RICOGNIZIONE ARCHEOLOGICA DI CAMIROS.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICOGNIZIONE ARCHEOLOGICA DI CAMIROS."

Transcript

1 RICOGNIZIONE ARCHEOLOGICA DI CAMIROS. A ricognlzlone archeologica nell'isola di Rodi, iniziata per invito del Ministero della Pubblica Istruzione, si svolsp- dal 4 febbraio al 12 maggio 1913, avendo per oggetto la verifica della possibilità cii scavi fruttiferi, nonchè lo studio del problema topografico dell'antica Camiros. Comunico ora in forma preliminare i risultati,facendo notare che i saggi di scavo si intrapresero l' 8 marzo, essendo stato il mese antecedente consacrato quasi interamente a ricognizioni sopra suolo, lungo la costa occiden tale dell 'isola. Per ciò che riguarda la giacitura topografica di Camiros, l'opinione comune, che colloca l'acropoli dell'antica città sopra una collina a circa mezzo chilometro dal mare, e a due a sud-ovest dal villaggio attuale di Kalavarda, sebbene suffragata da validi argomenti, non si può dire assolutamente certa. Tali argomenti si possono riassumere sotto i seguenti capi: IO Testimonianza di Strabone (XIV, II, 12). 2 Monumenti epigrafici trovati sul posto. 3 Tempio di Athena rinvenuto dal Biliotti negli scavi eseguiti or sono da trenta a quarant'anni per conto del British Museum. 4 Presenza di numerose necropoli appartenenti a diverse epoche sulle pendici circostanti alla località in questione. 5 Nome di Camiros, che attualmente conserva detta località. Nessuno cii questi arg'omenti mi pare decisivo. Le testimonianze degli antichi non danno alcuna indicazione sulla sede esatta di Camiros: Omero, Tucidide, Pindaro, Erodoto si accontentano di nominare la città; e soltanto Strabone accenna vagamente alla situazione di Camiros «oltre l'attabyros», per chi viene da lvinasyrion e Ixia, località neppur esse ben identificate. I monumenti epigrafici non sono in numero tale da rendere necessità logica la presenza di una città, e potrebbero benissimo avere appartenuto semplicemente al tempio di Athena, e per di piil non appartengono all'epoca arcaica, in cui dovette fiorire Camiroso In IG XII, I, computando anche quelle raccolte a qualche chilometro di distanza, non si riscontrano che quindici iscrizioni della presunta Camiroso Per di più quattro di queste sono funerarie, e basta a spiegarle la presenza delle necropoli; tre sono frammenti insignificanti; le rimanenti non dicono nulla di decisivo sulla situazione della città, riferendosi unicamente a cerimonie, giuochi ed assemblee di carattere religoioso, che potevano aver luogo anche presso un

2 del quinto secolo avanti Cristo; così in localitù. Tzitzo, o meglio Kaminaki Lures, a sud e a monte del villaggio di Kalavarda, e ael oltre due chilometri da Camiros, mi fu dato rinvenire una tomba a dromos lunghissimo, contenente tardi vasi e bronzi micenei. In questa stessa località già erano venuti in luce vasi micenei ( I) da tombe frugate senza metodo dai contadini del villaggio. D'altra parte, l'essersi riscontrate tracce di sepolture di epoca greco-geometrica a nord deua collina di Camiros viene il restringere la localit~_ ove è possibile sorgesse l'antica città alla spianata che si stende sopra l'acropoli, e alla valletta fra i due cocuzzoli che chiudono la spianata stessa ad est ed a ovest; senza notare che nel bel mezzo di questa il Biliotti rinvenne una tomba, mentre non scoperse altri edifici che il tempio. Perciò la città sarebbe ristretta ad una zona minima, in confronto alla vastità rlelle necropoli. Un solo saggio, data la ristrettezza cii tempo e cii mezzi, nonchè per altre ragioni, mi fu dato intraprendere sull'acropoli: e questo saggio, in traverso del corno occidentale dell'arco a mezzaluna formato dal colle, offrì un insieme di fondazioni di tarda epoca. Un altro all'estremo sud non fu più fortunato. Se si tien conto ciel fatto che dal 408 a. C., anno della fondazione cii Rodi città, cessa l'importanza di Camiros, condannata ad un'oscura decadenza, è evidente che la fiorente città di Camiros è ancora da trovare. Poteva ben essere nei dintorni dell'attuale collina eli tal nome, o sulla vetta di questa una dipendenza rurale della grande città, o uno dei suoi santuari, ma non ne risulta necessariamente che quivi soltanto si debba cercare Camiros. E cio è ancor più evidente per chi abbia ammirato le rovine sparse a nord-est di KastelIos, la torre di guardia di Kritinià, l'ara cii Liros; qui il testo cii Strabone non vieta cii collocare Camiros, qui pure abbondano le necropoli, specialmente di quell'epoca geometrica ed arcaica a cui risale la gloria clei Camiresi. E senza neppur mancare di rispetto a Strabone, poi, si potrebbe trasportare Camiros nella valle a nord del monte Acramiti, presso l'attuale villaggio cii Siana, dove, come dicevo, l'imponente quantità cii rovine elleniche cii Aghios Fokàs, Marmarulia e Vasilikà, nonchè la necropoli geometrico-arcaica cii Kimisala, indicano essere esistita una grande città, e cio ve lo Smith pone l'ignota NInasyrion (2). Questa località poi offre il vantaggio di corrispondere meglio alle esigenze dell'equiiibrio nella distribuzione delle antiche città dominanti l'isola: Iàlisos, la pitl antica, a nord; Lindos, signora della costa orientale; e Camiros, sul versante occidentale, a sufficiente distanza eia Iàlisos, là dove appena corrotto dall'uso elei secoli ne dura il nome. I pill antichi periegeti dell'epoca nostra erano di quest'opinione: il Guérin, l'hamilton e il Ross, acuto osservatore. li Biliotti e il Salzmann invece proposero la nuova indicazione, che fu accolta da quasi tutti (3). I moderni che stucliarono i prodotti degli scavi di Camiros (4), o si occuparono comunque (I) A. FVRTWAENGLER, in Jaltrbuclt des K. D. Arclt. fllstitllts, 1886, p (2) C. SmTH, in Journal 0/ Helltm"Ìc Studies, V, p (3) SALZMANN, loc. cit.; R1L10TTI e COTTRÉT, cj-i 1/ ~'TI), 1";00" II, p. 4I. (4) F. HILI_ER VO:'-l GAERTRINGEN, in IC, XII, I; G. LOESCHCKE, in Atltenisclle Mittheillwgm, 1880, p. 380 sq.; DE LAUNAY, in /l'evlte /h'chéologique, 1895, fi, p. 182, con notevoli inesattezze toponomastich~;.r. iviartha, in Bull. de CorI'. f-iell., IV, 1880, p. 138 sq.; F. HILLER v. G., in Athenisc1Ie i1fittheiltwgel/., 1892, p. 307 sq.; C. TORR. R/todes Ì1t ancie1d times, Cambridge 1885, p. 4; C. MliLLER, in Slrabonis GeogrllplziCOrtl1lt Tllbullle, Paris, Diclot, 1880, tav. 15,

3 della questione, SI limitarono ad accettare senza discussione l'ipotes i dei due dilettanti, ai quali tuttavia non furono risparmiate le censure p e r assenza di metodo e trascuranza per tutto ciò che non fosse materiale asp ortabile. Non intendo annientare con gli argomenti addotti l'ipotesi dei due pionieri : soltanto essa non mi appare a ncora provata. Giudico piuttosto che essi, spinti da un lodevole entusiasmo, nell'orgasmo delle splendide scoperte, non abbiano trovato altro nome él dare alla sede eli tanti tesori, che quello d ella pill celebre e inde terminata fra le città dell'isola: non diversamente, e con n on minori parvenze eli ragione, Enrico Schliemann annunziava di avere scop erto la tomba di Agamennone.;. Mi pare adunque che la questione di Camiros non debba dirsi esaurita con g li scavi del Biliotti e d el Salzmann; almeno l'antica Fig Pithos Il. 1. ipotesi, eia essi combattuta, rendeva ragione delle grandiose e innominate rovine a nord dell' Acramiti, che restano ora un enigma p er i solleciti accogli to ri della tes i che a m e pare a ncor dubbia. Non escludo che Camiros fosse ve ramente sulla superba vetta presso K a lavarda, m a ritengo che i dati che possediamo attualmente non siano decisivi; non solo, è probabile che in quel suolo, tormentato da quarant'anni di saccheggi p e r opera di contadini ignari, il segreto sia introvabile ; una soluzione, negativa forse, ciel problema di Camiros s i troverà pill facilmente a Siana. Se sarà verame nte negativa, dopo uno scavo vasto ed esauriente, certo sarà eliminata una delle pill gravi ragioni che fanno dubitare della teoria del Biliotti: lo stridente contrasto fra una città senza nome, e un nome senza città.. Mio intento fu da principio verificare se nei campi che si estendono a nord dell'acropoli, verso la spiaggia marina, mi fo sse dato trova r tracce della città. Iniziate alcune trincee di saggio a ci rca 150 metri sotto la vetta dell'apone Camiros alle falde dell'atabyros; T UCIDIDE, VIII, 44, dice Camiros 110n fortificata; ma soltanto l'acropoli di H. Fokàs presenta tracce di fortificazioni, che potrebbero essere anche mura di sostegno. Marmarulia e Vasilikà sono indifese.

