Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello"

Transcript

1 Concorrnza sclt informat nl sttor Rc auto 1 Paolo Martinllo I canali distributivi vincolati hanno limitato la concorrnza l informazioni a disposizion di consumatori nl mrcato dll polizz Rc auto. L rcnti riform dl sttor incntivano il ruolo di assistnza dll intrmdiario assicurativo nlla individuazion di un prodotto adguato, ma pr una ral sclta informata di consumatori rstano dcisiv l banch dati indipndnti, ch riducono i tmpi i costi dlla ricrca. Dalla libralizzazion alla concorrnza Il procsso di libralizzazion dl sttor assicurativo, avviato in Italia nl 1994, avva suscitato numros aspttativ sull impatto positivo ch la drgolamntazion di tariff condizioni di contratto, una consgunt maggior concorrnza tra l imprs assicurativ, avrbbro avuto sul livllo di przzi, sulla qualità di prodotti offrti sull modalità distributiv. Tuttavia, sin dall inizio tal procsso avva stntato a mostrar i sui fftti bnfici ni trmini auspicati, tanto ch l Autorità Garant dlla Concorrnza dl Mrcato, già nl 1996, avva ritnuto opportuno l avvio di un indagin conoscitiva 2 con l obittivo di vrificar l ffttiva aprtura alla concorrnza dl mrcato italiano di monitorar nl tmpo il procsso di libralizzazion. Già ni primi du anni succssivi alla libralizzazion si ra vrificato, anziché l auspicata riduzion di costi unita al miglioramnto dl srvizio, un incrmnto rilvant di prmi assicurativi, sull cui caus l autorità ritnn dovroso ffttuar un analisi al fin di accrtar s foss riconducibil a comportamnti collusivi dll imprs oppur a problmatich dll asstto conomico normativo dl mrcato. Gli indizi dll sistnza di fattori anticoncorrnziali non mancavano: oltr al rilvant aumnto di prmi Rc auto (ch rapprsntrà una carattristica costant, non solo transitoria, nl corso dl dcnnio succssivo alla libralizzazion: +110% nl priodo , font ISTAT), vanno sgnalati i vincoli ni canali distributivi (oltr il 90% dl mrcato Rc auto intrmdiato da agnti 30 1 Il prsnt articolo costituisc una rilaborazion aggiornata dll articolo L dirttiv dll Antitrust pr la pina concorrnza pubblicato nl volum Il futuro dlla distribuzion assicurativa in agnzia, Milano, Paolo Martinllo Prsidnt Altroconsumo Associazion Indipndnt di Consumatori BEUC (Burau Europén ds Unions d Consommaturs) 2 Si vda il provvdimnto AGCM n. 4129/1996 di aprtura dll indagin conoscitiva nl sttor dll assicurazion autovicoli. Mrcato

2 sottoposti a obbligo di sclusiva con una sola imprsa), il tutto in un contsto connotato da un lvata concntrazion dll quot di mrcato (nl sttor Rc auto nl 1998 i primi cinqu gruppi d imprs controllavano il 50,98% dl mrcato i primi dici gruppi il 74,94%), da un lvata stabilità di tali quot, da una ridotta mobilità di consumatori da un imprsa all altra, anch pr fftto dlla scarsa trasparnza dll offrt dgli lvati costi di ricrca dll informazioni utili a ffttuar l sclt di acquisto. Va ricordato, infatti, ch già nl 2000, alla luc dll prim risultanz mrs nl corso dll indagin istruttoria aprta dall Autorità Antitrust nl sttor Rc auto, l autorità stssa, 3 nll ambito dl provvdimnto con il qual 39 compagni assicurativ vnivano sanzionat pr comportamnti anticoncorrnziali drivanti da ints vitat (consistit nl sistmatico prolungato scambio d informazioni stratgich sull tariff), ra stata rilvata l sistnza di barrir all ntrata nl sttor assicurativo dgli autovicoli (Rc auto CVT). In particolar, l autorità vidnziava com, succssivamnt alla libralizzazion, si fossro rgistrati pochi ingrssi sul mrcato di nuov imprs - prvalntmnt rapprsntat da controllat di imprs già prsnti pr sfruttar nuovi canali distributivi (tlfono, Intrnt, concssionari auto cc.) - l quali comunqu avvano raggiunto quot di mrcato dl tutto marginali ch tali barrir all ntrata rano costituit innanzitutto dalla ncssità di costruir un adguata capillar rt pr la distribuzion dll polizz Rc auto ARD, nonché pr la liquidazion di sinistri. Considrato l lvato numro di agnti opranti sulla bas di un contratto di sclusiva con l imprsa dlla qual distribuiscono i prodotti, l autorità vidnziava com ciò costringss una nuova ntrant a costruir una propria rt di agnti complta, con rilvanti difficoltà (anch a causa dll obbligo di iscrizion dgli agnti ad apposito albo), con costi lvati lunghi tmpi di ralizzazion, con la consgunza ch l ntrata sul mrcato italiano avvniva, di rgola, attravrso l acquisizion di portafogli di imprs già sistnti. Ma è soprattutto con il provvdimnto di chiusura dll indagin conoscitiva conclusa nl ch l autorità individua approfondisc gli fftti anticoncorrnziali drivanti all asstto distributivo dl mrcato assicurativo l su consgunz dltri pr i consumatori, sia pr l lvato incrmnto di prmi rgistrato sia pr lo scarso livllo di informazion di sclta. Il gnral incrmnto di prmi Rc auto - ch l autorità stssa stima nl priodo in misura suprior al 100% - si è vrificato in un contsto carattrizzato dalla stabilità dll quot di mrcato, sostanzialmnt inaltrat dal 1994, nonché dal limitato ingrsso di nuovi opratori, sia italiani sia stri. La mancata rdistribuzion dll quot di mrcato il limitato ingrsso di nuovi opratori, pur in prsnza di aumnti di przzi così rilvanti, tstimonia l sistnza di significativ problmatich concorrnziali. 3 Provvdimnto n. 8546/ Provvdimnto Autorità Garant dlla Concorrnza dl Mrcato n /2003. Mrcato 31

3 Una situazion drivant, oltr ch da spcifici comportamnti anticoncorrnziali dll imprs, 5 da alcun carattristich dll organizzazion dl mrcato italiano Rc auto riconducibili ad almno du fattori principali: i) in primo luogo, l rlazioni vrticali di sclusiva tra produttori distributori; ii) in scondo luogo, la mancanza di form di indnnizzo dirtto. Pr quanto attin al primo asptto, l autorità ha rilvato ch l rlazioni vrticali di sclusiva tra produttori (imprs di assicurazion) distributori (agnti) accrscono i costi dll attività di ricrca pr i consumatori, contribundo a irrigidir la domanda ch si rivolg all singol imprs, in un contsto in cui la domanda complssiva di mrcato è sostanzialmnt rigida pr fftto dll obbligatorità dlla polizza Rc auto. D altro canto, il sistma di distribuzion sclusiva il fatto ch nuovi opratori abbiano, in ragion di vincoli drivanti dall asstto rgolamntar dl sttor dal risptto dgli accordi di catgoria, incontrato difficoltà nll introdurr tcnich più fficinti di liquidazion, quali la riparazion dirtta, contribuiscono - a parr dll autorità - a spigar il ridotto accsso al mrcato da part di nuov imprs. L indagin conoscitiva dll autorità ha mostrato ch l compagni di assicurazion sono riuscit, nl tmpo, a scaricar gli aumnti di costi sull tariff snza prdr i clinti, a causa dll lvata rigidità ch carattrizza la domanda sia a livllo di mrcato sia a livllo di singola imprsa tal fftto è in larga misura riconducibil all asstto dll industria nlla fas distributiva. Praltro, in un mrcato concorrnzial il consumator dovrbb potr ragir all variazioni di przzo praticat da una singola compagnia ricrcandon un altra ch propon un offrta miglior in trmini di przzo qualità dl srvizio; in un sttor maturo, com la Rc auto, tal attività di ricrca vin svolta solo quando i vantaggi attsi risultano supriori ai costi ch ssa comporta. S i consumatori sprimntano lvati costi di ricrca, anch la domanda ni confronti dlla singola imprsa risulta poco dinamica, con la consgunt scarsa mobilità stabilità dll quot di mrcato già citat. A qusto proposito, l Autorità Antitrust ha rilvato com, succssivamnt alla libralizzazion, gli intrvnti sulla struttura tariffaria ralizzati dall imprs, con particolar rifrimnto alla prsonalizzazion dll polizz, abbiano comportato un ampliamnto dlla varità dll offrta dl srvizio assicurativo un accntuata diffrnziazion tra prodotti, con la consgunza ch, pur rapprsntando di pr sé un nuovo lmnto dl gioco concorrnzial, tali innovazioni hanno rso più complssa pr il consumator, risptto al passato, la sclta dlla miglior combinazion qualità/przzo. Tuttavia, a diffrnza di quanto si è vrificato ni mrcati stri - ch, com pr smpio il Rgno Unito, hanno sprimntato un positivo procsso di libralizzazion - la progrssiva complssità dll offrta in Italia non è stata accompa Si vda a qusto proposito, in particolar, il già citato provvdimnto n. 8546/2000 in matria di ints vitat tra imprs di assicurazion, x art. 2 L. 287/1990. Mrcato

4 gnata dallo sviluppo di adguati canali distributivi in grado di facilitar, pr il consumator, il confronto tra prodotti divrsi (scondo l analisi condotta nll ambito dll indagin conoscitiva, il tasso di disprsion ni przzi dll polizz Rc auto ra, già agli inizi dgli anni 2000, pari a circa il 10% pr i profili di rischio migliori a circa il 20% pr gli assicurati con una maggior rischiosità). Qusta situazion - affrma l autorità a conclusion dll indagin conoscitiva svolta - è dovuta al fatto ch la soluzion organizzativa prvalnt in Italia nlla distribuzion dll polizz Rc auto rsta qulla incntrata sull impigo di agnti monomandatari, una soluzion ch di fatto ha ostacolato l accsso al mrcato da part di nuovi concorrnti ch ha dtrminato, soprattutto in un mrcato libralizzato, rilvanti problmi informativi dal lato dlla domanda, giacché la prsnza di una fitta rt di rapporti di sclusiva rnd difficil pr un consumator il confronto tra l divrs offrt. Un consumator in grado di confrontar agvolmnt i prodotti offrti dall divrs imprs potrbb individuar qullo ch gli fornisc l utilità più lvata rivolgrsi all imprsa ch lo offr pr acquistarlo. Vicvrsa, s i confronti sono difficili non sistono soggtti (o strumnti) idoni a coadiuvar il consumator nl proprio procsso di sclta, qusti trovrà difficoltà a spostarsi alla ricrca dll offrta più soddisfacnt. Contribundo alla scarsa mobilità di consumatori, l sistnza di un stsa rt di rapporti di distribuzion in sclusiva limita, quindi, l intrss dll singol imprs a invstir in innovazion di prodotto o di canal, riduc gli incntivi dll stss a comptr contribuisc a consolidar la stabilità dll quot di mrcato. Ma non basta. L autorità aggiung ch un sistma distributivo basato su agnti in sclusiva non è idono a incntivar gli intrmdiari a sviluppar srvizi informativi voluti pr i consumatori: la scarsa flssibilità tariffaria consntita agli agnti assicurativi (anch pr fftto dlla rgolamntazion ISVAP, scondo la qual l imprs rano tnut a indicar all agnzi l importo massimo dgli sconti praticabili il numro di possibili bnficiari) ha impdito agli stssi di agir sulla lva dl przzo. Condizioni di maggior flssibilità tariffaria, oltr a indurr gli stssi agnti a diffrnziarsi migliorar la qualità dl srvizio offrto, consntirbbro loro di sviluppar una sri di srvizi di consulnza di accrscr la qualità dll informazion trasmssa al mrcato. Inoltr l introduzion di una fort componnt di flssibilità favorirbb lo sviluppo di intrmdiari multimarca, quindi, di un sistma distributivo più idono a garantir la trasparnza ai consumatori a ridurr i costi di ricrca. Infin, una maggior concorrnza indotta dalla prsnza di tipologi altrnativ di rapporti vrticali di distribuzion incntivrbb l stss compagni di assicurazion a prstar maggior attnzion al controllo di propri costi al miglioramnto dl srvizio offrto. Mrcato 33

5 Plurimandato sclt assistit 34 L innovazioni dl rgim giuridico dll attività di intrmdiazion assicurativa drivati dal Codic dll Assicurazioni (D.Lgs. 7/9/2005 n. 209) prima, dall Lggi Brsani (L. 4/8/2006 n. 248 L. 2/4/2007 n. 40) poi, hanno posto l condizioni affinché taluni di fattori critici puntualmnt individuati dall Autorità Antitrust (agnti monomandatari, difficoltà di accsso all informazioni pr i consumatori) pr lo sviluppo di un mrcato assicurativo più trasparnt concorrnzial possano ssr rimossi almno in part suprati. Quanto al Codic dll Assicurazioni, va ossrvato ch una dll principali novità consist proprio nll avr introdotto spcifici obblighi dll intrmdiario ni confronti di contranti, con rifrimnto all informazion pr-contrattual sui prodotti assicurativi proposti alla loro adguatzza risptto all signz dl clint. Attravrso tali disposizioni, il rapporto tra agnt assicurati assum una nuova configurazion, in quanto l attività distributiva, alla luc dl nuovo quadro normativo, non potrà più ritnrsi svolta nll sclusivo prcipuo intrss dll imprsa mandant, ma anch nll intrss dlla clintla. Vngono in tal modo accntuati, risptto al passato, gli lmnti di autonomia dcisional dll agnt, quanto mno nlla fas ssnzial, prliminar alla stipula dl contratto, dlla valutazion dll signz dl contrant dlla proposta consiglio di un prodotto assicurativo a ss adguato. In altr parol, pr fftto dl nuovo quadro lgislativo, l attività agnzial nl sttor assicurativo vin carattrizzata da un lmnto indito, ch attin propriamnt alla fornitura di un srvizio di assistnza al clint nlla fas crucial dlla sclta dl prodotto appropriato all su signz assicurativ, srvizio ch compt spcificamnt all intrmdiario stsso. Così dlinati i contnuti di nuovi obblighi informativi di assistnza a favor di contranti a carico dgli agnti assicurativi, dirtti a favorir una sclta assistita da part di contranti, par vidnt com la loro ffttiva portata n sarbb risultata sminuita in dfinitiva marginalizzata, quanto al loro ffttivo impatto sull dinamich dl mrcato, ov l attività distributiva avss continuato a ssr carattrizzata dalla prpondrant prsnza di vincoli di sclusiva dgli agnti ni confronti di una sola imprsa (monomandato). Da qusto punto di vista, l Lggi Brsani dl hanno, quindi, costituito il natural indispnsabil compltamnto normativo finalizzato a ridisgnar l attività agnzial, consntndol di contribuir allo sviluppo di un mrcato assicurativo più trasparnt concorrnzial, di incrmntar la quantità la qualità dll informazioni a disposizion di consumatori pr ffttuar l loro sclt. Non a caso, dl rsto, l art. 8 dlla Lgg Brsani dl 2006 ( clausol anticoncorrnziali in tma di rsponsabilità civil auto ), nl fissar il divito all compagni assicurativ ai loro agnti di vndita di stipular nuov clausol contrattuali di distribuzion sclusiva di imposizion di przzi minimi o di sconti massimi pr l offrta ai consumatori di polizz rlativ all assicurazion Mrcato

6 obbligatoria pr la rsponsabilità civil auto (divito poi stso a tutti i rami danni dall art. 5 dlla Lgg Brsani dl 2007), ha sprssamnt affrmato ch tali diviti vngono introdotti in conformità al principio comunitario dlla concorrnza all rgol sancit dagli art. 81, dl trattato istitutivo dlla Comunità uropa. Si tratta dll stss disposizioni sull quali si ra basata l indagin conoscitiva dll Autorità Antitrust, ch proprio ni prdtti vincoli contrattuali ampiamnt prsnti nl mrcato dlla distribuzion assicurativa avva individuato una dll principali ragioni dlla scarsa comptitività dl sttor (lvata concntrazion, stabilità dll quot di mrcato, barrir all accsso di nuov imprs, incrmnto di prmi, lvati costi di ricrca pr i consumatori di prodotti più convninti, scarsa mobilità). La volontà di incidr in modo radical tmpstivo sull dinamich dl sttor assicurativo, attravrso qulla ch è stata giustamnt dfinita una vra propria inizion di concorrnza, è dimostrata dal fatto ch la nullità dll clausol in contrasto con i diviti prvisti (divito di impgni di sclusiva a carico dgli agnti di imposizion di przzi minimi sconti massimi) è stsa, a dcorrr dal 1 gnnaio 2008, anch all clausol contnut in contratti stipulati prima dll ntrata in vigor dll nuov disposizioni. Banch dati Rc auto sclt informat Il sttor Rc auto è carattrizzato da un lvata standardizzazion di prodotti. Anch s alcun diffrnz possono ssr riscontrat su crti asptti (oltr ai massimali dlla coprtura, clausol di rivalsa franchigi), ss incidono in misura contnuta sul prmio il livllo di qust ultimo rsta l lmnto ssnzial dlla sclta dll assicurato. In un mrcato con tali carattristich, l sclt di acquisto possono ssr facilmnt utilmnt agvolat attravrso l uso di strumnti di accsso dirtto all informazion da part dl consumator, ch siano in grado di ampliar il numro di prodotti saminati (potnzialmnt all intro mrcato), di comparar i przzi, individuando i più convninti, di ridurr in modo considrvol i costi dlla ricrca. Un smpio di strumnto di qusto tipo è costituito dalla banca dati Rc auto istituita da Altroconsumo nl 2003, dirtta a offrir un srvizio di comparazion di prmi di un ampio numro di compagni (circa il 60% dl mrcato). Dal 2003 al 2008, la banca dati di Altroconsumo è stata oggtto di circa consultazioni onlin (oltr a circa consultazioni via call cntr). Il srvizio, sulla bas di dati individuali insriti da ciascun utnt (sono considrat, tnuto conto di prodotti saminati, circa 50 variabili), è in grado di offrir in un tmpo contnuto (24 or via -mail, in tmpo ral via call cntr) l indicazion dll 5 compagni più convninti in rlazion allo spcifico profilo dll assicurato. Mrcato 35

7 Sulla bas dll sol consultazioni onlin avvnut nl corso dl 2008 (circa ) è stato calcolato ch il risparmio mdio ammonta a 177 uro, pari al 25% dl prmio. Qusto dato è stato ottnuto dal confronto dl prmio mdio dll prim 5 compagni individuat dalla banca dati com l più convninti nl caso spcifico, con il prmio dlla mno convnint tra l prim 5 (vdi Fig. 1). Fig. 1 Il risparmio mdio prmio mdio dll quint classificat uro 696,83 prmio mdio dll prim classificat uro 519,97 risparmio mdio uro 176, Il risparmio, vidntmnt, sarà bn maggior s calcolato con rifrimnto alla mdia di prmi su tutto il mrcato, ancor più, risptto al prmio mno convnint prsnt sul mrcato Il possibil risparmio mdio prsnta significativ diffrnz rgionali (vdi Fig. 2): in Campania si ottin un risparmio mdio di 255 uro, sguito dal Lazio (204 uro) dall Emilia Romagna (192 uro). Supriori alla mdia sono i risparmi ottnibili anch in Lombardia (184 uro) Calabria (181 uro). Anch nll rgioni ov il risparmio mdio risulta infrior, sso appar comunqu apprzzabil (113 uro in Val d Aosta, 103 uro in Molis). Fig. 2 Risparmio mdio pr rgion risparmio mdio in Italia: Mrcato

8 L diffrnz di prmio l consgunti possibilità di risparmio mdio sopra vidnziat appaiono ancora più significativ s si considra ch sono stat calcolat in un arco tmporal (2008) nl corso dl qual l andamnto di prmi Rc auto, calcolato su 4 profili tipici di assicurati in 4 città italian, ha rgistrato, dopo i forti aumnti dl dcnnio prcdnt, una tndnza alla stabilizzazion pr i giovani no-patntati (sppur tuttora con prmi strmamnt lvati in valor assoluto) alla diminuzion, sppur contnuta, pr altri profili (vdi grafici 3-6). Fig. 3 Nopatntato in class bonus/malus 14 Fig. 4 28nn in class bonus/malus 6 Con la sconda Lgg Brsani (april 2007) è stata prvista la ralizzazion prsso l ISVAP di un srvizio informativo via Intrnt, ch consnt al consumator di comparar l tariff applicat dall divrs imprs di assicurazion rlativamnt al proprio profilo individual (val a dir uno strumnto dl tutto analogo a qullo già sprimntato da Altroconsumo dal 2003), praltro a tutt oggi non ancora ntrato in funzion. Mrcato 37

9 Fig. 5 35nn in class bonus/malus 4 Fig. 6 40nn in class bonus/malus 1 Conclusioni 38 L riform introdott nll ultimo trinnio su importanti carattristich dlla distribuzion assicurativa hanno liminato taluni ostacoli all librtà dgli opratori dll imprs, ponndo in tal modo l condizioni pr lo sviluppo di un mrcato maggiormnt pro-comptitivo, l cui dinamich rali saranno, praltro, frutto dll sclt di comportamnti di soggtti conomici intrssati, prtanto, da vrificar. A distanza di oltr un anno dall ntrata in vigor a rgim dl nuovo quadro giuridico ( ), si può ossrvar ch i comportamnti dgli opratori conomici intrssati (in particolar dll imprs prsnti sul mrcato) smbrano carattrizzati da scarsi cambiamnti risptto al passato. Mrcato

10 Va ricordata la frma opposizion dll associazion dll imprs (ANIA) dlla maggior part di principali gruppi assicurativi italiani all misur introdott dall Lggi Brsani in matria di nullità di vincoli di sclusiva, vidntmnt motivat dalla volontà di consrvazion stabilità dll loro quot di mrcato, favorit dal rgim di monomandato. In tal contsto, numros compagni hanno ngoziato accordi di contnuto sia normativo sia conomico, finalizzati a fidlizzar l propri rti agnziali. Un obittivo in sé lgittimo, anzi part dl gioco concorrnzial in un contsto di rti distributiv plurimandatari, purché il loro fftto non si rivli invc - com già vidnziato con proccupazion dall Autorità Antitrust - qullo di disincntivarn, s non ostacolarn, lo sviluppo. È vidnt, infatti, ch s i maggiori costi distributivi di rti plurimandatari drivassro, anziché dalla ncssità dll imprs di comptr all intrno di rti agnziali aprt, dall obittivo ch ss rimangano chius, val a dir s l fftto dll riform foss unicamnt qullo di aumntar i costi di rti distributiv dstinat a rimanr di fatto sclusivist, il risultato sarbb dl tutto ngativo pr i consumatori, sia in trmini di costi sia di sclta. Smbra confrmar qusto rischio il fatto ch sinora la gran part dll imprs, almno tra l maggiori, appar orintata a consrvar agnti di fatto monomandatari scarsamnt intrssata a utilizzar rti distributiv plurimandatari. Un ruolo significativo dovrbb ssr giocato, in qusto contsto, da compagni ntranti nl mrcato, in particolar provninti da altri pasi uropi il cui ingrsso sul mrcato italiano è stato in passato sicuramnt ostacolato anch dalla prpondrant prsnza di rti distributiv monomandatari, oltr ch dalla prmannza nl nostro pas dl c.d. obbligo a contrarr a carico dll imprs. 6 N consgu ch i potnziali fftti bnfici drivanti da un incrmnto dll sclt assistit da part di consumatori a favor di prodotti più convninti, ch ovviamnt prsuppon l sistnza di distributori opranti pr un sufficint numro di imprs tal da potr offrir un ffttivo srvizio di informazion orintamnto agli assicurati, tardano a manifstarsi sono comunqu ancora impossibili da valutar. In ogni caso, par vidnt ch, oltr ai nuovi obblighi informativi pr-contrattuali a favor di contranti, all adguatzza di contratti proposti consigliati dall intrmdiario (sclta assistita ) alla librtà di qust ultimo di potr svolgr attività distributiva pr una pluralità di compagni con un consgunt ampliamnto dll offrta al pubblico, sia ncssaria anch, fors soprattutto, la mssa a disposizion di consumatori di strumnti di comparazion fficaci facilmnt accssibili, ch consntano di ridurr i costi dlla ricrca d ffttuar sclt informat, al fin di rndr il sttor assicurativo più trasparnt, dinamico concorrnzial, a bnficio sia di consumatori sia dll imprs più fficinti. 6 Su qusto tma, cfr L. Buzzacchi M. Siri, Gli fftti dll obbligo a contrarr nl mrcato Rc auto, in Consumatori, Diritti Mrcato 1/2008. Mrcato 39

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello Assicurazioni: libralizzazion mancata Paolo Martinllo Gli intrvnti nl sttor assicurativo auto costituiscono probabilmnt il capitolo mno convincnt dll misur di libralizzazion dl Govrno Monti. Il mrcato

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici Il mrcato lttrico dopo la libralizzazion pr i clinti domstici Paolo Cazzaniga Introduzion: struttura dl mrcato lttrico dlla tariffa Dal 1 luglio 2007 la libralizzazion dl mrcato lttrico è compltata: anch

Dettagli

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie Consumatori in cifr L impatto dll libralizzazioni sull conomia dll famigli Michl Cavuoti Marco Pirani Uno dgli asptti pr i quali si è fino a ora cotraddistinto il scondo Govrno Prodi è qullo dl rilancio

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo La libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Dal 1 o gnnaio 2011 è in vigor la dirttiva uropa pr la libralizzazion di srvizi postali. Già dal 1997 il lgislator uropo ha cominciato a dlinar un gradual

Dettagli

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Pubblicità ingannvol: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Marco Di Toro Individuati tr sttori, la biglittria ara low cost, i viaggi il turismo, infin, il crdito al consumo, si è procduto alla

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

Abolizione del contributo di ricarica nella telefonia mobile: i consumatori ci guadagnano?

Abolizione del contributo di ricarica nella telefonia mobile: i consumatori ci guadagnano? Argomnti Abolizion dl contributo di ricarica nlla tlfonia mobil: i consumatori ci guadagnano? Maria Rosa Battaggion, Nicoltta Corrochr, Lornzo Zirulia L liminazion dl contributo di ricarica sull cart prpagat

Dettagli

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano Big Switch: prospttiv nl mrcato lttrico italiano Ottavio Slavio I mrcati lttrici libralizzati non smpr consntono ai consumatori finali di trarr vantaggio dalla concorrnza tra i produttori. Il caso ingls

Dettagli

Liberalizzazioni, consumatori e produttori

Liberalizzazioni, consumatori e produttori Argomnti Libralizzazioni, consumatori produttori Francsco Silva Pr una più fficint qualificata offrta di srvizi è ncssario libralizzar, ma l libralizzazioni sono fficaci solo s sono molto mirat non dmagogich.

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione MERCATO AZIONARIO A.A. 2015/2016 Prof. Albrto Drassi adrassi@units.it DEAMS Univrsità di Trist ARGOMENTI Scopi principali carattristich dl mrcato Valutazion dll azioni Rgolamntazion 2 1 Rapprsntano l intrss

Dettagli

Le problematiche della consulenza finanziaria

Le problematiche della consulenza finanziaria L problmatich dlla consulnza finanziaria Anna Vizzari MIFID: una dirttiva a tutla di piccoli risparmiatori? MIFID è l acronimo di Markt in Financial Instrumnts Dirctiv. Individua una dirttiva dll Union

Dettagli

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA prot2581_14.pdf http://www.istruzion.it/allgatì/2014/prot2581 M1URAOODGOS prot. 2581 Roma, 09/04/2014 isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA MATERNA ELftfctfTArtE H MEDIA «WALETTO (CTl Ai Dirttori Gnrali dgli

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

Gli effetti dell obbligo a contrarre nel mercato Rc auto

Gli effetti dell obbligo a contrarre nel mercato Rc auto Gli fftti dll obbligo a contrarr nl mrcato Rc auto Luigi Buzzacchi Michl Siri In qusto lavoro discutiamo il ruolo dll obbligo a contrarr pr l compagni assicurativ dl ramo Rc auto. S n riconoscono gli fftti

Dettagli

La concorrenza nel settore Rc auto. Annalisa Rocchietti March

La concorrenza nel settore Rc auto. Annalisa Rocchietti March La concorrnza nl sttor Rc auto Annalisa Rocchitti March Vngono saminati du asptti dl sttor Rc auto: l andamnto di prmi l introduzion dl sistma d indnnizzo dirtto. I dati sui prmi indicano ch in Italia

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini

Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini Libralizzazion dl commrcio: fors ci siamo? Luca Pllgrini Pr la gran part dlla attività commrciali la libralizzazion è finalmnt arrivata. Ma rsta ancora qualch ara di protzion ingiustificata in alcuni comparti

Dettagli

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie Argomnti Fornitura di nrgia lttrica clausol vssatori Eliana Romano 1 La rcnt libralizzazion dl mrcato dll nrgia lttrica pr gli utnti domstici dl luglio 2007 impon all socità fornitrici dl srvizio particolar

Dettagli

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008 Consumatori in cifr Il przzo dl ptrolio di carburanti tra maggio sttmbr 2008 Marco Bulfon Introduzion 142 Nl corso dll ultimo anno i przzi intrnazionali di molt matri prim hanno subìto un comportamnto

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I Comun di Forlì COMUNE DI RAVENNA Convnzion pr la promozion dlla lgalità fiscal abitativa dgli studnti dll Univrsità di Bologna Poli Romagna pr il rilascio

Dettagli

Tassare i redditi o i consumi? Giampaolo Arachi e Massimo D Antoni

Tassare i redditi o i consumi? Giampaolo Arachi e Massimo D Antoni Tassar i rdditi o i consumi? Giampaolo Arachi Massimo D Antoni Divrs ragioni sono stat avanzat a favor di uno spostamnto dll imposizion dal rddito al consumo, in particolar vrso l Iva: la possibilità di

Dettagli

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni La politica dgli incntivi al consumo: dimnsioni, carattristich, valutazion, problmi 1 Augusto Ninni Nll articolo si discut la politica dgli incntivi al consumo, insriti nl Dcrto lgg n. 40 dl 25 marzo 2010.

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon Consumatori in cifr Il paradosso di carburanti in Italia Marco Bulfon I carburanti hanno un norm incidnza sull inflazion gnral. È pr qusta ragion ch la dinamica di loro przzi è così important. Nl momnto

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese Banda larga: su tcnologia innovazion si gioca il futuro dl Pas Antonllo Bustto Quando facciamo rifrimnto alla cosiddtta crisi conomica è bn inquadrar chiaramnt il fnomno. S guardiamo la Fig. 1 possiamo

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

Quanto (non) sanno gli italiani di Rc auto

Quanto (non) sanno gli italiani di Rc auto Quanto (non) sanno gli italiani di Rc auto Barbara Baggi Lornzo Zucchi La conoscnza dll assicurazion pr la rsponsabilità civil dgli autovicoli prsnta luci ombr. Grazi a un inchista statistica di Altroconsumo

Dettagli

I limiti della pubblicità televisiva

I limiti della pubblicità televisiva Consumatori in cifr I limiti dlla pubblicità tlvisiva Lucia Canzi Michl Cavuoti Prmssa 134 In Italia la rgolamntazion dlla pubblicità in tlvision è costituita da una sri di lggi, dcrti, rgolamnti codici

Dettagli

In breve. Segnalazioni. Dall Italia. a cura di Luisa Crisigiovanni

In breve. Segnalazioni. Dall Italia. a cura di Luisa Crisigiovanni Sgnalazioni In brv a cura di Luisa Crisigiovanni Dall Italia Luisa Crisigiovanni Altroconsumo Associazion Indipndnt di Consumatori Canon Rai - Garant pr la Protzion di Dati Prsonali Il Garant pr la Protzion

Dettagli

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1 Argomnti Conciliazion dll controvrsi: il ruolo dll associazioni di consumatori 1 Pitro Pradri Il CNCU (Consiglio Nazional di Consumatori Utnti) ha approvato il documnto con il qual si chid al Ministro

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

La lunga crisi dei consumi delle famiglie italiane

La lunga crisi dei consumi delle famiglie italiane La lunga crisi di consumi dll famigli italian Fdl D Novllis La fas di bassa crscita di consumi in Italia ch si è prodotta dall inizio dl dcnnio dipnd dalla mancata crscita dl rddito dll famigli. Qusta

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Class action e danno antitrust: il caso traghetti

Class action e danno antitrust: il caso traghetti Argomnti Class action danno antitrust: il caso traghtti Giorgio Affrni L azion di class promossa da Altroconsumo contro l compagni di traghtti pr il sosptto cartllo sull rott pr la Sardgna offr l occasion

Dettagli

Le famiglie italiane: meno risparmio e più debiti?

Le famiglie italiane: meno risparmio e più debiti? L famigli italian: mno risparmio più dbiti? Giorgio Gobbi Silvia Magri 1 Tra il 2000 il 2007 il crdito concsso da banch socità finanziari alla famigli italian è quasi raddoppiato, in prsnza dlla modsta

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

M G I U S T I Z I A N O R I L O M B A R D I A E

M G I U S T I Z I A N O R I L O M B A R D I A E Ministro dlla Giustizia Dipartimnto Giustizia Minoril Cntro pr la Giustizia Minoril pr la Lombardia M G I U S T I Z I A N O R I L O M B A R D I A E Rapporto sulla Giustizia Minoril in Lombardia anno 2009

Dettagli

La pubblicità comparativa in Italia: molti numeri e poca ironia

La pubblicità comparativa in Italia: molti numeri e poca ironia La pubblicità comparativa in Italia: molti numri poca ironia Antonio Aillo In Italia, la pubblicità comparativa si è contraddistinta soprattutto pr i suoi noiosi confronti tabllari, fondati su numri dati

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

Normative e strumenti per una Telesanità al servizio delle imprese

Normative e strumenti per una Telesanità al servizio delle imprese Normativ strumnti pr una Tlsanità al srvizio dll imprs M.Carnillo Dirzion Mrcato - PAL Cntro Nord info.lgalmail@infocamr.it lgaldoc@infocamr infocamr.it www.lgalmail lgalmail.it www.lgaldoc lgaldoc.it

Dettagli

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato?

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato? Agcm: autorità garant di consumatori dl mrcato? Francsco Silva Srgio Di Nola La lina d intrvnto dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl è mutata ngli ultimi cinqu anni. L sanzioni pr abusi cartlli hanno

Dettagli

Servizio post-vendita: il caso degli elettrodomenstici

Servizio post-vendita: il caso degli elettrodomenstici Srvizio post-vndita: il caso dgli lttrodomnstici Nicola Saccani L offrta di srvizi contstual alla vndita post-vndita, in molti sttori di bni di consumo durvol, è divntato un fattor diffrnziant d un arma

Dettagli

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW PREMESSA 1. La spnding rviw, ch trova appoggio su numros sprinz intrnazionali, è una procdura di govrno lgata all dcisioni, alla gstion al controllo dlla spsa pubblica ch

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli

Detrazione fiscale e risparmio energetico

Detrazione fiscale e risparmio energetico Consumatori in cifr Dtrazion fiscal risparmio nrgtico Giampaolo Valntini I risultati L dtrazioni fiscali dl 55%, 1 in vigor dal gnnaio 2007, hanno costituito il più gnroso sistma di incntivi mai msso in

Dettagli

Utenti e regionalizzazione dei trasporti. Marco Ponti e Antonio Laurino

Utenti e regionalizzazione dei trasporti. Marco Ponti e Antonio Laurino Utnti rgionalizzazion di trasporti Marco Ponti Antonio Laurino S si ccttua, in part, il sttor autostradal, la rgionalizzazion di trasporti pubblici locali è stata quasi insistnt, prché a tutti gli stakholdr,

Dettagli

Tassazione degli strumenti e delle rendite finanziarie: effetti sui comportamenti dei risparmiatori. Riccardo Campi

Tassazione degli strumenti e delle rendite finanziarie: effetti sui comportamenti dei risparmiatori. Riccardo Campi Tassazion dgli strumnti dll rndit finanziari: fftti sui comportamnti di risparmiatori Riccardo Campi La tutla dl risparmio è ssnzial pr fornir all conomia l risors ncssari alla crscita l accsso al crdito

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

Il credito al consumo

Il credito al consumo Il crdito al consumo Anna Vizzari Scnario di rifrimnto I lttori di ricordranno ch abbiamo ddicato il focus dl numro 2/2006 proprio al crdito al consumo. Oggi, a distanza di circa du anni, aggiorniamo i

Dettagli

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 CANTON z j J COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - TICINO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 Modifica parzial dii art. 56 di Rgolamnto organico i dipndnti comunali (ROD) con l insrimnto di nuov funzioni

Dettagli

Politica energetica e costi in bolletta. Giorgio Ragazzi

Politica energetica e costi in bolletta. Giorgio Ragazzi Politica nrgtica costi in bolltta Giorgio Ragazzi Il przzo dll nrgia lttrica in Italia è uno di più alti d Europa. Tra i vari motivi, in qusto articolo ci si soffrma in particolar sugli Onri gnrali di

Dettagli

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi.

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi. IT I Grazi pr avr sclto un tlcomando Mliconi. Consrvar il prsnt librtto pr futur consultazioni. Il tlcomando Facil 1 è stato studiato pr comandar un tlvisor. Grazi alla sua ampia banca dati è in grado

Dettagli

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO.

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pag. 1/10 REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pr form azion/ addst ram nt o cont inui si intnd la attività di addstramnto, vrbal / o pratico,

Dettagli

Impegni Telecom: una questione scottante sul tavolo di AGCOM 1

Impegni Telecom: una questione scottante sul tavolo di AGCOM 1 Argomnti Impgni Tlcom: una qustion scottant sul tavolo di AGCOM 1 Stfano Quintarlli Gli impgni procomptitivi prsntati da Tlcom Italia all AGCOM sono, snza alcun dubbio, da rspingr o prché già dovuti in

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Terremoti: intervento pubblico e/o assicurazione privata 1

Terremoti: intervento pubblico e/o assicurazione privata 1 Argomnti Trrmoti: intrvnto pubblico /o assicurazion privata 1 Luigi Buzzacchi Marcllo Pagnini 2 La prassi italiana basata su intrvnti x post da part dllo Stato nl caso di catastrofi naturali prsnta asptti

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

POR Calabria 2014-2020

POR Calabria 2014-2020 POR Calabria 20142020 Obittivo Tmatico 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE Priorità 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI

Dettagli

ORGANO GOLD PIANO COMPENSI. E Facile, E semplice. E caffè. Italia

ORGANO GOLD PIANO COMPENSI. E Facile, E semplice. E caffè. Italia ORGANO GOLD PIANO COMPENSI E Facil, E smplic. E caffè. Italia INDICE Indic INTRODUZIONE...2 PIANO COMPENSI...3 DEFINIZIONI ED ACRONIMI.4 COME DIVENTARE UN INCARICATO ALLE VENDITE OG...5 I SETTE MODI PER

Dettagli

Tra. di seguito le Parti

Tra. di seguito le Parti Protocollo di intsa SERVIRE CON LODE Tra il Politcnico di Torino C.F. n. 00518460019, con sd lgal in Torino, Corso Duca dgli Abruzzi, 24, rapprsntato dal Vic Rttor pr la Didattica Prof.ssa Anita Tabacco

Dettagli

Oltre la Sepa: il futuro dei pagamenti al dettaglio 1. Daniela Russo

Oltre la Sepa: il futuro dei pagamenti al dettaglio 1. Daniela Russo Oltr la Spa: il futuro di pagamnti al dttaglio 1 Danila Russo Il progtto Spa (Singl uro paymnts ara) prsgu l obittivo di crar strumnti di pagamnto comuni, altrnativi al contant, nll ara dll uro, dstinati

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica. Arturo Lorenzoni e Marco Cattarinussi

Risparmio ed efficienza energetica. Arturo Lorenzoni e Marco Cattarinussi Risparmio d fficinza nrgtica Arturo Lornzoni Marco Cattarinussi L prssioni drivanti dall aumnto di przzi di combustibili fossili dall minacc sul clima consgunt all accumulo di anidrid carbonica in atmosfra

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA EXPO 2015 S.p.A. Rgion Lombardia il Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Ufficio Scolastico Rgional pr la Lombardia in accordo con ANCI Lombardia Rgion Ecclsiastica

Dettagli

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012 Comitato Tcnico Scintifico Attività 2012 fdback sul 2011 Roma, 15 fbbraio 2012 Fdback 2011 ITS national rports ITS Commit mting 15.12.2011 Stakholdrs platform ITSAdvisoryGroup Lgg comunitaria i 2011 2

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani;

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani; CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE, L UNIONE RENO GALLIERA E I COMUNI DI ARGELATO, BENTIVOGLIO, SAN GIORGIO DI PIANO, SAN PIETRO IN CASALE, CASTELLO D ARGILE, PIEVE DI CENTO, GALLIERA, PER LA

Dettagli

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna Accordo quadro fra l Azinda USL di Bologna il CEA Coordinamnto Enti Ausiliari dlla Provincia di Bologna La Comunità Papa Giovanni XXIII coop. s.r.l. di Rimini Prmssa L parti prndono atto dl buon livllo

Dettagli

Opuscolo sui sistemi. Totogoal

Opuscolo sui sistemi. Totogoal Opuscolo sui sistmi Totogoal Più info Conoscnz calcistich pr vincr Jackpot alti Informazioni dttagliat costantmnt aggiornat sul Totogoal, sui programmi Toto sui risultati rpribili su Tltxt, a partir dalla

Dettagli

La soluzione oggi più avanzata per realizzare un

La soluzione oggi più avanzata per realizzare un Skycntr www.skycntr.it L IMPIANO SA IN FIBRA OICA Lo sviluppo inarrstabil dlla Fibra Ottica La soluzion oggi più avanzata pr ralizzar un impianto sat condominial è qulla ch utilizza la fibra ottica. I

Dettagli

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo Argomnti L acqua dl rubintto è buona, ma non ci fidiamo Massimo Labra Maurizio Casiraghi Ch rapporto hanno gli italiani con l acqua? Molti prfriscono qulla in bottiglia. Cosa li guida nlla sclta? Il gusto

Dettagli

PRAMAC S.P.A. in liquidazione

PRAMAC S.P.A. in liquidazione PRAMAC S.P.A. in liquidazion RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 Rdatta ai snsi dll art. 123-tr dl D. Lgs. 24 fbbraio 1998 n. 58 (TUF), dll art. 84 quatr dl Rgolamnto Emittnti d in conformità allo schma

Dettagli

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta Alcun dfinizioni corrnti Umbrto Margiotta Di cosa è fatto intanto un? Di una squnza apparntmnt smplic linar lmnti ch, anch s vrsamnt dfiniti d splicitati, ricorrono in ogni contsto istruzion o progtto

Dettagli