I sistemi di controllo supervisivo e acquisizione dati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I sistemi di controllo supervisivo e acquisizione dati"

Transcript

1 I sistemi di controllo supervisivo e acquisizione dati Maurizio Pedraglio Corso di Automazione Industriale Prof. Luigi Piroddi A.A. 2005/2006

2 Obbiettivi del seminario le problematiche connesse al controllo Richiami su supervisione, controllo controllo Limiti dei sistemi convenzionali e scopi dell integrazione nell A.I. utilità e limiti + Demo

3 Automazione e controllo controllo Obbiettivo principale: progettare e rendere operativi i dispositivi di controllo destinati all automazione di un sistema complesso Obbiettivi correlati: ottimizzare l uso delle risorse aumentare l efficienza del ciclo produttivo ( = diminuirne l inefficienza) Gli strumenti utilizzati: tali da valutare le prestazioni del sistema attraverso l'analisi con modelli formali, ricorrendo all utilizzo di strumenti e metodi matematici/informatici 3/40

4 Lo stato del sistema impianto (I) controllo La descrizione del, affrontata in questi termini, fa riferimento al concetto di stato Lo stato esprime la configurazione dell impianto in un determinato istante temporale: conoscere lo stato significa conoscere i valori assunti da ciascuna variabile di processo Ogni variabile è associata ad un entità che il progettista ritiene indispensabile ai fini di poter pianificare adeguatamente l azione di controllo Lo stato On/off di un interruttore Il valore di corrente I = 20 ma che attraversa un resistore La temperatura T = alta di un riscaldatore 4/40

5 Obbiettivi del controllo e del controllo remoto Per vari motivi può essere opportuno operare un controllo remoto, cioè tale da separare l entità controllore e l entità impianto non solo dal punto di vista concettuale ma anche dal punto di vista fisico controllo Target industriale Pos. Controllore Pos. Impianti Catena montaggio Sala controllo Reparto di produzione Produzione energia Centrale Sala macchine Raffineria Centro di controllo Porti, coste marittime Distanza [m] Controllore-Impianti ~10 2 ~10 3 ~10 6 5/40

6 Problematiche connesse controllo I problemi 1. come acquisire informazioni sullo stato attuale? 2. come utilizzare queste informazioni per determinare lo stato futuro? 3. come verificare l esito del controllo automatico? 4. determinato lo stato futuro, come si interviene sull impianto per portarlo fisicamente in tale configurazione? 5. come separare l unità di controllo dall impianto? Le soluzioni 1. sistemi di acquisizione dati 2. sistemi di controllori (PID, PLC, Rtu, ) 5. controllo remoto 6/40

7 Il controllo, la supervisione e il controllo 1. sistemi di acquisizione dati raccogliere uniformemente tutte le informazione provenienti dall impianto (l informazioni è contenuta nelle variabili) 2. sistemi di valutare e programmare azioni di controllo 3. fornire una visione d insieme sullo stato dell impianto (ad un operatore, ad altri sistemi automatici, ecc ) per gestire situazioni particolari 4. controllori (PID, PLC, Rtu, ) realizzare fisicamente l azione di controllo per modificare lo stato dell impianto 5. controllo remoto separare fisicamente, quando necessario, gli elementi sopra descritti Raccogliere tutto in un solo strumento? Parliamone 7/40

8 Visione d insieme d (I) controllo Lo strumento dovrebbe poter consentire di realizzare, in un unica entità, il, la supervisione, il controllo e il controllo remoto Occorre ricordare che al crescere delle dimensioni del processo (ad esempio in termini topologici o in termini di complessità) aumenta il numero delle variabili in gioco. Lo strumento dovrà gestire un numero di segnali che cresce con il crescere delle dimensioni del processo 8/40

9 Visione d insieme d (II) controllo Le problematiche si fanno tanto più critiche quanto: la misura è difficile (costi, disponibilità, precisione) maggiori sono le variabili da controllare, i dispositivi da comandare, i comportamenti da inibire più difficoltoso risulta estrapolare un informazione significativa a partire dalle risposte degli impianti (es: per la creazione di S.E.) 9/40

10 Il passo 0 :: acquisire le misure (I) controllo La disponibilità di una misura ha estrema rilevanza nell ottica del controllo poiché contiene dell informazione sullo stato dell impianto (ricordare, in questo contesto, l importanza di conoscere lo stato) Possiamo misurare con gli strumenti classici (esempio: oscilloscopio), con una serie di problemi non indifferenti: condizionamento e filtraggio conversioni A/D memorizzazione e visualizzazione on-line assenti report realtime (es: stampa su carta) assenti visualizzazione in momenti successivi difficoltosa 10/40

11 Il passo 0 :: acquisire le misure (II) controllo Il segnale acquisito secondo il precedente schema è utilizzabile ( utile!); deve inoltre essere: verificato interpretato documentato Lo strumento di misura classico è dotato di caratteristiche intrinseche, tutt altro che apprezzabili: costi necessità di calibrazione scarsa interfacciabilità scarsa portabilità Soluzione: i D.A.S. 11/40

12 D.A.S. (I) controllo I sistemi di acquisizione dati, presentano il vantaggio di integrare in un solo strumento tutta l elettronica necessaria ad acquisire e misurare un segnale. In particolare: il condizionamento e il filtraggio sono realizzati dallo strumento la conversione AD è anch essa interna (maggiore f e affidabilità) presenza di memorie di massa con capacità elevate (dimensioni e prestazioni) visualizzazione on line report realtime playback (analisi dei dati, statistiche, grafica 2D,3D,4D) La diffusione dei calcolatori nell industria (avvenuta dopo gli anni 70) ha fatto si che l architettura più ricorrente di un D.A.S. è costituita da PC + schede di acquisizione (PCI o USB) o PC + box di acquisizione 12/40

13 D.A.S. (II) controllo I D.A.S. sono strumenti concepiti e progettati per eseguire delle misure; non era inizialmente previsto che potessero eseguire anche azioni di controllo I D.A.S. attuali si appoggiano abbondantemente sui calcolatori: si osserva infatti che fra tutte le funzionalità di un D.A.S., buona parte di esse sono realizzate direttamente PC: il condizionamento e il filtraggio sono realizzati dallo strumento la conversione AD è anch essa interna (maggiore f e affidabilità) presenza di memorie di massa con capacità elevate (dimensioni e prestazioni) visualizzazione on line report realtime playback (analisi dei dati, statistiche, grafica 2D,3D,4D) I motivi sono fondamentalmente due: 1. Il costo attuale dei PC 2. La qualità dei software di acquisizione/controllo che possono essere installati su un PC 13/40

14 D.A.S. (III) controllo Le Schede (o i Box) presentano numerose uscite (sia AO sia DO) che possono essere sfruttate per comandare dei dispositivi e realizzare quindi il controllo È necessario che sul PC sia installato un software in grado di decidere le opportune azioni di controllo (il PC funziona da controllore per mezzo del software) (Attualmente) è ragionevole asserire che i D.A.S.: consentono di gestire un numero di segnali (I/O) dell ordine di 10 2 (qualcuno ha idea della tipologia di applicazione che necessita di ~100 segnali? ) presentano il vantaggio di integrare tutti gli strumenti in una sola scheda/box consentono di effettuare il controllo se accoppiati a PC e sw (es: LabVIEW di NI) non possono realizzare il controllo distribuito perché sono installati vicino all impianto 14/40

15 D.C.S. (I) I D.C.S. (sistemi di controllo distribuito) consentono di gestire un numero di segnali dell ordine di 10 3 attraverso l uso di più D.A.S. e di un solo calcolatore Il controllo risulta distribuito perché ciascun D.A.S. può essere installato in prossimità dell impianto sul quale deve operare I D.A.S. devono essere collegati al calcolatore mediante opportuna interfaccia controllo La distanza fra il controllore (PC) e i D.A.S. è determinata da vincoli tecnologici riguardanti i mezzi ed i protocolli di comunicazione fra le due entità (cfr. tabella successiva) 15/40

16 D.C.S. (II) controllo Standard maggiormente utilizzati per le comunicazioni nell A.I. Standard Distanza max [m] Velocità max [kb/s] RS232C ,2 RS232E , RS RS485 FF ( repeater) 31,25 Note - codifica polare inversa (1 logico 15; -3 V; 0 logico +3;+15V) - 3 fili + schermatura - simplex - buona immunità ai disturbi - necessità di un numero di fili doppio rispetto a RS232 - fino a 10 dispositivi collegabili - maggiore immunità ai disturbi - fino a 32 dispositivi collegabili - codifica polare inversa (1 logico 1,5;-5V; 0 logico +1,5;+5V) - ottima immunità ai disturbi - 32 dispositivi per ogni bus - possibilità di realizzare diverse topologie (bus lineare, daisy-chain, albero) - esistenza di gateway per il collegamento diretto a reti Ethernet 16/40

17 D.C.S. (III) controllo Dalla tabella precedente si osserva che gli Standard/protocolli più utilizzati consentono di coprire delle distanze relativamente basse imponendo in sostanza un area entro la quale il controllo può essere distribuito L interfaccia è complessa poiché deve gestire il coordinamento dei vari D.A.S. Ciò va a discapito (in generale) dell integrazione Il problema delle comunicazioni elettriche è stato risolto solo in anni recenti Nel frattempo gli sforzi si sono concentrati sullo sviluppo di un prodotto in grado di raccogliere le funzionalità realizzate sino ad ora separatamente: il controllo, la supervisione, il Notare che il problema è da ricercarsi nei sistemi di telecomunicazione piuttosto che nei sistemi di controllo! 17/40

18 Monitoraggio (I) controllo Il è, in generale, un insieme di funzionalità che permette di conoscere istante per istante lo stato degli impianti e del processo Sia il, sia il necessitano di conoscere lo stato del sistema, ma gli scopi sono differenti Le finalità nel, determinare lo stato è condizione necessaria (e non sufficiente) per vincolare (comandare) l impianto nel, determinare lo stato serve a fornire ad un entità non direttamente coinvolta nel processo (ad esempio un operatore) una visione d insieme sul processo stesso Considerazione: fornire una visione d insieme su un processo non è immediato piccolo impianto 100 variabili come si da una visione d insieme su 100 variabili? (grafico con 100 assi?) problematiche realtime: ci interessa conoscere lo stato dopo 5 ore? 18/40

19 Monitoraggio (II) controllo Il gestisce in modo intelligente le variabili, suddividendole in classi Le entità appartenenti ad una classe hanno lo stesso significato semantico L insieme degli allarmi L insieme delle temperature Una simile suddivisione permette di: aumentare l efficacia del sistema di costruire, anche per quanto riguarda il, una gerarchia che rispecchi, ad esempio, quella della disposizione topologica dell impianto (esempio: l operatore della stazione Y non deve preoccuparsi del guasto della stazione X, se X e Y sono in due zone differenti) Tipici strumenti per il ( lato client ): HMI Browser, WAP GSM, Wireless 19/40

20 S.C.A.D.A. Introduzione (I) controllo Gli S.C.A.D.A. (supervisory control and data acquisition) sono strumenti software che permettono: controllo supervisivo (di alto livello) e controllo remoto acquisizione dati sistemi di gestione degli allarmi integrazione con altri S.I. (es: ERP) gestione degli allarmi analisi dei dati I primi prototipi S.C.A.D.A. risalgono agli inizi degli anni 80, epoca in cui le tecnologie di comunicazione limitano ancora fortemente le possibilità di scambi di informazione fra apparati. Nonostante ciò, l idea di raccogliere in un unico strumento complesso tutte le funzionalità sopra elencate, a portato a dei risultati 20/40

21 S.C.A.D.A. Introduzione (II) controllo La descrizione più generale di uno S.C.A.D.A. è quella in cui sono ben distinti tre elementi: 1. una stazione master 2. una o più unità terminali remote 3. un sistema di telemetria Inizialmente possiamo assumere che l architettura è semplicemente di tipo client-server. In tale architettura: 1. la stazione master è il centro di controllo (hw+sw) 2. Le RTU sono installate in prossimità degli impianti e fungono da coordinatrici per i dispositivi di basso livello detti di campo come ad esempio una valvola, un teleruttore, un servomeccanismo, ecc 3. il sistema di telemetria è l elemento che consente le comunicazioni fra la stazione master e le RTU Si noti che i sistemi per le comunicazioni fra dispositivi di campo e RTU non fanno parte del sistema di telemetria (queste sono le reti di dispositivi) 21/40

22 S.C.A.D.A. Gerarchia (I) controllo Stazione master RTU - centro di controllo e supervisione - invia i comandi alle RTU/riceve dati dal campo - interfaccia fra l utente e il processo - dispostivi intelligenti (µ processore) - intermediario fra la stazione master e i dispositivi di campo - funzionalità simili a quelle di un PLC Sistema di telemetria canale di comunicazione fra stazione Master e RTU Dispositivi di campo (strumentazione) - sensori/attuatori - acquisiscono i dati o realizzano l azione di controllo (fisicamente) 22/40

23 S.C.A.D.A. Standard (I) controllo Nel 1987 la IEEE ha proposto lo Standard C37.1: definizione, specifiche e analisi dei sistemi usati per il controllo supervisivo, l acquisizione dati e il controllo automatico, revisionato nel 1994 (versione C ) Lo standard definisce: 1. cosa è uno S.C.A.D.A. 2. cosa è la stazione master (Master Terminal Unit) 3. cosa sono le RTU 4. le interfacce per lo scambio di messaggi fra MTU e RTU Lo standard NON definisce: 1. come deve essere implementato il sistema di telemetria 2. come devono essere implementate le RTU 3. come devono essere implementate la MTU 4. i protocolli di comunicazione (si limita a consigliare la tipologia) 23/40

24 S.C.A.D.A. Standard (II) controllo Nella versione originale di C37.1 (1987) si osserva che le comunicazioni MTU/RTU possono avvenire per mezzo di modem analogici (!) C demanda, per i protocolli di comunicazione, allo Standard IEEE (raccomandazioni per le comunicazioni fra MTU e RTU negli S.C.A.D.A.). Questo non tiene conto dell evoluzione seguita in quegli anni dalle reti di tlc (in particolare Ethernet/IP), raccomandando (ad esempio) l uso di protocolli della famiglia HDLC Gli svantaggi di HDLC 1. Non c è identificativo di connessione 2. Non si identifica sempre la coppia mittente-destinatario 3. Non presenta sempre il messaggio di ack 4. HDLC non è l unico protocollo menzionato in IEEE /40

25 S.C.A.D.A. Standard (III) controllo Allo stato attuale il sistema di telemetria è nella maggior parte dei casi basato su Ethernet/IP Il caso vuole che in IEEE 802 (standardizzazione di Ethernet) il livello data-link presenti nello strato superiore LCC, che incapsula HDLC fornendo nel complesso servizi che mancavano In questo modo si colgono le raccomandazioni di IEEE e si garantisce l uso di una rete efficiente, veloce e collaudata nel corso degli anni. La digressione sulle reti, costituenti il sistema di telemetria, è necessaria per introdurre le motivazioni che hanno portato a 3 di S.C.A.D.A nel giro di 20 anni. 25/40

26 S.C.A.D.A. Generazioni (I) controllo Tre di sistemi S.C.A.D.A. Le differenze principali: cambiamenti radicali nei sistemi di telemetria introduzione delle HMI cambiamenti nelle funzionalità delle RTU la nascita delle reti di dispositivi Un fattore da nontrascurare: l integrazione di uno S.C.A.D.A. con il resto dei sistemi informativi porta dei grandi vantaggi di carattere economico (anche nel breve periodo). Ovviamente la soluzione integrata non è a costo zero : essa richiede infatti fasi di analisi, progetto e implementazione (sia in termini informatici, sia in termini gestionali) e allocazione di risorse (tecnici, esperti, tempo e denaro) 26/40

27 S.C.A.D.A. Generazioni (II) Prima generazione: i sistemi monolitici ( 80-88) controllo un solo mainframe come MTU (più un secondo identico per la ridondanza) protocolli di comunicazione proprietari (su RS232) raggio d azione limitato connessione di un PC alla MTU per memorizzazione, post-processing,, dei dati (non c è in figura) 27/40

28 S.C.A.D.A. Generazioni (III) controllo Seconda generazione: i sistemi distribuiti ( 88 00) MTU user-friendly con introduzione di HMI affermazione delle LAN/Ethernet e WAN (queste ultime dedicate) raggio d azione esteso stazioni operative e stazioni di comunicazione prima forma di integrazione con il resto dei S.I. aziendali 28/40

29 S.C.A.D.A. Generazioni (IV) controllo Terza generazione: i sistemi basati su reti ( 00 ) profondi mutamenti nei sistemi di telemetria e nelle reti di campo affidabilità aumentata (distribuzione di task e processi) WAN con protocolli pubblici (es: FR) topologie di reti estremamente complesse integrazione totale con il resto dei S.I. aziendali Le RTU sono spesso costituite da PLC o FieldPoint (NI): la loro importanza è destinata a diminuire, per la presenza di dispositivi intelligenti e MTU sempre più evolute Client S.C.A.D.A.; host internet, cellulari, 29/40

30 S.C.A.D.A. Riepilogo controllo Riepilogo sulle caratteristiche degli S.C.A.D.A. I sistemi attuali sono un ibrido fra la prima e la seconda generazione Tanti ingressi/uscite (> 10 5 ) attraverso un sistema gerarchico, - stazione master nel centro di controllo - una o più unità remote, sistemi intelligenti per il coordinamento di dispositivi di campo. - dispositivi di campo (sensori, attuatori, ecc ) Integrazione totale con i sistemi informativi 30/40

31 S.C.A.D.A. Visione per moduli (I) controllo Il confronto fra sistemi S.C.A.D.A. non può essere effettuato attraverso la visione gerarchica di cui si è parlato sino ad ora Si passa alla descrizione per moduli Un modulo è un blocco (hw o sw) costruito per svolgere una funzione specifica; ciascun modulo è indipendente e comunica con gli altri moduli per mezzo di interfacce (cosa fa un modulo è noto, come lo fa no!) La struttura modulare: fa perdere di vista la gerarchia, ma questa ci è nota dallo Standard IEEE C37.1, più volte citato. descrive efficientemente la stazione S.C.A.D.A. Master e l interfaccia verso i dispositivi, le RTU, mette in risalto due caratteristiche di rilievo degli S.C.A.D.A.: la scalabilità e la configurabilità è quello che si compra acquistando un sistema commerciale si presta abbastanza bene per realizzare sistemi ad-hoc mediante linguaggi di scripting (tipicamente VB e VBA) 31/40

32 S.C.A.D.A. Visione per moduli (II) Chi acquista lo S.C.A.D.A. si ritrova con un pacchetto che deve essere installato e messo a punto in base alla configurazione dei propri impianti (come accade con altri semilavorati informatici, esempio ERP SAP/R3) controllo 32/40

33 S.C.A.D.A. Visione per moduli (III) controllo I moduli più significativi della Stazione S.C.A.D.A. Master 1. Interfaccia verso i client 2. Database realtime 3. Database storico 4. Interfaccia verso i dispositivi di campo 5. Gestore degli eventi 6. Motori per la generazione dei report/trend e collezione dati/misure 33/40

34 S.C.A.D.A. Visione per moduli (IV) controllo Interfaccia verso i client permette ad un dispositivo remoto (host Internet, PC, Laptop, palmari, Cellulari) di interagire con l impianto (mediante opportune politiche di sicurezza che vincolano i privilegi del client) Database realtime è il nucleo del sistema di acquisizione dati contiene TUTTE le variabili di processo (anche > 10 6 ) associate a ciascun elemento fisico presente sul campo; la tupla è chiamata, in gergo, tag è utilizzato per controllare, supervisionare e monitorare l impianto Proprietario o commerciale (in ogni caso ODBC) 34/40

35 S.C.A.D.A. Visione per moduli (V) controllo Database storico Collezione degli stati passati dell impianto Tramite dati storici: analisi dati, guasti, controllo qualità, apprendimento, generazione di trend di lungo periodo Interfaccia verso i dispositivi di campo Interfacce per lo scambio di dati fra Master e dispositivi di campo Ogni dispositivo deve a sua volta presentare un interfaccia Un driver mette in comunicazione i due Se ci sono n dispositivi di campo (n interfacce), occorrono n driver (e di nuovo n interfacce) per comunicare con la stazione master Alternativa: OPC (OLE for Process Control) - necessita di un server Gestore degli eventi controllo di tutti gli eventi asincroni che si verificano nell impianto (guasti, malfunzionamenti, allarmi, ) Motori per la generazione dei report/trend e collezione dati/misure 35/40

36 S.C.A.D.A. Visione per moduli (VI) controllo I moduli per la configurazione e la gestione dello S.C.A.D.A. 1. Web Server (per i client) 2. Interfaccia verso DBMS aziendale 3. Interfaccia verso altre applicazioni 4. Editor grafici 5. Tool per lo sviluppo del sistema I dispositivi di campo 1. RTU, PLC, dispositivi di basso livello 36/40

37 S.C.A.D.A. Casi di studio (i) controllo Settore Automotive Chrysler Eurostar Graz (A) Problema: conversione di impianti per la produzione di veicoli destinati a mercati di nicchia (guida a destra, modelli ed. limitate,..). Nello stabilimento è già presente un buon D.C.S. ma le sue caratteristiche non consentono più di coprire il livello di produzione (tenuto conto anche della flessibilità richiesta) Soluzione: ampliamento dell impianto e utilizzo di uno S.C.A.D.A. della Siemens affiancato al vecchio D.C.S. (anch esso Siemens). Lo S.C.A.D.A. controlla sia l impianto preesistente sia il nuovo Risultati: riutilizzo completo degli impianti; migliori prestazioni dell impianto (rendimento); maggiore affidabilità 37/40

38 S.C.A.D.A. Casi di studio (ii( ii) controllo Settore Petrolifero ESSO (UK) Problema: 9 raffinerie dislocate su tutto il territorio del regno unito. Una raffineria serve mediamente 100 autobotti al giorno, ciascuna delle quali trasporta l di carburante (totale 9*100* = litri/giorno). La ESSO desidera supervisionare da una sola postazione tutte le raffinerie Soluzione: con uno S.C.A.D.A. della GeFanuc/Intellution è stato realizzato un centro di controllo dal quale è possibile effettuare la supervisione, la raccolta automatica e il controllo remoto di tutti i serbatoi, le pompe e le valvole presenti nelle 9 stazioni. Il controllo remoto avviene per mezzo di un architettura multi-tier che comprende 9 server collocati presso ciascuna stazione, collegati fra loro e con la sede centrale (Londra) attraverso una VPN Risultati: controllo remoto; omogeneità dei dati raccolti; autonomia di ciascuna raffineria 38/40

39 S.C.A.D.A. Casi di studio (iii( iii) controllo Settore Energetico Centrale nucleare di Pack (U) Problema: controllo della centrale nucleare con produzione di energia pari a GWh (38% del fabbisogno delle utenze domestiche) controllo delle sottostazioni. L obbiettivo è quello di fornire uno strumento per il supporto alle decisioni (esperienza pregressa), ridurre il costo di mantenimento degli impianti e fornire una base di conoscenza per gestire operazioni sequenziali complesse (es: spegnimento di una linea elettrica) Soluzione: utilizzo combinato di uno S.C.A.D.A. e un sistema esperto. Lo S.C.A.D.A. è utilizzato per acquisire dati di altissimo livello e permettere la supervisione e il da postazioni remote. La parte di D.A. è a completo supporto del sistema esperto Risultati: predizione dei guasti, controllo degli stati ammissibili, automatiche di sequenze di operazioni; controllo destinato a migliorare nel tempo grazie al sistema esperto 39/40

40 controllo Vantaggi Altissima integrazione Modularità Scalabilità Controllo remoto Svantaggi Costi Server solo su piattaforme MS Windows Punti aperti Flessibilità? Configurazione ad-hoc: per ogni tipo di impianto? Tendenze future Cooperazione sempre maggiore con i sistemi di intelligenza artificiale 40/40

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT P.M.S. S.r.l. Via Migliara 46 n 6 04010 B.go S.Donato Sabaudia (LT) Tel. 0773.56281 Fax 0773.50490 Email info@pmstecnoelectric.it PROGETTO: PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT Dalla richiesta

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Manufacturing Execution Systems

Manufacturing Execution Systems Manufacturing Execution Systems Soluzioni per la gestione della produzione FAST SpA, azienda leader nel settore dell automazione industriale dal 1982, è in grado di affiancare alla fornitura di sistemi

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013 SIMATIC WinCC Runtime Professional V12 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 04/2013 - Architetture Novità

Dettagli

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Unico. Completo. Compatibile. highlights unico CELOS di DMG MORI dall idea al prodotto finito. Le APP CELOS consentono all utente di gestire, documentare e

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014 SIMATIC WinCC Runtime Professional V13 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 03/2014 - Architetture Novità

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Ridondante Modulare Affidabile

Ridondante Modulare Affidabile Ridondante Modulare Affidabile Provata efficacia in decine di migliaia di occasioni Dal 1988 sul mercato, i sistemi di chiusura Paxos system e Paxos compact proteggono oggi in tutto il mondo valori per

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

SOFTWARE QUADRISTICA UTILIZZATORI ENERGIE DISTRIBUZIONE

SOFTWARE QUADRISTICA UTILIZZATORI ENERGIE DISTRIBUZIONE Company Profile SOFTWARE UTILIZZATORI QUADRISTICA ENERGIE DISTRIBUZIONE IL VALORE DELL ENERGIA Il corpo umano ci ispira costantemente ad una continua ricerca dell impianto perfetto, partendo dall idea,

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm 2 Migliorate l efficienza della vostra macchina utensile La pressione della concorrenza

Dettagli

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS /2 Introduzione /5 Soft Starter ES /8 Biblioteca di blocchi softstarter SIRIUS RW44 per SIMATIC PCS 7 /10 Motor Starter ES /1 Biblioteca di

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Mister Horeca 6.0 Rel.. 2008.11.12

Mister Horeca 6.0 Rel.. 2008.11.12 Mister Horeca 6.0 Rel.. 2008.11.12 PREMESSA L AGGIORNAMENTO PUO ESSERE EFFETTUATO SOLO SU SUPER MISTER HORECA 5.0 L INSTALLAZIONE RICHIEDE L ATTIVAZIONE TELEFONICA TRAMITE KEY CODE PRIMA DI EFFETTUARE

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Perché un software gestionale?

Perché un software gestionale? Gestionale per stabilimenti balneari Perché un software gestionale? Organizzazione efficiente, aumento della produttività, risparmio di tempo. Basato sulle più avanzate tecnologie del web, può essere installato

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Gestione Gas Metano. Inoltre sono state implementate funzioni come la gestione dei clienti idonei e la domiciliazione bancaria delle bollette.

Gestione Gas Metano. Inoltre sono state implementate funzioni come la gestione dei clienti idonei e la domiciliazione bancaria delle bollette. Gestione Gas Metano Introduzione Il bisogno di rispondere in maniera più efficace ed efficiente alle esigenze degli utenti, al continuo cambiamento delle normative e all incessante rinnovamento tecnologico

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

TOPVIEW Rel. 1.00 06/02/14

TOPVIEW Rel. 1.00 06/02/14 Windows software per strumenti di verifica Pag 1 of 16 1. GENERALITA SOFTWARE TOPVIEW Il software professionale TopView è stato progettato per la gestione di dati relativi a strumenti di verifica multifunzione

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili.

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili. Made in Italy Sistemi gestione code MS32 Il sistema può utilizzare : - la documentazione eventi, numero di operazioni per servizio e postazione e dei tempi medi di attesa, con il programma MSW - il servizio

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli