PROGRAMMA 7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE LAVORO E SICUREZZA LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA 7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE LAVORO E SICUREZZA LAVORO"

Transcript

1 PROGRAMMA 7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE LAVORO E SICUREZZA LAVORO Responsabile: Silvano Gherardi INIZIATIVE ED ATTIVITÀ PIANO DEI SERVIZI DEL SISTEMA EDUCATIVO Definizione dell offerta formativa nelle istituzioni scolastiche e formative Nel 2014, in modo particolare da marzo dopo la chiusura delle iscrizioni, si è proceduto al monitoraggio e valutazione quali/quantitativa dei dati risultanti dall Anagrafe Regionale Studenti ARS (sistema di iscrizione on-line di Regine Lombardia per i percorsi di Istruzione e Formazione professionale IeFP) e Anagrafe Nazionale SIDI (sistema di iscrizione on-line nazionale per i percorsi di Istruzione statale). L analisi dei dati ha consentito di guidare in una lettura prospettica del sistema integrato istruzione e istruzione e formazione professionale e il territorio. La programmazione dell offerta formativa a.s. 2015/2016, così come stabilito dalla Regione Lombardia con delibera n.2259 del 1 agosto 2014 Indicazioni per il completamento delle attività connesse all organizzazione della rete scolastica ed alla definizione dell offerta formativa e termini per la presentazione dei piani provinciali a.s. 2015/2016 è stata definita partire da un analisi complessiva del contesto di riferimento che tenga conto delle richieste che arrivano dal territorio, delle dinamiche socio economiche e del trend demografico, della logistica e dei collegamenti, della composizione del tessuto economico produttivo, dell organizzazione dei servizi complementari. A tal fine dal mese di settembre (scadenza consegna Piani provinciali alla Regione Lombardia 30 novembre 2014), sono stati effettuati incontri di condivisione territoriale per valutare le nuove proposte di percorsi di Istruzione e Formazione e condividere con il tessuto produttivo del territorio rispondendo agli effettivi bisogni delle imprese e di possibili nuovi mercati di riferimento. Con decreto presidenziale n. 77 registrato il 3 dicembre 2014 è stato approvato il Piano provinciale dei servizi del sistema educativo di istruzione e formazione a.s. 2015/2016: organizzazione della rete scolastica e programmazione offerta di istruzione e formazione professionale in DDIF. POLITICHE DEL SISTEMA EDUCATIVO IN UN OTTICA DI VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE UMANO Progetto monitoraggio esiti occupazionali percorso professionale dei Servizi Socio Sanitari Alfine di valutare le opportunità di implementazione nel Piano dell offerta formativa, dell indirizzo professionale per i Servizi Socio sanitari e di valutare le possibilità di rendere maggiormente professionalizzante il percorso, si è proceduto ad attivare un monitoraggio degli esiti occupazionali o delle prosecuzione formative dei diplomati in questo indirizzo negli anni scolastici 2010/2011, 2011/2012 e 2012/2013. Le modalità relative al monitoraggio sono state condivise con i Dirigenti degli Istituti dove risulta avviato il percorso Servizi socio sanitari nonché con i referenti dell Ufficio Scolastico Provinciale. 113

2 Progetto passaggi alunni tra i due sistemi educativi All avvio del 2014 si è condivisa la necessità con l Ufficio scolastico territoriale di definire linee guida per il passaggio tra i due sistemi dall istruzione alla formazione/dalla formazione all istruzione. Si sono succeduti incontri con i referenti di Ambito al termine dei quali è stata predisposta una nota comune da diffondere alle Istituzioni scolastiche e Istituzioni formative. Progetti Istituti Tecnici Superiori e Poli Tecnico Professionali Il Settore, a seguito del bando di Regione Lombardia, ha promosso la costituzione e la partecipazione delle Istituzioni scolastiche e Formative sia nelle Fondazioni per l attivazione degli ITS (Istituti Tecnici Superiori) sia per l attivazione dei PTP (Poli Tecnico Professionali). In provincia di Bergamo sono stati approvati 2 ITS di nuova costituzione che si aggiungono ai precedenti 2 costituiti lo scorso anno. La Provincia ha aderito alla costituzione di 3 Fondazione per l avvio di altrettanti ITS: 1) Fondazione di partecipazione: Istituto Tecnico Superiore Lombardo per le nuove Tecnologie Meccaniche e Meccatroniche 2) Fondazione di partecipazione: Istituto Tecnico Superiore per la Mobilità delle Persone e delle Merci Mobilità Sostenibile 3) Fondazione di partecipazione: Istituto Tecnico Superiore per il Made in Italy. Sono stati attivati tutti gli organismi previsti dalla normativa nazionale: Consiglio di Indirizzo, Giunta Esecutiva e Comitato Tecnico Scientifico a cui i rappresentanti del settore hanno attivamente partecipato. Sono stati infine avviati i percorsi di specializzazione attinenti alle aree per cui le Fondazioni si sono costituite. GESTIONE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE A seguito della sottoscrizione dell Atto negoziale tra Regione Lombardia e Provincia di Bergamo in data 18 maggio 2012 e prorogato al 31 dicembre 2014, il Settore ha supportato la Regione Lombardia nella gestione delle Commissioni d esame per le terze e quarte annualità dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale. In particolare le attività hanno riguardato: la condivisione con Regione Lombardia del decreto degli esami 2014 destinata agli operatori; la condivisone con Regione Lombardia del decreto relativo elenco dei candidati Presidenti Commissioni d esame; l accorpamento delle classi terminali per commissioni e sessioni; l individuazione del Presidente da sottoporre alla Regione per la relativa nomina; la formazione dei Presidenti in collaborazione con Regione Lombardia; la valutazione delle istanze prodotte dai candidati privatisti, individuazione dell Istituzione formativa più qualificata con la relativa trasmissione degli atti, la valutazione dei calendari proposti dalle istituzioni formative; il supporto tecnico in seno alle commissioni; la registrazione nel sistema regionale Ge.Fo dei Presidenti e delle attività delle Commissioni. Sul territorio di Bergamo si sono insediate nelle Istituzioni Formative n. 53 commissioni per valutare n. 136 classi di cui n. 79 del 3 anno (qualifica) e n. 57 di 4 anno (diploma) nelle Istituzioni scolastiche n. 26 commissioni per valutare n. 62 classi di cui n. 36 del 3 anno (qualifica) e n. 26 di 4 anno (diploma) Anche per il 2014 è proseguita la validazione dei verbali d esame al fine dell autorizzazione alla stampa/rilascio dei titoli finali. 114

3 In collaborazione con la Prefettura è proseguita la procedura di legalizzazione dei titoli di qualifica di competenza della Provincia rilasciati ai fini della validazione all estero. Nell ambito della repertoriazione dei titoli finali, rilasciati dalla Provincia, è proseguita l attività di verifica e rilascio della dichiarazione sostitutiva di titolo di studio nei casi di smarrimento.. Dispersione scolastica /Obbligo formativo In considerazione della proroga dell Atto Negoziale la Provincia di Bergamo ha proseguito il coordinamento delle reti territoriali che permettano una ricomposizione delle competenze di orientamento che si concretizzi in azioni efficaci che rispondano alle reali richieste del territorio. Nel 2014 si sono realizzate azioni di: 1) Monitoraggio: - rilevazione dei dati delle scuola secondarie di 1 grado e delle scuole secondarie di 2 grado dei dispersi /non frequentanti - confronto con dati banca dati apprendisti e frequentanti istituzioni formative - attribuzione dei ragazzi dispersi in obbligo di istruzione agli Ambiti di competenza per la relativa presa in carico. 2) Tutoraggio: - Presa in carico dei ragazzi convocati con azioni di accompagnamento specifiche (colloqui orientativi e/o counselling, definizione di percorsi personalizzati con le modalità di alternanza scola/lavoro e/o scuola bottega) con l obiettivo di guidare l alunno in rientro scolastico o formativo o all accompagnamento al lavoro in contesti privilegiati a carattere formativo come l apprendistato o tirocini aziendali formativi/orientativi con scopo assuntivo. In data 18 novembre 2014 si è provveduto alla rilevazione dei dispersi dell anno scolastico 2014/2015. Progetto Successo Formativo Il quadro complessivo delle recenti riforme (riforma della scuola, autonomia didattica, prolungamento dell obbligo di istruzione, introduzione del diritto dovere istruzione e formazione entro il 18 anno di età) pone la promozione del successo formativo come obiettivo prioritario non solo della scuola ma dell intero sistema sociale, assumendo una prospettiva più ampia rispetto al successo scolastico; la formazione viene intesa come risorsa permanente per la crescita di ogni persona con l obiettivo di prevenire l esclusione e di favorire l inserimento sociale e lavorativo. E in quest ottica che il settore nell ambito dell Atto Negoziale della formazione sottoscritto in data 18 maggio 2012 tra Regione e Provincia di Bergamo ha previsto e finanziato uno specifico Progetto per il Successo Formativo che, partendo dalle azioni di vigilanza e tutoraggio svolte dalla Provincia per i ragazzi in dispersione, ha promosso attività orientative e formative dei ragazzi finanziate con il sistema dotale. La scadenza prevista per il 31 dicembre 2013 è stata inizialmente prorogata al 31 marzo e successivamente al 31 dicembre 2014, in particolare il Settore ha stabilito il 30 giugno 2014 quale termine per la scadenze delle attività previste dal Progetto: - percorso formativo personalizzato - laboratori di recupero e sviluppo di apprendimenti alfine di riallineare la preparazione ai livelli qualitativi richiesti dai percorsi in entrata. Alla scadenza si è provveduto alla presentazione della rendicontazione del progetto alla Regione Lombardia, con i seguenti risultati: - coinvolti n. 14 Enti accreditati costituitisi in rete territoriale; - n. 267 utenti di cui n. 62 allievi che hanno abbandonato il percorso formativo intrapreso, 110 a rischio di abbandono e 95 ragazzi della scuola secondaria di 1 grado già oltre l età anagrafica regolare con difficoltà a scegliere percorsi di formazione secondaria; - costo ,

4 Progetto Orientamento L attenzione particolare posta all incontro tra domanda e offerta di lavoro ha portato a delineare nuove politiche per l orientamento. L orientamento è un processo associato alla crescita della persona in contesti formativi sociali e lavorativi; è un attività che deve mettere in grado la persona di ogni età e in ogni momento di transizione della sua vita di identificare i suoi interessi, le sue capacità, le competenze e le attitudini; deve mettere in grado di prendere decisioni in modo responsabile in merito alla formazione, all occupazione e al proprio ruolo nella società. L orientamento pone al centro la persona con le sue specificità e con i propri obiettivi di vita contestualizzandola nel contesto collettivo al fine di promuovere il successo formativo personale e lo sviluppo economico territoriale. In quest ottica il MIUR ha definito le Linee guida nazionali per l orientamento permanente e la Regione Lombardia con DGR del 25 luglio 2014 ha ritenuto opportuno elaborare un sistema regionale dell orientamento permanente, con l obiettivo di: - definire un modello di governance che valorizzi la competenza e gli apporti di tutti i soggetti operanti nel territorio; - identificare i servizi e le azioni che dovranno essere garantite a livello decentrato territoriale; - prevedere lo sviluppo di punti unitari di fruizione da parte del cittadino, coordinati da reti territoriali a livello sub-regionale ( area vasta come definito dalla legge n. 56/2014) che dovranno garantire il più ampio coinvolgimento dei soggetti pubblici e privati; - prevedere requisiti professionali minimi per l erogazione dei servizi e standard minimi di sistema affinché i servizi di orientamento possano caratterizzarsi come offerta pubblica. Con DDUO n in data 1 dicembre 2014, la Regione Lombardia ha definito specifiche priorità strategiche territoriali da definirsi nel corso del 1 semestre 2015, in particolare si dovrà definire e coordinare un sistema locale di orientamento integrato che metta in rete l insieme dei servizi attinenti all istruzione e formazione, alla certificazione delle competenze, al lavoro ed all orientamento; tale rete dovrà coinvolgere i diversi soggetti istituzionali, sociali ed economici del territorio (Università, USR, parti sociali, comuni, scuole, servizi per il lavoro, istituzioni formative, ecc.); dovrà prevedere la dislocazione di più punti territoriali di servizio di riferimento unitario dell intero processo orientativo rivolto ai cittadini. Come per gli anni scorsi inoltre, il Settore ha avviato il progetto di Orientamento integrato in un contesto territoriale di rete costituita da: Provincia, USR-Bergamo, Comune di Bergamo, Camera di Commercio di Bergamo, Confindustria Bergamo, Confartigianato Bergamo e Università degli studi di Bergamo. Il Piano di Orientamento ha offerto una serie di iniziative raccordate e condivise con i partner che hanno l obiettivo di favorire il successo personale e formativo degli alunni nella consapevolezza che una corretta scelta del percorso di studi determini risultati positivi in ambito scolastico e professionale. Il Piano si è articolato in diverse azioni rivolte ai dirigenti scolastici, ai direttori di Istituzioni formative, docenti, genitori, studenti della scuola secondaria di 1 e 2 grado. Nello specifico: 1) azioni info/formative rivolte a tutti i docenti degli istituti di istruzione di 1 e 2 ciclo e degli enti di formazione (n.4 incontri di 4 ore) 2) azioni informative rivolte ai genitori degli alunni classi terze (attivati sul territorio n. 13 incontri per ogni ambito distrettuale) Questi interventi trasversali sono stati integrati da attività specifiche di ogni ente partner della rete territoriale. In particolare il Settore ha: predisposto la stampa di n copie dell Atlante delle scelte 2015/2016 consegnate alle classi terze della scuola secondaria di primo grado tenuto colloqui di orientamento per ragazzi in difficoltà di scelta o per ragazzi in dispersione scolastica. 116

5 PIANO PROVINCIALE DISABILI Nel mese di giugno 2014, sono stati pubblicati gli avvisi per consentire agli enti accreditati di svolgere le azioni relative alla realizzazione dei servizi relativi all inserimento, al mantenimento dell occupazione e all orientamento delle persone appartenenti alle categorie protette. Nello specifico, con Determinazione Dirigenziale n. int. 88 del 20 giugno 2014 sono stati approvati i seguenti avvisi: - n. 1/2014 "Azione di Sistema - Gestione delle reti territoriali - annualità 2014"; - n. 2/2014 "Avviso per la costituzione del catalogo provinciale per l'erogazione dei servizi per le doti lavoro disabili - inserimento lavorativo e sostegno lavorativo" e relativo Manuale Operativo/ gestionale; - n. 3/2014 "Azioni di Sistema: percorsi per l'orientamento scuola/lavoro"; - n. 4/2014 "Azioni di sistema per lo sviluppo di impresa sociale e nuovi rami di impresa"; - n. 5/2014 "Azione di sistema - introduzione di tecnologie assistive". Nel mese di ottobre 2014, con Determinazione Dirigenziale n. int del 21 ottobre 2014, è stato approvato l avviso n.6/2014 Azioni di Sistema per lo sviluppo di una sperimentazione dello strumento convenzionale previsto dall art 14 D.Lgs. 276/2003 nell ente pubblico. Tale progetto è stato predisposto con l obiettivo di sperimentare modalità di assolvimento dell obbligo da parte di enti pubblici utilizzando, in via sperimentale, il modello convenzionale dell art 14, mirato quindi alla facilitazione dell ingresso lavorativo di persone che difficilmente verrebbero inserite nel mercato del lavoro. Per tale avviso, come per i precedenti, è stato predisposto apposito nucleo di validazione che ha proceduto all analisi tecnica del progetto stesso e dei relativi allegati. La gestione del Piano Provinciale Disabili, da parte del coordinamento provinciale, ha comportato: - Monitoraggio dei progetti relativi al catalogo dotale e delle azioni di sistema; - Valutazione ed approvazione, in Sintesi, dei progetti presentati dai vari operatori accreditati al lavoro: nel periodo settembre dicembre 2014 sono stati approvati 821 piani di intervento personalizzato; - Impegno di spesa nei confronti dei soggetti attuatori per la realizzazione dei progetti ammessi e validati per l azione di sistema gestione delle reti territoriali e dei servizi previsti dal catalogo dotale; - Rimodulazione delle risorse economiche a seguito di monitoraggio di progetti presentati/non presentati sul catalogo dotale e sulle azioni di sistema; - Organizzazione, conduzione e partecipazione di riunioni periodiche di coordinamento presso la Provincia con gli enti gestori territoriali; - Partecipazione di riunioni periodiche previste da altre province lombarde e da Regione Lombardia che prevedono la sperimentazione di azioni di sistema condivisibili a livello interprovinciale. L inserimento lavorativo dei Disabili e delle Categorie Protette Alle attività di programmazione del Piano Provinciale Disabili, si sono affiancate le attività legate all applicazione della normativa sul diritto al lavoro dei disabili ai sensi della l. 68/99 con particolare attenzione all ottemperanza e al rispetto degli obblighi assuntivi delle aziende a seguito di verifica dei prospetti informativi pervenuti entro febbraio Sono state inoltre approvate le graduatorie annuali dei lavoratori art.1 e art. 18 comma 2 della L.68/99 per l avviamento presso datori di lavoro pubblici e privati. Nell anno 2014 sono stati controllati in tutto 2570 prospetti informativi inviati dalle aziende con sede legale o unità operative nella provincia di Bergamo. Sono state rilasciate n.123 autorizzazioni all esonero parziale per un introito del Fondo Regionale Disabili di circa ,00 di euro. 117

6 Nell anno 2014 sono stati inoltre rilasciate 439 certificazioni di ottemperanza alla L. 68/99. Sono state stipulate n. 214 convenzioni ex art. 11 L:68/99 e n. 70 convenzioni ex art. 14 D.l.vo n.276/2003. Pur dovendo fare i conti con un contesto economico produttivo particolarmente provato dalla crisi economica gli inserimenti di persone disabili presso le aziende pubbliche e private sono stati 429 contro iscritti disponibili. Catalogo apprendistato 2012/2013 Il Catalogo è stato attivato il 19 giugno 2012 e conformemente a quanto stabilito da Regione Lombardia con DDS 8596 del 18/09/2014 Proroga utilizzo e rendiconto delle risorse trasferite alle Province per la formazione degli apprendisti assunti in Lombardia periodo formativo modifica al dduo n.3322 del 17/04/2012 e ss.mm.ii Regione Lombardia ha stabilito di modificare le Linee di indirizzo di cui al DDUO n del 2012 e successive modifiche ed integrazioni prorogando al 30/06/2015 il termine ultimo per presentare alla Regione dettagliata relazione e rendicontazione. La Provincia di Bergamo ha di conseguenza stabilito di fissare al 31 marzo 2015 il termine di scadenza dell erogazione dei servizi inerenti sia il Catalogo dell offerta dei servizi integrati per l apprendistato Anno formativo , sia l Azione di sistema affiancamento aziende/apprendisti ex art. 4 d.lgs 167/2011. La Provincia nell esercizio delle proprie funzioni di programmazione, coordinamento, regia e autorità di bando ha proseguito nella gestione delle azioni rivolte a : Apprendisti assunti ai sensi dell articolo 16 della legge 196/97 (normativa Treu) in diritto di istruzione e formazione professionale (per l apprendistato minorenni in DDIF, Diritto, dovere, istruzione e formazione, assunti antecedentemente al 02 maggio 2011) ed extraobbligo formativo; Apprendistato professionalizzante ai sensi dell art. 49 del d.lgs 276/03 (normativa Biagi); Apprendisti (Treu e Biagi) che devono proseguire il percorso di formazione esterna o integrata già avviato negli anni precedenti; Apprendisti assunti dal 26 aprile 2012 ai sensi del d.lgs 167/2011 Testo Unico Apprendistato e in particolare l Art. 4 Apprendistato professionalizzante e di mestiere che conferma che la formazione è integrata nei limiti delle risorse disponibili dall offerta formativa pubblica. Sono proseguite le attività di: - validazione dei PIP (Piani d Intervento Personalizzati presentati dagli Enti operatori). Complessivamente sul Catalogo 2012/2013 nell anno 2014 sono stati validati n PIP; - monitoraggio quantitativo con cadenza settimanale del sistema informativo provinciale Sintesi al fine di verificare: 1. lo stato di prenotazione delle diverse tipologie di servizi offerti all interno del Catalogo; 2. lo stato di avanzamento delle attività connesse ai servizi prenotati, al fine di procedere con le eventuali revoche dei servizi non avviati secondo le modalità e tempistiche previste. - supporto nella conduzione di riunioni di coordinamento con gli Enti operatori per la gestione delle attività della Rete Provinciale di cui il Settore è anche Capofila e per la condivisione di interventi operativi; - supporto nella conduzione di riunioni di coordinamento con le Parti Sociali; - istruttoria e gestione delle procedure connesse alla fase di liquidazione (intermedia) delle doti erogate dagli Enti attuatori con conseguente vaglio della documentazione finale dei servizi e pagamento domande di liquidazione presentate dagli Enti erogatori; 118

7 - gestione degli incontri con i responsabili dell Ispettorato del lavoro di Bergamo a continuazione del proficuo rapporto di collaborazione avviato negli anni precedenti per la gestione coordinata di problematiche inerenti l apprendistato; - servizio di spedizione lettere/comunicazioni ad aziende nell ambito dell apprendistato per segnalare obblighi formativi apprendisti neo-assunti; - partecipazione Tavolo tecnico interprovinciale Sintesi; - gestione Call Center e assistenza Azienda/Apprendisti/Consulenti del lavoro/ Commercialisti riguardo la normativa sull apprendistato e sulle procedure di gestione doti; - interfaccia Provincia/Aziende a seguito delle problematiche inerenti la convocazione di apprendisti Treu ai corsi; - attività di partecipazione ai lavori del tavolo tecnico composto dai rappresentanti tecnici provinciali e regionali con il compito di accompagnare l intero processo di realizzazione del sistema dote apprendistato. Azione di sistema certificazione delle competenze in apprendistato Durante il 2014 è proseguito l attività della Provincia nell ambito della suddetta Azione di Sistema volta a definire un modello unico/comune di certificazione delle competenze acquisite dagli apprendisti assunti dalle aziende del territorio. In particolare la Provincia si è occupata sia delle attività di presentazione degli esiti dei lavori alle Parti Sociali (associazione dei datori di lavoro e dei rappresentanti dei lavoratori), sia della predisposizione e sottoscrizione di un Protocollo d Intesa per la condivisione ed il recepimento formali degli esiti del tavolo di lavoro da parte delle Parti Sociali. Azione di sistema affiancamento aziende/apprendisti ex art. 4 D.Lgs. 167/2011 A giugno 2014 si è provveduto alla messa in opera di una micro-sperimentazione rivolta ad Aziende/apprendisti assunti ex art. 4 D.lgs 167/2011, tramite l attivazione di un servizio di affiancamento consulenziale di 10 ore al tutor/formatore aziendale nella Formazione su competenze tecnico-professionali apprendisti. Come anche per il Catalogo Formativo 2012/2013 a seguito di DDS 8596 del 18/09/2014 di Regione Lombardia è stato prorogato al 30/06/2015 il termine ultimo per presentare alla Regione dettagliata relazione e rendicontazione e conseguentemente è stato stabilito di fissare al 31 marzo 2015 il termine di scadenza dell erogazione dei servizi. Nell ambito della suddetta Azione di Sistema, il Settore si è occupato delle seguenti attività: - predisposizione dell Avviso per la presentazione delle candidature; - istruttoria di ammissione e validazione dei progetti presentati; - validazione PIP presentati dagli Enti erogatori. Complessivamente nell anno 2014 sono stati validati n. 128 PIP; - monitoraggio quantitativo con cadenza settimanale del sistema informativo provinciale Sintesi al fine di verificare: lo stato di prenotazione delle diverse tipologie di servizi offerti all interno del Catalogo; lo stato di avanzamento delle attività connesse ai servizi prenotati, al fine di procedere con le eventuali revoche dei servizi non avviati secondo le modalità e tempistiche previste. POLITICHE DEL LAVORO Il contesto economico e sociale del nostro territorio anche durante il 2014 è stato caratterizzato da una forte complessità. La crisi economica ha colpito i soggetti più deboli, le famiglie e i giovani, anche in territori più avanzati, caratterizzati da lavoro e produzione. 119

8 In applicazione del sistema regionale di intervento nel mercato del lavoro che prevede un sistema di governance territoriale, la Provincia ha proseguito nell attività di promozione e sostegno delle reti locali tra soggetti pubblici e privati accreditati alla formazione ed al lavoro, in applicazione di quanto previsto nel Patto per le Politiche Attive del Lavoro L obiettivo prioritario è stata la predisposizione di azioni e strumenti finalizzati all innalzamento del livello di occupabilità dei lavoratori ed al perseguimento di buona occupazione, attraverso un efficace sostegno alle transizioni nel mercato del lavoro. Particolare attenzione è stata dedicata a target di lavoratori a rischio di esclusione sociale. Sono stati implementati interventi di politica attiva del lavoro, anche attraverso l attivazione di reti territoriali, mirati al raggiungimento di obiettivi specifici e personalizzati, in base alle esigenze dei singoli destinatari identificati in base all analisi puntuale e dettagliata del mercato del lavoro territoriale e delle sue specificità, sostenuta dall attività dell Osservatorio provinciale del Mercato del Lavoro. Nell attuale contesto socio economico, caratterizzato da una forte complessità, la Provincia si è posta come soggetto di sviluppo territoriale orientando le risorse disponibili per attivare strategie e strumenti realmente corrispondenti alle esigenze territoriali, in continuo dialogo con gli attori del mercato del lavoro locali. Obiettivo fondamentale è stato quello di creare le premesse per dare continuità nel tempo alla visione di gestione e collaborazione, nel quotidiano confronto con i lavoratori, le imprese e loro rappresentanze, le Organizzazioni sindacali ed i soggetti istituzionali. In particolare nella gestione delle principali situazioni di crisi aziendali, si è proseguito nell azione di governance e di presidio strategico operativo, intervenendo in modo coordinato, organico e tempestivo, non solo sulle condizioni dei lavoratori e delle imprese, ma più in generale del territorio, grazie alla pratica dell integrazione funzionale tra i soggetti politico istituzionali, attori socio economici e operatori dei servizi al lavoro ed alla formazione. In riferimento alle competenze relative agli ammortizzatori sociali si è proseguito, in attuazione della l.r. 22/2006, nell istruttoria degli atti relativi all iscrizione dei lavoratori in lista di mobilità l.223/91. Nel mese di dicembre sono stati numerosi i licenziamenti di lavoratori di aziende sopra i 15 dipendenti che hanno chiesto l inserimento in lista di mobilità, prevenendo l attuazione della Legge Fornero (31/12/2014) che riduce il periodo di permanenza in lista e la connessa indennità. Inoltre si è data attuazione agli Accordi Quadro per gli ammortizzatori sociali in deroga 2014 istruendo e validando numerose richieste di cassaintegrazione in deroga presentate dalle aziende del territorio. Politica attive del lavoro. Atto negoziale nel mese di novembre Regione Lombardia ha autorizzato la proroga al 30 giugno 2015 delle azioni progettuali previste e ne ha concesso la rimodulazione. Pertanto a fine 2014 risultano attive le seguenti misure di intervento: - integrazione dei servizi per il lavoro e l occupazione attraverso la collaborazione pubblico/privato (dispositivo 4): (con determina n del 5/12/2014 ad oggetto proroga e ridimensionamento risorse economiche dei servizi per il lavoro e l occupazione attraverso la collaborazione pubblico/privato - risorsa economica resa disponibile ,00 euro) - sono stati coinvolti n. 396 lavoratori assunti 109 di cui 29 on the Job. Risultano attualmente impegnati ,00 euro per i previsti incentivi all inserimento in somministrazione. - interventi a supporto della riqualificazione dei lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali e disoccupati in situazione di svantaggio: si sono promossi ed attivati numerosi percorsi formativi che hanno consentito l innalzamento del livello di occupabilità di n. 449 partecipanti La risorsa economica assegnata è 120

9 stata totalmente impegnata e con determina n.2642 del 5/12/2014 è stata rifinanziata con euro ,82. - gestione delle crisi aziendali: progetti di outplacement e riqualificazione dei lavoratori. Progetti di ricerca di nuove iniziative imprenditoriali e/o reenginering: la misura di intervento ha consentito l attivazione di quattro progetti ed attualmente presenta un residuo di ,88 euro che comunque risulta totalmente impegnato a favore dell intervento di politica attiva del lavoro nel territorio della Valle Brembana e Valle Imagna. - progetto Euromondo Tirocini all estero: in continuità con l esperienza avviata nel 2013 in collaborazione con l Università del Studi di Bergamo si è provveduto a stanziare euro per l integrazione dell avviso per l erogazione di borse di mobilità a giovani neo laureati. Rete territoriale per la conciliazione Vita - Lavoro è stato presentato il progetto Lavoro e Benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro a valere sull avviso ASL di Bergamo, in riferimento all attivazione della rete territoriale conciliazione vita lavoro, proponendoci quale capofila di un alleanza locale in collaborazione con le Parti Sociali del territorio. Il Progetto è stato finanziato ed è risultato primo in graduatoria. Risorse complessive ,00 euro di cui cofinanziamento Atto negoziale e finanziamento regionale. E stato pubblicato l avviso provinciale a fine dicembre Piano territoriale in materia di politiche giovanili Job In capofila Comune di Bergamo Si sono concluse le attività previste dall intervento. Azioni di Rete per il Lavoro La Provincia ha promosso interventi di politica attiva del lavoro a valere sull Avviso regionale Azioni di Rete per il Lavoro in collaborazione con enti accreditati alla formazione ed al lavoro, istituzioni locali e Parti Sociali, in particolare in alcune aree del territorio provinciale quali la Bassa Bergamasca e l Isola Bergamasca con il progetto P.R.U.A., e in Valle Brembana ha aderito e promosso l attivazione di un progetto finalizzato alla riqualificazione ed alla ricollocazione dei lavoratori della Manifattura Valle Brembana in fallimento. Politiche passive del lavoro Si è proseguito nell istruttoria e validazione delle richieste presentate dalle aziende per l iscrizione dei lavoratori in lista di mobilità l.223/91 nel 2014 sono state istruite e validate 328 richieste per un totale di lavoratori inseriti in lista di mobilità. Per quanto riguarda la cassa integrazione in deroga in riferimento agli Accordi regionali 2014 ed al Protocollo d Intesa sottoscritto dalla Provincia con Regione Lombardia si è provveduto ad istruire e validare n richieste presentate dalle aziende sul sistema informativo regionale GE.FO. Crisi aziendali Si è proseguita l attività di negoziazione e gestione delle principali crisi aziendali del territorio (complessivamente sono state 28) attraverso le modalità condivise con le Parti Sociali ed attuate in questi anni. Osservatorio del Mercato del Lavoro In collaborazione con il Crisp (Centro di Ricerca Interuniversitario per i Servizi di Pubblica Utilità) si sono potute implementare le attività di rilevazione dei dati del Sistema Sil Sintesi. 121

10 E stata redatto e pubblicato il report I Flussi del Mercato del Lavoro anno 2013 e primo semestre 2014, attraverso il quale si sono potute osservare ed analizzare le dinamiche del mercato del lavoro territoriale. Vista la rilevanza di tale attività si è concordato con i referenti del Modello Bergamo di potenziare l attività dell Osservatorio provinciale del Mercato del Lavoro e di condividerne le modalità operative al fine di analizzare puntualmente l andamento del Mercato del Lavoro territoriale per poter rendere maggiormente efficaci le misure di intervento di politica attiva. I dieci Centri per l Impiego e loro coordinamento I Centri per l impiego della Provincia di Bergamo (Albino, Bergamo, Clusone, Grumello del Monte, Lovere, Ponte San Pietro, Romano di Lombardia, Treviglio, Trescore Balneario, Zogno) hanno registrato negli ultimi anni una considerevole crescita di iscrizioni e reiscrizioni alla banca dati e, in generale, di richieste di accesso ai servizi da parte di un numero sempre crescente di lavoratori in difficoltà occupazionale poiché espulsi dal mercato del lavoro o inseriti con forme contrattuali flessibili e precarie. Nell anno 2014 il numero di accessi agli sportelli dei Centri per l Impiego da parte di inoccupati e/o disoccupati che hanno reso la propria disponibilità al lavoro è stato pari a (con un incremento nell ultimo quinquennio del 43%). Nel corso dell anno sono stati erogati colloqui di accoglienza informativa, 1620 colloqui di orientamento individuale e circa lavoratori sono stati coinvolti in colloqui di gruppo volti all approfondimento delle tecniche di ricerca attiva del lavoro, con particolare riferimento ai lavoratori che si apprestano ad entrare a far parte delle liste di mobilità. In qualità di soggetti accreditati all erogazione dei servizi al lavoro in base al sistema di accreditamento regionale (L.R. 22/2006), i Centri per l impiego si sono attivati nella promozione e nella realizzazione degli interventi di politica attiva proposti da Regione Lombardia nell ambito del sistema dotale. In particolare, i Centri hanno registrato positive performances nella prenotazione e gestione delle Doti Uniche Lavoro a vantaggio di soggetti inoccupati e/o disoccupati, nonché nella presa in carico di giovani nell ambito delle misure previste dal programma Garanzia Giovani. In sintesi alcuni dati: Dote unica lavoro: a partire dalla pubblicazione da parte di Regione Lombardia dell Avviso, nell ottobre 2013, i Centri hanno prenotato più di 500 doti rivolte ad altrettanti soggetti disoccupati/inoccupati; di queste, circa 90 sono tuttora in corso e circa 250 sono state concluse p positivamente, ovvero hanno raggiunto il risultato di un inserimento lavorativo di almeno 6 mesi. Garanzia Giovani: a partire dall avvio del Programma Nazionale (1 maggio 2014), sono stati coinvolti nella misura circa 230 giovani fra 16 e 29 anni in cerca di occupazione, ai quali sono state effettuate da parte dei Centri per l impiego più di 160 proposte concrete di tirocinio extra-curriculare e/o di inserimento lavorativo. Parallelamente all attività di incrocio domanda-offerta di lavoro (nel 2014 sono stati preselezionati e segnalati circa candidati a fronte di oltre 950 offerte di lavoro presentate dalle aziende), i Centri per l impiego sono da anni attivi nella promozione e nel tutoraggio di tirocini extracurriculari rivolti a soggetti inoccupati/disoccupati, con rilevanza numerica della fascia giovanile. Nel 2014 sono stati attivati tirocini, di cui circa 400 sono stati nel corso dell anno trasformati in assunzioni con contratto di lavoro subordinato e circa 600 sono tuttora in corso. A partire dal 2013 i Centri per l impiego hanno avviato il Progetto SAP Servizi alla Persona, volto all innalzamento dell efficacia dell incrocio domanda/offerta di lavoro in tema di assistenti familiari e svolto in collaborazione con i servizi sociali degli Ambiti territoriali, dei Comuni e con le realtà del privato-sociale e della cooperazione già attivi sui territori. In virtù di tale progettazione, i Cpi hanno erogato colloqui specialistici a circa 400 candidati/e assistenti familiari, allo scopo di analizzare le loro competenze e valutarne i requisiti professionali al fine dell inserimento nell Elenco qualificato degli assistenti familiari della Provincia di Bergamo (istituito con Deliberazione di Giunta 122

11 Provinciale n. 214 del 18/06/2012). Si sono ricevute ed evase circa 120 richieste di assistenti familiari da parte delle famiglie e ciò ha portato all inserimento lavorativo di circa 60 candidate. Per quanto attiene all attività amministrativa correlata alla segnalazione alle Pubbliche Amministrazioni richiedenti (per lo più Comuni e Istituzioni Scolastiche) di lavoratori appartenenti alle liste di mobilità L. 223/91 per lo svolgimento di Lavori Socialmente Utili presso le stesse (LSU), nel 2014 si sono ricevute circa 730 richieste per la copertura mansioni operaie/impiegatizie, che hanno dato luogo alla segnalazione di circa candidati e l assegnazione definitiva di lavoratori. L erogazione dei servizi specialistici di prevenzione della disoccupazione di lunga durata è spesso stato realizzata attraverso l attività di rete e di collaborazione con gli altri enti e soggetti privati accreditati attivi sul territorio, soprattutto in riferimento all emergenza occupazionale generata dalle principali crisi aziendali del territorio; tale modalità di azione ha trovato compimento nell attivazione di 6 Tavoli Territoriali presso alcuni Centri per l impiego (Bergamo, Albino, Ponte San Pietro, Grumello del Monte, Treviglio e Romano di Lombardia), tramite cui è stata realizzata la presa in carico di lavoratori percettori di sostegno al reddito da parte dei Centri per l Impiego e degli enti accreditati al lavoro, anche favorendo l accesso dei disoccupati alle misure di politica attiva del lavoro messe a disposizione dai dispositivi provinciali e dal sistema dotale lombardo. I Centri per l impiego sono stati coinvolti, nel corso degli ultimi anni, nella pianificazione e nella realizzazione, di concerto con le Organizzazioni sindacali e datoriali e le Istituzioni pubbliche locali ed in partenariato con altri enti accreditati al lavoro, di misure di intervento per la presa in carico e il reinserimento occupazionale di lavoratori in esubero a causa di crisi aziendali e/o settoriali. Ciò si è concretizzato nella collaborazione con vari attori territoriali nella realizzazione di progetti di orientamento, riqualificazione professionale e scouting aziendale in corso in alcune aree, quali la Bassa Bergamasca, l Isola Bergamasca, la Valle Seriana, la Valle Brembana e la Valle Imagna, oltre all area dell Alto Sebino ove si stanno attivando iniziative analoghe. Consigliere di Parità. In attesa di una nuova definizione delle funzioni in tema di pari opportunità e di disposizioni ministeriali in merito all assegnazione delle risorse relative all anno 2014 è proseguita l attuazione dei progetti approvati nei piani di attività precedenti. La funzione è stata svolta dalla consigliera di parità in carica in regime di prorogatio. RISORSE UMANE IMPIEGATE: N. 80 dipendenti e precisamente: n.4 D6 n.1 D6 - n.1 D4 n.1 D3 n.1 D2 n.3 D1 n.13 C5 - n.1 C3 - n.14 B7 n.1 B6 n.3 B5 n.6 B4 n.18 B3 n.5 B2 n.6 B1 n.1 A5 n.1 A4 123

12 3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N.7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E SICUREZZA LAVORO ENTRATE ENTRATE SPECIFICHE DESCRIZIONE Iniziale PREVISIONI Definitiva ACCERTATO * STATO * REGIONE , , ,99 * PROVINCIA * UNIONE EUROPEA * CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO - ISTITUTI DI PREVIDENZA * ALTRI INDEBITAMENTI (1) * ALTRE ENTRATE , , ,88 TOTALE (A) , , ,87 PROVENTI DEI SERVIZI FITTI REALI DI FABBRICATI 400,00 344,00 343,29 TOTALE (B) 400,00 344,00 343,29 QUOTE DI RISORSE GENERALI , , ,79 TOTALE (C) , , ,79 TOTALE GENERALE (A+B+C) , , ,95 (1): Prestiti da Istituti Privati, ricorso al credito ordinario, Prestiti Obbligazionari e simili 124

13 SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N.7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E SICUREZZA LAVORO IMPIEGHI Descrizione Spesa corrente entità (a) % su tot. Spese per investimento entità (b) % su tot. Totale (a + b) V.% sul totale delle spese finali dei Titoli I e II Previsione Iniziale ,00 99, ,00 0, ,00 6,33 Previsione Definitiva ,00 99, ,00 0, ,00 6,51 Impegnato ,95 99, ,00 0, ,95 12,26 125

14 SUDDIVISIONE DELLA SPESA CORRENTE ED IN CONTO CAPITALE PER INTERVENTO PROGRAMMA N.7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E SICUREZZA LAVORO N. 1 Personale , , ,00 1,86 2 Descrizione Intervento Acquisto di beni di consumo e/o materie prime SPESA CORRENTE Previsione Iniziale Previsione Definitiva Impegnato V. % Impegnato del Programma sul totale per interventi 1.732, , ,36 0,00 3 Prestazioni di Servizi , , ,47 0,61 4 Utilizzo di Beni di Terzi , , ,40 0,92 5 Trasferimenti , , ,04 7,63 6 Interessi Passivi e Oneri Finanziari diversi , , ,25 1,94 7 Imposte e Tasse , , ,39 0,14 8 Oneri straordinari della Gestione Corrente , , ,04 0,01 9 Ammortamenti di Esercizio Fondo Svalutazione Crediti Fondo di Riserva TOTALE , , ,95 13,12 SPESA IN CONTO CAPITALE N. Descrizione Intervento Previsione Iniziale Previsione Definitiva Impegnato V. % Impegnato del Programma sul totale per interventi 1 Acquisizione di beni immobili , , ,00 0,66 2 Espropri e Servitù onerose Acquisto beni specifici per realizzazioni in 3 economia Utilizzo beni di terzi per realizzazioni in 4 economia Acquisizione di beni mobili, macchine ed 5 attrezzature , , ,00 0,13 6 Incarichi professionali esterni Trasferimenti di capitale Partecipazioni azionarie Conferimenti di Capitale Concessione di crediti ed anticipazioni TOTALE , , ,00 0,79 126

15 SPESA CORRENTE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA N.7 ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E SICUREZZA LAVORO Personale Prestazioni di Servizi Trasferimenti Imposte e Tasse Previsione Iniziale Previsione Definitiva Impegnato 127

16 128

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

5 fondata sul lavoro

5 fondata sul lavoro 5 fondata sul lavoro In Italia abbiamo 700 mila disoccupati tra i 15-24enni, e 4 milioni 355 mila ragazzi che non studiano, non lavorano, non sono in formazione (c.d. NEET), in grossa parte alimentati

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO 9749 31/10/2012 Identificativo Atto n. 766 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO APPROVAZIONE DEI REQUISITI E DELLE MODALITÀ OPERATIVE PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO REGIONALE

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO UN MANUALE PER CAPIRE PROGETTARE E REALIZZARE L ALTERNANZA LE ESPERIENZE DEL SISTEMA CAMERALE LOMBARDO Alternanza scuola-lavoro: un manuale per capire, progettare e realizzare

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Qualità, merito e semplificazione

Qualità, merito e semplificazione Allegato 1 alla D.G.R. nr. del REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE, ISTRUZIONE E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO POLITICHE DELLA TRANSNAZIONALITÀ DELLA

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 Premessa La Garanzia per i Giovani, presentata nel paper Isfol del 14 giugno scorso (cfr. http://www.isfol.it/primo-piano/una-garanzia-per-i-giovani),

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli