PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Tributi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Tributi"

Transcript

1 Registro generale n del 23/12/2013 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Tributi Oggetto Area Entrate e Affari Generali. Imposta sulle assicurazioni responsabilita' civile autoveicoli (art. 60 D.Lgs. 446/97). Rilevazione contabile ulteriori riscossioni relative a gettito Provincia di Prato competenza esercizio Accertamento d'entrata. Direttore dell Area Bonciolini Rossella Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del D.Lgs n. 82/2005 e s.m.i. e norme collegate, il quale sostituisce il documento cartaceo e la firma autografa; il documento informatico è prodotto, memorizzato e conservato digitalmente ed è rintracciabile nel sistema informativo della Provincia di Prato

2 Determina N del 23/12/2013 Oggetto: Area Entrate e Affari Generali. Imposta sulle assicurazioni responsabilita' civile autoveicoli (art. 60 D.Lgs. 446/97). Rilevazione contabile ulteriori riscossioni relative a gettito Provincia di Prato competenza esercizio Accertamento d'entrata. IL DIRIGENTE Richiamate: la Delibera di Giunta Provinciale n. 92 del avente ad oggetto Direzione Generale e Segreteria Generale. Struttura organizzativa della Provincia di Prato: modifiche ; la Delibera di Giunta Provinciale n. 99 del avente ad oggetto Direzione Generale. Nuova struttura organizzativa approvata con Deliberazione di Giunta Provinciale n. 92 del 5 Aprile Correzione errore materiale. Richiamata la Delibera di Giunta Provinciale n.110 del avente ad oggetto Presa d'atto delle dimissioni volontarie dal servizio del Dirigente dell'area Entrate e Affari Generali Dott. Salvatore Santoro con decorrenza dal (ultimo giorno di servizio ). Indirizzi gestionali per la sostituzione del dirigente dimissionario. ; Richiamata la successiva Delibera di Giunta Provinciale n.168 del avente ad oggetto Unità Organizzative di Staff. Disciplina per il conferimento dell'incarico ad interim dell'area Entrate ed Affari Generali ; Considerato che la Giunta, mediante sopra indicata Deliberazione n.168 del , ha deliberato di rinviare a specifici Decreti del Presidente della Provincia, applicativi di quanto stabilito mediante tale delibera vista l'allegata proposta, il conferimento degli incarichi ad interim di direzione dell'area Entrate e Affari Generali, e pertanto secondo l'articolazione organizzativa, distributiva delle responsabilità di struttura sulla base dell'aggregabilità delle funzioni afferenti ai vari servizi e sulle competenze delle incaricate, determinatasi in occasione dell'affidamento da settembre 2012 a febbraio 2013 dell'incarico di sostituzione del Dott. Santoro: alla sottoscritta Dott.ssa Bonciolini per la direzione del Servizio Tributi e del Servizio Statistico; ad altra dirigente per la direzione dei restanti Servizi dell'area (Servizio Gare, Provveditorato e Acquisti, Servizio Archivio e Protocollo e Servizio Funzioni Ausiliarie); Preso atto del successivo Decreto del Presidente della Provincia di Prato n.33 del che, demandato in applicazione di quanto stabilito all'interno della sopra citata Delibera di Giunta n.168 del , ha conferito l'incarico ad interim alla sottoscritta Dott.ssa Bonciolini della direzione dei Servizi secondo l'articolazione organizzativa come sopra specificata, definita dalla Giunta mediante tale delibera vista l'allegata proposta; Richiamata la Delibera di Consiglio Provinciale n. 29 del di approvazione del Bilancio Annuale di Previsione 2013 corredato della Relazione Previsionale e Programmatica e del Bilancio Pluriennale 2013/2015 avente ad oggetto: "Area Risorse Umane e Finanziarie Bilancio Bilancio Annuale di Previsione 2013 corredato del Bilancio Pluriennale e Relazione Previsionale e Programmatica Approvazione";

3 Richiamata la Delibera di Giunta Provinciale n. 193 del avente ad oggetto Area Risorse Umane e Finanziarie - Piano Esecutivo di Gestione 2013 e Piano Esecutivo di Gestione pluriennale 2013/2015 per la Provincia di Prato parte contabile - Approvazione con particolare riferimento all'obiettivo 2013_05_00_01 Tributi collegati al settore automobilistico del Programma n. 5 Entrate Tributarie Proprie ; Richiamata la Delibera di Giunta Provinciale n. 194 del avente ad oggetto Direzione Generale: Piano Esecutivo di Gestione 2013 parte obiettivi. Approvazione ed in particolare l'obiettivo 2013_05_00_01 Tributi collegati al settore automobilistico del Programma n. 5 Entrate Tributarie Proprie ; Richiamata la Delibera di Giunta Provinciale n. 318 del avente ad oggetto Area Entrate e Affari Generali - Variazione dell'aliquota dell'imposta sulle assicurazioni contro la responsabilita' civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore esclusi i ciclomotori, al netto del contributo di cui all'articolo 6, comma 1, lettera a), del decreto-legge 31 dicembre 1991, n. 419, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 febbraio 1992, n Richiamata la Delibera di Giunta Provinciale n. 154 del avente ad oggetto Area Entrate e Affari Generali. Imposta sulle assicurazioni contro la responsabilita' civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore. Determinazione aliquota. Anno ; Visto l art. 60 c. 1 della Legge n. 446 del 15/12/1997 che stabilisce: il gettito dell imposta sulle assicurazioni contro la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, esclusi i ciclomotori, al netto del contributo di cui all art. 6 c. 1 lettera a), del Decreto Legge n. 419/91 convertito in Legge n. 172/92, è attribuito alle Province dove hanno sede i pubblici registri automobilistici nei quali i veicoli sono iscritti, ovvero, per le macchine agricole, alle province nel cui territorio risiede l intestatario della carta di circolazione ; Preso atto che in base a quanto stabilito dalla suddetta Legge 446/97 art. 60 c. 5 l imposta sulle assicurazioni contro le responsabilità civile spetta alle Province a partire dal primo gennaio 1999; Visto il Decreto del Ministero delle Finanze n. 457/98 pubblicato sulla G.U. n. 303 del 30/12/98 disciplinante il regolamento per l attribuzione alle Province del gettito delle imposte sulle assicurazioni ai sensi dell art. 60 del decreto legislativo 446/97; Visto l art. 9 della Legge 1216/61 (come modificato dall art. 5 della Legge n. 410/97) che stabilisce che: gli assicuratori devono versare all ufficio del registro entro il mese solare successivo l imposta dovuta sui premi ed accessori incassati in ciascun mese solare, nonché eventuali conguagli dell imposta dovuta sui premi ed accessori incassati nel secondo mese precedente. Per i premi ed accessori incassati nel mese di novembre, nonché per gli eventuali conguagli relativi al mese di ottobre, l'imposta deve essere versata entro il 20 dicembre successivo ; Richiamato il Decreto Interministeriale del 15 luglio 2010 avente ad oggetto Estensione delle modalita' di versamento per via telematica, previste dall'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, all'imposta sulle assicurazioni ed ai relativi interessi e sanzioni che stabilisce quanto di seguito esposto

4 le modalita' di versamento delle imposte, dei contributi dovuti all'inps e delle altre somme a favore dello Stato previste dall'art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, si applicano anche ai pagamenti delle somme dovute in applicazione delle disposizioni tributarie concernenti le assicurazioni private ed i contratti vitalizi di cui alla legge 29 ottobre 1961, n. 1216, nonche' al pagamento dei relativi interessi e sanzioni. con risoluzione dell'agenzia delle entrate, da emanare entro trenta giorni dall' entrata in vigore del presente decreto, sono istituiti gli specifici codici per l'attivazione delle nuove modalita' di versamento di cui all'art. 1. Vista inoltre la risoluzione Agenzia delle Entrate n. 109/E del avente ad oggetto Istituzione dei codici tributo da utilizzare per il versamento, tramite modello F24-Accise, dell imposta sulle assicurazioni, del contributo sui premi di assicurazione per RCA e del contributo al Fondo per le vittime delle richieste estorsive e dell usura e delle relative sanzioni che, nel definire i codici tributo sopra citati, specifica ulteriormente i termini di quanto disposto dal decreto del Ministro dell economia e delle finanze del 15 luglio 2010, emanato di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, a seguito del quale le modalità di versamento previste dall articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, sono state estese, ai sensi della lettera h-ter del comma 2 dello stesso articolo, ai pagamenti delle somme dovute a titolo di imposte e di contributi sui premi assicurativi, ferma restando l applicazione delle disposizioni di cui alla legge 29 ottobre 1961, n. 1216, in materia di denuncia, liquidazione e termini. Considerato che, in applicazione di quanto previsto dalla normativa sopra richiamata: gli Assicuratori, tenuti a riscuotere l'imposta sulle assicurazioni contro la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore (Imposta RCA) nei confronti dei contribuenti, devono versare a favore dell'agenzia delle Entrate le somme come sopra incassate mediante trasmissione del Modello F24 Accise da effettuarsi, secondo le procedure stabilite dalla vigente normativa, entro il termine del mese successivo all'avvenuta riscossione delle stesse, ad eccezione che per le somme riscosse nel mese di novembre 2012 per le quali tale termine è fissato al 20 dicembre successivo; l'agenzia delle Entrate è tenuta, il giorno lavorativo successivo all'incasso delle somme riversate da parte degli Assicuratori come sopra indicato, ed alla ricezione dei relativi dati identificativi, secondo le apposite procedure sopra indicate che in applicazione di quanto previsto dalla vigente normativa si conclude entro i 5 giorni lavorativi che seguono la trasmissione del Modello F24 Accise, al versamento delle stesse a favore degli enti beneficiari; Preso atto di quanto previsto dall'art. 35, comma 8, del D.L. n.1/2012 Liberalizzazioni, convertito con Legge n.27 del , il quale stabilisce fino al 31 dicembre 2014 la sospensione del regime di tesoreria unica c.d. mista, di cui all'art. 7 del decreto legislativo n.279/97 e l'applicazione del regime di tesoreria unica c.d. tradizionale, di cui all'art. 1 della legge n.720/84; Preso atto che il citato regime di tesoreria unica c.d. tradizionale è applicabile, secondo quanto previsto dall'art. 35, comma 8, del D.L. n.1/2012 Liberalizzazioni, convertito con Legge n.27 del , fino al 31 dicembre 2014, anche alle province, in quanto detti enti sono compresi nella tabella A allegata alla citata legge n.720/84; Richiamata la Circolare n. 11 del 24 marzo 2012 del Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato la quale stabilisce al paragrafo 5 lettera b che Le entrate spettanti agli enti locali, riscosse con le procedure del versamento unificato di cui al D.Lgs n. 241/1997 (modello F24) ed al provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 3 giugno 2010 prot. 2010/64812 (modello F24 EP) comprensive di interessi e sanzioni, sono accreditate sulle contabilità speciali intestate ai singoli enti, sottoconto fruttifero, a cura dell Agenzia delle Entrate, secondo le modalità e i tempi previsti dalla disciplina dei singoli tributi. ;

5 Richiamata inoltre la nota prot. 2012/53552 trasmessa dall'agenzia delle Entrate Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo all'unione Province d'italia mediante la quale l'agenzia delle Entrate stessa ha provveduto a segnalare, tra l'altro, che le somme riscosse tramite modelli F24 e F24EP a titolo di imposta sui premi delle assicurazion RC auto, spettanti alle Province, saranno accreditate sulle contabilita' speciali intestate alle province medesime, sottoconto fruttifero, aperte presso le sezioni di tesoreria provinciale della Banca d'italia, a decorrere dalle operazioni di ripartizione del 17 aprile 2012; Ricordato che il versamento che gli Assicuratori, tenuti a riscuotere l'imposta sulle assicurazioni contro la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore (Imposta RCA) di competenza della Provincia di Prato nei confronti dei contribuenti, devono effettuare a favore dell'agenzia delle Entrate mediante trasmissione del Modello F24 Accise entro il 20 DICEMBRE 2013 si riferisce alle somme incassate dagli stessi a tale titolo nel corso del mese di novembre 2013, inclusi eventuali conguagli relativi al mese di ottobre 2013; Atteso che: l'imputazione del credito a favore della Provincia di Prato relativo all'ammontare dell'imposta RCA corrisposta dai contribuenti in riferimento ai premi in scadenza nel corso della mensilità di novembre 2013, nonché ad eventuali conguagli relativi al mese di ottobre 2013 ed il cui versamento è dovuto dall'agenzia delle Entrate nei confronti di questa Amministrazione Provinciale a seguito del riversamento che gli Assicuratori sono tenuti ad effettuare a tale Agenzia entro il 20 DICEMBRE 2013, è da effettuarsi a valere sul Bilancio di Previsione 2013; alla data di predisposizione del presente provvedimento; sussiste il credito sopra indicato conseguente alla trasmissione all'agenzia delle Entrate, da parte degli Assicuratori, di F24 Accise con scadenza relativi ad Imposta RCA di competenza della Provincia di Prato; risulta pertanto necessario rilevare contabilmente a valere sul Bilancio di Previsione 2013 il credito complessivo di cui al punto precedente; Preso atto tuttavia che, in considerazione della tempistica relativa al complesso delle operazioni di riscossione e riversamento afferente l'imposta RCA di competenza della Provincia di Prato corrisposta sui premi ed accessori incassati dagli assicuratori nel mese di novembre 2013, nonché ad eventuali conguagli relativi al mese di ottobre 2013, l'agenzia delle Entrate, la quale risulta essere l'ente istituzionalemente preposto al ricevimento dei versamenti da parte degli Assicuratori delle somme dovute alle Province a titolo di Imposta RCA e al riversamento delle stesse a loro favore, risulterà: in possesso, in via definitiva e completa, dei dati dettagliati ad essi relativi in riferimento a questa Amministrazione Provinciale; nonché in grado di effettuare il versamento delle somme ad essi afferenti e conseguentemente dovute a favore della Provincia di Prato; soltanto successivamente al termine della giornata del , in quanto a seguito dell'incasso delle somme riversate da parte degli Assicuratori, nonché alla ricezione dei relativi dati identificativi, secondo la procedura indicata la quale, in applicazione di quanto previsto dalla vigente normativa, si conclude definitivamente al termine del quinto giorno lavorativo che segue la trasmissione del Modello F24 Accise ; Preso atto pertanto che, alla data di predisposizione del presente provvedimento: la mancata disponibilità presso l'ente degli elementi di dettaglio degli F24 Accise con scadenza 20 DICEMBRE 2013 relativi ad Imposta RCA di competenza della Provincia di Prato è esclusivamente conseguente alla tempistica degli adempimenti dovuti dai soggetti esterni competenti connessi al complesso delle operazioni di riscossione e riversamento di tale Imposta; occorre procedere a rilevare contabilmente, a valere sul Bilancio di Previsione 2013, il credito esistente a favore della Provincia di Prato in relazione all'ammontare dell'imposta RCA corrisposta dai contribuenti in

6 riferimento ai premi in scadenza nel corso della mensilità di novembre 2013, nonché ad eventuali conguagli relativi al mese di ottobre 2013, sulla base di dati acquisiti secondo ulteriori modalità rispetto alla ricezione delle risultanze di cui dispone l'agenzia delle Entrate a seguito della trasmissione a tale Agenzia, da parte degli Assicuratori, degli F24 Accise con scadenza 20 DICEMBRE 2013 relativi ad Imposta RCA di competenza della Provincia di Prato; Premesso che l'ammontare dell'imposta RCA accreditata dall'agenzia delle Entrate a favore delle Provincia di Prato e corrisposta dai contribuenti in riferimento ai premi in scadenza nel corso della mensilità di novembre 2012, nonché ad eventuali conguagli relativi al mese di ottobre 2012, il cui riversamento da parte degli Assicuratori a favore di tale Agenzia è stato effettuato nel corso della mensilità di DICEMBRE 2012, con scadenza prevista il , è risultata essere pari ad ,59; Richiamato l'art del Codice Civile dal quale si evince che la durata ordinaria della copertura del contratto di assicurazione risulta essere annuale, salvo espresse proposte modificative da parte dell'assicuratore nei confronti del contraente, da individuarsi quali forme particolari e alternative alla durata annuale e da commisurarsi comunque al contratto con scadenza annuale; Visto che l'art.1, comma 1, della Legge 24 dicembre 1969, n. 990, stabilisce che i veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate se non siano coperti, secondo le disposizioni della presente legge, dall'assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi prevista dall'articolo 2054 del codice civile; Considerato che, sulla base di quanto espresso dalla Cassazione Civile, sez. II, mediante sentenza n 22035, si rileva che: a norma dell art. 1 della legge 24 dicembre 1969, n. 990, è obbligatorio assicurare contro i rischi della responsabilità civile tutti i veicoli a motore senza guida di rotaie, destinati alla circolazione. L art. 2 del regolamento di esecuzione emanato con il d.p.r. 24 novembre 1970, n. 973, ha precisato che sono considerati in circolazione anche i veicoli in sosta su strade adibite ad uso pubblico o comunque aperte alla circolazione del pubblico; dalle citate disposizioni di legge emerge l intendimento del legislatore di garantire la copertura assicurativa contro i rischi della responsabilità civile di tutti i veicoli idonei alla circolazione, a nulla rilevando la circostanza che il veicolo sia lasciato fermo, se in sosta in una strada pubblica o privata aperta alla circolazione del pubblico. Assume evidentemente rilievo la considerazione per cui anche un veicolo in sosta, oggettivamente idoneo alla circolazione, può essere coinvolto in un sinistro ed essere fonte di danni per i terzi; tutti i veicoli, anche se fortemente danneggiati o usurati, devono essere coperti dall assicurazione di cui alla legge n. 990/1969, a meno che non risulti la prova dell assoluta ed oggettiva inidoneità alla circolazione e la loro sostanziale riduzione allo stato di rottame; in senso contrario non rileva il fatto che il veicolo sia rimasto fermo a lungo, parcheggiato su una strada aperta alla circolazione pubblica, né tanto meno la volontà del proprietario di disfarsene, neanche se supportata da accordi assunti con terzi per il prelievo e la demolizione; Vista l edizione di novembre di ANIA Trends, la newsletter mensile dell ufficio studi dell associazione delle imprese assicurative, all'interno della quale, a seguito di rilevazione del totale dei premi emessi nel mese di settembre 2013 relativamente alle polizze in scadenza in tale mese e confronto di tali dati con i corrispondenti valori dello stesso mese del 2012, viene evidenziato che il prezzo medio della copertura assicurativa R.C.A. prima delle tasse è diminuito, tra settembre 2012 e settembre 2013, del -4,8% e si afferma che prosegue quindi la flessione dei prezzi Rc auto già osservata a maggio 2013, quando il premio medio si era ridotto rispetto allo stesso mese del 2012 del -3,4%; Considerato dunque, alla luce delle considerazioni sopra effettuate, che le variazioni all'importo complessivo del credito a favore della Provincia di Prato relativo all'ammontare dell'imposta RCA il cui

7 versamento è dovuto dall'agenzia delle Entrate nei confronti di questa Amministrazione Provinciale corrisposta dai contribuenti in riferimento ai premi in scadenza nel corso della mensilità di novembre fra l'annualita' 2012 e l'annualita' 2013 sono dovute: a)a nuove iscrizioni nel corso del mese di novembre 2013 presso il Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato di veicoli a motore; b)a radiazioni di veicoli a motore dal Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato il cui premio assicurativo è in scadenza nel mese di novembre; c)ad acquisizioni di veicoli a motore, nel corso del mese di novembre 2013, da parte di soggetti residenti nel territorio della Provincia di Prato nei confronti di soggetti non ivi residenti; d)a cessioni di veicoli a motore, il cui premio assicurativo è in scadenza nel mese di novembre, iscritti al Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato a soggetti residenti nel territorio di differenti Amministrazioni Provinciali; e)a nuove collocazioni a fermo di veicoli rispetto all'annualità 2012, il cui premio assicurativo è in scadenza nel mese di novembre, che non risultino in sosta in una strada pubblica, o privata aperta alla circolazione del pubblico o in riferimento ai quali, in caso sostino in una strada di tale tipologia, risulti la prova dell assoluta ed oggettiva inidoneità alla circolazione e la loro sostanziale riduzione allo stato di rottame; f)a variazioni nel prezzo dei premi in scadenza nel mese di novembre da versarsi per la copertura assicurativa prima delle tasse; Visti tra l'altro i dati relativi alle movimentazioni del parco veicoli italiano riportati sulla pubblicazione periodica ufficiale di A.C.I. - Automobile Club d'italia S.p.a. denominata AUTOTREND, con particolare riferimento alle movimentazioni di veicoli avutesi in riferimento al Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato; Considerato che, alla luce dei dati riportati sulla pubblicazioni di ACI di cui al precedente paragrafo, l'ammontare dei veicoli iscritti al Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato secondo le sotto riportate risultanze del sistema Data Mart, messo a disposizione di questa Amministrazione Provinciale dall'automobile Club d'italia secondo quanto previsto dalla Convenzione fra la Provincia di Prato e l Automobile Club d Italia (A.C.I.) per l affidamento delle attività di liquidazione, riscossione, accertamento, irrogazione delle sanzioni, rimborso e contabilizzazione dell'imposta Provinciale di Trascrizione per gli anni dal 2010 al 2014 Veicoli iscritti al P.R.A. della Provincia di Prato alla data del n Veicoli iscritti al P.R.A. della Provincia di Prato alla data del n Veicoli iscritti al P.R.A. della Provincia di Prato alla data del n Veicoli iscritti al P.R.A. della Provincia di Prato alla data del n deriva dalle seguenti movimentazioni: Annualità 2010 Prime iscrizioni 9690 Passaggi di Proprietà al netto di Minivolture Radiazioni 5738 Annualità 2011 Prime iscrizioni 9631 Passaggi di Proprietà al netto di Minivolture Radiazioni 5293 Annualità 2012 Prime iscrizioni 7685 Passaggi di Proprietà al netto di Minivolture Radiazioni 5911

8 Considerato pertanto che: il parco veicoli esistente al termine dell'annualità 2010, pari a unità deriva dalle seguenti transazioni effettuate a partire dal parco veicoli esistente ad inizio 2010 di n unità: prime iscrizioni n.9690, pari al 4,83% del parco veicoli iniziale; radiazioni n.5738, pari al 2,86% del parco veicoli iniziale; passaggi di proprietà che a favore di soggetti residenti fuori provincia sono risultati essere n.3952, pari al 1,97% del parco veicoli iniziale e al 32,62% del totale dei passaggi di proprietà, tali da determinare un parco veicoli finale di n unità; il parco veicoli esistente al termine dell'annualità 2011, pari a unità deriva dalle seguenti transazioni effettuate a partire dal parco veicoli esistente ad inizio 2011 di n unità: prime iscrizioni n.9631, pari al 4,79% del parco veicoli iniziale; radiazioni n.5293, pari al 2,63% del parco veicoli iniziale; passaggi di proprietà che a favore di soggetti residenti fuori provincia sono risultati essere n.2889, pari al 1,44% del parco veicoli iniziale e al 24,61% del totale dei passaggi di proprietà, tali da determinare un parco veicoli finale di n unità; il parco veicoli esistente al termine dell'annualità 2012, pari a unità deriva dalle seguenti transazioni effettuate a partire dal parco veicoli esistente ad inizio 2012 di n unità: prime iscrizioni n.7685, pari al 3,80% del parco veicoli iniziale; radiazioni n.5911, pari al 2,92% del parco veicoli iniziale; passaggi di proprietà che a favore di soggetti residenti fuori provincia sono risultati essere n.2840, pari al 1,40% del parco veicoli iniziale e al 26,87% del totale dei passaggi di proprietà, tali da determinare un parco veicoli finale di n unità; Rilevato e premesso, dunque, che la pressoché invarianza del parco veicoli della Provincia di Prato verificatasi fra il 2010 e il 2011, nonché fra il 2011 e il 2012 deriva: da una turn-over del parco veicoli che risulta comunque essere proporzionalmente limitato rispetto al suo valore complessivo; da una strutturazione dei fattori di movimentazione (nuove iscrizioni, radiazioni, passaggi di proprietà a favore di soggetti residenti fuori provincia) pressoché costante negli anni; Verificato che: il parco veicoli iscritti presso il Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato esistente all'inizio dell'annualita' 2013, e pertanto, prevedendo un pressoché totale assenza di collocazione a fermo degli stessi secondo quanto indicato alla lettera e) del precedente paragrafo, inizialmente soggetti ad Imposta RCA da corrispondersi a favore della Provincia di Prato nel corso della stessa ANNUALITA' 2013, risulta essere pari a n ; la quota percentuale di veicoli che, ad inizio ANNUALITA' 2013, risulta essere soggetta a versamento di Imposta RCA a seguito di pagamento del premio in scadenza nel MESE DI NOVEMBRE 2013 è pari all'8,35% circa, corrispondente a n veicoli, visto che la somma versata a titolo di Imposta RCA dovuta dai contribuenti a favore dell'ente nel corso dell'annualita' 2012 per premi in scadenza nel MESE DI NOVEMBRE 2012 è pari a tale percentuale rispetto al gettito complessivo pervenuto a tale titolo alla Provincia di Prato per la medesima annualità; le radiazioni di veicoli iscritti presso il Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato avvenute fra le mensilità di GENNAIO E NOVEMBRE 2013 incluse ammontano a n. 5191; i passaggi di proprietà al netto di minivolture di veicoli iscritti presso il Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato avvenuti fra le mensilità di GENNAIO E NOVEMBRE 2013 incluse ammontano a n. 8702;; Tenuto conto che, ricordato che la quota di passaggi di proprietà al netto di minivolture a favore di soggetti residenti fuori provincia di veicoli iscritti presso il Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prat, avvenuti fra le mensilità di GENNAIO E NOVEMBRE 2013 incluse, e considerata la struttura precedentemente evidenziata dei fattori di movimentazione del parco veicoli della Provincia di Prato, è pari

9 ad una quota percentuale di circa il 28%, i veicoli iscritti al Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato e ceduto a soggetti residenti fuori provincia in tale periodo ammonta a circa n unità; Ritenuto necessario pertanto dare atto, sulla base dei dati sopra indicati, ipotizzando in via prudenziale che, secondo percentuali superiori alla ripartizione media mensile dell'8,33%: il 15% delle radiazioni di veicoli iscritti al Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato intervenute fra le mensilità di GENNAIO E NOVEMBRE 2013 incluse, pari a n. 778 su 5191; il 20% delle cessioni di veicoli iscritti al Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato a soggetti residenti fuori provincia intervenute fra le medesime mensilità di GENNAIO E NOVEMBRE 2013 incluse, pari a n.522 su 2610; facciano riferimento a veicoli il cui premio di assicurazione abbia scadenza nel mese di NOVEMBRE 2013, che la riduzione potenziale dei veicoli soggetti ad Imposta RCA in tale mensilità rispetto all'ammontare di n esistente ad inizio 2013 risulti pari a n.1300 unità; Rilevato d'altra parte che il prospetto riepilogativo relativo al mese di NOVEMBRE 2013, pervenuto da ACI Automobile Club d Italia mediante il Portale messo a disposizione dell'ente secondo quanto previsto dalla Convenzione fra la Provincia di Prato e l Automobile Club d Italia (A.C.I.) per l affidamento delle attività di liquidazione, riscossione, accertamento, irrogazione delle sanzioni, rimborso e contabilizzazione dell'imposta Provinciale di Trascrizione per gli anni dal 2010 al 2014, riporta un totale di formalità soggette ad I.P.T. di competenza della Provincia di Prato, pressoché totalmente rappresentate da nuove immatricolazioni di veicoli e passaggi di proprietà ad essi relativi, pari a n. 1639; Considerato che, secondo i dati forniti dalla pubblicazione ufficiale di A.C.I. Autotrend, le prime iscrizioni di veicoli presso il Pubblico Registro Automobilistico della Provincia di Prato avvenute nel mese di NOVEMBRE 2013, quota parte delle formalità soggette ad I.P.T. di competenza della Provincia di Prato di cui al prospetto riepilogativo relativo al mese di NOVEMBRE sopra indicato pervenuto da ACI Automobile Club d'italia, ammontano a n. 611; Ricordato, in riferimento alla strutturazione dei restanti passaggi di proprietà al netto di minivolture che si verificano presso il Pubblico Registro Automobilistico, che soltanto una quota pari al 72% si riferisce a passaggi di proprietà dovuti ad acquisizione di veicoli nei confronti di soggetti residenti nella stessa Provincia in cui ha sede il Pubblico Registro Automobilistico; Tenuto conto dunque che la restante quota del 28% delle formalità rappresentative di passaggi di proprietà soggette ad I.P.T. di competenza della Provincia di Prato, approssimativamente pari a n. 289, incluse nel dato complessivo come sopra riepilogato da ACI in riferimento al mese di NOVEMBRE 2013, alla luce di quanto sopra osservato., afferiscono ad acquisizioni di veicoli da parte di soggetti residenti nella Provincia di Prato nei confronti di soggetti residenti fuori Provincia, il cui versamento dell'imposta RCA dovuta a seguito di nuova intestazione a proprio nome di contratto di assicurazione per Responsabilità Civile derivante dalla Circolazione dei Veicoli, risulta essere di competenza della Provincia di Prato; Considerato pertanto che la riduzione potenziale dei veicoli soggetti ad Imposta RCA nel MESE DI NOVEMBRE 2013 rispetto all'ammontare di n esistente ad inizio 2013, precedentemente computata pari a n 1300; risulta parzialmente compensata alla luce delle nuove immatricolazioni, pari a n.611, e delle acquisizioni di veicoli da parte di soggetti residenti nella Provincia di Prato nei confronti di soggetti residenti fuori Provincia, il cui versamento dell'imposta RCA dovuta a seguito di nuova intestazione a proprio nome di contratto di assicurazione per Responsabilità Civile derivante dalla Circolazione dei Veicoli, risulta essere di competenza della Provincia di Prato, pari a n. 288, per una flessione potenziale definitiva pari a n. 400 unità;

10 Atteso dunque, in considerazione di quanto complessivamente sopra esposto e computanto la riduzione potenziale definitiva di n.400 unità, che l'ammontare dei veicoli soggetti ad Imposta RCA nel MESE DI NOVEMBRE 2013 rispetto all'ammontare di n esistente ad inizio 2013 risulta essere pari a n , con una flessione percentuale del -2,38%; Considerato inoltre che, ai fini della definizione del credito a favore della Provincia di Prato a titolo di Imposta RCA, le nuove collocazioni a fermo di veicoli rispetto all'annualità 2012, il cui premio assicurativo è in scadenza nel mese di novembre, che non risultano in sosta in una strada pubblica, o privata aperta alla circolazione del pubblico o in riferimento ai quali, in caso sostino in una strada di tale tipologia, risulti la prova dell assoluta ed oggettiva inidoneità alla circolazione e la loro sostanziale riduzione allo stato di rottame, influenzano la misura del credito stesso in termini minimali; Rilevato pertanto che, a parità di prezzi della copertura assicurativa, l'ammontare dell'imposta RCA che l'agenzia delle Entrate è tenuta a versare a favore delle Provincia di Prato e corrisposta dai contribuenti in riferimento ai premi in scadenza nel corso della mensilità di NOVEMBRE 2013, nonché ad eventuali conguagli relativi al mese di ottobre 2013, risulta essere pari all'importo di ,59 dell'imposta RCA accreditata dall'agenzia delle Entrate a favore delle Provincia di Prato e corrisposta dai contribuenti in riferimento ai premi in scadenza nel corso della mensilità di NOVEMBRE 2012, nonché ad eventuali conguagli relativi al mese di ottobre 2012, ridotto della misura percentuale del -2,38%, per un importo di ,99, e pertanto pari ad ,60; Ricordato inoltre il contenuto dell edizione di novembre di ANIA Trends, la newsletter mensile dell ufficio studi dell associazione delle imprese assicurative, all'interno della quale, a seguito di rilevazione del totale dei premi emessi nel mese di settembre 2013 relativamente alle polizze in scadenza in tale mese e confronto di tali dati con i corrispondenti valori dello stesso mese del 2012, viene evidenziato che il prezzo medio della copertura prima delle tasse è diminuito, tra settembre 2012 e settembre 2013, del -4,8% e si afferma che prosegue quindi la flessione dei prezzi Rc auto già osservata a maggio 2013, quando il premio medio si era ridotto rispetto allo stesso mese del 2012 del -3,4%; Preso atto pertanto che risulta necessario, in via prudenziale, considerare anche la riduzione dei prezzi dei premi assicurativi in scadenza nel mese di NOVEMBRE 2013 rispetto ai premi assicurativi in scadenza nel mese di NOVEMBRE 2012 nella misura media del -4,1%, con una corrispondente flessione percentuale, ad essa conseguente, dell'imposta RCA relativa a tali premi e fra le stesse mensilità; Verificato pertanto in via definitiva che l'ammontare dell'imposta RCA che l'agenzia delle Entrate è tenuta a versare a favore delle Provincia di Prato e corrisposta dai contribuenti in riferimento ai premi in scadenza nel corso della mensilità di NOVEMBRE 2013, nonché ad eventuali conguagli relativi al mese di ottobre 2013, risulta essere prudenzialmente quantificato, in considerazione della riduzione come sopra individuata applicata all'importo precedentemente evidenziato, a parità di prezzi della copertura assicurativa, pari ad ,10, nell'importo di ,50; Considerato che all'ammontare dell'imposta RCA che l'agenzia delle Entrate è tenuta a versare a favore delle Provincia di Prato e corrisposta dai contribuenti in riferimento ai premi in scadenza nel corso della mensilità di NOVEMBRE 2013, nonché ad eventuali conguagli relativi al mese di ottobre 2013, come sopra essere prudenzialmente quantificato in ,50 corrisponde una riduzione percentuale complessiva del -6,38%, pari ad ,09, rispetto alla somma di ,59 dell'imposta RCA accreditata dall'agenzia delle Entrate a favore delle Provincia di Prato e corrisposta dai contribuenti in riferimento ai premi in scadenza nel corso della mensilità di novembre 2012, nonché ad eventuali conguagli relativi al mese di ottobre 2012, il cui riversamento da parte degli Assicuratori a favore di tale Agenzia è stato effettuato nel corso della mensilità di DICEMBRE 2012, con scadenza prevista il ,

11 Ricordato tra l'altro che, che la flessione percentuale complessiva precedentemente verificatasi fra: l'ammontare riversato da parte degli Assicuratori a favore dell'agenzia delle Entrate, nel corso dell'annualita' 2012, corrisposto dai contribuenti a titolo di Imposta RCA in riferimento ai premi in scadenza FINO AL TERMINE DELLA MENSILITA' DI OTTOBRE 2012; l'ammontare riversato da parte degli Assicuratori a favore dell'agenzia delle Entrate, nel corso dell'annualita' 2013, corrisposto dai contribuenti a titolo di Imposta RCA in riferimento ai premi in scadenza FINO AL TERMINE DELLA MENSILITA' DI OTTOBRE 2013; è, calcolata a parità di aliquota di Imposta RCA, pari a circa il -5,00%; Preso atto dunque che, in considerazione di quanto complessivamente sopra esposto, risulta necessario procedere ad accertare l'importo complessivo di ,50 a valere sul Capitolo 6 Imposta sulle assicurazioni responsabilità civile autoveicoli (art. 60 D.Lgs. 446/97) Bilancio di Previsione 2013 a fronte degli importi di competenza della Provincia di Prato a titolo di Imposta RCA che gli Assicuratori sono tenuti a riscuotere nel corso del mese di novembre 2013, inclusi eventuali conguagli riferiti alla mensilità di ottobre 2012, il cui riversamento da parte degli stessi a favore dell'agenzia delle Entrate deve essere effettuato nel corso della mensilità di DICEMBRE 2013 ed entro il ; Visti gli artt. 178, 179, 180 e 181 del D.Lgs. 267/2000; Visto l art. 10 c. 1 del Regolamento di Contabilità della Provincia di Prato relativo al controllo e riscontro sugli atti di accertamento di entrata; Visti gli articoli 33, 34, 35 e 36 del vigente Regolamento di contabilità; Dato atto che con scritture contabili individuate da natura Co-ge DC - Imposta sulle assicurazioni R.C.A. e JC Oneri straordinari della gestione corrente, si da inizio al procedimento di rilevazione concomitante dell operazione in contabilità economica patrimoniale; per quanto esposto in narrativa DETERMINA 1.di accertare l'importo complessivo di ,50 a valere sul Capitolo 6 Imposta sulle assicurazioni responsabilità civile autoveicoli (art. 60 D.Lgs. 446/97) Bilancio di Previsione 2013 a fronte degli importi di competenza della Provincia di Prato a titolo di Imposta RCA che gli Assicuratori sono tenuti a riscuotere nel corso del mese di novembre 2013, inclusi eventuali conguagli riferiti alla mensilità di ottobre 2012, il cui riversamento da parte degli stessi a favore dell'agenzia delle Entrate deve essere effettuato nel corso della mensilità di DICEMBRE 2013 ed entro il ; 2.di trasmettere il presente provvedimento al Responsabile del Servizio Finanziario affinché provveda agli adempimenti di propria competenza, in relazione al presente atto, secondo quanto indicato nel D.Lgs. 267/00 e nel vigente Regolamento di Contabilità della Provincia di Prato; 3.di dare atto della registrazione del presente atto nel Registro Generale delle Determinazioni Dirigenziali dell Ente; DISPONE la pubblicazione del presente atto all Albo Pretorio della Provincia di Prato. f.to IL DIRIGENTE (Dott.ssa Rossella Bonciolini)

12 ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE n 4808 DEL 23/12/2013 Oggetto: Area Entrate e Affari Generali. Imposta sulle assicurazioni responsabilita' civile autoveicoli (art. 60 D.Lgs. 446/97). Rilevazione contabile ulteriori riscossioni relative a gettito Provincia di Prato competenza esercizio Accertamento d'entrata. Accertamento AGENZIA DELLE ENTRATE Capitolo 00006/00 Cod. Min Descrizione Capitolo Oggetto IMPOSTA SULLE ASSICURAZIONI RESPONSABILITA' CIVILE AUTOVEICOLI (ART.60 D.LGS.446/97) IMPOSTA RCA - ULTERIORI RISCOSSIONI GETTITO PROVINCIA DI PRATO - COMPETENZA ESERCIZIO ACCERTAMENTO D'ENTRATA Numero 13/000874/00 Importo ,50 Totale Accertamenti: ,50 VISTO POSITIVO DI REGOLARITA' CONTABILE ATTESTANTE LA COPERTURA FINANZIARIA (art. 151 comma 4, art. 153 comma 5 e art. 147 bis comma 1 del D.Lgs. 267/2000; art. 10 comma 1, art. 33 e art. 42 comma 3 del Regolamento di Contabilità)

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

http://www.normattiva.it/do/atto/export

http://www.normattiva.it/do/atto/export Pagina 1 di 51 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29 settembre 1973, n. 602 Disposizioni sulla riscossione delle imposte sul reddito. Vigente al: 3-9-2014 TITOLO I RISCOSSIONE DELLE IMPOSTE ((Capo

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione Min mi - DAI T - " C F Pro! Ingiesso del 27? renerò 0048973 I'!-'.) SSifrCd G 01 IL Ministro dell'interno Visto l'art. 7, comma 31-ter del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP CHE COS E IL CUP Il CUP (CODICE UNICO DI PROGETTO) è un'etichetta stabile che identifica e accompagna un progetto d'investimento pubblico, sin dalla

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 Modalita' per la pubblicazione dello scadenzario contenente l'indicazione delle date di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi introdotti,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE MOD.COM 4 SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO.. Via - 00..Roma Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 16 e 26

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CULTURA - ISTRUZIONE - SPORT Istruzione - Cultura - Politiche Familiari Proposta nr. 113 del 08/07/2011 - OGGETTO: mostra «FOTOGRAFIA E RISORGIMENTO. TESORI DEI GRANDI MUSEI ITALIANI». Spese per fornitura di immagini digitali. Assunzione impegno di spesa. I L F U N Z I O N

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto;

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto; D.P.C.M. 20 febbraio 2015, n. 29 (1). Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione per il periodo di paga decorrente

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29 Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione

Dettagli

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A VIST A la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante «Nuove nonne in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti ~t201~ e successive modifiche e integrazioni ed, in particolare,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli