02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 169 M ODULO 2 LAVO RO. Allegati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "02 Modulo 2/Allegati 24-01-2002 12:53 Pagina 169 M ODULO 2 LAVO RO. Allegati"

Transcript

1 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 169 M ODULO 2 LAVO RO Allegati

2 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 171 A LLEGATO 1 Schema riassuntivo del programma terapeutico CLT relativo all area lavoro Schema riassuntivo del programma terapeutico CLT relativo all area lavoro 1. Introduzione e presentazione reciproca Di quali argomenti desidero parlare nel gruppo? Cosa vorrei raggiungere con la mia partecipazione al gruppo? Quali regole sono necessarie affinché nel gruppo si possa collaborare armoniosamente? Cosa mi piacerebbe sapere sugli altri membri del gruppo? 2. Discussione dei partecipanti sul programma di riabilitazione lavorativa Quali forme di lavoro e quali opportunità riabilitative conosco per esperienza diretta? Quali vantaggi e svantaggi ho incontrato nelle diverse forme di lavoro che ho svolto? Come valuto il mio progetto di riabilitazione lavorativa? Quali sono le mie ambizioni lavorative? 3. Pianificazione e realizzazione del progetto di riabilitazione lavorativa Quali dubbi ho rispetto alle mie ambizioni lavorative? Quali sono le informazioni necessarie per poter valutare se le mie aspirazioni lavorative sono adatte a me? Presso quali strutture/istituzioni devo recarmi per ottenere ulteriori informazioni sulle possibilità lavorative? Definizione dei programmi individuali di riabilitazione lavorativa Quali attività lavorative desidero intraprendere alla luce delle informazioni sulle effettive possibilità lavorative locali? Dove potrei realizzare i miei obbiettivi lavorativi? Per quali lavori mi piacerebbe candidarmi? In che modo posso concretamente avviare la ricerca di un posto di lavoro? 5. Competenze sociali in ambiti lavorativo: contatti telefonici e scritti Che cosa potrei dire in un colloquio telefonico con un potenziale datore di lavoro? Quali informazioni posso raccogliere da un annuncio di ricerca di personale? Quali informazioni deve contenere un annuncio volto alla ricerca di un posto di lavoro? Quali informazioni devono essere inserite in una domanda di lavoro e quali in un curriculum vitae?

3 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 172 Schema riassuntivo del programma terapeutico CLT relativo all area lavoro (segue) 6. Competenze sociali in ambito lavorativo: colloqui di lavoro Come mi preparo per un colloquio di selezione? Che cosa devo dire e come mi devo comportare durante un colloquio di selezione? Posso parlare liberamente della mia malattia durante un colloquio di lavoro? 7. Competenze sociali in ambito lavorativo: inizio e periodo di prova Come devo organizzare il mio primo giorno di lavoro? A che cosa devo prestare attenzione quando firmo il contratto di lavoro? Quali norme regolamentano il periodo di prova? L inizio dell attività lavorativa in che modo modificherà la mia vita di tutti i giorni? 8. Miglioramento della capacità di individuare i problemi lavorarivi Da che cosa capisco di essere sotto stress? Quali sintomi manifesto quando sono sottoposto a una situazione stressante così marcata da rendere probabile una ricaduta? Cosa posso fare quando sono sottoposto a una situazione stressante e desidero ridurre la tensione? Cosa posso fare per poter fronteggiare situazioni stressanti di luna durata? 9. Gestione delle difficoltà nella ricerca e nell inserimento nel lavoro Che difficoltà ho incontrato fino ad ora per trovare un impiego? Che difficoltà ho incontrato fino ad ora per inserirmi nel mio nuovo posto di lavoro? Cosa posso fare per affrontare meglio le difficoltà connesse con la ricerca di un impiego o con l inserimento in un nuovo posto di lavoro? 10. Gestione delle difficoltà sul posto di lavoro Quali situazioni problematiche sul posto di lavoro conosco per esperienza diretta? Come posso gestire sul posto di lavoro le difficoltà connesse con la mia malattia? Quali sono le difficoltà che incontro a causa delle condizioni lavorative e come posso risolverle? Quali difficoltà incontro nel rapporto con i colleghi di lavoro o con i superiori e come posso fronteggiarle? Conclusione del gruppo Che cosa ho ottenuto attraverso la mia partecipazione al gruppo?

4 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 173 A LLEGATO 2 Opportunità riabilitative di tipo lavorativo e attività lavorative: informazioni generali Informazioni generali 173

5 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 174 A LLEGATO 3 Strategie per la ricerca di un posto di lavoro ordinario e per categorie protette Strategie utilizzate frequentemente per la ricerca di un posto di lavoro e relative considerazioni 1. Ricerca di un posto di lavoro ordinario e per categorie protette (incluse le attività lavorative protette) Rivolgersi ai precedenti datori di lavoro (telefonicamente o per iscritto) Considerazioni: costi telefonici o postali è necessario superare il possibile imbarazzo 174 Rivolgersi a datori di lavoro presso cui si desidera lavorare (telefonicamente o per iscritto: domanda di lavoro al buio ) Considerazioni: costi telefonici o postali la scelta del datore di lavoro è personale le motivazioni relative alla scelta del datore di lavoro vanno menzionate Consultare gli operatori di riferimento coinvolti nel progetto terapeutico (psichiatra, psicologo, educatori e assistenti sociali coinvolti nel progetto riabilitativo) Considerazioni: bisogna tenere in considerazione la ripartizione dei compiti degli operatori coinvolti nel progetto terapeutico Rivolgersi alla cerchia delle proprie conoscenze Considerazioni: legato alla casualità

6 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina Ulteriori strategie per la ricerca di un posto di lavoro ordinario Annunci di offerta di lavoro pubblicati sui giornali (quotidiano o settimanale, giornale di annunci lavorativi) Considerazioni: la spesa dipende dal costo del giornale si possono scegliere diversi tipi di lavoro vengono offerti soprattutto lavori che richiedono una qualifica più annunci per ogni tipo di lavoro Inserzioni per la ricerca di un posto di lavoro Considerazioni: la spesa dipende dal costo dell inserzione è necessario utilizzare annunci coincisi specificare l indirizzo e il recapito telefonico larga diffusione Annunci da esporre sulle bacheche degli avvisi Considerazioni: privo di costi dipende dal quartiere dove è esposta la bacheca vengono generalmente letti e utilizzati da privati o da piccoli datori di lavoro spesso non sono attuali poche offerte Annunci da esporre ove possibile (nei negozi ecc. ) Considerazioni: privo di costi richiede annunci concisi (per esempio il lavoro desiderato) specificare l indirizzo e il recapito telefonico Ufficio di collocamento Considerazioni: privo di costi richiede contatti diretti personali sono in primo piano attività professionali (Diploma di scuola professionale) poche possibilità per le persone che hanno una pensione d invalidità 175 Agenzia di lavoro interinale ( lavori temporanei ) Considerazioni: necessita di contatti personali diretti offerte di lavoro relativamente attuali smistamento dei lavori a termine prevede il pagamento di una commissione (in percentuale allo stipendio)

7 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 176 A LLEGATO 4 Indirizzi utili per la ricerca di un lavoro ordinario Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento... Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento... Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento... Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento... Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento...

8 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 177 A LLEGATO 5 Indirizzi per l accettazione degli annunci da pubblicare su un giornale o da esporre nelle bacheche Indirizzi degli uffici per l accettazione degli annunci di ricerca di un posto di lavoro da pubblicare su un giornale: 1) ) ) ) Le bacheche degli avvisi si trovano: 177 1) ) ) )......

9 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 178 A LLEGATO 6 Quali informazioni devono essere inserite in una domanda di lavoro e quali in un curriculum vitae? 1. Domanda di lavoro: Nome Indirizzo Telefono Luogo e Data Indirizzo Azienda/Ente Riferimento (possibilmente in grassetto) 178 Introduzione: esplicitare la fonte delle informazioni mettere in rilievo l interesse per il posto di lavoro offerto Parte principale: motivare perché ci si sente adatti per il posto di lavoro offerto mettere in risalto i propri punti di forza, le proprie capacità professionali, inclinazioni e interessi specificare la propria formazione professionale e le proprie qualifiche i cittadini stranieri devono specificare il tipo di visto in loro possesso Conclusione: segnalare che è gradita una convocazione per un colloquio di selezione utilizzare forme di cortesia ( distinti saluti ) Allegati: Curriculum vitae Stati di servizio, attestati professionali, corsi di formazione

10 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina Curriculum vitae Nome Indirizzo Telefono Informazioni personali data di nascita luogo di nascita stato civile codice fiscale Corso degli studi (rispettivamente dal... al...) scuola elementare scuola media scuola superiore ecc. Formazione professionale e attività lavorative svolte (rispettivamente dal... al...) nome e sede dell Azienda ove è stata svolta la formazione professionale nome e sede dell Azienda ove si è prestato servizio Altro (rispettivamente dal... al... ) ulteriori qualifiche professionali (Corsi, patente di guida ecc.) Disponibilità a prendere servizio menzionare la data più vicina possibile Referenze specificare il nome, il ruolo, l indirizzo e il recapito telefonico 179

11 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 180 A LLEGATO 7 Domande che possono essere poste in un colloquio di selezione Possibili domande: 180 Che tipo di lavoro dovrei svolgere? Verrò retribuito (nel caso di lavori protetti) o quale sarà il mio stipendio? È possibile visitare la sede del posto di lavoro? Con quanti colleghi dovrò collaborare? Qual è l orario di lavoro? Quali sono le pause previste e qual è il regolamento relativo alle ferie? Quando dovrei entrare in servizio? Quanto dura il periodo di prova? Qual è il regolamento a cui mi devo attenere durante il periodo di prova? Sulla base di quali criteri viene deciso il superamento del periodo di prova? Com è il contratto di lavoro? Chi devo avvisare in caso di malattia? Come è regolamentato il licenziamento? (sia da parte del lavoratore sia da parte dell Azienda) Nel caso in cui (specialmente per lavori ordinari) la persona non viene assunta: C è eventualmente qualche possibilità di collaborazioni a ore? Potrebbe indicarmi altre aziende che offrono posti di lavoro simili a quelli da voi proposti a cui sottoporre la mia candidatura? Posso contattarvi fra un paio di settimane per vedere se è cambiato qualcosa? Posso lasciarvi un curriculum vitae in modo che voi possiate eventualmente prendermi in considerazione in futuro per un altro posto di lavoro?

12 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 181 A LLEGATO 8 In che modo si verifica l esperienza stressante? Il verificarsi o meno di una condizione di stress e la sua intensità dipendono essenzialmente dalla presenza di pensieri automatici che si insinuano nella nostra mente quando ci si trova in una situazione impegnativa. Questo processo lo si può immaginare nel seguente modo. 1. FATTORE SCATENANTE Esempio: il tuo superiore ti assegna un nuovo lavoro, dicendo: Giungo alla conclusione che lei faccia bene anche questo lavoro, dato che finora ha lavorato sempre bene. 2. PENSIERI AUTOMATICI Alcuni esempi di pensieri che aumentano lo stress: Non posso permettermi nessun errore e non posso deludere il mio capo Sono proprio sfortunato; capita sempre a me! Nel lavoro precedente ero pratico, col nuovo lavoro fallirò sicuramente Tutti noteranno la mia insicurezza nel nuovo lavoro e mi derideranno Mi innervosirò moltissimo e sbaglierò tutto Qualcun altro potrà fare questo nuovo lavoro, io no di certo! Oddio, anche questo no! Così diventa troppo per me! 181 Alcuni esempi di pensieri che riducono lo stress: O così o così! Il lavoro è lavoro Finalmente un cambiamento! Alla lunga il lavoro precedente era diventato proprio noioso Questa è una buona occasione per mostrare ciò di cui sono capace: mi devo solo sforzare Finora ce l ho fatta; ce la farò anche con questo lavoro! Farò del mio meglio, ma posso permettermi anche degli errori Tutti hanno bisogno di un po di tempo per imparare un nuovo lavoro; anch io dovrò prendermi il tempo necessario Non ci si può aspettare che io sin dall inizio abbia la situazione perfettamente sotto controllo 3. REAZIONI INDOTTE DALLO STRESS Pensieri, sentimenti, sensazioni corporee, comportamenti.

13 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 182 A LLEGATO 9 Strategie volte alla riduzione dello stress acuto Le strategie descritte qui di seguito risultano spesso molto utili per contrastare l irrequietezza e l ansia derivanti da una situazione di stress acuto. 1. Rilassamento breve 182 Esempi Rilassamento muscolare (presupposto: addestramento al training di rilassamento progressivo muscolare secondo Jacobson): spesso quando ci si trova in situazioni stressanti la muscolatura del nostro corpo tende a irrigidirsi. Cerchi di osservare quali muscoli si irrigidiscono maggiormente (per esempio: quelli delle spalle, del volto ecc.) e tenti di contrarli volontariamente ulteriormente, quindi dopo circa tre secondi li rilasci. Provi quindi a concentrarsi sulle sensazioni che avverte a carico dei muscoli che si sono rilassati. Respirazione rilassata: spesso quando ci si trova in una situazione stressante si inspira in modo troppo profondo e si espira troppo poco, eliminando di conseguenza un basso quantitativo di diossido di carbonio (iperventilazione). In questa condizione diviene importante espirare intensamente e regolarmente. Appoggi le mani sullo stomaco, dapprima butti fuori l aria, poi inspiri attraverso il naso (respirazione diaframmatica). L aria espirata deve uscire attraverso la bocca. Lasci uscire tutta l aria dai polmoni e cerchi di espirare quanto più a lungo possibile. Riduzione della tensione del corpo: quando ci si trova in situazioni stressanti si può accumulare tensione fisica, che interferisce negativamente con la qualità delle nostre prestazioni fisiche. Se questa tensione fisica non viene ridotta nell arco di poco tempo, ci si sente affaticati o addirittura spossati. Per questo motivo risulta essere molto utile quando si vivono situazioni stressanti utilizzare tutte le occasioni che ci si presentano (per esempio: pause lavorative, i giorni festivi ecc.) per svolgere attività sportiva (per esempio: andare a correre, salire le scale a piedi, giocare a ping pong ecc.). 2. Spostamento dell attenzione Esempi Attraverso lo svolgimento di attività: quando ci si trova in situazioni stressanti si tende a concentrarsi sugli elementi che determinano lo stress ( sentirsi rinchiusi in un tunnel ). Se in queste circostanze ci si concentra invece su una attività (non stressante) gli elementi stressanti passano in secondo piano e, di conseguenza, si riduce il senso di disagio. Esempi: svolgere qualche lavoretto piacevole, concedersi una breve pausa, innaffiare i fiori, chiaccherare con qualcuno, riordinare la propria scrivania, guardarsi in giro ecc.

14 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 183 Attraverso sensazioni piacevoli: il medesimo effetto sopra descritto si consegue se quando ci si trova in situazioni stressanti si prova a concentrarsi su sensazioni piacevoli. Esempi: ammirare un quadro o dei fiori, concentrarsi sui rumori dell ambiente circostante (per esempio sul cinguettio degli uccelli, sul rumore del vento, sul tintinnio della pioggia), guardare delle fotografie, ascoltare la musica con un walkman ecc. Attraverso pensieri positivi e fantasie piacevoli: un analoga strategia è rappresentata dal concentrarsi sulle emozioni che si esperiscono quando ci si abbandona a pensieri piacevoli o a fantasie positive. Esempi: un paesaggio di montagna, una spiaggia, un bagno nella propria vasca, una vacanza, le attività del tempo libero, eventi gioiosi, il fuoco del camino, una bella musica ecc. Concentrandosi sui propri stati d animo: quando ci si trova in contesti stressanti risulta essere spesso di aiuto raggiungere una certa consapevolezza dei propri stati d animo. Dominare l ansia condividendo con una persona di fiducia i propri vissuti emotivi aiuta spesso a scaricarsi. In caso di rabbia, al contrario, può essere proficuo autorimproverarsi a mezza voce, dal momento che rimproverare se stessi non determina nuovo stress. Un alternativa è costituita, laddove possibile, dallo sfogarsi fisicamente. 3. Dialoghi interni positivi Esempi Autoesortazioni: quando ci si trova in situazioni stressanti può essere utile incoraggiarsi riportando alla mente situazioni simili già esperite nelle quali si è riusciti a gestire positivamente la situazione. Allo stesso tempo, è importante richiamare le medesime espressioni verbali e le stesse emozioni. Per esempio ci si può dire: Ho tutto sotto controllo, Sono preparato bene, Ce l ho sempre fatta e ce la farò anche questa volta, Farò del mio meglio e mi potrò permettere anche qualche errore, Anche se non andrà benissimo sarà sufficiente, Riuscire ad affrontare la situazione da solo è già un successo ecc. Autoistruzioni: nelle situazioni stressanti può essere spesso di aiuto, al fine di controllare lo stress, ripetersi a una a una le fasi necessarie per affrontare la situazione problematica. Esempio: Per prima cosa devo... Mi concentro solo su questo e cerco di non pensare ad altro. Poi faccio una breve pausa. Infine farò... ecc. Pensare positivo: se si cerca di considerare la situazione stressante non negativamente o come una minaccia ma come una sfida, si vive meglio la situazione e si riesce a gestirla con maggior successo. Si può, per esempio, dire a se stessi: Questa è un occasione per imparare qualcosa di nuovo, Se mi è stato affidato questo incarico vuol dire che sono soddisfatti di me. 4. Farmaci 183 Esempi: Assunzione della terapia farmacologica prescritta al bisogno: in situazioni di particolare stress può di essere di aiuto assumere la terapia farmacologica al dosaggio consigliato prescritta dal proprio curante come terapia al bisogno. I farmaci infatti riducono la tensione ed il disagio conseguenti a una situazione stressante acuta, senza che ciò costituisca un modo per aggirare la gestione di situazioni stressanti a lungo termine. Perciò l assunzione della terapia al bisogno non rappresenta una alternativa alle sopra menzionate strategie volte alla riduzione dello stress acuto ma è ad esse complementare. Assunzione di terapie omeopatiche: in molte situazioni stressanti può essere sufficiente assumere al posto della terapia al bisogno farmaci omeopatici, valutando attentamente se essi risultano essere effettivamente sufficienti. I farmaci omeopatici hanno il vantaggio di non determinare effetti collaterali e di poter essere acquistati senza ricetta medica. Esempi: preparati a base di kava; fiori di Bach ecc.

15 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 184 A LLEGATO 10 Come posso risolvere i problemi della vita di tutti i giorni? Spesso i problemi che si presentano nella vita di tutti i giorni non possono essere risolti immediatamente; in tali casi bisogna riflettere sistematicamente sulle possibili modalità di soluzione. A tale proposito può essere utile procedere secondo le fasi qui di seguito descritte: Fase 1 Definire il problema La prima fase consiste nel cercare di definire con precisione il problema. A tal fine è necessario innanzitutto avere ben presente la situazione problematica e pensare a come questa dovrebbe essere per non sembrarci più così difficile. L obiettivo consiste nel raggiungere ciò. Fase 2 Individuare gli elementi che rendono difficile il raggiungimento di questo obiettivo Quando l obiettivo è stato identificato, bisogna individuare gli ostacoli che rendono difficile il suo raggiungimento. Sono possibili ostacoli esterni (per esempio: regole o prescrizioni) o interni (per esempio: atteggiamenti, abitudini, sentimenti). 184 Fase 3 Raccogliere idee volte al superamento degli ostacoli individuati Successivamente si raccolgono quante più idee possibile per superare gli ostacoli identificati. È importante evitare di scartare frettolosamente determinate proposte: spesso infatti idee inusuali o apparentemente irrealistiche diventano possibili soluzioni se esaminate senza pregiudizi. Al fine di favorire la formulazione di idee diverse può essere utile immaginarsi come qualcun altro si comporterebbe se si trovasse nella medesima situazione o ancora si può chiedere un suggerimento, per esempio ad amici, conoscenti o familiari. Fase 4 Valutazione delle possibili soluzioni Nella quarta fase si esaminano le singole idee e si stabilisce quali sembrano essere più adatte a raggiungere l obiettivo. Si analizzano i vantaggi e gli svantaggi di ogni singola idea e si cerca di determinare se tramite una di esse è possibile rendere la situazione problematica meno difficile. Fase 5 Scelta della/e migliore/i soluzione/i Dopo aver analizzato tutte le idee, si scelgono quelle che sembrano essere più adatte. È importante non applicarle tutte contemporaneamente, ma limitarsi a una.

16 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 185 Fase 6 Pianificazione delle singole tappe A questo punto si rende necessario valutare come la soluzione scelta possa essere concretamente applicata alla situazione problematica e vanno stabilite le tappe necessarie nonché la loro sequenza. Fase 7 Mettere in pratica la soluzione scelta nella vita di tutti i giorni Devono essere applicate concretamente le tappe stabilite nella precedente fase. Fase 8 Valutazione dei risultati In conclusione, si verifica se l obiettivo è stato raggiunto (Fase 1). Nel caso in cui esso non fosse stato raggiunto, bisogna valutare se l obiettivo formulato era troppo ambizioso, se sono stati sottostimati alcuni possibili ostacoli o se tra le soluzioni proposte ve ne era una più adatta. Inoltre bisogna verificare che le tappe necessarie all applicazione della soluzione identificata siano state pianificate e seguite in modo corretto. 185

17 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 186 A LLEGATO 11 Ulteriori situazioni problematiche sul posto di lavoro in relazione al proprio stato psicofisico 1. È al lavoro dopo una notte di bagordi, ha dormito poco, e si rende conto di avere sempre maggiori difficoltà di concentrazione e di fare più errori del solito. Neanche con le molte brevi pause già fatte riesce a migliorare le sue capacità di concentrazione e il suo rendimento lavorativo. Desidererebbe più di tutto coricarsi e dormire. 2. Subito dopo aver iniziato a lavorare le capita di avere crampi muscolari; spesso a causa di ciò ha anche mal di testa. Inoltre, si è accorto che quando i colleghi o i superiori le rivolgono la parola inizia a sudare o le si secca la bocca. 3. Quando è a contatto con i suoi colleghi di lavoro o con i suoi superiori si accorge che aumenta l ansia e l insicurezza e riesce solo a fatica a mantenere la calma. Si rende conto di diventare sempre più sospettoso e di dubitare delle intenzioni dei colleghi. Sente, inoltre, il bisogno di abbandonare il posto di lavoro per proteggersi, ma non sa come fare È sempre più irritabile sul posto di lavoro e reagisce molto nervosamente a tutto ciò che i suoi colleghi o superiori dicono o fanno. Non sa neanche cosa la trattenga ancora lì. Vorrebbe proprio lasciar perdere tutto e andar via. 5. Al lavoro si sente sempre più incentrato sui suoi movimenti, che le sembrano progressivamente più strani e inizia perfino a dubitare che le appartengano veramente. Ha la sensazione di portare avanti il lavoro meccanicamente e allo stesso tempo si sente come se fosse vuoto e non esistesse più. 6. Oggi, non appena è arrivato al lavoro, si è accorto che tutto era in qualche modo cambiato, anche se sembrava ancora come ieri. Si è accorto di percepire i rumori (o altre sensazioni) molto più intensamente e vividamente del solito ed è diventato sempre più insicuro rispetto al significato e alle conseguenze delle sue percezioni.

18 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 187 A LLEGATO 12 Ulteriori situazioni problematiche sul posto di lavoro in relazione alle condizioni generali dell ambiente di lavoro 1. Lei si è accorto che nel nuovo posto di lavoro alcuni colleghi si assentano per brevi periodi dal loro lavoro per fumare una sigaretta o andare a bere un caffè fuori dalle pause stabilite dall Azienda. 2. Dopo alcuni giorni dall inizio del suo nuovo lavoro si accorge che i suoi indumenti e/o le sue scarpe si sono molto rovinate. Lei si arrabbia molto in quanto teme che anche i suoi pantaloni, la sua camicia e/o le sue scarpe, che sono in ottime condizioni, possano in poco tempo rovinarsi così come è successo alla maggior parte dei colleghi che fino a ora ha conosciuto. 3. Lei ha avuto una giornata lavorativa molto impegnativa e ha un appuntamento per la serata. Un suo superiore le chiede per la seconda volta nella stessa settimana se può fare un ora di straordinario. Questa richiesta la fa molto arrabbiare ma al contempo teme che rifiutandosi potrebbe andare incontro a conseguenze negative. 4. Si è accorto di non riuscire a svolgere bene il suo nuovo lavoro e che rispetto ai suoi colleghi produce più merce difettosa. Lei ha cercato in tutti i modi di migliorare la qualità del suo lavoro ma senza alcun successo. Talvolta desidera gettare la spugna e tornarsene a casa Le è stato più volte insegnato un nuovo lavoro ma lei si sente ancora in difficoltà a svolgerlo. Lei cerca di lavorare nel modo che ritiene essere il più corretto possibile ma ciononostante avverte una crescente insicurezza riguardo alla correttezza del lavoro eseguito. 6. Lei ha un lavoro a tempo pieno e si è accorto che da qualche tempo l intera giornata lavorativa è per lei eccessivamente impegnativa. Lei preferirebbe ridurre le ore di lavoro ma non sa se in Azienda sono previsti anche contratti a tempo parziale. Da alcuni giorni si sta chiedendo perché va ancora a lavorare invece di restare a casa in malattia.

19 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 188 A LLEGATO 13 Ulteriori situazioni problematiche sul posto di lavoro in relazione ai rapporti con i colleghi e i superiori 1. Si è accorto che, se i suoi colleghi accatastano sul suo banco di lavoro la merce secondo una sequenza particolare, il suo livello di produttività viene notevolmente migliorato. Per i suoi colleghi ciò non comporterebbe uno sforzo supplementare mentre per lei significherebbe una non irrilevante agevolazione per lo svolgimento del suo lavoro. I suoi superiori sembrano non essersi ancora resi conto che questa modifica potrebbe migliorare in modo globale il rendimento lavorativo. 2. Il collega che lavora a fianco a lei tenta sempre di avviare una conversazione. A lei è molto simpatico e desidererebbe intrattenersi con lui, ma non essendo ancora esperto nello svolgimento del suo lavoro ha bisogno di molta concentrazione al fine di non fare errori. Lei è incerto rispetto all atteggiamento da tenere con il collega. 3. Il suo vicino al lavoro con il permesso del suo superiore ascolta tutto il giorno una cassetta di musica rock a basso volume. Lei spesso si sente disturbato dalla musica sebbene talvolta riesca a distrarsi da essa a tal punto da non percepirla nemmeno. Negli ultimi tempi si è accorto che questa situazione la innervosisce notevolmente e sente quindi di dover cambiare qualche cosa Lei ha fatto un errore al lavoro a causa di una sua disattenzione. Per correggere il suo errore è necessario che lei e i suoi colleghi coinvolti nel medesimo compito, facciate circa mezz ora di straordinario. Il vostro superiore vi ha effettivamente chiesto di fermarvi mezzora dopo la fine dell orario di lavoro e i suoi colleghi si sono molto arrabbiati. 5. Al lavoro mentre si stava intrattenendo per motivi personali con un collega non si è accorto di aver commesso un grave errore che ha comportato un danno economico non irrilevante per l azienda per cui lavora. Il suo superiore si è molto arrabbiato e l ha richiamata davanti ai suoi colleghi minacciando di licenziarla nel caso in cui si fosse ripetuta una qualche manchevolezza. Lei desidera andarsene via. 6. Ultimamente ha notato all uscita dal lavoro una giovane donna (un giovane uomo) che probabilmente lavora nella stessa Azienda e che le piace molto. Un paio di volte ha incontrato il suo sguardo e ha avuto l impressione che il desiderio di fare conoscenza sia condiviso.

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

La lettera di presentazione

La lettera di presentazione La lettera di presentazione Aggiornato a novembre 2008 La lettera di presentazione è necessaria nel caso di autocandidatura e facoltativa (quando non richiesta esplicitamente dall'azienda) negli altri

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Come presentare una buona candidatura

Come presentare una buona candidatura Come presentare una buona candidatura Ricerca di un impiego Candidatura Colloquio di presentazione AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Come presentare una buona candidatura? Consigli pratici

Come presentare una buona candidatura? Consigli pratici Come presentare una buona candidatura? Consigli pratici Ricerche di lavoro Dossier di candidatura Colloquio di lavoro Sommario 2 Cambiamenti...3 Rete di contatti... 4 Come leggere un annuncio...5 Documenti

Dettagli

La depressione può colpire chiunque

La depressione può colpire chiunque La depressione può colpire chiunque Italienisch, italien, italiano Traduzione: UFSP/CRS Croce Rossa Svizzera Foto: Martin Volken La depressione può colpire chiunque «Mi sento sfinito e ho male dappertutto.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Come far accettare che il problema c è.

Come far accettare che il problema c è. Tredimensioni 2(2005) 81-92 Come far accettare che il problema c è. Vincenzo Percassi * I l cammino formativo, dato che mira a formare la persona nella sua motivazione profonda e interiore, deve tenere

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli