L ACCESSO AL LAVORO PRESSO LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E IN PARTICOLARE PRESSO L AGENZIA DELLE ENTRATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ACCESSO AL LAVORO PRESSO LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E IN PARTICOLARE PRESSO L AGENZIA DELLE ENTRATE"

Transcript

1 L ACCESSO AL LAVORO PRESSO LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E IN PARTICOLARE PRESSO L AGENZIA DELLE ENTRATE Relatore: Prof. ssa Barbara De Mozzi

2

3 INDICE Introduzione Le fonti normative Il reclutamento nel Testo unico sul pubblico impiego e le misure previste dalla Spending rewiew in materia di lavoro pubblico 2.1 Il passaggio al modello contrattuale I metodi di accesso al pubblico impiego I principi generali in tema di selezione del personale L avvio delle procedure di reclutamento e i provvedimenti della Spending rewiew Il D.P.R. 9 maggio 1994, n Le modalità di accesso e le tipologie di concorso pubblico I requisiti per l accesso all impiego pubblico Il bando di concorso La domanda di ammissione Lo svolgimento delle prove d esame e la graduatoria L accesso alla dirigenza statale 4.1 L inserimento nel ruolo di dirigente di prima e seconda fascia Il concorso per esami Il corso-concorso Un confronto tra le due modalità di accesso alla dirigenza di seconda fascia L accesso alla dirigenza di prima fascia Il reclutamento presso l Agenzia delle Entrate 5.1 L accesso a qualifiche non dirigenziali...26

4 5.2 Il bando di concorso per l assunzione di funzionari addetti all attività amministrativo-tributaria Conclusioni...28 Bibliografia...30

5 INTRODUZIONE L argomento preso in considerazione dalla seguente relazione riguarda l analisi delle principali modalità di accesso al lavoro presso le pubbliche amministrazioni e della loro regolamentazione, facendo riferimento, nell ultima parte, alla disciplina dettata per l avviamento al lavoro presso l Agenzia delle Entrate, ente presso il quale ho svolto lo stage. Durante il periodo di tirocinio ho potuto comprendere da vicino l importanza che riveste il capitale umano all interno dell organizzazione: le risorse umane rappresentano una fondamentale risorsa strategica in quanto la formazione, l esperienza, le capacità e la perspicacia dei singoli manager e dipendenti rappresentano un indubbia fonte di vantaggio competitivo e di creazione di valore. Per questo la scelta di un adeguato sistema di reclutamento e selezione del personale è fondamentale al fine di riuscire a massimizzare l investimento in assunzioni. Tuttavia, è importante sottolineare che nel settore privato il miglior reclutamento è affidato alle scelte libere del singolo imprenditore; nel settore pubblico è vincolato come subito si dirà da principi costituzionali e da norme di legge, dirette a garantire buon andamento e trasparenza. A partire dagli anni Novanta, la pubblica amministrazione è stata coinvolta in un processo di riforma che ha interessato anche la disciplina dell impiego pubblico, realizzando la cosiddetta privatizzazione del pubblico impiego. Con tale espressione si intende indicare il tentativo messo in atto del legislatore di parificare la disciplina giuridica del lavoro pubblico con quella del lavoro privato. Prima della suddetta riforma, il rapporto di lavoro veniva regolato quasi esclusivamente da disposizioni legislative o regolamentari e prendeva origine da un atto unilaterale di nomina, con la conseguenza che l amministrazione pubblica manteneva una posizione di supremazia rispetto al lavoratore. Oggi, invece, la normativa privatistica e la contrattazione collettiva assumono rilevanza nella regolamentazione del rapporto di lavoro ed esso nasce attraverso la sottoscrizione di un contratto individuale, con la conseguenza che il datore di lavoro pubblico, nella gestione del rapporto con i propri dipendenti, è in una posizione analoga a quella assunta da ogni altro datore di lavoro. Ciò nonostante, questa assimilazione non potrà mai essere totale per il fatto che l impiego pubblico è inevitabilmente differenziato da quello privato dato che mira al perseguimento di interessi pubblici e pertanto devono essere rispettati i principi di imparzialità, 1

6 trasparenza e buon andamento della pubblica amministrazione previsti dall art. 97 della Costituzione. Per questo l accesso e la selezione dei dipendenti pubblici avvengono principalmente secondo procedure selettive regolate attraverso la legge e fonti secondarie, primo tra tutti il concorso pubblico, che garantiscono il rispetto di tali principi. Affronterò le tematiche relative al reclutamento sia del personale dirigente che non dirigente nelle amministrazioni pubbliche fornendo, nel primo capitolo, una panoramica delle principali fonti normative nelle quali sono indicati i principi a cui si ispira il processo di selezione e i criteri di svolgimento dello stesso. Proseguirò nei successivi capitoli approfondendo nel dettaglio ciascuna di esse, dando rilevanza agli articoli più importanti dei decreti e dei regolamenti governativi presi in considerazione. Infine, terminerò l analisi spiegando qual è la precisa regolamentazione prevista in tema di reclutamento del personale non dirigente presso l Agenzia delle Entrate, considerando quanto viene affermato nel Regolamento di Amministrazione di tale ente ed esaminando, a titolo di esempio, un bando di concorso previsto per l accesso alla posizione di funzionario. 1. LE FONTI NORMATIVE Un importante pilastro per quanto riguarda la disciplina dell accesso all impiego pubblico è costituito dall art. 97 della Costituzione, il quale sancisce il principio del concorso: esso stabilisce, infatti, che i pubblici uffici sono organizzati secondo le disposizioni di legge e che agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, assegnando alla legge il compito di fissare e regolare le ipotesi di accesso diverse dal concorso. Tale metodo di selezione oggettivo e neutrale garantisce il rispetto dei principi di imparzialità e buon andamento della pubblica amministrazione, enunciati al comma 1 del suddetto art. 97. L imparzialità è, infatti, garantita se la selezione del personale avviene indipendentemente da ogni riferimento alle condizioni personali dei concorrenti, rendendo più improbabile l attuazione di discriminazioni, e il buon andamento è facilitato se il reclutamento avviene attraverso valutazioni oggettive e 2

7 spersonalizzate delle capacità, in modo tale che le amministrazioni pubbliche possano svolgere le loro funzioni con obiettività ed all esclusivo servizio della Nazione. Un altro principio di fondamentale importanza che sta alla base della regolamentazione del reclutamento presso i pubblici uffici è il quello di uguaglianza, enunciato all art. 51 della Costituzione, secondo il quale tutti i cittadini dell uno o dell altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di uguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge. A tal fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne e uomini. Questa disposizione rappresenta una specificazione dell art. 3 della Costituzione, proclamando il principio di uguaglianza non più in linea generale ma in relazione al rapporto del quale la pubblica amministrazione è parte 1. In applicazione dei principi costituzionali enunciati, l attuale fonte legislativa cui si fa riferimento in tema di impiego pubblico è il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ovvero il Testo Unico sul pubblico impiego, che contiene i principi generali che regolano il rapporto di lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. In particolare, l art. 35 di questo decreto definisce le linee guida principali in tema di reclutamento del personale non dirigente, ma anche altri articoli possono risultare utili al fine di comprendere al meglio le modalità e le regole di selezione, come ad esempio gli articoli 28 e 28-bis che riguardano l accesso alla qualifica di dirigente nelle amministrazioni pubbliche, l art. 38 che detta le norme circa l accesso dei cittadini degli Stati membri dell Unione Europea e l art. 39 che regolamenta le assunzioni obbligatorie delle categorie protette e il tirocinio per i portatori di handicap. A seguito del processo di riforma partito dagli anni Novanta, tutte le disposizioni di modifica sono confluite nel suddetto Testo Unico. Dopo il 2001 ci sono stati ulteriori interventi di variazione del decreto e il più importante è stato attuato con la riforma Brunetta, ovvero il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n Infatti, sebbene sia da considerarsi in collegamento con le riforme precedentemente realizzate, è possibile affermare che tale riforma mette in atto un inversione di tendenza attraverso una restrizione dello spazio riservato alla contrattazione collettiva a favore della fonte unilaterale, principalmente al fine di soddisfare l esigenza della pubblica amministrazione di operare secondo criteri di efficienza. Alcune materie sono state quindi precluse alla contrattazione collettiva e, 1 Si veda Tenore, Manuale del pubblico impiego privatizzato, 88. 3

8 anche con riferimento alle materie che restano affidate alla stessa, la contrattazione collettiva non può derogare ai limiti imposti dalla legge 2. Esistono, inoltre, delle fonti regolamentari che disciplinano il reclutamento dei dipendenti pubblici: l art. 70 del decreto legislativo 165/2001 al comma 13 stabilisce che le singole amministrazioni sono tenute ad applicare la disciplina prevista dal decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, recante le norme sull accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi, per le parti non incompatibili con quanto previsto dagli art. 35 e 36 del decreto legislativo. Ciò avviene, però, solo nel caso in cui non si siano avvalse del potere regolamentare che spetta a tutte le amministrazioni pubbliche in materia di reclutamento, da esercitare sempre nel rispetto dei principi dettati dal decreto. Anche nell esercizio di tale autonomia, è comunque auspicabile che le amministrazioni pubbliche abbiano come riferimento la normativa dettata dal D.P.R. 487/ Un altra importante fonte regolamentare è il decreto del Presidente della Repubblica 24 settembre 2004, n. 272, il quale contiene le norme in materia di accesso alla qualifica di dirigente, secondo quanto previsto dall art. 28 del decreto legislativo 165/2001 che rimanda alla normativa regolamentare la disciplina di alcuni aspetti. Il D.P.R. 272/2004 si inserisce in un contesto di riforma della dirigenza pubblica, la quale nasce da un esigenza di trasformazione della pubblica amministrazione che punti alle caratteristiche di efficienza, innovazione e dinamicità e che miri al raggiungimento degli interessi pubblici anche attraverso l assunzione di dirigenti che rivestano il ruolo di un vero e proprio manager. Questo processo di riforma sfocia nella riforma Brunetta del 2009, che prevede l introduzione di meccanismi di valutazione e di misurazione delle performance di ciascun dipendente, dei quali i dirigenti sono responsabili, al fine di garantire il buon andamento delle pubbliche amministrazioni. La riforma prevede anche l applicazione di sanzioni ai dirigenti che omettano di esercitare una serie di prerogative proprie della figura del datore di lavoro 4. 2 Olivieri, La riforma del lavoro pubblico, Si veda Caringella, Codice del pubblico impiego, Olivieri, La riforma del lavoro pubblico, 11. 4

9 2. IL RECLUTAMENTO NEL TESTO UNICO SUL PUBBLICO IMPIEGO E LE MISURE PREVISTE DALLA SPENDING REWIEW IN MATERIA DI LAVORO PUBBLICO 2.1 Il passaggio al modello contrattuale Come accennato in precedenza, il processo di riforma del lavoro pubblico ha portato dei cambiamenti anche nella fase costitutiva del rapporto. L art. 35 del decreto legislativo 165/2001 sancisce che l assunzione nelle amministrazioni pubbliche avviene con contratto individuale di lavoro. A differenza di quanto avveniva in precedenza, quando vigeva il principio secondo cui il rapporto di pubblico impiego si costituiva mediante un atto unilaterale della pubblica amministrazione, ora il rapporto nasce e viene regolato tramite il contratto, integrato dalle disposizioni di legge e da quanto previsto dai contratti collettivi nazionali. Il modello di costituzione del rapporto mediante l atto di nomina, ovvero un provvedimento autoritativo della pubblica amministrazione con il quale l azione viene unilateralmente imposta al privato, è stato superato per passare ad un nuovo modello contrattuale che si basa sull accettazione della proposta di assunzione inviata dall amministrazione pubblica al soggetto selezionato, realizzando una tutela equilibrata dei rispettivi interessi. Ciò viene confermato anche dall art. 2 dello stesso decreto legislativo, il quale individua il contratto come fonte di regolazione del rapporto di lavoro dei dipendenti pubblici. Di fondamentale importanza è, a questo punto, l individuazione del preciso momento in cui avviene il passaggio dal processo di selezione del personale a quello di assunzione dello stesso perché è diversa la competenza circa il giudizio su eventuali controversie che possono insorgere. Infatti, la fase di selezione viene disciplinata in un ottica di diritto pubblico con la conseguenza che eventuali controversie in materia di procedure concorsuali spettano alla giurisdizione del giudice amministrativo, mentre dal momento dell assunzione del soggetto interessato il rapporto viene affidato alla regolamentazione del diritto privato e della contrattazione collettiva, facendo sì che la risoluzione di eventuali controversie sia di pertinenza del giudice del lavoro 5. 5 Così Amoroso, Il lavoro pubblico. 5

10 2.2 I metodi di accesso al pubblico impiego L art. 35 prosegue definendo i principali metodi di accesso al lavoro pubblico, individuando, come regola, l assunzione a seguito di procedure selettive volte all accertamento della professionalità richiesta, che garantiscano in modo adeguato l accesso dall esterno. Rispetto all originale formulazione del decreto legislativo 29/1993, è stato sostituito il termine concorso con il termine procedure selettive. Questa potrebbe sembrare una violazione del principio del concorso previsto dall art. 97 della Costituzione, tuttavia, in merito a tale questione si è espressa la Corte Costituzionale, la quale in diverse sentenze 6 ha affermato che il concorso pubblico resta il metodo che offre le migliori garanzie di selezione dei soggetti più capaci per l esercizio di funzioni in condizioni di imparzialità ed al servizio esclusivo della Nazione. Ciò nonostante, sono ammesse deroghe da parte del legislatore purchè le stesse siano funzionali a garantire il buon andamento della pubblica amministrazione o all attuazione di altri principi di rilievo costituzionale. L eccezione alla regola deve, quindi, essere giustificata in riferimento alla peculiarità della situazione che richiede il ricorso a criteri diversi da quelli previsti 7. Sempre con riferimento all art. 35 e in particolare alla previsione di assunzione tramite procedure selettive, un altra questione assai dibattuta è quella che concerne la corretta regolamentazione delle procedure selettive interne e delle progressioni di carriera. Seguendo una determinata linea di pensiero, dovrebbe esistere un unica procedura di selezione sia per il reclutamento di nuovo personale che per la progressione di carriera alla quale, quindi, potrebbero partecipare i soggetti in cerca di lavoro che desiderano entrare nell amministrazione ma anche coloro che sono già dipendenti e desiderano progredire di carriera. Questo modello se da una parte garantisce imparzialità nella gestione dello sviluppo del personale, dall altra costituisce un elemento di forte rigidità, in quanto sottrae alla dirigenza pubblica l autonomia decisionale di inquadrare il personale in funzione dei risultati programmati e delle capacità e, inoltre, rappresenta un disincentivo per i dipendenti a collaborare per raggiungere obiettivi sempre più alti, dato che l avanzamento di carriera è difficoltoso. Secondo un altra impostazione, invece, il reclutamento del personale sarebbe da considerarsi una materia distinta dalle 6 Si vedano ad esempio le sentenze C. cost. 16 maggio 2002, n. 194 e C. cost. 26 gennaio 2004, n. 34, disponibili su 7 Così Caringella, Codice del pubblico impiego,

11 progressioni di carriera e pertanto i criteri e le modalità di svolgimento della selezione dovrebbero restare separati, in quanto si tratta di due situazioni molto diverse 8. Il primo orientamento è stato più volte condiviso dalla Corte Costituzionale, la quale in varie sentenze 9 ribadisce che il passaggio ad una fascia funzionale superiore va regolato attraverso procedure selettive aperte all esterno e che eventuali deroghe sono ammissibili solamente in casi eccezionali, quando le restrizioni dei soggetti legittimati a partecipare al concorso pubblico sono considerate ragionevoli al fine di garantire al meglio il buon andamento della pubblica amministrazione. Ad esempio, è possibile che per ricoprire determinati profili professionali sia indispensabile possedere professionalità ed esperienza acquisite all interno della stessa amministrazione. Al fine di conciliare la progressione verticale di carriera e il principio di concorsualità, il decreto legislativo 150/2009 ha modificato il decreto legislativo 165/2001 inserendo all art. 52 il comma 1-bis: le progressioni di carriera all interno della stessa area possono avvenire secondo procedure selettive di volta in volta decise in funzione di adeguate variabili, mentre le progressioni verticali tra aree diverse devono avvenire tramite concorso pubblico, con la possibilità di attribuire al personale interno, in possesso dei titoli di studio richiesti per l accesso dall esterno, una riserva dei posti non superiore al 50% di quelli messi a concorso 10. Alla luce di ciò, un altra questione che vale la pena affrontare riguarda l individuazione dell organo giurisdizionale competente nelle controversie che possono nascere durante procedure concorsuali di questo tipo, ossia aperte sia a dipendenti esterni che interni. Il problema nasce dal dibattito riguardante la classificazione della progressione di carriera, ovvero se essa debba essere considerata come un atto di gestione del rapporto di lavoro oppure come una vera e propria nuova assunzione del dipendente in un altro ruolo. La Corte di Cassazione ha puntualizzato 11 che la competenza del giudice ordinario o di quello amministrativo dipende dalle seguenti ipotesi: la giurisdizione va attribuita al giudice amministrativo nel caso di controversie attinenti a concorsi per soli candidati esterni, a concorsi misti (accessibili dall esterno e con riserva di posti per il personale interno) e a concorsi per i soli interni che comportino il passaggio da un area funzionale 8 Amoroso, Il lavoro pubblico, Si vedano ad esempio le sentenze C. cost. 23 luglio 2002, n. 373, C. cost. 26 gennaio 2004, n. 34 e C. cost. 28 dicembre 2005, n. 465, disponibili su 10 Olivieri, La riforma del lavoro pubblico. 11 Si veda Cass., S.U., 15 ottobre 2003, n

12 all altra; la giurisdizione va, invece, attribuita al giudice ordinario nel caso di controversie relative a concorsi per soli interni, che riguardino la progressione all interno della medesima area funzionale 12. La seconda modalità di accesso alle amministrazioni pubbliche consiste nell avviamento degli iscritti alle liste di collocamento formate dai centri per l impiego allo scopo di ricoprire profili per i quali è richiesto il solo requisito della scuola dell obbligo. Le graduatorie dei disoccupati che richiedono il collocamento presso le pubbliche amministrazioni vengono formate separatamente da quelle per il collocamento presso datori di lavoro privati e l iscrizione viene effettuata per singole qualifiche e profili professionali. L avvio degli iscritti alle liste di collocamento rappresenta una deroga al principio del concorso pubblico: è assente il presupposto di valutazione comparativa in quanto lo scopo di questa forma di reclutamento non è la verifica delle capacità dei candidati ma solamente l accertamento dell idoneità professionale degli aspiranti rispetto al posto da ricoprire. La motivazione di tale deroga si spiega nella volontà di non ricorrere ad un meccanismo dispendioso come il concorso per coprire posizioni di non rilevante contenuto professionale 13. Secondo le modalità svolgimento di tale meccanismo, l Ufficio di collocamento invia all amministrazione un numero doppio di aspiranti idonei rispetto ai posti da coprire, rispettando l ordine di graduatoria, e questi vengono sottoposti a prove di idoneità, cioè allo svolgimento di prove pratiche attitudinali o di sperimentazioni lavorative tenendo in considerazione le attività che saranno chiamati a svolgere. Una volta verificata l adeguatezza, i candidati individuati hanno diritto all assunzione. La chiamata avviene secondo l ordine di graduatoria degli iscritti in modo tale che venga assicurato il più ampio rispetto del principio di parità di trattamento. Il terzo modo per accedere al pubblico impiego consiste nelle assunzioni obbligatorie, come previsto dall art. 35 del decreto legislativo 165/2001 al secondo comma. Esso fa riferimento alle disposizioni della legge 12 marzo 1999, n. 68, che contiene le norme per il diritto al lavoro dei disabili. La normativa sul collocamento obbligatorio stabilisce che i datori di lavoro pubblici e privati sono obbligati ad assumere un certo numero di soggetti disabili per tutelare il loro diritto di accesso al lavoro, dato che essi si trovano in un evidente situazione di svantaggio e di debolezza contrattuale. Non tutte le 12 Così Amoroso, Il lavoro pubblico, Volpe, L impiego pubblico,

13 amministrazioni pubbliche sono tenute ad attuare tali assunzioni in quanto l obbligo scatta quando l amministrazione ha alle proprie dipendenze più di 15 lavoratori. I criteri per determinare la quota d obbligo di soggetti appartenenti alle categorie protette da assumere sono indicati all articolo 4 della legge 12 marzo 1999, n. 68, ed essa va calcolata in base all organico complessivo dell amministrazione 14. Inoltre, l inserimento dei disabili deve avvenire attraverso il collocamento mirato, ovvero facendo in modo che essi non vengano assunti per ricoprire il primo posto compatibile con il loro stato di salute, ma vadano inseriti in una posizione adatta affinchè possano esprimere al meglio le loro potenzialità e che allo stesso tempo risulti utile all organizzazione. I soggetti disabili ai quali si applicano tali disposizioni sono: a) le persone in età lavorativa affette da menomazioni fisiche, psichiche 15 o sensoriali e i portatori di handicap intellettivo, che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%; b) le persone invalide del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33%, accertata dall INAIL; c) le persone non vedenti e sordomute; d) le persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalidi per servizio con minorazioni ascritte dalla prima all ottava categoria ( secondo le tabelle annesse al testo unico delle norme in materia di pensioni di guerra, D.P.R. 23 dicembre 1978, n. 915). Inoltre, possono essere assunti tramite chiamata diretta nominativa il coniuge superstite e i figli del personale delle Forze dell ordine, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e del personale della Polizia municipale deceduto nell espletamento del servizio, nonché delle vittime del terrorismo e delle criminalità organizzata, secondo quanto previsto dall art. 35 del decreto legislativo 165/ Mentre le imprese private possono scegliere liberamente i soggetti disabili da assumere secondo il criterio della chiamata diretta nominativa, le amministrazioni pubbliche 14 La misura delle quote di riserva valide sia per i datori di lavoro pubblici che per i privati è la seguente: a) 7% dei lavoratori occupati, se occupano più di 50 dipendenti; b) Due lavoratori disabili, se occupano tra 36 e 50 dipendenti; c) Un lavoratore disabile, se occupano tra 15 e 35 dipendenti, ma solo in presenza di nuove assunzioni. 15 Trattandosi di invalidi psichici, l approccio da adottare nei confronti di questi soggetti non è sempre stato omogeneo. Attualmente, la loro assunzione è condizionata alla sussistenza di una residua capacità lavorativa, tale da consentire un proficuo impegno nelle mansioni disponibili in azienda. 16 Si veda Volpe, L impiego pubblico,

14 devono utilizzare lo strumento della chiamata numerica. In particolare, i lavoratori disabili hanno diritto alla riserva dei posti nei limiti della complessiva quota d obbligo e fino al 50% dei posti messi a concorso, secondo quanto previsto dall art. 7 comma 2 della legge 68/1999. All art. 16 della stessa legge, viene poi stabilito che i disabili possono partecipare a tutti i concorsi per il pubblico impiego, da qualsiasi amministrazione pubblica siano banditi, ad eccezione di quelli previsti per particolari mansioni e posizioni specificatamente individuate, e i bandi devono indicare delle speciali modalità di svolgimento delle prove al fine di consentire il rispetto del principio di parità di trattamento. Infatti, i soggetti disabili vengono avviati a prove selettive che però non comportano una valutazione comparativa, ma sono volte all accertamento dell idoneità che non riguarda solamente la verifica del grado di invalidità ma anche l adeguatezza del soggetto allo svolgimento delle mansioni del profilo nel quale avviene l assunzione. L accertamento dello stato invalidante è in ogni caso obbligatorio e i requisiti necessari devono essere presenti sia nel momento di iscrizione nelle apposite liste, ma anche nel momento di conclusione delle procedure e dell assunzione 17. Con l art. 39 del decreto legislativo 165/2001 si prevede, inoltre, che le amministrazioni pubbliche promuovano dei programmi per l assunzione dei portatori di handicap sulla base di direttive emanate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione pubblica e del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Questi programmi si sostanziano in convenzioni stipulate con i Centri per l impiego attraverso le quali i datori di lavoro possono godere di alcune agevolazioni quali ad esempio l assunzione nominativa dei disabili, l utilizzo di forme contrattuali flessibili o lo svolgimento di tirocini con finalità formative e di orientamento. Queste convenzioni hanno lo scopo di determinare un programma mirante al conseguimento degli obiettivi occupazionali previsti dalla legge 68/ I principi generali in tema di selezione del personale Una volta definite queste tre modalità di accesso al pubblico impiego, l art 35 al comma 3 individua i principi generali che devono essere rispettati nello svolgimento delle procedure di reclutamento. Innanzi tutto, deve esserci un adeguata pubblicità della 17 Così Amoroso, Il lavoro pubblico, Si veda Così Volpe, Il lavoro pubblico,

15 selezione, che di norma si realizza con la pubblicazione del bando o di un suo estratto nella Gazzetta Ufficiale, e le modalità di svolgimento del processo di reclutamento devono garantire l imparzialità e assicurare economicità e celerità dell espletamento, anche attraverso sistemi automatizzati. I meccanismi di selezione devono essere oggettivi e trasparenti, nonché idonei a verificare il possesso, da parte dei concorrenti, dei requisiti attitudinali e professionali richiesti per la posizione da ricoprire. Viene, inoltre, fissato il principio del rispetto delle pari opportunità tra lavoratrici e lavoratori, che si concretizza attraverso la previsione di una riserva di almeno un terzo dei posti di componente delle commissioni di concorso alle donne, salva motivata impossibilità, ai sensi dell art. 57 del decreto legislativo 165/ Tra i principi viene poi enunciato anche quello di decentramento delle procedure di reclutamento: infatti, dal concorso unico nazionale si è passati ad un sistema che prevede procedure concorsuali a livello regionale e solo in via eccezionale, per motivi tecnico-amministrativi o di economicità e previa autorizzazione del Presidente del Consiglio dei ministri, è possibile un ritorno al concorso unico 20. Questa scelta è stata fatta per due principali ragioni: la prima riguarda l intenzione di porre fine al problema della disuguale distribuzione del personale tra gli uffici pubblici del Nord, caratterizzati da carenza di organico, e quelli del Sud, nei quali vi è spesso personale in esubero, mentre la seconda motivazione è costituita dalla volontà di ridurre i partecipanti ad un numero più appropriato per rendere più efficace la procedura concorsuale, circoscrivendo i candidati a coloro che sono realmente interessati alla sede di lavoro anche come luogo di stabile dimora 21. Inoltre, i vincitori dei concorsi devono permanere nella sede di prima destinazione per un periodo non inferiore ai 5 anni, come indicato dal comma 5-bis dell art. 35. Un innovazione introdotta dalla riforma del 2009 riguarda l inserimento del comma 5- ter, nel quale viene indicata la possibilità di prevedere un requisito di residenza per la partecipazione al concorso qualora questo sia strumentale all assolvimento di servizi altrimenti non attuabili con lo stesso risultato. Al riguardo, è stato sollevato un dubbio di legittimità, in quanto la disposizione potrebbe essere considerata contraria al principio di parità di trattamento nell accesso ai pubblici uffici: la Corte Costituzionale 19 Così Volpe, L impiego pubblico, E così previsto dal comma 5 dell art. 35 del decreto legislativo 30 marzo Si veda Amoroso, Il lavoro pubblico,

16 si è già espressa in passato sulla questione 22, affermando che è possibile che ci siano delle ragionevoli discriminazioni, purchè esse siano connesse a razionali motivazioni funzionali a garantire una migliore organizzazione degli uffici. Ciò nonostante, non può essere data prevalenza assoluta al requisito della residenza, escludendo totalmente la valutazione comparativa. Inoltre, la previsione del possesso della residenza come uno dei requisiti necessari per la partecipazione al concorso può costituire un elemento di indiretta discriminazione nei confronti dei soggetti che non possiedono la cittadinanza italiana, in quanto molto spesso essi non sono residenti in Italia 23. Come verrà detto in modo più approfondito in seguito, il possesso della cittadinanza non può essere stabilito come requisito per l accesso al pubblico impiego, salvo alcuni casi, e ciò viene confermato anche da sentenze di merito 24 nelle quali si afferma che lo Stato può limitare l'accesso del lavoratore migrante a determinate occupazioni o funzioni solo quando tale restrizione sia necessaria nell'interesse dello Stato e dunque riguardi impieghi che implichino l'esercizio di pubblici poteri o di funzioni di interesse nazionale. L ultimo dei principi esaminati dall articolo disciplina la composizione delle commissioni, le quali devono essere formate esclusivamente da esperti di provata competenza nelle materie di concorso, scelti tra i funzionari delle amministrazioni, docenti ed estranei alle medesime, che non siano componenti dell organo di direzione politica dell amministrazione, che non ricoprano cariche politiche e che non siano rappresentanti sindacali o designati dalle confederazioni ed organizzazioni sindacali o dalle associazioni professionali. Lo scopo di questa previsione è quello di garantire la professionalità dell organo giudicante: i componenti delle commissioni devono possedere un titolo di studio almeno pari a quello necessario per accedere al concorso e ulteriori titoli, adatti a comprovare l effettiva competenza circa le materie oggetto del concorso. Oltre a ciò, con tale disposizione il legislatore mira a valorizzare la separazione tra direzione politica e direzione amministrativa, in quanto l organo 22 Si veda C. Cost. ord. 19 gennaio 1988, n. 33 disponibile su In questa ordinanza la Corte ha dichiarato infondata la questione di legittimità costituzionale nella parte in cui, per l assunzione del personale ANAS necessario per il lavoro di soccorso alla popolazioni colpite dal terremoto nel maggio dal 1976, ha accordato la precedenza a coloro che risiedono nella regione del Friuli Venezia-Giulia, in regione dell urgenza degli interventi al fine di assolvere servizi altrimenti non attuabili o almeno non attuabili con identico risultato. 23 Così Amoroso, Il lavoro pubblico, Trib. Genova, sez. Lavoro, ord del 29 giugno 2011, Trib. Genova, sez. Lavoro, ord del 19 luglio 2011, Trib. Milano, sez. Lavoro, sent del 20 dicembre 2011, Trib. Firenze, sez. Lavoro, sent. del 26 gennaio 2012, disponibili su 12

17 giudicante deve essere neutrale ed indipendente dai vertici politici e dalle rappresentanze sindacali L avvio delle procedure di reclutamento e i provvedimenti della Spending rewiew L art. 35 al comma 4 prosegue con la regolamentazione della fase propedeutica al reclutamento. La legge prevede che spetti alle singole amministrazioni il compito di adottare le determinazioni relative all avvio delle procedure di selezione, sulla base della programmazione triennale del fabbisogno di personale deliberata dalle stesse amministrazioni. Nonostante venga concessa questa libertà, per alcune amministrazioni quali le amministrazioni dello Stato, le agenzie, incluse le agenzie fiscali, e gli Enti pubblici non economici con organico superiore alle 200 unità permane comunque il bisogno di un autorizzazione dall alto, infatti l avvio delle procedure concorsuali è subordinata all emanazione di un apposito decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare su proposta del Ministro per la funzione pubblica di concerto con il Ministro dell Economia e delle finanze 26. Precedentemente all espletamento delle procedure concorsuali, tutte le amministrazioni devono attivare le procedure di mobilità per l immissione a ruolo dei dipendenti provenienti da altre amministrazioni che richiedono il trasferimento, rimanendo nella medesima area funzionale, nei limiti dei posti vacanti 27. Tale norma è stata introdotta al fine di soddisfare l esigenza di contenimento della spesa pubblica, che si può realizzare attraverso una buona gestione e razionalizzazione delle risorse umane. In questa direzione, facendo riferimento allo scenario attuale, si muove anche il decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, chiamato Spending rewiew, che contiene disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini. Oltre che all eliminazione degli eccessi di spesa, la Spending rewiew mira ad iscrivere il funzionamento dell apparato statale e le relative funzioni entro un quadro razionale di valutazione e programmazione senza intaccare la quantità dei servizi erogati ai cittadini, ma anzi puntando a migliorarne la qualità e l efficienza, in linea con le best practices europee. Tra le varie misure indicate dal decreto al fine di raggiungere questi obiettivi è 25 Così Volpe, L impiego pubblico, Galantino, Diritto del lavoro pubblico, Ai sensi dell art. 30 del decreto legislativo 165/2001, al comma 2-bis. 13

18 prevista anche una riduzione degli organici, realizzando un recupero dell efficienza degli uffici e un ottimizzazione dell allocazione delle risorse umane e materiali a disposizione delle pubbliche amministrazioni. In particolare, ferma restando la riduzione degli organici da operare ai sensi del decreto legge 138 del 2011, le amministrazioni pubbliche devono procedere ad una ulteriore riduzione degli uffici di livello generale e di livello non generale, e delle relative dotazioni organiche, non inferiore al 20% di quelli esistenti. Devono inoltre procedere a una riduzione delle dotazioni organiche del personale non dirigenziale non inferiore al 10%. Anche le forze armate sono tenute a ridurre il proprio organico in misura non inferiore al 10%. A queste riduzioni si affiancherà anche una riorganizzazione strutturale, attraverso un riordino delle competenze degli uffici e l eliminazione delle duplicazioni oltre che mediante un unificazione delle strutture con funzioni logistiche e strumentali, favorendo in questo modo l equa distribuzione del personale e un adeguata gestione dei flussi decisionali. La spending rewiew agisce in tal senso prevedendo anche dei limiti per le nuove assunzioni: le cosiddette facoltà assunzionali sono ridotte del 20% nel triennio , del 50% nel 2015 e del 100% a decorrere dal Inoltre, fino al 31 dicembre 2015 sono bloccati i concorsi per le assunzioni di dirigenti di prima fascia. Il raggiungimento di un efficiente utilizzo delle risorse viene perseguito non solo mediante i tagli del personale e le limitazioni nelle assunzioni ma anche attraverso altri provvedimenti dedicati al pubblico impiego che riguardano, in particolare, la riduzione del valore dei buoni pasto, la disciplina circa le ferie e i riposi del personale, il sistema di pagamento dei cedolini, le spese relative al parco auto e il conferimento di incarichi consulenziali IL D.P.R. 9 MAGGIO 1994, N Le modalità di accesso e le tipologie di concorso pubblico Come già accennato in precedenza, l art. 70 del decreto legislativo 165/2001 stabilisce l obbligo di applicazione del D.P.R 487/1994 per le parti non incompatibili con gli 28 La fonte di tali informazioni è il comunicato stampa del 5 luglio 2012, disponibile su 14

19 articoli 35 e 36 dello stesso decreto, salvo che le singole amministrazioni non si siano dotate di un proprio regolamento in termini di reclutamento del personale. Il regolamento governativo inizia definendo le principali modalità di assunzione, individuandole nel concorso pubblico, nell avviamento degli iscritti alle liste di collocamento e nella chiamata numerica degli iscritti alle liste delle categorie protette. Vengono previste diverse tipologie di concorso pubblico: a) concorso per esami: la scelta dei candidati da assumere si basa solo sull esito delle prove scritte, pratiche o orali indicate nel bando; b) concorso per titoli ed esami: oltre che all esito delle prove, vengono considerati anche i titoli posseduti dal soggetto. La commissione esaminatrice, in virtù del principio di trasparenza, dovrà stabilire in anticipo quali titoli il candidato potrà far valere e la loro valutazione; c) concorso per titoli: per la selezione vengono valutati solamente i titoli posseduti dai soggetti, senza che ci sia lo svolgimento delle prove d esame. L amministrazione deve però essere in grado di individuare i titoli che permettono di riconoscere i requisiti di professionalità richiesti per lo svolgimento delle mansioni; d) corso-concorso: in questa modalità di selezione, le prove finali vengono svolte a seguito di un corso di formazione sulle materie oggetto d esame, in modo da assicurare un adeguata preparazione degli aspiranti circa argomenti ritenuti particolarmente rilevanti I requisiti per l accesso all impiego pubblico All art. 2 del regolamento sono indicati i requisiti necessari per poter accedere al pubblico impiego. Esistono dei requisiti generali e dei requisiti speciali, che le amministrazioni possono prevedere per ricoprire particolari profili professionali, sempre rispettando i principi di uguaglianza stabiliti dagli articoli 3 e 51 della Costituzione. Il primo dei requisiti generali previsti è il possesso della cittadinanza italiana. Esso non è però disposto per i soggetti appartenenti all Unione Europea, in funzione del principio della libertà di circolazione dei lavoratori: anche l art. 38 del decreto legislativo 165/2001 afferma che i cittadini degli Stati membri possono accedere ai posti di lavoro 29 Si veda Galantino, Diritto del lavoro pubblico, 64, ma anche Caringella, Codice del pubblico impiego,

20 presso le amministrazioni pubbliche che non implichino l esercizio diretto o indiretto di pubblici poteri, ovvero non attengono alla tutela dell interesse nazionale. In un apposito regolamento, vengono individuati i profili professionali e le funzioni per i quali è indispensabile il possesso della cittadinanza italiana 30 in quanto presuppongono l esistenza di un rapporto di solidarietà nei confronti dello Stato e la reciprocità di diritti e di doveri. Inoltre, va sottolineato che l art. 45, co. 4 del Trattato sul Funzionamento dell Unione europea stabilisce che le disposizioni in materia di libera circolazione dei lavoratori non sono applicabili agli impieghi nella pubblica amministrazione. Questa affermazione va però interpretata nel senso che sono riservati ai cittadini italiani solo quei posti che implicano la partecipazione all esercizio dei pubblici poteri e alle mansioni che hanno oggetto la tutela degli interessi generali dello Stato 31. Per i cittadini membri dell Unione Europea è, in ogni caso, richiesto il possesso di alcuni requisiti quali il godimento dei diritti civili e politici negli Stati di appartenenza o provenienza, il possesso di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini italiani e un adeguata conoscenza della lingua italiana 32. Detto questo, una questione particolarmente dibattuta concerne l accesso degli extracomunitari al lavoro presso le amministrazioni pubbliche. Al riguardo esistono due orientamenti: il primo sostiene la tesi secondo la quale, dato che gli art. 2 del D.P.R. 487/1994 e 38 del decreto legislativo 165/2001 precisano la possibilità di assumere i cittadini comunitari, l accesso dovrebbe essere al contrario del tutto inibito agli extracomunitari. Il secondo orientamento propende, invece, per una interpretazione evolutiva del quadro normativo vigente, sostenendo che il concetto di cittadinanza debba essere letto considerando il contesto attuale di riforma, il quale ha portato ad una sempre maggiore separazione tra l esercizio della funzione pubblica e il rapporto di lavoro. Questa tesi è sostenuta anche dal giudice ordinario il quale ha confermato che il cittadino straniero regolarmente soggiornante ha diritto ad accedere ai 30 Il regolamento cui si fa riferimento è il D.P.R. 17 dicembre 1994, n All art.1 comma 1 vengono individuati i posti per i quali non si può prescindere dal possesso della cittadinanza italiana come ad esempio i posti dei livelli dirigenziali delle amministrazioni dello Stato, i posti dei magistrati ordinari, amministrativi e militari, i posti dei ruoli civili e militari della Presidenza del consiglio dei ministri. All art. 2 comma 1 vengono invece indicate le funzioni riservate ai cittadini italiani: le funzioni che comportano l elaborazione, la decisione, l esecuzione di provvedimenti autorizzativi e coercitivi e le funzioni di controllo di legittimità e di merito. 31 Si veda la sentenza 17 dicembre 1980 della Corte di Giustizia dell Unione Europea, disponibile su 32 Così Galantino, Diritto del lavoro pubblico,

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. 26329/2015 Selezione pubblica per l assunzione a tempo indeterminato di 892 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, con il quale è stato approvato il testo unico delle disposizioni concernenti lo Statuto degli impiegati civili

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Avviso pubblico per la selezione per titoli e colloqui per l assunzione di personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato

Avviso pubblico per la selezione per titoli e colloqui per l assunzione di personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato Avviso pubblico per la selezione per titoli e colloqui per l assunzione di personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato IL DIRETTORE GENERALE Premesso che: Puglia Sviluppo S.p.A. è

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI LONGI Provincia di Messina Via Roma, 2 98070 LONGI (ME) Tel. 0941 / 48.50.40 - Fax 0941 / 48.54.01 0941 / 48.53.42 Partita IVA: 02 810 650 834 C.F.: 84 004 070 839 c.c.p. 13 92 59 87 E mail:

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, di mobilità regionale ed interregionale tra Aziende ed Enti del Servizio Sanitario, per la copertura

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 31 marzo 2010 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

LAZIODISU. BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER LA COPERTURA DI N. 4 POSTI DI OPERATORE INFORMATICO, cat. B3.

LAZIODISU. BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER LA COPERTURA DI N. 4 POSTI DI OPERATORE INFORMATICO, cat. B3. LAZIODISU BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER LA COPERTURA DI N. 4 POSTI DI OPERATORE INFORMATICO, cat. B3. Visti: il D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165; il D.P.R. 9 maggio 1994 n. 487; il D.P.R

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761 Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 1980, n. 45, S. O. Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Unione dei Comuni dell Anglona e della Bassa Valle del Coghinas Bulzi - Chiaramonti Erula Laerru Martis Nulvi - Perfugas S.M. Coghinas Sedini - Tergu - Valledoria - Viddalba

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli