di Luciano Marzi con la collaborazione di Gloria Lisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Luciano Marzi con la collaborazione di Gloria Lisi"

Transcript

1 di Luciano Marzi con la collaborazione di Gloria Lisi

2 Indice Premessa pag. 5 Fonti normative di riferimento 6 INGRESSO E SOGGIORNO 7 INGRESSO IN ITALIA 7 Accordo di Schengen VISTI 7 Tipi di Visto Visto per turismo PERMESSI DI SOGGIORNO 9 Conversione dei permessi di soggiorno CARTA DI SOGGIORNO 11 CITTADINANZA ITALIANA 12 Documenti necessari per la richiesta di cittadinanza RESIDENZA 13 CODICE FISCALE 14 PATENTE DI GUIDA 14 Conversione della patente MATRIMONIO 16 Richiesta di pubblicazioni Casi particolari RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE 16 Soggetti aventi diritto e destinatari Requisiti per l ottenimento del nulla osta al ricongiungimento familiare MINORI 17 Soggiorno regolare dei minori stranieri Minori non accompagnati / Minori ammessi temporaneamente sul territorio dello Stato / Comitato per i Minori Stranieri Accoglienza Tutore Affidamento Permesso di soggiorno per affidamento Servizi sociali di riferimento Compimento della maggiore età Ospitalità a minori stranieri 1 1

3 PROTEZIONE SOCIALE 22 ASILO POLITICO 24 Status di rifugiato Diritti del richiedente asilo ESPULSIONI 26 Casi d'inespellibilità GRATUITO PATROCINIO A SPESE DELLO STATO 28 Informazioni generali Modalità per la domanda di ammissione LAVORO 30 Cittadini stranieri già presenti in Italia Assunzioni Contratto di soggiorno Cittadini stranieri che si trovano ancora all estero Disabili e categorie protette Diritti previdenziali Lavoro autonomo Casi particolari d ingresso in Italia fuori quota CENTRI PER L IMPIEGO 35 Novità normative Indirizzi dei Centri per l Impiego della Provincia di Rimini AGENZIE INTERINALI 37 ASSOCIAZIONI ECONOMICHE 37 SINDACATI 38 ISTRUZIONE SCOLASTICA E UNIVERSITARIA 39 Informazioni generali SCUOLE PER L INFANZIA 39 UNIVERSITÀ 39 Accesso ai corsi delle Università Visto d ingresso per studio Quote d'ingresso per motivi di studio RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO 41 Corrispondenza Equivalenza Riconoscimento dei titoli professionali dell area sanitaria Equipollenza 2 2

4 FORMAZIONE PROFESSIONALE 44 Informazioni sui corsi di formazione Enti di formazione professionale SALUTE 46 ASSISTENZA SANITARIA 46 Stranieri in regola con il permesso di soggiorno Stranieri non in regola con il permesso di soggiorno Ingresso in Italia per cure mediche SERVIZI SANITARI (d interesse per i cittadini stranieri) 47 CASA 48 Diritto di accesso agli alloggi di edilizia pubblica e al credito agevolato EDILIZIA PUBBLICA 48 Requisiti per accedere all edilizia pubblica EMERGENZA ABITATIVA 48 Contributo integrativo per l affitto CENTRI DI ACCOGLIENZA 49 Comune di Rimini Caritas Associazione Papa Giovanni XXIII ARCI Nuova Associazione Altre strutture di accoglienza sul territorio SERVIZI SOCIALI 52 FAMIGLIA 52 Centro per le Famiglie Servizi attivati Ufficio Immigrati Centro Ascolto Donna e Famiglia straniera INTERVENTI A FAVORE DELLA FAMIGLIA 53 Assegno di maternità Assegno per nucleo familiare numeroso INTERVENTI A FAVORE DEGLI ANZIANI 54 Informazioni generali Servizi e interventi attivati Minimi vitali per cittadini sopra i 65 anni SERVIZIO DI ASSISTENZA ECONOMICA 57 PRESTITI SULL ONORE

5 RIMBORSO SPESE DI RIMPATRIO 59 ENTI DI VOLONTARIATO 60 ISTITUZIONI PUBBLICHE 61 Comune Provincia Questura Prefettura Direzione provinciale del Lavoro INPS Ufficio delle Entrate Ufficio Scolastico Regionale (ex Provveditorato) ORGANISMI TERRITORIALI 62 Consiglio Territoriale per l Immigrazione Consiglio Provinciale dei Rappresentanti degli Immigrati ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI 62 Multiculturali Europa Africa America Latina Asia SERVIZI PUBBLICI PER L IMMIGRAZIONE 64 COMUNE DI RIMINI PROVINCIA ENTI OPERANTI PER L IMMIGRAZIONE 66 CARITAS DIOCESANA SINDACATI ARCI Nuova Associazione SITI WEB SULL IMMIGRAZIONE

6 Premessa Le migrazioni di popoli che negli ultimi anni hanno segnato profondamente la società italiana ci hanno costretto, come operatori e come semplici cittadini, ad un grande sforzo di comprensione di questo fenomeno emergente e di conoscenza delle cause che lo hanno generato e che continueranno ad alimentarlo per molto tempo ancora. I flussi di arrivo nel nostro Paese, dalla fine degli anni 80 ad oggi, hanno richiesto soluzioni urgenti per attenuare il più possibile l impatto sociale originato dall arrivo massiccio delle persone migranti. Allo stesso tempo hanno sollecitato le istituzioni ad un approccio lungimirante con una realtà diventata oramai strutturale e bisognosa di politiche che mettano in rilievo il diritto sostanziale di cittadinanza di ciascun individuo. Gli organi statali con compiti di analisi e governo dell immigrazione hanno avuto il merito in questi ultimi anni di interpellare anche chi, come noi, lavora quotidianamente a stretto contatto con i nuovi cittadini ed ha quindi il privilegio di osservare la realtà delle cose, senza distorsioni. La responsabilità a cui siamo stati così chiamati, dovrebbe suscitare in noi la consapevolezza che il nostro lavoro non può prescindere da una conoscenza di base, ma precisa ed efficace nell offrire opportune risposte ai bisogni, delle norme che regolano l immigrazione in Italia e delle risorse che il territorio in cui operiamo mette a disposizione per avviare percorsi d inclusione sociale dei migranti. Con questo spirito, dopo dieci anni di attività con i cittadini immigrati, ho ritenuto opportuno la realizzazione di quest opera che, senza la pretesa di un manuale di diritto, potrà dare una mano al lavoro di chi, come me, incontra ogni giorno la vita di queste persone. Ringrazio tutti coloro che in qualche modo hanno contribuito alla stesura della guida e che hanno portato pazienza nel condividere le mie convinzioni, in particolare Don Renzo Gradara e Luigia Migliorati per lo stimolo costante e la Prof.sa Paola Scevi per la disponibilità ed il supporto prezioso. L. M. Avvertenze Si prevede nei prossimi mesi l emanazione di un nuovo regolamento di attuazione del testo Testo Unico sull immigrazione, ad integrazione e modifica di quello già in vigore (DPR 394/99). Tali modifiche potrebbero apportare alcuni cambiamenti sostanziali nell applicazione delle norme che disciplinano l ingresso ed il soggiorno dei cittadini stranieri nel nostro paese. Inoltre è ormai noto come la materia immigrazione sia in continua evoluzione e come le procedure burocratiche subiscano periodicamente delle revisioni attraverso decreti ministeriali, ordinanze, circolari, ecc. Pertanto si è pensato di inserire in internet una versione della guida in modo tale da consentire un aggiornamento tempestivo dei contenuti ed una diffusione più capillare a tutte le persone interessate alla tematica dell immigrazione. Sono previste inoltre integrazioni alla guida in formato cartaceo che saranno divulgate a tutti i destinatari del volume. La guida sarà consultabile sui seguenti siti: 5 5

7 Fonti normative di riferimento DECRETO LEGISLATIVO 25 Luglio 1998, n. 286 Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione giuridica dello straniero. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 31 Agosto 1999, n. 394 Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione giuridica dello straniero. LEGGE 30 Luglio 2002, n. 189 Modifica alla normativa in materia di immigrazione e di asilo. DECRETO LEGGE 9 Settembre 2002, n. 195 Disposizioni urgenti in materia di legalizzazione del lavoro irregolare di extracomunitari. DIRETTIVA DEL MINISTERO DELL INTERNO 1 Marzo 2000 Definizione dei mezzi di sussistenza per l ingresso ed il soggiorno degli stranieri nel territorio dello stato. DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 9 Dicembre 1999, n. 535 Regolamento concernente i Compiti del Comitato per i minori stranieri, a norma dell articolo 33, commi 2 e 2-bis, del Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n

8 INGRESSO IN ITALIA INGRESSO E SOGGIORNO Accordo di Schengen L Italia nel 1990 ha sottoscritto un accordo secondo il quale gli Stati aderenti si sono impegnati a creare uno spazio comune attraverso: - la progressiva eliminazione dei controlli sulle merci e sulle persone al passaggio delle frontiere; - la cooperazione tra Polizie e Autorità giudiziarie; - la creazione di un sistema per lo scambio di informazioni. Gli Stati, oltre all Italia, che aderiscono a tale accordo sono: Austria, Grecia, Spagna, Portogallo, Francia, Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Germania, Danimarca, Norvegia, Svezia, Finlandia e Islanda. Per entrare in Italia si richiede che il cittadino straniero sia in possesso di: - un passaporto o di un documento di viaggio equivalente; - visto di ingresso rilasciato dall Autorità diplomatica nel paese di provenienza; - documentazione che dimostri lo scopo e le condizioni del soggiorno previsto; - disponibilità di mezzi di sostentamento sufficienti in relazione al soggiorno ed al ritorno nel paese di provenienza. Non possono essere ammessi nel territorio dello Stato i cittadini stranieri che non soddisfino tali requisiti, quelli che hanno a carico un decreto di espulsione, quelli che sono considerati pericolosi per l ordine pubblico o la sicurezza dello Stato, quelli che hanno riportato una condanna penale per uno dei delitti per i quali il codice penale prevede l arresto obbligatorio in flagranza. L esibizione del passaporto, del permesso di soggiorno o della carta di soggiorno è obbligatoria a richiesta degli ufficiali e agenti di Pubblica Sicurezza. VISTI Il visto di ingresso è un autorizzazione concessa al cittadino straniero che vuole entrare nel territorio dello Stato ed è rilasciato dalle Rappresentanze diplomatiche (ambasciate e consolati) italiane territorialmente competenti per il luogo di residenza. Le Rappresentanze sono le sole responsabili dell accertamento e della valutazione dei requisiti necessari per il rilascio, nell ambito della propria discrezionalità. Il visto consiste in un etichetta (vignetta o sticker) applicata sul passaporto, da non confondersi con i diversi timbri ad inchiostro apposti ai valichi di frontiera. Per soggiorni di breve durata (non superiori a 90 giorni), i visti rilasciati dalle Autorità diplomatiche di altri Stati aderenti all accordo di Schengen sono equiparati a quelli rilasciati dalle Rappresentanze diplomatico-consolari italiane. I cittadini non appartenenti all Unione Europea che ottengono infatti un Visto Schengen possono circolare liberamente in tutti i paesi sopra elencati. La loro espulsione da uno di questi paesi, li rende inammissibili in tutta l Area Schengen. Il Ministero degli Affari Esteri ha definito l elenco dei paesi non appartenenti all U.E. i cui cittadini sono obbligati a richiedere il visto per entrare nell Area Schengen e quindi anche in Italia. Tale elenco può essere modificato anche in attuazione di accordi internazionali in vigore. Per soggiorni fino a 90 giorni, solo per motivi di turismo, affari, gara sportiva, invito e missione, è previsto un gruppo di paesi i cui cittadini sono esenti dall obbligo di visto 1. 1 Attualmente tali Paesi sono: Andorra, Argentina, Australia, Bolivia, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Cipro, Colombia, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, Equador, El Salvador, Estonia, Giappone, Guatemala, Honduras, Islanda, Israele, Lettonia, Liechtestein, Lituania, Malesia, Malta, Monaco, Messico, Nicaragua, Norvegia, Nuova Zelanda, Paraguay, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, San Marino, Stato Città del Vaticano, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Svizzera, Ungheria, Uruguay, Venezuela. 7 7

9 Per soggiorni superiori a 90 giorni, per qualsiasi altro motivo, tutti i cittadini stranieri devono sempre richiedere un visto. Coloro che provengono dai paesi in esenzione di visto, sono comunque tenuti a chiedere, entro 8 giorni lavorativi dall ingresso in Italia, un permesso di soggiorno per motivo di turismo alla Questura della Provincia in cui si trovano. Il permesso di soggiorno eventualmente rilasciato potrà avere una validità massima di 3 mesi e non è rinnovabile. Tipi di Visto I visti di ingresso sono suddivisi in tre gruppi: Visti Schengen Uniformi (V.S.U.) Tipo A, per transito aeroportuale valido solo per il transito nelle zone internazionali degli aeroporti. Tipo B, per transito con validità massima di 5 giorni per attraversare lo Spazio Schengen durante i viaggi da un paese non appartenente all Unione Europea all altro. Tipo C, per soggiorni di breve durata (fino a 90 giorni) per l ingresso in tutti i paesi dell Area Schengen indipendentemente dal paese che li ha rilasciati. Visti a Validità Territoriale Limitata (V.T.L.) Visti con le stesse caratteristiche dei V.S.U. ma validi solo per il paese che li ha rilasciati. Visti Nazionali (V.N.) Tipo D, per soggiorni di lunga durata (oltre i 90 giorni), validi solo nel paese cui appartiene la Rappresentanza diplomatica che li ha rilasciati, consentono di effettuare uno o più ingressi nel territorio di quel paese ed il transito, per non più di 5 giorni, attraverso il territorio di altri Stati dell Area Schengen. I visti di breve durata (tipo C) possono essere rilasciati per un periodo massimo di 3 mesi ogni 6 mesi e sono rilasciati per i seguenti motivi: turismo, affari, studio, motivi familiari, tirocinio, gara sportiva, culto, cure mediche, missione, invito, lavoro. I visti di lunga durata (tipo D) sono rilasciati per un periodo superiore ai 90 giorni e non oltre i 365 giorni e sono rilasciati per i seguenti motivi: lavoro subordinato, lavoro autonomo, ricongiungimento familiare, studio, adozione, tirocinio, attività sportiva, culto, cure mediche, dimora, diplomatico, missione, motivi familiari, reingresso. Visto per turismo Chi vuole ospitare cittadini provenienti da paesi non comunitari, solo ed esclusivamente per motivi turistici, deve inviare dall Italia una dichiarazione di garanzia, indicando su un modello predisposto i propri dati e quelli della persona che si vuole accogliere, il periodo di permanenza in Italia, l'impegno a fornirgli un alloggio, ad assumere a proprio carico ogni altro onere, compreso quello dell assistenza sanitaria, e ad assicurarne il rientro in patria alla fine del periodo di soggiorno concesso. La firma sulla dichiarazione viene autenticata allegando una copia del documento d identità del dichiarante (DPR 28/12/2000, n. 445, art. 38, comma 3). L'originale dell'autocertificazione dovrà essere spedita alla persona straniera che si recherà alla Rappresentanza diplomatica italiana nel proprio paese per la richiesta di un visto per turismo. Documentazione necessaria per la richiesta del visto turistico 1) Passaporto in corso di validità; 2) Titolo di viaggio di andata e ritorno; 8

10 3) Dichiarazione di garanzia sottoscritta da colui che intende ospitare il cittadino straniero, corredato di fotocopia del documento d identità per l autentica della sottoscrizione; 4) Dimostrazione di adeguati mezzi di sussistenza necessari al cittadino straniero per soggiornare in Italia, secondo lo schema di seguito indicato: Classi di durata del viaggio Numero dei partecipanti al viaggio 1 partecipante 2 o più partecipanti Da 1 a 5 giorni Quota fissa complessiva , ,81 Da 6 a 10 giorni Quota giornaliera a persona , ,33 Da 11 a 20 giorni Quota fissa , ,82 Quota giornaliera a persona , ,21 Oltre i 20 giorni Quota fissa , ,79 Quota giornaliera a persona , ,04 Note 1. La disponibilità dei mezzi di sussistenza di cui al punto 4) può essere comprovata mediante esibizione di valuta o fideiussioni bancarie o polizze fideiussorie assicurative o titoli di credito equivalenti ovvero con titoli di servizi prepagati o con atti comprovanti la disponibilità di fonti di reddito nel territorio nazionale. 2. Il cittadino straniero deve indicare l esistenza di idonea sistemazione alloggiativa nel territorio nazionale e la disponibilità della somma occorrente per il rimpatrio, comprovabile anche con l esibizione del biglietto di ritorno. 3. L Ambasciata prima di concedere il visto verificherà che il richiedente possegga tutti i requisiti sopra descritti. In ogni caso il visto non verrà concesso se da una valutazione della situazione del richiedente emergano fondati motivi per ritenere che egli possa permanere sul territorio italiano oltre il periodo di turismo e, di conseguenza, concrete possibilità di soggiorno irregolare. Per questo motivo potrebbe essere richiesta ulteriore documentazione a prova che il richiedente è realmente interessato a ritornare nel paese di origine (contratti di lavoro in corso, certificati di frequenza scolastica o accademica, ecc.). PERMESSI DI SOGGIORNO Il cittadino straniero munito di passaporto con visto di ingresso deve richiedere il permesso di soggiorno al Questore della Provincia in cui si trova, entro 8 giorni lavorativi dal suo arrivo in Italia. Alla richiesta verrà sottoposto a rilievi fotodattiloscopici (impronte digitali). I permessi di soggiorno possono essere rilasciati per: 9 9

11 affari, culto, cure mediche, gara sportiva, attività sportiva, invito, lavoro autonomo, lavoro subordinato, lavoro stagionale, missione, motivi familiari, ricongiungimento familiare, tirocinio, studio, turismo, adozione, dimora, motivi diplomatici. La durata del permesso di soggiorno è quella prevista dal visto di ingresso e dipende dal motivo per cui il visto è stato rilasciato e, quindi, dalla sua tipologia (tipo A, B, C o D come precedentemente illustrato). Se il permesso di soggiorno è stato rilasciato in base ad un visto di ingresso Schengen uniforme (V.S.U.) di tipo C, la sua validità non può essere superiore a 3 mesi e non è rinnovabile salvo che ricorrano seri motivi (in particolare di carattere umanitario o medico-sanitari). Rientrano in questo caso i permessi di soggiorno per: affari, turismo, culto, cure mediche, gara sportiva, invito, missione, motivi familiari, tirocinio, studio. Se il permesso di soggiorno è stato rilasciato in base ad un visto di ingresso nazionale (V.N.) di tipo D, la sua validità può essere superiore a 3 mesi ed è quindi rinnovabile. Rientrano in questo caso i permessi di soggiorno per: lavoro autonomo, lavoro subordinato, studio, attività sportiva, culto, missione, cure mediche, dimora, motivi diplomatici, ricongiungimento familiare, tirocinio. Il rinnovo di questi permessi può essere concesso per un periodo non superiore al doppio di quello previsto con la prima emissione. Il permesso di soggiorno non viene rilasciato (o rinnovato) ed è revocato se: - mancano o vengono a mancare i requisiti richiesti per l ingresso e il soggiorno; - il cittadino straniero ha interrotto il soggiorno per un periodo continuativo di oltre sei mesi o, per i permessi di durata biennale, per un periodo continuativo superiore alla metà della validità del permesso di soggiorno, salvo che l interruzione sia dipesa dalla necessità di adempiere agli obblighi militari o da altri e comprovati motivi. In caso di rifiuto, il Questore avvisa l interessato a presentarsi al posto di Polizia di frontiera indicato e lasciare volontariamente il territorio dello Stato entro 15 giorni lavorativi, con l avvertenza che, in mancanza, sarà espulso con accompagnamento a mezzo della forza pubblica. Il rinnovo del permesso di soggiorno deve essere richiesto presso la Questura almeno 30 giorni prima della sua scadenza. In caso si tratti di permesso di soggiorno per lavoro subordinato la richiesta di rinnovo deve essere fatta: - 90 giorni prima della sua scadenza nel caso di permesso di soggiorno per lavoro con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato; - 60 giorni prima della sua scadenza nel caso di permesso di soggiorno per lavoro con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato; - 30 giorni prima della sua scadenza negli altri casi. Il permesso viene rinnovato per una durata non superiore a quella stabilita con il rilascio iniziale e, in ogni caso, per un periodo massimo di due anni. I cittadini stranieri titolari di un permesso di soggiorno rilasciato da uno degli altri Stati dell Unione Europea possono soggiornare in Italia per un periodo massimo di 90 giorni e devono dichiarare la loro presenza, entro 8 giorni, all Autorità di pubblica sicurezza della Provincia in cui si trovano. Se la dichiarazione non viene resa entro 60 giorni dall ingresso in Italia, può essere disposta l espulsione. All atto del ritiro del permesso di soggiorno, lo straniero deve esibire la documentazione attestante l assolvimento degli obblighi in materia sanitaria (iscrizione obbligatoria o volontaria al S.S.N. o stipula di polizza assicurativa)

12 Conversione dei permessi di soggiorno Il permesso di soggiorno per studio o formazione, può essere convertito in permesso di soggiorno per lavoro subordinato o autonomo, nei limiti delle quote fissate annualmente dal Decreto sui flussi di ingresso in Italia per motivi di lavoro. Il permesso di soggiorno per lavoro stagionale può essere convertito in permesso di soggiorno per lavoro subordinato qualora si verifichino le condizioni illustrate alla nota 3 del capitolo "Lavoro" (Pag. 31). Il permesso di soggiorno diverso da quello che consente il lavoro, può essere convertito in permesso di soggiorno per lavoro autonomo, a condizione che la richiesta rientri nell ambito delle quote annuali di ingresso per il lavoro autonomo e che sussistano i requisiti e le autorizzazioni per svolgere tali attività. Ogni tipo di permesso di soggiorno può essere convertito, entro un anno dalla scadenza, in permesso di soggiorno per motivi familiari, in caso si abbiano i requisiti per il ricongiungimento familiare con cittadino italiano, cittadino comunitario, cittadino extracomunitario regolarmente soggiornante in Italia. Il permesso di soggiorno per protezione sociale, può essere convertito in permesso di soggiorno per studio qualora lo straniero sia iscritto ad un regolare corso di studio. CARTA DI SOGGIORNO Hanno diritto alla carta di soggiorno i cittadini stranieri regolarmente soggiornanti da almeno 6 anni ininterrottamente, titolari (al momento della richiesta) di un permesso di soggiorno che consente un numero indeterminato di rinnovi e che abbiano condizioni economiche (relative all anno precedente a quello della richiesta) ed abitative idonee per il sostentamento proprio e dei propri familiari conviventi. La "carta" può essere rilasciata non soltanto a chi ha presentato la domanda, ma anche al coniuge non legalmente separato e ai figli minori conviventi; in tal caso i requisiti necessari devono sussistere anche per questi ultimi. Inoltre ne hanno diritto: - i cittadini stranieri coniugati con cittadino italiano o dell Unione Europea residente in Italia; - i figli minori stranieri conviventi con cittadino italiano o dell Unione Europea residente in Italia; - i genitori conviventi con cittadino italiano o dell Unione Europea residente in Italia. La carta di soggiorno è a tempo indeterminato. Documentazione da presentare La domanda deve essere indirizzata al Questore su modello predisposto dall Ufficio Immigrazione e deve contenere: - copia di un documento di identità; - documentazione sui redditi (Mod. CUD, Mod. UNICO, ecc.) relativa all anno precedente; - certificato del casellario giudiziale; - certificato che attesti l'assenza di procedimenti penali in corso; - 4 foto formato tessera; - certificato di residenza; - certificato di stato di famiglia; - attestazione comunale rilasciata dall'ufficio Verifiche Tecniche del Comune relativa all idoneità abitativa dell alloggio dove risiede il richiedente. Ufficio Verifiche Tecniche: Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541/

13 Nel caso di richiesta relativa anche al coniuge e ai figli minori conviventi, deve essere prodotta la documentazione comprovante lo stato di coniuge o di figlio minore, la disponibilità di un abitazione idonea per tutto il nucleo familiare e di un reddito sufficiente al sostentamento della famiglia. La carta di soggiorno è soggetta a vidimazione, su richiesta dell interessato, nel termine di 10 anni dal rilascio e costituisce documento di identificazione personale per un periodo di 5 anni dalla data del rilascio o rinnovo. Lo straniero titolare di carta di soggiorno non può essere espulso dall Italia, ad eccezione che per gravi motivi di ordine pubblico o sicurezza dello Stato o per pericolosità sociale. CITTADINANZA ITALIANA La cittadinanza è la condizione affinché una persona possa godere dei diritti civili, politici e sociali stabiliti dall ordinamento giuridico dello Stato italiano. In Italia la legge sulla cittadinanza sancisce il diritto ad acquisirla da parte dei cittadini stranieri discendenti o coniugati con cittadini italiani (jus sanguinis), oppure da parte di coloro che hanno reso particolari servigi allo Stato. La cittadinanza italiana infatti si acquista per nascita, matrimonio o concessione da parte del Presidente della Repubblica su parere del Consiglio di Stato. Per poter richiedere la cittadinanza italiana, il cittadino straniero deve possedere uno dei seguenti requisiti: - risiedere in Italia da almeno 10 anni; - avere il padre o la madre o uno dei nonni cittadini italiani per nascita, che non abbiano rinunciato alla cittadinanza italiana; - essere maggiorenne, nato in Italia, residente da almeno 3 anni; - essere cittadino di uno stato membro della Unione Europea, residente in Italia da almeno 4 anni; - essere cittadino apolide o rifugiato politico, residente in Italia da almeno 5 anni; - essere cittadino straniero coniugato con un italiano. Il figlio di genitori apolidi nato in Italia acquista la cittadinanza italiana. Documenti necessari per la richiesta di cittadinanza Per naturalizzazione - domanda su modulo predisposto dal Ministero dell Interno, indirizzata al Presidente della Repubblica per il tramite della Prefettura; - estratto dell atto di nascita completo di tutte le generalità o attestazione rilasciata dall Autorità diplomatica del paese di origine, debitamente tradotta e legalizzata, con il quale si indicano le esatte generalità, la paternità e la maternità; - certificato storico di residenza in bollo; - certificato dello stato familiare in bollo; - certificato generale del casellario giudiziale in bollo rilasciato dal Tribunale competente; - certificazione relativa ai redditi dei 3 anni precedenti la presentazione della domanda, autenticata dall Ufficio delle Imposte presso il quale è stata presentata la dichiarazione; - certificati penali del paese di origine e degli eventuali paesi di residenza; - dichiarazione personale di rinuncia alla protezione dell Autorità diplomatica italiana nei confronti dell Autorità del paese di origine (su modello predisposto); - autorizzazione personale per le competenti Autorità del paese di origine a rilasciare tutte le informazioni sul proprio conto alle Autorità diplomatiche italiane (su modello predisposto); 12 12

14 - certificato di svincolo nel caso in cui la cittadinanza di origine non si perda automaticamente con l acquisizione di un altra cittadinanza (da esibire in un secondo momento su invito del Ministero dell Interno). Per matrimonio - domanda su modulo predisposto dal Ministero dell Interno indirizzata al Presidente della Repubblica per il tramite della Prefettura; - estratto dell atto di nascita completo di tutte le generalità o attestazione rilasciata dall Autorità diplomatica del paese di origine, tradotta e legalizzata, con il quale si indicano le esatte generalità, la paternità e la maternità; - certificato storico di residenza in bollo; - certificato dello stato familiare in bollo; - certificato generale del casellario giudiziale rilasciato dal Tribunale competente; - certificati penali del paese d origine e degli eventuali paesi di residenza (autocertificabile solo per i cittadini dell Unione Europea) - certificato di cittadinanza italiana in bollo del coniuge. Qualora alcuni di questi documenti siano redatti in lingua straniera, il documento originale dovrà essere tradotto e legalizzato dalla Rappresentanza diplomatica italiana nel Paese d origine. Dove rivolgersi: Ufficio Anagrafe Centrale Via Caduti di Marzabotto, 25 Tel. 0541/ Fax 0541/ RESIDENZA La residenza di una persona è nel luogo in cui la persona ha la dimora abituale. Il domicilio è nel luogo in cui una persona stabilisce la sede principale dei propri affari o interessi. È possibile quindi che residenza e domicilio siano in luoghi diversi. Per il trasferimento della residenza occorre: - passaporto o carta d identità valida per l espatrio; - permesso o carta di soggiorno; - atto di nascita tradotto in lingua italiana (non sempre richiesto). Il cittadino straniero deve presentarsi di persona all Anagrafe del Comune dove intende trasferirsi. Se il trasferimento riguarda l intero nucleo familiare, tutti i familiari devono essere in regola con il permesso di soggiorno e la dichiarazione può essere fatta da qualsiasi componente, purché maggiorenne. Se il cittadino straniero va ad abitare presso un altra famiglia occorre il consenso del capo famiglia (cioè la persona che compare per prima nello stato di famiglia). Le persone domiciliate nella stessa abitazione sono inserite nel medesimo stato di famiglia; se non esistono vincoli di parentela si può chiedere di essere iscritti in uno stato di famiglia autonomo. L iscrizione nel registro della popolazione residente è subordinata all esito favorevole del controllo da parte della Polizia municipale. L iscrizione anagrafica nelle liste dei residenti in un Comune è la condizione per poter ottenere: - la carta d identità; - il rilascio o la conversione della patente di guida; - alcuni servizi erogati dal Comune (assistenza sociale, possibilità di accesso alle case popolari, iscrizioni alle scuole materne comunali)

15 Obblighi di rinnovo dell iscrizione anagrafica e cancellazione I cittadini stranieri iscritti in anagrafe hanno l obbligo di rinnovare all Ufficio Anagrafe la dichiarazione di dimora abituale nel comune entro 60 giorni dal rinnovo del permesso di soggiorno o della carta di soggiorno. L iscrizione anagrafica viene cancellata se il cittadino straniero si rende irreperibile trascorso un anno dalla scadenza del permesso o della carta di soggiorno. CODICE FISCALE Il codice fiscale è un codice alfanumerico, con il quale il Ministero delle Finanze identifica un cittadino. Per ottenerlo bisogna richiederlo presso un ufficio periferico del Ministero delle Finanze. Ufficio delle Entrate di Rimini Via IV Novembre, 21 Tel. 0541/58311 Il Codice Fiscale è necessario per: - essere assunti come lavoratori dipendenti; - iscriversi al Servizio Sanitario Nazionale; - iniziare un attività lavorativa autonoma; - concludere qualsiasi tipo di contratto (per es. di affitto, di vendita, assicurazioni, utenze, ecc.) - aprire un conto corrente bancario; - altre operazioni di interesse quotidiano (acquisti, intestazioni, ecc.). Il Codice Fiscale non può sostituire il documento d identità personale, pertanto non può essere utilizzato per le finalità sopra descritte se non è accompagnato dal permesso di soggiorno o da un altro documento identificativo (passaporto o documento equipollente, carta d identità). Documenti necessari per ottenere il Codice Fiscale Gli Uffici delle Entrate possono ritenere valide le domande di attribuzione del Codice Fiscale accompagnate anche da uno solo dei seguenti documenti in corso di validità: - passaporto valido, con relativo visto ove prescritto, o altro documento equipollente riconosciuto dalle Autorità italiane; - permesso di soggiorno valido; - carta d identità del Comune di residenza. Se non si è in possesso del passaporto: - attestazione di identità consolare (rilasciata dal consolato di appartenenza) con fotografia. Se non si è in possesso del permesso di soggiorno: - ricevuta rilasciata dalla Questura a seguito di un istanza di rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno; - passaporto valido. PATENTE DI GUIDA La patente italiana viene rilasciata dalla Motorizzazione Civile della provincia in cui il cittadino straniero ha la residenza. Il cittadino straniero che possiede una patente rilasciata dal suo paese d origine può condurre autoveicoli in Italia solo se tale patente è idonea per l uso internazionale

16 Se non fosse una patente internazionale, per poter guidare in Italia il cittadino straniero deve allegare una traduzione in italiano legalizzata dall Autorità diplomatica italiana nel suo paese. Conversione della patente Se il cittadino straniero appartiene ad uno degli Stati che fanno parte dell elenco sotto indicato, può convertire la sua patente estera in patente italiana solo se è in possesso di regolare permesso di soggiorno ed è residente in un comune dello Stato. La conversione è comunque obbligatoria entro un anno dall ottenimento della residenza (iscrizione anagrafica in un comune). Elenco degli Stati le cui patenti possono essere convertite: Algeria, Argentina, Austria, Belgio, Corea, Croazia, Danimarca, Filippine, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Islanda, Libano, Liechtenstein, Lussemburgo, Macedonia, Malta, Marocco, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Principato Di Monaco, Romania, San Marino, Spagna, Sri Lanka, Svezia, Svizzera, Taiwan, Turchia, Ungheria. Questo elenco viene periodicamente aggiornato dal Ministero dei Trasporti. Pertanto si consiglia agli interessati che intendono convertire la patente di informarsi presso la sede provinciale della Motorizzazione Civile di eventuali variazioni dei paesi in esso indicati. Per la conversione della patente è necessario: - documento d identità valido ed una sua fotocopia; - certificato medico in bollo rilasciato in data non anteriore a 6 mesi dalla data di presentazione della domanda; - 2 foto tessera firmate ad uso patente; - patente estera originale che verrà trattenuta dall Ufficio che rilascerà un permesso provvisorio di guida ed una sua fotocopia; - modello compilato e sottoscritto; - versamenti postali predisposti dalla Motorizzazione Civile; - traduzione dei dati contenuti nella patente estera (la conformità della traduzione della patente verrà certificata dalla Rappresentanza diplomatica italiana nel paese in cui è stata emessa la patente o da un traduttore ufficiale); - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà sul modello appositamente predisposto; - permesso di soggiorno valido. Note La patente non comunitaria è convertibile solo se il titolare l ha conseguita prima di aver ottenuto la residenza anagrafica in Italia (art. 136 del Codice della Strada). I cittadini non appartenenti all Unione Europea, possono sostenere l esame in forma orale. Per farlo devono presentare una specifica richiesta in bollo alla direzione provinciale della Motorizzazione Civile allegando una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui affermano di non conoscere la lingua italiana nella forma scritta. Questa dichiarazione deve essere resa ai funzionari dei Consolati in Italia dei paesi da cui provengono i candidati stranieri. I cittadini stranieri ammessi agli esami orali non possono farsi assistere da un interprete. Dove rivolgersi: Motorizzazione Civile (Sede provinciale) Via Giaccaglia, 2 Rimini Tel. 0541/ Fax 0541/

17 MATRIMONIO Richiesta di pubblicazioni La pubblicazione serve per rendere pubblica la volontà di due persone che intendono sposarsi. Prima della pubblicazione i futuri sposi devono prestare giuramento di fronte ad un Ufficiale di Stato civile. La richiesta può essere fatta da chiunque, libero dal vincolo del matrimonio, decida di sposarsi. I minorenni dai 16 ai 18 anni devono prima chiedere l autorizzazione al Tribunale dei Minori. La richiesta deve essere fatta presso l Ufficio Matrimoni del Comune di residenza di uno dei due futuri sposi. Per la richiesta di pubblicazioni occorre essere in possesso dei seguenti requisiti: - documenti d identità validi (passaporto o documento equipollente); - nulla osta rilasciato dal Consolato in Italia del paese di origine del cittadino straniero che intende sposarsi, oppure dall' autorità competente dello stato di provenienza, tradotto e legalizzato presso la Rappresentanza diplomatico-consolare italiana in quel paese. La firma dell Ambasciatore o del Console deve essere autenticata dalla Prefettura. Se il cittadino ha la residenza in Italia, occorre anche il certificato di stato libero e residenza in bollo. - presenza, al momento del giuramento, di due testimoni maggiorenni con documenti d identità validi (se sono stranieri devono avere il permesso di soggiorno in corso di validità); - estratto dell atto di nascita del minore con generalità nel caso che i futuri sposi debbano legittimare i figli minori nati dalla loro unione. Chi si vuole sposare in chiesa deve presentare un modulo rilasciato dalla parrocchia di appartenenza. Per il giuramento non è necessario essere titolare di un permesso di soggiorno. Le pubblicazioni sono affisse alla casa comunale per almeno 8 giorni comprendenti due domeniche. Se uno dei futuri coniugi è residente in un altro Comune, le pubblicazioni sono affisse in entrambi i Comuni. Casi particolari I cittadini stranieri a cui è stato riconosciuto lo status di rifugiato devono richiedere il nulla osta all A.C.N.U.R. (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati), presentando un atto notorio redatto in Prefettura alla presenza di due testimoni in possesso di un documento d identità valido. I cittadini statunitensi, invece del nulla osta, devono presentare una dichiarazione giurata resa davanti al Console degli USA con firma autenticata in Prefettura e atto notorio reso davanti al Pretore. RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE Soggetti aventi diritto e destinatari Può chiedere il ricongiungimento il cittadino italiano, il cittadino dell Unione Europea residente in Italia, il cittadino extracomunitario regolarmente soggiornante in Italia e titolare di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno di una durata non inferiore ad 1 anno, rilasciato per lavoro subordinato, lavoro autonomo, studio, motivi religiosi o asilo. I familiari che possono essere ricongiunti sono: - il coniuge non legalmente separato; - figli minorenni a carico; - figli maggiorenni a carico, qualora non possano provvedere al proprio sostentamento a causa del loro stato di salute che comporti invalidità totale; - genitori a carico, qualora non abbiano altri figli nel paese di origine o di provenienza; - genitori sopra i 65 anni, qualora gli altri figli siano impossibilitati al loro sostentamento per documentati gravi motivi di salute

18 Requisiti per l ottenimento del nulla osta al ricongiungimento familiare - Alloggio idoneo, secondo i parametri stabiliti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia pubblica; - Reddito annuo, di importo pari all assegno sociale in caso di ricongiungimento di 1 solo familiare; al doppio dell importo annuo dell assegno sociale in caso di ricongiungimento di 2 o 3 familiari; al triplo dell importo annuo dell assegno sociale se si chiede il ricongiungimento di 4 o più familiari. In ogni caso ai fini della determinazione del reddito si tiene conto anche del reddito annuo complessivo dei familiari già conviventi con il richiedente. La domanda di nulla osta al ricongiungimento familiare deve essere presentata, con la documentazione prescritta compresa quella attestante i rapporti di parentela, coniugio o minore età autenticata dall Autorità consolare italiana, allo sportello unico per l immigrazione 2 presso la Prefettura competente per il luogo di dimora del richiedente. Il nulla-osta rilasciato dall Ufficio Immigrazione deve essere inviato al familiare del richiedente interessato al ricongiungimento che può ottenere il visto di ingresso per ricongiungimento familiare da parte della Rappresentanza diplomatica italiana all estero. Al cittadino straniero (anche non in regola con il permesso di soggiorno) che ha sposato un cittadino italiano, può essere rilasciato un permesso di soggiorno per motivi familiari. Tale permesso verrà immediatamente revocato se al matrimonio non è seguita l effettiva convivenza, salvo che dal matrimonio siano nati figli. MINORI Soggiorno regolare dei minori stranieri Il figlio minore del cittadino straniero con questi convivente e regolarmente soggiornante è iscritto nel permesso o nella carta di soggiorno di uno o di entrambi i genitori fino al compimento del quattordicesimo anno di età e segue la condizione giuridica del genitore con il quale convive. Se il minore risulta affidato ai sensi della Legge n. 184/1983 (Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori) è iscritto, fino al medesimo limite, nel permesso o nella carta di soggiorno del cittadino straniero al quale è affidato e ne segue la condizione giuridica. Al compimento del quattordicesimo anno di età al minore verrà rilasciato un permesso di soggiorno per motivi familiari valido fino al compimento della maggiore età. Nota Il Tribunale per i Minorenni, per gravi motivi connessi con lo sviluppo psico-fisico e tenuto conto dell età e delle condizioni di salute del minore che si trova in Italia, può autorizzare l ingresso o la permanenza del familiare per un periodo di tempo determinato, anche in deroga alle altre disposizioni contenute nel Testo Unico sull immigrazione. Non è consentita l espulsione dei minori stranieri, salvo il diritto a seguire il genitore o l affidatario espulsi. 2 In attesa del nuovo Regolamento attuativo del Testo Unico sull immigrazione, le Questure rimangono ancora gli enti competenti per quanto riguarda l accettazione delle domande ed il successivo rilascio dei nulla osta al ricongiungimento familiare. In questa fase transitoria, inoltre, i certificati attestanti i rapporti di parentela, coniugio e minore età dovranno ancora essere prodotti alle Rappresentanze diplomatiche italiane nei paesi di provenienza dei cittadini per i quali si chiede il ricongiungimento familiare, all atto della richiesta del visto d ingresso in Italia

19 Qualora debba essere disposta l'espulsione di un minore straniero, il provvedimento è adottato su richiesta del Questore dal Tribunale per i minorenni. Stante il divieto di espulsione nei confronti dei minorenni, il Questore rilascia un permesso di soggiorno per minore età, salvo l iscrizione del minore di quattordici anni nel permesso di soggiorno del genitore o dell affidatario straniero regolarmente soggiornante. Al compimento della maggiore età, al minore iscritto nel permesso di soggiorno dei genitori o titolare di autonomo permesso per motivi familiari o affidato ai sensi della Legge 184/1983, può essere rilasciato un permesso di soggiorno per motivi di studio, di accesso al lavoro, di lavoro subordinato o autonomo, per esigenze sanitarie o di cura. Minori non accompagnati / Minori ammessi temporaneamente sul territorio dello Stato Comitato per i Minori Stranieri Per minore straniero non accompagnato presente nel territorio dello Stato s intende il minorenne non avente cittadinanza italiana o di altro Stato dell Unione Europea che, non avendo presentato domanda di asilo, si trova per qualsiasi causa nel territorio italiano privo di assistenza e rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti per lui legalmente responsabili in base alle leggi vigenti nell ordinamento italiano. Per minori ammessi temporaneamente sul territorio dello Stato s intendono i minorenni che fanno ingresso in Italia e vi soggiornano per un limitato periodo di tempo (massimo 90 giorni) su richiesta di enti, associazioni o famiglie che intendono ospitarli a fini esclusivamente umanitari o terapeutici. Il Comitato per i Minori Stranieri, istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, opera al fine di tutelare i diritti dei minori presenti non accompagnati e dei minori accolti, in conformità alle previsioni della Convenzione sui diritti del fanciullo (New York, 20 Novembre 1989). Tra i compiti demandati al Comitato vi è quello di fissare le modalità d ingresso e soggiorno in Italia ed il successivo rimpatrio dei minori di età superiore ai 6 anni che trovano accoglienza temporanea presso enti, associazioni o famiglie italiane. Il Comitato inoltre svolge compiti d impulso e di raccordo con le altre amministrazioni interessate per l affidamento temporaneo ed il rimpatrio assistito di minori stranieri che risultino in stato di abbandono in Italia, al fine di promuovere l individuazione dei familiari anche nei loro paesi di origine o in paesi terzi. Può adottare, ai fini di protezione e di garanzia del diritto all unità familiare, il rimpatrio assistito dei minori presenti non accompagnati. Gli operatori che entrano in contatto con i minori non accompagnati sono invitati a renderli edotti (anche attraverso l ausilio di personale specializzato) sul loro eventuale diritto di chiedere asilo in Italia. I pubblici ufficiali, gli incaricati di pubblico servizio e gli enti che svolgono attività sanitaria e di assistenza, i quali vengano comunque a conoscenza dell ingresso o della presenza sul territorio dello Stato di un minorenne straniero non accompagnato, sono tenuti a darne immediata notizia al Comitato, con mezzi idonei a consentirne la riservatezza. Accoglienza Al minore non accompagnato sono garantiti i diritti relativi al soggiorno temporaneo, alle cure sanitarie, all avviamento scolastico e alle altre provvidenze disposte dalla legislazione vigente. Le modalità di accoglienza sono di competenza dei servizi sociali locali cui spetta di assicurare anche tutte le forme di assistenza, mentre al Comitato spetta solo un compito di vigilanza e controllo. L obbligo dell accoglienza (art. 6 del DPCM 9 dicembre 1999, n. 535 e art. 403 del Codice Civile) impone che quando sul territorio italiano è presente un minore straniero non accompagnato, questi deve essere accolto temporaneamente presso le strutture istituzionali a ciò preposte

20 Talvolta, a causa delle lentezze burocratiche dei servizi sociali o per la diffidenza dei minori verso strutture istituzionali, i minori vengono accolti direttamente da strutture di prima accoglienza del "privato sociale" o da privati (ad es. parenti del minore, alcuni suoi connazionali, parrocchie, ecc.). In tale caso, se l accoglienza non viene formalizzata dai servizi sociali, le conseguenze saranno: tutti gli oneri economici per il mantenimento del minore restano a carico di chi presta accoglienza; rischio di non effettuare correttamente il percorso amministrativo per giungere all affidamento (vedi sotto). Il legale rappresentante della struttura che accoglie il minore diventa per legge tutore provvisorio (art. 3 della Legge 184/83 e art. 402 del Codice Civile) del ragazzo/a, fino alla nomina del tutore definitivo. La tutela provvisoria comporta, per il legale rappresentante della struttura che accoglie il minore, alcuni adempimenti necessari: - la segnalazione immediata del minore al Comitato per i Minori Stranieri attraverso la Prefettura territorialmente competente (lo scopo della segnalazione è quello di far svolgere al Comitato per i Minori Stranieri ogni accertamento sullo status del minore, finalizzato al ricongiungimento familiare mediante il rimpatrio); - la domanda di nomina di tutore, da presentarsi entro 30 giorni al Giudice Tutelare presso il Tribunale ordinario competente per territorio. Gli stessi adempimenti dovranno essere svolti dal privato che accoglie spontaneamente il minore non accompagnato. Tutore Il tutore nominato dal Giudice Tutelare diventa rappresentate legale del minore ma non diventa affidatario dello stesso. Ai sensi dell'art. 3 della Legge 184/83 il legale rappresentante della struttura che accoglie il minore e anche coloro che prestano gratuitamente la propria attività a favore delle comunità di tipo familiare e degli istituti di assistenza pubblici o privati, non possono essere nominati tutori dal giudice. In questa fase, al minore può essere rilasciato un permesso di soggiorno per "minore età" (ai sensi dell'art. 28 del Regolamento di attuazione del Testo Unico sull immigrazione). Il permesso di soggiorno per minore età, secondo l'attuale interpretazione del Ministero dell'interno, comporta il divieto di svolgere attività lavorative e soprattutto l'impossibilità di un suo rinnovo al compimento della maggiore età, con il conseguente invito a lasciare il territorio dello Stato una volta diventato maggiorenne. Affidamento (art. 4, Legge 184/83) L'affidamento è disposto preferibilmente nei confronti di un nucleo familiare oppure a favore di comunità di tipo familiare o di istituti di assistenza pubblici o privati. L'affidamento può avvenire sia per via amministrativa e cioè attraverso i servizi sociali locali, sia per via giurisdizionale, attraverso il Tribunale per i Minorenni. Le due modalità sono alternative. 1. Affidamento familiare per via amministrativa Il provvedimento amministrativo dell'affidamento familiare, è disposto dai servizi sociali locali, previo espresso consenso manifestato dal tutore nominato dal Giudice Tutelare, sentito il minore che ha compiuto gli anni 12 (va sentito anche il minore di età inferiore in considerazione della sua maturità). Nella prassi, sarà opportuno che i servizi sociali locali siano sollecitati dal legale rappresentante della struttura che accoglie il minore, ovvero dal tutore, al fine di procedere all'affidamento familiare

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI

IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI N. 850 di concerto con il Ministro dell'interno, il Ministro della giustizia, il Ministro dello sviluppo economico, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI COMUNE DI BOLOGNA SETTORE COORDINAMENTO SERVIZI SOCIALI SERVIZIO GENITORIALITÀ ED INFANZIA 40122 Bologna Viale Vicini 20 tel. 051/203770 fax 051/203768 Bologna, 26.09.2003 I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n.394 1, Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione

Dettagli

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha realizzato il servizio di inoltro Telematico delle domande

Dettagli

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione.

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione. 1) Cos è il visto? a) È un permesso concesso allo straniero ad entrare nel territorio della Repubblica Italiana o in quello di altre parti contraenti per transito o per soggiorno; b) È una autorizzazione

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE Presentazione Facilitare l accesso ai servizi ai cittadini, sia residenti in Italia che all estero, rappresenta uno degli obiettivi fondamentali dell Amministrazione Pubblica. Esso è ispirato al principio

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri

Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri 2 Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri Il presente documento 1 è stato predisposto dal progetto La Mobilità Internazionale del Lavoro in collaborazione con il

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

Frequently Asked Questions

Frequently Asked Questions EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE DEI LAVORATORI STRANIERI EXTRACOMUNITARI 2012 Frequently Asked Questions 1. Quando si può presentare la domanda di emersione? La dichiarazione di emersione potrà essere

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento Per I Trasporti Terrestri E Per I Sistemi Informativi E Statistici Ufficio di Coordinamento per la Lombardia Circolare interna n. 1 Milano 18/04/2004

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito...

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito... 1. Cognome / (x) 2. Cognome alla nascita (cognome/i precedente/i) / (x) 3. Nome/i / (x) 4. Data di nascita (giorno-mese-anno)... 8. Sesso /...: Maschile/... Femminile/... Ambasciata d Italia... Domanda

Dettagli

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa Luglio 2014 Azienda Sanitaria Locale di Brescia DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Direttore: Dr. Fulvio Lonati

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

LA BLUE CARD E GLI ALTRI CASI PARTICOLARI DI INGRESSO AL DI FUORI DELLE QUOTE O CON QUOTE SPECIFICHE

LA BLUE CARD E GLI ALTRI CASI PARTICOLARI DI INGRESSO AL DI FUORI DELLE QUOTE O CON QUOTE SPECIFICHE LA BLUE CARD E GLI ALTRI CASI PARTICOLARI DI INGRESSO AL DI FUORI DELLE QUOTE O CON QUOTE SPECIFICHE Nell ambito delle norme del testo unico sull immigrazione (D.lgs. n. 286/98) dedicate all ingresso ed

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Direzione generale per lo studente, lo sviluppo e l internazionalizzazione della formazione superiore

Direzione generale per lo studente, lo sviluppo e l internazionalizzazione della formazione superiore Direzione generale per lo studente, lo sviluppo e l internazionalizzazione della formazione superiore Procedure per l accesso degli studenti stranieri richiedenti visto ai corsi di formazione superiore

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 Prot. N 41920 N. Repertorio 3115/2015 Titolo V Classe 5 Fascicolo Milano, 30 giugno 2015 VISTI gli

Dettagli

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi Comune di Lendinara Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 96 DEL 29.11.2007 ESECUTIVA A TERMINI DI LEGGE. Dopo l esecutività

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E CORSI SINGOLI INDICE TITOLO I - IMMATRICOLAZIONI,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice)

ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice) ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice) All Università degli Studi di Udine Ripartizione del personale Ufficio Concorsi Via Palladio 8 33100 UDINE Il sottoscritto...

Dettagli

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente:

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente: Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente: Modello finalizzato a richiedere per la 1 volta la tessera

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con D.R. n.1508 del 31/07/2013) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione Definizioni PARTE

Dettagli

Il Numero e la Tessera Social Security

Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Avere un numero di Social Security è importante perché è richiesto al momento di ottenere un lavoro, percepire sussidi dalla

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli