OBIETTIVO LAVORO. Guida ai Servizi e alle Politiche per il Lavoro della Provincia di Cagliari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBIETTIVO LAVORO. Guida ai Servizi e alle Politiche per il Lavoro della Provincia di Cagliari"

Transcript

1 PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Assessorato alle Politiche del Lavoro OBIETTIVO LAVORO Guida ai Servizi e alle Politiche per il Lavoro della Provincia di Cagliari

2 La pubblicazione della presente guida rientra tra gli indirizzi politici dettati dalla 2 Commissione Provinciale AA.GG.-Formazione Professionale-Personale- Politiche del lavoro-concertazione con parti sociali. Presidente del Consiglio Provinciale: Roberto Pili Componenti la 2 Commissione: Presidente: Annarita Soggiu V. Presidente: Umberto Oppus Consiglieri: Andrea Dettori, Enzo Strazzera, Emanuele Armeni, Cristian Gitani, Annarita Soggiu, Alessandro Sorgia, Umberto Oppus, Ricciotti Usai Nuova edizione febbraio 2012 Progetto grafico e impaginazione Arti Grafiche Pisano, Cagliari Finito di stampare 2

3 PRESENTAZIONE La Guida per il lavoro nasce dalla consapevolezza che nel tempo i cittadini e le imprese hanno sempre più affinato il proprio interesse verso i servizi pubblici per il lavoro. Le aspettative espresse dal cittadino manifestano chiaramente il bisogno di sentirsi accompagnati nel percorso all interno del mercato del lavoro, in un mondo in profonda evoluzione. Le imprese hanno bisogno di rapidità, telematica, efficienza nell aiuto alla ricerca del personale e nella consulenza sulla normativa del lavoro. Soprattutto in momenti di grave crisi come quello attuale, diventa elemento strategico la capacità del soggetto pubblico di dare risposte adeguate; la Provincia di Cagliari, investendo sui servizi per il lavoro, ha attivato un percorso improntato alla volontà di avvicinare le istituzioni al cittadino, offrendo attività gratuite, trasparenti e soprattutto decentrate e diffuse nel territorio. Il permanere di condizioni di forte difficoltà occupazionale e lavorativa spinge l Ente Pubblico a dotarsi di strumenti atti a sostenere l occupabilità dei lavoratori al fine di potenziare il sistema di incontro tra domanda e offerta di lavoro. Attraverso i Centri Servizi per il Lavoro (CSL), diffusi su tutto il territorio provinciale, si vuole contribuire a favorire la crescita e la modernizzazione del mercato del lavoro e incentivare il dialogo tra gli attori principali, cioè le imprese e i lavoratori, anche e soprattutto nelle aree più decentrate e marginalizzate. La guida che presentiamo rientra nell ambito degli interventi volti a favorire la massima diffusione delle informazioni, rendendole accessibili a tutti. L auspicio è che sia uno strumento utile ai cittadini, alle imprese e a chiunque si debba misurare con l esperienza dell inserimento lavorativo, per conoscere le opportunità offerte dai Servizi per il Lavoro della Provincia di Cagliari. La Vice Presidente Angela Quaquero L Assessore alle Politiche del Lavoro Lorena Cordeddu

4 A chi è destinata questa guida? A chi cerca lavoro Per avere informazioni e orientamento Per offrire la propria disponibilità a cercare e svolgere un lavoro Per conoscere le opportunità offerte dal mercato del lavoro Per fare un tirocinio Per avviare un attività in proprio A chi ha perso il lavoro Per iscriversi nelle liste di disoccupazione Per offrire la propria disponibilità ad un nuovo lavoro Per conoscere le opportunità offerte dal mercato del lavoro Per avere informazioni su tipologie contrattuali e di inserimento lavorativo A chi lavora Per avere informazioni sulla formazione professionale Per accedere a incentivi per la formazione A chi è in mobilità o in cassa integrazione Per iscriversi nelle liste di mobilità Per trovare occasioni di reinserimento lavorativo Ai migranti Per avere informazioni su mercato del lavoro e formazione professionale Per offrire la propria disponibilità ad una attività lavorativa Per seguire corsi di formazione Agli studenti Per avere informazioni e sostegno per le scelte scolastiche Per avere chiarimenti sul diritto/dovere di frequentare attività formative Alle persone con disabilità Per iscriversi nelle liste di collocamento mirato Per avere informazioni sul mercato del lavoro Per entrare nel mercato del lavoro Ad un impresa Per segnalare le proprie necessità Per selezionare personale Per attivare tirocini Per affrontare eventuali vertenze Per assumere lavoratori o lavoratrici disabili Ad un ente pubblico Per segnalare le proprie necessità Per attivare tirocini Per selezionare personale Ad una scuola Per realizzare progetti informativi e didattici su tematiche specifiche Ad una agenzia formativa Per avere un quadro delle necessità delle imprese in tema di formazione Per pubblicizzare i propri percorsi formativi Per attivare progetti coordinati 4

5 Guida ai Servizi e alle Politiche per il Lavoro della Provincia di Cagliari La rete dei Servizi per il Lavoro della Provincia di Cagliari ha come principale obiettivo la gestione di politiche attive del lavoro funzionali ai bisogni delle comunità da governare e a garantire a tutti i cittadini pari opportunità nell accesso al mondo del lavoro, offrendo servizi personalizzati e di accompagnamento capaci di non disperdere il bagaglio culturale e professionale di cui ognuno è portatore. Questa breve guida vuole essere un vademecum per usare al meglio i servizi dedicati al lavoro, con l obiettivo di facilitare l orientamento delle scelte e delle attitudini e agevolare l incontro tra domanda e offerta di lavoro; uno strumento di facile utilizzo dedicato a italiani/e, stranieri/e, lavoratori/trici, imprese, scuole, agenzie formative, con informazioni concrete e immediate sulle opportunità a disposizione, su come farne uso e a chi rivolgersi. La guida è composta di due parti: i servizi centralizzati i servizi offerti dai Centri dei Servizi per il Lavoro L Assessore alle Politiche del Lavoro riceve su appuntamento, previo contatto con lo staff al numero di telefono o via 5

6 Organismi provinciali per la programmazione Commissione provinciale per i servizi e le politiche del lavoro (art. 8 L.R. 20/2005) La Commissione opera in qualità di organo permanente di concertazione e consultazione delle parti sociali in materia di programmazione provinciale delle politiche attive del lavoro e di gestione dei servizi per il lavoro. È composta dall Assessore alle Politiche del Lavoro che la presiede, da tre rappresentanti delle organizzazioni sindacali più rappresentative, da tre rappresentanti delle associazioni di categoria più rappresentative, da un rappresentante del forum del terso settore, da due rappresentanti di scuola e università, dalla consigliera provinciale di parità. Commissione provinciale per il collocamento mirato dei diversamente abili (art. 9 L.R. 20/2005) A tale Commissione sono affidati i compiti di cui al comma 1 dell articolo 6 della legge 68/99 (norme per il diritto al lavoro dei disabili), al fine di promuovere l inserimento e l integrazione lavorativa dei diversamente abili, in attuazione dei principi stabiliti dalle leggi statali. È composta dall Assessore alle Politiche del Lavoro, che la presiede, da tre rappresentanti delle associazioni di categoria più rappresentative, da tre rappresentanti delle organizzazioni sindacali più rappresentative, da quattro rappresentanti delle associazioni dei diversamente abili, da un medico del lavoro della ASL del capoluogo. Comitato tecnico (art. 9 L.R. 20/2005) Svolge compiti relativi alla valutazione delle residue capacità lavorative, alla definizione degli strumenti e delle prestazioni atti all inserimento e alla predisposizione dei controlli periodici sulla permanenza delle condizioni di inabilità e ogni altro compito ad esso espressamente attribuito dalla legge 68/99. È composto da un funzionario dell Amministrazione Provinciale, da un esperto del settore sociale e un medico legale, da un rappresentante dei datori di lavoro, da un rappresentante dei lavoratori, da un rappresentante delle associazioni dei diversamente abili presenti in Commissione. 6

7 I servizi centralizzati Mediazione conflitti di lavoro collettivi Mobilità pag. 8 Misure anticrisi pag. 9 Tirocini pag. 10 Osservatorio del mercato del lavoro pag. 11 Collocamento mirato diversamente abili pag. 12 Progetti di politiche attive per il lavoro pag. 13 7

8 Mediazione conflitti di lavoro collettivi - Mobilità Il servizio Mediazione conflitti di lavoro collettivi svolge funzioni di mediazione e conciliazione, attinenti i licenziamenti collettivi ed individuali ai sensi della Legge 223/91 e della Legge 236/93 Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo 46 (4 piano) Cagliari - Telefono fax Orari di apertura al pubblico Mattina: dal lunedì al venerdì dalle alle Pomeriggio: lunedì dalle alle Il servizio Mobilità effettua l analisi tecnica delle domande presentate dai lavoratori e approva l inserimento nelle liste di mobilità ai sensi della della L. 236/93 e della L. 223/91. Beneficiari L. 236/93: lavoratori, esclusi quelli con qualifica dirigenziale, assunti a tempo indeterminato e licenziati per giustificato motivo oggettivo o che si siano dimessi per giusta causa, anche da imprese con meno di 15 dipendenti. Beneficiari L. 223/91: lavoratori, esclusi quelli con qualifica dirigenziale, assunti a tempo indeterminato e licenziati da imprese che hanno avviato e concluso procedure di mobilità. Inoltre il servizio gestisce le procedure di licenziamenti individuali e/o collettivi del territorio provinciale. Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo, Cagliari - tel fax Orari di apertura al pubblico Mattina: dal lunedì al venerdì dalle alle Pomeriggio: lunedì dalle alle

9 Misure anticrisi Il servizio Misure anticrisi svolge un ruolo di coordinamento centrale delle procedure di gestione e reimpiego di lavoratori e lavoratrici in mobilità e cassa integrazione in deroga. In particolare svolge i seguenti compiti: gestione della documentazione relativa ai lavoratori/trici interessati studio di casi consulenza ad altri Enti sulla progettazione monitoraggio dei lavoratori e delle loro situazioni Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo 46 (4 piano), Cagliari - Telefono fax Orari di apertura al pubblico Mattina: dal lunedì al venerdì dalle alle Pomeriggio: lunedì dalle alle

10 Tirocini Il servizio Tirocini gestisce stage e tirocini interni alla Provincia, con costi a carico della Provincia sia in qualità di ente promotore sia come ente ospitante di tirocinanti interessati a sfruttare le proprie conoscenze, nonché ad apprendere sul campo le attività svolte dall Ente Locale. Le attività sono molteplici e fanno riferimento ai Settori ed agli Uffici di cui è composta la Provincia di Cagliari. Inoltre gestisce e istruisce progetti di tirocini con le aziende, con o senza borse promossi dal settore lavoro. L ufficio Tirocini presente in Provincia offre un servizio complementare a quello offerto presso i CSL a livello territoriale, con l intento comune di utilizzare un importante strumento di inserimento lavorativo previsto e regolato dalla legge. Sede dell ufficio Via G. Guglielmo 46 (4 piano), Cagliari - Telefono fax Orari di apertura al pubblico lunedì - mercoledì - venerdì dalle alle

11 Osservatorio del mercato del lavoro L Osservatorio del Mercato del Lavoro si occupa di analisi e monitoraggio del sistema economico-produttivo e occupazionale della Provincia di Cagliari Finalità e modalità di erogazione del servizio Nasce con l obiettivo di consentire una più puntuale conoscenza del territorio in termini di risorse e opportunità, anche al fine della costituzione di una rete di scambio e collaborazione con gli altri organismi istituzionali e non, che operano nel bacino provinciale. Raccoglie ed elabora le informazioni provenienti dalle varie fonti sul mercato del lavoro e realizza indagini periodiche e ricerche mirate su specifiche tematiche, con raccolta ed elaborazione sia di dati propri sia di dati provenienti da altre fonti. Beneficiari Mette a disposizione della collettività (in particolare sindacati, associazioni economiche e imprenditoriali, istituzioni locali) i dati relativi ai vari aspetti del mercato del lavoro (la domanda, l offerta, i flussi di lavoratori e di posti di lavoro), rafforzando così la cultura dello sviluppo territoriale tra tutti i soggetti interessati. Beneficiari finali delle attività sono i cittadini e le imprese, in quanto la conoscenza approfondita del mercato del lavoro consente alla Provincia di realizzare politiche attive del lavoro rispondenti alle reali esigenze del territorio. Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo 46 (4 piano), Cagliari Telefono /2 fax

12 Collocamento mirato diversamente abili Gli uffici provinciali per il collocamento mirato stipulano con i datori di lavoro convenzioni di integrazione lavorativa per l avviamento di disabili che presentino particolari difficoltà di inserimento. Tali convenzioni, oltre alle mansioni attribuite al lavoratore disabile e alle modalità del loro svolgimento, devono indicare forme di sostegno, consulenza e tutoraggio (art.11 L. 68/99). Il servizio gestisce le graduatorie provinciali; sottoscrive le convenzioni; controlla i prospetti informativi delle aziende; verifica la regolarità delle assunzioni. Il servizio Collocamento mirato diversamente abili presente in Provincia è complementare al servizio Inclusione socio-lavorativa per categorie svantaggiate offerto presso i CSL a livello territoriale. Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo, Cagliari Telefono fax Orari di apertura al pubblico Mattina: dal lunedì al venerdì dalle alle Pomeriggio: lunedì dalle alle

13 Progetti di politiche attive per il lavoro Le politiche attive si differenziano dalle politiche passive perché, mentre queste ultime mirano a ridurre il disagio sociale connesso alla disoccupazione attraverso misure di supporto come il sostegno al reddito, quelle attive intendono invece inserire (o re-inserire) nel mercato del lavoro coloro che ne sono esclusi. Le politiche attive per il lavoro corrispondono a tutte le iniziative messe in atto dalle istituzioni per promuovere l occupazione e l inserimento lavorativo, quest ultimo inteso sia come lavoro dipendente sia come auto-impiego e quindi creazione di nuova imprenditorialità. Il settore Lavoro della Provincia di Cagliari partecipa a progetti finanziati con Fondi Europei, nazionali o regionali, che rappresentano uno strumento importante per realizzare azioni innovative di sostegno. Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo 46 (4 piano), Cagliari Telefono fax Orari di apertura al pubblico Mattina: dal lunedì al venerdì dalle alle Pomeriggio: lunedì dalle alle

14 I Centri Servizi per il Lavoro I Centri dei Servizi per il Lavoro (CSL) hanno il compito di gestire tutti i servizi connessi alle funzioni attribuiti alle Province dalla Legge Regionale n 20/2005, a seguito del trasferimento delle competenze da parte dello Stato alle Regioni di cui al D.L. n. 469/97; tale riforma ha segnato il passaggio da un sistema basato su logiche meramente amministrative e burocratiche a uno incentrato sulle politiche attive del lavoro, misure appositamente pensate per aumentare l occupabilità, renderla più appetibile per il mondo del lavoro e più adatta a un mercato in rapida evoluzione. In concreto i CSL sono strutture pubbliche in cui, partendo dalla centralità dell individuo, e quindi della risorsa umana, si sviluppano percorsi che, dall analisi dei bisogni, consentono di arrivare alla definizione di progetti personali e all acquisizione delle capacità necessarie per svolgere al meglio la ricerca di lavoro; ma sono anche punti di riferimento per le imprese e per le loro esigenze professionali e occupazionali, capaci di offrire consulenze personalizzate e mirate a facilitare l incontro tra domanda ed offerta di lavoro. 14

15 I servizi offerti dai CSL I CSL offrono gratuitamente servizi di: Accoglienza, informazione pag. 16 Procedure amministrative pag. 17 Orientamento pag. 18 Incontro domanda offerta di lavoro pag. 19 Creazione d impresa pag. 20 Inclusione socio-lavorativa per categorie svantaggiate pag. 21 In tutti i CSL della Provincia vengono periodicamente organizzati seminari divulgativi e informativi su tematiche attuali di interesse collettivo, laboratori per l apprendimento di specifiche tecniche o strumenti di ricerca del lavoro, brevi corsi di formazione per gruppi di utenti omogenei. Grazie a questi servizi aperti a tutti e gratuiti sarà più facile muoversi e orientarsi nel mercato del lavoro!! 15

16 Accoglienza e informazione Il servizio è finalizzato all individuazione dei bisogni dell utente e a fornire informazioni sulle tematiche del lavoro, sui servizi offerti dal CSL e nel resto del territorio provinciale, su scuola e formazione professionale; questo primo contatto prevede l iscrizione nelle liste di disoccupazione Attraverso il colloquio di accoglienza/informazione, l utente dispone di: uno spazio di ascolto e di attenzione una prima verifica individualizzata sulle condizioni di accesso al servizio anagrafe del lavoro e presa in carico sulla propria situazione occupazionale da un punto di vista amministrativo e la possibilità di un suo aggiornamento (dati anagrafici, residenza/ domicilio, date di avviamento e cessazione di rapporti di lavoro, redditi da lavoro, ecc.) un luogo dove ottenere in maniera semplice e veloce alcuni documenti certificativi, quali: il certificato storico del percorso lavoratore (ex C2 storico), lo stato occupazionale, la scheda anagrafica presentazione e stipula del patto di servizio un rinvio ad altri servizi del Centro e eventuale prenotazione a servizi di consulenza L iscrizione alle liste anagrafiche dei CSL: Per essere inseriti nell elenco anagrafico (che sostituisce le liste di collocamento) ed usufruire di tutta la gamma dei servizi offerti dai CSL, è necessario recarsi presso il Centro del luogo in cui si ha il proprio domicilio e rilasciare una dichiarazione (mediante autocertificazione) attestante: il proprio stato di disoccupazione (sono considerato privo di occupazione anche se lavoro ma non supero determinati parametri di reddito compatibili) l immediata disponibilità allo svolgimento di un attività lavorativa Il patto di servizio: Il patto di servizio è un accordo tra il CSL e i suoi utenti che definisce le condizioni generali dell erogazione dei servizi da parte del Centro e della fruizione dei medesimi da parte del lavoratore, e in cui vengono definiti diritti e doveri di entrambe le parti (che devono sottoscriverlo). Il CSL si impegna ad offrire all utente quei servizi utili ad aumentare la sua occupabilità; l utente è tenuto a impegnarsi attivamente nella ricerca del lavoro accettando le congrue offerte proposte, pena la perdita di ogni beneficio economico e lo status di disoccupazione, a meno che il soggetto non dimostri la presenza di giustificati motivi per il rifiuto. Modalità di fruizione del servizio Si accede al punto di prima accoglienza recandosi direttamente al Centro dei servizi per il lavoro. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale 16

17 Procedure amministrative Attraverso la gestione delle procedure di natura amministrativa, si offrono una serie di servizi utili e relativi al lavoro e necessari alla formalizzazione degli atti obbligatori in base alla normativa sia nazionale che regionale. Il servizio è finalizzato a soddisfare ogni esigenza di tipo amministrativo-burocratico: verifica e aggiornamento della situazione occupazionale del lavoratore gestione delle procedure legate alla perdita e/o alla sospensione dello stato di disoccupazione rilascio certificati iscrizione alle liste di mobilità: aspetti amministrativi delle procedure di mobilità previste dalla L. 223/91 e dalla L. 236/93 (per i lavoratori e per i datori di lavoro) iscrizione lavoratori dello spettacolo avviamento a selezione nella P. A. (compresi i cantieri comunali) avviamento a selezione presso enti pubblici riservato a disabili comunicazioni obbligatorie aziendali adempimenti aziendali necessari per l applicazione della L. 68/99 Modalità di fruizione del servizio Si accede agli sportelli attraverso il servizio di accoglienza/informazione recandosi direttamente al Centro dei servizi per il lavoro. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale e eventuali precedenti e relative certificazioni 17

18 Orientamento A chi si rivolge Possono usufruire del servizio di Orientamento tutti coloro che vogliano definire meglio il lavoro o il percorso scolastico/formativo più adatto alle proprie risorse, ed individuare un modo per cercarlo. Per esemplificare: Giovani in cerca di prima occupazione Donne inoccupate o in reinserimento lavorativo Disoccupati o persone con esperienze lavorative informali Diplomati o laureati in un momento di scelta lavorativa o formativa Lavoratori in mobilità o in C.I.G.O., C.I.G.S., e in deroga In generale tutti coloro che vogliano un supporto per cercare attivamente lavoro. Il Servizio si sviluppa attraverso le seguenti attività: Percorsi personalizzati di consulenza orientativa, attraverso colloqui individuali, per accompagnare la persona nel definire un obiettivo lavorativo e/o formativo, compiere delle scelte, affrontare una situazione di transizione (ad es. dalla scuola al lavoro) Seminari informativi e Laboratori di gruppo sulle tecniche di ricerca attiva di lavoro, per supportare la persona nella organizzazione della propria ricerca di lavoro (definizione dell obiettivo professionale, autocandidatura, curriculum vitae e lettera di accompagnamento ) Percorsi di Bilancio di Competenze per sostenere la persona nella ricostruzione del proprio percorso personale e lavorativo al fine di definire un progetto lavorativo e/o formativo. A tutti i percettori di ammortizzatori sociali in deroga (CIGS e Mobilità in deroga) i CSL offrono pacchetti di servizi personalizzati. I CSL hanno il compito di prendere in carico i destinatari, avviarli ai percorsi di politiche attive per il lavoro, erogare le attività di accompagnamento e orientamento individuale o di gruppo e monitorare l attuazione degli accordi. Ciascun lavoratore che, entro 5 gg. dalla data di sospensione dal lavoro, si presenta al CSL di competenza, firma il DID, dichiarazione di immediata disponibilità, stipula il patto di servizio e sottoscrive il piano di azione individuale che può prevedere vari e differenziati servizi: orientamento e accompagnamento, percorsi formativi, corsi di qualifica o di abilitazione professionale, corsi di riqualificazione, aggiornamento o specializzazione professionale. Modalità di fruizione del servizio Si accede agli sportelli dell Orientamento attraverso il servizio di accoglienza/informazione. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale, un curriculum vitae e eventuali precedenti e relative certificazioni. Il Servizio si rivolge a cittadini italiani e stranieri iscritti nei CSL che abbiano stipulato il Patto di Servizio. 18

19 Incontro tra domanda e offerta di lavoro A chi si rivolge A persone disoccupate, inoccupate, in fase di reinserimento lavorativo o che desiderano cambiare lavoro e alle imprese Per le persone: colloqui individuali mirati a definire competenze/capacità/esperienze, aggiornare il curriculum vitae, informare sulle opportunità offerte dal MdL locale, regionale, nazionale ed europeo, raccogliere autocandidature e verificare i requisiti richiesti dalle imprese, formulare proposte occupazionali e formative seminari informativi per gruppi omogenei di 15/20 partecipanti su tematiche specifiche relative alle dinamiche del MdL locale, regionale, nazionale, europeo, in particolare sulle figure professionali più richieste laboratori finalizzati a favorire un più agevole approccio al mondo del lavoro, su strategie di ricerca attiva del lavoro promozione, attivazione e gestione di tirocini formativi con elaborazione e stesura di un progetto formativo in linea con le esperienze formative e professionali, attitudini, aspirazioni dell interessato/a attivazione tirocini formativi e di orientamento Per le imprese: individuazione fabbisogni formativi e professionali ricerca di personale e preselezione, ricerca dei profili professionali richiesti in banca dati, pubblicazione delle richieste sul sito www. sardegnalavoro.it, stampa locale, bacheche CSL attivazione, gestione, di tirocini formativi con stipula della convenzione tra CSL e impresa e monitoraggio durante il periodo del tirocinio gestione di progetti speciali quali bandi di tirocinio/stage promossi e finanziati da enti pubblici, e bandi di assunzioni agevolate Modalità di fruizione del servizio Si accede agli sportelli I/DO attraverso il servizio di accoglienza/ informazione. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale, un curriculum vitae e eventuali precedenti e relative certificazioni. Il Servizio si rivolge a cittadini italiani e stranieri iscritti nei CSL che abbiano stipulato il Patto di Servizio. 19

20 Creazione d impresa A chi si rivolge A tutti gli interessati ad avviare un attività in proprio in forma d impresa o di lavoro autonomo. In prima istanza il servizio offre informazioni sulla creazione d impresa, sul sistema delle agevolazioni finanziarie e sulle altre strutture del territorio che si occupano a vario titolo di autoimprenditorialità. Modalità di fruizione del servizio Si accede agli sportelli di Creazione d impresa attraverso il servizio di accoglienza/informazione. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale, un curriculum vitae e eventuali precedenti e relative certificazioni Offre, inoltre, consulenza e assistenza nella predisposizione del business plan con particolare riferimento alle fasi dell autovalutazione dell aspirante imprenditore, della valutazione dell idea d impresa, dell analisi del settore di mercato di riferimento, della scelta della forma giuridica, della verifica degli adempimenti amministrativi e burocratici. Offre tutoraggio nella compilazione delle domande e nella verifica del corretto adempimento degli aspetti relativi alla costitu zione dell impresa. Organizza interventi di animazione territoriale, workshop e seminari, finalizzati alla presentazione delle principali leggi di agevolazione finanziaria, alla diffusione della cultura d impresa, organizza inoltre laboratori didattici per la compilazione del business plan. 20

21 Inclusione socio-lavorativa per categorie svantaggiate A chi si rivolge A lavoratori e lavoratrici diversamente abili e appartenenti alle categorie protette, in età lavorativa. Il Collocamento delle persone disabili è una delle competenze attribuite alle Province dalla riforma del mercato del lavoro. In particolare, la Legge n. 68 del 1999 ha cambiato in maniera significativa le logiche con cui veniva gestito questo servizio: al concetto di collocamento obbligatorio è stato affiancato quello di collocamento mirato, inteso come insieme di servizi per favorire l incontro tra le esigenze dei datori di lavoro e le caratteristiche individuali delle persone disabili o appartenenti ad altre categorie protette. Il Servizio promuove l inserimento e l integrazione lavorativa delle persone diversamente abili nel mondo del lavoro attraverso attività di sostegno e di inserimento mirato. Nell ambito di un colloquio individuale è possibile l iscrizione dell utente nelle liste di collocamento dedicate (L. 68/99) che comprendono le seguenti categorie: invalidi civili con invalidità superiore al 45%, invalidi del lavoro con invalidità superiore al 33%, non vedenti o sordomuti, invalidi di guerra, invalidi civili di guerra o invalidi per servizio con minorazioni previste dalla legge, orfani e coniugi di deceduti per cause di lavoro, guerra o servizio, figli e coniugi di grandi invalidi di guerra, di servizio o del lavoro o di profughi italiani rimpatriati. Vittime del terrorismo e della criminalità organizzata o loro coniugi hanno precedenza assoluta anche rispetto alle altre categorie protette e anche nell ipotesi in cui già svolgano un attività lavorativa. Vengono valutate capacità, competenze, bisogni, aspettative delle persone e la possibilità di inserirle nel luogo di lavoro più adatto, sulla base di un progetto personalizzato di inserimento lavorativo. È inoltre possibile ricevere informazioni sugli obblighi che l azienda deve assolvere. Vengono infine offerte consulenze su percorsi formativi, accesso all incontro domanda/offerta, raccolta di autocandidature, segnalazione di aziende. Modalità di fruizione del servizio Si accede al servizio di Inclusione socio-lavorativa attraverso il servizio di accoglienza/informazione. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale, un curriculum vitae e eventuali precedenti e relative certificazioni. Il Servizio si rivolge a cittadini italiani e stranieri iscritti nei CSL che abbiano stipulato il Patto di Servizio. 21

22 Riferimenti dei Centri Servizi per il Lavoro della Provincia di Cagliari (www.provincia.cagliari.it) Gli sportelli di tutti i CSL rispettano i seguenti orari di apertura: Mattina: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle Pomeriggio: lunedì dalle alle 17.00; Martedì stesso orario ma solo su appuntamento I Comuni di Cagliari e Monserrato hanno come CSL di competenza: CAGLIARI Via Calamattia Cagliari Telefono: Fax: I Comuni di Quartu Sant Elena, Quartucciu, Selargius, Serdiana, Settimo San Pietro, Sinnai, Soleminis, Burcei, Maracalagonis, Dolianova, Donori, Villasimius hanno come CSL di competenza: Quartu Sant Elena Via Bizet s.n.c Quartu Sant Elena Telefono: Fax: Sede decentrata di Villasimius Via Regina Elena Villasimius Telefono: Fax: I Comuni di Gesico, Guasila, Mandas, Nuraminis, Samatzai, San Basilio, San Nicolò Gerrei, Siurgus Donigala, Suelli, Villasalto, Ballao, Barrali, Goni, Guamaggiore, Ortacesus, Pimentel, Sant Andrea Frius, Selegas, Senorbì, Silius hanno come CSL di competenza: Senorbì Via Carlo Sanna Senorbì Telefono Fax

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU Sommario Prefazione, di Stefano Colli-Lanzi, AD Gi Group e Presidente Gi Group

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate MERCATO DEL LAVORO: ADEMPIMENTI E INCENTIVI ALL occupazione 9 computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate a cura di Alberto Bosco e Cristian Valsiglio IN COLLABORAZIONE CON LA RIFORMA DEL LAVORO

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro Lo smart working è una modalità di lavoro innovativa basata su un forte elemento di flessibilità, in modo particolare di orari e di sede. Il futuro dell organizzazione del lavoro passa necessariamente

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli