CONVEGNO : APPRENDIMENTO IN ETA ADULTA E ICT -Torino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVEGNO : APPRENDIMENTO IN ETA ADULTA E ICT -Torino 24.09.2013"

Transcript

1 CONVEGNO : APPRENDIMENTO IN ETA ADULTA E ICT -Torino APPRENDIMENTO IN ETÀ ADULTA, CONTESTI E RETI Sintesi della Lectio Magistralis del prof. Luciano Galliani ordinario di Pedagogia Sperimentale all Università di Padova e presidente della SIRD-Società Italiana di Ricerca Didattica 1. Apprendimento in età adulta tra contesti formali, non formali e informali Al di là della contraddittoria traduzione italiana (l apprendimento non si eroga!) delle Linee Guida del CEDEFOP, il Glossario pubblicato dalla Comunità Europea (Terminology of education and training policy: a multilingual glossary), dice chiaramente che l apprendimento è un processo con cui un individuo assimila informazioni, idee e valori e acquisisce conoscenza (knowledge, savoir), conoscenza applicata (know-how, savoir-faire), abilità, attitudini e/o competenze (skills, aptitudes and/or competences), che può aver luogo in contesti formali, non formali e informali. La ricerca psico-pedagogica sostiene la continuità dinamica del processo di apprendimento che accompagna l individuo dal context of education (istruzione scolastica e universitaria), dove acquisisce informazioni trasformandole in conoscenza teorica e procedurale, al context of work and profession (formazione professionale e continua) dove applica conoscenze nella pratica e da essa trae conoscenze tacite, fino al context of life ( contenitore educativo permanente) di tutte le esperienze di studio e di lavoro e non solo di quelle libere e self-directed, proprie della vita famigliare e sociale. Non potendo aprire in questo contributo una indagine sui nodi semantici implicati nell istruire, nell educare e nel formare e sul cambiamento di sovraordinazione concettuale avvenuta negli ultimi vent anni a favore della formazione, applicare al contesto (context) le tre caratteristiche di formale, informale, non formale significa non solo riferirsi correttamente agli ambienti di/per l apprendimento (environments), ma soprattutto entrare scientificamente nel merito delle qualità ontologiche e metodologiche dei processi di apprendimento, senza negare l evidenza empirica della possibile compresenza in ogni contesto, anche se con diverso peso, di forme distinte di apprendimento. Quando si usa il costrutto ambiente di/per l apprendimento ci si riferisce alla configurazione spazio-temporale di un luogo fisico o virtuale, intenzionalmente attrezzato (setting) per rispondere ad esigenze formative, attraverso strategie pedagogiche e dispositivi didattici mirati a promuovere, sostenere, direzionare e sviluppare processi di apprendimento. Immediatamente si è portati ad esemplificare con un aula scolastica o universitaria attrezzata tecnologicamente, ma quale differenza vi è con uno spazio/laboratorio didattico di un museo/di una mostra d arte aperto ai visitatori o con una piattaforma e-learning LCMS (Learning Content Management System) per la formazione interna del personale di una grande azienda? Probabilmente nessuna rispetto alla categorizzazione di ambiente di/per l apprendimento, ma sicuramente molte rispetto alla collocazione in tre contesti distinti (formale, informale, non formale) e dunque agli scopi perseguiti e ai metodi utilizzati. 1

2 A configurare un ambiente tecnologico di apprendimento vi sono sicuramente l affordance (Gibson 1986) come opportunità e disponibilità ad agire e la metafora della serratura per la chiave (Baron & Boudreau 1982) ovvero l ambiente per la persona-attore che crea la situazione di apprendimento. Inoltre l attore nell interazione con l ambiente sempre ritaglia una finestra (Mantovani 1995) con cui categorizza, seleziona, interpreta l informazione (apprendimento necessariamente situato ). Ancora, il processo cognitivo come interazione partecipativa tra attori e sistemi fisici e sociali si reifica in artefatti simbolici, culturali e tecnologici. Riteniamo allora più corretto scientificamente e più produttivo empiricamente entrare nel merito della tipologia e della qualità dei processi di apprendimento, considerati in relazione alle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (ICT - Information and Communication Technologies), che hanno innescato mutazioni profonde (molti le chiamano rivoluzioni ) nei processi di produzione, di trasmissione e di acquisizione della conoscenza e della cultura, come anticipava nel 1971, ben prima dell invenzione del PC e di Internet, Lyotard ne La condizione post-moderna. In quanto tessuto connettivo della società i nuovi media hanno messo le persone in condizione di partecipare con creatività e generosità (Shirky 2010 ) ai processi di comunicazione sociale, modificando profondamente anche gli oggetti del sapere, i soggetti dell educazione e i contesti della formazione. Dal 2000 in seguito ad un PRIN Modelli pedagogici, tecnologici e organizzativi di Open Distance Learning e indicatori di qualità, che ha visto la collaborazione delle Università di Padova, Bari, Palermo, Roma Tre, Lecce, Salerno, e a due PON-Fse, sempre con capofila il Dipartimento di Scienze dell Educazione di Padova, il primo con il CUOA di Altavilla Vicentina e l ELEA di Roma-Torino su Open Trainer e metodologie integrate di formazione in rete, e il secondo con il CUOA e il CERISDI di Palermo su Valutazione di efficacia dei processi di integrazione tra formazione, istruzione e mercato del lavoro abbiamo diffuso un modello empirico di ambiente tecnologico di apprendimento integrando nei diversi contesti (scolastico, universitario, di formazione professionale e continua) paradigmi, metodi, strumenti, propri della didattica in presenza, sul campo, on line. In relazione all apprendimento in età adulta il modello integrato di lifelong learning (Galliani, de Waal, 2005) fra contesti di formazione in presenza, nelle azioni lavorative e on line - selezionato fra i contributi scientifici più rilevanti a livello internazionale, presentati nei Convegni annuali di EDEN (European Distance and E-Learning Network) e ripubblicati per il ventennio dell Associazione (Bernarth et alii, 2009) è stato applicato nei corsi ECM della Regione Veneto, nel Master Mundis per i futuri dirigenti scolastici promosso dalla CRUI, nell Alta Formazione per i Docenti dei CTP promossa con la Direzione Regionale della Scuola, nei corsi di laurea on line attivati nella Facoltà di Scienze della Formazione dal e destinati agli insegnanti in servizio nella scuola dell infanzia e primaria (Scienze per la formazione dell infanzia e della preadolescenza) e ai formatori/docenti degli Enti di formazione professionale in collaborazione con l ISFOL (Scienze della formazione professionale). Questa esperienza, unica a livello nazionale, che si completa per molti con la laurea magistrale on line in Teorie e metodologie dell e-learning e della media education, non solo riconosce ed accredita le competenze acquisite nei contesti di lavoro e di vita professionale, ma si fonda su un percorso formativo (contesto formale) integrato tra nuove conoscenze proposte dai docenti attraverso materiali multimediali e confronto critico con tutor e docenti sulle pratiche formative e organizzative condotte nei luoghi di lavoro ( contesto non 2

3 formale), con attivazione di comunità di apprendimento e/o di pratica costruite liberamente dai corsisti e spesso trasmigrate nei Social Software (contesto informale di Facebook e Lindekin). Si integrano così tre tipologie di apprendimento e tre metodologie formative (in presenza, sul campo, in rete). Autonomia e sviluppo personale Formazione in presenza Apprendimento autodirettoe libero individuo adulto esperienza sociale Formazione a distanza Apprendimento riflessivo sulle pratiche Apprendimento trasformativo nell organizzazione Continuità e innovazione delle competenze Formazione sul campo Cambiamento e qualità del servizio Fig. 1: Modello integrato di lifelong learning 2.Reti sociali e ICT Niklas Luhmann (1984) concepisce i sistemi sociali come autopoietici, nei quali l azione è un prodotto della comunicazione: la comunicazione è l unità elementare dell auto-costituzione dei sistemi sociali, mentre l azione ne è l unità elementare di auto-osservazione e di auto-descrizione. Dall organizzazione reticolare dei sottosistemi Pier Paolo Donati (1991) rappresentando la società come sistema che sviluppa relazioni di dipendenza e indipendenza allo stesso tempo e che fa uso simultaneo di unità e diversità e combina reciprocità e simmetria, apre totalmente al paradigma della rete come connessione di contesti formali, informali, non formali di comunicazione e di azione. Ed essendo quella educativa una attività di natura specifica della società relazionale (come quelle economica, politica, religiosa, ecc.) non vi è dubbio che la riflessione pedagogica debba considerare la comunicazione con le sue tecnologie e processuali (Galliani 1979,1989) e le reti sociali (social network) con le loro e e pratiche relazionali nei luoghi reali e virtuali (Galliani 1998, 2004) come oggetti privilegiati di ricerca, ma anche di buone pratiche per il cambiamento. Tanto più che la nuova situazione di partecipazione comunitaria virtuale dei Social Network si è determinata anche come difesa nella disgregazione dei legami sociali, assicurati prima dalle reti 3

4 politiche e istituzionali e dalle loro agenzie di solidarietà, come spiegava Touraine, quasi dieci anni fa ne La globalizzazione e la fine del sociale Ragionare di comunicazione e di reti sociali vuol dire innanzitutto uscire dal determinismo tecnologico, sia nella versione degli apocalittici sia in quella dei guru digitali, perché le ICT innescano l innovazione (Finnegan 1990), ma non ne definiscono né il senso né la direzione. Come sosteneva Carlini (2002) sono sicuramente tecnologie normalizzate quanto al loro uso in tutti i contesti sociali compresi quelli dell istruzione formale, scolastica e universitaria, e abilitanti quanto al coinvolgimento attivo e autonomo nella gestione quotidiana multischermica (Prensky 2006) nei contesti di vita degli individui, in particolare dei nativi digitali. Eppure è ancora faticoso, non solo in ambito pedagogico, entrare in una fase culturale post-informatica in cui spostare il baricentro teleologico dall oggetto-prodotto al soggetto-processo, riconquistando anche le condizioni necessarie a ricomporre le dimensioni istituzionale, relazionale, contestuale e tacita delle azioni formative (Galliani, 2003). Basti pensare ai ritardi e alle contraddizioni, rispetto a quella Europea, con cui stiamo realizzando l Agenda Digitale nel nostro Paese, che oltre tutto è uno di quelli in cui il digital divide è molto forte. Allora il ruolo delle tecnologie va contestualizzato e relazionato alle altre quattro questioni, che hanno di fronte oggi i sistemi educativi: la quantità e la qualità delle conoscenze da insegnare, il rapporto nella formazione tra teoria e pratica verso una didattica per competenze, la personalizzazione dell apprendimento tra diversità e uguaglianza, le identità culturali e l universalismo della scienza nel processo di globalizzazione. Qualcuno, a ragione, le ritiene proprie dell indagine pedagogico-didattica (Damiano), ma sicuramente non sono comprensibili e risolvibili se non ristrutturando il campo della comunicazione educativa e dei suoi processi di produzione dell informazione e delle conoscenze, di trasmissione e acquisizione della conoscenza, di partecipazione autodiretta e libera alla costruzione sociale del proprio apprendimento, di universalizzazione comunitaria delle culture identitarie attraverso la rete. Per avvicinare questo obiettivo occorre liberarsi da due illusioni di autosufficienza. La prima è che le tecnologie, con la loro forza democratica e coinvolgente, possano sostenere da sole processi autoeducativi delle persone, tali da sostituire l istruzione formale. La seconda è che le istituzioni scolastiche e universitarie possano confinare, entro le proprie mura ed i propri setting didattici tradizionali, i processi di apprendimento e le attività di trasmissione delle informazioni e di costruzione della conoscenza, magari introducendo nelle aule e addomesticando anche le tecnologie come storicamente è avvenuto. E necessario, a questo punto della nostra riflessione, togliere ogni possibile equivoco tra le reti sociali del mondo reale tra persone o comunità (Scott 2002) e le reti sociali della virtualità reale (Maldonado 1992, 1997; Levy 1997), che non funzionano in modo parallelo ma integrato, e di come il capitale sociale, inteso come insieme di relazioni e di comunicazioni familiari e comunitarie attivate, possa influire nella costruzione del capitale umano, inteso come insieme di capacità personali che mettono un soggetto in grado di dare senso alla complessità del suo percorso di socializzazione (Scanagatta, 2002). Di esso è componente determinante il capitale culturale (Bourdieu, 1994) accumulato con i risultati di apprendimento (conoscenze, abilità, competenze), acquisiti nella formazione scolastica e accademica e sviluppati nelle (eventuali) esperienze lavorative e professionali. 4

5 Un esempio virtuoso dell integrazione sono le Reti Territoriali di Orientamento per i Giovani (47 progetti) e per gli Adulti (24 progetti) della Regione Veneto, monitorati e valutati nel biennio 2008/09 attraverso un Progetto di ricerca affidato all Università di Padova (Galliani, Zaggia, Maniero, 2009). I 15 ricercatori, da me coordinati, hanno svolto un indagine quantitativa, con questionari e qualitativa, con focus group + visite in loco, sulle Azioni di orientamento, utilizzando indicatori e descrittori di qualità delle pratiche, messi a punto e concordati con la committenza regionale e con i coordinatori dei progetti in un seminario preliminare. Per quanto riguarda gli Adulti le Azioni previste e indagate sono state cinque: 1 Ricerca dell utenza, anche tramite la costituzione di reti di prossimità individuale; 2 Informazione e accoglienza; 3 Orientamento e bilancio e/o ricostruzione del percorso personale e professionale, con tutorato personalizzato; 4 Progetti di pre-formazione per la conoscenza dei diritti di cittadinanza e dei servizi offerti dal territorio; 5 Monitoraggio al fine di verificare l andamento dei progetti e gli esiti delle azioni. Alle 24 reti hanno partecipato 372 partner ( 213 comuni con i loro servizi sociali, 65 enti formativi, 36 sindacati/associazioni di categoria, 6 aziende sanitarie, 52 altri enti, come parrocchie, agenzie interinali, scuole secondarie, ecc.) e 32 enti associati (associazioni immigrati, cooperative, ecc.). Dalla valutazione sono emersi due profili qualitativamente diversi: reti di cooperazione ad alto grado di coordinamento e reti di informazione e collaborazione o reti di adempimento. In esse le ICT hanno giocato con più o meno intensità un ruolo connettivo nelle attività di confronto tra operatori con diverse competenze e di diversi servizi, di programmazione, di suddivisione del lavoro, di circolazione dei materiali, di condivisione di una cultura e di un etica dell orientamento con al centro i soggetti con le loro esigenze (in particolare immigrati, giovani, donne). La condizione per sostenere ambienti tecnologici integrati di apprendimento è l assicurazione di un esercizio professionale delle funzioni di mediazione culturale, di consulenza metodologica e di sostegno all azione formativa da parte di docenti/formatori appositamente preparati. Dopo le buone pratiche del PON sull Open Trainer prima citato, abbiamo attivato nell Università di Padova nel 2004 un Master, in modalità blended, con docenti ed esperti nazionali e stranieri, in cui sperimentare un modello di formazione degli e-tutor (Galliani, De Waal 2005a), 5

6 Competenze socio-comunicative modellazione leadership COMPETENZE OPEN TRAINER / E-TUTOR Competenze strategiche personalizzazione metacognizione autoregolazione coordinamento monitoraggio valutazione accesso selezione contestualizzazione moderazione negoziazione scaffolding emotivo facilitazione istruzione scaffolding cognitivo gestione di risorse multimediali gestione di ambienti interattivi gestione di network Competenze tecnologiche Fig. 2 - Modello delle competenze degli open trainer/e-tutor attraverso la costruzione di tre tipologie di competenze: tecnologiche di gestione delle risorse multimediali (content learning), degli ambienti interattivi (come MOODLE), dei network(interni e territoriali); socio-comunicative di facilitazione dei processi di apprendimento (scaffolding cognitivo), di moderazione dei processi di negoziazione sociale (scaffolding emotivo), di modellazione della funzione di e-tutor (leadership); strategiche di accesso/selezione delle risorse di rete (integrazione dei contesti), di personalizzazione dei percorsi (riflessione metacognitiva), di monitoraggio e valutazione delle azioni formative (coordinamento). Queste ultime, all interno di una strategia autoriflessiva sul percorso di apprendimento, hanno portato alla costruzione di e- Portfolio (Nadin 2008), come strumenti di autoregolazione dei processi di apprendimento e di consapevolezza dello sviluppo delle proprie capacità personali e professionali. 2. Adulti e Reti trans-contestuali Pensare secondo una pedagogia degli ambienti educativi integrati significa allora costruire una metodologia di inter-azioni tra contesti formali, non formali e informali, partendo dalle pratiche comunicativo-sociali quotidiane, che comprendono anche i Social Software secondo i nuovi paradigmi autoriali e collaborativi del Web 2.0, generati dall apprendimento esperienziale (Kolb 1990 ). In questo senso va rovesciata l impostazione metodologica, che sembra dominante anche nelle esperienze formative più avanzate a livello universitario, dove la presenza in YouTube, in itunes o in Facebook di docenti e studenti, è vista con sospetto o addirittura vietata, e nei lodevoli progetti scolastici ministeriali (es: LIM e 2.0), in cui il movimento va dal formale al non 6

7 formale e all informale e non viceversa. E ancora il formale con le sue regole didattiche, linguistiche, contenutistiche, tecniche che ingloba, seleziona, organizza e orienta a fini istruttivi il non formale e l informale e non sono invece le esperienze costruite nelle relazioni sociali della vita quotidiana e soprattutto nelle pratiche comunicative e produttive di artefatti culturali e simbolici a dare senso personalizzante ed empatico a conoscenze, abilità e competenze da condividere e sviluppare insieme per un progetto educativo comune (Galliani 2010) Occorre attivare allora consapevolmente una prima tipologia di rete trans-contestuale tra scuola/università/formazione professionale e territorio nelle sue organizzazioni comunitarie lavorative/culturali/politiche, non solo per ancorare gli apprendimenti a compiti autentici e quindi motivanti, ma soprattutto per rendere palese che l uso del PC (notebook o netbook che sia!) e dei tablet nello studio, nel lavoro e nel gioco così come la frequentazione del Web e il successo degli applicativi sui mobile media, dimostra a tutti che accedere/condividere/costruire informazioni e conoscenze è una attività pratica e non teorica, così come imparare una lingua o fare ricerca scientifica (Galliani 2010). Fig. 3 Modello di competenze socializzate tra scuola e comunità E tutte le attività pratiche o savoirs d action (Barbier 1996) intervengono per risolvere problemi reali, legati alla vita delle persone e delle comunità, con l apertura mentale di chi ritiene che non siano troppo dissimili le abilità di un bravo artigiano, di un grande artista o di un campione di scacchi. La ricerca-azione, che Gruppo di ricercatori dell Università di Padova ha condotto per l IPRASE (Istituto Provinciale Ricerca Aggiornamento Sperimentazione Educativa) di Trento, Didaduezero. Un progetto formativo integrato per la scuola e le comunità del territorio, basato 7

8 sul paradigma di condivisione sociale del Web 2.0, presenta primi risultati sicuramente incoraggianti, ispirati ad un modello di integrazione tra contesti formale, non formale e informale (Petrucco 2010). Una seconda tipologia di rete trans-contestuale tra enti/agenzie di formazione, università, organizzazioni aziendali e distretti produttivi territoriali può innovare dall interno la formazione tecnico-professionale dei lavoratori. Formazione tecnicospecialistica Formazione comunicativo -relazionale PERSONA ORGANIZZAZIONE DISTRETTO Efficacia dei comportamenti professionali, sociali ed etici Formazione organizzativo -sociale Fig. 4 Modello integrato di competenze distribuite La rete può infatti favorire tre interazioni connettive: la prima nella formazione tecnicoprofessionale, fra l apprendimento individuale e autodiretto della persona, caratterizzato dalle competenze tacite, e l apprendimento organizzativo dell impresa, finalizzato alla trasformazione collettiva della conoscenza e alla gestione delle risorse umane verso l innovazione; la seconda nella formazione comunicativo-relazionale, fra lo sviluppo individuale di competenze costruite e cumulate nel processo evolutivo di ogni singola impresa, e le competenze relazionali e di responsabilità sociale, proprie dell apprendimento distrettuale, attraverso comunità di pratiche che condividono storie, valori, regole sociali sedimentate nei comportamenti famigliari e di coesione territoriale; la terza nella formazione organizzativo-sociale, fra le competenze distintive delle singole organizzazioni imprenditoriali e delle relative risorse professionali e la capacità di rapportarsi ad attori esterni alla filiera distrettuale, valorizzando le ICT sia per dinamizzare le relazioni nel contesto locale sia per inserire le conoscenze tacite ed esplicite del distretto entro reti di comunicazione interconnesse ai circuiti dell economia globale. Quello illustrato è il modello di base delle linee guida per la formazione nei Distretti industriali della Regione Veneto, da noi elaborate all interno di un Progetto Equal CRADLE: Proactive cycle for local knowledge qualification District Learning, che ha visto la collaborazione di più enti ed imprese e l indagine sul campo nei distretti turistico-termale di Abano-Montegrotto e industriale-portuale di Marghera- Venezia (Galliani, Zaggia, 2007). 8

9 Una terza tipologia di rete trans-contestuale è quella indispensabile a creare le condizioni positive per sostenere e accompagnare le persone al riconoscimento, validazione e certificazione delle competenze acquisite nei contesti non formali e informali del lavoro e della vita quotidiana. E d obbligo il riferimento alla legge 92/2012 e al successivo decreto n.13 del 16 gennaio 2013 e soprattutto all intesa tra Governo, Regioni ed Enti locali per la promozione e il sostegno alla realizzazione di reti territoriali per l apprendimento permanente. Anche qui però voglio richiamare una precedente azione di sistema della Regione Veneto che negli anni ha finanziato 47 progetti di ricerca (Programma operativo FSE 2007/13 Asse Capitale Umano) per il riconoscimento e la certificazione delle competenze sia negli ambiti di apprendimento non formali e informali (linea B) che negli ambiti di apprendimento formali (linea A), che hanno coinvolto oltre destinatari finali e ai quali hanno collaborato circa operatori di oltre 700 organizzazioni del sistema istruzione, formazione, lavoro. Come Università di Padova siamo stati titolari due Progetti (e partner in altri tre): MOIRC-Modello Operativo Integrato per il Riconoscimento e la Certificazione delle Competenze (Linea B) e Progettazione e sperimentazione di strumenti per la validazione e certificazione delle competenze nei corsi di laurea universitari di secondo livello (linea A) in collaborazione con analoghi Progetti dell Università Ca Foscari di Venezia per le lauree di primo livello e dell Università di Verona per i Master. Non essendo possibile dare conto dei progetti, rinvio ai due volumi pubblicati nel 2011 (Galliani, Zaggia, Serbati). Mi interessa però evidenziare tre risultati delle ricerche condotte: la progettazione e la sperimentazione di un modello di bilancio e di portfolio delle competenze per adulti che vogliono entrare nei percorsi formali; la progettazione e sperimentazione delle procedure di accompagnamento per la validazione dei saperi esperienziali; la stesura di linee guida per l accreditamento e la certificazione delle competenze e l attivazione di Centri per l Apprendimento Permanente nelle Università. La Regione del Veneto ha emanato il 28/12/2012 le Linee guida per la validazione di competenze acquisite in contesti non formali ed informali, in cui si confermano molti dei nostri modelli e delle nostre pratiche di ricerca-azione. Come potranno queste reti territoriali e trans-contestuali funzionare senza pratiche consolidate nei servizi pubblici e associativi di uso delle ICT e in particolare dei social network autoriali e partecipativi? Allora il vero e grande piano nazionale che manca a questo Paese è un azione educativa generalizzata e coordinata di Digital Literacy (Commissione Europea 2006, Rivoltella 2008) o meglio di New Media Literacy (Jenkins, 2006) che colleghi i contesti formali, non formali e informali. Nella Raccomandazione della Commissione Europea quella digitale viene ritenuta una delle sei competenze chiave per il Life Long and Wide Learning e si manifesta nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell informazione per il lavoro, il tempo libero, la comunicazione. Essa è supportata da abilità di base nell ICT e nell uso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni, nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet. Nella prospettiva indicata da Jenkins di una cultura convergente tra vecchi e nuovi media, che interagiscono in modi imprevedibili nella produzione e nel consumo, e di una cultura partecipativa di affiliazione e cooperazione paritaria, c è una maggior enfasi sulla literacy in quanto pratica sociale e collettiva piuttosto che individuale; sull imparare a collaborare e scambiare 9

10 conoscenza con gli altri. Da qui l indicazione delle 11 nuove competenze culturali e abilità sociali che spostano il focus dall individuo alla comunità: gioco (fare esperienza ludica di ciò che circonda); simulazione ( costruire/usare modelli dinamici dei processi reali); performance (saper impersonare diverse identità); appropriazione (campionare e miscelare contenuti); multitasking (scansionare fonti multimediali di informazione); conoscenza distribuita (interagire con gli altri); intelligenza collettiva ( essere membri attivi di comunità); giudizio (riconoscere affidabilità e credibilità di fonti e persone); navigazione transmediale (muoversi nella molteplicità degli ambienti tecnologici e degli applicativi); networking (cercare e disseminare informazione in rete); negoziazione ( riconoscere e gestire la molteplicità delle prospettive). L innovazione pedagogica e metodologica che si propone non è solo quella di partire dagli apprendimenti propri dei Social Software nei contesti informali, ma di integrare i paradigmi comunicativi della multimedialità linguistica, della interattività autoriale e della virtualità sociale (Galliani 2006) mettendo in guardia i nativi digitali (Ferri 2011) dai rischi rispettivamente: di non saper più riflettere prima di scegliere, di andar perdendo nella scrittura condivisa le proprietà di linguaggi sempre più sofisticati e specialistici e di vivere Alone Togheter (Turkle 2010) presentandosi in rete con identità insostenibili. La multimedialità interattiva di Rete può diventare il nuovo ambiente di sintesi delle comunità di apprendimento, integrato tra contesti di studio, di lavoro e di vita soltanto se insegnanti, educatori, formatori, operatori culturali e sociali, così come genitori e famiglie in cui avviene la prima domesticazione dei media (Silverstone 1994), non vengono lasciati soli, senza formazione specifica. Un piano nazionale di Digital Literacy e New Media Literacy deve essere accompagnato da una politica pubblica di sostegno alle reti sociali (Social Network), con particolare attenzione agli adulti e ai gruppi di disagiati e minoritari, e non solo ai luoghi istituzionali/formali dell integrazione tra reale e virtuale. L implementazione dell Agenda Europea per l Apprendimento in età adulta può essere una occasione, con il prezioso contributo dell ISFOL, per mettere in sinergia le evidenze empiriche delle ricerche e i positivi risultati dei progetti e delle esperienze condotte nelle Regioni e nei territori provinciali, con il fine di non continuare a fare sperimentazioni parziali, ma operare scelte comuni a livello istituzionale. Un Piano nazionale di Digital Literacy deve collegare Scuola, Università, Formazione Continua ed essere inserito come priorità nell Agenda Digitale italiana. E il solo modo per uscire dagli ultimi posti delle classifiche degli adulti in formazione, ma anche dell accesso ad Internet e dell uso delle ICT nel sistema dell istruzione scolastica e superiore. Se non riusciremo anche in questo ambito a fare sistema il nostro continuerà ad essere un Paese perduto. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Barbier. J.M. (1996), Savoirs theoriques et savoirs d action. Paris: PUF Baron, R.M. & Boudreau,L.A. (1987). An ecological perspective on integratine personalità and social psychology, Journal of Personality and Social Psychology, 53,

11 Bernarth U., Szucs A., Tait A., Vidal M.(Ed.) (2009), Distance and E-Learning in Transition, London: Iste-Willey Bourdieu, P. (1994), Raisons pratiques. Sur la théorie de l action. Paris: Seuil Carlini, F. (2002), Divergenze digitali. Conflitti, soggetti e tecnologie della terza Internet, Roma: Manifestolibri Castells M. (1996), La nascita della società in rete, Milano: Egea- Università Bocconi (2002) Donati, P. (1991), Teoria relazionale della società. Milano: F. Angeli Finnegan, R. (1990), La fine di Gutemberg. Firenze: Sansoni Ferri, P. (2011), Nativi Digitali, Milano: Bruno Mondadori Galliani L., Zaggia C., Serbati A. (2011), (a cura di), Apprendere e valutare competenze all'università. Progettazione e sperimentazione di strumenti nelle lauree magistrali. Lecce:Pensa MultiMedia Galliani L. (2009) (a cura di), Formare in rete, Napoli, Tecnodid Galliani L., Zaggia C., Serbati A. (2010), (a cura di), Adulti all'università. Bilancio, portfolio e certificazione delle competenze. Lecce: Pensa MultiMedia Galliani L., Zaggia C. (2007) (a cura di), Progetto Equal C.R.A.D.L.E - Competenze tacite, apprendimento organizzativi e comportamenti etici nei distretti veneti. Lecce: Pensa Multimedia Galliani L., Zaggia C., Maniero S., (2009) Valutare l orientamento, Lecce, Pensa MultiMedia Galliani, L. & De Waal, P. (2005), Learning Face-to-Face, In action and On-line: Integrated Model of Lifelong Learning, European Distance and E-learning Network Proceedings, Helsinky: EDEN Galliani, L. & De Waal.P. (2005a), Verso un nuovo modello didattico per la formazione degli e- tutor, Atti del 2 Congresso Nazionale della Società Italiana di e-learning (Sie-L), Firenze Galliani, L. (1979), Il processo è il messaggio. Bologna: Cappelli Galliani, L. (1989), A Pedagogic Model of Multi-Mediality, EMI-Educational Media International, Official Quartely Journal of ICEM, 26, Galliani, L. (1998), Comunicazione e didattica, Studium Educationis, vol. 4, Galliani, L. (2003), Il concetto di e-learning in ambito psico-socio-pedagogico, in P. Botta ( a cura di ), Capitale umano on line: le potenzialità dell e-learning nei processi formativi e lavorativi. Milano: Isfol-F.Angeli Galliani, L. (2004 a) La scuola in rete. BARI: Laterza, p Galliani, L. (2010). Prefazione a Petrucco C., Didattica dei social software e del web 2.0. Lecce: Pensa Multimedia Gibson, J.J. (1986). The ecological approach to visual perception, Hillsdale- New york: Erlbaum Gubitta P. (2012) Il lavoro imprenditoriale nell era dell accesso. In Economia e Società Regionale, 116 (2), Jenkins, H. (2006), Cultura convergente. Milano: Apogeo Kolb D. A. (1984) Esperiential Learning. Experience as the source of learning and development, Prentice Hall, New Jersey Levy, P. (1997), Il virtuale. Milano:Raffaello Cortina Luhmann, N. (1984), Sistemi sociali. Fondamenti di una teoria generale. Bologna: Il Mulino 1990 Lyotard, J.F. (1971), La condizione post-moderna, Milano:Feltrinelli 1981 Maldonado, T. (1997), Critica della ragione informatica. Milano:Feltrinelli Maldonado, T. (2007), Reale e virtuale. Milano:Feltrinelli (1 1992) Mantovani, G. (1995), Comunicazione e identità. Dalle situazioni quotidiane agli ambienti virtuali. Bologna: Il Mulino 11

12 Marini D. (2008), Fuori dalla media. Percorsi di sviluppo delle imprese di successo (ed.), Venezia, Marsilio Nadin, A. (2008), Autovalutazione in rete. Uso del portfolio nella formazione post-lauream, Tesi di Dottorato in Scienze Pedagogiche, Università di Padova, a.a Petrucco, C. (a cura di) (2010), Didattica dei Social Software e del Web 2.0, Padova: Cleup Prensky, M. (2006), Mamma non rompere. Sto imparando, Roma:Multiplayer 2008 Rivoltella, P.C. (Ed) (2008), Digital Literacy. Tools and Methodologies for the Information Society. Hershey Pennsylvania: Idea Group Inc. Scanagatta, S. (2002), Socializzazione e capitale umano. Padova: Cleup Scott, J. (2002), L analisi delle reti sociali, Roma: Carocci Shirky, C. (2010), Surplus cognitivo. Creatività e generosità nell era digitale, Torino: Codice edizioni Touraine A. (2008), La globalizzazione e la fine del sociale, Milano, Il Saggiatore 12

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Metodologie integrate (in aula, in rete, sul campo) per la formazione continua degli insegnanti

Metodologie integrate (in aula, in rete, sul campo) per la formazione continua degli insegnanti Metodologie integrate (in aula, in rete, sul campo) per la formazione continua degli insegnanti 1. Introduzione Nella società conoscitiva, come viene delineata nel Libro bianco delle Comunità Europee,

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo Quali strategie possono essere applicate con successo nel Life Long Learning, tenendo conto degli scenari attuali? Emerge

Dettagli

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE 1 Per non perdersi. Il percorso di oggi Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE Terza parte VALUTARE LE COMPETENZE 2 COMPETENZA Definizione del costrutto

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli