Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello"

Transcript

1 Concorrnza sclt informat nl sttor Rc auto 1 Paolo Martinllo I canali distributivi vincolati hanno limitato la concorrnza l informazioni a disposizion di consumatori nl mrcato dll polizz Rc auto. L rcnti riform dl sttor incntivano il ruolo di assistnza dll intrmdiario assicurativo nlla individuazion di un prodotto adguato, ma pr una ral sclta informata di consumatori rstano dcisiv l banch dati indipndnti, ch riducono i tmpi i costi dlla ricrca. Dalla libralizzazion alla concorrnza Il procsso di libralizzazion dl sttor assicurativo, avviato in Italia nl 1994, avva suscitato numros aspttativ sull impatto positivo ch la drgolamntazion di tariff condizioni di contratto, una consgunt maggior concorrnza tra l imprs assicurativ, avrbbro avuto sul livllo di przzi, sulla qualità di prodotti offrti sull modalità distributiv. Tuttavia, sin dall inizio tal procsso avva stntato a mostrar i sui fftti bnfici ni trmini auspicati, tanto ch l Autorità Garant dlla Concorrnza dl Mrcato, già nl 1996, avva ritnuto opportuno l avvio di un indagin conoscitiva 2 con l obittivo di vrificar l ffttiva aprtura alla concorrnza dl mrcato italiano di monitorar nl tmpo il procsso di libralizzazion. Già ni primi du anni succssivi alla libralizzazion si ra vrificato, anziché l auspicata riduzion di costi unita al miglioramnto dl srvizio, un incrmnto rilvant di prmi assicurativi, sull cui caus l autorità ritnn dovroso ffttuar un analisi al fin di accrtar s foss riconducibil a comportamnti collusivi dll imprs oppur a problmatich dll asstto conomico normativo dl mrcato. Gli indizi dll sistnza di fattori anticoncorrnziali non mancavano: oltr al rilvant aumnto di prmi Rc auto (ch rapprsntrà una carattristica costant, non solo transitoria, nl corso dl dcnnio succssivo alla libralizzazion: +110% nl priodo , font ISTAT), vanno sgnalati i vincoli ni canali distributivi (oltr il 90% dl mrcato Rc auto intrmdiato da agnti 30 1 Il prsnt articolo costituisc una rilaborazion aggiornata dll articolo L dirttiv dll Antitrust pr la pina concorrnza pubblicato nl volum Il futuro dlla distribuzion assicurativa in agnzia, Milano, Paolo Martinllo Prsidnt Altroconsumo Associazion Indipndnt di Consumatori BEUC (Burau Europén ds Unions d Consommaturs) 2 Si vda il provvdimnto AGCM n. 4129/1996 di aprtura dll indagin conoscitiva nl sttor dll assicurazion autovicoli. Mrcato

2 sottoposti a obbligo di sclusiva con una sola imprsa), il tutto in un contsto connotato da un lvata concntrazion dll quot di mrcato (nl sttor Rc auto nl 1998 i primi cinqu gruppi d imprs controllavano il 50,98% dl mrcato i primi dici gruppi il 74,94%), da un lvata stabilità di tali quot, da una ridotta mobilità di consumatori da un imprsa all altra, anch pr fftto dlla scarsa trasparnza dll offrt dgli lvati costi di ricrca dll informazioni utili a ffttuar l sclt di acquisto. Va ricordato, infatti, ch già nl 2000, alla luc dll prim risultanz mrs nl corso dll indagin istruttoria aprta dall Autorità Antitrust nl sttor Rc auto, l autorità stssa, 3 nll ambito dl provvdimnto con il qual 39 compagni assicurativ vnivano sanzionat pr comportamnti anticoncorrnziali drivanti da ints vitat (consistit nl sistmatico prolungato scambio d informazioni stratgich sull tariff), ra stata rilvata l sistnza di barrir all ntrata nl sttor assicurativo dgli autovicoli (Rc auto CVT). In particolar, l autorità vidnziava com, succssivamnt alla libralizzazion, si fossro rgistrati pochi ingrssi sul mrcato di nuov imprs - prvalntmnt rapprsntat da controllat di imprs già prsnti pr sfruttar nuovi canali distributivi (tlfono, Intrnt, concssionari auto cc.) - l quali comunqu avvano raggiunto quot di mrcato dl tutto marginali ch tali barrir all ntrata rano costituit innanzitutto dalla ncssità di costruir un adguata capillar rt pr la distribuzion dll polizz Rc auto ARD, nonché pr la liquidazion di sinistri. Considrato l lvato numro di agnti opranti sulla bas di un contratto di sclusiva con l imprsa dlla qual distribuiscono i prodotti, l autorità vidnziava com ciò costringss una nuova ntrant a costruir una propria rt di agnti complta, con rilvanti difficoltà (anch a causa dll obbligo di iscrizion dgli agnti ad apposito albo), con costi lvati lunghi tmpi di ralizzazion, con la consgunza ch l ntrata sul mrcato italiano avvniva, di rgola, attravrso l acquisizion di portafogli di imprs già sistnti. Ma è soprattutto con il provvdimnto di chiusura dll indagin conoscitiva conclusa nl ch l autorità individua approfondisc gli fftti anticoncorrnziali drivanti all asstto distributivo dl mrcato assicurativo l su consgunz dltri pr i consumatori, sia pr l lvato incrmnto di prmi rgistrato sia pr lo scarso livllo di informazion di sclta. Il gnral incrmnto di prmi Rc auto - ch l autorità stssa stima nl priodo in misura suprior al 100% - si è vrificato in un contsto carattrizzato dalla stabilità dll quot di mrcato, sostanzialmnt inaltrat dal 1994, nonché dal limitato ingrsso di nuovi opratori, sia italiani sia stri. La mancata rdistribuzion dll quot di mrcato il limitato ingrsso di nuovi opratori, pur in prsnza di aumnti di przzi così rilvanti, tstimonia l sistnza di significativ problmatich concorrnziali. 3 Provvdimnto n. 8546/ Provvdimnto Autorità Garant dlla Concorrnza dl Mrcato n /2003. Mrcato 31

3 Una situazion drivant, oltr ch da spcifici comportamnti anticoncorrnziali dll imprs, 5 da alcun carattristich dll organizzazion dl mrcato italiano Rc auto riconducibili ad almno du fattori principali: i) in primo luogo, l rlazioni vrticali di sclusiva tra produttori distributori; ii) in scondo luogo, la mancanza di form di indnnizzo dirtto. Pr quanto attin al primo asptto, l autorità ha rilvato ch l rlazioni vrticali di sclusiva tra produttori (imprs di assicurazion) distributori (agnti) accrscono i costi dll attività di ricrca pr i consumatori, contribundo a irrigidir la domanda ch si rivolg all singol imprs, in un contsto in cui la domanda complssiva di mrcato è sostanzialmnt rigida pr fftto dll obbligatorità dlla polizza Rc auto. D altro canto, il sistma di distribuzion sclusiva il fatto ch nuovi opratori abbiano, in ragion di vincoli drivanti dall asstto rgolamntar dl sttor dal risptto dgli accordi di catgoria, incontrato difficoltà nll introdurr tcnich più fficinti di liquidazion, quali la riparazion dirtta, contribuiscono - a parr dll autorità - a spigar il ridotto accsso al mrcato da part di nuov imprs. L indagin conoscitiva dll autorità ha mostrato ch l compagni di assicurazion sono riuscit, nl tmpo, a scaricar gli aumnti di costi sull tariff snza prdr i clinti, a causa dll lvata rigidità ch carattrizza la domanda sia a livllo di mrcato sia a livllo di singola imprsa tal fftto è in larga misura riconducibil all asstto dll industria nlla fas distributiva. Praltro, in un mrcato concorrnzial il consumator dovrbb potr ragir all variazioni di przzo praticat da una singola compagnia ricrcandon un altra ch propon un offrta miglior in trmini di przzo qualità dl srvizio; in un sttor maturo, com la Rc auto, tal attività di ricrca vin svolta solo quando i vantaggi attsi risultano supriori ai costi ch ssa comporta. S i consumatori sprimntano lvati costi di ricrca, anch la domanda ni confronti dlla singola imprsa risulta poco dinamica, con la consgunt scarsa mobilità stabilità dll quot di mrcato già citat. A qusto proposito, l Autorità Antitrust ha rilvato com, succssivamnt alla libralizzazion, gli intrvnti sulla struttura tariffaria ralizzati dall imprs, con particolar rifrimnto alla prsonalizzazion dll polizz, abbiano comportato un ampliamnto dlla varità dll offrta dl srvizio assicurativo un accntuata diffrnziazion tra prodotti, con la consgunza ch, pur rapprsntando di pr sé un nuovo lmnto dl gioco concorrnzial, tali innovazioni hanno rso più complssa pr il consumator, risptto al passato, la sclta dlla miglior combinazion qualità/przzo. Tuttavia, a diffrnza di quanto si è vrificato ni mrcati stri - ch, com pr smpio il Rgno Unito, hanno sprimntato un positivo procsso di libralizzazion - la progrssiva complssità dll offrta in Italia non è stata accompa Si vda a qusto proposito, in particolar, il già citato provvdimnto n. 8546/2000 in matria di ints vitat tra imprs di assicurazion, x art. 2 L. 287/1990. Mrcato

4 gnata dallo sviluppo di adguati canali distributivi in grado di facilitar, pr il consumator, il confronto tra prodotti divrsi (scondo l analisi condotta nll ambito dll indagin conoscitiva, il tasso di disprsion ni przzi dll polizz Rc auto ra, già agli inizi dgli anni 2000, pari a circa il 10% pr i profili di rischio migliori a circa il 20% pr gli assicurati con una maggior rischiosità). Qusta situazion - affrma l autorità a conclusion dll indagin conoscitiva svolta - è dovuta al fatto ch la soluzion organizzativa prvalnt in Italia nlla distribuzion dll polizz Rc auto rsta qulla incntrata sull impigo di agnti monomandatari, una soluzion ch di fatto ha ostacolato l accsso al mrcato da part di nuovi concorrnti ch ha dtrminato, soprattutto in un mrcato libralizzato, rilvanti problmi informativi dal lato dlla domanda, giacché la prsnza di una fitta rt di rapporti di sclusiva rnd difficil pr un consumator il confronto tra l divrs offrt. Un consumator in grado di confrontar agvolmnt i prodotti offrti dall divrs imprs potrbb individuar qullo ch gli fornisc l utilità più lvata rivolgrsi all imprsa ch lo offr pr acquistarlo. Vicvrsa, s i confronti sono difficili non sistono soggtti (o strumnti) idoni a coadiuvar il consumator nl proprio procsso di sclta, qusti trovrà difficoltà a spostarsi alla ricrca dll offrta più soddisfacnt. Contribundo alla scarsa mobilità di consumatori, l sistnza di un stsa rt di rapporti di distribuzion in sclusiva limita, quindi, l intrss dll singol imprs a invstir in innovazion di prodotto o di canal, riduc gli incntivi dll stss a comptr contribuisc a consolidar la stabilità dll quot di mrcato. Ma non basta. L autorità aggiung ch un sistma distributivo basato su agnti in sclusiva non è idono a incntivar gli intrmdiari a sviluppar srvizi informativi voluti pr i consumatori: la scarsa flssibilità tariffaria consntita agli agnti assicurativi (anch pr fftto dlla rgolamntazion ISVAP, scondo la qual l imprs rano tnut a indicar all agnzi l importo massimo dgli sconti praticabili il numro di possibili bnficiari) ha impdito agli stssi di agir sulla lva dl przzo. Condizioni di maggior flssibilità tariffaria, oltr a indurr gli stssi agnti a diffrnziarsi migliorar la qualità dl srvizio offrto, consntirbbro loro di sviluppar una sri di srvizi di consulnza di accrscr la qualità dll informazion trasmssa al mrcato. Inoltr l introduzion di una fort componnt di flssibilità favorirbb lo sviluppo di intrmdiari multimarca, quindi, di un sistma distributivo più idono a garantir la trasparnza ai consumatori a ridurr i costi di ricrca. Infin, una maggior concorrnza indotta dalla prsnza di tipologi altrnativ di rapporti vrticali di distribuzion incntivrbb l stss compagni di assicurazion a prstar maggior attnzion al controllo di propri costi al miglioramnto dl srvizio offrto. Mrcato 33

5 Plurimandato sclt assistit 34 L innovazioni dl rgim giuridico dll attività di intrmdiazion assicurativa drivati dal Codic dll Assicurazioni (D.Lgs. 7/9/2005 n. 209) prima, dall Lggi Brsani (L. 4/8/2006 n. 248 L. 2/4/2007 n. 40) poi, hanno posto l condizioni affinché taluni di fattori critici puntualmnt individuati dall Autorità Antitrust (agnti monomandatari, difficoltà di accsso all informazioni pr i consumatori) pr lo sviluppo di un mrcato assicurativo più trasparnt concorrnzial possano ssr rimossi almno in part suprati. Quanto al Codic dll Assicurazioni, va ossrvato ch una dll principali novità consist proprio nll avr introdotto spcifici obblighi dll intrmdiario ni confronti di contranti, con rifrimnto all informazion pr-contrattual sui prodotti assicurativi proposti alla loro adguatzza risptto all signz dl clint. Attravrso tali disposizioni, il rapporto tra agnt assicurati assum una nuova configurazion, in quanto l attività distributiva, alla luc dl nuovo quadro normativo, non potrà più ritnrsi svolta nll sclusivo prcipuo intrss dll imprsa mandant, ma anch nll intrss dlla clintla. Vngono in tal modo accntuati, risptto al passato, gli lmnti di autonomia dcisional dll agnt, quanto mno nlla fas ssnzial, prliminar alla stipula dl contratto, dlla valutazion dll signz dl contrant dlla proposta consiglio di un prodotto assicurativo a ss adguato. In altr parol, pr fftto dl nuovo quadro lgislativo, l attività agnzial nl sttor assicurativo vin carattrizzata da un lmnto indito, ch attin propriamnt alla fornitura di un srvizio di assistnza al clint nlla fas crucial dlla sclta dl prodotto appropriato all su signz assicurativ, srvizio ch compt spcificamnt all intrmdiario stsso. Così dlinati i contnuti di nuovi obblighi informativi di assistnza a favor di contranti a carico dgli agnti assicurativi, dirtti a favorir una sclta assistita da part di contranti, par vidnt com la loro ffttiva portata n sarbb risultata sminuita in dfinitiva marginalizzata, quanto al loro ffttivo impatto sull dinamich dl mrcato, ov l attività distributiva avss continuato a ssr carattrizzata dalla prpondrant prsnza di vincoli di sclusiva dgli agnti ni confronti di una sola imprsa (monomandato). Da qusto punto di vista, l Lggi Brsani dl hanno, quindi, costituito il natural indispnsabil compltamnto normativo finalizzato a ridisgnar l attività agnzial, consntndol di contribuir allo sviluppo di un mrcato assicurativo più trasparnt concorrnzial, di incrmntar la quantità la qualità dll informazioni a disposizion di consumatori pr ffttuar l loro sclt. Non a caso, dl rsto, l art. 8 dlla Lgg Brsani dl 2006 ( clausol anticoncorrnziali in tma di rsponsabilità civil auto ), nl fissar il divito all compagni assicurativ ai loro agnti di vndita di stipular nuov clausol contrattuali di distribuzion sclusiva di imposizion di przzi minimi o di sconti massimi pr l offrta ai consumatori di polizz rlativ all assicurazion Mrcato

6 obbligatoria pr la rsponsabilità civil auto (divito poi stso a tutti i rami danni dall art. 5 dlla Lgg Brsani dl 2007), ha sprssamnt affrmato ch tali diviti vngono introdotti in conformità al principio comunitario dlla concorrnza all rgol sancit dagli art. 81, dl trattato istitutivo dlla Comunità uropa. Si tratta dll stss disposizioni sull quali si ra basata l indagin conoscitiva dll Autorità Antitrust, ch proprio ni prdtti vincoli contrattuali ampiamnt prsnti nl mrcato dlla distribuzion assicurativa avva individuato una dll principali ragioni dlla scarsa comptitività dl sttor (lvata concntrazion, stabilità dll quot di mrcato, barrir all accsso di nuov imprs, incrmnto di prmi, lvati costi di ricrca pr i consumatori di prodotti più convninti, scarsa mobilità). La volontà di incidr in modo radical tmpstivo sull dinamich dl sttor assicurativo, attravrso qulla ch è stata giustamnt dfinita una vra propria inizion di concorrnza, è dimostrata dal fatto ch la nullità dll clausol in contrasto con i diviti prvisti (divito di impgni di sclusiva a carico dgli agnti di imposizion di przzi minimi sconti massimi) è stsa, a dcorrr dal 1 gnnaio 2008, anch all clausol contnut in contratti stipulati prima dll ntrata in vigor dll nuov disposizioni. Banch dati Rc auto sclt informat Il sttor Rc auto è carattrizzato da un lvata standardizzazion di prodotti. Anch s alcun diffrnz possono ssr riscontrat su crti asptti (oltr ai massimali dlla coprtura, clausol di rivalsa franchigi), ss incidono in misura contnuta sul prmio il livllo di qust ultimo rsta l lmnto ssnzial dlla sclta dll assicurato. In un mrcato con tali carattristich, l sclt di acquisto possono ssr facilmnt utilmnt agvolat attravrso l uso di strumnti di accsso dirtto all informazion da part dl consumator, ch siano in grado di ampliar il numro di prodotti saminati (potnzialmnt all intro mrcato), di comparar i przzi, individuando i più convninti, di ridurr in modo considrvol i costi dlla ricrca. Un smpio di strumnto di qusto tipo è costituito dalla banca dati Rc auto istituita da Altroconsumo nl 2003, dirtta a offrir un srvizio di comparazion di prmi di un ampio numro di compagni (circa il 60% dl mrcato). Dal 2003 al 2008, la banca dati di Altroconsumo è stata oggtto di circa consultazioni onlin (oltr a circa consultazioni via call cntr). Il srvizio, sulla bas di dati individuali insriti da ciascun utnt (sono considrat, tnuto conto di prodotti saminati, circa 50 variabili), è in grado di offrir in un tmpo contnuto (24 or via -mail, in tmpo ral via call cntr) l indicazion dll 5 compagni più convninti in rlazion allo spcifico profilo dll assicurato. Mrcato 35

7 Sulla bas dll sol consultazioni onlin avvnut nl corso dl 2008 (circa ) è stato calcolato ch il risparmio mdio ammonta a 177 uro, pari al 25% dl prmio. Qusto dato è stato ottnuto dal confronto dl prmio mdio dll prim 5 compagni individuat dalla banca dati com l più convninti nl caso spcifico, con il prmio dlla mno convnint tra l prim 5 (vdi Fig. 1). Fig. 1 Il risparmio mdio prmio mdio dll quint classificat uro 696,83 prmio mdio dll prim classificat uro 519,97 risparmio mdio uro 176, Il risparmio, vidntmnt, sarà bn maggior s calcolato con rifrimnto alla mdia di prmi su tutto il mrcato, ancor più, risptto al prmio mno convnint prsnt sul mrcato Il possibil risparmio mdio prsnta significativ diffrnz rgionali (vdi Fig. 2): in Campania si ottin un risparmio mdio di 255 uro, sguito dal Lazio (204 uro) dall Emilia Romagna (192 uro). Supriori alla mdia sono i risparmi ottnibili anch in Lombardia (184 uro) Calabria (181 uro). Anch nll rgioni ov il risparmio mdio risulta infrior, sso appar comunqu apprzzabil (113 uro in Val d Aosta, 103 uro in Molis). Fig. 2 Risparmio mdio pr rgion risparmio mdio in Italia: Mrcato

8 L diffrnz di prmio l consgunti possibilità di risparmio mdio sopra vidnziat appaiono ancora più significativ s si considra ch sono stat calcolat in un arco tmporal (2008) nl corso dl qual l andamnto di prmi Rc auto, calcolato su 4 profili tipici di assicurati in 4 città italian, ha rgistrato, dopo i forti aumnti dl dcnnio prcdnt, una tndnza alla stabilizzazion pr i giovani no-patntati (sppur tuttora con prmi strmamnt lvati in valor assoluto) alla diminuzion, sppur contnuta, pr altri profili (vdi grafici 3-6). Fig. 3 Nopatntato in class bonus/malus 14 Fig. 4 28nn in class bonus/malus 6 Con la sconda Lgg Brsani (april 2007) è stata prvista la ralizzazion prsso l ISVAP di un srvizio informativo via Intrnt, ch consnt al consumator di comparar l tariff applicat dall divrs imprs di assicurazion rlativamnt al proprio profilo individual (val a dir uno strumnto dl tutto analogo a qullo già sprimntato da Altroconsumo dal 2003), praltro a tutt oggi non ancora ntrato in funzion. Mrcato 37

9 Fig. 5 35nn in class bonus/malus 4 Fig. 6 40nn in class bonus/malus 1 Conclusioni 38 L riform introdott nll ultimo trinnio su importanti carattristich dlla distribuzion assicurativa hanno liminato taluni ostacoli all librtà dgli opratori dll imprs, ponndo in tal modo l condizioni pr lo sviluppo di un mrcato maggiormnt pro-comptitivo, l cui dinamich rali saranno, praltro, frutto dll sclt di comportamnti di soggtti conomici intrssati, prtanto, da vrificar. A distanza di oltr un anno dall ntrata in vigor a rgim dl nuovo quadro giuridico ( ), si può ossrvar ch i comportamnti dgli opratori conomici intrssati (in particolar dll imprs prsnti sul mrcato) smbrano carattrizzati da scarsi cambiamnti risptto al passato. Mrcato

10 Va ricordata la frma opposizion dll associazion dll imprs (ANIA) dlla maggior part di principali gruppi assicurativi italiani all misur introdott dall Lggi Brsani in matria di nullità di vincoli di sclusiva, vidntmnt motivat dalla volontà di consrvazion stabilità dll loro quot di mrcato, favorit dal rgim di monomandato. In tal contsto, numros compagni hanno ngoziato accordi di contnuto sia normativo sia conomico, finalizzati a fidlizzar l propri rti agnziali. Un obittivo in sé lgittimo, anzi part dl gioco concorrnzial in un contsto di rti distributiv plurimandatari, purché il loro fftto non si rivli invc - com già vidnziato con proccupazion dall Autorità Antitrust - qullo di disincntivarn, s non ostacolarn, lo sviluppo. È vidnt, infatti, ch s i maggiori costi distributivi di rti plurimandatari drivassro, anziché dalla ncssità dll imprs di comptr all intrno di rti agnziali aprt, dall obittivo ch ss rimangano chius, val a dir s l fftto dll riform foss unicamnt qullo di aumntar i costi di rti distributiv dstinat a rimanr di fatto sclusivist, il risultato sarbb dl tutto ngativo pr i consumatori, sia in trmini di costi sia di sclta. Smbra confrmar qusto rischio il fatto ch sinora la gran part dll imprs, almno tra l maggiori, appar orintata a consrvar agnti di fatto monomandatari scarsamnt intrssata a utilizzar rti distributiv plurimandatari. Un ruolo significativo dovrbb ssr giocato, in qusto contsto, da compagni ntranti nl mrcato, in particolar provninti da altri pasi uropi il cui ingrsso sul mrcato italiano è stato in passato sicuramnt ostacolato anch dalla prpondrant prsnza di rti distributiv monomandatari, oltr ch dalla prmannza nl nostro pas dl c.d. obbligo a contrarr a carico dll imprs. 6 N consgu ch i potnziali fftti bnfici drivanti da un incrmnto dll sclt assistit da part di consumatori a favor di prodotti più convninti, ch ovviamnt prsuppon l sistnza di distributori opranti pr un sufficint numro di imprs tal da potr offrir un ffttivo srvizio di informazion orintamnto agli assicurati, tardano a manifstarsi sono comunqu ancora impossibili da valutar. In ogni caso, par vidnt ch, oltr ai nuovi obblighi informativi pr-contrattuali a favor di contranti, all adguatzza di contratti proposti consigliati dall intrmdiario (sclta assistita ) alla librtà di qust ultimo di potr svolgr attività distributiva pr una pluralità di compagni con un consgunt ampliamnto dll offrta al pubblico, sia ncssaria anch, fors soprattutto, la mssa a disposizion di consumatori di strumnti di comparazion fficaci facilmnt accssibili, ch consntano di ridurr i costi dlla ricrca d ffttuar sclt informat, al fin di rndr il sttor assicurativo più trasparnt, dinamico concorrnzial, a bnficio sia di consumatori sia dll imprs più fficinti. 6 Su qusto tma, cfr L. Buzzacchi M. Siri, Gli fftti dll obbligo a contrarr nl mrcato Rc auto, in Consumatori, Diritti Mrcato 1/2008. Mrcato 39

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

INDAGINE SUI SITI COMPARATIVI NEL MERCATO ASSICURATIVO ITALIANO

INDAGINE SUI SITI COMPARATIVI NEL MERCATO ASSICURATIVO ITALIANO INDAGINE SUI SITI COMPARATIVI NEL MERCATO ASSICURATIVO ITALIANO Novembre 2014 1 Indice 1. Executive summary 2. I siti comparativi in Italia 2.1 Quanti e quali sono 2.2 Bacino di utenza 2.3 Quali e quante

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli La Compagnia di assicurazione diretta del INDICE Servizio Assistenza Clienti Servizio Sinistri +390306762100 Per chiamate dall estero

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Guida pratica alle Assicurazioni

Guida pratica alle Assicurazioni Guida pratica alle Assicurazioni Le regole delle Assicurazioni R.C. Auto, Vita, Previdenziali e Malattia spiegate dall Autorità di vigilanza del settore Sommario Che cosa è l ISVAP 5 Assicurazioni R.C.

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 Più tutele per i consumatori italiani ed europei: è l effetto della direttiva europea recepita dal decreto legislativo n.21 del 21 febbraio

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO Convenzione assicurativa n. FI/12/791 Proxilia Credit Standard stipulata da Fiditalia S.p.A. per l assicurazione dei rischi: vita caso morte, invalidità permanente

Dettagli

Modello unico per l iscrizione, la reiscrizione e la cancellazione Sezione A

Modello unico per l iscrizione, la reiscrizione e la cancellazione Sezione A SPAZIO RISERVATO ALL IVASS ALLEGATO Modello unico per l iscrizione, la reiscrizione e la cancellazione Sezione A BOLLO (applicare obbligatoriamente una marca dell importo previsto dalla disciplina vigente

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

protezione al volante

protezione al volante auto e moto protezione al volante IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: NOTA INFORMATIVA COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE COMPRENSIVE DELL INFORMATIVA SULLA PRIVACY

Dettagli