PROGRAMMA 7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE LAVORO E SICUREZZA LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA 7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE LAVORO E SICUREZZA LAVORO"

Transcript

1 PROGRAMMA 7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE LAVORO E SICUREZZA LAVORO Responsabile: Silvano Gherardi INIZIATIVE ED ATTIVITÀ PIANO DEI SERVIZI DEL SISTEMA EDUCATIVO Definizione dell offerta formativa nelle istituzioni scolastiche e formative Nel 2014, in modo particolare da marzo dopo la chiusura delle iscrizioni, si è proceduto al monitoraggio e valutazione quali/quantitativa dei dati risultanti dall Anagrafe Regionale Studenti ARS (sistema di iscrizione on-line di Regine Lombardia per i percorsi di Istruzione e Formazione professionale IeFP) e Anagrafe Nazionale SIDI (sistema di iscrizione on-line nazionale per i percorsi di Istruzione statale). L analisi dei dati ha consentito di guidare in una lettura prospettica del sistema integrato istruzione e istruzione e formazione professionale e il territorio. La programmazione dell offerta formativa a.s. 2015/2016, così come stabilito dalla Regione Lombardia con delibera n.2259 del 1 agosto 2014 Indicazioni per il completamento delle attività connesse all organizzazione della rete scolastica ed alla definizione dell offerta formativa e termini per la presentazione dei piani provinciali a.s. 2015/2016 è stata definita partire da un analisi complessiva del contesto di riferimento che tenga conto delle richieste che arrivano dal territorio, delle dinamiche socio economiche e del trend demografico, della logistica e dei collegamenti, della composizione del tessuto economico produttivo, dell organizzazione dei servizi complementari. A tal fine dal mese di settembre (scadenza consegna Piani provinciali alla Regione Lombardia 30 novembre 2014), sono stati effettuati incontri di condivisione territoriale per valutare le nuove proposte di percorsi di Istruzione e Formazione e condividere con il tessuto produttivo del territorio rispondendo agli effettivi bisogni delle imprese e di possibili nuovi mercati di riferimento. Con decreto presidenziale n. 77 registrato il 3 dicembre 2014 è stato approvato il Piano provinciale dei servizi del sistema educativo di istruzione e formazione a.s. 2015/2016: organizzazione della rete scolastica e programmazione offerta di istruzione e formazione professionale in DDIF. POLITICHE DEL SISTEMA EDUCATIVO IN UN OTTICA DI VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE UMANO Progetto monitoraggio esiti occupazionali percorso professionale dei Servizi Socio Sanitari Alfine di valutare le opportunità di implementazione nel Piano dell offerta formativa, dell indirizzo professionale per i Servizi Socio sanitari e di valutare le possibilità di rendere maggiormente professionalizzante il percorso, si è proceduto ad attivare un monitoraggio degli esiti occupazionali o delle prosecuzione formative dei diplomati in questo indirizzo negli anni scolastici 2010/2011, 2011/2012 e 2012/2013. Le modalità relative al monitoraggio sono state condivise con i Dirigenti degli Istituti dove risulta avviato il percorso Servizi socio sanitari nonché con i referenti dell Ufficio Scolastico Provinciale. 113

2 Progetto passaggi alunni tra i due sistemi educativi All avvio del 2014 si è condivisa la necessità con l Ufficio scolastico territoriale di definire linee guida per il passaggio tra i due sistemi dall istruzione alla formazione/dalla formazione all istruzione. Si sono succeduti incontri con i referenti di Ambito al termine dei quali è stata predisposta una nota comune da diffondere alle Istituzioni scolastiche e Istituzioni formative. Progetti Istituti Tecnici Superiori e Poli Tecnico Professionali Il Settore, a seguito del bando di Regione Lombardia, ha promosso la costituzione e la partecipazione delle Istituzioni scolastiche e Formative sia nelle Fondazioni per l attivazione degli ITS (Istituti Tecnici Superiori) sia per l attivazione dei PTP (Poli Tecnico Professionali). In provincia di Bergamo sono stati approvati 2 ITS di nuova costituzione che si aggiungono ai precedenti 2 costituiti lo scorso anno. La Provincia ha aderito alla costituzione di 3 Fondazione per l avvio di altrettanti ITS: 1) Fondazione di partecipazione: Istituto Tecnico Superiore Lombardo per le nuove Tecnologie Meccaniche e Meccatroniche 2) Fondazione di partecipazione: Istituto Tecnico Superiore per la Mobilità delle Persone e delle Merci Mobilità Sostenibile 3) Fondazione di partecipazione: Istituto Tecnico Superiore per il Made in Italy. Sono stati attivati tutti gli organismi previsti dalla normativa nazionale: Consiglio di Indirizzo, Giunta Esecutiva e Comitato Tecnico Scientifico a cui i rappresentanti del settore hanno attivamente partecipato. Sono stati infine avviati i percorsi di specializzazione attinenti alle aree per cui le Fondazioni si sono costituite. GESTIONE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE A seguito della sottoscrizione dell Atto negoziale tra Regione Lombardia e Provincia di Bergamo in data 18 maggio 2012 e prorogato al 31 dicembre 2014, il Settore ha supportato la Regione Lombardia nella gestione delle Commissioni d esame per le terze e quarte annualità dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale. In particolare le attività hanno riguardato: la condivisione con Regione Lombardia del decreto degli esami 2014 destinata agli operatori; la condivisone con Regione Lombardia del decreto relativo elenco dei candidati Presidenti Commissioni d esame; l accorpamento delle classi terminali per commissioni e sessioni; l individuazione del Presidente da sottoporre alla Regione per la relativa nomina; la formazione dei Presidenti in collaborazione con Regione Lombardia; la valutazione delle istanze prodotte dai candidati privatisti, individuazione dell Istituzione formativa più qualificata con la relativa trasmissione degli atti, la valutazione dei calendari proposti dalle istituzioni formative; il supporto tecnico in seno alle commissioni; la registrazione nel sistema regionale Ge.Fo dei Presidenti e delle attività delle Commissioni. Sul territorio di Bergamo si sono insediate nelle Istituzioni Formative n. 53 commissioni per valutare n. 136 classi di cui n. 79 del 3 anno (qualifica) e n. 57 di 4 anno (diploma) nelle Istituzioni scolastiche n. 26 commissioni per valutare n. 62 classi di cui n. 36 del 3 anno (qualifica) e n. 26 di 4 anno (diploma) Anche per il 2014 è proseguita la validazione dei verbali d esame al fine dell autorizzazione alla stampa/rilascio dei titoli finali. 114

3 In collaborazione con la Prefettura è proseguita la procedura di legalizzazione dei titoli di qualifica di competenza della Provincia rilasciati ai fini della validazione all estero. Nell ambito della repertoriazione dei titoli finali, rilasciati dalla Provincia, è proseguita l attività di verifica e rilascio della dichiarazione sostitutiva di titolo di studio nei casi di smarrimento.. Dispersione scolastica /Obbligo formativo In considerazione della proroga dell Atto Negoziale la Provincia di Bergamo ha proseguito il coordinamento delle reti territoriali che permettano una ricomposizione delle competenze di orientamento che si concretizzi in azioni efficaci che rispondano alle reali richieste del territorio. Nel 2014 si sono realizzate azioni di: 1) Monitoraggio: - rilevazione dei dati delle scuola secondarie di 1 grado e delle scuole secondarie di 2 grado dei dispersi /non frequentanti - confronto con dati banca dati apprendisti e frequentanti istituzioni formative - attribuzione dei ragazzi dispersi in obbligo di istruzione agli Ambiti di competenza per la relativa presa in carico. 2) Tutoraggio: - Presa in carico dei ragazzi convocati con azioni di accompagnamento specifiche (colloqui orientativi e/o counselling, definizione di percorsi personalizzati con le modalità di alternanza scola/lavoro e/o scuola bottega) con l obiettivo di guidare l alunno in rientro scolastico o formativo o all accompagnamento al lavoro in contesti privilegiati a carattere formativo come l apprendistato o tirocini aziendali formativi/orientativi con scopo assuntivo. In data 18 novembre 2014 si è provveduto alla rilevazione dei dispersi dell anno scolastico 2014/2015. Progetto Successo Formativo Il quadro complessivo delle recenti riforme (riforma della scuola, autonomia didattica, prolungamento dell obbligo di istruzione, introduzione del diritto dovere istruzione e formazione entro il 18 anno di età) pone la promozione del successo formativo come obiettivo prioritario non solo della scuola ma dell intero sistema sociale, assumendo una prospettiva più ampia rispetto al successo scolastico; la formazione viene intesa come risorsa permanente per la crescita di ogni persona con l obiettivo di prevenire l esclusione e di favorire l inserimento sociale e lavorativo. E in quest ottica che il settore nell ambito dell Atto Negoziale della formazione sottoscritto in data 18 maggio 2012 tra Regione e Provincia di Bergamo ha previsto e finanziato uno specifico Progetto per il Successo Formativo che, partendo dalle azioni di vigilanza e tutoraggio svolte dalla Provincia per i ragazzi in dispersione, ha promosso attività orientative e formative dei ragazzi finanziate con il sistema dotale. La scadenza prevista per il 31 dicembre 2013 è stata inizialmente prorogata al 31 marzo e successivamente al 31 dicembre 2014, in particolare il Settore ha stabilito il 30 giugno 2014 quale termine per la scadenze delle attività previste dal Progetto: - percorso formativo personalizzato - laboratori di recupero e sviluppo di apprendimenti alfine di riallineare la preparazione ai livelli qualitativi richiesti dai percorsi in entrata. Alla scadenza si è provveduto alla presentazione della rendicontazione del progetto alla Regione Lombardia, con i seguenti risultati: - coinvolti n. 14 Enti accreditati costituitisi in rete territoriale; - n. 267 utenti di cui n. 62 allievi che hanno abbandonato il percorso formativo intrapreso, 110 a rischio di abbandono e 95 ragazzi della scuola secondaria di 1 grado già oltre l età anagrafica regolare con difficoltà a scegliere percorsi di formazione secondaria; - costo ,

4 Progetto Orientamento L attenzione particolare posta all incontro tra domanda e offerta di lavoro ha portato a delineare nuove politiche per l orientamento. L orientamento è un processo associato alla crescita della persona in contesti formativi sociali e lavorativi; è un attività che deve mettere in grado la persona di ogni età e in ogni momento di transizione della sua vita di identificare i suoi interessi, le sue capacità, le competenze e le attitudini; deve mettere in grado di prendere decisioni in modo responsabile in merito alla formazione, all occupazione e al proprio ruolo nella società. L orientamento pone al centro la persona con le sue specificità e con i propri obiettivi di vita contestualizzandola nel contesto collettivo al fine di promuovere il successo formativo personale e lo sviluppo economico territoriale. In quest ottica il MIUR ha definito le Linee guida nazionali per l orientamento permanente e la Regione Lombardia con DGR del 25 luglio 2014 ha ritenuto opportuno elaborare un sistema regionale dell orientamento permanente, con l obiettivo di: - definire un modello di governance che valorizzi la competenza e gli apporti di tutti i soggetti operanti nel territorio; - identificare i servizi e le azioni che dovranno essere garantite a livello decentrato territoriale; - prevedere lo sviluppo di punti unitari di fruizione da parte del cittadino, coordinati da reti territoriali a livello sub-regionale ( area vasta come definito dalla legge n. 56/2014) che dovranno garantire il più ampio coinvolgimento dei soggetti pubblici e privati; - prevedere requisiti professionali minimi per l erogazione dei servizi e standard minimi di sistema affinché i servizi di orientamento possano caratterizzarsi come offerta pubblica. Con DDUO n in data 1 dicembre 2014, la Regione Lombardia ha definito specifiche priorità strategiche territoriali da definirsi nel corso del 1 semestre 2015, in particolare si dovrà definire e coordinare un sistema locale di orientamento integrato che metta in rete l insieme dei servizi attinenti all istruzione e formazione, alla certificazione delle competenze, al lavoro ed all orientamento; tale rete dovrà coinvolgere i diversi soggetti istituzionali, sociali ed economici del territorio (Università, USR, parti sociali, comuni, scuole, servizi per il lavoro, istituzioni formative, ecc.); dovrà prevedere la dislocazione di più punti territoriali di servizio di riferimento unitario dell intero processo orientativo rivolto ai cittadini. Come per gli anni scorsi inoltre, il Settore ha avviato il progetto di Orientamento integrato in un contesto territoriale di rete costituita da: Provincia, USR-Bergamo, Comune di Bergamo, Camera di Commercio di Bergamo, Confindustria Bergamo, Confartigianato Bergamo e Università degli studi di Bergamo. Il Piano di Orientamento ha offerto una serie di iniziative raccordate e condivise con i partner che hanno l obiettivo di favorire il successo personale e formativo degli alunni nella consapevolezza che una corretta scelta del percorso di studi determini risultati positivi in ambito scolastico e professionale. Il Piano si è articolato in diverse azioni rivolte ai dirigenti scolastici, ai direttori di Istituzioni formative, docenti, genitori, studenti della scuola secondaria di 1 e 2 grado. Nello specifico: 1) azioni info/formative rivolte a tutti i docenti degli istituti di istruzione di 1 e 2 ciclo e degli enti di formazione (n.4 incontri di 4 ore) 2) azioni informative rivolte ai genitori degli alunni classi terze (attivati sul territorio n. 13 incontri per ogni ambito distrettuale) Questi interventi trasversali sono stati integrati da attività specifiche di ogni ente partner della rete territoriale. In particolare il Settore ha: predisposto la stampa di n copie dell Atlante delle scelte 2015/2016 consegnate alle classi terze della scuola secondaria di primo grado tenuto colloqui di orientamento per ragazzi in difficoltà di scelta o per ragazzi in dispersione scolastica. 116

5 PIANO PROVINCIALE DISABILI Nel mese di giugno 2014, sono stati pubblicati gli avvisi per consentire agli enti accreditati di svolgere le azioni relative alla realizzazione dei servizi relativi all inserimento, al mantenimento dell occupazione e all orientamento delle persone appartenenti alle categorie protette. Nello specifico, con Determinazione Dirigenziale n. int. 88 del 20 giugno 2014 sono stati approvati i seguenti avvisi: - n. 1/2014 "Azione di Sistema - Gestione delle reti territoriali - annualità 2014"; - n. 2/2014 "Avviso per la costituzione del catalogo provinciale per l'erogazione dei servizi per le doti lavoro disabili - inserimento lavorativo e sostegno lavorativo" e relativo Manuale Operativo/ gestionale; - n. 3/2014 "Azioni di Sistema: percorsi per l'orientamento scuola/lavoro"; - n. 4/2014 "Azioni di sistema per lo sviluppo di impresa sociale e nuovi rami di impresa"; - n. 5/2014 "Azione di sistema - introduzione di tecnologie assistive". Nel mese di ottobre 2014, con Determinazione Dirigenziale n. int del 21 ottobre 2014, è stato approvato l avviso n.6/2014 Azioni di Sistema per lo sviluppo di una sperimentazione dello strumento convenzionale previsto dall art 14 D.Lgs. 276/2003 nell ente pubblico. Tale progetto è stato predisposto con l obiettivo di sperimentare modalità di assolvimento dell obbligo da parte di enti pubblici utilizzando, in via sperimentale, il modello convenzionale dell art 14, mirato quindi alla facilitazione dell ingresso lavorativo di persone che difficilmente verrebbero inserite nel mercato del lavoro. Per tale avviso, come per i precedenti, è stato predisposto apposito nucleo di validazione che ha proceduto all analisi tecnica del progetto stesso e dei relativi allegati. La gestione del Piano Provinciale Disabili, da parte del coordinamento provinciale, ha comportato: - Monitoraggio dei progetti relativi al catalogo dotale e delle azioni di sistema; - Valutazione ed approvazione, in Sintesi, dei progetti presentati dai vari operatori accreditati al lavoro: nel periodo settembre dicembre 2014 sono stati approvati 821 piani di intervento personalizzato; - Impegno di spesa nei confronti dei soggetti attuatori per la realizzazione dei progetti ammessi e validati per l azione di sistema gestione delle reti territoriali e dei servizi previsti dal catalogo dotale; - Rimodulazione delle risorse economiche a seguito di monitoraggio di progetti presentati/non presentati sul catalogo dotale e sulle azioni di sistema; - Organizzazione, conduzione e partecipazione di riunioni periodiche di coordinamento presso la Provincia con gli enti gestori territoriali; - Partecipazione di riunioni periodiche previste da altre province lombarde e da Regione Lombardia che prevedono la sperimentazione di azioni di sistema condivisibili a livello interprovinciale. L inserimento lavorativo dei Disabili e delle Categorie Protette Alle attività di programmazione del Piano Provinciale Disabili, si sono affiancate le attività legate all applicazione della normativa sul diritto al lavoro dei disabili ai sensi della l. 68/99 con particolare attenzione all ottemperanza e al rispetto degli obblighi assuntivi delle aziende a seguito di verifica dei prospetti informativi pervenuti entro febbraio Sono state inoltre approvate le graduatorie annuali dei lavoratori art.1 e art. 18 comma 2 della L.68/99 per l avviamento presso datori di lavoro pubblici e privati. Nell anno 2014 sono stati controllati in tutto 2570 prospetti informativi inviati dalle aziende con sede legale o unità operative nella provincia di Bergamo. Sono state rilasciate n.123 autorizzazioni all esonero parziale per un introito del Fondo Regionale Disabili di circa ,00 di euro. 117

6 Nell anno 2014 sono stati inoltre rilasciate 439 certificazioni di ottemperanza alla L. 68/99. Sono state stipulate n. 214 convenzioni ex art. 11 L:68/99 e n. 70 convenzioni ex art. 14 D.l.vo n.276/2003. Pur dovendo fare i conti con un contesto economico produttivo particolarmente provato dalla crisi economica gli inserimenti di persone disabili presso le aziende pubbliche e private sono stati 429 contro iscritti disponibili. Catalogo apprendistato 2012/2013 Il Catalogo è stato attivato il 19 giugno 2012 e conformemente a quanto stabilito da Regione Lombardia con DDS 8596 del 18/09/2014 Proroga utilizzo e rendiconto delle risorse trasferite alle Province per la formazione degli apprendisti assunti in Lombardia periodo formativo modifica al dduo n.3322 del 17/04/2012 e ss.mm.ii Regione Lombardia ha stabilito di modificare le Linee di indirizzo di cui al DDUO n del 2012 e successive modifiche ed integrazioni prorogando al 30/06/2015 il termine ultimo per presentare alla Regione dettagliata relazione e rendicontazione. La Provincia di Bergamo ha di conseguenza stabilito di fissare al 31 marzo 2015 il termine di scadenza dell erogazione dei servizi inerenti sia il Catalogo dell offerta dei servizi integrati per l apprendistato Anno formativo , sia l Azione di sistema affiancamento aziende/apprendisti ex art. 4 d.lgs 167/2011. La Provincia nell esercizio delle proprie funzioni di programmazione, coordinamento, regia e autorità di bando ha proseguito nella gestione delle azioni rivolte a : Apprendisti assunti ai sensi dell articolo 16 della legge 196/97 (normativa Treu) in diritto di istruzione e formazione professionale (per l apprendistato minorenni in DDIF, Diritto, dovere, istruzione e formazione, assunti antecedentemente al 02 maggio 2011) ed extraobbligo formativo; Apprendistato professionalizzante ai sensi dell art. 49 del d.lgs 276/03 (normativa Biagi); Apprendisti (Treu e Biagi) che devono proseguire il percorso di formazione esterna o integrata già avviato negli anni precedenti; Apprendisti assunti dal 26 aprile 2012 ai sensi del d.lgs 167/2011 Testo Unico Apprendistato e in particolare l Art. 4 Apprendistato professionalizzante e di mestiere che conferma che la formazione è integrata nei limiti delle risorse disponibili dall offerta formativa pubblica. Sono proseguite le attività di: - validazione dei PIP (Piani d Intervento Personalizzati presentati dagli Enti operatori). Complessivamente sul Catalogo 2012/2013 nell anno 2014 sono stati validati n PIP; - monitoraggio quantitativo con cadenza settimanale del sistema informativo provinciale Sintesi al fine di verificare: 1. lo stato di prenotazione delle diverse tipologie di servizi offerti all interno del Catalogo; 2. lo stato di avanzamento delle attività connesse ai servizi prenotati, al fine di procedere con le eventuali revoche dei servizi non avviati secondo le modalità e tempistiche previste. - supporto nella conduzione di riunioni di coordinamento con gli Enti operatori per la gestione delle attività della Rete Provinciale di cui il Settore è anche Capofila e per la condivisione di interventi operativi; - supporto nella conduzione di riunioni di coordinamento con le Parti Sociali; - istruttoria e gestione delle procedure connesse alla fase di liquidazione (intermedia) delle doti erogate dagli Enti attuatori con conseguente vaglio della documentazione finale dei servizi e pagamento domande di liquidazione presentate dagli Enti erogatori; 118

7 - gestione degli incontri con i responsabili dell Ispettorato del lavoro di Bergamo a continuazione del proficuo rapporto di collaborazione avviato negli anni precedenti per la gestione coordinata di problematiche inerenti l apprendistato; - servizio di spedizione lettere/comunicazioni ad aziende nell ambito dell apprendistato per segnalare obblighi formativi apprendisti neo-assunti; - partecipazione Tavolo tecnico interprovinciale Sintesi; - gestione Call Center e assistenza Azienda/Apprendisti/Consulenti del lavoro/ Commercialisti riguardo la normativa sull apprendistato e sulle procedure di gestione doti; - interfaccia Provincia/Aziende a seguito delle problematiche inerenti la convocazione di apprendisti Treu ai corsi; - attività di partecipazione ai lavori del tavolo tecnico composto dai rappresentanti tecnici provinciali e regionali con il compito di accompagnare l intero processo di realizzazione del sistema dote apprendistato. Azione di sistema certificazione delle competenze in apprendistato Durante il 2014 è proseguito l attività della Provincia nell ambito della suddetta Azione di Sistema volta a definire un modello unico/comune di certificazione delle competenze acquisite dagli apprendisti assunti dalle aziende del territorio. In particolare la Provincia si è occupata sia delle attività di presentazione degli esiti dei lavori alle Parti Sociali (associazione dei datori di lavoro e dei rappresentanti dei lavoratori), sia della predisposizione e sottoscrizione di un Protocollo d Intesa per la condivisione ed il recepimento formali degli esiti del tavolo di lavoro da parte delle Parti Sociali. Azione di sistema affiancamento aziende/apprendisti ex art. 4 D.Lgs. 167/2011 A giugno 2014 si è provveduto alla messa in opera di una micro-sperimentazione rivolta ad Aziende/apprendisti assunti ex art. 4 D.lgs 167/2011, tramite l attivazione di un servizio di affiancamento consulenziale di 10 ore al tutor/formatore aziendale nella Formazione su competenze tecnico-professionali apprendisti. Come anche per il Catalogo Formativo 2012/2013 a seguito di DDS 8596 del 18/09/2014 di Regione Lombardia è stato prorogato al 30/06/2015 il termine ultimo per presentare alla Regione dettagliata relazione e rendicontazione e conseguentemente è stato stabilito di fissare al 31 marzo 2015 il termine di scadenza dell erogazione dei servizi. Nell ambito della suddetta Azione di Sistema, il Settore si è occupato delle seguenti attività: - predisposizione dell Avviso per la presentazione delle candidature; - istruttoria di ammissione e validazione dei progetti presentati; - validazione PIP presentati dagli Enti erogatori. Complessivamente nell anno 2014 sono stati validati n. 128 PIP; - monitoraggio quantitativo con cadenza settimanale del sistema informativo provinciale Sintesi al fine di verificare: lo stato di prenotazione delle diverse tipologie di servizi offerti all interno del Catalogo; lo stato di avanzamento delle attività connesse ai servizi prenotati, al fine di procedere con le eventuali revoche dei servizi non avviati secondo le modalità e tempistiche previste. POLITICHE DEL LAVORO Il contesto economico e sociale del nostro territorio anche durante il 2014 è stato caratterizzato da una forte complessità. La crisi economica ha colpito i soggetti più deboli, le famiglie e i giovani, anche in territori più avanzati, caratterizzati da lavoro e produzione. 119

8 In applicazione del sistema regionale di intervento nel mercato del lavoro che prevede un sistema di governance territoriale, la Provincia ha proseguito nell attività di promozione e sostegno delle reti locali tra soggetti pubblici e privati accreditati alla formazione ed al lavoro, in applicazione di quanto previsto nel Patto per le Politiche Attive del Lavoro L obiettivo prioritario è stata la predisposizione di azioni e strumenti finalizzati all innalzamento del livello di occupabilità dei lavoratori ed al perseguimento di buona occupazione, attraverso un efficace sostegno alle transizioni nel mercato del lavoro. Particolare attenzione è stata dedicata a target di lavoratori a rischio di esclusione sociale. Sono stati implementati interventi di politica attiva del lavoro, anche attraverso l attivazione di reti territoriali, mirati al raggiungimento di obiettivi specifici e personalizzati, in base alle esigenze dei singoli destinatari identificati in base all analisi puntuale e dettagliata del mercato del lavoro territoriale e delle sue specificità, sostenuta dall attività dell Osservatorio provinciale del Mercato del Lavoro. Nell attuale contesto socio economico, caratterizzato da una forte complessità, la Provincia si è posta come soggetto di sviluppo territoriale orientando le risorse disponibili per attivare strategie e strumenti realmente corrispondenti alle esigenze territoriali, in continuo dialogo con gli attori del mercato del lavoro locali. Obiettivo fondamentale è stato quello di creare le premesse per dare continuità nel tempo alla visione di gestione e collaborazione, nel quotidiano confronto con i lavoratori, le imprese e loro rappresentanze, le Organizzazioni sindacali ed i soggetti istituzionali. In particolare nella gestione delle principali situazioni di crisi aziendali, si è proseguito nell azione di governance e di presidio strategico operativo, intervenendo in modo coordinato, organico e tempestivo, non solo sulle condizioni dei lavoratori e delle imprese, ma più in generale del territorio, grazie alla pratica dell integrazione funzionale tra i soggetti politico istituzionali, attori socio economici e operatori dei servizi al lavoro ed alla formazione. In riferimento alle competenze relative agli ammortizzatori sociali si è proseguito, in attuazione della l.r. 22/2006, nell istruttoria degli atti relativi all iscrizione dei lavoratori in lista di mobilità l.223/91. Nel mese di dicembre sono stati numerosi i licenziamenti di lavoratori di aziende sopra i 15 dipendenti che hanno chiesto l inserimento in lista di mobilità, prevenendo l attuazione della Legge Fornero (31/12/2014) che riduce il periodo di permanenza in lista e la connessa indennità. Inoltre si è data attuazione agli Accordi Quadro per gli ammortizzatori sociali in deroga 2014 istruendo e validando numerose richieste di cassaintegrazione in deroga presentate dalle aziende del territorio. Politica attive del lavoro. Atto negoziale nel mese di novembre Regione Lombardia ha autorizzato la proroga al 30 giugno 2015 delle azioni progettuali previste e ne ha concesso la rimodulazione. Pertanto a fine 2014 risultano attive le seguenti misure di intervento: - integrazione dei servizi per il lavoro e l occupazione attraverso la collaborazione pubblico/privato (dispositivo 4): (con determina n del 5/12/2014 ad oggetto proroga e ridimensionamento risorse economiche dei servizi per il lavoro e l occupazione attraverso la collaborazione pubblico/privato - risorsa economica resa disponibile ,00 euro) - sono stati coinvolti n. 396 lavoratori assunti 109 di cui 29 on the Job. Risultano attualmente impegnati ,00 euro per i previsti incentivi all inserimento in somministrazione. - interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali e disoccupati in situazione di svantaggio: si sono promossi ed attivati numerosi percorsi formativi che hanno consentito l innalzamento del livello di occupabilità di n. 449 partecipanti La risorsa economica assegnata è 120

9 stata totalmente impegnata e con determina n.2642 del 5/12/2014 è stata rifinanziata con euro ,82. - gestione delle crisi aziendali: progetti di outplacement e riqualificazione dei lavoratori. Progetti di ricerca di nuove iniziative imprenditoriali e/o reenginering: la misura di intervento ha consentito l attivazione di quattro progetti ed attualmente presenta un residuo di ,88 euro che comunque risulta totalmente impegnato a favore dell intervento di politica attiva del lavoro nel territorio della Valle Brembana e Valle Imagna. - progetto Euromondo Tirocini all estero: in continuità con l esperienza avviata nel 2013 in collaborazione con l Università del Studi di Bergamo si è provveduto a stanziare euro per l integrazione dell avviso per l erogazione di borse di mobilità a giovani neo laureati. Rete territoriale per la conciliazione Vita - Lavoro è stato presentato il progetto Lavoro e Benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro a valere sull avviso ASL di Bergamo, in riferimento all attivazione della rete territoriale conciliazione vita lavoro, proponendoci quale capofila di un alleanza locale in collaborazione con le Parti Sociali del territorio. Il Progetto è stato finanziato ed è risultato primo in graduatoria. Risorse complessive ,00 euro di cui cofinanziamento Atto negoziale e finanziamento regionale. E stato pubblicato l avviso provinciale a fine dicembre Piano territoriale in materia di politiche giovanili Job In capofila Comune di Bergamo Si sono concluse le attività previste dall intervento. Azioni di Rete per il Lavoro La Provincia ha promosso interventi di politica attiva del lavoro a valere sull Avviso regionale Azioni di Rete per il Lavoro in collaborazione con enti accreditati alla formazione ed al lavoro, istituzioni locali e Parti Sociali, in particolare in alcune aree del territorio provinciale quali la Bassa Bergamasca e l Isola Bergamasca con il progetto P.R.U.A., e in Valle Brembana ha aderito e promosso l attivazione di un progetto finalizzato alla riqualificazione ed alla ricollocazione dei lavoratori della Manifattura Valle Brembana in fallimento. Politiche passive del lavoro Si è proseguito nell istruttoria e validazione delle richieste presentate dalle aziende per l iscrizione dei lavoratori in lista di mobilità l.223/91 nel 2014 sono state istruite e validate 328 richieste per un totale di lavoratori inseriti in lista di mobilità. Per quanto riguarda la cassa integrazione in deroga in riferimento agli Accordi regionali 2014 ed al Protocollo d Intesa sottoscritto dalla Provincia con Regione Lombardia si è provveduto ad istruire e validare n richieste presentate dalle aziende sul sistema informativo regionale GE.FO. Crisi aziendali Si è proseguita l attività di negoziazione e gestione delle principali crisi aziendali del territorio (complessivamente sono state 28) attraverso le modalità condivise con le Parti Sociali ed attuate in questi anni. Osservatorio del Mercato del Lavoro In collaborazione con il Crisp (Centro di Ricerca Interuniversitario per i Servizi di Pubblica Utilità) si sono potute implementare le attività di rilevazione dei dati del Sistema Sil Sintesi. 121

10 E stata redatto e pubblicato il report I Flussi del Mercato del Lavoro anno 2013 e primo semestre 2014, attraverso il quale si sono potute osservare ed analizzare le dinamiche del mercato del lavoro territoriale. Vista la rilevanza di tale attività si è concordato con i referenti del Modello Bergamo di potenziare l attività dell Osservatorio provinciale del Mercato del Lavoro e di condividerne le modalità operative al fine di analizzare puntualmente l andamento del Mercato del Lavoro territoriale per poter rendere maggiormente efficaci le misure di intervento di politica attiva. I dieci Centri per l Impiego e loro coordinamento I Centri per l impiego della Provincia di Bergamo (Albino, Bergamo, Clusone, Grumello del Monte, Lovere, Ponte San Pietro, Romano di Lombardia, Treviglio, Trescore Balneario, Zogno) hanno registrato negli ultimi anni una considerevole crescita di iscrizioni e reiscrizioni alla banca dati e, in generale, di richieste di accesso ai servizi da parte di un numero sempre crescente di lavoratori in difficoltà occupazionale poiché espulsi dal mercato del lavoro o inseriti con forme contrattuali flessibili e precarie. Nell anno 2014 il numero di accessi agli sportelli dei Centri per l Impiego da parte di inoccupati e/o disoccupati che hanno reso la propria disponibilità al lavoro è stato pari a (con un incremento nell ultimo quinquennio del 43%). Nel corso dell anno sono stati erogati colloqui di accoglienza informativa, 1620 colloqui di orientamento individuale e circa lavoratori sono stati coinvolti in colloqui di gruppo volti all approfondimento delle tecniche di ricerca attiva del lavoro, con particolare riferimento ai lavoratori che si apprestano ad entrare a far parte delle liste di mobilità. In qualità di soggetti accreditati all erogazione dei servizi al lavoro in base al sistema di accreditamento regionale (L.R. 22/2006), i Centri per l impiego si sono attivati nella promozione e nella realizzazione degli interventi di politica attiva proposti da Regione Lombardia nell ambito del sistema dotale. In particolare, i Centri hanno registrato positive performances nella prenotazione e gestione delle Doti Uniche Lavoro a vantaggio di soggetti inoccupati e/o disoccupati, nonché nella presa in carico di giovani nell ambito delle misure previste dal programma Garanzia Giovani. In sintesi alcuni dati: Dote unica lavoro: a partire dalla pubblicazione da parte di Regione Lombardia dell Avviso, nell ottobre 2013, i Centri hanno prenotato più di 500 doti rivolte ad altrettanti soggetti disoccupati/inoccupati; di queste, circa 90 sono tuttora in corso e circa 250 sono state concluse p positivamente, ovvero hanno raggiunto il risultato di un inserimento lavorativo di almeno 6 mesi. Garanzia Giovani: a partire dall avvio del Programma Nazionale (1 maggio 2014), sono stati coinvolti nella misura circa 230 giovani fra 16 e 29 anni in cerca di occupazione, ai quali sono state effettuate da parte dei Centri per l impiego più di 160 proposte concrete di tirocinio extra-curriculare e/o di inserimento lavorativo. Parallelamente all attività di incrocio domanda-offerta di lavoro (nel 2014 sono stati preselezionati e segnalati circa candidati a fronte di oltre 950 offerte di lavoro presentate dalle aziende), i Centri per l impiego sono da anni attivi nella promozione e nel tutoraggio di tirocini extracurriculari rivolti a soggetti inoccupati/disoccupati, con rilevanza numerica della fascia giovanile. Nel 2014 sono stati attivati tirocini, di cui circa 400 sono stati nel corso dell anno trasformati in assunzioni con contratto di lavoro subordinato e circa 600 sono tuttora in corso. A partire dal 2013 i Centri per l impiego hanno avviato il Progetto SAP Servizi alla Persona, volto all innalzamento dell efficacia dell incrocio domanda/offerta di lavoro in tema di assistenti familiari e svolto in collaborazione con i servizi sociali degli Ambiti territoriali, dei Comuni e con le realtà del privato-sociale e della cooperazione già attivi sui territori. In virtù di tale progettazione, i Cpi hanno erogato colloqui specialistici a circa 400 candidati/e assistenti familiari, allo scopo di analizzare le loro competenze e valutarne i requisiti professionali al fine dell inserimento nell Elenco qualificato degli assistenti familiari della Provincia di Bergamo (istituito con Deliberazione di Giunta 122

11 Provinciale n. 214 del 18/06/2012). Si sono ricevute ed evase circa 120 richieste di assistenti familiari da parte delle famiglie e ciò ha portato all inserimento lavorativo di circa 60 candidate. Per quanto attiene all attività amministrativa correlata alla segnalazione alle Pubbliche Amministrazioni richiedenti (per lo più Comuni e Istituzioni Scolastiche) di lavoratori appartenenti alle liste di mobilità L. 223/91 per lo svolgimento di Lavori Socialmente Utili presso le stesse (LSU), nel 2014 si sono ricevute circa 730 richieste per la copertura mansioni operaie/impiegatizie, che hanno dato luogo alla segnalazione di circa candidati e l assegnazione definitiva di lavoratori. L erogazione dei servizi specialistici di prevenzione della disoccupazione di lunga durata è spesso stato realizzata attraverso l attività di rete e di collaborazione con gli altri enti e soggetti privati accreditati attivi sul territorio, soprattutto in riferimento all emergenza occupazionale generata dalle principali crisi aziendali del territorio; tale modalità di azione ha trovato compimento nell attivazione di 6 Tavoli Territoriali presso alcuni Centri per l impiego (Bergamo, Albino, Ponte San Pietro, Grumello del Monte, Treviglio e Romano di Lombardia), tramite cui è stata realizzata la presa in carico di lavoratori percettori di sostegno al reddito da parte dei Centri per l Impiego e degli enti accreditati al lavoro, anche favorendo l accesso dei disoccupati alle misure di politica attiva del lavoro messe a disposizione dai dispositivi provinciali e dal sistema dotale lombardo. I Centri per l impiego sono stati coinvolti, nel corso degli ultimi anni, nella pianificazione e nella realizzazione, di concerto con le Organizzazioni sindacali e datoriali e le Istituzioni pubbliche locali ed in partenariato con altri enti accreditati al lavoro, di misure di intervento per la presa in carico e il reinserimento occupazionale di lavoratori in esubero a causa di crisi aziendali e/o settoriali. Ciò si è concretizzato nella collaborazione con vari attori territoriali nella realizzazione di progetti di orientamento, riqualificazione professionale e scouting aziendale in corso in alcune aree, quali la Bassa Bergamasca, l Isola Bergamasca, la Valle Seriana, la Valle Brembana e la Valle Imagna, oltre all area dell Alto Sebino ove si stanno attivando iniziative analoghe. Consigliere di Parità. In attesa di una nuova definizione delle funzioni in tema di pari opportunità e di disposizioni ministeriali in merito all assegnazione delle risorse relative all anno 2014 è proseguita l attuazione dei progetti approvati nei piani di attività precedenti. La funzione è stata svolta dalla consigliera di parità in carica in regime di prorogatio. RISORSE UMANE IMPIEGATE: N. 80 dipendenti e precisamente: n.4 D6 n.1 D6 - n.1 D4 n.1 D3 n.1 D2 n.3 D1 n.13 C5 - n.1 C3 - n.14 B7 n.1 B6 n.3 B5 n.6 B4 n.18 B3 n.5 B2 n.6 B1 n.1 A5 n.1 A4 123

12 3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N.7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E SICUREZZA LAVORO ENTRATE ENTRATE SPECIFICHE DESCRIZIONE Iniziale PREVISIONI Definitiva ACCERTATO * STATO * REGIONE , , ,99 * PROVINCIA * UNIONE EUROPEA * CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO - ISTITUTI DI PREVIDENZA * ALTRI INDEBITAMENTI (1) * ALTRE ENTRATE , , ,88 TOTALE (A) , , ,87 PROVENTI DEI SERVIZI FITTI REALI DI FABBRICATI 400,00 344,00 343,29 TOTALE (B) 400,00 344,00 343,29 QUOTE DI RISORSE GENERALI , , ,79 TOTALE (C) , , ,79 TOTALE GENERALE (A+B+C) , , ,95 (1): Prestiti da Istituti Privati, ricorso al credito ordinario, Prestiti Obbligazionari e simili 124

13 SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N.7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E SICUREZZA LAVORO IMPIEGHI Descrizione Spesa corrente entità (a) % su tot. Spese per investimento entità (b) % su tot. Totale (a + b) V.% sul totale delle spese finali dei Titoli I e II Previsione Iniziale ,00 99, ,00 0, ,00 6,33 Previsione Definitiva ,00 99, ,00 0, ,00 6,51 Impegnato ,95 99, ,00 0, ,95 12,26 125

14 SUDDIVISIONE DELLA SPESA CORRENTE ED IN CONTO CAPITALE PER INTERVENTO PROGRAMMA N.7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E SICUREZZA LAVORO N. 1 Personale , , ,00 1,86 2 Descrizione Intervento Acquisto di beni di consumo e/o materie prime SPESA CORRENTE Previsione Iniziale Previsione Definitiva Impegnato V. % Impegnato del Programma sul totale per interventi 1.732, , ,36 0,00 3 Prestazioni di Servizi , , ,47 0,61 4 Utilizzo di Beni di Terzi , , ,40 0,92 5 Trasferimenti , , ,04 7,63 6 Interessi Passivi e Oneri Finanziari diversi , , ,25 1,94 7 Imposte e Tasse , , ,39 0,14 8 Oneri straordinari della Gestione Corrente , , ,04 0,01 9 Ammortamenti di Esercizio Fondo Svalutazione Crediti Fondo di Riserva TOTALE , , ,95 13,12 SPESA IN CONTO CAPITALE N. Descrizione Intervento Previsione Iniziale Previsione Definitiva Impegnato V. % Impegnato del Programma sul totale per interventi 1 Acquisizione di beni immobili , , ,00 0,66 2 Espropri e Servitù onerose Acquisto beni specifici per realizzazioni in 3 economia Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in 4 economia Acquisizione di beni mobili, macchine ed 5 attrezzature , , ,00 0,13 6 Incarichi professionali esterni Trasferimenti di capitale Partecipazioni azionarie Conferimenti di Capitale Concessione di crediti ed anticipazioni TOTALE , , ,00 0,79 126

15 SPESA CORRENTE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N.7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E SICUREZZA LAVORO Personale Prestazioni di Servizi Trasferimenti Imposte e Tasse Previsione Iniziale Previsione Definitiva Impegnato 127

16 128

DOTE 1 Inserimento Lavorativo

DOTE 1 Inserimento Lavorativo Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Inserimento Lavorativo PREMESSE IL CONTESTO NORMATIVO LA LEGGE REGIONALE 22/2006 Con la Legge Regionale

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Linee di Indirizzo Programmazione biennio 2011-2012 1 INDICE Premessa... 3 1. Dati di contesto provinciale... 4 2. Priorità e obiettivi provinciali:... 6 3. Le risorse

Dettagli

3.4 - PROGRAMMA N.7 - ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO, SICUREZZA LAVORO E PARI OPPORTUNITÀ

3.4 - PROGRAMMA N.7 - ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO, SICUREZZA LAVORO E PARI OPPORTUNITÀ 3.4 - PROGRAMMA N.7 - ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO, SICUREZZA LAVORO E PARI OPPORTUNITÀ AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE GIULIANO CAPETTI RESPONSABILE: LUCIA MARSELLA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

1) Obiettivi e priorità

1) Obiettivi e priorità Dispositivo 1 Interventi per la riqualificazione e la ricollocazione di lavoratori disoccupati, inoccupati e percettori di ammortizzatori sociali (dote training to the job dote training to the stage -

Dettagli

PROGETTO FEG EGF/2011/025 IT ELECTRONIC EQUIPMENT

PROGETTO FEG EGF/2011/025 IT ELECTRONIC EQUIPMENT 1. Premessa PROGETTO FEG EGF/2011/025 IT ELECTRONIC EQUIPMENT PROGETTO RELATIVO AL CASO DI CRISI AZIENDALE DELLA SOCIETA A-NOVO ITALIA SPA DOTE Inserimento Lavorativo AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

DISPOSITIVO 4 PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI PER IL LAVORO E L OCCUPAZIONE ATTRAVERSO LA COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO

DISPOSITIVO 4 PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI PER IL LAVORO E L OCCUPAZIONE ATTRAVERSO LA COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO DISPOSITIVO 4 PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI PER IL LAVORO E L OCCUPAZIONE ATTRAVERSO LA COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO Premessa Il presente dispositivo è redatto sulla base di quanto programmato

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Area Disabilità La politica regionale lombarda in quest area è particolarmente attiva, con servizi ed interventi a carattere educativo, formativo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

GARANZIA GIOVANI IN UMBRIA MARCHE E ABRUZZO

GARANZIA GIOVANI IN UMBRIA MARCHE E ABRUZZO GARANZIA GIOVANI IN UMBRIA MARCHE E ABRUZZO MISURE UMBRIA MARCHE ABRUZZO Misura 1A Accoglienza e informazioni sul Obiettivo minimo: Circa 25.000 giovani tra i 15-29 anni Informazioni disponibili presso

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro...

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020 Allegato 1 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... 2 2.1 Destinatari... 2 2.2 Fasce d aiuto... 2 2.3 Soggetti

Dettagli

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI

Regione Campania APPROVAZIONE AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE DEGLI OPERATORI ALLA ATTUAZIONE DEL PIANO GARANZIA GIOVANI AdIM News testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sala Consilina (SA) al R.G. N. 3/05 del 14.12.05 Finalità Destinatari Attuatori/Beneficiari Scadenza 31 dicembre 2015 La Regione Campania

Dettagli

Relazione del Direttore Generale al Bilancio Previsionale 2015

Relazione del Direttore Generale al Bilancio Previsionale 2015 Relazione del Direttore Generale al Bilancio Previsionale 2015 Novità del quadro normativo (Art. 21, comma b, Statuto di ABF) Il nuovo quadro normativo, derivante in primo luogo dalle prescrizioni della

Dettagli

Piano d azione provinciale

Piano d azione provinciale Piano d azione provinciale 2012-2014 Indice 1. Il contesto socio-economico... 3 2. Il quadro di riferimento... 11 2.1 La Legge regionale 22/2006... 12 2.2 Il Piano d azione regionale 2011-2015... 14 3.

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Regione Puglia Provincia di Lecce Assessorato al Lavoro PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale AVVISO PROVINCIALE PROGRAMMA P.A.R.I 2007 Programma d Azione per il Re-Impiego

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005. Premessa

PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005. Premessa PROVINCIA DI MANTOVA Area Istruzione, Lavoro e Formazione Servizio Provinciale del Lavoro PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005 Premessa

Dettagli

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia!

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! Nota informativa ottobre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! E stato pubblicato il decreto della Regione Lombardia contenente l Avviso della Dote

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano TITOLO PROGETTO ATTREZZISTA MECCANICO ON THE JOB ENTE PROMOTORE, CAPOFILA E PARTNERS PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano ENTE CAPOFILA: A.S.P.

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

Dispositivo 2 Incentivi alle imprese per l assunzione di giovani e disoccupati

Dispositivo 2 Incentivi alle imprese per l assunzione di giovani e disoccupati Dispositivo 2 Incentivi alle imprese per l assunzione di giovani e disoccupati 1) Finalità La Provincia di Bergamo rende disponibili risorse economiche rivolte alla creazione di nuovi posti di lavoro e

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA

LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA ALLEGATO 2 Premessa Le Valli Brembana e Imagna sono oggi tra le aree più problematiche in Provincia di Bergamo, per quanto riguarda l occupazione. La crisi della

Dettagli

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Provincia di Bergamo I servizi dei centri per l Impiego Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Lavoro e Politiche Le Politiche del Lavoro: Mirano a Interventi per regolare le modalità

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014 Maggio 2014 La strategia è rivolta a: prevenire e contrastare la dispersione scolastica e formativa; rafforzare le competenze dei giovani a vantaggio dell occupabilità; favorire le occasioni di efficace

Dettagli

IL PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012

IL PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 IL PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 DOTI DISABILI IN RETE Linee di Programmazione triennale 1 INDICE 1. Il fabbisogno e la situazione del contesto provinciale... 3 2. L esplicitazione degli obiettivi

Dettagli

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Aggiornamenti Professionali Tirocini formativi: approvate le linee guida a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Cambiano le regole dei tirocini

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO APPIANO GENTILE CANTU COMO ERBA MENAGGIO COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI 0 L DELLA PROVINCIA DI COMO Dal 1999

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA Governance Regionale e sviluppo dei servizi per il lavoro Linea 2. Network degli operatori del mercato del lavoro Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla

Dettagli

Carta dei servizi. Servizi al lavoro

Carta dei servizi. Servizi al lavoro Carta dei servizi Servizi al lavoro 1 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Ente proponente presentazione generale... 3 2.1. Formazione professionale... 4 2.2. Servizi al lavoro... 5 2.3. Antidiscriminazione

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO 2012/2013 AVVISO PER I DESTINATARI: AZIENDE E APPRENDISTI

CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO 2012/2013 AVVISO PER I DESTINATARI: AZIENDE E APPRENDISTI CATALOGO PROVINCIALE DELL OFFERTA DEI SERVIZI INTEGRATI PER L APPRENDISTATO 2012/2013 AVVISO PER I DESTINATARI: AZIENDE E APPRENDISTI Approvato con atto dirigenziale n. 2308 del 10 luglio 2012 1. PREMESSA

Dettagli

Iniziativa Garanzia Giovani

Iniziativa Garanzia Giovani Le opportunità da cogliere al volo Evento annuale POR FSE della Regione Toscana Iniziativa Garanzia Giovani Paolo Baldi Direttore Istruzione e Formazione Firenze, 20 Novembre 2015 Quadro comunitario di

Dettagli

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE FORMALE ESTERNA DEGLI APPRENDISTI A FINANZIAMENTO PUBBLICO IN PROVINCIA

Dettagli

Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91

Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91 Dispositivo 3 Interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori in CIGS o in mobilità legge 223/91 1. Obiettivi e priorità Il dispositivo 1 è finalizzato a sostenere la realizzazione di interventi

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2013 Annualità 2013 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Azioni finalizzate all inserimento lavorativo delle persone disabili ai sensi della legge

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia di Bergamo AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE IMPRESE (Invito a manifestare interesse) Domanda di accesso ai contributi

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano QUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO DI COLLOCAMENTO MIRATO DELLE PERSONE CON DISABILITA Responsabile: Cognome:_BORELLINI Telefono: 059-209051 Nome:LUCIANA E-mail:

Dettagli

DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA

DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA Area Delle Risorse Settore Lavoro Formazione Professionale e Pubblica Istruzione PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2015 AVVISO PUBBLICO DOTE LAVORO PERSONE CON DISABILITA 1 Indice 1. FINALITA DELL AVVISO...3

Dettagli

COMMENTO AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014

COMMENTO AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMMENTO AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 Il bilancio preventivo 2014 pareggia 14.846.147 e si riassume nei seguenti valori: RICAVI DELLE VENDITE E DELLE PRESTAZIONI (ricavi progetti autofinanziati, ricavi

Dettagli

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Servizio FAQ Sezione: Domande Generali Aggiornamento del 23 Giugno 2015 1) Chi può aderire al programma Garanzia Giovani? I giovani

Dettagli

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi DISCIPLINA DEI PROFILI FORMATIVI DELL'APPRENDISTATO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA QUALIFICA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE E DEL DIPLOMA PROFESSIONALE AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 2 DEL D.LGS 167/2011

Dettagli

AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE. Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013

AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE. Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013 AGENZIA DEL LAVORO: I SERVIZI PER LE IMPRESE Comunità di Valle delle Giudicarie Tione, 16 maggio 2013 L Agenzia del lavoro L Agenzia del lavoro gestisce l anagrafe dei lavoratori (adempimenti) attua gli

Dettagli

Allegato parte integrante - 1 ALLEGATO 1)

Allegato parte integrante - 1 ALLEGATO 1) Allegato parte integrante - 1 ALLEGATO 1) PIANO DI INTERVENTO PER FAVORIRE IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEI LAVORATORI FRUITORI DI AMMORTIZZATORI SOCIALI E DEI LAVORATORI IN STATO DI DISOCCUPAZIONE DI IMPRESE

Dettagli

Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio INDICAZIONI OPERATIVE

Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio INDICAZIONI OPERATIVE Provincia di Sondrio Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio - Programma d Azione per il Reimpiego di lavoratori svantaggiati - INDICAZIONI OPERATIVE approvate con determinazione del dirigente del settore

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA PROGRAMMAZIONE PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE DEGLI

LINEE DI INDIRIZZO PER LA PROGRAMMAZIONE PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE DEGLI ALLEGATO B ) LINEE DI INDIRIZZO PER LA PROGRAMMAZIONE PROVINCIALE DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE DEGLI APPRENDISTI ASSUNTI IN LOMBARDIA CON CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O DI MESTIERE -

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Il Piano straordinario per il Lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani è parte integrante di una strategia di ampio respiro di rilancio e

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

STATO DI AVANZAMENTO DELLA GARANZIA GIOVANI IN VENETO 23 OTTOBRE 2014. - Santo Romano - Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro

STATO DI AVANZAMENTO DELLA GARANZIA GIOVANI IN VENETO 23 OTTOBRE 2014. - Santo Romano - Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro STATO DI AVANZAMENTO DELLA GARANZIA GIOVANI IN VENETO 23 OTTOBRE 2014 - Santo Romano - Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro La Garanzia Giovani - YEI L iniziativa Europea per l Occupazione

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 13 marzo 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO La rete degli operatori - L.R. 22/2006 Il sistema regionale è composto da

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

1 OGGETTO DELL INTERVENTO 2 LINEA DI INTERVENTO A DISPOSIZIONI SPECIFICHE. 2.1 Destinatari degli interventi

1 OGGETTO DELL INTERVENTO 2 LINEA DI INTERVENTO A DISPOSIZIONI SPECIFICHE. 2.1 Destinatari degli interventi Allegato 1 AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OFFERTA FORMATIVA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DI UNA QUALIFICA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE O DI UN DIPLOMA PROFESSIONALE RIVOLTA AD APPRENDISTI

Dettagli

Regione Piemonte ALLEGATO

Regione Piemonte ALLEGATO Regione Piemonte ALLEGATO alla domanda di accesso al fondo europeo FEG, presentata dal Ministero del Lavoro il 29 dicembre 2011, per interventi sui lavoratori in esubero dell azienda AGILE con sede di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI SEZIONI PRIMAVERA PER L ANNO SCOLASTICO 2008-2009

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI SEZIONI PRIMAVERA PER L ANNO SCOLASTICO 2008-2009 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO VI Formazione e Aggiornamento personale della scuola Prot. 5963 Bari, 26

Dettagli

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 Con la Raccomandazione del 22 aprile 2013 il Consiglio dell Unione Europea ha richiesto agli Stati una riforma strutturale del mercato

Dettagli

L OFFERTA DEI SERVIZI FORMATIVI IN PROVINCIA DI MILANO

L OFFERTA DEI SERVIZI FORMATIVI IN PROVINCIA DI MILANO L OFFERTA DEI SERVIZI FORMATIVI IN PROVINCIA DI MILANO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE incontro del 26 giugno 2012 Assolombarda - Milano 1 L AVVISO DOTE APPRENDISTATO 2012/2013 Approvato con Disposizione

Dettagli

Regione Autonoma Valle d Aosta

Regione Autonoma Valle d Aosta Allegato alla deliberazione della Giunta regionale Regione Autonoma Valle d Aosta Disciplina in materia di tirocini 1 SEZIONE A Art. 1 Finalità, tipologie e destinatari 1. Con il presente provvedimento,

Dettagli

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE DI II GRADO PER LA REALIZZAZIONE E QUALIFICAZIONE

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI PREMESSA:...2 1 LAVORATORI IN MOBILITA, DISOCCUPATI BENEFICIARI DEL SOSTEGNO AL REDDITO, LAVORATORI SOSPESI DICHIARATI IN ESUBERO...3 2. LAVORATORI

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI

PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI PROGRAMMA DI SOSTEGNO AL RAFFORZAMENTO DELLE COMPETENZE ED ALLA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI ISCRITTI AI CPI PROVINCIALI FABBISOGNI RILEVATI, PRIORITÀ' DI INTERVENTO Il documento di ricognizione tecnica

Dettagli

Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro

Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro Nuovi ruoli Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro Roberto Camera Funzionario del Ministero del lavoro Con il decreto legislativo n. 150/2015, in vigore dal 24 settembre 2015, vengono poste

Dettagli

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DGR 748 del 04/10/2013 Regione Lombardia Segretaria Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola - Fulvia Colombini Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola Annalisa Radice Paolo Vieri

Dettagli

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI DI LECCO PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2014-2016. Oltre la crisi

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI DI LECCO PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2014-2016. Oltre la crisi ALLEGATO A) SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI DI LECCO PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2014-2016 Oltre la crisi (Approvato con deliberazione di Giunta Provinciale n. 43 del 25.02.2014) 1) RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi;

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi; Richiamata la convenzione quadro sottoscritta in data 6.7.2007 con il Consorzio di Cooperative Sociali Il Solco del Serio avente per oggetto la co-progettazione e la gestione dei servizi sociali relativamente

Dettagli

FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA

FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA Costruiamo opportunità FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA Da oltre cinquant anni aiutiamo a cogliere le occasioni migliori LA FONDAZIONE ENAIP LOMBARDIA Siamo presenti in Lombardia dal 1951 come struttura coordinata

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE (Cofinanziato con il Fondo Sociale Europeo)

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE (Cofinanziato con il Fondo Sociale Europeo) Allegato A PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE (Cofinanziato con il Fondo Sociale Europeo) ASSE PRIORITARIO III - ISTRUZIONE E FORMAZIONE

Dettagli

Accesso al lavoro delle persone disabili

Accesso al lavoro delle persone disabili Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Seduta del 4 ottobre 2012 Accesso al lavoro delle persone disabili Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLA COSTITUZIONE DEI POLI TECNICO-PROFESSIONALI (triennio 2013/2015)

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLA COSTITUZIONE DEI POLI TECNICO-PROFESSIONALI (triennio 2013/2015) AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLA COSTITUZIONE DEI POLI TECNICO-PROFESSIONALI (triennio 2013/2015) Riferimenti normativi - il D.Lgs. 17 ottobre 2005, n. 226, recante "Norme

Dettagli

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Introduzione 2 1. Il contesto di riferimento 1.1 Riferimenti istituzionali Si inserisce nell ambito della Strategia Europa 2020 e delle

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle

Dettagli

AVVISO PER LA FRUIZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA DEI PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO FORMATIVO 2014/2015

AVVISO PER LA FRUIZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA DEI PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO FORMATIVO 2014/2015 Allegato A AVVISO PER LA FRUIZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA DEI PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO FORMATIVO 2014/2015 1. QUADRO NORMATIVO E REGOLAMENTARE DI RIFERIMENTO

Dettagli

SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA

SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA SERVIZI PER L IMPIEGO E ORIENTAMENTO IN FRIULI VENEZIA GIULIA Evoluzione nelle professionalità e nei sistemi di erogazione dei servizi Carlos Corvino Servizio Osservatorio Mercato del lavoro del FVG, Monitoraggio

Dettagli

PROGETTO IL PONTE. Obiettivi generali

PROGETTO IL PONTE. Obiettivi generali PROGETTO IL PONTE PROTOCOLLO OPERATIVO PER L ATTIVAZIONE E LA GESTIONE DEI PERCORSI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO E DI INTEGRAZIONE LAVORATIVA DEI SOGGETTI CON DISABILITÀ MENTALE LIEVE E MEDIO LIEVE Obiettivi

Dettagli