MODALITA' DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODALITA' DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING"

Transcript

1 Legge Regionale n 38/2013 Regolamento di attuazione approvato con DGR 445/2016 MODALITA' DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING DESTINATARI (art. 1) Il Regolamento è rivolto: 1) alle attività di tatuaggio e piercing 2) alle attività di dermopigmentazione (trucco permanente e semipermanente) COSA BISOGNA FARE (art 2 co 1 e 2) Le attività di tatuaggio, piercing e dermopigmentazione (anche quelle già attive) devono: 1) ENTRO IL 26 GIUGNO 2016 PRESENTARE NUOVA SCIA (su nuovo modello) al SUAP di competenza con NOMINA DEL RESPONSABILE TECNICO. 2) ENTRO 2 ANNI GLI OPERATORI DEVONO FREQUENTARE UN CORSO DI FORMAZIONE PER OTTENERE LA QUALIFICA DI TATUATORI E PIERCER. 3) ISCRIVERSI ALL'ALBO ARTIGIANI. L'esercizio dell'attività in forma autonoma presuppone l'iscrizione all'albo delle Imprese Artigiane. 4) VERIFICARE I REQUISITI DEI LOCALI (ART 4); SE NON SUSSISTONO TALI REQUISITI E' POSSIBILE REGOLARIZZARE ENTRO UN ANNO (entro il 26 giugno 2017) IL RESPONSABILE TECNICO (art. 2 co 3) Nella SCIA deve essere indicato un responsabile tecnico: questo può essere lo stesso soggetto anche per più sedi purché durante l'orario di apertura della sede sia assicurata la sua presenza. Se si nominano più responsabili per diverse unità locali, vanno presentate le SCIA distinte, una per ciascuna unità locale. In caso di impedimento e assenza del responsabile tecnico per un periodo di un mese, bisogna comunicare il nome del sostituto al SUAP.

2 COSA NON SI PUO' FARE (art 8 ) E' vietato: 1) eseguire tatuaggi e piercing sui minori di anni 18 senza il consenso informato; 2) eseguire tatuaggi e piercing sui minori di anni 14 3) eseguire tatuaggi e piercing in sedi anatomiche nelle quali si possono avere conseguenze invalidanti o dove la cicatrizzazione è difficile; 4) eseguire tatuaggi sulla totalità del corpo 5) effettuare piercing su parti del corpo che riducono la funzionalità d'organo 6) eliminare tatuaggi in strutture non sanitarie 7) eseguire tatuaggi e piercing su animali Attività in forma ambulante (art. 2 co 8) Non è consentito svolgere attività di piercing e tatuaggio in forma ambulante, salvo in occasione di manifestazioni pubbliche temporanee. In tal caso si deve comunicare in anticipo al SUAP i nomi degli operatori coinvolti e i luoghi per la prestazione devono avere queste caratteristiche: locali, anche prefabbricati, con pavimenti e superfici lavabili, aree distinte per l'attesa, per l'esecuzione del tatuaggio o piercing, per la conservazione dei materiali puliti, per quelli sporchi dotati di lavabo con rubinetto e comando non manuale e distributore automatico di sapone liquido e asciugamano elettrico o monouso; pannelli trasparenti per separare il pubblico, contenitori per rifiuti speciali, servizi igienici e spogliatoi per gli operatori. Coesistenza di più attività (art. 2 co 9) Le attività di tatuaggio e piercing possono essere svolte negli stessi immobili occupati da imprese di tatuaggio e piercing o estetiste, acconciatori, palestre. PIERCING DEL LOBO AURICOLARE (art. 4 co 10) Farmacie, oreficerie, gioiellerie possono effettuare il piercing esclusivamente sul lobo auricolare con attrezzatura monouso. Esse devono inviare all'asur COMUNICAZIONE dell'attività e PROCEDURA IGIENICO.SANITARIA. ADEMPIMENTI IGIENICO SANITARI (Art 3) il titolare deve redigere un PIANO DI AUTOCONTROLLO che contiene: - tipi di prestazioni effettuate - elenco di fornitori di attrezzature e materiali

3 - descrizione abbigliamento da lavoro, cautele di igiene e sicurezza per operatori e clienti - procedura di sanificazione, disinfezione e sterilizzazione (trasporto, tracciabilità.) - procedura di disinfezione e asepsi della parte anatomica interessata - procedura di sanificazione degli ambienti - schede tecniche dei pigmenti o coloranti - atto di affidamento dello smaltimento dei rifiuti speciali CARATTERISTICHE DEI LOCALI (art. 4) Gli esercizi di tatuaggio, piercing, dermopigmentazione devono avere: 1) locale di ricevimento, attesa, informazioni: altezza almeno 2,70 m; illuminazione e aerazione pari a un ottavo o areazione artificiale 2) locale per l'esecuzione del lavoro: superficie almeno 9 m/q per la prima postazione e almeno 6 per le altre (separati anche con pannellature lavabili); altezza almeno 2,70m; illuminazione e aerazione pari a un ottavo o areazione artificiale; pavimenti e pareti facilmente lavabili; lavabo con acqua calda e fredda a comando non manuale per ogni postazione; distributore di sapone liquido; distributore di asciugamani elettrico o monouso; se nel locale avviene sterilizzazione vedi punto 3. 3) locale di pulizia e sterilizzazione: deve avere le stesse caratteristiche di quello di esecuzione. Se la sterilizzazione avviene negli stessi locali di esecuzione, allora questi devono avere apposito ripiano con autoclave. Non è richiesto alcun adempimento quando si usano solo strumenti monouso o quando il servizio è affidato a terzi. 4) locale spogliatoio: deve contenere un armadietto a doppio scomparto per ciascun operatore; altezza non inferiore a 2,40 m 5) servizio igienico: altezza non inferiore a 2,40m; lavabo con rubinetto a comando non manuale, distributore automatico di sapone e asciugamano elettrico o monouso; aerazione e illuminazione diretta (o impianto estrazione dell'aria); antibagno se l'accesso non avviene da disimpegno o corridoio. APPARECCHIATURE (artt. 5 e 6)

4 Gli artt. 5 e 6 descrivono le caratteristiche di apparecchiature e pigmenti e loro utilizzo in base alle diverse tecniche di tatuaggio e piercing STERILIZZAZIONE (art. 7) Tutti gli strumenti che entrano in contatto con cute o mucose, se non sterili monouso, sono sterilizzati. La procedura di sterilizzazione avviene con le seguenti fasi: 1) decontaminazione con disinfettante 2) detersione, spazzolatura, risciacquo 3) eventuale immissione in apparecchio ultrasuoni con disinfettante; 4) asciugatura con salviette monouso; 5) chiusura di ogni singola attrezzatura in busta apposita recante striscia cromatica per il controllo della temperatura 6) inserimento delle buste in autoclave; 7) custodia delle buste in ambiente idoneo INFORMATIVA E CONSENSO (art 9) Prima dell'esecuzione della prestazione, l'operatore informa sul tipo di operazioni da effettuarsi, sui rischi e sulle precauzioni da osservare dopo la prestazione. Previo accertamento della minore età del cliente, l'operatore deve acquisire il consenso informato da parte di un genitore o tutore, nonché l'autorizzazione al trattamento dati. I modelli di informativa e consenso saranno adottati con Decreto della Regione Marche. SANZIONI (art. 11) Se gli operatori non frequentano i corsi di qualifica entro il 26 giugno 2017, il Comune dispone la sospensione dell'attività per un periodo non superiore a 6 mesi. Se nel periodo di sospensione il responsabile tecnico non frequenta il corso, il comune dispone la chiusura definitiva dell'attività.

5

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing COMUNE DI PRATO Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing Allegato C: Requisiti minimi strutturali ed igienico sanitari dei locali per attività di Tatuaggi e Piercing

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 1- AVVERTENZE IMPORTANTI Il presente vademecum è stato elaborato sulla base di schede fornite al Suap comunale di Bresso dall Asl Milano e costituisce, a titolo

Dettagli

Art. 5 - Requisiti comuni. Invariato. Sezione II - Zona operativa e di attesa Art. 4 - Locali di esercizio dell attività e di attesa.

Art. 5 - Requisiti comuni. Invariato. Sezione II - Zona operativa e di attesa Art. 4 - Locali di esercizio dell attività e di attesa. D.P.G.R. 2-10-2007 n. 47/R Regolamento di attuazione della legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 (Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing). TITOLO I Requisiti minimi strutturali,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 6624 Seduta del 29/05/2017

DELIBERAZIONE N X / 6624 Seduta del 29/05/2017 DELIBERAZIONE N X / 6624 Seduta del 29/05/2017 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

Distretto di Parma Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene e Sanità Pubblica. T.d.P. S.I.S.P.Michele Miele

Distretto di Parma Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene e Sanità Pubblica. T.d.P. S.I.S.P.Michele Miele Distretto di Parma Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene e Sanità Pubblica T.d.P. S.I.S.P.Michele Miele Requisiti dei locali e delle attrezzature Per esercitare l attività di Tatuatore o Piercer

Dettagli

2. Per le finalità di cui al comma 1, la presente legge disciplina le attività di tatuaggio e piercing. Art. 2 (Definizioni)

2. Per le finalità di cui al comma 1, la presente legge disciplina le attività di tatuaggio e piercing. Art. 2 (Definizioni) Testo vigente LEGGE REGIONALE 18 novembre 2013, n. 38 Disciplina dell'attività di tatuaggio e piercing. ( B.U. 28 novembre 2013, n. 93 ) La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

Dettagli

Disciplina delle attivita' di tatuaggio, di piercing e delle pratiche correlate. Art. 1. (Finalita' e oggetto) Art. 2.

Disciplina delle attivita' di tatuaggio, di piercing e delle pratiche correlate. Art. 1. (Finalita' e oggetto) Art. 2. Legge regionale12 aprile 2012, n. 07 Disciplina delle attivita' di tatuaggio, di piercing e delle pratiche correlate. Art. 1 (Finalita' e oggetto) 1. La Regione Friuli Venezia Giulia, in attuazione dell'

Dettagli

PREFAZIONE 9 BIOGRAFIA 21 I TESTIMONI 23 COSA PENSANO DI SIMONA CASADEI E DEL SUO MANUALE I NUMERI UNO ITALIANI INTRODUZIONE 43

PREFAZIONE 9 BIOGRAFIA 21 I TESTIMONI 23 COSA PENSANO DI SIMONA CASADEI E DEL SUO MANUALE I NUMERI UNO ITALIANI INTRODUZIONE 43 Indice PREFAZIONE 9 BIOGRAFIA 21 I TESTIMONI 23 COSA PENSANO DI SIMONA CASADEI E DEL SUO MANUALE I NUMERI UNO ITALIANI INTRODUZIONE 43 Capitolo 1 TATUAGGIO - PIERCING - TRUCCO PERMANENTE 45 INFORMAZIONI

Dettagli

Agenzia formativa

Agenzia formativa CORSO OBBLIGATORIO DI PREVENZIONE DEI RISCHI SANITARI CONNESSI ALLE ATTIVITA' DI TATUAGGIO, PIERCING E TRUCCO PERMANENTE In data 27 luglio 2016 la Giunta Regionale ha approvato con deliberazione n. 20-3738

Dettagli

! " # $ " %$ $ &' '( # )(*' +%% ( # )(*, - 1(, - 2# 1 34, $34,, '& $ +5, '

!  # $  %$ $ &' '( # )(*' +%% ( # )(*, - 1(, - 2# 1 34, $34,, '& $ +5, ' ! " # $ " %$ $ ( # )(* +%% ( # )(*,.# /, 1(, # /,%1 2# 1! 34, "34,/ $34,, 2 $ +5, # 1 + (,+,, 1! 1 1 3.2363.2 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento!"#$%!##### ( ) *!+,. / ".!1 2 34#"!*!"#$

Dettagli

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing COMUNE DI PRATO Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing Allegato D: Requisiti igienico-sanitari, gestionali e norme di corretta prassi igienica per l attività di

Dettagli

CORSO IGIENICO-SANITARIO PER OPERATORE DEL TATUAGGIO E PIERCING CERTIFICATO

CORSO IGIENICO-SANITARIO PER OPERATORE DEL TATUAGGIO E PIERCING CERTIFICATO CORSO IGIENICO SANITARIO DECRETO REGIONE LOMBARDIA N 4721 DEL 25/05/2011 CORSO IGIENICO-SANITARIO PER OPERATORE DEL TATUAGGIO E PIERCING CERTIFICATO Durata totale del corso: 36 ore Da oggi puoi certificarti

Dettagli

REQUISITI IGIENICO-SANITARI PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING

REQUISITI IGIENICO-SANITARI PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING Dr. Mario Esposito Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro REQUISITI IGIENICO-SANITARI PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING 13 maggio 2015 - mercoledì Dr. Mario

Dettagli

PUNTO PRELIEVO ESTERNO (PPE)

PUNTO PRELIEVO ESTERNO (PPE) Struttura appositamente dedicata ad uso esclusivo del prelievo. Deve essere collegato ad un solo laboratorio, pubblico o privato autorizzato e accreditato, già esistente sul territorio Regionale alla cui

Dettagli

Attività Produttive. Attività artigianali Tatuatori e piercing. Descrizione

Attività Produttive. Attività artigianali Tatuatori e piercing. Descrizione Attività Produttive Attività artigianali Tatuatori e piercing Descrizione Si definisce tatuaggio la colorazione permanente di parti del corpo mediante l introduzione sottocutanea ed intradermica di pigmenti

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Tatuaggi, piercing e trucco permanente Quali sono i riferimenti normativi riguardanti

Dettagli

Requisiti soggettivi:

Requisiti soggettivi: - Ufficio competente Per avvio di nuova attività, trasferimento di sede, subingresso e variazione dell attività è competente l' Unità Artigianato e Supporto alle Imprese e alle Libere Professioni. - Descrizione

Dettagli

PUNTO PRELIEVO ESTERNO (PPE)

PUNTO PRELIEVO ESTERNO (PPE) Allegato B alla Delib.G.R. n. 45/38 del 2.8.2016 REQUISITI SPECIFICI AUTORIZZATIVI PUNTO PRELIEVO ESTERNO (PPE) Il Punto di Prelievo Esterno( PPE) è una articolazione organizzativa facente parte di un

Dettagli

in qualità di nat a il residente a Via C.F. o P.IVA Telefono fax

in qualità di nat a il residente a Via C.F. o P.IVA Telefono fax DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE - SERVIZIO IGIENE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE MODELLO 1: SAGRE E FESTE - TIPOLOGIA A Il sottoscritto in qualità di nat a il residente a Via

Dettagli

Tatuaggio e Piercing: aspetti di igiene e sicurezza

Tatuaggio e Piercing: aspetti di igiene e sicurezza Corso di formazione ai sensi della DGR 465/2007 Tatuaggio e Piercing: aspetti di igiene e sicurezza Rimini, Via Coriano, 38 Sala Smeraldo - piano terra, scala G 15, 22 Febbraio 2010-1 Marzo 2010 Aspetti

Dettagli

Direzione Coesione sociale Settore Standard Formativi e Orientamento professionale. Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria

Direzione Coesione sociale Settore Standard Formativi e Orientamento professionale. Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Direzione Coesione sociale Settore Standard Formativi e Orientamento professionale Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria STANDARD DELLA FIGURA Denominazione dell obiettivo PREVENZIONE DEI

Dettagli

Il Corso è CERTIFICATO dalla REGIONE LOMBARDIA ed è riconosciuto su tutto il territorio nazionale ed in ambito europeo.

Il Corso è CERTIFICATO dalla REGIONE LOMBARDIA ed è riconosciuto su tutto il territorio nazionale ed in ambito europeo. CORSO PER OPERATORE DEL TATUAGGIO RICONOSCIUTO Durata totale del corso: 90 ore Il Corso è CERTIFICATO dalla REGIONE LOMBARDIA ed è riconosciuto su tutto il territorio nazionale ed in ambito europeo Leggi

Dettagli

Requisiti igienico sanitari: modalità di controllo della sanificazione per acconciatori ed estetisti

Requisiti igienico sanitari: modalità di controllo della sanificazione per acconciatori ed estetisti Requisiti igienico sanitari: modalità di controllo della sanificazione per acconciatori ed estetisti Il nuovo regolamento per le professioni di acconciatore estetista e tatuatore. Uno strumento innovativo

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing

COMUNE DI PRATO. Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing COMUNE DI PRATO Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing Allegato B: Requisiti igienico-sanitari, gestionali e norme di corretta prassi igienica per l attività di

Dettagli

MODELLO DI RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DA ALLEGARE ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DÌ INIZIO ATTIVITA AI SENSI DEL DD n. 799 DEL 15/11/2012

MODELLO DI RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DA ALLEGARE ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DÌ INIZIO ATTIVITA AI SENSI DEL DD n. 799 DEL 15/11/2012 MODELLO DI RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DA ALLEGARE ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DÌ INIZIO ATTIVITA AI SENSI DEL DD n. 799 DEL 15/11/2012 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (art. 26 D.P.R. 327/80) di locali,

Dettagli

Titolare dello studio. Titolari se studio associato. Numero totale personale Presenza saltuaria altri specialisti

Titolare dello studio. Titolari se studio associato. Numero totale personale Presenza saltuaria altri specialisti Pagina 1di 6 DENOMINAZIONE STRUTTURA Indirizzo: via Comune Titolare dello studio Titolari se studio associato Data del sopralluogo Numero totale personale Presenza saltuaria altri specialisti Adeguati

Dettagli

MO13 LR 34/98 ora LR 4/08. Titolare dello studio. Titolari se studio associato. Numero totale personale Presenza saltuaria altri specialisti

MO13 LR 34/98 ora LR 4/08. Titolare dello studio. Titolari se studio associato. Numero totale personale Presenza saltuaria altri specialisti MODULO Pagina 1di 5 LISTA DI CONTROLLO Commissione Dipartimentale ex MO13 LR 34/98 ora LR 4/08 STRUTTURE SANITARIE Dipartimento Sanità Pubblica STUDI ODONTOIATRICI Rev 1 del 17.06.16 DENOMINAZIONE STRUTTURA

Dettagli

Il Controllo Ufficiale nell ambito della Segnalazione Certificata d Inizio Attività (S.C.I.A.)

Il Controllo Ufficiale nell ambito della Segnalazione Certificata d Inizio Attività (S.C.I.A.) Il Controllo Ufficiale nell ambito della Segnalazione Certificata d Inizio Attività (S.C.I.A.) Intervento a cura di dott.ssa Daniela F. Pozzi Milano, 21 maggio 2015 Quadro normativo Regolamento CE 852/04

Dettagli

RISTORANTI TAVOLE CALDE E PIZZERIE

RISTORANTI TAVOLE CALDE E PIZZERIE NOTA GENERALE. I requisiti degli esercizi alimentari di Expo 2015 per gli utenti e per il personale sono stati già forniti nel corso di diversi incontri con i professionisti, i quali avevano già impostato

Dettagli

ALLEGATO al parere PAR 79 della IV Commissione del 3 dicembre 2015

ALLEGATO al parere PAR 79 della IV Commissione del 3 dicembre 2015 ALLEGATO al parere PAR 79 della IV Commissione del 3 dicembre 2015 Disciplina dell attività di estetista in attuazione dell art. 21bis della l.r. 73/89 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento, in attuazione

Dettagli

Florence Tattoo Convention

Florence Tattoo Convention Florence Tattoo Convention Gli artisti selezionati riceveranno, al termine del periodo di selezione, gli ulteriori dettagli per il completamento dell'iscrizione (codice IBAN per il bonifico). -Gli artisti

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA di PARRUCCHIERA ESTETISTA MOD.A/01

SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA di PARRUCCHIERA ESTETISTA MOD.A/01 SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA di PARRUCCHIERA ESTETISTA MOD.A/01 PRESENTATA AL COMUNE IN ALLEGATO ALLA RICHIESTA DI NULLA OSTA INIZIO ATTIVITA ARTIGIANALE COMUNE: DENOMINAZIONE DITTA: TITOLARE: SEDE ATTIVITA

Dettagli

INDICE. Capo 1. Specie animali allevate in azienda ai fini della macellazione. Capo 2. Quantità massime consentite

INDICE. Capo 1. Specie animali allevate in azienda ai fini della macellazione. Capo 2. Quantità massime consentite Allegato A LINEE GUIDA PER LA FORNITURA DI PICCOLI QUANTITATIVI DI CARNI, PROVENIENTI DA POLLAME E LAGOMORFI MACELLATI NELL AZIENDA AGRICOLA, DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE FINALE O AI LABORATORI ANNESSI

Dettagli

ALLEGATO 1 REQUISITI DEI LOCALI

ALLEGATO 1 REQUISITI DEI LOCALI ALLEGATO 1 REQUISITI DEI LOCALI 1. Le attività di estetista, acconciatore e barbiere tatuaggio e piercing devono essere svolte in locali appositi ed esclusivi, separati, distinti e non direttamente comunicanti

Dettagli

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing COMUNE DI PRATO Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing Allegato E: Requisiti strutturali igienico sanitari dell attività di Acconciatore e disposizioni sulla conduzione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n del 14 ottobre 2010 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n del 14 ottobre 2010 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2401 del 14 ottobre 2010 pag. 1/7 Nuovi indirizzi regionali per tutelare la salute della popolazione in connessione alle attività di tatuaggio e piercing.

Dettagli

comunali, ai sensi del combinato disposto degli articoli 5 e 6 della legge.

comunali, ai sensi del combinato disposto degli articoli 5 e 6 della legge. 28 8.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 27 Testo coordinato del d.p.g.r. 2 ottobre 2007, n. 47/R Regolamento di attuazione della legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 (Disciplina

Dettagli

COMUNE DI SANREMO (IM) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

COMUNE DI SANREMO (IM) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI SANREMO (IM) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento, nel rispetto e ad integrazione delle leggi vigenti in materia, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING Ai sensi del Regolamento Regionale 22 marzo 2016, n. 5 Disciplina dell'attività di estetista in attuazione

Dettagli

ALLEGATO A (REQUISITI STRUTTURALI ED IGIENICO SANITARI)

ALLEGATO A (REQUISITI STRUTTURALI ED IGIENICO SANITARI) ALLEGATO A (REQUISITI STRUTTURALI ED IGIENICO SANITARI) ATTIVITA DI ACCONCIATORE Caratteristiche generali dei locali e superficie minima necessaria La superficie utile minima (superficie calpestabile al

Dettagli

Da presentare in Tre copie comprensiva dei documenti da allegare.

Da presentare in Tre copie comprensiva dei documenti da allegare. COMUNE DI BOLOGNA Area Vivibilità Urbana U.I. Attività Produttive e Commercio P.zza Liber Paradisus 10, Torre A Piano 5 40129 Bologna Tel. 051.2194082 051.2194013 Fax 051.2194870 DICHIARAZIONE DI INIZIO

Dettagli

Attività Produttive. Descrizione

Attività Produttive. Descrizione Attività Produttive Attività artigianali, produttive, industriali e dei servizi alla persona Attività di servizio alla persona: Massaggiatori, discipline bionaturali e attiv Descrizione L operatore di

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: AUTOCERTIFICAZIONE SUI REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L'APERTURA

Dettagli

Attività artigianali Acconciatori

Attività artigianali Acconciatori Attività artigianali Acconciatori Descrizione L attività professionale di acconciatore comprende tutti i trattamenti ed i servizi volti a modificare, migliorare, mantenere e proteggere l aspetto estetico

Dettagli

cosa valutare Si NO NP riferimenti normativi note

cosa valutare Si NO NP riferimenti normativi note SEZIONE 1 - LISTA DI RISCONTRO - CONTROLLO UFFICIALE SVOLTO IN FASE PRE-OPERATIVA Requisiti generali delle strutture cosa valutare Si NO NP riferimenti normativi note Condizioni di pulizia e manutenzioni

Dettagli

Lista SCIA STUDI SOGGETTI A SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA'

Lista SCIA STUDI SOGGETTI A SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Lista SCIA STUDI SOGGETTI A SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Gli studi, in relazione alla tipologia delle attività svolte devono assicurare tutti i requisiti previsti dalle normative tecniche

Dettagli

II - REQUISITI IGIENICO-SANITARI PER ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING

II - REQUISITI IGIENICO-SANITARI PER ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING Regolamento recante la disciplina di attuazione della legge regionale 12 aprile 2012, n. 7 (Disciplina delle attività di tatuaggio, di piercing e delle pratiche correlate) CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

2. Al comma 2 dell articolo 102 del d.p.g.r. 47/R/2007 le parole al comune sono sostituite dalle seguenti: al SUAP del comune ove ha sede l attività.

2. Al comma 2 dell articolo 102 del d.p.g.r. 47/R/2007 le parole al comune sono sostituite dalle seguenti: al SUAP del comune ove ha sede l attività. 6 7.3.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 12 le parole da ultimo modificato dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 sono soppresse. 2. Al comma 2 dell articolo 102 del d.p.g.r. 47/R/2007

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4222 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori LARIZZA e MICELE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 24 SETTEMBRE 1999 Disciplina

Dettagli

ACCERTAMENTO DEI REQUISITI IGIENICO-SANITARI CUCINA CENTRALE/MENSA AZIENDALE PRESIDIO OSPEDALIERO SAVIGLIANO-SALUZZO

ACCERTAMENTO DEI REQUISITI IGIENICO-SANITARI CUCINA CENTRALE/MENSA AZIENDALE PRESIDIO OSPEDALIERO SAVIGLIANO-SALUZZO ACCERTAMENTO DEI REQUISITI IGIENICO-SANITARI CUCINA CENTRALE/MENSA AZIENDALE PRESIDIO OSPEDALIERO SAVIGLIANO-SALUZZO Data Sede di SAVIGLIANO 1) ZONA PREPARAZIONE E LAVAGGIO VERDURE PARETI E PAVIMENTI pulizia

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE AREA DEGENZA

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE AREA DEGENZA L area di degenza è il luogo di permanenza del paziente durante il ricovero nella struttura e degli ambienti relativi alle attività ad esso correlate. Le seguenti disposizioni sono da ritenersi applicabili

Dettagli

ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO

ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE AD ATTIVITA di ESECUZIONE di TATUAGGI E di PIERCING PREMESSA Per esercitare l attività di esecuzione di tatuaggi e/o piercing al

Dettagli

ESTREMI DEI LAVORI PREPARATORI

ESTREMI DEI LAVORI PREPARATORI 8.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 27 27 1. Coloro che già esercitano attività di tatuaggio e piercing si adeguano agli articoli da 43 a 53 del d.p.g.r. 47/R/2007 entro trenta mesi

Dettagli

STRUTTURA TECNICA E TECNOLOGIE

STRUTTURA TECNICA E TECNOLOGIE STRUTTURA TECNICA E TECNOLOGIE La qualità del nostro servizio non può prescindere oltre che dalla costante preparazione professionale e aggiornamento dei professionisti, anche da un elevato standard qualitativo

Dettagli

Al Servizio SUAP Del Comune di

Al Servizio SUAP Del Comune di Al Servizio SUAP Del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04 e D.G.R.Lazio n. 298 del 24/06/2011) S.C.I.A.

Dettagli

Requisiti igienico-sanitari dei locali di abitazione

Requisiti igienico-sanitari dei locali di abitazione AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Requisiti igienico-sanitari dei locali di abitazione Decreto del Ministero della Salute 5 luglio 1975 e s.m.i. Regolamenti di Igiene Comunali Dr. Mario Esposito Tecnico della

Dettagli

ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE. Norme igienico sanitarie

ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE. Norme igienico sanitarie Allegato A ATTIVITÀ DI ESTETISTA E ACCONCIATORE Norme igienico sanitarie Articolo 1 Accertamenti igienico sanitari 1. L'accertamento dei requisiti igienico - sanitari dei locali, delle suppellettili, delle

Dettagli

Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti)

Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti) Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti) Descrizione Per somministrazione all interno di pubblici esercizi si intende la vendita per il consumo sul posto di

Dettagli

D.M. 9 luglio 1987, n Criteri di massima in ordine all'idoneità dei locali e delle attrezzature delle officine di produzione dei cosmetici

D.M. 9 luglio 1987, n Criteri di massima in ordine all'idoneità dei locali e delle attrezzature delle officine di produzione dei cosmetici D.M. 9 luglio 1987, n. 328 Criteri di massima in ordine all'idoneità dei locali e delle attrezzature delle officine di produzione dei cosmetici pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 4 agosto 1987, n. 180.

Dettagli

Distretto di Parma Dipartimento di Sanità Fai clic per aggiungere del testo Pubblica Servizio Igiene e Sanità Pubblica

Distretto di Parma Dipartimento di Sanità Fai clic per aggiungere del testo Pubblica Servizio Igiene e Sanità Pubblica Distretto di Parma Dipartimento di Sanità Fai clic per aggiungere del testo Pubblica Servizio Igiene e Sanità Pubblica T.d.P. S.I.S.P.BottarelliLucia Requisiti dei locali e delle attrezzature Per esercitare

Dettagli

S SISP 005 S.C. Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Scheda Informativa Attività di Tatuaggio e Piercing

S SISP 005 S.C. Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Scheda Informativa Attività di Tatuaggio e Piercing S SISP 005 S.C. Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Scheda Informativa Attività di Tatuaggio e Piercing Data di emissione: 30/09/2016 revisione n 1 Scheda Informativa Attività di Tatuaggio e Piercing

Dettagli

REQUISITI SPECIFICI DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO AMBULATORIO CHIRURGICO

REQUISITI SPECIFICI DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO AMBULATORIO CHIRURGICO Per ambulatorio chirurgico (o ambulatorio per interventi chirurgici) si intende la struttura intra o extra-ospedaliera nella quale sono eseguiti interventi chirurgici o anche procedure diagnostiche o terapeutiche

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA FIERE, FESTE E SAGRE PAESANE ADEMPIMENTI NORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA ALIMENTARE e PRICIPALI NON CONFORMITA RILEVATE DURANTE IL CONTROLLO UFFICIALE CONDOTTO NEL 2016

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ESTETISTA, TATUATORE, ESECUTORE DI PIERCING E CENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ESTETISTA, TATUATORE, ESECUTORE DI PIERCING E CENTRO Comune di Garlasco Provincia di Pavia Area Territorio Ufficio SUAP REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ESTETISTA, TATUATORE, ESECUTORE DI PIERCING E CENTRO 1 ABBRONZATURA Approvato

Dettagli

L.R. 7/2012, art. 10 B.U.R. 23/4/2014, n. 17. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 aprile 2014, n. 064/Pres.

L.R. 7/2012, art. 10 B.U.R. 23/4/2014, n. 17. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 aprile 2014, n. 064/Pres. L.R. 7/2012, art. 10 B.U.R. 23/4/2014, n. 17 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 aprile 2014, n. 064/Pres. Regolamento recante la disciplina di attuazione della legge regionale 12 aprile 2012, n. 7

Dettagli

ATTUALI ORARI DI UTILIZZO STRUTTURA IN CUI NON E ESEGUIBILE IL SERVIZIO. Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica

ATTUALI ORARI DI UTILIZZO STRUTTURA IN CUI NON E ESEGUIBILE IL SERVIZIO. Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica o Associato tra i Comuni di Lomagna e Osnago PALESTRA CERNUSCO LOMBARDONE (Lotto 3) Indirizzo Via San Dionigi 23870 CERNUSCO LOMBARDONE Superficie totale mq 1.353,09 Altezza : 10,10 mt/2,85 mt Destinazione:

Dettagli

REGIONE VENETO Lista di verifica REQUISITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA PER L AUTORIZZAZIONE AMBULATORIO/STUDIO VETERINARIO CON ACCESSO DI ANIMALI

REGIONE VENETO Lista di verifica REQUISITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA PER L AUTORIZZAZIONE AMBULATORIO/STUDIO VETERINARIO CON ACCESSO DI ANIMALI REGIONE VENETO Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA PER L AUTORIZZAZIONE 1 Requisiti strutturali Elementi - Indicatori di risultato Auto 1.1 Destinazione d uso DIREZIONALE Documento

Dettagli

1. Dati dell intervento 1.1 Ubicazione intervento

1. Dati dell intervento 1.1 Ubicazione intervento Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-5 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme (L.R. n 3/2008, art. 1, comma 21) CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI REQUISITI STRUTTURALI,

Dettagli

Modifiche alla legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 (Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing)

Modifiche alla legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 (Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing) Modifiche alla legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 (Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing) Sommario Preambolo Art. 1 Modifiche all articolo 3 della l.r. 28/2004 Art. 2 Modifiche

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE Allegato A/2 ALLA AUSL DI VITERBO AL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SEDE DI PER IL TRAMITE DEL COMUNE DI DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04

Dettagli

COMUNICAZIONE ESECUZIONE PIERCING PADIGLIONE AURICOLARE, LOBO DELL ORECCHIO E/O MARGINI DELL ELICE

COMUNICAZIONE ESECUZIONE PIERCING PADIGLIONE AURICOLARE, LOBO DELL ORECCHIO E/O MARGINI DELL ELICE COMUNICAZIONE ESECUZIONE PIERCING PADIGLIONE AURICOLARE, LOBO DELL ORECCHIO E/O MARGINI DELL ELICE (art. 9 L.R. 31.5.2004, n 28 ) comunicazione non soggetta ad imposta di bollo SUAP/COMUNE (3 copie in

Dettagli

ALLEVAMENTO DI GATTI RELAZIONE TECNICA

ALLEVAMENTO DI GATTI RELAZIONE TECNICA ALLEVAMENTO DI GATTI RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA SCIA AI SENSI DELLA L.R. N. 5/2005 1 GENERALITA a. UBICAZIONE (non ammessa nelle zone definite urbane dal PRG): Comune,via, n.,tel. b. DISTANZA DAL

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n del 08 luglio 2008 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n del 08 luglio 2008 pag. 1/6 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1892 del 08 luglio 2008 pag. 1/6 PROGETTO SPERIMENTALE SULLA PRODUZIONE, LAVORAZIONE E VENDITA DI CARNI AVICUNICOLE E CARNI SUINE TRASFORMATE. Titolo

Dettagli

Scheda di sopralluogo imprese alimentari

Scheda di sopralluogo imprese alimentari Allegato D AZIENDA SANITARIA LOCALE N. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Scheda di sopralluogo imprese alimentari Data operatori ASL Ditta Via n Comune Rappresentante

Dettagli

REQUISITI IGIENICO-SANITARI DEI LOCALI

REQUISITI IGIENICO-SANITARI DEI LOCALI Linee-guida Ministero della Sanità in tema di tatuaggio e piercing. Adempimenti da seguire in ambito regionale riguardanti misure preventive di tutela della salute in connessione alle attività di tatuaggio

Dettagli

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI Requisiti dell'unità immobiliare Attività di tatuatore/ piercing può essere esercitata in locali di dimensioni

Dettagli

FAC-SIMILE DELLA RELAZIONE TECNICA SUI REQUISITI IN MATERIA DI IGIENE

FAC-SIMILE DELLA RELAZIONE TECNICA SUI REQUISITI IN MATERIA DI IGIENE FAC-SMLE DELLA RELAZONE TECNCA SU REQUST N MATERA D GENE ALL. 4 l sottoscritto nato a il Titolare dell impresa denominata Legale rappresentante della Ditta/Società n qualità di operatore del settore alimentare

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE AVVERTENZE IMPORTANTI Il presente vademecum è stato fornito al Suap comunale di Bresso dall Asl Milano e costituisce, a titolo meramente informativo, un documento generale di orientamento circa i requisiti

Dettagli

Spett.le Unione di Comuni Montani Appennino Pistoiese (fra i Comuni di Abetone Cutigliano Piteglio S. Marcello P.se Sambuca P.

Spett.le Unione di Comuni Montani Appennino Pistoiese (fra i Comuni di Abetone Cutigliano Piteglio S. Marcello P.se Sambuca P. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Comunicazione congiunta PER AFFITTO DI POLTRONA/CABINA/POSTAZIONE per attività di Acconciatore /Estetista/Tatuatore Spett.le Unione di Comuni Montani Appennino

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA E AFFINI

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA E AFFINI 57 REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA E AFFINI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 73 Reg./49 Prop. Del. NELLA SEDUTA DEL 17/04/2009 Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

REGIONE VENETO - REQUISITI GENERALI

REGIONE VENETO - REQUISITI GENERALI REGIONE VENETO - REQUITI GENERALI 1 AMBULATORIO - REQUITI STRUTTURALI GENERAMB.AU.1.1 I locali e gli spazi sono coerenti alla tipologia e al volume delle prestazioni erogate. (piano terra/zona piastra

Dettagli

RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA NOTIFICA AI SENSI DELL ART. 6 Reg. CE 852/2004 ATTIVITA SIAN DICHIARA

RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA NOTIFICA AI SENSI DELL ART. 6 Reg. CE 852/2004 ATTIVITA SIAN DICHIARA RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA NOTIFICA AI SENSI DELL ART. 6 Reg. CE 852/2004 ATTIVITA SIAN Il titolare/leg. Rappresentante della Ditta con sede operativa Comune di: Via n. tel. CONSAPEVOLE CHE, ai sensi

Dettagli

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010).

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Igiene Alimenti e Nutrizione MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). Il Titolare/Leg.Rappresentante della Ditta Con sede operativa

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE, LA SOMMINISTRAZIONE E LA VENDITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DA PARTE DELLE AZIENDE AGRITURISTICHE

LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE, LA SOMMINISTRAZIONE E LA VENDITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DA PARTE DELLE AZIENDE AGRITURISTICHE LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE, LA SOMMINISTRAZIONE E LA VENDITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DA PARTE DELLE AZIENDE AGRITURISTICHE 1 1 SOMMARIO 1. Introduzione 2. Normativa di riferimento 3. I requisiti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING REQUISITI STRUTTURALI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING REQUISITI STRUTTURALI Dr. Mario Esposito Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING REQUISITI STRUTTURALI 11 maggio 2015 - lunedì

Dettagli

ALLEGATO XIII PRESCRIZIONI DI SICUREZZA E DI SALUTE PER LA LOGISTICA DI CANTIERE

ALLEGATO XIII PRESCRIZIONI DI SICUREZZA E DI SALUTE PER LA LOGISTICA DI CANTIERE ALLEGATO XIII PRESCRIZIONI DI SICUREZZA E DI SALUTE PER LA LOGISTICA DI CANTIERE 1. I luoghi di lavoro al servizio dei cantieri edili devono rispondere, tenuto conto delle caratteristiche del cantiere

Dettagli

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1

Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 Scheda informativa per l attività di tatuaggio e piercing 1 1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI Requisiti dell'unità immobiliare Attività di tatuatore/ piercing può essere esercitata in locali di dimensioni

Dettagli

N.B.: È obbligatorio il possesso delle certificazioni di conformità dell impianto elettico, termico ed idrosanitario.

N.B.: È obbligatorio il possesso delle certificazioni di conformità dell impianto elettico, termico ed idrosanitario. Sede legale: Viale Giolitti,2 15033 Casale Monferrato (AL) Partita IVA/Codice Fiscale n. 02190140067 Dipartimento di Prevenzione Struttura S.O.C. S.I.A.N. ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE AI FINI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING Città di San Giorgio a Cremano Settore Patrimonio, Commercio, Cultura, Sport e Tempo Libero Allegato alla delibera di C.C. n. 148 del 20/11/2013 Il Segretario Generale F.to Dr. Pasquale Incarnato REGOLAMENTO

Dettagli

ALLA MODA CON PRUDENZA

ALLA MODA CON PRUDENZA Tatuaggi e piercing infatti possono provocare: ASL 13 presenta: Infezione da virus dell Epatite B Infezione da virus dell Epatite C Infezione da HIV Queste malattie, oltre ad essere gravi, sono anche piuttosto

Dettagli

MQ PRESTAZIONALI. A Servizi igienici 12.612,12 B Locali di rappresentanza 646,35 C Studi e Uffici 89.828,44

MQ PRESTAZIONALI. A Servizi igienici 12.612,12 B Locali di rappresentanza 646,35 C Studi e Uffici 89.828,44 ALLEGATO 1 SCHEDE MQ PRESTAZIONALI relative ai comuni di Bologna, Granarolo dell Emilia, Ozzano dell Emilia A Servizi igienici 12.612,12 B Locali di rappresentanza 646,35 C Studi e Uffici 89.828,44 D Laboratori,

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO ACQUA

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO ACQUA Pagina 1 di 6 ISTRUZIONE OPERATIVA REVISIONE NUMERO DATA REDATTA DA DIR (firma) VERIFICATA DA RAQ (firma) APPROVATA DA AMM (firma) PARAGRAFO REVISIONATO NUMERO MOTIVO 00 15-01-09 Prima emissione 01 22-04-13

Dettagli

DELLA REGIONE MARCHE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO ATTI DELLA REGIONE

DELLA REGIONE MARCHE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO ATTI DELLA REGIONE ANCONA 26 5 2016 ANNO XLVII N. 61 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE SOMMARIO ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI REGIONALI Regolamento regionale 9 maggio 2016 n. 2 Modalità di esercizio

Dettagli

HACCP per Addetti Alimentari di Attività Complesse e Responsabili delle Procedure

HACCP per Addetti Alimentari di Attività Complesse e Responsabili delle Procedure HACCP per Addetti Alimentari di Attività Complesse e Responsabili delle Procedure Durata: 8 ore Destinatari: Il corso è rivolto a: responsabili delle procedure di autocontrollo alimentare (operatore del

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) ESERCIZI DI ESTETISTA, PARRUCCHIERE MISTO, TATUAGGIO, PIERCING Il MODELLO, composto da 13 pagine numerate,

Dettagli

ALLEGATO C REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI DELLE STRUTTURE RICETTIVE NON ALBERGHIERE FORESTERIE LOMBARDE

ALLEGATO C REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI DELLE STRUTTURE RICETTIVE NON ALBERGHIERE FORESTERIE LOMBARDE 20 Bollettino Ufficiale ALLEGATO C FORESTERIE LOMBARDE REQUISITI DIMENSIONALI MINIMI OBBLIGATORI CAMERE (dimensionamento al netto della stanza da bagno) Camera singola 9 mq Camera doppia Camera da più

Dettagli

Regolamento comunale per l esercizio delle attività di barbiere, acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing

Regolamento comunale per l esercizio delle attività di barbiere, acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing COMUNE DI MONTICELLO CONTE OTTO Via Roma,n.1 36010 Monticello Conte Otto (VI) CF e P. IVA n. 00522580240 E-mail: urp@comune.monticello.vi.it Pec: urp.comune.monticello.vi@pecveneto.it Urp 0444947521 Centralino

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA CITTA DI CASSANO MAGNAGO REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA Approvato con deliberazione di C.C. n. 44 del 13.05.2008. REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI

Dettagli

COMUNE DI CASTELFIDARDO (PROVINCIA DI ANCONA)

COMUNE DI CASTELFIDARDO (PROVINCIA DI ANCONA) COMUNE DI CASTELFIDARDO (PROVINCIA DI ANCONA) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA Approvato con deliberazione C.C. n. 56 del 28/11/2014 1 INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli