OBIETTIVO LAVORO. Guida ai Servizi e alle Politiche per il Lavoro della Provincia di Cagliari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBIETTIVO LAVORO. Guida ai Servizi e alle Politiche per il Lavoro della Provincia di Cagliari"

Transcript

1 PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Assessorato alle Politiche del Lavoro OBIETTIVO LAVORO Guida ai Servizi e alle Politiche per il Lavoro della Provincia di Cagliari

2 La pubblicazione della presente guida rientra tra gli indirizzi politici dettati dalla 2 Commissione Provinciale AA.GG.-Formazione Professionale-Personale- Politiche del lavoro-concertazione con parti sociali. Presidente del Consiglio Provinciale: Roberto Pili Componenti la 2 Commissione: Presidente: Annarita Soggiu V. Presidente: Umberto Oppus Consiglieri: Andrea Dettori, Enzo Strazzera, Emanuele Armeni, Cristian Gitani, Annarita Soggiu, Alessandro Sorgia, Umberto Oppus, Ricciotti Usai Nuova edizione febbraio 2012 Progetto grafico e impaginazione Arti Grafiche Pisano, Cagliari Finito di stampare 2

3 PRESENTAZIONE La Guida per il lavoro nasce dalla consapevolezza che nel tempo i cittadini e le imprese hanno sempre più affinato il proprio interesse verso i servizi pubblici per il lavoro. Le aspettative espresse dal cittadino manifestano chiaramente il bisogno di sentirsi accompagnati nel percorso all interno del mercato del lavoro, in un mondo in profonda evoluzione. Le imprese hanno bisogno di rapidità, telematica, efficienza nell aiuto alla ricerca del personale e nella consulenza sulla normativa del lavoro. Soprattutto in momenti di grave crisi come quello attuale, diventa elemento strategico la capacità del soggetto pubblico di dare risposte adeguate; la Provincia di Cagliari, investendo sui servizi per il lavoro, ha attivato un percorso improntato alla volontà di avvicinare le istituzioni al cittadino, offrendo attività gratuite, trasparenti e soprattutto decentrate e diffuse nel territorio. Il permanere di condizioni di forte difficoltà occupazionale e lavorativa spinge l Ente Pubblico a dotarsi di strumenti atti a sostenere l occupabilità dei lavoratori al fine di potenziare il sistema di incontro tra domanda e offerta di lavoro. Attraverso i Centri Servizi per il Lavoro (CSL), diffusi su tutto il territorio provinciale, si vuole contribuire a favorire la crescita e la modernizzazione del mercato del lavoro e incentivare il dialogo tra gli attori principali, cioè le imprese e i lavoratori, anche e soprattutto nelle aree più decentrate e marginalizzate. La guida che presentiamo rientra nell ambito degli interventi volti a favorire la massima diffusione delle informazioni, rendendole accessibili a tutti. L auspicio è che sia uno strumento utile ai cittadini, alle imprese e a chiunque si debba misurare con l esperienza dell inserimento lavorativo, per conoscere le opportunità offerte dai Servizi per il Lavoro della Provincia di Cagliari. La Vice Presidente Angela Quaquero L Assessore alle Politiche del Lavoro Lorena Cordeddu

4 A chi è destinata questa guida? A chi cerca lavoro Per avere informazioni e orientamento Per offrire la propria disponibilità a cercare e svolgere un lavoro Per conoscere le opportunità offerte dal mercato del lavoro Per fare un tirocinio Per avviare un attività in proprio A chi ha perso il lavoro Per iscriversi nelle liste di disoccupazione Per offrire la propria disponibilità ad un nuovo lavoro Per conoscere le opportunità offerte dal mercato del lavoro Per avere informazioni su tipologie contrattuali e di inserimento lavorativo A chi lavora Per avere informazioni sulla formazione professionale Per accedere a incentivi per la formazione A chi è in mobilità o in cassa integrazione Per iscriversi nelle liste di mobilità Per trovare occasioni di reinserimento lavorativo Ai migranti Per avere informazioni su mercato del lavoro e formazione professionale Per offrire la propria disponibilità ad una attività lavorativa Per seguire corsi di formazione Agli studenti Per avere informazioni e sostegno per le scelte scolastiche Per avere chiarimenti sul diritto/dovere di frequentare attività formative Alle persone con disabilità Per iscriversi nelle liste di collocamento mirato Per avere informazioni sul mercato del lavoro Per entrare nel mercato del lavoro Ad un impresa Per segnalare le proprie necessità Per selezionare personale Per attivare tirocini Per affrontare eventuali vertenze Per assumere lavoratori o lavoratrici disabili Ad un ente pubblico Per segnalare le proprie necessità Per attivare tirocini Per selezionare personale Ad una scuola Per realizzare progetti informativi e didattici su tematiche specifiche Ad una agenzia formativa Per avere un quadro delle necessità delle imprese in tema di formazione Per pubblicizzare i propri percorsi formativi Per attivare progetti coordinati 4

5 Guida ai Servizi e alle Politiche per il Lavoro della Provincia di Cagliari La rete dei Servizi per il Lavoro della Provincia di Cagliari ha come principale obiettivo la gestione di politiche attive del lavoro funzionali ai bisogni delle comunità da governare e a garantire a tutti i cittadini pari opportunità nell accesso al mondo del lavoro, offrendo servizi personalizzati e di accompagnamento capaci di non disperdere il bagaglio culturale e professionale di cui ognuno è portatore. Questa breve guida vuole essere un vademecum per usare al meglio i servizi dedicati al lavoro, con l obiettivo di facilitare l orientamento delle scelte e delle attitudini e agevolare l incontro tra domanda e offerta di lavoro; uno strumento di facile utilizzo dedicato a italiani/e, stranieri/e, lavoratori/trici, imprese, scuole, agenzie formative, con informazioni concrete e immediate sulle opportunità a disposizione, su come farne uso e a chi rivolgersi. La guida è composta di due parti: i servizi centralizzati i servizi offerti dai Centri dei Servizi per il Lavoro L Assessore alle Politiche del Lavoro riceve su appuntamento, previo contatto con lo staff al numero di telefono o via 5

6 Organismi provinciali per la programmazione Commissione provinciale per i servizi e le politiche del lavoro (art. 8 L.R. 20/2005) La Commissione opera in qualità di organo permanente di concertazione e consultazione delle parti sociali in materia di programmazione provinciale delle politiche attive del lavoro e di gestione dei servizi per il lavoro. È composta dall Assessore alle Politiche del Lavoro che la presiede, da tre rappresentanti delle organizzazioni sindacali più rappresentative, da tre rappresentanti delle associazioni di categoria più rappresentative, da un rappresentante del forum del terso settore, da due rappresentanti di scuola e università, dalla consigliera provinciale di parità. Commissione provinciale per il collocamento mirato dei diversamente abili (art. 9 L.R. 20/2005) A tale Commissione sono affidati i compiti di cui al comma 1 dell articolo 6 della legge 68/99 (norme per il diritto al lavoro dei disabili), al fine di promuovere l inserimento e l integrazione lavorativa dei diversamente abili, in attuazione dei principi stabiliti dalle leggi statali. È composta dall Assessore alle Politiche del Lavoro, che la presiede, da tre rappresentanti delle associazioni di categoria più rappresentative, da tre rappresentanti delle organizzazioni sindacali più rappresentative, da quattro rappresentanti delle associazioni dei diversamente abili, da un medico del lavoro della ASL del capoluogo. Comitato tecnico (art. 9 L.R. 20/2005) Svolge compiti relativi alla valutazione delle residue capacità lavorative, alla definizione degli strumenti e delle prestazioni atti all inserimento e alla predisposizione dei controlli periodici sulla permanenza delle condizioni di inabilità e ogni altro compito ad esso espressamente attribuito dalla legge 68/99. È composto da un funzionario dell Amministrazione Provinciale, da un esperto del settore sociale e un medico legale, da un rappresentante dei datori di lavoro, da un rappresentante dei lavoratori, da un rappresentante delle associazioni dei diversamente abili presenti in Commissione. 6

7 I servizi centralizzati Mediazione conflitti di lavoro collettivi Mobilità pag. 8 Misure anticrisi pag. 9 Tirocini pag. 10 Osservatorio del mercato del lavoro pag. 11 Collocamento mirato diversamente abili pag. 12 Progetti di politiche attive per il lavoro pag. 13 7

8 Mediazione conflitti di lavoro collettivi - Mobilità Il servizio Mediazione conflitti di lavoro collettivi svolge funzioni di mediazione e conciliazione, attinenti i licenziamenti collettivi ed individuali ai sensi della Legge 223/91 e della Legge 236/93 Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo 46 (4 piano) Cagliari - Telefono fax Orari di apertura al pubblico Mattina: dal lunedì al venerdì dalle alle Pomeriggio: lunedì dalle alle Il servizio Mobilità effettua l analisi tecnica delle domande presentate dai lavoratori e approva l inserimento nelle liste di mobilità ai sensi della della L. 236/93 e della L. 223/91. Beneficiari L. 236/93: lavoratori, esclusi quelli con qualifica dirigenziale, assunti a tempo indeterminato e licenziati per giustificato motivo oggettivo o che si siano dimessi per giusta causa, anche da imprese con meno di 15 dipendenti. Beneficiari L. 223/91: lavoratori, esclusi quelli con qualifica dirigenziale, assunti a tempo indeterminato e licenziati da imprese che hanno avviato e concluso procedure di mobilità. Inoltre il servizio gestisce le procedure di licenziamenti individuali e/o collettivi del territorio provinciale. Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo, Cagliari - tel fax Orari di apertura al pubblico Mattina: dal lunedì al venerdì dalle alle Pomeriggio: lunedì dalle alle

9 Misure anticrisi Il servizio Misure anticrisi svolge un ruolo di coordinamento centrale delle procedure di gestione e reimpiego di lavoratori e lavoratrici in mobilità e cassa integrazione in deroga. In particolare svolge i seguenti compiti: gestione della documentazione relativa ai lavoratori/trici interessati studio di casi consulenza ad altri Enti sulla progettazione monitoraggio dei lavoratori e delle loro situazioni Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo 46 (4 piano), Cagliari - Telefono fax Orari di apertura al pubblico Mattina: dal lunedì al venerdì dalle alle Pomeriggio: lunedì dalle alle

10 Tirocini Il servizio Tirocini gestisce stage e tirocini interni alla Provincia, con costi a carico della Provincia sia in qualità di ente promotore sia come ente ospitante di tirocinanti interessati a sfruttare le proprie conoscenze, nonché ad apprendere sul campo le attività svolte dall Ente Locale. Le attività sono molteplici e fanno riferimento ai Settori ed agli Uffici di cui è composta la Provincia di Cagliari. Inoltre gestisce e istruisce progetti di tirocini con le aziende, con o senza borse promossi dal settore lavoro. L ufficio Tirocini presente in Provincia offre un servizio complementare a quello offerto presso i CSL a livello territoriale, con l intento comune di utilizzare un importante strumento di inserimento lavorativo previsto e regolato dalla legge. Sede dell ufficio Via G. Guglielmo 46 (4 piano), Cagliari - Telefono fax Orari di apertura al pubblico lunedì - mercoledì - venerdì dalle alle

11 Osservatorio del mercato del lavoro L Osservatorio del Mercato del Lavoro si occupa di analisi e monitoraggio del sistema economico-produttivo e occupazionale della Provincia di Cagliari Finalità e modalità di erogazione del servizio Nasce con l obiettivo di consentire una più puntuale conoscenza del territorio in termini di risorse e opportunità, anche al fine della costituzione di una rete di scambio e collaborazione con gli altri organismi istituzionali e non, che operano nel bacino provinciale. Raccoglie ed elabora le informazioni provenienti dalle varie fonti sul mercato del lavoro e realizza indagini periodiche e ricerche mirate su specifiche tematiche, con raccolta ed elaborazione sia di dati propri sia di dati provenienti da altre fonti. Beneficiari Mette a disposizione della collettività (in particolare sindacati, associazioni economiche e imprenditoriali, istituzioni locali) i dati relativi ai vari aspetti del mercato del lavoro (la domanda, l offerta, i flussi di lavoratori e di posti di lavoro), rafforzando così la cultura dello sviluppo territoriale tra tutti i soggetti interessati. Beneficiari finali delle attività sono i cittadini e le imprese, in quanto la conoscenza approfondita del mercato del lavoro consente alla Provincia di realizzare politiche attive del lavoro rispondenti alle reali esigenze del territorio. Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo 46 (4 piano), Cagliari Telefono /2 fax

12 Collocamento mirato diversamente abili Gli uffici provinciali per il collocamento mirato stipulano con i datori di lavoro convenzioni di integrazione lavorativa per l avviamento di disabili che presentino particolari difficoltà di inserimento. Tali convenzioni, oltre alle mansioni attribuite al lavoratore disabile e alle modalità del loro svolgimento, devono indicare forme di sostegno, consulenza e tutoraggio (art.11 L. 68/99). Il servizio gestisce le graduatorie provinciali; sottoscrive le convenzioni; controlla i prospetti informativi delle aziende; verifica la regolarità delle assunzioni. Il servizio Collocamento mirato diversamente abili presente in Provincia è complementare al servizio Inclusione socio-lavorativa per categorie svantaggiate offerto presso i CSL a livello territoriale. Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo, Cagliari Telefono fax Orari di apertura al pubblico Mattina: dal lunedì al venerdì dalle alle Pomeriggio: lunedì dalle alle

13 Progetti di politiche attive per il lavoro Le politiche attive si differenziano dalle politiche passive perché, mentre queste ultime mirano a ridurre il disagio sociale connesso alla disoccupazione attraverso misure di supporto come il sostegno al reddito, quelle attive intendono invece inserire (o re-inserire) nel mercato del lavoro coloro che ne sono esclusi. Le politiche attive per il lavoro corrispondono a tutte le iniziative messe in atto dalle istituzioni per promuovere l occupazione e l inserimento lavorativo, quest ultimo inteso sia come lavoro dipendente sia come auto-impiego e quindi creazione di nuova imprenditorialità. Il settore Lavoro della Provincia di Cagliari partecipa a progetti finanziati con Fondi Europei, nazionali o regionali, che rappresentano uno strumento importante per realizzare azioni innovative di sostegno. Sede dell ufficio Via Giudice Guglielmo 46 (4 piano), Cagliari Telefono fax Orari di apertura al pubblico Mattina: dal lunedì al venerdì dalle alle Pomeriggio: lunedì dalle alle

14 I Centri Servizi per il Lavoro I Centri dei Servizi per il Lavoro (CSL) hanno il compito di gestire tutti i servizi connessi alle funzioni attribuiti alle Province dalla Legge Regionale n 20/2005, a seguito del trasferimento delle competenze da parte dello Stato alle Regioni di cui al D.L. n. 469/97; tale riforma ha segnato il passaggio da un sistema basato su logiche meramente amministrative e burocratiche a uno incentrato sulle politiche attive del lavoro, misure appositamente pensate per aumentare l occupabilità, renderla più appetibile per il mondo del lavoro e più adatta a un mercato in rapida evoluzione. In concreto i CSL sono strutture pubbliche in cui, partendo dalla centralità dell individuo, e quindi della risorsa umana, si sviluppano percorsi che, dall analisi dei bisogni, consentono di arrivare alla definizione di progetti personali e all acquisizione delle capacità necessarie per svolgere al meglio la ricerca di lavoro; ma sono anche punti di riferimento per le imprese e per le loro esigenze professionali e occupazionali, capaci di offrire consulenze personalizzate e mirate a facilitare l incontro tra domanda ed offerta di lavoro. 14

15 I servizi offerti dai CSL I CSL offrono gratuitamente servizi di: Accoglienza, informazione pag. 16 Procedure amministrative pag. 17 Orientamento pag. 18 Incontro domanda offerta di lavoro pag. 19 Creazione d impresa pag. 20 Inclusione socio-lavorativa per categorie svantaggiate pag. 21 In tutti i CSL della Provincia vengono periodicamente organizzati seminari divulgativi e informativi su tematiche attuali di interesse collettivo, laboratori per l apprendimento di specifiche tecniche o strumenti di ricerca del lavoro, brevi corsi di formazione per gruppi di utenti omogenei. Grazie a questi servizi aperti a tutti e gratuiti sarà più facile muoversi e orientarsi nel mercato del lavoro!! 15

16 Accoglienza e informazione Il servizio è finalizzato all individuazione dei bisogni dell utente e a fornire informazioni sulle tematiche del lavoro, sui servizi offerti dal CSL e nel resto del territorio provinciale, su scuola e formazione professionale; questo primo contatto prevede l iscrizione nelle liste di disoccupazione Attraverso il colloquio di accoglienza/informazione, l utente dispone di: uno spazio di ascolto e di attenzione una prima verifica individualizzata sulle condizioni di accesso al servizio anagrafe del lavoro e presa in carico sulla propria situazione occupazionale da un punto di vista amministrativo e la possibilità di un suo aggiornamento (dati anagrafici, residenza/ domicilio, date di avviamento e cessazione di rapporti di lavoro, redditi da lavoro, ecc.) un luogo dove ottenere in maniera semplice e veloce alcuni documenti certificativi, quali: il certificato storico del percorso lavoratore (ex C2 storico), lo stato occupazionale, la scheda anagrafica presentazione e stipula del patto di servizio un rinvio ad altri servizi del Centro e eventuale prenotazione a servizi di consulenza L iscrizione alle liste anagrafiche dei CSL: Per essere inseriti nell elenco anagrafico (che sostituisce le liste di collocamento) ed usufruire di tutta la gamma dei servizi offerti dai CSL, è necessario recarsi presso il Centro del luogo in cui si ha il proprio domicilio e rilasciare una dichiarazione (mediante autocertificazione) attestante: il proprio stato di disoccupazione (sono considerato privo di occupazione anche se lavoro ma non supero determinati parametri di reddito compatibili) l immediata disponibilità allo svolgimento di un attività lavorativa Il patto di servizio: Il patto di servizio è un accordo tra il CSL e i suoi utenti che definisce le condizioni generali dell erogazione dei servizi da parte del Centro e della fruizione dei medesimi da parte del lavoratore, e in cui vengono definiti diritti e doveri di entrambe le parti (che devono sottoscriverlo). Il CSL si impegna ad offrire all utente quei servizi utili ad aumentare la sua occupabilità; l utente è tenuto a impegnarsi attivamente nella ricerca del lavoro accettando le congrue offerte proposte, pena la perdita di ogni beneficio economico e lo status di disoccupazione, a meno che il soggetto non dimostri la presenza di giustificati motivi per il rifiuto. Modalità di fruizione del servizio Si accede al punto di prima accoglienza recandosi direttamente al Centro dei servizi per il lavoro. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale 16

17 Procedure amministrative Attraverso la gestione delle procedure di natura amministrativa, si offrono una serie di servizi utili e relativi al lavoro e necessari alla formalizzazione degli atti obbligatori in base alla normativa sia nazionale che regionale. Il servizio è finalizzato a soddisfare ogni esigenza di tipo amministrativo-burocratico: verifica e aggiornamento della situazione occupazionale del lavoratore gestione delle procedure legate alla perdita e/o alla sospensione dello stato di disoccupazione rilascio certificati iscrizione alle liste di mobilità: aspetti amministrativi delle procedure di mobilità previste dalla L. 223/91 e dalla L. 236/93 (per i lavoratori e per i datori di lavoro) iscrizione lavoratori dello spettacolo avviamento a selezione nella P. A. (compresi i cantieri comunali) avviamento a selezione presso enti pubblici riservato a disabili comunicazioni obbligatorie aziendali adempimenti aziendali necessari per l applicazione della L. 68/99 Modalità di fruizione del servizio Si accede agli sportelli attraverso il servizio di accoglienza/informazione recandosi direttamente al Centro dei servizi per il lavoro. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale e eventuali precedenti e relative certificazioni 17

18 Orientamento A chi si rivolge Possono usufruire del servizio di Orientamento tutti coloro che vogliano definire meglio il lavoro o il percorso scolastico/formativo più adatto alle proprie risorse, ed individuare un modo per cercarlo. Per esemplificare: Giovani in cerca di prima occupazione Donne inoccupate o in reinserimento lavorativo Disoccupati o persone con esperienze lavorative informali Diplomati o laureati in un momento di scelta lavorativa o formativa Lavoratori in mobilità o in C.I.G.O., C.I.G.S., e in deroga In generale tutti coloro che vogliano un supporto per cercare attivamente lavoro. Il Servizio si sviluppa attraverso le seguenti attività: Percorsi personalizzati di consulenza orientativa, attraverso colloqui individuali, per accompagnare la persona nel definire un obiettivo lavorativo e/o formativo, compiere delle scelte, affrontare una situazione di transizione (ad es. dalla scuola al lavoro) Seminari informativi e Laboratori di gruppo sulle tecniche di ricerca attiva di lavoro, per supportare la persona nella organizzazione della propria ricerca di lavoro (definizione dell obiettivo professionale, autocandidatura, curriculum vitae e lettera di accompagnamento ) Percorsi di Bilancio di Competenze per sostenere la persona nella ricostruzione del proprio percorso personale e lavorativo al fine di definire un progetto lavorativo e/o formativo. A tutti i percettori di ammortizzatori sociali in deroga (CIGS e Mobilità in deroga) i CSL offrono pacchetti di servizi personalizzati. I CSL hanno il compito di prendere in carico i destinatari, avviarli ai percorsi di politiche attive per il lavoro, erogare le attività di accompagnamento e orientamento individuale o di gruppo e monitorare l attuazione degli accordi. Ciascun lavoratore che, entro 5 gg. dalla data di sospensione dal lavoro, si presenta al CSL di competenza, firma il DID, dichiarazione di immediata disponibilità, stipula il patto di servizio e sottoscrive il piano di azione individuale che può prevedere vari e differenziati servizi: orientamento e accompagnamento, percorsi formativi, corsi di qualifica o di abilitazione professionale, corsi di riqualificazione, aggiornamento o specializzazione professionale. Modalità di fruizione del servizio Si accede agli sportelli dell Orientamento attraverso il servizio di accoglienza/informazione. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale, un curriculum vitae e eventuali precedenti e relative certificazioni. Il Servizio si rivolge a cittadini italiani e stranieri iscritti nei CSL che abbiano stipulato il Patto di Servizio. 18

19 Incontro tra domanda e offerta di lavoro A chi si rivolge A persone disoccupate, inoccupate, in fase di reinserimento lavorativo o che desiderano cambiare lavoro e alle imprese Per le persone: colloqui individuali mirati a definire competenze/capacità/esperienze, aggiornare il curriculum vitae, informare sulle opportunità offerte dal MdL locale, regionale, nazionale ed europeo, raccogliere autocandidature e verificare i requisiti richiesti dalle imprese, formulare proposte occupazionali e formative seminari informativi per gruppi omogenei di 15/20 partecipanti su tematiche specifiche relative alle dinamiche del MdL locale, regionale, nazionale, europeo, in particolare sulle figure professionali più richieste laboratori finalizzati a favorire un più agevole approccio al mondo del lavoro, su strategie di ricerca attiva del lavoro promozione, attivazione e gestione di tirocini formativi con elaborazione e stesura di un progetto formativo in linea con le esperienze formative e professionali, attitudini, aspirazioni dell interessato/a attivazione tirocini formativi e di orientamento Per le imprese: individuazione fabbisogni formativi e professionali ricerca di personale e preselezione, ricerca dei profili professionali richiesti in banca dati, pubblicazione delle richieste sul sito www. sardegnalavoro.it, stampa locale, bacheche CSL attivazione, gestione, di tirocini formativi con stipula della convenzione tra CSL e impresa e monitoraggio durante il periodo del tirocinio gestione di progetti speciali quali bandi di tirocinio/stage promossi e finanziati da enti pubblici, e bandi di assunzioni agevolate Modalità di fruizione del servizio Si accede agli sportelli I/DO attraverso il servizio di accoglienza/ informazione. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale, un curriculum vitae e eventuali precedenti e relative certificazioni. Il Servizio si rivolge a cittadini italiani e stranieri iscritti nei CSL che abbiano stipulato il Patto di Servizio. 19

20 Creazione d impresa A chi si rivolge A tutti gli interessati ad avviare un attività in proprio in forma d impresa o di lavoro autonomo. In prima istanza il servizio offre informazioni sulla creazione d impresa, sul sistema delle agevolazioni finanziarie e sulle altre strutture del territorio che si occupano a vario titolo di autoimprenditorialità. Modalità di fruizione del servizio Si accede agli sportelli di Creazione d impresa attraverso il servizio di accoglienza/informazione. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale, un curriculum vitae e eventuali precedenti e relative certificazioni Offre, inoltre, consulenza e assistenza nella predisposizione del business plan con particolare riferimento alle fasi dell autovalutazione dell aspirante imprenditore, della valutazione dell idea d impresa, dell analisi del settore di mercato di riferimento, della scelta della forma giuridica, della verifica degli adempimenti amministrativi e burocratici. Offre tutoraggio nella compilazione delle domande e nella verifica del corretto adempimento degli aspetti relativi alla costitu zione dell impresa. Organizza interventi di animazione territoriale, workshop e seminari, finalizzati alla presentazione delle principali leggi di agevolazione finanziaria, alla diffusione della cultura d impresa, organizza inoltre laboratori didattici per la compilazione del business plan. 20

21 Inclusione socio-lavorativa per categorie svantaggiate A chi si rivolge A lavoratori e lavoratrici diversamente abili e appartenenti alle categorie protette, in età lavorativa. Il Collocamento delle persone disabili è una delle competenze attribuite alle Province dalla riforma del mercato del lavoro. In particolare, la Legge n. 68 del 1999 ha cambiato in maniera significativa le logiche con cui veniva gestito questo servizio: al concetto di collocamento obbligatorio è stato affiancato quello di collocamento mirato, inteso come insieme di servizi per favorire l incontro tra le esigenze dei datori di lavoro e le caratteristiche individuali delle persone disabili o appartenenti ad altre categorie protette. Il Servizio promuove l inserimento e l integrazione lavorativa delle persone diversamente abili nel mondo del lavoro attraverso attività di sostegno e di inserimento mirato. Nell ambito di un colloquio individuale è possibile l iscrizione dell utente nelle liste di collocamento dedicate (L. 68/99) che comprendono le seguenti categorie: invalidi civili con invalidità superiore al 45%, invalidi del lavoro con invalidità superiore al 33%, non vedenti o sordomuti, invalidi di guerra, invalidi civili di guerra o invalidi per servizio con minorazioni previste dalla legge, orfani e coniugi di deceduti per cause di lavoro, guerra o servizio, figli e coniugi di grandi invalidi di guerra, di servizio o del lavoro o di profughi italiani rimpatriati. Vittime del terrorismo e della criminalità organizzata o loro coniugi hanno precedenza assoluta anche rispetto alle altre categorie protette e anche nell ipotesi in cui già svolgano un attività lavorativa. Vengono valutate capacità, competenze, bisogni, aspettative delle persone e la possibilità di inserirle nel luogo di lavoro più adatto, sulla base di un progetto personalizzato di inserimento lavorativo. È inoltre possibile ricevere informazioni sugli obblighi che l azienda deve assolvere. Vengono infine offerte consulenze su percorsi formativi, accesso all incontro domanda/offerta, raccolta di autocandidature, segnalazione di aziende. Modalità di fruizione del servizio Si accede al servizio di Inclusione socio-lavorativa attraverso il servizio di accoglienza/informazione. È sempre utile che il lavoratore porti con sé un documento di identità personale, un curriculum vitae e eventuali precedenti e relative certificazioni. Il Servizio si rivolge a cittadini italiani e stranieri iscritti nei CSL che abbiano stipulato il Patto di Servizio. 21

22 Riferimenti dei Centri Servizi per il Lavoro della Provincia di Cagliari (www.provincia.cagliari.it) Gli sportelli di tutti i CSL rispettano i seguenti orari di apertura: Mattina: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle Pomeriggio: lunedì dalle alle 17.00; Martedì stesso orario ma solo su appuntamento I Comuni di Cagliari e Monserrato hanno come CSL di competenza: CAGLIARI Via Calamattia Cagliari Telefono: Fax: I Comuni di Quartu Sant Elena, Quartucciu, Selargius, Serdiana, Settimo San Pietro, Sinnai, Soleminis, Burcei, Maracalagonis, Dolianova, Donori, Villasimius hanno come CSL di competenza: Quartu Sant Elena Via Bizet s.n.c Quartu Sant Elena Telefono: Fax: Sede decentrata di Villasimius Via Regina Elena Villasimius Telefono: Fax: I Comuni di Gesico, Guasila, Mandas, Nuraminis, Samatzai, San Basilio, San Nicolò Gerrei, Siurgus Donigala, Suelli, Villasalto, Ballao, Barrali, Goni, Guamaggiore, Ortacesus, Pimentel, Sant Andrea Frius, Selegas, Senorbì, Silius hanno come CSL di competenza: Senorbì Via Carlo Sanna Senorbì Telefono Fax

Programma di sviluppo rurale 2007-2013 - Misura 215 - Annualità 2011 Pagamenti per il miglioramento del benessere degli animali

Programma di sviluppo rurale 2007-2013 - Misura 215 - Annualità 2011 Pagamenti per il miglioramento del benessere degli animali Programma di sviluppo rurale 2007-2013 - Misura 215 - Annualità 2011 Pagamenti per il miglioramento del benessere degli animali 1 anno di impegno: 15 settembre 2011-14 settembre 2012 Calendario corsi di

Dettagli

Razionalizzazione della rete degli ambulatori vaccinali

Razionalizzazione della rete degli ambulatori vaccinali AGGIORNAMENTI IN TEMA DI VACCINAZIONE I Bisogni di salute non soddisfatti Cagliari, Hotel Caesar 30 giugno 2012 Razionalizzazione della rete degli ambulatori vaccinali Fare clic per modificare lo stile

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO 00 SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO Piccolo glossario per gli utenti dei Centri per l Impiego. 2 1. La classificazione degli utenti 2. Lo stato di disoccupazione 3. Conservazione perdita e

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento in cui AFP COLLINE ASTIGIANE specifica le finalità e le caratteristiche

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro IL COLLOCAMENTO DISABILI ex lege 68/1999 Parlare di COLLOCAMENTO MIRATO non significa che non vi sia più obbligo da parte dei datori di lavoro di assumere

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO NORMATIVA: L. n 68 del 12 marzo 1999 recante il titolo Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; entrata in vigore il 18 gennaio

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

I. Il progetto Andiamo a Lavorare!

I. Il progetto Andiamo a Lavorare! Andiamo a Lavorare! I. Il progetto Andiamo a Lavorare! I. Come è nato Il progetto Andiamo a lavorare! nasce dall incontro tra una Amministrazione Comunale di Canale Monterano,, gli Operatori del Servizio

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO In ambienti di lavoro che occupano più di 15 dipendenti, i datori di lavoro sono obbligati ad assumere un numero di dipendenti appartenenti alle categorie protette in base al

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità.

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Centri per l Impiego della Provincia di Rieti Centro per l'impiego Rieti Via M. Rinaldi

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO La rete degli operatori - L.R. 22/2006 Il sistema regionale è composto da

Dettagli

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Provincia di Bergamo I servizi dei centri per l Impiego Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Lavoro e Politiche Le Politiche del Lavoro: Mirano a Interventi per regolare le modalità

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 PRESENTAZIONE Gruppo R è una cooperativa sociale di tipo A, costituita ai sensi della legge 381/91. Come tale è quindi un soggetto in continua

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI Informativa su DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI formativi e di orientamento, dei tirocini di inserimento e reinserimento lavorativo e dei tirocini estivi, in attuazione dell art. 35 della L.R. 30/2008

Dettagli

f)tirocini formativi e di orientamento

f)tirocini formativi e di orientamento Tirocini Formativi f)tirocini formativi e di orientamento DEFINIZIONE è una misura di politica attiva finalizzata al contatto diretto tra azienda e tirocinante, con lo scopo di acquisire conoscenze e competenze

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

DOTE LAVORO 2012 MOBILITÀ IN DEROGA

DOTE LAVORO 2012 MOBILITÀ IN DEROGA DOTE LAVORO 2012 MOBILITÀ IN DEROGA CONTINUIAMO " A DOTARCI CONTRO LA CRISI Per il quarto anno consecutivo La Regione del Veneto ha promosso attraverso lo strumento della Dote Lavoro, percorsi di politica

Dettagli

DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA

DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA " " CONTINUIAMO A DOTARCI CONTRO LA CRISI Per il quarto anno consecutivo La Regione del Veneto ha promosso attraverso lo strumento della Dote Lavoro, percorsi

Dettagli

Ai Responsabili dei Centri per l impiego della Provincia di Cuneo. Loro sedi.

Ai Responsabili dei Centri per l impiego della Provincia di Cuneo. Loro sedi. C.so Nizza, 21-12100 CUNEO - Tel. 0171445111 - Fax 0171698620 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00447820044 www.provincia.cuneo.it email: urp@provincia.cuneo.it AREA FUNZIONALE SERVIZI ALLA PERSONA Settore:

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Assessorato Politiche del Lavoro SETTORE LAVORO

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Assessorato Politiche del Lavoro SETTORE LAVORO PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU Assessorato Politiche del Lavoro SETTORE LAVORO BANDO PUBBLICO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO AI SENSI DELLA LEGGE 68/99 DESTINATI

Dettagli

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 DEL 21/01/10 Deliberazione della Giunta Regionale 21 dicembre 2009, n. 100-12934 LR 34/08 artt.38-41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole sull'acquisizione, conservazione e perdita dello stato di disoccupazione, approvate

Dettagli

FAQ. Avviso Pubblico "Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015.

FAQ. Avviso Pubblico Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015. FAQ Avviso Pubblico "Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015. Chiarimenti in merito ai requisiti per presentare l adesione dei disoccupati

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 Centro per l Impiego di M O R L U P O Centro per l Impiego di Morlupo Via San Michele 87-89 telefono : 06/9072763 fax: 06/90192776 e-mail : impiego.morlupo@provincia.roma.it

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO ALLEGATO A PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia del Medio Campidano, d intesa con l Assessorato Regionale al Lavoro, Formazione Professionale,

Dettagli

CESIL DELL UNIONE DEI COMUNI DEL PARTEOLLA E BASSO CAMPIDANO GUIDA AL LAVORO

CESIL DELL UNIONE DEI COMUNI DEL PARTEOLLA E BASSO CAMPIDANO GUIDA AL LAVORO CESIL DELL UNIONE DEI COMUNI DEL PARTEOLLA E BASSO CAMPIDANO GUIDA AL LAVORO Centro Servizi per l inserimento e reinserimento lavorativo dei Soggetti svantaggiati P.O.R. Sardegna 2000/2006 - Misura 3.4

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 Campania al Lavoro, un piano di azione per favorire l, occupazione Qualità e innovazione per l occupazione.

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Profilo Amministrativo: L attivazione di un percorso di tirocinio prevede la presenza fondamentale di tre soggetti: 1) Tirocinante; 2) Soggetto Promotore (soggetto terzo

Dettagli

Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15. Employers Day

Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15. Employers Day Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15 Federico CONTI Genova 07 Aprile 2016 Employers Day Azioni di sostegno per l attuazione sul territorio delle politiche del lavoro

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

I SERVIZI PER L'IMPIEGO

I SERVIZI PER L'IMPIEGO I SERVIZI PER L'IMPIEGO Nel corso degli anni il ruolo del Centro per l Impiego è cambiato: c'è stato un passaggio epocale da amministrazione meramente certificatrice (ufficio di collocamento) ad amministrazione

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi IL COLLOCAMENTO MIRATO a cura di Alessandra Bezzecchi Quante volte abbiamo sentito parlare di collocamento mirato delle persone disabili? Negli ultimi dieci anni credo spesso e se all inizio non se ne

Dettagli

IL TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO GUIDA OPERATIVA

IL TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO GUIDA OPERATIVA REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, AGENZIA REGIONALE PER L IMPIEGO E PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Ufficio Provinciale del Lavoro e della Massima Occupazione

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITA A PARTECIPARE. AL PROGETTO INCOESIONE (DGR n. 1151 del 05.07.2013) Il/la Sig./Sig.ra (Cognome) (Nome)

DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITA A PARTECIPARE. AL PROGETTO INCOESIONE (DGR n. 1151 del 05.07.2013) Il/la Sig./Sig.ra (Cognome) (Nome) FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Asse III Inclusione Sociale VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE UMANO POLITICHE PER L OCCUPAZIONE E L OCCUPABILITÀ - ANNO 2013

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati PROVINCIA OGLIASTRA PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati INVITO A MANIFESTARE INTERESSE, DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia dell Ogliastra,

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009 AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Art. 1 comma 411 Legge n. 266/2005 PIANO DI AZIONE PROVINCIALE PER IL REIMPIEGO 2007/2009 DOTI Inserimento Lavorativo DOTI Autoimprenditorialità AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI

Dettagli

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia!

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! Nota informativa ottobre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! E stato pubblicato il decreto della Regione Lombardia contenente l Avviso della Dote

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI COS È LA DOTE LAVORO La dote lavoro è un pacchetto di servizi, accompagnato da un indennità economica, offerto ai lavoratori per favorire

Dettagli

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis.

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis. AVVISO 411/E Allegato A) INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L ASSUNZIONE DEGLI EX DETENUTI E DEI DETENUTI CON PERMESSO AI SENSI DELL ART. 21 LEGGE N.354/75 E DEL DECRETO-LEGGE N. 78/2013 1. Obiettivi e principi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO APPIANO GENTILE CANTU COMO ERBA MENAGGIO COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI 0 L DELLA PROVINCIA DI COMO Dal 1999

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1 IL RETTORE Decreto n. 10416 (77) Anno 2014 VISTA la delibera del Senato Accademico del 16 gennaio 2013 che approva l adesione all Accordo di collaborazione tra la Regione Toscana, le Università degli Studi

Dettagli

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro Allegato A) al capitolato speciale d appalto Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro SERVIZIO/AZIONE OBIETTIVI ATTIVITÀ Informazione orientativa (Macro intervento 1) Raccogliere

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

$ &% ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6 " (--0!!#! !( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! !"! # #$ % &! * +"!#,!! -!-!*!% -,!,!,! "!.!&/#!#++ ""! *!,!0-!

$ &% ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6  (--0!!#! !( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! !! # #$ % &! * +!#,!! -!-!*!% -,!,!,! !.!&/#!#++ ! *!,!0-! !"! # #$ % %$ %%&& # ' #&$&$'* &$& &! * +"!#,!! $ &% #' $ ( %)% ## (%( # # $ &'$ -!-!*!% -,!,!,! "!.!&/#!#++ ""! ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6 " (--0!!#!!( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! *!,!0-! 2-",3-"

Dettagli

Supera la crisi con i corsi del Consorzio Formazione&Lavoro

Supera la crisi con i corsi del Consorzio Formazione&Lavoro Supera la crisi con i corsi del Consorzio Formazione&Lavoro Percorsi di formazione gratuiti per i beneficiari degli ammortizzatori sociali in deroga formazione&lavoro servizi per l'occupazione e la formazione

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione

L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione di Silvia Spattini 1. Le novità normative su l anagrafe dei lavoratori e lo stato di disoccupazione L art. 3 del d.l. n.

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone SOMMARIO SERVIZI ALLE PERSONE - Accoglienza e informazione - Dichiarazione di disponibilità all impiego e colloquio di primo livello; - Colloquio di

Dettagli

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda 2014 Imera Sviluppo 2010 Giuseppe Di Gesù [GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda GARANZIA GIOVANI: CHE COS E La Garanzia Giovani

Dettagli

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA

Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Macroarea: DOTE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA DOTE: ATTIVAZIONE D Il lavoratore che si trovi in cassa integrazione o disoccupato con il diritto a un indennità di sostegno del reddito è tenuto ad accettare

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

Art. 1 (Principi e finalità)

Art. 1 (Principi e finalità) Regione Lazio L.R. 20 Marzo 2009, n. 4 Istituzione del reddito minimo garantito. Sostegno al reddito in favore dei disoccupati, inoccupati o precariamente occupati (1) Art. 1 (Principi e finalità) 1. La

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Insieme di interventi di carattere pubblico finalizzati alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. COSA SONO Politiche

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

TIROCINI FORMATIVI. - università e istituti di istruzione universitaria statali e non statali abilitati al rilascio di titoli accademici;

TIROCINI FORMATIVI. - università e istituti di istruzione universitaria statali e non statali abilitati al rilascio di titoli accademici; TIROCINI FORMATIVI 1. Nozione I tirocini formativi, anche detti stages, costituiscono una forma d'inserimento temporaneo dei giovani all'interno dell'azienda, al fine di realizzare momenti di alternanza

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE RISERVATI ALLE AZIENDE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 1 1. Chi siamo 2. La carta dei servizi 3. A chi ci rivolgiamo 4. I nostri servizi 5. Modalità di accesso 6. Attuazione e controllo 7. Dove siamo 2 1. CHI SIAMO C.C.S. è

Dettagli

Lavoriamo insieme per il vostro business

Lavoriamo insieme per il vostro business AGENZIA PER IL LAVORO CONSULENZA AZIENDALE SISTEMI DI GESTIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE Lavoriamo insieme per il vostro business Lavoriamo insieme per il vostro business Nata nel 2003 dalla collaborazione

Dettagli

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino ALLEGATO SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE DEL FONDO REGIONALE DISABILI ULTERIORMENTE ASSEGNATE AL PIANO PROVINCIALE FRD 2008-10 CON LA

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale

Regolamento per il reclutamento del personale Pagina 1 di 7 Regolamento per il 1 Pagina 2 di 7 INDICE PREMESSA... 3 ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 ARTICOLO 2 PROCEDURA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE... 4 ARTICOLO 3 PROCEDURA PER LA RICERCA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO Edizione 01 settembre 2013 1 Sommario Premessa...3 Api formazione s.c.r.l...3 Struttura della Carta dei Servizi...4 1. Principi fondamentali e valori...4

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Direzione Servizi agli Studenti Ufficio Orientamento allo Studio www.orientamento.unimore.it PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Il Progetto Orientamento di Ateneo (P.O.A.) dell Università degli studi di Modena

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

ALLEGATO 1. SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4

ALLEGATO 1. SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4 ALLEGATO 1 SCHEDE DEI SERVIZI di cui all art. 4 1 Sevizi per il lavoro generali obbligatori (Art. 4 co. 1) Area funzionale I coinvolte negli SPI - Illustrare i servizi offerti; - Informare sulla rete dei

Dettagli

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011 2013 II parte INTERVENTI testo approvato dalla Commissione provinciale per l impiego con deliberazione n. 373 del 26 luglio 2011 ed adottato dalla

Dettagli