di Patologia Molecolare, che già lavora nella direzione delle finalità della Patologia Terapeutica, fornendo un supporto di caratterizzazione molecolare oncologica alle strutture cliniche dell Istituto e, in parte, a medici e strutture esterne. D: Come funziona? R: Il laboratorio, per quanto attiene alla parte diagnostica, è strutturato in un settore dedicato all analisi mutazionale, un settore dedicato alla citometria a flusso, ai trascritti di fusione e all analisi dei microsatelliti, un settore dedicato alla citogenetica e all ibridazione in situ a fluorescenza (FISH) e un settore dedicato all ibridazione in situ cromogenica (CISH). Per fare alcuni esempi pratici di tale attività diagnostica vorrei citare l identificazione delle mutazioni di geni importanti dal punto di vista terapeutico (mutazioni di K-ras, EGFR, c-kit, PDGFRA/B), la ricerca di clonalità nelle malattie linfoproliferative e d instabilità microsatellitare nelle neoplasie intestinali e l identificazione di trascritti di fusione e di traslocazioni. La diagnosi di malattie virali d interesse oncologico, la citogenetica classica, la valutazione FISH/CISH dell assetto genico e l immunofenotipizzazione delle neoplasie sono altri qualificanti esempi di questa febbrile attività diagnostica. D: Si tratta di esami diagnostici in via sperimentale o di esami attivabili con il SSN? R: La maggior parte degli esami di diagnostica molecolare sono richiedibili con la modulistica rosa del Servizio Sanitario Nazionale da parte dei medici curanti secondo procedure operative già in essere presso il Dipartimento di Patologia dell INT. Tali richieste si sostanziano in veri e propri referti diagnostici che sono firmati dal patologo al pari di qualunque altra diagnosi di sua pertinenza, previa verifica dell adeguatezza e appropriatezza del materiale in esame, della definizione della migliore strategia Il Prof. Giuseppe Pelosi d analisi e dell identificazione della componente neoplastica da destinare all analisi molecolare, quantificandone la cellularità ed eliminando la componente normale che potrebbe interferire con l esito dell analisi. D: Nella diagnosi entrano in gioco varie competenze, chi ha l ultima parola? R: Tutte queste azioni rappresentano veri e propri atti medici essenziali alla buona riuscita degli esami molecolari e rimarcano la necessità che sia il patologo, nell ambito delle sue competenze professionali, a possederne la giurisdizione esecutiva che lo impegna fortemente anche dal punto di vista medico-legale. D: I cittadini come possono informarsi ed usufruire di questi servizi? R: Per favorire la conoscenza più ampia possibile della diagnostica molecolare eseguita presso il Dipartimento di Patologia dell INT, è in corso di realizzazione sul nostro sito web un box molecolare, che riporterà l elenco degli esami disponibili, le procedure amministrative da seguire e le modalità di invio del materiale diagnostico. Pagine a cura del Prof. Giuseppe Pelosi Capo del Dipartimento di Patologia Diagnostica e Laboratorio Direttore delle S.C. 2&3 di Anatomia Patologica, Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Professore di Anatomia Patologica, Università degli Studi, Milano Per saperne di più: tel (dalle 12 alle 13 - lunedi/venerdi) 7 impaginato int_n3.indd 7 06/10/ :27:25

8 NEWS DALL'INT...e non solo Un vecchio farmaco, una nuova terapia in Pediatria L Ancora una volta si parla di un Milan regimen che diventa nuovo metro di paragone a livello internazionale a rivista Pediatric Blood and Cancer ha recentemente pubblicato i risultati di uno studio, condotto dalla Dott.ssa Cristina Meazza e dal Dott. Andrea Ferrari, che ha confermato l efficacia di un vecchio farmaco, utilizzato però in modo nuovo per curare dei sarcomi in età pediatrica. Lo studio riporta i risultati terapeutici ottenuti nei bambini con sarcoma delle parti molli e dell osso recidivato trattati con ifosfamide ad alte dosi somministrata in infusione continua di 14 giorni attraverso pompa esterna portatile. La particolarità di questo regime è che permette un utilizzo di alte dosi del farmaco e quindi potenzialmente un aumento dell efficacia, ma anche un eccellente profilo di tossicità. Un ulteriore dato fondamentale sono i costi ridotti di una terapia che di fatto si può effettuare a domicilio, grazie alla pompa esterna portatile, con un enorme vantaggio anche per il paziente. Una terapia che guarda al risultato, ma anche alla qualità di vita e ai costi. L idea di questa terapia è stata mutuata dall esperienza già sviluppata nel nostro Istituto dagli oncologi medici del reparto Trattamento Medico dei Sarcomi dell'adulto, coordinato dal Dott. Paolo Casali, ma risulta un assoluta novità nel mondo pediatrico. Nel lusinghiero editoriale di Pediatric Blood and Cancer, firmato da P. Anderson, infatti si conclude così: I would go as far as to predict that Milan regimen may become a new metric of continuous improvement in quality of care. Ancora una volta, in altre parole, si parla di un Milan regimen che diventa nuovo metro di paragone. In questo caso, per migliorare le probabilità di guarigione dei bambini malati di tumore e la loro qualità di vita. L Oncologia Pediatrica, diretta dalla Dott.ssa Maura Massimino, è la principale Oncologia Pediatrica italiana per il trattamento di bambini e adolescenti con tumore solido ed è costantemente all avanguardia nella ricerca di nuovi approcci terapeutici. Una peculiarità della struttura, rispetto alle altre oncologie pediatriche italiane, è il fatto di essere all interno di un Istituto Oncologico e quindi di avere una collaborazione diretta e quotidiana con gli oncologi medici e i chirurghi dell adulto. L approccio multidisciplinare al paziente pediatrico si giova quindi anche di questa collaborazione, bidirezionale e sinergica, che risulta particolarmente importante per quelle patologie a cavallo delle due fasce di età, pediatrica e adulta, come i sarcomi. I sarcomi sono, dopo le neoplasie del sistema nervoso centrale, il secondo gruppo di tumori solidi più frequenti nell età pediatrica. Come accade per i sarcomi dell adulto, anche per i sarcomi del bambino la Istituto Nazionale dei Tumori è riferimento internazionale per i protocolli di cura e di ricerca. Importante risultato di una ricerca interamente condotta presso la Istituto Nazionale dei Tumori Anche nella fase avanzata della malattia, l organismo genera spontaneamente risposte antitumorali C ancer Research, nella sezione OnlineFirst ha pubblicato i risultati di uno studio che dimostrano che anche in presenza di un tumore in fase avanzata, l organismo continua a generare spontaneamente risposte antitumorali. La ricerca, finanziata da AIRC e ACC, è stata svolta interamente da ricercatori della Istituto Nazionale dei Tumori, ed in particolare dalla Unità Operativa di Immunobiologia dei Tumori Umani, in collaborazione con diverse Unità Cliniche dell Istituto, tra cui l Unità Melanoma e Sarcoma, diretta dal Dott. Mario Santinami e l Unità di Oncologia Medica 3, in cui lavora il Dott. Massimo Di Nicola. I risultati dello studio dimostrano, per la prima volta, che il tessuto tumorale di melanomi, sia primitivi che metastatici, contiene una piccola popolazione di linfociti (denominati T CD8+) che hanno appena intrapreso le fasi iniziali del processo di differenziazione che li porta a diventare agenti anti tumorali. Linfociti T early effector, ovvero ai primi stadi di specializzazione nella loro futura funzione, non erano mai stati individuati nelle neoplasie dove, si riteneva, che tale fase precoce di risposta fosse inibita dai molteplici meccanismi di immunosoppressione, sviluppati soprattutto in stadio avanzato di malattia. Si tratta - spiega Andrea Anichini, primo firmatario dello studio -, di cellule che, per caratteristiche strutturali e funzionali, si trovano nello stesso stadio evolutivo degli early effectors che si generano entro pochi giorni dall inizio della risposta immunitaria, descritti in letteratura finora solo nelle risposte contro agenti patogeni ambientali, come i virus. L implicazione principale di questi risultati, è dunque che la risposta immune antitumore continua ad essere generata, in modo spontaneo, ed anche in fase avanzata di malattia. Di non secondaria importanza aggiunge Roberta Mortarini, tra gli altri firmatari dello studio - è anche l osservazione che tale sottogruppo di linfociti T CD8+ è anti-tumore, è privo di difetti funzionali ed è capace di proliferare prontamente e differenziarsi ulteriormente in risposta alla presenza di citochine, quali IL-2 e IL-15. Questa nuova popolazione di cellule T CD8+ - conclude Andrea Anichini - risulterà molto utile come indicatore di risposta immune in atto per valutare l efficacia delle terapie immunologiche, biologiche o di tipo bersaglio-specifico nel melanoma cutaneo. Lo sviluppo di questa ricerca prevede adesso due fasi distinte. La prima sarà capire quali segnali presenti nel microambiente tumorale favoriscono o inibiscono lo sviluppo di questa popolazione di effettori precoci anti-tumore. La seconda sarà lo studio delle strategie che potrebbero essere trasformate in nuove terapie per promuovere l espansione in-vivo di questa popolazione di linfociti fino a livelli sufficienti ad esercitare un contrasto efficace della crescita neoplastica. 8 impaginato int_n3.indd 8 06/10/ :27:25

9 Agire NT Aggiudicazione Bici Speciale di Ivan Basso L unedi 5 luglio alle ore 11,00 alla presenza del notaio Giorgio Zanini e dei rappresentanti dell Associazione Bianca Garavaglia presso la sede dell Associazione in via Cattaneo 8 a Busto Arsizio (VA), si è tenuta l apertura delle buste con le offerte per la Bici Speciale modello Cannondale Six che il campione Ivan Basso aveva donato alla Onlus e che era stata messa all asta per la raccolta fondi nei mesi maggio e giugno. La bici è stata assegnata per Euro al Dott. Roberto Ferrario, editore del quotidiano La Prealpina, purtroppo scomparso nelle scorse settimane. I fondi raccolti grazie a questa iniziativa serviranno a finanziare parte della A borsa di studio sulle nanotecnologie, attualmente in corso presso i laboratori del Prof. Mauro Ferrari a Houston, Texas. Il Presidente dell Associazione Dott. Carlo Garavaglia ringrazia sentitamente il Dott. Ferrario e Ivan Basso per la generosità dimostrata e aggiunge: abbiamo sentito Ivan proprio qualche giorno fa prima della sua partenza per il Tour de France, ci ha assicurato la massima disponibilità per la consegna della bici che avverrà dopo l estate in data da definirsi in base ai suoi impegni agonistici. Ivan ci ha ricordato nel frattempo un altra bella iniziativa per la lotta ai tumori infantili: l uscita del suo libro fotografico che sarà in edicola per tutto il mese di luglio insieme alla Gazzetta dello Sport. Anche in questo caso parte del ricavato del libro verrà destinato alla Struttura Complessa di Pediatria Oncologica dell Istituto dei Tumori di Milano, il Reparto che l Associazione sostiene da ormai 23 anni. Un altra bella dimostrazione dell unione tra Sport e Solidarietà. Premio ABO 2010 'UNA VITA PER LA RICERCA' a Emilio Bombardieri Emilio Bombardieri, Direttore del Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Radioterapia della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, è stato assegnato il Premio 'UNA VITA PER LA RICERCA', promosso dalla Fondazione ABO - Applicazione delle Biotecnologie in Oncologia (www. fondazioneabo.org) di Venezia. Motivo dell'attribuzione del premio, che è ormai un appuntamento fisso e di rilievo per il mondo medico-scientifico, è il lavoro svolto da Bombardieri nell'ambito dell'individuazione dei biomarcatori da usare nella terapia e nella diagnosi precoce dei tumori. Il premio è stato consegnato nel corso della nona edizione della Serata del Redentore ABO, che si è svolta, sabato 17 luglio, nella splendida cornice dell'isola di San Giorgio Maggiore e alla quale hanno partecipato imprenditori sostenitori della ricerca, luminari del mondo scientifico e autorità locali e nazionali. A consegnare il premio nella mani di Bombardieri sono stati il Presidente della Fondazione ABO, Eduardo Liccardi e il Direttore scientifico di ABO, Massimo Gion. Il Premio UNA VITA PER LA RICER- CA, un riconoscimento per ricercatori che abbiano avuto risultati concreti soprattutto nella ricerca di trasferimento, è nato nel 2007 ed è giunto alla sua 4 edizione. Nelle edizioni precedenti il premio è stato assegnato a ricercatori come Pier Giuseppe Pelicci, Direttore del Dipartimento di Oncologia sperimentale dell'ifom-ieo, Marco Alessandro Pierotti, Direttore Scientifico della Fondazione INT, e a Maurizio D'Incalci, Capo del Dipartimento di Oncologia dell'istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri. Il Presidente dell associazione Bianca Garavaglia Carlo Garavaglia (al centro) con il notaio Giorgio Zanini e la figlia all apertura delle buste. Fondata nel 1952 dal Prof. Pietro Bucalossi, dal 1988 organizza, nell'ambito della sua riunione annuale, una conferenza dedicata al ricordo del Prof. Giorgio Prodi, affidata ad un guest speaker che si è particolarmente distinto nel campo della ricerca in Oncologia. Quest anno è stato chiamato, a tenere la 24ª Conferenza Giorgio Prodi, il Direttore Scientifico della Fondazione Istituto Nazionale dei Tumori, Marco Pierotti. Il titolo della sua lezione è stato Mice, men and molecules the present-shaping past. Al Nord e al Sud due sanità L a medicina è arte, perspicacia e intuito, capacità di creare un dialogo con il paziente. Ripenso a queste parole del professor Gianni Bonadonna dopo la vergognosa zuffa al Policlinico di Messina. E mi accorgo di quanto siano distanti le sanità tra Nord e Sud: quel che ho visto in agosto all'istituto Nazionale Tumori di Milano mi fa pensare che certi atti eroici nella sanità li abbiamo vicini a noi e molte volte non ce ne accorgiamo: con le corsie al completo ho visto équipe di medici come quella del reparto di chirurgia colon retto, diretto da professor Ermanno Leo, operare magari per 12 ore consecutive, e dare al paziente e ai familiari, oltre alla speranza, una prova di umanità. Di questo io dico: grazie Milano. Adele Genghini, Milano 9 impaginato int_n3.indd 9 06/10/ :27:26

10 news dall'int D L'INT al WIN Symposium 2010 al 7 al 9 luglio 2010 si è svolta a Parigi la seconda edizione del WIN Symposium, dedicato alla terapia oncologica personalizzata. Si tratta di un importante evento internazionale organizzato dal WIN Consortium con la collaborazione di Nature Publishing Group. Le giornate di studio, che hanno visto la presenza di tutte le rappresentanze dei protagonisti del mondo oncologico medici, scienziati, ricercatori, amministratori del sistema sanitario, case farmaceutiche, associazioni di pazienti, ecc. hanno dato ampia opportunità di informarsi su tecnologie e scoperte scientifiche ad alto potenziale innovativo, con un focus speciale sui temi delle terapie personalizzate e della diagnosi precoce. Il WIN Consor- Pasta al farro con scarola 360 grammi di fusilli integrali al farro 400 grammi di foglie di scarola tenere 1 pomodoro fresco a dadini 3 spicchi d aglio schiacciati 3 cucchiai di olio extravergine d oliva Pepe 1 pizzico di peperoncino Sale marino integrale Lavate la scarola, tagliate le foglie a metà e cuocetele per 8 minuti in abbondante acqua bollente salata. Tiratele fuori e nella stessa acqua cuocete i fusilli molto al dente. Scolateli e rafreddateli sotto l acqua corrente, badando di conservare 2 tazze dell acqua di cottura. In una casseruola larga soffriggete l aglio nell olio finchè sarà leggermente imbiondito. Toglietelo e unite il peperoncino, il pomodoro e la scarola tagliuzzata. Coprite con le 2 tazze d acqua conservate e fate sobbollire qualche minuto. Aggiustate di sale e di pepe, unite i fusilli e fate assorbire il liquido in eccesso prima di servire. tium, che ha ideato l'iniziativa, è nato dalla collaborazione dell'institut Gustave Roussy e della University of Texas M. D. Anderson Cancer Center in associazione con altre istituzioni internazionali dedicate alla cura e alla ricerca oncologica. In particolare l'iniziativa è sostenuta da OECI, l'organizzazione Europea degli Istituti Oncologici che è presieduta da Marco Pierotti, Direttore Scientifico della Istituto Nazionale dei Tumori. Il WIN Consortium ha l'obiettivo di costruire nuove alleanze strategiche in oncologia, creando programmi che favoriscano lo sviluppo di farmaci innovativi, e accelerino i trials clinici e la validazione di nuove molecole per la terapia oncologica personalizzata. Pere in salsa preziosa 6 pere piccole 50 ml di succo d uva 1 chiodo di garofano 1 pizzico di cannella Sale marino integrale Per la salsa 4 cucchiai di crema di nocciole 50 ml di succo d uva 1 cucchiaino di caffè d orzo Sbucciate, dividete in quarti e togliete il torsolo alle pere. Cuocete con il succo d uva, il chiodo di garofano, la cannella e 1 pizzico di sale. Devono diventare morbide senza spappolarsi. Lasciatele raffreddare. Intanto preparate una salsa mettendo sul fuoco la crema di nocciole, il succo d uva e il caffè d orzo. Ponete 6 spicchi di pera in ogni coppetta e copriteli con la salsa. Sono buoni sia caldi sia freddi. Anna Villarini e Giovanni Allegro ad Elisir Da sinistra il conduttore Michele Mirabella, Anna Villarini e Giovanni Allegro Nello studio televisivo di Elisir, programma condotto da Michele Mirabella in onda su Rai3 ogni domenica sera alle ore 21.20, è stata protagonista anche la Dott.ssa Anna Villarini, biologa nutrizionista dell Istituto Nazionale dei Tumori, che ha illustrato come prevenire e combattere le malattie attraverso una sana alimentazione. I puntuali collegamenti con la Cascina Rosa, cucina dell Istituto, hanno inoltre permesso di mostrare al folto pubblico, circa contatti di share, i piatti sani e sfiziosi dello Chef Giovanni Allegro, che ha dimostrato come si possa mangiare bene senza rinunciare al gusto. "Per fare prevenzione, la televisione è un grande mezzo, perché ti permette di parlare nello stesso istante con tantissime persone - ha commentato Anna Villarini -. Parlare in televisione non è facile, perché hai poco tempo e hai paura di non saper spiegare bene le cose e anche di non poter dire tutto quello che dovresti. Il riscontro, però, è stato davvero positivo, tantissime persone scrivono per saperne di più o per ringraziare delle cose dette, altri sono più critici. Non avendo mai detto niente che non fosse supportato da studi scientifici e dal confronto del mio direttore Franco Berrino, ho risposto con tranquillità. La redazione di Elisir mi è stata molto vicina e non mi ha mai condizionato su cosa dire. Spero quindi di essere riuscita a dare ad una struttura che ritengo prestigiosa, come l INT, un immagine positiva di tutto quello che facciamo e in cui crediamo". 10 impaginato int_n3.indd 10 06/10/ :27:26

11 Il supporto psicologico ai pazienti I l Corso Itaca, promosso dalla Fondazione INT e coordinato da più di 10 anni dalla psicologa e psicoterapeuta Dott.ssa Luciana Murru, aiuta a valorizzare le risorse psicologiche da attivare durante la malattia, offrendo 6 incontri di psicoterapia di gruppo per le persone ammalate di tumore, i loro amici e familiari. Il prossimo ciclo inizierà il 6/10/2010. Per iscriversi è necessario fissare un colloquio con Luciana Murru prenotando allo / Le testimonianze Da Giuseppina Senti io non sono molto brava a scrivere, cercherò di farti arrivare la mia positiva avventura e sono sicura che tu capirai al volo. Questa mia avventura con il gruppo mi ha fatto diventare grande, ho conosciuto persone che mai avrei detto fossero così come si sono presentate. siamo entrate subito in sintonia come se ci conoscessimo da anni, siamo rimaste in contatto, abbiamo fatto di tutto per vederci per quanto ci fosse stato possibile, mai questa cosa prima mi è successa, forse perché è proprio vero che viviamo una vita così frenetica che quando ti capita di dover lottare con una cosa che vuole soffocarti.scopri che non avevi neanche il tempo di fermarti ad osservare quanto fosse bello un fiore, ad osservare quante soddisfazioni e gioie ti danno i tuoi figli...tutti dovrebbero fare gruppi, voglio dire malati e non, i malati perché hanno bisogno di essere sostenuti per lottare più forti e consapevoli, i non malati per capire cos è la vita, quella vera. Da Lucia Oggi, 22 Giugno 2010, sono 33 i giorni trascorsi dall'ultima chemioterapia. Oggi, dopo 6 mesi, sono andata dalla parrucchiera per fare il mio primo colore. Oggi, per la prima volta, ho camminato per la strada senza Lucianina, la mia parrucca. Ovviamente non è stato facile portare in giro i miei capelli di un centimetro, sopportando lo sguardo curioso dei passanti, ma dopo un iniziale imbarazzo, è stato bello poter camminare con la mia capigliatura al vento. Questa forza, questa nuova energia, che ho riscoperto in me, è stato il regalo più bello che ho ricevuto dal corso Itaca Primavera Pensavo che non avrei trovato più la forza per combattere, che le mie energie fossero finite, invece ho scoperto, con grande gioia, che dentro di me ci sono tante risorse che mi hanno aiutato e che mi aiuteranno ad andare sempre avanti. La consapevolezza di me è venuta alla luce grazie all'incontro con persone che mi hanno dato la possibilità di parlare della mia esperienza oncologica liberamente, senza freni, senza paura. Ho condiviso il mio dolore e le mie lacrime con altre donne malate di cancro con le quali è bastato uno sguardo, un silenzio per essere capite, per essere accolte, ma non compatite. Da Maria Cristina Per me il corso Itaca è stato il tramite di una riflessione profonda sul mio vissuto, sul mio presente, sui miei reali bisogni e, ho scoperto, sulla incrollabile speranza di un futuro, che credevo annientata. Questi incontri hanno suscitato emozioni forti, fatto riemergere ricordi, pacificanti o dolorosi, sepolti sotto secoli di ciarpame; hanno rappresentato l'incredibile scoperta della voglia di lasciare che siano gli altri a farmi del bene, di essere accolta e consolata e di condividere angosce e speranze, paure e fiducia, pianti e risate con persone diverse tra loro per età, condizioni e circostanze, senza che questa asimmetria sminuisca l'empatia palpabile che circolava tra noi. Ma soprattutto ho sentito che oltre i nostri corpi martoriati, mutilati ci sono anime che nelle vie dell'inferno, senza fiato e col cuore in gola, aspirano al chiarore, a qualcosa pieno di bellezza, freschezza e possibilità, ad un luogo e tempo finalmente in equilibrio. Ecco, per me il corso è stato il chiarore. Dopo la caduta, si rinasce. Da Mariella Non so bene cosa dirti dello PSYCO GROUP se non che mi è piaciuto e mi sembra un iniziativa buona da proseguire per chi come noi si troverà nelle ambasce e nella relativa necessità di essere accompagnata psicologicamente nel percorso. Nel gruppo si creano veramente delle atmosfere di calore e simpatia tali da recare sollievo a chi ne fa parte pur se per un breve periodo. Agire NT Nuovo ciclo di incontri del Progetto Ulisse La nuova iniziativa del progetto Ulisse, informazione e supporto per le persone ammalate di tumore, i loro familiari e amici, riguarda la senologia e in particolare le donne in attesa di ricovero. E questo un periodo piuttosto critico soprattutto dal punto di vista psicologico e con questa iniziativa si vuole offrire loro l opportunità di conoscere il reparto, parlare con il direttore della Senologia della Fondazione, il Dott. Roberto Agresti e una infermiera particolarmente esperta e attenta alle problematiche, Mina Sasso. L incontro avrà come obiettivo di familiarizzare le pazienti e i loro accompagnatori con gli interventi, le procedure, l organizzazione del reparto e oltre a questo aiuteranno le signore partecipantii a fare un programma individuale di preparazione utile a migliorare gli esiti dell intervento e delle cure successive. L incontro, aperto anche ai cittadini interessati e organizzato dalla Fondazione INT e dalla LILT, verrà ripetuto ogni penultimo martedì del mese, alle ore 15, presso il refettorio del nostro reparto di chirurgia senologica al 5 piano di via Venezian,1. Per informazioni URP ; Agire INT Periodico della dell Istituto Nazionale dei Tumori Milano, via Venezian 1 tel http//www.istitutotumori.mi.it Numero 3/10 - Periodicità trimestrale Autorizzazione Tribunale - N. 592 del Direttore responsabile: Antonio Colombo Comitato di redazione Gerolamo Corno - Gian Augusto Novelli Marco A. Pierotti - Francesco Reitano Coordinamento Editoriale Enrica Alessi - Roberto Mazza - Sergio Vicario Segreteria di redazione: Katy Mennillo Editore: Metafora srl Via Catania, Milano - tel Design: Cabrini Associati srl - Milano Stampa Cattaneo Paolo Grafiche s.r.l. Oggiono - Lecco Finito di stampare ottobre impaginato int_n3.indd 11 06/10/ :27:26

12 impaginato int_n3.indd 12 06/10/ :27:27

Carcinoma prostatico

Carcinoma prostatico SIUrO Società Italiana di Urologia Oncologica Alessandro Bertaccini, Sergio Bracarda, Roberta Ceccarelli, Adriana Gelmini Carcinoma prostatico Guida per il paziente e i suoi familiari Introduzione di Giuseppe

Dettagli

La Cura del malato oncologico

La Cura del malato oncologico La Cura del malato oncologico Salvagno Luigi U.O. Oncologia Amb onco-ematologia ULSS 7 Conegliano 23 aprile 2016 Mortalità per neoplasia negli USA anni 1975-2012 Questo dipinto rivela il mio stato d'animo

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

CORSO RESIDENZIALE TEORICO - PRATICO IL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE: DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO NELL ERA DEI FARMACI BIOMOLECOLARI

CORSO RESIDENZIALE TEORICO - PRATICO IL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE: DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO NELL ERA DEI FARMACI BIOMOLECOLARI CORSO RESIDENZIALE TEORICO - PRATICO IL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE: DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO NELL ERA DEI FARMACI BIOMOLECOLARI 13-14 Aprile 2015 IRCCS Giovanni Paolo II, Bari RAZIONALE

Dettagli

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica Milano, 20 novembre 2015 Dott. Massimo Castoldi Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Medicina di precisione La transizione verso l'era della

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia

La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia Negli ultimi anni nel campo della prevenzione in oncologia si è verificato un processo di profonda maturazione e sviluppo, che ha migliorato

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO A CURA DEL Centro studi SIC Sanità in Cifre Anno 2013 Nota metodologica Metodologia: Questionario strutturato, somministrato a diverse

Dettagli

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Arcispedale S. Maria Nuova Infrastruttura Statistica, Qualità e Studi Clinici Direttore p. t - dott. Salvatore De Franco PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Presentazione del Ministro della Salute Roma,

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Cap 2 - Principali tipi di cancro

Cap 2 - Principali tipi di cancro Cap 2 - Principali tipi di cancro PRINCIPALI TIPI DI CANCRO Ogni cellula presente nell organismo può potenzialmente andare incontro a mutazioni e diventare cancerosa, dando origine a moltissime varianti

Dettagli

I principali obiettivi del progetto dedicato alla salute maschile sono:

I principali obiettivi del progetto dedicato alla salute maschile sono: salute al maschile, L IMPEGNO DI FONDAZIONE UMBERTO VERONESI PER gli uomini Nel 2015 la Fondazione Umberto Veronesi s impegna in un progetto specificatamente dedicato alla salute maschile per rispondere

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA

PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA Prof. Giuseppe Martorana Clinica Urologica Alma Mater Studiorum Università di Bologna Convegno medico UniSalute Appropriatezza ed efficacia degli screening Bologna,

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Realizzato da: Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano Istituto Superiore di Sanità Che cos è un tumore?

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7 Tiratura 01/2015: 68.758 Diffusione 01/2015: 50.722 Lettori III 2014: 376.000 Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Dir. Resp.: Alessandro Cassinis 13-APR-2015 da pag. 7 13-04-2015

Dettagli

PERCORSO UNITA PROSTATA. POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma

PERCORSO UNITA PROSTATA. POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma PERCORSO UNITA PROSTATA POLICLINICO UMBERTO I v.le Regina Elena, 324 Roma COORDINAMENTO DIAGNOSTICO: Dott.ssa Valeria Panebianco, UOC Radiologia Centrale (Dir.Prof.C.Catalano) Dipartimento di Scienze Radiologiche,

Dettagli

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella DIPARTIMENTO EMATOLOGIA, ONCOLOGIA E MEDICINA DI LABORATORIO - DIRETTORE: PROF. F.W. GRIGIONI DIPARTIMENTO EMERGENZA/URGENZA, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI - DIRETTORE: PROF. A.D. PINNA DIPARTIMENTO

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Nucleare

Unità Operativa di Medicina Nucleare Parte Seconda (per il Medico di Famiglia) INDICAZIONI "APPROPRIATE" Nonostante la documentata efficacia diagnostica, la diffusione dei tomografi PET/CT sul territorio nazionale e regionale è ancora limitata

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

Il Diritto all Informazione

Il Diritto all Informazione Il Cancro della Prostata Il Diritto all Informazione R. Valdagni Direttore Programma Prostata Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Milano Rispetto ad altri tumori il cancro della prostata è significativamente

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE Con Il Patrocinio BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE PRESIDENTI DEL CONVEGNO: Prof. Vito Pansadoro Dott. Vittorio Grazioli ROMA 12 aprile 2013

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Che cos è un tumore? Il nostro corpo è costituito da cellule che, pur diverse tra loro per aspetto e funzioni, si riproducono, si riparano e muoiono secondo gli stessi processi

Dettagli

ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione)

ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione) Convegno Nazionale GISMa 2009 Workshop multidisciplinare dell equipe diagnosticoterapeutica Monitoraggio degli indicatori di qualità ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione) Rita Bordon CPO Piemonte Francesca

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti Tiratura 04/2015: 148.106 Diffusione 04/2015: 83.049 Lettori I 2015: 484.000 Dir. Resp.: Alessandro Sallusti da pag. 37 13-06-2015 Lettori 38.890 http://www.corriere.it/salute/ CONGRESSO AMERICANO DI ONCOLOGIA

Dettagli

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione Il ruolo del chirurgo generale in chirurgia oncologica dell'adolescente

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

R A S S E G N A S T A M P A

R A S S E G N A S T A M P A R A S S E G N A S T A M P A PRELIMINARE AL 20 Novembre 2012 Diagnosi precoce, indice di salute prostatica e di aggressività tumorale AL REGINA ELENA UN NUOVO E SEMPLICE ESAME DIAGNOSTICO Il 2proPSA e phi

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

LA RETE NAZIONALE SOLIDALE E COLLABORAZIONI INTERNAZIONALI DEL PROGRAMMA STRAORDINARIO ONCOLOGIA 2006 (ISS PER ACC)

LA RETE NAZIONALE SOLIDALE E COLLABORAZIONI INTERNAZIONALI DEL PROGRAMMA STRAORDINARIO ONCOLOGIA 2006 (ISS PER ACC) LA RETE NAZIONALE SOLIDALE E COLLABORAZIONI INTERNAZIONALI DEL PROGRAMMA STRAORDINARIO ONCOLOGIA 2006 (ISS PER ACC) CONVEGNO DI PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITA INIZIATE NELL AMBITO DEI PROGRAMMI 1, 2, 3,

Dettagli

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita:

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita: VI Congresso Nazionale AICM: Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cura. Percorso della paziente affetta da cancro della mammella :esperienza lombarda M. Gjeloshi Riccione,25-26

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

Ufficio Stampa mercoledì 17 dicembre 2014. Il ringraziamento della Direzione Aziendale per questa importante donazione

Ufficio Stampa mercoledì 17 dicembre 2014. Il ringraziamento della Direzione Aziendale per questa importante donazione PRATO La generosità della Fondazione Sandro Pitigliani per la lotta contro i tumori Il ringraziamento della Direzione Aziendale per questa importante donazione Strumenti ed attrezzature per migliorare

Dettagli

Le prossime tappe del Centro

Le prossime tappe del Centro Brochure Radioterapia Cop rossa:layout 1 1-04-2008 8:26 Pagina 1 Le prossime tappe del Centro 28 marzo 2008 Consegna del lavori 4 aprile 2008 Inaugurazione del Centro 7 aprile - 30 maggio 2008 Training

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC PIANO ANNUALE DI ATTIVITA approvato dal CC Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale 2009-

Dettagli

INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO

INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO Responsabile SSCVD "Unità di Transizione per Neoplasie Curate in Età Pediatrica" c/o AOU S.Giovanni Battista di Torino D. Dr Brignardello, ci può dire che differenza

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni

Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni http://salute24.ilsole24ore.com/articles/17936-un-paziente-su-cinque-con-cancro-al-polmone-sopravvive-dopo-3-anni Un paziente su cinque con cancro al polmone sopravvive dopo 3 anni Un paziente su cinque,

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo Relatori: Neoplasia della mammella: come si affronta Dott. Duilio Della Libera Dott. Mauro Dal Soler Dott. Pierluigi Bullian Data 16 aprile 2014 Sede Aula

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BIANCHI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 MAGGIO 2008 Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

Dettagli

informarsi, capire, parlarne Il test del PSA informarsi, capire, parlarne www.aimac.it

informarsi, capire, parlarne Il test del PSA informarsi, capire, parlarne www.aimac.it Il test del PSA informarsi, capire, parlarne Questa brochure si rivolge: agli uomini che non hanno sintomi, ma desiderano sottoporsi ad un controllo generale della salute e, quindi, anche della prostata;

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012 PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE anno Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale

Dettagli

CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE PIANO STRATEGICO DI ATTIVITA' 2014-15

CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE PIANO STRATEGICO DI ATTIVITA' 2014-15 CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE PIANO STRATEGICO DI ATTIVITA' 2014-15 Le finalità statutarie possono considerarsi comprese nelle macroattività di seguito specificate: - prevenzione primaria - prevenzione

Dettagli

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Le domande sulla PCR rivolte con maggior frequenza Autore: Dott. Michael Mauro, Professore di Medicina della Divisione di Ematologia e Oncologia medica;

Dettagli

14-09-2014 50/51 1 / 5

14-09-2014 50/51 1 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 1 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 2 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 3 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 4 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 5 / 5 QUOTIDIANO AIOM: estendiamo i divieti

Dettagli

Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit

Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit 2014 Motore Sanità: Il nuovo patto Stato-Regioni: tra tagli ed efficienza Milano 15.9.2014 Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit Mario Saia Area Sanità e Sociale Direttore Generale

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Introdotta circa tre decadi fa da Phelps e Hoffman la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) solo recentemente è divenuta lo strumento

Dettagli

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI APPROPIATEZZA DIAGNOSTICO-TERAPEUTICA IN ONCOLOGIA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Alessandro Del Maschio Dipartimento di Radiologia Università Vita-Salute IRCCS San Raffaele Milano 1. NEOPLASIE POLMONARI Prof.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 15 ottobre 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 15 ottobre 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Giovedì 15 ottobre 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 4 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 8 Prime Pagine 12 Rassegna associativa

Dettagli

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA.

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. La Scuola di specializzazione in Genetica medica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe dei Servizi

Dettagli

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena Il Punto Senologico Dott.ssa Elda Longhitano Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena 25 settembre 2009 XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Ospedali e Servizi

Dettagli

Gli esami di diagnosi e stadiazione previsti dai PDTA per cui è applicabile l esenzione 048 temporanea. (Domenico Manachino Responsabile CAS ASLVC)

Gli esami di diagnosi e stadiazione previsti dai PDTA per cui è applicabile l esenzione 048 temporanea. (Domenico Manachino Responsabile CAS ASLVC) Gli esami di diagnosi e stadiazione previsti dai PDTA per cui è applicabile l esenzione 048 temporanea (Domenico Manachino Responsabile CAS ASLVC) Esami di diagnostica e stadiazione neoplastica Stato attuale

Dettagli

Workshop RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO Torino 27 Maggio 2009 FIM

Workshop RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO Torino 27 Maggio 2009 FIM Workshop RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO Torino 27 Maggio 2009 FIM Francesca Pietribiasi a.s.l. to 5 Anatomia Patologica Ospedale Santa Croce Moncalieri FIM: FORMAZIONE INTERATTIVA

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Prof. Paolo Randaccio Dott.ssa Antonella Fais Dott. Giovanni Angelo Porcu Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica,

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Storia, missione e valori

Storia, missione e valori Storia, missione e valori Il Centro Cardiologico Monzino di Milano è sin dal 1992 uno degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) italiani e l unico monospecialistico cardiovascolare.

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013

PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013 PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 24.10.2013 Dr.ssa S. Ferrario Dr.ssa M.V. Forleo Dr.ssa E. Piazza Dr.ssa G. Saporetti Dr. E. Goggi

Dettagli

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Ancona, 14 aprile 2012 L esperienza della Medicina di Genere nell Azienda Ospedali Riuniti di Ancona. Dall organizzazione alla clinica Perdita di salute nella

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

Schema generale del documento:

Schema generale del documento: Schema generale del documento: Incidenza e mortalità Stadiazione e risk-assessment Trattamento stati iniziali (DCIS; DIN; LCIS; LIN; T1mic; Ca infiltrante operabile). Trattamento sistemico stadi iniziali

Dettagli

Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia

Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia Codice Interno Definizione Fase PDTA Significato Denominatore Numeratore Formula Matematica Valore di Riferimento Fonti dati BC obj1 Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia

Dettagli

Dir. Resp.: Annalisa Monfreda. 07-APR-2015 da pag. 46

Dir. Resp.: Annalisa Monfreda. 07-APR-2015 da pag. 46 Tiratura 01/2015: 302.629 Diffusione 01/2015: 226.145 Lettori III 2014: 1.869.000 Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Dir. Resp.: Annalisa Monfreda 07-APR-2015 da pag. 46 Tiratura

Dettagli

Epidemiologia dei tumori A. Spitale

Epidemiologia dei tumori A. Spitale Epidemiologia dei tumori A. Spitale 03 aprile 2007 Che cos è l Epidemiologia? Kleinbaum et al. (1982): L Epidemiologia è la scienza che studia lo stato di salute o di malattia nelle popolazioni umane I

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Riccardo Valdagni Indirizzo Via G. Venezian 1-20133 Milano Telefono 02 23903033 Fax 02 23903015 E-mail riccardo.valdagni@istitutotumori.mi.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

LAB-NEWS Anno 1 n 6 Giugno 2006

LAB-NEWS Anno 1 n 6 Giugno 2006 1 IL CARCINOMA DELLA PROSTATA Il carcinoma della prostata rappresenta una grave questione di sanità pubblica e la sua incidenza è destinata ad aumentare nei prossimi anni, a causa del costante aumento

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI RADIOTERAPIA INFORMAZIONI Lo scopo di questo opuscolo è fornire al paziente e ai familiari alcune semplici informazioni per conoscere meglio la radioterapia e affrontare il trattamento nel modo più sereno

Dettagli

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria Genova 17 novembre 2009 Seminario finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria dott. Cristina Grandi dott. Michela Ferlenghi finanziamenti pubblici, ministeriali

Dettagli