CARTA DEI SERVIZI PER L IMPIEGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI PER L IMPIEGO"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI PER L IMPIEGO 1

2 Sommario Prima parte L Agenzia Est Milano Presentazione pag. 5 Chi siamo pag. 6 Dove siamo pag. 7 Contatti pag. 8 Seconda parte La Carta dei Servizi Cos è la Carta dei Servizi pag. 10 Principi fondamentali pag. 11 Normativa di riferimento pag. 12 Suggerimenti e reclami pag. 13 Terza parte I servizi offerti [Servizi al cittadino] Area Lavoro - Orientamento pag. 15 Accoglienza informativa Colloquio di accoglienza, dichiarazione di disponibilità al lavoro Stato/indennità di disoccupazione Iscrizione alle liste di mobilità Accesso al lavoro nella Pubblica Amministrazione (articolo 16 legge 56/87) Colloquio di approfondimento Accompagnamento al lavoro/servizio di ricollocazione Dote Lavoro Dote Ammortizzatori Servizio Incontro domanda e offerta di lavoro Tirocini Servizio Incrocio domanda e offerta per Assistenti Familiari Collocamento mirato delle Categorie Protette (legge 68/99) Match- Percorsi valutazione del potenziale per utenti disabili (Piano Emergo) SIL - Servizio Inserimenti Lavorativi per disabili e soggetti deboli Area Formazione pag. 23 Corsi di aggiornamento professionale formazione continua e permanente Formazione per apprendisti [Servizi a imprese pubbliche amministrazioni] Area Lavoro pag. 24 Accoglienza informativa e consulenza su agevolazioni, incentivi, progetti speciali Servizio Incontro domanda e offerta di lavoro Attivazione di tirocini formativi Ricollocazione/outplacement Dote Ammortizzatori Inserimento lavorativo disabili: preselezione mirata Avviamento a selezione nella pubblica amministrazione (art. 16 L. 56/87) Servizio Incrocio domanda e offerta per Assistenti Familiari SIL - Servizio Inserimenti Lavorativi per disabili e soggetti deboli 2

3 Area Formazione pag. 29 Formazione per aziende ed enti Formazione per apprendisti e tutor Quarta parte Documenti utili Le AFOL Provinciali pag. 31 Modulo per suggerimenti/reclami pag. 34 Glossario pag. 35 3

4 I parte L AGENZIA EST MILANO 4

5 Presentazione La Provincia di Milano ha realizzato un programma che ha condotto alla costituzione di una Rete di Agenzie pubbliche, che si configurano come enti strumentali della Provincia e dei Comuni, per la gestione dei servizi in materia di formazione orientamento e lavoro, e consentono di valorizzare la competenza locale e rispondere alle specificità delle singole aree del territorio. Le Agenzie per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro (AFOL) sono nate con l obiettivo di rafforzare l offerta di servizi, superando la precedente frammentazione sul territorio provinciale, unificando strutture e funzioni prima suddivise tra più soggetti e al tempo stesso favorendo una più razionale e accessibile dislocazione sul territorio, diventando importanti nodi della rete territoriale per l occupazione e lo sviluppo locale della Provincia di Milano. Le AFOL, ciascuna nel proprio ambito territoriale, propongono servizi rivolti ai cittadini, alle aziende, ai Comuni e alle scuole, rafforzando l offerta a livello territoriale e dando risposte ai bisogni della collettività riguardo alla formazione e al lavoro. Nel territorio della Provincia di Milano sono operative: AFOL Milano AFOL Nord AFOL Est AFOL Sud AFOL Nord Ovest AFOL Ovest Nel territorio della Provincia di Monza e Brianza: AFOL Monza e Brianza I servizi offerti si ispirano ai seguenti principi: minori costi valorizzazione delle risorse e dei soggetti operanti sul territorio con l obiettivo di razionalizzare il sistema dei servizi pubblici e privati per il lavoro e la formazione sussidiarietà trasferimento dal Centro verso le aree sub provinciali di alcuni importanti servizi, al fine di favorire una maggiore vicinanza ai cittadini e alle imprese attori locali come motore del sistema di erogazione dei servizi valorizzazione del ruolo degli attori locali chiamati a costruire la rete dei servizi per il lavoro e la formazione dal servizio standardizzato al servizio personalizzato creazione di un network di servizi flessibile nel rispondere ai bisogni di cittadini e imprese e nell erogazione governance di sistema come garanzia del conseguimento dei risultati attesi investimento sulla funzione di governance della rete come strumento di integrazione delle risorse, definizione di obiettivi e standard di servizio e monitoraggio delle attività 5

6 Chi siamo AFOL Est Milano gestisce il Centro per l Impiego di Melzo ed è un ente strumentale della Provincia di Milano e di 23 Comuni dell area Est Milano: Bellinzago Lombardo, Bussero, Carugate, Cassano d'adda, Cassina de' Pecchi, Cernusco sul Naviglio, Gessate, Grezzago, Inzago, Liscate, Melzo, Pessano con Bornago, Pioltello, Pozzo d'adda, Pozzuolo Martesana, Settala, Trezzano Rosa, Truccazzano, Unione di Comuni di Basiano e Masate, Vaprio d'adda, Vignate e Vimodrone. L Azienda Speciale Consortile nasce nel a seguito e ai sensi della delibera del Consiglio Provinciale n. 346 del 28/2/2008, così come sancito dagli artt. 112 e seguenti del D. Lgs. n. 267/ con l obiettivo di consolidare la capacità di offrire servizi pubblici di qualità per cittadini e imprese. Tutti i servizi offerti da AFOL Est mirano a migliorare l'occupazione, favorire la crescita del capitale umano e sostenere lo sviluppo locale. L Agenzia è certificata conforme ai requisiti della norma sui sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001:2008 e accreditata ID Operatore N /2008 da Regione Lombardia per i servizi al lavoro (Melzo, Cernusco sul Naviglio e Pioltello) e formativi (Cernusco sul Naviglio e Melzo). L Agenzia ha adottato un proprio Codice Etico, elaborato allo scopo di presentare i valori e i comportamenti organizzativi a cui fa riferimento l AFOL Est Milano nella realizzazione dei servizi per il sistema degli utenti/clienti - beneficiari diretti ed indiretti - e il sistema degli stakeholder. Il Codice Etico è pubblicato in L'integrazione dei servizi per formazione, orientamento e lavoro rappresenta l opportunità di intervenire ad ampio raggio sulle Politiche Attive del Lavoro mettendo a disposizione di cittadini e imprese servizi qualificati. Obiettivo della struttura è diventare punto di riferimento importante sul territorio, un costante interlocutore con cittadini, Enti, aziende e studi professionali in materia di ricerca e supporto occupazionale, consulenza e formazione. In AFOL Est operano gruppi di lavoro in grado di svolgere adempimenti amministrativi, ma anche capaci di analizzare le competenze professionali dei lavoratori, di osservare e agire sui cambiamenti del mercato del lavoro, di elaborare progetti di formazione e di sostegno all inserimento/reinserimento lavorativo, facilitando l incontro tra domanda e offerta di lavoro e offrendo servizi d informazione, accoglienza, orientamento e accompagnamento. 6

7 Dove siamo L ambito territoriale di competenza dell Agenzia è quello dei 28 comuni situati a est della città di Milano, tra il naviglio della Martesana e il fiume Adda: una superficie complessiva di 265 Kmq. L area conosciuta come Est Milano è il risultato dell integrazione di due diverse aree territoriali: quella di Melzo (costituita dai 16 comuni adiacenti a Milano) e quella di Cassano d Adda (costituita da 12 comuni vicini alla provincia di Bergamo). Nonostante le specificità dei singoli comuni e di queste due aree di riferimento, il dinamismo e lo spirito di collaborazione degli attori territoriali hanno permesso l attivazione di importanti servizi associati per il lavoro, l impresa e lo sviluppo locale, che hanno coinvolto non solo buona parte di questi Comuni, ma anche enti e amministrazioni pubbliche di province limitrofe. L Est Milano è un area caratterizzata da una buona compatibilità tra sistema economico, residenziale e ambientale che, oltre a incidere positivamente sulla qualità della vita, ha determinato negli ultimi decenni un importante aumento della popolazione residente. I 28 comuni dell area hanno un sistema produttivo costituito da più di unità locali (censimento 2001), la maggior parte di piccole e medie dimensioni, e una popolazione di circa persone (2009), di cui lavoratori (censimento 2001). Questo territorio ha registrato, negli anni Novanta, una crescita di popolazione residente e un aumento dell occupazione più alto della media della Provincia di Milano. L Est Milano sta evolvendo rapidamente verso una struttura produttiva incentrata sul terziario (64,08% di occupati), mentre il manifatturiero si attesta su valori superiori alla media provinciale (35,91% di occupati). L occupazione manifatturiera è concentrata in cinque settori che rappresentano altrettanti punti di forza del sistema produttivo locale: la produzione di macchine e metalli e quella di apparecchiature meccaniche, il settore chimico/farmaceutico, l editoria e stampa. L ottima posizione strategica è un altro elemento caratterizzante dell Est Milano, rafforzato dall esistenza di importanti infrastrutture di comunicazione che collegano il territorio con i principali assi stradali e ferroviari milanesi: Aeroporto di Linate Metropolitana Linea 2 Autostrada A4 Milano-Venezia Tangenziale Est Linee suburbane (S5, S6) Comuni Basiano Bellinzago Lombardo Bussero Cambiago Carugate Cassano d'adda Cassina de Pecchi Cernusco sul Naviglio Gessate Gorgonzola Grezzago Inzago Liscate Masate Melzo Pozzo d'adda Pessano Pioltello Pozzuolo Martesana Rodano Segrate Settala Trezzano Rosa Trezzo d Adda Truccazzano Vaprio d'adda Vignate Vimodrone 7

8 Contatti SEDE LEGALE CENTRALE via Cristoforo Colombo, 8 Pal. B Melzo (MI) telefono fax codice fiscale e partita iva sito: SERVIZI AL LAVORO E ORIENTAMENTO Sportelli d'area L Agenzia ha strutturato alcuni sportelli con l obiettivo di farne un riferimento territoriale; questi sportelli hanno un apertura al pubblico significativa. Melzo - Centro per l'impiego via San Martino, 4 telefono fax da lunedì a giovedì / ; venerdì Cassano d'adda piazza Lega Lombarda, 9 telefono martedì e giovedì: Pioltello c/o Centro Civico via Leoncavallo telefono lunedì e mercoledì: ; martedì e giovedì: Sportelli comunali L Agenzia ha costituito una rete di 9 sportelli che coprono l est milanese Per consultare l elenco degli sportelli territoriali e gli orari di apertura: SERVIZI FORMATIVI Cernusco sul Naviglio Strada Padana Superiore 2/B telefono fax da lunedì a venerdì:

9 II parte LA CARTA DEI SERVIZI 9

10 Cos è la Carta dei Servizi Il concetto di Carta dei Servizi è stato introdotto nell ordinamento italiano da tempo relativamente breve (la prima direttiva al riguardo è stata emanata con D.P.C.M. del 27 gennaio 1994), con lo scopo di modellare i servizi pubblici in modo da garantire una migliore qualità dell'offerta e una maggior tutela degli utenti. La Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 94 su Principi sull erogazione dei servizi pubblici prevede l adozione da parte delle pubbliche amministrazioni che erogano servizi pubblici della Carta dei servizi pubblici, uno strumento volto a migliorare le relazioni tra cittadini, imprese e amministrazioni. La Carta dei Servizi si pone come una sorta di patto tra il soggetto erogatore e i propri utenti in relazione a: informazione, standard di qualità, meccanismi di partecipazione, tutela dei diritti di cittadini e imprese. La Carta dei Servizi descrive in modo semplice le finalità e le modalità di accesso ai servizi nonché le opportunità che offrono. La Carta dei Servizi: informa in modo trasparente e completo, per accrescere negli interlocutori la conoscenza dei servizi offerti; favorisce la partecipazione degli utenti ai servizi, garantendo il diritto di accesso alle informazioni; facilita l accesso ai servizi offerti; accoglie suggerimenti e reclami volti al miglioramento dei servizi e all aumento della soddisfazione di cittadini e imprese. Attraverso la Carta dei Servizi, l Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano si impegna a costruire una relazione con cittadini e imprese riconoscendoli come interlocutori attivi, clienti e portatori di specifici diritti, bisogni e interessi. 10

11 Principi fondamentali La Carta dei Servizi per l Impiego di AFOL Est si ispira ai seguenti principi fondamentali: Eguaglianza e imparzialità Nessuna distinzione nell erogazione può essere compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, lingua, religioni e opinioni politiche. Le regole riguardanti i rapporti e l accesso ai servizi sono uguali per tutti, pur valorizzando l adeguamento delle modalità di erogazione dei servizi alle esigenze dei singoli soggetti. I rapporti instaurati con l utenza seguono quindi criteri di uguaglianza, imparzialità, legalità, pari opportunità. Continuità L impegno è di offrire il più possibile i propri servizi con continuità, nel tempo e senza interruzioni. In caso in cui venga a mancare questa condizione, verranno adottate le misure idonee per arrecare agli utenti il minor disagio possibile. Diritto di scelta Se consentito dalla legislazione attuale, l utente ha diritto di scegliere tra i soggetti che erogano il servizio. Il diritto di scelta riguarda, in particolare, i servizi distribuiti sul territorio. Partecipazione La partecipazione del cittadino alla prestazione pubblico deve essere sempre garantita; l utente ha il diritto di accesso alle informazioni che lo riguardano così come può presentare osservazioni e reclami se rivolti al miglioramento dei servizi. Accessibilità Al fine di agevolare l accesso ai servizi, AFOL Est è dotata di una rete di sportelli territoriali che garantiscono l informazione puntuale dei servizi e dei progetti rivolti ai cittadini. Qualità Le attività dei Servizi Pubblici per l Impiego vengono svolte dagli operatori attraverso la continua ricerca della soddisfazione degli utenti. La realizzazione di tale principio prevede di individuare le esigenze degli utenti, definire le modalità operative idonee per l erogazione dei servizi, adottare indicatori e standard per misurare le prestazioni dei servizi, intraprendere azioni per migliorarle con continuità. L utente/cliente ha la possibilità di valutare la qualità operata dall Agenzia attraverso presentazione di suggerimenti e reclami, compilazione di relazioni e questionari di customer satisfaction. Privacy I dati raccolti sono trattati in modo conforme e nel rispetto di quanto previsto in materia di tutela dei dati personali. Efficienza ed efficacia Il continuo miglioramento è individuato come finalità cui volgere attraverso lo sviluppo delle risorse umane e finanziarie in una logica di efficienza ed efficacia. 11

12 Normativa di riferimento Dal 1999, si è realizzato il passaggio di competenze dal Ministero del Lavoro alle Regioni e alle Province in materia di mercato del lavoro, come principalmente previsto dal D. Lgs. 469/97 attuativo della Legge n. 59/97. Il decentramento di tali compiti ha lo scopo di affidare agli Enti territoriali l insieme delle attività volte a promuovere un efficace incontro tra domanda e offerta di lavoro e ad agevolare l inserimento nel mercato del lavoro. Regione Lombardia ha disciplinato le proprie competenze in materia di politiche del lavoro attraverso la L.R. n. 1/99, attuando la riforma dei Servizi all Impiego. I Centri per l Impiego (ex uffici di collocamento) sono pubblici uffici che offrono gratuitamente agli utenti/clienti: servizi di accoglienza informativa, orientamento, avvio in tirocinio, preselezione e attività di raccordo con enti, aziende e studi professionali per consulenze e accertamenti. Il D. Lgs. 181/2000 ha in seguito fornito gli indirizzi generali per facilitare l incontro tra domanda e offerta di lavoro e contrastare la disoccupazione di lunga durata. In questo ambito, la norma ha previsto l erogazione di colloqui di orientamento per tutti coloro che si dichiarano immediatamente disponibili all attività lavorativa. Il D. Lgs. 297/02 ha definito che lo stato di disoccupazione deve essere autocertificato presso il Centro per l Impiego nel cui ambito territoriale l utente/cliente è domiciliato, mediante il rilascio di una dichiarazione di immediata disponibilità all attività lavorativa (DDL). Infine, la L.R. 22/2006 per dare attuazione agli obiettivi definiti dalla strategia Europea per l Occupazione e dalla strategia di Lisbona (2000), che prevedono lo sviluppo di un mercato del lavoro trasparente, fondato sulla centralità della persona e sull investimento del capitale umano, ha disciplinato organicamente il mercato del lavoro lombardo definendo, tra l altro, le competenze assegnate alle Province e regolando il sistema della rete degli operatori. Le attività del Centro per l'impiego di Melzo sono state trasferite in concessione di servizio dalla Provincia di Milano all Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro Est Milano con delibera del Consiglio Provinciale n. 346 del 28/2/

13 Suggerimenti e reclami Il suggerimento è una segnalazione di miglioramento che il cittadino può fare riportando le opportune osservazioni; il reclamo è una segnalazione di difformità tra quanto previsto dalla Carta dei Servizi e quanto effettivamente ricevuto in termini di servizio. Suggerimenti e reclami possono essere presentati tramite l apposito modulo allegato a questo documento, scaricabile dal sito internet dell Agenzia o richiedibile al personale dell Agenzia e del Centro per l Impiego. I documenti contenenti generalità, indirizzo e sottoscrizione del proponente e chiara descrizione del suggerimento o del motivo del reclamo possono essere consegnati al personale dell Agenzia e del Centro per l Impiego o inviati alla Direzione/Responsabile Lavoro dell Agenzia al fine di valutarne la fondatezza, individuarne le cause, definire interventi idonei per la risoluzione e avviare azioni per evitarne la ripetizione. A ogni reclamo scritto verrà data risposta entro 30 giorni presso l indirizzo indicato dall utente/cliente. La raccolta di suggerimenti e reclami ha lo scopo di favorire il miglioramento dei servizi e di proporre un dialogo con i cittadini. Per questo, occorre che il suggerimento e il reclamo siano presentati su un documento in cui compaiano anche i dati del cittadino, che tutelati dalla privacy - facilitano il feedback da parte della struttura. 13

14 III parte I SERVIZI OFFERTI 14

15 [servizi al cittadino] Area Lavoro - Orientamento ACCOGLIENZA INFORMATIVA Finalità Raccogliere le richieste delle persone che si presentano presso l Agenzia, far conoscere la gamma dei servizi cui è possibile accedere, indirizzare i cittadini al servizio interno o esterno - più idoneo. Persone giovani e adulte inoccupate, disoccupate e occupate. Il servizio è erogato direttamente presso i punti d accoglienza dell Agenzia e presso il Centro per l Impiego di Melzo, dove sono disponibili al pubblico materiali divulgativi. Standard L accesso al servizio e alle informazioni è immediato. È previsto un eventuale rinvio a colloqui di accoglienza orientativa. COLLOQUIO DI ACCOGLIENZA, DICHIARAZIONE DI DISPONIBILITÀ AL LAVORO Finalità Redigere una scheda anagrafica e professionale della persona attraverso il sistema informativo provinciale; certificare lo status occupazionale della persona in disoccupato, inoccupato o occupato ; valutarne e registrarne l eventuale immediata disponibilità al lavoro (DDL); supportarla nell accesso a servizi di indennità, di sostegno al reddito e/o a percorsi di accompagnamento verso lavoro e formazione. Persone giovani e adulte inoccupate, disoccupate e occupate. Il servizio è erogato presso gli sportelli abilitati dell Agenzia (Melzo, Vimodrone, Cassano d Adda, Cernusco sul Naviglio, Pioltello, Gorgonzola) e presso il Centro per l Impiego di Melzo. Le persone devono essere munite di documento d identità in corso di validità e codice fiscale, del permesso o carta di soggiorno in corso di validità se cittadini extracomunitari. Per ricevere la DDL la persona deve essere priva di lavoro, immediatamente disponibile allo svolgimento di attività lavorativa, immediatamente disponibile a seguire un percorso finalizzato ad agevolare la ricerca di un occupazione. Standard L accesso al servizio è immediato o su appuntamento e prevede l eventuale rilascio della Dichiarazione di Disponibilità Immediata al Lavoro e/o di ulteriori certificati richiesti. 15

16 [servizi al cittadino] STATO / INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE Finalità Consentire ai lavoratori che si trovino nella situazione di cessazione del rapporto di lavoro per scadenza del termine, per licenziamento e per alcuni casi di dimissioni, di accedere all'indennità economica di disoccupazione ordinaria. L'indennità di disoccupazione spetta sia ai lavoratori con contratto a tempo determinato, alla scadenza del termine del contratto, sia con contratto a tempo indeterminato, in caso di licenziamento. Essa invece non spetta a chi si dimette volontariamente, ad eccezione delle lavoratrici madri e di coloro che si sono dimessi per giusta causa. Il lavoratore che ha dato le dimissioni in seguito al mancato pagamento degli stipendi da parte del datore di lavoro, ha diritto all'indennità di disoccupazione anche dopo aver ottenuto le somme spettanti. Persone disoccupate in possesso di dichiarazione di disponibilità al lavoro che hanno i requisiti previsti. Il servizio è erogato presso gli sportelli abilitati dell Agenzia (Melzo, Vimodrone, Cassano d Adda, Cernusco sul Naviglio, Pioltello, Gorgonzola) e presso il Centro per l Impiego di Melzo. Le persone devono rilasciare la dichiarazione di disponibilità al lavoro, essere in possesso della lettera di cessazione del rapporto di lavoro e presentare domanda entro 68 giorni dal licenziamento. La documentazione così ottenuta deve essere presentata all Inps. Standard L accesso al servizio è immediato o su appuntamento. ISCRIZIONE ALLE LISTE DI MOBILITÀ Finalità Agevolare il reinserimento lavorativo di persone licenziate per crisi aziendali anche per aziende con meno di 15 dipendenti (mobilità 236). L inserimento nelle liste di mobilità è condizione per la concessione, ove prevista (mobilità 223), dell indennità da parte dell INPS. L inserimento e/o la cancellazione dalla lista sono di competenza della Regione, mentre la gestione e l aggiornamento dei Centri per l Impiego. Persone assunte a tempo indeterminato che sono state licenziate per cessazione attività, riorganizzazione aziendale, per riduzione del personale o soppressione del proprio posto di lavoro. Aziende interessate all assunzione di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità per agevolazioni fiscali contributive. Occorre presentarsi al Centro competente, entro 60 giorni dalla cessazione del rapporto lavorativo, con la lettera di licenziamento del datore di lavoro, carta d identità e codice fiscale. Il Centro fornisce informazioni sulla modulistica da presentare e sulle disposizioni normative, raccogliendo e verificando le domande per l invio alla Commissione Provinciale e in seguito alla Regione Lombardia. Standard L accesso al servizio è immediato e prevede il rilascio dello stato occupazionale aggiornato e l attestato provvisorio d iscrizione alle liste di mobilità. La Regione Lombardia invia in seguito (dopo un mese o più) l approvazione del lavoratore nella lista di mobilità regionale al Centro per l Impiego, che stampa e invia per posta il certificato all utente. 16

17 [servizi al cittadino] ACCESSO AL LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (articolo 16 legge 56/87) Finalità Avviare a selezione a tempo determinato o indeterminato personale generico, se richiesto da Enti o Pubbliche Amministrazioni, per mezzo di una procedura pubblica che determina una graduatoria secondo parametri, quali: anzianità di disoccupazione, carico famigliare, età anagrafica. Persone disoccupate e inoccupate, con titolo di studio richiesto, di età non inferiore ai 18 anni. Le offerte sono consultabili presso le sedi territoriali delle Agenzie e sul sito internet della Provincia. La persona interessata, in possesso dei requisiti, deve presentarsi il giorno indicato sull offerta di lavoro (di norma il martedì mattina) presso il Centro per l Impiego delegato alla selezione della posizione ricercata. Occorre presentare un documento d identità in corso di validità, il codice fiscale e un certificato da cui si determini il carico familiare. Standard L accesso al servizio è immediato presso il Centro per l Impiego competente, nei giorni e negli orari previsti, e prevede l inserimento nella graduatoria pubblica di ogni singola chiamata. COLLOQUIO DI APPROFONDIMENTO Finalità Offrire alla persona, sulla base dei bisogni, un colloquio approfondito rivolto a ricostruire la propria storia professionale e formativa e l accesso, previa manifestazione e valutazione d interesse, a servizi di incrocio domanda e offerta di lavoro. Il servizio consente inoltre la proposta di rinvio a progetti specifici finanziati di lavoro o di formazione - calibrati sulle esigenze personali individuate. Persone giovani e adulte inoccupate, disoccupate e occupate. Il servizio è erogato su appuntamento presso uno degli sportelli dell Agenzia e presso il Centro per l Impiego di Melzo, attraverso un colloquio approfondito con operatori qualificati, finalizzato a offrire un supporto nella scelta professionale o formativa e nella definizione di una strategia efficace di ricerca di lavoro. Standard L accesso al servizio è su appuntamento e prevede un colloquio della durata di circa un ora e l eventuale rinvio previa manifestazione d interesse della persona e valutazione dell operatore - al servizio di incontro domanda offerta o ad altri servizi specialistici finanziati. 17

18 [servizi al cittadino] ACCOMPAGNAMENTO AL LAVORO/ SERVIZIO DI RICOLLOCAZIONE Finalità Facilitare l inserimento, il reinserimento e la permanenza nel mondo del lavoro attraverso un servizio finanziato e dedicato, che supporti l utente/cliente nell elaborazione di un piano d azione individuale idoneo a migliorare le sue condizioni di occupabilità. Persone giovani e adulte inoccupate, disoccupate e occupate. Il servizio è erogato presso uno degli sportelli dell Agenzia e presso il Centro per l Impiego di Melzo, attraverso un percorso finanziato che prevede più colloqui approfonditi individuali e/o di gruppo con operatori qualificati e, se possibile, momenti formativi. Il percorso è pensato in più azioni volte a tracciare una strategia efficace di ricerca e inserimento occupazionale. Tempi/ Standard L accesso al servizio è su appuntamento e prevede un colloquio iniziale della durata di circa un ora e l eventuale rinvio previa finanziabilità dell azione, manifestazione d interesse della persona e valutazione dell operatore - al percorso di accompagnamento/ricollocazione. DOTE LAVORO Finalità Favorire l occupazione e accompagnare la persona nell inserimento e nel reinserimento lavorativo e nella riqualificazione professionale. La Dote Lavoro permette di accedere a servizi finalizzati all ingresso o al rientro nel mercato del lavoro. Prevede, in determinati casi e in presenza di specifici requisiti, un sostegno economico per chi ha perso il lavoro e non accede ad altre indennità. Persone giovani e adulte inoccupate, disoccupate, residenti o domiciliate in Regione Lombardia, di età inferiore ai 64 anni. Il servizio è erogato presso uno degli sportelli dell Agenzia e presso il Centro per l Impiego di Melzo attraverso un percorso finanziato (Piano di Intervento Personalizzato) volto a individuare una serie di azioni e servizi, quali: bilancio di competenze, tutoring, scouting, attività formative ecc. Tempi/ Standard L accesso al servizio è su appuntamento e prevede alcuni colloqui iniziali e l eventuale rinvio previa finanziabilità dell azione, manifestazione d interesse della persona e valutazione dell operatore - al percorso dotale. 18

19 [servizi al cittadino] DOTE AMMORTIZZATORI Finalità Obiettivo di questo servizio è favorire la permanenza e la riqualificazione del personale aziendale interessato dalla cassa integrazione in deroga. Il lavoratore coinvolto nella procedura con il diritto all indennità di sostegno al reddito è tenuto a entrare nel percorso previsto dalla Dote Ammortizzatori Sociali. Deve presentarsi presso un ente accreditato per i servizi al lavoro con la propria carta regionale dei servizi in corso di validità e il relativo codice PIN. Lavoratori in cassa integrazione in deroga. Il servizio è erogato presso uno degli sportelli dell Agenzia e presso il Centro per l Impiego di Melzo attraverso un percorso finanziato (Piano di Intervento Personalizzato), volto a individuare una serie di azioni e servizi, quali: bilancio di competenze, tutoring, scouting, attività formative ecc. Tempi/ Standard L accesso al servizio è su appuntamento e prevede alcuni colloqui iniziali e l eventuale rinvio previa finanziabilità dell azione, manifestazione d interesse della persona e valutazione dell operatore - al percorso dotale. SERVIZIO INCONTRO DOMANDA E OFFERTA DI LAVORO Finalità Favorire l incontro tra le persone in cerca di lavoro e le aziende che richiedono profili professionali; preselezionare i candidati che dopo aver sostenuto il colloquio di approfondimento presso uno degli sportelli dell Agenzia risultano in linea con le richieste aziendali. Tutte le persone interessate alle offerte di lavoro. Il servizio di incrocio domanda e offerta di lavoro è realizzato presso la sede dell Agenzia e prevede l individuazione dei candidati in linea con la figura professionale richiesta dall azienda, mediante l interrogazione della banca dati dell Agenzia e attraverso la raccolta di autocandidature. È individuata una rosa di candidati da segnalare all azienda attraverso una valutazione dell effettiva rispondenza del profilo professionale richiesto. Standard L accesso al servizio è possibile presso tutti gli sportelli dell Agenzia o presso il Centro per l Impiego di Melzo, su appuntamento, e prevede l inserimento del profilo professionale in banca dati e partecipazione al processo d incontro domanda-offerta di lavoro; la segnalazione di opportunità di colloquio in linea con la professionalità e le disponibilità espresse; il monitoraggio dell esito del colloquio di lavoro effettuato dall azienda e del relativo sbocco occupazionale. 19

20 [servizi al cittadino] TIROCINI Finalità Proporre esperienze formative e d orientamento utili all inserimento o al reinserimento lavorativo, consentendo al tirocinante di entrare in un ambiente di lavoro, mettersi alla prova per verificare le proprie capacità relazionali, sociali, organizzative, orientare e/o verificare le proprie scelte professionali e acquisire un esperienza pratica che potrà arricchire il suo curriculum. Giovani e adulti, inoccupati e disoccupati, che desiderano avvicinarsi/riavvicinarsi al mondo del lavoro attraverso un esperienza nel settore d interesse. Il servizio, realizzato presso la sede dell Agenzia, prevede: colloqui precedenti l attivazione del tirocinio, stesura del progetto formativo, attività di monitoraggio in itinere e finale, bilancio sull attività svolta, individuazione delle competenze apprese e potenzialità evidenziate. Standard L accesso al servizio è su appuntamento e prevede uno più colloqui presso uno degli sportelli dell Agenzia o presso il Centro per l Impiego di Melzo. SERVIZIO INCROCIO DOMANDA E OFFERTA PER ASSISTENTI FAMILIARI Finalità Preselezionare lavoratori disponibili a svolgere attività di assistenza, al fine di segnalarli alle famiglie che si rivolgono al servizio. Assistenti familiari, colf. Il profilo del candidato potenziale è definito in seguito a colloqui individuali con operatori adeguatamente formati, volti a recuperarne l esperienza, le capacità e la disponibilità. Le persone non in possesso di titolo ASA o OSS o comprovata esperienza come assistente familiare della durata di almeno 18 mesi, sostengono anche un esame di certificazione. Al termine del processo le persone sono inserite, se considerate idonee, nel registro distrettuale delle assistenti familiari. Il servizio di incrocio domanda-offerta di lavoro è realizzato presso la sede dell Agenzia e comporta l interrogazione del registro badanti e l individuazione di una rosa di candidati in linea con la richiesta della famiglia. Standard L accesso al servizio è possibile, previo finanziamento dello stesso?, presso tutti gli sportelli dell Agenzia o presso il Centro per l Impiego di Melzo, su appuntamento, e prevede la partecipazione a più colloqui individuali e un eventuale esame di certificazione delle competenze. 20

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO LINEE GUIDA IN MATERIA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

TRIBUNALE DI MILANO LINEE GUIDA IN MATERIA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO TRIBUNALE DI MILANO LINEE GUIDA IN MATERIA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO LINEE GUIDA IN MATERIA DI AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Le linee guida sono state realizzate dal Gruppo di lavoro Volontaria Giurisdizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO.

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO. una sintesi del CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO DATA DI SOTTOSCRIZIONE: 27 DATA DI ENTRATA IN VIGORE: 1 GENNAIO 2014 Pagina 1 di 32

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

Guida ai servizi online della Provincia di Milano

Guida ai servizi online della Provincia di Milano Guida ai servizi online della Provincia di Milano - 1 - Il servizio CPI On line consente a tutti gli iscritti ai Centri per l impiego della Provincia di Milano di visualizzare, modificare e stampare alcune

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli