RIORDINO DEI CONTRATTI DI LAVORO: LE FORMULE ATIPICHE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIORDINO DEI CONTRATTI DI LAVORO: LE FORMULE ATIPICHE"

Transcript

1 RIORDINO DEI CONTRATTI DI LAVORO: LE FORMULE ATIPICHE

2 RIORDINO DEI CONTRATTI DI LAVORO: IL D.LGS 81/2015 Art. 1 c. 1 Forma contrattuale comune «Il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato costituisce la forma comune di rapporto di lavoro»

3 RIORDINO DEI CONTRATTI DI LAVORO: LE FORMULE ATIPICHE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE LAVORO INTERMITTENTE LAVORO ACCESSORIO SOMMINISTRAZIONE

4 COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE FONTI NORMATIVE DAL D.LGS 276/2003 AL D.LGS 81/2015 Art. 52 D. Lgs 81/2015 ABROGAZIONE DEL PROGETTO: D.Lgs 276/2003 art. dal 61 al 69 ( cosa comporta?)

5 COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE COS E UN CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA? ART. 409 c.p.c. ART. 2 D.LGS 81/2015

6 COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE ART. 409 c.p.c. «rapporti di collaborazione che si concretino in una prestazione di opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale, anche se non a carattere subordinato» CONTINUATIVA: non occasionale, impegno costante a favore del committente ( Cass. N. 5698/2002) COORDINATA: L attività deve essere strutturalmente e funzionalmente collegata all organizzazione del committente ( Cass. N. 3698/2002)

7 COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE ART. 2 C. 1 DEL DLGS 81/2015 «A far data dal 1 gennaio 2016, si applica la disciplina del rapporto di lavoro subordinato anche ai rapporti di collaborazione che si concretano in prestazioni di lavoro esclusivamente personali, continuative e le cui modalità di esecuzione sono organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro»

8 COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE la prestazione verrà ritenuta come subordinata in presenza di un rapporto con le seguenti caratteristiche: mancanza di autonomia assoggettamento al potere direttivo e disciplinare dell imprenditore uso dei mezzi di lavoro del datore inserimento stabile all interno di un processo produttivo PRINCIPIO DELL EFFETTIVITA : importanza della sostanza sulla forma

9 COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE COLLABORAZIONI ESCLUSIONE DAI LIMITI DELL ART. 2 c.1 DEL D.LGS 81/2015 Contratti di collaborazioni previsti e disciplinati dagli accordi collettivi stipulati da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale ( esempio: call-center) Collaborazioni prestate nell esercizio di professioni intellettuali per le quali si rende necessaria l iscrizione ad albi professionali Collaborazioni prestate dai componenti degli organi di amministrazione e di controllo delle società e dai partecipanti a collegi e commissioni quelle rese, in favore delle società sportive dilettantistiche

10 ANALISI FAC SIMILE CONTRATTO COCOCO IDENTIFICAZIONE DEL TIPO DI CONTRATTO RIPORTARE I RIFERIMENTI NORMATIVI CORRETTI Contratto di collaborazione coordinata e continuativa (ai sensi dell art. 409 c.p.c. e del d.lgs. n. 81/2015)

11 COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE ART. 54 STABILIZZAZIONE DEI CO.CO.CO. A partire dal 1 gennaio 2016 sarà possibile assumere a con contratto a tempo indeterminato co.co.co., co.co.pro. o titolari di P.IVA a condizione che: I lavoratori sottoscrivano presso una delle sedi protette ( art.2113 c.c. ) o presso una sede di conciliazione un atto finalizzato a risolvere eventuali controversie di natura economica e relativa qualificazione Il rapporto deve durare almeno 12 mesi ( salvo licenziamento per giusta causa o giustificato motivo)

12 COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE ART. 54 STABILIZZAZIONE DEI CO.CO.CO. EFFETTI STABILIZZAZIONE: Estinzione degli illeciti amministrativi, contributivi e fiscali connessi all eventuale erronea qualificazione del rapporto A meno che gli stessi siano stati accertati a seguito di ispezioni effettuate in data antecedente l assunzione

13 CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE Contratto per mezzo del quale un lavoratore si pone a disposizione di un datore di lavoro per lo svolgimento di una prestazione a carattere discontinuo o intermittente

14 CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE In mancanza di previsione nel CCNL: REQUISITI SOGGETTIVI: Lavoratori con meno di 24 anni, purché le prestazioni lavorative siamo svolte entro il 25 anno di età Lavoratori con più di 55 anni REQUISITI OGGETTIVI: Lavoratori di qualsiasi età per lo svolgimento di attività lavorative prevista dal Regio Decreto 6 dicembre 1923 n. 2657

15 CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE LIMITE TEMPORALE DI UTILIZZO: Il contratto di lavoro intermittente è ammesso per ciascun lavoratore con il medesimo datore di lavoro per un periodo massimo di 400 giornate esclusi settori: turismo, pubblici esercizi e spettacolo

16 CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE TRATTAMENTO ECONOMICO E NORMATIVO Maturano in base all orario svolto nei periodi in cui il lavoratore non presta attività lavorativa, non matura nessun trattamento (salvo l indennità di disponibilità quando pattuita)

17 CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE DIVIETI DI STIPULA: Per sostituzione di lavoratori in sciopero Presso unità produttive nelle quali si è proceduto, nei sei mesi precedenti, a licenziamenti collettivi di lavoratori adibiti alle stesse mansioni. Presso unità produttive con lavoratori in sospensione o riduzione dell orario per Cig adibiti alle stesse mansioni Datori di lavoro che non hanno effettuato la valutazione dei rischi

18 CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE CRITERI DI COMPUTO: Ai fini dell applicazione di qualsiasi disciplina i lavoratori con contratto di lavoro intermittente sono computati in proporzione all orario effettivamente svolto nell arco di ciascun semestre

19 ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI Prima dell'inizio della prestazione lavorativa o di un ciclo integrato di prestazioni di durata non superiore a 30 giorni, il datore di lavoro è tenuto a comunicarne la durata alla direzione territoriale del lavoro competente per territorio MODALITA TRAMITE INVIO APPOSITO MODULO ALL INDIRIZZO PEC:

20

21 ANALISI FAC SIMILE CONTRATTO INTERMITTENTE Il contratto di lavoro intermittente ai fini della prova è stipulato in forma scritta

22 LAVORO ACCESSORIO Art. 48 D.Lgs 81/2015 PRESTAZIONE A VOUCHER prestazioni di lavoro svolte al di fuori di un normale contratto di lavoro in modo discontinuo e saltuario definite appunto 'accessorie', che non sono riconducibili a contratti di lavoro tipi del lavoro subordinato o autonomo

23 LAVORO ACCESSORIO Ciascun 'buono lavoro' (voucher), ha un valore lordo di 10,50 (netto di 7,50 euro) e corrisponde al compenso minimo di un ora di prestazione. La differenza tra il valore netto e il valore lordo corrisponde al: Contributi INPS Assicurazione INAIL.

24 LAVORO ACCESSORIO Il voucher per il Lavoro accessorio non dà diritto alle prestazioni a sostegno del reddito dell'inps(disoccupazione, maternità, malattia, assegni familiari ecc.). E invece computato ai fini della determinazione del reddito necessario per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno.

25 LAVORO ACCESSORIO LIMITI REDDITUALI 2.020,00 per committente imprenditore o professionista ( 2.693,00 lordi); 7.000,00 per percettore ( 9.333,00 lordi); 3.000,00 per i percettori di indennità a sostegno del reddito ( lordi). Per il calcolo dei limiti reddituali si farà riferimento all anno civile

26 LAVORO ACCESSORIO APPALTI Il lavoro accessorio non può essere utilizzato nell abito dell esecuzione degli appalti

27 LAVORO ACCESSORIO ADEMPIMENTI FORMALI I voucher sono acquistabili per via telematica Presso tabaccherie abilitate Viene resa obbligatoria una comunicazione alla DTL preventiva all utilizzo della prestazione (obbligo a tutt oggi non attivo);

28 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE ART. 30 D.Lgs 81/2015 contratto, a tempo indeterminato o determinato, con il quale un'agenzia di somministrazione autorizzata, mette a disposizione di un utilizzatore uno o più lavoratori

29 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE CARATTERISTICHE Il lavoratore è di fatto dipendente dell agenzia interinale ma svolge la prestazione nell interesse e sotto la direzione e il controllo dell utilizzatore

30 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE LIMITI QUANTITATIVI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO: non puo' eccedere il 20 per cento del numero dei lavoratori a tempo indeterminato in forza presso l'utilizzatore al 1 gennaio dell'anno di stipula CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO: nei limiti dettati dai contratti collettivi ( sono esenti da limiti i casi di cui all art.31 c. 2 D.Lgs 81/2015)

31 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DIVIETI DI STIPULA Per sostituzione di lavoratori in sciopero Presso unità produttive nelle quali si è proceduto, nei sei mesi precedenti, a licenziamenti collettivi di lavoratori adibiti alle stesse mansioni. Salvo: assunzioni per sostituzione, assunzioni di lavoratori in mobilità o contratti inferiori a 3 mesi Presso unità produttive con lavoratori in sospensione o riduzione dell orario per Cig adibiti alle stesse mansioni Datori di lavoro che non hanno effettuato la valutazione dei rischi

32 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE VANTAGGI Il lavoratore somministrato non concorre alla base di computo ai fini: Delle assunzioni obbligatorie ( disabili ) Limiti dimensionali delle imprese artigiane

I CONTRATTI DI LAVORO nello schema di Decreto attuativo della Legge 10/12/2014, n. 183

I CONTRATTI DI LAVORO nello schema di Decreto attuativo della Legge 10/12/2014, n. 183 I CONTRATTI DI LAVORO nello schema di Decreto attuativo della Legge 10/12/2014, n. 183 Provincia di Piacenza Direzione Territoriale del Lavoro di Piacenza 1 aprile 2015 Il sistema dei contratti di lavoro

Dettagli

Rapporti di collaborazione post Dlgs. 81/2015

Rapporti di collaborazione post Dlgs. 81/2015 Rapporti di collaborazione post Dlgs. 81/2015 PREMESSA: la legge 10.12.2014, n. 183, che contiene deleghe al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle

Dettagli

C o n v e g n o 23 novembre 2015

C o n v e g n o 23 novembre 2015 C o n v e g n o 23 novembre 2015 Jobs act I nuovi decreti Collaborazioni coordinate e continuative e la stabilizzazione delle collaborazioni a progetto Dott. Carlo Cavalleri Dott.ssa Lara Boccaletti Studio

Dettagli

I NUOVI CONTRATTI DI LAVORO. ACCESSORIO TEMPO DETERMINATO COLLABORAZIONI (Relazione di Giuseppe Mongelli) Brescia, 22 marzo 2016

I NUOVI CONTRATTI DI LAVORO. ACCESSORIO TEMPO DETERMINATO COLLABORAZIONI (Relazione di Giuseppe Mongelli) Brescia, 22 marzo 2016 I NUOVI CONTRATTI DI LAVORO ACCESSORIO TEMPO DETERMINATO COLLABORAZIONI (Relazione di Giuseppe Mongelli) Brescia, 22 marzo 2016 I NUOVI CONTRATTI LAVORO ACCESSORIO: FIGURA ACONTRATTUALE NON TIPIZZABILE;

Dettagli

Formazione Continua Ordine degli Avvocati di Varese Varese, 23 ottobre 2015

Formazione Continua Ordine degli Avvocati di Varese Varese, 23 ottobre 2015 Avv. Antonella Negri BonelliErede Studio Legale Il Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 81: focus su ius variandi, potere direttivo e collaborazioni autonome. Formazione Continua rdine degli Avvocati

Dettagli

Le collaborazioni coordinate e continuative e il lavoro a progetto nel Jobs Act: cosa cambia?

Le collaborazioni coordinate e continuative e il lavoro a progetto nel Jobs Act: cosa cambia? Dalle collaborazioni coordinate e continuative al lavoro a progetto, e ritorno Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Economia Aziendale marzo 2015 Modena Le collaborazioni coordinate

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 134 17.07.2015 Contratto intermittente: la nuova disciplina Doppia comunicazione per gli intermittenti impiegati per meno di

Dettagli

IL RIORDINO DEI CONTRATTI DI LAVORO. a cura di Roberto Camera

IL RIORDINO DEI CONTRATTI DI LAVORO. a cura di Roberto Camera IL RIORDINO DEI CONTRATTI DI LAVORO ABROGAZIONI decreto legislativo n. 61/2000 (PART-TIME) decreto legislativo n. 368/2001 (CONTRATTO A TERMINE) decreto legislativo n. 167/2011 (APPRENDISTATO) articoli

Dettagli

Jobs Act - le modifiche ai contratti di lavoro

Jobs Act - le modifiche ai contratti di lavoro Contratto a Tempo Determinato Jobs Act - le modifiche ai contratti di lavoro di Roberto Camera 1 Il contratto Assistito dovrà avere una durata massima di 12 mesi; inoltre, non è più prevista l assistenza

Dettagli

Giugno RISORSE SPA - Decreto Legislativo 15 giugno 2015 n.81 -

Giugno RISORSE SPA - Decreto Legislativo 15 giugno 2015 n.81 - Giugno 2015 Lo scorso 25 giugno 2015 è entrato in vigore il Decreto Legislativo n.81/2015 il cui scopo principale è quello di riordinare la normativa che disciplina i diversi contratti di lavoro e la normativa

Dettagli

LE COLLABORAZIONI ORGANIZZATE DAL COMMITTENTE

LE COLLABORAZIONI ORGANIZZATE DAL COMMITTENTE LE COLLABORAZIONI ORGANIZZATE DAL COMMITTENTE Aggiornate al 01 febbraio 2016 Sommario L ART. 409 DEL C.P.C.... 1 SUPERAMENTO DEL CONTRATTO A PROGETTO E DELLE PRESTAZIONI OCCASIONALI... 2 LA PRESUNZIONE

Dettagli

Cosa cambia per le collaborazioni e le altre forme di lavoro autonomo

Cosa cambia per le collaborazioni e le altre forme di lavoro autonomo Cosa cambia per le collaborazioni e le altre forme di lavoro autonomo Vitantonio Lippolis Le seguenti considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo

Dettagli

Voucher lavoro accessorio: le possibili alternative dopo l abrogazione

Voucher lavoro accessorio: le possibili alternative dopo l abrogazione CIRCOLARE A.F. N. 53 del 11 Aprile 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Voucher lavoro accessorio: le possibili alternative dopo l abrogazione Gentile cliente, la informiamo che con il DL n. 25 del 17.03.2017

Dettagli

Occupazione giovanile Sintesi della Legge 99/13 e CM 35/13 del Ministero del Lavoro

Occupazione giovanile Sintesi della Legge 99/13 e CM 35/13 del Ministero del Lavoro Occupazione giovanile Sintesi della Legge 99/13 e CM 35/13 del Ministero del Lavoro 1. Assunzioni agevolate per giovani di età tra i 18 e i 29 anni Tipologia contrattuale subordinata: contratto a tempo

Dettagli

1) la semplificazione delle tipologie contrattuali. 2) la promozione del contratto a tutele crescenti.

1) la semplificazione delle tipologie contrattuali. 2) la promozione del contratto a tutele crescenti. Le nuove (vecchie) collaborazioni coordinate e continuative dopo il jobs act Fra gli intenti del legislatore del jobs act, come previsto dalla legge delega 183 del 2014, vi era il superamento dei rapporti

Dettagli

Lavoro accessorio: evoluzione normativa (I)

Lavoro accessorio: evoluzione normativa (I) Voucher Lavoro accessorio: evoluzione normativa (I) Lavoro accessorio: evoluzione normativa (II) Lavoro accessorio: evoluzione normativa (III) Lavoro accessorio: evoluzione normativa (IV) Lavoro accessorio:

Dettagli

Lavoro accessorio: indiscrezioni sul nuovo regime sostitutivo dei voucher lavoro

Lavoro accessorio: indiscrezioni sul nuovo regime sostitutivo dei voucher lavoro CIRCOLARE A.F. N. 84 del 9 Giugno 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Lavoro accessorio: indiscrezioni sul nuovo regime sostitutivo dei voucher lavoro Gentile cliente, la informiamo che attualmente è allo

Dettagli

Scambio di manodopera

Scambio di manodopera UNA BUONA VENDEMMIA Scambio di manodopera Del tutto particolare e limitato al solo settore agricolo è lo scambio di manodopera tra piccoli imprenditori agricoli secondo gli usi (art. 2139 c.c.). Per l

Dettagli

Contratto di lavoro intermittente

Contratto di lavoro intermittente Contratto di lavoro intermittente Disciplinato dal D.Lgs. n. 81/2015, vigente dal 25 giugno 2015. Il testo va ad abrogare gli articoli sul contratto di lavoro intermittente, in particolare gli artt. Da

Dettagli

Avv. Alessandro De Palma

Avv. Alessandro De Palma Il punto di vista aziendale: flessibilità, certificazione, stabilizzazione. Conviene ancora il lavoro autonomo a fronte delle tutele crescenti? Avv. Alessandro De Palma 1 CO.CO.PRO. già in atto al 25 giugno

Dettagli

Le prestazioni di lavoro occasionale (i nuovi voucher)

Le prestazioni di lavoro occasionale (i nuovi voucher) STUDIO DATTILO C O M M E R C I A L I S T I A S S O C I A T I Oggetto: Le prestazioni di lavoro occasionale (i nuovi voucher) L art. 54-bis del D.L. 24 aprile 2017, n. 50, convertito in Legge 21 giugno

Dettagli

Circolare N. 143 del 16 Ottobre 2015

Circolare N. 143 del 16 Ottobre 2015 Circolare N. 143 del 16 Ottobre 2015 Collaborazione coordinata: deroghe e possibilità di riqualificazione a fronte dell abrogazione dal 31.12.2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Persona che si obbliga a compiere verso un corrispettivo un opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione

Persona che si obbliga a compiere verso un corrispettivo un opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione Area Lavoro e Previdenza LE COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE, IL LAVORO A PROGETTO E IL LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE Milano, 20 giugno 2007 Valeria Innocenti 1 2 LAVORATORE AUTONOMO (art. 2222 c.c.

Dettagli

Ospitalità e sicurezza per tutti TIPOLOGIE CONTRATTUALI ATIPICHE

Ospitalità e sicurezza per tutti TIPOLOGIE CONTRATTUALI ATIPICHE Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Milano-Lodi SERVIZIO ISPEZIONE DEL LAVORO Si rappresenta che ai sensi della Circolare del 18/03/04 del Ministero del

Dettagli

I VOUCHER Una grande opportunità per le imprese

I VOUCHER Una grande opportunità per le imprese I VOUCHER Una grande opportunità per le imprese (fonte: INPS) CHE COS'È IL LAVORO ACCESSORIO È una particolare modalità di prestazione lavorativa la cui finalità è quella di regolamentare quelle prestazioni

Dettagli

Lavoro occasionale accessorio contratto a progetto contratto di lavoro occasionale: analisi e. Loredana Rosato, DPL Rovigo

Lavoro occasionale accessorio contratto a progetto contratto di lavoro occasionale: analisi e. Loredana Rosato, DPL Rovigo Lavoro occasionale accessorio contratto a progetto contratto di lavoro occasionale: analisi e confronti Loredana Rosato, DPL Rovigo Seminario sul lavoro Corso per volontari dell accoglienza CSV Rovigo

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Michele Ceppinati (Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro) 1 Il mercato del

Dettagli

IL RAPPORTO DI LAVORO PARASUBORDINATO ALLA LUCE DEL JOBS ACT

IL RAPPORTO DI LAVORO PARASUBORDINATO ALLA LUCE DEL JOBS ACT IL RAPPORTO DI LAVORO PARASUBORDINATO ALLA LUCE DEL JOBS ACT 1 IL RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO a) definizione E prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga - mediante retribuzione - a collaborare

Dettagli

La stabilizzazione dei cocopro e P.IVA alla luce dei chiarimenti del Ministero del Lavoro

La stabilizzazione dei cocopro e P.IVA alla luce dei chiarimenti del Ministero del Lavoro La stabilizzazione dei cocopro e P.IVA alla luce dei chiarimenti del Ministero del Lavoro Legge 183/2014 Art.1 c. 2 p. 3.universalizzazione del campo di applicazione dell'aspi, con estensione ai lavoratori

Dettagli

Il ruolo della contrattazione collettiva dopo il Jobs Act e il nuovo ruolo delle Commissioni di Certificazione. Paolo Stern

Il ruolo della contrattazione collettiva dopo il Jobs Act e il nuovo ruolo delle Commissioni di Certificazione. Paolo Stern Il ruolo della contrattazione collettiva dopo il Jobs Act e il nuovo ruolo delle Commissioni di Certificazione Paolo Stern Contrattazione Collettiva - Art. 51 del D. Lgs. n. 81/2015 (..) salvo diversa

Dettagli

SOMMARIO. Parte I LAVORO AGILE. Capitolo I DEFINIZIONE E AVVIO DEL LAVORO AGILE. Capitolo II TUTELE PER IL LAVORO AGILE

SOMMARIO. Parte I LAVORO AGILE. Capitolo I DEFINIZIONE E AVVIO DEL LAVORO AGILE. Capitolo II TUTELE PER IL LAVORO AGILE SOMMARIO Presentazione... Nota sull Autore... III V Parte I LAVORO AGILE Capitolo I DEFINIZIONE E AVVIO DEL LAVORO AGILE 1.1. Portata applicativa della legge n. 81/2017... 3 1.2. Definizione... 4 1.3.

Dettagli

Il mercato del lavoro ai tempi della flessibilità

Il mercato del lavoro ai tempi della flessibilità Il mercato del lavoro ai tempi della flessibilità Esigenze di disporre di contratti a durata limitata da parte delle imprese (fabbisogni produttivi, esigenze di competitività delle imprese versus Esigenze

Dettagli

Capitolo primo Lavoro subordinato, lavoro autonomo e attività di lavoro dedotte in altre fattispecie contrattuali

Capitolo primo Lavoro subordinato, lavoro autonomo e attività di lavoro dedotte in altre fattispecie contrattuali Indice Prefazione alla terza edizione 7 Prefazione alla seconda edizione 8 Prefazione alla prima edizione 9 Capitolo primo Lavoro subordinato, lavoro autonomo e attività di lavoro dedotte in altre fattispecie

Dettagli

Il lavoro intermittente nel settore turismo. Giardini Naxos, 16 dicembre 2011 Capo d Orlando, 17 dicembre 2011

Il lavoro intermittente nel settore turismo. Giardini Naxos, 16 dicembre 2011 Capo d Orlando, 17 dicembre 2011 Il lavoro intermittente nel settore turismo Giardini Naxos, 16 dicembre 2011 Capo d Orlando, 17 dicembre 2011 di cosa parliamo? FLESSIBILITA lavoro intermittente, a chiamata, job on call, etc. OPPORTUNITA

Dettagli

DEFINIZIONE E FINALITÀ. Definizione e finalità

DEFINIZIONE E FINALITÀ. Definizione e finalità LAVORO ACCESSORIO DEFINIZIONE E FINALITÀ Definizione e finalità DEFINIZIONE E FINALITÀ Perché introdurre questa tipologia di lavoro? 1. per regolare legalmente e dal punto di vista previdenziale le prestazioni

Dettagli

cosa sono modalità e limiti di utilizzo Avv. Alessandro Corvino

cosa sono modalità e limiti di utilizzo Avv. Alessandro Corvino Libretto di famiglia e Prest.O. cosa sono modalità e limiti di utilizzo Avv. Alessandro Corvino Fonte normativa: Libretto di famiglia e Prest.O. Decreto Legge 24 aprile 2017 n. 50 coordinato con la legge

Dettagli

DA.MA. SRL. Aliquote contributive per gli iscritti alla Gestione separata INPS per il 2016 CIRCOLARI EUTEKNE PER LA CLIENTELA NUMERO 1-4 GENNAIO 20161

DA.MA. SRL. Aliquote contributive per gli iscritti alla Gestione separata INPS per il 2016 CIRCOLARI EUTEKNE PER LA CLIENTELA NUMERO 1-4 GENNAIO 20161 DA.MA. SRL Aliquote contributive per gli iscritti alla Gestione separata INPS per il 2016 1 1 PREMESSA Con riferimento all anno 2016, la disciplina della contribuzione dovuta alla Gestione separata INPS

Dettagli

Il Decreto Legge 50 del 24 aprile 2017, all art. 54-bis, convertito nella Legge 96/2017,

Il Decreto Legge 50 del 24 aprile 2017, all art. 54-bis, convertito nella Legge 96/2017, CIRCOLARE DI STUDIO 29/2017 Parma, 5 Settembre 2017 OGGETTO: Le nuove prestazioni occasionali Il Decreto Legge 50 del 24 aprile 2017, all art. 54-bis, convertito nella Legge 96/2017, istituisce nuove forme

Dettagli

Capitolo 14 LAVORO AUTONOMO (OCCASIONALE, D OPERA, IN PARTITA IVA)

Capitolo 14 LAVORO AUTONOMO (OCCASIONALE, D OPERA, IN PARTITA IVA) Capitolo 14 Lavoro autonomo (occasionale, d opera, in partita IVA) Capitolo 14 LAVORO AUTONOMO (OCCASIONALE, D OPERA, IN PARTITA IVA) Caratteristiche e tipologie del lavoro autonomo Statuto del lavoro

Dettagli

S E A V SOGGETTI INTERESSATI

S E A V SOGGETTI INTERESSATI Bergamo, luglio 2017 CIRCOLARE N. 14/Consulenza OGGETTO: Prestazioni lavori occasionali (c.d. PrestO ) La legge 21 giugno 2017 n 96 ha introdotto novità in merito alle prestazioni occasionali dopo l abrogazione

Dettagli

Renato Sarica. Consulente del lavoro in Torino

Renato Sarica. Consulente del lavoro in Torino Studio Sarica e Associati Via Barbaroux 6-10122 Torino Tel 011.53.41.73 Fax 011.53.10.54 www.consulentedellavorotorino.it Renato Sarica Consulente del lavoro in Torino Tipologie di contratti Riferimenti

Dettagli

Le nuove collaborazioni a progetto (alla luce della legge n.92/2012)

Le nuove collaborazioni a progetto (alla luce della legge n.92/2012) Modena, 12 luglio 2012 Le nuove collaborazioni a progetto (alla luce della legge n.92/2012) Flavia Pasquini Vice Presidente - Commissione di certificazione Centro Studi Marco Biagi - Università di Modena

Dettagli

Circolare N. 140 del 13 Ottobre 2016

Circolare N. 140 del 13 Ottobre 2016 Circolare N. 140 del 13 Ottobre 2016 Lavoro accessorio: con i correttivi al Jobs Act cambia la comunicazione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il D.Lgs. n. 185 del 24.09.2016

Dettagli

Informativa n. 4 INDICE. del 17 gennaio DL n. 216 (c.d. milleproroghe ) - Principali novità in materia di lavoro

Informativa n. 4 INDICE. del 17 gennaio DL n. 216 (c.d. milleproroghe ) - Principali novità in materia di lavoro Informativa n. 4 del 17 gennaio 2012 DL 29.12.2011 n. 216 (c.d. milleproroghe ) - Principali novità in materia di lavoro INDICE 1 Premessa...2 2 Indennità una tantum per i lavoratori a progetto...2 2.1

Dettagli

.attività! Insegnamento privato supplementare. Piccoli lavori di giardinaggio, nonché di pulizia e manutenzione di edifici e monumenti

.attività! Insegnamento privato supplementare. Piccoli lavori di giardinaggio, nonché di pulizia e manutenzione di edifici e monumenti .attività! Piccoli lavori domestici a carattere straordinario, compresa l assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con handicap Insegnamento privato supplementare Piccoli lavori

Dettagli

Premessa... pag. 5. Parte I. Il rapporto di lavoro

Premessa... pag. 5. Parte I. Il rapporto di lavoro Premessa... pag. 5 Parte I Nozioni Introduttive. Il rapporto di lavoro Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» 17 2. La gerarchia delle fonti...» 18 3. Il Titolo V della Costituzione...»

Dettagli

DIRITTO DEL LAVORO. Nozioni base

DIRITTO DEL LAVORO. Nozioni base DIRITTO DEL LAVORO Nozioni base CONTENUTI Obiettivi delle lezioni Suddivisioni del diritto del lavoro Le fonti del diritto del lavoro Autonomia e subordinazione Lavoro subordinato Lavoro parasubordinato

Dettagli

Datori di lavoro. I contratti di inserimento possono essere stipulati da: enti pubblici economici, imprese e loro consorzi; gruppi di imprese;

Datori di lavoro. I contratti di inserimento possono essere stipulati da: enti pubblici economici, imprese e loro consorzi; gruppi di imprese; Datori di lavoro I contratti di inserimento possono essere stipulati da: enti pubblici economici, imprese e loro consorzi; gruppi di imprese; associazioni professionali, socio-culturali, sportive; fondazioni;

Dettagli

IL LAVORO A TEMPO DETERMINATO NEI DECRETI ATTUATIVI DEL JOBS ACT. Pisa, 9 ottobre Vincenzo Tedesco

IL LAVORO A TEMPO DETERMINATO NEI DECRETI ATTUATIVI DEL JOBS ACT. Pisa, 9 ottobre Vincenzo Tedesco IL LAVORO A TEMPO DETERMINATO NEI DECRETI ATTUATIVI DEL JOBS ACT Pisa, 9 ottobre 2015 Vincenzo Tedesco CONTRATTI DI LAVORO SUBORDINATO NON STANDARD CONTRATTI DI LAVORO SUBORDINATO NON STANDARD CONTRATTI

Dettagli

Lavoro a termine Monica McBritton Maggio 2015

Lavoro a termine Monica McBritton Maggio 2015 Lavoro a termine Monica McBritton Maggio 2015 Evoluzione storica CODICE DEL 1865 : art. 1626 ->Nessuno può obbligare la propria opera all altrui servizio che a tempo, o per una determinata impresa. (divieto

Dettagli

Somministrazione di lavoro: D.Lgs. n. 81/2015

Somministrazione di lavoro: D.Lgs. n. 81/2015 Somministrazione di lavoro: D.Lgs. n. 81/2015 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014,

Dettagli

I BUONI LAVORO: modalità di utilizzo e funzionamento Giornata nazionale della Previdenza - Milano, 4 maggio 2011

I BUONI LAVORO: modalità di utilizzo e funzionamento Giornata nazionale della Previdenza - Milano, 4 maggio 2011 : 1 D.Lgs. n. 276/2003 D.M. 12 marzo 2008 Legge n. 133/2008 Legge n. 33/2009 Decreto di attuazione della Riforma del Mercato del Lavoro Decreto avvio sperimentazione lavoro occasionale accessorio Norme

Dettagli

JOBS ACT, IL LAVORO ACCESSORIO DOPO LA RIFORMA

JOBS ACT, IL LAVORO ACCESSORIO DOPO LA RIFORMA JOBS ACT, IL LAVORO ACCESSORIO DOPO LA RIFORMA L EVOLUZIONE Gli articoli da 70 a 74 del D. lgs. 276/2003 nel disciplinare il lavoro accessorio occasionale limitavano l uso dei buoni a ben determinate fattispecie

Dettagli

Prima di entrare nel merito delle modifiche introdotte con la Legge 92/2012, occorre fare un accenno a questa tipologia di contratto.

Prima di entrare nel merito delle modifiche introdotte con la Legge 92/2012, occorre fare un accenno a questa tipologia di contratto. Il Contratto Intermittente dopo la L.92/2012 Prima di entrare nel merito delle modifiche introdotte con la Legge 92/2012, occorre fare un accenno a questa tipologia di contratto. Il contratto di lavoro

Dettagli

Il lavoro con i voucher. a cura del consulente del lavoro Simona Pompili

Il lavoro con i voucher. a cura del consulente del lavoro Simona Pompili Il lavoro con i voucher a cura del consulente del lavoro Simona Pompili Che cosa si intende per lavoro accessorio? Si tratta di tutte quelle prestazioni che per natura sono OCCASIONALI. Quando una prestazione

Dettagli

SOMMARIO. Parte I CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI E DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI

SOMMARIO. Parte I CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI E DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI SOMMARIO Presentazione... V Nota Autori... VII Parte I CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI E DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI Capitolo I CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI E RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI di Pierluigi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 4 del 12 Gennaio 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: carico contributivo dal 01.01.2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

COME TROVO UN LAVORO?

COME TROVO UN LAVORO? COME TROVO UN LAVORO? Giovedì 28 aprile 2016 In collaborazione con SPORTELLO LAVORO VIVIAMO VERMEZZO Tematiche: Breve introduzione Le novità principali del Jobs Act Parliamo di Categorie Protette Le principali

Dettagli

Seminari Jobs Act Modulo 3-2 ottobre Lavoro autonomo e collaborazioni organizzate

Seminari Jobs Act Modulo 3-2 ottobre Lavoro autonomo e collaborazioni organizzate Seminari Jobs Act Modulo 3-2 ottobre 2015 Lavoro autonomo e collaborazioni organizzate www.studiomarazza.it Studio Legale Marazza & Associati 2015 L art. 2222 c.c. Nel lavoro autonomo una persona si obbliga

Dettagli

PRESTAZIONI DI LAVORO OCCASIONALE

PRESTAZIONI DI LAVORO OCCASIONALE PRESTAZIONI DI LAVORO OCCASIONALE La Legge 21 giugno 2017, n. 96 di conversione del D.L. 24 aprile 2017, n. 50, entrata in vigore il 23.06.2017, ha disciplinato una nuova fattispecie contrattuale, la cosiddetta

Dettagli

I BUONI LAVORO: modalità di utilizzo e funzionamento

I BUONI LAVORO: modalità di utilizzo e funzionamento I BUONI LAVORO: modalità di utilizzo e funzionamento Giornata nazionale della Previdenza Ufficio Legislativo Milano, 4 maggio 2011 Disciplina generale > definizione > vantaggi Lavoro Occasionale Accessorio

Dettagli

Le agevolazioni contributive per le Organizzazioni di Volontariato che decidono di assumere personale non volontario alla luce della Legge di

Le agevolazioni contributive per le Organizzazioni di Volontariato che decidono di assumere personale non volontario alla luce della Legge di Le agevolazioni contributive per le Organizzazioni di Volontariato che decidono di assumere personale non volontario alla luce della Legge di Stabilità 2016 e della normativa vigente. Le possibilità che

Dettagli

Roma, 6 luglio 2012 ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Roma, 6 luglio 2012 ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI Roma, 6 luglio 2012 Circ. n. 167 / 2012 Prot. n. 554 / AGC Arch. n. 4 / ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

Il contratto di apprendistato

Il contratto di apprendistato Il contratto di apprendistato Il contratto di apprendistato Le principali novità del contratto di apprendistato nel D.lgs.167/2011 LE TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO DOPO IL T.U. DEL 27/07/2011 I tratti comuni

Dettagli

Circolare N. 53 del 8 Aprile 2015

Circolare N. 53 del 8 Aprile 2015 Circolare N. 53 del 8 Aprile 2015 Collaborazioni coordinate, a progetto e associazione in partecipazione: cosa viene previsto per il futuro? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL MERCATO DEL LAVORO, SOGGETTI E OPPORTUNITÀ

INDICE CAPITOLO I IL MERCATO DEL LAVORO, SOGGETTI E OPPORTUNITÀ Premessa alla seconda edizione........................ Premessa alla prima edizione......................... pag. XI XIII CAPITOLO I IL MERCATO DEL LAVORO, SOGGETTI E OPPORTUNITÀ 1. Principi e criteri

Dettagli

JOBS ACT OTTOBRE STUDIO LEGALE FERRIERI Davide Ferrieri Greta Ramella

JOBS ACT OTTOBRE STUDIO LEGALE FERRIERI Davide Ferrieri Greta Ramella JOBS ACT OTTOBRE 2015 STUDIO LEGALE FERRIERI Davide Ferrieri Greta Ramella D.lgs. 80/2015 (entrato in vigore il 16 giugno 2015) Disposizioni in materia di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro 1.

Dettagli

Contratto di lavoro intermittente

Contratto di lavoro intermittente Contratto di lavoro intermittente Autore: Chistoni Paola In: Diritto del lavoro Il contratto di lavoro intermittente è stato introdotto dal decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 (e successive modificazioni).

Dettagli

Sgravio contributivo e altri incentivi in agricoltura

Sgravio contributivo e altri incentivi in agricoltura Sgravio contributivo e altri incentivi in agricoltura La Legge di Stabilità 2015 ha introdotto per le nuove assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel 2015 sgravio contributivo totale per i datori

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 222 11.12.2015 Co.co.co. e co.co.pro.: gestione dei rapporti ante e post 31.12 I datori di lavoro che hanno rapporti di lavoro

Dettagli

Lavoro intermittente: limiti e chiarimenti dopo il DL lavoro

Lavoro intermittente: limiti e chiarimenti dopo il DL lavoro CIRCOLARE A.F. N. 137 del 13 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Lavoro intermittente: limiti e chiarimenti dopo il DL lavoro (DL n. 76 del 28.06.2013, legge n. 99 del 09.08.2013, circolare Min.

Dettagli

Jobs Act, nuova flessibilità nel riordino dei contratti di lavoro

Jobs Act, nuova flessibilità nel riordino dei contratti di lavoro Jobs Act, nuova flessibilità nel riordino dei contratti di lavoro Il decreto legislativo di riordino dei contratti di lavoro, attuativo del Jobs Act, ridisegna l assetto delle tipologie contrattuali. In

Dettagli

Marginalità del lavoro a tempo indeterminato in Italia

Marginalità del lavoro a tempo indeterminato in Italia Marginalità del lavoro a tempo indeterminato in Italia Distribuzione percentuale dei rapporti di lavoro attivati per tipologia di contratto (composizioni percentuali). III trimestre 2014 (a) La tipologia

Dettagli

SISTEMI DI CONTROLLO E VIGILANZA PER CONTRASTARE FORME DI LAVORO IMPROPRIE

SISTEMI DI CONTROLLO E VIGILANZA PER CONTRASTARE FORME DI LAVORO IMPROPRIE SISTEMI DI CONTROLLO E VIGILANZA PER CONTRASTARE FORME DI LAVORO IMPROPRIE Alessandro Millo Dirigente Direzione Territoriale del Lavoro di Bologna # ( # )Le considerazioni espresse sono frutto esclusivo

Dettagli

Le procedure conciliative in materia di lavoro con l introduzione delle tutele crescenti. (Roberto Camera)

Le procedure conciliative in materia di lavoro con l introduzione delle tutele crescenti. (Roberto Camera) Le procedure conciliative in materia di lavoro con l introduzione delle tutele crescenti (Roberto Camera) 1 ? Tentativo ordinario di conciliazione artt. 409 e ssdel c.p.c. Tentativo di conciliazione per

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 SEMPLIFICAZIONI IN ENTRATA

SOMMARIO. Capitolo 1 SEMPLIFICAZIONI IN ENTRATA SOMMARIO Capitolo 1 SEMPLIFICAZIONI IN ENTRATA 1. Politiche attive e servizi per l impiego... 2 2. Stato di disoccupazione secondo il Jobs Act... 5 2.1. Dichiarazione di immediata disponibilità (DID)...

Dettagli

Tipologie contrattuali

Tipologie contrattuali Tipologie contrattuali Contratto a tempo determinato: elementi disincentivanti costo contributivo maggiorato (aliquota 1,4%); intervallo di tempo tra un contratto e l altro a. 60 giorni se il contratto

Dettagli

La nuova disciplina dei contratti di lavoro non standard Piacenza, 16 maggio 2008

La nuova disciplina dei contratti di lavoro non standard Piacenza, 16 maggio 2008 La nuova disciplina dei contratti di lavoro non standard Piacenza, 16 maggio 2008 Intervento di Vincenzo Ferrante Professore nell Università Cattolica di Piacenza 1 Le collaborazioni coordinate e continuative

Dettagli

SOMMARIO PARTE I - I LAVORI AUTONOMI. Capitolo 1 Lavoro a progetto

SOMMARIO PARTE I - I LAVORI AUTONOMI. Capitolo 1 Lavoro a progetto SOMMARIO Presentazione Una guida pratica a cavallo fra formulario e commentario (Rausei)... Nota sugli autori... V VII PARTE I - I LAVORI AUTONOMI Capitolo 1 Lavoro a progetto Schema contrattuale (Rausei)...

Dettagli

Il lavoro intermittente ( Lavoro a chiamata o Job on call )

Il lavoro intermittente ( Lavoro a chiamata o Job on call ) Il lavoro intermittente ( Lavoro a chiamata o Job on call ) Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È IL LAVORO INTERMITTENTE? Il lavoro intermittente (più comunemente definito anche lavoro a chiamata o job

Dettagli

CONTRATTI ATIPICI: LE NOVITÀ DEL JOBS ACT

CONTRATTI ATIPICI: LE NOVITÀ DEL JOBS ACT Circolare informativa per la clientela n. 23/2015 del 09 luglio 2015 CONTRATTI ATIPICI: LE NOVITÀ DEL JOBS ACT In questa Circolare 1. Collaborazioni, partite Iva e associazione in partecipazione 2. Contratto

Dettagli

VOUCHER PER IL LAVORO ACCESSORIO: LE NUOVE MODALITA DI COMUNICAZIONE ALLA DTL

VOUCHER PER IL LAVORO ACCESSORIO: LE NUOVE MODALITA DI COMUNICAZIONE ALLA DTL CIRCOLARE N. 12 DEL 20/10/2016 VOUCHER PER IL LAVORO ACCESSORIO: LE NUOVE MODALITA DI COMUNICAZIONE ALLA DTL Con la circolare n. 1 del 2016 in tema di voucher per lavoro accessorio, l Ispettorato Nazionale

Dettagli

Comma 1 (limiti per prestatore e utilizzatore)

Comma 1 (limiti per prestatore e utilizzatore) Ai Sig.ri Loro Clienti Loro indirizzi Circolare n. 028 del 26/06/2017 Oggetto: la disciplina dei nuovi voucher e delle prestazioni occasionali. A seguito della conversione in legge del decreto-legge n.

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro: alcuni punti critici per il settore turismo

La riforma del mercato del lavoro: alcuni punti critici per il settore turismo La riforma del mercato del lavoro: alcuni punti critici per il settore turismo Prato, 3 aprile 2013 Andrea Serra servizio sindacale FEDERALBERGHI mercato del lavoro turistico (fonte: INPS e Ministero del

Dettagli

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 4/2017

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 4/2017 Como, 9.1.2017 INFORMATIVA N. 4/2017 ALIQUOTE CONTRIBUTIVE PER GLI ISCRITTI ALLA GESTIONE SEPARATA INPS PER IL 2017 INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Lavoratori iscritti alla Gestione separata... pag. 2 2.1

Dettagli

CRITICITÀ DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI TRA SOCIETÀ E COLLABORATORI

CRITICITÀ DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI TRA SOCIETÀ E COLLABORATORI CRITICITÀ DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI TRA SOCIETÀ E COLLABORATORI Rapporto di lavoro subordinato (art. 2081 c.c.) È prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare

Dettagli

Fondo di integrazione salariale

Fondo di integrazione salariale Fondo di integrazione salariale Circ. INPS n. 176/2016, in attuazione dell art. 3, c. 19 della L. n. 92/2012 e con disposizioni del D.Lgs. n. 148/2015 Trattasi di un Fondo Residuale di integrazione salariale,

Dettagli

STUDIO ZITO CIRCOLARE N. 1/2017

STUDIO ZITO CIRCOLARE N. 1/2017 STUDIO ZITO CIRCOLARE N. 1/2017 Come prevedibile l abrogazione dei voucher, strumento utile sia alle aziende in cerca di flessibilità e semplificazione burocratica che per gli stessi lavoratori che avevano

Dettagli

OGGETTO: La nuova disciplina del lavoro occasionale accessorio

OGGETTO: La nuova disciplina del lavoro occasionale accessorio Informativa per la clientela di studio N. 58 del 19.07.2017 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La nuova disciplina del lavoro occasionale accessorio Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

C o n v e g n o 11 Luglio 2016

C o n v e g n o 11 Luglio 2016 C o n v e g n o 11 Luglio 2016 Diritto del lavoro Novità e aggiornamenti Lavoro a tempo determinato Rag. Riccardo Guido Studio Associato Barillari Lapolla Cavalleri Premessa Legge 10 dicembre 2014 n. 183

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA 31 Ottobre 2012 Avv. Valeria Del Pizzo

PROVINCIA DI PISTOIA 31 Ottobre 2012 Avv. Valeria Del Pizzo PROVINCIA DI PISTOIA 31 Ottobre 2012 Avv. Valeria Del Pizzo Introdotto nell ordinamento nel 2003 dal Dlgs. nr 276(Riforma Biagi) viene disciplinato nel TITOLO V fra le TIPOLOGIE CONTRATTUALI A ORARIO RIDOTTO,

Dettagli

NEWSLETTER 27/2015. Corato, 19 novembre 2015 SOMMARIO

NEWSLETTER 27/2015. Corato, 19 novembre 2015 SOMMARIO NEWSLETTER 27/2015 Corato, 19 novembre 2015 SOMMARIO 1 DISPOSIZIONI LEGISLATIVE D.lgs. 15 giugno 2015, n. 81 L esposizione che segue, rappresenta una breve sintesi di disposizioni legislative, chiarimenti

Dettagli

Somministrazione di lavoro D.Lgs. n. 81/2015, artt

Somministrazione di lavoro D.Lgs. n. 81/2015, artt Somministrazione di lavoro D.Lgs. n. 81/2015, artt. 30-40 Speaker Lesioli Claudia - Referente Lavoro - Area Lavoro e Previdenza 13 aprile 2017 Definizione (art. 30) Il contratto di somministrazione di

Dettagli

PARTITA IVA: COME SI DEFINISCE

PARTITA IVA: COME SI DEFINISCE PARTITE IVA DOVE DIETRO SI NASCONDE UN LAVORO DIPENDENTE Dal Cortivo Fabio, Ufficio legale Sindacale CISL VICENZA per PARTITA IVA: COME SI DEFINISCE Sono contratti di lavoro stipulati con PRESTATORI D

Dettagli

IL CONTRATTO DI PRESTAZIONE OCCASIONALE E IL LIBRETTO DI FAMIGLIA

IL CONTRATTO DI PRESTAZIONE OCCASIONALE E IL LIBRETTO DI FAMIGLIA IL CONTRATTO DI PRESTAZIONE OCCASIONALE E IL LIBRETTO DI FAMIGLIA Due distinte modalità di utilizzo: Libretto di Famiglia (LF) Contratto di prestazione occasionale (Presto ovvero CPO) Utilizzato da persone

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2016 CIRCOLARE NUMERO 4 LE NUOVE COLLABORAZIONI DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO N.81 DEL 2015 Il 1 gennaio 2016 è entrata pienamente a regime la nuova regolamentazione

Dettagli

I VOUCHER PER IL LAVORO ACCESSORIO E LA NUOVA COMUNICAZIONE PREVENTIVA DI INIZIO DELLA PRESTAZIONE

I VOUCHER PER IL LAVORO ACCESSORIO E LA NUOVA COMUNICAZIONE PREVENTIVA DI INIZIO DELLA PRESTAZIONE I VOUCHER PER IL LAVORO ACCESSORIO E LA NUOVA COMUNICAZIONE PREVENTIVA DI INIZIO DELLA PRESTAZIONE Come noto il D.Lgs. n. 276/2003 ha introdotto la disciplina del lavoro accessorio e dei buoni lavoro (c.d.

Dettagli

CIRCOLARE DEL 25 OTTOBRE 2011 Ai gentili Clienti. Oggetto: APPRENDISTATO - IN VIGORE IL NUOVO TESTO UNICO

CIRCOLARE DEL 25 OTTOBRE 2011 Ai gentili Clienti. Oggetto: APPRENDISTATO - IN VIGORE IL NUOVO TESTO UNICO CIRCOLARE DEL 25 OTTOBRE 2011 Ai gentili Clienti Oggetto: APPRENDISTATO - IN VIGORE IL NUOVO TESTO UNICO In data 14 settembre 2011 è stato emanato il D.Lgs. n.167 rubricato Testo Unico dell Apprendistato,

Dettagli

IL LIBRETTO FAMIGLIA E IL NUOVO CONTRATTO DI PRESTAZIONE OCCASIONALE

IL LIBRETTO FAMIGLIA E IL NUOVO CONTRATTO DI PRESTAZIONE OCCASIONALE NEWSLETTER n. 7 10 luglio 2017 IL LIBRETTO FAMIGLIA E IL NUOVO CONTRATTO DI PRESTAZIONE OCCASIONALE RIFERIMENTI: D.L. n. 50/2017 Circolare INPS n. 107/2017 Dopo l abrogazione della disciplina del lavoro

Dettagli