02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 169 M ODULO 2 LAVO RO. Allegati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "02 Modulo 2/Allegati 24-01-2002 12:53 Pagina 169 M ODULO 2 LAVO RO. Allegati"

Transcript

1 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 169 M ODULO 2 LAVO RO Allegati

2 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 171 A LLEGATO 1 Schema riassuntivo del programma terapeutico CLT relativo all area lavoro Schema riassuntivo del programma terapeutico CLT relativo all area lavoro 1. Introduzione e presentazione reciproca Di quali argomenti desidero parlare nel gruppo? Cosa vorrei raggiungere con la mia partecipazione al gruppo? Quali regole sono necessarie affinché nel gruppo si possa collaborare armoniosamente? Cosa mi piacerebbe sapere sugli altri membri del gruppo? 2. Discussione dei partecipanti sul programma di riabilitazione lavorativa Quali forme di lavoro e quali opportunità riabilitative conosco per esperienza diretta? Quali vantaggi e svantaggi ho incontrato nelle diverse forme di lavoro che ho svolto? Come valuto il mio progetto di riabilitazione lavorativa? Quali sono le mie ambizioni lavorative? 3. Pianificazione e realizzazione del progetto di riabilitazione lavorativa Quali dubbi ho rispetto alle mie ambizioni lavorative? Quali sono le informazioni necessarie per poter valutare se le mie aspirazioni lavorative sono adatte a me? Presso quali strutture/istituzioni devo recarmi per ottenere ulteriori informazioni sulle possibilità lavorative? Definizione dei programmi individuali di riabilitazione lavorativa Quali attività lavorative desidero intraprendere alla luce delle informazioni sulle effettive possibilità lavorative locali? Dove potrei realizzare i miei obbiettivi lavorativi? Per quali lavori mi piacerebbe candidarmi? In che modo posso concretamente avviare la ricerca di un posto di lavoro? 5. Competenze sociali in ambiti lavorativo: contatti telefonici e scritti Che cosa potrei dire in un colloquio telefonico con un potenziale datore di lavoro? Quali informazioni posso raccogliere da un annuncio di ricerca di personale? Quali informazioni deve contenere un annuncio volto alla ricerca di un posto di lavoro? Quali informazioni devono essere inserite in una domanda di lavoro e quali in un curriculum vitae?

3 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 172 Schema riassuntivo del programma terapeutico CLT relativo all area lavoro (segue) 6. Competenze sociali in ambito lavorativo: colloqui di lavoro Come mi preparo per un colloquio di selezione? Che cosa devo dire e come mi devo comportare durante un colloquio di selezione? Posso parlare liberamente della mia malattia durante un colloquio di lavoro? 7. Competenze sociali in ambito lavorativo: inizio e periodo di prova Come devo organizzare il mio primo giorno di lavoro? A che cosa devo prestare attenzione quando firmo il contratto di lavoro? Quali norme regolamentano il periodo di prova? L inizio dell attività lavorativa in che modo modificherà la mia vita di tutti i giorni? 8. Miglioramento della capacità di individuare i problemi lavorarivi Da che cosa capisco di essere sotto stress? Quali sintomi manifesto quando sono sottoposto a una situazione stressante così marcata da rendere probabile una ricaduta? Cosa posso fare quando sono sottoposto a una situazione stressante e desidero ridurre la tensione? Cosa posso fare per poter fronteggiare situazioni stressanti di luna durata? 9. Gestione delle difficoltà nella ricerca e nell inserimento nel lavoro Che difficoltà ho incontrato fino ad ora per trovare un impiego? Che difficoltà ho incontrato fino ad ora per inserirmi nel mio nuovo posto di lavoro? Cosa posso fare per affrontare meglio le difficoltà connesse con la ricerca di un impiego o con l inserimento in un nuovo posto di lavoro? 10. Gestione delle difficoltà sul posto di lavoro Quali situazioni problematiche sul posto di lavoro conosco per esperienza diretta? Come posso gestire sul posto di lavoro le difficoltà connesse con la mia malattia? Quali sono le difficoltà che incontro a causa delle condizioni lavorative e come posso risolverle? Quali difficoltà incontro nel rapporto con i colleghi di lavoro o con i superiori e come posso fronteggiarle? Conclusione del gruppo Che cosa ho ottenuto attraverso la mia partecipazione al gruppo?

4 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 173 A LLEGATO 2 Opportunità riabilitative di tipo lavorativo e attività lavorative: informazioni generali Informazioni generali 173

5 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 174 A LLEGATO 3 Strategie per la ricerca di un posto di lavoro ordinario e per categorie protette Strategie utilizzate frequentemente per la ricerca di un posto di lavoro e relative considerazioni 1. Ricerca di un posto di lavoro ordinario e per categorie protette (incluse le attività lavorative protette) Rivolgersi ai precedenti datori di lavoro (telefonicamente o per iscritto) Considerazioni: costi telefonici o postali è necessario superare il possibile imbarazzo 174 Rivolgersi a datori di lavoro presso cui si desidera lavorare (telefonicamente o per iscritto: domanda di lavoro al buio ) Considerazioni: costi telefonici o postali la scelta del datore di lavoro è personale le motivazioni relative alla scelta del datore di lavoro vanno menzionate Consultare gli operatori di riferimento coinvolti nel progetto terapeutico (psichiatra, psicologo, educatori e assistenti sociali coinvolti nel progetto riabilitativo) Considerazioni: bisogna tenere in considerazione la ripartizione dei compiti degli operatori coinvolti nel progetto terapeutico Rivolgersi alla cerchia delle proprie conoscenze Considerazioni: legato alla casualità

6 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina Ulteriori strategie per la ricerca di un posto di lavoro ordinario Annunci di offerta di lavoro pubblicati sui giornali (quotidiano o settimanale, giornale di annunci lavorativi) Considerazioni: la spesa dipende dal costo del giornale si possono scegliere diversi tipi di lavoro vengono offerti soprattutto lavori che richiedono una qualifica più annunci per ogni tipo di lavoro Inserzioni per la ricerca di un posto di lavoro Considerazioni: la spesa dipende dal costo dell inserzione è necessario utilizzare annunci coincisi specificare l indirizzo e il recapito telefonico larga diffusione Annunci da esporre sulle bacheche degli avvisi Considerazioni: privo di costi dipende dal quartiere dove è esposta la bacheca vengono generalmente letti e utilizzati da privati o da piccoli datori di lavoro spesso non sono attuali poche offerte Annunci da esporre ove possibile (nei negozi ecc. ) Considerazioni: privo di costi richiede annunci concisi (per esempio il lavoro desiderato) specificare l indirizzo e il recapito telefonico Ufficio di collocamento Considerazioni: privo di costi richiede contatti diretti personali sono in primo piano attività professionali (Diploma di scuola professionale) poche possibilità per le persone che hanno una pensione d invalidità 175 Agenzia di lavoro interinale ( lavori temporanei ) Considerazioni: necessita di contatti personali diretti offerte di lavoro relativamente attuali smistamento dei lavori a termine prevede il pagamento di una commissione (in percentuale allo stipendio)

7 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 176 A LLEGATO 4 Indirizzi utili per la ricerca di un lavoro ordinario Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento... Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento... Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento... Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento... Ente... Indirizzo:... Numero di telefono e persona di riferimento...

8 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 177 A LLEGATO 5 Indirizzi per l accettazione degli annunci da pubblicare su un giornale o da esporre nelle bacheche Indirizzi degli uffici per l accettazione degli annunci di ricerca di un posto di lavoro da pubblicare su un giornale: 1) ) ) ) Le bacheche degli avvisi si trovano: 177 1) ) ) )......

9 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 178 A LLEGATO 6 Quali informazioni devono essere inserite in una domanda di lavoro e quali in un curriculum vitae? 1. Domanda di lavoro: Nome Indirizzo Telefono Luogo e Data Indirizzo Azienda/Ente Riferimento (possibilmente in grassetto) 178 Introduzione: esplicitare la fonte delle informazioni mettere in rilievo l interesse per il posto di lavoro offerto Parte principale: motivare perché ci si sente adatti per il posto di lavoro offerto mettere in risalto i propri punti di forza, le proprie capacità professionali, inclinazioni e interessi specificare la propria formazione professionale e le proprie qualifiche i cittadini stranieri devono specificare il tipo di visto in loro possesso Conclusione: segnalare che è gradita una convocazione per un colloquio di selezione utilizzare forme di cortesia ( distinti saluti ) Allegati: Curriculum vitae Stati di servizio, attestati professionali, corsi di formazione

10 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina Curriculum vitae Nome Indirizzo Telefono Informazioni personali data di nascita luogo di nascita stato civile codice fiscale Corso degli studi (rispettivamente dal... al...) scuola elementare scuola media scuola superiore ecc. Formazione professionale e attività lavorative svolte (rispettivamente dal... al...) nome e sede dell Azienda ove è stata svolta la formazione professionale nome e sede dell Azienda ove si è prestato servizio Altro (rispettivamente dal... al... ) ulteriori qualifiche professionali (Corsi, patente di guida ecc.) Disponibilità a prendere servizio menzionare la data più vicina possibile Referenze specificare il nome, il ruolo, l indirizzo e il recapito telefonico 179

11 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 180 A LLEGATO 7 Domande che possono essere poste in un colloquio di selezione Possibili domande: 180 Che tipo di lavoro dovrei svolgere? Verrò retribuito (nel caso di lavori protetti) o quale sarà il mio stipendio? È possibile visitare la sede del posto di lavoro? Con quanti colleghi dovrò collaborare? Qual è l orario di lavoro? Quali sono le pause previste e qual è il regolamento relativo alle ferie? Quando dovrei entrare in servizio? Quanto dura il periodo di prova? Qual è il regolamento a cui mi devo attenere durante il periodo di prova? Sulla base di quali criteri viene deciso il superamento del periodo di prova? Com è il contratto di lavoro? Chi devo avvisare in caso di malattia? Come è regolamentato il licenziamento? (sia da parte del lavoratore sia da parte dell Azienda) Nel caso in cui (specialmente per lavori ordinari) la persona non viene assunta: C è eventualmente qualche possibilità di collaborazioni a ore? Potrebbe indicarmi altre aziende che offrono posti di lavoro simili a quelli da voi proposti a cui sottoporre la mia candidatura? Posso contattarvi fra un paio di settimane per vedere se è cambiato qualcosa? Posso lasciarvi un curriculum vitae in modo che voi possiate eventualmente prendermi in considerazione in futuro per un altro posto di lavoro?

12 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 181 A LLEGATO 8 In che modo si verifica l esperienza stressante? Il verificarsi o meno di una condizione di stress e la sua intensità dipendono essenzialmente dalla presenza di pensieri automatici che si insinuano nella nostra mente quando ci si trova in una situazione impegnativa. Questo processo lo si può immaginare nel seguente modo. 1. FATTORE SCATENANTE Esempio: il tuo superiore ti assegna un nuovo lavoro, dicendo: Giungo alla conclusione che lei faccia bene anche questo lavoro, dato che finora ha lavorato sempre bene. 2. PENSIERI AUTOMATICI Alcuni esempi di pensieri che aumentano lo stress: Non posso permettermi nessun errore e non posso deludere il mio capo Sono proprio sfortunato; capita sempre a me! Nel lavoro precedente ero pratico, col nuovo lavoro fallirò sicuramente Tutti noteranno la mia insicurezza nel nuovo lavoro e mi derideranno Mi innervosirò moltissimo e sbaglierò tutto Qualcun altro potrà fare questo nuovo lavoro, io no di certo! Oddio, anche questo no! Così diventa troppo per me! 181 Alcuni esempi di pensieri che riducono lo stress: O così o così! Il lavoro è lavoro Finalmente un cambiamento! Alla lunga il lavoro precedente era diventato proprio noioso Questa è una buona occasione per mostrare ciò di cui sono capace: mi devo solo sforzare Finora ce l ho fatta; ce la farò anche con questo lavoro! Farò del mio meglio, ma posso permettermi anche degli errori Tutti hanno bisogno di un po di tempo per imparare un nuovo lavoro; anch io dovrò prendermi il tempo necessario Non ci si può aspettare che io sin dall inizio abbia la situazione perfettamente sotto controllo 3. REAZIONI INDOTTE DALLO STRESS Pensieri, sentimenti, sensazioni corporee, comportamenti.

13 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 182 A LLEGATO 9 Strategie volte alla riduzione dello stress acuto Le strategie descritte qui di seguito risultano spesso molto utili per contrastare l irrequietezza e l ansia derivanti da una situazione di stress acuto. 1. Rilassamento breve 182 Esempi Rilassamento muscolare (presupposto: addestramento al training di rilassamento progressivo muscolare secondo Jacobson): spesso quando ci si trova in situazioni stressanti la muscolatura del nostro corpo tende a irrigidirsi. Cerchi di osservare quali muscoli si irrigidiscono maggiormente (per esempio: quelli delle spalle, del volto ecc.) e tenti di contrarli volontariamente ulteriormente, quindi dopo circa tre secondi li rilasci. Provi quindi a concentrarsi sulle sensazioni che avverte a carico dei muscoli che si sono rilassati. Respirazione rilassata: spesso quando ci si trova in una situazione stressante si inspira in modo troppo profondo e si espira troppo poco, eliminando di conseguenza un basso quantitativo di diossido di carbonio (iperventilazione). In questa condizione diviene importante espirare intensamente e regolarmente. Appoggi le mani sullo stomaco, dapprima butti fuori l aria, poi inspiri attraverso il naso (respirazione diaframmatica). L aria espirata deve uscire attraverso la bocca. Lasci uscire tutta l aria dai polmoni e cerchi di espirare quanto più a lungo possibile. Riduzione della tensione del corpo: quando ci si trova in situazioni stressanti si può accumulare tensione fisica, che interferisce negativamente con la qualità delle nostre prestazioni fisiche. Se questa tensione fisica non viene ridotta nell arco di poco tempo, ci si sente affaticati o addirittura spossati. Per questo motivo risulta essere molto utile quando si vivono situazioni stressanti utilizzare tutte le occasioni che ci si presentano (per esempio: pause lavorative, i giorni festivi ecc.) per svolgere attività sportiva (per esempio: andare a correre, salire le scale a piedi, giocare a ping pong ecc.). 2. Spostamento dell attenzione Esempi Attraverso lo svolgimento di attività: quando ci si trova in situazioni stressanti si tende a concentrarsi sugli elementi che determinano lo stress ( sentirsi rinchiusi in un tunnel ). Se in queste circostanze ci si concentra invece su una attività (non stressante) gli elementi stressanti passano in secondo piano e, di conseguenza, si riduce il senso di disagio. Esempi: svolgere qualche lavoretto piacevole, concedersi una breve pausa, innaffiare i fiori, chiaccherare con qualcuno, riordinare la propria scrivania, guardarsi in giro ecc.

14 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 183 Attraverso sensazioni piacevoli: il medesimo effetto sopra descritto si consegue se quando ci si trova in situazioni stressanti si prova a concentrarsi su sensazioni piacevoli. Esempi: ammirare un quadro o dei fiori, concentrarsi sui rumori dell ambiente circostante (per esempio sul cinguettio degli uccelli, sul rumore del vento, sul tintinnio della pioggia), guardare delle fotografie, ascoltare la musica con un walkman ecc. Attraverso pensieri positivi e fantasie piacevoli: un analoga strategia è rappresentata dal concentrarsi sulle emozioni che si esperiscono quando ci si abbandona a pensieri piacevoli o a fantasie positive. Esempi: un paesaggio di montagna, una spiaggia, un bagno nella propria vasca, una vacanza, le attività del tempo libero, eventi gioiosi, il fuoco del camino, una bella musica ecc. Concentrandosi sui propri stati d animo: quando ci si trova in contesti stressanti risulta essere spesso di aiuto raggiungere una certa consapevolezza dei propri stati d animo. Dominare l ansia condividendo con una persona di fiducia i propri vissuti emotivi aiuta spesso a scaricarsi. In caso di rabbia, al contrario, può essere proficuo autorimproverarsi a mezza voce, dal momento che rimproverare se stessi non determina nuovo stress. Un alternativa è costituita, laddove possibile, dallo sfogarsi fisicamente. 3. Dialoghi interni positivi Esempi Autoesortazioni: quando ci si trova in situazioni stressanti può essere utile incoraggiarsi riportando alla mente situazioni simili già esperite nelle quali si è riusciti a gestire positivamente la situazione. Allo stesso tempo, è importante richiamare le medesime espressioni verbali e le stesse emozioni. Per esempio ci si può dire: Ho tutto sotto controllo, Sono preparato bene, Ce l ho sempre fatta e ce la farò anche questa volta, Farò del mio meglio e mi potrò permettere anche qualche errore, Anche se non andrà benissimo sarà sufficiente, Riuscire ad affrontare la situazione da solo è già un successo ecc. Autoistruzioni: nelle situazioni stressanti può essere spesso di aiuto, al fine di controllare lo stress, ripetersi a una a una le fasi necessarie per affrontare la situazione problematica. Esempio: Per prima cosa devo... Mi concentro solo su questo e cerco di non pensare ad altro. Poi faccio una breve pausa. Infine farò... ecc. Pensare positivo: se si cerca di considerare la situazione stressante non negativamente o come una minaccia ma come una sfida, si vive meglio la situazione e si riesce a gestirla con maggior successo. Si può, per esempio, dire a se stessi: Questa è un occasione per imparare qualcosa di nuovo, Se mi è stato affidato questo incarico vuol dire che sono soddisfatti di me. 4. Farmaci 183 Esempi: Assunzione della terapia farmacologica prescritta al bisogno: in situazioni di particolare stress può di essere di aiuto assumere la terapia farmacologica al dosaggio consigliato prescritta dal proprio curante come terapia al bisogno. I farmaci infatti riducono la tensione ed il disagio conseguenti a una situazione stressante acuta, senza che ciò costituisca un modo per aggirare la gestione di situazioni stressanti a lungo termine. Perciò l assunzione della terapia al bisogno non rappresenta una alternativa alle sopra menzionate strategie volte alla riduzione dello stress acuto ma è ad esse complementare. Assunzione di terapie omeopatiche: in molte situazioni stressanti può essere sufficiente assumere al posto della terapia al bisogno farmaci omeopatici, valutando attentamente se essi risultano essere effettivamente sufficienti. I farmaci omeopatici hanno il vantaggio di non determinare effetti collaterali e di poter essere acquistati senza ricetta medica. Esempi: preparati a base di kava; fiori di Bach ecc.

15 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 184 A LLEGATO 10 Come posso risolvere i problemi della vita di tutti i giorni? Spesso i problemi che si presentano nella vita di tutti i giorni non possono essere risolti immediatamente; in tali casi bisogna riflettere sistematicamente sulle possibili modalità di soluzione. A tale proposito può essere utile procedere secondo le fasi qui di seguito descritte: Fase 1 Definire il problema La prima fase consiste nel cercare di definire con precisione il problema. A tal fine è necessario innanzitutto avere ben presente la situazione problematica e pensare a come questa dovrebbe essere per non sembrarci più così difficile. L obiettivo consiste nel raggiungere ciò. Fase 2 Individuare gli elementi che rendono difficile il raggiungimento di questo obiettivo Quando l obiettivo è stato identificato, bisogna individuare gli ostacoli che rendono difficile il suo raggiungimento. Sono possibili ostacoli esterni (per esempio: regole o prescrizioni) o interni (per esempio: atteggiamenti, abitudini, sentimenti). 184 Fase 3 Raccogliere idee volte al superamento degli ostacoli individuati Successivamente si raccolgono quante più idee possibile per superare gli ostacoli identificati. È importante evitare di scartare frettolosamente determinate proposte: spesso infatti idee inusuali o apparentemente irrealistiche diventano possibili soluzioni se esaminate senza pregiudizi. Al fine di favorire la formulazione di idee diverse può essere utile immaginarsi come qualcun altro si comporterebbe se si trovasse nella medesima situazione o ancora si può chiedere un suggerimento, per esempio ad amici, conoscenti o familiari. Fase 4 Valutazione delle possibili soluzioni Nella quarta fase si esaminano le singole idee e si stabilisce quali sembrano essere più adatte a raggiungere l obiettivo. Si analizzano i vantaggi e gli svantaggi di ogni singola idea e si cerca di determinare se tramite una di esse è possibile rendere la situazione problematica meno difficile. Fase 5 Scelta della/e migliore/i soluzione/i Dopo aver analizzato tutte le idee, si scelgono quelle che sembrano essere più adatte. È importante non applicarle tutte contemporaneamente, ma limitarsi a una.

16 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 185 Fase 6 Pianificazione delle singole tappe A questo punto si rende necessario valutare come la soluzione scelta possa essere concretamente applicata alla situazione problematica e vanno stabilite le tappe necessarie nonché la loro sequenza. Fase 7 Mettere in pratica la soluzione scelta nella vita di tutti i giorni Devono essere applicate concretamente le tappe stabilite nella precedente fase. Fase 8 Valutazione dei risultati In conclusione, si verifica se l obiettivo è stato raggiunto (Fase 1). Nel caso in cui esso non fosse stato raggiunto, bisogna valutare se l obiettivo formulato era troppo ambizioso, se sono stati sottostimati alcuni possibili ostacoli o se tra le soluzioni proposte ve ne era una più adatta. Inoltre bisogna verificare che le tappe necessarie all applicazione della soluzione identificata siano state pianificate e seguite in modo corretto. 185

17 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 186 A LLEGATO 11 Ulteriori situazioni problematiche sul posto di lavoro in relazione al proprio stato psicofisico 1. È al lavoro dopo una notte di bagordi, ha dormito poco, e si rende conto di avere sempre maggiori difficoltà di concentrazione e di fare più errori del solito. Neanche con le molte brevi pause già fatte riesce a migliorare le sue capacità di concentrazione e il suo rendimento lavorativo. Desidererebbe più di tutto coricarsi e dormire. 2. Subito dopo aver iniziato a lavorare le capita di avere crampi muscolari; spesso a causa di ciò ha anche mal di testa. Inoltre, si è accorto che quando i colleghi o i superiori le rivolgono la parola inizia a sudare o le si secca la bocca. 3. Quando è a contatto con i suoi colleghi di lavoro o con i suoi superiori si accorge che aumenta l ansia e l insicurezza e riesce solo a fatica a mantenere la calma. Si rende conto di diventare sempre più sospettoso e di dubitare delle intenzioni dei colleghi. Sente, inoltre, il bisogno di abbandonare il posto di lavoro per proteggersi, ma non sa come fare È sempre più irritabile sul posto di lavoro e reagisce molto nervosamente a tutto ciò che i suoi colleghi o superiori dicono o fanno. Non sa neanche cosa la trattenga ancora lì. Vorrebbe proprio lasciar perdere tutto e andar via. 5. Al lavoro si sente sempre più incentrato sui suoi movimenti, che le sembrano progressivamente più strani e inizia perfino a dubitare che le appartengano veramente. Ha la sensazione di portare avanti il lavoro meccanicamente e allo stesso tempo si sente come se fosse vuoto e non esistesse più. 6. Oggi, non appena è arrivato al lavoro, si è accorto che tutto era in qualche modo cambiato, anche se sembrava ancora come ieri. Si è accorto di percepire i rumori (o altre sensazioni) molto più intensamente e vividamente del solito ed è diventato sempre più insicuro rispetto al significato e alle conseguenze delle sue percezioni.

18 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 187 A LLEGATO 12 Ulteriori situazioni problematiche sul posto di lavoro in relazione alle condizioni generali dell ambiente di lavoro 1. Lei si è accorto che nel nuovo posto di lavoro alcuni colleghi si assentano per brevi periodi dal loro lavoro per fumare una sigaretta o andare a bere un caffè fuori dalle pause stabilite dall Azienda. 2. Dopo alcuni giorni dall inizio del suo nuovo lavoro si accorge che i suoi indumenti e/o le sue scarpe si sono molto rovinate. Lei si arrabbia molto in quanto teme che anche i suoi pantaloni, la sua camicia e/o le sue scarpe, che sono in ottime condizioni, possano in poco tempo rovinarsi così come è successo alla maggior parte dei colleghi che fino a ora ha conosciuto. 3. Lei ha avuto una giornata lavorativa molto impegnativa e ha un appuntamento per la serata. Un suo superiore le chiede per la seconda volta nella stessa settimana se può fare un ora di straordinario. Questa richiesta la fa molto arrabbiare ma al contempo teme che rifiutandosi potrebbe andare incontro a conseguenze negative. 4. Si è accorto di non riuscire a svolgere bene il suo nuovo lavoro e che rispetto ai suoi colleghi produce più merce difettosa. Lei ha cercato in tutti i modi di migliorare la qualità del suo lavoro ma senza alcun successo. Talvolta desidera gettare la spugna e tornarsene a casa Le è stato più volte insegnato un nuovo lavoro ma lei si sente ancora in difficoltà a svolgerlo. Lei cerca di lavorare nel modo che ritiene essere il più corretto possibile ma ciononostante avverte una crescente insicurezza riguardo alla correttezza del lavoro eseguito. 6. Lei ha un lavoro a tempo pieno e si è accorto che da qualche tempo l intera giornata lavorativa è per lei eccessivamente impegnativa. Lei preferirebbe ridurre le ore di lavoro ma non sa se in Azienda sono previsti anche contratti a tempo parziale. Da alcuni giorni si sta chiedendo perché va ancora a lavorare invece di restare a casa in malattia.

19 02 Modulo 2/Allegati :53 Pagina 188 A LLEGATO 13 Ulteriori situazioni problematiche sul posto di lavoro in relazione ai rapporti con i colleghi e i superiori 1. Si è accorto che, se i suoi colleghi accatastano sul suo banco di lavoro la merce secondo una sequenza particolare, il suo livello di produttività viene notevolmente migliorato. Per i suoi colleghi ciò non comporterebbe uno sforzo supplementare mentre per lei significherebbe una non irrilevante agevolazione per lo svolgimento del suo lavoro. I suoi superiori sembrano non essersi ancora resi conto che questa modifica potrebbe migliorare in modo globale il rendimento lavorativo. 2. Il collega che lavora a fianco a lei tenta sempre di avviare una conversazione. A lei è molto simpatico e desidererebbe intrattenersi con lui, ma non essendo ancora esperto nello svolgimento del suo lavoro ha bisogno di molta concentrazione al fine di non fare errori. Lei è incerto rispetto all atteggiamento da tenere con il collega. 3. Il suo vicino al lavoro con il permesso del suo superiore ascolta tutto il giorno una cassetta di musica rock a basso volume. Lei spesso si sente disturbato dalla musica sebbene talvolta riesca a distrarsi da essa a tal punto da non percepirla nemmeno. Negli ultimi tempi si è accorto che questa situazione la innervosisce notevolmente e sente quindi di dover cambiare qualche cosa Lei ha fatto un errore al lavoro a causa di una sua disattenzione. Per correggere il suo errore è necessario che lei e i suoi colleghi coinvolti nel medesimo compito, facciate circa mezz ora di straordinario. Il vostro superiore vi ha effettivamente chiesto di fermarvi mezzora dopo la fine dell orario di lavoro e i suoi colleghi si sono molto arrabbiati. 5. Al lavoro mentre si stava intrattenendo per motivi personali con un collega non si è accorto di aver commesso un grave errore che ha comportato un danno economico non irrilevante per l azienda per cui lavora. Il suo superiore si è molto arrabbiato e l ha richiamata davanti ai suoi colleghi minacciando di licenziarla nel caso in cui si fosse ripetuta una qualche manchevolezza. Lei desidera andarsene via. 6. Ultimamente ha notato all uscita dal lavoro una giovane donna (un giovane uomo) che probabilmente lavora nella stessa Azienda e che le piace molto. Un paio di volte ha incontrato il suo sguardo e ha avuto l impressione che il desiderio di fare conoscenza sia condiviso.

Unità Didattica 1: La gestione dello Stress

Unità Didattica 1: La gestione dello Stress Unità Didattica 1: La gestione dello Stress Lo Stress è inevitabile nella vita. Ogni giorno ti confronti con diverse situazioni e con il bisogno continuo di fare delle scelte, ciascuna in qualche modo

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO 1- Presso il Servizio in cui operi e previsto un progetto analogo? La maggior parte dei partecipanti ha risposto in maniera negativa. Al momento, solo presso il nostro Servizio

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

CAPIRE MEGLIO LE EMOZIONI

CAPIRE MEGLIO LE EMOZIONI CAPIRE MEGLIO LE EMOZIONI Indice Introduzione Come gestire le emozioni Comunicare con i familiari Comunicare con il medico Se la malattia si ripresenta Tecniche di rilassamento Suggerimenti per dormire

Dettagli

Il gruppo: un esperienza da condividere

Il gruppo: un esperienza da condividere Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa SerT Sede Ser.T. di Ferrara Centro Psicosociale e Unità mobile di strada Il Direttore Prot. N. Ferrara, 14/10/2010

Dettagli

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Strumenti e modelli di Stress management. Managing Director

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Strumenti e modelli di Stress management. Managing Director Strumenti e modelli di Stress management Lola Fabbri Managing Director persolog italy Emme Delta Group Lo Stress: da nemico ad alleato Modena, 9 luglio 2013 www.persolog.it Stress e Percezione Quanto ti

Dettagli

Avere un lavoro oggi. La Ricerca Attiva del Lavoro. IHRT - International Hope Research Team

Avere un lavoro oggi. La Ricerca Attiva del Lavoro. IHRT - International Hope Research Team Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità, la Riabilitazione e l Integrazione Avere un lavoro oggi La Ricerca Attiva del Lavoro 1. Cognome Nome Maschio Femma QUANTE VOLTE HA SVOLTO LE ATTIVITÀ

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Network (rete personale) La mia RETE di conoscenze e relazioni con persone che possono interessarsi alla mia

Dettagli

RICERCA: Il benessere dell operatore socio-sanitario: comprensione e sviluppo 2007

RICERCA: Il benessere dell operatore socio-sanitario: comprensione e sviluppo 2007 RICERCA: Il benessere dell operatore socio-sanitario: comprensione e sviluppo 2007 Dott. William Cazzaniga coordinatore della ricerca 1 RICERCA: Il benessere dell operatore sociosanitario: comprensione

Dettagli

Per promuoversi nel mondo del lavoro è necessario proporsi attivamente.

Per promuoversi nel mondo del lavoro è necessario proporsi attivamente. L'obiettivo immediato di chi svolge una ricerca di lavoro consiste, naturalmente, nell'ottenere un colloquio col potenziale datore di lavoro, o nell'ammissione a un concorso laddove se ne abbiano i titoli

Dettagli

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative possono cambiare? Emozioni= stati mentali e fisiologici

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Immaginate di vivere in un caleidoscopio in veloce movimento, dove suoni, immagini pensieri cambiano costantemente.

Immaginate di vivere in un caleidoscopio in veloce movimento, dove suoni, immagini pensieri cambiano costantemente. Immaginate di vivere in un caleidoscopio in veloce movimento, dove suoni, immagini pensieri cambiano costantemente. e Di provare noia facilmente, di non riuscire bisogna completare. a rimanere concentrati

Dettagli

DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE

DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE PSICOTERAPIA E COMPETENZE SOCIALI: DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE TERAPIE DI TERZA GENERAZIONE Luigi Gastaldo, Antonella Bressa, Romina Castaldo, Viola Galleano, Elvezio Pirfo Dipartimento di Salute Mentale

Dettagli

FORMAZIONE UMANA GLOBALE

FORMAZIONE UMANA GLOBALE FORMAZIONE UMANA GLOBALE Effetti di un ciclo di otto sessioni di Meditazione Vigile (Mindfulness) sulla qualità di vita, la riduzione del livello di stress e il miglioramento di alcune abilità cognitive

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

RELAZIONE LEZIONE DEL 17 GIUGNO 2015

RELAZIONE LEZIONE DEL 17 GIUGNO 2015 RELAZIONE LEZIONE DEL 17 GIUGNO 2015 Eleonora legge il verbale della lezione del 3 giugno. Alla fine della lettura Dario dice pensavo di fare una scultura del gruppo però mancano due persone quindi rimandiamo

Dettagli

03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 95 M ODULO 1 CASA. Fogli di lavoro

03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 95 M ODULO 1 CASA. Fogli di lavoro 03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 95 M ODULO 1 CASA Fogli di lavoro 03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 97 F OGLIO DI LAVORO 1 Soluzioni abitative che conosco Per favore riporti

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

Associazione Luna Dolce Emanuela Brancati Onlus www.lunadolce.it ASPETTI PSICOLOGICI. A cura della Dott.ssa Fabiola Maggio. bafiola80@libero.

Associazione Luna Dolce Emanuela Brancati Onlus www.lunadolce.it ASPETTI PSICOLOGICI. A cura della Dott.ssa Fabiola Maggio. bafiola80@libero. ASPETTI PSICOLOGICI A cura della Dott.ssa Fabiola Maggio bafiola80@libero.it DIRE, NON-DIRE, NON SAPER COSA DIRE: IL VALORE DEL SUPPORTO PSICOLOGICO NELLA MALATTIA ONCOLOGICA 1. LE REAZIONI EMOTIVE DEL

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001 Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono a situazioni che possono essersi verificate nel corso dell ultimo

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Il datore di lavoro Sandra Meier La signora F. è impiegata nella nostra azienda al servizio clienti. Lavora alla Helsana da oltre 20 anni. L ho conosciuta nel 2006 al

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

Indice. Il bilancio delle competenze. Il curriculum vitae Il mio progetto. Banche dati

Indice. Il bilancio delle competenze. Il curriculum vitae Il mio progetto. Banche dati Indice Il bilancio delle competenze Competenze Il curriculum vitae Il mio progetto Stabilire mete Banche dati Il bilancio delle competenze La consapevolezza di sé comporta la conoscenza dei propri stati

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni

1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni Prof. Ventricelli Massimo Michele Psicologo Tel. 320 7769900 1.4 il colloquio di lavoro fonte: Turismo.com - CLITT di G. Colli e G. Petroni Al colloquio di selezione bisogna giungere preparati: non c è

Dettagli

LA RABBIA: ALCUNI PASSI PER INIZIARE A GESTIRLA

LA RABBIA: ALCUNI PASSI PER INIZIARE A GESTIRLA LA RABBIA: ALCUNI PASSI PER INIZIARE A GESTIRLA Ti senti spesso arrabbiato? Ti accorgi che spesso non riesci a tenere il controllo di te stesso? Sei bloccato in un circolo di litigi e incomprensioni, che

Dettagli

COME GESTIRE LO STRESS

COME GESTIRE LO STRESS COME GESTIRE LO STRESS Una domanda che spesso viene posta dagli arbitri è: Come faccio dopo un momento di difficoltà a ridurre lo stress di quel momento e a ritrovare la concentrazione necessaria a continuare

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni

PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT Autoconsapevolezza, attenzione, respirazione, visualizzazioni Dott. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt, Terapeuta EMDR "Se desiderate compiere

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

Training autogeno. G. Larghi 2

Training autogeno. G. Larghi 2 TRAINING AUTOGENO Una piacevole tecnica di autorilassamento per recuperare in modo immediato uno stato di completo benessere fisico e mentale. G. Larghi 1 Training autogeno È un metodo di autodistensione

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

MISURA B1 LINEE 2 E 5 DEL P.O.R. OBIETTIVO 3 F.S.E. 2000-2006

MISURA B1 LINEE 2 E 5 DEL P.O.R. OBIETTIVO 3 F.S.E. 2000-2006 Strategie di ricerca attiva Pagina 1 di 11 Come Presentarsi : la lettera di accompagnamento e il Curriculum Vitae Questa sezione è molto importante perché il curriculum vitae e lettera di accompagnamento

Dettagli

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE Avviamento, sviluppo e potenziamento della competenza comunicativa, la chiave di volta del

Dettagli

Come scrivere una lettera di presentazione?

Come scrivere una lettera di presentazione? Come scrivere una lettera di presentazione? Dividerla in tre sezioni: 1. Perché sto scrivendo e chi sono: Se state rispondendo ad un annuncio, inserzione, sui giornali, siti-web ecc allora potete esordire

Dettagli

shapes competency development report

shapes competency development report shapes competency development report candidato/a: Max Mustermann amministrazione: 29.07.2005 rapporto creato: 19.02.2007 cut-e gmbh e-mail: info@cut-e.com große bleichen 12 tel: +49-40-3250.3890 20354

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

L Intervento terapeutico integrato ESORDI PSICOTICI EVIDENCE BASED

L Intervento terapeutico integrato ESORDI PSICOTICI EVIDENCE BASED Descrizione generale del programma regionale Esordi psicotici, attività formative e didattica del corso Introduzione ai manuali sull approccio cognitivo comportamentale alle psicosi Dr. Fausto Mazzi Dipartimento

Dettagli

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006)

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006) Stress sul posto di lavoro: segnali e cause Check list personale (Versione 02.2006) Questa check list la aiuterà a identificare lo stress vissuto personalmente e a deteminarne le cause. Poi, sulla base

Dettagli

CAPITOLO QUATTRO RIEMPIRE IL VUOTO

CAPITOLO QUATTRO RIEMPIRE IL VUOTO CAPITOLO QUATTRO RIEMPIRE IL VUOTO Sommario Decidere di cambiare il suo comportamento di gioco d azzardo sarà stressante ed i cambiamenti che accadranno nella sua vita a seguito di ciò saranno ancor più

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER CONVEGNO La Malattia di Alzheimer: gli aspetti clinici e l alleanza terapeutica Sabrina Spaggiari Centro Delegato Disturbi Cognitivi Distretto Sud/Est Lunedì, 24 settembre

Dettagli

Tipologie di consumo Informazioni per il PD

Tipologie di consumo Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/5 Compito Gli alunni fanno un esperimento volto a illustrare le differenze tra un «consumo occasionale» e un «consumo problematico». Gli alunni riassumono le caratteristiche che

Dettagli

Come simulare i case interview: consigli ed errori da evitare

Come simulare i case interview: consigli ed errori da evitare Come simulare i case interview: consigli ed errori da evitare 1 Come praticare la simulazione dei casi (paragrafo NON incluso nel libro) Soprattutto quando si ha poca o nessuna esperienza in tale campo,

Dettagli

Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver

Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver Incontri Uni-ATENeO dr.ssa Anna Galeotti Cambiamenti familiari Le reazioni emotive nei caregiver di pazienti dementi hanno espressioni diverse a seconda: della

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

A.A.A LAVORO CERCASI!!!

A.A.A LAVORO CERCASI!!! A.A.A LAVORO CERCASI!!! 1 2 Carissimi, l'amministrazione Comunale di Azzano San Paolo nel corso degli anni ha promosso attività volte al sostegno dei giovani cittadini. Pensiamo che sia fondamentale in

Dettagli

Difficoltà di linguaggio o di comunicazione?

Difficoltà di linguaggio o di comunicazione? Dott.ssa Mariangela Varotto Logopedista Ass. La Nostra Famiglia IRCCS E.Medea Conegliano, TV Difficoltà di linguaggio o di comunicazione? La balbuzie in età evolutiva: quali possibili conseguenze nei principali

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it

Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it L'ansietà è un sottile rivolo di paura che si insinua nella mente. Se incoraggiata, scava un canale nel quale tutti gli altri

Dettagli

Distruzione e danni in casa. Scritto da Davide Mercoledì 27 Ottobre 2010 09:20 -

Distruzione e danni in casa. Scritto da Davide Mercoledì 27 Ottobre 2010 09:20 - Si tratta di un comportamento tipico dei cuccioli che si manifesta in particolare in relazione al cambiamento dei denti. Può capitare che tale comportamento continui anche una volta che il cane raggiunge

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO Osservazione e primo approccio L accompagnamento e il distacco tra una madre e il suo bambino comportano per entrambi un grosso sforzo di AMBIENTAMENTO alla nuova situazione

Dettagli

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche DALLE LINEE GUIDA BORGOMANERO, 20.10.2012 ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche Dr.ssa Gorizia Ariana ESPOSITO Psicologa,

Dettagli

1. Dormire o ritirarsi dalla realtà per molto tempo, oppure dormire ad orari inusuali. Nei primi 6-12 mesi dalle dimissioni dall ospedale

1. Dormire o ritirarsi dalla realtà per molto tempo, oppure dormire ad orari inusuali. Nei primi 6-12 mesi dalle dimissioni dall ospedale help tip1 The Alcuni suggerimenti Ci sono molti modi di affrontare i comportamenti che ti turbano di una persona. Ci sono anche dei modi per aiutarti a sentirti più te davanti a questi comportamenti, anche

Dettagli

non è per questo un cattivo genitore ed

non è per questo un cattivo genitore ed IL GENITORE DETENUTO non è per questo un cattivo genitore ed è il genitore con cui il figlio dovrà fare i conti per crescere (Mantovani, 2003) Persone detenute si raccontano in quanto genitori Ringraziamenti

Dettagli

Ricerca attiva del lavoro

Ricerca attiva del lavoro Ricerca attiva del lavoro La ricerca attiva in tre fasi 1 3 2 CONSAPEVOLEZZA STRUMENTI INFORMAZIONI Fase 1: Consapevolezza Io cosa offro? Bilancio di competenze Strumenti: Domande individuali: cosa so

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

Autopromozione Clinica sul Web

Autopromozione Clinica sul Web Autopromozione Clinica sul Web Corso on-line Free - Progetto Open-Psy www.humantrainer.com Il primo sito web che sponsorizza corsi free per Psicologi Professionisti Lezione N 1 Dicembre 2002 Programma

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

AUTO-IPNOSI. Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI

AUTO-IPNOSI. Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI AUTO-IPNOSI Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI E una tecnica terapeutica molto efficace, può essere applicata per risolvere alcuni disturbi

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Attività per la scuola secondaria di II grado

Attività per la scuola secondaria di II grado Attività per la scuola secondaria di II grado Il punto di esplosione Gli adolescenti sperimentano ed esprimono la rabbia in diversi modi. Alcuni esplodono da un momento all altro, apparentemente senza

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Agenzia Regionale di Sanità della Toscana (ARS) Osservatorio Qualità PROGETTO SAPERE (Stroke Acuto PERcorsi ed Esperienze) L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Novembre 2006 2 L ASSISTENZA

Dettagli

REPORT DEI QUESTIONARI

REPORT DEI QUESTIONARI IN-FORM-AZIONE Mostra interattiva organizzata dall AO San Gerardo di Monza - Dipartimento di Salute Mentale 20-24 febbraio 2006 Liceo Casiraghi Parco Nord Cinisello B. REPORT DEI QUESTIONARI Durante lo

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli