POLiTiCHE PER LE DiSABiLiTÀ NEWS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLiTiCHE PER LE DiSABiLiTÀ NEWS"

Transcript

1 POLiTiCHE PER LE DiSABiLiTÀ NEWS NUMERO 32 GiUGNO/LUGLiO 2013 PERiODiCO TELEMATiCO A CURA DELL'UFFiCiO POLiTiCHE PER LE DiSABiLiTÀ CGiL CORSO D'iTALiA, ROMA EVENTI SPECIALI NOTIZIE PRINCIPALI DISABILI: CGIL E COMITATO GENITORI INCONTRANO GUERRA, PRIMI SEGNALI IMPORTANTI Pag. 32 IV CONFERENZA NAZIONALE SULLE POLITICHE DELLE DISABILITÀ BOLOGNA LUGLIO 2013 (IL PROGRAMMA COMPLETO A PAG. 85) DISABILI: CGIL, DOPO SENTENZA UE ABOLIRE NORMA SU 'REPARTI CONFINO' Pag. 38 NOTA UFFICIO GIURIDICO CGIL - SENTENZA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA 4 LUGLIO 2013 Pag.42 NOTIZIE WELFARE: DA PAG. 6 SCUOLA: DA PAG. 14 LAVORO: DA PAG. 21 EUROPA: DA PAG. 36 VARIE: DA PAG. 45 DAL TERRITORIO DA PAG. 72 1

2 INDICE WELFARE PAGINA BOLDRINI: ''FAMIGLIE CON DISABILI NON VANNO LASCIATE SOLE'' 6 DISABILI PENALIZZATI DALLA LEGGE FORNERO 7 IL COMITATO 16 NOVEMBRE AL MINISTERO DELL'ECONOMIA: "IMPEGNO A RIFINANZIARE IL FONDO" LA LOTTA AI ''FALSI'' INVALIDI PUNISCE QUELLI VERI. E ANCHE LO STATO CI RIMETTE 8 9 LIMITI DI REDDITO E PENSIONI DI INVALIDITÀ: DECRETO-LEGGE 10 PIÙ ANZIANI DISABILI MA MENO SUSSIDI 11 PENSIONE D'INVALIDITÀ, GUERRA: "GOVERNO PRONTO A FARE CHIAREZZA SUL CUMULO DEI REDDITI" 12 INVALIDITÀ: IL REDDITO È SOLO INDIVIDUALE 13 SCUOLA BULLISMO IN CLASSE PARLA ROSSI DORIA: "IL FENOMENO AUMENTA, I DOCENTI CHIEDONO FORMAZIONE" FAND CRITICO SULLA PETIZIONE CONTRO I BES: SU CIRCOLARE MIUR GIUDIZIO POSITIVO NO ALLE SCUOLE SPECIALI IN QUALUNQUE FORMA SUI BES IL MINISTERO CONCEDE IL RINVIO IL SIGNIFICATO DI QUEL PIANO PER L INCLUSIVITÀ TAGLIO ALLE ORE DI SOSTEGNO, MINISTERO DELL'ISTRUZIONE CONDANNATO PER DISCRIMINAZIONE PAGINA LAVORO PAGINA UNA SETTIMANA DEDICATA ALL'INCLUSIONE LAVORATIVA 21 SOLO 300 MILA DISABILI LAVORANO: ITALIA PEGGIO DI ZAMBIA E MALAWI 22 ADATTARE IL LAVORO AL LAVORATORE E NON VICEVERSA 23 LA CRISI DEL LAVORO È ANCORA PIÙ ASPRA PER CHI È DISABILE 26 2

3 NO A QUESTO ULTERIORE ATTACCO AL LAVORO DEI DISABILI 27 BLOCCO ASSUNZIONI NELLA PA SE L'ORGANICO È AL COMPLETO. LA PROTESTA: "E' INACCETTABILE" 28 PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: CONTRO IL BLOCCO DELLE ASSUNZIONI 29 ASSUNZIONE DEI DISABILI, DAL GOVERNO UN FONDO DI 22 MILIONI 30 ASSUNZIONI OBBLIGATORIE DISABILI: IN PIAZZA CONTRO LA SOSPENSIONE 31 DISABILI: CGIL E COMITATO GENITORI INCONTRANO GUERRA, PRIMI SEGNALI IMPORTANTI 32 LAVORO: SI INTRAVVEDE UN INVERSIONE DI TENDENZA 33 GUERRA: ''GARANTIRE L'INSERIMENTO LAVORATIVO DEI DISABILI'' 34 CGIL: ''IMPORTANTE INCONTRO TRA GUERRA E FAMIGLIE'' 35 EUROPA PAGINA SULLE TRACCE DELLE CITTÀ PIÙ ACCESSIBILI D EUROPA 36 DISABILI: CGIL, DOPO SENTENZA UE ABOLIRE NORMA SU 'REPARTI CONFINO' 38 NORME SU LAVORO DISABILI, ITALIA BOCCIATA 39 LAVORO AI DISABILI. LA CORTE DI GIUSTIZIA EU CONDANNA L'ITALIA 41 ITALIA INADEMPIENTE SUL LAVORO AI DISABILI 41 NOTA UFFICIO GIURIDICO CGIL - SENTENZA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA 4 LUGLIO VARIE PAGINA IL CONTRASSEGNO E LA CAPACITÀ DI DEAMBULARE 45 BETTONI (ANMIL): «QUESTA SENTENZA SIA DI MONITO A CHI BARATTA LA SALUTE CON IL SALARIO» 47 LA DISABILITÀ IN PIENA LUCE NEL MONDO 48 L ANIEP CAMBIA NOME, MA NON CERTO GLI OBIETTIVI 49 NUOVO ISEE, ANCORA CRITICHE. ANFFAS: BOZZA DA CAMBIARE, INSIDIE PER I DISABILI LUIGI QUERINI NUOVO PRESIDENTE UILDM SI RAFFORZA IL MOVIMENTO MONDIALE DELLA DISABILITÀ 53 3

4 ISEE, INTESA RAGGIUNTA: TUTTE LE REGIONI D'ACCORDO SULLA RIFORMA. L'ANNUNCIO CON GIOVANNINI E DELRIO 54 LA CONTRADDITTORIETÀ DI QUELLA BOZZA SULL ISEE 55 IL GIURAMENTO DI CRISTIAN: IL RAGAZZO DOWN ORA È ITALIANO 57 CINQUE DIRITTI MONDIALI PER I MALATI DI SLA 58 CONFERENZA DISABILITÀ, GUERRA: "CI SARANNO SEGNALI IMPORTANTI" 59 ADESIONE FP CGIL MANIFESTAZIONE COMITATO GENITORI GIOVANI DISABILI PSICHICI - 3 LUGLIO P.ZZA MONTECITORIO ORE 9:30 60 CONFERENZA DISABILITÀ, ECCO DI COSA SI DISCUTERÀ A BOLOGNA 61 GIRO DI VITE PER I FURBETTI DELL'ISEE 63 AL VIA LA CONFERENZA SULLA DISABILITÀ. NAPOLITANO: ''PIÙ ATTENZIONE AI DIRITTI'' 64 CONFERENZA DISABILITÀ, BOMPREZZI: "ESTERREFATTO DALL'INDIFFERENZA DEI MEDIA" 65 DISABILI SEMPRE PIÙ DISCRIMINATI. FALSI INVALIDI, UN PROBLEMA CONTENUTO" 66 TRA I DISABILI TASSO DI DISOCCUPAZIONE 4 VOLTE PIÙ ALTO DEI NORMODOTATI 68 GIOVANNINI: 32 MILIONI IN PIÙ PER L ACCESSO AL LAVORO DEI DISABILI 69 A BOLOGNA LA CONFERENZA SULLA DISABILITÀ È UN SUCCESSO. MA ORA C'È "UNA MONTAGNA DA SCALARE" 70 4

5 NOTIZIE DAL TERRITORIO È INVALIDO. L'INPS COSTRETTO A PAGARE 72 PAGINA AL FUTURO SINDACO DI ROMA 73 MILANO, ASSISTENZA E VACANZE: LA SPENDING REVIEW COLPISCE LE PERSONE DISABILI MILANO, L ASSESSORE MAJORINO: GARANTITI SERVIZI COMPARABILI A QUELLI DEL POLITICHE REGIONALI E DISABILITÀ: CONVERGENZE E CONTRASTI 77 L'ACCOGLIENZA MAGICA DELLA PAZZINI A NOSTRO FIGLIO DISABILE MILANO: PAGANO LA FERMEZZA E IL DIALOGO RAGAZZI DISABILI, INCERTEZZA SUL FUTURO LAVORATIVO. APPELLO ALLE ISTITUZIONI I LAVORATORI DISABILI SONO ACCANTONATI

6 WELFARE BOLDRINI: ''FAMIGLIE CON DISABILI NON VANNO LASCIATE SOLE'' Roma - "Capisco bene la sofferenza che c'e' nelle famiglie che si trovano ad affrontare problemi di disabilita'. Lo comprendo perche' le medesime difficolta' sono state affrontate dalla mia famiglia. Uno dei miei quattro fratelli, infatti, soffre di una seria patologia ed il suo destino e' stata l'angoscia dei miei genitori per tutta la vita. Questo vissuto ci ha segnato, ma ci ha anche dato la possibilita' di sviluppare una sensibilita' maggiore". Cosi' la presidente della Camera, Laura Boldrini, nell'incontro con gli ospiti, le famiglie e gli operatori del Centro per disabili 'Arancia' di Tolentino. "Penso che le famiglie dei disabili non possono essere lasciate sole e che il lavoro delle strutture di sostegno sia importante, dal punto di vista umano, sociale e sanitario. Per i disabili c'e' bisogno di piu' Stato, di piu' aiuto, perche' il livello di civilta' di un Paese si vede anche da questo. Le istituzioni devono avere l'umilta' e la lungimiranza di recepire le istanze che vengono dagli operatori del settore e dalle famiglie per tradurli in provvedimenti legislativi", conclude. "Nei limiti delle mie prerogative cerchero' di sostenere questa causa, seguendo l'iter delle proposte di legge in materia". (3 giugno 2013) Fonte: Agenzia DIRE 6

7 DISABILI PENALIZZATI DALLA LEGGE FORNERO Il consigliere Montoro ha chiesto l'intervento dei parlamentari biellesi. "La senatrice Favero è l'unica ad aver affrontato la questione, proponendo un disegno di legge" Aveva mandato una lettera a tutti i candidati a Camera e Senato del Biellese prima delle elezioni per far conoscere il dramma dei disabili a seguito della riforma Fornero. Adesso Antonio Montoro, consigliere comunale in quota centrodestra, tira le somme di chi gli ha dato una risposta e di chi effettivamente si è impegnato per presentare in aula ciò che aveva promesso. Prima delle elezioni avevo riscontrato l interesse di Nicoletta Favero, Wilmer Ronzani e Marina Buratti di Fare per fermare il declino (il movimento di Oscar Giannino ndr) racconta Montoro poi la Buratti non è riuscita a entrare alla Camera e l'unica che ha portato avanti la questione è stata la senatrice Favero, con un disegno di legge apposito. La questione è spinosa: con la riforma Fornero ai lavoratori con un'invalidità riconosciuta superiore al 74% è data la possibilità di richiedere per ogni anno di lavoro effettivamente svolto, il beneficio di due mesi di contribuzione figurativa, fino a un massimo di 5 anni, utile per raggiungere la pensione e l'anzianità contributiva. Mentre nessun beneficio pensionistico è previsto per i lavoratori con un'invalidità tra il 46% e il 74% - prosegue Antonio Montoro questi sono equiparati di fatto alle persone sane e sono obbligati a lavorare fino a quasi 70 anni. Inoltre, bisogna ricordare come le commissioni mediche siano sempre più severe per colpa dei furbi che ne hanno approfittato negli anni; oggi raramente arrivano a dare un'invalidità superiore al 74%. La senatrice Favero si è mossa presentando un disegno di legge nel quale è richiesto un beneficio anche per i lavoratori con grado di disabilità compreso tra il 46 e il 74%. Si vorrebbe dare la possibilità di ottenere per ogni anno effettivamente svolto, un mese di bonus per raggiungere in tempi più ridotti la pensione. In 35 anni di lavoro si riuscirebbero a raggiungere quasi 3 anni di contribuzione figurativa conclude Montoro. Questo dramma colpisce quasi 400mila famiglie e quindi ha la stessa portata del problema degli esodati. E impossibile immaginare che a fronte di una continua perdita di posti di lavoro un invalido in stato di disoccupazione possa ritrovare una collocazione nel mondo del lavoro. È quindi un dovere morale per la politica affrontare la questione. (10 giugno 2013) Fonte: NewsBiella.it 7

8 IL COMITATO 16 NOVEMBRE AL MINISTERO DELL'ECONOMIA: "IMPEGNO A RIFINANZIARE IL FONDO" Il sottosegretario all'economia, Pier Paolo Baretta, ha ricevuto i rappresentanti del Comitato 16 novembre, impegnandosi a verificare la rapida conclusione dell'iter di ripartizione dei fondi previsti per il 2013 e la possibilità di un "sensibile rifinanziamento" del Fondo ROMA - Il sottosegretario all'economia, Pier Paolo Baretta, ha ricevuto stamane i rappresentanti del Comitato 16 novembre, che raccoglie i disabili gravi, tra cui i malati di Sla, e i loro familiari. La presidente del Comitato, Laura Flamini, ha sollecitato lo sblocco del Fondo di 275 milioni di euro per la non autosufficienza, stanziato con la legge di stabilità per il 2013 e il cui decreto è oggi alla registrazione della Corte dei Conti. La presidente Flamini ha anche chiesto l'aumento del Fondo e l'individuazione di nuovi criteri per la sua ripartizione. Il sottosegretario si è impegnato a verificare con la Corte dei Conti la rapida conclusione dell'iter del decreto e ad un "sensibile rifinanziamento" del Fondo. Sugli stessi temi il Comitato ha poi incontrato il sottosegretario alla Salute, Paolo Fadda. All'incontro ha partecipato anche la deputata Franca Biondelli (Pd): "Chiediamo - ha detto - il rapido sblocco del fondo di 275 milioni per la non autosufficienza stanziato con la legge di stabilità del 2013 e ad oggi alla registrazione della Corte dei Conti. Chiediamo anche l'incremento del medesimo Fondo e l'individuazione di nuovi criteri per la sua ripartizione. Il governo si impegni per dare risposte concrete ai disabili gravi e gravissimi che necessitano assistenza 24 ore su 24". Frattanto il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, nel question time alla Camera, ha illustrato la situazione attuale affermando che "il decreto del riparto del fondo per la non autosufficienza per il 2013 è stato sottoscritto dai ministri competenti il 20 marzo 2013 ed è al vaglio della Corte dei Conti per la necessaria autorizzazione". "Abbiamo sollecitato la Corte per la registrazione - ha detto ancora Giovannini - e il 3 maggio scorso i competenti uffici del ministero hanno provveduto ad anticipare alle Regioni la richiesta programmi attuativi sulla cui base le risorse potranno essere erogate". Nel decreto si prevede "una quota non inferiore al 30 per cento delle risorse assegnate a ogni regione, ad interventi per persone in condizione di disabilità gravissima". "Nello stesso decreto si prevedono interventi per attivazione o il rafforzamento del supporto alla persona e alla sua famiglia al fine di favorire l'autonomia e la permanenza a domicilio adeguando prestazioni all'evoluzione dei modelli di assistenza domiciliare". (12 giugno 2013) Fonte: SuperAbile.it 8

9 LA LOTTA AI ''FALSI'' INVALIDI PUNISCE QUELLI VERI. E ANCHE LO STATO CI RIMETTE Rapporto sull invalidità civile curato da Cittadinanzattiva. Iter complicati, scarsa informatizzazione, mesi di attesa: disagi immani per i cittadini e un costo di 58 milioni per lo Stato. E i falsi invalidi sono appena lo 0,04% ROMA - Mentre si spende e si spande per la lotta ai falsi invalidi (che sono pochi, ma proprio pochi), il cittadino che prova a far domanda per l invalidità si scontra con un percorso labirintico e ostile, con la burocrazia, con la scarsa informatizzazione del sistema, attendendo in media un anno per ottenere i benefici economici connessi contro i 120 giorni stabiliti dalla legge. Pochi falsi invalidi. Per lui la vita è diventata molto più difficile con i provvedimenti assunti negli ultimi anni per contrastare il fenomeno dei cosiddetti falsi invalidi. Che, a giudicare dall enfasi posta dai mass media e dalla politica, dovrebbero essere moltissimi, e invece tali non sono, perché secondo i dati della Guardia di Finanza nel corso dell intero anno 2012 ne sono stati individuati poco più di mille, esattamente Un numero che raffrontato a quello degli oltre 2 milioni e 800 mila invalidi civili del nostro paese rappresenta appena lo 0,04% del totale. Il rapporto E questo uno degli elementi contenuti nel primo Rapporto nazionale sull invalidità civile e la burocrazia, presentato oggi da Cittadinanzattiva, che nel maggio 2011 aveva lanciato la campagna Sono un V.i.P. Very invalid People. Il Rapporto prende in esame segnalazioni giunte al PIT Salute nazionale e alle sedi del Tribunale per i diritti del malato nel corso del Un anno di attesa. I provvedimenti assunti negli ultimi anni fa notare il Rapporto - hanno reso più difficile la concessione dell invalidità civile. Ad esser lento e farraginoso afferma Cittadinanzattiva - è tutto il percorso per l accesso all invalidità civile, con tempi più lunghi rispetto all anno precedente: solo per essere convocati a prima visita passano in media 8 mesirispetto ai 6 del 2011, 11 mesi per ricevere il verbale rispetto ai 9 dell anno precedente. Secondo la Corte dei Conti (relazione 2012), si attendono in media, dalla presentazione della domanda alla chiusura dell iter, 278 giorni per accertare l invalidità, 325 per la cecità civile, 344 per la sordità. I costi di tali ritardi ammontano nel solo 2011 a 24 milioni di euro. Se a questi si aggiungono i 34 milioni di spesa per medici convenzionati Inps, siamo ad un totale di 58 mln di euro di fatto bruciati dalla cosiddetta caccia ai falsi invalidi. Diritti negati. E inaccettabile che, per contenere la spesa assistenziale, si neghi al cittadino il diritto costituzionale all invalidità civile, aumentando momenti accertativi e rivedendo al ribasso i criteri reddituali e sanitari per l assegnazione delle indennità, e al contrario non si semplifichi l attuale iter amministrativo che oltre a produrre forti ritardi, brucia solo per interessi passivi 24 milioni di euro in un solo anno. Né ci è dato sapere quanti siano e quali provvedimenti siano stati presi nei confronti di quei funzionari Inps e Asl che hanno concesso indebitamente quel numero irrisorio di indennità, accertato dalla Guardia di finanza, commenta Tonino Aceti, responsabile del Coordinamento nazionale delle associazioni dei malati cronici (CnAMC) di Cittadinanzattiva. (25 giugno 2013) Fonte: RedattoreSociale.it 9

10 LIMITI DI REDDITO E PENSIONI DI INVALIDITÀ: DECRETO-LEGGE Nella bozza del Decreto-legge approvato ieri dal Governo (Interventi urgenti per la promozione dell occupazione) c è anche un articolo che porrà fine (se convertito) alla diatriba sui limiti reddituali da conteggiare ai fini della concessione della pensione agli invalidi civili. Come si ricorderà nella Circolare INPS 149/2012 era previsto un grave elemento di novità che riguardava i soli invalidi civili al 100% titolari di pensione di invalidità. Fino ad allora il limite reddituale considerato era quello relativo ai redditi strettamente personali. Dal 2013 sarebbe stato considerato anche quello del coniuge. Quella decisione amministrativa di INPS non si basava su alcun dettato normativo, ma su una Sentenza Corte di Cassazione (Sezione Lavoro) n. 4677/2011 La conseguenza immediata della Circolare sarebbe stata che gli invalidi totali titolari, assieme al coniuge di un reddito lordo annuo superiore a ,30 euro, avrebbero perso il diritto alla pensione (275,87 euro al mese). In seguito alle opportune reazioni delle associazioni e di una presa di posizione del Ministero del Lavoro, con il Messaggio della Direzione Generale INPS n. 717 del 14 gennaio 2013, INPS ha sospeso l applicazione di quella disposizione amministrativa. Ma successivamente la Corte di Cassazione (Sezione Lavoro, Sentenza n del 22 marzo 2013) aveva ribadito il parere precedente: il reddito è quello dell interessato e del coniuge, facendo sorgere nuovi timori Da più parti era stato richiesto l intervento legislativo e alla Camera era stata deposita nel frattempo una proposta di legge (atti della Camera n. 538, prima firmataria On. Margherita Miotto) finalizzata a fornire una interpretazione autentica favorevole alle persone con disabilità. Ora, il testo di quella proposta viene ripreso dal Governo che lo inserisce del Decreto legge approvato ieri (e in attesa di pubblicazione). Finalmente, all articolo 9 si precisa espressamente che «Il limite di reddito per il diritto alla pensione di inabilità in favore dei mutilati e degli invalidi civili, di cui all articolo 12 della legge 30 marzo 1971, n. 118, è calcolato con riferimento al reddito agli effetti dell IRPEF con esclusione del reddito percepito da altri componenti del nucleo familiare di cui il soggetto interessato fa parte». Se ne attende ora la probabile conversione in legge dopo la discussione in Parlamento. (26 giugno 2013) Fonte: HanyLex.org 10

11 PIÙ ANZIANI DISABILI MA MENO SUSSIDI Ottantenni, in maggioranza donne e con pensioni in media inferiori a 25 sterline a settimana. É questo l'identikit dei circa 1,5 milioni di inglesi che ricevono l'attendance Allowance (AA). Un assegno sociale versato in contanti settimanalmente. Ottantenni, in maggioranza donne e con pensioni in media inferiori a 25 sterline a settimana. É questo l'identikit dei circa 1,5 milioni di inglesi che ricevono l'attendance Allowance (AA). Un assegno sociale versato in contanti settimanalmente dal governo, di importo compreso tra le 59 e le 73 sterline, per proteggere le persone anziane con disabilità dal rischio povertà. Per un costo complessivo annuo di ben 5 miliardi annui. Questo non basta per i ricercatori dallo Strategic Society Centre e dall'independent Age. Che invitano le autorità a fare di più per i percettori di AA che per sopravvivere devono fare spesso ricorso al sostegno di un membro della famiglia: figli (36,1%) o partner (29,8%). Ma l'elemento più sconfortante per la ricerca è che, ad eccezione dell'assegno governativo, quai un milione di anziani disabili non riceve alcun supporto finanziario dalle autorità locali. Un elemento su cui, dicono i ricercatori, Londra dovrà occuparsi presto visto il costante e inarrestabile invecchiamento della popolazione. (27 giugno 2013) Fonte: SuperAbile.it 11

12 PENSIONE D'INVALIDITÀ, GUERRA: "GOVERNO PRONTO A FARE CHIAREZZA SUL CUMULO DEI REDDITI" Il viceministro alle Politiche sociali anticipa che il governo è intenzionato a risolvere con un suo intervento la questione del caos interpretativo sulla valutazione del reddito del coniuge per l'ottenimento dell'assegno di invalidità. In Parlamento c'è una proposta di legge, ma i tempi potrebbero stringersi ancora ROMA -Il Governo è deciso a fare chiarezza sulla questione del cumulo dei redditi per la pensione di invalidità civile, e molto presto in Consiglio dei ministri potrebbe arrivare la proposta di introdurre una norma chiarificatrice per sanare la situazione, che versa in un caos interpretativo. A dirlo è il viceministro alle Politiche sociali, Maria Cecilia Guerra. Parlando alla presentazione del rapporto di Cittadinanzattiva sulla invalidità, ha affermato: "Il nostro obiettivo è accelerare il percorso del disegno legge 538 per fare chiarezza sui criteri-sottolinea Guerra -. Ma stiamo anche cercando di anticiparlo introducendo una norma per sanare la situazione interpretativa. Presto andremo in Consiglio dei ministri". La vicenda del cumulo dei redditi è scoppiata a fine 2012 quando una circolare dell'inps (n. 149/2012) annunciava che dal primo gennaio 2013 sarebbe stata assegnata la pensione di invalidità agli invalidi con un reddito familiare, e non più personale, non superiore ai limiti di legge (quest'anno pari a euro ,30). La decisione era poi stata messa in standby (messaggio Inps n. 717/2013) su suggerimento del ministero del Lavoro."Se fossero considerati i redditi anche dei coniugi - sottolinea Tonino Aceti di Cittadinanzattiva -perderebbero la pensione di invalidità 850mila persone". La revisione dei criteri da parte dell'inps era nata in adeguamento alle diverse sentenze della Corte di Cassazione che avevano visto l'ente di previdenza prevalere in giudizio su questioni attinentii proprio alle condizioni economiche per il riconoscimento della pensione d'inabilità. Una decisione, che però, ha visto scendere sul piede di guerra diverse associazioni, che denunciavano come considerare anche il reddito del coniuge volesse dire togliere l'invalidità a migliaia di aventi diritto. Nel marzo scorso è stata quindi annunciata la proposta di legge 538 (prima firmatariamargherita Miotto) per risolvere la confusa vicenda. Parallelamente il ministero del Lavoro (allora guidato da Elsa Fornero), dopo aver chiesto all'inps di sospendere l'applicazione della circolare, aveva avviato un'istruttoria per decidere come sanare la vicenda. E domani potrebbe arrivare il chiarimento, che invalidi e associazioni aspettano da diversi mesi. (ec) (26 giugno 2013) Fonte: SuperAbile.it 12

13 INVALIDITÀ: IL REDDITO È SOLO INDIVIDUALE di Sara De Carli Mossa a sorpresa del Governo che mette fine a un'annosa questione: il reddito da considerare per l'invalidità sarà solo quello individuale della persona disabile Mossa a sorpresa del Governo Letta, passata peraltro ingiustamente abbastanza sotto silenzio: al contrario di quello che pensavano e suggerivano (neanche troppo velatamente) Insp, Corte di Cassazione e molti eminenti consiglieri politici, il Consiglio dei Ministri ha deciso che «il limite di reddito per il diritto alla pensione di inabilità in favore dei mutilati e invalidi civili è calcolato con riferimento al reddito agli effetti dell IRPEF con esclusione del reddito percepito da altri componenti del nucleo familiare di cui il soggetto interessato fa parte». È scritto nero su bianco nel Decreto legge n. 76 del 28 giugno 2013, noto come Misure straordinarie per la promozione dell occupazione, in particolare giovanile, e della coesione sociale (in allegato, trovate l articolo alla pagina 17). Tale frase chiarificatrice va inserita dopo il sesto comma dell articolo 14-septies del decreto legge 30 dicembre 1979, n. 663, convertito dalla legge 29 febbraio 1980, n. 33. La questione dovrebbe così essere chiusa una volta per tutte, senza più che i disabili debbamo temere colpi di mano come quello tentato dall Inps la vigilia di Natale del (5 luglio 2013) Fonte:: Vita.it 13

14 SCUOLA BULLISMO IN CLASSE PARLA ROSSI DORIA: "IL FENOMENO AUMENTA, I DOCENTI CHIEDONO FORMAZIONE" Secondo il sottosegretario all'istruzione cresce il numero di casi in Italia, ma c'è anche una maggiore presa di coscienza dei docenti, che chiedono più formazione. "Si può intervenire in maniera più articolata e competente" ROMA - "Bullismo in aumento nelle scuole italiane, probabilmente per una maggiore presa di coscienza del problema". Così il sottosegretario all'istruzione, Marco Rossi Doria, sul bullismo negli istituti scolastici dopo che recenti fatti di cronaca hanno riportato il problema sulle pagine dei quotidiani. "È vero che il fenomeno, anche nella sua definizione corretta, è in aumento - afferma Rossi Doria -, ma in questi casi c'è sempre un'ambiguità. La domanda è sempre la stessa: il fenomeno aumenta perché siamo più consapevoli o perché è realmente aumentato? Non lo sappiamo. Io penso che ci sia più consapevolezza". Fondamentale definire con chiarezza il fenomeno bullismo. "Spesso, fatti che non riguardano il bullismo vengono inseriti in questa categoria - spiega il sottosegretario -. Faccio un esempio: una rissa tra ragazzi non è bullismo, uno sfottò momentaneo o una telefonata per prendere in giro un compagno una volta non è bullismo. C'è una tendenza a dare questa etichetta a fenomeni diversi". Una definizione ampiamente riconosciuta e condivisa del bullismo c'è, anche se abbastanza datata. "Il bullismo è stato codificato a livello internazionale sul finire degli anni 60 del secolo scorso - precisa il sottosegretario - per essere quella cosa per cui un gruppo o un singolo, manifestamente più forte della vittima, ha un comportamento che va dall'offesa verbale fino all'aggressione fisica, prolungata e ripetuta nel tempo senza la difesa esterna". Tuttavia, aggiunge Rossi Doria, per i fatti più gravi, il voto in condotta non conta più. "Occorre fare anche una distinzione tra bullismo e attività penale - aggiunge -. Se cinque persone picchiano un ragazzo più piccolo siamo oltre il bullismo, siamo nel codice penale. Possiamo sempre dire che è il prodotto più estremo nato dal bullismo, ma in quel caso si interviene col codice penale". Per il sottosegretario, la risposta a questo fenomeno c'è e così come una maggiore consapevolezza da parte del corpo docente. "Ci sono stati molti progetti sul bullismo, direi quasi in tutte le province italiane e in varie migliaia di scuole - specifica Rossi Doria -. Sono per lo più concentrati a partire dalla scuola media. Tuttavia, gli insegnanti, che sono adulti competenti e responsabili, quando vedono una situazione di questo tipo intervengono. Su 8 milioni di ragazzini, 800mila insegnanti, la quantità di interventi educativi ragionevoli è molto elevata perché la scuola italiana, rispetto ad altri modelli, è attenta alle relazione e molti genitori delle vittime lo riconoscono". Non mancano, però, i progetti strutturati. "Ci sono gruppi di discussione in cui si dà parola alla vittima, dove si ricrea il senso comunitario del gruppo classe, si ristabiliscono le regole e si lavora sui termini emotivi, affettivi e comportamentali dei ragazzi. Non c'è bisogno, in genere, di uno psicologo. A volte ci sono degli incontri organizzati da esperti, per aiutare gli insegnanti a capire le dinamiche che favoriscono la prevenzione". Ci sono anche progetti più specifici, necessari quando si "supera una certa soglia". "Ad esempio, quando vengono pubblicate foto di un certo tipo online - aggiunge il sottosegretario -, se ci sono reiterate telefonate o minacce sui cellulari, se un gruppo più forte fa bullismo. Ci sono progetti che vanno oltre i confini della scuola, che prendono in considerazione anche il percorso da casa". Non mancano gli istituti modello, dove il bullismo è ridotto a zero, o quasi. "Non sono tutte - spiega Rossi Doria -, ma molte. Sono quelle scuole che 14

15 stipulano il patto educativo tra insegnanti e genitori nella condivisione e distinzione tra famiglia e scuola. Fanno prevenzione. Gli insegnanti fanno anche colloqui di gruppo o individuali con i singoli ragazzi e attività comunitarie col tempo prolungato". Dai docenti, però, è in aumento la richiesta di formazione sul fenomeno. "C'è una richiesta di formazione su tutte le materie emotivo-relazionali - aggiunge il sottosegretario -. Per questo penso che ci voglia una forte riflessione sul tema. Ne abbiamo parlato molto brevemente col ministro, siamo ancora agli inizi di questa collaborazione, ma è vero: registro una fortissima richiesta di formazione a cui la scuola già risponde, ma si può intervenire in maniera più articolata e competente". (ga) (3 giugno 2013) Fonte: SuperAbile.it 15

16 FAND CRITICO SULLA PETIZIONE CONTRO I BES: SU CIRCOLARE MIUR GIUDIZIO POSITIVO Il presidente Pagano sottolinea ''lo scrupolo con cui si è giunti alla emanazione della circolare ministeriale n. 8 e gli sforzi profusi dal ministero per mettere in campo maggiori risorse da destinare al sostegno'' ROMA - La Fand, Federazione tra le associazioni nazionali delle persone con disabilità, non condivide il giudizio negativo espresso dai promotori di una petizione on line in merito alla circolare ministeriale del Miur n. 8/2013 riguardante i Bes, ovvero i bisogni educativi speciali. Lo afferma l organizzazione in una nota appena diffusa. Gli organizzatori di tale petizione rimarcano la preoccupazione che in un prossimo futuro non verrà concesso il sostegno agli alunni con disabilità lieve e che il sostegno sarà oggetto di tagli con gravi conseguenze, soprattutto per le famiglie scrive il presidente della Federazione Giovanni Pagano -. Noi invece evidenziamo che negli incontri avuti con il Miur, soprattutto in sede di Osservatorio per l inclusione scolastica degli alunni con disabilità, non sono emerse siffatte preoccupazioni né si è avuto sentore di tentativi in tal senso. Pagano sottolinea invece lo scrupolo con cui si è giunti alla emanazione della circolare ministeriale n. 8, il proficuo lavoro svolto tra il Miur e la Fand, unitamente alla Fish, e anche l impegno e gli sforzi profusi dal ministero per mettere in campo maggiori risorse da destinare al sostegno. (10 giugno 2013) Fonte: RedattoreSociale.it 16

17 NO ALLE SCUOLE SPECIALI IN QUALUNQUE FORMA Roberto Speziale, presidente di Anffas, ribadisce il «no secco e definitivo a qualunque forma di limitazione all inclusione sociale e scolastica delle persone con disabilità». Un «no secco e definitivo» è quello che ribadisce Roberto Speziale presidente nazionale di Anffas onlus (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale). Il fatto è che sulla stampa è arrivata la notizia di una mozione approvata dal Consiglio Comunale di Palermo in merito alla istituzione di una scuola materna per bambini affetti da sindrome autistica e delle dichiarazioni che in merito si sono susseguite da parte di vari esponenti politici ed istituzionali di livello nazionale e locale, nonché della replica da parte dello stesso Comune di Palermo che smentisce l intento della costituzione di una scuola speciale. Proprio per questo Anffas onlus che rappresenta oltre 15mila famiglie in tutta Italia, tra le quali moltissime con figli o congiunti con disturbi dello spettro autistico, in una nota sottolinea «l assoluta e ferma contrarietà nei confronti di qualsiasi tentativo, di qualsiasi natura, di creazione di classi o scuole speciali per gli alunni con disabilità». «L inclusione scolastica degli alunni con disabilità e soprattutto di quelli con disabilità intellettiva e/o relazionale è un tema complesso e delicato, che pur essendo esattamente declinato dalla normativa nazionale ed internazionale (in primis la Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità) continua a subire costanti e spesso subdoli attacchi sia nella prassi che in atti molto spesso presentati come migliorativi, ma che nei fatti si limitano a perpetrare sistemi di esclusione e discriminazione, frutto di un retaggio che ancora in Italia - nonostante infiniti sforzi davvero ancora non si riesce a superare», precisa quindi Roberto Speziale, presidente Nazionale dell associazione. Da qui deriva la necessità per il presidente Speziale di ribadire con fermezza quel «no secco e definitivo a qualunque forma di limitazione all inclusione sociale e scolastica delle persone con disabilità, che hanno diritto ad essere incluse e ad apportare il proprio contributo in ogni aspetto della vita della comunità, a partire da quello fondamentale della scuola». Prendendo quindi spunto dalle vicenda di Palermo, conclude Speziale «desideriamo sottolineare come siano ancora necessari interventi consistenti - a partire dalla formazione e responsabilizzazione dell intero corpo docente e non solo di quello deputato al sostegno e del personale scolastico e di assistenza in generale e alla valutazione e monitoraggio del reale rispetto delle norme e dei livelli di qualità dell inclusione scolastica - per migliorare realmente il diritto all istruzione degli alunni con disabilità, anche grave e gravissima, sui quali invitiamo tutte le Istituzioni a concentrare attenzione, impegno e responsabilità, piuttosto che puntare su iniziative che rischiano invece di determinare pericolose derive ed arretramenti». (19 giugno 2013) Fonte: Vita.it 17

Disabili: CGIL, dopo sentenza UE abolire norma su reparti confino pag.4

Disabili: CGIL, dopo sentenza UE abolire norma su reparti confino pag.4 Disabilità e riforma previdenziale Fornero Pochi falsi invalidi La questione del cumulo dei redditi Qualche dato statistico La crisi del lavoro è ancora più aspra per chi è disabile pag.1 pag.3 Disabili:

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

Coordinamento Nazionale Beni Culturali

Coordinamento Nazionale Beni Culturali Coordinamento Nazionale Beni Culturali c/o Ministero per i Beni e le Attività Culturali - 00186 Roma - Via del Collegio Romano, 27 Tel. 06 6723 2348-2889 Fax. 06 6785 552 - info@unsabeniculturali.it -

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

Bonus straordinario: modulo e istruzioni dell Agenzia delle entrate

Bonus straordinario: modulo e istruzioni dell Agenzia delle entrate www.handylex.org Carlo Giacobini, Responsabile del Centro per la documentazione legislativa, Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare - Direzione Nazionale Bonus straordinario: modulo e istruzioni

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 96 22.05.2015 Rimborso pensioni: il piano del Governo Approvato il D.L. Pensioni per i pensionati che si sono visti bloccare

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

FAQ per i datori di lavoro

FAQ per i datori di lavoro FAQ per i datori di lavoro - Perché io, imprenditore, dovrei aspettarmi aiuto da un istituzione come l ufficio AI? L ufficio AI si impegna a mantenere o reinserire nel mondo del lavoro le persone diversamente

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Art. 1 (Principi e finalità)

Art. 1 (Principi e finalità) Regione Lazio L.R. 20 Marzo 2009, n. 4 Istituzione del reddito minimo garantito. Sostegno al reddito in favore dei disoccupati, inoccupati o precariamente occupati (1) Art. 1 (Principi e finalità) 1. La

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE

DISCIPLINARE COMUNALE COMUNE DI GESICO GESTIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA D INTERVENTO 3 CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CIVICO DISCIPLINARE COMUNALE Programma anno

Dettagli

Disabili e lavoro, le barriere fisiche (e culturali) dell'italia. Dr.ssa M. SIVU

Disabili e lavoro, le barriere fisiche (e culturali) dell'italia. Dr.ssa M. SIVU Disabili e lavoro, le barriere fisiche (e culturali) dell'italia Dr.ssa M. SIVU Gli strumenti per il collocamento mirato sono quelli previsti dalla Legge 68/99 PER APPROFONDIREil testo della Legge 92/12

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 ANCORA SUGLI GLI AUMENTI PER IL 2015 Si tratta di un aumento davvero irrisorio quello che a gennaio i pensionati ricevono della cosiddetta perequazione automatica l ex scala

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 7 DEL 04.03. 2010 POLIZZE ASSICURATIVE AMMINISTRATORI QUALI SONO ESENTI E DEDUCIBILI IL QUESITO E possibile avere un quadro delle problematiche fiscali

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO REVOCA DEI BENEFICI PREVISTI PER L ASSISTENZA DI UN CONGIUNTO DISABILE QUESITO (posto in data 27 giugno 2014) Sono un dirigente medico ospedaliero a tempo indeterminato. La mia Azienda mi ha

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Città di Minerbio Provincia di Bologna LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Approvato con deliberazione

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO OGGETTO: Figli orfani, studenti ed inabili, titolari di pensione di reversibilità che percepiscono un piccolo reddito per attività lavorativa

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità Autore: Titolo: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento lavoro Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati:

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati: DIREZIONE GENERALE AI DIRIGENTI GENERALI COMPARTIMENTALI istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica CIRCOLARE N. 66 DEL 10 DICEMBRE 2004 AI DIRETTORI DEGLI UFFICI PROVINCIALI

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15. Employers Day

Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15. Employers Day Il Jobs Act e il collocamento mirato: Le novità introdotte dal D.Lgs.151/15 Federico CONTI Genova 07 Aprile 2016 Employers Day Azioni di sostegno per l attuazione sul territorio delle politiche del lavoro

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

FAQ. Avviso Pubblico "Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015.

FAQ. Avviso Pubblico Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015. FAQ Avviso Pubblico "Adesione dei disoccupati al Contratto di ricollocamento Determinazione dirigenziale n. G10271 del 28/08/2015. Chiarimenti in merito ai requisiti per presentare l adesione dei disoccupati

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

- l art 3, della legge 11 ottobre 1990, n. 289 dispone che l indennità mensile di frequenza per i minori invalidi è

- l art 3, della legge 11 ottobre 1990, n. 289 dispone che l indennità mensile di frequenza per i minori invalidi è 1 2 L Assessore al Welfare e alle Politiche della Salute, sulla base dell istruttoria espletata dall Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi, come confermata dal dirigente del Servizio Accreditamento

Dettagli

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura La buona scuola Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura Nel corso dell esame sul ddl scuola in Commissione, il testo è stato migliorato in molti articoli con il lavoro dei nostri deputati,

Dettagli

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona PROTOCOLLO D INTESA SCUOLA SPAZIO DI LEGALITA 1 La Prefettura, le Forze dell Ordine, la Polizia Municipale di Cremona, l ASL di Cremona - Dipartimento Dipendenze, i Dirigenti Scolastici e i Direttori dei

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

L'INPS CON CIRCOLARE N.74 DEL 10/04/2015

L'INPS CON CIRCOLARE N.74 DEL 10/04/2015 Sede di Verona: via E. Duse, 20 37124 Verona tel. 045915777 e 0458340923 fax 045915907 (@mail): veneto.vr@snals.it PEC (@mail certificata):veneto.vr@pec.snals.it Sede di Legnago: via Frattini, 78 37045

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

La Nuova Social Card Monitoraggio dell implementazione a cura di Save the Children in collaborazione con Caritas Italiana

La Nuova Social Card Monitoraggio dell implementazione a cura di Save the Children in collaborazione con Caritas Italiana La Nuova Social Card Monitoraggio dell implementazione a cura di Save the Children in collaborazione con Caritas Italiana La Nuova Social Card, varata nel 2012 con uno stanziamento di 50 di Euro 1 per

Dettagli

Errori medici. Società scientifiche insorgono: "Medici siano trattati come i magistrati"

Errori medici. Società scientifiche insorgono: Medici siano trattati come i magistrati 13 feb. 13 Errori medici. Società scientifiche insorgono: "Medici siano trattati come i magistrati" http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=13413 Page 1 of 2 14/02/2013 quotidianosanità.it

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO)

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) Tel. 055 875011 Fax 055 8750301 P.I. 00255160970 C.F. 01342090485 www.comune.carmignano.po.it REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza?

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Dicembre 2008 Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? È discriminatorio mantenere in vigore un regime pensionistico

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI Premessa I Trattamenti Pensionistici In Italia, come anche in tutti i paesi maggiormente industrializzati, alla precarietà del mercato del

Dettagli

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE

Provincia di Imperia. Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE Provincia di Imperia Provincia di Imperia Settore Centri per l Impiego, Programmazione e Progetti Comunitari UFFICIO COLLOCAMENTO MIRATO PROVINCIALE AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2014 Approvato dall Assemblea Generale CRUI Roma, 11 settembre 2014 L Assemblea della CRUI, riunitasi il

Dettagli

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Le opinioni degli studenti raccolte tramite i gruppi Facebook Sondaggio promosso dai Rappresentati degli Studenti nel

Dettagli

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1 Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1, art. 3, comma 2, lett. e). Fondo di garanzia etica. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale riferisce in ordine

Dettagli

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 1 Valutazione Uno dei principali intenti del D.Lgs. n. 150/2009 è stato

Dettagli

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 Allegato A Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 1. Premessa Con la D.g.r. 2513 del 17/10/2014 si è data una prima attuazione alla legge regionale n. 18 del 24 giugno 2014 Norme a tutela

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2 Le pensioni nel 2013 Le pensioni da lavoro Allegato n. 2 Integrazione al minimo Le pensioni liquidate col sistema retributivo o col sistema misto, in presenza di determinate condizioni di reddito, vengono

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario)

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) 2 L INPS a garanzia del Sistema di Welfare Il Rapporto annuale dell INPS descrive il ruolo e le attività dell Istituto, offrendo un immagine dettagliata della società italiana

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

Visita il sito www.epc.it

Visita il sito www.epc.it Guarda tutti i titoli in collana Visita il sito www.epc.it seguono diapositive di esempio del corso selezionato Durante la proiezione di questa diapositiva il relatore si presenta ed effettua un rapido

Dettagli