4 cropoli, riscontrai che le acque cii lavamento da essa provenienti avevano asportato la maggior parte dell'lmmus, lasciando quasi allo scoperto la roccia vergine. A fior di terra infatti rinvenni avanzi di tombe appartenenti all'epoca geometrico-protogreca, asportate dalle acque. Raccolsi numerosi frammenti fittili, alcuni dei quali formanti vasi ricomponibili, decorati a cerchi concentrici, a bipenni stilizzate, a flabelli cii color bruno su fondo giallognolo; nonchè archi di fibule bronzee a corpo rigonfio a sanguisug a, con piastrina quadrangolare, caratteristiche del periodo geometrico ellenico, e minuzzoli c1'ossa umane. A circa cento metri a nord-est fu rinvenuto un recinto presso a poco quadrangolare, abbracciante un tratto eli terreno nel quale erano stati trovati, a eletta dei vecchi sterratori ciel Biliotti, marmi lavorati. All'estremità nord ovest eli questo grossolano recinto, formato eia pietre non lavorate, e alto in media trenta centimetri, si rinvenne alla profondità di m. 0,50 una tomba circolare scavata nella terra compatta, e avente un diametro di m. l, un'altezza di m. o,go. Rimossa la terra franata che l'ostruiva, verso il fondo, all'estremo sucl-est d ella tomba, apparve una piccola coppa biansata a fondo piano e ali inguljbiatura ne ra opaca; poco dopo, e a brevissima c1btanza, ne venne in luce un'altra pill grande, in due frammenti, e con forellini indicanti una riparazione subita elal vaso nell'antichità. Frammenti di un terzo vaso apparvero quasi subito, e a pochi centimetri pill sotto due piccole lekythoi ariballiche lli color bruno rossastro, ricordanti taluni vasetti ciprioti (l). Vennero pure scoperte diverse palline cii pasta vetrosa azzurrognola, forate eia parte a parte (2). Alcune di esse portano due sporgenze, a guisa cii becchi d'uccello. Inoltre si raccolse un vasetto emisferico, non verniciato, a due anse doppie orizzontali. Pill interessante fu il ritrovamento di una statuetta di terracotta rossastra con muso di civetta, quasi affine a quello degli idoletti micenei (3), sebhene meno affilato, anzi appiattito, clue grandi orecchie semicircolari, sporgenti, collocate assai in basso, e una specie cii «klaft» sulla nuca. Il corpo, sotto un collo piutlosto lungo, è tronco conico, cavo, a pareti anzi sottili. Le braccia sono appena accennate, piegate in avanti orizzontalmente acl angolo retto, con le mani indicate soltanto dall'appiattirsi dell'estremità di ciascun braccio. Due globetti accennano ad un seno femminile nella maniera propria clegli ic\oletti premicenei cii Bissarlik e delle Cicladi. Due piccoli fori ai lati, alla base ciel (I ) V. ad esempio En:avatioll':> in Cyprlf.s, by A. S. MURRAY, A. H. S~[lTH and H. R. WAL TERS, London 1900, p. 34, fil;. 62 e p. 38, fig. 66. (2) Identiche a quelle che figurano in SALZ~[ANN, La nicropole de Call1iros, tav. 3, fig. 2. (3) Il muso ricorda un idoletto di Tsangli (WACE e THO)II'SON, Preltistoric Thessal)', Cambridge 1912, p. 124 e lig. 76, I) che ha pure analogie nel lungo collo, e risale al II periodo tessa lo, ossin al minoico medio. Anche per il IllUSO, per le orecchie e pe r le braccia v. Idoletto di Cipro in COLLlGNON, Hist. de III Seulpt. Grecque, l, p. 15, ed altro, pure di Cipro, più somigliante, in OHNEFALSCH-RICHTEI.l., Kytros, die Bibet 7md Homer, 1893, tav. 89, 11. I; nonchè a tav. 76, Il. 2 e pagine 130 e 134. V. inoltre il muso della terracotta di Minturne, in G. CJ. GIGLlOI.I, A,ltsoJlia, VI, p. 69, fig. H, I. Per le braccia e le liiani v. gli Idoli laziali in II1Il.AN I, Studi e ljllateriali, ecc., III, p. 141, fig , e quelli di Tirinto nello studio di FRICKENHAUS, in Tiryns, Atene 1912, tav. 6, fig. 2 e 3, e p. 70 e 71. In generale, v. F. \VINTER, Die T)'pen del' figiirliclze11 TerrakolteJ/, l3erlin 1903, n. 2, p. 4, i di cui eselllplnri sono ai musei del Louvre, di Ate ne ed il T<lnagra. Per le gambe articolate v. la statuetta tebana d<ll ILll1go collo, ma dalle braccia alzate, lbid., p. 6, n. I, e q uella da Atene, p. 24. n. 2, e da Platea, p. 24, n. I2.

5 tronco, sarebbero stati difficilmente spiegati, se un'analoga statuetta, eli proprietà del sig. Simeon lvfanolakis di Rodi non presentasse gli stessi forellini in corrispondenza cii quelli eli due gambe, che dovevano essere unite al corpo con un filo, forse metallico, come nei «neurospasta» dell'epoca classica. L'insieme è di effetto grottesco, e ancor più grottesco appare se immaginiamo i due arti inferiori a distanza fra loro che, date le dimensioni e la forma della statuetta, è sproporzionata ed eccessiva. Essa è alta m. 0,14 e ha alla base del tronco una larghezza di m. 0,075. ''''''.- ' - ~.: l' '/. Fig Pithos n. 2. Secondo l'heuzey (I), la coroplastica rodia arcaicissima è di tecnica ellenica, connessa con le analoghe manifestazioni del primo arcaismo a Corinto, in Sicilia, in Etruria, e tutt'al piii si possono ammettere influenze feniciocipriote, a cagione dei tipi in «terre orangée» della Fenicia e di Kittion di Cipro: anche qualche influenza egizia mediata, attraverso la Fenicia non è da escludere. La nostra statuetta mi appare infatti come un prototipo miceneo delle terrecotte roelie arcaiche, con forse qualche traccia eli influenza egizia, e certe relazioni con l'arte cipriota della seconda età del bronzo. L'insieme della tomba rivela un'alta antichità; disgraziatamente il campo dove ebbero luogo tali trovamenti è stato vittima di inondazioni scendenti dall'acropoli, che hanno asportato certo molte tombe dell'epoca più importante, scomponendone, e scoprendone quasi, altre che ora son rimaste a fior di terra. Sorvolando su altri saggi che ebbero esito negativo, passo ora ai risultati ottenuti sul versante opposto dell'acropoli, verso sud, e precisamente nella valletta fra l'acropoli stessa e la collina di Papatislures, all'estremità sud ovest. (I) Les figurilles a.litiques de terre-cui te du lifusée du Louvre, Paris 1883, p. IO, tav Boli. d'.~ rlt.

6 Qui si rinvennero numerosi frammenti cii grandi pithoi di terracotta rossa decorata a rilievi; e in uno di questi frammenti vennero in luce quattro archi di fibula simili interamente a quelli rinvenuti nel campo a nord dell'acropoli. Il rinvenimento pill importante fu appunto quello eli un grandissimo pithos, eli terracotta rossa, alto m. 1,48, decorato a rilievi con una fascia alta m. 0,09 a meandro ottuplo, a m. 0,17 sotto il collo cilindrico, alto m. 0,15, e ricoperto eli rilievi geometrici a zig zag separati da zone non decorate. La forma ciel vaso è ovale, con un piccolo piede (alto m. 0,07 e eli m. 0,20 di diametro), e i mozziconi di due g"j"andi anse tagliate nettamente sotto il collo. Il diametro del pithos è di circa m. 0,90, lo spessore medio delle robuste pareti non inferiore a cm. 2. Notevole era il sistema eli chiu:ura, composto di una pietra di calcare poroso locale, circolare, del diametro di m. 0,60 e dell'altezza eli m. 0,08, nella quale si Ilota una scanalatura circolare del pari, avente la profondità eli cm. 5 e la larghezza eli 4 a 8 cm. dalla circonferenza della pietra. In questa scanalatura era inserito il collo del vaso, in modo che la bocca era interamente otturata dalla sporgenza cilindrica centrale della pietra. Questa era mantenuta immobile da un'altra grossa pietra a sezione trapezoidale, appoggiata con la base maggiore alla prima, e con l'altezza sul terreno. Il pithos era a soli m. o,,~,~ di profondità, in un campo attualmente coltivato, ed aveva la bocca rivolta approssimativamente a nord. Per esaminarne il contenuto si dovette scomporlo nei numerosi frammenti, in cui già era spezzato, ma che aderivano ancora perfettamente, essendo invisibili le linee di fratture. Nell'interno si rinvennero ossa di uno s~heletro umano in ordine quasi perfetto, se si toglie un poco di terra penetrata. Lo scheletro era rannicchiato sul fianco destro, con il teschio verso la bocca elel pithos, e il viso rivolto a nord-ovest; stava adagiato sopra uno strato eli terra umieliccia, mentre il fonelo elel pithos fino all'altezza dei ginocchi dello scheletro conteneva diverse centinaia eli ciottoli. Dietro il cranio era situato un vasetto emisferico di bronzo, con ansa a nastro inserita sull'orlo, e beccuccio, del diametro di mm. 158, dell'altezza di 53, a pareti sottili. Sulle ginocchia lo scheletro teneva un altro vasetto parimenti bronzeo, eli forma quasi uguale, ma a pareti pill spesse, e con un acuto uncino verticale, alto 22 mm., al centro: forse una lucerna, dell'altezza di mm. 35, e del diametro di 120. In questo vasetto si trovarono le oc;sa delle falangi di una mano. A circa 5 cm. di profondità nella terra su cui posava il cranio apparvero tre lastrine quadrangolari d'oro sbalzato, di circa cm. 2 per 1,5, raffig'urailti mostri fantastici e quaclrupedi alati; nonchè un pezzo di fettuccia d'oro, decorata a sbalzo con linee spezzate. Le piastrine ricordano quelle di Micene (I), e meglio ancora, sebbene di dimensioni minori, quelle dei gioielli riprodotti dal Salzmann (2). Notevole sulla fettuccia, fra motivi di spirali, una rappresentazione di due quadrupedi affrontati araldicamente, con le zampe anteriori poggiate contro un sostegno verticale, colonna od albero (3), non è certo, finchè non sia compiuto un diligente restauro. Queste piastrine recano cinque forellini ciascuna, quattro agli angoli e uno al mezzo, certo per le cuciture che le dovevano unire alla stoffa degli abiti in- (I) H. SCHLIE~rANN, lj1ykellae, r878, p. 352, fig (2) Nécr. de Call1iros, tav. r. (3) Ricorda specialmente i tipi di sigilli riprodotti in OHNEFALscH-RrcHTER, Kipros, die Bibel 1IIld Homer, tav. XXXII, n. 8-I7 e tav. L VIII, n. 5.

7 dossati elal defunto. Date le loro dimensioni assai piccole, e dato che furono trovate entro un vero e proprio sarcofago cii terracotta, non si possono invero associare a quelle micenee, che lo Stais suppone adornassero l'esterno di casse funebri cii legno (l). Molto pill ricco come decorazione, ma disgraziatamente mancante di una parte (circa un terzo), è un secondo pithos, trovato a soli m. 0,70 a nord del precedente, e a m. 0,30 di profondità. Nei lavori di aratura del campo esso era stato raggiunto da un colpo di vomere, che ne aveva asportato la parte soprastante, per ventura non decorata, come appare dalle terminazioni, perfettamente visibili, clelle diverse fasce. La parte su cui giaceva il pithos è invece riccamente decorata da due fasce a meandri multipli, alte cm. 8 ciascuna, eia tre fasce a scacchiera, separate da cordoni, e alte cm. 6,5, e infine, sotto al Fig Frammenti del collo del pithos n. 2. collo, cla una zona cii spirali ricorrenti, inframmezzate eia imitazioni cii capocchie di chiocli, alta cm. 9. Il complesso clella decorazione occupa quasi tutta la metà superiore del vaso, ecl anche il gran co1!o, elegantemente plasmato in una curva graziosa, è rivestito alternatamente di meandri multipli, eli cordoni verticali e cii spirali doppie contrapposte. Un'ansa è ben conservata, e di disegno assai ricco, ciel quale un'idea chiara pill che qualsiasi descrizione ~potrà dare la fotografia (2). (I) Comptes-rendus du eollgr. Intern. d'archéol. à Atlzènes, 1905, p. 243; GlI ide dtl 1l1usée Natiollal d'atmnes, 1909, II, p. 6, sq. (2) Quest'ansa presenta somiglianze notevoli con quelle del pithos riprodotto in SALZMANN, lvécr. de Camiros, tav. 25, e con altre di anfore eli Thera. Anzi, tranne nelle proporzioni minori, una di queste ultime si può dire identica a quella cii Camiros, che però non si ricongiunge con l'estremità inferiore al corpo elel vaso (DRAGENDORFF in The?'a, Berlin 1903, 11, p. 142, fig. 336). Per i meandri e le spirnli in epuca geometrica, basteril ricordare il pithos di lalysos in FURT WAENGLER e LOEscHcKE, JIIlykeJtisclte Vasen, Berlin 1886, p. 3, fig. I, e il frammento da Lyttos pubblicato dal FAl1l{ICIUS in Athenisclte 1I1ittheituugen, 1886, p La questione generale della cleriv<lzione di qllesti motivi dall'età micenea è posta in DRAGENDORFF, op. cit., Il, p V. anche POTTIER, Catalogne des vases antiques de terre cuite du 111. iv. du L01JVre, Paris 1896, p e 219-sq., nollchè STOKES in Ammat of tlte Britislt Se/lOoi at Athens, XII, p. 7I sq., con abbondanti notizie bibliografiche.

8 La pietra di chiusura era in sito, ma non presentava la caratteristica scanalatura cl i quella ciel pithos n. I, era anzi affatto greggia (l). La bocca del vaso era rivolta a norcl-est. Il contenuto era danneggiato dalla rottura del pithos. Si potè tuttavia raccogliere un osso ricoperto da uno strato di fango, in cui brillano tracce d'oro, che soltanto clopo un restauro potranno essere studiate. Verso l'alto del pithos si rinvenne un piccolo skyphos fittile protogreco, alto mm. 56, del diametro di 90, comprese le anse 140, ancora ricoperto eli incrostazioni, e quindi non descrivibile per ora, e un piccolo quadrupede, acefalo, per rottura, ugualmente di terracotta, assai tozzo e cii grossolana fattura, alto mm. 68 e lungo 100 (2). Non è probabile però che si tratti di un giocattolo destinato ad un bambino sepolto nel pithos, poichè, se anche non si poterono misurare le ossa, ormai disperse, le dimensioni colossali del vaso rendono pi1\ probabile che il defunto fosse adulto. Altri saggi nella stessa località rivelarono frammenti di tre altri pithoi, e, a circa 12 metri a est, tracce cii fuoco alla profondità di m. 1,30, per una estensione di quattro metri quadrati, con frammenti di vasi anneriti e di una statuetta in terracotta del pari annerita. Questa era dello stesso tipo dell'altra, trovata nella tomba a nord di Camiros, bensì q corpo appiattito, anzichè cilindrico, e rivela meglio della precedente affinità egizie (3). Sebbene in questo sommario rapporto non sia il caso di trattare questioni generali, debbo ricordare che il pithos è forma diffusa in tutto il mondo antico, dalla Beozia e dall'attica, da Rodi, dal Chersoneso Cnidio e da Creta a Taranto, Selinunte ed all'etruria, e dall'epoca minoica a quella classica assai tarda (4). L'usanza poi di seppellire cadaveri incombusti in vasi cii terracotta si ritrova ugualmente in varie località e in epoche svariate. Affinità con il rito eli Camiros si riscontrarono in epoca micenea ad Amorgos (5 ;, e a Thoricos e Ìvlarcopoulos nell'attica (6) fin dall'epoca premicenea, mentre sono assai controverse ael Hissarlik e ad Egina (7). In epoca classica, Plinio (8) ci dice che i Pitagorici usavano seppellire i loro morti in dolii, usanza che va riferita allo spirito conservatore, o meglio rievocatore di antiche usanze, eli cui sempre diede prova tale setta. Esempi di dolii con scheletri infantili si trovano in epoca preistorica ad Anabysos (9), arcaica a Gela (IO), e Megara Hyblaea (I I), ed anche, del V secolo, (I) Dimensioni: altezza totale m. 2,00; diametro massimo Ill. 0,86; altezza òel collo m. 0,40 ; diametro esterno della bocca m. 0,55; altezza dell'ansa m. 0,40, larghezza dell'ansa m. 0,11. (2) Fra le molteplici rappresentazioni di quadrupedi in terracotta di età preistorica trovo molto somiglianti al tipo in qnestione quello di Petsofà, sebbene di epoca diversa, in l\1yres, An1tua! 0/ the B. S. at A., IX, p. 377, e tav. 13, Il. 53; e quelli di Cipro in l\1urrav, Excavatio1ts in Cyprlf.s, 1900, fig. 119, p. 71, e di Thera in DRAGENDORFF, op. cit., p. 77, fig. 276, I. (3) V. il tipo affine in HEUZEY, op. cit., tav. I I, fig. I. (4) l\1artha, L'Art Etrusque, Paris 1889, p. 456; WALTERS, History 0/ AI/cietti Pottery, London 19 5, p. 151 sq.; PERROT-CHIP1EZ, Hist. de l'art, voi. VI, passim, ecc. (5) COUROUNIOTIS, in 'F:CPI7,u. 'A!!Xmo).., 1898, p. 207 (6) S'fAIS, in '/';Cpt/,ll 'r/(lxfii,o).., 1895, p. 233 sq., ricordando che lo stesso rito fu riscontrato dal Wide a Efidni. (7) PERROT-CHIPIEZ, op. dt., VI, p (8) N. H., XXXV, 160: «fictilibus doliis condi». (9) JJ(lfI)(HX'C T -~ç :'/(lxc<i()i... 'E-re//(I., 1911, p. 113 (IO) ORSI, in Notizie degli Scavi, 1900, p (II) ORSI, in Mo1t1Wtetlti Alltichi dei Lillcei, I, 772.

9 nel Foro Romano (I): questi vasi dimostrano che in luoghi e tempi assai lontani fra loro si approfittò di sarcofagi forniti già pronti ed economici dall'industria, per cadaverini cii fanciulli; ma per gli adulti il rito esigeva recipienti di maggiori climensiolù, e fabbricati appositamente. Sorvoliamo sui raffronti con simili usi ri scontrati in Assiria, Babilonia, Corsica, Crimea, nella Spagna meridiona le e nelle isole Baleari dal Ridgeway (2), e sull'«enchitrismos» infantile della Caldea (3), come pure s u quello della Sardegna (4), dal Taramelli posto a riscontro di analogo rito a Cartagine: piil vicino all'età dei pithoi cii Camiros ci riporta il trovamento dell'orsi (5 ), al Molino della Badia, presso Grammichele, in una necropoli di transizione dal secondo al terzo periodo siculo, cii una rozza giarra fittile ovolare a due anse, adagiata, contenente uno scheletro, a quanto pare, cii adulto. E piil importanti Fig Frammenti del pithos n. 2. ancora per noi sono le necropoli di Kydonia (6) e Kondokynighi (7) in Creta: nella prima eli que.- te il Mariani rinvenne tombe formate da grandissimi pithoi; nella seconda il Savignoni riconobhe tombe a ziri deposti orizzontalmente nel terreno, con decorazioni in rilievo, per lo piil a cordoni, ma anche a spirali; esse erano però a inumazione multipla, caso non riscontrato a Camiros, dove la decorazione dei dolii è piil ricca che in ogni altro luogo. Non si devono neppure dimenticare gli «enchitrismoi» cii adulti a Eleusi (8), nè la tomba del Dipylon, formata (9) da un pithos. (I ) LlONI, in Notizie degti Scavi, 1903, p. 166 sq. (2) The Earty Age oj Greece, Cambridge, 1901, p (3) PERROT -CHIPIEZ, op. cit., l I, p (4) IIlon. Ant., XXI, p. 76. (5) Blttlettino di Paletnologia Italiana, 1905, p (6) MARI..\.NI, in L'lfon. Ant., VI, p (7) SAVIGNONI, in Ll1on. Ant., XI, p (8) " ;({J /j,u. '''!IX'' 1899, p. In (9) RRUECKNER-PERNICE, in Athenische Mitlleituligelt, 1893, p In generale, v. il lavoro cii I. ZEHEnIAIER, Leiclzenverbrellmmg ltlld Leichellbestatlttltgimalten Hellas, Leipzig Per gli Il>e ro-lig uri, v. anche D lichelette, Malluel d'are//.. Pré/tist., Celt. et Galto-RoJllaille, I q.

10 Pill che dai raffronti, però, la cronologia scaturisce dai caratteri decorativi, e clal contenuto dei pithoi. I primi ci fanno risalire all'epoca protoellenica, alla quale ci rinviano pure le piastrine d'oro, non prive di reminiscenze micenee, nè cii qualche influenza orientale. Le fibule a corpo rigonfio sono paragonabili a quelle italiche a sanguisuga, sebbene parecchi esemplari portino una piastrina, troppo incrostata per ora perchè si possa esaminare se sia o no decorata a graffiti, secondo lo tile di simili tipi dell'epoca geometrica greca. In quanto richiamano la fibula italica, bisogna notare che tipi di fibule a sanguisuga si trovarono anche a Dodona, Olimpia e persino a Kobau nel Caucaso (I ). Anche in Sardegna non manca qualche esemplare del genere, ma prima di attribuirne la diffusione all'attività Fig Vasi micenei e terre cotte. commerciale dei Fenici, si cleve piuttosto pensare che ben presto i Roclii stessi ebbero colonie in Sicilia, che devono senza dubbio essere state precedute da esplorazioni nel bacino del Tirreno, e da relazioni con gli Etruschi. Certo i centri più ricchi di fihule a corpo rigonfio sono Rodi e \'Italia, specialmente la zona dove fiorì la civiltà di Villanova: e in questi territori si deve cercarne la patria. Ma è audace la tesi ciel Grenier (2), che il tipo sia senz'altro di origine greca: Etruschi e Rodii erano celebri come valenti metallurgici, e a Bologna stessa si rinvennero esemplari in corso di fabbricazione. Anche l'etruria, a sud dell'appennino, è ricca di fibule a sanguisuga. (1) V. S. REINACH, in DAREMOERG-SAGLlO, Dict. des A1ltiqllitis, s. v. ribnla. (2) Bologne VillaJlovielilte el Elr/tsq/te, Paris 1912, p Per le relazioni fra la civiltà italico-etrusca e la rodia, v. POTTIER, Ca I. des vases ant. de terre mite dlt.ili/. N. du Louvre, I, p. 153, sq. Le relazioni fra Rodi e l'etrnria cjevollo aver seguito la via della ì\iagna Grecia e della Sicilia, come vnole il GRENIER, ma non è dato stabilire in che senso la fihula a corpo rigonfio abbia percorso questa via.

11 Mi pare poi ancor pill difficile a sostenere la recisa affermazione del Grenier, che le fibule ad anitrelle siano originarie della Grecia. Ch e io sappia, la presenza della fibula ad anitrella fuori d'italia non è nota che per un esemplare di Camiros, ora al British Museum (I); acquista perciò importanza una fibuletta analoga a quella, però a corpo pitl rigonfio, ugualmente sormontata da un uccello, il cui lungo becco è ora spezzato. Questa fibuletta, lunga 28 mm., e alta complessivamente 35, fu da m e acquistata il giorno stesso del suo rinvenimento da un contadino di Kalavarda, il guale mi dichiarò di averla rinvenuta a nord dell'acropoli di Camiros. Ma questi scars i documenti non bastano a creare un'origine ellenica alla fihula ad a nitrelle, nè giova confondere questo tipo, che sta a sè, con quello il cui arco ha forme animali, come fa il Grenier: Fig Sull'Acropoli di Camiros. contro all'ipotesi cii questo studioso stanno i ricchi esemplari etruschi, che culminano nella splendida fibula COl'sini, dottamente illustrata dal Milani, il quale la fa risalire al secolo VIII meglio che al VII (2), e che deriva da una lunga evoluzione locale, attraverso le diverse tecniche dei varii metalli, e i miglioramenti nell'esecuzione avente origine nei primi, remoti e modesti esemplari ciel sepolcreto Benacci, Arnoalc1i e di Suessola. Per le fibule geometriche greche a piastrina rimando all'elenco clato dallo Studniczka (3). l saggi praticati in località Pappatislures rivelarono tracce continue di scavi precedenti: a quanto pare tale località è da considera rs i come esaurita. In località Kekhragi si rinvennero non meno di quindici tombe a camera, scavate nella roccia, e parzialmente crol:ate; tutte erano già state frugate, e soltanto Ulla, già parzialmente scavata, diede un piccolo ariballo a folldo bian- (I) PERROT-CHIPIEZ, Hist. de l'art, III, p. 300, fig (2) La fibilia Canini e il telllplltl/l coelesle degli Elrusclli, iii Rendiconti della R. Accademia dei Lincei, voi. XXI, fase. 6, Roma J912. (3) Athe1tisclze J1Jt:ltheiltmge1l, XII, p. 14: lo S. le riscontra al Dipylon, a Tebe, in altri luoghi della Beozia, a Olil11pia, in Troade. <J Camiros, ad Amorgo, in Etruria; v. inoltre DRA GENDORFF, op. cit., p. 300, fig. 489-a, lettera g. Fibule a piastrina, ma a corpo soltanto legge r mente rigonfio a Theotoku : 'VACE-THOMPSON, op. cit., p. 213 e fig. I47-a.

12 castro, decorato con strisce orizzontali di color rosso-bruno, dell'altezza di m. 0,06, con un diametro massimo di m. 0,06, e un piccolo alabastro in due frammenti, decorati nello stesso modo, alto m. 0,075 e con un diametro massimo di m. 0,035; con questi era, in mezzo alla terra caduta dall'alto della tomba, un frammento ceramico a fondo chiaro, decorato con una testa cii stambecco. I due vasetti stavano in una tomba in mezzo al campo, nell'angolo nord est, mentre all'angolo nord-ovest stavano pochi frammenti di ossa um~ll1e. La tomba è di forma quadrangolare, a tetto piano, con raccesso a nord, largo m. I, ed approssimativamente ad arco (I). Davanti alla tomba si nota un pozzo d'accesso quadrangolare. Alcuni frammenti provengono da una tomba devastata, nella zona nord del campo, e costituiscono il corpo di un alabastro, mancante della bocca, alto cm. 15, ecomposto di terracotta bruna, con decorazioni rosso giallastre, forse tracce di smalto (2), che si potranno studiare soltanto dopo un restauro diligente. Ad ogni modo, anche la località di Kekhragi, che diede tanti tesori ai musei di Londra e di Parigi, appare sfruttata fino all'esaurimento. E stendendo le ricerche a zone più distanti dall'acropoli, rinvenni nelle località di Katzupernos e Fikellura diverse tombe di tarda epoca ellenica, di cui basterà dare un e. empio, poichè, salvo insignificanti differenze, tutte sono identiche Fig Tomba a dromos. nella forma e nel contenuto. Alla profondità di m. l,50, sulla collina di Katzupernos, si rinvenne una tomba a fossa scavata nel sassomorto, lunga m. 2,65, larga m. 0,60, e profonda m. 0,80, orientata sulla linea est-ovest. Era ricoperta da quattro blocchi squadrati di calcare locale (3). Nell'interno si rinvennero ossa umane, fra cui un cranio ad est; presso a questo stavano un orciuoletto cii terracotta rossa non verniciata, d'impasto grossolano, ad un'ansa, alto m. 0,08, con un diametro (I) Dimensioni : pareti est e ovest 1l1. 2,80; nord e sud, m. 2,80. Profondità dal piano di campagna, ,60 nel pozzo, nella tomba m. 2,40. Ingresso alt I; pozzo: pareti est e ovest m. l,6o; nord e sud, m. 2,30. (2) PERROT-CHIPIEZ, H. d. A., III, p. 482, 483. (3) Il primo ad est aveva le seguenti dimensioni: lunghezza m. I; larghezza m. 0,75; spessore 0,23; il secondo: 1,05; 0,65; 0,23; terzo: 1,05; 0,65; 0,23; quarto: I; 0,65; 0,23.

13 massimo di m. 0,09; e un dischetto di bronzo con orlo rilevato, forse uno,specchio, del diametro cii m. 0,08: probabilmente la tomba apparteneva!ld una donna. Soltanto in una tomba, di fanciullo certo, date le sue ristrette dimensioni, si rinvenne una bella hydria a vernice nera, in posizione verticale, con il collo decorato da una collalla a leg'gero rilievo, e con anse laterali ripiegate contro il corpo; inoltre si trovò un'anfora non decorata, nè verniciata, ugualmente in posizione verticale. All'esterno clelia tomba si trovarono i frammenti di uno skyphos a vernice nera. Le ossa erano interamente consumate (I). Questo tipo di tomhe si ritrova a profusione nelle clue località indicate, a notevole distanza dall'acropoli; la cronologia ne è indicata dal riscontro in rare tombe di vasi a vernice nera, senz'altra notevole decorazione. Fikellura però diede agli scavatori eli Kalavarda anche notevoli vasi a figure rosse, nonchè Ovesr Fig. IO. - Pianta a sezione della tomba a dromos in località Kaminaki Lures. Scala I: IOO. altri del tipo noto appunto sotto il nome di questa necropoli, ma forse di origine samiota (2). Una necropoli della stessa epoca si rinvenne pure a distanza ancor maggiore da Camiros, e cioè sulla pendi ce immediatamente a sud-ovest del villaggio di Kalavarda, dove si riscontra anche qualche tomba di tipo alquanto diverso; come ad esempio una, scavata nella roccia friabile a m. 0,50 di profondità, avente alla bocca due grandi giarre di terracotta rossa grossolana, non verniciate, alte l'una m. 0,50, e l'altra m. 0,45. Questa tomba era chiusa da un ammasso di sassi non lavorati, rimossi i quali vennero in luce due scheletri supini, con i crani rispettivamente agli angoli sud-est e sud-ovest della tomba stessa. Presso l'ingresso stavano due anforette fittili non verniciate, alte m. o; 15, due orciuoletti 'della stessa materia, e un coperchio rotondo di pisside, con bottone di presa, nonchè una lucernina rotonda con becco a foro circolare appena sporgente, di terracotta rossa a ingubbiatura nera, del diametro di m. 0,09 (3)- (I) Dimensioni: lunghezza, m. l,si; larghezza, m. 0,41, profondità, m. 0,37 (2) WALTERS, op. cit., I, p (3) Con cornetto laterale, di tipo preromano: v. \VALTERS, op. cit., I, p. 107, e DAREM BERG-SAGLIO, Dictiollnaire des Antiquités, s. v. Lucerna, di J. Toutain: classe A delle lucerne greche Boll. d'arte,

14 La tomba, a forma prismatica quadrangolare, alta m. 0,67, lunga m. I,85, larga m. 0,65, si trova alla profondità di m. 0,90 dal piano di campagna, ed ha l'accesso a nord. A m. 2,50 ad est della precedente si rinvennero tracce eli un'altra tomba, già manomessa, alla profondità eli m. I. Siccome, estratte le pietre che la dovevano formare, si vide che il terreno continuava a presentare tracce di vegetazione, si continuò lo scavo. Alla profondità di m. I,30 apparve un grosso lastrone di pietra locale, che era appoggiato verticalmente alla parete sud della fossa di scavo. Raggiunta la profondità di m. 2,50, il lastrone, ormai interamente in luce, fu rimosso, e si vide che chiudeva una nicchia scavata nella roccia, di forma quadrangolare, sormontata da una vòlta a due spioventi (I). Entro la nicchia si rinvenne una pietra tufacea quadrangolare (2), la quale presenta nella faccia superiore una incavatura quadrata di m. o, I 7 di lato e di m. 0,03 di profonclità. In questa incavatura poggiava il piede cii una hydria eli argilla giallognola, di impasto fino, coperta da un' ingubbiatura di color giallo chiaro, parzialmente scomparsa, e decorata con pitture poli crome sul collo tutto attorno, e sul corpo dal lato anteriore (3). I colori impiegati sono il rosso, l' azzu rro, i I nero, il bianco; si notarono pure tracce di verde. La decorazione, Fig Tomba contenente l'hydria. a linee incrociantisi, festoni e zone punteggiate pare rappresenti sul corpo tessuti, mentre sul collo raffigura una collana a pendagli. Le anse laterali, ripiegate in modo da toccare il corpo del vaso con la parte superiore, sono decorate con color nero. La bocca è chiusa da un piccolo piatto eli terracotta rossa oscura, d'impasto assai fino, ricoperta da un colore grigio plumbeo lucente. Il diametro di (I) Dimensioni: lastrone, alt ,80, largh ,65; spesso m. o, IO; nicchia: altezza massima, fino al fastigio ,80; altezza delle pareti verticali m. 0,65; altezza delle pareti inclinate m. 0,30; larghezza ,50; profondità ,74. (2) Largh ,36; lungh. m. 0,44; alt. lll. 0,22. (3) L'hydria appartiene al tipo di ceramiche alessandrine di Haclra, snlle quali v. la bibliografia in PAGENSTECHER, America1t J'JlI.rnal 01 Archlleolog)', 1909, p. 389 sc). V. anche Bulletin de la Société AI'chéologiquc d 'Alexa1ub'ie, 1908, p. 3, figg. I, 2; e SlEGL1:-1-SCHREIBER, JJie ivekropole,loti K01l1esch-Schukdla, I, p. r60 e pnssim.

15 questo piatti no è eli m. o, I I, l'altezza eli m. 0,039; esso contiene una sostanza biancastra granulosa compatta. NeIl'hyclria, fin sotto il collo, stanno ossa combuste, ed altri prodotti di cremazione (I). Il piede è formato da due listelli congiunti e sormontati da scozie; è alto m. 0,04, ed ha un diametro di m. 0,16, mentre l'hydria è alta m. 0,43, e ha un diametro massimo di m. 0,29. Il collo è alto m. o, IO, e la bocca ha un diametro interno di m. 0,10, l'esterno di m. 0,14 (2). La nicchia, con apertura a nord, si trova al fondo di un pozzo quasi pentagonale, scavato nella roccia friabile, irregolare e non misurabile, a causa della deposizione ulteriore, avvenuta, come ho detto, alla profondità di m. I. Questa necropoli diede anche parecchie tombe a fossa del tipo già descritto; notevole fra le altre una chiusa da dieci lastroni formanti un tetto a due spioventi, avente quattro blocchi per ciascun lato maggiore, e uno per ognuna delle estremità. A poca distanza, nel campo detto Tzitzo (3 ) o meglio Kaminaki Lures, dove, secondo ciò che dice il Furtwangler e le informazioni da me raccolte sul posto, furono già rinvenute due tombe micenee, potei scoprirne una terza, franata. Essa è di forma quadrangolare, arrotondata verso l'ingresso, scavata nella roccia, con lungo dromos discendente. La volta manca, il pavimento è livellato. La porta, forse ostruita in origine dalle grosse e numerose pietre rinvenute nell'interno,iella tomba, presenta un gradino eli pietre gregge. Le pareti del elromos sono leggermente a strapiombo verso l'interno. Il contenuto della tomba era il seguente: ossa eli pill di uno scheletro, ridotte in minuti frammenti e sparse nella terra franata piil specialmente lungo i lati nord e sud. Si raccolsero fra l'altro frammenti eli cranio semi carbonizzati, che fanno pensare ad una cremazione parziale. Acl un interramento mi. to non si può pensare, per l'assenza di cinerario (4). Verso la metà clelia parete nord, a 40 centimetri da questa, si rinvenne capovolta ulla coppa di terracotta finissima (5), alta, m. 0,09, e avente m. o, I 3 di diametro, a piede bassissimo, con due anse orizzontali ad angolo acuto, di elegante disegno, ricoperta di una ingubbiatura di color giallo rossastro. Accanto a questa coppa stava un vaso conico ad orlo rovesciato, con alta ansa ovale a nastro inserita sul labbro, rivestitò di un'ingubbiatura gialliccia e decorato con undici strisce orizzontali rosse, (I) Un piattino analogo, però, attaccato con gesso nl vaso maggiore, fu rinvenuto sopra un'hydria dello stesso tipo dal nr~;ccia, Bnll. de la Soc. A1 Ch. d'alexalld1'ie, 1907, p. 60. (2 ) Somiglinuo assai alla nostra le hydrie del Museo del Cairo di cui il WATZINGER, in Arclt. An:uiger, 1902, p. 159, col. 2. (3) FCRTWAENGLER in Jahrbuclt des K. D. Ark. lustitnts, 1886, p (4) Sulla crema"iune parziale, v. DORI'FELD, in Comptes-rendlls dn COJlgrt'S Intern. d'ardt., Atene, I905, p. 161 sq. e in lifélang-es Nicole, 1905, p. 95 sq.; inoltre v. ORSI, in j}'loll1t1jlellti antichi, I, p. 219, uve sono riferiti esempi di Creta, Va fio, Spata, Palalllidi, Menidi, e forse ;-''iice ne; inoltre lo XANTHOUDlD1S (Erp. :4(17.., 1904, p. 22 sq.) la riscontra a M Illianà, in 1111 ossuario geometrico; ad Este forse (MoNTELlus, La ch'ilis. primit. eli ftalie, p. 277); senza ricordare i casi dell'età dì transizione in lllghìlterra (RlDGEIVAY, op. cit., p. 502), eneolitici di Tana clelia Mussina (PEET, T!te Stolle and Br. Ages iii Itat)!, O xforcl, 1909, p. 502). Sul periudo di tr<lllsizione fra i due riti della crèl1l<lzione e dell'illllll1azione, in g-enere, v. BRUECKNER-PERNICE, in A tltenisc!te il'litt., 1893, p. 148 sq. e PHlLlOS, in 'r;rp. :/(17..' 1889, p (5) V. FURTIVAENGLER-LoESCHCKE, l1fykejtisclte VllseJt, Berlin, 1886, Vase\lformen, n. 95 Anche a Cipro, nel miceneo questo tipo è freque nte.

16 ciascuna delle quali è fiancheggiata da due sottili linee dello stesso colore. E alto m. 0,26 e ha alla bocca il diametro di m. 0,11 ; al fondo presenta un foro, a guisa di rhyton per libazioni (I ). Presso la parete sud si raccolsero alcuni frammenti cii un vaso panciuto e tozzo, a forma di bricco con beccuccio comunicante con l'interno a mezzo di un foro circolare a breve collo e cii color grigio giallastro, ricoperto di una tinta gialliccia, con disegni geometrici di color bruno. Presso il vaso a cornetto stava un rasoio ricurvo cii bronzo con r.1anico, o meglio coclolo, a due borchie, lungo m. 0,195, largo 0,035; con il codolo lungo m. 0,04 e largo 0,018. All'ang'olo nord-ovest si raccolse una pinzetta di bronzo ben conservata, lunga m. 0,08. Nel clromos si rinvennero diversi frammenti di un grande vaso a decorazione geometrica a semicerchi e fasce bruni tendenti al rosso, su fonclo chiaro. Tutti questi av~nzi sono comuni nell'epoca micenea: il rasoio sopratutto (2). Anche delle pinzette si hanno numerosi esempi, alcuni dei quali però con una variante dalle asticciuole arrotondate fin quasi all'estremità, mentro il nostro esemplare è formato da un nastro piatto, e soltanto piil espanso alla presa (3). In quanto alla forma della tomba a dromos, basterà rimandare al \'01. VI dell'f[istoire df; l'art eli Perrot e Chipiez per i numerosissimi riscontri micenei. Questo resoconto non sarebbe compiuto, se non accennassi ael una collezione eia me racco:ta, mediante trovamenti ed acquisti sul posto, e composta eli piil eli seicento anse eli anfore, rodie per la maggior parte, provenienti tutte dal territorio eli Kalavarcla, le quali formeranno l'oggetto di uno studio speciale. Uno studio speciale avranno pure trentacinque iscrizioni inedite raccolte durante la mia permanenza nell'isola. G. G. PORRO. (l) Il J!E(w"n f!v coi/ è noto nell'etù micenea, appunto n Rodi (Cnmiros, secondo POT'nER, op. cit., I, p. 181, erroneamente riferiscono PERROT e CHIPIEZ questo esemplare a Ialysos in Hist. de l'art, VI, p. 919; ma l'errore è giù in FURTIVAENGLER-LOESCHCKE, op. cit.); pure da Rodi un esemplare di alabastro bianco al British Museum (DU)(ONT-CHAPLAIN, I.es Cérallliqucs de la (;rèce pro/we, Paris , tav. III, n. 24, e inoltre tav. I, fig. 4, ma con ansa attaccata al corpo, e non al labbro). Se ne hanno anche esemplari da Creta (EVA:-IS, in Alluualor tlte Brilislt.Se/zool at Atltells, VI, p. 30), fra cui il celebre vaso in steatite con rilievi (DARE;\<IBERG SAGLlO, s. v. rhyton, di E. POTTIER); e non manca la rappresentazione figurata nel celebre affresco del portatore eli rhyton da Cnossos e nelle pitture della tomba di Kekhmara, in cui, come è noto, sono rappreselltati tributari egei. Esemplari da Milo, in EUGAR, EXClwatiolls at PII)'lakopi, London 1904, t. XXVII, n. 5 e 7, e p. 134 sq., dalla Beozia, in FURTIVAENGLE-LoESCHCKE, op. cit., t. xrx, n. 134; da E:-IKO:\II e CURIU)I di Cipro, in MURRAv, \VALTERS e S)'<lITH, op. cit., fig. 68, n e 71, n 1114; per la Troaèle e per tutti i luoghi ove fiori la civiltà micenea, v. l'articolo del POTTIER, citato pitl sopra. (2) A Rodi : v. TORR, R/zodes in A.1tcient?'imes, Cambridge 1885, p. 108 e t. 3; a Micene e Marcopoulo, TSOU :-ITAS-MANATT, Tlte j/fj'celleall Age, Boston, 1897, p. 166; a Egina, \VALTERS, Catalogue 0/ Brollzes 0/ tlle Brit. il/us., fig. 3; a Delfi, PERDRIZET, in FOJtiltes de Detplles. V, p. 8; a Creta (H. TRIADA, jl{on. Allticlti, XIV, tav. 44); ad Artsù, XANTHOUDIDIS, in 'Ecp '-'Jf!!., 1904, p. 19; a Palaeokastro, in AnJlual 0/ tlle Br. S'ciI., VI fi, p.. 304; a Phaestos, MOIl. Ant., Xl V, p. 540), in Eubea, PAPAIlASILEIOS, IIEf!1 ((»/' i, /o;,:;'jo;,.' ci!!!.,,;,,)/, U'<f'WI', Atene, 1910, fig. 17. Esemplari inediti da Axos al Museo di La Canea. (3) Micene: SCHLIE:\IA:-IN, Jlfykettae, Leipzig, 1878, p. 353, fig. 469; Syra r899, tav. X, p. 103; Amorgo, ibid., 1898, tav. XXI, p. 152; Cipro, OHNEFALSCH-RICHTER, op. cit., tav. CXL VI, 66; tav. CLXXI, 14, I; Creta (Antro Dicteo), AJlllual o[ tlle Brit. Se/I., VI, p. I I I; Eubea, PAPABASILEIOS, op. cit., esemplari premicenei d'argento a fig. 4 e I I; Tessaglia, in epoca protornicenea, a Sesklo, TSOUNTAS, Af. 71f!0ÙfCO!!owi :4Xf!01/1;I.EI, Lh,U1ì,'iov x. ~ E/fxl.ov, Atene, 1912, p. 354 e tav. IV, fig. I e 2.

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE)

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi 181 CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi LO SCAVO Lavori edili eseguiti dalla ditta Bonini e Bussolati di Parma nel comparto N-E del

Dettagli

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria)

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) 1 Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) Relazione della campagna di scavo 2010 condotta dalla Missione Eufrate dell Università di Palermo di Gioacchino Falsone e Paola Sconzo Nell estate del 2010 la Missione

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CIMITERI

REGOLAMENTO SUI CIMITERI Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUI CIMITERI Regolamento sui cimiteri Pagina 1 di 11 Indice I. NORME GENERALI...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Oggetto...4 Art. 3 Competenza...4 Art.

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI CIMITERI DI DOLO - ARINO - SAMBRUSON APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERA N. 123 DEL 18.12.1995 Modificato con

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo CAMPO PIANELLI il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo Il 5 di ottobre del 1875, i membri della neonata Sezione Alpinisti dell Enza si recarono a Castelnovo ne Monti e, sotto la guida

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE T I T O L O I AMMINISTRAZIONE E SORVEGLIANZA DEL CIMITERO Art. 1 Il Cimitero è di proprietà del comune e come tale sottoposto alla vigilanza del Municipio. Art. 2 Il Municipio

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

CERAMICA A PARETI SOTTILI:

CERAMICA A PARETI SOTTILI: CERAMICA A PARETI SOTTILI: con questo termine si indica un tipo di ceramica fine da mensa, con funzione prevalentemente potoria, caratterizzata dall'estrema sottigliezza delle pareti, che va da un minimo

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

Sepolcro di Cartilio Poplicola

Sepolcro di Cartilio Poplicola Sepolcro di Cartilio Poplicola Il sepolcro di Cartilio Poplicola fu eretto tra il 25-20 a.c. Esso poggia su un basamento quadrato rivestito di travertino, una roccia calcarea particolarmente usata a Roma,

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO

ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO Progetto didattico Anno scolastico 2013-2014 Lo scavo come strumento di conoscenza:

Dettagli

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174.

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. M. Giangiulio - M. Lombardo, Ricognizione esplorativa 1983 G.

Dettagli

Akrotiri. Pagina 1 (regolamento inglese)

Akrotiri. Pagina 1 (regolamento inglese) Akrotiri Traduzione solo testuale del regolamento originale inglese. Per le figure fare riferimento al manuale incluso nella scatola del gioco. Traduzione a cura di Andrea Casarino "turing70" per la Tana

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali NORME DI ATTUAZIONE Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali Sulle sepolture dei campi comuni (concessione gratuita per 10 anni, come previsto nella normativa) il Comune provvede a proprie

Dettagli

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci Il tumulo della capanna (Recinto della necropoli della Banditaccia), oltre alla tomba omonima, ospita altre tre sepolture monumentali. Si tratta di un fenomeno

Dettagli

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia 1 Lo scavo della villa romana di San Felice, territorio di Gravina in Puglia, giugno e luglio 2010. Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia La campagna di scavo effettuata durante

Dettagli

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante XVII International Congress of Classical Archaeology, Roma 22-26 Sept. 2008 Session: Tra importazione e produzione locale: lineamenti teoretici e applicazioni pratiche per l individuazione di modelli culturali...

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia*

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* CHIARA DE SANTIS Fig. 1 Pianta della Tomba Comune di Viterbo Località

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

CANTONE DEI GRIGIONI COMUNE DI GRONO. Regolamento sul cimitero 29.04.1998 COMUNE DI GRONO REGOLAMENTO SUL CIMITERO 1

CANTONE DEI GRIGIONI COMUNE DI GRONO. Regolamento sul cimitero 29.04.1998 COMUNE DI GRONO REGOLAMENTO SUL CIMITERO 1 CANTONE DEI GRIGIONI COMUNE DI GRONO Regolamento sul cimitero 29.04.1998 COMUNE DI GRONO REGOLAMENTO SUL CIMITERO 1 Indice I Norme generali Art. 1 Oggetto Art. 2 Competenza Art. 3 Delega Art. 4 Doveri

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

LE SCALE DI RIDUZIONE

LE SCALE DI RIDUZIONE LE SCALE DI RIDUZIONE la prima cosa che si deve osservare in una carta, insieme all'equidistanza fra le curve di livello, è la scala di riduzione che è sempre in primo piano, é altresì importante osservare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DI NOVAGGIO

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DI NOVAGGIO REGOLAMENTO DEL CIMITERO DI NOVAGGIO SORVEGLIANZA DEL CIMITERO Art. 1 Sono di competenza del Municipio la sorveglianza e la manutenzione del Cimitero. Art. 2 Il Municipio, a tale scopo, nomina la Commissione

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

D I O S C O E D I F R E G G I O

D I O S C O E D I F R E G G I O R E G O L A M E N T O D E I C I M I T E R I C O M U N A L I D I O S C O E D I F R E G G I O MUNICIPIO DI OSCO 2 TITOLO I - ORGANIZZAZIONE Art. 1 Definizione, proprietà e amministrazione I cimiteri di Osco

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Giovedì 24 ottobre alle 10:00 ci siamo recati al Parco delle Acque Minerali per studiarne la geologia. Quando siamo arrivati, un geologo ci ha accolto

Dettagli

REPERTI ARCHEOLOGICI (le fotografie non sempre rispecchiano le dimensioni reali)

REPERTI ARCHEOLOGICI (le fotografie non sempre rispecchiano le dimensioni reali) 720 722 723 723 - Maniglia di anfora romana in bronzo con raffigurata in basso un protome femminile. Ampio oggetto decorato con foglie e fiori in argento. Ritratto realistico, occhi, naso e bocca dimostrano

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Misurazioni. Materiale occorrente per prendere correttamente le misure 1) METRO DA SARTORIA 2) 1 CORDINO

Misurazioni. Materiale occorrente per prendere correttamente le misure 1) METRO DA SARTORIA 2) 1 CORDINO Misurazioni Come potete notare questo formulario contiene 21 misurazioni ed e' MOLTO IMPORTANTE prendere con estrema accuratezza ognuna di esse. Le misure vanno prese esclusivamente svestiti (con la sola

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Comune di Leggia REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Leggia REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Leggia Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO SUL CIMITERO L`assemblea del comune Politico di Leggia - vista la legge Cantonale sull`igiene pubblica del 2 dicembre

Dettagli

Regolamento per la concessione di posti distinti e delle aree per la costruzione e l uso dei sepolcreti privati nei cimiteri comunali

Regolamento per la concessione di posti distinti e delle aree per la costruzione e l uso dei sepolcreti privati nei cimiteri comunali COMUNE DI CAMPI BISENZIO Regolamento per la concessione di posti distinti e delle aree per la costruzione e l uso dei sepolcreti privati nei cimiteri comunali Approvato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico PALERMO 1 Percentuale edifici in muratura 34% 2 Materiali: Tipi Tufo Calcareo (calcarenite): domina nei terreni su cui si è sviluppato l abitato e rappresenta da sempre la pietra più utilizzata a Palermo.

Dettagli

I MARMI DI ROCCA BIANCA

I MARMI DI ROCCA BIANCA I MARMI DI ROA BIANA SE Rocca Bianca Risalendo la Val Germanasca, fin dai primi chilometri, è possibile vedere davanti a sé FAGLIA MIASISTO A GRANATO (guardando quindi verso S), la parete nord-orientale

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Soazza Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Legge comunale sulla costruzione di abitazioni a scopo sociale Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini.

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini. 6 dicembre 2007 8 marzo 2008 ARTURO MARTINI GRANDI SCULTURE DA VADO LIGURE Vado Ligure, Museo di Villa Groppallo Orario: tutti i giorni 15.00-19.00 Chiuso il lunedì www.arturomartini.it Tel. 019883914

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Regolamento del cimitero del Comune di Lumino

Regolamento del cimitero del Comune di Lumino Regolamento del cimitero del Comune di Lumino Comune di Lumino Regolamento del cimitero del Comune di Lumino 2 CAPITOLO I: Organizzazione del cimitero Art. 1 Autorità competente Art. 2 Registrazione Art.

Dettagli

Claudia Porta. Come realizzare una. Bambola Waldorf. Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino

Claudia Porta. Come realizzare una. Bambola Waldorf. Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino Claudia Porta Come realizzare una Bambola Waldorf Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino 1 2 3 Le bambole Waldorf sono bambole di stoffa morbide e semplici, realizzate a mano

Dettagli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO TIPOLOGIE DEIMONUMENTI FUNERARI DI ROMA ANTICA Acura di Marco Mengoli presente si tenterà didescrivere in breve alcune tipologie classiche dei monumentifunerari romani per quanto

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

Grecia: il Sirtaki di tutti Martedì 27 Settembre 2011 14:37

Grecia: il Sirtaki di tutti Martedì 27 Settembre 2011 14:37 Le danze tradizionali greche sono numerose e molto antiche, ma il sirtaki creato per il film Zorba il Greco ha fatto conoscere a tutto il mondo un modo di ballare tipico dei greci, fatto di tradizione

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

COMUNE DI AVEGNO GORDEVIO

COMUNE DI AVEGNO GORDEVIO COMUNE DI AVEGNO GORDEVIO REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Il presente Regolamento è stato approvato dal Municipio nella seduta del 22 settembre 2009 con ris. 697/09. Il presente Regolamento è

Dettagli

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 Atti Mus. civ. Stor. nat. Trieste STUDIO PRELIMINARE DI REPERTI OSSEI DI DINOSAURI DEL CARSO TRIESTINO TIZIANA BRAZZATTI (*) & RUGGERO

Dettagli

Regolamento comunale dei cimiteri

Regolamento comunale dei cimiteri Regolamento comunale 1 TITOLO I AMMINISTRAZIONE Art. 1 Amministrazione I cimiteri di Aurigeno, Coglio, Giumaglio, Lodano, Maggia, Moghegno e Someo sono amministrati dal Municipio, riservate le competenze

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

Saggio di scavo nell area settentrionale delle Terme di Diocleziano a Roma

Saggio di scavo nell area settentrionale delle Terme di Diocleziano a Roma The Journal of Fasti Online (ISSN 1828-3179) Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

STORIA DELLA CERAMICA

STORIA DELLA CERAMICA STORIA DELLA CERAMICA La ceramica dagli inizi ad oggi (Sardella,Salviato,Zardin,Zanzi) 1 CERAMICA : La parola ceramica deriva dal greco kéramos che significa letteralmente argilla per stoviglie : questo

Dettagli

Sparta sive Lacedemone

Sparta sive Lacedemone Sparta sive Lacedemone 1 Situata nel Peloponneso, in una valle alluvionale creata dal fiume Eurota, è circondata da monti, tra cui il massiccio del Taigeto a ovest e il Parnone a est Fiume Eurota Monte

Dettagli

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31 SINONIMI Descrizione sintetica Gabbie in rete metallica zincata a doppia torsione e maglia esagonale, riempite in loco con pietrisco di pezzatura minima 15 cm, disposti a file parallele sovrapposte. Talee

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12

SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12 SCUOLA PRIMARIA FALCONE E BORSELLINO CLASSE QUINTA B a.s.2011/12 Le origini Secondo una leggenda la città di Perugia avrebbe avuto origine da Euliste, un nobile guerriero che, tornando dalla guerra di

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

La Grecia: origini e sviluppo dello spazio scenico

La Grecia: origini e sviluppo dello spazio scenico La Grecia: origini e sviluppo dello spazio scenico Il mondo greco e i principali teatri dell antichità Mappa della distribuzione dei teatri antichi greci e romani nel bacino del Mediterraneo Atene,

Dettagli

Cattedrale de Santiago de Compostela. Cattedrale di Santiago de Compostela Lucas Soto Alonso

Cattedrale de Santiago de Compostela. Cattedrale di Santiago de Compostela Lucas Soto Alonso Cattedrale de Santiago de Compostela Cattedrale di Santiago de Compostela Cattedrale di Santiago de Compostela Address: Piazza dell Obradoiro City: Santiago de Compostela Region: Galizia Country: Spagna

Dettagli

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI DESCRIZIONE Il sistema costruttivo degli edifici che si articolano su due piani si basa generalmente su uno schema di tipo ricorrente: - il piano seminterrato o piano terra,

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le terrecotte architettoniche nelle coperture degli edifici templari arcaici sicelioti.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 1 del

Dettagli

I sarcofagi cristiani. Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali

I sarcofagi cristiani. Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Dalla tetrarchia all età di Costantino i sarcofagi a grandi pastorali Dalla tetrarchia all età di Costantino

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

Borsa Italia, seconda metà del secolo XVI altezza cm 19, diametro 20 ca. Proprietà: Palazzo Madama - Museo Civico d'arte Antica, 1272/T

Borsa Italia, seconda metà del secolo XVI altezza cm 19, diametro 20 ca. Proprietà: Palazzo Madama - Museo Civico d'arte Antica, 1272/T Borsa Italia, seconda metà del secolo XVI altezza cm 19, diametro 20 ca. Proprietà: Palazzo Madama - Museo Civico d'arte Antica, 1272/T La borsa è in velluto di seta tagliato unito di colore cremisi, ricamata

Dettagli

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein MISURIAMO LA BICI La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein Fareste mai una lunga passeggiata con un paio di scarpe strette??? QUALSIASI SIA L UTILIZZO CHE

Dettagli