NOTA: per mantenere dei riferimenti comuni nello svolgimento degli esercizi che seguono, è consigliato copiare la cartella crio HO 2013 sul desktop.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA: per mantenere dei riferimenti comuni nello svolgimento degli esercizi che seguono, è consigliato copiare la cartella crio HO 2013 sul desktop."

Transcript

1 NOTA: per mantenere dei riferimenti comuni nello svolgimento degli esercizi che seguono, è consigliato copiare la cartella crio HO 2013 sul desktop. Page 1 of 34

2 Esercizio: Configurare il CompactRIO Prima di iniziare a progettare un applicazione pensata per il controllo di velocità di una turbina (simulata da una ventolina installata all interno del simulatore Sound & Vibration Signal) partiremo a connettere il CompactRIO appropriatamente al nostro PC per lo sviluppo. 1. Doppio click sull icona Measurement and Automation Explorer (MAX) presente sul Desktop 2. In Measurement and Automation Explorer (MAX), evidenziare ed espandere la voce Remote Systems nel pannello a sinistra per cercare i sistemi remoti Compact RIO connessi al tuo PC. 3. Clicca sull icona criohandson per vedere le configuarazioni software del tuo CompactRIO. Se non vedi questa voce premere F5 per il refresh. 4. Nella pannello central del MAX, dovresti vedere un piccolo riquadro di nome General Settings (all interno del tab System Settings), con configurazione simile a quella riportata nell immagine sottostante. Page 2 of 34

3 5. Assicurarsi che il sistema si trovi nello stato Connected Running e sia registrato un indirizzo IP (ad asempio ). Usereme questo indirizzo IP unicamente per identificare il CompactRIO nella rete punto-punto creata tra PC e CompactRIO stesso. Indirizzo IP : Nota: Sia PC che CompactRIO presentano un indirizzo IP nello stesso intervallo (Vedi maschera di sottorete) 6. Chiudere MAX. Page 3 of 34

4 Esercizio 1: Fondamenti di CompactRIO Scan Mode Descrizione dell esercizio Configurazione hardware In quest esercizio useremo il crio-9024 con i seguenti moduli: NI 9211: input analogico per termocoppie - primo slot [Scan Interface] Obiettivo Introduzione alla configurazione e all utilizzo del crio. Attraverso l uso del progetto, configureremo un target crio e completeremo un VI che permette di leggere e visualizzare una lettura di temperatura tramite termocoppie, effettuata in modalità Scan interface. Risultati Al termine dell esercizio saremo in grado di: identificare e configurare un sistema PAC di tipo crio usare le variabili di I/O in NI LabVIEW Real-Time monitorare da remoto le variabili di I/O attraverso il Distributed System Manager Istruzioni 1. Apriamo LabVIEW 2013 e selezioniamo la voce Create Project 2. Selezioniamo Blank Project dalla finestra di LabVIEW Getting Started Page 4 of 34

5 3. Salviamo il progetto come CompactRIO Scan Mode.lvproj dentro la cartella /Esercizi. 4. Nella finestra del Project Explorer clicchiamo col pulsante destro l elemento Project appena rinominato e selezioniamo New»Targets and Devices 5. Espandiamo dal menu ad albero la voce Real-Time CompactRIO, selezioniamo criohandson (o il dispositivo che appare elencato) e clicchiamo su OK NOTA:Tutti i demo box CompactRIO dovrebbero utilizzare l IP Page 5 of 34

6 6. Apparirà la finestra di dialogo qui sotto. Tramite questa finestra è possibile selezionare la modalità di progammazione desiderata; opzione che è comunque possibile modificarla successivamente. Scan Interface è il nuovo modello di programmazione introdotto con LabVIEW Real-Time 8.6 che consente l accesso agli I/O direttamente da LabVIEW Real- Time senza programmare il chip FPGA. La LabVIEW FPGA Interface rappresenta l approccio tradizionale alla programmazione di CompactRIO. Questa finestra di dialogo appare solo se il modulo LabVIEW FPGA Module è stato installato, diversamente LabVIEW seleziona come opzione predefinita la Scan Interface. 7. Selezioniamo Scan Interface e quindi Continue. LabVIEW rileverà ora i moduli di I/O installati sul crio e li aggiungerà al progetto. 8. Espandiamo cliccando sul segno + il controller CompactRIO nel Project Explorer per mostrare lo Chassis assieme ai moduli della Serie C al di sotto di questo. Per chi ha familiarità con la programmazione di CompactRIO, noterà l'assenza del target FPGA sotto il controller. In cambio compare un nuovo elemento chiamato Chassis. Tutti i moduli sotto lo Chassis utilizzano la nuova funzionalità scan interface per accedere agli I/O direttamente in LabVIEW Real-Time senza programmare il chip FPGA. 9. Espandendo Mod1 (Slot 1, NI 9211) compaiono le I/O Variables, da AI0 fino a AI3, che consentono l accesso ai valori di I/O, scalati e calibrati, del modulo specifico 10. Tasto destro su Mod1 (Slot 1, NI 9211) e selezioniamo Proprietà... Osserviamo come dalla pagina di proprietà dei moduli sia possibile configurare diverse impostazioni, quali il tipo di termocoppie e le unità ingegneristiche di ciascun canale. Page 6 of 34

7 11. Chiudiamo la pagina di proprietà dei moduli 12. Configuriamo ora l NI Scan Engine dalla pagina delle proprietà del target crio a progetto (criohandson). Tasto destro su criohandson e selezioniamo Properties Page 7 of 34

8 13. Selezioniamo Scan Engine dal campo delle categorie. Configuriamo lo Scan Period per 1ms e clicchiamo OK per confermare. Questa impostazione ordina allo Scan Engine di aggiornare i valori letti dagli I/O ogni 1 millisecondo. 14. Tasto destro su CompactRIOHandsOn e selezioniamo Add»File 15. Aggiungiamo il file Temperature and Treshold.vi dalla cartella /Esercizi/Esercizio1. Adesso creeremo un semplice VI per mostrare come accedere agli I/O direttamente da LabVIEW Real-Time. Quest'applicazione mostrerà la temperatura letta dalle termocoppie e la confronterà con una soglia. Se la temperature è sotto la soglia si accenderà una luce sull indicatore del front Page 8 of 34

9 panel. Il VI aperto presenta un'interfaccia utente già preparata e noi completeremo il diagramma a blocchi con gli I/O dai dati disponibili 16. Apriamo il VI e premiamo <Ctrl+E> per passare al diagramma a blocchi. 17. Espandiamo Mod1 (Slot 1, NI 9211) nel Project Explorer. NOTA: per praticità, teniamo aperte e affiancate sul desktop le finestre del Project Explorer e del VI su cui stiamo lavorando. 18. Renomina AI0 in Temp e lo trasciniamo nel diagramma a blocchi. Colleghiamo la variabile di I/O Temp come indicato in figura. Questo codice monitora e mostra la temperatura letta e nello stesso tempo determina se ha superato il livello di soglia. Page 9 of 34

10 19. Per sincronizzare il codice nello NI Scan Engine, utilizziamo un While Loop temporizzato. Impostiamo il codice in un Timed Loop e colleghiamo il controllo stop allo stop terminal. Troviamo il Timed Loop nella paletta delle funzioni al percorso Programming»Structures»Timed Structures. 20. Doppio click sulla cornice di sinistra del Timed Loop per aprire la finestra di dialogo Configure Timed Loop. 21. Selezioniamo Synchronize to Scan Engine nel campo Loop Timing Source e clicchiamo OK. Questa opzione sincronizza il codice con lo NI Scan Engine, facendolo eseguire solo ogni volta che i valori delle variabili di I/O sono aggiornati. Page 10 of 34

11 22. Salviamo ed eseguiamo il codice. Clicchiamo su OK e Apply a qualsiasi finestra di dialogo di replica. NI Distributed System Manager parte 1 NI Distributed System Manager consente di monitorare da remoto i valori delle variabili di I/O del CompactRIO, di forzarli e di monitorare le prestazioni del sistema. 1. Apriamo NI Distributed System Manager. Dal LabVIEW Project Explorer, tasto destro su CRIOHandsOn e selezioniamo Utilities»View in System Manager. 2. Espandiamo il controller identificato dal suo indirizzo IP e quindi il modulo NI 9211 identificato dalla voce Mod1 per monitorarne i valori di I/O. Selezioniamo il controller CompactRIO nella finestra a sinistra e selezioniamo il tab CPU/Memory per monitorare il carico di lavoro della CPU e l'utilizzo di memoria. Page 11 of 34

12 CompactRIO Scan Mode aggiunge la funzionalità di forzatura degli I/O e consente di annullare i valori fisici letti dagli input e di modificare i valori generati dagli I/O di output. 3. Sul VI Temperatura e soglia.vi impostiamo il controllo Temp Threshold a 99 gradi. 4. Nel system manager, selezioniamo la scheda Scan Engine e clicchiamo su Enable Forcing per abilitarlo. 5. Selezioniamo Temp sotto Mod1. Inseriamo 100 nel campo New Value e clicchiamo Force. Il system manager adesso mostra un valore di 100 per Temp. Tutte le applicazioni che utilizzinano la variabile di I/O Temp leggeranno un valore di 100. Nel nostro VI Temperatura e soglia.vi l indicatore Over threshold? adesso mostra che la temperatura supera i 99 gradi. La forzatura degli I/O è una funzionalità che potrebbe essere usata per il debug e la riparazione degli errori. Proviamo a forzare gli altri valori nella nostra applicazione. Fine dell Esercizio 1 Page 12 of 34

13 Esercizio 2: Gestione I/O sistema Open-Loop Descrizione dell esercizio Configurazione hardware In quest esercizio useremo il crio-9024 con i seguenti moduli: NI 9411: input digitale a 500ns - terzo slot [Scan Interface] NI 9472: output digitale sourcing a 100µs - quarto slot [Scan Interface] Obiettivo Questo esercizio mostra la nuova funzionalità digitale che può essere aggiunta a qualsiasi modulo digitale di I/O a otto canali, senza bisogno di compilare o di programmare il Chip FPGA. Il servo motore sarà controllato con un segnale PWM da 24V proveniente dal modulo di output digitale NI La posizione e la velocità del motore verranno lette con un encoder in quadratura configurato sul modulo di input digitale NI Risultati Al termine dell esercizio saremo in grado di: Impostare le proprietà digitali speciali offerte dallo Scan Engine per i moduli digitali usare le variabili di I/O in NI LabVIEW Real-Time Istruzioni 1. Nella finestra del Project Explorer clicchiamo col pulsante destro l elemento Project e selezioniamo Add»File Aggiungiamo il file RT Open Loop.vi dalla cartella /Esercizi/Esercizio2 e salviamo il progetto. 3. Nel Project Explorer espandiamo Mod4 (Slot 4, NI 9472). Come è possibile osservare il modulo presenta delle variabili di I/O di tipo digitale, tuttavia LabVIEW Real-Time permette di aggiungere un contatore ad alta velocità, PWM, o un input di funzionalità encoder in quadratura a qualsiasi modulo di output digitale a otto canali della Serie C, senza bisogno di programmazione il Chip FPGA. Useremo un segnale PWM per controllare la velocità del nostro servo motore. Page 13 of 34

14 4. Tasto destro su Mod4 e selezioniamo Properties 5. Nella finestra delle proprietà selezioniamo Specialty Digital Configuration. Impostiamo Pulse-Width Modulation come Specialty Mode e, per PWM0, selezioniamo 1kHz come Frequency (Period). Confermiamo con OK. Page 14 of 34

15 6. Le variabili di I/O si ripopolano come canali di tipo PWM. 7. Trasciniamo PWM0 nel diagramma a blocchi e la colleghiamo a Motor Power come mostrato in figura. Page 15 of 34

16 8. Dal Project Explorer, tasto destro su Mod3 e selezioniamo Properties 9. Nella finestra delle proprietà selezioniamo Specialty Digital Configuration. Impostiamo Quadrature come Specialty Mode e selezioniamo 8192µs come Velocity Timebase. Questo fa sì che la velocità del motore venga calcolata ogni 8192µs. Confermiamo con OK. 10. Le variabili di I/O si ripopolano con la Posizione e Velocità. Page 16 of 34

17 11. Trasciniamo la variabile di I/O Velocity0 nel diagramma a blocchi e la colleghiamo alla funzione di moltiplicazione. 12. Per impedire che, arrestata l applicazione, il modulo PWM continui a generare il suo segnale di controllo, copiamo al di fuori del Timed Loop la variabile di I/O PWM0 e le colleghiamo una costante 0. Il diagrama a blocchi dovrà rassomigliare a quanto rappresentato qui sotto. Page 17 of 34

18 13. L applicazione è ora completa. Salviamo il progetto e mandiamo in esecuzione il VI. 14. Impostiamo Motor Power a 0 e arrestiamo l applicazione. Senza alcuna programmazione del Chip FPGA siamo stati in grado di inviare un segnale PWM e decodificare un input in quadratura attraverso dei moduli digitali standard a otto canali. Fine dell Esercizio 2 Page 18 of 34

19 Esercizio 3: Gestione I/O sistema Closed-Loop Descrizione dell esercizio In quest esercizio useremo il crio-9024 con i seguenti moduli: NI 9411: input digitale a 500ns - terzo slot [Scan Interface] NI 9472: output digitale sourcing a 100µs - quarto slot [Scan Interface] Obiettivo In questo esercizio progetteremo un sistema ad anello chiuso per il controllo della velocità della ventolina. Le grandezze in gioco per il nostro sistema saranno: - Setpoint: Valore numerico in RPM selezionabile dall utente attraverso il pannello frontale - Output Variable: Segnale 0-100% generato come segnale PWM da NI 9471 per comandare in velocità la ventolina - Process Variable: Segnale di velocità della ventolina RPM misurato tramite NI 9411 (Velocity0) attravero la configurazione Digital Specialty Page 19 of 34

20 Risultati: Al termine dell esercizio saremo in grado di: Creare delle variabili Scan Engine da progetto per leggere e scrivere segnali Configurare un blocco funzionale PID Chiudere un anello di reazione grazie alle caratteristiche di un sistema operativo Real-Time Istruzioni 1. Nella finestra del Project Explorer clicchiamo col pulsante destro l elemento criohandson ( ) e selezioniamo Add»File Aggiungiamo il file RT Closed Loop.vi dalla cartella /Esercizi/Esercizio3. Il file carica un VI realizzato parzialmente che utilizzeremo per acquisire e generare dai moduli della serie C. Il Timed Loop è già stato sviluppato nell esercizio precedente per acquisire velocità e accelerazione della ventolina. Page 20 of 34

21 3. Apriamo la finestra di dialogo del second Timed Loop in basso per verificare che la sorgente di temporizzazione Synchronize to Scan Engine sia correttamente selezionata e che il periodo di Scan sia impostato su 1. Quindi clicchiamo su OK per confermare. Page 21 of 34

22 4. Dalla function palette del diagramma a blocchi richiamare il blocco funzionale PID, subvi che consentirà di chiudere l anello sul sistema servo motore. Per richiamare la Function Palette, cliccare con il tasto destro in un punto qualsiasi del Diagramma a Blocchi e attraverso il percorso: Programming RealTime - Function Blocks Control richiamare il blocco funzionale PID e posizionarlo all interno del Timed Loop in basso. 5. Doppio click sul blocco funzionale PID per aprire il Menù di Configurazione. Configurare la le proprietà Output High e Output Low del blocco funzionale PID rispettivamente a 100 e 0. In questo modo il regolatore PID piloterà il canale PWM0 con un range di duty cicle compatibile con il range di funzionamento del servo motore. Inoltre modificate il valore di SetPoint High inserendo un valore pari a 6000 Page 22 of 34

23 6. Connettete ora rispettivamente il controllo Setpoint Velocity [RPM], la variabile Velocity0 e i controlli Proportional gain (Kc) e Integral Time (Ti) ai terminali d ingresso setpoint, process variable, proprtional gain e Integral Time del blocco PID. 7. Connettere il terminale di uscita del blocco PID output alla variabile Scan Engine del modulo NI9263 PWM0 Page 23 of 34

24 8. Eseguiamo il VI. Cambiamo sul pannello frontale il valore del controllo Setpoint Velocity [RPM] agendo sulla lancetta rossa. Dovreste osservare l effetto del controllo prestando attenzione all andamento dell indicatore Motor Velocity [RPM]. Variare il valore del guadagno proporzionale e integrativo del blocco PID per osservare differenti risposte del sistema. 9. Riportate a 0 il valore del controllo Setpoint Velocity [RPM] e premete il tasto STOP su pannello frontale. 10. Chiudete e salvate il VI. Fine dell Esercizio 3 Page 24 of 34

25 Esercizio 4: Programmazione FPGA- Generazione di Onda Quadra (PWG) Descrizione dell esercizio In quest esercizio useremo il crio-9024 con i seguenti moduli: NI 9411: input digitale a 500ns - terzo slot [Scan Interface] NI 9472: output digitale per generazione Onda Quadra - quarto slot [FPGA Programming Mode] Obiettivo La programmazione del crio in modalità Scan Engine è semplice, intuitiva ma presenta delle limitazioni in termini di massime frequenze di acquisizione e generazione utilizzabili. Introduciamo quindi con questo esercizio la possibilità di scrivere del codice LabVIEW FPGA per poter raggiungere prestazioni più elevate andando a personalizzare il chip FPGA presente sullo chassis del crio. Realizzeremo un applicazione suddivisa in due parti: un VI LabVIEW FPGA che genera un segnale digitale ad onda quadra (Segnale PWM per il servo motore) tramite il modulo NI9411. Programmando il VI LabVIEW FPGA non è possibile utilizzare la configurazione Digital Specialty ad alto livello, tuttavia utilizzeremo un IP di LabVIEW FPGA (a tutti gli effetti un SubVI) per generare un onda quadra modulabile in frequenza e duty cicle. I parametri di configurazione frequency e duty cycle saranno passati tramite dei registri (controlli di LabVIEW) ad un VI LabVIEW Real-Time, il quale agisce da Host e fornisce i dati trasferiti al target FPGA. Saremo quindi in grado di personalizzare in maniera pienamente flessibile il segnale PWM che pilota il servo motore Risultati Al termine dell esercizio saremo in grado di: utilizzare le IP di LabVIEW FPGA Module compilare del codice FPGA per generare il bitfile comunicare dati tra il target FPGA e l host Real-Time crio Istruzioni 1. Apriamo CompactRIO Scan Mode.lvproj Page 25 of 34

26 2. Tasto destro del mouse su Chassis»Properties e selezioniamo la configurazione LabVIEW FPGA Interface 3. Aggiungiamo il Target FPGA al nostro Project Explorer selezionando Chassis (crio-9103), tasto destro e New»FPGA Target. 4. Nella finestra del Project Explorer clicchiamo col pulsante destro l elemento FPGA Target (RIO0, crio9103) selezioniamo Add»File... Aggiungiamo il file FPGA SquareWave Generation.vi dalla cartella /Esercizi/Esercizio4. Il file carica un VI realizzato parzialmente che utilizzeremo per svilluppare il codice LabVIEW FPGA. 5. Dal Project Explorer trasciniamo il modulo Mod4 (Slot4, NI9472 all interno dell elemento FPGA Target (RIO0, crio9103). In questo modo sarà possibile richiamare i canali di acquisizione del modulo all interno del VI LabVIEW FPGA aggiunto al passo precedente. Page 26 of 34

27 6. Salviamo il progetto Qui di seguito il diagramma a blocchi di FPGA SquareWave Generation.vi Page 27 of 34

28 7. Nel Project Explorer all interno dell elemento FPGA Target (RIO0, crio9103), espandere la cartella Mod3 e rinominare canale DO0 in PWMOut 8. Sempre dal Project Explorer, trasciniamo il nodo FPGA I/O PWMOut all interno del ciclo while. 9. Aggiungiamo sempre all interno del ciclo la IP Sqaure Wave Generator dalla paletta delle funzioni al percorso Programming»FPGA Math & Analysis» Generation. Filtreremo l accelerazione per ottenere un valore RMS. 10. Una volta inserita nel codice si apre la finestra di configurazione. Configuriamo e completiamo il codice come da figura: Page 28 of 34

29 11. Connettiamo ora: - Il controllo Frequency (periods/tick) al terminale d ingresso dell IP frequency (periods/tick) - Il controllo duty cycle (periods) al terminale d ingresso dell IP duty cycle (periods) - Il terminale d uscita dell IP Square Wave Out all indicatore Square Wave Out e al nodo di uscita PWMOut In figura il codice appena realizzato che consentirà di verificare la presenza di picchi di accelerazione. 12. Salviamo e manda in esecuzione il VI per incominciare il processo di compilazione. 13. Premiamo OK nel primo dialogo per confermare che vogliamo incominciare il processo di compilazione utilizzando il nostro pc di sviluppo. Page 29 of 34

30 14. Il dialogo successivo indica che LabVIEW sta generando i file intermedi. Questo è il passaggio in cui il codice LabVIEW è convertito in codice VHDL (Hardware Descriptive Language) per chip FPGA. 15. Il sucessivo messaggio che appare è il Compilation Status. Il server di compilazione è basato su strumentazione Xilinx per compilare il codice VHDL ottenuto al passaggio precedente. Questo processo può impiegare del tempo prima di concludersi, in funzione della logica presente nel proprio codice LabVIEW FPGA. E un periodo di attesa normale che ci si aspetta quando si programma in LabVIEW FPGA o in un qualunque altro linguaggio di rappresentazione hardware per target FPGA. Page 30 of 34

31 16. In attesa che il processo di compilazione finisca, ci possiamo disconnettere dalla compilazione per incominciare a programmare il VI Host. Procediamo come mostrato da figura. Una volta che ci siamo disconnesso, è imporatante non apportare cambiamenti al VI FPGA. Se qualunque cosa nel VI venisse cambiata è necessario ricompilarlo per poterlo mandare in esecuzione. E sempre possibile riconnettersi alla compilazione cliccando la freccia di Run del VI FPGA o selezionando col tasto destro build specification e scegliendo Reconnect to Compilation. Adesso realizziamo il VI LabVIEW Real-Time che comunica con il VI FPGA. In questo modo possiamo trasferire i dati prodotti dal target FPGA al Host Real-Time. 17. Nella finestra del Project Explorer clicchiamo col pulsante destro l elemento criohandson ( ) selezioniamo Add»File... Aggiungiamo il file RT-FPGA Closed Loop.vi dalla cartella /Esercizi/Esercizio4. Il file carica un VI RealTime realizzato parzialmente che attuerà il controllo sul servomotore come nell esercizio 3. Andremo ad aggiungere il codice che implementerà l ulteriore controllo di freqeunza e duty cicle da comunicare al target FPGA Page 31 of 34

32 18. Selezioniamo la sottopaletta FPGA Interface dalla paletta delle funzioni e inseriamo nel diagramma a blocchi i quattro elementi raffigurati nella figura qui sopra. Creeremo un collegamento col codice FPGA attraverso Open FPGA VI Reference. Useremo il Read/Write Control per leggere i campioni dal VI FPGA e per inviare i segnali di Duty Cicle e frequenza al VI FPGA Square Generation.vi e, infine, il Close FPGA VI Reference per chiudere il collegamento con il codice FPGA. Completa il VI come in figura sotto: Page 32 of 34

33 19. Cliccando col tasto destro del mouse Open FPGA VI Reference, selezioniamo dal menu a tendina Configure Open FPGA VI Reference.. e completiamo come mostrato qui di seguito. 20. Completa il codice come nella figura seguente con i collegamenti rimanenti. Espandere il nodo Read\Write Control FPGA verso il basso in modo da poter scrivere verso il VI FPGA le due grandezze Duty Cicle e frequenza e poter leggere il valore digitale Square Wave Out generato dal VI FPGA. Page 33 of 34

34 21. Salviamo il codice. NOTA: perché l'applicazione sia eseguibile bisogna attendere che Generation.vi abbia terminato la compilazione. FPGA SquareWave Il VI LabVIEW Real-Time così completato può essere mandato in esecuzione. Al termine del deploy sul Target Real-Time, il codice manderà in esecuzione il VI FPGA compilato. 22. Lanciamo il VI, il funzionamento è analogo a quello osservato al termine dell esercizio 3. È possibile provare ad aumentare da pannello frontale la frequenza dell onda quadra attraverso il controllo slider Square Wave Out Frequency e osservare l effetto di risonanza che si ha sul servo motore. 23. Interrompiamo l applicazione. 24. Chiudiamo i VI aperti e il progetto. Fine dell Esercizio 4 Page 34 of 34

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Corso. LabVIEW. a cura di FRANCESCO FICILI. oltre l elettronica N 144-152

Corso. LabVIEW. a cura di FRANCESCO FICILI. oltre l elettronica N 144-152 Corso LabVIEW a cura di FRANCESCO FICILI N 144-152 oltre l elettronica Sommario LEZIONI 1 9 LEZIONE 1 Iniziamo a conoscere la piattaforma software LabVIEW di National Instruments, un innovativo ambiente

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu 1 Benvenuti dagli ideatori e sviluppatori del Chart Risk Manager Tool per MetaTrader 4. Raccomandiamo

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00

Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00 Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00 Istruzioni per visualizzazione codici di particella, simboli e linee tratteggiate in ArcGis 8.x 9.x 1- Da pannello di controllo in Windows installare

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone

MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone MANUALE PER LA CONFIGURAZIONE DI MAIL SU ipad E SU iphone PRIMI PASSI Se è la prima volta che aprite l'applicazione MAIL vi verrà chiesto di impostare o creare il vostro account di posta e le gli step

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma 1 Il Momento Legislativo Istruzioni stampa Messaggi e Ricevute relative

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

1. FileZilla: installazione

1. FileZilla: installazione 1. FileZilla: installazione Dopo aver scaricato e salvato (sezione Download >Software Open Source > Internet/Reti > FileZilla_3.0.4.1_win32- setup.exe) l installer del nostro client FTP sul proprio computer

Dettagli

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014)

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014) GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad (v. 1.0.0 Maggio 2014) Benvenuto alla guida di configurazione della posta elettronica per dispositivi mobili tipo iphone/ipad. Prima di proseguire, assicurati

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT

PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT PMS SYSTEM PMS (PROJECT MANAGEMENT SYSTEM) SOFTWARE PER LA GESTIONE DI UN UNITÁ DI PROJECT MANAGEMENT Giovanni Serpelloni 1), Massimo Margiotta 2) 1. Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria Azienda

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP Questo breve manuale ha lo scopo di mostrare la procedura con la quale interfacciare la piattaforma di web conferencing GoToMeeting e la tua piattaforma E-Learning Docebo. Questo interfacciamento consente

Dettagli

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK.

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK. Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione Per svolgere correttamente alcune esercitazioni operative, è previsto che l utente utilizzi dei dati forniti attraverso

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1 s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli