CARTA DEI SERVIZI PER L IMPIEGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI PER L IMPIEGO"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI PER L IMPIEGO 1

2 Sommario Prima parte L Agenzia Est Milano Presentazione pag. 5 Chi siamo pag. 6 Dove siamo pag. 7 Contatti pag. 8 Seconda parte La Carta dei Servizi Cos è la Carta dei Servizi pag. 10 Principi fondamentali pag. 11 Normativa di riferimento pag. 12 Suggerimenti e reclami pag. 13 Terza parte I servizi offerti [Servizi al cittadino] Area Lavoro - Orientamento pag. 15 Accoglienza informativa Colloquio di accoglienza, dichiarazione di disponibilità al lavoro Stato/indennità di disoccupazione Iscrizione alle liste di mobilità Accesso al lavoro nella Pubblica Amministrazione (articolo 16 legge 56/87) Colloquio di approfondimento Accompagnamento al lavoro/servizio di ricollocazione Dote Lavoro Dote Ammortizzatori Servizio Incontro domanda e offerta di lavoro Tirocini Servizio Incrocio domanda e offerta per Assistenti Familiari Collocamento mirato delle Categorie Protette (legge 68/99) Match- Percorsi valutazione del potenziale per utenti disabili (Piano Emergo) SIL - Servizio Inserimenti Lavorativi per disabili e soggetti deboli Area Formazione pag. 23 Corsi di aggiornamento professionale formazione continua e permanente Formazione per apprendisti [Servizi a imprese pubbliche amministrazioni] Area Lavoro pag. 24 Accoglienza informativa e consulenza su agevolazioni, incentivi, progetti speciali Servizio Incontro domanda e offerta di lavoro Attivazione di tirocini formativi Ricollocazione/outplacement Dote Ammortizzatori Inserimento lavorativo disabili: preselezione mirata Avviamento a selezione nella pubblica amministrazione (art. 16 L. 56/87) Servizio Incrocio domanda e offerta per Assistenti Familiari SIL - Servizio Inserimenti Lavorativi per disabili e soggetti deboli 2

3 Area Formazione pag. 29 Formazione per aziende ed enti Formazione per apprendisti e tutor Quarta parte Documenti utili Le AFOL Provinciali pag. 31 Modulo per suggerimenti/reclami pag. 34 Glossario pag. 35 3

4 I parte L AGENZIA EST MILANO 4

5 Presentazione La Provincia di Milano ha realizzato un programma che ha condotto alla costituzione di una Rete di Agenzie pubbliche, che si configurano come enti strumentali della Provincia e dei Comuni, per la gestione dei servizi in materia di formazione orientamento e lavoro, e consentono di valorizzare la competenza locale e rispondere alle specificità delle singole aree del territorio. Le Agenzie per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro (AFOL) sono nate con l obiettivo di rafforzare l offerta di servizi, superando la precedente frammentazione sul territorio provinciale, unificando strutture e funzioni prima suddivise tra più soggetti e al tempo stesso favorendo una più razionale e accessibile dislocazione sul territorio, diventando importanti nodi della rete territoriale per l occupazione e lo sviluppo locale della Provincia di Milano. Le AFOL, ciascuna nel proprio ambito territoriale, propongono servizi rivolti ai cittadini, alle aziende, ai Comuni e alle scuole, rafforzando l offerta a livello territoriale e dando risposte ai bisogni della collettività riguardo alla formazione e al lavoro. Nel territorio della Provincia di Milano sono operative: AFOL Milano AFOL Nord AFOL Est AFOL Sud AFOL Nord Ovest AFOL Ovest Nel territorio della Provincia di Monza e Brianza: AFOL Monza e Brianza I servizi offerti si ispirano ai seguenti principi: minori costi valorizzazione delle risorse e dei soggetti operanti sul territorio con l obiettivo di razionalizzare il sistema dei servizi pubblici e privati per il lavoro e la formazione sussidiarietà trasferimento dal Centro verso le aree sub provinciali di alcuni importanti servizi, al fine di favorire una maggiore vicinanza ai cittadini e alle imprese attori locali come motore del sistema di erogazione dei servizi valorizzazione del ruolo degli attori locali chiamati a costruire la rete dei servizi per il lavoro e la formazione dal servizio standardizzato al servizio personalizzato creazione di un network di servizi flessibile nel rispondere ai bisogni di cittadini e imprese e nell erogazione governance di sistema come garanzia del conseguimento dei risultati attesi investimento sulla funzione di governance della rete come strumento di integrazione delle risorse, definizione di obiettivi e standard di servizio e monitoraggio delle attività 5

6 Chi siamo AFOL Est Milano gestisce il Centro per l Impiego di Melzo ed è un ente strumentale della Provincia di Milano e di 23 Comuni dell area Est Milano: Bellinzago Lombardo, Bussero, Carugate, Cassano d'adda, Cassina de' Pecchi, Cernusco sul Naviglio, Gessate, Grezzago, Inzago, Liscate, Melzo, Pessano con Bornago, Pioltello, Pozzo d'adda, Pozzuolo Martesana, Settala, Trezzano Rosa, Truccazzano, Unione di Comuni di Basiano e Masate, Vaprio d'adda, Vignate e Vimodrone. L Azienda Speciale Consortile nasce nel a seguito e ai sensi della delibera del Consiglio Provinciale n. 346 del 28/2/2008, così come sancito dagli artt. 112 e seguenti del D. Lgs. n. 267/ con l obiettivo di consolidare la capacità di offrire servizi pubblici di qualità per cittadini e imprese. Tutti i servizi offerti da AFOL Est mirano a migliorare l'occupazione, favorire la crescita del capitale umano e sostenere lo sviluppo locale. L Agenzia è certificata conforme ai requisiti della norma sui sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001:2008 e accreditata ID Operatore N /2008 da Regione Lombardia per i servizi al lavoro (Melzo, Cernusco sul Naviglio e Pioltello) e formativi (Cernusco sul Naviglio e Melzo). L Agenzia ha adottato un proprio Codice Etico, elaborato allo scopo di presentare i valori e i comportamenti organizzativi a cui fa riferimento l AFOL Est Milano nella realizzazione dei servizi per il sistema degli utenti/clienti - beneficiari diretti ed indiretti - e il sistema degli stakeholder. Il Codice Etico è pubblicato in L'integrazione dei servizi per formazione, orientamento e lavoro rappresenta l opportunità di intervenire ad ampio raggio sulle Politiche Attive del Lavoro mettendo a disposizione di cittadini e imprese servizi qualificati. Obiettivo della struttura è diventare punto di riferimento importante sul territorio, un costante interlocutore con cittadini, Enti, aziende e studi professionali in materia di ricerca e supporto occupazionale, consulenza e formazione. In AFOL Est operano gruppi di lavoro in grado di svolgere adempimenti amministrativi, ma anche capaci di analizzare le competenze professionali dei lavoratori, di osservare e agire sui cambiamenti del mercato del lavoro, di elaborare progetti di formazione e di sostegno all inserimento/reinserimento lavorativo, facilitando l incontro tra domanda e offerta di lavoro e offrendo servizi d informazione, accoglienza, orientamento e accompagnamento. 6

7 Dove siamo L ambito territoriale di competenza dell Agenzia è quello dei 28 comuni situati a est della città di Milano, tra il naviglio della Martesana e il fiume Adda: una superficie complessiva di 265 Kmq. L area conosciuta come Est Milano è il risultato dell integrazione di due diverse aree territoriali: quella di Melzo (costituita dai 16 comuni adiacenti a Milano) e quella di Cassano d Adda (costituita da 12 comuni vicini alla provincia di Bergamo). Nonostante le specificità dei singoli comuni e di queste due aree di riferimento, il dinamismo e lo spirito di collaborazione degli attori territoriali hanno permesso l attivazione di importanti servizi associati per il lavoro, l impresa e lo sviluppo locale, che hanno coinvolto non solo buona parte di questi Comuni, ma anche enti e amministrazioni pubbliche di province limitrofe. L Est Milano è un area caratterizzata da una buona compatibilità tra sistema economico, residenziale e ambientale che, oltre a incidere positivamente sulla qualità della vita, ha determinato negli ultimi decenni un importante aumento della popolazione residente. I 28 comuni dell area hanno un sistema produttivo costituito da più di unità locali (censimento 2001), la maggior parte di piccole e medie dimensioni, e una popolazione di circa persone (2009), di cui lavoratori (censimento 2001). Questo territorio ha registrato, negli anni Novanta, una crescita di popolazione residente e un aumento dell occupazione più alto della media della Provincia di Milano. L Est Milano sta evolvendo rapidamente verso una struttura produttiva incentrata sul terziario (64,08% di occupati), mentre il manifatturiero si attesta su valori superiori alla media provinciale (35,91% di occupati). L occupazione manifatturiera è concentrata in cinque settori che rappresentano altrettanti punti di forza del sistema produttivo locale: la produzione di macchine e metalli e quella di apparecchiature meccaniche, il settore chimico/farmaceutico, l editoria e stampa. L ottima posizione strategica è un altro elemento caratterizzante dell Est Milano, rafforzato dall esistenza di importanti infrastrutture di comunicazione che collegano il territorio con i principali assi stradali e ferroviari milanesi: Aeroporto di Linate Metropolitana Linea 2 Autostrada A4 Milano-Venezia Tangenziale Est Linee suburbane (S5, S6) Comuni Basiano Bellinzago Lombardo Bussero Cambiago Carugate Cassano d'adda Cassina de Pecchi Cernusco sul Naviglio Gessate Gorgonzola Grezzago Inzago Liscate Masate Melzo Pozzo d'adda Pessano Pioltello Pozzuolo Martesana Rodano Segrate Settala Trezzano Rosa Trezzo d Adda Truccazzano Vaprio d'adda Vignate Vimodrone 7

8 Contatti SEDE LEGALE CENTRALE via Cristoforo Colombo, 8 Pal. B Melzo (MI) telefono fax codice fiscale e partita iva sito: SERVIZI AL LAVORO E ORIENTAMENTO Sportelli d'area L Agenzia ha strutturato alcuni sportelli con l obiettivo di farne un riferimento territoriale; questi sportelli hanno un apertura al pubblico significativa. Melzo - Centro per l'impiego via San Martino, 4 telefono fax da lunedì a giovedì / ; venerdì Cassano d'adda piazza Lega Lombarda, 9 telefono martedì e giovedì: Pioltello c/o Centro Civico via Leoncavallo telefono lunedì e mercoledì: ; martedì e giovedì: Sportelli comunali L Agenzia ha costituito una rete di 9 sportelli che coprono l est milanese Per consultare l elenco degli sportelli territoriali e gli orari di apertura: SERVIZI FORMATIVI Cernusco sul Naviglio Strada Padana Superiore 2/B telefono fax da lunedì a venerdì:

9 II parte LA CARTA DEI SERVIZI 9

10 Cos è la Carta dei Servizi Il concetto di Carta dei Servizi è stato introdotto nell ordinamento italiano da tempo relativamente breve (la prima direttiva al riguardo è stata emanata con D.P.C.M. del 27 gennaio 1994), con lo scopo di modellare i servizi pubblici in modo da garantire una migliore qualità dell'offerta e una maggior tutela degli utenti. La Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 94 su Principi sull erogazione dei servizi pubblici prevede l adozione da parte delle pubbliche amministrazioni che erogano servizi pubblici della Carta dei servizi pubblici, uno strumento volto a migliorare le relazioni tra cittadini, imprese e amministrazioni. La Carta dei Servizi si pone come una sorta di patto tra il soggetto erogatore e i propri utenti in relazione a: informazione, standard di qualità, meccanismi di partecipazione, tutela dei diritti di cittadini e imprese. La Carta dei Servizi descrive in modo semplice le finalità e le modalità di accesso ai servizi nonché le opportunità che offrono. La Carta dei Servizi: informa in modo trasparente e completo, per accrescere negli interlocutori la conoscenza dei servizi offerti; favorisce la partecipazione degli utenti ai servizi, garantendo il diritto di accesso alle informazioni; facilita l accesso ai servizi offerti; accoglie suggerimenti e reclami volti al miglioramento dei servizi e all aumento della soddisfazione di cittadini e imprese. Attraverso la Carta dei Servizi, l Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano si impegna a costruire una relazione con cittadini e imprese riconoscendoli come interlocutori attivi, clienti e portatori di specifici diritti, bisogni e interessi. 10

11 Principi fondamentali La Carta dei Servizi per l Impiego di AFOL Est si ispira ai seguenti principi fondamentali: Eguaglianza e imparzialità Nessuna distinzione nell erogazione può essere compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, lingua, religioni e opinioni politiche. Le regole riguardanti i rapporti e l accesso ai servizi sono uguali per tutti, pur valorizzando l adeguamento delle modalità di erogazione dei servizi alle esigenze dei singoli soggetti. I rapporti instaurati con l utenza seguono quindi criteri di uguaglianza, imparzialità, legalità, pari opportunità. Continuità L impegno è di offrire il più possibile i propri servizi con continuità, nel tempo e senza interruzioni. In caso in cui venga a mancare questa condizione, verranno adottate le misure idonee per arrecare agli utenti il minor disagio possibile. Diritto di scelta Se consentito dalla legislazione attuale, l utente ha diritto di scegliere tra i soggetti che erogano il servizio. Il diritto di scelta riguarda, in particolare, i servizi distribuiti sul territorio. Partecipazione La partecipazione del cittadino alla prestazione pubblico deve essere sempre garantita; l utente ha il diritto di accesso alle informazioni che lo riguardano così come può presentare osservazioni e reclami se rivolti al miglioramento dei servizi. Accessibilità Al fine di agevolare l accesso ai servizi, AFOL Est è dotata di una rete di sportelli territoriali che garantiscono l informazione puntuale dei servizi e dei progetti rivolti ai cittadini. Qualità Le attività dei Servizi Pubblici per l Impiego vengono svolte dagli operatori attraverso la continua ricerca della soddisfazione degli utenti. La realizzazione di tale principio prevede di individuare le esigenze degli utenti, definire le modalità operative idonee per l erogazione dei servizi, adottare indicatori e standard per misurare le prestazioni dei servizi, intraprendere azioni per migliorarle con continuità. L utente/cliente ha la possibilità di valutare la qualità operata dall Agenzia attraverso presentazione di suggerimenti e reclami, compilazione di relazioni e questionari di customer satisfaction. Privacy I dati raccolti sono trattati in modo conforme e nel rispetto di quanto previsto in materia di tutela dei dati personali. Efficienza ed efficacia Il continuo miglioramento è individuato come finalità cui volgere attraverso lo sviluppo delle risorse umane e finanziarie in una logica di efficienza ed efficacia. 11

12 Normativa di riferimento Dal 1999, si è realizzato il passaggio di competenze dal Ministero del Lavoro alle Regioni e alle Province in materia di mercato del lavoro, come principalmente previsto dal D. Lgs. 469/97 attuativo della Legge n. 59/97. Il decentramento di tali compiti ha lo scopo di affidare agli Enti territoriali l insieme delle attività volte a promuovere un efficace incontro tra domanda e offerta di lavoro e ad agevolare l inserimento nel mercato del lavoro. Regione Lombardia ha disciplinato le proprie competenze in materia di politiche del lavoro attraverso la L.R. n. 1/99, attuando la riforma dei Servizi all Impiego. I Centri per l Impiego (ex uffici di collocamento) sono pubblici uffici che offrono gratuitamente agli utenti/clienti: servizi di accoglienza informativa, orientamento, avvio in tirocinio, preselezione e attività di raccordo con enti, aziende e studi professionali per consulenze e accertamenti. Il D. Lgs. 181/2000 ha in seguito fornito gli indirizzi generali per facilitare l incontro tra domanda e offerta di lavoro e contrastare la disoccupazione di lunga durata. In questo ambito, la norma ha previsto l erogazione di colloqui di orientamento per tutti coloro che si dichiarano immediatamente disponibili all attività lavorativa. Il D. Lgs. 297/02 ha definito che lo stato di disoccupazione deve essere autocertificato presso il Centro per l Impiego nel cui ambito territoriale l utente/cliente è domiciliato, mediante il rilascio di una dichiarazione di immediata disponibilità all attività lavorativa (DDL). Infine, la L.R. 22/2006 per dare attuazione agli obiettivi definiti dalla strategia Europea per l Occupazione e dalla strategia di Lisbona (2000), che prevedono lo sviluppo di un mercato del lavoro trasparente, fondato sulla centralità della persona e sull investimento del capitale umano, ha disciplinato organicamente il mercato del lavoro lombardo definendo, tra l altro, le competenze assegnate alle Province e regolando il sistema della rete degli operatori. Le attività del Centro per l'impiego di Melzo sono state trasferite in concessione di servizio dalla Provincia di Milano all Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano con delibera del Consiglio Provinciale n. 346 del 28/2/

13 Suggerimenti e reclami Il suggerimento è una segnalazione di miglioramento che il cittadino può fare riportando le opportune osservazioni; il reclamo è una segnalazione di difformità tra quanto previsto dalla Carta dei Servizi e quanto effettivamente ricevuto in termini di servizio. Suggerimenti e reclami possono essere presentati tramite l apposito modulo allegato a questo documento, scaricabile dal sito internet dell Agenzia o richiedibile al personale dell Agenzia e del Centro per l Impiego. I documenti contenenti generalità, indirizzo e sottoscrizione del proponente e chiara descrizione del suggerimento o del motivo del reclamo possono essere consegnati al personale dell Agenzia e del Centro per l Impiego o inviati alla Direzione/Responsabile Lavoro dell Agenzia al fine di valutarne la fondatezza, individuarne le cause, definire interventi idonei per la risoluzione e avviare azioni per evitarne la ripetizione. A ogni reclamo scritto verrà data risposta entro 30 giorni presso l indirizzo indicato dall utente/cliente. La raccolta di suggerimenti e reclami ha lo scopo di favorire il miglioramento dei servizi e di proporre un dialogo con i cittadini. Per questo, occorre che il suggerimento e il reclamo siano presentati su un documento in cui compaiano anche i dati del cittadino, che tutelati dalla privacy - facilitano il feedback da parte della struttura. 13

14 III parte I SERVIZI OFFERTI 14

15 [servizi al cittadino] Area Lavoro - Orientamento ACCOGLIENZA INFORMATIVA Finalità Raccogliere le richieste delle persone che si presentano presso l Agenzia, far conoscere la gamma dei servizi cui è possibile accedere, indirizzare i cittadini al servizio interno o esterno - più idoneo. Persone giovani e adulte inoccupate, disoccupate e occupate. Il servizio è erogato direttamente presso i punti d accoglienza dell Agenzia e presso il Centro per l Impiego di Melzo, dove sono disponibili al pubblico materiali divulgativi. Standard L accesso al servizio e alle informazioni è immediato. È previsto un eventuale rinvio a colloqui di accoglienza orientativa. COLLOQUIO DI ACCOGLIENZA, DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITÀ AL LAVORO Finalità Redigere una scheda anagrafica e professionale della persona attraverso il sistema informativo provinciale; certificare lo status occupazionale della persona in disoccupato, inoccupato o occupato ; valutarne e registrarne l eventuale immediata disponibilità al lavoro (DDL); supportarla nell accesso a servizi di indennità, di sostegno al reddito e/o a percorsi di accompagnamento verso lavoro e formazione. Persone giovani e adulte inoccupate, disoccupate e occupate. Il servizio è erogato presso gli sportelli abilitati dell Agenzia (Melzo, Vimodrone, Cassano d Adda, Cernusco sul Naviglio, Pioltello, Gorgonzola) e presso il Centro per l Impiego di Melzo. Le persone devono essere munite di documento d identità in corso di validità e codice fiscale, del permesso o carta di soggiorno in corso di validità se cittadini extracomunitari. Per ricevere la DDL la persona deve essere priva di lavoro, immediatamente disponibile allo svolgimento di attività lavorativa, immediatamente disponibile a seguire un percorso finalizzato ad agevolare la ricerca di un occupazione. Standard L accesso al servizio è immediato o su appuntamento e prevede l eventuale rilascio della Dichiarazione di Disponibilità Immediata al Lavoro e/o di ulteriori certificati richiesti. 15

16 [servizi al cittadino] STATO / INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE Finalità Consentire ai lavoratori che si trovino nella situazione di cessazione del rapporto di lavoro per scadenza del termine, per licenziamento e per alcuni casi di dimissioni, di accedere all'indennità economica di disoccupazione ordinaria. L'indennità di disoccupazione spetta sia ai lavoratori con contratto a tempo determinato, alla scadenza del termine del contratto, sia con contratto a tempo indeterminato, in caso di licenziamento. Essa invece non spetta a chi si dimette volontariamente, ad eccezione delle lavoratrici madri e di coloro che si sono dimessi per giusta causa. Il lavoratore che ha dato le dimissioni in seguito al mancato pagamento degli stipendi da parte del datore di lavoro, ha diritto all'indennità di disoccupazione anche dopo aver ottenuto le somme spettanti. Persone disoccupate in possesso di dichiarazione di disponibilità al lavoro che hanno i requisiti previsti. Il servizio è erogato presso gli sportelli abilitati dell Agenzia (Melzo, Vimodrone, Cassano d Adda, Cernusco sul Naviglio, Pioltello, Gorgonzola) e presso il Centro per l Impiego di Melzo. Le persone devono rilasciare la dichiarazione di disponibilità al lavoro, essere in possesso della lettera di cessazione del rapporto di lavoro e presentare domanda entro 68 giorni dal licenziamento. La documentazione così ottenuta deve essere presentata all Inps. Standard L accesso al servizio è immediato o su appuntamento. ISCRIZIONE ALLE LISTE DI MOBILITÀ Finalità Agevolare il reinserimento lavorativo di persone licenziate per crisi aziendali anche per aziende con meno di 15 dipendenti (mobilità 236). L inserimento nelle liste di mobilità è condizione per la concessione, ove prevista (mobilità 223), dell indennità da parte dell INPS. L inserimento e/o la cancellazione dalla lista sono di competenza della Regione, mentre la gestione e l aggiornamento dei Centri per l Impiego. Persone assunte a tempo indeterminato che sono state licenziate per cessazione attività, riorganizzazione aziendale, per riduzione del personale o soppressione del proprio posto di lavoro. Aziende interessate all assunzione di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità per agevolazioni fiscali contributive. Occorre presentarsi al Centro competente, entro 60 giorni dalla cessazione del rapporto lavorativo, con la lettera di licenziamento del datore di lavoro, carta d identità e codice fiscale. Il Centro fornisce informazioni sulla modulistica da presentare e sulle disposizioni normative, raccogliendo e verificando le domande per l invio alla Commissione Provinciale e in seguito alla Regione Lombardia. Standard L accesso al servizio è immediato e prevede il rilascio dello stato occupazionale aggiornato e l attestato provvisorio d iscrizione alle liste di mobilità. La Regione Lombardia invia in seguito (dopo un mese o più) l approvazione del lavoratore nella lista di mobilità regionale al Centro per l Impiego, che stampa e invia per posta il certificato all utente. 16

17 [servizi al cittadino] ACCESSO AL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (articolo 16 legge 56/87) Finalità Avviare a selezione a tempo determinato o indeterminato personale generico, se richiesto da Enti o Pubbliche Amministrazioni, per mezzo di una procedura pubblica che determina una graduatoria secondo parametri, quali: anzianità di disoccupazione, carico famigliare, età anagrafica. Persone disoccupate e inoccupate, con titolo di studio richiesto, di età non inferiore ai 18 anni. Le offerte sono consultabili presso le sedi territoriali delle Agenzie e sul sito internet della Provincia. La persona interessata, in possesso dei requisiti, deve presentarsi il giorno indicato sull offerta di lavoro (di norma il martedì mattina) presso il Centro per l Impiego delegato alla selezione della posizione ricercata. Occorre presentare un documento d identità in corso di validità, il codice fiscale e un certificato da cui si determini il carico familiare. Standard L accesso al servizio è immediato presso il Centro per l Impiego competente, nei giorni e negli orari previsti, e prevede l inserimento nella graduatoria pubblica di ogni singola chiamata. COLLOQUIO DI APPROFONDIMENTO Finalità Offrire alla persona, sulla base dei bisogni, un colloquio approfondito rivolto a ricostruire la propria storia professionale e formativa e l accesso, previa manifestazione e valutazione d interesse, a servizi di incrocio domanda e offerta di lavoro. Il servizio consente inoltre la proposta di rinvio a progetti specifici finanziati di lavoro o di formazione - calibrati sulle esigenze personali individuate. Persone giovani e adulte inoccupate, disoccupate e occupate. Il servizio è erogato su appuntamento presso uno degli sportelli dell Agenzia e presso il Centro per l Impiego di Melzo, attraverso un colloquio approfondito con operatori qualificati, finalizzato a offrire un supporto nella scelta professionale o formativa e nella definizione di una strategia efficace di ricerca di lavoro. Standard L accesso al servizio è su appuntamento e prevede un colloquio della durata di circa un ora e l eventuale rinvio previa manifestazione d interesse della persona e valutazione dell operatore - al servizio di incontro domanda offerta o ad altri servizi specialistici finanziati. 17

18 [servizi al cittadino] ACCOMPAGNAMENTO AL LAVORO/ SERVIZIO DI RICOLLOCAZIONE Finalità Facilitare l inserimento, il reinserimento e la permanenza nel mondo del lavoro attraverso un servizio finanziato e dedicato, che supporti l utente/cliente nell elaborazione di un piano d azione individuale idoneo a migliorare le sue condizioni di occupabilità. Persone giovani e adulte inoccupate, disoccupate e occupate. Il servizio è erogato presso uno degli sportelli dell Agenzia e presso il Centro per l Impiego di Melzo, attraverso un percorso finanziato che prevede più colloqui approfonditi individuali e/o di gruppo con operatori qualificati e, se possibile, momenti formativi. Il percorso è pensato in più azioni volte a tracciare una strategia efficace di ricerca e inserimento occupazionale. Tempi/ Standard L accesso al servizio è su appuntamento e prevede un colloquio iniziale della durata di circa un ora e l eventuale rinvio previa finanziabilità dell azione, manifestazione d interesse della persona e valutazione dell operatore - al percorso di accompagnamento/ricollocazione. DOTE LAVORO Finalità Favorire l occupazione e accompagnare la persona nell inserimento e nel reinserimento lavorativo e nella riqualificazione professionale. La Dote Lavoro permette di accedere a servizi finalizzati all ingresso o al rientro nel mercato del lavoro. Prevede, in determinati casi e in presenza di specifici requisiti, un sostegno economico per chi ha perso il lavoro e non accede ad altre indennità. Persone giovani e adulte inoccupate, disoccupate, residenti o domiciliate in Regione Lombardia, di età inferiore ai 64 anni. Il servizio è erogato presso uno degli sportelli dell Agenzia e presso il Centro per l Impiego di Melzo attraverso un percorso finanziato (Piano di Intervento Personalizzato) volto a individuare una serie di azioni e servizi, quali: bilancio di competenze, tutoring, scouting, attività formative ecc. Tempi/ Standard L accesso al servizio è su appuntamento e prevede alcuni colloqui iniziali e l eventuale rinvio previa finanziabilità dell azione, manifestazione d interesse della persona e valutazione dell operatore - al percorso dotale. 18

19 [servizi al cittadino] DOTE AMMORTIZZATORI Finalità Obiettivo di questo servizio è favorire la permanenza e la riqualificazione del personale aziendale interessato dalla cassa integrazione in deroga. Il lavoratore coinvolto nella procedura con il diritto all indennità di sostegno al reddito è tenuto a entrare nel percorso previsto dalla Dote Ammortizzatori Sociali. Deve presentarsi presso un ente accreditato per i servizi al lavoro con la propria carta regionale dei servizi in corso di validità e il relativo codice PIN. Lavoratori in cassa integrazione in deroga. Il servizio è erogato presso uno degli sportelli dell Agenzia e presso il Centro per l Impiego di Melzo attraverso un percorso finanziato (Piano di Intervento Personalizzato), volto a individuare una serie di azioni e servizi, quali: bilancio di competenze, tutoring, scouting, attività formative ecc. Tempi/ Standard L accesso al servizio è su appuntamento e prevede alcuni colloqui iniziali e l eventuale rinvio previa finanziabilità dell azione, manifestazione d interesse della persona e valutazione dell operatore - al percorso dotale. SERVIZIO INCONTRO DOMANDA E OFFERTA DI LAVORO Finalità Favorire l incontro tra le persone in cerca di lavoro e le aziende che richiedono profili professionali; preselezionare i candidati che dopo aver sostenuto il colloquio di approfondimento presso uno degli sportelli dell Agenzia risultano in linea con le richieste aziendali. Tutte le persone interessate alle offerte di lavoro. Il servizio di incrocio domanda e offerta di lavoro è realizzato presso la sede dell Agenzia e prevede l individuazione dei candidati in linea con la figura professionale richiesta dall azienda, mediante l interrogazione della banca dati dell Agenzia e attraverso la raccolta di autocandidature. È individuata una rosa di candidati da segnalare all azienda attraverso una valutazione dell effettiva rispondenza del profilo professionale richiesto. Standard L accesso al servizio è possibile presso tutti gli sportelli dell Agenzia o presso il Centro per l Impiego di Melzo, su appuntamento, e prevede l inserimento del profilo professionale in banca dati e partecipazione al processo d incontro domanda-offerta di lavoro; la segnalazione di opportunità di colloquio in linea con la professionalità e le disponibilità espresse; il monitoraggio dell esito del colloquio di lavoro effettuato dall azienda e del relativo sbocco occupazionale. 19

20 [servizi al cittadino] TIROCINI Finalità Proporre esperienze formative e d orientamento utili all inserimento o al reinserimento lavorativo, consentendo al tirocinante di entrare in un ambiente di lavoro, mettersi alla prova per verificare le proprie capacità relazionali, sociali, organizzative, orientare e/o verificare le proprie scelte professionali e acquisire un esperienza pratica che potrà arricchire il suo curriculum. Giovani e adulti, inoccupati e disoccupati, che desiderano avvicinarsi/riavvicinarsi al mondo del lavoro attraverso un esperienza nel settore d interesse. Il servizio, realizzato presso la sede dell Agenzia, prevede: colloqui precedenti l attivazione del tirocinio, stesura del progetto formativo, attività di monitoraggio in itinere e finale, bilancio sull attività svolta, individuazione delle competenze apprese e potenzialità evidenziate. Standard L accesso al servizio è su appuntamento e prevede uno più colloqui presso uno degli sportelli dell Agenzia o presso il Centro per l Impiego di Melzo. SERVIZIO INCROCIO DOMANDA E OFFERTA PER ASSISTENTI FAMILIARI Finalità Preselezionare lavoratori disponibili a svolgere attività di assistenza, al fine di segnalarli alle famiglie che si rivolgono al servizio. Assistenti familiari, colf. Il profilo del candidato potenziale è definito in seguito a colloqui individuali con operatori adeguatamente formati, volti a recuperarne l esperienza, le capacità e la disponibilità. Le persone non in possesso di titolo ASA o OSS o comprovata esperienza come assistente familiare della durata di almeno 18 mesi, sostengono anche un esame di certificazione. Al termine del processo le persone sono inserite, se considerate idonee, nel registro distrettuale delle assistenti familiari. Il servizio di incrocio domanda-offerta di lavoro è realizzato presso la sede dell Agenzia e comporta l interrogazione del registro badanti e l individuazione di una rosa di candidati in linea con la richiesta della famiglia. Standard L accesso al servizio è possibile, previo finanziamento dello stesso?, presso tutti gli sportelli dell Agenzia o presso il Centro per l Impiego di Melzo, su appuntamento, e prevede la partecipazione a più colloqui individuali e un eventuale esame di certificazione delle competenze. 20

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Centri per l Impiego della Provincia di Rieti Centro per l'impiego Rieti Via M. Rinaldi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO Edizione 01 settembre 2013 1 Sommario Premessa...3 Api formazione s.c.r.l...3 Struttura della Carta dei Servizi...4 1. Principi fondamentali e valori...4

Dettagli

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 1 1. Chi siamo 2. La carta dei servizi 3. A chi ci rivolgiamo 4. I nostri servizi 5. Modalità di accesso 6. Attuazione e controllo 7. Dove siamo 2 1. CHI SIAMO C.C.S. è

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO APPIANO GENTILE CANTU COMO ERBA MENAGGIO COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI 0 L DELLA PROVINCIA DI COMO Dal 1999

Dettagli

S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9

S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9 S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9 Rev 1 1 di 14 Indice Presentazione...3 Erogazione servizi essenziali...4 Colloquio di orientamento...4

Dettagli

Convenzione. Pagina 1 di 9

Convenzione. Pagina 1 di 9 . AGENZIA PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO EST MILANO Convenzione Pagina 1 di 9 I Comuni elencati nella tabella 1 allegata al presente atto e la Provincia di Milano - premesso che gli Enti

Dettagli

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO COOPERATIVA SOCIALE DI SOLIDARIETÀ PROMOZIONE LAVORO CARTA SERVIZI SERVIZI AL LAVORO Ente accreditato per la Formazione Superiore presso la Regione Veneto con Decreto 854 del 08/08/2003 Ente accreditato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO disegniamo insieme a te il futuro sede Via Savelli, 128-35129 Padova - tel. +39 049 8076143 - fax +39 049 8076136 - sito www.irecoop.veneto.it mail info@irecoop.veneto.it

Dettagli

TRA. L Agenzia per la Formazione, l Orientamento ed il Lavoro Est Milano

TRA. L Agenzia per la Formazione, l Orientamento ed il Lavoro Est Milano PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA CONDIVISO PER L ORIENTAMENTO, IL RIORIENTAMENTO, LA RIMOTIVAZIONE CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA NEL TERRITORIO DELL EST MILANO

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO 00 SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO Piccolo glossario per gli utenti dei Centri per l Impiego. 2 1. La classificazione degli utenti 2. Lo stato di disoccupazione 3. Conservazione perdita e

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone SOMMARIO SERVIZI ALLE PERSONE - Accoglienza e informazione - Dichiarazione di disponibilità all impiego e colloquio di primo livello; - Colloquio di

Dettagli

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento in cui AFP COLLINE ASTIGIANE specifica le finalità e le caratteristiche

Dettagli

Carta del Servizio Informagiovani

Carta del Servizio Informagiovani CITTÀ DI NOVATE MILANESE Assessorato alla Cultura e Biblioteca, Politiche Giovanili, Pubblica Istruzione, Informagiovani, Comunicazione e Informatica Servizio Informagiovani Via Vittorio Veneto, 8 20026

Dettagli

I SERVIZI PER L'IMPIEGO

I SERVIZI PER L'IMPIEGO I SERVIZI PER L'IMPIEGO Nel corso degli anni il ruolo del Centro per l Impiego è cambiato: c'è stato un passaggio epocale da amministrazione meramente certificatrice (ufficio di collocamento) ad amministrazione

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO La rete degli operatori - L.R. 22/2006 Il sistema regionale è composto da

Dettagli

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE GENERAZIONE VINCENTE Generazione vincente S.p.A. Agenzia per il Lavoro fa parte di un gruppo che dal 1997 offre soluzioni globali per lo sviluppo del mercato del lavoro. E la prima Agenzia per il Lavoro

Dettagli

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione

AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione ALLEGATO A AVVISO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITÀ Per favorire l inserimento lavorativo e il sostegno all occupazione 1. IL CONTESTO NORMATIVO La politica d'inserimento lavorativo e sostegno all occupazione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE. Una guida pratica per le famiglie AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5

CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE. Una guida pratica per le famiglie AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 Comuni di: CASSANO D A. POZZUOLO M. INZAGO SETTALA LISCATE TRUCCAZZANO MELZO VIGNATE CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE Una guida pratica per le famiglie INDICE I servizi attivati

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia di Bergamo AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE IMPRESE (Invito a manifestare interesse) Domanda di accesso ai contributi

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità.

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

INDICE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE PRESENTAZIONE PREMESSA FORMAZIONE 2. I SERVIZI PER LE IMPRESE E GLI ENTI PUBBLICI

INDICE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE PRESENTAZIONE PREMESSA FORMAZIONE 2. I SERVIZI PER LE IMPRESE E GLI ENTI PUBBLICI CARTA DEI SERVIZI INDICE PRESENTAZIONE PREMESSA - CHE COS'E' E A CHE COSA SERVE LA CARTA DEI SERVIZI - FINALITA' E PRINCIPI DELL AREA SERVIZI PER IL LAVORO DI SCALIGERA FORMAZIONE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE

Dettagli

Azienda Speciale Consortile PIANO PROGRAMMA 2012 BILANCIO DI PREVISIONE 2012/2014 (APPROVATO DAL CDA IL 23/11/2011)

Azienda Speciale Consortile PIANO PROGRAMMA 2012 BILANCIO DI PREVISIONE 2012/2014 (APPROVATO DAL CDA IL 23/11/2011) Azienda Speciale Consortile PIANO PROGRAMMA 2012 BILANCIO DI PREVISIONE 2012/2014 (APPROVATO DAL CDA IL 23/11/2011) Piano programma 2012-14 - Bilancio di previsione 2012-14 Pagina 1 di 52 Sommario: 1.

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 Centro per l Impiego di M O R L U P O Centro per l Impiego di Morlupo Via San Michele 87-89 telefono : 06/9072763 fax: 06/90192776 e-mail : impiego.morlupo@provincia.roma.it

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia

PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia PROVINCIA DI SONDRIO PROGETTO DI POLITICHE ATTIVE SUL LAVORO a valere sull UPB 2.1.4.2.70.CAP.908 della Regione Lombardia Radar dalla conoscenza allo sviluppo delle politiche attive del lavoro PROGETTAZIONE

Dettagli

N. Revisione Data Descrizione della modifica

N. Revisione Data Descrizione della modifica 1.Introduzione... 2 2.Presentazione della società... 2 3.Struttura della carta dei servizi... 3 4.Principi fondamentali... 4 4.1.Principi generali di riferimento... 4 4.2.Diritti e doveri dell utente...

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO POSSIAMO GARANTIRTELO: I CENTRI PER L IMPIEGO SONO VICINI, E TI SONO VICINI indice dei servizi ACCOGLIENZA ISCRIZIONE IN ELENCHI

Dettagli

Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego

Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego Prima ancora di entrare nel dettaglio, occupandoci degli aspetti di preselezione e monitoraggio di competenza degli Operatori Centri

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

SERVIZI AFOL METROPOLITANA COMUNE DI LIMBIATE

SERVIZI AFOL METROPOLITANA COMUNE DI LIMBIATE SERVIZI AFOL METROPOLITANA COMUNE DI LIMBIATE 1 COMUNE DI LIMBIATE Afol Metropolitana, tra le diverse attività, si occupa di gestire i servizi all impiego per favorire l ingresso delle persone nel mercato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. del placement dell Università Iuav di Venezia

CARTA DEI SERVIZI. del placement dell Università Iuav di Venezia CARTA DEI SERVIZI del placement dell Università Iuav di Venezia 1 indice 1. La Carta dei Servizi 3 2. Il placement di IUAV 4-6 2.1. servizi offerti a laureandi e laureati 2.2. servizi offerti alle imprese

Dettagli

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 PRESENTAZIONE Gruppo R è una cooperativa sociale di tipo A, costituita ai sensi della legge 381/91. Come tale è quindi un soggetto in continua

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 I.C.S. CASSINA DE PECCHI Cassina De Pecchi (MI) Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 30/03/2015 1 SOMMARIO

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Provincia di Bergamo I servizi dei centri per l Impiego Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Lavoro e Politiche Le Politiche del Lavoro: Mirano a Interventi per regolare le modalità

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. )

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) Premessa Richiamata la normativa nazionale e regionale che regolamenta la materia dei

Dettagli

Career Counseling è autorizzata come Agenzia del Lavoro per le attività di supporto alla ricollocazione ai sensi del D. L.vo N 276/2003.

Career Counseling è autorizzata come Agenzia del Lavoro per le attività di supporto alla ricollocazione ai sensi del D. L.vo N 276/2003. La presente carta dei servizi ha lo scopo di illustrare il funzionamento e le modalità di accesso ai servizi erogati da CAREER COUNSELING a tutti i potenziali fruitori. Career Counseling è autorizzata

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

AGENZIA PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO AL LAVORO EST MILANO

AGENZIA PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO AL LAVORO EST MILANO AGENZIA PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO AL LAVORO EST MILANO Azienda Speciale Consortile Sede Legale e Amministrativa: Melzo, Milano, Via Cristoforo Colombo, 8 Palazzina B * * * VERBALE DELL ASSEMBLEA

Dettagli

FAQ DID e PSP. Le FAQ che hanno subito variazioni o aggiornamenti sono segnalate in grassetto nel sommario

FAQ DID e PSP. Le FAQ che hanno subito variazioni o aggiornamenti sono segnalate in grassetto nel sommario FAQ DID e PSP Ultimo aggiornamento 10.05.2016 NOTA BENE. Le seguenti FAQ sono soggette a continui aggiornamenti. Si invitano pertanto gli operatori a consultare periodicamente Cruscotto Lavoro per verificare

Dettagli

Supera la crisi con i corsi del Consorzio Formazione&Lavoro

Supera la crisi con i corsi del Consorzio Formazione&Lavoro Supera la crisi con i corsi del Consorzio Formazione&Lavoro Percorsi di formazione gratuiti per i beneficiari degli ammortizzatori sociali in deroga formazione&lavoro servizi per l'occupazione e la formazione

Dettagli

PIANO REIMPIEGO PROVINCIA DI MILANO. Legge 266/2005 art. 1 comma 411 Programmi di reimpiego per soggetti in difficoltà occupazionale

PIANO REIMPIEGO PROVINCIA DI MILANO. Legge 266/2005 art. 1 comma 411 Programmi di reimpiego per soggetti in difficoltà occupazionale PROVINCIA DI MILANO Area Sistema Produttivo Lavoro e Welfare PIANO REIMPIEGO Legge 66/00 art. comma 4 Programmi di reimpiego per soggetti in difficoltà occupazionale L.R. /006. PRINCIPI FONDAMENTALI Centralità

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

Carta dei Servizi 2015

Carta dei Servizi 2015 Carta dei Servizi 2015 Servizi al Lavoro CO.GE.S. don Lorenzo Milani Società cooperativa sociale Indice 1. CO.GE.S. don Lorenzo Milani Società cooperativa sociale 2. Mission 3. Carta dei Servizi 4. A chi

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE RISERVATI ALLE AZIENDE

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi

IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi IL COLLOCAMENTO MIRATO a cura di Alessandra Bezzecchi Quante volte abbiamo sentito parlare di collocamento mirato delle persone disabili? Negli ultimi dieci anni credo spesso e se all inizio non se ne

Dettagli

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro PREMESSA Il lavoro in atto in Regione Lombardia sul tema conciliazione famiglia-lavoro e welfare aziendale

Dettagli

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro Allegato A) al capitolato speciale d appalto Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro SERVIZIO/AZIONE OBIETTIVI ATTIVITÀ Informazione orientativa (Macro intervento 1) Raccogliere

Dettagli

Carta dei servizi. Servizi al lavoro

Carta dei servizi. Servizi al lavoro Carta dei servizi Servizi al lavoro 1 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Ente proponente presentazione generale... 3 2.1. Formazione professionale... 4 2.2. Servizi al lavoro... 5 2.3. Antidiscriminazione

Dettagli

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO Allegato 1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi dell intervento Obiettivo

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap.

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap. NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP Come sapete, da settembre è attivo lo SPORTELLO HANDICAP (aperto tutte le mattine dal lun. al ven. dalle 9.30 alle 12.30, tel 0415491226) il quale ha come scopo principale

Dettagli

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente PROVINCIA DI COSENZA SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO ORIENTAMENTO E FABBISOGNO FORMATIVO via Panebianco, 274 Cosenza tel. e fax 0984 393157 Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente Approvata

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Mission della struttura L Associazione Cultura d Impresa è un ente senza finalità di lucro, nasce nel 1999 come progetto formativo professionale

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

Un salto nel passato delle politiche del lavoro?

Un salto nel passato delle politiche del lavoro? Un salto nel passato delle politiche del lavoro? L. 29 aprile 1949 n. 264 Provvedimenti in materia di avviamento al lavoro e di assistenza dei lavoratori involontariamente disoccupati Dopo periodo corporativo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI del Centro Servizi CISL (C.S.C.) SRL Verona agg. 29/10/2015 PRINCIPI ISPIRATORI

CARTA DEI SERVIZI del Centro Servizi CISL (C.S.C.) SRL Verona agg. 29/10/2015 PRINCIPI ISPIRATORI Art.1 SCOPO DELLA CARTA PRINCIPI ISPIRATORI La Carta dei Servizi del Centro Servizi CISL s.r.l. informa ogni utente su: Allo stesso tempo, i cittadini e le cittadine possono verificare il livello qualitativo

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16 RICERCA ATTIVA DEL LAVORO 2 sommario Introduzione pag. 4 Centri per l impiego pag. 6 Agenzie per il lavoro pag. 12 Informagiovani pag. 14 Altri operatori pag. 15 Borsa continua nazionale del lavoro pag.

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro IL COLLOCAMENTO DISABILI ex lege 68/1999 Parlare di COLLOCAMENTO MIRATO non significa che non vi sia più obbligo da parte dei datori di lavoro di assumere

Dettagli

Spettabile cliente, Studio Meggiorini Rag. Tito & Partners - Via Montello 1/a, 37045 Legnago VR

Spettabile cliente, Studio Meggiorini Rag. Tito & Partners - Via Montello 1/a, 37045 Legnago VR Studio Meggiorini Rag. Tito & Partners - Via Montello 1/a, 37045 Legnago VR info@studiomeggiorini.it info@pec.studiomeggiorini.it Tel. +390442602719 Fax. +3904421850222 www.studiomeggiorini.it Spettabile

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO PROVINCIA DI PORDENONE AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO Percorsi di politica attiva del lavoro per soggetti over 50 espulsi dal sistema produttivo locale, privi di qualsiasi

Dettagli

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia!

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! Nota informativa ottobre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! E stato pubblicato il decreto della Regione Lombardia contenente l Avviso della Dote

Dettagli

la mia azienda deve assumere...

la mia azienda deve assumere... la mia azienda deve assumere... Collocamento mirato, dall obbligo alla risorsa: adempimento in due step: La tua azienda è tenuta ad assumere lavoratori con disabilità ai sensi della Legge 68/99? Step 1

Dettagli

AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO

AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO Torino, 29/01/03 STRUTTURA MITTENTE: NA4 Segreteria IR/*of ALLEGATI: Prot. N. Ai Responsabili dei C.P.I. Ai Responsabili

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni PROVINCIA DI MILANO La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per l attuazione

Dettagli

Dipartimento III Servizi per la formazione, il lavoro e la qualità della vita

Dipartimento III Servizi per la formazione, il lavoro e la qualità della vita Dipartimento III Servizi per la formazione, il lavoro e la qualità della vita AVVISO PUBBLICO RIVOLTO AI CITTADINI DI PAESI TERZI REGOLARMENTE SOGGIORNANTI NEL TERRITORIO ITALIANO INTERESSATI AD EFFETTUARE

Dettagli

Provincia di Sondrio I S T R U Z I O N I

Provincia di Sondrio I S T R U Z I O N I Provincia di Sondrio PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI DISPOSITIVO FORMAZIONE E TUTORAGGIO INTERNI ALL AZIENDA I S T R U Z I O N I Il dispositivo Formazione e tutoraggio

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Destinatari Dote Riqualificazione: Dote Ricollocazione Congruità Politiche attive/accordi sindacali accordi relativi all intervento B SEMPRE

Destinatari Dote Riqualificazione: Dote Ricollocazione Congruità Politiche attive/accordi sindacali accordi relativi all intervento B SEMPRE Destinatari 1 Chi sono i destinatari della Dote Lavoro iqualificazione e icollocazione? Sono destinatari di Dote iqualificazione: i lavoratori in Cassa integrazione guadagni in deroga alla normativa vigente

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PARTECIPANTI

BANDO DI SELEZIONE PARTECIPANTI PROGRAMMA OPERATIVO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 FONDO SOCIALE EUROPEO REGIONE SICILIANA ASSE III INCLUSIONE SOCIALE INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO P R O G E T T O FORMAZIONE & LAVORO CIP 2007.IT.051.PO.003/III/G/F/6.2.1/0161

Dettagli

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI FABBISOGNI RILEVATI, PRIORITÀ' DI INTERVENTO Il documento di ricognizione tecnica

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

LE AGENZIE LAVORO DI SOLCO BRESCIA

LE AGENZIE LAVORO DI SOLCO BRESCIA LE AGENZIE LAVORO DI SOLCO BRESCIA CHI SIAMO Servizio al lavoro accreditato L.R. 22/2006 (albo degli accreditati) Erogazione Servizio S.I.L. (Servizio di Integrazione Lavorativa) Erogazione Servizio P.A.L.

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli